DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE. sez. C

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE. sez. C"

Transcript

1 Istituto di Istruzione Superiore Statale Parentucelli - Arzelà Piazza Ricchetti Sarzana (SP) Tel Fax Codice meccanografico SPIS01100V Cod. fisc Pec: A. S. 2014/2015 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE 5 a LICEO SCIENTIFICO sez. C Sarzana, 12/05/2015 Il Coordinatore prof. Bernazzani Mariano Antonio Il Dirigente Scolastico (Dr.ssa Vilma Petricone) Pag. 1

2 Istituto di Istruzione Superiore Statale Parentucelli - Arzelà Piazza Ricchetti Sarzana (SP) Tel Fax Codice meccanografico SPIS01100V Cod. fisc Pec: CONTENUTO: SCHEDA SUL PROFILO DELLA CLASSE SCHEDA INFORMATIVA SULLA PROGRAMMAZIONE GENERALE DEL CdC SCHEDA INFORMATIVA SULLE PROVE SVOLTE SCHEDA DI SOTTOSCRIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE SCHEDE INFORMATIVE SULLA PROGRAMMAZIONE DI: ITALIANO LATINO MATEMATICA STORIA DELL ARTE FILOSOFIA I.R.C. FISICA SCIENZE INGLESE STORIA SCIENZE MOTORIE ALLEGATI: N. 2 TESTI DELLE SIMULAZIONI DELLE PROVE D ESAME N. 1 GRIGLIA DI CORREZIONE E VALUTAZIONE Pag. 2

3 SCHEDA SUL PROFILO DELLA CLASSE La classe è composta da 26 studenti : n. 13 maschi e n. 13 femmine CLASSE Iscritti PROSPETTO EVOLUTIVO Promossi Giugno (Numero) Promossi Settembre (Numero) Non Promossi (Numero) Ritirati (N. studenti) 3 a a a 26 0 (Numero) Le seguenti materie hanno subito, nel triennio, un avvicendamento dei docenti incidendo sulla didattica in modo: Materia ininfluente significativo determinante ITALIANO E LATINO x FISICA x MATEMATICA x SCIENZE x PROFILO SINTETICO DELLA CLASSE La classe, dopo aver accolto un nuovo studente nella seconda parte del terzo anno, proveniente da altro Istituto, e un altro al quarto, ripetente del corso A della nostra scuola, risulta costituita da 26 allievi. Nel triennio il corpo docente non ha avuto una sostanziale stabilità perché, come si evince dalla tabella precedente, le seguenti discipline sono state affidate a diversi docenti, incidendo in modo significativo sull andamento didattico della classe: latino (un docente diverso ogni anno); italiano (a metà del quarto anno il titolare è stato sostituito da un supplente e al quinto anno è subentrato un nuovo docente); fisica (un docente diverso ogni anno); matematica e scienze (al quarto anno sono subentrati due nuovi docenti). Gli alunni costituiscono un gruppo abbastanza unito e solidale che ha condiviso il processo educativo e di crescita culturale, sia attraverso le attività curricolari sia partecipando alle varie esperienze proposte dalla scuola. La classe ha manifestato nel complesso un atteggiamento generalmente educato e collaborativo con i docenti e una buona partecipazione al dialogo educativo. La frequenza, in generale, è risultata regolare. Il viaggio d istruzione a Berlino ha rappresentato un occasione di ulteriore maturazione per tutti gli studenti partecipanti che, in questa circostanza, si sono dimostrati corretti e responsabili. I rapporti con le famiglie sono sempre stati proficui e collaborativi. Dal punto di vista didattico, la maggior parte della classe ha manifestato, nel corso del triennio, un interesse soddisfacente per le attività proposte benché nell ultimo anno l impegno nell apprendimento dei contenuti disciplinari sia stato incostante: non sempre, infatti, al dialogo e alla partecipazione in classe si è accompagnato per tutti un adeguata ed efficace applicazione a casa, spesso finalizzata ai soli momenti di verifica. I risultati sono incoraggianti anche se non risolutivi e, pur lavorando in un clima abbastanza sereno, i ragazzi hanno partecipato alle lezioni soprattutto se sollecitati e incuriositi; non sempre è sorta la curiositas per i temi trattati e, di conseguenza, è stato necessario alimentare costantemente la loro motivazione. Bisogna sottolineare che gli studenti più meritevoli hanno affrontato positivamente le difficoltà incontrate durante l anno, anche se in maniera diversa e in conformità alla propria specificità individuale. Il gruppo classe è, dunque, abbastanza eterogeneo sul piano dell impegno e del rendimento scolastico. Gli insegnanti del consiglio di classe ritengono che il livello medio della classe, in termini di conoscenze e capacità, sia discreto nella maggior parte delle discipline e che sia stato raggiunto un livello di competenze almeno essenziale. Gli esiti conseguiti da ogni studente sono distinti sia a livello di discipline sia per quanto riguarda il grado di autonomia metodologica raggiunta. Per quanto concerne le valutazioni degli apprendimenti degli alunni, si individuano i seguenti profili: Pag. 3

4 1. Un piccolo gruppo di studenti ha affrontato lo studio in modo costante, interessato e rigoroso, contribuendo con approfondimenti personali a rendere più interessante l attività didattica, raggiungendo risultati molto soddisfacenti e, in alcuni casi, ottimi. 2. Un secondo gruppo, relativamente consistente, ha dimostrato di aver sviluppato discrete capacità logicodeduttive e si attesta sulla piena sufficienza o su esiti anche discreti, per quanto si evidenzino incertezze nell uso corretto dei linguaggi specifici. 3. Per altri alunni si evidenziano ancora difficoltà, spesso a causa di una lacunosa preparazione di base, affrontate con consapevolezza e impegno che si è andato intensificando nel secondo quadrimestre. 4. Un esiguo gruppo di studenti non ha superato completamente tutte le carenze contenutistiche e le fragilità metodologiche. SCHEDA INFORMATIVA SULLA PROGRAMMAZIONE GENERALE DEL CdC 1. OBIETTIVI TRASVERSALI Descrizione degli obiettivi trasversali previsti dalla programmazione didattica annuale e coerenti con quelli definiti nel POF Educare alla socialità, alla tolleranza e alla cittadinanza attiva Educare al rispetto reciproco, dell ambiente scolastico e di tutti gli operatori della scuola Educare all uso dello spirito critico nel rispetto delle regole e dei ruoli Motivare allo studio e alla consapevolezza Incrementare la capacità di concentrazione e di partecipazione attiva alle lezioni e alle attività scolastiche Sviluppare la collaborazione nel lavoro di gruppo e nelle attività laboratoriali Affinare la comunicazione nei linguaggi veicolari e in quelli specifici Consolidare e ampliare la gestione delle conoscenze e dei metodi di studio Indurre la capacità di orientamento e di autovalutazione Stimolare la progettualità e l uso del problem solving nelle diverse situazioni Raggiunti parzialmente (% Studenti) Raggiunti totalmente (% Studenti) Per quanto riguarda gli obiettivi didattici disciplinari si rimanda alle schede sintetiche dei singoli docenti che fanno parte integrante del documento. Il grado di raggiungimento parziale o totale di tali obiettivi risulta dalle singole valutazioni dei candidati e dai crediti scolastici e formativi attribuiti. 2. ATTIVITA` INTEGRATIVE CURRICOLARI ED EXTRACURRICOLARI MODULI DI SOSTEGNO E/O RECUPERO MATERIA n. studenti n. ore Matematica classe 6 CINEFORUM : gli studenti hanno partecipato al progetto annuale di Istituto. VIAGGI D'ISTRUZIONE : meta : Berlino; numero studenti partecipanti 24; durata : 6 giorni. Pag. 4

5 LEZIONI E SEMINARI ARGOMENTO n. ore Diritto penale 2 Conferenza diritto europeo ( in parte ) 2 Progetto ANED. ( in parte ) 2 USCITE DIDATTICHE VISITE GUIDATE DESCRIZIONE Mostra Picasso palazzo Strozzi Firenze Mostra Modigliani palazzo Blu Pisa e visita al murales di Keith Haring Laboratori Cern Ginevra ( alunne Migliorucci, Salvetti e Lottici) n. ore 1 giorno 1 giorno 2 giorni ORIENTAMENTO TIPOLOGIA n. ore AlmaOrientati 3 Giornate di orientamento organizzate dalla scuola Giornate di orientamento presso gli atenei di Genova e Pisa Pag. 5

6 SCHEDA INFORMATIVA SULLE PROVE SVOLTE CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE PROVE I criteri generali deliberati dal Collegio dei Docenti per la valutazione delle prove di verifica degli studenti nel corso dell anno scolastico sono sintetizzati nella seguente griglia Criteri di valutazione Prove consegnate non svolte Rifiuto di verifiche orali Impegno nullo Gravi lacune nei contenuti Espressione scorretta Coerenza logica mancante Lacune nei contenuti Espressione incerta Coerenza logica incerta Conoscenza dei contenuti essenziali Espressione semplice ma corretta Coerenza logica essenziale Conoscenza completa dei contenuti Espressione corretta e lineare Coerenza logica completa Conoscenza approfondita dei contenuti Espressione corretta e pertinente Coerenza logica e argomentativa Capacità autonome di analisi e sintesi Giudizio di valutazione Voto in decimi NON VALUTABILE 1-2 GRAVEMENTE INSUFFICIENTE 3-4 INSUFFICIENTE 5 SUFFICIENTE 6 DISCRETO/BUONO 7-8 OTTIMO 9-10 Gli insegnanti hanno tenuto la massima trasparenza nell uso delle griglie di correzione delle prove disciplinari e, se possibile, hanno messo al corrente gli studenti sul metodo di correzione e di valutazione prima delle prove stesse. PREPARAZIONE ALLE PROVE DELL ESAME DI STATO Il Consiglio di Classe, seguendo le linee indicative tracciate dal Collegio dei Docenti, ha ritenuto di effettuare prove a simulazione delle prove d'esame con le seguenti modalità: DATA PROVA SIMULATA 27/02 3 MATERIE COINVOLTE TEMPO ASSEGNATO TIPOLOGIA DI VERIFICA Fisica, storia dell arte, inglese, scienze, filosofia. 3 B 22/ /04 1 Matematica Italiano 6 MIUR 5 Tutte 04/05 3 Latino, storia dell arte, inglese, scienze, storia. 3 B utilizzando i seguenti criteri: il numero di materie coinvolte nelle simulazioni della terza prova è 5. la tipologia delle simulazioni della terza prova è B. il numero di quesiti nelle simulazioni della terza prova è 10 (2 per ogni materia coinvolta). Pag. 6

7 SCHEDA DI SOTTOSCRIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE IL CONSIGLIO DI CLASSE Il presente documento è stato approvato e sottoscritto dal Consiglio di Classe in data 12/05/2015 ed affisso all Albo il 15/05/2015. DISCIPLINA COGNOME E NOME DEL DOCENTE FIRMA Italiano Latino Inglese Storia Filosofia Matematica Fisica Scienze Disegno e Storia dell arte Educazione Fisica I.R.C. Elisei Franco Elisei Franco Di Martino Paola Raineri Ignazio Raineri Ignazio Gianelloni Orietta Bernazzani Mariano Simoncini Marcella Mazzoli Paolo Ricci Gianfranco Diamanti Angela Esso è integrato da: n. 11 SCHEDE INFORMATIVE SULLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE n. 2 testi di simulazione della TERZA PROVA d esame effettuate n. 1 griglia di valutazione della TERZA PROVA d esame utilizzata Sarzana, 12/05/2015 Il Dirigente Scolastico (Dr.ssa Vilma Petricone) Pag. 7

8 ALLEGATO A (RELAZIONI DEI DOCENTI) Pag. 8

9 SCHEDA INFORMATIVA SULLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Classe V C Materia : Italiano Docente : Elisei Franco N. di ore svolte: vedi Argo Libri di testo utilizzati : Quelli in adozione. Altri materiali : Fotocopie. a) OBIETTIVI DISCIPLINARI PREFISSATI Conoscenze Conoscenza delle linee generali di svolgimento della letteratura italiana del sec.xix e della prima metà del XX. Conoscenza delle relazioni della nostra letteratura con quelle europee dello stesso periodo e con la letteratura classica. Conoscenza delle opere degli autori più significativi. Competenze Competenze linguistiche ( morfosintattiche e lessicali) e selezione di una terminologia specifica. Interpretazione e argomentazione. Tecniche essenziali di analisi del testo argomentativi. Produzione di elaborati di diversa tipologia. Capacità Capacità di lettura, comprensione ed esposizione. Capacità di analisi di testi letterari e critici. Analisi critica dei contenuti appresi. Uso delle abilità cognitive per operare collegamenti in ambiti disciplinari diversi. Raggiunti complessivamente (80) Raggiunti parzialmente (20) b) MACROARGOMENTI SVOLTI NELL ANNO Romanticismo in Europa e in Italia. G.Leopardi. La reazione al Romanticismo : Scapigliatura e G.Carducci Realismo, Naturalismo, Verismo. Giovanni Verga Dante, Paradiso, Canti : I, III, VI, XI Il Decadentismo in Europa e in Italia G.Pascoli- G.D Annunzio Pag. 9

10 Futurismo e Crepuscolari L.Pirandello e I.Svevo La nuova poesia : G.Ungaretti, e E.Montale Dante, Paradiso, Canti : XII, XV, XVII, XXX,XXXIII c) METODOLOGIE E STRUMENTI UTILIZZATI Tutti quelli deliberati in dipartimento. d) TIPOLOGIA DELLE PROVE DI VERIFICA UTILIZZATE Traduzioni, test a risposta aperta e multipla. Verifiche orali. 12 Maggio 2015 Il Docente Elisei Franco Pag. 10

11 SCHEDA INFORMATIVA SULLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSE VC Materia : Latino Docente : Elisei Franco N. di ore svolte: vedi Argo. Libri di testo utilizzati : Quelli in adozione. Altri materiali : fotocopie. a) OBIETTIVI DISCIPLINARI PREFISSATI Raggiunti Raggiunti complessivamente(70) parzialmente (30) Conoscenze Conoscenza delle linee generali della letteratura latina dall età dei Flavi a Tacito Conoscenza delle opere più significative degli autori. Conoscenza delle strutture morfosintattiche della lingua latina. Competenze Analizzare e/o tradurre passi d autore. Cogliere e approfondire le tematiche e i riferimenti concettuali dei testi esaminati. Individuare i più significativi procedimenti stilistici. Contestualizzare i passi all interno della produzione dell autore e del quadro storico-culturale. Capacità analizzare i testi dal punto di vista linguistico e stilistico collocandoli nel contesto. Istituire confronti con la cultura contemporanea e valorizzare il rapporto di continuità tra passato e presente. Operare, nella fase di traduzione, le scelte lessicali più opportune attraverso un attenta riflessione sulle risorse del sistema linguistico. b) MACROARGOMENTI SVOLTI NELL ANNO Seneca Petronio Lucano Quintiliano Giovenale Marziale Tacito Pag. 11

12 c) METODOLOGIE E STRUMENTI UTILIZZATI Quelli deliberati in dipartimento. d) TIPOLOGIA DELLE PROVE DI VERIFICA UTILIZZATE Tutte quelle previste per la prova d'esame. Test a risposta aperta e multipla. Verifiche orali. e) ATTIVITA INTEGRATIVE SVOLTE Nessuna. f) ANNOTAZIONI PARTICOLARI SULLA CLASSE E' da sottolineare la discontinuità dei docenti della disciplina nel triennio, soprattutto a partire da metà anno della quarta, con l'avvicendarsi di supplenti. Ho preso la classe all'ultimo anno e ho riscontrato difficoltà sia nell'approccio alla lingua originale dei testi ma anche ad uno studio poco regolare e proficuo. Tuttavia vi è un gruppo che si è impegnato per recuperare le lacune e un altro che opera in modo autonomo e adeguato. 12 maggio 2015 Il Docente Elisei Franco Pag. 12

13 SCHEDA INFORMATIVA SULLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Materia : MATEMATICA Docente : Gianelloni Orietta N. di ore svolte: 113 (alla data del documento) Libri di testo utilizzati : Bergamini,Trifone, Barozzi Manuale blu 2.0 di matematica ed. Zanichelli Altri materiali : appunti dell insegnante, testi di seconda prova esame di stato di anni scolastici precedenti a) OBIETTIVI DISCIPLINARI PREFISSATI Raggiunti Raggiunti complessivamente parzialmente 40% 60% Conoscenze asformazione delle formule. Competenze di elementi del calcolo integrale. Capacità i proposti. b) MACROARGOMENTI SVOLTI NELL ANNO Successioni Funzioni reali e limiti di funzioni reali Continuità- Derivabilità Calcolo differenziale Calcolo integrale Calcolo numerico I quadr. I quadr I e II quadr. II quadr. II quadr. II quadr. c) METODOLOGIE E STRUMENTI UTILIZZATI 1. Lezione frontale 2. Lezione interattiva 3. Gli argomenti che lo permettevano sono stati introdotti come risoluzione di problemi, gli alunni sono stati sollecitati a formulare congetture ed in seguito, mediante la lezione frontale, si sono formalizzati i risultati ottenuti d) TIPOLOGIA DELLE PROVE DI VERIFICA UTILIZZATE Pag. 13

14 1. Verifiche scritte tradizionali, con svolgimento di esercizi e risoluzione di problemi inerenti al programma svolto 2. Effettuazione di una simulazione della seconda prova d esame inviata dal ministero 3. Interrogazioni tradizionali e) ANNOTAZIONI PARTICOLARI SULLA CLASSE La classe ha avuto, nell arco del quinquennio, discontinuità didattica che ha influito negativamente sul profitto. Un esiguo numero di alunni denota una spiccata attitudine per la materia, ha partecipato attivamente al dialogo educativo con conseguente valutazione di eccellenza. Un gruppo ha lavorato al di sotto delle proprie potenzialità ed infine alcuni studenti denotano tempi lunghi di apprendimento e qualche difficoltà di rielaborazione dei concetti. Da sottolineare che nell arco dell anno scolastico, per chiusura della scuola a causa di eventi di calamità naturale e per festività, si sono perse ore di lezione. Molto tempo è stato dedicato al ripasso di concetti fondamentali degli anni precedenti. Tutti questi fattori hanno causato un rallentamento nello svolgimento del programma. Sarzana Il Docente Gianelloni Orietta Pag. 14

15 SCHEDA INFORMATIVA SULLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Materia : Fisica Docente : Bernazzani Mariano N. di ore svolte: 76 (alla data del documento) Libri di testo utilizzati : Amaldi per i licei scientifici.blu volumi 2 e 3 Altri materiali : a) OBIETTIVI DISCIPLINARI PREFISSATI Raggiunti Raggiunti complessivamente (25%) parzialmente (75%) 1. Formulare ipotesi, sperimentare e/o interpretare leggi fisiche, proporre e utilizzare modelli e analogie. 2. Analizzare fenomeni fisici e applicazioni tecnologiche, riuscendo a individuare le grandezze fisiche caratterizzanti e a proporre relazioni quantitative tra esse. 3. Spiegare le più comuni applicazioni della fisica nel campo tecnologico. 4. Risolvere problemi utilizzando il linguaggio algebrico e grafico, nonché il Sistema Internazionale delle unità di misura. b) MACROARGOMENTI SVOLTI NELL ANNO 1. Il campo elettrico 2. Il potenziale elettrico 3. Fenomeni di elettrostatica 4. La corrente elettrica continua 5. Fenomeni magnetici fondamentali 6. Il campo magnetico 7. L induzione elettromagnetica 8. Le equazioni di Maxwell c) METODOLOGIE E STRUMENTI UTILIZZATI 4. Lezioni frontali 5. Discussioni 6. Problem solving 7. Software didattico online d) TIPOLOGIA DELLE PROVE DI VERIFICA UTILIZZATE 4. strutturate e semistrutturate. 5. risoluzione di esercizi e problemi. f) ANNOTAZIONI PARTICOLARI SULLA CLASSE Durante l anno scolastico si è reso necessario recuperare strumenti e/o argomenti propedeutici allo svolgimento del programma annuale, questo ha comportato un notevole rallentamento nello programmazione. Molti alunni hanno trovato difficoltà nel recuperare lacune pregresse. Si riscontra, per alcuni, uno studio mnemonico e a volte superficiale. Il Docente Bernazzani Mariano Pag. 15

16 SCHEDA INFORMATIVA SULLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Materia : disegno e storia dell arte Docente : Paolo Mazzoli N. di ore svolte: 46 Il numero di ore a disposizione per lo svolgimento del corso è stato considerevolmente inferiore rispetto alle previste (66), ciò ha comportato una proporzionale riduzione degli argomenti trattati rispetto a quanto previsto. Libri di testo utilizzati : Disegno: "Corso di Disegno", V. Valeri, ed. La Nuova Italia. Il nuovo vivere l arte: dall ottocento ad Oggi, AA. VV., edizioni scolastiche Bruno Mondadori; Altri materiali : Sono state utilizzate brevi dispense. a) OBIETTIVI DISCIPLINARI PREFISSATI Raggiunti Raggiunti complessivamente (60%) parzialmente (40%) Conoscenze: A) conoscenza della terminologia tecnica ed artistica indispensabile alla descrizione di un'opera; B) conoscenza dei principali artisti ed opere che hanno caratterizzato i diversi periodi trattati; C) conoscenza dei caratteri essenziali dei vari movimenti e dell opera degli artisti trattati durante il corso. Il grado di acquisizione delle succitate conoscenze è differenziato non si rilevano livelli totalmente insufficienti, nel complesso può essere definito adeguato ed in taluni casi ottimo Competenze: A) essere in grado di leggere le opere architettoniche e artistiche per poterle apprezzare criticamente e saperne distinguere gli elementi compositivi, avendo fatto propria una terminologia e una sintassi descrittiva appropriata; B) acquisire confidenza con i linguaggi espressivi specifici ed essere capace di riconoscere i valori formali non disgiunti dalle intenzioni e dai significati, avendo come strumenti di indagine e di analisi la lettura formale e iconografica; C) essere in grado sia di collocare un opera d arte nel contesto storico-culturale, sia di riconoscerne i materiali e le tecniche, i caratteri stilistici, i significati e i valori simbolici, il valore d uso e le funzioni, la committenza e la destinazione. Il grado di acquisizione delle succitate competenze è differenziato non si rilevano livelli totalmente insufficienti, nel complesso può essere definito sufficiente ed in taluni casi buono e ottimo. Capacità: A) capacità di individuare i principi che hanno determinato la nascita di un movimento o la composizione di un opera facenti parte del programma svolto; Pag. 16

17 B) capacità di effettuare collegamenti interdisciplinari. Il grado di acquisizione delle succitate capacità è differenziato non si rilevano livelli totalmente insufficienti, nel complesso può essere definito più che sufficiente in taluni casi buono e ottimo. b) MACROARGOMENTI SVOLTI NELL ANNO Argomento Il Realismo in Francia; Gustave Courbet: Edouard Manet; Claude Monet; Edgar Degas; Pierre Auguste Renoir; Berthe Morisot. Nell Europa della Belle Epoque; L Art Noveau, uno stile internazionale; I precursori del moderno. Paul Cézanne, il padre dell arte moderna; intrecci di arte e di vita Van Gogh e Gauguin. Per un arte moderna: le Secessioni, Klimt, Munch. Periodo primo primo secondo secondo La forza del colore: i fauves. secondo Voci fuori dalle correnti: La scuola di Parigi; Amedeo Modigliani. primo Questioni di forma: Picasso, Braque e la nascita del Cubismo. Forma e funzione: l architettura moderna; L architettura organica di Wright; Le Corbusier; Walter Gropius. Nuove sfide per l architettura; oltre il moderno: gli anni cinquanta e sessanta; L architettura verso il XXI secolo. In corsa verso il futuro: nascita e sviluppo del Futurismo; Giacomo Balla; Umberto Boccioni. primo secondo secondo secondo Al galoppo verso l astratto: Vasilij Kandinskij. secondo La rivolta totale dell arte: il Dadaismo. secondo La rivoluzione surrealista; l arte nei territori dell inconscio; Salvador Dalì. secondo La fabbrica dell arte: New dada e Pop art; Andy Warhol. secondo L arte dalla strada: il Grafitismo; Keih Haring. secondo c) METODOLOGIE E STRUMENTI UTILIZZATI Le lezioni sono state tutte svolte utilizzando gli strumenti informatici a disposizione nell aula di disegno e quindi mediante la proiezione di video ed immagini. d) TIPOLOGIA DELLE PROVE DI VERIFICA UTILIZZATE Pag. 17

18 6. Verifiche scritte mediante la somministrazione di test di tipologia B; 7. Interrogazioni orali. Le interrogazioni e le correzioni dei compiti sono avvenute, il più possibile, sollecitando il riconoscimento degli errori e l autovalutazione secondo i criteri generali esposti agli allievi prima di ogni singola prova. e) ATTIVITA INTEGRATIVE SVOLTE Si sono effettuate le seguenti visite guidate: Pisa, Palazzo Blu, Amedeo Modigliani ; Firenze, Palazzo Strozzi, Picasso e la modernità spagnola ; Il Docente Paolo Mazzoli Pag. 18

19 SCHEDA INFORMATIVA SULLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Materia : Religione Docente : Angela Diamanti N. di ore svolte : 24 (alla data del documento) Libri di testo utilizzati : Per il mondo che vogliamo, SEI a) OBIETTIVI DISCIPLINARI PREFISSATI Raggiunti totalmente (100%) Conoscenze Conoscere le principali caratteristiche della proposta cristiana in relazione ai valori della coscienza e della libertà in quanto fondamento di ogni scelta etica Conoscere i diversi contenuti sociali e culturali nei quali l uomo vive Conoscere l esperienza religiosa degli altri popoli Competenze Saper utilizzare un linguaggio coerente Saper leggere e riferire in modo corretto argomenti tratti da testi e riviste Saper riconoscere le problematiche religiose Capacità Capacità di esporre con chiarezza i contenuti della proposta cristiana Capacità di analisi e sintesi dei testi Capacità di approfondimento in rapporto alla rilevanza del cristianesimo sulla cultura e sulla vita individuale e sociale Pag. 19

20 b) MACROARGOMENTI SVOLTI NELL ANNO Fede ed Etica Cultura e Religione Giustizia e carità c) METODOLOGIE E STRUMENTI UTILIZZATI Materiale video Fotocopie Il Docente Angela Diamanti Pag. 20

21 SCHEDA INFORMATIVA SULLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE -CLASSE 5C Materia : SCIENZE Docente : M. SIMONCINI N. di ore svolte: 74 (alla data del documento) Libri di testo utilizzati : Pignocchino Feyles - Scienze della Terra (vol.a) - Ed. SEI Valitutti, Taddei, - Dal carbonio agli OGM Plus - Ed. Zanichelli Altri materiali : presentazioni in PowerPoint e video da Internet a) OBIETTIVI DISCIPLINARI PREFISSATI Raggiunti Raggiunti complessivamente (60%) parzialmente (40%) 1. Conoscere la struttura interna della Terra, gli aspetti fondamentali dei fenomeni vulcanici, sismici e tettonici ed essere in grado di inserirli nella dinamica globale del pianeta. 2. Conoscere la chimica del carbonio ed essere in grado di distinguere gli idrocarburi alifatici e aromatici e i principali gruppi funzionali in termini di formule generali, di formule di struttura e di nomenclatura IUPAC. 3. Conoscere e saper spiegare le principali reazioni degli idrocarburi. 4. Conoscere e saper illustrare struttura e funzioni di enzimi e acidi nucleici. 5. Conoscere i campi di applicazione dell'ingegneria genetica e saper spiegare le tecniche di manipolazione del DNA. 6. Saper comunicare le conoscenze acquisite in modo chiaro, utilizzando un lessico scientifico corretto ed appropriato, cercando di stabilire relazioni con eventi della vita reale. b) MACROARGOMENTI SVOLTI NELL ANNO 1. La struttura interna della Terra e i fenomeni endogeni (vulcani, terremoti) 2. Le teorie legate alla dinamica della litosfera. La tettonica a placche. 3. Idrocarburi alifatici e aromatici: caratteristiche e reattività. 4. Gruppi funzionali. alcoli, eteri, aldeidi, chetoni, acidi carbossilici. 5. Biomolecole fondamentali: enzimi e acidi nucleici. 6. Biotecnologie e loro applicazioni c) METODOLOGIE E STRUMENTI UTILIZZATI 1. Lezioni frontali 2. Discussioni e riflessioni con la classe 3. Approfondimenti d) TIPOLOGIA DELLE PROVE DI VERIFICA UTILIZZATE 1. Interrogazione tradizionale 2. Verifiche orali formative 3. Prove di verifica scritte strutturate o semistrutturate 4. Prove di verifica scritte tipologia B terza prova dell'esame di Stato La Docente 12 maggio 2015 Marcella Simoncini Pag. 21

22 SCHEDA INFORMATIVA SULLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Classe: 5 C Liceo scientifico Materia: Filosofia Docente: Ignazio Raineri N. di ore svolte: 80/99 (al 12 maggio 2015) La riduzione del numero delle lezioni effettuate è stata determinata dalla partecipazione della classe alle attività previste nel POF e dalla sospensione delle lezioni a causa delle allerte idrologiche che hanno interessato il territorio. Libri di testo utilizzati: N. Abbagnano, G. Fornero, La ricerca del pensiero. Storia, testi e problemi della filosofia, Paravia Vol. 2, tomo B e Vol. 3, tomi A, B Durante l attività didattica, per approfondire i temi trattati, gli alunni sono stati guidati nella lettura di brani antologici tratti da classici filosofici. a) OBIETTIVI DISCIPLINARI PREFISSATI Raggiunti Raggiunti complessivamente (65%) parzialmente (35 %) Conoscenza dei nodi essenziali della filosofia moderna e contemporanea, secondo quanto indicato nella sezione Schema dei contenuti disciplinari. Conoscenza del lessico specifico. Riconoscere e utilizzare il lessico specifico. Saper leggere e interpretare brani di autori rilevanti. Dopo aver analizzato il pensiero di un autore e averne colto la complessità, saper individuare le tesi che meglio lo caratterizzano e saperne proporre una sintesi sia in forma orale che scritta. Saper contestualizzare le teorie studiate collocandole in una dimensione storica e realizzando gli opportuni collegamenti interdisciplinari. Saper rielaborare quanto appreso proponendo una valutazione personale e rintracciando spunti su cui costruire una riflessione autonoma. Costruzione di un adeguato metodo di lavoro e utilizzo degli strumenti di apprendimento a disposizione: manuali, testi, dizionari, ecc. Capacità di esporre il pensiero di un filosofo in modo corretto, chiaro, pertinente Capacità di sviluppare argomentazioni all interno dei sistemi filosofici proposti Capacità di individuare gli elementi chiave delle principali scuole filosofiche Capacità di collegare e confrontare concetti generali Capacità di individuazione analogie e differenze nelle problematiche trattate Capacità di analisi e sintesi sia orale che scritta Capacità di rielaborazione Capacità di analizzare testi compiendo le seguenti operazioni: o definire e comprendere termini e concetti o enucleare le idee centrali o riassumere le tesi fondamentali b) MACROARGOMENTI SVOLTI 1 1 I contenuti analitici saranno consegnati entro la fine dell anno scolastico e allegati al Documento del 15 maggio. Pag. 22

23 Il romanticismo. L idealismo tedesco I critici immediati di Kant e il dibattito sulla cosa in sé. Hegel: l uomo tra finito e infinito (il sistema hegeliano; Fenomenologia dello Spirito). Dall infinito al finito: Schopenhauer; Kierkegaard. Dall idealismo al materialismo storico: il dibattito intorno all hegelismo (Sinistra e Destra hegeliana); Feuerbach; Marx. Il positivismo (caratteri generali) La reazione al positivismo: lo spiritualismo francese (caratteri generali); Bergson Dall infinito al finito: Nietzsche. La rivoluzione psicoanalitica: Freud. La filosofia del Novecento di fronte al totalitarismo: la meditazione sull agire politico in Hannah Arendt. c) METODOLOGIE E STRUMENTI UTILIZZATI Testi e manuali, fotocopie, filmati, Internet, Lim, PPT, laboratori. Lezione frontale, discussione guidata. Apprendimento cooperativo, approfondimenti e ricerche Conferenze di esperti esterni Problem solving d) TIPOLOGIA DELLE PROVE DI VERIFICA UTILIZZATE Prove scritte strutturate e semistrutturate Verifiche orali Lavoro di gruppo Approfondimenti individuali Terza prova: quesiti multidisciplinari tipologia B (cinque materie con due quesiti a risposta aperta massimo dieci righe) Saggio breve (B) e tema storico (C) e) ATTIVITA INTEGRATIVE SVOLTE 2 Conferenza sul diritto penale Conferenza sulla Shoah (incontro con ex deportati) Conferenza sul diritto europeo Il Docente (prof. Ignazio Raineri) 2 Non tutti gli alunni hanno partecipato alle conferenze. Pag. 23

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE*

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE* Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca L.G.S. C. Beccaria Via Linneo 5-20145 Milano C.M. MIPC040008 C.F. 80125550154 Tel: 02 344815 Fax: 02 3495034 email istituzionale: mipc040008@istruzione.it

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola: Liceo D. Alighieri. INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola: Liceo D. Alighieri. INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO Scuola: Liceo D. Alighieri INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE DISCIPLINA: Italiano CLASSE:IV A DOCENTE: Marcella Ferrini Obiettivi

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

Liceo Scientifico Nomentano PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Lingua e cultura latina secondo biennio e ultimo anno a.s. 2015-2016 Abilità dello studente

Liceo Scientifico Nomentano PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Lingua e cultura latina secondo biennio e ultimo anno a.s. 2015-2016 Abilità dello studente Liceo Scientifico Nomentano PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Lingua e cultura latina secondo biennio e ultimo anno a.s. 2015-2016 Competenze Abilità dello studente A Padroneggiare gli strumenti espressivi

Dettagli

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015 Programmazione didattica per Matematica Primo Biennio a.s. 2014-2015 Obiettivi educativi e didattici. Lo studio della matematica, secondo le indicazioni nazionali, concorre con le altre discipline, alla

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE 2014-15

DIPARTIMENTO DI SCIENZE 2014-15 DIPARTIMENTO DI SCIENZE 2014-15 LICEO CLASSICO E DELLE SCIENZE UMANE PLAUTO PREMESSA L insegnamento delle Scienze naturali ha il fine di far acquisire allo studente conoscenze disciplinari e metodologie

Dettagli

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014 LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO Biennio triennio Anno scolastico 2013-2014 Il Dipartimento nel redigere il documento di programmazione didattica annuale, fa riferimento a : la revisione

Dettagli

conoscere lo svolgimento della storia letteraria italiana dei secoli XIX e XX.

conoscere lo svolgimento della storia letteraria italiana dei secoli XIX e XX. ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE 5 SEZ.F INDIRIZZO scientifico PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE DOCENTE MATERIA TESTI Prof. Marina Lugetti Italiano Langella, Frare, Gresti, Motta, Letteratura. it, ed. Bruno

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008 LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA BERGAMO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008 PREMESSA Questa programmazione si ispira ai seguenti criteri: 1. riconsiderare il ruolo dello

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE)

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Lo studente acquisisce competenze linguistico-comunicative corrispondenti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA : LINGUA

Dettagli

Liceo delle Scienze Umane Sofonisba Anguissola PRIMA PROVA SCRITTA

Liceo delle Scienze Umane Sofonisba Anguissola PRIMA PROVA SCRITTA PRIMA PROVA SCRITTA CANDIDATO CLASSE DATA INDICATORI DESCRITTORI PUNTI Livello espressivo trascurato, con errori e improprietà lessicali Correttezza generale, sia pure con qualche lieve errore 2 CORRETTEZZA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE CLASSE PRIMA COMPETENZE (1)

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE CLASSE PRIMA COMPETENZE (1) http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 8 15/11/2013 154 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA

LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA Telefono: 051/4298511 - Fax: 051/392318 - Codice fiscale: 80074870371 Sede Associata: Via Nazionale Toscana, 1-40068 San Lazzaro

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore Statale Parentucelli - Arzelà

Istituto di Istruzione Superiore Statale Parentucelli - Arzelà Istituto di Istruzione Superiore Statale Parentucelli - Arzelà A. S. 2014/2015 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE 5^D Liceo Scientifico Sarzana, 15 maggio 2015 Il Coordinatore prof. Pretari Paola Il Dirigente

Dettagli

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. TRIENNIO Il giorno... alle ore... nei locali del Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli, si è riunito il Consiglio di Classe per procedere alla programmazione

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15 CLASSE 5 a B Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Liceo Scientifico - Piano di studi Discipline 1 Biennio 2 Biennio 5

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE 1 di 6 02/01/2014 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 1. SECONDO BIENNIO DISCIPLINA : Italiano Competenze

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015 IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015 CLASSE III L Indirizzo Linguistico COORDINATORE: JESSICA NARDO 1. COMPONENTI DEI CONSIGLI DI CLASSE DOCENTE Lanza Saragene Filippo

Dettagli

Programmazione educativo-didattica del C.d.C.

Programmazione educativo-didattica del C.d.C. I.I.S. Federico II di Svevia Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate - - Melfi - Programmazione educativo-didattica del C.d.C. Classe V sez. AA a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Progettazione

UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Progettazione LA DIDATTICA PER COMPETENZE: NUOVI STRUMENTI PER L ACQUISIZIONE, LA VALUTAZIONE E LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE Liceo Artistico "G. Sello" - Udine Anno scolastico 2014/2015 UNITÀ DI APPRENDIMENTO

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: MATEMATICA Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 Docente: POLONIO NADIA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe risponde adeguatamente alle proposte formative, e lavora in modo disciplinato,

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE

CRITERI DI VALUTAZIONE LICEO SCIENTIFICO CLASSICO STATALE ISAAC NEWTON www.liceonewton.gov.it Via Paleologi, 22-10034 CHIVASSO tel. 011/9109663 fax 011/9102732 - E-mail: TOPS190009@istruzione.it C.M. TOPS190009 - C.F. e P.IVA

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s.

LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s. LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s.2014/2015 OBIETTIVI DIDATTICI SAPER STUDIARE: saper riassumere, sintetizzare,

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof.

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. ssa Laura Piazzi CLASSE I A.S.2014 /2015 2 OBIETTIVI E COMPETENZE 2.1 OBIETTIVI

Dettagli

Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia

Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia Anno scolastico 2013/2014 Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia Napoli Dipartimento di Disegno e Storia dell Arte Obiettivi Gli alunni saranno guidati a rafforzare la conoscenza

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997)

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI LINGUA E CULTURA LATINA a.s. 2014-15 (Programmazione di Dipartimento)

PROGRAMMAZIONE DI LINGUA E CULTURA LATINA a.s. 2014-15 (Programmazione di Dipartimento) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE P. LEVI PROGRAMMAZIONE DI LINGUA E CULTURA LATINA a.s. 2014-15 (Programmazione di Dipartimento) LINGUA E CULTURA LATINA / Primo biennio / Secondo biennio / Quinto anno

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO ALBANO - RMICGB00T via Virgilio n. 2-0001 Albano Laziale (Roma) Centralino: 0/320.12 Fax: 0/321.2 @: RMICGB00T@istruzione.it, RMICGB00T@pec.istruzione.it C.F.: 000 GRIGLIE E TABELLE

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

Linee guida per la programmazione annuale del Dipartimento disciplinare di Storia dell Arte e Disegno

Linee guida per la programmazione annuale del Dipartimento disciplinare di Storia dell Arte e Disegno LICEO A. MEUCCI - APRILIA (LT) Linee guida per la programmazione annuale del Dipartimento disciplinare di Storia dell Arte e Disegno Le linee guida per la programmazione annuale si riferiscono al secondo

Dettagli

DIPARTIMENTO DI STORIA DELL'ARTE Programmazione disciplinare triennio

DIPARTIMENTO DI STORIA DELL'ARTE Programmazione disciplinare triennio DIPARTIMENTO DI STORIA DELL'ARTE Programmazione disciplinare triennio Classi: terze indirizzo classico, linguistico e scienze umane Prendere consapevolezza del valore estetico dell'opera d'arte nelle varie

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE. CONSIGLIO DI CLASSE DELLA 4 Cat ANNO SCOLASTICO 2013-2014

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE. CONSIGLIO DI CLASSE DELLA 4 Cat ANNO SCOLASTICO 2013-2014 ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE ARCHIMEDE Via Cento n. 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto (BO) C.F. 80073690374 Tel 051 821832/823651 Fax 051 825226 E-Mail: informazioni@isis-archimede.it Sito

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 1AC Indirizzo di studio Liceo Classico Docente Disciplina Tiziana Soressi Latino

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ALUNNO

VALUTAZIONE DELL ALUNNO LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL ALUNNO In seguito all introduzione del voto decimale nella scuola, ripristinato dal tanto discusso e contestato decreto Gelmini, si è sviluppato, nelle scuole, un ampio

Dettagli

ATTIVITA DISCIPLINARE

ATTIVITA DISCIPLINARE 1 2 ATTIVITA DISCIPLINARE Docente: Funtò Massimo Disciplina: Matematica Profilo della classe Durante il corso dell anno la classe si relazionata,sia tra di loro che con i docenti in modo proficuo e rispettoso

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 2014-15

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 2014-15 PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 04-5 Competenze previste Abilità dello studente Conoscenze sapersi orientare sui concetti generali relativi alle istituzioni statali,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO LINGUA Lo studente dovrà acquisire competenze linguistico-comunicative corrispondenti al Livello B2 del Quadro Comune

Dettagli

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO :

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/1 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DELLE PROVE ORALI

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2010-2011 Contratto Formativo Individuale

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2010-2011 Contratto Formativo Individuale Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2010-2011 Contratto Formativo Individuale Classe I Sez D Materia : Geografia Docente: Fabio IONNI 1.ANALISI DELLA CLASSE: Conoscenze Competenze Comportamento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO Anno scolastico 2015-2016 1 Obiettivi disciplinari minimi metacognitivi - acquisizione della consapevolezza delle proprie strategie di

Dettagli

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015]

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] Il biennio della scuola secondaria di secondo grado costituisce una continuazione coerente dell educazione linguistica

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. VERONESE LICEO: SCIENTIFICO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE - CLASSICO - SCIENZE UMANE - LINGUISTICO Via Togliatti, 833 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371

Dettagli

VOTO In riferimento a: conoscenze, abilità, competenze disciplinari

VOTO In riferimento a: conoscenze, abilità, competenze disciplinari GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE VERIFICHE E VALUTAZIONI QUADRIMESTRALI E DEL COMPORTAMENTO DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA PRIMARIA: ANNO SCOLASTICO 2012/2013. L introduzione della scala numerica ha fatto sì che

Dettagli

Padova, 2 novembre 2011 Agli alunni di classe quinta Ai docenti di classe quinta e, p.c., Ai docenti dell Istituto

Padova, 2 novembre 2011 Agli alunni di classe quinta Ai docenti di classe quinta e, p.c., Ai docenti dell Istituto ISTITUTO MAGISTRALE STATALE AMEDEO DI SAVOIA DUCA D AOSTA LICEO SCIENZE UMANE LICEO SCIENZE UMANE(Ec/S o c ) LICEO SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO LICEO DELLE SCIENZE SOCIALI Via del Santo, n. 57-35123 PADOVA tel.

Dettagli

I.I.S Niccolò Machiavelli Pioltello

I.I.S Niccolò Machiavelli Pioltello Pagina 1 di 6 Materia Lingua e cultura greca Anno Scolastico 2015-2016 secondo biennio Componenti del Consiglio di Materia: Docente Prof.ssa Lucia Piga (Coordinatore di Materia) Prof.ssa Enrica Piano Prof.ssa

Dettagli

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS 1 ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS SCANSIONE MODULARE DEL PERCORSO DIDATTICO Materia Italiano e Storia Modulo

Dettagli

STORIA (secondo biennio e quinto anno) Finalità disciplinari generali

STORIA (secondo biennio e quinto anno) Finalità disciplinari generali STORIA E FILOSOFIA I programmi delle nostre discipline si ispirano alla scansione individuata dalle indicazioni provinciali per la definizione dei curricoli della scuola secondaria di secondo grado in

Dettagli

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi:

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi: OFFERTA FORMATIVA FINALITÁ EDUCATIVE GENERALI Nel corso dei cinque anni d articolazione dei corsi, l Istituto intende garantire agli studenti una formazione integrata che armonizzi la crescita personale,

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ITALIANO BIENNIO Il Liceo Classico promuove lo sviluppo e l approfondimento delle quattro abilità di base (ascolto, lettura, rielaborazione

Dettagli

Istituto tecnico Luigi Sturzo

Istituto tecnico Luigi Sturzo Istituto tecnico Luigi Sturzo Settore Tecnologico Biotecnologie Ambientali e Biotecnologie Sanitarie Anno Scolastico 2012/ 2013 Programmazione dipartimentale Area scientifica (Matematica, Disegno, Informatica)

Dettagli

Piano di Lavoro. di SCIENZE NATURALI. Primo Biennio

Piano di Lavoro. di SCIENZE NATURALI. Primo Biennio ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Liceo Scientifico Istituto Tecnico Industriale ALDO MORO Via Gallo Pecca n. 4/6 10086 RIVAROLO CANAVESE SEZIONE SCIENTIFICA A.S. 2014 2015 Piano di Lavoro di SCIENZE NATURALI

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA VERIFICA DI ITALIANO - 1 BIENNIO Anno scolastico 2013/14

GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA VERIFICA DI ITALIANO - 1 BIENNIO Anno scolastico 2013/14 1 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA VERIFICA DI ITALIANO - 1 BIENNIO Anno scolastico 2013/14 LINGUA: correttezza morfo-sintattica//competenza lessicale e stilistica Numerosi e ripetuti errori in ambito ortografico

Dettagli

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201-1 Classe V A COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO VAIRO NANCY STORIA VAIRO NANCY INGLESE LE PIANE ANTONELLA MATEMATICA FACCHI

Dettagli

LICEO CLASSICO-SCIENTIFICO V. IMBRIANI POMIGLIANO D ARCO. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO a.s. 2012/2013 SCIENZE

LICEO CLASSICO-SCIENTIFICO V. IMBRIANI POMIGLIANO D ARCO. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO a.s. 2012/2013 SCIENZE LICEO CLASSICO-SCIENTIFICO V. IMBRIANI POMIGLIANO D ARCO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO a.s. 2012/2013 SCIENZE Finalità educative dell insegnamento delle Scienze Le più significative sono: l abitudine

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA. Lingua straniera : Inglese, Francese

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA. Lingua straniera : Inglese, Francese PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE I SEZ. A ANNO SCOLASTICO 2013-2014. Lingua straniera : Inglese, Francese Tempo prolungato Numero alunni 19, di cui 4 maschi e 15 femmine Composizione

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE Giordano BRUNO Piano di lavoro della classe prima G A.S. 2010/2011 Docente Mariarosa MAZZA

LICEO SCIENTIFICO STATALE Giordano BRUNO Piano di lavoro della classe prima G A.S. 2010/2011 Docente Mariarosa MAZZA LICEO SCIENTIFICO STATALE Giordano BRUNO Piano di lavoro della classe prima G A.S. 2010/2011 Docente Mariarosa MAZZA OBIETTIVI IN TERMINI DI CONOSCENZE,COMPETENZE E CAPACITA La classe deve apprendere le

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Criteri di valutazione degli alunni

Criteri di valutazione degli alunni Funzioni della valutazione Criteri di valutazione degli alunni La valutazione degli alunni risponde alle seguenti funzioni fondamentali: verificare l acquisizione degli apprendimenti programmati; adeguare

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE PER DISCIPLINA

GRIGLIE DI VALUTAZIONE PER DISCIPLINA LETTERE ITALIANE SCRITTO Primo Biennio GRIGLIE DI VALUTAZIONE PER DISCIPLINA INDICATORI DESCRITTORI PUNTEGGIO Correttezza formale Conoscenza dell argomento e del contesto di riferimento Capacità logico-critiche

Dettagli

Sommario. Principali riferimenti normativi pag. 2

Sommario. Principali riferimenti normativi pag. 2 Sommario Principali riferimenti normativi pag. 2 La prova di Italiano pag. 3 Tipologia della prova Criteri di valutazione Livelli formali Modello di giudizio Le prove di Inglese e Francese pag. 4 Tipologia

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S. 2012/2013 CLASSE 2^ SEZ. G Indirizzo LICEO SCIENTIFICO Coordinatore

Dettagli

1. LIBRI DI TESTO UTILIZZATI: a. Patrizia Caruzzo e James Peters, House & Grounds, Ed. ELI.

1. LIBRI DI TESTO UTILIZZATI: a. Patrizia Caruzzo e James Peters, House & Grounds, Ed. ELI. RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Docente: Rossato Alessandra Disciplina: Lingua e civiltà straniera INGLESE (n. 2 lezioni settimanali) Classe: V^A GEOMETRI A. S. 2013/14 1. LIBRI DI TESTO UTILIZZATI:

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE - MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. SCIENZE APPLICATE CLASSICO - SCIENZE UMANE

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE - MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. SCIENZE APPLICATE CLASSICO - SCIENZE UMANE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE - MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. SCIENZE APPLICATE CLASSICO - SCIENZE UMANE Via Togliatti 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371 - FAX 5544315 e-mail:gveronese@legalmail.it

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO N 1 ETTORE PAIS SSMM027002 - C.F. 91015270902 - tel. 0789/25420 Via A. Nanni - 07026 OLBIA A.S.

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO N 1 ETTORE PAIS SSMM027002 - C.F. 91015270902 - tel. 0789/25420 Via A. Nanni - 07026 OLBIA A.S. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO N 1 ETTORE PAIS SSMM02002 - C.F. 91520902 - tel. 089/25420 Via A. Nanni - 002 OLBIA A.S. 2014/15 CRITERI ESSENZIALI PER LE PROVE SCRITTE E PER IL COLLOQUIO ORALE PER L

Dettagli

MATERIA: TECNOLOGIA E TECNICHE DELLE RAPPRESENTAZIONI GRAFICHE

MATERIA: TECNOLOGIA E TECNICHE DELLE RAPPRESENTAZIONI GRAFICHE MATERIA: TECNOLOGIA E TECNICHE DELLE RAPPRESENTAZIONI GRAFICHE PROGRAMMAZIONE CLASSI PRIME 1. OBIETTIVI 1.1 COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: Si tratta di competenze che la reciproca integrazione e interdipendenza

Dettagli

Griglie. di valutazione. disciplinari. Scuola Primaria

Griglie. di valutazione. disciplinari. Scuola Primaria Griglie di valutazione disciplinari Scuola Primaria 3 VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Il recente Regolamento per la valutazione scolastica Dpr n. 122 del 2009 intende coordinare le diverse norme in questo

Dettagli

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI E LETTERE BIENNIO ITALIANO e 3. lavoro individuale 4. lavoro di gruppo 5. laboratorio di lettura e scrittura 6. correzione sistematica collettiva e individualizzata degli esercizi eseguiti a casa e delle

Dettagli

Fascicolo Esami. Classe 3. Anno scolastico

Fascicolo Esami. Classe 3. Anno scolastico Relazione Finale Globale della Classe Terza sez. Situazione comportamentale e disciplinare della classe Situazione didattica La situazione di partenza Durante il corso del secondo anno Nel terzo anno Rispetto

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

FISICA STANDARD MINIMI IN TERMINI DI CONOSCENZE E COMPENTENZE

FISICA STANDARD MINIMI IN TERMINI DI CONOSCENZE E COMPENTENZE FISICA Anno Scolastico 2013-2014 Classe II C Insegnante : Franco Cricenti OBIETTIVI GENERALI Nel II anno degli istituti professionali accanto agli insegnamenti dell area generale comuni a tutti gli indirizzi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE

PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE Classe 4 a C A.S. 2015/2016 Disciplina: Italiano Docente: prof. ssa Anna Schiavo Ore settimanali: quattro Libro di

Dettagli

CRITERI ESSENZIALI PER LE PROVE SCRITTE E PER IL COLLOQUIO ORALE PER L ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

CRITERI ESSENZIALI PER LE PROVE SCRITTE E PER IL COLLOQUIO ORALE PER L ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO IC CS V D. MILANI - DE MATERA Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado ad Indirizzo Musicale Via De Rada - 87100 Cosenza tel. 0984 71856 fax 0984-71856 - cod.mecc. CSIC8AL008

Dettagli

PIANO DI LAVORO PERSONALE MATERIA: MATEMATICA

PIANO DI LAVORO PERSONALE MATERIA: MATEMATICA OBIETTIVI GENERALI DELLA DISCIPLINA NEL BIENNIO Lo studio della matematica contribuisce alla crescita intellettuale e alla formazione critica degli studenti promuovendo: lo sviluppo di capacità sia intuitive

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di LATINO DIPARTIMENTO DI LETTERE LICEO CLASSICO ANNO SCOLASTICO 2013-14

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di LATINO DIPARTIMENTO DI LETTERE LICEO CLASSICO ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di LATINO DIPARTIMENTO DI LETTERE LICEO CLASSICO ANNO SCOLASTICO 2013-14 Triennio Questa programmazione è stata elaborata dal Dipartimento di Greco-Latino, tenuti presenti il D.P.R.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI 1 di 5 23/01/2015 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI 1. QUINTO ANNO DISCIPLINA: Matematica DOCENTI : Provoli, Silva, Vassallo MODULI CONOSCENZE

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE BRAGAGLIA Via Casale Ricci, s.n.c. 03100 FROSINONE (FR) Tel. 0775-9100

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: RELAZIONI INTERNAZIONALI CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE (ALLEGATO 5)

CRITERI DI VALUTAZIONE (ALLEGATO 5) CRITERI DI VALUTAZIONE (ALLEGATO 5) Le recenti disposizioni ministeriali sulla valutazione (articolo 13 del D. Lgs. n. 226/2005, e successive modificazioni; articolo 2 del D. L. n. 137/2008, convertito,

Dettagli

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE G. BRUNO - R. FRANCHETTI

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE G. BRUNO - R. FRANCHETTI ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE G. BRUNO - R. FRANCHETTI Liceo Scientifico G. Bruno Liceo Ginnasio R. Franchetti Sede: via Baglioni n. 26 - Succursale: Corso del Popolo n. 82 30173 VENEZIA-MESTRE Tel.

Dettagli

VOTO IN DECIMI. Partecipazione alle attività educative e formative della scuola. Ineccepibile, costruttiva, propositiva. 10 Comportamento lodevole

VOTO IN DECIMI. Partecipazione alle attività educative e formative della scuola. Ineccepibile, costruttiva, propositiva. 10 Comportamento lodevole Criteri comuni di valutazione La valutazione è espressa in decimi (la gamma dei voti va da 1 fino a ). I risultati della valutazione scritta saranno comunicati agli alunni in sede di consegna delle verifiche

Dettagli

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni VALUTAZIONE In base all art. 3 del decreto legge del 30 ottobre 2008, n.169, dall'anno scolastico 2008/09, nella scuola primaria la valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni è espressa

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi.

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "MARCO POLO - VIANI" LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi. LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI La valutazione è un elemento pedagogico

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI Disciplina:ECONOMIA AZIENDALE Classe:4 A SIA A.S.2014/2015 Docente:CARBOGNIN AGOSTINO GIACOMO ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La situazione di partenza e' generalmente sufficiente, con la presenza

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico DOCUMENTO DI DIPARTIMENTO Disegno e storia dell arte - Storia dell arte Liceo classico (storia dell arte) scientifico e scienze applicate (disegno

Dettagli

Collegio dei docenti dell Istituto Comprensivo E. Mattei Meolo. Criteri di valutazione. del comportamento e degli apprendimenti degli alunni

Collegio dei docenti dell Istituto Comprensivo E. Mattei Meolo. Criteri di valutazione. del comportamento e degli apprendimenti degli alunni Collegio dei docenti dell Istituto Comprensivo E. Mattei Meolo Criteri di valutazione del comportamento e degli apprendimenti degli alunni Con questo documento il Collegio dei Docenti dell Istituto Comprensivo

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997)

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEI DOCENTI

PIANO DI LAVORO DEI DOCENTI PROGRAMMAZIONE PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE A. S. 2009/2010 Fisica Classe quinta C liceo Ore annuali: DOCENTE: Giorgio Follo Obiettivi disciplinari Conoscenze Elettromagnetismo: teoria e semplici applicazioni.

Dettagli

POF 2014-2015 CLIMA POSITIVO: PARTECIPAZIONE ATTIVA E COOPERATIVA APPRENDIMENTO SOCIALIZZATO: RELAZIONI CON ALTRI, CON I LIBRI, CON I MEDIA

POF 2014-2015 CLIMA POSITIVO: PARTECIPAZIONE ATTIVA E COOPERATIVA APPRENDIMENTO SOCIALIZZATO: RELAZIONI CON ALTRI, CON I LIBRI, CON I MEDIA ISTITUTO PARITARIO NAZARETH SCUOLA DELL INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO - LICEI CLASSICO-LINGUISTICO-SCIENTIFICO POF 2014-2015 Il piano offerta formativa è il documento fondamentale che rappresenta

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO https://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/.. 1 di 5 26/01/2015 14.06 PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO

Dettagli

Istituto Tecnico Statale Commerciale e per il Turismo C. Piaggia Viareggio. Anno scolastico 2013/2014

Istituto Tecnico Statale Commerciale e per il Turismo C. Piaggia Viareggio. Anno scolastico 2013/2014 Istituto Tecnico Statale Commerciale e per il Turismo C. Piaggia Viareggio Anno scolastico 2013/2014 CLASSE V SEZ. B INDIRIZZO: TURISTICO APPROVATO IL: 14 MAGGIO 2014 COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE

Dettagli