DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE. sez. C

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE. sez. C"

Transcript

1 Istituto di Istruzione Superiore Statale Parentucelli - Arzelà Piazza Ricchetti Sarzana (SP) Tel Fax Codice meccanografico SPIS01100V Cod. fisc Pec: A. S. 2014/2015 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE 5 a LICEO SCIENTIFICO sez. C Sarzana, 12/05/2015 Il Coordinatore prof. Bernazzani Mariano Antonio Il Dirigente Scolastico (Dr.ssa Vilma Petricone) Pag. 1

2 Istituto di Istruzione Superiore Statale Parentucelli - Arzelà Piazza Ricchetti Sarzana (SP) Tel Fax Codice meccanografico SPIS01100V Cod. fisc Pec: CONTENUTO: SCHEDA SUL PROFILO DELLA CLASSE SCHEDA INFORMATIVA SULLA PROGRAMMAZIONE GENERALE DEL CdC SCHEDA INFORMATIVA SULLE PROVE SVOLTE SCHEDA DI SOTTOSCRIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE SCHEDE INFORMATIVE SULLA PROGRAMMAZIONE DI: ITALIANO LATINO MATEMATICA STORIA DELL ARTE FILOSOFIA I.R.C. FISICA SCIENZE INGLESE STORIA SCIENZE MOTORIE ALLEGATI: N. 2 TESTI DELLE SIMULAZIONI DELLE PROVE D ESAME N. 1 GRIGLIA DI CORREZIONE E VALUTAZIONE Pag. 2

3 SCHEDA SUL PROFILO DELLA CLASSE La classe è composta da 26 studenti : n. 13 maschi e n. 13 femmine CLASSE Iscritti PROSPETTO EVOLUTIVO Promossi Giugno (Numero) Promossi Settembre (Numero) Non Promossi (Numero) Ritirati (N. studenti) 3 a a a 26 0 (Numero) Le seguenti materie hanno subito, nel triennio, un avvicendamento dei docenti incidendo sulla didattica in modo: Materia ininfluente significativo determinante ITALIANO E LATINO x FISICA x MATEMATICA x SCIENZE x PROFILO SINTETICO DELLA CLASSE La classe, dopo aver accolto un nuovo studente nella seconda parte del terzo anno, proveniente da altro Istituto, e un altro al quarto, ripetente del corso A della nostra scuola, risulta costituita da 26 allievi. Nel triennio il corpo docente non ha avuto una sostanziale stabilità perché, come si evince dalla tabella precedente, le seguenti discipline sono state affidate a diversi docenti, incidendo in modo significativo sull andamento didattico della classe: latino (un docente diverso ogni anno); italiano (a metà del quarto anno il titolare è stato sostituito da un supplente e al quinto anno è subentrato un nuovo docente); fisica (un docente diverso ogni anno); matematica e scienze (al quarto anno sono subentrati due nuovi docenti). Gli alunni costituiscono un gruppo abbastanza unito e solidale che ha condiviso il processo educativo e di crescita culturale, sia attraverso le attività curricolari sia partecipando alle varie esperienze proposte dalla scuola. La classe ha manifestato nel complesso un atteggiamento generalmente educato e collaborativo con i docenti e una buona partecipazione al dialogo educativo. La frequenza, in generale, è risultata regolare. Il viaggio d istruzione a Berlino ha rappresentato un occasione di ulteriore maturazione per tutti gli studenti partecipanti che, in questa circostanza, si sono dimostrati corretti e responsabili. I rapporti con le famiglie sono sempre stati proficui e collaborativi. Dal punto di vista didattico, la maggior parte della classe ha manifestato, nel corso del triennio, un interesse soddisfacente per le attività proposte benché nell ultimo anno l impegno nell apprendimento dei contenuti disciplinari sia stato incostante: non sempre, infatti, al dialogo e alla partecipazione in classe si è accompagnato per tutti un adeguata ed efficace applicazione a casa, spesso finalizzata ai soli momenti di verifica. I risultati sono incoraggianti anche se non risolutivi e, pur lavorando in un clima abbastanza sereno, i ragazzi hanno partecipato alle lezioni soprattutto se sollecitati e incuriositi; non sempre è sorta la curiositas per i temi trattati e, di conseguenza, è stato necessario alimentare costantemente la loro motivazione. Bisogna sottolineare che gli studenti più meritevoli hanno affrontato positivamente le difficoltà incontrate durante l anno, anche se in maniera diversa e in conformità alla propria specificità individuale. Il gruppo classe è, dunque, abbastanza eterogeneo sul piano dell impegno e del rendimento scolastico. Gli insegnanti del consiglio di classe ritengono che il livello medio della classe, in termini di conoscenze e capacità, sia discreto nella maggior parte delle discipline e che sia stato raggiunto un livello di competenze almeno essenziale. Gli esiti conseguiti da ogni studente sono distinti sia a livello di discipline sia per quanto riguarda il grado di autonomia metodologica raggiunta. Per quanto concerne le valutazioni degli apprendimenti degli alunni, si individuano i seguenti profili: Pag. 3

4 1. Un piccolo gruppo di studenti ha affrontato lo studio in modo costante, interessato e rigoroso, contribuendo con approfondimenti personali a rendere più interessante l attività didattica, raggiungendo risultati molto soddisfacenti e, in alcuni casi, ottimi. 2. Un secondo gruppo, relativamente consistente, ha dimostrato di aver sviluppato discrete capacità logicodeduttive e si attesta sulla piena sufficienza o su esiti anche discreti, per quanto si evidenzino incertezze nell uso corretto dei linguaggi specifici. 3. Per altri alunni si evidenziano ancora difficoltà, spesso a causa di una lacunosa preparazione di base, affrontate con consapevolezza e impegno che si è andato intensificando nel secondo quadrimestre. 4. Un esiguo gruppo di studenti non ha superato completamente tutte le carenze contenutistiche e le fragilità metodologiche. SCHEDA INFORMATIVA SULLA PROGRAMMAZIONE GENERALE DEL CdC 1. OBIETTIVI TRASVERSALI Descrizione degli obiettivi trasversali previsti dalla programmazione didattica annuale e coerenti con quelli definiti nel POF Educare alla socialità, alla tolleranza e alla cittadinanza attiva Educare al rispetto reciproco, dell ambiente scolastico e di tutti gli operatori della scuola Educare all uso dello spirito critico nel rispetto delle regole e dei ruoli Motivare allo studio e alla consapevolezza Incrementare la capacità di concentrazione e di partecipazione attiva alle lezioni e alle attività scolastiche Sviluppare la collaborazione nel lavoro di gruppo e nelle attività laboratoriali Affinare la comunicazione nei linguaggi veicolari e in quelli specifici Consolidare e ampliare la gestione delle conoscenze e dei metodi di studio Indurre la capacità di orientamento e di autovalutazione Stimolare la progettualità e l uso del problem solving nelle diverse situazioni Raggiunti parzialmente (% Studenti) Raggiunti totalmente (% Studenti) Per quanto riguarda gli obiettivi didattici disciplinari si rimanda alle schede sintetiche dei singoli docenti che fanno parte integrante del documento. Il grado di raggiungimento parziale o totale di tali obiettivi risulta dalle singole valutazioni dei candidati e dai crediti scolastici e formativi attribuiti. 2. ATTIVITA` INTEGRATIVE CURRICOLARI ED EXTRACURRICOLARI MODULI DI SOSTEGNO E/O RECUPERO MATERIA n. studenti n. ore Matematica classe 6 CINEFORUM : gli studenti hanno partecipato al progetto annuale di Istituto. VIAGGI D'ISTRUZIONE : meta : Berlino; numero studenti partecipanti 24; durata : 6 giorni. Pag. 4

5 LEZIONI E SEMINARI ARGOMENTO n. ore Diritto penale 2 Conferenza diritto europeo ( in parte ) 2 Progetto ANED. ( in parte ) 2 USCITE DIDATTICHE VISITE GUIDATE DESCRIZIONE Mostra Picasso palazzo Strozzi Firenze Mostra Modigliani palazzo Blu Pisa e visita al murales di Keith Haring Laboratori Cern Ginevra ( alunne Migliorucci, Salvetti e Lottici) n. ore 1 giorno 1 giorno 2 giorni ORIENTAMENTO TIPOLOGIA n. ore AlmaOrientati 3 Giornate di orientamento organizzate dalla scuola Giornate di orientamento presso gli atenei di Genova e Pisa Pag. 5

6 SCHEDA INFORMATIVA SULLE PROVE SVOLTE CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE PROVE I criteri generali deliberati dal Collegio dei Docenti per la valutazione delle prove di verifica degli studenti nel corso dell anno scolastico sono sintetizzati nella seguente griglia Criteri di valutazione Prove consegnate non svolte Rifiuto di verifiche orali Impegno nullo Gravi lacune nei contenuti Espressione scorretta Coerenza logica mancante Lacune nei contenuti Espressione incerta Coerenza logica incerta Conoscenza dei contenuti essenziali Espressione semplice ma corretta Coerenza logica essenziale Conoscenza completa dei contenuti Espressione corretta e lineare Coerenza logica completa Conoscenza approfondita dei contenuti Espressione corretta e pertinente Coerenza logica e argomentativa Capacità autonome di analisi e sintesi Giudizio di valutazione Voto in decimi NON VALUTABILE 1-2 GRAVEMENTE INSUFFICIENTE 3-4 INSUFFICIENTE 5 SUFFICIENTE 6 DISCRETO/BUONO 7-8 OTTIMO 9-10 Gli insegnanti hanno tenuto la massima trasparenza nell uso delle griglie di correzione delle prove disciplinari e, se possibile, hanno messo al corrente gli studenti sul metodo di correzione e di valutazione prima delle prove stesse. PREPARAZIONE ALLE PROVE DELL ESAME DI STATO Il Consiglio di Classe, seguendo le linee indicative tracciate dal Collegio dei Docenti, ha ritenuto di effettuare prove a simulazione delle prove d'esame con le seguenti modalità: DATA PROVA SIMULATA 27/02 3 MATERIE COINVOLTE TEMPO ASSEGNATO TIPOLOGIA DI VERIFICA Fisica, storia dell arte, inglese, scienze, filosofia. 3 B 22/ /04 1 Matematica Italiano 6 MIUR 5 Tutte 04/05 3 Latino, storia dell arte, inglese, scienze, storia. 3 B utilizzando i seguenti criteri: il numero di materie coinvolte nelle simulazioni della terza prova è 5. la tipologia delle simulazioni della terza prova è B. il numero di quesiti nelle simulazioni della terza prova è 10 (2 per ogni materia coinvolta). Pag. 6

7 SCHEDA DI SOTTOSCRIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE IL CONSIGLIO DI CLASSE Il presente documento è stato approvato e sottoscritto dal Consiglio di Classe in data 12/05/2015 ed affisso all Albo il 15/05/2015. DISCIPLINA COGNOME E NOME DEL DOCENTE FIRMA Italiano Latino Inglese Storia Filosofia Matematica Fisica Scienze Disegno e Storia dell arte Educazione Fisica I.R.C. Elisei Franco Elisei Franco Di Martino Paola Raineri Ignazio Raineri Ignazio Gianelloni Orietta Bernazzani Mariano Simoncini Marcella Mazzoli Paolo Ricci Gianfranco Diamanti Angela Esso è integrato da: n. 11 SCHEDE INFORMATIVE SULLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE n. 2 testi di simulazione della TERZA PROVA d esame effettuate n. 1 griglia di valutazione della TERZA PROVA d esame utilizzata Sarzana, 12/05/2015 Il Dirigente Scolastico (Dr.ssa Vilma Petricone) Pag. 7

8 ALLEGATO A (RELAZIONI DEI DOCENTI) Pag. 8

9 SCHEDA INFORMATIVA SULLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Classe V C Materia : Italiano Docente : Elisei Franco N. di ore svolte: vedi Argo Libri di testo utilizzati : Quelli in adozione. Altri materiali : Fotocopie. a) OBIETTIVI DISCIPLINARI PREFISSATI Conoscenze Conoscenza delle linee generali di svolgimento della letteratura italiana del sec.xix e della prima metà del XX. Conoscenza delle relazioni della nostra letteratura con quelle europee dello stesso periodo e con la letteratura classica. Conoscenza delle opere degli autori più significativi. Competenze Competenze linguistiche ( morfosintattiche e lessicali) e selezione di una terminologia specifica. Interpretazione e argomentazione. Tecniche essenziali di analisi del testo argomentativi. Produzione di elaborati di diversa tipologia. Capacità Capacità di lettura, comprensione ed esposizione. Capacità di analisi di testi letterari e critici. Analisi critica dei contenuti appresi. Uso delle abilità cognitive per operare collegamenti in ambiti disciplinari diversi. Raggiunti complessivamente (80) Raggiunti parzialmente (20) b) MACROARGOMENTI SVOLTI NELL ANNO Romanticismo in Europa e in Italia. G.Leopardi. La reazione al Romanticismo : Scapigliatura e G.Carducci Realismo, Naturalismo, Verismo. Giovanni Verga Dante, Paradiso, Canti : I, III, VI, XI Il Decadentismo in Europa e in Italia G.Pascoli- G.D Annunzio Pag. 9

10 Futurismo e Crepuscolari L.Pirandello e I.Svevo La nuova poesia : G.Ungaretti, e E.Montale Dante, Paradiso, Canti : XII, XV, XVII, XXX,XXXIII c) METODOLOGIE E STRUMENTI UTILIZZATI Tutti quelli deliberati in dipartimento. d) TIPOLOGIA DELLE PROVE DI VERIFICA UTILIZZATE Traduzioni, test a risposta aperta e multipla. Verifiche orali. 12 Maggio 2015 Il Docente Elisei Franco Pag. 10

11 SCHEDA INFORMATIVA SULLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSE VC Materia : Latino Docente : Elisei Franco N. di ore svolte: vedi Argo. Libri di testo utilizzati : Quelli in adozione. Altri materiali : fotocopie. a) OBIETTIVI DISCIPLINARI PREFISSATI Raggiunti Raggiunti complessivamente(70) parzialmente (30) Conoscenze Conoscenza delle linee generali della letteratura latina dall età dei Flavi a Tacito Conoscenza delle opere più significative degli autori. Conoscenza delle strutture morfosintattiche della lingua latina. Competenze Analizzare e/o tradurre passi d autore. Cogliere e approfondire le tematiche e i riferimenti concettuali dei testi esaminati. Individuare i più significativi procedimenti stilistici. Contestualizzare i passi all interno della produzione dell autore e del quadro storico-culturale. Capacità analizzare i testi dal punto di vista linguistico e stilistico collocandoli nel contesto. Istituire confronti con la cultura contemporanea e valorizzare il rapporto di continuità tra passato e presente. Operare, nella fase di traduzione, le scelte lessicali più opportune attraverso un attenta riflessione sulle risorse del sistema linguistico. b) MACROARGOMENTI SVOLTI NELL ANNO Seneca Petronio Lucano Quintiliano Giovenale Marziale Tacito Pag. 11

12 c) METODOLOGIE E STRUMENTI UTILIZZATI Quelli deliberati in dipartimento. d) TIPOLOGIA DELLE PROVE DI VERIFICA UTILIZZATE Tutte quelle previste per la prova d'esame. Test a risposta aperta e multipla. Verifiche orali. e) ATTIVITA INTEGRATIVE SVOLTE Nessuna. f) ANNOTAZIONI PARTICOLARI SULLA CLASSE E' da sottolineare la discontinuità dei docenti della disciplina nel triennio, soprattutto a partire da metà anno della quarta, con l'avvicendarsi di supplenti. Ho preso la classe all'ultimo anno e ho riscontrato difficoltà sia nell'approccio alla lingua originale dei testi ma anche ad uno studio poco regolare e proficuo. Tuttavia vi è un gruppo che si è impegnato per recuperare le lacune e un altro che opera in modo autonomo e adeguato. 12 maggio 2015 Il Docente Elisei Franco Pag. 12

13 SCHEDA INFORMATIVA SULLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Materia : MATEMATICA Docente : Gianelloni Orietta N. di ore svolte: 113 (alla data del documento) Libri di testo utilizzati : Bergamini,Trifone, Barozzi Manuale blu 2.0 di matematica ed. Zanichelli Altri materiali : appunti dell insegnante, testi di seconda prova esame di stato di anni scolastici precedenti a) OBIETTIVI DISCIPLINARI PREFISSATI Raggiunti Raggiunti complessivamente parzialmente 40% 60% Conoscenze asformazione delle formule. Competenze di elementi del calcolo integrale. Capacità i proposti. b) MACROARGOMENTI SVOLTI NELL ANNO Successioni Funzioni reali e limiti di funzioni reali Continuità- Derivabilità Calcolo differenziale Calcolo integrale Calcolo numerico I quadr. I quadr I e II quadr. II quadr. II quadr. II quadr. c) METODOLOGIE E STRUMENTI UTILIZZATI 1. Lezione frontale 2. Lezione interattiva 3. Gli argomenti che lo permettevano sono stati introdotti come risoluzione di problemi, gli alunni sono stati sollecitati a formulare congetture ed in seguito, mediante la lezione frontale, si sono formalizzati i risultati ottenuti d) TIPOLOGIA DELLE PROVE DI VERIFICA UTILIZZATE Pag. 13

14 1. Verifiche scritte tradizionali, con svolgimento di esercizi e risoluzione di problemi inerenti al programma svolto 2. Effettuazione di una simulazione della seconda prova d esame inviata dal ministero 3. Interrogazioni tradizionali e) ANNOTAZIONI PARTICOLARI SULLA CLASSE La classe ha avuto, nell arco del quinquennio, discontinuità didattica che ha influito negativamente sul profitto. Un esiguo numero di alunni denota una spiccata attitudine per la materia, ha partecipato attivamente al dialogo educativo con conseguente valutazione di eccellenza. Un gruppo ha lavorato al di sotto delle proprie potenzialità ed infine alcuni studenti denotano tempi lunghi di apprendimento e qualche difficoltà di rielaborazione dei concetti. Da sottolineare che nell arco dell anno scolastico, per chiusura della scuola a causa di eventi di calamità naturale e per festività, si sono perse ore di lezione. Molto tempo è stato dedicato al ripasso di concetti fondamentali degli anni precedenti. Tutti questi fattori hanno causato un rallentamento nello svolgimento del programma. Sarzana Il Docente Gianelloni Orietta Pag. 14

15 SCHEDA INFORMATIVA SULLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Materia : Fisica Docente : Bernazzani Mariano N. di ore svolte: 76 (alla data del documento) Libri di testo utilizzati : Amaldi per i licei scientifici.blu volumi 2 e 3 Altri materiali : a) OBIETTIVI DISCIPLINARI PREFISSATI Raggiunti Raggiunti complessivamente (25%) parzialmente (75%) 1. Formulare ipotesi, sperimentare e/o interpretare leggi fisiche, proporre e utilizzare modelli e analogie. 2. Analizzare fenomeni fisici e applicazioni tecnologiche, riuscendo a individuare le grandezze fisiche caratterizzanti e a proporre relazioni quantitative tra esse. 3. Spiegare le più comuni applicazioni della fisica nel campo tecnologico. 4. Risolvere problemi utilizzando il linguaggio algebrico e grafico, nonché il Sistema Internazionale delle unità di misura. b) MACROARGOMENTI SVOLTI NELL ANNO 1. Il campo elettrico 2. Il potenziale elettrico 3. Fenomeni di elettrostatica 4. La corrente elettrica continua 5. Fenomeni magnetici fondamentali 6. Il campo magnetico 7. L induzione elettromagnetica 8. Le equazioni di Maxwell c) METODOLOGIE E STRUMENTI UTILIZZATI 4. Lezioni frontali 5. Discussioni 6. Problem solving 7. Software didattico online d) TIPOLOGIA DELLE PROVE DI VERIFICA UTILIZZATE 4. strutturate e semistrutturate. 5. risoluzione di esercizi e problemi. f) ANNOTAZIONI PARTICOLARI SULLA CLASSE Durante l anno scolastico si è reso necessario recuperare strumenti e/o argomenti propedeutici allo svolgimento del programma annuale, questo ha comportato un notevole rallentamento nello programmazione. Molti alunni hanno trovato difficoltà nel recuperare lacune pregresse. Si riscontra, per alcuni, uno studio mnemonico e a volte superficiale. Il Docente Bernazzani Mariano Pag. 15

16 SCHEDA INFORMATIVA SULLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Materia : disegno e storia dell arte Docente : Paolo Mazzoli N. di ore svolte: 46 Il numero di ore a disposizione per lo svolgimento del corso è stato considerevolmente inferiore rispetto alle previste (66), ciò ha comportato una proporzionale riduzione degli argomenti trattati rispetto a quanto previsto. Libri di testo utilizzati : Disegno: "Corso di Disegno", V. Valeri, ed. La Nuova Italia. Il nuovo vivere l arte: dall ottocento ad Oggi, AA. VV., edizioni scolastiche Bruno Mondadori; Altri materiali : Sono state utilizzate brevi dispense. a) OBIETTIVI DISCIPLINARI PREFISSATI Raggiunti Raggiunti complessivamente (60%) parzialmente (40%) Conoscenze: A) conoscenza della terminologia tecnica ed artistica indispensabile alla descrizione di un'opera; B) conoscenza dei principali artisti ed opere che hanno caratterizzato i diversi periodi trattati; C) conoscenza dei caratteri essenziali dei vari movimenti e dell opera degli artisti trattati durante il corso. Il grado di acquisizione delle succitate conoscenze è differenziato non si rilevano livelli totalmente insufficienti, nel complesso può essere definito adeguato ed in taluni casi ottimo Competenze: A) essere in grado di leggere le opere architettoniche e artistiche per poterle apprezzare criticamente e saperne distinguere gli elementi compositivi, avendo fatto propria una terminologia e una sintassi descrittiva appropriata; B) acquisire confidenza con i linguaggi espressivi specifici ed essere capace di riconoscere i valori formali non disgiunti dalle intenzioni e dai significati, avendo come strumenti di indagine e di analisi la lettura formale e iconografica; C) essere in grado sia di collocare un opera d arte nel contesto storico-culturale, sia di riconoscerne i materiali e le tecniche, i caratteri stilistici, i significati e i valori simbolici, il valore d uso e le funzioni, la committenza e la destinazione. Il grado di acquisizione delle succitate competenze è differenziato non si rilevano livelli totalmente insufficienti, nel complesso può essere definito sufficiente ed in taluni casi buono e ottimo. Capacità: A) capacità di individuare i principi che hanno determinato la nascita di un movimento o la composizione di un opera facenti parte del programma svolto; Pag. 16

17 B) capacità di effettuare collegamenti interdisciplinari. Il grado di acquisizione delle succitate capacità è differenziato non si rilevano livelli totalmente insufficienti, nel complesso può essere definito più che sufficiente in taluni casi buono e ottimo. b) MACROARGOMENTI SVOLTI NELL ANNO Argomento Il Realismo in Francia; Gustave Courbet: Edouard Manet; Claude Monet; Edgar Degas; Pierre Auguste Renoir; Berthe Morisot. Nell Europa della Belle Epoque; L Art Noveau, uno stile internazionale; I precursori del moderno. Paul Cézanne, il padre dell arte moderna; intrecci di arte e di vita Van Gogh e Gauguin. Per un arte moderna: le Secessioni, Klimt, Munch. Periodo primo primo secondo secondo La forza del colore: i fauves. secondo Voci fuori dalle correnti: La scuola di Parigi; Amedeo Modigliani. primo Questioni di forma: Picasso, Braque e la nascita del Cubismo. Forma e funzione: l architettura moderna; L architettura organica di Wright; Le Corbusier; Walter Gropius. Nuove sfide per l architettura; oltre il moderno: gli anni cinquanta e sessanta; L architettura verso il XXI secolo. In corsa verso il futuro: nascita e sviluppo del Futurismo; Giacomo Balla; Umberto Boccioni. primo secondo secondo secondo Al galoppo verso l astratto: Vasilij Kandinskij. secondo La rivolta totale dell arte: il Dadaismo. secondo La rivoluzione surrealista; l arte nei territori dell inconscio; Salvador Dalì. secondo La fabbrica dell arte: New dada e Pop art; Andy Warhol. secondo L arte dalla strada: il Grafitismo; Keih Haring. secondo c) METODOLOGIE E STRUMENTI UTILIZZATI Le lezioni sono state tutte svolte utilizzando gli strumenti informatici a disposizione nell aula di disegno e quindi mediante la proiezione di video ed immagini. d) TIPOLOGIA DELLE PROVE DI VERIFICA UTILIZZATE Pag. 17

18 6. Verifiche scritte mediante la somministrazione di test di tipologia B; 7. Interrogazioni orali. Le interrogazioni e le correzioni dei compiti sono avvenute, il più possibile, sollecitando il riconoscimento degli errori e l autovalutazione secondo i criteri generali esposti agli allievi prima di ogni singola prova. e) ATTIVITA INTEGRATIVE SVOLTE Si sono effettuate le seguenti visite guidate: Pisa, Palazzo Blu, Amedeo Modigliani ; Firenze, Palazzo Strozzi, Picasso e la modernità spagnola ; Il Docente Paolo Mazzoli Pag. 18

19 SCHEDA INFORMATIVA SULLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Materia : Religione Docente : Angela Diamanti N. di ore svolte : 24 (alla data del documento) Libri di testo utilizzati : Per il mondo che vogliamo, SEI a) OBIETTIVI DISCIPLINARI PREFISSATI Raggiunti totalmente (100%) Conoscenze Conoscere le principali caratteristiche della proposta cristiana in relazione ai valori della coscienza e della libertà in quanto fondamento di ogni scelta etica Conoscere i diversi contenuti sociali e culturali nei quali l uomo vive Conoscere l esperienza religiosa degli altri popoli Competenze Saper utilizzare un linguaggio coerente Saper leggere e riferire in modo corretto argomenti tratti da testi e riviste Saper riconoscere le problematiche religiose Capacità Capacità di esporre con chiarezza i contenuti della proposta cristiana Capacità di analisi e sintesi dei testi Capacità di approfondimento in rapporto alla rilevanza del cristianesimo sulla cultura e sulla vita individuale e sociale Pag. 19

20 b) MACROARGOMENTI SVOLTI NELL ANNO Fede ed Etica Cultura e Religione Giustizia e carità c) METODOLOGIE E STRUMENTI UTILIZZATI Materiale video Fotocopie Il Docente Angela Diamanti Pag. 20

21 SCHEDA INFORMATIVA SULLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE -CLASSE 5C Materia : SCIENZE Docente : M. SIMONCINI N. di ore svolte: 74 (alla data del documento) Libri di testo utilizzati : Pignocchino Feyles - Scienze della Terra (vol.a) - Ed. SEI Valitutti, Taddei, - Dal carbonio agli OGM Plus - Ed. Zanichelli Altri materiali : presentazioni in PowerPoint e video da Internet a) OBIETTIVI DISCIPLINARI PREFISSATI Raggiunti Raggiunti complessivamente (60%) parzialmente (40%) 1. Conoscere la struttura interna della Terra, gli aspetti fondamentali dei fenomeni vulcanici, sismici e tettonici ed essere in grado di inserirli nella dinamica globale del pianeta. 2. Conoscere la chimica del carbonio ed essere in grado di distinguere gli idrocarburi alifatici e aromatici e i principali gruppi funzionali in termini di formule generali, di formule di struttura e di nomenclatura IUPAC. 3. Conoscere e saper spiegare le principali reazioni degli idrocarburi. 4. Conoscere e saper illustrare struttura e funzioni di enzimi e acidi nucleici. 5. Conoscere i campi di applicazione dell'ingegneria genetica e saper spiegare le tecniche di manipolazione del DNA. 6. Saper comunicare le conoscenze acquisite in modo chiaro, utilizzando un lessico scientifico corretto ed appropriato, cercando di stabilire relazioni con eventi della vita reale. b) MACROARGOMENTI SVOLTI NELL ANNO 1. La struttura interna della Terra e i fenomeni endogeni (vulcani, terremoti) 2. Le teorie legate alla dinamica della litosfera. La tettonica a placche. 3. Idrocarburi alifatici e aromatici: caratteristiche e reattività. 4. Gruppi funzionali. alcoli, eteri, aldeidi, chetoni, acidi carbossilici. 5. Biomolecole fondamentali: enzimi e acidi nucleici. 6. Biotecnologie e loro applicazioni c) METODOLOGIE E STRUMENTI UTILIZZATI 1. Lezioni frontali 2. Discussioni e riflessioni con la classe 3. Approfondimenti d) TIPOLOGIA DELLE PROVE DI VERIFICA UTILIZZATE 1. Interrogazione tradizionale 2. Verifiche orali formative 3. Prove di verifica scritte strutturate o semistrutturate 4. Prove di verifica scritte tipologia B terza prova dell'esame di Stato La Docente 12 maggio 2015 Marcella Simoncini Pag. 21

22 SCHEDA INFORMATIVA SULLA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Classe: 5 C Liceo scientifico Materia: Filosofia Docente: Ignazio Raineri N. di ore svolte: 80/99 (al 12 maggio 2015) La riduzione del numero delle lezioni effettuate è stata determinata dalla partecipazione della classe alle attività previste nel POF e dalla sospensione delle lezioni a causa delle allerte idrologiche che hanno interessato il territorio. Libri di testo utilizzati: N. Abbagnano, G. Fornero, La ricerca del pensiero. Storia, testi e problemi della filosofia, Paravia Vol. 2, tomo B e Vol. 3, tomi A, B Durante l attività didattica, per approfondire i temi trattati, gli alunni sono stati guidati nella lettura di brani antologici tratti da classici filosofici. a) OBIETTIVI DISCIPLINARI PREFISSATI Raggiunti Raggiunti complessivamente (65%) parzialmente (35 %) Conoscenza dei nodi essenziali della filosofia moderna e contemporanea, secondo quanto indicato nella sezione Schema dei contenuti disciplinari. Conoscenza del lessico specifico. Riconoscere e utilizzare il lessico specifico. Saper leggere e interpretare brani di autori rilevanti. Dopo aver analizzato il pensiero di un autore e averne colto la complessità, saper individuare le tesi che meglio lo caratterizzano e saperne proporre una sintesi sia in forma orale che scritta. Saper contestualizzare le teorie studiate collocandole in una dimensione storica e realizzando gli opportuni collegamenti interdisciplinari. Saper rielaborare quanto appreso proponendo una valutazione personale e rintracciando spunti su cui costruire una riflessione autonoma. Costruzione di un adeguato metodo di lavoro e utilizzo degli strumenti di apprendimento a disposizione: manuali, testi, dizionari, ecc. Capacità di esporre il pensiero di un filosofo in modo corretto, chiaro, pertinente Capacità di sviluppare argomentazioni all interno dei sistemi filosofici proposti Capacità di individuare gli elementi chiave delle principali scuole filosofiche Capacità di collegare e confrontare concetti generali Capacità di individuazione analogie e differenze nelle problematiche trattate Capacità di analisi e sintesi sia orale che scritta Capacità di rielaborazione Capacità di analizzare testi compiendo le seguenti operazioni: o definire e comprendere termini e concetti o enucleare le idee centrali o riassumere le tesi fondamentali b) MACROARGOMENTI SVOLTI 1 1 I contenuti analitici saranno consegnati entro la fine dell anno scolastico e allegati al Documento del 15 maggio. Pag. 22

23 Il romanticismo. L idealismo tedesco I critici immediati di Kant e il dibattito sulla cosa in sé. Hegel: l uomo tra finito e infinito (il sistema hegeliano; Fenomenologia dello Spirito). Dall infinito al finito: Schopenhauer; Kierkegaard. Dall idealismo al materialismo storico: il dibattito intorno all hegelismo (Sinistra e Destra hegeliana); Feuerbach; Marx. Il positivismo (caratteri generali) La reazione al positivismo: lo spiritualismo francese (caratteri generali); Bergson Dall infinito al finito: Nietzsche. La rivoluzione psicoanalitica: Freud. La filosofia del Novecento di fronte al totalitarismo: la meditazione sull agire politico in Hannah Arendt. c) METODOLOGIE E STRUMENTI UTILIZZATI Testi e manuali, fotocopie, filmati, Internet, Lim, PPT, laboratori. Lezione frontale, discussione guidata. Apprendimento cooperativo, approfondimenti e ricerche Conferenze di esperti esterni Problem solving d) TIPOLOGIA DELLE PROVE DI VERIFICA UTILIZZATE Prove scritte strutturate e semistrutturate Verifiche orali Lavoro di gruppo Approfondimenti individuali Terza prova: quesiti multidisciplinari tipologia B (cinque materie con due quesiti a risposta aperta massimo dieci righe) Saggio breve (B) e tema storico (C) e) ATTIVITA INTEGRATIVE SVOLTE 2 Conferenza sul diritto penale Conferenza sulla Shoah (incontro con ex deportati) Conferenza sul diritto europeo Il Docente (prof. Ignazio Raineri) 2 Non tutti gli alunni hanno partecipato alle conferenze. Pag. 23

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015 Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C del 27/05/2015 Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico Statale G. Garibaldi Via Roma, 164 87012 Castrovillari ( CS ) Tel. e fax 0981.209049 Anno

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione?

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Scrive Thomas Eliot: Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Interrogativi integrati da: Dov è l informazione che abbiamo perso nei dati?

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

IL Documento del Consiglio di Classe

IL Documento del Consiglio di Classe ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "LEONARDO DA VINCI" Cod. Mecc. CLIS002004 C.F.: 82002400859 Liceo Scientifico Liceo Linguistico - Liceo Scienze Umane Istituto Professionale dei Servizi per l Agricoltura

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

Documento del 15 maggio

Documento del 15 maggio Educazione&Scuola Documento del 15 maggio Esempi prodotti da: 1. Seminario presidi - Piemonte 2. IRRSAE del Veneto 3. IPSS "Bartolomeo Montagna" di Vicenza 4. IPSIA "Duca d'aosta" di Roma 5. ITSCG "Pier

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO - BIENNIO DI TUTTI GLI INDIRIZZI Conoscenze a) Conoscenza completa e ragionata della grammatica e dell

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli