HEALTH & SAFETY MANAGEMENT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "HEALTH & SAFETY MANAGEMENT"

Transcript

1 HEALTH & SAFETY MANAGEMENT

2 L ORGANIGRAMMA DI SICUREZZA INCARICATI EMERGENZA E P.S. DATORE DI LAVORO CONSULENTE ESTERNO RSPP RLS DIRIGENTE MEDICO COMPETENTE PREPOSTO PREPOSTO PREPOSTO LAVORATORI LAVORATORI LAVORATORI

3 Agenti biologici Agenti chimici Deposito sostanze chimiche Cappe Strumentazione varia DPI Smaltimento rifiuti speciali Versamenti accidentali

4 1. COSA! Agenti biologici Agenti chimici

5 Classificazione degli agenti biologici Gli agenti biologici sono classificati in quattro gruppi in funzione del rischio di infezione: GRUPPO 1. Poche probabilità di causare malattie nell uomo. GRUPPO 2. Può causare malattie nell uomo. E alquanto improbabile che si propaghi nella comunità, si può contrastare con efficaci strumenti di profilassi e cura; GRUPPO 3. Può causare gravi malattie in soggetti umani. Può propagarsi nella comunità ma si può contrastare con efficaci misure di profilassi e cura; GRUPPO 4. Può causare gravi malattie nell uomo. Può presentare un rischio di propagazione elevato e di norma non sono disponibili efficaci misure di profilassi e cura. LIVELLI DI BIOSICUREZZA

6 AGENTI BIOLOGICI A = Autorizzazione Sperimentazione su animali B1 = Autorizzazione Uso di Agenti Biologici classe 1 B2 = Autorizzazione Uso di Agenti Biologici classe 2 M1 = Autorizzazione Impiego MOGM classe 1 M2 = Autorizzazione Impiego MOGM classe 2 In preparazione R = Autorizzazione Uso di Radioisotopi

7 Rischio biologico Obbligo dei lavoratori I lavoratori hanno l obbligo di eseguire le seguenti indicazioni: Osservare le indicazioni riportate sulle etichette e sulle schede di sicurezza Utilizzare correttamente i DPI indicati in funzione del rischio biologico in esame Sottoporsi ad adeguata sorveglianza sanitaria, quando la valutazione rilevi l esistenza del rischio biologico per il lavoratore 7

8 RISCHIO BIOLOGICO LE AZIONI E LE MISURE PREVISTE: DPI Protezione Vie Respiratorie Procedura: 1. Posizionare la maschera sul volto 1. Posizionare gli elastici dietro la nuca 1. Stringere gli elastici con entrambe le mani 1. Regolare lo stringinaso 1. Effettuare una prova di tenuta Indossare il dpi prima di accedere all area di rischio!! Toglierlo dopo essere usciti!! 8

9 RISCHIO BIOLOGICO LE AZIONI E LE MISURE PREVISTE: DPI Occhiali Devono essere a mascherina avvolgente o visiera Devono proteggere dagli spruzzi di materiale contaminato Devono proteggere le mucose oculari (via di entrata del microrganismo) 9

10 RISCHIO BIOLOGICO LE AZIONI E LE MISURE PREVISTE: MISURE IGIENICHE DI FINE ATTIVITA L ordine di rimozione di indumenti e dispositivi di protezione individuale al termine di ogni attività lavorativa a rischio è il seguente: 1. stivali e/o soprascarpe monouso 2. guanti 3. tuta 4. occhiali protettivi 5. maschera filtrante Una volta rimossi i DPI devono essere adeguatamente lavati e disinfettati all interno dell azienda e riposti in armadi deputati alla loro conservazione, o in caso di materiale monouso, smaltito secondo le procedure raccomandate 10

11 RISCHIO BIOLOGICO LE AZIONI E LE MISURE PREVISTE: IGIENE E DISINFEZIONE DELLE MANI - PROCEDURA Le mani devono essere sempre LAVATE : 1) Dopo la rimozione di guanti 2) In caso di contatto accidentale con sangue ed altri liquidi biologici o materiale potenzialmente infetto: procedere al lavaggio con acqua e sapone PER ALMENO 30 SECONDI, seguito da antisepsi (sono idonei i comuni prodotti a base di Clorexidina 4%) 11

12 Proprieta dei disinfettanti Attivo contro Inattivato da Tossicità FFung hi Batteri Mico batteri Spore Virus lipidici Virus non lipidici Proteine Materiali naturali Materiali Sintetici Acqua dura Detergente Pelle Occhi Polm oni Grampositivi Gramnegati vi CCOMPOSTI FENOLICI (e) V C IPOCLORITI C ALCOL V FORMALDEIDE (e) (b) G GLUTARALDEIDE (f) NU (c) IODOFORI A (a) +++. buona; ++, discreta; +, scarsa; -, nulla; V, dipende dal virus; C, cationico; A, anionico; NU,non utilizzabile (b) sopra i 40 C (c) sopra i 20 C (e) cancerogeni/a (f) tossica, irritante e mutagena

13 RISCHIO BIOLOGICO REQUISITI DI BIOSICUREZZA BL1 BL2 Caratteristiche di progettazione degli spazi Muri, soffitti e pavimenti devono essere lisci, facili da pulire, impermeabili ai liquidi e resistenti ad agenti chimici e ai disinfettanti. Illuminazione adeguata, evitando riflessi e luce troppo forte. Superfici dei banconi unite ai muri con sostanze sigillanti, resistenti a sostanze chimiche e disinfettanti e impermeabili all acqua. Presenza di lavabi dotati di acqua corrente. Le porte devono rispondere agli standard antincendio, chiudendosi da sè e avere panelli di ispezione. Disponibilità di un autoclave nel laboratorio o nello stesso edificio. Areazione possibilmente meccanica che assicuri un flusso d aria entrante senza ricircolo. Se non esiste areazione meccanica, le finestre devono essere apribili. Sistemi di sicurezza che comprenderanno: sistema antincendio impianto elettrico di emergenza illuminazione di emergenza docce di emergenza presidi di pronto soccorso dotazione per il lavaggio degli occhi. 13

14 RISCHIO BIOLOGICO Attrezzatura Rischio evitato Caratteristiche di sicurezza Cappe di sicurezza biologica (Classe I) Cappe di sicurezza biologica (Classe II) Cappe di sicurezza biologica (Classe III) Aerosol e schizzi Aerosol e schizzi Aerosol e schizzi Un leggero flusso d aria entrante dall apertura di lavoro. Adeguata filtrazione dell aria in uscita Un leggero flusso d aria entrante dall apertura di lavoro. Adeguata filtrazione dell aria in uscita. Massimo contenimento. Schermi protettivi Schizzi di prodotti chimici Formano uno schermo tra l operatore e il lavoro. Propipette Rischi legati al pipettare a bocca, come Facilità d uso. ingestione di patogeni, inalazione di aerosol Controllo della contaminazione della estremità di suzione della pipetta per prodotti dalla suzione della pipetta, dal proteggere la propipetta, l operatore e il circuito del vuoto. soffiare fuori liquido, dal far gocciolare la Possibilità di sterilizzazione. pipetta, contaminazione della estremità di Controllo di eventuali perdite dalla punta della pipetta suzione delle pipette Microinceneritori per anse Schizzi da anse batteriologiche Schermatura mediante tubo di vetro o di ceramica aperto ad un estremità e riscaldato elettricamente o a gas. Contenitori a tenuta per la raccolta e il trasporto di materiali infetti da sterilizzare Attrezzature raccomandate per BL1/2 Areosol, perdite e fuoriuscite Realizzati in modo da garantire la tenuta e dotati di coperchio. Durevoli. Autoclavabili. Autoclavi; manuali o automatiche Materiali infetti (resi sicuri per l eliminazione o il riutilizzo) Progettazione soggetta ad approvazione. Efficace sterilizzazione attraverso calore. Bottiglie con tappo a vite Aerosol e perdite Contenimento efficace. Protezione del circuito del vuoto Contaminazione del sistema del vuoto del laboratorio con aerosol e liquidi in eccesso Un filtro a cartuccia previene il passaggio degli aerosol (particelle della misura di 0,45 µm). La bottiglia per i liquidi in eccesso contiene un disinfettante appropriato. Si può usare un bulbo di gomma per chiudere automaticamente il circuito del vuoto quando la bottiglia è piena. L intera unità è autoclavabile. Maschere e occhiali di sicurezza Urti e schizzi Lenti resistenti agli urti (quando necessario devono essere graduate o indossate sopra gli occhiali). Protezione laterale. Schermi per la faccia Urti e schizzi Protegge l intera faccia Facilmente rimuovibile in caso d incidente. 14

15 BL3 BL4 Progettazione e dotazioni del laboratorio Il laboratorio di sicurezza livello di sicurezza 3 è progettato per il lavoro con microrganismi del gruppo di rischio 3, e con grandi volumi ed alte concentrazioni di microrganismi del gruppo di rischio 2, condizioni che presentano elevati rischi di aerosol o di infezione. La sezione sulla progettazione e le dotazioni dei laboratori di base livelli di biosicurezza 1 e 2 resta valida, eccetto dove modificata come segue: RISCHIO BIOLOGICO REQUISITI DI BIOSICUREZZA Il laboratorio deve essere separato dalle aree dell edificio aperte ai visitatori esterni. L accesso al laboratorio deve essere studiato per prevenire l ingresso di insetti e di altri artropodi. Le porte devono chiudersi da sé e poter essere chiuse a chiave. Possono essere dotate di un pannello a resistenza limitata da rompere in caso di emergenza. Le superfici dei pavimenti, dei muri e dei soffitti devono essere resistenti all acqua e facili da pulire. Le aperture in queste superfici (ad esempio i fori per i passaggi dei tubi) devono essere sigillate per facilitare la decontaminazione degli ambienti. La stanza del laboratorio deve essere sigillabile per la decontaminazione. Le condotte dell aerazione devono permettere la disinfezione mediante gas. L ingresso del personale deve avvenire tramite un vestibolo che fa da filtro (sistema di ingresso a doppia porta). Le finestre devono essere chiuse e sigillate. Vicino a ciascuna uscita deve essere a disposizione un lavandino con rubinetto a pedale o azionabile con il gomito. Deve esserci un impianto di aerazione che crei flusso d aria dall esterno verso l interno del laboratorio. Il sistema di aerazione dell edificio deve essere realizzato in modo tale che l aria proveniente dl laboratorio di sicurezza non venga fatta ricircolare in altre parti dell edificio. L aria in uscita (tranne quella proveniente dalle cappe di sicurezza biologica) deve essere scaricata direttamente all esterno in modo da disperdersi lontano dagli edifici frequentati e dalle prese d aria. Si raccomanda di dotare gli scarichi dell aria di filtri HEPA ("high efficiency particulate air", sistema di filtrazione ad alta efficienza delle particelle in aria). Le cappe di sicurezza biologica vanno poste lontano dalle zone di passaggio e da correnti d aria provenienti da porte, finestre e dall impianto d aerazione in maniera che non si creino turbolenze che possano interferire con il normale funzionamento delle cappe. L aria proveniente dalle cappe di sicurezza biologica classe I o classe II, deve innanzitutto passare attraverso i filtri HEPA e successivamente dovrà essere scaricata all esterno direttamente o attraverso l impianto di ventilazione dell edificio. Nella stanza del laboratorio dovrebbe essere disponibile un autoclave per decontaminare i rifiuti infetti. Se questi rifiuti devono essere portati in altre parti dell edificio per il passaggio in autoclave, vanno tenuti in contenitori a prova di perdite dotati di coperchio. La fornitura idrica deve essere dotata di sistemi che impediscono flussi di ritorno. I liquidi di scarico devono essere scaricati direttamente nella fogna. 15

16 RISCHIO BIOLOGICO REQUISITI DI BIOSICUREZZA Le cappe di Classe I garantiscono la protezione dell operatore tramite un flusso d'aria aspirato da un'apertura frontale, senza prefiltro. L'aria, una volta attraversata la superficie di lavoro, non viene mandata in circolo, ma espulsa all'esterno dopo filtrazione HEPA. Le cappe sono in grado di proteggere l'operatore dalla contaminazione (agenti biologici con basso rischio di infezione), ma non proteggono i campioni da una eventuale contaminazione esterna. 16

17 RISCHIO BIOLOGICO REQUISITI DI BIOSICUREZZA Le cappe di Classe II sono cappe con apertura frontale, attraverso la quale viene immesso un flusso d'aria che viene aspirato sotto il piano di lavoro, filtrato, messo in circolo dall'alto verso il basso (flusso laminare verticale di aria sterile, "barriera" tra l'interno della cabina e l'operatore), quindi, espulso all'esterno dopo filtrazione. In base alla percentuale di aria ricircolata, le cappe si distinguono in: IIA (70% di aria ricircolata, 30% espulsa, IIB (30% di aria ricircolata, 70% espulsa, oppure 100% di aria espulsa). Le cappe IIB prevedono condotti per l'espulsione dell'aria all'esterno dell'edificio. assicurano un buon compromesso di protezione campione-operatore-ambiente. 17

18 RISCHIO BIOLOGICO REQUISITI DI BIOSICUREZZA. Le cappe di Classe III, sono dei "glove box" ermeticamente chiusi. L'aria in ingresso viene immessa attraverso un filtro HEPA sul piano di lavoro, quindi, espulsa attraverso un sistema a doppio filtro HEPA, assicurando all ambiente interno una pressione negativa. Sono dotate di guanti a manicotto, incorporati nella struttura frontale della cappa, che assicurano una barriera totale tra l'operatore e il piano di lavoro. I campioni sono soggetti al rischio di contaminazioni crociate dovute alla turbolenza del flusso d'aria all'interno della cabina. Sono indicate per lavorazioni ad alto rischio, ad esempio: agenti biologici del gruppo 4. 18

19 Corretto uso delle cappe RISCHIO BIOLOGICO REQUISITI DI BIOSICUREZZA. accendere il motore di aspirazione almeno 10 minuti prima dell inizio delle attività per stabilizzare il flusso laminare; al fine di garantire la corretta velocità del flusso d'aria, in particolare per le cappe di Classe II, assicurarsi che le griglie di aspirazione non siano bloccate da materiali, attrezzature, apparecchiature; accertarsi che il vetro frontale (se a scorrimento) sia alla altezza giusta (20-30 cm); ridurre allo stretto indispensabile la presenza sotto cappa di oggetti, contenitori, apparecchiature; sotto le cappe di Classe II e III è vietato l'uso di becchi Bunsen o altri tipi di bruciatori, per evitare la deviazione del flusso interno dell'aria e il possibile danneggiamento dei filtri HEPA; lavorare il più possibile nella zona centrale della cappa; i rifiuti delle lavorazioni devono essere posizionati in idonei contenitori per rifiuti biologici, collocati all'interno della cappa. I contenitori possono essere trasferiti all'esterno dopo una verifica della chiusura a tenuta del tappo, dell'esistenza dell'etichetta con il segnale di rischio biologico e della assenza di residui sulla superficie esterna; le apparecchiature e i contenitori utilizzati, prima di rimuoverli dalla cappa devono essere disinfettati; al termine delle attività, pulire accuratamente il piano di lavoro della cappa con materiale disinfettante; In caso di versamento di materiale biologico all'interno della cappa, adottare la seguente procedura: 1. non spegnere la cappa; 2. rimuovere, immediatamente, dal piano di lavoro, con materiale imbevuto di disinfettante, i versamenti; 3. disinfettare le pareti, le superfici e gli strumenti (se il piano di lavoro è una superficie continua, coprirlo con disinfettante e lasciare agire per alcuni minuti; in caso contrario - ad esempio, piano forato - asportare i componenti e pulirli accuratamente con disinfettante). 4. dopo la fine delle operazioni, lasciare la cappa in funzione per circa 10 minuti. 19

20 Riassumendo GRUPPI DI RISCHIO PER LIVELLO DI BIOSICUREZZA GRUPPO LIVELLO DI BIOSICUREZZA PRATICHE ATTREZZATURE 1 di base Livello 1 2 Di base Livello 2 3 Di sicurezza/ /contenimento Livello 3 4 di massima sicurezza/ /contenimento Livello 4 Buona pratica di laboratorio Buona pratica di laboratorio + DPI e segnali di pericolo Come Liv.2 + DPI speciali, accesso controllato, ventilazione senza ricircolo Come Liv. 3+Ingresso autorizzato, camera stagna, doccia di decontaminazione, precauzioni speciali per smaltimento rifiuti Banco da lavoro Banco da lavoro + Cappe di Sicurezza per le attività con produzione di aerosol Cappe di Sicurezza per tutte le attività Classe di sicurezza di Classe III o tute pressurizzate con Cappe di Classe II, autoclave passante e sistema di ventilazione con filtri assoluti

21 Comportamenti sicuri utilizzare camici dedicati e guanti protettivi idonei; utilizzare il più possibile contenitori chiusi monouso ed evitare materiali taglienti; effettuare ove possibile tutte le manipolazioni sotto cappe a flusso laminare (tipo Biohazard); le cappe a flusso laminare devono essere allarmate per segnalare eventuali cadute di efficienza; le cappe a flusso laminare devono essere munite di procedure per controlli periodici e per emergenze specifiche; evitare di abbandonare campioni aperti sotto le cappe; bonificare periodicamente le cappe e i banchi di lavoro seguendo le procedure stabilite e in ogni caso prima e dopo ogni intervento manutentivo; tutte le operazioni che non è possibile effettuare sotto cappa (estrazioni, centrifugazioni, letture di test) devono essere procedurizzate e devono essere organizzate per ridurre al minimo gli spostamenti di materiale da laboratorio a laboratorio; le operazioni di trasporto devono essere ridotte al minimo ed effettuate sempre con l'ausilio di contenitori di sicurezza sigillati e all interno di contenitori secondari ; devono essere sempre presenti ben in vista le procedure e i mezzi di inattivazione in caso di incidente; tutto il materiale classificato come al punto A1 deve essere conservato in frigoriferi, armadi o altri contenitori chiusi, recanti il simbolo Biohazard, l'indicazione del contenuto e l'elenco del personale autorizzato alla manipolazione e all'intervento in caso di emergenza; la localizzazione di tali contenitori deve essere comunicata al Servizio Prevenzione e Protezione ; le procedure di inattivazione devono essere sempre rigidamente applicate e verificate; i rifiuti devono essere smaltiti seguendo le procedure d'area specifiche.

22 STABULARIO Surgery Necropsy 18 B2 B2 B2 Electroporation

23 LISTA DEGLI AGENTI BIOLOGICI AUTORIZZATI ALL USO VIRUS SUBTYPE Biosafety PATHOGENICITY Level Adeno-associated virus (AAV) 2 H (for human) ADENOVIRUS Murine Adenovirus A 2 Human Adenovirus serotype 5 2 H (for human) BACULOVIRUS 2 LENTIVIRUS phage HIV-1 2 RETROVIRUS Moloney murine leukemia virus 2 BACTERIA E.COLI Escherichia coli (bacterial strains which have definitively lost their virulence (e.g. E. Coli K12, E. Coli chi-1776 and MRC 1 as well as B and C strains of E. Coli) CELL LINES CHO 1 Cos Cells contain SV-40 viral DNA sequences ES-D3 B6 white murine ES cell line 1 ES-R1 mir-trap ES-R1 1 HEK Cells contain adenovirus Hela 2 HT MDCK (NBL-2) 1 MEF (C57BL/6) [MEF-BL/6-1] 1 N2A (Neuro-2a) 1 PC-12 1 SH-SY5Y 1 T3-3A1 [3A1] 1 U-2 OS 1 Cells contain human papilloma virus

24 AGENTI BIOLOGICI NEUROSCIENCE AND BRAIN TECHNOLOGIES DEPARTMENT Room Tipo di rischio biologico Biosafety Level Stanza Biosafety Level - Agenti biologici 14 BCL2 Facility Virus Radioactivity Facility Virus Cell Culture Facility Stem Cells Cell Culture Facility Organotypic Cultures Cell Culture Facility Primary Neurons Cell Culture Facility Cell Lines Linee primarie 2 1 Linee primarie 2 1 Linee primarie 2 1 Linee Cellulari E. Coli Facility Batteri Molecular Biology & Biochemistry Linee primarie Neurotechnology Optical Tweezers Chronic Stimulation Facility Linee primarie 2 1

25 AGENTI A RISCHIO CHIMICO - ETICHETTA

26 Agenti Chimici COSA SI TROVA SULL ETICHETTA: Nome del preparato Recapito del fabbricante o distributore Simboli Frasi di rischio Consigli di prudenza Quantità

27 Agenti Chimici LA NUOVA ETICHETTA:

28 Scheda di sicurezza Prima di iniziare qualsiasi attività che prevede l uso di una sostanza chimica conosciuta è necessario consultare la relativa scheda di sicurezza MATERIAL SAFETY DATA SHEETS

29 Contenuti della scheda di sicurezza (Direttiva 2001/58 CE, 1999/45 CE) 1 Elementi identificativi della sostanza o del preparato e della società/impresa 2 Composizione/informazione sugli ingredienti 3 Indicazione dei pericoli 4 Misure di pronto soccorso 5 Misure antincendio 6 Misure in caso di fuoriuscita accidentale 7 Manipolazione e stoccaggio 8 controllo dell esposizione/protezione individuale

30 Contenuti della scheda di sicurezza 9 Proprietà fisiche e chimiche 10 Stabilità e reattività 11 informazioni tossicologiche 12 Informazioni ecologiche 13 Considerazioni sullo smaltimento 14 informazioni sul trasporto 15 Informazioni sulla regolamentazione 16 Altre informazioni

31 Gravità Frequenza d uso Esposizione Vecchia Direttiva 67/548/CEE Nuovo Regolamento 1272/2008/CE 31/12/2010 Xi = IRRITANTE O = COMBURENTE Xn = NOCIVO E = ESPOSIVO T = TOSSICO T+ = MOLTO TOSSICO C = CORROSIVO F = INFIAMMABILE F+ = MOLTO INFIAMMABILE N = PERICOLOSO PER L AMBIENTE

32 IL CONFRONTO:

33 Fattore gravità (G) Vecchia Direttiva 67/548/CEE Nuova Direttiva 1272/2008/CE G = 1 Nocivo per ingestione R 22 H302 G = 2 Nocivo per inalazione R 20 H332 G = 2 Nocivo a contatto con la pelle R 21 H312 G = 2 Tossico per ingestione R 25 H301 G = 2 Provoca ustioni R 34 H314 G = 2 Provoca gravi ustioni R 35 H314 G = 2 Rischio di gravi lesioni oculari R 41 H318 G = 2 Può provocare sensibilizzazione per contatto con la pelle R 43 H317 G = 2 Nocivo: per ingestione può causare danni polmonari R 65 H304 G = 2 L inalazione dei vapori può provocare sonnolenza e vertigini R 67 H336 G = 3 Tossico per inalazione R 23 H331 G = 3 Tossico a contatto con la pelle R 24 H311 G = 3 Può provocare sensibilizzazione per inalazione R 42 H334

34 R 26 H330 Molto tossico per inalazione R 27 H310 Molto tossico a contatto con la pelle R 28 H300 Molto tossico se ingerito R 33 H372 Pericolo di effetti cumulativi R 39 H370 Pericolo di effetti irreversibili molto gravi R 40 H351 Possibilità di effetti cancerogeni - prove insufficienti R 45 H350 Può provocare il cancro R 46 H340 Può provocare alterazioni genetiche ereditarie R 48 H373 G = 4 Pericolo di gravi danni per la salute in caso di esposizione prolungata R 49 H350i Può provocare il cancro per inalazione R 60 H360, H360FD, H360F, H360Fd Può ridurre la fertilità R 61 H360, H360FD, H360D, H360Df Può danneggiare i bambini non ancora nati R 62 H361, H361fd, H361f Possibile rischio di ridotta fertilità R 63 H361, H361fd, H361d Possibile rischio di danni ai bambini non ancora nati R 64 H362 Possibile rischio per i bambini allattati al seno R 68 H341, h371 Possibilità di effetti irreversibili

35 G = 4 G = 4 Esempi di agenti chimici con G=4 nel Dipartimento IIT R 26 : Molto tossico per inalazione Acrylamide/Bis-acrylamide 30% (Mix 37,5:1) Lab 12, 32 Cadmium Chloride Lab 1-4, 2-5, 3 Eserine Hemisulfate Lab 1-4 Ethydium bromide Lab 12 Hygromycine Lab 12 Nicotine Dihydrogenditartrate Lab 10 Oxotremorine sesquifumarate salt Lab 1-4 SL327 Lab 10 Strychnine Lab 10 Tetrodotoxin (TTX) Lab 1-4, 2-5, 3, 7, 12 R 27 : Molto tossico a contatto con la pelle Hygromycine Lab 12 Nicotine Lab 10 Nicotine Dihydrogenditartrate Lab 10 Oxotremorine sesquifumarate salt Lab 1-4 SL327 Lab 10 Strychnine Lab 10 Tetrodotoxin (TTX) Lab 1-4, 2-5, 3, 7, 12

36 G = 4 G = 4 G = 4 R 62 : Possibile rischio di ridotta fertilità - Nocivo per la riproduzione Acrylamide/Bis-acrylamide 30% (Mix 37,5:1) Lab 12, 32 DPX Lab 15 Naloxone Lab 10 R 63 : Possibile rischio di danni ai bambini non ancora nati - Teratogeno Clozapine Lab 18 EZ-Link-Sulfo-NHS-Biotin Lab 32 Thiourea Lab 17 Toluene Lab 17, 36, 38, 40, 44 R 64 : Possibile rischio per i bambini allattati al seno

37 G = 4 R 68 : Possibilità di effetti irreversibili - Mutageno Acrylamide/Bis-acrylamide 30% (Mix 37,5:1) Lab 12, 32 Aniline Lab Clozapine Lab 18 Developer part B for Agfa processor Dark Room Eosyn Y Solution Lab 15 Ethydium bromide Lab 17, 12 Fast Green Lab 7 Nickel Chloride Lab 3 OPD Peroxidase substrate Lab 18 Phenol Lab 12 Phenol: Chloroform: Isoamyl Alcohol 25:24:1 saturated with 10mM Tris, ph 8.0, 1 mm EDTA Phenol Solution, Saturated with 0.1 M CITRATE BUFFER ph 4.3 ± 0.2 Lab 17 Lab 17 m-phenylenediamine Lab

38 G = 4 G = 4 R 33 : Pericolo di effetti cumulativi R 39 : Pericolo di effetti irreversibili molto gravi 2-Butanone Lab Comassie Brillant Blue G Lab 17, 12 Comassie Protein Assay (Bradford) Lab 17 Eosyn Y Solution Lab 15 Formaldehyde Lab 17 Methanol Lab 17, 12, 18

39 G = 4 R 40 : Possibilità di effetti cancerogeni-prove insufficienti - Cancerogeno Aniline Lab Assay Lab Chloroform Lab 17 Developer part B for Agfa processor Dark Room Diamino benzidine (DAB) Lab 15 Dichloromethane Lab 3 ECL Plus Western Blotting Reagent (GE-Healthcare) Lab 32 Formaldehyde Lab 17 GF X Lab 12 Hydroxylamine Lab 12 IPTG Lab 17, 32 Monasin Lab 12 Nickel Lab 2-5 Nickel Sulfate hexahydrate Lab 17 OPD Peroxidase substrate Lab 18 Paraformaldehyde Lab 17, 2-5, 6, 7,12 Phenol: Chloroform: Isoamyl Alcohol 25:24:1 saturated with 10mM Tris, ph 8.0, 1 mm EDTA Lab 17 Thiourea Lab 17

40 G = 4 R 48 : Pericolo di gravi danni per la salute in caso di esposizione prolungata Acrylamide/Bis-acrylamide 30% (Mix 37,5:1) Lab 12, 32 Cadmium Chloride Lab 1-4, 2-5, 3 Chloroform Lab 17 N-Hexane Lab Hydroxylamine Lab 12 Nickel Lab 2-5 Nickel Chloride Lab 3 Phenol Lab 12 Phenol: Chloroform: Isoamyl Alcohol 25:24:1 saturated with 10mM Tris, ph 8.0, 1 Lab 17 mm EDTA Phenol Solution, Saturated with 0.1 M CITRATE BUFFER ph 4.3 ± 0.2 Lab 17 m-phenylenediamine Lab Toluene Lab 17,

41 G = 4 G = 4 R 60 : Può ridurre la fertilità - Nocivo per la riproduzione Boric acid Lab 12 Cadmium Chloride Lab 1-4, 2-5, 3 Cocaine Hydrochloride Lab 18 Sodium Tetraborate Decahydrate Lab 17 Xylene Cyanole Lab 12 R 61 : Può danneggiare i bambini non ancora nati - Teratogeno Tris-Borate-EDTA Buffer Lab 12 Cadmium Chloride Lab 1-4, 2-5, 3 DPX Lab 15 Formamide Lab 17 Furosemide Lab 7 Kanamycin Sulfate from Streptomyces Kanamyceticus Lab 17 Nickel Chloride Lab 3 RNA Sample Loading Buffer Without Ethidium Bromide Lab 17 Sodium Tetraborate Decahydrate Lab 17 Xylene Cyanole Lab 12

42 R 45 : Può provocare il cancro - Cancerogeno Acrylamide/Bis-acrylamide 30% (Mix 37,5:1) Lab 12, 32 Chloramphenicol Lab 17 Beta Estradiol Lab 12 Bis-acrylamide Lab 12 Cadmium Chloride Lab 1-4, 2-5, 3 m-phenylenediamine Lab RNA Sample Loading Buffer Without Ethidium Bromide Lab 17 Urethane Lab 1-4, 7, 12 R 46 : Può provocare alterazioni genetiche ereditarie - Mutageno Acrylamide/Bis-acrylamide 30% (Mix 37,5:1) Lab 12, 32 Bis-acrylamide Lab 12 Cadmium Chloride Lab 1-4, 2-5, 3 RNA Sample Loading Buffer Without Ethidium Bromide Lab 17 R 49 : Può provocare il cancro per inalazione - Cancerogeno Nickel Chloride Lab 3

43 Agenti chimici infiammabili in IIT ACETONE LIQUIDO AMMONIUM PERSULFATE POLVERE DIETHYL ETHER LIQUIDO ECL PLUS WESTERN BLOTTING REAG, 1 EA. LIQUIDO ETHANOL, >=99.8% LIQUIDO Ethanol, 96% LIQUIDO Ethanol, 90 Denatured LIQUIDO GLUTATHIONE SEPHAROSE 4B, 10 ml RESINA METHANOL LIQUIDO Ni Sepharose 6 Fast Flow, 25 ml RESINA NITRIC ACID LIQUIDO POTASSIUM NITRATE POLVERE 2-PROPANOL (ISOPROPANOL) LIQUIDO nprotein A SEPHAROSE 4 FAST FLOW, 5 ml RESINA PROTEIN G SEPHAROSE 4 FAST FLOW, 5 ml RESINA SODIUM DODECYL SULFATE POLVERE STREPTAVIDIN SEPHAROSE HIGH PERFORMANCE, 5 ml RESINA TEMED (N,N,N',N'-Tetramethylethylendiamine) LIQUIDO TOLUENE LIQUIDO XYLENES LIQUIDO

44 GESTIONE DELLE SOSTANZE E MATERIALI PERICOLOSI Esigenza di acquisto di nuova sostanza chimica o materiale Richiedente Ricerca di sostanza/materiale alternativo meno pericoloso Richiedente RSPP Medico Competente RSL SI Valutazione della necessita di ingresso della sostanza/materiale Valutazione preventiva del rischio Richiesta al fornitore della scheda di sicurezza a 16 p.ti (aggiornata al 31/12/2010 e in italiano ed inglese ) Richiesta della scheda tecnica Modulo di accettazione sostanza/ materiale La sostanza/materiale ha le seguenti caratteristiche di pericolo: R45 - Puo provocare il cancro R49 - Puo provocare il cancro per inalazione R40 -Possibilita di effetti cancerogeni prove insufficienti R46 Puo provocare alterazioni genetiche ereditarie R60 Puo ridurre la fertilita R61 Puo danneggiare i bambini non ancora nati R62 Possibile rischio di ridotta fertilita R63 - Possibile rischio di danni ai bambini non ancora nati R 64 - Possibile rischio per i bambini allattati al seno R 68 - Possibilita di effetti irreversibili R Molto tossico R Infiammabile/Altamente infiammabile Materiale radioattivo (isotopi) Materiale biologico BSL 2, 3, 4 NO Scheda di sicurezza Scheda tecnica NO Parere positivo? SI Predisposizione misure tecniche/organizzative/ DPI Acquisto consentito STOP Direttore/Responsabile di laboratorio

45 2. DOVE! Deposito sostanze chimiche Cappe Strumentazione varia

46

47 Requisiti dei frigoriferi da laboratorio per reagenti infiammabili/esplosivi I frigoriferi adatti allo Scopo devono possedere i seguenti requisiti: Il rivestimento interno e esterno deve essere preferibilmente in acciaio inox Tutta la struttura deve essere collegata a terra La maniglia della porta del frigorifero deve permettere la messa a terra delle scariche elettrostatiche eventualmente trasportate dall operatore Il frigorifero deve essere munito di termostato di sicurezza con allarme sonoro I reagenti stoccati all interno devono essere confezionate in bottiglie ermeticamente chiuse e custodite in doppio sacchetto di politene atto a contenere eventuali sversamenti accidentali ed appoggiati sopra idonei ripiani I reagenti non devono essere il più possibile incompatibili tra loro Le caratteristiche IP dell impianto elettrico non deve essere inferiore a quello del laboratorio L esecuzione elettrica dell impianto deve essere senza contatti interni alla camera di raffreddamento oppure rispondere alle caratteristiche CEI di antideflagranza.

48 DEPOSITO AGENTI CHIMICI Room 17 MSDS S L

49 DEPOSITO AGENTI CHIMICI Room 15 ACIDO NITRICO PAF

50 CAPPE BIOLOGICHE a flusso laminare verticale Cappa biologica per la produzione e la purificazione di virus Cappa biologica per l infezione di linee cellulari o animali* ACCESSO CONSENTITO AL SOLO PERSONALE AUTORIZZATO!!!

51 CAPPE CHIMICHE Cappa chimica di uso comune per processi pericolosi Cappa chimica per phare, pesare e sciogliere SOLO SOSTANZE PERICOLOSE!!! * Cappa chimica per il trattamento dei vetrini con acido nitrico e per preparare soluzioni di PFA 17 Cappa chimica per perfondere animali e per altri processi pericolosi CAPPA PER RADIOCHIMICA

52 MSDS 32 Cappa chimica per lavorazioni con gels di acrilamide Cappa chimica per lavorazioni con gels di agarosio

53 STRUMENTAZIONE VARIA STANZA SRUMENTI 25 bis STANZA CENTRIFUGHE 28

54 3. COME! DPI Smaltimento rifiuti speciali Versamenti accidentali

55 DPI (Dispositivi di Protezione Individuale) GUANTI CAMICE MASCHERINA OCCHIALI

56 Uso e manipolazione Per ogni sostanza si devono seguire le indicazioni riportate nelle schede di sicurezza. L uso in sicurezza di sostanze o preparati pericolosi prevede l utilizzo di eventuali dispositivi di protezione individuali.

57 Agenti Chimici NON ESISTONO DISPOSITIVI IN GRADO DI PROTEGGERE DA TUTTI I RISCHI PRESENTI, MA SI IMPIEGANO RESPIRATORI SPECIFICI PER OGNI DETERMINATA LAVORAZIONE

58

59 Agenti Chimici FILTRI ANTIPOLVERE: Costruzione: filtri in fibra polipropilenica caricata elettrostaticamente. Durata: i filtri antipolvere devono essere sostituiti quando si avverte un aumento sensibile della resistenza respiratoria. Le norme tecniche prevedono comunque che i facciali filtranti antipolvere debbano essere cambiati dopo ogni turno di lavoro.

60 Agenti Chimici FILTRI PER GAS E VAPORI: Costruzione filtri in carbone attivo, in grado di trattenere specifiche famiglie di composti chimici per assorbimento. Durata quando il filtro a carbone attivo si è saturato del composto, l utilizzatore avverte nuovamente l odore o sapore del gas/vapore, il filtro ha quindi esaurito la sua capacità e deve essere sostituito

61 DPC (Dispositivi di protezione collettiva) Appropriate misure organizzative e di protezione collettive alla fonte del rischio

62

63 Ventilazione Un ruolo fondamentale nel garantire la sicurezza in un luogo dove si adoperano sostanze chimiche è rivestito dall impianto di ventilazione, condizionamento e aspirazione.

64 Stoccaggio Si devono seguire le indicazioni riportate sulle schede di sicurezza per le singole sostanze. Il criterio generale deve essere quello di prevenire le situazioni di rischio. Per lo stoccaggio di sostanze tossiche i criteri sono particolarmente severi, impongono sistemi a tenuta, sistemi di neutralizzazione strumenti e procedure di sicurezza

65 Stoccaggio - 2 Infiammabili Esplosivi Tossici Radioattivi Comburenti O Nocivi O + + E consentito immagazzinarle assieme - NON E consentito immagazzinarle assieme O E consentito immagazzinarle assieme, purché vengano adottati provvedimenti particolari

66 Rischio chimico Uso di bombole di gas compressi COLORAZIONI 66

67 Rischio chimico Misure di sicurezza generali Uso di bombole di gas compressi I liquidi criogenici hanno in comune: la temperatura estremamente bassa ed il notevole aumento di volume che accompagnano la loro vaporizzazione. A seguito di queste caratteristiche vanno considerati alcuni fattori riguardanti l adozione di alcune norme comportamentali: utilizzare solo contenitori progettati e certificati specificatamente per l uso richiesto l operatore deve sempre indossare i Dispositivi di Protezione Individuale (ad esempio, guanti, visiera, occhiali, calzature protettive) in caso di perdite con formazione di nubi di vapore, l operatore deve allontanarsi (azoto, argon e elio, in quantità eccessiva, riducono la concentrazione di ossigeno nell aria e possono determinare asfissia e formazione di una atmosfera sottoossigenata: concentrazioni di ossigeno inferiori al 18% sono già considerate pericolose) Anche se situazioni di asfissia sono poco probabili, è comunque buona norma, nel caso di fuga di gas "inerti" (ad esempio, azoto, argon, elio) allontanarsi dal laboratorio e rientrarvi solo dopo averlo aerato. l accesso ai locali dove vengono utilizzati liquidi criogenici, deve essere limitato al personale autorizzato Le bombole di gas compressi vanno sempre legate con una catenella alle pareti. 67

68 SMALTIMENTO RIFIUTI SPECIALI RIFIUTI LIQUIDI SOLIDI Contaminati Non contaminati Contaminati da agenti chimici Contaminati da agenti biologici

69 SOLIDI BIDONI NERI RIFIUTI CHIMICI SOLIDI E MATERIALI CONTAMINATI DA AGENTI CHIMICI Gel con bromuro di etidio, gel di acrilammide Materiale monouso contaminato da agenti chimici tossico-nocivi (provette, pipette, guanti, puntali, carta,...) Rottami di vetro contaminati da agenti chimici tossico-nocivi Pasteur di vetro contaminate da agenti chimici tossico-nocivi, previo inserimento in contenitori rigidi Contenitori in vetro e plastica che hanno contenuto sostanze chimiche BIOBOX IN CARTONE da 60 L RIFIUTI BIOLOGICI SOLIDI E MATERIALI CONTAMINATI DA AGENTI BIOLOGICI Materiale monouso contaminato da agenti biologici (piastre, fiasche, provette, pipette, guanti, puntali, carta,...) Bottiglie di plastica (chiuse) contenenti pasteur di vetro contaminate da materiale biologico MATERIALI TAGLIENTI CONTAMINATI DA AGENTI BIOLOGICI Aghi, bisturi, lamette, vetrini,... AGOBOX

70 MAX 6 Kg SCRIVERE IL PESO SUL CONTENITORE MAX 10 Kg

71 LIQUIDI MISCELE DI SOLVENTI ORGANICI ALOGENATI Cloroformio, soluzionio di etidio bromuro,... TANICHE MISCELE DI SOLVENTI ORGANICI NON ALOGENATI MISCELE DI ACIDI SOLUZIONI DI ACIDO NITRICO OLII ESAUSTI LIQUIDOO DI SVILUPPO FOTOGRAFICO LIQUIDOO DI FISSAGGIO FOTOGRAFICO SOLUZIONI ACQUOSE VENUTE A CONTATTO CON MATERIALE BIOLOGICO INCOMPATIBILITA! Comassie Blue, Silver Staining, fissativi e coloranti per tessuti, sodio azide, xilene, toluene, soluzioni per rivelazione anticorpi, piridina, amine aromatiche, miscele utilizzate nella preparazione di acidi nucleici, miscele di eluati cromatografici, miscele derivanti da sintetizzatori, sequenziatori e analizzatori,... TERRENI DI COLTURA, BRODI DI COLTURA e PARAFORMALDEIDE per il fissaggio di tessuti, previa inattivazione con ipoclorito di sodio al 5%

72 SCARTI DI TERRENI DI COLTURA, BRODO DI BATTERI e PAF da fissazione di tessuti 1 2 Mettere 1 panno assorbente piegato a metà sul fondo di un bidone nero Previa inattivazione con 2 pastiglie di BIOSPOT

73 SOLUTIONI CONTENENTI ETIDIO BROMURO Buttare le soluzioni filtrate nelle TANICHE degli ALOGENATI Buttare gli estrattori usati nei BIDONI NERI

74 Zona di raccolta rifiuti speciali e loro contenitori BIDONI NERI da smaltire BIOBOXES da smaltire TANICHE da smaltire 25 bis 26 BIDONI NERI, BIOBOXES e AGOBOXES nuovi TANICHE nuove Terrazzo

75 Emergenza Per una corretta gestione delle emergenze devono essere disponibili negli ambienti di lavoro i telefoni dei Vigili del Fuoco, della Guardia Medica, dell Ospedale e del centro antiveleni più vicini Devono essere inoltre disponibili una doccia di emergenza ed un lavaocchi. In caso di infortunio con sostanze chimiche è buona prassi trasmettere al personale medico le schede di sicurezza delle sostanze stesse

76 VERSAMENTO ACCIDENTALE DI AGENTI CHIMICI Polvere assorbente Panni assorbenti Rotisorb Universal absorber Rotisorb Ideal for absorption of inflammable, oily, and aggressive LIQUIDOs such as anorganic and organic acids, alkaline solutions, alcohols, aldehydes, amines, esters, aromatic, chlorinated and aliphatic hydrocarbons, substance compounds, e. g. paint, heating oil, fuels, lacquers, motor lubricants. 1Kg absorbes since 2,5 liters

77 VERSAMENTO ACCIDENTALE DI AGENTI BIOLOGICI Biohazard Spill Kit

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome prodotto 1.3.

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti. 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Nome commerciale : Società : Dow Corning S.A. rue Jules Bordet - Parc Industriel - Zone C B-7180 Seneffe Belgio

Dettagli

SILESTONE. Scheda di Dati di Sicurezza 01 IDENTIFICAZIONE DEL ARTICOLI E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA

SILESTONE. Scheda di Dati di Sicurezza 01 IDENTIFICAZIONE DEL ARTICOLI E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA 9ª Versione, data revisione: Dicembre 2013, sostituisce la versione del por luglio 2010. Aggiornato con A.St.A. Europe (Agglomerated Stones Association of Europe) SILESTONE Scheda di Dati di Sicurezza

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1. Identificazione della sostanza o del preparato Miscela di oli essenziali

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI Pag. 1 di 7 SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA' DENOMINAZIONE COMMERCIALE PRODOTTO: PROCESS OIL NC 100 CODICE PRODOTTO: 4S99 USO O DESCRIZIONE:

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

: acido 4-Formilfenilboronico

: acido 4-Formilfenilboronico UnaveraChemLab GmbH SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA secondo il Regolamento (CE) Num. 1907/2006 Versione 5.1 Data di revisione 04.07.2013 Data di stampa 12.11.2014 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 dentificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 dentificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Non sono

Dettagli

LA SICUREZZA NEI LABORATORI ANALISI

LA SICUREZZA NEI LABORATORI ANALISI Azienda USL Rimini agosto 2000 Sicurezza LA SICUREZZA NEI LABORATORI ANALISI a cura di: Dott.ssa Castellani Francesca 25 Sommario INTRODUZIONE... 5 1. AGENTI BIOLOGICI... 7 1.1 Misure e livelli di contenimento

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1

RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1 RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1 SCHEDA DATI DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA TIP TOP

Dettagli

2.1 Classificazione della sostanza o della miscela Il prodotto è classificato come pericoloso ai sensi della direttiva 1999/45/CE

2.1 Classificazione della sostanza o della miscela Il prodotto è classificato come pericoloso ai sensi della direttiva 1999/45/CE (Regolamento n 453/2010/UE) Data emissione: 09-05-2005 Numero revisione: 07.13 Data revisione: 07 giugno 2013 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELLA SOCIETA /IMPRESA 1.1 Identificazione

Dettagli

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Tween 20 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA, S.A. E 08110

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

Scheda di sicurezza ai sensi della direttiva comunitaria 91/155

Scheda di sicurezza ai sensi della direttiva comunitaria 91/155 1 1 Elementi identificativi della sostanza o del preparato e della società/impresa produttrice. - Dati del prodotto Denominazione commerciale: mega-trim Polvere Produttore/fornitore: Megadental Vertrieb

Dettagli

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Questo documento è stato redatto in collaborazione con la Commissione per gli Affari Ambientali di EUROBAT (maggio 2003) ed esaminato dai membri

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Catalizzatore Kjeldahl(Se) pastiglie 1.2 Nome della societá o ditta:

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

PYRAMIN DF 1KG. 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società. 2. Composizione / Informazioni sugli ingredienti

PYRAMIN DF 1KG. 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società. 2. Composizione / Informazioni sugli ingredienti Scheda dei dat Scheda dei dati di Sicurezza Pagina: 1/8 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società PYRAMIN DF 1KG Uso: antiparassitario, erbicida Ditta: BASF Italia Spa Divisione Agro Via

Dettagli

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 NORME IGIENICO - SANITARIE I prodotti fitosanitari sono sostanze pericolose:

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza B G 0 1 Pagina n. 1 / 5 Scheda Dati di Sicurezza 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: D1613 Denominazione BG01 Nome

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Protezione da Ebola Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Ed.Ottobre 2014 Il virus Ebola: la sua natura, come si diffonde, quanto è pericoloso L ebola è un virus appartenente alla

Dettagli

C.A-L. ITALIA SRL C.A-L. VISION SOL

C.A-L. ITALIA SRL C.A-L. VISION SOL Pagina n. 1 / 6 Scheda Dati di Sicurezza 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/im presa 1.1. Identificatore del prodotto Denominazione 1.2. Pertinenti usi identificati della

Dettagli

SPRING COLOR SRL PRIM. C.S. - PRIMER CENTRI STORICI

SPRING COLOR SRL PRIM. C.S. - PRIMER CENTRI STORICI Pagina n. 1 / 6 Scheda Dati di Sicurezza 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Codice: Denominazione PRIM. C.S. PRIMER CENTRI STORICI

Dettagli

: Basfoliar 20+20+20 SP

: Basfoliar 20+20+20 SP 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/ impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome commerciale : 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

Scheda di sicurezza In conformità alla Direttiva CE No. 1907/2006 (REACH)

Scheda di sicurezza In conformità alla Direttiva CE No. 1907/2006 (REACH) Data di revisione: 2008 04 29 Versione: 3.0 1. Identificazione del preparato e della società produttrice Prodotto otto: ZytoDot CISH 2C Probe Kit Codice prodotto: C-3022 Applicazi zione one: Solo per uso

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Articolo numero: A4972 Numero CAS: 9001-63-2 Numeri CE: 232-620-4 1.2 Usi pertinenti

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti. 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Nome commerciale : Fornitore : Dow Corning S.A. Parc Industriel - Zone C B-7180 Seneffe Belgio Servizio : Dow

Dettagli

1. Identificazione della sostanza/del preparato e della società/impresa

1. Identificazione della sostanza/del preparato e della società/impresa 1. Identificazione della sostanza/del preparato e della società/impresa Identificazione della sostanza o preparato Art.-No 590 285, 590 2842, 590 2859, 590 290, 590 20 Utilizzazione della sostanza/preparato

Dettagli

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.0.- Disinfettanti e loro caratteristiche Questa sezione descrive alcune famiglie di disinfettanti facilmente reperibili sul mercato che attualmente vengono

Dettagli

Classificazione secondo la direttiva 67/548/CE o 1999/45/CE Altamente tossico per gli organismi acquatici.

Classificazione secondo la direttiva 67/548/CE o 1999/45/CE Altamente tossico per gli organismi acquatici. 1. Identificazione della miscela e della società 1.1. Identificatore del prodotto 1.2. Usi pertinenti identificati della miscela e usi sconsigliati Brillantante per impiego industriale a macchina 1.3.

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Flosina B(C.I. 45410) 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA,

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE Antisepsi - Asepsi ANTISEPSI: : mira a rallentare lo sviluppo dei germi (freddo) ASEPSI: consiste nell applicazione di una serie di norme atte a impedire che su un determinato

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/7 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI Revisione 01 - Maggio 2013 A cura di: Servizio Prevenzione, Protezione, Ambiente e Sicurezza 1 MANIPOLAZIONE ESPLODENTI Premessa Rientrano in questa situazione di rischio tutte le attività che prevedono

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

1. Identificazione della sostanza/del preparato e della società/impresa

1. Identificazione della sostanza/del preparato e della società/impresa 1. Identificazione della sostanza/del preparato e della società/impresa Identificazione della sostanza o preparato Art.-No.: 515 9152, 515 90, 515 927, 515 94, 515 96, 515 941, 515 958, 515 959, 515 965,

Dettagli

Malattia da Virus Ebola (MVE) Approfondimento sui dispositivi di protezione individuale: caratteristiche tecniche ed uso

Malattia da Virus Ebola (MVE) Approfondimento sui dispositivi di protezione individuale: caratteristiche tecniche ed uso Aggiornamento: 20 Ottobre 2014 Malattia da Virus Ebola (MVE) Approfondimento sui dispositivi di protezione individuale: caratteristiche tecniche ed uso 1. Introduzione Il presente aggiornamento tecnico

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

MANUALE DI SICUREZZA NEI LABORATORI

MANUALE DI SICUREZZA NEI LABORATORI MANUALE DI SICUREZZA NEI LABORATORI Edizione in lingua italiana Terza edizione Supplemento di Prevenzione Oggi numero 2 anno 2005 - Poste Italiane S.p.A. Spedizione in Abbonamento Postale 70% - DCB - Roma

Dettagli

: perma High temp. / Extreme pressure grease SF05

: perma High temp. / Extreme pressure grease SF05 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/ impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome del prodotto : 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

Commissione europea. DG Occupazione, affari sociali e pari opportunità. Unità F.4. Redazione completata nel giugno 2005

Commissione europea. DG Occupazione, affari sociali e pari opportunità. Unità F.4. Redazione completata nel giugno 2005 LINEE DIRETTRICI PRATICHE DI CARATTERE NON OBBLIGATORIO SULLA PROTEZIONE DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA DEI LAVORATORI CONTRO I RISCHI CONNESSI CON GLI AGENTI CHIMICI SUL LAVORO (Articoli 3, 4, 5, 6 e

Dettagli

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI POSTER con 10 consigli inclusi UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI nella gestione dei solventi in collaborazione con ESIG European Solvents Industry Group (ESIG) è un associazione che rappresenta i principali

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA. Secondo 91-155-CEE Pag 1 di 6

SCHEDA DI SICUREZZA. Secondo 91-155-CEE Pag 1 di 6 SCHEDA DI SICUREZZA Secondo 91-155-CEE Pag 1 di 6 Scheda di sicurezza n 871 Revisione: Ottobre 2006 1 - Denominazione del preparato e della Ditta DRY PERC Ditta: Clean Life s.r.l. via Tommaso Piroli 22

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Scheda di sicurezza AF-REFL-LIQ-SNGL-SIS CASA AGRUMI&TEVERDE

Scheda di sicurezza AF-REFL-LIQ-SNGL-SIS CASA AGRUMI&TEVERDE Scheda di sicurezza del 18/4/2011, revisione 1 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/DELLA MISCELA E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA 1.1 Identificatore del prodotto Identificazione della miscela: Nome commerciale: Codice

Dettagli

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE ASO S. Croce e Carle di Cuneo C.I.O. COMITATO INFEZIONI OSPEDALIERE DOCUMENTO DESCRITTIVO TITOLO CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE Data di emissione: 20 aprile 2004 revisione n

Dettagli

: SYLGARD(R) 527 A&B SILICONE DIELECTRIC GEL (PART

: SYLGARD(R) 527 A&B SILICONE DIELECTRIC GEL (PART SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome commerciale : SYLGARD(R) 527 A&B SILICONE DIELECTRIC GEL (PART A Codice prodotto :

Dettagli

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare CHE COS'È L'HACCP? Hazard Analysis and Critical Control Points è il sistema di analisi dei rischi e di controllo dei punti critici di contaminazione per le aziende alimentari. Al fine di garantire la completa

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/6 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Articolo numero: 10002430, 10002066, 10033113 Numero CAS: 67-68-5 Numeri CE:

Dettagli

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO 3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO FASE DI LAVORAZIONE : LAVAGGIO COD. INAIL : FATTORE DI RISCHIO : - Rischi per la salute e igienico ambientali: rumore prodotto dal motore delle

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Articolo numero:chr../cosvud../cosvue../ CR../COSVI../TENDERFP Usi pertinenti identificati

Dettagli

SPECIFICA TECNICA RISPARMIO CASA FORM 750 ML CLASSICO

SPECIFICA TECNICA RISPARMIO CASA FORM 750 ML CLASSICO SPECIFICA TECNICA RISPARMIO CASA FORM 750 ML CLASSICO FORMATO: Flacone 1 lt bianco in PE TAPPO: blu CODICE E.A.N.: 8033447581230 NATURA: tensioattivi non ionici, tensioattivi cationici, profumo, coloranti,

Dettagli

Scheda Informativa. 78002 - Copper XS Hi-Temp RTV Silicone. 78002 - Copper XS Hi-Temp RTV Silicone. Reparto Tecnico

Scheda Informativa. 78002 - Copper XS Hi-Temp RTV Silicone. 78002 - Copper XS Hi-Temp RTV Silicone. Reparto Tecnico Pagina n. 1 / 6 Scheda Informativa SEZIONE 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Codice: 78002 Denominazione 78002 - Copper XS Hi-Temp

Dettagli

Sistemi e attrezzature per la sicurezza

Sistemi e attrezzature per la sicurezza SISTEMI E ATTREZZATURE PER LA SICUREZZA Cavalletti di segnalazione...85 Segnalatore di sicurezza fisso...85 Over-The-Spill System...85 Coni di sicurezza e accessori...86 Barriere mobili...87 Segnalatore

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI

Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI A) Vite di regolazione del minimo. B) Getto MAX C) Getto MIN D) Vite corta coperchio camera del galleggiante E) Vite lunga coperchio camera del galleggiante

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO

Dettagli

DEOS DEOS 11 DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER. Manuale d uso User manual

DEOS DEOS 11 DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER. Manuale d uso User manual DEOS Manuale d uso User manual DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER DEOS 11 Egregio Signore, desideriamo ringraziarla per aver preferito nel suo acquisto un nostro deumidificatore. Siamo certi di averle fornito

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Data di compilazione: 13.04.2010 Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DERIVANTI DALL'IMPIEGO DI SOSTANZE PERICOLOSE Artt. 28 e 223 D.Lgs. 9 aprile 2008 n 81

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DERIVANTI DALL'IMPIEGO DI SOSTANZE PERICOLOSE Artt. 28 e 223 D.Lgs. 9 aprile 2008 n 81 DATA: 26/03/2009 Pag. 1 di 53 Azienda Ospedaliera Fatebenefratelli e Oftalmico Presidio Ospedaliero Fatebenefratelli e Oftalmico Corso di Porta Nuova 23 20121 MILANO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

HDQ 2K40. Manuale per la sicurezza

HDQ 2K40. Manuale per la sicurezza HDQ 2K40 Manuale per la sicurezza R5905304IT/02 02/03/2015 Barco nv Noordlaan 5, B-8520 Kuurne Phone: +32 56.36.82.11 Fax: +32 56.36.883.86 Supporto: www.barco.com/en/support Visitate il web: www.barco.com

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006 Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Data di compilazione: 31.01.2005 1.1 Identificatore del prodotto Numero CAS: 111211-39-3 1.2 Usi pertinenti

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

QUANDO E PERCHÉ IL MOTORE DEL COMPRESSORE ERMETICO SI PUÒ BRUCIARE

QUANDO E PERCHÉ IL MOTORE DEL COMPRESSORE ERMETICO SI PUÒ BRUCIARE QUANDO E PERCHÉ IL MOTORE DEL COMPRESSORE ERMETICO SI PUÒ BRUCIARE di: Luigi Tudico si! come tutti gli altri impianti, anche il sistema URTROPPO frigorifero può andare incontro a diversi tipi di inconvenienti,

Dettagli

PRIM SILICAT CH 10 L KAN

PRIM SILICAT CH 10 L KAN 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/DELL'IMPRESA Identificazione della sostanza o preparato Uso della sostanza/preparato Identificazione della società/dell'impresa Dipartimento

Dettagli

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA IDENDEN GENERAL PURPOSE AEROSOL ADHESIVE 10-500

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA IDENDEN GENERAL PURPOSE AEROSOL ADHESIVE 10-500 Data ultima revisione June 2014 1 / 7 SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA IDENDEN GENERAL PURPOSE AEROSOL ADHESIVE 10-500 SEZIONE 1: IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA 1.1.

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli