LOGO LND CR PUGLIA Con 4 STELLE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LOGO LND CR PUGLIA Con 4 STELLE"

Transcript

1 COPERTINA LOGO LND CR PUGLIA Con 4 STELLE ASSEMBLEA STRAORDINARIA ELETTIVA RELAZIONE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO E DELLA GESTIONE CONTABILE DEL COMITATO REGIONALE PUGLIA L.N.D. RELATIVE ALLE STAGIONI SPORTIVE e BARI: 17 MARZO 2007 Centro Congressi SHERATON NICOLAUS HOTEL

2 ORDINE DEL GIORNO 1. Verifica poteri. 2. Costituzione dell Ufficio di Presidenza dell Assemblea. 3. Esame e discussione della Relazione del Consiglio Direttivo e della gestione contabile del Comitato Regionale Puglia L.N.D. relative al periodo e Indicazione del candidato alla carica di Presidente Federale. 5. Designazione di n 1 candidato alla carica di Consigliere Federale, sulla base dell area territoriale di appartenenza 6. Varie ed eventuali

3 Signori Presidenti, Signori Delegati, nella mia qualità Presidente del Comitato Regionale Puglia della Lega Nazionale Dilettanti, ritengo doveroso porgere, anche a nome del Consiglio Direttivo, dei Dirigenti Federali e delle Società dilettantistiche pugliesi tutte, il più cordiale saluto ed un sentito ringraziamento all avv. Luca Pancalli, Commissario Straordinario della F.I.G.C., al Presidente della Lega Professionisti, On.le Dr. Antonio Matarrese, al Presidente della Lega Nazionale Dilettanti, rag. Carlo Tavecchio,al Vice Presidente della L.N.D. Area Sud, dr. Sandro Morgana,al Segretario della F.I.G.C., dr. Antonio Di Sebastiano, al Segretario della Lega Nazionale Dilettanti, Dr. Massimo Ciaccolini, ed al Segretario Amministrativo della Lega Nazionale Dilettanti, Sig.ra Gabriella Lombi, per l impegno profuso e l ampia disponibilità dimostrata verso i problemi dell attività dilettantistica pugliese. Desidero rivolgere,inoltre,un sentito ringraziamento ai Signori Componenti il Consiglio Direttivo della Lega Nazionale Dilettanti ed a Tutti i Dirigenti degli Organi Centrali della Federazione e della Lega Nazionale Dilettanti per la preziosa e fattiva collaborazione assicurata al calcio dilettantistico, ed a quello pugliese in particolare. L Assemblea odierna è stata convocata nel rispetto delle norme procedurali elettorali del Regolamento della Lega Nazionale Dilettanti e del calendario predisposto dal Consiglio Direttivo della Lega Nazionale Dilettanti, il cui epilogo è previsto a Roma il 25 marzo con l Assemblea Elettiva della Lega Dilettanti ed il 2 aprile 2007 con l Assemblea Straordinaria della F.I.G.C. per l elezione del nuovo governo Federale. La relazione del Consiglio Direttivo e la gestione contabile che il Consiglio Direttivo del Comitato Regionale Puglia sottopone all approvazione dei Signori Presidenti e Delegati delle Società presenti all odierna Assemblea, nel rispetto di quanto previsto dall Art.14 punto 1 lettera a) del Regolamento della Lega Nazionale Dilettanti, comprende l attività svolta dal C.R. Puglia nelle stagioni sportive e La relazione,come consuetudine, è stata inviata, con largo anticipo,a tutte le Società interessate allo scopo di consentire loro una più attenta ed approfondita valutazione della gestione del Comitato Regionale nel corso del succitato biennio. Si ritiene utile precisare che la relazione del Consiglio Direttivo costituisce una esposizione, in termini di sintesi, dei fatti più importanti che hanno caratterizzato le stagioni sportive innanzi citate. Si assicura che il Consiglio Direttivo del Comitato Regionale Puglia ha operato in perfetta sintonia con le direttive emanate dalla Lega Nazionale Dilettanti, adottando, nei limiti della propria autonomia, provvedimenti idonei a salvaguardare gli interessi e le esigenze gestionali delle Società. Uno dei maggiori impegni del Consiglio Direttivo in questo biennio è stato quello di contenere i costi di gestione, lasciando inalterate le tasse di iscrizione ai campionati regionali e provinciali. INIZIATIVE REALIZZATE E SERVIZI OFFERTI DAL COMITATO NEL BIENNIO: e Play-off e play-out. Al fine di aumentare gli interessi per i campionati e per evitare che le classifiche si possano determinare in maniera delineata già a metà campionato il Consiglio Direttivo ha istituito nella stagione sportiva i play-off ed i play-out per tutti i campionati regionali. In tal modo è stata soddisfatta una delle ripetute esigenze manifestate dalle Società, che hanno apprezzato la importante novità. L istituzione dei play-off e play-out ha reso più avvincenti i Nostri campionati ed ha permesso alle Società di coltivare le proprie ambizioni (sia di alta classifica che bassa classifica) fino all ultima giornata. Nonostante la posta sportiva in palo molto alta non si sono registrati nel primo anno incidenti a dimostrazione di una inversione di tendenza rispetto al passato ed una acquisizione da parte degli addetti ai lavori di una maturità calcistica moderna. Albo Commissari di campo.

4 Di pari passo all istituzione dei play-off e play-out, il Consiglio Direttivo ha deciso l istituzione dell albo dei Commissari di campo. Anche in questo caso si tratta di una iniziava con una duplice funzione : monitoraggio per la regolarità dei campionati e attività di prevenzione per fatti e atti violenti. Tale albo è composto di circa 40 dirigenti federali qualificati e che annualmente partecipano a riunioni di aggiornamento e formazione. Si sottolinea che le spese sopportate per l impiego dei commissari di campo nelle gare dei play-off e play-out nella stagione sportiva , pari ad Euro 7.594,00 sono state interamente a carico del Comitato Regionale. Convegni organizzati dal Comitato Regionale Il Consiglio Direttivo nel biennio e ha organizzato due convegni e precisamente il 21 gennaio 2005 a Crispiano. Educazione alla legalità: lotta alla violenza negli stadi e sicurezza negli impianti ed il 26 febbraio 2006 a Bari: La nuove frontiere della Biomeccanica sulle superfici sintetiche per il calcio. Il convegno sulla violenza svoltosi a Crispiano: un momento di grande sensibilizzazione sulle problematiche relative alla lotta alla violenza negli stadi. La presenza di autorevoli relatori, sia federali che appartenenti alle Forze dell ordine, ha rappresentato un momento di grande sinergia fra sport ed istituzioni su un fenomeno purtroppo tristemente divenuto di attualità. Il convegno sull erba artificiale tenutosi a Bari ha rappresentato la volontà di promuovere alle Società ed agli amministratori Comunali un nuovo e chiaro indirizzo della lega Nazionale Dilettanti. Un importante passo avanti verso la modernizzazione della pratica dello sport e della cultura dello sport adeguata alle attuali esigenze. Festa dei calendari. Nell ottica di favorire l aggregazione tra le componenti, il C.D., ha inteso promuovere una iniziativa mai realizzata in Puglia e che nell ultimo biennio ha avuto un notevole successo. Si tratta della Festa dei Calendari organizzata presso l Hotel Sierra Silvana di Selva di Fasano il 26 agosto 2005 ed il 25 agosto E stato un momento di sana e sportiva aggregazione che ha visto l autorevole e graditissima presenza in entrambe le edizioni del presidente della LND, rag. Carlo Tavecchio, a conferma dell attenzione che la massima Autorità della LND riserva alla nostra regione. La manifestazione ha raggiunto poi il Suo culmine con le premiazioni delle Società vincitrici i campionati regionali e provinciali e le relative Coppe Disciplina. In questa occasione inoltre, per ricordare la memoria del Consigliere prematuramente scomparso, Gaetano Romanazzi, il Consiglio Direttivo ha assegnato il trofeo Romanazzi nella stagione sportiva all allenatore della Società Monopoli, Nicola ragno, mentre nella stagione sportiva è stato premiato l allenatore Marcello Chiricallo, della Società Barletta, entrambi allenatori delle Società vincitrici i rispettivi campionati di eccellenza. Numero Verde del Comitato. Fra i servizi atti ad incentivare il rapporto diretto e quotidiano fra le Società ed il Comitato Regionale, per questioni amministrative, tesseramento, programmazione gare o altro, vi è quello della istituzione del numero verde: Il C.D. del Comitato ha ritenuto di promuovere tale iniziativa al fine di eliminare i costi per le Società minori per le spese telefoniche occorrenti in passato per le comunicazioni con il Comitato. Sono orgoglioso di evidenziare che tale servizio viene utilizzato costantemente dalle società e che i riscontri sono positivi perché in un certo senso si sono abbattute le distanze tra Società ed Istituzioni. Commissione Impianti Sportivi E stata varata una commissione per gli impianti sportivi, coordinata dal Consigliere Caratu e composta dai Fiduciari campi sportivi regionali e provinciali che ha il compito di valutare lo stato dell impiantistica del territorio ed ha una funzione di supporto alle Società nella sensibilizzazione

5 all adeguamento degli impianti sportivi alle norme di sicurezza nonché di occuparsi di tutte le problematiche relative all impiantistica sportiva regionale. Raduni Arbitrali In collaborazione con il Cra Puglia sono stati organizzati a Monopoli i tradizionali raduni arbitrali di inizio stagione ai quali hanno partecipato: Arbitri, Presidenti, Tecnici e Capitani delle Società e Dirigenti Federali. Tali incontri sono finalizzati ad avere uno scambio di opinioni ed esperienze, indispensabili per migliorare quei rapporti pre e post gara tra gli addetti ai lavori appartenenti alle varie componenti. Inoltre, nella stagione sportiva , prima dell inizio delle gare dei play-off e play-out è stato organizzato a Bisceglie un raduno riservato a tutti gli Arbitri ed Assistenti Arbitrali al fine di testare la loro forma fisica. Per tali raduni il Comitato Regionale ha sopportato un costo di Euro 6000,00 circa. Frequenti e proficui sono stati i rapporti con i Presidenti del Cra Puglia nelle stagioni sportiva e e precisamente Dr. Matteo Solimando ed il Dr. Pasquale D Addato, ai quali il Consiglio Direttivo rivolge un sentito ringraziamento, estensibile a tutti i loro validissimi Collaboratori ed ai Signori Presidenti delle Sezioni Aia, per l apprezzabile lavoro svolto e la indispensabile qualificata collaborazione tecnica fornita per garantire la regolarità di tutti i campionati. Corsi per Dirigenti di Società Il fiore all occhiello del Consiglio Direttivo del Comitato nel primo biennio è stato certamente l organizzazione di un corso per dirigenti di società,un progetto di formazione modellato su una formula di diretto ed esclusivo interesse dei Dirigenti di Società. I Corsi hanno avuto come scopo principale quello di fornire i necessari supporti formativi e culturali per lo svolgimento di mansioni dirigenziali presso Società Dilettantistiche. Il progetto di formazione ha trasmesso al Dirigente Sportivo tutti i principi e le nozioni per l acquisizione di una professionalità polivalente necessaria per la gestione della Società calcistica secondo criteri aziendali per il raggiungimento del miglior risultato con il minimo sforzo e per la cura e la gestione delle risorse umane. In Puglia, mai si era organizzata un iniziativa simile ed ha riscontrato una solida adesione. Infatti il numero complessivo dei partecipanti è stato di 325 unità: 277 Dirigenti di Società e di n 48 Dirigenti Federali.Il Corso ha abbracciato tutte le materie indispensabili per la conduzione e direzione di una Società di calcio:norme organizzative interne della FIGC, Codice di Giustizia Sportiva,la gestione degli impianti sportivi,marketing e raccolta fondi per le associazioni sportive,organizzazione e gestione degli eventi,gestione delle risorse umane,il fisco e l ordinamento sportivo,organizzazione societaria ed organizzazione delle Società dilettantistiche. Il Comitato ha organizzato 6 corsi che si sono tenuti nelle cinque province in sinergia con la Scuola Regionale del Coni che ha messo a disposizione i suoi autorevoli docenti e con i Comitati Provinciali del CONI che hanno messo a disposizione le proprie sale riunioni.un percorso completo che ha permesso a tutti i partecipanti di acquisire quelle nozioni utili per adeguarsi alle esigenze che il calcio moderno richiede anche a livello dilettantistico. Il successo dell iniziativa va condiviso con la Scuola Regionale dello sport del Coni, Presieduta dal dr. Michele Barbone, che oltre a fornire una parte dei docenti ha garantito la giusta visibilità e qualità al progetto. Contributi alle Società vincenti il Premio Disciplina Grazie alla incisiva opera di prevenzione nella stagioni sportive e sono diminuiti gli episodi di violenza. E a tutti noto che il Consiglio Direttivo attribuisce la massima importanza all aspetto disciplinare dei propri tesserati, tanto che per incentivare un corretto comportamento civico-sportivo, alle Società vincenti il Premio Disciplina il Consiglio Direttivo ha concesso un contributo pari alla tassa forfetaria di iscrizione al campionato di competenza per la stagione agonistica. Nell esercizio finanziario il Comitato ha assegnato contributi alle Società per un importo di Euro ,00 mentre nell esercizio finanziario : Euro ,00. Disputa gare in notturna

6 Fra gli elementi innovativi che hanno costellato l attività del Consiglio Direttivo,(delibera del 14/7/2005) l estensione delle gare di campionato in notturna. Una esigenza per far sì che le società possano rastrellare ulteriori proventi rivenienti da una più nutrita popolazione sugli spalti. Tutto ciò, scaturisce dalla non concomitanza con partite di forte richiamo dei professionisti in pay tv o sul digitale terrestre. La richiesta di disputare gare in notturna, corredata dal previsto nulla-osta della squadra avversaria, ovviamente è accordata per tutta la stagione, ad eccezione delle ultime quattro gare di campionato per garantire la regolarità dello stesso. Commissione per le problematiche fiscali e legali Sempre per venire incontro alle richieste delle società, il Consiglio Direttivo ha costituito uno sportello per la consulenza fiscale e legale composta da autorevoli esperti in materia, i quali hanno affrontato problematiche relative agli aspetti amministrativi,contabili, fiscali e giuridici dell associazionismo sportivo dilettantistico. Il Consiglio Direttivo rivolge un vivo ringraziamento ai componenti della Commissione: Dr. Gaetano Anaclerio, (Coordinatore); Dr. Giuseppe Iannone; Dr. Luca Veneziani; Dr, Angelo Campolieto, Dr. Lanfranco Spinelli e il Geom. Giuseppe Gialluisi (con funzioni di Segretario) per la loro preziosa e professionale collaborazione. Corsi per Allenatore di Base e di Calcio a Cinque. Nelle stagioni sportive e sono stati organizzati,d intesa con il Setore Tecnico n 7 Corsi, di cui 6 per Allenatore di Base ed uno per Allenatore di Calcio a Cinque. Le province coinvolte sono state nella stagione sportiva : Taranto (27/9/ /10/2004) Foggia (17/1/ /2/2005) Bari = Calcio a 5 (18/4/ /4/2005) Brindisi (2/5/2005 4/6/2005. Nella stagione sportiva (Bari:14/11/ /12/2005), Lecce (16/1/ /2/2006) e Taranto 6/3/2006 8/4/2006). Con l abilitazione di nuovi Tecnici è stato ampliato l organico regionale degli Allenatori di Base a tutto vantaggio delle Società dilettantistiche che hanno l obbligo di affidare la conduzione tecnica delle squadre (dall Eccellenza alla 2 categoria) a Tecnici regolarmente abilitati dal Settore Tecnico della FIGC. Un doveroso ringraziamento va rivolto ai Consiglieri del C.R. Comitato che si sono alternati nel ruolo di Direttore del Corso ai Presidenti dei Comitati Provinciali, al Presidente dell Aiac Puglia, Mimmo Ranieri, ai Signori Docenti del Settore Tecnico e del Comitato Regionale ed a tutti coloro che hanno contribuito per l ottima riuscita dei Corsi. Riunione dei Presidenti dei C.R. dell Area Sud a Lecce Il 12 Ottobre 2005, si è tenuta una riunione a Lecce di tutti i Presidenti Regionali dell Area Sud coordinata dal Vice Presidente dell Area Sud, Sandro Morgana. Un momento di visibilità istituzionale in terra di Puglia a conferma dell attenzione verso le politiche della nostra regione nonché un momento di riflessione sulla politica e sulla progettualità della Lega Nazionale Dilettanti. Attività Rappresentative Regionali Oltre ai traguardi raggiunti dal punto di vista programmatico, organizzativo ed istituzionale, non posso non soffermarmi, in questo momento, sulla prestigiosa vittoria ottenuta dalla rappresentativa Regionale calcio a 11, allenata da Salvatore Mazzarano, che nel dicembre 2005 si è aggiudicata brillantemente e con pieno merito la vittoria della 3 edizione del Torneo delle Due Sicilie e nell aprile 2006 si è assicurata la partecipazione alla fase finale del Torneo delle Regioni, vincendo il proprio girone eliminatorio in Sicilia. Si tratta di due successi straordinari che hanno dato lustro al Nostro movimento e nel contempo ed hanno premiato gli sforzi ed i sacrifici delle Società. Dopo il successo in Campania nel dicembre 2005 è seguita la convocazione di ben 6 calciatori Pugliesi nella Nazionale Dilettanti visionati personalmente dal Commissario Tecnico, Sig. Roberto Polverelli. Un vero record per la Puglia. Pur non avendo conquistato la vittoria, perché sconfitta ai calci di rigore,dal Lazio nell aprile 2005 in Umbria, merita una citazione anche la rappresentativa di calcio a Cinque, allenata da

7 Angelo Carone, che ha ottenuto in ogni caso un brillante risultato, confermato nell aprile 2006 con la qualificazione alle finali del Torneo delle regioni di categoria. La Rappresentativa femminile,invece, pur non qualificandosi ha dato palese dimostrazione di crescita ed ha lottato alla pari con le avversarie. Coppa Italia Fase Regionale Coppa Puglia e Supercoppa La fase regionale della Coppa Italia nella stagione sportiva è stata vinta dalla Società A.S. San Paolo Bari e dalla Società Lucera nella stagione sportiva Alla stessa stregua della Coppa Italia, il cui percorso integra compagini di Eccellenza con quelle di Promozione, così anche la Coppa Puglia, attività collaterale al campionato, giunta all ottava edizione favorisce il confronto fra sodalizi di Prima e Seconda categoria. Nella stagione sportiva si è aggiudicata la Coppa Puglia la Società A.S.D. Casamassima, nella stagione , invece,la Società A.S. Minervino Murge. Alla Società vincitrice la manifestazione,il Consiglio Direttivo ha assegnato un contributo pari alla tassa d iscrizione forfetaria. Un ulteriore segnale di attenzione da parte del Consiglio Direttivo verso chi arriva sino in fondo alla competizione dovendosi naturalmente accollare spese aggiuntive a quelle pianificate per il campionato. Fra la vincente della Coppa Italia e la Coppa Puglia, il Comitato Regionale ha organizzato la finale della Supercoppa, intitolata alla memoria dello scomparso Consigliere del Comitato, Cav. Giovanni Romano, vinta dalla Società Real Altamura nella stagione sportiva e dalla Società Lucera nella stagione sportiva Alle suindicate società il Consiglio Direttivo esprime un vivo plauso per l encomiabile comportamento sportivo tenuto durante lo svolgimento delle manifestazioni. Attività giovanile del C.R. Puglia L.N.D. Il Consiglio Direttivo ha proseguito nella promozione dell attività giovanile. I ragazzi sono la linfa, il futuro delle nostre società, l essenza per la nostra attività di rappresentativa. Si rinnova pertanto, la regola dell utilizzo di tre juniores in campo, scalando per ogni stagione calcistica un anno anagrafico. In questo modo si favorisce la valorizzazione dei vivai in quanto, all obbligo di utilizzare tre juniores in campo, corrisponde la necessità di averne almeno 8/9 nella rosa. Con tale scelta il Consiglio Direttivo ha assicurato continuità alla politica dei giovani, da tempo intrapresa dalle Società, in quanto ritenuta unica ed inesauribile fonte di risorse ed incentivi per l economia gestionale del calcio dilettantistico ed una conseguente riduzione dei costi di gestione. Calcio a Cinque Com era facilmente prevedibile, continua l incremento di questa attività, affidata all impegno costante del Delegato Regionale, Prof. Franco Loporchio. Nella stagione non sono mancate le soddisfazioni sportive:l Olimpiadi Bisceglie è stata ammessa in serie B dopo aver avuto un ottimo piazzamento nei play-off nazionali. La Società Real Statte ha vinto il titolo nazionale per la categoria calcio a cinque femminile e la supercoppa di calcio a cinque femminile. Tutta l attività regionale del calcio a cinque ha suscitato un notevole interesse della stampa e delle emittenti televisive locali tanto da rappresentare un impulso per l attività. Tale interesse consente di poter confidare in un ulteriore espansione dell attività. Essa, peraltro, sempre di più sta definendo i contorni della propria specificità: a tal riguardo alcuni accorgimenti e qualche innovazione prevista per la prossima stagione sportiva ( istituzione dei play-off e play-out nel

8 campionato di serie C/1 e dei play-off nel campionato di serie C/2) non potranno che contribuire alla migliore organizzazione e, quindi, consolidare il Trend positivo. Il Comitato ha sostenuto un impegno organizzativo di rilievo con la disputa della Final Eight di Coppa Italia serie A di Calcio a Cinque tenutasi a Conversano nell aprile Una manifestazione che ha riscosso un grande successo di pubblico e di appassionati. La presenza in Puglia delle più titolate squadre del campionato italiano, unitamente all impegno attento del Delegato Regionale, Prof. Franco Loporchio, ha incrementato ulteriormente la grande diffusione di questa disciplina che vede annualmente un costante aumento di Società partecipanti al campionato Regionale. Calcio Femminile La crescita in questo specifico ambito è davvero stentatissima, nonostante il lavoro serio e continuo del Delegato Regionale del Calcio Femminile, Rag. Luigi Traversa. Rispetto ad altre Regioni del Sud, per la verità, può quantomeno farsi riferimento ad una tranquilla conservazione delle posizioni. Le motivazioni di tali difficoltà sono note: la competività delle altre discipline in rosa tradizionalmente più praticate dal gentil sesso ( nuoto, pallavolo, pallacanestro, ginnastica, atletica leggera e tennis), anche perché ritenute più consone alle caratteristiche psico-fisiche femminili; obiettive difficoltà di reperimento delle strutture ( campi sportivi), la concorrenza del calcio femminile, più agevole da organizzare, più comodo (utilizzo campi al coperto) da praticare; non ultimo la mancanza di risorse finanziarie derivante dagli sponsors. Il Consiglio Direttivo del Comitato ha programmato e disposto, nei limiti del possibile, incentivi e sostegni a favore del calcio femminile al fine di non perdere terreno. Ma ovviamente non basta: occorrerà darsi da fare, per conferire nuova vitalità a questo settore. Un collegamento migliore, più organico con il Settore Giovanile e Scolastico (anche facendo leva sulla nuova figura istituzionale del Delegato Provinciale, che potrà giovarsi dei contatti diretti con l organizzazione provinciale del Settore medesimo), appare di fondamentale importanza, a tale scopo, anche nel senso di rapporto operativo con gli istituti scolastici. La Delegazione Regionale ha anche organizzato la Coppa Puglia di Calcio Femminile con assoluta gratuità di partecipazione per le Società ma che ha rappresentato un ulteriore momento sportivo e di confronto fra le società Pugliesi e di interessante propaganda dell attività calcistica femminile. Attività Amatoriale e ricreativa Lo svolgimento dell attività amatoriale è avvenuta regolarmente nella stagione sportiva con la affiliazione di n 78 Società che hanno partecipato al campionato Provinciale organizzato nella Provincia di Lecce. Nella stagione successiva, l attività non ha avuto luogo. Il mancato svolgimento dell attività amatoriale, a differenza degli anni passati, è da addebitarsi unicamente alla volontà delle Società amatoriali di non provvedere al pagamento delle spese arbitrali. Detta circostanza ha determinato un contenzioso con il Comitato Provinciale di Lecce che aveva regolarmente predisposto il piano di riparto delle spese in ottemperanza alle vigenti disposizioni in materia. La concorrenza di altre organizzazioni o Enti di Promozione Sportiva non facilita lo sviluppo di Tornei di attività ricreativa. Alcuni di essi, in ogni caso, rappresentano ormai autentiche tradizioni sportivi, nei confronti delle quali, da qualche tempo, anche gli Organi di Stampa hanno cominciato a dedicare spazio ed attenzione. La funzione dei Tornei non va sottovalutata: essi coprono il periodo di inattività agonistica e rispondono all esigenza di praticare una attività sportiva non impegnativa,come viceversa quella di

9 un Campionato, consentendo la pratica del gioco del calcio a chi non trova spazio nelle Società dei Campionati agonistici. Premi di Benemerenza a Dirigenti e Società Tra i compiti demandati al Consiglio Direttivo del Comitato Regionale rientra anche quello di proporre alla Lega Nazionale Dilettanti i nominativi dei Dirigenti Federali e di Società con almeno 20 anni di attività, per il loro impegno profuso in ambito dell organizzazione calcistica dilettantistica e di Società con almeno e 100 anni di attività, meritevoli del premio di Benemerenza. Tale ambito e gratificante riconoscimento per la stagione sportiva è stato attribuito: Dirigente Federale con oltre 20 anni di attivita: ANGELO CARONE Commissario Tecnico Rappresentativa Calcio a 5 Dirigente di Società con oltre 20 di attività MARCELLO GRECO GIACINTO LAFORGIA ANTONIO LONGO FRANCESCO LOTTI Presidente A.S. San Donato Presidente V. Mazzola Molfetta Presidente A.S. Tuglie Segretario A.S: Carovigno Calcio Nella stagione sportiva ,invece, è stato attribuito: Dirigente Federale con oltre 20 anni di attività: ANTONIO SARACINO CP Lecce Dirigente di Società con oltre 20 di attività MATTEO MALERBA alla memoria Presidente G.S. Sant Onofrio di San Giovanni Rotondo. Società con almeno 75 anni di attività U.S. SAN VITO DEI NORMANNI Società con almeno 50 anni di attività U.S. TOMA MAGLIE Ai suddetti Dirigenti ed ai Presidenti delle Società premiate il Consiglio Direttivo rinnova in questa Assemblea le felicitazioni e gli auguri più sinceri per il prestigioso riconoscimento sportivo ricevuto. Campi Federali Per entrambi i campi federali di Foggia e Lecce sono in corso contenziosi legali: nel primo caso con la Società Arpifoggia che aveva in gestione l impianto e nel secondo caso con il Comune di Cavallino che ha effettuato l esproprio dell immobile. Si continua a lavorare per la soluzione di tali problemi ereditati dal passato, il quale rappresenta una autentica croce per il Comitato, impedendo una potenzialità di rivitalizzazione del calcio di base in due grosse città carenti di impianti di calcio.

10 Sede Federale La necessità di una nuova Sede federale diventa sempre più attuale in quanto anche le Società hanno più volte manifestato il proprio disagio nel raggiungere la Sede di via Cairoli,85, a causa dell intenso traffico, difficoltà di reperimento di parcheggi e difficoltà per il raggiungimento del centro della Città. Unitamente a tanto vi è stato il sensibile incremento delle attività e delle esigenze di lavoro degli uffici. Pertanto diventa necessario disporre di una superficie e ambienti maggiori rispetto a quelli attuali oltre che una ubicazione della sede in zona periferica e possibilmente in prossimità delle principali vie d accesso. In queste due anni il Comitato si è attivato monitorando, quasi mensilmente, il mercato sulle eventuali opportunità di diversa sistemazione, ma purtroppo le eccessive richieste dei proprietari superavano abbondantemente le spese di locazione attualmente sostenute e quelle eventualmente previste per un immobile più grande. Le esigenze di bilancio, inoltre, hanno condizionato fortemente tale scelta e pertanto nonostante i buoni propositi non è risultato possibile realizzare al momento il progetto. Politiche future del Comitato Nelle prossime due stagioni sportive obiettivo principale del Consiglio Direttivo del Comitato sarà quello di un forte impegno nella Attività Commerciale e Marketing atto a reperire disponibilità ed ulteriori risorse finanziarie necessarie al sostentamento dell organizzazione complessiva con conseguente miglioramento della qualità della stessa. E intendimento del Consiglio direttivo uniformare le esigenze d ufficio alle attuali tecnologie informatiche. Infatti è allo studio un progetto che prevederà il rinnovo delle apparecchiature informatiche permettendo cosi l attività del Comitato Regionale e dei dipendenti Comitati Provinciali in maniera adeguata ai tempi e soprattutto per fornire servizi agli utenti in tempi brevi. L ottimizzazione del lavoro del Comitato Regionale e dei Comitati Provinciali deve passare poi attraverso una necessaria politica di ammodernamento delle sedi ( mobili, suppellettili, ecc.), in quanto quelle attuali sono obsolete ed in cattivo stato a causa della loro vetustà. E in programma,inoltre, il potenziamento del sito Internet del C.R. Puglia (www.figcpuglia.it) che in prospettiva rappresenta non solo uno strumento fondamentale per gli utenti di conoscere i tempo reale tutti i servizi offerti ma nel contempo un importante veicolo di marketing per avvicinare imprese ed aziende che possano legare la propria immagine a quella del Comitato. E in cantiere anche la pubblicazione del primo annuario del calcio dilettantistico pugliese, che andrebbe a colmare una lacuna in tale settore, in quanto la Puglia è fra i pochissimi Comitati Regionali a non avere un proprio annuario delle Società affiliate. Tale pubblicazione rappresenterà una sintesi, scritta e fotografica, dell attività del calcio dilettantistico Pugliese, nella prossima stagione sportiva e che sarà sicuramente destinata ad essere oggetto di consultazione da parte di numerosi addetti ai lavori e appassionati del Nostro calcio dilettantistico. Ringraziamenti Esprimo sentimenti di gratitudine alle Autorità Sportive del C.O.N.I.. I rapporti con il CONI e le altre Strutture Sportive che operano sul territorio regionale e nazionale, sono stati frequenti ed improntati sempre al rispetto dei ruoli ed alla reciproca leale collaborazione sportiva.

11 Particolarmente proficuo è stato il rapporto con il Presidente del Comitato Regionale del CONI, Ing. Elio Sannicandro, nonchè con gli Amici Presidenti dei Comitati Provinciali: Eustacchio Lionetti, Nicola Cainazzo, Antonio Lapollo, Dino Locato e Giuseppe Graniglia, con i quali sono state perseguite e realizzate iniziative di politica sportiva mirate a migliorare la gestione delle Società Sportive. Ritengo opportuno riservare un doveroso spazio di ringraziamenti riservato agli Organi di Stampa, che hanno sempre prestato notevole attenzione alle problematiche ed alle iniziative del Comitato, rendendo nel contempo un prezioso servizio di comunicazione nei confronti delle Società e degli Addetti ai lavori. Una sinergia importante che ha permesso la divulgazione di tutta la Nostra attività all esterno al passo con i tempi. Un particolare ringraziamento meritano i Delegati Assembleari Pugliesi:Salvatore Ciancia, Donato Stridi, Oronzo Mele e Michele Trotta, sempre presenti e puntuali ad ogni occasione e sempre in linea con le direttive e la politica del Comitato Regionale. In chiusura a titolo personale e dei Componenti del Consiglio Direttivo del C.R. Puglia desidero rivolgere un sentito ringraziamento per l impegno profuso nello svolgimento delle mansioni loro assegnati: a tutte le Componenti del Comitato, alle Strutture Provinciali, ai Delegati Regionali di Calcio a Cinque e Calcio Femminile,ai Revisori dei Conti,ai Componenti della Commissione Disciplinare,ai Giudici Sportivi, ai Responsabili dei vari settori di supporto: Fiduciari Medici, Fiduciari Campi Sportivi, Addetto Stampa, Tecnici delle Rappresentative Regionali, ai Presidenti, Segretari e Componenti dei Comitati Provinciali ed infine, per ultimi ma non certamente ultimi, ai dipendenti e Collaboratori del C.R. Puglia LND., infaticabili e disponibili in ogni momento. Signori Presidenti, Signori Delegati Il Consiglio Direttivo del Comitato Regionale Puglia con grande soddisfazione e spirito di servizio, ritiene di aver presentato nell odierna Assemblea un bilancio più che positivo dell attività gestionale svolta nelle stagione sportive e , nonostante tutte le difficoltà incontrate notevoli e superate grazie alla proficua collaborazione di tutte le Società e le Componenti Federali. p.il Consiglio Direttivo Il Presidente ( Vito Tisci) PARTE AMMINISTRATIVA IN RELAZIONE AL BIENNIO 2004/ / / /2005 Attività , ,57 Passività , ,31

12 ATTIVO 2005/ /2005 Totale Immobilizzazioni , ,04 Crediti Verso Società Affiliate Attive , ,99 Verso L.N.D , ,66 Verso Altri Comitati Divisioni e Settori , ,70 Verso altre Leghe F.I.G.C. e C.O.N.I ,00 0,00 Verso altri debitori diversi , ,45 Disponibilità Liquide , ,73 TOTALI , ,57 PASSIVO E NETTO 2005/ /2005 FONDI PER RISCHI ED ONERI , ,59 Debiti verso Società Affiliate Attive , ,94 Debiti verso altre Leghe F.I.G.C. e C.O.N.I , ,69 Debiti verso Fornitori , ,12 Debiti creditori diversi , ,70 Altri Debiti , ,62 TOTALE RATEI E RISCONTI 191,21 279,69 Avanzo di esercizio , ,26 TOTALI , ,61 PROSPETTO DI DETTAGLIO DEL RENDICONTO DELLE GESTIONI ONERI PROVENTI 2005/ / / /2005

13 Attività Istituzionale , , , ,00 Campionati Ufficiali , , , ,92 Attività Ricreativa 1.809, , , ,42 Gare e Tornei , ,57 Oneri e proventi non specifici , , , ,06 TOTALI , , , ,40 Valore delle gestioni , ,79 Oneri e proventi finanziari 9.391, ,47 Rettifiche di valore att. finanz. Oneri e proventi straordianri TOTALI , ,87 Avanzo Di gestione 3.837, ,26

14 COSTI DELLA GESTIONE 2005/ /2005 ATTIVITA ISTITUZIONALE Quota associativa LND , ,00 Contributi vari 2.050, ,00 Assemblee 3.356, ,94 Riunioni , ,77 Rappresentanza , ,86 Materiale di consumo 6.908, ,20 Servizi 814, ,00 TOTALE , ,77 CAMPIONATI UFFICIALI Quote e contributi vari , ,04 Comm.campo carico C.R ,30 Funzionamento Organi Giustizia sportiva 7.331, ,50 TOTALE , ,54 ATTIVITA RICREATIVA e AMATORI Quote e Contributi 870, ,00 Rimborso Arbitri ,42 Rimb.sp.arb.att.ricr. 459,65 Spese varie gare e Tornei 939,70 447,20 TOTALE 1.809, ,27 GARE E TORNEI RAPPRESENTATIVE TOTALE , ,57

15 ONERI NON SPECIFICI Oneri funzionamento CED ,20 Corso allenatori , ,22 Corso dirigenti ,04 Collaudo Campi 268,50 723,26 Spese postali/telefoniche da riadd , ,32 Spese funz.to CRA/Comitati Prov.li , ,44 Materiale di consumo , ,89 Servizi , ,67 Godimento beni di terzi , ,62 Personale , ,72 Ammortamenti , ,22 Accantonamento eventi straordinari , ,61 Accantonamento investimenti immob ,00 Oneri diversi gestione , ,29 TOTALE , ,46

16 RICAVI DELLA GESTIONE ATTIVITA ISTITUZIONALE 2005/ /2005 Quota associativa LND , ,00 CAMPIONATI UFFICIALI Diritti iscrizione campionati , ,00 Diritti Reclamo e ripetiz.gare , ,00 Sanzioni pecuniarie , ,00 Tessere e stampati 9.033, ,20 Organizz. gare 33,00 854,67 Riscossioni coattive 1.670, ,05 TOTALE , ,92 ATTIVITA RICR. e AMATORI Diritti iscrizione amatori ,00 Quote aff.tornei ricreativi 312,00 Contributi svolg.tornei 300,00 Tessere e stampati 1.740, ,00 Distinte formazioni 820,00 Rimborsi spese e arbitrali 855, ,42 TOTALE 3.207, ,42 PROVENTI NON SPECIFICI Corso allenatori , ,00 Corso dirigenti ,00 Collaudo Campi 250,00 395,91 Spese postali/telefoniche da riadd , ,32 Rimb. da LND per spons , ,63 Abbuoni e sconti 1,36 43,64 Sopravvenienze attive 1.345, ,56 Contrib. Straord. L.N.D ,00 Donazioni e liberalità 3.000,00 TOTALE , ,06

17 PROVENTI FINANZIARI Interessi attivi bancari 1.963, ,64 Interessi attivi su disp.liquide 7.428, ,83 TOTALE 9.391, ,47

18 RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI AL BILANCIO CONSUNTIVO STAGIONE SPORTIVA 2004/2005 ^^^^^^^^^ Il Collegio ha esaminato il Bilancio Consuntivo dell'esercizio 2004/2005 redatto secondo le disposizioni del "Regolamento amministrativo-contabile della L.N.D., e redatto secondo le disposizioni della 4^ direttiva CEE. A seguito dei controlli periodici eseguiti durante l'esercizio, nonché in sede di controllo finale di periodo, è stata riscontrata la regolare tenuta della contabilità. La gestione evidenzia un avanzo di ,26 dopo aver accantonato ,61 al Fondo Spese Future Ed Eventi Straordinari e ,00 al Fondo Accantonamento per Investimenti Immobiliari. Essa si riassume nei seguenti valori: ATTIVITÀ ,57 PASSIVITÀ ,31 AVANZO GESTIONE ,26 Tale risultato trova conferma nel conto economico riassunto come segue: PROVENTI ,87 SPESE ,61 AVANZO GESTIONE ,26 I Proventi, al netto del recupero dei costi da società (ammontanti a ,74) sono pari a ,13 e fanno registrare un aumento, rispetto all'esercizio precedente, di ,17. Le Spese, al netto dei costi da riaddebitare alle società (ammontanti a ,74) sono pari a ,87 con un aumento rispetto all'esercizio precedente, di ,63. Le principali variazioni nei proventi, rispetto all'esercizio precedente, sono: - sanzioni pecuniarie aumento di ,00 - corsi allenatori aumento di ,80 - sponsorizzazioni aumento di ,63 - contributi straordinari aumento di ,00 PARTITE DI GIRO - recupero costi da società (telefoniche e postali) diminuzione di ,76 - recupero spese arbitrali amatori diminuzione di ,18 Le principali variazioni nelle spese, rispetto all'esercizio precedente, sono: - Assemblee aumento di ,94 - contributi vari aumento di ,00 - rappresentanza aumento di ,98 - spese corso allenatori - aumento di ,01 - materiale di consumo (stampati e canceleria) aumento di ,92 - servizi diminuzione di ,90 - accantonamento per eventi straordinari aumento di 9.032,83 - accantonamento per investimenti immobiliari aumento di ,00. PARTITE DI GIRO

19 - costi da riaddebitare alle società (telefoniche e postali) diminuzione di ,76 - spese arbitrali amatori diminuzione di ,18 Il Collegio, durante il periodo, e nella redazione del presente Bilancio, ha constatato che i costi ed i ricavi sono stati correttamente imputati per competenza. L'ammortamento dei beni è stato effettuato con percentuali riflettenti l'utilizzo e la durata futura dei beni. I ratei e risconti sono stati concordati con il Collegio secondo i principi temporali e la competenza economica e finanziaria. Il "Fondo Spese Future" è stato implementato, in previsione di spese per eventi straordinari negativi (per esempio "saldi passivi di società inattive") o acquisti nuove tecnologie, del 3% delle spese correnti al netto del recupero costi da Società, e comunque nel limite massimo del 3% consentito dal Regolamento Amministrativo Contabile, mentre il Fondo Investimenti Immobiliari, è stato implementato di ,00 in previsione del trasferimento ad altro luogo della Sede Federale. Il Collegio esprime parere favorevole per l'approvazione del Bilancio Consuntivo 2004/2005 così come predisposto dal Consiglio di Presidenza e sulla destinazione e ripartizione dell'avanzo di Gestione. Nell'invitare il Consiglio Direttivo ad approvare il Bilancio ed allegati, ringrazia il Presidente ed il Segretario F.F. per la fattiva collaborazione offerta durante il periodo esaminato e nelle operazioni di chiusura d'esercizio. p. IL COLLEGIO DEI REVISORI IL PRESIDENTE Dr Italo Loconsole

20 RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI AL BILANCIO CONSUNTIVO STAGIONE SPORTIVA 2005/2006 Signori Soci, premesso che il Bilancio della Lega Nazionale Dilettanti FIGC, associazione a natura privatistica, non è assoggettato a Revisione, è stato in ogni caso sottoposto alla ns. attenzione ed al ns. esame nella qualità di organo di controllo previsto dai vigenti regolamenti interni. Funzione di controllo contabile Il Bilancio al , sottoposto al Vostro esame ed alla Vostra approvazione, chiude con le seguenti risultanze complessive: Stato Patrimoniale Attività Passività Avanzo di esercizio Conto Economico Differenza tra valore e costi della produzione ( 5.553) Saldo delle voci finanziarie Avanzo di esercizio Abbiamo svolto il controllo contabile del bilancio di esercizio chiuso al , la cui redazione compete all Organo Amministrativo, mentre è nostra responsabilità esprimere un giudizio sul bilancio stesso. L esame sul bilancio è stato svolto secondo le norme di comportamento degli organi di controllo statuite dai consigli nazionali dei dottori commercialisti e dei ragionieri ed in conformità a tali principi abbiamo fatto riferimento alle norme di legge che disciplinano il bilancio d esercizio al fine di acquisire ogni elemento necessario per accertare se il bilancio d esercizio sia viziato da errori significativi e se risulti, nel suo complesso, attendibile. Abbiamo proceduto al controllo sulla tenuta della contabilità, al controllo dell amministrazione ed all osservanza delle norme di legge. I nostri controlli sono stati finalizzati al reperimento di ogni elemento utile per accertare se il bilancio di esercizio risulti nel suo complesso attendibile. Il controllo contabile ha compreso l esame, sulla base delle verifiche a campione, degli elementi probatori a supporto dei saldi e delle informazioni contenute nel bilancio, nonché la valutazione dell adeguatezza e della correttezza dei criteri contabili utilizzati. Il bilancio in esame nel suo complesso è redatto con chiarezza e rappresenta la situazione patrimoniale e finanziaria nonché il risultato economico per l esercizio chiuso al , in conformità alle norme che disciplinano il bilancio di esercizio. Rileviamo che l avanzo di esercizio, è stato interessato da un accantonamento, prudenziale, per eventi straordinari futuri pari a , iscritto tra i costi di produzione, alla voce B 12 del Conto economico.

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2014/2015 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI

IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI DAGLI AMATORI AI PROFESSIONISTI DI FATTO ATTRAVERSO LO STUDIO DELLE SOCIETÀ CALCISTICHE a cura di MATTEO SPERDUTI 2 0 1 5 INDICE ACRONIMI E ABBREVIAZIONI......

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 COMUNICATO UFFICIALE N. 1097 del 10 maggio 2014 Indice

Dettagli

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Dipartimento della Pubblica Sicurezza Stagione sportiva 2011/2012 Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Determinazione n. 26/2012 del 30 maggio 2012 L Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA STATUTO FEDERALE CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA APPROVATO CON DELIBERA PRESIDENTE CONI N. 130/56 E RATIFICATO DALLA GIUNTA C.O.N.I. IL 4/9/2012 INDICE

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

Parte Prima Il censimento del calcio italiano. Sezione 1 Statistiche

Parte Prima Il censimento del calcio italiano. Sezione 1 Statistiche Parte Prima Il censimento del calcio italiano Sezione 1 Statistiche 17 La Federazione Italiana Giuoco Calcio Settori Settore tecnico Settore Giovanile e Scolastico Società 14.90 di cui: Professionistiche

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SETTORE TECNICO

REGOLAMENTO DEL SETTORE TECNICO REGOLAMENTO DEL SETTORE TECNICO Parte I Attribuzioni, struttura e organizzazione del Settore Tecnico Art. 1 Attribuzioni e funzioni 1. Il Settore Tecnico della F.I.G.C., tenuto anche conto delle esperienze

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO ALL. D) REGOLA 5 Persone ammesse nel recinto di gioco 1) Per le gare organizzate dalla LNP, dalla Lega PRO e dalla Lega Nazionale Dilettanti in ambito nazionale sono ammessi

Dettagli

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A.

NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A. NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A. Art. 1 - Organi tecnici A. ORGANI TECNICI NAZIONALI Gli Organi Tecnici Nazionali dell A.I.A. composti da un Responsabile e più componenti, sono:

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora.

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora. WCM Sport è un software che tramite un sito web ha l'obbiettivo di aiutare l'organizzazione e la gestione di un campionato sportivo supportando sia i responsabili del campionato sia gli utilizzatori/iscritti

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N.

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. 1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. A) Disposizioni generali [1] Il vincolo di tesseramento degli atleti in favore delle società è temporaneo e la sua durata e l eventuale

Dettagli

Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENSIMENTO C.A.S.

Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENSIMENTO C.A.S. Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENMENTO C.A.S. Ringraziamo per aver prontamente risposto al nostro questionario relativo ai Centri di Avviamento al Canottaggio

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

Relazione del collegio

Relazione del collegio Relazione del collegio revisori i dei conti RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI SUL RENDICONTO DELL'ESERCIZIO 2013 DEL PARTITO "IL POPOLO DELLA L1BERTA'" Il Collegio dei revisori composto dai

Dettagli

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO Le comunicazioni che seguono sono suggerimenti che serviranno ad una buona gestione della Manifestazione e ad ottenere una uniformità interpretativa in tutte le gare. Sono suggerimenti

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

CAPITOLO I - COSTITUZIONE

CAPITOLO I - COSTITUZIONE CAPITOLO I - COSTITUZIONE ART. 1- FONDAZIONE E' fondata per coloro che aderiscono e aderiranno al presente statuto, che prende vigore immediato, un' associazione per la pratica e la diffusione del Viet

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI Titolo primo L Associazione Italiana Arbitri Capo primo: Natura, funzioni e poteri. Art. 1 Natura e funzione 1.L Associazione Italiana Arbitri (AIA) è l associazione

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI AREA PATRIMONIO AMBIENTE UFFICIO TUTELA DEL PAESAGGIO E SUPPORTO AMMINISTRATIVO ALL AREA SETTORE PATRIMONIO E MANUTENZIONI REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI (Approvato con deliberazione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE l originale www.casadelcammino.it for SI RINGRAZIANO IN MODO

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 OGGETTO: Recepimento verbale commissione trattante aziendale del 15.10.2013. L anno Duemilatredici, il giorno ventiquatto del mese di

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT. L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani

WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT. L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani Il programma ideato da Luigi Pelizzari con il Patrocinio del Comitato Regionale Lombardo della

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Regolamento. sullo status e sui trasferimenti dei calciatori

Regolamento. sullo status e sui trasferimenti dei calciatori Regolamento sullo status e sui trasferimenti dei calciatori 1 REGOLAMENTO SULLO STATUS E SUL TRASFERIMENTO DEI CALCIATORI... 3 DEFINIZIONI... 4 I. DISPOSIZIONE INTRODUTTIVA... 5 II. STATUS DEI CALCIATORI...

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

STATUTO DELLA S.I.A.

STATUTO DELLA S.I.A. STATUTO DELLA S.I.A. Art. 1 È costituita a tempo indeterminato una Associazione sotto la denominazione Società Italiana di Agopuntura S.I.A. Art. 2 La Società Italiana di Agopuntura ha lo scopo di dare

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Prossime gare ECCELLENZA - Girone UNICO Giorn Squadre Data Ora Campo R 8. A.S.D.POL. TIRLI IN MAREMMA - POL. TORNIELLA lun ROCCASTRADA

Prossime gare ECCELLENZA - Girone UNICO Giorn Squadre Data Ora Campo R 8. A.S.D.POL. TIRLI IN MAREMMA - POL. TORNIELLA lun ROCCASTRADA ultati ECCELLENZA - GIRONI - Girone UNICO R 5 A.S.D.POL. TIRLI IN MAREMMA - ATLETICO GROSSETO 2012 1-1 R 6 GAVORR TIRRENO CARRELLI SER - C.C. e SPORT POLVEROSA 1-2 Squadra P.Ti G V N P RF RS DR CD Pen

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI ALTRE DISPOSIZIONI Vengono di seguito fornite le informazioni relative a: campo di gioco attrezzature controlli preliminari modulo CAMP3 componenti delle squadre assenza della squadra o degli Ufficiali

Dettagli

TITOLO I. Regolamento Organico F.I.N. INDICE CAPO I CAPO II CAPO III

TITOLO I. Regolamento Organico F.I.N. INDICE CAPO I CAPO II CAPO III Regolamento Organico F.I.N. INDICE TITOLO I CAPO I LE SOCIETA Art. 1 Affiliazione pag. 1 Art. 2 Domanda di affiliazione pag. 1 Art. 3 Domanda di riaffiliazione pag. 2 Art. 4 Accettazione della domanda

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo residenza Via Senatore di Giovanni 5 961 00 Siracusa Indirizzo studio VIALE SANTA PANAGIA, 141/C

Dettagli

Gran Fondo PUNT DEL DIAU

Gran Fondo PUNT DEL DIAU LANZO TORINESE - SABATO 04 OTTOBRE 2014 Gran Fondo PUNT DEL DIAU REGOLAMENTO LA GARA GRAN FONDO DI CORSA IN MONTAGNA PUNT DEL DIAU avrà una lunghezza di circa km.25 e un dislivello positivo di circa 1450

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

FIN - Comitato Regionale Ligure

FIN - Comitato Regionale Ligure FIN - 1. 0 NORMATIVE GENERALI Iscrizioni alle gare 1. Le iscrizioni alle gare vanno effettuate tramite procedura online dal sito http://online.federnuoto.it/iscri/iscrisocieta.php utilizzando il software

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 Direzione Generale per il Terzo Settore e le Formazioni Sociali RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 A seguito della soppressione dell Agenzia per il Terzo Settore (ex Agenzia per le Onlus), le relative

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d);

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO il Regolamento delle attività culturali, sociali e ricreative degli studenti, emanato con decreto rettorale

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli