Il ruolo dell Health Technology Assessment (HTA) nell allocazione delle risorse

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il ruolo dell Health Technology Assessment (HTA) nell allocazione delle risorse"

Transcript

1 AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL Abteilung 23 - Gesundheitswesen Amt Operative Einheit Clinical Governance (Akkreditierung, Qualität, Risk Management und HTA) PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Ripartizione 23 - Sanità Ufficio Unita operativa governo clinico (Accreditamento, qualità, Risk Management ed HTA) Il ruolo dell Health Technology Assessment (HTA) nell allocazione delle risorse Dr Horand Meier Provincia Autonoma di Bolzano

2 Risorse e domanda: un difficile equilibrio DOMANDA - COSTI RISORSE Le risorse per quanto possano essere incrementate restano comunque insufficienti per assicurare a tutti, ciò che scienza e tecnologia ci mettono a disposizione. Occorre fare delle scelte

3 Relazione tra l offerta sanitaria e necessità sanitarie Appropriatezza SERVIZI RICEVUTI SERVIZI NON RICEVUTI SERVIZI NECESSARI A B SERVIZI NON NECESSARI C D A e D : APPROPRIATEZZA; C: SOVRAUTILIZZO; B: SOTTOUTILIZZO

4 Appropriatezza per il paziente individuale vs appropriatezza dell assistenza sanitaria benefici Benefici Effetti avversi Risorse (n. di pazienti trattati) Donabedian, 1980 The law of diminisching return

5 Relazione tra l utilizzo delle risorse sanitarie e benefici di salute Beneficio - Rischio qualità spreco danno Donabedian, 1980 Utilizzazione delle risorse sanitarie

6 MODELLO DI VALUTAZIONE Risorse limitate, implicano: Scelta (occorre scegliere tra modi differenti di impiego) Costo/opportunità (la scelta in un impiego implica il mancato impiego delle medesime risorse in altre direzioni) Analisi costi e benefici Decisione allocativa con quale strumento / metodo?

7 Clinical Governance: Strumenti Evidence-based practice (EBP) Information & Data management Practice Guidelines & Care Pathways Health Technology Assessment (HTA) Clinical Audit Clinical Risk Management (RM) CME, professional training and accreditation Staff management Consumer Involvement & Accountability Copyright - GIMBE

8 HTA - Valutazione delle tecnologie sanitarie grado di appropriatezza

9 Complessiva e sistematica valutazione multidisciplinare delle conseguenze assistenziali, economiche, sociali ed etiche provocate in modo diretto ed indiretto, nel breve e nel lungo periodo, dalle tecnologie sanitarie esistenti e da quelle di nuova introduzione. Banta D, 2003

10 Il concetto di tecnologia sanitaria è ampio e comprende le attrezzature sanitarie, i dispositivi medici, i farmaci, i sistemi diagnostici, le procedure mediche e chirurgiche, i percorsi assistenziali e gli assetti strutturali, organizzativi e manageriali nei quali viene erogata l assistenza sanitaria. Le tecnologie sanitarie comprendono, quindi, tutte le applicazioni pratiche della conoscenza che vengono utilizzate per promuovere la salute e prevenire, diagnosticare e curare le malattie.

11 CARTA DI TRENTO sulla valutazione delle tecnologie sanitarie in Italia CHI? COSA? DOVE? QUANDO? PERCHÉ? COME? La valutazione delle tecnologie sanitarie deve riguardare tutti gli elementi che concorrono all assistenza sanitaria.

12 Efficienza Sicurezza Equità d accesso Quality of Health Care Efficacia GIMBE Coinvolgimento utenti Appropriatezza Cartabellotta A, Cellini M. Sole 24 Ore Sanità & Management Dicembre 2001

13 CARTA DI TRENTO sulla valutazione delle tecnologie sanitarie in Italia CHI? COSA? DOVE? QUANDO? PERCHÉ? COME? La valutazione delle tecnologie sanitarie deve riguardare tutti i livelli gestionali dei sistemi sanitari e delle strutture che ne fanno parte.

14 I LIVELLI DECISIONALI NEL SISTEMA SANITARIO LIVELLO MACRO (POLITICA SANITARIA): - Definizione dei LEA - Assegnazione degli obiettivi di salute - Programmazione dei servizi - Assegnazione delle risorse LIVELLO MESO (DECISIONI MANAGERIALI AZIENDALI): - Pianificazione delle attività - Gestione delle risorse assegnate - Coordinamento dei servizi LIVELLO PROFESSIONALE (DECISIONI CLINICHE): - Approccio diagnostico-terapeutico - Verifica della qualità professionale

15 CARTA DI TRENTO sulla valutazione delle tecnologie sanitarie in Italia CHI? COSA? DOVE? QUANDO? PERCHÉ? COME? La valutazione delle tecnologie sanitarie deve essere un attività continua che deve essere condotta prima della loro introduzione e durante l intero ciclo di vita.

16 CARTA DI TRENTO sulla valutazione delle tecnologie sanitarie in Italia CHI? COSA? DOVE? QUANDO? PERCHÉ? COME? La valutazione delle tecnologie sanitarie è un processo multidisciplinare che deve svolgersi in modo coerente con gli altri processi assistenziali e tecnico-amministrativi dei sistemi sanitari e delle strutture che ne fanno parte.

17 Il modello di HTA: le fasi Nazionale (Definizione LEA) Regionale (Prestazioni rimborsabili) Aziendale (Tecnologie da adottare)

18 I processi di introduzione delle tecnologie sanitarie: 1 Scenario: sistema fuori controllo tecnologie tecnologie disponibili disponibili PARTI INTERESSATE tecnologie nei nei processi assistenziali

19 I processi di introduzione delle tecnologie sanitarie: 2 Scenario: sistema clientelare tecnologie tecnologie disponibili disponibili decisione decisione PARTI INTERESSATE tecnologie tecnologie nei nei processi processi assistenziali assistenziali

20 I processi di introduzione delle tecnologie sanitarie 4 Scenario: governance del sistema tecnologie tecnologie disponibili disponibili quesiti decisione decisione informata informata e responsabile responsabile PARTI INTERESSATE valutazione valutazione di di impatto impatto tecnologie tecnologie nei nei processi processi assistenziali assistenziali risposte

21

22 3) La terza domanda investe la questione dell efficacia della prestazione, ed è formulate come segue: Esistono prove di documentata efficacia della prestazione? quindi è necessario porsi subito dopo la successiva domanda:

23 4) Esistono prove di inefficacia della prestazione? Una risposta positiva a questa domanda conduce immediatamente ad una decisione negativa rispetto al quesito inclusione/esclusione.

24 GOVERNARE I LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA (LEA) HTA serve per valutare l IMPATTO della tecnologia sulle SCELTE - di politica sanitaria - di gestione aziendale - assistenziali quotidiane

25 HTA Valutazione delle Tecnologie Domanda Offerta Tecnologie Farmaci Apparechiature, device Programmi (sceening) Procedure, interventi diagnostici e terapeutici HTA Filtro Criteri Sicurezza efficacia efficienza equità eticità legalità Processo Dati (EBM) multiprofessionalità interdisciplinarità contesto Costo / benificio Appropriatezza sicurezza/ qualità

26 Richiesta (Input) Macroprocessi Decisione (input) Impatto sulla pratica Valutazione Implementazione Evaluazione Input per decisori Decisione

27 Grazie per l attenzione!

28 Efficienza Sicurezza Equità d accesso Quality of Health Care Efficacia GIMBE Coinvolgimento utenti Appropriatezza Cartabellotta A, Cellini M. Sole 24 Ore Sanità & Management Dicembre 2001

Priorità di Governo Clinico

Priorità di Governo Clinico Convention Nazionale Clinical Governance e Management Aziendale Sostenibilità delle innovazioni organizzative nell era del federalismo sanitario Bologna, 15-16 ottobre 2010 Survey Priorità di Governo Clinico

Dettagli

Making clinical governance work. Il Governo Clinico nelle Aziende Sanitarie il Position Statement GIMBE. 1. Definizione

Making clinical governance work. Il Governo Clinico nelle Aziende Sanitarie il Position Statement GIMBE. 1. Definizione Convention Nazionale Clinical Governance e Management Aziendale Sostenibilità delle innovazioni organizzative nell era del federalismo sanitario Bologna, 15-16 ottobre 2010 il Nino Cartabellotta 3. Strumentiti

Dettagli

Corso di Alta Formazione. Rieti, 10 settembre 2012. Il Governo Clinico. Dott.ssa Felicetta Camilli

Corso di Alta Formazione. Rieti, 10 settembre 2012. Il Governo Clinico. Dott.ssa Felicetta Camilli Corso di Alta Formazione Rieti, 10 settembre 2012 Il Governo Clinico Dott.ssa Felicetta Camilli 1 July 1908. Adottato il segnale SOS 1931. Inaugurazione della Stazione Centrale di Milano 1963. Le poste

Dettagli

Convention Nazionale L Eccellenza Professionale nell era della Clinical Governance. Bologna, 27 novembre 2009. Il Piano formativo a misura di ECM

Convention Nazionale L Eccellenza Professionale nell era della Clinical Governance. Bologna, 27 novembre 2009. Il Piano formativo a misura di ECM Convention Nazionale L Eccellenza Professionale nell era della Clinical Governance Bologna, 27 novembre 2009 GIMBEducation 2010 Il Piano formativo a misura di ECM Nino Cartabellotta GIMBEducation 1. Obiettivi

Dettagli

SOCIETA ITALIANA DI FARMACIA OSPEDALIERA E DEI SERVIZI FARMACEUTICI DELLE AZIENDE SANITARIE

SOCIETA ITALIANA DI FARMACIA OSPEDALIERA E DEI SERVIZI FARMACEUTICI DELLE AZIENDE SANITARIE Corso residenziale di aggiornamento a cura del Laboratorio HTA della SIFO HTA PER LA VALUTAZIONE DEI FARMACI Codice 313-122539 Verona, c/o Centro Culturale Marani 8 maggio 2015 Con il patrocinio di Sihta

Dettagli

Secondo il Patto per la Salute 2014-2016

Secondo il Patto per la Salute 2014-2016 CORSO DI FORMAZIONE MANAGERIALE Standard Generali di Qualità per l Assistenza Ospedaliera Secondo il Patto per la Salute 2014-2016 Bologna, settembre 2015 febbraio 2016 MANAGEMENT & policy making Il Patto

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale

GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale Arezzo, Centro Affari e Convegni 28 novembre 1 dicembre 2007 II FORUM RISK MANAGEMENT IN SANITÀ GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale C. Favaretti Presidente SIHTA Direttore Generale

Dettagli

GIMBEducation 2010 Il Piano formativo a misura di ECM

GIMBEducation 2010 Il Piano formativo a misura di ECM Convention Nazionale L Eccellenza Professionale nell era della Clinical Governance Bologna, 7 novembre 009 GIMBEducation GIMBEducation 010 Il Piano formativo a misura di ECM. Aree didattiche Nino Cartabellotta

Dettagli

GIMBE Education è il piano formativo della Fondazione GIMBE, provider accreditato dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina.

GIMBE Education è il piano formativo della Fondazione GIMBE, provider accreditato dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina. IL PRESIDENTE GIMBE Education è il piano formativo della Fondazione GIMBE, provider accreditato dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina. GIMBE Education nasce dalla consapevolezza

Dettagli

GIMBE Education è il piano formativo della Fondazione GIMBE, provider accreditato dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina.

GIMBE Education è il piano formativo della Fondazione GIMBE, provider accreditato dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina. Il PReSiDenTe GIMBE Education è il piano formativo della Fondazione GIMBE, provider accreditato dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina. GIMBE Education nasce dalla consapevolezza

Dettagli

Clinical Governance Significa coerente capacità di gestione, indirizzo e monitoraggio dei fenomeni sanitari.

Clinical Governance Significa coerente capacità di gestione, indirizzo e monitoraggio dei fenomeni sanitari. CLINICAL GOVERNANCE MASTER I Livello Clinical Il termine clinical i l ha un significato ifi più ampio di clinico i e andrebbe tradotto con Sanitario. Clinical Governance Significa coerente capacità di

Dettagli

Fondazione Pinna Pintor sabato 17 novembre 2007

Fondazione Pinna Pintor sabato 17 novembre 2007 Fondazione Pinna Pintor sabato 17 novembre 2007 L errore medico Alla ricerca delle procedure di provata efficacia per prevenirlo Dr.ssa Grace Rabacchi Agenzia Regionale per i Servizi Sanitari (A.Re.S.S.)

Dettagli

Teaching Evidence-based Health Caree

Teaching Evidence-based Health Caree 1a Conferenza Nazionale GIMBE Bologna, 9 febbraio 2006 Position Statement GIMBE Teaching Evidence-based Health Caree Nino Cartabellotta per il GIMBE L Evidence-based Practice è formalmente inclusa nei

Dettagli

MANAGEMENT AZIENDALE E MODELLI ORGANIZZATIVI PER L ATTUAZIONE DEL GOVERNO CLINICO

MANAGEMENT AZIENDALE E MODELLI ORGANIZZATIVI PER L ATTUAZIONE DEL GOVERNO CLINICO Convention Nazionale Clinical Governance e Management Aziendale Sostenibilità delle innovazioni organizzative nell era del federalismo sanitario Bologna, 15-16 ottobre 2010 MANAGEMENT AZIENDALE E MODELLI

Dettagli

Disclosure sui conflitti d interesse. Dagli Obiettivi di Governo Clinico al Piano Formativo Aziendale Una rivoluzione copernicana?

Disclosure sui conflitti d interesse. Dagli Obiettivi di Governo Clinico al Piano Formativo Aziendale Una rivoluzione copernicana? III Convention Nazionale per le UU.OO di Staff Dalla Formazione Continua alla Qualità dell'assistenza Sanitaria Bologna, 19 novembre 2010 Dagli Obiettivi di Governo Clinico al Piano Formativo Aziendale

Dettagli

ALLEGATO N. 1 LINEE ATTUATIVE E METODOLOGICHE DELLA RETE REGIONALE HTA

ALLEGATO N. 1 LINEE ATTUATIVE E METODOLOGICHE DELLA RETE REGIONALE HTA ALLEGATO N. 1 LINEE ATTUATIVE E METODOLOGICHE DELLA RETE REGIONALE HTA 1. Definizione di Health Technology Assessment (HTA). L HTA si basa su attività scientifiche multidisciplinari rivolte alla continua

Dettagli

sponsor unico econilpatrociniodi Comune di Pesaro Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Marche Nord

sponsor unico econilpatrociniodi Comune di Pesaro Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Marche Nord sponsor unico econilpatrociniodi Comune di Pesaro Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Marche Nord PREMESSA Il quadro economico, sociale e demografico attuale è caratterizzato in maniera oramai strutturale

Dettagli

VERSO UN SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO DELLA SICUREZZA PER LA SANITA DEL VENETO.

VERSO UN SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO DELLA SICUREZZA PER LA SANITA DEL VENETO. Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto VERSO UN SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO DELLA SICUREZZA PER LA SANITA DEL VENETO. dott. Antonio Compostella Direttore ARSS del Veneto Verona, 15.12.2008 Contesto

Dettagli

Health Technology Assessment

Health Technology Assessment Health Technology Assessment Strumento strategico per la valutazione delle Tecnologie Sanitarie 1 Tecnologia e Sanita Lo sviluppo di spazi e strutture a supporto dei percorsi assistenziali deve tenere

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome ANTONINO CARTABELLOTTA Nazionalità Italiana Data di nascita 1965

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome ANTONINO CARTABELLOTTA Nazionalità Italiana Data di nascita 1965 F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome ANTONINO CARTABELLOTTA Nazionalità Italiana Data di nascita 1965 ESPERIENZA LAVORATIVA Date (da a) Nome e indirizzo del datore di lavoro

Dettagli

HTA: FATTORE DI CFESCITA O OSTACOLO ALL INNOVAZIONE?

HTA: FATTORE DI CFESCITA O OSTACOLO ALL INNOVAZIONE? Dott. GEORGES PAIZIS Health Policy Director sanofi - aventis HTA: FATTORE DI CFESCITA O OSTACOLO ALL INNOVAZIONE? L Health Technology Assessment (HTA) è un processo multidisciplinare con ben documentate

Dettagli

UN SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE MODERNO, EQUO, SOSTENIBILE E UNIVERSALE

UN SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE MODERNO, EQUO, SOSTENIBILE E UNIVERSALE UN SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE MODERNO, EQUO, SOSTENIBILE E UNIVERSALE - 1 - Il SSN è un valore per tutti gli italiani. Concorrere a migliorarlo continuamente è un impegno di tutti: Medici, Pazienti,

Dettagli

Governance assistenziale

Governance assistenziale Governance assistenziale Dr.ssa Barbara Mangiacavalli Una premessa La crescita esponenziale del volume e della complessità della conoscenza biomedica che ha reso sempre più difficile l aggiornamento professionale

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Senza Aziende sanitarie non c è futuro per il SSN, ma serve un approccio di sistema alla clinical governance

Senza Aziende sanitarie non c è futuro per il SSN, ma serve un approccio di sistema alla clinical governance Senza Aziende sanitarie non c è futuro per il SSN, ma serve un approccio di sistema alla clinical governance Antonino Cartabellotta 1* 1 Medico Chirurgo, Fondazione GIMBE Secondo l evidence-based health

Dettagli

Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale

Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale Documento elaborato dall Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari Nell ambito

Dettagli

LE SFiDE DELLA SANiTÀ

LE SFiDE DELLA SANiTÀ E v i d e n c e f o r H e a lt h IL PRESiDENTE Ho fondato GIMBE perché i migliori risultati della ricerca siano sempre disponibili a chi decide della nostra salute: professionisti sanitari, manager, politici.

Dettagli

E V I D E N C E F O R H E A LT H

E V I D E N C E F O R H E A LT H E V I D E N C E F O R H E A LT H IL PRESIDENTE Ho fondato GIMBE perché i migliori risultati della ricerca siano sempre disponibili a chi decide della nostra salute: professionisti sanitari, manager, politici.

Dettagli

Appropriatezza Clinica, Strutturale, Tecnologica e Operativa

Appropriatezza Clinica, Strutturale, Tecnologica e Operativa Appropriatezza Clinica, Strutturale, Tecnologica e Operativa Sandro Gentile Roma, Ministero della Salute 27 settembre 2011 Appropriatezza clinica Appropriatezza diagnostica Obiettivi terapeutici Educazione

Dettagli

NUOVO TRIENNIO FORMATIVO 2014-2016 IL DOSSIER FORMATIVO

NUOVO TRIENNIO FORMATIVO 2014-2016 IL DOSSIER FORMATIVO NUOVO TRIENNIO FORMATIVO 2014-2016 IL DOSSIER FORMATIVO Nuovo triennio 2014-2016 : il principio della qualità nella formazione ECM La formazione ECM è un processo in continuo divenire che si struttura

Dettagli

Dr Giuseppe DONATO MMG ASL RmF. Fiumicino 29 Gennaio 2011 Via F. Brandileone, 17 - Aranova

Dr Giuseppe DONATO MMG ASL RmF. Fiumicino 29 Gennaio 2011 Via F. Brandileone, 17 - Aranova 1 Incontro tra cooperativa Medicina Del Territorio e associazioni dei malati oncologici (AIMaC/FAVO) nell ambito del percorso assistenziale territoriale al malato cronico/oncologico Dr Giuseppe DONATO

Dettagli

Piano degli studi. Master Universitario di II Livello in. (Valutazione e gestione delle tecnologie sanitarie) Roma, 18 gennaio 2010

Piano degli studi. Master Universitario di II Livello in. (Valutazione e gestione delle tecnologie sanitarie) Roma, 18 gennaio 2010 Master Universitario di II Livello in Health Technology Assessment & Management (Valutazione e gestione delle tecnologie sanitarie) Piano degli studi Roma, 18 gennaio 2010 Master Universitario di II Livello

Dettagli

Attualità sul sistema di registrazione crediti ECM I compiti del Provider pubblico

Attualità sul sistema di registrazione crediti ECM I compiti del Provider pubblico IL PERCORSO FORMATIVO INDIVIDUALE DEI MEDICI: RUOLO E COMPITI DEL CO.GE.A.P.S. Attualità sul sistema di registrazione crediti ECM I compiti del Provider pubblico Lucia Livatino Settore di Staff Formazione

Dettagli

Mirco Magnani Modelli di HTA nell'acquisizione dei sistemi digitali Loreto (AN) 19 Novembre 2011

Mirco Magnani Modelli di HTA nell'acquisizione dei sistemi digitali Loreto (AN) 19 Novembre 2011 Diagnostica per immagini e Radioterapia nel 2011: Fare sistema L amministrazione dei sistemi complessi di diagnostica per immagini nei contesti aggiornati e le nuove tecnologie Mirco Magnani Modelli di

Dettagli

IL MODELLO EFQM IN APSS

IL MODELLO EFQM IN APSS Auditorium del Centro per i Servizi Sanitari giovedì 13.12.2007 IL MODELLO EFQM IN APSS Carlo Favaretti, direttore generale Ospedale S.Chiara la governance il modello EFQM l approccio APSS IL MODELLO EFQM

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Modalità di acquisizione delle grandi apparecchiature elettromedicali in ambito sanitario Padova, 21.4.2010

Modalità di acquisizione delle grandi apparecchiature elettromedicali in ambito sanitario Padova, 21.4.2010 Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto Modalità di acquisizione delle grandi apparecchiature elettromedicali in ambito sanitario Padova, 21.4.2010 Il ruolo della Regione e dell ARSS sul tema degli

Dettagli

Il modello centralizzato degli acquisti in sanità: utilizzo delle tecnologie sanitarie, HTA e razionalizzazione dei costi

Il modello centralizzato degli acquisti in sanità: utilizzo delle tecnologie sanitarie, HTA e razionalizzazione dei costi Meeting ACQUISTI NELLA FILIERA DELLA SALUTE Strategie e politiche di acquisto nella filiera della salute 10/10/2013 18:15-20:30 LUISS Business School Viale Pola 12, Roma AULA A13 Il modello centralizzato

Dettagli

www.hcmschool.it APPROFONDIRE POTENZIARE APPLICARE

www.hcmschool.it APPROFONDIRE POTENZIARE APPLICARE www.hcmschool.it APPROFONDIRE POTENZIARE APPLICARE Sviluppare competenze manageriali innovative per il mondo della Sanità Health Care Management School Il Sistema Sanitario rappresenta uno dei settori

Dettagli

GUIDA AL DOSSIER FORMATIVO

GUIDA AL DOSSIER FORMATIVO NOTIZIARIO DI MEDICINA NUCLEARE ED IMAGING MOLECOLARE 4 giugno 2014 Iscritto al n. 813/05 del registro stampa del Tribunale di Milano, modif. con ordinanza del 24.10.2005 dello stesso Tribunale Direttore

Dettagli

8 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidence, Governance, Performance

8 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidence, Governance, Performance 8 a Conferenza Nazionale GIMBE Evidence, Governance, Performance Bologna, 15 marzo 2013 Il diritto alla Salute tra tagli e riforme E possibile salvare il SSN? Nino Cartabellotta Fondazione GIMBE Outline

Dettagli

Il Nuovo Sistema di Formazione Continua in Medicina

Il Nuovo Sistema di Formazione Continua in Medicina Convention Nazionale L Eccellenza Professionale nell era della Clinical Governance Bologna, 27 novembre 2009 Il Nuovo Sistema di Formazione Continua in Medicina Quali opportunità per attuare la clinical

Dettagli

HTA. Il protagonista del mese Nicola Laforgia Direttore della Sezione di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale del Policlinico di Bari

HTA. Il protagonista del mese Nicola Laforgia Direttore della Sezione di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale del Policlinico di Bari 38 giugno 2015 corso di perfezionamento in HTA ISSN 2038-4238 Mensile - Anno VII - Poste Italiane S.p.A. Sped. in Abb. Postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) Art. 1 Comma 1 - DCB Roma contiene

Dettagli

Le verifiche di qualità. Antonino Salvia

Le verifiche di qualità. Antonino Salvia Le verifiche di qualità 1) Obiettivi della qualità 2) Dimensioni correlate alla qualità 3) Concetto di quality assurance 4) Metodologie di approccio alla qualità 5) Audit clinico nel percorso stroke 6)

Dettagli

La disomogeneitàdelle politiche regionali per il governo della spesa nel settore dei dispositivi medici

La disomogeneitàdelle politiche regionali per il governo della spesa nel settore dei dispositivi medici La disomogeneitàdelle politiche regionali per il governo della spesa nel settore dei dispositivi medici Fulvio Moirano Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali 1 Introduzione Il ruolo dei dispositivi

Dettagli

RICERCA E INNOVAZIONE 6

RICERCA E INNOVAZIONE 6 RICERCA E INNOVAZIONE 6 247 248 6.1 CREAZIONE DELLA INFRASTRUTTURA PER RICERCA E INNOVAZIONE Sviluppo della infrastruttura locale Obiettivi: sviluppare la capacità di produrre ricerca e sviluppo e gestire

Dettagli

L Ingegnere Clinico nella Sanità Italiana. Lorenzo Leogrande Presidente AIIC

L Ingegnere Clinico nella Sanità Italiana. Lorenzo Leogrande Presidente AIIC L Ingegnere Clinico nella Sanità Italiana Lorenzo Leogrande Presidente AIIC 1 L AIIC ASSOCIAZIONE ITALIANA INGEGNERI CLINICI Fondata nel 1993 MISSION: Promuovere l'ingegnere Clinico e l'ingegneria Clinica

Dettagli

ASL AVELLINO Commissario Straordinario dott. Mario Nicola Vittorio Ferrante TITOLO DEL PROGETTO SVILUPPO DEGLI STRUMENTI DEL GOVERNO CLINICO E DELAL VALUTAZIONE DELLA QUALITA E DSELAL SICUREZZA DELEL PRESTAZIOINI

Dettagli

DIRETTORE DIPARTIMENTO AREA DELLA RICERCA E SVILUPPO DISCIPLINARE

DIRETTORE DIPARTIMENTO AREA DELLA RICERCA E SVILUPPO DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE DIRETTORE DIPARTIMENTO SEGRETERIA DI DIREZIONE SUPPORTO ALLA PIANIFICAZIONE STRATEGICA COMUNICAZIONE INTERNA E RELAZIONI ORGANIZZATIVE CENTRO DI RICERCA ANTROPOLOGICA

Dettagli

TECNOLOGIE SANITARIE

TECNOLOGIE SANITARIE Corso di aggiornamento in cardiologia nucleare ULSS n.6 Vicenza, 18 settembre 2004 Technology assessment: aspetti metodologici Paolo Spolaore Regione Veneto Definizioni TECNOLOGIE SANITARIE Dispositivi

Dettagli

Regione Marche. Il governo, la sostenibilità, l innovazione e lo sviluppo del SSR per la salute del cittadino marchigiano

Regione Marche. Il governo, la sostenibilità, l innovazione e lo sviluppo del SSR per la salute del cittadino marchigiano Regione Marche Il governo, la sostenibilità, l innovazione e lo sviluppo del SSR per la salute del cittadino marchigiano Argomento: Qualità e sicurezza del sistema 1 Inquadramento realtà regionale: Qualità

Dettagli

Rimini, 28 marzo 2007 Case management e governo di sistema

Rimini, 28 marzo 2007 Case management e governo di sistema Rimini, 28 marzo 2007 Case management e governo di sistema Prof. Valeria Fabbri Università di Firenze - Università LUMSA Palermo Case management / gestione del caso / governo di sistema La Community Care

Dettagli

Ruolo organizzativo del coordinatore

Ruolo organizzativo del coordinatore Ruolo organizzativo del coordinatore C orrado De S anctis Direttore Breast Unit, C ittà della salute e della scienza di Torino I CENTRI DI S ENOLOGIA IN RETE: per migliorare la qualità delle cure. Torino,

Dettagli

Studi osservazionali, HTA e accesso al mercato

Studi osservazionali, HTA e accesso al mercato Seminario di aggiornamento del gruppo di lavoro studi osservazionali SOCIETA' DI SCIENZE FARMACOLOGICHE APPLICATE SOCIETY FOR APPLIED PHARMACOLOGICAL SCIENCES Monza, 20 Settembre 2011 GIANLUCA FURNERI,

Dettagli

HEALTH TECHNOLOGY ASSESSMENT (prima parte)

HEALTH TECHNOLOGY ASSESSMENT (prima parte) Parole chiave HEALTH TECHNOLOGY ASSESSMENT (prima parte) Principi e metodi L innovazione tecnologica ha portato la Sanità a notevoli passi avanti durante gli ultimi 30 anni: l avanzare delle biotecnologie,

Dettagli

Il nuovo ruolo dell Ingegneria Clinica a supporto dell Appropriatezza dei Processi Sanitari

Il nuovo ruolo dell Ingegneria Clinica a supporto dell Appropriatezza dei Processi Sanitari 4 Convegno Nazionale L APPROPRIATEZZA NEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE Condivisione di Strategie tra Ospedale e Territorio Il nuovo ruolo dell Ingegneria Clinica a supporto dell Appropriatezza dei Processi

Dettagli

PIANIFICAZIONE STRATEGICA

PIANIFICAZIONE STRATEGICA Schema riassuntivo: PIANIFICAZIONE STRATEGICA Situazione aziendale Ambiente esterno Fattori critici di successo OBIETTIVI STRATEGICI Mission STRATEGIE Obiettivi PIANI OB Direttori equilibrio economico/finanziario

Dettagli

BANDO PER L ISCRIZIONE ALLA SUMMER SCHOOL PER LEADER CIVICI SULL HEALTH TECHNOLOGY ASSESSMENT (HTA)

BANDO PER L ISCRIZIONE ALLA SUMMER SCHOOL PER LEADER CIVICI SULL HEALTH TECHNOLOGY ASSESSMENT (HTA) BANDO PER L ISCRIZIONE ALLA SUMMER SCHOOL PER LEADER CIVICI SULL HEALTH TECHNOLOGY ASSESSMENT (HTA) Premessa L Health Tecnology Assessment è la complessiva e sistematica valutazione multidisciplinare (descrizione,

Dettagli

Sicurezza dei pazienti e gestione del rischio clinico: Quadro generale di riferimento

Sicurezza dei pazienti e gestione del rischio clinico: Quadro generale di riferimento ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI MASSA E CARRARA Sicurezza dei pazienti e gestione del rischio clinico: Quadro generale di riferimento Carlo Manfredi Sabato 28 novembre

Dettagli

PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015. Innovazione e cambiamento al servizio del management

PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015. Innovazione e cambiamento al servizio del management Innovazione e cambiamento al servizio del management PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015 Le nuove proposte per lo sviluppo del Dossier Formativo nell'area dell organizzazione, della qualità,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati Il caso della Azienda Sanitaria della Valle d Aosta A cura di Clemente Ponzetti, Massimo Farina

Dettagli

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico.

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. Allegato alla Delib.G.R. n. 46/17 del 22.9.2015 Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. 1. Modello organizzativo 1.1 Introduzione Il presente documento fonda ogni azione prevista sull importanza

Dettagli

La norma ISO 9001 nel settore sanitario.. obbligo o opportunità? una prima analisi.

La norma ISO 9001 nel settore sanitario.. obbligo o opportunità? una prima analisi. La norma ISO 9001 nel settore sanitario.. obbligo o opportunità? una prima analisi. Il concetto di qualità in sanità è stato introdotto in Italia con il D. Lgs. 502 del 30 dicembre 1992, Riordino della

Dettagli

regulatory affairs e soluzioni di market access

regulatory affairs e soluzioni di market access regulatory affairs e soluzioni di market access Quintiles è la prima azienda al mondo di servizi completamente integrati, in grado di offrire soluzioni che spaziano dalla ricerca clinica alla commercializzazione

Dettagli

QUESTIONARIO ONLINE RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI PIANO 2015

QUESTIONARIO ONLINE RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI PIANO 2015 QUESTIONARIO ONLINE RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI PIANO 2015 ANALISI STATISTICA DEI DATI Campione di n 387 operatori ASL Cagliari Fermo restando che ad ogni Struttura aziendale che ha partecipato con i

Dettagli

Corsi Nazionali Itineranti a cura del Laboratorio HTA di SIFO

Corsi Nazionali Itineranti a cura del Laboratorio HTA di SIFO Corsi Nazionali Itineranti a cura del Laboratorio HTA di SIFO in collaborazione con ALTEMS Alta Scuola di Economia e Management Sanitario INTRODUZIONE ALL HTA. COME FARNE UNO STRUMENTO OPERATIVO: DALL

Dettagli

Audizione dell Associazione Italiana Ingegneri Clinici. Commissione 12 Igiene e Sanità. 8 luglio 2014, Roma

Audizione dell Associazione Italiana Ingegneri Clinici. Commissione 12 Igiene e Sanità. 8 luglio 2014, Roma Audizione dell Associazione Italiana Ingegneri Clinici Commissione 12 Igiene e Sanità 8 luglio 2014, Roma Oggetto: Esame del Disegno di legge n 1324 Deleghe al Governo in materia di sperimentazione clinica

Dettagli

Codice A14020 D.D. 31 dicembre 2014, n. 77 Accreditamento provider di formazione. Revisione manuale 1 b "assegnazione crediti alle attivita' ECM".

Codice A14020 D.D. 31 dicembre 2014, n. 77 Accreditamento provider di formazione. Revisione manuale 1 b assegnazione crediti alle attivita' ECM. REGIONE PIEMONTE BU17 30/04/2015 Codice A14020 D.D. 31 dicembre 2014, n. 77 Accreditamento provider di formazione. Revisione manuale 1 b "assegnazione crediti alle attivita' ECM". Visto il decreto legislativo

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

Il Risk assessment nei sistemi sanitari

Il Risk assessment nei sistemi sanitari Il Risk assessment nei sistemi sanitari Aula Magna Università degli Studi di Milano 20 Novembre 2007 Piano Sanitario Nazionale 2006-2008 www.ministerosalute.it Cap. 4.4 La promozione del Governo clinico

Dettagli

TEST SULLE CONOSCENZE ED ESERCIZI DEL MANUALE 1 SUI PERCORSI ASSISTENZIALI

TEST SULLE CONOSCENZE ED ESERCIZI DEL MANUALE 1 SUI PERCORSI ASSISTENZIALI TEST SULLE CONOSCENZE ED ESERCIZI DEL MANUALE 1 SUI PERCORSI ASSISTENZIALI 1.1 QUESTIONARIO SULLE CONDIZIONI ORGANIZZATIVE DELL AZIENDA DI APPARTENENZA (fattori di cui tener conto nella riorganizzazione

Dettagli

Semantica e tassonomia del risk management:

Semantica e tassonomia del risk management: Il risk management nelle attività del territorio Semantica e tassonomia del risk management: la gestione del rischio nei servizi sanitari di base Dott.ssa Simona Amato 22 maggio 2013 Errare humanum est,

Dettagli

PIANO FORMATIVO EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA (ECM) ANNO 2015

PIANO FORMATIVO EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA (ECM) ANNO 2015 PIANO FORMATIVO EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA (ECM) ANNO 2015 1 2 INDICE Premessa pag. 3 Piano e Obiettivi formativi pag. 3 Popolazione destinataria pag. 4 Metodologia pag. 5 Valutazione della formazione

Dettagli

Principi di base dell HTA: una overview metodologica Marzia Bonfanti

Principi di base dell HTA: una overview metodologica Marzia Bonfanti WORKSHOP: "Implementazione di un modello regionale di HB-HTA: istruzioni per l'uso " Principi di base dell HTA: una overview metodologica Marzia Bonfanti Agenda Valutazioni economico sanitarie e limiti

Dettagli

LABORATORIO DI MANAGEMENT SANITARIO

LABORATORIO DI MANAGEMENT SANITARIO Lean Production Lean Thinking Volume sul Sistema Toyota Caccia e lotta agli sprechi KAIZEN LAB Accreditamento Fondi Interprofessionali Provider ECM Intesa Listino Corsi accreditati ECM FORMAZIONE ECM Corsi

Dettagli

L organizzazione dell Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari

L organizzazione dell Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari ASSESSORATO ALLE POLITICHE PER LA SALUTE WORKSHOP IN MATERIA DI SALUTE E SANITÀ Trento 5 maggio, 19 maggio, 5 giugno 2006 L organizzazione dell Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Carlo Favaretti,,

Dettagli

Lo stato dell arte dello sviluppo delle Case della Salute della AUSL di Parma

Lo stato dell arte dello sviluppo delle Case della Salute della AUSL di Parma Lo stato dell arte dello sviluppo delle Case della Salute della AUSL di Parma 1 m a r c o l o m b a r d i r o m a 2 4 a p r i l e 2 0 1 5 m l o m b a r d i @ a u s l. p r. i t Case della Salute: programmazione

Dettagli

organizzazione sanitaria

organizzazione sanitaria Gianfranco Damiani Walter Ricciardi Manuale di programmazione e organizzazione sanitaria II Edizione IDELSON-GNOCCHI Gianfranco Damiani Walter Ricciardi Manuale di programmazione e organizzazione sanitaria

Dettagli

UNA NUOVA FORMA ASSISTENZIALE IL CHRONIC CARE MODEL

UNA NUOVA FORMA ASSISTENZIALE IL CHRONIC CARE MODEL UNA NUOVA FORMA ASSISTENZIALE IL CHRONIC CARE MODEL Mortalità per malattie del sistema circolatorio, tumori e malattie infettive, per 100.000 abitanti. Anni 1926-2001. Fonte: Istat 600 500 400 300 Malattie

Dettagli

Obiettivo formativo: Principi, procedure e strumenti per il governo clinico delle attività sanitarie

Obiettivo formativo: Principi, procedure e strumenti per il governo clinico delle attività sanitarie Mostra Dettagli Obiettivo formativo: Principi, procedure e strumenti per il governo clinico delle attività sanitarie Il sistema sanitario è un sistema complesso in cui interagiscono molteplici fattori

Dettagli

Specificare quale ospedale, dipartimento e/o soggetti inoltrano la proposta

Specificare quale ospedale, dipartimento e/o soggetti inoltrano la proposta 1. Chi è il proponente? - l ospedale - il dipartimento - un singolo soggetto Specificare quale ospedale, dipartimento e/o soggetti inoltrano la proposta 2. Chi sono i soggetti coinvolti nella proposta?

Dettagli

Cittadini e salute La soddisfazione degli italiani in sanità

Cittadini e salute La soddisfazione degli italiani in sanità Cittadini e salute La soddisfazione degli italiani in sanità La soddisfazione degli utenti come strumento di valutazione di performance Roma, 14 dicembre 2010 Giovanni Caracci Agenas - Agenzia nazionale

Dettagli

Lo sviluppo del Risk Management in Regione Piemonte

Lo sviluppo del Risk Management in Regione Piemonte La Cultura della Sicurezza in sala Operatoria Fondazione A.Pinna Pintor 22 Novembre 2008 Lo sviluppo del Risk Management in Regione Piemonte Marco Rapellino Coordinatore Scientifico Gruppo Rischio Clinico

Dettagli

Azienda USL di Ferrara

Azienda USL di Ferrara F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome MARCELLO CELLINI Nazionalità Italiana Data di nascita 28 ottobre 1956 ESPERIENZA LAVORATIVA Date (da a) Nome e indirizzo del datore

Dettagli

Apparecchiature Elettromedicali

Apparecchiature Elettromedicali Apparecchiature Elettromedicali Sicurezza e Valutazione ing. Emanuele Christin Associazione Italiana di Bioingegneria --------------------------------------- Presidente Novara, 9 febbraio 2012 Termini

Dettagli

La comunicazione nei programmi di screening

La comunicazione nei programmi di screening La comunicazione nei programmi di screening Antonio Federici Piera Poletti - CEREF Cosa è un programma di screening : il modello organizzativo di riferimento Il programma di screening è un percorso (disease

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO.

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. ALLEGATO A MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. il sistema organizzativo che governa le modalità di erogazione delle cure non è ancora rivolto al controllo in modo sistemico

Dettagli

LA GESTIONE PER LA QUALITÁ NELLE AZIENDE SANITARIE

LA GESTIONE PER LA QUALITÁ NELLE AZIENDE SANITARIE LA GESTIONE PER LA QUALITÁ NELLE AZIENDE SANITARIE CARLO FAVARETTI Direttore Generale - Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari - Trento PAOLO DE PIERI Staff del Direttore Generale - Azienda Provinciale

Dettagli

IL RUOLO DEL DATA MANAGER

IL RUOLO DEL DATA MANAGER Bergamo, 10 giugno 2014 La proposta di regolamento europeo sulle sperimentazioni cliniche. Nuove opportunità per i pazienti e per la ricerca IL RUOLO DEL DATA MANAGER Dr Maria Luisa Ferrari Ematologia

Dettagli

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI

AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Provincia Autonoma di Trento AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI Trento via Degasperi 79 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Reg. delib. n. 473 2011 OGGETTO: Riorganizzazione delle attività

Dettagli

Il ruolo degli ingegneri clinici sulla sicurezza dei dispositivi medici

Il ruolo degli ingegneri clinici sulla sicurezza dei dispositivi medici Il ruolo degli ingegneri clinici sulla sicurezza dei dispositivi medici Dott. Ing. PAOLA FREDA Direttore S.C. Ingegneria Clinica S. Giovanni Battista AO Città della Salute e della Scienza di Torino Coordinatore

Dettagli

La Tecnologia in Sala Operatoria: dalla fase di progettazione agli aspetti gestionali

La Tecnologia in Sala Operatoria: dalla fase di progettazione agli aspetti gestionali INGEGNERIA G BIOMEDICA Seminario di Ingegneria Clinica 2013 La Tecnologia in Sala Operatoria: dalla fase di progettazione agli aspetti gestionali Con il Patrocinio di Cagliari, Facoltà di Ingegneria Aula

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Nuovi strumenti professionali per il self-audit, il governo clinico e la ri-creazione della Medicina Generale: il MilleGPG e il SISSI

Nuovi strumenti professionali per il self-audit, il governo clinico e la ri-creazione della Medicina Generale: il MilleGPG e il SISSI Professione Nuovi strumenti professionali per il self-audit, il governo clinico e la ri-creazione della Medicina Generale: il MilleGPG e il SISSI Saffi Giustini, Gerardo Medea, Ovidio Brignoli, Claudio

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO, QUALE L APPROCCIO ASSISTENZIALE

GESTIONE DEL RISCHIO, QUALE L APPROCCIO ASSISTENZIALE Direzione del Servizio Infermieristico e Tecnico GESTIONE DEL RISCHIO, QUALE L APPROCCIO ASSISTENZIALE Annita Caminati e Roberta Mazzoni RISK MANAGEMENT Insieme di attività coordinate per gestire un organizzazione

Dettagli

Gestione integrata delle strutture ospedaliere secondo livelli di intensità di cura

Gestione integrata delle strutture ospedaliere secondo livelli di intensità di cura Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia Autonoma di Bolzano Via Alessandro Volta, 3 I-39100 Bolzano (BZ) Tel. +39 0471 976619 Fax. +39 0471 976616 E-Mail: info@ordinemedici.bz.it

Dettagli

Rete Ligure HTA e Reti Nazionali: proposte e prospettive

Rete Ligure HTA e Reti Nazionali: proposte e prospettive GENISAP meeting Roma, 17 luglio 2013 1-15:16 Rete Ligure HTA e Reti Nazionali: proposte e prospettive Emilio Di Maria [emilio.dimaria@unige.it] Dipartimento di Scienze della Salute Università di Genova

Dettagli

Passione per ciò che conta kpmg.com/it

Passione per ciò che conta kpmg.com/it HEALTHCARE Passione per ciò che conta kpmg.com/it Chi siamo Global Reach, Local Knowledge KPMG è uno dei principali Network di servizi professionali alle imprese, leader nella revisione e organizzazione

Dettagli

La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità

La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità Responsabile scientifico: Prof. Andrea Vettori, Docente di Healthcare management Università degli studi Guglielmo Marconi, Roma Autori:

Dettagli