GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI"

Transcript

1 GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI

2 Ringraziamenti Diverse persne hann cntribuit a quest lavr. Tra queste ringrazi l Avv. Rsari Salnia, che nel nstr ambiente, è cnsiderat il miglir giuslavrista di Rma ed il su cllega Avv. Mari Emanuele, che hann avut la benevlenza di leggere il tutt verificandne la crrispndenza ed aggiungend mirati ed pprtuni suggerimenti. Un ringraziament alla FILCA, che mi ha ffert tra le altre questa pprtunità. A Patrizia Russi dev un grazie particlare per la pazienza e la precisine cn la quale ha sempre trattat i miei (nn sempre) lineari appunti. Indice Cassa integrazine rdinaria La CIGO può essere richiesta per Imprese interessate Imprese escluse Lavratri beneficiari Lavratri esclusi La durata del trattament Le prcedure della cnsultazine sindacale La dmanda CIGO (art. 7 L. 164/1975) Cme deve essere fatta la dmanda A chi deve essere fatta la dmanda Chi apprva la dmanda I termini di presentazine della dmanda I tempi dell esame In cas di rigett della dmanda Il ricrs amministrativ A chi presentare il ricrs amministrativ In cas di ricrs respint Anticipazine dell integrazine Gli effetti sull anticipazine Il pagament La misura della CIGO I massimali CIGO e.. Quand il lavratre perde il diritt alla CIGO Cme viene finanziata la CIGO La misura del cntribut Pagament dirett La retribuzine impnibile Richiesta CIG in via telematica 2

3 Cassa integrazine guadagni strardinaria Definizine La CIGS può essere richiesta per Imprese interessate Lavratri interessati Lavratri esclusi La cnsultazine sindacale I tempi delle prcedure Presentazine della dmanda I tempi della dmanda I tempi del Minister per l apprvazine della dmanda Una vlta esaminata la dmanda Cme avviene il pagament La misura della CIGS I massimali Csa succede se I criteri CIGS e.. Cme viene finanziata la CIGS I cntratti di slidarietà I cntratti di slidarietà In quali aziende si applica Quali imprese sn escluse Lavratri beneficiari La durata del trattament La prcedura sindacale Csa si deve prevedere nell accrd sindacale A chi deve essere inviata la dmanda L iter della dmanda Se la dmanda nn viene acclta Le misura del Cds Le mdalità I benefici per le imprese CdS e.. La nrmativa particlare per gli edili CIGO Edilizia La CIGO può essere richiesta per Imprese interessate Imprese escluse 3

4 Lavratri beneficiari Lavratri esclusi La durata del trattament La transitrietà Cme deve essere fatta la dmanda A chi deve essere fatta la dmanda Chi apprva la dmanda I termini di presentazine della dmanda Se la dmanda viene respinta Chi è cmpetente a decidere il ricrs Le misure della CIGO I massimali Recuper peridi di ssta CIGO e L art. 10 Legge 223/91 A chi si applica Le causali Il finanziament dell pera Quali pere sn cmprese Durata del trattament di integrazine Eventuali prrghe Massimali La dmanda di integrazine La dmanda di prrga di integrazine L art. 11 Legge 223/91 Chi ne ha diritt Per quant temp La misura del trattament Definizine di pera pubblica Definizine di pere pubblica di grande dimensine L stat di avanzament Il numer dei lavratri licenziati I tempi dei licenziamenti Csa deve fare il sindacat Fac-simile di dichiarazine Csa deve fare l azienda L iter della richiesta Delibera 25/3/1992 Delibera 19/10/1993 Csa deve fare il lavratre subit dp il licenziament I lavratri che hann diritt agli assegni familiari Disccupazine (DS) indennità rdinaria cn requisiti rdinari Definizine I sggetti interessati 4

5 Quand si ha diritt alla DS La dmanda Quand deve essere presentata la dmanda Imprt dell indennità Da quand decrre l indennità I requisiti necessari Per quant temp viene cncessa l indennità Quand si perde il diritt all indennità 5

6 Disccupazine (DS) indennità rdinaria cn requisiti ridtti Definizine Lavratri interessati Requisiti necessari Quand deve essere presentata la dmanda A chi deve essere presentata Cme deve essere presentata Misura dell indennità La cntribuzine figurativa Disccupazine speciale edile Chi ha diritt alla DS edile I requisiti necessari Misura del trattament Da quand parte La durata I cumuli Cntributi figurativi La mbilità Quand si parla di mbilità Casi esclusi Quanti lavratri devn essere interessati Quali lavratri sn assggettati alla prcedura Quali lavratri sn esclusi dalla prcedura Quali imprese sn interessate alla prcedura La prcedura di mbilità L Azienda deve I tempi della prcedura Se le parti nn raggiungn un accrd Una vlta terminata la prcedura Cmunicazine ai lavratri Gli neri a caric dell impresa Individuazine dei lavratri da prre in mbilità Se questi criteri nn sn rispettati Se nn è rispettata la prcedura Lista di mbilità Requisiti per la lista di mbilità Durata della iscrizine Quand si è cancellati dalla lista di mbilità 6

7 L indennità di mbilità I lavratri interessati Mtivazini del licenziament I requisiti necessari per il lavratre La misura dell indennità di mbilità La durata dell indennità Perdita del diritt all indennità Decadenza dei trattamenti Obblig di adesine ad fferta frmativa di riqualificazine Obblig di accettazine di un fferta di lavr Obblig di avviament ad un percrs di reinseriment inseriment nel mercat del lavr Tabelle massimali Mdulistica Mdell CIGS /SOLID 1 - Dmanda di trattament di integrazine salariale Scheda 1/a: Crisi aziendale Scheda 1/b: Crisi aziendale per cessazine di attività Scheda 2/a: Rirganizzazine cnversine aziendale Scheda 2/b: Rirganizzazine cnversine aziendale art. 1 cmma 10 L. 223/91 Scheda 2/c: Rirganizzazine cnversine aziendale per cmplessità dei prcessi prduttivi Scheda 2/d: Rirganizzazine cnversine aziendale per cmplessità cnnesse alle ricadute ccupazinali Scheda 3/a: Ristrutturazine aziendale Scheda 3/b: Ristrutturazine aziendale art. 1 cmma 10 L. 223/91 Scheda 3/c: Ristrutturazine aziendale per cmplessità dei prcessi prduttivi 7

8 Scheda 3/d: Ristrutturazine aziendale per cmplessità cnnessa alle ricadute ccupazinali Scheda 4: Prcedure cncrsuali Scheda 7: Amministrazine strardinaria (Art. 7, c. 10 ter, L. 236/93) Istruzini Generali allegate al mdell CIGS/Slid 1 Guida alla cmpilazine delle schede da CIGS/Slid 1 a Scheda 7 Il sstegn al reddit e le nuve frme di lavr L. n 68 del 6/3/2006: reimpieg dei lavratri cinquantenni Bibligrafia generale 8

9 I riferimenti nrmativi Legge n. 88 del ; Legge n. 464 dell ; Legge n. 164 del ; art. 1, L. n. 164 del 20/5/1975; Art. 10, L. n. 223 del 23/7/1991; Cass. n del 4/12/1982; art. 1,c. 3, D.Lgs. n. 788 del 9/11/1945; art. 1, D.Lgs. C.p.S. n. 869 del 12/8/1947; art. 3, c.1, L.n.240 del 15/6/1984; art. 1, c.4, L. n. 223/91; art. 6, c. 5, L.n. 164/1975; art. 5, L. n. 164/1975; art. 12, L. n. 167/1975; Circlare INPS 30/8/1975, n ; art. 8, L. n. 164/1975; D.M. n. 227 del 12/1/1975; Circlare INPS n. 130 del 14/7/2003; art. 9, L. n. 164/1975; art. 26, L. n. 88 del 9/3/1989; Cass. Civ., U.U., 20/6/1987, n 5454; Cass. Civ., 18/6/1988, n. 6111; art. 12, D.L. Lgt. n. 788/45; art. 16, L. n. 164/1975; Circlare INPS n. 155 del 1/10/02; art. 14, c.1, l. n. 223/1991; art. 2, c. 16, L. n. 549/1995; art. 6,c. 3, L. n. 1115/1968; art. 7, L. n. 791 del 22/12/1981; Cass. Civ., 12/3/1980, n. 1648; Cass. Civ., 17/1/1991, n. 408; Cass. Civ., 1/10/1991, n ; Cass. Civ., 28/5/1986, n. 3603; Circlare n del 12/7/1957; Cass. Civ., 13/2/1987, n. 1602; Circlare INPS, n. 625 del 22/4/1980; Circlare INPS, n. 152 del 7/7/1990; Circlare INPS, n del 28/1/1981; art. 3, D.L.Lgt. n. 788/1945; art. 8, c. 4, L. n. 160/1988; Circlare INPS, n. 179, del 12/12/2002; Circlare INPS, n , del 19/10/1972; Cass. Civ., 23/5/1985, n. 3135; Cass. Civ., 20/4/1984, n. 2606; 9

10 Cass. Sentenza n del 22/12/1986; Circlare INPS n. 98 del 20/4/1984; art. 3, D.L.Lgt. n. 788 del 9/11/1945; art. 8, c. 4, L. n. 160/1988; Cass. Civ., 14/6/1995, n. 6712; art. 8,c. 5, L. n. 160 del 20/5/1988; Circlare INPS n. 171 del 4/8/1988; Circlare INPS n del 15/9/1979; art. 1, c.11, L. n. 223/91; art. 12, L. n. 164/1975; art. 12, L. n. 153/1969; art. 2, L. n. 52/1988; art. 12, L. n. 153/1969; art. 2, c.15, L. 8/8/1995, n. 335; L. n. 675/1977; D.M. 18/12/2002; D.M. 20/8/2002 (di mdifica al D.M. 2/5/2000); art ,L. n. 223/1991; L. n. 270 dell 8/7/1999; Circlare Minister del Lavr 28/3/2003, n. 8; art. 8, c. 3, L. n. 160/1988; art. 2, D.P.R. n. 218 del 10/6/2000; art. 3, c. 3, D.Lgs. n. 469/1997; Circlare Minister del Lavr, 23/8/2000, n. 61; Circlare Minister del lavr, 20/9/2000, n. 64; Circlare Minister del lavr, 4/11/2002, n. 53; art. 8, c.2, D.P.R. n. 218/2000; art. 2, c. 1-6, L. n. 223/1991; Circlare INPS n del 4/3/1983; art. 1, c. 5, L. n. 451/1994; art. 1 bis, L. n. 172 del 31/7/2002; artt. 1-6, D.M. n del 20/8/2002; artt. 1-3, D.M. n del 18/12/2002; art. 3, c. 1 e 2, L. n. 223/1991; art. 2 27, L. n. 270 dell 8/7/1999; Circlare Minister del Lavr n. 48 del 13/7/2000; Nta del Minister del Lavr n del 24/3/2000; art. 4, D.L. n. 463 del 19/12/1983; Circlare INPS n. 303 dell 11/2/1987; art. 54, c. 4, D.Lgs. n. 151/2001; art. 8, c. 4 5, L. n. 160/1988; art. 9, L. n. 407 del 29/12/1990; art. 8, c. 1, L. n. 160/1988; art. 1, c.4, L. n. 223/1991; art. 1, c. 8, L. n. 223/1991; Circlare INPS n. 141 del 26/5/1992; 10

11 Art. 1, L. n. 863/1984; art. 5, L. n. 236/1993; Circlare INPS n. 212 del 13/7/1994; art. 7 L. n. 48/1988; Art. 5, c. 1, L. n. 236/1993; Circlare Minister del Lavr n. 38 del 18/10/2004; art. 8, c. 4, D.P.R. n. 218/2000; art. 6, c. 3, L. n. 68 del 28/11/1996; art. 13, c. 1, L. n. 223/1991; art. 5, D.M. n del 20/8/2002; Circlare INPS n. 212 del 13/7/1994; Circlare INPS n del 8/1/1996; Circlare INPS n. 303 del 11/2/1987; art. 1, L. n. 77/1963; art. 1, L. n. 14/1970; L. n del 6/12/1971; art. 1, L. n. 1058/1971; Circlare INPS n. 100 del 13/4/1991; Circlare INPS n. 158 del 29/7/1983; Circlare INPS n. 125 del 5/6/1984; Circlare INPS n. 84 del 29/4/1988; art. 2, L. n. 427 del 6/8/1975; art. 2, c. 3, L. n. 427 del 6/8/1975; art. 2, L. n. 164/1975; art. 12, L. n. 153/1969; Messaggi INPS n. 28 del 22/5/1978; Circlare INPS n. 12 del 21/1/1982; art. 3, L. n. 90 del 31/3/1954; art. 5, L. n. 260 del 27/5/1949; Circlare INPS n del 10/11/1982; art. 6, c. 2, L. n. 236/1993; Delibera CIPI n del 25/3/1992; Delibera CIPI del 19/19/1993; art. 7. c. 1 bis, L. n. 236/1993; art. 2, c. 6, L. n. 223/1991; art. 11, c. 2, L. n. 223/1991; Circlare INPS n. 204 del 30/7/1991; Circlare INPS n. 23 del 23/1/2002; Delibera CIPI n del 25/3/1992; L. n. 326 del 19/7/1993; Delibera CIPI n del 19/10/1993; Messaggi INPS n del 19/10/2000; art. 34, c. 5, L. n. 448 del 23/12/1998; Circlare INPS n. 163 del 20/10/2003; art. 1, c. 2, D.Lgs. n. 181 del 21/4/2000 (cme sstituit dall art. 1 D.Lgs. n. 297 del 19/12/2002); 11

12 art. 77, R.D.L. n del 4/10/1935; Messaggi INPS n. 23 dell 11/7/2003; art. 129, c. 5 e art. 73, c. 2, R.D.L. n. 1827/1935; art. 78, c. 19, L. n. 388/2000; Circlare INPS n. 54 del 6/3/2001; art. 19, R.D.L. n. 636 del 14/4/1939; art. 78, c. 19, L. n. 388/2000; Circlare INPS n. 87 del 8/7/2005; L. n. 169 del 1/6/1991; art. 40, R.D.L. n del 4/10/1935; art. 7, c. 32, L. n. 160/1988; Circlare INPS n. 273 del 31/12/1998; Circlare INPS n. 139 del 20/6/1988; Messaggi INPS n. 125 del 23/1/2001; Messaggi INPS n. 238 del 4/1/2005; Messaggi INPS n. 23 del 11/7/2003; art. 32, D.Lgs. n. 314 del 2/9/1997; L. n. 155 del 23/4/1981; Messaggi INPS n del 20/10/1988; Circlare IN PS n. 148 del 26/6/1990; art. 9 e 14, L. n. 427 del 6/8/1975; art. 1 c. 142, L. n. 311/2004; art. 11, c. 1, L. n. 427/1975; Circlare INPS n. 448 del 30/10/1975; Messaggi INPS n. 160 del 24/2/2003; artt. 9 17, L. n. 427 del 6/8/1975; art. 78, c. 22, L. n. 388/2000; artt. 4 24, L. n. 223 del 23/7/1991; Circlare Minister del Lavr ed INPS n. 62 del 2/5/1996; Circlare INPS n. 47 del 26/2/1996; Circlare INPS n. 64 del 20/9/2000; art. 7, c. 4, L. n. 223/1991; Circlare INPS n. 3 del 2/1/1992; art. 4, c. 38, L. n. 608/1996; art. 4, c. 6, L. 236/1993; Circlare INPS n. 21 del 13/2/2006; L. n. 68 del 6/3/2006; I testi legislativi (in allegat) 12

13 PRESENTAZIONE di Dmenic Pesenti* Duplice è l biettiv di questa pubblicazine: da una parte vgliam facilitare il cmpit di quanti si trvan a dver utilizzare gli ammrtizzatri sciali cme strument di tutela dei nstri iscritti e dei lavratri, dall altra vgliam mettere a dispsizine di tutti il più ampi panrama infrmativ pssibile per far si che questa tutela pssa assumere le frme migliri. L evluzine cntinua di questa materia ci bbliga ad una cstante attenzine, a frmarci ed infrmarci cntinuamente. Fa parte anche quest del nstr lavr qutidian e del nstr dvere vers le persne che rappresentiam: perciò vrremm aiutare i delegati e gli peratri della Filca a farl nel md miglire pssibile. Quand, sui tavli di trattativa, discutiam di ammrtizzatri sciali, dbbiam sempre ricrdare che in quei mmenti rappresentiam persne che si trvan in alt grad di difficltà perché le imprese le aziende in cui lavran attraversan fasi di ristrutturazini, di rirganizzazine, ppure i cantieri sn in fase di dismissine e di cmpletament dell pera. Siam ciè in un mment in cui si stann perdend psti di lavr: quest è senz altr il mment più drammatic per gni lavratre. Pensiam sl a tutte le ricadute e le cnseguenze, in termini ecnmici, sciali e psiclgici, che si pssn generare per la persna stessa e per tutt il mnd che ruta intrn a lui (dalla famiglia agli amici ecc.). Da anni rmai ssteniam che un dei nstri biettivi nn è sl quell di sviluppare plitiche attive del lavr, ma anche quell di intervenire direttamente nella gestine del mercat del lavr e nei prcessi di frmazine e di ricllcament dei lavratri. La rifrma degli ammrtizzatri sciali, sempre più urgente e necessaria, si trva ancra ai nastri di partenza, nnstante gli accrdi del 2002, mentre auspichiam che questi biettivi si realizzin,stiam mettend a punt un prgett che cnsenta alle nstre strutture territriali di iniziare ad intervenire nella gestine del mercat del lavr. Nel frattemp prpri quest stat di necessità e di difficltà che i nstri sci affrntan quand rischian la perdita del lavr, deve sprnarci ad utilizzare le nstre migliri energie nel tutelarli, mettend in questa attività tutta la nstra passine, le nstre capacità e la nstra cmpetenza perché vgliam cntinuare ad essere sindacalisti e nn semplici cnsulenti dei lavratri. * Segretari generale della Filca Cisl 13

14 INTRODUZIONE Raccgliere le nrmative che reglan gli ammrtizzatri sciali in attesa della rifrma è un cmpit nn facile per diversi mtivi: il prim è legat alla quantità e varietà degli interventi ed alle lr pssibili intercnnessini; il secnd dipende dalla frequenza cn la quale le stesse nrmative vengn mdificate. A quest si aggiunga il numer delle fnti che cncrrn a prdurre giurisprudenza (il cmpless delle decisini emesse dagli rgani giurisdizinali al fine di garantire il vigre pratic del diritt). E anche ver, d altra parte, che parlare di crisi aziendale in sens generale significa prre attenzine ad una vasta serie di casualità e mdalità. La crisi (dal grec krisis, che significa punt di rttura ) si riverbera immediatamente sulla vita dei lavratri, nn sl in termini di capacità reddituale, riteng, ma sicuramente a partire da questi ultimi. Occrre, allra, sapersi districare tra gli strumenti che il legislatre mette a dispsizine. Quest lavr (che ha l sguard limitat ai settri rappresentati dalla FILCA CISL) vrrebbe quindi essere un strument utile a quel prfessinista della rappresentanza che l peratre sindacale è. Un strument che tuttavia denuncia i sui limiti prpri nella nn definitività e nella ggettiva incmpletezza. Si ptrebbe dire di più e megli; ne sffrirebbe però l intenzine iniziale: la prduzine di un ferr del mestiere a dispsizine di chi qutidianamente si misura cn le crisi aziendali - declinate in tutte le frme - e cn i lavratri (persne in carne ed ssa, che quand entran in un prcess di Cassa Integrazine di disccupazine si pngn interrgativi che vann ben ltre l applicazine pssibile di queste leggi e reglamenti). La nn definitività del quadr di riferiment nrmativ, tuttavia, nn è un limite asslut: prpri la cntinua evluzine legislativa può e deve essere un valid stiml da una parte vers la ricerca delle migliri mdalità applicative e dall altra, più prspetticamente, per la definizine di una rifrma che di più e megli tuteli i lavratri. Gli interventi legislativi realizzati per la gestine delle eccedenze di persnale si sn intrecciati cn le iniziative scaturite dalla cntrattazine cllettiva dal prim dpguerra sin ad ggi, disegnand un evluzine strica riassumibile in tre fasi: 14

15 la prima prende le msse dalla gestine rdinaria della Cassa integrazine guadagni nel 1945 (D.Lgs. Lgt. 9 nvembre 1945, n 788). L intervent della CIG serve ad evitare che i lavratri perdan lavr e reddit a frnte di eventi transitri ed eccezinali. la secnda fase, dal 1968 (L. 5 nvembre 1968, n 1115 e L. 8 Agst 1972, n 464) Gestine strardinaria della Cassa Integrazine Guadagni prevede interventi a sstegn del reddit di lunga durata in accmpagnament alle ristrutturazini industriali. Vale la pena ricrdare che la legge del 68 interviene dp quella sui licenziamenti individuali (L. 15 lugli 1966, n 604) e parallelamente alla cmplessa disciplina della mbilità internazinale, ltre ad altri istituti a sstegn della ccupazine (L. 12 agst 1977, n 675). La terza fase inizia nel 1991 cn la legge del 23 lugli n 223 : una sstanziale risistemazine della Cassa integrazine strardinaria, ripensata cme strument transitri per accmpagnare i prcessi di ristrutturazine industriale, accant ad una Cassa integrazine rdinaria sstanzialmente immutata nelle sue riginarie funzini. Il futur di questi strumenti dvrà necessariamente tenere cnt delle mdalità rirganizzative del mnd prduttiv, ma già da ra sembra ineluttabile che la Rifrma degli ammrtizzatri nn pssa nn tenere cnt di almen tre direzini vers le quali dvrà muversi : a) il cllegament alle plitiche di reimpieg e ai sistemi di incentivazine dell ccupazine; b) estensine a tutti i settri prduttivi; c) estensine a tutti i sggetti, cmpresi i lavratri cinvlti in rapprti di lavr nn standard cme la CISL sstiene nel Dcument di sservazini e prpste sui cntenuti del DPEF in materia di Mercat del Lavr elabrat dal Dipartiment Plitiche Attive del Lavr del 26/7/

16 La Cassa Integrazine Guadagni Ordinaria (CIGO) 16

17 Cassa Integrazine Ordinaria CIGO Definizine: ammrtizzatre sciale per l integrazine al reddit dei lavratri che, per crisi aziendali tempranee, devn ridurre l rari di lavr sspendere l attività per un breve arc di temp. Riferimenti: Legge n. 88 del ;Legge n. 464 dell ;Legge n. 164 del La Cig puà essere richiesta per: Cause integrabili: situazini aziendali critiche dvute ad eventi transitri e nn imputabili all imprenditre; crisi tempranea di mercat; eventi ggettivamente nn imputabili: mancanza scrte; mancanza energia elettrica; causa di frza maggire (attività sspesa per ragini sanitarie, terremti, alluvini, maltemp per lavrazini all apert). Cn riferiment alle grandi pere pubbliche, di regla, può cnsiderarsi event nn imputabile, quindi integrabile cn la CIGO, anche la sspensine dell'attività per: - mancat rispett dei termini dell'appalt da parte del cmmittente; - variante nei lavri al prgett da parte del cmmittente; - prvvedimenti dell'autrità giudiziaria in applicazine alle nrme antimafia. Riferimenti: art. 1, L. n. 164 del ;Art. 10, L. n. 223 del ;Cass. n del Imprese interessate: aziende industriali; industria edile e lapidei; artigianat edile e lapidei; cperative di prduzine e lavr. Riferimenti: art. 1, c. 3, D.Lgs. n. 788 del ; art. 1, D.Lgs. C.p.S. n. 869 del ; art. 3, c. 1, L. n. 240 del

18 Imprese escluse: aziende artigiane; terziari; credit assicurazini e servizi tributari; agricle; esercenti la piccla pesca industriale, armatriali di navigazine ausiliarie dell armament ferrviari e di navigazine interna; esercenti attività di trasprt a fune; esercenti autservizi pubblici di linea; dell spettacl; cperative di trasprt, facchinaggi e altre attività; cmpagnie e gruppi prtuali. Lavratri beneficiari: perai; impiegati; intermedi; quadri; lavratri assunti cn cntratt a temp determinat; sci di cperative di prduzine e lavr. N.B.: tutti i lavratri indicati pssn beneficiare della CIGO anche se sn in perid di prva. Riferimenti: art. 1, c. 3, D.Lgs. n. 788/1945; Art. 1, c. 4, L. n. 223/91. Lavratri esclusi Dirigenti; Lavratri a dmicili; Apprendisti. La durata del trattament: 13 settimane cntinuative, che pssn in casi eccezinali essere prrgate, per peridi di uguale durata, fin ad un massim di 52 settimane; 52 settimane nn cnsecutive nell arc di un bienni frmat da 104 settimane (cmpresa quella ggett della richiesta). 18

19 N.B.: a) nn vengn cnteggiate le settimane di attività lavrativa sspesa ridtta a causa di eventi ggettivamente nn evitabili; b) il calcl delle settimane è riferit alla singla unità prduttiva; c) deve essere indicat il perid in cui si prevede la ripresa delle attività. Riferiment: art. 6, c. 5, L. n. 164/1975. Le prcedure della cnsultazine sindacale Le prcedure sn distinte a secnda dei casi: 1. a frnte di eventi ggettivamente nn evitabili, il datre di lavr deve cmunicare alle OO.SS. la prevedibile durata del ricrs alla CIGO ed il minim dei lavratri interessati. La cmunicazine deve essere ripetuta per gni richiesta e prrga. Nel cas che la riduzine sia superire alle 16 re settimanali si prcede ad un esame cngiunt tra le parti; 2. nel cas in cui le caratteristiche della richiesta nn sian indifferibili, il datre di lavr deve preventivamente (su richiesta di un esame cngiunt) cmunicare alle OO.SS.: la causa; la durata; i settri reparti interessati; il numer dei lavratri cinvlti. Riferiment: art. 5, L. n. 164/1975 La dmanda CIGO (art. 7, Legge n 164/1975) Per essere inltrata la dmanda di CIGO, ci devn essere i requisiti di integrabilità: 1. deve riguardare l impresa; 2. deve prevedere una ripresa certa dell attività; 3. la causa della dmanda nn deve dipendere dalla vlntà del datre di lavr né dei lavratri. N:B: Nei casi in cui la sspensine la riduzine di attività dipendan da eventi ggettivamente nn evitabili ssia dvuti a frza maggire a cas frtuit, qualra la dmanda venga acclta, si determina, per il datre di lavr, l esner del calcl del cntribut addizinale. Riferiment: Art. 12, L. n. 164/1975; Circlare INPS , n

20 Cme deve essere fatta la dmanda: La dmanda di CIGO viene predispsta dall impresa attravers la cmpilazine del mdell IGI 15 che deve indicare: causa della sspensine riduzine del lavr; durata presunta della sspensine riduzine; re di effettiv lavr che (eventualmente) cntiene; reglare esecuzine delle prcedure sindacali. A chi deve essere inviata la dmanda La dmanda deve essere inltrata dall impresa alla sede INPS territrialmente cmpetente. Chi apprva la dmanda La dmanda viene esaminata dalla Cmmissine Prvinciale INPS. Riferiment: art. 8, L. n. 164/1975. I termini della presentazine della dmanda La dmanda deve essere presentata alla sede INPS entr il termine perentri di 25 girni dalla fine del perid di paga in crs al termine della settimana in cui ha avut inizi la sspensine la riduzine dell rari. Se la dmanda è stata presentata in ritard e cmunque acclta, il trattament nn può decrrere da più di una settimana antecedente la data di effettiva presentazine della dmanda; il perid scpert è, retributivamente e previdenzialmente, a caric della azienda. I tempi dell esame: La Cmmissine Prvinciale decide entr 90 girni dalla ricezine della dmanda. Riferiment: D.M. n. 227 del 12/1/1995. In cas di rigett della dmanda: Se la dmanda viene rigettata perché nn si ricnscn valide le prspettive di ripresa, è necessaria da parte della Cmmissine Prvinciale una cngrua mtivazine. Riferiment: Circ. INPS n. 130 del 14/7/

21 Il ricrs amministrativ Il datre di lavr può entr 30 girni dalla ntifica di rigett da parte della Cmmissine Prvinciale presentare ricrs. Riferiment: ART. 9, L. n. 164/1975. A chi presentare il ricrs amministrativ Il ricrs può essere presentat al Cmitat amministratre della gestine prestazini tempranee ai lavratri dipendenti (INPS Nazinale). Riferiment: art. 26, L. n. 88 del 9/3/1989. In cas di ricrs respint Il datre di lavr può attivare: a) ricrs giurisdizinale, press il Tar, entr 60 girni dalla ntifica della decisine; b) ricrs strardinari al Cap dell Stat entr 120 girni dalla data di cmunicazine del prvvediment. N:B:: Legittimati a tali ricrsi sn i datri di lavr e i lavratri Anticipazine della integrazine Prima del prvvediment di "autrizzazine", l'imprenditre che sspenda l'attività prduttiva l fa a su rischi e pericl - salva la dimstrazine, a su nere, di una causa di impssibilità spravvenuta nn imputabile - ed è quindi bbligat a cntinuare a crrispndere ai lavratri sspesi la retribuzine, tuttavia nella misura ridtta crrispndente al trattament di integrazine salariale.. Riferiment: Cass. civ., U.U., 20/6/1987, n 5454; Cass. civ., 18/6/1998, n Gli effetti sull anticipazine a) in cas di accettazine della dmanda, il datre di lavr cnguaglia gli imprti anticipati sul DM 10/2, versand il cntribut addizinale dvut; b) in cas di rigett della dmanda, il datre di lavr deve integrare la differenza fin al 100% della retribuzine spettante e crrispndere i cntributi previdenziali. 21

22 Il pagament Gli imprti a titl di CIG sn anticipati (dp autrizzazine INPS) dal datre di lavr e vengn da quest recuperati (dall INPS) entr il termine di scadenza di 6 mesi dalla fine del perid di paga in crs alla scadenza del termine di durata della cncessine. N.B.: l accrd sindacale può prevedere che l anticip sia effettuat anche prima dell autrizzazine INPS. Riferiment: ART. 12, D.L. L.gt. n. 788/45; ART. 16, L. n. 164/75; Circlare INPS n. 155 del 1/10/02. Le misure della CIGO Al lavratre viene crrispst l 80% della sua retribuzine in crs al mment della sspensine riduzine (cmprensiva dei ratei di mensilità aggiuntive), sempre che il relativ ammntare rientri nei seguenti massimali. I massimali L ammntare dei trattamenti di integrazine salariale, cmpresi quelli rdinari, nn può, qualunque ne sia la causa, superare l imprt determinat ai sensi della Legge n. 427 del 19/8/1980, aggirnat annualmente in base alla variazine annuale dell'indice ISTAT dei prezzi al cnsum per le famiglie degli perai e degli impiegati. I ratei di mensilità aggiuntive che hann i requisiti della cntinuità ed bbligatrietà (gratifica natalizia, premi di prduzine, quattrdicesima) sn integrabili (a caric dell INPS) nei limiti del massimale mensile e sl nel cas ci sia capienza. N.B.: 1. dall 1/1/95 i massimali vengn annualmente rivalutati nella misura dell 80% delle variazini dell indice ISTAT; 2. dall imprt di CIGO è detratt il 5.54% della cntribuzine previdenziale a caric del lavratre. Riferiment: Art. 14, c. 1, L. n. 223/1991; Art. 2, c. 16, L. n. 549/1995. Vedi tabella massimali 22

23 CIGO E.. Assegn per il nucle familiare: è dvut in misura intera durante i peridi autrizzati di CIGO. Riferiment: art. 6, c. 3, L. n. 1115/1968. Pensine : vige l stess regime di cumul pensine-retribuzine in att prima del cllcament in CIGO. Riferiment: art. 7, L. n. 791 del 22/12/1981. Mensilità aggiuntiva: è integrabile, ma eccede il tett dei massimali mensili, quindi, raramente viene percepita. Ferie: se CIGO a zer re il diritt alle ferie nn matura, salv espressa previsine cntrattuale. Riferiment: Cass. civ., 12/3/80, n. 1648; Cass. civ., 17/1/1991, n Se CIGO a rari ridtt, il diritt alle ferie matura, in quant riferit alla durata del rapprt di lavr e nn alle re effettivamente lavrate, e sarà a caric del datre di lavr, limitatamente alle re di lavr effettivamente prestate, mentre sarann a caric della CIGO le re nn lavrate. Riferiment: Cass. civ., 1/10/1991, n ; Cass. civ., 28/5/1986, n In cas di ferie cllettive cn chiusura dell azienda, nessun dipendente può beneficiare del trattament CIGO. Riferiment: Circ. n del 12/7/57. Cnged matrimniale: ad un lavratre in CIGO che ne beneficia deve essere sspesa l ergazine del trattament e crrispsta l intera retribuzine (il datre di lavr può successivamente chiedere una quta di rimbrs all INPS sl per gli perai ed intermedi). 23

24 Infrtuni sul lavr: se il lavratre è tempraneamente inabile per infrtuni ( ricaduta cllegata all infrtuni) sul lavr, il trattament CIGO viene sspes e sstituit dall indennità INAIL. Ore di allattament: le re crrispndenti ai ripsi girnalieri durante il prim ann di vita del bambin sn cnsiderate cme lavrative, quindi integrabili. Riferiment: Cass. civ., 13/2/1987, n Prestazini di maternità I peridi di astensine bbligatria per gravidanza puerperi prevale sempre rispett alla integrazine salariale, perché cstituente un trattament ecnmic di miglir favre. Riferiment: Circ. INPS, n. 625 del 22/4/80; Circ. INPS, n. 152 del 7/7/90. Malattia In cas di malattia il lavratre percepisce la relativa indennità ergata dall INPS, piuttst che l integrazine CIGO piché la prima cstituisce un trattament di miglir favre nei cnfrnti del lavratre. Riferimenti: Circ. INPS, n. 625 del 22/4/80; Circ. INPS, n del 28/1/81; ART. 3, D.L.Lgt. n. 788/1945. Permessi per prtatri di handicap Prevale il trattament CIGO in quant i permessi previsti dalla L. 104/92, cmmi 2 e 3 sn relativi ad re lavrative e, quindi, integrabili. Attività di vlntariat I cmpensi crrispsti dalle Prefetture cmpetenti per attività di vlntariat prmsse dalla Prtezine Civile nn sn cumulabili cn l imprt spettante a titl di CIGO. Riferimenti: Circ. INPS n. 179 del 12/12/2002; art. 8, c. 4, L. n. 160/1988 Membri eletti a cariche di amministrazini lcali il cmpens crrispst dall Ente lcale nn è cumulabile cn gli imprti spettanti a titl di CIGO, almen sin alla cncrrenza dell imprt dell integrazine salariale. 24

25 Riferiment nrmativ: circ. INPS, 12/12/2002 n Festività a) per lavratri sspesi retribuiti a paga raria: le festività ricadenti nei primi 15 girni di CIGO nn sn integrabili (restan a caric del datre di lavr); b) per i lavratri sspesi retribuiti in misura fissa mensile le stesse festività (nazinali, civili e religise) sn integrabili nei limiti dell rari cntrattuale settimanale; c) per i lavratri ad rari ridtt (retribuiti men in misura fissa mensile) le festività ricadenti nel perid di CIGO nn sn integrabili d) le festività del 25 aprile, 1 maggi e 2 giugn: nn sn integrabili per i lavratri sspesi retribuiti a paga raria; sn integrabili per i lavratri retribuiti in misura fissa mensile, nei limiti dell rari cntrattuale settimanale. Riferiment: Circ. INPS n del 19/10/72. N.B.: Le girnate nn più festive (L. 54 del 5/3/77) sn lavrative a tutti gli effetti anche ai fini della nrmativa sulle integrazini salariali. Astensine facltativa pst-partum Dp l astensine bbligatria per maternità, la lavratrice può: 1. rientrare al lavr, nel qual cas ha diritt al trattament di CIGO cme tutti gli altri; 2. fruire di assenza facltativa nn ptend però percepire le integrazini salariali. Riferiment: Cass. civ., 23/5/1985 n. 3135; Cass. civ., , n Dnazine di sangue Essend ricnsciuta per legge una girnata di rips retribuit (il girn in cui avviene il preliev) cn il diritt all intera retribuzine pagata dal datre di lavr e rimbrsata dall INPS, si determina la nn integrabilità della girnata stessa sia nei casi di sspensine che di riduzine di rari. Assemblea sindacale I lavratri sspesi nn perdn i lr diritti sindacali ed in particlare quell previst dall'art. 20 dell statut dei lavratri, ssia il diritt di riunirsi nell'unità prduttiva in cui prestavan la lr pera. Riferiment: Cass., sentenza n del

MINIGUIDA SULLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NELL'INDUSTRIA (ESCLUSO SETTORE EDILE)

MINIGUIDA SULLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NELL'INDUSTRIA (ESCLUSO SETTORE EDILE) MINIGUIDA SULLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NELL'INDUSTRIA (ESCLUSO SETTORE EDILE) "per la nzine di "industria" ai fini del trattament di cig ccrre fare riferiment alla legge 9 marz 1989 n. 88

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE N. 4091. D iniziativa dei deputati

PROPOSTA DI LEGGE N. 4091. D iniziativa dei deputati PROPOSTA DI LEGGE N. 4091 D iniziativa dei deputati SANTULLI, ARACU, BIANCHI CLERICI, CARLUCCI, GALVAGNO, GARAGNANI, LICASTRO SCARDINO, ORSINI, PACINI, PALMIERI, RANIERI Statut dei diritti degli insegnanti

Dettagli

Università degli Studi di Messina Anno Accademico 2014/2015. Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologie Quantitative

Università degli Studi di Messina Anno Accademico 2014/2015. Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologie Quantitative Università degli Studi di Messina Ann Accademic 2014/2015 Dipartiment di Scienze Ecnmiche, Aziendali, Ambientali e Metdlgie Quantitative I MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO IN ECONOMIA BANCARIA E FINANZIARIA

Dettagli

MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO

MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO Riepilg dcumentazine 1 2 Istanza di autrizzazine all scaric in crp idric

Dettagli

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER PRIVATI

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER PRIVATI Md. 1 - Privati D.P.G.R n in data Eventi eccezinali del/dal..al (gg/mese/ann). MODULO PER PRIVATI Cn il presente mdul pssn essere segnalate anche vci di dann nn ricmprese nella LR 4/97 Da cnsegnare al

Dettagli

Allegato all'articolo Taglialeggi

Allegato all'articolo Taglialeggi Allegat all'articl Taglialeggi Tip att Titl dispsizi ni da abrgare 1 R.D. 773 18/06/1931 Apprvazine del test unic delle leggi di Le persne che hann l'bblig di prvvedere all'istruzine art. 12, elementare

Dettagli

Sconti e agevolazioni speciali in CONVENZIONE em.01 14

Sconti e agevolazioni speciali in CONVENZIONE em.01 14 Sigeim Energia srl Ftvltaic Veicli elettrici Batterie slari Scnti e agevlazini speciali in CONVENZIONE em.01 14 Negli ultimi 6 anni la Sigeim Energia si è dedicata alla prgettazine e installazine di impianti

Dettagli

I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE

I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE La direttiva Servizi mira a ffrire ai cnsumatri più scelta, più qualità e un access più facile ai servizi in tutt il territri dell UE PERCHÉ LE NUOVE NORME

Dettagli

Chi è il soggetto che procede ad erogare il servizio di scambio sul posto? Quali sono i vantaggi di aderire al regime di scambio sul posto?

Chi è il soggetto che procede ad erogare il servizio di scambio sul posto? Quali sono i vantaggi di aderire al regime di scambio sul posto? Mdalità di access alla cnvenzine (13) Csa si intende per servizi di scambi sul pst? L scambi sul pst [Deliberazine ARG/elt 74/08, Allegat A Test integrat dell scambi sul pst (TISP)], è un meccanism che

Dettagli

Dopo 30 giugno. Totale. TASSA D ISCRIZIONE 30 giugno RICHIESTE E CONDIZIONI DI PRENOTAZIONE SPAZI. DOPO QUANTITÀ 30 GIUGNO x mq

Dopo 30 giugno. Totale. TASSA D ISCRIZIONE 30 giugno RICHIESTE E CONDIZIONI DI PRENOTAZIONE SPAZI. DOPO QUANTITÀ 30 GIUGNO x mq Rma, 29-30-31 ttbre 2003, EUR, Palazz dei Cngressi DOMANDA DI AMMISSIONE A BIBLIOCOM BIBLIOTEXPO 2003 cmpilare in gni sua parte Dati aziendali DATI DELL AZIENDA TITOLARE DELLO STAND DATI PER LA FATTURAZIONE

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO E DEGLI AFFARI FINANZIARI

MINISTERO DELLA DIFESA UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO E DEGLI AFFARI FINANZIARI MINISTERO DELLA DIFESA UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO E DEGLI AFFARI FINANZIARI II REPARTO- COOPERAZIONE INTERNAZIONALE 2 Uffici- Trattamenti ecnmici del persnale all'ester All.8 Indirizz Pstale: Via XX

Dettagli

Cos è il Master Essere HR Business Partner?

Cos è il Master Essere HR Business Partner? Cs è il Master Essere HR Business Partner? Un percrs che aiuta i prfessinisti HR ad andare ltre in termini di autrevlezza e fcalizzazine sul cliente e sui risultati. Quali biettivi permette di raggiungere?

Dettagli

VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808

VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808 VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808 L ann duemilaundici il girn 11 del mese di Aprile alle re 10:00, press la sede della

Dettagli

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DATALOG ITALIA SRL LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE La Finanziaria 2008 ha stabilit che la fatturazine nei cnfrnti delle amministrazini dell stat debba avvenire esclusivamente

Dettagli

Nota tecnica riferita alla nota M.I.U.R. prot. n. 8409 del 30 luglio 2010

Nota tecnica riferita alla nota M.I.U.R. prot. n. 8409 del 30 luglio 2010 Nta tecnica riferita alla nta M.I.U.R. prt. n. 8409 del 30 lugli 2010 Oggett: Istruzini amministrativ-cntabili per le istituzini ggett di dimensinament. Le Istituzini sclastiche, per quant attiene all

Dettagli

Scheda di sintesi Armenia

Scheda di sintesi Armenia VI. Prgramma prmzinale 2006: ARMENIA SCHEDA DI SINTESI ATTIVITA ne altri 1. EVENTI DI PROMOZIONE TURISTICA 1.1 Manifestazini fieristiche diffusine di ntizie tramite e-mail e Sit Internet dell Ambasciata

Dettagli

(Fonte: Vademecum Nextville 2013, Efficienza energetica, gli incentivi per il risparmio energetico, le rinnovabili termiche e la cogenerazione )

(Fonte: Vademecum Nextville 2013, Efficienza energetica, gli incentivi per il risparmio energetico, le rinnovabili termiche e la cogenerazione ) CERTIFICATI BIANCHI (TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA TEE) (Fnte: Vademecum Nextville 2013, Efficienza energetica, gli incentivi per il risparmi energetic, le rinnvabili termiche e la cgenerazine ) 1) MECCANISMO

Dettagli

Abstract: una versione sintetica della tua relazione. Il lavoro di ricerca e progettazione svolto prima di cominciare gli esperimenti.

Abstract: una versione sintetica della tua relazione. Il lavoro di ricerca e progettazione svolto prima di cominciare gli esperimenti. COME SCRIVERE LA RELAZIONE DEL PROGETTO La tua relazine finale deve includere le seguenti sezini: Titl Abstract: una versine sintetica della tua relazine. Indice. Dmanda, variabili e iptesi. Il lavr di

Dettagli

Progettare l ambiente di apprendimento. Valorizzare l esperienza e le conoscenze degli alunni

Progettare l ambiente di apprendimento. Valorizzare l esperienza e le conoscenze degli alunni Rendiam prduttive le riunini Per prgettare un mdell di scula: un apprcci culturale e filsfic un elabrazine pedaggica una prgettazine didattica frti cnscenze disciplinari L autnmia è: respnsabilità innvazine

Dettagli

1. Microsoft Power Point: costruire una presentazione

1. Microsoft Power Point: costruire una presentazione Dtt. Pal Mnella Labratri di Infrmatica Specialistica per Lettere Mderne 2 semestre, A.A. 2009-2010 Dispensa n. 3: Presentazini Indice Dispensa n. 3: Presentazini...1 1. Micrsft Pwer Pint: cstruire una

Dettagli

Condizioni Generali sito SOSartigiani.it

Condizioni Generali sito SOSartigiani.it Cndizini Generali sit SOSartigiani.it 1. Premesse 1.1 Il presente accrd è stipulat in Italia tra il Dtt. Lrenz Caprini, via Garibaldi 2, Trezzan Rsa 20060 Milan, ideatre di SOSartigiani.it di seguit denminat

Dettagli

Aggiornamento remoto della chiave hardware

Aggiornamento remoto della chiave hardware AMV S.r.l. Via San Lrenz, 106 34077 Rnchi dei Leginari (Grizia) Italy Ph. +39 0481.779.903 r.a. Fax +39 0481.777.125 E-mail: inf@amv.it www.amv.it Cap. Sc. 10.920,00 i.v. P.Iva: IT00382470318 C.F. e Iscriz.

Dettagli

Manuale Amministratore. Edizione Ottobre 2008

Manuale Amministratore. Edizione Ottobre 2008 Manuale Amministratre Edizine Ottbre 2008 Manuale Amministratre PaschiInTesreria - Ottbre 2008 INDICE 1. Intrduzine 3 2. Access Amministratre 4 3. Funzini Amministrative 6 3.1. Gestine Azienda 6 3.2. Gestine

Dettagli

rigenerazione urbana volti a promuovere la riqualificazione Pulsano, viale dei Micenei n.70. PREMESSA

rigenerazione urbana volti a promuovere la riqualificazione Pulsano, viale dei Micenei n.70. PREMESSA RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Prgett di un intervent sit in Pulsan, lc. La Fntana, viale dei Micenei n.70 inserit nei prgrammi integrati di rigenerazine urbana vlti a prmuvere la riqualificazine di città

Dettagli

Annual General Meeting AGM 3-6 Aprile 2014

Annual General Meeting AGM 3-6 Aprile 2014 Annual General Meeting AGM 36 Aprile 2014 Erasmus Student Netwrk Annual General Meeting 2014 Milan Italia COS'E' ESN? Erasmus Student Netwrk (ESN) è una delle più grandi assciazini studentesche in Eurpa.

Dettagli

REGOLAMENTO del CONCORSO A PREMI denominato Scopri l'azerbaijan e vinci un biglietto per Expo2015.

REGOLAMENTO del CONCORSO A PREMI denominato Scopri l'azerbaijan e vinci un biglietto per Expo2015. REGOLAMENTO del CONCORSO A PREMI denminat Scpri l'azerbaijan e vinci un bigliett per Exp2015. 1. SOCIETA PROMOTRICE Simmetric SRL Via V. Frcella 13, 20144 Milan P.IVA 05682780969 (di seguit la Prmtrice

Dettagli

Silk Enterprise Content Management Collaboration, content, people, innovation.

Silk Enterprise Content Management Collaboration, content, people, innovation. Cllabratin, cntent, peple, innvatin. The Need fr an Enterprise Cntent Management System In un mercat knwledge riented, estremamente cmpetitiv e dinamic, le Imprese di success sn quelle che gestiscn in

Dettagli

referente e-mail PEC referente identificatore titolo descrizione

referente e-mail PEC referente identificatore titolo descrizione referente e-mail PEC referente identificatre titl descrizi Avv. Pal Brgia - resp. cmu.mnterdibisacciacb@legalmail.it Settre Affari Gerali Avv. Pal Brgia - resp. cmu.mnterdibisacciacb@legalmail.it Settre

Dettagli

1. CORRENTE CONTINUA

1. CORRENTE CONTINUA . ONT ONTNUA.. arica elettrica e crrente elettrica e e e e P N NP e e arica elementare carica dell elettrne,6 0-9 Massa dell elettrne m 9, 0 - Kg L atm è neutr. Le cariche che pssn essere spstate nei slidi

Dettagli

Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Informatica N.O. A.A. 2003/2004. Tesina Esame di Elettronica Analogica II

Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Informatica N.O. A.A. 2003/2004. Tesina Esame di Elettronica Analogica II Università degli Studi di Lecce Facltà di Ingegneria Infrmatica N.O. A.A. /4 esina Esame di Elettrnica Analgica II Studentessa: Laura Crchia Dcente: Dtt. Marc Panare INDICE Presentazine del prgett del

Dettagli

Carta dei Servizi CARTA DEI SERVIZI

Carta dei Servizi CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO RELATIVA AL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE INDICE 1. Elenc mduli richiamati... 4 2. Riferimenti... 4 3. Scp e generalità... 5 4. Camp di applicazine... 5 5. Standard specifici...

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA' DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN. Formatore Multimediale

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA' DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN. Formatore Multimediale UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA' DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN Frmatre Multimediale METODOLOGIA METACOGNITIVA DEI SISTEMI INTEGRATI PER LA GESTIONE DELL APPRENDIMENTO E DELLA

Dettagli

IL TESTO ARGOMENTATIVO

IL TESTO ARGOMENTATIVO IL TESTO ARGOMENTATIVO 1. LA STRUTTURA DI UN TESTO ARGOMENTATIVO La struttura base del test argmentativ può essere csì schematizzata: PROBLEMA TEMATICA CONFUTAZIONE DELLE SIN CONCLUSIONE Questa struttura,

Dettagli

Alto Apprendistato 2011-2013

Alto Apprendistato 2011-2013 Alt Apprendistat 2011-2013 Dcente: 2010 - CEFRIEL The present riginal dcument was prduced by CEFRIEL fr the benefit and

Dettagli

Dati dai questionari. Report preliminare. Maggio 2015

Dati dai questionari. Report preliminare. Maggio 2015 Dati dai questinari Reprt preliminare Maggi 2015 Dati Scule Regine Abruzz 3,9% 16 Basilicata 0,5% 2 Calabria 2,4% 10 Campania 3,9% 16 Emilia Rmagna 4,6% 19 Friuli Venezia Giulia 3,4% 14 Lazi 4,1% 17 Liguria

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Eurpass Infrmazini persnali Cgnme(i/)/Nme(i) Gentili Marc Cittadinanza italiana Sess Occupazine desiderata/settre prfessinale Maschile Espert Senir Esperienza prfessinale Date Lavr psizine

Dettagli

Sommario. Definizione 3

Sommario. Definizione 3 Sommario Definizione 3 1. Contratto di solidarietà difensivo 4 1.1 Contenuto del contratto 7 1.2 Riflessi sul rapporto di lavoro 15 1.3 codici autorizzazione Inps 17 2. Contratto di solidarietà espansivo

Dettagli

Guida alla Convenzione TELEFONIA MOBILE 5

Guida alla Convenzione TELEFONIA MOBILE 5 TELEFONIA MOBILE 5 Realizzat da azienda cn sistema di gestine per la qualità certificat ISO 9001:2008 Smmari 1. PREMESSA... 4 1.1 CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE SIM IN CONVENZIONE AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI...

Dettagli

Strategia Energetica Nazionale: per un energia più competitiva e sostenibile

Strategia Energetica Nazionale: per un energia più competitiva e sostenibile Strategia Energetica Nazinale: per un energia più cmpetitiva e sstenibile Marz 2013 Premessa Il cntest nazinale e internazinale di questi anni è difficile ed incert. La crisi ecnmica ha investit tutte

Dettagli

PREMESSA PREMESSA PREMESSA PRE

PREMESSA PREMESSA PREMESSA PRE PREMESSA PREMESSA I Servizi via internet, cellulare e telefn le permettn di perare in md semplice e dirett cn la Banca, dvunque lei sia, a qualsiasi ra del girn, scegliend di vlta in vlta il canale che

Dettagli

La nuova Strategia Energetica Nazionale per un energia più competitiva e sostenibile DOCUMENTO PER CONSULTAZIONE PUBBLICA

La nuova Strategia Energetica Nazionale per un energia più competitiva e sostenibile DOCUMENTO PER CONSULTAZIONE PUBBLICA La nuva Strategia Energetica Nazinale per un energia più cmpetitiva e sstenibile DOCUMENTO PER CONSULTAZIONE PUBBLICA Settembre 2012 La Nuva Strategia Energetica Nazinale Premessa Il cntest nazinale e

Dettagli

Deliberazion G.C. n. 14 dai 23 de jené 2014 Tachèda fora te l albo de Comun ai 31 de jené 2014

Deliberazion G.C. n. 14 dai 23 de jené 2014 Tachèda fora te l albo de Comun ai 31 de jené 2014 Deliberazine G.C. nr. 14 dd. 23.01.2014 Pubblicata all'alb cmunale il 31.01.2014 OGGETTO: Adzine pian triennale di prevenzine della crruzine (p.t.p.c.) ai sensi della legge n. 190 del 06.11.2012. Deliberazin

Dettagli

Ingegneria, Qualità e Servizi Engineering Process Owner

Ingegneria, Qualità e Servizi Engineering Process Owner Engineering Prcess Owner ING. FABIO GIANOLA Dati Anagrafici Nat a Milan il 25/11/1968. Nazinalità: Italiana Residenza: Milan Prfessine: Da Nvembre 2013 Amministratre Unic di I.Q.S. Ingegneria Qualità e

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO Breve descrizione del problema trattato

RELAZIONE PROGETTO Breve descrizione del problema trattato RELAZIONE PROGETTO Irene Maria Girnacci Fndamenti di prgrammazine I ann laurea triennale Breve descrizine del prblema trattat Il prblema assegnat cnsiste nell svilupp di una agenda elettrnica, cmpsta da

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

CONTENUTO INTRODUZIONE. Descrizione della piattaforma Servizio di ricezione di dati Servizio di trading Materiale di supporto.

CONTENUTO INTRODUZIONE. Descrizione della piattaforma Servizio di ricezione di dati Servizio di trading Materiale di supporto. CONTENUTO INTRODUZIONE Descrizine della piattafrma Servizi di ricezine di dati Servizi di trading Materiale di supprt INIZIARE A LAVORARE CON VISUAL CHART V Requisiti del sistema Cme ttenere i dati di

Dettagli

MARTINA ZIPOLI. Curriculum Vitae Martina Zipoli INFORMAZIONI PERSONALI. Sesso Femmina Data di nascita 14/12/1986 Nazionalità Italiana

MARTINA ZIPOLI. Curriculum Vitae Martina Zipoli INFORMAZIONI PERSONALI. Sesso Femmina Data di nascita 14/12/1986 Nazionalità Italiana INFORMAZIONI PERSONALI MARTINA ZIPOLI Sess Femmina Data di nascita 14/12/1986 Nazinalità Italiana ESPERIENZA PROFESSIONALE Archelga press cantieri di scav prgrammat ed emergenza, cn ruli di respnsabile

Dettagli

Understanding VMware HA. Le meccaniche di ridondanza dei cluster VMware vsphere (v5.x)

Understanding VMware HA. Le meccaniche di ridondanza dei cluster VMware vsphere (v5.x) Understanding VMware HA Le meccaniche di ridndanza dei cluster VMware vsphere (v5.x) 1 «Chi sn?» Rcc Sicilia, IT Manager e Virtualizatin Architect. Attualmente sn respnsabile del team di Design di un System

Dettagli

1. Lessicologia vs terminologia... 4 2. Lessico comune e lessico specialistico... 4 3. I linguaggi speciali... 6 4. Cenni storici... 6 5.

1. Lessicologia vs terminologia... 4 2. Lessico comune e lessico specialistico... 4 3. I linguaggi speciali... 6 4. Cenni storici... 6 5. 1. Lessiclgia vs terminlgia... 4 2. Lessic cmune e lessic specialistic... 4 3. I linguaggi speciali... 6 4. Cenni strici... 6 5. La nrmazine terminlgica... 7 6. Dalla lessicgrafia alla termingrafia, dai

Dettagli

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEL PAZIENTE NEUROLOGICO ALLETTATO

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEL PAZIENTE NEUROLOGICO ALLETTATO PREVENZIONE EL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEL PAZIENTE NEUROLOGIO ALLETTATO 1. Intrduzine ed biettivi 3 2 Sinssi delle raccmandazini 4 3. Ictus cerebri ischemic acut 10 3.1 Prfilassi meccanica 10 3.2 Prfilassi

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

Soci. Posteggio barche/canoa. Categoria Socio Tassa base Uso barche Uso natante Uso tutto. Socio attivo 150 350 550 800

Soci. Posteggio barche/canoa. Categoria Socio Tassa base Uso barche Uso natante Uso tutto. Socio attivo 150 350 550 800 TARIFFARIO 2015 Valid dal 01.02.2015 Sci Categria Sci Tassa base Us barche Us natante Us tutt Psteggi barche/cana Sci attiv 150 350 550 800 Sci attiv famiglia 160 400 600 800 Sci attiv Junir 50 *1) 100

Dettagli

TURISMO MARITTIMO E COSTIERO SOSTENIBILE,

TURISMO MARITTIMO E COSTIERO SOSTENIBILE, TURISMO MARITTIMO E COSTIERO SOSTENIBILE, CHIAVE PER LA CRESCITA BLU COM & CAP MARINA-MED #5 SEMINARIO DI CAPITALIZZAZIONE 12 &13 Maggi, 2015 Firenze (Regines Tscana- Italia) Luca Girdan Hall, Palazz Medici

Dettagli

EMERGENZA MEDITERRANEO E MIGRAZIONI: COME PUÒ RISPONDERE L EUROPA?

EMERGENZA MEDITERRANEO E MIGRAZIONI: COME PUÒ RISPONDERE L EUROPA? Analysis N. 284, Aprile 2015 EMERGENZA MEDITERRANEO E MIGRAZIONI: COME PUÒ RISPONDERE L EUROPA? Stefan M. Trelli La tragedia avvenuta nel Canale di Sicilia, cn circa 700 persne che si teme abbian pers

Dettagli

SPINE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI

SPINE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI SPINE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI Una spina elettrica è un cnnettre elettric che può essere inserit in una presa di crrente cmplementare. Per mtivi di sicurezza, il lat cstantemente stt tensine è sempre

Dettagli

anno scolastico/school YEAR 2015/2016

anno scolastico/school YEAR 2015/2016 MODULO D ISCRIZIONESERVIZIO TRASPORTO ALUNNI PER LE FAMIGLIE DELLA CANADIAN SCHOOL OF MILAN SCHOOL BUS APPLICATION FORM FOR THE STUDENTS OF CANADIAN SCHOOL OF MILAN ann sclastic/school YEAR 2015/2016 SCRIVERE

Dettagli

La retta è il luogo geometrico dei punti che soddisfano la seguente relazione

La retta è il luogo geometrico dei punti che soddisfano la seguente relazione RETTE Definizine intuitiva La retta linea retta è un dei tre enti gemetrici fndamentali della gemetria euclidea. Viene definita da Euclide nei sui Elementi cme un cncett primitiv. Un fil di ctne di spag

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

Per risolvere le equazioni alle differenze si può utilizzare il metodo della Z-trasformata.

Per risolvere le equazioni alle differenze si può utilizzare il metodo della Z-trasformata. 8.. STRUMENTI MATEMATICI 8. Equazini alle differenze. Sn legami statici che legan i valri attuali (all istante k) e passati (negli istanti k, k, ecc.) dell ingress e k e dell uscita u k : u k = f(e 0,

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

SOAP qwerty Manuale Utente. Ver.1.0.20101105. Contenuti

SOAP qwerty Manuale Utente. Ver.1.0.20101105. Contenuti Ver.1.0.20101105 Cntenuti SOAP QWERTY 1. Per la Vstra Sicurezza... 4 2. Prfil del telefn... 7 3. Prim utilizz... 9 Installare la SIM Card... 9 Installare la Memry card... 11 Installare la Batteria... 12

Dettagli

Non vuoi disegnare a mano libera? Preferisci usare il computer? Nessun problema! Puoi...

Non vuoi disegnare a mano libera? Preferisci usare il computer? Nessun problema! Puoi... Idee per nn far fatica Nn vui disegnare a man libera? Preferisci usare il cmputer? Nessun prblema! Pui... Utilizzare gli emticn In quest blg ci sn numersi emticn a tua dispsizine. Clicca semplicemente

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

3) MECCANISMI DI RILASSAMENTO

3) MECCANISMI DI RILASSAMENTO 3) MECCANSM D RLASSAMENTO nuclei eccitati tendn a cedere l'energia acquisita ed a ritrnare nella "psizine" di equilibri. meccanismi del rilassament sn mlt cmplessi (sprattutt nei slidi) e pssn essere classificati

Dettagli

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro In quali casi è possibile lavorare durante la Cassa integrazione e con che limiti? Si possono cumulare trattamento

Dettagli

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge n. 92 del 2012 è intervenuta nella materia previdenziale laddove la stessa appresta

Dettagli

A chi si rivolge: a coloro che già svolgono o svolgeranno mansioni di amministratore di sistemi o ingegnere di sistemi in strutture medio-grandi

A chi si rivolge: a coloro che già svolgono o svolgeranno mansioni di amministratore di sistemi o ingegnere di sistemi in strutture medio-grandi Via Renat Cesarini, 58/60 00144 Rma Via Scrate 26-20128 - Milan P. IVA: 01508940663 CCIAA: 11380/00/AQ Cisc, Juniper and Micrsft authrized Trainers Esame 70 291: (Btcamp Crs MS-2276 e crs MS-2277 ) Crs

Dettagli

Becomingossola.com. Politica della riservatezza

Becomingossola.com. Politica della riservatezza Becmingssla.cm Plitica della riservatezza Infrmativa per prentazini Aurive scietà cperatva sciale, sede legale Crs Cavallt 26/B Nvara, P.IVA 02101050033 Numer REA: NO 215498, e-mail inf@becmingssla.cm,

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

Requisiti per la firma di un'iniziativa dei cittadini europei

Requisiti per la firma di un'iniziativa dei cittadini europei Requisiti per la firma di un'iniziativa dei cittadini eurpei REQUISITI GENERALI Per pter sstenere un'iniziativa dei cittadini eurpei ccrre essere cittadini dell'ue (cittadini di un Stat membr) e aver raggiunt

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE FORMAZIONE, RICERCA E INNOVAZIONE, SCUOLA E UNIVERSITA', DIRITTO ALLO STUDIO

DIREZIONE REGIONALE FORMAZIONE, RICERCA E INNOVAZIONE, SCUOLA E UNIVERSITA', DIRITTO ALLO STUDIO Avvis pubblic per la cncessine di cntributi ecnmici a sstegn di prgetti da attuare nelle Scule del Lazi - Presentazine n demand delle prpste prgettuali ALLEGATO A - Prgetti Esclusi - Scadenza 27 febbrai

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Manuale d uso. Manuale d uso EPIC 10 codice articolo 5400321-03 Rev. H

Manuale d uso. Manuale d uso EPIC 10 codice articolo 5400321-03 Rev. H Manuale d us Manuale d us EPIC 10 cdice articl 5400321-03 Rev. H INDICE Indice... 1 Intrduzine... 4 1. Cnfezine... 5 1.1 Elenc dei cmpnenti del sistema... 5 1.2 Dati Tecnici... 5 2. Descrizine dell apparecchiatura...

Dettagli

Oggetto Limiti minimi di retribuzione imponibile giornaliera per il calcolo dei premi assicurativi. Determinazione per l anno 2015.

Oggetto Limiti minimi di retribuzione imponibile giornaliera per il calcolo dei premi assicurativi. Determinazione per l anno 2015. Direzione generale Direzione centrale rischi Circolare n. 38 Roma, 10 marzo 2015 Al Direttore generale vicario Ai Responsabili di tutte le Strutture centrali e territoriali e p.c. a: Organi istituzionali

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

(1) Livello Inquadramento

(1) Livello Inquadramento di Mutualità ed Assistenza MACERATA Via Gramsci, 38 Tel. 0733 230243 Fax. 0733 232145 E mail: info@cassaedilemacerata.it www. cassaedilemacerata.it DATI ANAGRAFICI DEL LAVORATORE ( per i nuovi assunti

Dettagli

Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto

Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto Il presente Regolamento disciplina le procedure per la trasformazione del

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro

Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro RAPPORTO DELLA MALATTIA CON GLI ALTRI ISTITUTI L insorgere dell evento maternità influenza anche le modalità di gestione collegate ad altri istituti

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA PARTI CONTRAENTI Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil DATA DI STIPULA 3 febbraio 2008 FINALITÀ

Dettagli

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI L anticipazione del congedo di maternità si applica anche alle LAVORATRICI A DO- MICILIO E ALLE LAVORATRICI ADDETTE AI SERVIZI DOMESTICI E FAMILIARI (COLF). Prolungamento del congedo di maternità Il congedo

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

TRASFORMAZIONI: DALL UVA AL VINO

TRASFORMAZIONI: DALL UVA AL VINO Scuola elementare istituto comprensivo Adro Classi seconde a.s. 2003 2004 TRASFRMAZINI: DALL UVA AL VIN BIETTIV: sservare, porre domande, fare ipotesi e verificarle. Riconoscere e descrivere fenomeni del

Dettagli

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI 1??ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo

Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo Liceo Primo Levi _- S. Donato Milanese Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo Scade il 15 marzo la

Dettagli

LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI E LA MOBILITÀ

LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI E LA MOBILITÀ LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI E LA MOBILITÀ Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Fulvio Maiella Giuseppe Nastro Simone Parola Progetto grafico Peliti Associati

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli