Istruzione operativa per la redazione dei Rapporti di Riesame (annuale e ciclico)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istruzione operativa per la redazione dei Rapporti di Riesame (annuale e ciclico)"

Transcript

1 2014 Istruzione operativa per la redazione dei Rapporti di Riesame (annuale e ciclico) Presidio di Qualità di Ateneo Università degli Studi della Tuscia Rev. 2 approvata (15 Dicembre 2014) 0

2 INDICE 1. Scopo 2. Riferimenti 3. Acronimi 4. Responsabilità 5. Differenze tra Rapporto di riesame annuale e ciclico 6. Attività di riesame 6.1. Fasi 6.2. Raccomandazioni per la redazione dei rapporti 7. Calendario 8. Indicazioni sui contenuti 8.1. Rapporto di riesame annuale 8.2. Rapporto di riesame ciclico 9. Allegati 1. SCOPO Scopo del Riesame è verificare l adeguatezza degli obiettivi del Corso di Studio, la corrispondenza tra gli obiettivi e i risultati e l efficacia del modo con cui il Corso è gestito. In caso di scostamento tra obiettivi e risultati, il riesame si occupa di individuare le cause al fine di adottare le azioni correttive, mentre nel caso in cui gli obiettivi siano stati raggiunti il riesame intende proporre azioni di miglioramento. 2. RIFERIMENTI D.M. 47 del Autovalutazione, accreditamento iniziale e periodico delle sedi e dei corsi di studio e valutazione periodica Documento finale AVA (Autovalutazione, valutazione e accreditamento del Sistema Universitario Italiano Consiglio Direttivo ANVUR del ) D.M. n.1059/2013 P02_Procedura di gestione dell offerta formativa 1

3 3. ACRONIMI AP: Accreditamento Periodico AVA: Accreditamento Valutazione Autovalutazione PQA: Presidio di Qualità di Ateneo RAR: Rapporto di Riesame annuale RCR: Rapporto di Riesame ciclico CdS: Corso di Studio CP: Commissioni Paritetiche docenti-studenti 4. RESPONSABILITÀ Il Presidente del CdS è responsabile della compilazione e della trasmissione del RAR e RCR, è il garante della qualità del CdS e deve mettere in atto una serie di azioni che gli permettono di prevenire l insorgere dei problemi. Deve coinvolgere i docenti del CdS mettendoli al corrente della situazione e delle decisioni che riguardano il CdS. 5. DIFFERENZE TRA IL RAPPORTO DI RIESAME ANNUALE E CICLICO Il rapporto di riesame si divide in due documenti che hanno la stessa finalità ma analizzano il CdS con punti di vista diversi, nel RAR si osserva il CdS in un anno accademico mentre nel RCR si esamina l interno percorso di una coorte di studenti. Rapporto annuale Rapporto ciclico Viene redatto annualmente Viene redatto ogni 3/5 (in funzione della durata CdS e della periodicità dell accreditamento e comunque in preparazione di una visita di AP) Prende in esame i dati quantitativi e gli indicatori da essi derivanti Prende in esame l attualità della domanda di formazione, le figure professionali di riferimento e le loro competenze, la coerenza dei risultati di apprendimento, l efficacia del sistema di gestione del CdS 2

4 Analizza e commenta: 1. gli effetti delle azioni correttive annunciate nei Rapporti di Riesame annuali precedenti; 2. i punti di forza e le aree da migliorare che emergono dall analisi dell anno accademico in esame; 3. gli interventi correttivi sugli elementi critici messi in evidenza, i cambiamenti ritenuti necessari in base a mutate condizioni e le azioni volte ad apportare miglioramenti. Sezioni del documento: 1. L INGRESSO, IL PERCORSO, L USCITA DAL CDS 2. L ESPERIENZA DELLO STUDENTE 3. L ACCOMPAGNAMENTO AL MONDO DEL LAVORO Input del riesame annuale: Scheda SUA-CdS Relazione delle CP Indicatori Opinione studenti frequentanti, non frequentati e dei docenti Risultati delle azioni correttive e di miglioramento del precedente Riesame annuale Analizza e commenta: 1. gli effetti delle azioni correttive annunciate nei Rapporti di Riesame ciclico precedenti; 2. i punti di forza e le aree da migliorare che emergono dall analisi del periodo in esame e dalle prospettive del periodo seguente; 3. gli interventi correttivi sugli elementi critici messi in evidenza, i cambiamenti ritenuti necessari in base a mutate condizioni e le azioni volte ad apportare miglioramenti. Sezioni del documento: 1. LA DOMANDA DI FORMAZIONE 2. I RISULTATI DI APPRENDIMENTO ATTESI E ACCERTATI 3. IL SISTEMA DI GESTIONE DEL CDS Input del riesame ciclico: Scheda SUA-CdS Schede descrittive di tutti gli insegnamenti Opinione studenti frequentanti, non frequentati e dei docenti Risultati delle azioni correttive e di miglioramento del precedente Riesame annuale e ciclico Rapporti di riesame annuali 6. ATTIVITÀ DI RIESAME Fasi 1. Per il RAR, l Ufficio Sistemi per la gestione e l analisi dei dati rende disponibili i dati entro novembre (http://sistemi.unitus.it/). Il Presidente del CdS, sulla base dei dati a 3

5 disposizione analizza criticamente gli indicatori identificando punti di forza e di debolezza del CdS, al fine di individuare le azioni correttive e di miglioramento. 2. La bozza del Rapporto di Riesame annuale e ciclico deve essere inviata al Presidio di Qualità, per una verifica di conformità alla procedura e al format. 3. A seguito del controllo, il Presidio di Qualità invia il proprio parere ai Responsabili dei CdS con la segnalazione di eventuali modifiche da apportare. Il Presidente del CdS, una volta adeguato il RAR/RCR lo propone al Consiglio del Cds. A seguito dell eventuale approvazione da parte del Consiglio del CdS, il RAR/RCR dovrà essere approvato dal Consiglio di Dipartimento. 4. Ogni Presidente del CdS provvederà a caricare i RAR/RCR nella banca dati entro e non oltre il 31 gennaio Raccomandazioni per la redazione dei rapporti: Il RAR e il RCR devono essere redatti tenendo conto dei format allegati (P02_IO 02_M1 e P02_IO 02_M1). I dati da utilizzare devono essere quelli dell ultimo triennio evidenziando variazioni rilevanti (a.a , , ). Si consiglia di confrontare il CdS con corsi simili in Ateneo o di altri Atenei. Tutte le affermazioni riportate nei Rapporti devono risultare da evidenze documentabili, ad esempio note, verbali, o altro. Nella parte testuale bisogna riportare solo i dati in forma sintetica, il dettaglio dei dati utilizzati dovranno essere allegati al documento. Per ogni punto di debolezza è necessario esaminarne le cause, al fine di individuare un adeguata azione correttiva. Si ricorda di proporre sempre delle azioni di miglioramento e/o di mantenimento, anche in assenza di criticità. 7. CALENDARIO Attività Responsabile Termine Aggiornamento dei dati sulla piattaforma sistemi.unitus.it Stesura bozza del Rapporto di Riesame annuale e ciclico Ufficio Sistemi per la gestione e l analisi dei dati Presidente CdS 1 Ottobre 10 dicembre (proroga al 10 gennaio 4

6 2015) Controllo e invio di eventuali rilievi Presidio di Qualità 31 dicembre Adeguamento del RAR/RCR Presidente CdS Gennaio Approvazione del RAR/RCR definitivo Consiglio di Dipartimento su Gennaio proposta del Consiglio del CdS Caricamento nella banca dati Presidente CdS 31 Gennaio 8. INDICAZIONI SUI CONTENUTI Di seguito verranno riportate le indicazioni operative e le informazioni che dovranno essere contenute nel Rapporto di Riesame Annuale (RAR) e ciclico (RCR). L articolazione delle schede del Rapporto di Riesame proposta dall ANVUR all interno delle quali devono essere fornite le informazioni e i dati richiesti è indicativo e non deve essere inteso come una struttura da seguire in modo rigido. Il Presidio di Qualità di Ateneo ha pertanto apportato alcune modifiche e inserito precisazioni direttamente nelle istruzioni operative e nel format per guidare i Responsabili dei corsi di studio alla corretta compilazione RAPPORTO DI RIESAME ANNUALE L INGRESSO, IL PERCORSO, L USCITA CDS 1.A RISULTATI DELLE AZIONI CORRETTIVE ADOTTATE IN PRECEDENZA Descrivere l esito delle azioni correttive poste in essere in conseguenza al precedente rapporto di riesame, commentando ciascuna delle azioni correttive indicate nel precedente rapporto di riesame (sezione C Interventi correttivi), e facendo riferimento agli stessi dati menzionati nella sezione B (Analisi della situazione e commento dati). Nell analisi dell esito delle azioni correttive confrontare i valori dell anno precedente con quelli correnti ed evidenziare i migliori/peggiori risultati ottenuti, e commentare il trend sul triennio. 1.B ANALISI DELLA SITUAZIONE E COMMENTO DATI Le TABELLE da 1 a 7 (disponibili nel Portale Risultati dei processi formativi Dati per il riesame per il corso di laurea accessibile al link: sistemi.unitus.it/riesame) forniscono una fotografia dello stato attuale del CdS e andranno inserite insieme alle tabelle relative alle altre sezioni come allegato unico al rapporto di riesame. Nel dettaglio, per ciascuno degli aspetti richiesti dalla sezione ed elencati di seguito, si fa riferimento ai seguenti dati in serie storica (ultime 3 coorti, ovvero ultimi 3 anni accademici) e si propone uno schema generale di commento: - INGRESSO (Tabelle 1 5): 1. Numerosità degli studenti in ingresso (Tabella 1): è presentata la consistenza (in valore assoluto) degli immatricolati e degli iscritti al primo anno negli ultimi 3 anni accademici conclusi (ad esempio dal 2011/12 al 2013/14). Per ciascun corso di 5

7 laurea il dato a cui fare riferimento nei commenti è costituito dalle grandezze immatricolati per le lauree triennali e inizio carriera per le lauree magistrali visualizzabili nella colonna di cui immatricolati e di cui inizio carriera della sezione Iscritti in Ingresso della Tabella 1; 2. Caratteristiche studenti immatricolati e inizio carriera: a. Provenienza per residenza (Tabella 2); b. Provenienza per tipo di diploma (Tabella 3); c. Provenienza per voto di diploma (Tabella 4); d. (per le sole LM): provenienza per ateneo in cui è stata conseguita la laurea triennale (Tabella 4 bis); 3. Verifica delle conoscenze iniziali per le lauree triennali e le lauree magistrali a ciclo unico: a. Esiti del test di ammissione (Tabella 5): si può determinare la percentuale di studenti che hanno conseguito al test di ammissione una votazione superiore al valore soglia (su 100), specificando che la tabella riporta le frequenze assolute dei punteggi suddivisi in classi. 4. Verifica della preparazione personale dello studente per le sole lauree magistrali a. I dati sono disponibili presso i singoli dipartimenti - PERCORSO (Tabelle 6 9): 5. Caratteristiche studenti iscritti, distinzione degli studenti iscritti per tipologia (Tabella 6): a. Part-time/Full-time; b. Regolari/Non regolari; 6. Carriera dello studente: a. Tassi di abbandono e trasferimenti (Tabelle 7, 8, e 9); 7. Esiti degli esami sostenuti dagli studenti: a. CFU medi acquisiti, media, deviazione standard, (distinguendo per anno di immatricolazione/inizio carriera) (Tabella 10); b. distribuzione dei voti medi ottenuti nei singoli esami (distinguendo per anno di immatricolazione/inizio carriera) (Tabelle 11); - USCITA: 8. Laureati analizzati per coorte (Tabelle 12-14): a. numero di laureati (Tabella 12: dati da analizzare per coorte ovvero per a.a. immatricolazione/inizio carriera); b. distribuzione per classe di laurea e voto conseguito alla laurea triennale (solo per lauree magistrali: Tabella 13); c. distribuzione dei laureati per voto di laurea (Tabella 14) 9. Laureati analizzati per anno solare di laurea (Tabelle 15-17): a. distribuzione per tempo di conseguimento della laurea (Tabella 15) b. distribuzione per classe di laurea e voto conseguito alla laurea triennale (solo per lauree magistrali: Tabella 16); c. distribuzione dei laureati per anno solare e per voto di laurea (Tabella 17) 6

8 - INTERNAZIONALIZZAZIONE: 10. Numero di studenti in mobilità internazionale in ingresso e in uscita (Erasmus, Atlante, etc.) e tirocini Erasmus Placement: a. Numero degli studenti in mobilità in uscita (Tabella 18): dati (fonte Ufficio relazioni internazionali) a livello di singolo corso di studio e distinguendo tra student mobility for placement e study mobility for study. b. Numero degli studenti in mobilità in entrata (Tabella 19): dati (fonte Ufficio relazioni internazionali) a livello di dipartimento. Suggerimenti generali per i commenti: Nel commentare i precedenti dati far riferimento alla numerosità degli studenti iscritti rispetto al valore di riferimento medio della classe e rispetto all andamento delle iscrizioni per le 3 coorti (ovvero per gli ultimi tre anni accademici considerati). Per ciascuno degli aspetti precedentemente esposti si consiglia di commentare oltre ai valori assoluti (quindi ad esempio la consistenza degli immatricolati/iscritti in ingresso) relativi alla coorte (anno accademico) più recente anche l andamento nei periodi considerati (valutato in termini percentuali rispetto all anno accademico precedente, come fornito dalle colonne Variazione % o Variazione t-1/t delle tabelle riportanti i dati). Evidenziare e giustificare l eventuale indisponibilità totale o parziale di alcuni dei dati illustrati in precedenza. Ad esempio: - mancanza di dati per il triennio 2010/2012 per attivazione del corso nel 2011; - per i dati sull internazionalizzazione del corso di studio: i dati relativi agli studenti in mobilità in entrata sono disponibili solo a livello di dipartimento. Per gli aspetti sopra-menzionati si propongono esempi generali di commento, che andranno adattati alle singole specificità di ogni singolo dipartimento. Esempio di commento sulla consistenza degli Immatricolati (L e LMCU): Gli immatricolati nell a.a. 2013/14 sono risultati pari a.. Nel corso dell ultimo triennio considerato si evidenzia una crescita/diminuzione degli immatricolati. In particolare nell anno accademico 2013/14 è stata registrata una variazione percentuale del +/- % rispetto all anno accademico precedente (Tabella 1). Le iscrizioni al corso risultano comunque in linea/sono superiori alla numerosità minima prevista. (Solo per le LM): Gli studenti che hanno iniziato la carriera nell a.a. 2013/14 sono risultati pari a. Nel corso dell ultimo triennio considerato si evidenzia una crescita/diminuzione, in particolare nell ultimo anno accademico è stata registrata una variazione percentuale del +/- % rispetto all anno accademico precedente (Tabella 1). Esempio di commento sulla caratteristiche degli immatricolati/inizio carriera: Il % degli immatricolati proviene dalla provincia di Viterbo, il % proviene dalle altre province del Lazio. Il trend storico degli ultimi tre anni conferma l area geografica come bacino geografico prioritario del corso di studi. Nell a.a. 2013/14, il % degli immatricolati ha conseguito una maturità liceale, valore in linea/in crescita/in diminuzione rispetto agli anni accademici precedenti. Il % ha conseguito la maturità presso (distinguere per almeno 2/3 tipologie). Per quanto concerne la distribuzione del voto di diploma (Tabella 4), si evidenzia che il % degli 7

9 immatricolati ha conseguito alla maturità un voto compreso tra 90 e 100, percentuale che è in crescita/in diminuzione rispetto agli a.a. precedenti. (Solo per le LM): nell a.a. si registra una percentuale di studenti pari al % che ha conseguito la laurea triennale presso l ateneo della Tuscia, mentre a testimonianza dell attrattività del corso di laurea, la percentuale di studenti che ha conseguito la laurea triennale in un altro ateneo è pari a.%, valore che è in crescita/diminuzione rispetto agli anni precedenti. Gli studenti che hanno iniziato una nuova carriera hanno conseguito un voto medio alla laurea triennale pari a Esempio di commento sulla verifica delle conoscenze iniziali (L e LMCU): La Tabella, evidenzia la distribuzione degli esiti conseguiti alle prove di ammissione, il cui punteggio è riferito ad una scala espressa in centesimi. Il % degli studenti in ingresso ha conseguito al test di ammissione un punteggio pari o superiore a 60 (o altro valore soglia specifico eventualmente scelto liberamente da ciascun dipartimento). Esempio di commento sugli studenti iscritti, carriera: L andamento della carriera degli studenti evidenzia un elevata percentuale di studenti regolari sul totale degli iscritti. Nell a.a. 2013/14 circa il % degli studenti iscritti è iscritto da un numero di anni inferiore alla durata legale del corso, valore percentuale che è stabile/in crescita/ in diminuzione nel triennio considerato. Il tasso di abbandono tra il I ed il II anno è pari a in aumento/diminuzione rispetto alle precedenti coorti analizzate. Nell a.a. 2013/14 era pari a %, mentre nell a.a. 2011/12 si è attestato al %. Esempio di commento sugli esiti degli esami: Gli esiti registrati agli esami evidenziano una votazione media pari a. Il % degli studenti ha conseguito una votazione superiore o pari a 27/30. La distribuzione dei voti agli esami mette in evidenza una buona preparazione degli studenti. In termini di andamento si rileva un incremento/diminuzione delle votazioni medie conseguite agli esami, probabilmente attribuibile anche a (esempio: nel caso di diminuzione dei voti agli esami: maggiore attenzione dei docenti nel differenziare gli studenti in base alla qualità della loro preparazione e al loro impegno). In media, i CFU acquisiti dagli studenti nell a.a. 2011/12 sono risultati pari a. Esempio di commento sui laureati: Nell anno solare 2013 si sono laureati studenti. Il % degli studenti ha conseguito la laurea entro la durata legale del corso essendosi immatricolati 3 anni prima (per le lauree triennale; la stessa percentuale è in crescita/diminuzione rispetto all anno solare precedente. A valle dell analisi e del commento dei dati sintetizzare la situazione attuale del corso indicando: I punti di forza I punti di debolezza Esempio punti di forza e di debolezza: PUNTI DI FORZA: 1. Originalità e specializzazione del corso; 2. Ridotto tasso di abbandono; 3. Andamento regolare delle carriere; 4. Attrattività del corso. PUNTI DI DEBOLEZZA: 8

10 1. Diminuzione del numero di iscritti. C Interventi correttivi e di miglioramento Individuare i problemi su cui si ritiene prioritario intervenire, descrivere quindi l obiettivo da raggiungere, l intervallo temporale nel quale si intende raggiungerlo (considerando che la cadenza del rapporto di riesame è annuale),e i modi per ottenere un risultato verificabile. Gli interventi correttivi da porre in essere devono avere come obiettivo il superamento di punti di debolezza e/o il mantenimento/consolidamento dei punti di forza. ESPERIENZA DELLO STUDENTE A Azione correttive già intraprese ed esiti Descrivere l esito delle azioni correttive poste in essere in conseguenza al precedente rapporto di riesame (sezione C Interventi correttivi) facendo riferimento agli stessi dati menzionati nella sezione B. Nell analisi dell esito delle azioni correttive confrontare i valori dell anno precedente con quelli correnti ed evidenziare i migliori/peggiori risultati ottenuti. B Analisi della situazione sulla base di dati, segnalazioni e osservazioni La Tabella 18 (disponibile nel Portale Risultati dei processi formativi Dati per il riesame per il corso di laurea accessibile al link sistemi.unitus.it/riesame) consente di fornire un analisi circa la situazione attuale dell esperienza dello studente nel corso di studi facendo riferimento ai seguenti aspetti: Esiti della valutazione della didattica: distribuzione delle risposte fornite dagli studenti ai questionari di valutazione della didattica relativamente ai seguenti quesiti (Tabella 20) riferiti ai tre macro-aspetti: i) Organizzazione insegnamento; ii) Attività didattica e studio; iii) Soddisfazione : o o o o o Le conoscenze preliminari da me possedute sono risultate sufficienti per la comprensione degli argomenti trattati? Il docente stimola/motiva l interesse verso la disciplina da lui insegnata? Il docente espone gli argomenti in modo chiaro? Le aule in cui si svolgono le lezioni sono adeguate? (si vede, si sente, si trova posto) Sono complessivamente soddisfatto di come è stato svolto questo insegnamento? Per ogni quesito è riportata, considerando la scala di valutazione 1-4, la distribuzione delle frequenze assolute, percentuali ed il valore medio, per ciascun anno di riferimento della rilevazione. Soddisfazione degli studenti laureati: livello medio di soddisfazione (dato proveniente da Almalaurea); livello medio di soddisfazione dei laureati nella stessa classe di corso di studi a livello nazionale. I dati sulla soddisfazione degli studenti laureati sono disponibile sul portale di AlmaLaurea. Suggerimenti generali per i commenti: 9

11 Nel commentare gli esiti della valutazione della didattica mettere in evidenza la scala di misurazione (es: da 1 a 4, punteggio min 1 e max 4), le modalità di rilevazione dei dati (es: questionario somministrato entro la fine del corso e superata la prima metà dell erogazione) e commentare i punteggi medi per ciascuna dimensione/quesito considerato. Nel commentare il tasso di soddisfazione degli studenti laureati far riferimento (comparare il valore ottenuto dal corso di laurea) al valore medio nazionale (per classe/i di corso di studi analoga). Confrontare l andamento dei punteggi medi nell arco del triennio commentando eventuali variazioni, il loro trend, e la loro entità. In questa sezione andrà fatta menzione alle risultanze dell ultima relazione Annuale della Commissione Paritetica Docenti/Studenti. Esempio commento dati sulla valutazione della didattica: Gli esiti della valutazione didattica (i cui quesiti hanno una scala di risposta ordinale con punteggi codificati da 1 a 4 ad indicare un livello di soddisfazione crescente), rilevati presso gli studenti frequentanti dopo l erogazione della prima metà delle ore del corso di insegnamento, evidenziano un punteggio medio elevato su ciascuna delle quattro dimensioni considerate: in particolare si rileva il valore medio più elevato per indicare aspetto (e punteggio medio), mentre il valore più basso si rileva per indicare aspetto (e punteggio medio). In termini di andamento, tali punteggi medi risultano inoltre abbastanza costanti/variabili nel triennio mostrando variazioni di lieve/importante significatività comprese tra un minimo di nell a.a.... ed un massimo di. nell a.a. Esempio commento dati sulla soddisfazione degli studenti laureati: Con riferimento all anno più recente ( ) di disponibilità dei dati, il tasso di soddisfazione degli studenti laureati risulta pari a. Tale valore è superiore/inferiore al valore medio nazionale, pari al, per i corsi della medesima classe di laurea. Si fa inoltre presente che ogni studente deve obbligatoriamente scegliere tra una delle seguenti attività professionalizzanti prima di concludere il suo percorso di studi: project work, tirocinio formativo e attività lavorativa. Ad oggi non è possibile comprendere la composizione percentuale delle diverse attività scelte dagli studenti. A valle dell analisi e del commento dei dati sintetizzare la situazione attuale del corso indicando: I punti di forza I punti di debolezza Esempio di punti di forza e di debolezza: PUNTI DI FORZA: 1. Efficace organizzazione del calendario didattico con attenzione alle esigenze degli studenti che svolgono tirocini o altre attività propedeutiche all impiego; 2. Efficiente coordinamento didattico degli insegnamenti; 3. Assistenza agli studenti durante tutto il percorso di studio; 4. Rapporto con le imprese anche grazie a interventi in aula, seminari, visite in aziende, project work curriculari e tesi sperimentali in collaborazione con le imprese. 10

12 PUNTI DI DEBOLEZZA: 1. Sebbene i docenti organizzino diverse attività con le imprese, manca un sistema di diffusione delle informazioni coordinato che ne dia sufficiente e tempestiva evidenza. C Interventi correttivi e di miglioramento Individuare i problemi su cui si ritiene prioritario intervenire, descrivere quindi l obiettivo da raggiungere, l intervallo temporale nel quale si intende raggiungerlo (considerando che la cadenza del rapporto di riesame è annuale),e i modi per ottenere un risultato verificabile. Gli interventi correttivi da porre in essere devono avere come obiettivo il superamento di punti di debolezza e/o il mantenimento/consolidamento dei punti di forza. Esempi di azioni correttive da porre in essere: 1. Dare evidenza ai rapporti con le imprese in maniera più coordinata e tempestiva; 2. Stringere nuovi e diversificati rapporti con le imprese, non solo sul territorio; 3. Creazione di un database ad hoc per rilevare le attività professionalizzanti degli iscritti. ACCOMPAGNAMENTO AL MONDO DEL LAVORO A Azioni correttive già intraprese ed esiti Descrivere l esito delle azioni correttive poste in essere in conseguenza al precedente rapporto di riesame (sezione C Interventi correttivi) facendo riferimento agli stessi dati menzionati nella sezione B. Nell analisi dell esito delle azioni correttive confrontare i valori dell anno precedente con quelli correnti ed evidenziare i migliori/peggiori risultati ottenuti. B Analisi della situazione, commento ai dati e alle segnalazioni I dati necessari per il completamento di questa sezione del rapporto di riesame non sono disponibili nel Portale di ateneo ma provengono dal sistema ALMALAUREA per quanto riguarda i tassi di occupazione ad 1 e 3 anni 1 e a dati disponibili in ciascun dipartimento per quanto concerne il numero di tirocini, tesi sperimentali, seminari volti ad incrementare l efficacia esterna del titolo di studio conseguito. Tali dati vano riportati in tabelle inserite all interno dell allegato unico al rapporto di riesame. L insieme dei dati inseriti consente di fornire un analisi della situazione attuale relativa all accompagnamento al mondo del lavoro fornito dal corso di studio agli studenti, facendo riferimento a: Tasso di occupazione a 1 e a 3 anni dalla laurea (se disponibili); Tasso medio nazionale di occupazione a 1 e a 3 anni dalla laurea, per i corsi di studio nella stessa classe di laurea; Numero di tirocini o project-work attivati con le imprese; Attività di tesi sperimentali sul territorio; Seminari organizzati nell ambito dei corsi di insegnamento del corso di laurea; Eventuali altre attività formative. Suggerimenti generali per i commenti: 1 I dati Almalaurea sugli esiti occupazionali dei laureati possono essere consultati al link: 11

13 Nel commentare ed analizzare i tassi di occupazione esprimere un giudizio di soddisfazione sugli esiti occupazionali del corso ad 1 e a 3 anni, effettuando anche un controllo con le medie nazionali. Fornire informazioni circa le esperienze maturate dagli studenti relative a: project work, tirocini formativi, ed altre attività lavorative. Esempio di commento sui dati relativi all efficacia esterna: I dati relativi al tasso di occupazione (Tabella ) sono soddisfacenti, e risultano superiori/in linea/inferiori rispetto al dato nazionale dei corsi di laurea magistrale della medesima classe. Ad un anno dalla laurea, circa il % dei laureati è occupato; a tre anni si osserva una percentuale di laureati che svolgono un lavoro pari al %. Considerando il contesto di crisi del territorio in cui è collocato l Ateneo si tratta di un dato complessivamente positivo. Va infatti evidenziato come l indagine 2011 il corso si collochi, per il valore del tasso di occupazione a 3 anni dalla laurea, ben al di sopra della media nazionale, con un valore di assoluta eccellenza. Ciò dimostra un rilevante impegno del management che ha costruito negli anni uno stretto legame con le imprese del territorio al fine di migliorare l inserimento dei laureati nel mondo del lavoro. Sintetizzare la situazione attuale del corso indicando: I punti di forza I punti di debolezza Esempio punti di forza e di debolezza: PUNTI DI FORZA: 1. Rapporti con le imprese; 2. Alto tasso di occupazione a tre anni. PUNTI DI DEBOLEZZA: 1. Tasso di occupazione a 1 anno dalla laurea leggermente più basso della media nazionale. C Interventi correttivi Individuare i problemi su cui si ritiene prioritario intervenire, descrivere quindi l obiettivo da raggiungere, l intervallo temporale nel quale si intende raggiungerlo (considerando che la cadenza del rapporto di riesame è annuale),e i modi per ottenere un risultato verificabile. Gli interventi correttivi da porre in essere devono avere come obiettivo il superamento di punti di debolezza e/o il mantenimento/consolidamento dei punti di forza. Esempio azioni correttive: Interventi volti a migliorare il tasso dell occupazione degli studenti a un anno dal conseguimento del titolo di laurea, attraverso un mantenimento e un miglioramento costante nel tempo dei rapporti con le imprese, ed al contempo un allargamento dei contatti soprattutto verso enti e imprese localizzati al di fuori del tradizionale bacino di utenza dell Ateneo RAPPORTO DI RIESAME CICLICO 12

14 1. LA DOMANDA DI FORMAZIONE 1.A RISULTATI DELLE AZIONI CORRETTIVE ADOTTATE IN PRECEDENZA Descrivere l esito delle azioni correttive poste in essere in conseguenza al precedente rapporto di riesame ciclico, commentando ciascuna delle azioni correttive indicate nel precedente rapporto di riesame (sezione C Interventi correttivi). Nell analisi dell esito delle azioni correttive confrontare i valori dell anno precedente con quelli correnti ed evidenziare i migliori/peggiori risultati ottenuti, e commentare il trend sul triennio. 1.B ANALISI DELLA SITUAZIONE Commentare, analizzare e commentare i risultati delle indagini e delle consultazioni riguardanti il mondo della produzione, dei servizi e delle professioni che nel corso degli anni il CdS ha considerato o condotto al fine di definire la domanda di formazione. Evidenziare eventuali problemi e le aree da migliorare. È possibile segnalare i punti di forza del CdS se ritenuti di particolare valore e interesse. Principali elementi da osservare: Schede descrittive di tutti gli insegnamenti Quadri A1, A2-a della SUA-CdS Punti di attenzione raccomandati: 1. La gamma degli enti e delle organizzazioni consultate, direttamente o tramite studi di settore, è adeguatamente rappresentativa a livello regionale, nazionale e/o internazionale? 2. I modi e i tempi delle consultazioni costituiscono canali efficaci per raccogliere opinioni dal mondo del lavoro? 3. Si sono considerati, a integrazione o in sostituzione, studi di settore di livello regionale, nazionale o internazionale? 4. Le organizzazioni consultate e le modalità di consultazione consentono di avere informazioni utili e aggiornate sulle funzioni e sulle competenze attese nei laureati? 5. Si ritiene opportuno consultare altri enti o organizzazioni per meglio identificare la domanda di formazione e gli sbocchi occupazionali? 6. Qual è il livello di benchmarking nazionale o internazionale, ossia il confronto con le attività di ricognizione della domanda di formazione praticate dalle università riconosciute come leader nel settore della formazione in esame? 7. Le funzioni e le competenze che caratterizzano ciascuna figura professionale sono descritte in modo completo, e costituiscono quindi una base utile per definire i risultati di apprendimento attesi? 1. C INTERVENTI CORRETTIVI E DI MIGLIORAMENTO Individuare i problemi su cui si ritiene prioritario intervenire, descrivere quindi l obiettivo da raggiungere, l intervallo temporale nel quale si intende raggiungerlo (considerando che la cadenza del rapporto di riesame è di 3/5 anni),e i modi per ottenere un risultato verificabile. Gli interventi correttivi da porre in essere devono avere come obiettivo il superamento di punti di debolezza e/o il mantenimento/consolidamento dei punti di forza. 2. I RISULTATI DI APPRENDIMENTO ATTESI E ACCERTATI 2. A AZIONE CORRETTIVE GIÀ INTRAPRESE ED ESITI Descrivere l esito delle azioni correttive poste in essere in conseguenza al precedente 13

15 rapporto di riesame ciclico (sezione C Interventi correttivi). Nel caso in cui l obiettivo non è stato raggiunto, riprogrammare l obiettivo per l anno successivo oppure motivare le ragioni della sua cancellazione. 2. B ANALISI DELLA SITUAZIONE Analizzare la validità della risposta alla domanda di formazione e la capacità di accertare l effettivo raggiungimento dei risultati di apprendimento previsti. Evidenziare eventuali problemi e le aree da migliorare. È possibile segnalare i punti di forza del CdS se ritenuti di particolare valore e interesse. Principali elementi da osservare: Schede descrittive di tutti gli insegnamenti Quadri A4-a, A4-b, A5 della SUA-CdS Segnalazioni o osservazioni sulla corrispondenza con la didattica effettiva Punti di attenzione raccomandati: 1. Le schede descrittive degli insegnamenti sono state compilate da tutti i docenti e i loro campi contengono le informazioni richieste? In quale data sono state rese definitive e disponibili agli studenti? 2. Come si svolge la supervisione delle schede descrittive degli insegnamenti da parte del Responsabile del CdS? (Risultati di apprendimento attesi, Prerequisiti / conoscenze pregresse, Programma, Organizzazione dell insegnamento, Criteri di esame e di valutazione ) 3. Il Responsabile del CdS accerta che vi sia coerenza tra le schede descrittive degli insegnamenti e la descrizione dei risultati di apprendimento attesi (SUA-CdS, A4b),? Interviene ottenendo dai docenti le modifiche ritenute necessarie? Con che risultati? 4. Gli insegnamenti vengono svolti in modo coerente con quanto dichiarato nelle schede descrittive degli insegnamenti che accompagnano la SUA-CdS e sul sito web di riferimento dell Ateneo? 5. Le modalità degli esami e delle altre valutazioni degli apprendimenti sono indicate in tutte le schede descrittive degli insegnamenti? Corrispondono al modo in cui le valutazioni sono effettivamente condotte? 6. Le valutazioni degli apprendimenti degli studenti sono concepite in modo da costituire una verifica affidabile che i risultati di apprendimento attesi siano stati effettivamente raggiunti? Consentono di discriminare correttamente tra diversi livelli di raggiungimento dei risultati di apprendimento e di riflettere tali livelli nel giudizio finale? 7. I risultati di apprendimento attesi al termine degli studi sono coerenti con la domanda di formazione identificata, in particolare rispetto alle funzioni e alle competenze che il CdS ha individuato come propri obiettivi? 8. Qual è il livello di benchmarking nazionale o internazionale dei risultati di apprendimento attesi? Raggiungono il livello delle buone pratiche nazionali o internazionali del medesimo settore? (di conseguenza, i titoli sono conferiti sulla base di risultati di apprendimento che corrispondono al miglior livello internazionale nel medesimo settore?). 2. C INTERVENTI CORRETTIVI E DI MIGLIORAMENTO Individuare i problemi su cui si ritiene prioritario intervenire, descrivere quindi l obiettivo da raggiungere, l intervallo temporale nel quale si intende raggiungerlo (considerando che la cadenza del rapporto di riesame è di 3/5 anni),e i modi per ottenere un risultato 14

16 verificabile. Gli interventi correttivi da porre in essere devono avere come obiettivo il superamento di punti di debolezza e/o il mantenimento/consolidamento dei punti di forza. 3. IL SISTEMA DI GESTIONE DEL CDS 3. A AZIONI CORRETTIVE GIÀ INTRAPRESE ED ESITI Descrivere l esito delle azioni correttive poste in essere in conseguenza al precedente rapporto di riesame (sezione C Interventi correttivi). Nell analisi dell esito delle azioni correttive confrontare i risultati del periodo precedente con quelli correnti ed evidenziare i migliori/peggiori risultati ottenuti. Nel caso in cui l obiettivo non è stato raggiunto, riprogrammare l obiettivo per l anno successivo oppure motivare le ragioni della sua cancellazione. 3. B ANALISI DELLA SITUAZIONE Commentare l efficacia del sistema di gestione del Cds e individuare se sia necessario ridefinire o revisionare i processi. Evidenziare eventuali problemi e le aree da migliorare. È possibile segnalare i punti di forza del CdS se ritenuti di particolare valore e interesse. Principali elementi da osservare: Processi principali per la gestione del CdS secondo criteri di qualità e struttura organizzativa, inclusa la definizione di ruoli e responsabilità Risorse e servizi a disposizione del CdS Rapporti di Riesame annuali relativi a tutti gli anni del ciclo analizzato, relazioni tra le azioni correttive proposte anno per anno e i loro esiti Gestione della comunicazione: informazioni pubbliche sul CdS riguardanti i propri obiettivi, il percorso di formazione, le risorse e i servizi di cui dispone, i propri risultati e il proprio sistema di gestione. Punti di attenzione raccomandati: 1. Come sono stati identificati e organizzati i principali processi di gestione del CdS? 2. Tali processi sono gestiti in modo competente, tempestivo ed efficace? 3. I ruoli e le responsabilità sono stati definiti in modo chiaro e sono effettivamente rispettati? 4. Le risorse e i servizi a disposizione del CdS permettono il raggiungimento degli obiettivi stabiliti? 5. La documentazione pubblica sulle caratteristiche e sull organizzazione del CdS sono complete, aggiornate e trasparenti e sono effettivamente accessibili ai portatori di interesse? 3. C INTERVENTI CORRETTIVI E DI MIGLIORAMENTO Individuare i problemi su cui si ritiene prioritario intervenire, descrivere quindi l obiettivo da raggiungere, l intervallo temporale nel quale si intende raggiungerlo (considerando che la cadenza del rapporto di riesame è di 3/5 anni),e i modi per ottenere un risultato verificabile. Gli interventi correttivi da porre in essere devono avere come obiettivo il superamento di punti di debolezza e/o il mantenimento/consolidamento dei punti di forza. 15

17 9. ALLEGATI a. Format Rapporto di Riesame annuale (P02_IO 02_M1); b. Format Rapporto di Riesame ciclico (P02_IO 02_M2). 16

DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRO-AMBIENTALI E TERRITORIALI COMMISSIONE PARITETICA RELAZIONE ANNUALE 2015

DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRO-AMBIENTALI E TERRITORIALI COMMISSIONE PARITETICA RELAZIONE ANNUALE 2015 DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRO-AMBIENTALI E TERRITORIALI COMMISSIONE PARITETICA RELAZIONE ANNUALE 2015 relativa ai seguenti corsi di studio n. classe denominazione Struttura didattica di riferimento 1 L-25

Dettagli

PROCESSO AVA-ANVUR Autovalutazione, Valutazione e Accreditamento. Claudia Moscheni

PROCESSO AVA-ANVUR Autovalutazione, Valutazione e Accreditamento. Claudia Moscheni PROCESSO AVA-ANVUR Autovalutazione, Valutazione e Accreditamento Claudia Moscheni AGENZIA NAZIONALE DI VALUTAZIONE DEL SISTEMA UNIVERSITARIO E DELLA RICERCA (ANVUR) Legge 24 Novembre 2006, n. 286 Art.

Dettagli

Processi di gestione, assicurazione della qualità e responsabilità interne al Corso di Studi

Processi di gestione, assicurazione della qualità e responsabilità interne al Corso di Studi Processi di gestione, assicurazione della qualità e responsabilità interne al Corso di Studi Questo documento è diviso in due parti: nella prima parte si descrivono le linee generali per l Assicurazione

Dettagli

Presidio Qualità di Ateneo

Presidio Qualità di Ateneo Premessa Le Commissioni Paritetiche di Scuola (CP) previste dal D.Lgs. 19/2012 e dal DM 47/2013 devono redigere annualmente una Relazione che, attingendo dalle SUA-CdS, dai risultati delle rilevazioni

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE DELLA COMMISSIONE PARITETICA ( CP) DEL DIPARTIMENTO DI MECCANICA, MATEMATICA E MANAGEMENT ( DMMM)

RELAZIONE ANNUALE DELLA COMMISSIONE PARITETICA ( CP) DEL DIPARTIMENTO DI MECCANICA, MATEMATICA E MANAGEMENT ( DMMM) RELAZIONE ANNUALE DELLA COMMISSIONE PARITETICA ( CP) DEL DIPARTIMENTO DI MECCANICA, MATEMATICA E MANAGEMENT ( DMMM) (Approvata nella seduta del 20 DICEMBRE 2013) RELAZIONE ANNUALE DELLA COMMISSIONE PARITETICA

Dettagli

b) attività divulgativa delle politiche di qualità dell ateneo nei confronti degli studenti;

b) attività divulgativa delle politiche di qualità dell ateneo nei confronti degli studenti; Allegato n. 2 Linee Guida per la redazione della Relazione Annuale della Commissione Paritetica Docenti- Studenti Le Commissioni Didattiche Paritetiche, così come specificato nel Documento di Autovalutazione,

Dettagli

Nota di accompagnamento ANVUR al primo Rapporto di Riesame

Nota di accompagnamento ANVUR al primo Rapporto di Riesame Nota di accompagnamento ANVUR al primo Rapporto di Riesame Si mette a disposizione degli atenei lo schema del primo Rapporto di Riesame contenente le indicazioni operative e le informazioni che dovrebbero

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL RAPPORTO ANNUALE DI RIESAME CdS

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL RAPPORTO ANNUALE DI RIESAME CdS Pagina 1 di 6 A1 L INGRESSO, IL PERCORSO, L USCITA DAL CDS a AZIONI CORRETTIVE GIÀ INTRAPRESE ED ESITI In questa sezione vanno illustrati i risultati raggiunti a seguito delle azioni correttive proposte

Dettagli

Commissione Didattica Paritetica Linee guida per la Relazione Annuale

Commissione Didattica Paritetica Linee guida per la Relazione Annuale Commissione Didattica Paritetica Linee guida per la Relazione Annuale 12 ottobre 2015 1 QUALITA 2 IL PROCESSO AVA DELLA DIDATTICA.. Un circolo virtuoso Programmazione 2 Valutazione Monitoraggio Corso di

Dettagli

Rapporto di Riesame 2016

Rapporto di Riesame 2016 Rapporto di Riesame 2016 Denominazione del Corso di Studio : Laurea in Ingegneria Civile Classe : L-7 Ingegneria civile ed ambientale Sede: Università degli Studi del Sannio (Benevento) - Dipartimento

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CONSULTAZIONE DI ISTITUZIONI ED ATTORI SOCIALI ED ECONOMICI

LINEE GUIDA PER LA CONSULTAZIONE DI ISTITUZIONI ED ATTORI SOCIALI ED ECONOMICI LINEE GUIDA PER LA CONSULTAZIONE DI ISTITUZIONI ED ATTORI SOCIALI ED ECOMICI 0. INDICE 0. INDICE... 1 1. LINEE GUIDA EUROPEE E RMATIVA NAZIONALE... 2 2. MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DELLA CONSULTAZIONE... 3

Dettagli

Rapporto di Riesame Iniziale 2013

Rapporto di Riesame Iniziale 2013 Rapporto di Riesame Iniziale 2013 Corso di laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica Classe LM33 Ingegneria Meccanica Università degli Studi di Cagliari Denominazione del Corso di Studio: Ingegneria Meccanica

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE DI RIESAME

RAPPORTO ANNUALE DI RIESAME RAPPORTO ANNUALE DI RIESAME Denominazione del Corso di Studio: Laurea Magistrale in Scienze Chimiche Classe: LM54 Sede : MODENA Primo anno accademico di attivazione: 2008-2009 Gruppo di Riesame: - Responsabile

Dettagli

Standard e linee guida per l assicurazione della qualità nello spazio europeo dell istruzione superiore

Standard e linee guida per l assicurazione della qualità nello spazio europeo dell istruzione superiore Incontro del Presidio della qualità con il Dipartimento Progettazione e Pianificazione in Ambienti Complessi Standard e linee guida per l assicurazione della qualità nello spazio europeo dell istruzione

Dettagli

Gli elementi critici del sistema AQ di Ateneo www.anvur.org

Gli elementi critici del sistema AQ di Ateneo www.anvur.org Gli elementi critici del sistema AQ di Ateneo www.anvur.org Giunio Luzzatto CARED-Università di Genova Università di Bari 9.11.2012 Assicurazione della Qualità di Ateneo Premessa Il sistema di Assicurazione

Dettagli

Sistema di gestione dell Assicurazione Qualità del Corso di laurea in Scienze della Comunicazione

Sistema di gestione dell Assicurazione Qualità del Corso di laurea in Scienze della Comunicazione Sistema di gestione dell Assicurazione Qualità del Corso di laurea in Scienze della Comunicazione Dipartimento di Comunicazione ed Economia Il presente documento descrive il sistema di gestione del Corso

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Rapporto di Riesame Iniziale relativo all a.a. 2011/12 Denominazione del Corso di Studio: Scienze Forestali e Ambientali Classe: LM73 Sede: Potenza Gruppo di Riesame:

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Rapporto di Riesame Iniziale relativo all a.a. 2011/12 Denominazione del Corso di Studio: Scienze e Tecnologie Alimentari Classe: LM70 Sede: Potenza Indicare chi

Dettagli

SCIENZE E TECNOLOGIE AGROALIMENTARI (STAgAl)

SCIENZE E TECNOLOGIE AGROALIMENTARI (STAgAl) RIESAME DEL CORSO DI LAUREA SCIENZE E TECNOLOGIE AGROALIMENTARI (STAgAl) Classe L-26 Scienze e tecnologie alimentari Denominazione del Corso di Studio: SCIENZE E TECNOLOGIE AGROALIMENTARI (STAgAl) Classe:

Dettagli

Facoltà di SCIENZE MOTORIE Corso di Laurea Scienze e Tecniche delle Attività Sportive. Rapporto di Riesame Anno 2014

Facoltà di SCIENZE MOTORIE Corso di Laurea Scienze e Tecniche delle Attività Sportive. Rapporto di Riesame Anno 2014 Denominazione del Corso di Studio: Science e Tecniche delle Attività Sportive Classe: LM-68 Sede: Palermo Dipartimento di riferimento: Scienze Giuridiche, della Società e dello Sport Scuola: Scuola delle

Dettagli

Riesami annuali e ciclici dei Corsi di Studio

Riesami annuali e ciclici dei Corsi di Studio Riesami annuali e ciclici dei Corsi di Studio Incontro del 6 ottobre 2015 alle ore 14.30 Sala Rodolfi Rettorato Presidio della Qualità di Ateneo Ramo Didattica in composizione integrata 1 Riesami annuali

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Dimensione 4: Rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti

Dimensione 4: Rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti Dimensione 4: Rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti L Università Unitelma Sapienza nel corso dell a.a. 2013/2014 ha attivato i 2 questionari previsti dall ANVUR relativi alla valutazione

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento disciplina,

Dettagli

Corso di laurea triennale in Disegno industriale e multimedia classe L-4 a.a. 2013-2014 Rapporto 2014

Corso di laurea triennale in Disegno industriale e multimedia classe L-4 a.a. 2013-2014 Rapporto 2014 Corso di laurea triennale in Disegno industriale e multimedia classe L-4 a.a. 2013-2014 Rapporto 2014 Direttore del corso: prof.ssa Laura Badalucco Servizio Quality Assurance e gestione banche dati ministeriali

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEI QUADRI B6, B7, C1 e C2 DELLA SUA-CDS (RELATIVE ALL'ELABORAZIONE DI DATI STATISTICI)

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEI QUADRI B6, B7, C1 e C2 DELLA SUA-CDS (RELATIVE ALL'ELABORAZIONE DI DATI STATISTICI) LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEI QUADRI B6, B7, C1 e C2 DELLA SUA-CDS (RELATIVE ALL'ELABORAZIONE DI DATI STATISTICI) In queste note vengono fornite alcune indicazioni operative per la compilazione dei

Dettagli

Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile-Architettura, Ambientale

Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile-Architettura, Ambientale Denominazione del Corso di Studio: Ingegneria Civile e Ambientale Classe: L-7 Ingegneria Civile e Ambientale Sede: Via Campo di Pile, 67100 L AQUILA Sito web: www.univaq.it Consiglio di Area Didattica

Dettagli

Linee Guida Valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio Roma, 11.02.2014

Linee Guida Valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio Roma, 11.02.2014 LINEE GUIDA 1 per le valutazioni pre- attivazione dei Corsi di Studio da parte delle Commissioni di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale 30 gennaio 2013

Dettagli

INTERAZIONE TRA I DOCUMENTI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA

INTERAZIONE TRA I DOCUMENTI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA INTERAZIONE TRA I DOCUMENTI DI ASSICURAZIONE DELLA QUALITA Assegna funzioni e responsabilità differenziate Utilizza anche strumenti informatizzati Richiede la redazione di numerosi documenti coinvolge

Dettagli

Sistema di indicatori sulle carriere accademiche degli studenti

Sistema di indicatori sulle carriere accademiche degli studenti Sistema di indicatori sulle carriere accademiche degli studenti Premessa: finalità e obiettivi La necessità di disporre di dati relativi alle carriere accademiche degli studenti e ai risultati delle attività

Dettagli

Rapporto di Riesame Iniziale Anno 2015

Rapporto di Riesame Iniziale Anno 2015 Rapporto di Riesame Iniziale Anno 2015 SCUOLA DI SCIENZE AGRARIE, FORESTALI, ALIMENTARI ED AMBIENTALI (SAFE) Denominazione del Corso di Studio : Scienze e Tecnologie Agrarie Classe : LM69 Sede : Potenza

Dettagli

Rapporto di Riesame - novembre 2014

Rapporto di Riesame - novembre 2014 Rapporto di Riesame - novembre 2014 Corso di laurea in FISIOTERAPIA L/SNT2 PROFESSIONI SANITARIE DELLA RIABILITAZIONE Università degli Studi di Cagliari 1 Denominazione del Corso di Studio : Fisioterapia

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

DESCRIZIONE E VALUTAZIONE DELLE MODALITA E DEI RISULTATI DELLA RILEVAZIONE DELL OPINIONE DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI E DEI LAUREANDI

DESCRIZIONE E VALUTAZIONE DELLE MODALITA E DEI RISULTATI DELLA RILEVAZIONE DELL OPINIONE DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI E DEI LAUREANDI UNIVERSITA DEGLI STUDI Niccolò Cusano TELEMATICA ROMA NUCLEO DI VALUTAZIONE Via Don Carlo Gnocchi, 3 00166 Roma DESCRIZIONE E VALUTAZIONE DELLE MODALITA E DEI RISULTATI DELLA RILEVAZIONE DELL OPINIONE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA (CLASSE LMG/01 GIURISPRUDENZA) Art. 1 Premesse

Dettagli

Raccomandazioni per la piena attuazione di un sistema di AQ della didattica

Raccomandazioni per la piena attuazione di un sistema di AQ della didattica Presidio della Qualità di Ateneo Raccomandazioni per la piena attuazione di un sistema di AQ della didattica 1. Presentazione del documento... 1 2. Azioni necessarie... 1 2.1. Adottare un documento sulle

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze dell Amministrazione Classe LM-63 Scienze delle Pubbliche Amministrazioni

Corso di Laurea in Scienze dell Amministrazione Classe LM-63 Scienze delle Pubbliche Amministrazioni Corso di Laurea in Scienze dell Amministrazione Classe LM-63 Scienze delle Pubbliche Amministrazioni Per tutte le analisi che seguono le fonti sono state: 1) Scheda SUA 2014 2) RAR 2014 3) Valutazioni

Dettagli

Tab. 1 Iscritti al test/iscritti/immatricolati. Tab. 2 Provenienza geografica degli immatricolati al 1 anno [n e %]

Tab. 1 Iscritti al test/iscritti/immatricolati. Tab. 2 Provenienza geografica degli immatricolati al 1 anno [n e %] Corso di Studio: Laurea in Ingegneria Edile-Architettura Classe: LM- Architettura e Ingegneria Edile-Architettura Sede: Pavia RAPPORTO DI RIESAME INIZIALE 21 APPENDICE AL RAPPORTO DI RIESAME -21 Tab. 1

Dettagli

Rilevazione dell opinione degli Studenti e dei Docenti sugli insegnamenti Linee guida

Rilevazione dell opinione degli Studenti e dei Docenti sugli insegnamenti Linee guida UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Presidio della Qualità di Ateneo Polo Centrale Rilevazione dell opinione degli Studenti e dei Docenti sugli insegnamenti Linee guida 13 novembre 2014 Sommario 1. Premessa...

Dettagli

Formazione Esperti Disciplinari per la valutazione dei Corsi di Studio Valutazione della Qualità dei CdS-AQ 5 (nelle visite per l accreditamento periodico) Vincenzo Tucci Roma, 2-3 luglio 2015 Qualità

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Relazione Annuale 2015 della Commissione Paritetica Docenti Studenti Dipartimento/Facoltà di : Fisica Dipartimento di afferenza a partire dal 1 novembre 2015 (se modificato): Denominazione del Corso di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN FARMACIA (CLASSE LM-13 FARMACIA E FARMACIA INDUSTRIALE) Art. 1

Dettagli

P03 - GESTIONE DEGLI AUDIT INTERNI DEGLI AUDIT INTERNI DATA DI APPROVAZIONE REVISIONE. 00 Emissione del documento

P03 - GESTIONE DEGLI AUDIT INTERNI DEGLI AUDIT INTERNI DATA DI APPROVAZIONE REVISIONE. 00 Emissione del documento Pagina 1 di 6 PROCEDURA DI GESTIONE DEGLI AUDIT INTERNI (APPROVATA DAL PQA) REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE INDICE DI CAPITOLO/PARAGRAFO DATA DI APPROVAZIONE MOTIVO DELLA REVISIONE REVISIONE MODIFICATO

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/2016

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/2016 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2015/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

Aggiornamento sulle disposizioni MIUR / ANVUR relative ad Accreditamento delle Sedi e dei CdS

Aggiornamento sulle disposizioni MIUR / ANVUR relative ad Accreditamento delle Sedi e dei CdS Aggiornamento sulle disposizioni MIUR / ANVUR relative ad Accreditamento delle Sedi e dei CdS Università degli Studi di Roma Foro Italico Presidio di Qualità 13 febbraio 2013 Le novità delle ultime settimane

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOLOGIA (CLASSE LM-6 BIOLOGIA) Art. 1 Premesse e finalità

Dettagli

Relazione del Presidio della Qualità

Relazione del Presidio della Qualità Relazione del Presidio della Qualità sulla rilevazione dell Opinione degli Studenti sulla Qualità della Didattica a.a. 2013-2014 Le opinioni degli studenti sulla qualità della didattica, così come quelle

Dettagli

Preparazione Relazione Annuale

Preparazione Relazione Annuale UNIVERSITA TELEMATICA PEGASO SEMINARIO RIUNIONE CONGIUNTA COMMISSIONE PARITETICA DOCENTI-STUDENTI DIPARTIMENTO SCIENZE UMANE COMMISSIONE PARITETICA DOCENTI-STUDENTI DIPARTIMENTO SCIENZE GIURIDICHE ED ECONOMICHE

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MARKETING E ORGANIZZAZIONE D IMPRESA (CLASSE L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale) Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

CORSO LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA E INFORMATICA RAPPORTO DI RIESAME 2015 APPENDICE

CORSO LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA E INFORMATICA RAPPORTO DI RIESAME 2015 APPENDICE CORSO LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA E INFORMATICA RAPPORTO DI RIESAME 2015 APPENDICE Tab. 1 Iscritti/ al 1 anno TIPOLOGIA ISCRIZIONE generici Iscritti A.A. 2011/12 134 142 147 A.A. 2012/13 107 114 114

Dettagli

Rapporto di Riesame annuale Università della Basilicata Anno 2014-15

Rapporto di Riesame annuale Università della Basilicata Anno 2014-15 Rapporto di Riesame annuale Università della Basilicata Anno 2014-15 Denominazione del Corso di Studio: Scienze Chimiche Classe : LM-54 Scienze e Tecnologie Chimiche Dipartimento: Scienze Sede : Potenza

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Università degli Studi di Cagliari Regolamento Didattico del Corso di Studi in Ingegneria Elettrica, A.A. 2007/08 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN PUBBLICITA, EDITORIA E CREATIVITA D IMPRESA (Classe LM-19 Informazione e sistemi editoriali e Classe LM-59 Scienze della comunicazione

Dettagli

1 Elenco a titolo di esempio, dimensione e composizione non obbligatorie, adattare alla realtà dell Ateneo

1 Elenco a titolo di esempio, dimensione e composizione non obbligatorie, adattare alla realtà dell Ateneo Denominazione del Corso di Studio : Tecniche della Riabilitazione psichiatrica Classe : SNT2 Sede Policlinico Bari, Dipartimento di Scienze Mediche di Base, Neuroscienze ed Organi di Senso Primo anno accademico

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CHIMICA E TECNOLOGIA FARMACEUTICHE (CLASSE LM-13 FARMACIA E FARMACIA

Dettagli

Università degli Studi di SIENA

Università degli Studi di SIENA Page 1 of 6 Università degli Studi di SIENA Relazione del NdV Indicazioni e raccomandazioni home Appendice degli Allegati 4. Descrizione e valutazione delle modalità e dei risultati della rilevazione dell'opinione

Dettagli

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE E INTERNAZIONALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI INTERNATIONAL STUDIES (Classe LM 52 Relazioni

Dettagli

IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO

IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO IL SISTEMA ASSICURAZIONE QUALITA DI ATENEO Dott.ssa Lucia Romagnoli Ancona, 15 luglio 2015 maggio 2007 UNIVPM ottiene la certificazione del proprio Sistema di Gestione per la Qualità (SGQ) ai sensi della

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA AREA della Didattica

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA AREA della Didattica UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA AREA della Didattica Accreditamento e attivazione corsi di studio Guida alla compilazione della SUA-CdS (Lauree, Lauree magistrali e Lauree magistrali a ciclo unico) 1

Dettagli

Scheda SUA - Sezione Qualità QUADRO C1. Corso di laurea in INFORMATICA. (Classe L-31)

Scheda SUA - Sezione Qualità QUADRO C1. Corso di laurea in INFORMATICA. (Classe L-31) Scheda SUA - Sezione Qualità QUADRO C1 Corso di laurea in INFORMATICA (Classe L-31) INDICE INTRODUZIONE LE SCHEDE E I MODELLI DI ANALISI METODOLOGIA DI RACCOLTA DEI DATI E TEMPI DI RILEVAZIONE GLOSSARIO

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

Modello UniBas per l Assicurazione della Qualità dei Corsi di Studio Area C Risultati della formazione

Modello UniBas per l Assicurazione della Qualità dei Corsi di Studio Area C Risultati della formazione Modello UniBas per l Assicurazione della Qualità dei Corsi di Studio Area C Risultati della formazione Nicola Cavallo (versione 6.5) Sommario Sommario 1 Descrizione 3 Definizione dell Area del Modello

Dettagli

Il Progetto Qualità sui corsi di studio a UNIFE: verso il sistema di assicurazione della qualità AVA

Il Progetto Qualità sui corsi di studio a UNIFE: verso il sistema di assicurazione della qualità AVA Il Progetto Qualità sui corsi di studio a UNIFE: verso il sistema di assicurazione della qualità AVA Università degli Studi della Basilicata 12 febbraio 2013 Maja Feldt Responsabile Ripartizione Management

Dettagli

Guida alla compilazione del Rapporto di Autovalutazione

Guida alla compilazione del Rapporto di Autovalutazione Roma, gennaio 2011 Guida alla compilazione del Rapporto di Autovalutazione associato al Modello CRUI per l'aq dei CdS universitari di Alfredo Squarzoni GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE

Dettagli

11/11/2014: discussione sulla organizzazione del rapporto e sua compilazione

11/11/2014: discussione sulla organizzazione del rapporto e sua compilazione Schede tipo per la Redazione dei Rapporti di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : Storia e Civiltà Europee Classe : LM 84 Sede: Potenza, Dipartimento di Scienze Umane Primo anno accademico

Dettagli

RAPPORTO DI RIESAME 2015

RAPPORTO DI RIESAME 2015 RAPPORTO DI RIESAME 2015 Denominazione del Corso di Laurea Magistrale: Lingue e Letterature Moderne Classe: (LM-37) Lingue e Letterature Moderne Europee e Americane Sede: Università della Calabria Dipartimento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN FISICA (CLASSE L-30, SCIENZE E TECNOLOGIE FISICHE) Art. 1

Dettagli

Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale

Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale Regolamento didattico del corso di studio MAGISTRALE in Economia e Management Marittimo Portuale Art. 1 Premessa e ambito di competenza Art. 2 Requisiti di ammissione. Modalità di verifica Il presente

Dettagli

L autovalutazione delle attività formative ad un anno dall avvio del sistema di assicurazione della qualità IUAV

L autovalutazione delle attività formative ad un anno dall avvio del sistema di assicurazione della qualità IUAV Assicurazione della qualità L autovalutazione delle attività formative ad un anno dall avvio del sistema di assicurazione della qualità IUAV Presidio della Qualità Venezia, 14 aprile 2015 Il primo anno

Dettagli

Il Riesame nei Corsi di laurea delle professioni sanitarie

Il Riesame nei Corsi di laurea delle professioni sanitarie Il Riesame nei Corsi di laurea delle professioni sanitarie Bruno Moncharmont Bologna, 12 settembre 2014 Assicurazione della qualità nell istruzione superiore Dichiarazione di Bologna, 19 giugno 1999 Dichiarazione

Dettagli

Allegato I Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS)

Allegato I Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Allegato I Allegato II Allegato III Allegato IV Allegato V Allegato VI ALLEGATI Scheda Unica Annuale del Corso di Studio Requisiti per i Presidî della Qualità Scheda Unica Annuale della Ricerca dei Dipartimenti

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ANALISI, CONSULENZA E GESTIONE FINANZIARIA (INTERCLASSE LM-16 FINANZA

Dettagli

Manuale della qualità

Manuale della qualità Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Manuale della qualità 1 INTRODUZIONE 3 4 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 4 4.1 Requisiti generali 4 4.2 Requisiti

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE-AUDIT DEI CORSI DI STUDIO SCHEDA DI RILEVAMENTO CORSO DI STUDI:

AUTOVALUTAZIONE-AUDIT DEI CORSI DI STUDIO SCHEDA DI RILEVAMENTO CORSO DI STUDI: AUTOVALUTAZIONE-AUDIT DEI CORSI DI STUDIO SCHEDA DI RILEVAMENTO (versione sintetica, a carattere sperimentale) CORSO DI STUDI: Eseguito nel periodo: Aprile-Maggio 2014 GAV (Gruppo di Autovalutazione) del

Dettagli

FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE, NATURALI UNIVERSITÀ DEL SALENTO

FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE, NATURALI UNIVERSITÀ DEL SALENTO AVVISO di BANDO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE, NATURALI UNIVERSITÀ DEL SALENTO Corso di laurea magistrale ad accesso libero in: MATEMATICA (LM39, CLASSE LM-40) PROVE DI AMMISSIONE A.A. 2014/2015

Dettagli

Sintesi dell esito della discussione del Consiglio del Corso di Studio

Sintesi dell esito della discussione del Consiglio del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio : Economia Aziendale Classe : L-18 Sede : Università degli Studi della Basilicata, Dipartimento di Matematica Informatica ed Economia- DiMIE, sede di Potenza Primo anno

Dettagli

Relazione annuale sulla valutazione della didattica da parte degli studenti A.A. 2009/2010

Relazione annuale sulla valutazione della didattica da parte degli studenti A.A. 2009/2010 UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE Relazione annuale sulla valutazione della didattica da parte degli studenti A.A. 2009/2010 Aprile 2011 Indice Premessa 1. La metodologia adottata. 3 2. Lo

Dettagli

La valutazione dell opinione degli studenti sulla didattica

La valutazione dell opinione degli studenti sulla didattica La valutazione dell opinione degli studenti sulla didattica Gli esiti della rilevazione 2012-2013 Anna Maria Milito 26 novembre 2013 La rilevazione dell opinione degli studenti sulla didattica Importanza

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica Classe di laurea magistrale n. LM-33 Ingegneria meccanica DM 270/2004,

Dettagli

Assicurazione della Qualità dei Dottorati di ricerca: schema di relazione annuale 2015

Assicurazione della Qualità dei Dottorati di ricerca: schema di relazione annuale 2015 Assicurazione della Qualità dei Dottorati di ricerca: schema di relazione annuale 2015 (ai sensi dell art. 14 del Regolamento dei corsi di dottorato di ricerca emanato con D.R. n. 1548 del 7 agosto 2013)

Dettagli

Assicurazione Qualità Sapienza Riesame dei CdS A.A. 2012-13

Assicurazione Qualità Sapienza Riesame dei CdS A.A. 2012-13 Assicurazione Qualità Sapienza Riesame dei CdS A.A. 2012-13 Incontro Nuclei di valutazione di facoltà 18 novembre 2008 MASSIMO TRONCI -TEAM QUALITÀ SAPIENZA 8 GENNAIO 2014 Questa Presentazione Il Riesame

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN Scienze per la formazione

Dettagli

RAPPORTO DI RIESAME 2015

RAPPORTO DI RIESAME 2015 RAPPORTO DI RIESAME 2015 LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E DIRITTO DI IMPRESA Coordinatore del corso Prof. Carmelo Intrisano Denominazione del Corso di Studio : ECONOMIA E DIRITTO DI IMPRESA Classe : LM-77

Dettagli

Proposta operativa per l avvio delle procedure di rilevamento dell opinione degli studenti per l A.A. 2013-2014

Proposta operativa per l avvio delle procedure di rilevamento dell opinione degli studenti per l A.A. 2013-2014 Proposta operativa per l avvio delle procedure di rilevamento dell opinione degli studenti per l A.A. 2013-2014 Procedure di rilevamento dell opinione degli studenti A.A. 2013-2014 Testo aggiornato al

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 Premesse e finalità 1. Il Corso di laurea magistrale in Scienze Storiche afferisce alla Classe delle lauree magistrali LM-84 in Scienze

Dettagli

Palermo, 9 (I edizione) e 15 (II edizione) dicembre 2014

Palermo, 9 (I edizione) e 15 (II edizione) dicembre 2014 Palermo, 9 (I edizione) e 15 (II edizione) dicembre 2014 L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLA SEDE E DEI CORSI DI STUDIO E LA GESTIONE DELL ASSICURAZIONE DELLA QUALITÀ NELL ATENEO DI PALERMO/L ATTIVITA DI

Dettagli

REGOLAMENTO ESAME DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA IPPOCRATE

REGOLAMENTO ESAME DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA IPPOCRATE REGOLAMENTO ESAME DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA IPPOCRATE 1. Modalità di svolgimento dell esame di Laurea Magistrale Ai sensi dell art.29, comma 2 del Regolamento Didattico di Ateneo, lo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA (CLASSE L-35 Scienze Matematiche) Art. 1 Premesse

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN Lettere moderne - Modern Literatures (Classe LM-14 Filologia moderna) Articolo 1 - Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Immatricolati 18 60 51 34 Iscritti al 1 anno 18 54 31 28

Immatricolati 18 60 51 34 Iscritti al 1 anno 18 54 31 28 APPENDICE AL RAPPORTO DI RIESAME CDLM COMPUTER ENGINEERING -2014 Tab. 1 Iscritti/Immatricolati al 1 anno TIPOLOGIA ISCRIZIONE 2010/11 2011/12 2013/14 Immatricolati 18 60 51 34 Iscritti al 1 anno 18 54

Dettagli

Corso di laurea magistrale. Lingue e letterature moderne europee e americane

Corso di laurea magistrale. Lingue e letterature moderne europee e americane Corso di laurea magistrale Lingue e letterature moderne europee e americane (LM-37) SEZIONE INFORMATIVA Denominazione corso Classe Facoltà o struttura didattica proponente Natura della proposta Rinnovo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA (CLASSE L-31 - Scienze e tecnologie informatiche)

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MATEMATICA (CLASSE LM-40 Matematica) Art. 1 Premesse

Dettagli

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le finalità, l organizzazione e il funzionamento del Corso di studio in Giurisprudenza

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Titolo I - Istituzione ed attivazione Art. 1 - Informazioni generali 1. Il presente Regolamento didattico si riferisce al Corso di Laurea in Informatica,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE (CLASSE L-2 BIOTECNOLOGIE) Art. 1 Premesse e finalità 1.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN LINGUE PER LA COMUNICAZIONE NELL IMPRESA E NELLE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli