IL GOVERNO DELLA SPESA SANITARIA RIGORE ED EQUITÀ. pubblicato su Panorama della Sanità, 19 marzo 2012, n. 11

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL GOVERNO DELLA SPESA SANITARIA RIGORE ED EQUITÀ. pubblicato su Panorama della Sanità, 19 marzo 2012, n. 11"

Transcript

1 COME NASCE L IDEA DELLA MIA PARTECIPAZIONE L INVITO A PARTECIPARE ALLA TAVOLA ROTONDA MI È STATO RIVOLTO DAL PRESIDENTE DELL ASSOCIAZIONE AMBIENTE E SOCIETÀ A SEGUITO DELLA LETTURA DI UN MIO ARTICOLO IL GOVERNO DELLA SPESA SANITARIA RIGORE ED EQUITÀ pubblicato su Panorama della Sanità, 19 marzo 2012, n. 11 1

2 I CONTENUTI DELL ARTICOLO L ARTICOLO ANALIZZA L ANDAMENTO DELLA SPESA SANITARIA NELL ULTIMO DECENNIO, NEL CONTESTO PIÙ GENERALE DELL ANDAMENTO DELLA SPESA PUBBLICA, TEMATICA DI PARTICOLARE INTERESSE IN UN MOMENTO COME L ATTUALE, IN CUI LA DIFFICILE CONGIUNTURA ECONOMICA INDUCE A RICERCARE IN MODO SISTEMATICO TUTTE LE POSSIBILI RIDUZIONI DELLA SPESA PUBBLICA (LA COSIDDETTA SPENDING REVIEW) METTENDO A RISCHIO LA SOPRAVVIVENZA STESSA DI UNO STATO SOCIALE CHE DOVREBBE ASSICURARE PROTEZIONE ALLE CLASSI PIÙ DEBOLI DEL PAESE 2

3 I CONTENUTI DELLA RELAZIONE LA RELAZIONE PRESENTATA AL CONVEGNO RIPRENDE I TEMI CENTRALI DELL ARTICOLO, ATTUALIZZANDO L ANALISI CON RIFERIMENTO AI DATI RELATIVI ALL ANNO QUESTI DATI NON SONO ANCORA STATI PUBBLICATI NELLA RELAZIONE GENERALE SULLA SITUAZIONE ECONOMICA DEL PAESE CHE OGNI ANNO VIENE PREDISPOSTA DAL MINISTERO DELL ECONOMIA E SONO STATI CORTESEMENTE MESSI A DISPOSIZIONE DAL DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE SANITARIA DEL MINISTERO DELLA SALUTE 3

4 LE EVIDENZE CHE SCATURISCONO DALL ANALISI DEI DATI CON IL MIO INTERVENTO HO INTESO RICHIAMARE L ATTENZIONE SU ALCUNE EVIDENZE CHE TROVANO IL PROPRIO FONDAMENTO NEI DATI RIPORTATI NEI GRAFICI DI SEGUITO RIPRODOTTI, E CHE DOVREBBERO COSTITUIRE RIFERIMENTO INELUDIBILE DI UN AZIONE POLITICA COERENTE LA PRIMA DI TALI EVIDENZE CONCERNE IL FATTO CHE LA SPESA PER IL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PRESENTA NEGLI ULTIMI ANNI UNA SENSIBILE FLESSIONE, SIA IN TERMINI ASSOLUTI, SIA IN TERMINI RELATIVI, (CON RIFERIMENTO AL PRODOTTO INTERNO LORDO) 4

5 figura 1 - I COSTI DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE valori correnti e valori attualizzati valori correnti valori attualizzati fonte: Ministero della Salute Direzione Generale della Programmazione Sanitaria 5

6 figura 2 - I COSTI DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE incidenza percentuale sul prodotto interno lordo 7,2 7,2 7,1 6,8 6,7 6,7 6,8 6,5 6,3 6,1 6,0 6,2 6,1 6,2 5,7 5,7 5,6 5,6 5,3 5, fonte: Ministero della Salute Direzione Generale della Programmazione Sanitaria 6

7 LE DIMENSIONI DELLA SPESA SANITARIA PUBBLICA LA SECONDA DI TALI EVIDENZE CONCERNE IL FATTO CHE LA SPESA SANITARIA NEL NOSTRO PAESE NON PUÒ ASSOLUTAMENTE ESSERE CONSIDERATA ECCESSIVA IL CONFRONTO CON LA SPESA SANITARIA REGISTRATA NEI DIVERSI PAESI EUROPEI COLLOCA INFATTI IL NOSTRO PAESE AL PENULTIMO POSTO SE SI ANALIZZA LA SPESA COMPLESSIVA, ED AL QUARTULTIMO POSTO SE SI ANALIZZA LA SPESA PUBBLICA, NONOSTANTE L ELEVATISSIMA INCIDENZA DI ULTRA65ENNI (CHE SONO COME NOTO I PRINCIPALI CONSUMATORI DI PRESTAZIONI SANITARIE) 7

8 figura 3 - SPESA SANITARIA COMPLESSIVA valori espressi in PPP$ NORVEGIA OLANDA AUSTRIA BELGIO GERMANIA DANIMARCA IRLANDA FRANCIA SVEZIA REGNO UNITO FINLANDIA SPAGNA GRECIA ITALIA PORTOGALLO fonte: European health for all database (HFA-DB) World Health Organization Regional Office for Europe anno

9 figura 4 - SPESA SANITARIA PUBBLICA valori espressi in PPP$ NORVEGIA OLANDA DANIMARCA IRLANDA AUSTRIA GERMANIA FRANCIA SVEZIA BELGIO REGNO UNITO FINLANDIA ITALIA SPAGNA GRECIA PORTOGALLO fonte: European health for all database (HFA-DB) World Health Organization Regional Office for Europe anno

10 figura 5 - INCIDENZA PERCENTUALE DI ULTRA65ENNI 20,2 20,1 18,7 17,6 17,5 17,3 17,1 16,6 16,6 16,6 16,2 15,3 14,9 14,7 10,9 GERMANIA ITALIA GRECIA SVEZIA PORTOGALLO AUSTRIA BELGIO FINLANDIA SPAGNA FRANCIA REGNO UNITO DANIMARCA OLANDA NORVEGIA IRLANDA fonte: European health for all database (HFA-DB) World Health Organization Regional Office for Europe anno

11 LA COMPATIBILITÀ CON LE RISORSE DISPONIBILI IL PROBLEMA NON SI PONE IN TERMINI DI CONGRUITÀ DEI LIVELLI DI SPESA, CHE SONO DI GRAN LUNGA INFERIORI A QUELLI REGISTRATI IN ALTRI PAESI. IL PROBLEMA SI PONE IN TERMINI DI SOSTENIBILITÀ ECONOMICA, CONSIDERATO CHE OGNI ANNO LA SPESA SANITARIA PUBBLICA SI È ATTESTATA SU LIVELLI SUPERIORI ALLE RISORSE DISPONIBILI, VIOLANDO COSÌ AL CONTEMPO UN PRINCIPIO ELEMENTARE DELL ECONOMIA ED UNA SPECIFICA NORMA CHE A SUO TEMPO LA STESSA LEGGE 23 DICEMBRE 1978, N. 833, ISTITUTIVA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE, AVEVA PREVISTO 11

12 LA RESPONSABILIZZAZIONE SUL RISPETTO DEL BILANCIO GLI AMMINISTRATORI E I RESPONSABILI DELL'UFFICIO DI DIREZIONE DELL'UNITÀ SANITARIA LOCALE SONO RESPONSABILI IN SOLIDO DELLE SPESE DISPOSTE OD AUTORIZZATE IN ECCEDENZA ALLA QUOTA DI DOTAZIONE LORO ATTRIBUITA, SALVO CHE ESSE NON SIANO DETERMINATE DA ESIGENZE OBIETTIVE DI CARATTERE LOCALE DA COLLEGARE A FATTORI STRAORDINARI DI MORBILITÀ ACCERTATI DAGLI ORGANI SANITARI DELLA REGIONE E FINANZIABILI CON LA RISERVA CHE LE REGIONI DEVONO COSTITUIRE PER INTERVENTI IMPREVISTI (NELLA MISURA NON SUPERIORE AL 5 % DELLE RISORSE DISPONIBILI) LEGGE 23 DICEMBRE 1978, N. 833, ARTICOLO 51, COMMA 7 12

13 figura 6 - COSTI E RICAVI DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE costi ricavi fonte: Ministero della Salute Direzione Generale della Programmazione Sanitaria valori espressi in miliardi di euro 13

14 I LIVELLI DI ASSISTENZA E LE RISORSE ECONOMICHE È STATO IN SOSTANZA SISTEMATICAMENTE VIOLATO QUELLO CHE SECONDO LA LEGGE ISTITUTIVA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE DOVEVA ESSERE UNO DEI PRESUPPOSTI FONDANTI IL SISTEMA SANITARIO NAZIONALE: LA FISSAZIONE, ATTRAVERSO IL PIANO SANITARIO NAZIONALE, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA CHE DOVEVANO ESSERE ASSICURATI IN MODO UNIFORME ALLA POPOLAZIONE E DEL RELATIVO FINANZIAMENTO, TENENDO CONTO DEI VINCOLI POSTI DAL QUADRO MACRO ECONOMICO 14

15 QUESTO PRINCIPIO È STATO RIBADITO DAL DECRETO LEGISLATIVO 30 DICEMBRE 1992, N. 502 CHE APPORTA SIGNIFICATIVE MODIFICHE ALL ASSETTO ORGANIZZATIVO ED ISTITUZIONALE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE MA RICHIAMA LA CENTRALITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE COME METODO DI GOVERNO SPECIFICANDO TRA L ALTRO CHE IL PIANO SANITARIO NAZIONALE DEVE INDICARE: I LIVELLI UNIFORMI DI ASSISTENZA SANITARIA, DA INDIVIDUARE SULLA BASE ANCHE DI DATI EPIDEMIOLOGICI E CLINICI, CON LA SPECIFICAZIONE DELLE PRESTAZIONI DA GARANTIRE A TUTTI I CITTADINI, RAPPORTATI AL VOLUME DELLE RISORSE A DISPOSIZIONE 15

16 IL DISAVANZO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE L ANALISI DEI DATI RELATIVI AL DISAVANZO DEL SSN SUGGERISCE DUE CONSIDERAZIONI: 1) PER QUANTO CONCERNE LA SUA EVOLUZIONE NEL TEMPO SI REGISTRA UNA PROGRESSIVA E COSTANTE RIDUZIONE DAL 2004 IN AVANTI, A SEGUITO DELL IMPEGNO DEL RISPETTO DELL EQUILIBRIO ECONOMICO CHE LE REGIONI HANNO ASSUNTO E CHE TROVA LA SUA FORMALE RATIFICA NELL INTESA STATO REGIONI DEL 23 MARZO ) PER QUANTO CONCERNE LA SUA DISTRIBUZIONE TRA LE VARIE REGIONI SI OSSERVA CHE NEL 2011 SOLO 9 REGIONI HANNO CHIUSO I LORO BILANCI IN DISAVANZO, E TRA QUESTE TRE REGIONI DA SOLE SONO RESPONSABILI DEL 70% DEL DISAVANZO COMPLESSIVO. 16

17 figura 7 - DISAVANZO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE (INCIDENZA PERCENTUALE SULLE ENTRATE) 9,7 7,9 8,5 8,3 6,8 6,3 5,7 6,3 3,3 4,3 4,8 3,8 2,9 4,7 3,7 3,5 3,2 2,2 2,0 1, fonte: Ministero della Salute Direzione Generale della Programmazione Sanitaria 17

18 CONTRIBUTO AL DISAVANZO DELLE DIVERSE REGIONI NELL ANNO 2011 MLN % %cum LAZIO 872,218 45,6 45,6 CAMPANIA 254,482 13,3 58,9 SARDEGNA 219,596 11,5 70,4 LIGURIA 143,761 7,5 77,9 CALABRIA 129,920 6,8 84,7 PUGLIA 118,530 6,2 90,9 SICILIA 99,229 5,2 96,0 MOLISE 39,383 2,1 98,1 BASILICATA 36,260 1,9 100, ,379 fonte: Ministero della Salute Direzione Generale della Programmazione Sanitaria 18

19 IL SUPERAMENTO DEGLI SQUILIBRI TERRITORIALI SONO TRASCORSI ORMAI PIÙ DI TRENT ANNI DALL APPROVAZIONE DELLA LEGGE ISTITUTIVA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE CHE INDICAVA TRA GLI OBIETTIVI STRATEGICI DA PERSEGUIRE IL SUPERAMENTO DEGLI SQUILIBRI TERRITORIALI NELLE CONDIZIONI SOCIO-SANITARIE DEL PAESE I DATI RIPORTATI NEL GRAFICO IN FIGURA 8, DIMOSTRANO NON SOLO CHE QUELL OBIETTIVO NON PUÒ DIRSI CERTO RAGGIUNTO MA ANCHE CHE LA STRATEGIA NON PUÒ ESSERE QUELLA DI UNA RIDUZIONE GENERALIZZATA DELLA SPESA 19

20 figura 8 - SPESA SANITARIA PRO CAPITE VALLE D'AOSTA TRENTO BOLZANO LIGURIA FRIULI LAZIO MOLISE SARDEGNA TOSCANA PIEMONTE EMILIA ROMAGNA BASILICATA UMBRIA LOMBARDIA ABRUZZO MARCHE VENETO CALABRIA PUGLIA SICILIA CAMPANIA fonte: Ministero della Salute Direzione Generale della Programmazione Sanitaria valori espressi in euro 20

21 SPESA SANITARIA E FINANZA PUBBLICA IL TEMA DELLA SOSTENIBILITÀ DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE NON PUÒ PRESCINDERE DA UN ANALISI DELL EVOLUZIONE COMPLESSIVA DELLA SPESA PUBBLICA, STANTE IL VINCOLO CHE LA PROGRAMMAZIONE SANITARIA DOVREBBE ASSICURARE TRA LIVELLI DI ASSISTENZA E RISORSE DISPONIBILI. I GRAFICI RIPRODOTTI IN FIGURA 9 E 10 MOSTRANO L ANDAMENTO DEI PRINCIPALI AGGREGATI MACROECONOMICI NEGLI ULTIMI 25 ANNI, UN PERIODO SUFFICIENTEMENTE ESTESO PER VALUTARE LINEE DI TENDENZA LA PORTATA DELLE QUALI NON PUÒ ESSERE COLTA DA UNA ANALISI DI BREVE PERIODO 21

22 figura 9 - I PRINCIPALI AGGREGATI MACROECONOMICI NEL PERIODO DAL 1987 AL 2011 VALORI ATTUALIZZATI PIL entrate uscite debito fonte: Ministero dell Economia relazione generale sulla situazione economica del Paese 22

23 IL PAREGGIO DI BILANCIO LA PRIMA RIFLESSIONE CHE LA LETTURA DEI DATI RIPORTATI IN FIGURA 9 SUGGERISCE CONCERNE IL FATTO CHE LA SPESA È STATA OGNI ANNO E PER DECENNI SUPERIORE ALLE RISORSE DISPONIBILI: QUESTO IRRESPONSABILE COMPORTAMENTO HA CREATO NEL TEMPO UN DEBITO PUBBLICO CHE RAPPRESENTA UNO DEI PRINCIPALI PROBLEMI DELL ECONOMIA NAZIONALE. SI PARLA DI INSERIRE IL PAREGGIO DI BILANCIO COME OBBLIGO COSTITUZIONALE: PRIMA ANCORA CHE UN OBBLIGO DI LEGGE ESSO DOVREBBE ESSERE UN OBBLIGO POLITICO E MORALE 23

24 LA CRESCITA ABNORME DEL DEBITO PUBBLICO LA SECONDA RIFLESSIONE CHE LA LETTURA DEI DATI RIPORTATI IN FIGURA 9 SUGGERISCE CONCERNE IL FATTO CHE IL DEBITO PUBBLICO, ANNO DOPO ANNO, È CRESCIUTO SU SE STESSO CON UNA VELOCITÀ SUPERIORE A TUTTI GLI ALTRI AGGREGATI MACROECONOMICI. 24

25 IL DEBITO PUBBLICO UN MOSTRO CHE DIVORA IL PAESE IN OCCASIONE DI UNA CONFERENZA STAMPA PER LA PRESENTAZIONE DI UNA DELLE ULTIME MANOVRE FINANZIARIE DEL PRECEDENTE GOVERNO, L ALLORA MINISTRO TREMONTI AFFERMÒ CHE IL DEBITO PUBBLICO È UN MOSTRO CHE RISCHIA DI DIVORARE IL NOSTRO FUTURO. CORREGGEREI QUELL AFFERMAZIONE SOSTENENDO CHE IL DEBITO PUBBLICO, CHE HA RAGGIUNTO SECONDO LA PIÙ RECENTE RILEVAZIONE DELLA BANCA D ITALIA L ASTRONOMICA CIFRA DI MILIARDI DI EURO, STA DIVORANDO IL NOSTRO PRESENTE 25

26 figura 10 - I PRINCIPALI AGGREGATI MACROECONOMICI NEL PERIODO DAL 1987 AL 2011 NUMERI INDICE 100,0 106,0 PIL entrate uscite debito 123,2 117,3 111,5 108,4 113,1 197,8 196,7 198,2 192,9 188,3 188,7 185,3 183,2 184,2 187,3 180,5 180,8 182,4 178,8 175,5 174,4 173,6 172,9 171,2 164,9 163,0 164,8 158,8 159,9 159,9 159,9 155,1 156,3 154,1 150,2 152,9 151,9 150,0 151,3 146,2 147,1 151,5 148,6 145,3 142,0 142,3 143,2 139,9 141,3 139,0 137,7 133,6 137,6 133,6 145,6 146,5 145,2 128,5 131,4 130,1 125,9 128,3 137,8 133,9 133,9 139,2 142,1 146,7 147,7 148,1 130,2 123,0 127,4 125,5 126,4 126,1 125,9 122,5 124,0 119,6 115,8 114,5 116,5 115,9 208,2 214,1 214, fonte: Ministero dell Economia relazione generale sulla situazione economica del Paese 26

27 L IMPATTO DEL DEBITO PUBBLICO SULL ECONOMIA L IMPATTO DEL DEBITO PUBBLICO SULL ECONOMIA NAZIONALE È RESO EVIDENTE DAI DATI RIPORTATI IN FIGURA 11, DAI QUALI SI EVINCE COME GLI INTERESSI SUL DEBITO ABBIANO VANIFICATO L IMPEGNO CHE È STATO POSTO NEL CONTENIMENTO DELLA SPESA PUBBLICA: NONOSTANTE IL CONSISTENTE INCREMENTO DELL AVANZO PRIMARIO CHE È STATO REGISTRATO NEL PERIODO DAL 1992 AL 2000 GLI INTERESSI SUL DEBITO HANNO DETERMINATO UN DISAVANZO CHE HA ULTERIORMENTE INCREMENTATO IL DEBITO PUBBLICO. 27

28 L ESIGENZA DI INTERVENIRE SULLO STOCK DEL DEBITO SORPRENDE CHE UN GOVERNO DI TECNICI, DI MATRICE CULTURALE TRA L ALTRO ECONOMICA, NON PRENDA FINALMENTE COSCIENZA DEL FATTO CHE OCCORRE AGIRE E CON ESTREMA URGENZA SULLO STOCK DEL DEBITO, ATTUANDO POLITICHE CHE NE RIDUCANO DRASTICAMENTE LA DIMENSIONE (E CHE NON NECESSARIAMENTE SONO SOLO LA DISMISSIONE DEL PATRIMONIO PUBBLICO). UN AZIENDA IN CONDIZIONI FALLIMENTARI, QUALI SONO STATE DICHIARATE ESSERE QUELLE DEL NOSTRO PAESE, NON SI SALVA AGENDO SOLO SUL CONTO ECONOMICO: OCCORRONO INTERVENTI DRASTICI ANCHE SULLO STATO PATRIMONIALE 28

29 figura 11 - I PRINCIPALI AGGREGATI MACROECONOMICI NEL PERIODO DAL 1987 AL 2011 saldo primario interessi saldo finale -0,1 4,1 5,5 4,0 8,5 9,6 13,9 11,2 10,8 12,7 6,9 5,6 3,4 2,7 0,4 2,6 7,2 5,3 0,0 2,1-1,4-2,3-1,7-3,1-3,7-3,5-5,6-6,4-6,1-5,8-7,7-7,0-7,0-8,1-8,0-7,5-11,4-10,7-10,6-10,1-10,2-9,9-9,8-9,9-8,5-10,7-11,1-10,6-11,6-12,6-14,5-14,1-14,0-16,8-15,5-17,3-23,3-20,1-19,5-20,4-20,6-19,6-20,1-21,4-22,7-23,7-23,4-24,7-24,0-25,1-25,3-25,1-27,8-26,8-25, fonte: Ministero dell Economia relazione generale sulla situazione economica del Paese 29

30 L ABNORME INCIDENZA DEI TRASFERIMENTI SUL BILANCIO DELLO STATO I DATI RIPORTATI IN FIGURA 12 PONGONO IN EVIDENZA QUANTO LA GESTIONE DELLA FINANZA PUBBLICA SIA LONTANA DA ACQUISIZIONI CONSOLIDATE ORMAI DA DECENNI L ESIGENZA DI COLLOCARE IL TEMA DELLA SPESA PUBBLICA ALL INTERNO DI UN NUOVO SISTEMA DI RAPPORTI TRA STATO ED ENTI LOCALI CHE SIA VERAMENTE FONDATO SUI PRINCIPI DEL DECENTRAMENTO E DELLA RESPONSABILIZZAZIONE E NEL QUALE ENTRINO NUOVI ELEMENTI DI RAZIONALITÀ ECONOMICA, CHE POSSONO DERIVARE SIA DALLA APPLICAZIONE DI NUOVI SCHEMI CONCETTUALI AL RAPPORTO STATO ENTI LOCALI, SIA DA UNA NUOVA VISIONE DI POLITICA ECONOMICA. 30

31 IL FEDERALISMO QUALE INELUDIBILE ESIGENZA DI RAZIONALITÀ ECONOMICA SI TRATTA IN SOSTANZA DI REALIZZARE QUEL FEDERALISMO CHE COSTITUIVA UNA DELLE DIRETTRICI PORTANTI DEL GRANDE DISEGNO RIFORMATORE ATTUATO DAL GOVERNO AMATO CON LA LEGGE DELEGA 23 OTTOBRE 1992, N. 421, E CHE RISPONDE AD UNA ESIGENZA INELUDIBILE DI RAZIONALITÀ ECONOMICA UN FEDERALISMO EQUO E SOLIDALE, UN FEDERALISMO BASATO SU UNA RESPONSABILIZZAZIONE DEI DIVERSI SOGGETTI ISTITUZIONALI CHIAMATI AL GOVERNO DELLA SPESA PUBBLICA, UN FEDERALISMO CHE APPARE COMUNQUE UNA UTOPIA SE NON SI RISOLVE IL PROBLEMA DELL ARRETRATEZZA DELLE REGIONI MERIDIONALI 31

32 figura 12 - LE SPESE A CARICO DELLO STATO anno 2011 valori assoluti espressi in miliardi di euro 9,7% TRASFERIMENTI ,2% SERVIZI 105 INTERESSI 74 ALTRE SPESE 46 15,6% TOTALE ,4% fonte: Ministero dell Economia relazione generale sulla situazione economica del Paese 32

33 figura 13 I TRASFERIMENTI A CARICO DELLO STATO anno 2011 valori assoluti espressi in miliardi di euro 11,1% PREVIDENZA 94 6,8% SANITÀ 68 37,7% ENTI LOCALI 42 EUROPA 17 17,0% ALTRI 28 TOTALE ,5% fonte: Ministero dell Economia relazione generale sulla situazione economica del Paese 33

34 FEDERALISMO E SVILUPPO ECONOMICO IN QUESTA LOGICA IL TEMA DEL FEDERALISMO SI RICONNETTE INESTRICABILEMENTE CON IL TEMA DELLA CRESCITA ECONOMICA, CHE COSTITUISCE L UNICA EFFETTIVA ED INELUDIBILE PRIORITÀ. UNA PRIORITÀ CHE NON DEVE ESSERE VISTA COME CONTRAPPOSTA A QUELLA DEL RIGORE, PERCHÉ IL RISPETTO DEL PAREGGIO DI BILANCIO DEVE ESSERE CONSIDERATO SEMPRE E COMUNQUE UN VINCOLO INELUDIBILE. 34

35 RIGORE E SVILUPPO PROPRIO DA QUEL VINCOLO SCATURISCE L ESIGENZA, ALTRETTANTO INELUDIBILE, DI ASSICURARE, ATTRAVERSO LO SVILUPPO ECONOMICO, LE RISORSE NECESSARIE PER GARANTIRE QUEI LIVELLI DI PROTEZIONE SOCIALE CHE SONO SEGNO DI CIVILTÀ, E CHE NON POSSONO ESSERE MANTENUTI ACCUMULANDO UN DEBITO PUBBLICO CHE INIQUAMENTE TRASFERISCE SULLE GENERAZIONI FUTURE L ONERE DI SCELTE IRRESPONSABILI 35

36 figura 14 - I PRINCIPALI AGGREGATI MACROECONOMICI NEL DECENNIO DAL 2002 AL 2011 valori indice PIL entrate uscite debito 116,1 115,5 114,0 115,5 115,9 103,0 101,9 100,6 104,0 103,1 102,7 101,1 106,2 104,1 103,4 103,2 109,6 109,1 106,8 105,4 112,2 108,3 106,1 114,2 107,0 106,3 102,3 109,4 112,4 108,1 103,0 111,0 108,6 107,1 102,0 100,0 99, fonte: Ministero dell Economia relazione generale sulla situazione economica del Paese 36

37 LE PRIORITÀ VERE CHE I DATI EVIDENZIANO I DATI RIPORTATI IN FIGURA 14 DOVREBBERO RICHIAMARE TECNICI E POLITICI A QUELLE CHE SONO LE PRIORITÀ VERE DEL PAESE, AD ABBANDONARE STERILI CONTRAPPOSIZIONI IDEOLOGICHE SU QUESTIONI MAL POSTE NEL MERITO E NEL METODO (QUALI AD ESEMPIO QUELLA DELL ARTICOLO 18) PER COSTRUIRE INSIEME CON LE FORZE SOCIALI UNA STRATEGIA DELLO SVILUPPO, UNA POLITICA ECONOMICA CHE RESTITUISCA FIDUCIA E SPERANZA AI TANTI CHE PURTROPPO L HANNO PERDUTA. 37

38 CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE SORPRENDE, E PER CERTI VERSI SCONFORTA, CONSTATARE CHE LE RIFLESSIONI PROPOSTE IN QUESTE DIAPOSITIVE, RIPRENDONO TEMI CHE DA ANNI COSTITUISCONO OGGETTO DELLA MIA ANALISI SULL EVOLUZIONE DELLA FINANZA PUBBLICA, AVVIATA NEL LONTANO 1996 CON L ARTICOLO CONTENIMENTO DELLA SPESA PUBBBLICA E SALVAGUARDIA DELLO STATO SOCIALE: UN BINOMIO POSSIBILE 38

39 UNA STRATEGIA PER IL FUTURO DEL PAESE RIFLESSIONI CHE RIPROPONEVO ANCORA UNA VOLTA NEL RECENTE ARTICOLO UNA STRATEGIA PER IL FUTURO DEL PAESE considerazioni sul decreto legge 31 maggio 2010, n. 78. IN QUELL ARTICOLO CITAVO ALCUNI PASSAGGI DI UN INTERVISTA CHE ERA STATA DA POCO PUBBLICATA SUL QUOTIDIANO LE MONDE CON IL PROF JOSEPH STIGLITZ PREMIO NOBEL PER L ECONOMIA, E CITAVO ANCORA UN PASSAGGIO SPLENDIDO DELLE CONSIDERAZIONI FINALI DELL ALLORA GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA. 39

40 DA UN INTERVISTA DI JOSEPH STIGLITZ A LE MONDE L UNIONE EUROPEA VUOLE UN PIANO COORDINATO DI AUSTERITÀ. SE CONTINUA IN QUESTA DIREZIONE VA INCONTRO AD UN DISASTRO. L EUROPA HA BISOGNO DI SOLIDARIETÀ, DI EMPATIA, NON DI UNA AUSTERITÀ CHE FARÀ CRESCERE LA DISOCCUPAZIONE E PORTERÀ LA DEPRESSIONE. NEGLI STATI UNITI QUANDO UNO STATO È IN DIFFICOLTÀ TUTTI GLI ALTRI SI SENTONO COINVOLTI. SIAMO TUTTI SULLA STESSA BARCA. È INNANZITUTTO LA MANCANZA DI SOLIDARIETÀ CHE MINACCIA LA SOPRAVVIVENZA DEL PROGETTO EUROPEO. 40

41 CONSIDERAZIONI FINALI DEL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA NELLA RELAZIONE DEL 2009 NEL 1992 AFFRONTAMMO UNA CRISI DI BILANCIO BEN PIÙ SERIA DI QUELLA CHE HANNO OGGI DAVANTI ALCUNI PAESI EUROPEI. IL GOVERNO DELL EPOCA PRESENTÒ UN PIANO DI RIENTRO CHE, CONDIVISO DAL PAESE, FU CREDUTO DAI MERCATI, SENZA ALCUN AIUTO DA ISTITUZIONI INTERNAZIONALI. ANCHE LA SFIDA DI OGGI, CONIUGARE LA DISCIPLINA DI BILANCIO CON IL RITORNO ALLA CRESCITA, SI COMBATTE FACENDO APPELLO AGLI STESSI VALORI CHE CI HANNO PERMESSO INSIEME DI VINCERE LE SFIDE DEL PASSATO: CAPACITÀ DI FARE, EQUITÀ; DESIDERIO DI SAPERE, SOLIDARIETÀ. CONSAPEVOLI DELLE DEBOLEZZE DA SUPERARE, DELLE FORZE, RAGGUARDEVOLI, CHE ABBIAMO, AFFRONTIAMOLA. 41

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

Italia e Unione Europea: una valutazione comparata della gestione dei rifiuti

Italia e Unione Europea: una valutazione comparata della gestione dei rifiuti una valutazione comparata della gestione dei rifiuti Parte una valutazione comparata della gestione dei rifiuti La Commissione europea nell Aprile del 01 ha presentato gli esiti di una ricerca eseguita

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Famiglie e lavoro. Rapporto annuale 2014

Famiglie e lavoro. Rapporto annuale 2014 Famiglie e lavoro Rapporto annuale 2014 Famiglie e lavoro Rapporto annuale 2014 Il presente rapporto è frutto di un lavoro di ricerca dello Staff SSRMdL di Italia Lavoro, coordinato da Maurizio Sorcioni,

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39 Qualità dei servizi internet da postazione fissa - Delibere n. 131/06/CSP, 244/08/CSP e 400/10/CONS Anno riferimento: 2014 Periodo rilevazione dei dati: 2 SEM. X Per. Denominazione incatore Tempo attivazione

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province Unione Province Italiane Una proposta per il riassetto delle Province Assemblea Unione Province Italiane Roma - 06 dicembre 2011 A cura di: Prof. Lanfranco Senn Dott. Roberto Zucchetti Obiettivi dello

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Il bilancio delle scuole, questo sconosciuto

Il bilancio delle scuole, questo sconosciuto PROGRAMMA EDUCATION FGA WORKING PAPER N. 21 (2/2010) Il bilancio delle scuole, questo sconosciuto Susanna Granello Direttore della rivista «Esperienze amministrative» 1 Fondazione Giovanni Agnelli, 2010

Dettagli

Audizione dell Ufficio parlamentare di bilancio sull attuazione e le prospettive del federalismo fiscale

Audizione dell Ufficio parlamentare di bilancio sull attuazione e le prospettive del federalismo fiscale Audizione dell Ufficio parlamentare di bilancio sull attuazione e le prospettive del federalismo fiscale Tendenze dell autonomia tributaria degli enti territoriali di Alberto Zanardi Consigliere dell Ufficio

Dettagli

VI Rapporto su enti locali e terzo settore

VI Rapporto su enti locali e terzo settore COORDINAMENTO Michele Mangano VI Rapporto su enti locali e terzo settore A cura di Francesco Montemurro, con la collaborazione di Giulio Mancini IRES Lucia Morosini Roma, marzo 2013 2 Indice 1. PREMESSA...

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico-

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- PREMESSA... 3 1. CARATTERISTICHE FISICHE DELLE TS-CNS... 3 1.1. Fronte TS-CNS

Dettagli

IL SISTEMA SANITARIO IN ITALIA (SSN) e IL SUO PROCESSO DI EVOLUZIONE

IL SISTEMA SANITARIO IN ITALIA (SSN) e IL SUO PROCESSO DI EVOLUZIONE IL SISTEMA SANITARIO IN ITALIA (SSN) e IL SUO PROCESSO DI EVOLUZIONE La storia del SSN Ante 883/78 Legge 833/78 (Compromesso storico) (Creazione del SSN) Decreti Legislativi 502/92 (De Lorenzo) e 517/93

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Epidemiologia delle infezioni da Trichinella negli animali e nell uomo in Europa ed in

Epidemiologia delle infezioni da Trichinella negli animali e nell uomo in Europa ed in Epidemiologia delle infezioni da Trichinella negli animali e nell uomo in Europa ed in Italia e patologia nell'uomo Trichinella Trichinella spp. vermi cilindrici (nematodi) Edoardo Pozio Laboratorio di

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI TRA L ITALIA E I PAESI DEL NORD AFRICA MAROCCO TUNISIA ALGERIA LIBIA EGITTO L Italia, grazie anche alla prossimità geografica ed a storici rapporti politici e culturali,

Dettagli

IL MERCATO IMMOBILIARE ITALIANO: TENDENZE RECENTI E PROSPETTIVE

IL MERCATO IMMOBILIARE ITALIANO: TENDENZE RECENTI E PROSPETTIVE Associazione Italiana Tecnico Economica Cemento NOTA di RICERCA dell UFFICIO STUDI AITEC www.aitecweb.com febbraio 2012 ufficiostudi@aitecweb.com IL MERCATO IMMOBILIARE ITALIANO: TENDENZE RECENTI E PROSPETTIVE

Dettagli

Tirocini a due anni di distanza dalle Linee-guida: primo bilancio

Tirocini a due anni di distanza dalle Linee-guida: primo bilancio Working Paper A s s o c i a z i o n e p e r g l i S t u d i I n t e r n a z i o n a l i e C o m p a r a t i s u l D i r i t t o d e l l a v o r o e s u l l e R e l a z i o n i i n d u s t r i a l i Tirocini

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti LA POPOLAZIONE 17 Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti Significato. La presenza nella popolazione di cittadini stranieri è ormai diventata di una certa consistenza

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2014 SUL MERCATO DELLE CASE PER VACANZA 1 AGOSTO 2014 SINTESI PER LA STAMPA

OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2014 SUL MERCATO DELLE CASE PER VACANZA 1 AGOSTO 2014 SINTESI PER LA STAMPA OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2014 SUL MERCATO DELLE CASE PER VACANZA 1 AGOSTO 2014 SINTESI PER LA STAMPA L Osservatorio Nazionale Immobiliare Turistico 2014 di FIMAA-Confcommercio (Federazione

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 5.3.2014 COM(2014) 150 final COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO Risultati degli esami approfonditi ai sensi del regolamento

Dettagli

Dipartimento della Programmazione e dell Ordinamento del Servizio Sanitario Nazionale Dir. Gen. della Programmazione sanitaria Ufficio VI

Dipartimento della Programmazione e dell Ordinamento del Servizio Sanitario Nazionale Dir. Gen. della Programmazione sanitaria Ufficio VI Rapporto annuale sull attività di ricovero ospedaliero Dati SDO 2012 Dicembre 2013 Dipartimento della Programmazione e dell Ordinamento del Servizio Sanitario Nazionale Dir. Gen. della Programmazione sanitaria

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Pronto Soccorso e Sistema 118

Pronto Soccorso e Sistema 118 PROGETTO PRONTO SOCCORSO E SISTEMA 118 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Pronto Soccorso e Sistema 118 Ricognizione della normativa, delle esperienze, delle sperimentazioni, relativamente a emergenza

Dettagli

Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro

Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Il presente Rapporto è stato realizzato da un gruppo di ricerca congiunto

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

Attività delle regioni e delle province autonome per la prevenzione nei luoghi di lavoro

Attività delle regioni e delle province autonome per la prevenzione nei luoghi di lavoro CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 13/030/CR7c/C7 Attività delle regioni e delle province autonome per la prevenzione nei luoghi di lavoro Anno 2011 Attività delle regioni e delle province

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Primo Rapporto CNEL/ISTAT sull economia sociale. Dimensioni e caratteristiche strutturali delle istituzioni nonprofit in Italia

Primo Rapporto CNEL/ISTAT sull economia sociale. Dimensioni e caratteristiche strutturali delle istituzioni nonprofit in Italia Primo Rapporto CNEL/ISTAT sull economia sociale Dimensioni e caratteristiche strutturali delle istituzioni nonprofit in Italia ROMA, GIUGNO 2008 INDICE PREMESSA...4 CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE...6 PARTE

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

Intervista a Giorgio Dal Fiume rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Presidente di World Fair Trade Organization Europe

Intervista a Giorgio Dal Fiume rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Presidente di World Fair Trade Organization Europe Intervista a Giorgio Dal Fiume rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Presidente di World Fair Trade Organization Europe Maggio 2015 L Europa è la culla del Fair Trade: come e quanto è diffuso?

Dettagli

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio )

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 944 CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 8 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi

Dettagli

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04.

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04. P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Società per Azioni con sede legale in Cagliari, viale Bonaria, 33 Sede Amministrativa, Domicilio Fiscale e Direzione Generale in

Dettagli

Sistema statistico nazionale Istituto nazionale di statistica. italia. 100 statistiche. per capire il Paese in cui viviamo

Sistema statistico nazionale Istituto nazionale di statistica. italia. 100 statistiche. per capire il Paese in cui viviamo Sistema statistico nazionale Istituto nazionale di statistica italia 100 statistiche per capire il Paese in cui viviamo 2014 Sistema statistico nazionale Istituto nazionale di statistica italia 100 statistiche

Dettagli

Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria

Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria A cura di NE Nomisma Energia Srl Responsabile di Ricerca: Davide Tabarelli (Presidente), Carlo Bevilacqua Ariosti

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

ITALIA COMPETENZE PER IL LAVORO DI OGGI COMPETENZE PER IL LAVORO DI DOMANI. Cisco Networking Academy CISCO NETWORKING ACADEMY.

ITALIA COMPETENZE PER IL LAVORO DI OGGI COMPETENZE PER IL LAVORO DI DOMANI. Cisco Networking Academy CISCO NETWORKING ACADEMY. Profilo ITALIA COMPETENZE PER IL LAVORO DI OGGI COMPETENZE PER IL LAVORO DI DOMANI CISCO NETWORKING ACADEMY Educazione e tecnologia sono due dei più grandi equalizzatori sociali. La prima aiuta le persone

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

Protagonista dello sviluppo locale

Protagonista dello sviluppo locale Bic Umbria Protagonista dello sviluppo locale Sviluppo Italia Bic Umbria promuove, accelera e diffonde lo sviluppo produttivo e imprenditoriale nella regione. È controllata da Sviluppo Italia, l Agenzia

Dettagli