REGOLAMENTO PARTICOLARE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO PARTICOLARE"

Transcript

1 FEDERAZIONE ITALIANA PESCA SPORTIVA E ATTIVITA' SUBACQUEE COMITATO REGIONALE VENETO Corso Padova n Vicenza CAMPIONATO REGIONALE VENETO TROTA TORRENTE REGOLAMENTO PARTICOLARE ART. 1 ORGANIZZAZIONE: il Comitato Regionale Veneto indice ed organizza il CAMPIONATO REGIONALE VENETO "SERIE B" di pesca alla TROTA IN TORRENTE 2008 per squadre di Società, qualificante al Trofeo di " SERIE A zona B 2009 della specialità. Le prove, la cui organizzazione sarà affidata dal Comitato Regionale Veneto alle Società indicate in frontespizio, regolarmente affiliate nel rispetto delle norme federali vigenti, si svolgeranno quali siano le condizioni atmosferiche e saranno rette dal presente Regolamento Particolare e dalla Circolare Normativa per l'anno in corso, alla quale si fa riferimento per quanto non contemplato nel presente Regolamento che tutti i concorrenti, per effetto della loro adesione, dichiarano di conoscere ed accettare. ART. 2 PARTECIPAZIONE: al Campionato di "Serie B 2008" sono ammesse n. 30 squadre di Società, cosi ripartite: le squadre retrocesse dal Trofeo di ELITE 2007; le squadre che hanno acquisito il diritto di rimanere a disputare il Trofeo di Serie B nel 2008; le squadre promosse dai Trofei di Provinciali di Serie C svolti nelle selezioni Provinciali che tutte le Sezioni sono tenute di organizzare nel rispetto delle norme federali vigenti. Ogni Società potrà partecipare al Campionato con un massimo di due (2) squadre, anche nel caso di fusione tra Società aventi diritto. In caso di rinunce di squadre aventi diritto, si procederà al ripescaggio secondo l'ordine di classifica nelle Sezioni Provinciali delle rinuncianti, ed eventualmente dalle altre Sezioni in base al miglior quorum. NON SONO AMMESSI RIPESCAGGI DI SQUADRE RETROCESSE. Per l anno 2008 saranno ammesse n. 30 squadre. (Il numero delle squadre potrà variare in caso di aumento delle serie C Provinciali). ART. 3 ISCRIZIONI: Le squadre di Società che formalizzeranno la loro adesione al Campionato dovranno impegnarsi a partecipare e a versare il contributo di iscrizione a tutte le prove, anche nel caso di eventuale giustificata assenza. Le iscrizioni, dovranno pervenire, a firma del Presidente della Società, alla Commissione Sportiva Regionale presso la Sezione Provinciale A.P.S.E.A.S. di Padova Viale Nereo Rocco PADOVA Tel. 049 / Fax 049 / , accompagnate dal contributo di iscrizione pari a. 90 (novanta) per ciascuna prova, almeno 15 giorni prima dell'effettuazione della gara. Le iscrizioni dovranno essere redatte esclusivamente su carta intestata della società o sugli 1

2 appositi moduli predisposti, e dovranno contenere i nominativi degli iscritti, divisi per squadra, ed i relativi numeri della licenza Governativa, della tessera Federale e la tessera di ATLETA valide per l'anno in corso. Nel caso di partecipazione di 2 squadre della stessa Società, il passaggio di concorrenti da una squadra all altra rispetto alla composizione delle squadre nella prova precedente è limitato al numero fissato sul Regolamento Particolare della manifestazione, dovrà avvenire prima dell'effettuazione del sorteggio e non potrà comunque superare il massimo di due per squadra. Ritardi nelle formalità di iscrizione, comportano la automatica esclusione dalla prova. Resta inteso che la non partecipazione ad una prova non implica il rimborso del contributo versato. Le Società organizzatrici hanno l'obbligo di segnalare al Giudice di Gara il nominativo di eventuali Società morose per i provvedimenti del caso. Le Società che al termine del Campionato non saranno in regola con il versamento di tutti i contributi di partecipazione verranno automaticamente e senza possibilità di appello retrocesse con tutte le loro squadre a livello più basso previsto per la specialità; in caso di recidività le Società saranno escluse con tutte le proprie squadre da ogni attività del settore Acque Interne. QUANDO UNA SQUADRA E' ASSENTE SENZA GIUSTIFICATO MOTIVO VALUTATO DAL COMITATO REGIONALE VENETO, SARA' DEFERITA ALL' ORGANO COMPETENTE PERCHE LE VENGANO COMMINATE LE SANZIONI DEL CASO. Nel Trofeo di "Serie B" di Pesca alla Trota in Torrente devono essere considerati "partecipanti ufficiali" i primi 4 atleti di ogni squadra che raggiungono la seconda partecipazione. La partecipazione farà diventare titolari anche atleti che abbiano disputato due prove in squadre diverse; questi non potranno in nessun caso partecipare a manifestazioni di livello inferiore, ma potranno essere sostituiti da atleti titolari di manifestazioni inferiori o da non titolari che possono poi rientrare nelle rispettive manifestazioni di provenienza. Le prime 3 prove dei Trofei "Serie A, B, C," devono obbligatoriamente essere considerate concomitanti anche se, per cause di forza maggiore o per esigenze di composizione di calendari, si devono svolgere in date diverse (cioè la prima prova di ciascuna prova delle varie fasi sarà concomitante sia che venga disputata nella stessa data, sia che si svolga in date diverse e così la seconda ecc). IL PARTECIPANTE UFFICIALE CHE DISPUTA UNA GARA A LIVELLO INFERIORE E IL CONCORRENTE CHE PARTECIPA A GARE CONSIDERATE CONCOMITANTI, ANCHE SE DISPUTATE IN DATE DIVERSE, VERRANNO RETROCESSI ALL'ULTIMO POSTO IN ENTRAMBI LE MANIFESTAZIONI ED ALLA SQUADRA DI APPARTENENZA VERRANNO ASSEGNATE IN ENTRAMBE LE MANIFESTAZIONI LE PENALITA' CORRISPONDENTI A QUATTRO RETROCESSIONI. ART. 4 OPERAZIONI PRELIMINARI: La composizione dei settori avranno luogo il giorno e posto indicato dagli Organizzatori alla presenza del Giudice di Gara e di tutti coloro che vorranno presenziarvi. I sorteggi saranno effettuati con l ausilio del Programma di Gestione Agonistica e con le seguenti modalità: I quattro componenti di ogni squadra; verranno ripartiti nelle quattro zone in cui è diviso il campo di gara. Ognuna di queste zone di 30 concorrenti sarà divisa in modo completamente casuale in 2 (due) settori da 15 concorrenti, cercando per quanto possibile di suddividere le Province ed i garisti delle stesse società. Le zone ed i settori del campo di gara verranno tabellati il giorno precedente la gara e numerati progressivamente da monte a valle. 2

3 L'abbinamento delle zone indicate dalle lettere o numeri e settori indicati con lettere o numeri avverrà mediante sorteggio effettuato un ora prima dell'inizio della gara sul luogo del raduno. ART. 5 SOSTITUZIONI: Per sostituzioni di uno o più concorrenti si intendono le operazioni effettuate per i componenti di una squadra dopo le operazioni di sorteggio. Le operazioni effettuate prima del sorteggio non possono essere indicate come sostituzioni. Le sostituzioni richieste dopo le operazioni di sorteggio sono soggette al pagamento di un contributo di 1,50 per spese di Segreteria; le sostituzioni di concorrenti iscritti in una squadra possono esserne effettuate nel numero di due. È possibile, per cause di forza maggiore che hanno provocato un grave ritardo, effettuare la sostituzione direttamente sul proprio posto gara. La sostituzione, per essere valida, deve essere notificata all'ispettore di Sponda al momento dell'arrivo del concorrente sul posto di gara. Il concorrente che effettua una sostituzione al momento della gara, senza l'autorizzazione firmata dal proprio Presidente di Società, si assume la responsabilità di tutto quanto comporta la sostituzione stessa. Non sonno ammessi passaggi da una squadra all altra dopo i sorteggi dei concorrenti. ART. 6 CAMPI DI GARA: saranno divisi in 4 zone e ogni zona in n. 2 settori da 15 (quindici) concorrenti, ogni settore avrà una lunghezza da mt. 120 a 160 circa pescabili. ART. 7 SEMINE: verranno immesse trote fario adulte in ragione di. 13,00 (tredici) per concorrente. La pezzatura della trote deve rispettare la misura minima prevista dal Regolamento della Provincia in cui si svolge la gara. ART. 8 PROGRAMMA: Il Campionato si svolgerà in 4 (quattro) prove tutte valide senza scarto che determineranno la classifica finale del campionato. I campi di gara saranno ripopolati con trote fario adulte di misura legale come da leggi regionali e regolamenti provinciali di competenza. I concorrenti dopo avere assistito alle operazioni di sorteggio per l'abbinamento delle zone e settori già predisposti sul campo di gara, dovranno raggiungere immediatamente con i propri mezzi, il centro del settore loro assegnato. Dopo l'appello nominale del capo settore, il quale procederà alla consegna del materiale di gara, ed i concorrenti avranno circa venti minuti di tempo per visionare il loro tratto di campo gara, trascorso il quale si ritroveranno al centro del settore procederà per sorteggio alla chiamata dei garisti. Il concorrente chiamato si porterà sul posto prescelto per iniziare la gara. Ogni concorrente potrà spostarsi liberamente nello ambito del proprio settore rispettando le normali etiche di pesca. ART. 9 RADUNO: I concorrenti iscritti dovranno trovarsi entro le ore 6.30 a disposizione del Direttore e del Giudice di Gara sul posto di raduno, comunicato dalle società organizzatrici tramite avviso, che dovrà essere consegnato o trasmesso almeno 30 (trenta) giorni prima della prova. ART. 10 INIZIO E TERMINE DELLE PROVE: Le prove avranno la durata di tre ore con inizio alle ore 8.00 e termine alle circa. ART. 11 ESCHE: 3

4 Le esche consentite sono unicamente le sotto elencate; vermi d'acqua e di terra; camole di tutti i tipi comunque trattate; insetti o larve ad eccezione della larva di mosca carnaria (larva di mosca carnaria o bigatto); è inoltre vietata ogni forma di pasturazione; è vietato detenere all'interno del campo di gara esche non consentite. ART. 12 CONDOTTA DI GARA: Vedi allegato. CONDIZIONI INDEROGABILI DI CAUTELA SONO: di rimettere immediatamente in acqua con la massima cautela pena la retrocessione e le conseguenti penalità di legge, le trote di lunghezza inferiore alla misura vigente nel luogo di gara, la trota va afferrata a mani bagnate e la lenza va tagliata nel caso che l amo sporga dalla bocca e non sia facilmente estraibile. CATTURE VALIDE - Vedi allegato. Le prede estratte dall'acqua dopo il segnale di fine della gara non sono valide e vanno consegnate all Ispettore di sponda; ART. 14 CONTROLLI E VERIFICHE: Il controllo delle gare sarà disimpegnato da Ispettori assegnati ciascuno ad un certo numero di concorrenti, comunque non superiori a 15. Il concorrente è l'unico responsabile del pescato pertanto al momento della cattura dovrà assicurarsi della specie e della misura. Il pescato dovrà essere consegnato per la pesatura unicamente nell'apposito sacchetto fornito dall'organizzazione o prelevato direttamente dal contenitore del concorrente. I concorrenti dovranno preoccuparsi che le prede siano consegnate in condizioni di massima pulizia ed integre. Al termine della gara il concorrente si porterà al centro del settore e consegnerà il pescato all'ispettore per il controllo, la pesatura ed il conteggio che saranno effettuati alla presenza di tutti gli interessati. Il risultato di questa operazione verrà annotato sulla scheda di controllo che il concorrente controfirmerà in segno di accettazione del numero delle catture e del loro peso. IN ASSENZA DI FIRMA DI CONVALIDA IL CONCORRENTE PERDERA' IL DIRITTO AD OGNI CONTESTAZIONE. La scheda rimarrà in possesso dell'ispettore e costituirà l'unica base per la compilazione delle classifiche. I concorrenti che abbandonassero per causa di forza maggiore la gara prima del termine, dovranno consegnare il proprio sacchetto, con o senza catture, all'ispettore incaricato, provvedere alla verifica del numero delle catture stesse e firmare la scheda di controllo su cui verrà annotato il numero delle catture stesse. Il concorrente ritiratosi senza consegnare il pescato o quello che deliberatamente non presenta alla pesatura il pescato o parte di esso sarà retrocesso e deferito al Giudice Sportivo Regionale per le sanzioni disciplinari conseguenti. Coloro che non disputano almeno metà gara saranno considerati assenti anche se consegnano il sacchetto con il pescato. La pesatura verrà effettuata contestualmente a quella degli altri concorrenti, alla presenza di tutti gli interessati. Quando il concorrente che abbandona la gara non ottempera a quanto sopra detto viene considerato assente e classificato di conseguenza. 4

5 Il pescato al termine delle operazioni di pesatura, verrà restituito al concorrente che ne farà richiesta. Tutto il pescato non ritirato dai concorrenti verrà devoluto in beneficenza a cura della Società Organizzatrice. Il Capo settore, 15 minuti prima della fine gara, effettuerà un controllo e annoterà per ogni singolo concorrente le catture effettuate fino a quel momento. ART. 15 PESATURA: L operazione di pesatura del pescato avranno inizio al termine della gara, al centro di ogni settore. alla presenza dei concorrenti interessati. LA PRESENTAZIONE ALLE OPERAZIONI DI PESATURA DI CATTURE NON VALIDE COMPORTERÀ LA AUTOMATICA RETROCESSIONE DEL CONCORRENTE. GLI ISPETTORI DI SPONDA, AL MOMENTO DELLA PESATURA, DOVRANNO VERIFICARE LA VALIDITÀ (misura) DELLE CATTURE E NOTIFICARE AL GIUDICE DI GARA EVENTUALI INFRAZIONI. I concorrenti che alla pesatura consegneranno catture inferiori o superiori (salvo testimoni che confermano la cattura) a quelle precedentemente accertate durante il controllo del capo settore, saranno retrocessi all ultimo posto e verranno deferiti al Giudice Sportivo Regionale per illecito sportivo. ART. 16 CLASSIFICHE: Come dettagliatamente specificato sulla Circolare Normativa dell'anno in corso, verranno stilate le seguenti classifiche, attribuendo un punto a grammo e 1000 punti a salmonide (non sono valide altre specie). I concorrenti che al termine della gara risulteranno a pari merito (qualsiasi sia il sistema adottato per la compilazione delle classifiche: punteggio effettivo, penalità tecniche) verranno classificati attribuendo loro una penalità media. Settore: al termine di ogni prova, sulla base del pescato di ciascun concorrente e del punteggio effettivo da lui conseguito, verrà compilata una classifica di settore che evidenzierà per ciascuno il piazzamento effettivo e la penalità tecnica ottenuta. Il piazzamento effettivo varrà per l'assegnazione dei premi di settore e come eventuale fattore discriminante, la penalità tecnica servirà a comporre la classifica di giornata e quella generale di squadra. Squadra: al termine di ogni prova, sulla base della somma di penalità tecniche ottenute dai quattro componenti di ogni squadra si provvederà ad elaborare la classifica generale per squadre, prendendo in considerazione nell'ordine i seguenti fattori discriminanti: la minor somma di penalità tecniche; la minore o le minori penalità tecniche individuali; la minor somma dei piazzamenti effettivi; il minore o minori piazzamenti effettivi individuali; la maggior somma di catture effettuate; la maggior somma dei punteggi effettivi. Finale: La classifica generale finale per squadre di Società del Campionato sarà determinata dalla minor somma di penalità tecniche conseguite da ciascuna squadra nelle quattro (4) prove della manifestazione. A parità si tiene conto nell'ordine: della minor somma di penalità tecniche in una o più prove; la minore o le minori penalità tecniche individuali; la minor somma dei piazzamenti effettivi; il minore o minori piazzamenti effettivi individuali; 5

6 la maggior somma di catture effettuate; la maggior somma dei punteggi effettivi. Al termine del Campionato la prima squadra classificata, più un ulteriore numero in base al quorum derivante dalle squadre partecipanti ai Campionati Regionali di competenza saranno promosse al Campionato di " SERIE A zona B " 2009 della specialità. Il 50 % delle squadre partecipanti verranno retrocesse nei rispettivi Campionati di Serie " C " di competenza. ART. 17 PREMIAZIONE: In base alle varie classifiche saranno assegnati i seguenti premi: Settore: 1 class. med. d oro - 2 class. med. d oro 3 class. med. d oro Squadra: 1^ class. 4 med. d oro - 2^ class. 4 med. d oro 3^ class. 4 med. d oro I concorrenti che non si presentassero a ritirare i premi loro assegnati individuali e di squadra perdono il diritto ai premi stessi che verranno incamerati dall'organizzazione. Potranno non presenziare soltanto per cause di forza maggiore e, se preavvertito tempestivamente il Direttore di Gara, potranno delegare altri al ritiro. La cerimonia delle premiazioni di ciascuna prova avrà inizio non appena saranno divenute esecutive le relative classifiche. - Le suddette premiazioni sono puramente indicative, esse possono variare, ma non devono essere inferiori al 80% della tassa di iscrizione. - Le medaglie devono riportare il logo della FIPSAS e la dicitura del C.R.V. La cerimonia per la premiazione finale sarà effettuata nei tempi e con le modalità che verranno decise dal Comitato Regionale Veneto e che saranno tempestivamente comunicate alle squadre partecipanti al Campionato. La quota di per concorrente verrà cosi suddivisa: ripopolamento ittico. 13,00.= premiazione di squadra. 2,50.= premiazione di settore 5,00.= alla Società X organizzazione. 2,00.= T O T A L E. 22,50.= ART. 18 UFFICIALI DI GARA: Il Comitato Regionale Veneto ha nominato Responsabili della manifestazione i Sigg. DOTTO BRUNO e DAL ZOTTO FRANCO delle Sezioni di Treviso e Vicenza. Giudice di Gara Unico per tutte le prove della manifestazione, nominato dal Coordinatore Regionale G.d.G. è Sig. PIAI VLADEMIRO della Sezione di TREVISO; oltre ai naturali compiti, questi avrà cura di redigere la classifica generale e di inoltrarla tempestivamente al Comitato Regionale Veneto. In ciascuna prova il G.d.G. provvederà al controllo dei documenti di un numero di concorrenti iscritti, scelti a suo insindacabile giudizio, secondo le norme federali vigenti. ART. 19 ISPETTORI DI SPONDA: 6

7 Dovranno essere messi a disposizione dalla Società Organizzatrice, non escludendo una collaborazione in tal senso, con tutte le società partecipanti alla manifestazione. Per quanto concerne le operazioni di pesatura, unica responsabile, in ogni caso sarà la Società organizzatrice. Per ogni settore sarà designato, dal Giudice di gara, un responsabile scelto fra i concorrenti del settore stesso; questi non potrà mai svolgere compiti assegnati ad Ufficiali di Gara dalle norme federali vigenti; gli Ispettori di settore devono essere sorteggiati al raduno e devono avere esperienza adatta alle stesse competizioni, essere maggiorenni e tesserati F.I.P.S.A.S. in regola per l'anno in corso. Qualora ricevessero eventuali reclami da concorrenti per consegnarli al Giudice di Gara, sono obbligati a rimanere a disposizione dello stesso, fino alla risoluzione del caso. ART. 20 RECLAMI: Vedi allegato Non saranno accettati reclami relativi al peso e al numero del pescato, essendo questi pubblici. ART. 21 PULIZIA DEL CAMPO DI GARA: Ogni concorrente ha l'obbligo, a fine competizione, di lasciare pulito il proprio posto di gara, come previsto dalle norme federali vigenti; per facilitare tale operazione, LE SOCIETÀ ORGANIZZATRICI HANNO L'OBBLIGO DI PREDISPORRE, AL CENTRO DI OGNI SETTORE, UNO O PIU' SACCHI NERI (TIPO NETTEZZA URBANA) PER LA RACCOLTA DEI RIFIUTI. PRESIDIO MEDICO In tutte le gare deve essere garantito un servizio di Pronto Soccorso. Qualora la distanza tra il Campo di Gara ed il posto di Pronto Soccorso sia tale da non garantire un rapido intervento, è necessario che un autoambulanza debitamente attrezzata sia presente sul Campo di Gara durante l'intera manifestazione. Per quanto non contemplato nel presente regolamento vige quello del Campionato Maggiore, la Circolare Normativa Nazionale 2008 e le leggi Regionali e Provinciali vigenti in materia. Vicenza 20 febbraio 2008 Approvato dal Comitato Regionale Veneto. 7

INDIVIDUALE E PER SQUADRE 2015

INDIVIDUALE E PER SQUADRE 2015 ASSOCIAZIONE PESCA SPORTIVA E ATTIVITA' SUBACQUEE SEZIONE PROVINCIALE DI PADOVA CAMPIONATO PROMOZIONALE SERIE C DI PESCA ALLA TROTA TORRENTE INDIVIDUALE E PER SQUADRE 2015 SOCIETA ORGANIZZATRICI E CAMPI

Dettagli

CAMPIONATO PROVINCIALE INDIVIDUALE DI PESCA AL COLPO 2015 2^ SERIE DATE e CAMPI di GARA

CAMPIONATO PROVINCIALE INDIVIDUALE DI PESCA AL COLPO 2015 2^ SERIE DATE e CAMPI di GARA ASSOCIAZIONE PESCA SPORTIVA E ATTIVITA SUBACQUEE SEZIONE PROVINCIALE DI PADOVA Viale Nereo Rocco - Tel. 049/8658332 Fax 049/8658333 CAMPIONATO PROVINCIALE INDIVIDUALE DI PESCA AL COLPO 2015 2^ SERIE DATE

Dettagli

Campionato Provinciale Individuale Seniores, Speranze, Juniores,Giovani, Dame, Master, Promozionale di Pesca alla Trota in Torrente anno 2015

Campionato Provinciale Individuale Seniores, Speranze, Juniores,Giovani, Dame, Master, Promozionale di Pesca alla Trota in Torrente anno 2015 FEDERAZIONE ITALIANA PESCA SPORTIVA E ATTIVITÀ SUBACQUEE SEZIONE PROVINCIALE DI TORINO VIA PRINCIPE AMEDEO 29 10023 TORINO Tel. 011/8122337 -FAX 011/837835 Campionato Provinciale Individuale Seniores,

Dettagli

C.I.P.S. C.O.N.I. C.M.A.S.

C.I.P.S. C.O.N.I. C.M.A.S. C.I.P.S. C.O.N.I. C.M.A.S. FEDERAZIONE ITALIANA PESCA SPORTIVA ATTIVITA SUBACQUEE COMITATO REGIONALE UMBRIA Via Martiri dei Lager, 65 - scala B 06100 PERUGIA - Tel. 0755010844 - Fax. 0755003755 Perugia,

Dettagli

CAMPIONATO REGIONALE LOMBARDO A SQUADRE DI SOCIETA DI PESCA ALLA TROTA CON ESCHE NATURALI IN TORRENTE 2015

CAMPIONATO REGIONALE LOMBARDO A SQUADRE DI SOCIETA DI PESCA ALLA TROTA CON ESCHE NATURALI IN TORRENTE 2015 CAMPIONATO REGIONALE LOMBARDO A SQUADRE DI SOCIETA DI PESCA ALLA TROTA CON ESCHE NATURALI IN TORRENTE 2015 QUALIFICANTE ALLA SERIE SUPERIORE 2016 Art. 1 DENOMINAZIONE - Il Comitato Regionale Lombardo indice

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PESCA SPORTIVA E ATTIVITA SUBACQUEE COMITATO PROVINCIALE DI TERNI VIA F.TURATI N. 16

FEDERAZIONE ITALIANA PESCA SPORTIVA E ATTIVITA SUBACQUEE COMITATO PROVINCIALE DI TERNI VIA F.TURATI N. 16 FEDERAZIONE ITALIANA PESCA SPORTIVA E ATTIVITA SUBACQUEE COMITATO PROVINCIALE DI TERNI VIA F.TURATI N. 16 TROFEO DI SERIE C PROVINCIALE DI PESCA AL COLPO 2015 REGOLAMENTO PARTICOLARE Art. 1 La F.I.P.S.A.S.

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PESCA SPORTIVA E ATTIVITA SUBACQUEE SEZIONE PROVINCIALE DI VENEZIA (Settore A.I.)

FEDERAZIONE ITALIANA PESCA SPORTIVA E ATTIVITA SUBACQUEE SEZIONE PROVINCIALE DI VENEZIA (Settore A.I.) TROFEO DI SERIE C PROVINCIALE DI PESCA AL COLPO 2014 REGOLAMENTO PARTICOLARE Art. 1 La Sezione Provinciale F.I.P.S.A.S. di Venezia indice il : TROFEO DI SERIE C PROVINCIALE DI PESCA AL COLPO 2014, qualificante

Dettagli

SEZIONE PROVINCIALE DI MANTOVA CONVENZIONATA FIPSAS Via Principe Amedeo, 29 46100 Mantova 0376-320727 fax0376-382843

SEZIONE PROVINCIALE DI MANTOVA CONVENZIONATA FIPSAS Via Principe Amedeo, 29 46100 Mantova 0376-320727 fax0376-382843 0-0 fax0 - CAMPIONATO PROVINCIALE INDIVIDUALE IN A.I. 0 Valido come selezione per il Campionato Italiano Individuale 0 REGOLAMENTO PARTICOLARE ART. - La Commissione Sportiva Provinciale su assegnazione

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PESCA SPORTIVA E ATTIVITA SUBACQUEE SEZIONE PROVINCIALE DI VENEZIA (Settore A.I.)

FEDERAZIONE ITALIANA PESCA SPORTIVA E ATTIVITA SUBACQUEE SEZIONE PROVINCIALE DI VENEZIA (Settore A.I.) TROFEO DI SERIE C PROVINCIALE DI PESCA AL COLPO 2015 REGOLAMENTO PARTICOLARE Art. 1 La Sezione Provinciale F.I.P.S.A.S. di Venezia indice il : TROFEO DI SERIE C PROVINCIALE DI PESCA AL COLPO 2015, qualificante

Dettagli

SETTORE TECNICO Roma, 24 marzo 2011 Acque Marittime Circolare n. 47 Prot. n. 2576 / CDS / fc

SETTORE TECNICO Roma, 24 marzo 2011 Acque Marittime Circolare n. 47 Prot. n. 2576 / CDS / fc SETTORE TECNICO Roma, 24 marzo 2011 Acque Marittime Circolare n. 47 Prot. n. 2576 / CDS / fc - SEZIONI PROVINCIALI F.I.P.S.A.S - SOCIETÀ ORGANIZZATRICE --------------------------------------------- GIUDICE

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PESCA SPORTIVA E ATTIVITA SUBACQUEE (F. I. P. S. A. S.)

FEDERAZIONE ITALIANA PESCA SPORTIVA E ATTIVITA SUBACQUEE (F. I. P. S. A. S.) C.M.A.S. C.O.N.I. C.I.P.S. FEDERAZIONE ITALIANA PESCA SPORTIVA E ATTIVITA SUBACQUEE (F. I. P. S. A. S.) Viale Tiziano, 70-00196 Roma Circolare Normativa 2015 del Settore Acque Interne Discipline: Pesca

Dettagli

CAPO II: SETTORE ACQUE INTERNE

CAPO II: SETTORE ACQUE INTERNE CAPO II: SETTORE ACQUE INTERNE SPECIALITÁ PRATICATE Secondo le disposizioni dello Statuto Federale, il Settore Acque Interne promuove e coordina l attività sportiva e promozionale delle seguenti discipline:

Dettagli

F.I.P.S.A.S. A.N.C.I.U. C.O.N.I.

F.I.P.S.A.S. A.N.C.I.U. C.O.N.I. con il patrocinio della Provincia di Padova F.I.P.S.A.S. A.N.C.I.U. C.O.N.I. DENOMINAZIONE L Associazione Ricreativa Culturale Sportiva dell'università degli Studi di Padova, in collaborazione con l'a.n.c.i.u.,e

Dettagli

CAMPIONATO NAZIONALE FERROVIERI 2014

CAMPIONATO NAZIONALE FERROVIERI 2014 ASSOCIAZIONE NAZIONALE DOPOLAVORO FERROVIARIO CAMPIONATO NAZIONALE FERROVIERI 2014 3 PROVA PESCA AL COLPO IN ACQUE DOLCI OSTELLATO (COVATO-LE VALLETTE) ( FE ) CANALE CIRCONDARIALE ASSOCIAZIONE DOPOLAVORO

Dettagli

CIRCOLARE NORMATIVA 2014 Settore Acque Interne

CIRCOLARE NORMATIVA 2014 Settore Acque Interne C.M.A.S. C.O.N.I. C.I.P.S. FEDERAZIONE ITALIANA PESCA SPORTIVA E ATTIVITA SUBACQUEE (F. I. P. S. A. S.) Viale Tiziano, 70-00196 Roma CIRCOLARE NORMATIVA 2014 Settore Acque Interne Ver. A rev. 1 del 24/01/14

Dettagli

VIA MUGGIA, n. 14 36100 - VICENZA CAMPIONATO REGIONALE A BOX DI PESCA CON FEEDER 2015

VIA MUGGIA, n. 14 36100 - VICENZA CAMPIONATO REGIONALE A BOX DI PESCA CON FEEDER 2015 FEDERAZIONE ITALIANA PESCA SPORTIVA E ATTIVITÀ SUBACQUEE COMITATO REGIONALE VENETO VIA MUGGIA, n. 14 36100 - VICENZA CAMPIONATO REGIONALE A BOX DI PESCA CON FEEDER 2015 Art. 1 Il Comitato Regionale Veneto

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PESCA SPORTIVA E ATTIVITA SUBACQUEE (F. I. P. S. A. S.)

FEDERAZIONE ITALIANA PESCA SPORTIVA E ATTIVITA SUBACQUEE (F. I. P. S. A. S.) C.M.A.S. C.O.N.I. C.I.P.S. FEDERAZIONE ITALIANA PESCA SPORTIVA E ATTIVITA SUBACQUEE (F. I. P. S. A. S.) Viale Tiziano, 70-00196 Roma Circolare Normativa 2015 del Settore Acque Interne Disciplina: Pesca

Dettagli

Sezione Provinciale di Milano CIRCOLARE NORMATIVA PROVINCIALE 2014 PESCA AL COLPO

Sezione Provinciale di Milano CIRCOLARE NORMATIVA PROVINCIALE 2014 PESCA AL COLPO Sezione Provinciale di Milano Associazione Sportiva Convenzionata FIPSAS CIRCOLARE NORMATIVA PROVINCIALE 2014 PESCA AL COLPO Art. 1 - CATEGORIE I tesserati agonisti, in base all età, sono divisi nelle

Dettagli

CIRCOLARE NORMATIVA 2013 Settore Acque Interne

CIRCOLARE NORMATIVA 2013 Settore Acque Interne C.M.A.S. C.O.N.I. C.I.P.S. FEDERAZIONE ITALIANA PESCA SPORTIVA E ATTIVITA SUBACQUEE (F. I. P. S. A. S.) Viale Tiziano, 70-00196 Roma CIRCOLARE NORMATIVA 2013 Settore Acque Interne Ver. A rev. 4 del 15/05/13

Dettagli

FIDASC Federazione Italiana Discipline Armi Sportive da Caccia 10 CAMPIONATO ITALIANO ANNI VERDI CON CANI DA FERMA E DA CERCA SU QUAGLIE LIBERATE 2015

FIDASC Federazione Italiana Discipline Armi Sportive da Caccia 10 CAMPIONATO ITALIANO ANNI VERDI CON CANI DA FERMA E DA CERCA SU QUAGLIE LIBERATE 2015 FIDASC Federazione Italiana Discipline Armi Sportive da Caccia 10 CAMPIONATO ITALIANO ANNI VERDI CON CANI DA FERMA E DA CERCA SU QUAGLIE LIBERATE 2015 REGOLAMENTO TECNICO ART. 1 SCOPI 1.1 La FIDASC, nell

Dettagli

CIRCOLARE NORMATIVA 2012 Settore Acque Interne

CIRCOLARE NORMATIVA 2012 Settore Acque Interne C.M.A.S. C.O.N.I. C.I.P.S. FEDERAZIONE ITALIANA PESCA SPORTIVA E ATTIVITA SUBACQUEE (F. I. P. S. A. S.) Viale Tiziano, 70-00196 Roma CIRCOLARE NORMATIVA 2012 Settore Acque Interne Ver. A rev. 5 del 15/05/12

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PESCA SPORTIVA E ATTIVITA SUBACQUEE Viale Tiziano 70 00196 Roma SETTORE TECNICO - ACQUE MARITTIME

FEDERAZIONE ITALIANA PESCA SPORTIVA E ATTIVITA SUBACQUEE Viale Tiziano 70 00196 Roma SETTORE TECNICO - ACQUE MARITTIME C.I.P.S. C.O.N.I. C.M.A.S. FEDERAZIONE ITALIANA PESCA SPORTIVA E ATTIVITA SUBACQUEE Viale Tiziano 70 00196 Roma SETTORE TECNICO - ACQUE MARITTIME CAMPIONATO ITALIANO PER SOCIETA A BOX 2009 DI PESCA CON

Dettagli

COMITATO REGIONALE DELLE MARCHE

COMITATO REGIONALE DELLE MARCHE COMITATO REGIONALE DELLE MARCHE ANCONA, 20 Febbraio 2015 - SOCIETA AVENTI DIRITTO - SOCIETA ORGANIZZATRICI - SEZIONI PROVINCIALI F.I.P.S.A.S. ------------------------------------------- - GIUDICI DI GARA

Dettagli

SETTORE TECNICO Acque Marittime Circolare n 155 Roma, 12 novembre 2010 Prot. n 9777 CN/rb

SETTORE TECNICO Acque Marittime Circolare n 155 Roma, 12 novembre 2010 Prot. n 9777 CN/rb SETTORE TECNICO Acque Marittime Circolare n 155 Roma, 12 novembre 2010 Prot. n 9777 CN/rb Ai Presidenti delle Sezioni Provinciali FIPSAS Alla Società Organizzatrice --------------------------------------------------------------

Dettagli

INDIVIDUALE 1-2 -3 SERIE

INDIVIDUALE 1-2 -3 SERIE 12 A.S.D. Sezione di FERRARA CAMPIONATI PROVINCIALI REGOLAMENTO ISTITUTIVO PESCA AL COLPO INDIVIDUALE 1-2 -3 SERIE Qualificazione Campionato Italiano Individuale 2015 Individuale 1-2 -3 Serie 2014 rev.00

Dettagli

La quota di iscrizione dovrà essere versata tramite bonifico bancario intestato a:

La quota di iscrizione dovrà essere versata tramite bonifico bancario intestato a: F.I.P.S.A.S. A.N.C. I.U. C..O.N.I. DENOMINAZIONE L ARCS Università di Padova, Associazione Sportiva Dilettantistica e di Promozione Sociale dell'università degli Studi di Padova, indice e organizza la

Dettagli

Sezione Provinciale di Milano

Sezione Provinciale di Milano SERIE SENIORES TROTA LAGO 0 QUALIFICANTE A: Selettiva Zona A del Campionato Italiano 0 Campionato Italiano Promozionale Individuale 0 (*) Campionato Provinciale Serie 0 (*) La classifica progressiva delle

Dettagli

CANOTTIERI SANREMO A.S.D. C.O.N.I.

CANOTTIERI SANREMO A.S.D. C.O.N.I. CANOTTIERI SANREMO A.S.D. C.O.N.I. F.I.C. REGIONE LIGURIA COMUNE DI SANREMO XXXIII TROFEO ARISTIDE VACCHINO" 2014 18-19 ottobre 2014 REGATA INTERNAZIONAZIONALE IN SINGOLO 7.20 RISERVATA AGLI ATLETI NATI

Dettagli

GAZZETTA CUP 2014 REGOLAMENTO

GAZZETTA CUP 2014 REGOLAMENTO GAZZETTA CUP 2014 REGOLAMENTO Norme Generali Location La competizione si svolge a Bari, Bolzano, Cagliari, Catania, Cosenza, Macerata, Milano, Napoli, Padova, Reggio Emilia, Roma e Torino. Categorie e

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SETTORE PADDLE (edizione 2010 Atti ufficiali n. 10/2010)

REGOLAMENTO DEL SETTORE PADDLE (edizione 2010 Atti ufficiali n. 10/2010) REGOLAMENTO DEL SETTORE PADDLE (edizione 2010 Atti ufficiali n. 10/2010) CAPO I GENERALITÀ Articolo 1 Settore paddle 1. In attuazione delle disposizioni statuarie è costituito il settore paddle per l organizzazione

Dettagli

NORME GENERALI ATTIVITA PALLAVOLO 2015-2016

NORME GENERALI ATTIVITA PALLAVOLO 2015-2016 Centro Sportivo Italiano Commissione Pallavolo NORME GENERALI ATTIVITA PALLAVOLO 2015-2016 ART. 1 ISCRIZIONE Per poter partecipare all attività organizzata dalla Commissione Pallavolo è necessario essere

Dettagli

Regolamento Regionale - Stagione agonistica 2015-2016. Attività a Squadre MASCHILE E FEMMINILE

Regolamento Regionale - Stagione agonistica 2015-2016. Attività a Squadre MASCHILE E FEMMINILE Regolamento Regionale - Stagione agonistica 2015-2016 Attività a Squadre MASCHILE E FEMMINILE Il Comitato Regionale Sardo F.I.Te.T. indice ed organizza per la stagione agonistica 2015-2016 i seguenti campionati

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PESCA SPORTIVA E ATTIVITÀ SUBACQUEE COMITATO REGIONALE UMBRIA TROFEO DI SERIE B PER SQUADRE DI SOCIETÀ DI PESCA AL COLPO 2015

FEDERAZIONE ITALIANA PESCA SPORTIVA E ATTIVITÀ SUBACQUEE COMITATO REGIONALE UMBRIA TROFEO DI SERIE B PER SQUADRE DI SOCIETÀ DI PESCA AL COLPO 2015 FEDERAZIONE ITALIANA PESCA SPORTIVA E ATTIVITÀ SUBACQUEE COMITATO REGIONALE UMBRIA TROFEO DI SERIE B PER SQUADRE DI SOCIETÀ DI PESCA AL COLPO 2015 REGOLAMENTO PARTICOLARE Art. 1 Il Comitato Regionale Umbria

Dettagli

Campionato Serie C Regionale

Campionato Serie C Regionale Comitato Regionale CALABRIA Ufficio Gare Via Frangipane, 38 C.P. 301 89131 REGGIO CALABRIA Fax: 0965 598440 -Tel: 0965 598441 e-mail: ufficiogare@fip.it internet: www.fip.it/calabria COMUNICATO UFFICIALE

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO SOCIETA 2015

CAMPIONATO ITALIANO SOCIETA 2015 CAMPIONATO ITALIANO SOCIETA 2015 SERIE A Specialità RAFFA Anno Sportivo 2015 1 1 PREMESSA 2 NORME GENERALI 3 REGOLAMENTO TECNICO 1.0 PREMESSA 1.1 Al campionato partecipano le Società che hanno acquisito

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO SOCIETA 2016

CAMPIONATO ITALIANO SOCIETA 2016 CAMPIONATO ITALIANO SOCIETA 2016 SERIE C Specialità RAFFA 1 1 PREMESSA 2 NORME GENERALI 3 REGOLAMENTO TECNICO 1.0 PREMESSA 1.1 Al campionato partecipano le Società che hanno acquisito il diritto di rimanere

Dettagli

REGOLAMENTO COPPA ITALIA LEGA PRO 2015/2016

REGOLAMENTO COPPA ITALIA LEGA PRO 2015/2016 NOVEMBRE 2008 COMUNICATO UFFICIALE N. 65/L DEL 5 AGOSTO 2015 LEGA ITALIANA CALCIO PROFESSIONISTICO 65/142 REGOLAMENTO COPPA ITALIA LEGA PRO 2015/2016 La Lega organizza per l'annata sportiva 2015-2016 la

Dettagli

Regolamenti 2015/2016 dell Attività a Squadre ed Individuali Settore Veterani

Regolamenti 2015/2016 dell Attività a Squadre ed Individuali Settore Veterani Regolamenti 2015/2016 dell Attività a Squadre ed Individuali Settore Veterani Articolo 1. - Definizioni.... 2 Articolo 2. - Attività di ciascun campionato.... 2 Articolo 3. - Affidamento dell organizzazione....

Dettagli

REGOLAMENTO DI BASE Commissione Italiana Karting (CIKA-ENDAS)

REGOLAMENTO DI BASE Commissione Italiana Karting (CIKA-ENDAS) REGOLAMENTO DI BASE Commissione Italiana Karting (CIKA-ENDAS) Prefazione La Commissione Italiana Karting viene istituita dall ENDAS e diretta dal Responsabile Politico Dr. Elio Dalto dal Responsabile Tecnico

Dettagli

CAMPIONATO A SQUADRE -SERIE B-

CAMPIONATO A SQUADRE -SERIE B- 1 CAMPIONATO A SQUADRE -SERIE B- Per diminuire e contenere le spese di trasferta di ogni squadra il territorio italiano viene diviso in 4 zone: A) Valle d Aosta Piemonte Lombardia Trentino AA Veneto Friuli

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO SOCIETA 2012

CAMPIONATO ITALIANO SOCIETA 2012 CAMPIONATO ITALIANO SOCIETA 2012 SERIE A Specialità RAFFA Pagina 1 1 PREMESSA 2 NORME GENERALI 3 REGOLAMENTO TECNICO 1.0 PREMESSA 1.1 Al campionato partecipano le Società che hanno acquisito il diritto

Dettagli

CAMPIONATO DI PROMOZIONE. Specialità Volo

CAMPIONATO DI PROMOZIONE. Specialità Volo CAMPIONATO DI PROMOZIONE 2015 Specialità Volo 1. PREMESSA Al Campionato di Società di Promozione potranno partecipare tutte le Società aventi diritto e provenienti dalla ex Serie C Nazionale, rispettando

Dettagli

STRUTTURAZIONE E REGOLAMENTAZIONE FASI FINALI PROVINCIALI CALCIO A 5 CALCIO A 7 MASCHILE

STRUTTURAZIONE E REGOLAMENTAZIONE FASI FINALI PROVINCIALI CALCIO A 5 CALCIO A 7 MASCHILE STRUTTURAZIONE E REGOLAMENTAZIONE FASI FINALI PROVINCIALI CALCIO A 5 CALCIO A 7 MASCHILE FASI FINALI PROVINCIALI Le Fasi Finali Provinciali c5/c7 sono parte integrante dei Campionati 2013/14 e la mancata

Dettagli

CAMPIONATO DI PALLANUOTO MASCHILE Serie A2 Edizione 2014/2015 Approvato con delibera n. 229 Consiglio Federale del 30.09.2014

CAMPIONATO DI PALLANUOTO MASCHILE Serie A2 Edizione 2014/2015 Approvato con delibera n. 229 Consiglio Federale del 30.09.2014 CAMPIONATO DI PALLANUOTO MASCHILE Serie A2 Edizione 2014/2015 Approvato con delibera n. 229 Consiglio Federale del 30.09.2014 Iscrizione Tassa Gara Sono ammesse al Campionato Nazionale di Pallanuoto Maschile

Dettagli

Regolamenti dell attività a squadre e dei relativi campionati Parte specifica Stagione agonistica 2015/2016

Regolamenti dell attività a squadre e dei relativi campionati Parte specifica Stagione agonistica 2015/2016 Regolamenti dell attività a squadre e dei relativi campionati Parte specifica Stagione agonistica 2015/2016 CAMPIONATI A SQUADRE... 2 Articolo 1.1. - Serie A/1 maschile.... 2 Articolo 1.2. - Serie A/2

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO DI SOCIETÀ SERIE B 2015. Specialità Volo

CAMPIONATO ITALIANO DI SOCIETÀ SERIE B 2015. Specialità Volo CAMPIONATO ITALIANO DI SOCIETÀ SERIE B 2015 Specialità Volo 1. PREMESSA Al Campionato di Società di Serie B potranno partecipare tutte le Società aventi diritto, rispettando le norme del presente Regolamento.

Dettagli

COMMISSIONE TECNICA FEDERALE

COMMISSIONE TECNICA FEDERALE COMMISSIONE TECNICA FEDERALE Prot. 10 Mantova, 09/02/2015 Alle Società di serie A e B Alla Commissione Tecnica Arbitrale Al Giudice Unico E p.c. Ai Comitati Provinciali Ai Comitati Regionali All Ufficio

Dettagli

Sommario. Regolamento del Trofeo Lombardia Pagina 1

Sommario. Regolamento del Trofeo Lombardia Pagina 1 Trofeo Lombardia Regolamento Sommario Trofeo Lombardia Regolamento... 1 Premessa... 2 Articolazione del torneo... 3 Serie Top... 4 Serie Pioneer... 6 Iscrizioni... 9 Squadre e formazioni... 10 Norme tecniche

Dettagli

REGOLAMENTO ORGANICO DI PARTECIPAZIONE AL 1 CAMPIONATO INTERPROVINCIALE DI BILIARDO BOCCETTE A SQUADRE E.N.D.A.S.-A.B.I.S.

REGOLAMENTO ORGANICO DI PARTECIPAZIONE AL 1 CAMPIONATO INTERPROVINCIALE DI BILIARDO BOCCETTE A SQUADRE E.N.D.A.S.-A.B.I.S. A.B.I.S Ravenna ENDAS EMILIA ROMAGNA ASSOCIAZIONE BILIARDO ITALIANA SPORTIVA Sede - Via Salita, 2-48018 Faenza (RA) Sede operativa di Fusignano Tel.-Segr.-Fax 0545.288059 C.F. e P.IVA 02028560395 e-mail:

Dettagli

TROFEI DI SERIE B VALIDI PER LA QUALIFICAZIONE AI CAMPIONATI A2 A3

TROFEI DI SERIE B VALIDI PER LA QUALIFICAZIONE AI CAMPIONATI A2 A3 Federazione Italiana Pesca Sportiva Attività Subacquee COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA TROFEI DI SERIE B VALIDI PER LA QUALIFICAZIONE AI CAMPIONATI A2 A3 2009 REGOLAMENTO PARTICOLARE Qualificazione A2

Dettagli

CAMPIONATO A SQUADRE -SERIE B-

CAMPIONATO A SQUADRE -SERIE B- 50 CAMPIONATO A SQUADRE -SERIE B- 1) Il territorio Nazionale viene suddiviso in due zone per contenere i costi delle trasferte delle Squadre e consentire l iscrizione al numero più alto possibile di formazioni:

Dettagli

Sezione Provinciale di Milano - Associazione Sportiva Dilettantistica Convenzionata FIPSAS

Sezione Provinciale di Milano - Associazione Sportiva Dilettantistica Convenzionata FIPSAS Sezione Provinciale di Milano - Associazione SERIE SENIORES COLPO 0 QUALIFICANTE A: Campionato Italiano Seniores 06 Art. - ORGANIZZAZIONE La Sezione Provinciale FIPSAS di Milano indice ed organizza, tramite

Dettagli

CALCIO A 7 NORME DI PARTECIPAZIONE

CALCIO A 7 NORME DI PARTECIPAZIONE CALCIO A 7 NORME DI PARTECIPAZIONE Il Comitato Provinciale della Lega Calcio UISP di Modena, indice ed organizza per la stagione sportiva 2014/2015, l attività di Campionato per le seguenti categorie con

Dettagli

TROFEO ASIGOLF 2014 Regolamento 2014

TROFEO ASIGOLF 2014 Regolamento 2014 TROFEO ASIGOLF 2014 Regolamento 2014 Articolo 1 Format del Trofeo 1.1 Il 5 TROFEO ASIGOLF si articola su minimo di 8 gare di qualificazione ad inviti riservate agli associati Asigolf. Le gare con formula

Dettagli

REGOLAMENTO 1. NORME GENERALI

REGOLAMENTO 1. NORME GENERALI REGOLAMENTO 1. NORME GENERALI La Federazione dei Corpi Vigili del Fuoco Volontari della Provincia di Trento in collaborazione con l Unione dei Corpi Vigili del Fuoco Volontari della Vallagarina, organizza

Dettagli

Regolamento Master Circuito Tricolore 2016

Regolamento Master Circuito Tricolore 2016 Regolamento Master Circuito Tricolore 2016 Premessa: Il presente regolamento definisce il coordinamento tra gli organizzatori ed i partecipanti delle manifestazioni ciclistiche aderenti al Master Circuito

Dettagli

LEGA CALCIO UISP FORLI -CESENA. Categorie: ECCELLENZA e DILETTANTI

LEGA CALCIO UISP FORLI -CESENA. Categorie: ECCELLENZA e DILETTANTI LEGA CALCIO UISP FORLI -CESENA 6 CAMPIONATO PROVINCIALE 6 COPPA UISPFC di CALCIO a 11 Categorie: ECCELLENZA e DILETTANTI Norme di Partecipazione e Deroghe al Regolamento Nazionale di Calcio a 11 Stagione

Dettagli

REGOLAMENTO TORNEO CALCIO COPPA CITTÀ DI SINNAI 2008. Premessa

REGOLAMENTO TORNEO CALCIO COPPA CITTÀ DI SINNAI 2008. Premessa REGOLAMENTO TORNEO CALCIO COPPA CITTÀ DI SINNAI 2008 Premessa allegato "A" alla delibera di G.C. n 54 del 07.04.2008 Lo spirito che darà vita al Torneo di calcio a 11 Coppa Città di Sinnai 2008 si fonda

Dettagli

LEGA CALCIO UISP BERGAMO

LEGA CALCIO UISP BERGAMO REGOLAMENTO CAMPIONATO PROVINCIALE DI CALCIO A 7 REGOLAMENTO ORGANICO ART. 1 - DOVERI DELLE SQUADRE E DEI TESSERATI a) Le squadre iscritte al Campionato Provinciale di Calcio a 7 hanno il dovere dell osservanza

Dettagli

Comitato Regionale CALABRIA Ufficio Gare Via Frangipane, 38 C.P. 301 89131 REGGIO CALABRIA

Comitato Regionale CALABRIA Ufficio Gare Via Frangipane, 38 C.P. 301 89131 REGGIO CALABRIA Comitato Regionale CALABRIA Ufficio Gare Via Frangipane, 38 C.P. 301 89131 REGGIO CALABRIA Fax: 0965 598440 -Tel: 0965 598441-346 0825520-346 4133777 e-mail: ufficiogare@fip.it internet: www.calabria.fip.it

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ A SQUADRE E DEI RELATIVI CAMPIONATI REGIONE LIGURIA 2015/2016

REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ A SQUADRE E DEI RELATIVI CAMPIONATI REGIONE LIGURIA 2015/2016 REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ A SQUADRE E DEI RELATIVI CAMPIONATI REGIONE LIGURIA 2015/2016 Il Comitato Regionale F.I.Te.T. Liguria indice per la stagione agonistica 2015/2016 i seguenti campionati a squadre:

Dettagli

I.DEFINIZIONE Manifestazione di motocross è una prova di velocità in circuito chiuso fuoristrada, con ostacoli naturali e/o artificiali.

I.DEFINIZIONE Manifestazione di motocross è una prova di velocità in circuito chiuso fuoristrada, con ostacoli naturali e/o artificiali. F E D E R A Z I O N E M O T O C I C L I S T I C A I T A L I A N A C O M I T A T O R E G I O N A L E T R E N T O -- B O L Z A N O R E G O L A M E N T O R E G I O N A L E 2 0 1 4 M O T O C R O S S E M I

Dettagli

PROGRAMMI GARE NAZIONALI PIAZZA DI SIENA 2015. COPPA DEI GIOVANI - TROFEO CHALLENGE BRUNO SCOLARI 23-24 maggio 2015

PROGRAMMI GARE NAZIONALI PIAZZA DI SIENA 2015. COPPA DEI GIOVANI - TROFEO CHALLENGE BRUNO SCOLARI 23-24 maggio 2015 PROGRAMMI GARE NAZIONALI PIAZZA DI SIENA 2015 COPPA DEI GIOVANI - TROFEO CHALLENGE BRUNO SCOLARI 23-24 maggio 2015 La categoria prevede due classifiche, una a Squadre e una Individuale e un ulteriore classifica

Dettagli

REGOLAMENTO CAMPIONATO ITALIANO A SQUADRE CIS

REGOLAMENTO CAMPIONATO ITALIANO A SQUADRE CIS 1 Ammissioni e iscrizioni. REGOLAMENTO CAMPIONATO ITALIANO A SQUADRE CIS 1.1 Possono partecipare al Campionato Italiano a Squadre (CIS) le rappresentative di tutte le Società affiliate alla F.S.I. entro

Dettagli

Regolamento JUNIOR BIKE BRESCIA - 2015

Regolamento JUNIOR BIKE BRESCIA - 2015 Regolamento JUNIOR BIKE BRESCIA - 2015 Lo Junior Bike Brescia è un circuito di manifestazioni ludico- sportive NON agonistiche riservate ai giovani e Giovanissimi, organizzato in due gironi distinti :

Dettagli

REGOLAMENTO DEL BEACH TENNIS

REGOLAMENTO DEL BEACH TENNIS (edizione 2011 Atti ufficiali n. 4/2011) (aggiornamento Atti ufficiali n. 7/2011) CAPO I GENERALITÀ Articolo 1 Settore beach tennis 1. In attuazione delle disposizioni statuarie è costituito il settore

Dettagli

1 TROFEO ANGELO ROTA

1 TROFEO ANGELO ROTA 1 TROFEO ANGELO ROTA GARA DI QUALIFICAZIONE NAZIONALE DI APNEA DINAMICA CON ATTREZZI Valevole come Campionato Provinciale di Bergamo Piscina Comunale Onda Blu Viale Antonio Locatelli, 50 Dalmine (BG) 29

Dettagli

UISP - LEGA CALCIO COMITATO PROVINCIALE DI GROSSETO

UISP - LEGA CALCIO COMITATO PROVINCIALE DI GROSSETO UISP - LEGA CALCIO COMITATO PROVINCIALE DI GROSSETO 1 TROFEO ENZO BASTOGI dall 8 Giugno 2015 TORNEO DI CALCIO A 5 c/o CIRCOLO TENNIS ORBETELLO ASD Via Giovanni da Orbetello 2 58015 Orbetello (Gr) 0564/867539

Dettagli

PROGRAMMI GARE NAZIONALI PIAZZA DI SIENA 23 26 MAGGIO 2013

PROGRAMMI GARE NAZIONALI PIAZZA DI SIENA 23 26 MAGGIO 2013 PROGRAMMI GARE NAZIONALI PIAZZA DI SIENA 23 26 MAGGIO 2013 23-24 Maggio 2013 MASTER D ITALIA DELLE ASSOCIAZIONI AFFILIATE 2013 24-26 Maggio 2013 MASTER AMATORI PIAZZA DI SIENA 2013 25-26 Maggio 2013 GARE

Dettagli

REGOLAMENTO MOTOCROSS

REGOLAMENTO MOTOCROSS REGOLAMENTO MOTOCROSS Sono gare di motocross tutte le manifestazioni motociclistiche che si svolgono su piste fuoristrada chiuse ad anello e da percorrersi più volte. Le piste da fuori strada possono essere

Dettagli

PORTO ROTONDO INTERNATIONAL FISHING CUP 2015

PORTO ROTONDO INTERNATIONAL FISHING CUP 2015 Yacht Club Porto Rotondo A.S.D. International Sportfishing Association PORTO ROTONDO INTERNATIONAL FISHING CUP 2015 GARA DI PESCA D ALTURA PORTO ROTONDO 21-22 AGOSTO 2015 PROGRAMMA Venerdì 21 agosto pomeriggio

Dettagli

DESCRIZIONE DEI CAMPIONATI FEDIBUR 2010

DESCRIZIONE DEI CAMPIONATI FEDIBUR 2010 DESCRIZIONE DEI CAMPIONATI FEDIBUR 2010 Art. 1 Premesse Qualsiasi campionato Fedibur, da chiunque ed ovunque sia realizzato, è sempre di tipo individuale ed ogni turno di gioco è di 35 minuti ed è espresso

Dettagli

REGOLAMENTO UISP 2015

REGOLAMENTO UISP 2015 REGOLAMENTO UISP 2015 11 CIRCUITO PODISTICO CANAVESANO UISP DI CORSA CAMPESTRE SU STRADA E IN MONTAGNA. Il Comitato organizzatore del 11 Circuito Podistico Canavesano UISP organizza ed assegna i seguenti

Dettagli

Stagione Sportiva 2015/2016

Stagione Sportiva 2015/2016 CAMPIONATO AMATORIALE NOTTURNO PROVINCIALE A 11 GIOCATORI OVER 40 NORME DI PARTECIPAZIONE - Regolamento ART. 1 - La Lega Calcio dell U.I.S.P. di Bergamo organizza, in collaborazione con la Associazione

Dettagli

INTESTAZIONE REGOLAMENTO DEI CAMPIONATI A SQUADRE

INTESTAZIONE REGOLAMENTO DEI CAMPIONATI A SQUADRE INTESTAZIONE REGOLAMENTO DEI CAMPIONATI A SQUADRE 1 2 TITOLO I CAMPIONATI A SQUADRE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 - Generalità 1. La Federazione italiana tennis (F.I.T.) indice ed organizza annualmente,

Dettagli

Prot. n 409 E.F Asti, 06 Maggio 2013

Prot. n 409 E.F Asti, 06 Maggio 2013 Ufficio XII - Ambito Territoriale di Asti Educazione Motoria, Fisica, Sportiva, Educazione alla salute e Sicurezza Stradale Coordinamento e gestione delle attività degli studenti Piazza Alfieri, n.30 14100

Dettagli

REGOLAMENTO FANTACALCIO FANTALEGAMARINA 2013-2014

REGOLAMENTO FANTACALCIO FANTALEGAMARINA 2013-2014 Pagina1 REGOLAMENTO FANTACALCIO FANTALEGAMARINA 2013-2014 Serie A FLM 1.0 Numero partecipanti Saranno 10 le partecipanti ai tornei Serie A FLM. 1.1 Quota partecipazione La quota di partecipazione alla

Dettagli

CAMPIONATO DI PROMOZIONE 2015

CAMPIONATO DI PROMOZIONE 2015 CAMPIONATO DI PROMOZIONE 2015 Specialità Petanque. Regolamento Campionato di Promozione 1 CAMPIONATO di PROMOZIONE Regionale Al Campionato di Promozione (ex serie C) maschile 2015 possono iscriversi tutte

Dettagli

Agli Arbitri Nazionali. Loro Sedi. Roma, 24 Agosto 2009 CRITERI DI IMPIEGO E VALUTAZIONE NORME DI COMPORTAMENTO ARBITRI - CAMPIONATO 2009-2010

Agli Arbitri Nazionali. Loro Sedi. Roma, 24 Agosto 2009 CRITERI DI IMPIEGO E VALUTAZIONE NORME DI COMPORTAMENTO ARBITRI - CAMPIONATO 2009-2010 COMITATO ITALIANO ARBITRI Tel. +39 06 36856780 Fax +39 06 62276240 06 3331302 E-mail: arbitri@fip.it CIA/ Prot. 357/09 Agli Arbitri Nazionali e.p.c. Segreteria Generale Commissioni Regionali e Provinciali

Dettagli

L attività della categoria Giovanissimi costituisce il primo momento di verifica del processo di apprendimento tecnico-formativo.

L attività della categoria Giovanissimi costituisce il primo momento di verifica del processo di apprendimento tecnico-formativo. 2) ATTIVITÀ GIOVANILE AGONISTICA L attività giovanile è ad indirizzo competitivo e si configura principalmente attraverso i risultati delle gare ed il comportamento disciplinare in campo e fuori di Atleti,

Dettagli

AUTOMOBILE CLUB TRENTO 1 CAMPIONATO SLALOM ACI TRENTO ANNO 2015 REGOLAMENTO

AUTOMOBILE CLUB TRENTO 1 CAMPIONATO SLALOM ACI TRENTO ANNO 2015 REGOLAMENTO AUTOMOBILE CLUB TRENTO 1 CAMPIONATO SLALOM ACI TRENTO ANNO 2015 REGOLAMENTO Art. 1 Denominazione L'Automobile Club Trento, di seguito denominato Comitato Organizzatore (in forma abbreviata C.0.), con sede

Dettagli

GRANFONDO VALLE DEL TEVERE COPPA CITTA DI FIANO ROMANO TROFEO MASSIMO GILI

GRANFONDO VALLE DEL TEVERE COPPA CITTA DI FIANO ROMANO TROFEO MASSIMO GILI GRANFONDO VALLE DEL TEVERE COPPA CITTA DI FIANO ROMANO TROFEO MASSIMO GILI REGOLAMENTO Il Cicloclub Fiano Romano asd organizza, domenica 13 settembre, la 2 edizione della Granfondo Valle del Tevere città

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ A SQUADRE E DEI RELATIVI CAMPIONATI REGIONE LIGURIA 2014/2015

REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ A SQUADRE E DEI RELATIVI CAMPIONATI REGIONE LIGURIA 2014/2015 REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ A SQUADRE E DEI RELATIVI CAMPIONATI REGIONE LIGURIA 2014/2015 Il Comitato Regionale F.I.Te.T. Liguria indice per la stagione agonistica 2014/2015 i seguenti campionati a squadre:

Dettagli

Oggetto: Trofeo di Serie A/2 per Squadre di Società di Pesca al Colpo 2015

Oggetto: Trofeo di Serie A/2 per Squadre di Società di Pesca al Colpo 2015 SETTORE TECNICO Acque Interne Circolare n. 38/2015 Prot. n 3134 - CDS/fg Roma, 1 aprile 2015 SOCIETA AVENTI DIRITTO SOCIETA ORGANIZZATRICI PRESIDENTI SEZIONIPROVINCIALI F.I.P.S.A.S. -------------------------------------------------------------------

Dettagli

Regolamento Campionato Serie A 2013-2014

Regolamento Campionato Serie A 2013-2014 Regolamento Campionato Serie A 2013-2014 ART. 1 TESSERAMENTO 1. Ogni squadra al momento dell iscrizione dovrà indicare un Referente, che potrà essere anche un partecipante al Torneo, il quale curerà i

Dettagli

COMUNICATO UFFICIALE N. 247 DEL 4 GIUGNO 2012. Coppa Italia 2012/2013, 2013/2014 e 2014/2015 REGOLAMENTO

COMUNICATO UFFICIALE N. 247 DEL 4 GIUGNO 2012. Coppa Italia 2012/2013, 2013/2014 e 2014/2015 REGOLAMENTO COMUNICATO UFFICIALE N. 247 DEL 4 GIUGNO 2012 Coppa Italia 2012/2013, 2013/2014 e 2014/2015 (di seguito la Competizione ) REGOLAMENTO 1) ORGANIZZAZIONE e DENOMINAZIONE DELLA COMPETIZIONE Organizzatrice

Dettagli

VIA CONTESSA CLEMENZA n. 1 88100 CATANZARO TEL.. 0961 752841/2 - FAX. 0961 752795

VIA CONTESSA CLEMENZA n. 1 88100 CATANZARO TEL.. 0961 752841/2 - FAX. 0961 752795 FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO - LEGA NAZIONALE DILETTANTI REGIONALE CALABRIA VIA CONTESSA CLEMENZA n. 1 88100 CATANZARO TEL.. 0961 752841/2 - FAX. 0961 752795 Indirizzo Internet: www.crcalabria.it

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO PRIMO CAMPIONATO DILETTANTI 2011-2012 O CAMPIONATO DI SVILUPPO STRALCIO DEL COMUNICATO UFFICIALE n.498 del 24 gennaio 2011 Consiglio Federale n.4 - Roma, 21 e 22 gennaio

Dettagli

CAMPIONATO A SQUADRE NORD-EST CUP 2015. Specialità. Boccette N O R D - E S T B O C C E T T E WWW. F I B I S V E. A L T E R V I S T A.

CAMPIONATO A SQUADRE NORD-EST CUP 2015. Specialità. Boccette N O R D - E S T B O C C E T T E WWW. F I B I S V E. A L T E R V I S T A. CAMPIONATO A SQUADRE NORD-EST CUP 2015 Specialità Boccette N O R D - E S T B O C C E T T E WWW. F I B I S V E. A L T E R V I S T A. O R G FORMULA DEL CAMPIONATO Il campionato è suddiviso in due fasi: _La

Dettagli

VIA CONTESSA CLEMENZA n. 1 88100 CATANZARO TEL.. 0961 752841/2 - FAX. 0961 752795

VIA CONTESSA CLEMENZA n. 1 88100 CATANZARO TEL.. 0961 752841/2 - FAX. 0961 752795 FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO - LEGA NAZIONALE DILETTANTI REGIONALE CALABRIA VIA CONTESSA CLEMENZA n. 1 88100 CATANZARO TEL.. 0961 752841/2 - FAX. 0961 752795 Indirizzo Internet: www.crcalabria.it

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO A COPPIE DI SOCIETA OPEN 2015 Salsomaggiore Terme-Palazzo dei Congressi; 17-20 settembre 2015

CAMPIONATO ITALIANO A COPPIE DI SOCIETA OPEN 2015 Salsomaggiore Terme-Palazzo dei Congressi; 17-20 settembre 2015 CAMPIONATO ITALIANO A COPPIE DI SOCIETA OPEN 2015 Salsomaggiore Terme-Palazzo dei Congressi; 17-20 settembre 2015 SERIE ECCELLENZA Girone A: 1 Piano Le 26 coppie ammesse giocheranno: Titolo di Associazione

Dettagli

DELEGAZIONE ACI-CSAI SICILIA

DELEGAZIONE ACI-CSAI SICILIA DELEGAZIONE ACI-CSAI SICILIA CAMPIONATO AUTOMOBILISTICO SICILIANO 2013 REGOLAMENTO SPORTIVO Premesse generali La Delegazione Regionale ACI-CSAI Sicilia istituisce per la stagione 2013 il Campionato Automobilistico

Dettagli

REGOLAMENTO COPPA PRIMAVERA CALCIO A 5 - CALCIO A 7

REGOLAMENTO COPPA PRIMAVERA CALCIO A 5 - CALCIO A 7 REGOLAMENTO COPPA PRIMAVERA CALCIO A 5 - CALCIO A 7 STAGIONE SPORTIVA 2014-2015 ART. 1 - FORMULA DEL CAMPIONATO Calcio a 5 Il campionato prevede gironi all italiana di Serie A2 composti da un massimo di

Dettagli

Regolamento CALCIO. Comitato di Como. D. Time-Out

Regolamento CALCIO. Comitato di Como. D. Time-Out Comitato di Como Regolamento CALCIO D. Time-Out Verrà applicato in tutte le categorie, anche in quelle che non rientrano nei Campionati Nazionali. Ogni squadra potrà richiedere una sospensione di 2 per

Dettagli

CAMPIONATO DI SOCIETA 2006 SERIE A-B-C. Bando e Regolamento di gara

CAMPIONATO DI SOCIETA 2006 SERIE A-B-C. Bando e Regolamento di gara CAMPIONATO DI SOCIETA 2006 SERIE A-B-C La partecipazione alla gara è riservata alle Associazioni Sportive Dilettantistiche ASD della FIGB che siano in regola con l affiliazione 2006 e che abbiano acquisito

Dettagli

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE AL 8 CAMPIONATO PROVINCIALE DI BOCCETTE A SQUADRE A.B.I.S. 2009/2010

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE AL 8 CAMPIONATO PROVINCIALE DI BOCCETTE A SQUADRE A.B.I.S. 2009/2010 ASSOCIAZIONE BILIARDO ITALIANA SPORTIVA Via Fratelli Faccani, 84 48010 Fusignano (Ra) Tel. Segr. Fax 0545 / 288059 Sito internet: www.abisbiliardo.it A. B. I. S. CONSIGLIO PROVINCIALE DI BOLLETTINO INTERNO

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO DI SOCIETÀ SERIE A 2015. Specialità Volo

CAMPIONATO ITALIANO DI SOCIETÀ SERIE A 2015. Specialità Volo CAMPIONATO ITALIANO DI SOCIETÀ SERIE A 2015 Specialità Volo 1. PREMESSA Al Campionato di Società di Serie A potranno partecipare tutte le Società aventi diritto, rispettando le norme del presente Regolamento.

Dettagli

I Comitati Provinciali di: La Spezia, Livorno/Grosseto, Lucca, Massa/Carrara, Pisa ORGANIZZANO

I Comitati Provinciali di: La Spezia, Livorno/Grosseto, Lucca, Massa/Carrara, Pisa ORGANIZZANO I Comitati Provinciali di: La Spezia, Livorno/Grosseto, Lucca, Massa/Carrara, Pisa ORGANIZZANO 1 REGOLAMENTO UFFICIALE 2015-2016 Ultimo aggiornamento: 05 Agosto 2015 Prossimo aggiornamento previsto: entro

Dettagli

QUOTE ANNO SPORTIVO 2014 2015

QUOTE ANNO SPORTIVO 2014 2015 QUOTE ANNO SPORTIVO 2014 2015 Affiliazione Confsport Italia (comprensiva del tess.to del Presidente e di 2 Dirigenti) Riaffiliazione Confsport Italia (comprensiva del tess.to del Presidente e di 2 Dirigenti)

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico \ Lega Nazionale Dilettanti Emilia Romagna 2011-12

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico \ Lega Nazionale Dilettanti Emilia Romagna 2011-12 Allegato F FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico \ Lega Nazionale Dilettanti Emilia Romagna 2011-12 Regolamenti per Tornei a carattere Regionale e Provinciale Attività di Base

Dettagli