TECNICHE DI ACCERTAMENTO E CRITERI DI LIQUIDAZIONE DEL DANNO ALLA PERSONA. Relatore: dott. Damiano SPERA giudice del Tribunale di Milano

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TECNICHE DI ACCERTAMENTO E CRITERI DI LIQUIDAZIONE DEL DANNO ALLA PERSONA. Relatore: dott. Damiano SPERA giudice del Tribunale di Milano"

Transcript

1 TECNICHE DI ACCERTAMENTO E CRITERI DI LIQUIDAZIONE DEL DANNO ALLA PERSONA Relatore: dott. Damiano SPERA giudice del Tribunale di Milano Proposta di quesiti al C.T.U. medico-legale. Il C.T.U., esaminati gli atti, la documentazione medica, visitato l infortunato ed esperito ogni altro accertamento del caso: 1) descriva le lesioni riportate dalla parte lesa nel sinistro de quo, ne indichi le cause, i trattamenti praticati, la presumibile evoluzione e lo stato attuale delle medesime; 2) descriva tutti gli eventuali precedenti morbosi interessanti la salute del periziando al momento dell evento dannoso e ne tenga conto nelle valutazioni di seguito elencate; 3) determini la durata della inabilità temporanea, sia assoluta che parziale, indicandone le rispettive misure; 4) precisi se sussistano esiti di carattere permanente ed il loro grado di incidenza sulla preesistente integrità psico-fisica, indicando se lo stato del periziando sia suscettibile di miglioramento o di aggravamento; in caso affermativo fornisca tutte le notizie utili su tale evoluzione, il suo grado di probabilità e, nel caso si ritenga necessario un nuovo esame, precisi la data nella quale si dovrà procedere ad esso; 5) nel caso sussistano esiti di carattere permanente, dica se essi siano tali da incidere sulla capacità produttiva del periziando e li valuti percentualmente: a tal fine tenga presente la effettiva attività lavorativa eventualmente esercitata nonché quelle diverse con essa compatibili e coerenti, avuto altresì riguardo alla età del periziando stesso e alle sue condizioni psico-fisiche e attitudini professionali; 6) dica, inoltre, se in conseguenza delle lesioni e in considerazione degli esiti permanenti delle stesse, si sia concretizzato un rischio di sopramortalità ed, eventualmente, in quale percentuale; 7) indichi, infine, l ammontare delle spese mediche che fu necessario o opportuno sostenere, nonché di quelle che in futuro potranno eventualmente rendersi tali. Il Gruppo di studio che ha lavorato nell ambito dell Associazione Melchiorre Gioia ha elaborato il seguente quesito: QUESITO MEDICO LEGALE APPROVATO A MONTECATINI (2-4 maggio 1966) Gruppo di studio: Prof. A. Bucarelli, Dr. G. Cannavò, Prof. A. Chini, Dr. M. Rossetti. Il C.T.U., esaminata la documentazione prodotta all udienza o depositata in cancelleria, visitato il periziando, compiuti, ove autorizzato dal G.I. i necessari accertamenti specialistici: a) Stabilisca se le lesioni refertate e/o successivamente certificate siano in rapporto causale, secondo i criteri medico-legali di giudizio, con il fatto lesivo come risultante dagli atti. b) Accerti:

2 se le lesioni abbiano cagionato un peggioramento temporaneo delle generali condizioni del soggetto rispetto a quelle preesistenti; In caso positivo indichi la durata dell inabilità temporanea, sia assoluta che relativa, precisando quali attività dell ordinaria esistenza siano state precluse al periziato nel periodo di inabilità (ad es. camminare, lavarsi, vestirsi, ecc.); b1) Accerti: se sussista rapporto causale tra lesioni rilevate ed un peggioramento permanente delle generali condizioni del soggetto rispetto a quelle preesistenti; se sussistono precedenti morbosi; se tali precedenti siano concorrenti o coesistenti rispetto ai postumi. b2) Dica in caso di sussistenza di postumi di natura soggettiva e non obiettivabili, se gli stessi possono essere ritenuti attendibili in riferimento alle lesioni riportate; c) Indichi il grado percentuale di invalidità permanente precisandone i criteri di determinazione, in particolare in presenza di concorrenze o coesistenze, precisando il barême di riferimento od il metodo seguito. d) Dica se i postumi siano suscettibili di miglioramento mediante protesi, terapie od interventi, precisandone costo, natura e difficoltà; in tal caso stabilisca la eventuale teorica riduzione in termini percentuali del grado di invalidità permanente. e) Dica se i postumi: impediscano del tutto o in parte l attività lavorativa svolta all epoca del sinistro, ovvero se dopo il sinistro il lavoro possa essere divenuto usurante; ove il danneggiato non lavorasse al momento del sinistro, dica se i postumi gli impediscano del tutto ogni attività lavorativa, ovvero in quali settori di probabile attività possa impiegare le energie residue. f) Valuti la congruità e la necessità delle spese sanitarie sostenute; determini le spese future ritenute necessarie. Interessi compensativi su somma rivalutata e/o da rivalutare. Pertanto il danno complessivamente subito dall attore va liquidato in rivalutate e in non rivalutate. Il Tribunale tiene conto infine, della sentenza della Corte di Cassazione, Sezioni Unite, n. 1712/95, secondo cui il tasso degli interessi può essere calcolato ponderando gli interessi legali sulla somma di cui sopra, che devalutata alla data del fatto illecito, in base agli indici I.S.T.A.T. costo vita si incrementa mese per mese per effetto della rivalutazione sino alla data della presente sentenza. Pertanto, i convenuti devono essere condannati, in solido, al pagamento, in favore dell attore, della complessiva somma di L. liquidata in moneta attuale, oltre: interessi compensativi al tasso annuo medio ponderato del %, sulla somma di L., dall epoca dell incidente ad oggi; interessi, al tasso legale, sempre sulla stessa somma di L., dalla data della presente sentenza al saldo effettivo. I convenuti devono essere altresì condannati al pagamento, in favore dell attore, della complessiva somma da rivalutare secondo gli indici I.S.T.A.T., costo vita, dalla data dell incidente alla data della presente sentenza, oltre:

3 interessi compensativi, al tasso annuo medio ponderato del %, calcolati sulla somma rivalutata, dalla data della presente sentenza; interessi al tasso legale, sempre sulla stessa somma rivalutata, dalla data della presente sentenza al saldo effettivo. Omissis omissis P.Q.M. condanna i convenuti, in solido, al pagamento, in favore dell attore, delle somme di L. somma rivalutata, e di L. somma da rivalutare oltre interessi e rivalutazione monetaria, come specificati in motivazione. Liquidazione del danno in moneta attuale e pagamento di un acconto. In definitiva, il danno complessivamente subito dall attore va liquidato in L., in moneta attuale. Su tale importo devono essere riconosciuti gli interessi compensativi del danno derivante dal mancato tempestivo godimento dell equivalente pecuniario del bene perduto. Gli interessi compensativi, secondo l insegnamento delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione (n. 1712/95), decorrono dalla produzione dell evento di danno sino al tempo della liquidazione e si calcolano sulla somma via via rivalutata nell arco di tempo suddetto e non sulla somma già rivalutata. Tenuto conto di questo criterio, gli interessi dovuti per il periodo intercorso dal momento della produzione del danno alla decisione si possono calcolare applicando un tasso di interesse ponderato annuo del % sul danno rivalutato. Tale tasso d interesse è ottenuto ponderando l interesse legale sulla somma sopra liquidata secondo valori attuali che devalutata alla data del fatto con gli indici I.S.T.A.T. dei prezzi al consumo si incrementa mese per mese, mediante gli stessi indici di rivalutazione, sino alla data della decisione. Da oggi, giorno della liquidazione, all effettivo saldo decorrono gli interessi legali sulla somma rivalutata. All importo di L. somma totale liquidata ad oggi deve essere detratta la somma di L., versata in acconto dalla convenuta compagnia assicuratrice, in data. Quest ultimo importo deve essere imputato prima al capitale e poi agli interessi, dopo aver reso omogenei alla stessa data i valori del danno e del versamento con l utilizzo degli indici I.S.T.A.T. dei prezzi al consumo. In tema di risarcimento del danno, infatti, i versamenti effettuati in favore del danneggiato, non possono essere imputati secondo i criteri di cui all art c.c., ovvero prima agli interessi e poi al capitale, poiché tale norma presuppone la liquidità e l esigibilità del credito al momento del pagamento, ovvero l esistenza di un debito di valuta, che, in realtà, è insussistente fino alla liquidazione del danno (Cass. 1 luglio 1994 n. 6228). Ne consegue che, al fine di una corretta imputazione, è necessario calcolare gli interessi compensativi maturati sul danno complessivo dalla data del fatto alla data di pagamento dell acconto e ciò applicando il tasso annuo ponderato del %, sulla somma di L. somma totale liquidata ad oggi, in questo intervallo.

4 1. È necessario poi rivalutare, secondo i predetti indici I.S.T.A.T., la somma pagata in acconto dalla data del versamento ad oggi e quidi effettuare la detrazione dell acconto così rivalutato dal danno liquidato secondo valori attuali e, in caso di incapienza, dagli interessi sino a tale data maturati. Gli interessi successivi al versamento dell acconto devono essere calcolati al tasso annuo ponderato del %, sull importo risultante dalla detrazione di cui sopra fino ad oggi e al tasso legale fino all effettivo saldo. Al pagamento delle somme e degli interessi predetti, devono essere condannati i convenuti, in solido. P.Q.M condanna i convenuti in solido al pagamento, in favore dell attore, dell importo risultante dalla differenza tra la somma di L. somma totale liquidata ad oggi e la somma di L. acconto, rivalutata dal (data dell acconto) ad oggi, oltre gli interessi: al tasso annuo ponderato del % sull importo di L. somma totale liquidata ad oggi dal (data dell incidente) al (data dell acconto); al tasso annuo ponderato del % sull importo risultante dalla differenza di cui sopra dal (data dell acconto ad oggi); al tasso legale, su quest ultimo importo, da oggi all effettivo pagamento. oppure 2. Rivalutata ad oggi, secondo i predetti indici I.S.T.A.T., nella misura del %, la somma pagata in acconto dalla data del versamento ad oggi, la stessa è pari a L. ; va quindi effettuata la detrazione dell acconto così rivalutato dal danno liquidato secondo valori attuali e risulta quindi che sono ancora dovute L.. Gli interessi successivi al versamento dell acconto devono essere calcolati al tasso annuo ponderato del %, su quest ultimo importo fino ad oggi e al tasso legale fino all effettivo saldo. Al pagamento delle somme e degli interessi predetti, devono essere condannati i convenuti, in solido. P.Q.M condanna i convenuti in solido al pagamento, in favore dell attore, della somma di L. differenza, oltre gli interessi: al tasso annuo ponderato del % sull importo di L. somma totale liquidata ad oggi dal (data dell incidente) al (data dell acconto); al tasso annuo ponderato del % su L. differenza dalla data dell acconto ad oggi; al tasso legale, su quest ultimo importo, da oggi all effettivo pagamento. Liquidazione del danno con supporto informatico. Omissis Non risultano provati ulteriori titoli di danno. Poiché il risarcimento del danno è espresso, per alcune voci, in valuta attuale (danno biologico sia temporaneo che permanente, danno morale) e, per altre voci (esborsi, danno patrimoniale), in valuta dell epoca d insorgenza, appare necessario equalizzare i calcoli: sia al fine di stabilire quale sia la somma risarcitoria concreta al momento della decisione; sia al fine di conteggiare correttamente gli interessi, che secondo l insegnamento della Suprema Corte (Cass. Sez. Unite, n. 1712/95), debbono calcolarsi dal giorno dell insorto credito nella sua originaria consistenza, e via via sulla somma che progressivamente si incrementa per effetto della rivalutazione monetaria. Per questa ragione, si è provveduto a sviluppare (mediante l ausilio di supporto informatico) in modo analitico e completo i relativi calcoli, tenendo presente:

5 che è necessaria una devalutazione nominale delle voci liquidate in valuta attuale, rapportandole all equivalente della data di insorgenza del danno (secondo gli indici I.S.T.A.T. costo vita), per renderle omogenee alle altre voci espresse nella valuta del tempo dell evento di danno; che si deve poi procedere alla rivalutazione monetaria, la quale ultima riconduce all identica valuta attuale le somme nominalmente devalutate, mentre adegua alla valuta attuale le somme espresse in valuta del tempo di insorgenza; che vanno applicati gli interessi alle somme che man mano si incrementano per effetto della rivalutazione, con cadenza mensile alla stregua della mensile variazione degli indici I.S.T.A.T. costo vita, e tenendo puntualmente nota del montante progressivo del credito capitale per l inserimento di nuove voci di danno in tempi diversi; che, invece, i corrispondenti interessi, di tempo in tempo applicati sulla variabile base secondo il tasso vigente all epoca di riferimento, si accantonano e si cumulano senza rivalutazione; che la decorrenza degli interessi va conteggiata: sugli esborsi, dalla data della relativa spesa; sul danno biologico temporaneo e sul danno morale, dalla data del fatto; sul danno biologico permanente e sul danno patrimoniale da lucro cessante, dalla data di cessazone dell inabilità temporanea; che, per quanto attiene agli acconti, questi devono essere imputati prima al capitale e poi (eventualmente) agli interessi; in tema di risarcimento del danno, infatti, i versamenti di somme effettuati a favore del danneggiato nel corso del processo di liquidazione non sono imputabili agli interessi, non essendo applicabile il criterio previsto dall art c.c., che presuppone l esistenza di un debito pecuniario, in realtà insussistente fino alla liquidazione del danno (Cass. 1 luglio 1994, n. 6228). Alla luce degli esposti criteri, si devono indicare tutte le menzionate voci di danno secondo l ordine cronologico della loro insorgenza, ai fini del successivo calcolo di rivalutazione monetaria ed interessi. Sviluppando i calcoli, con rigorosa procedura aritmetica, si ottiene la seguente tabella, in cui: la prima colonna indica il mese di insorgenza del danno; la seconda indica il titolo di danno; la terza determina la valuta all epoca dell insorgenza del danno; la quarta indica invece la corrispondente valuta odierna; la quinta indica gli interessi separatamente calcolati per ogni singola voce, col metodo sopraindicato (con scansione delle variazioni del capitale secondo gli indici I.S.T.A.T. mensili). Esempio: febbraio 91 temp. - patrimon febbraio 91 biotemporanea febbraio 91 danno - morale febbraio 91 fermo - tecnico aprile 91 biopermanente febbraio 94 avarie - veicol giugno 94 esborso agosto 95 pagamento Totale attuale = interessi =

6 Si perviene alla data odierna al seguente risultato finale, con rivalutazione e interessi ponderati a tutt oggi: la somma dovuta ammonta per interessi a lire e per capitale a lire Pertanto i convenuti, in solido, devono essere condannati al pagamento, in favore dell attore, della somma di L , per interessi, e di L , per capitale, oltre interessi legali, su quest ultima somma, dalla data della presente sentenza al saldo effettivo. Omissis. Danno biologico jure hereditatis e jure proprio. Circa il quantum, gli attori hanno chiesto il risarcimento del danno subito jure proprio e jure hereditatis. Ritiene il Collegio che non sia risarcibile il danno biologico jure hereditario, conseguente alla morte del prossimo congiunto. Questa soluzione si impone senza incertezze nella fattispecie concreta in cui Tizio è deceduto poche ore dopo il sinistro. Infatti, come ha osservato la Corte Costituzionale (v. sentenza n. 372/1994), vita e salute sono beni giuridici diversi, oggetto di diritti distinti, sicché la lesione dell integrità fisica con esito letale non può considerarsi una semplice sottoipotesi di lesione alla salute in senso proprio, la quale implica la permanenza in vita del leso con menomazioni invalidanti. Distinto il diritto alla vita dal diritto alla salute, la risarcibilità jure hereditario del danno biologico a causa di morte (pressoché) istantanea deve essere esclusa. Infatti anche la sentenza della Corte Costituzionale n. 184/1986 ha rilevato che la prova della lesione è, in re ipsa, prova dell esistenza del danno biologico, ma non già che questa prova sia sufficiente ai fini del risarcimento. È sempre necessaria la prova ulteriore dell entità del danno ex art c.c., prova che manca del tutto. L evento morte è una conseguenza delle lesioni (evento della condotta illecita). Ebbene la Corte di Cassazione Sez. Unite, in una risalente sentenza (n. 3475/1925) ha affermato che il diritto al risarcimento può sorgere in capo alla persona deceduta limitatamente ai danni verificatisi dal momento della lesione a quello della morte, e quindi non sorge in caso di morte immedita, la quale impedisce che la lesione si rifletta in una perdita a carico della persona offesa ormai non più in vita. Anche recentemente la Suprema Corte ha ribadito che va sottolineata la natura particolare del danno biologico, per il quale non vale la regola che, verificatosi l evento, vi sia senz altro un danno da risarcire: il risarcimento del danno vi sarà se vi sarà perdita di quelle utilità che fanno capo all individuo nel modo preesistente al fatto dannoso e che debbono essere compensate con utilità economiche equivalenti (Cass. 29 maggio 1996, n. 4991; v. anche Cass. 28 novembre 1995, n ). Nel caso di lesioni cui sopravvenga quasi subito la morte non è negabile la sofferenza del soggetto leso. È invece negabile che questa sofferenza si traduca in un danno biologico risarcibile. Infatti se il risarcimento del danno biologico deve reintegrare le utilità della vita dell individuo non si vede quali utilità il soggetto leso possa ricavare da un brevissimo spazio di vita. Gli attori hanno chiesto il risarcimento del danno jure proprio: morale, biologico e patrimoniale. Giova premettere che, nella fattispecie concreta, con valutazione incidenter tantum, si ravvisano gli estremi del reato di omicidio colposo, commesso dal conducente dell auto, ai danni di Tizio. Alla luce di questa statuizione, certamente spetta agli attori il danno non patrimoniale jure proprio, ex artt. 185 c.p. e 2059 c.c.; non risulta invece provato il danno biologico jure proprio. Il danno non patrimoniale liquidabile agli attori è esclusivamente quello morale subiettivo, che si sostanzia nel transeunte turbamento psicologico del danneggiato civilmente (v. la citata sentenza n. 184/1986 della Corte Costituzionale).

7 Infatti, nell ipotesi di omicidio (a differenza dal reato di lesioni) la vittima dell omicidio è la persona offesa dal reato, mentre danneggiati civilmente sono gli stretti congiunti o comunque quei soggetti che trovandosi legati alla vittima, ritraggono un aspettativa riparatrice. Vi è dunque una disgiunzione tra il soggetto che pretende il risarcimento ed il titolare del bene primamente leso dal fatto illecito. Ebbene la Corte Costituzionale (nella citata sentenza n. 372/1994), operando una ricostruzione del danno biologico nel sistema della responsabilità civile (come disciplinata dal legislatore) ha chiarito che il danno biologico jure proprio non può essere riconosciuto automaticamente ai prossimi congiunti, in ogni caso in cui alle lesioni segue la morte del soggetto. All estinzione del rapporto di coniugio o di parentela della persona deceduta, non inerisce necessariamente una lesione della salute del coniuge o dei parenti superstiti. Ed allora l eventuale applicazione dell art c.c. comporterebbe valutare la lesione del terzo quale evento dannoso integrante un autonoma fattispecie di danno ingiusto; il criterio soggettivo di imputazione del danno di cui all art si ridurrebbe a mera finzione, non essendo possibile, per difetto di concreta prevedibilità dell evento, una valutazione autonoma della colpa. Nella responsabilità extracontrattuale si risponde anche dei danni imprevedibili, ma anche questi presuppongono il giudizio di imputabilità del danno evento secondo il criterio della colpa. Ed invece l applicabilità dell art si risolverebbe in una responsabilità oggettiva per pura causalità. Il modello risarcitorio applicabile è dunque quello di cui al citato art c.c. Il danno biologico jure proprio è danno non patrimoniale ingiusto e risarcibile soltanto come pregiudizio effettivamente conseguente ad una lesione. Il soggetto che lamenta il danno biologico, a seguito della morte del prossimo congiunto, deve provare che il proprio danno alla salute costituisce il momento terminale di un processo patogeno originato dal medesimo turbamento dell equilibrio psichico che sostanzia il danno morale soggettivo e che in persone già predisposte da particolari condizioni fisiche, anziché esaurirsi in un patema d animo o in uno stato d angoscia transeunte, può degenerare in un trauma fisico o psichico permanente, alle cui conseguenze, in termini di perdita di qualità personali, e non semplicemente al pretium doloris in senso stretto, va allora commisurato il risarcimento. La stessa Corte Costituzionale, con la recente ordinanza n. 293/1996, ha ribadito che l inclusione del danno alla salute nella categoria considerata dall art c.c., non significa identificazione col danno morale soggettivo, ma soltanto riconducibilità delle due figure, quali specie diverse, al genere del danno non patrimoniale: non sono stati confusi i concetti, affatto diversi, del danno biologico col pretium doloris, ma ne è stato parificato il trattamento giuridico, sul presupposto della loro distinzione, nel senso che le conseguenze risarcibili in base agli elementi costitutivi del fatto-reato, sanzionato ex art. 185 c.p., si estendono a tutti i danni non patrimoniali da esso cagionati, compreso il danno alla salute. Nella fattispecie concreta, in assoluta carenza di prova circa il danno biologico jure proprio, nel senso enucleato, deve essere rigettata la domanda per questo titolo di danno. Per quanto attiene al danno morale soggettivo, tenuto conto dello stretto rapporto di parentela e dell età di Tizio (deceduto all età di. anni) stimasi equo liquidare la somma già rivalutata di L. per ciascun genitore.

Tribunale di Milano. Sezione V Civile. Sentenza 19 febbraio 2009, n. 2334

Tribunale di Milano. Sezione V Civile. Sentenza 19 febbraio 2009, n. 2334 Tribunale di Milano Sezione V Civile Sentenza 19 febbraio 2009, n. 2334 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE V CIVILE In persona del Giudice Istruttore, in funzione

Dettagli

INDICE SISTEMATICO LIBRO PRIMO IL DANNO LA LIQUIDAZIONE PARTE PRIMA IL RISARCIMENTO DEL DANNO IN GENERALE

INDICE SISTEMATICO LIBRO PRIMO IL DANNO LA LIQUIDAZIONE PARTE PRIMA IL RISARCIMENTO DEL DANNO IN GENERALE INDICE SISTEMATICO Introduzione........................................... pag. v LIBRO PRIMO IL DANNO LA LIQUIDAZIONE PARTE PRIMA IL RISARCIMENTO DEL DANNO IN GENERALE 1. Rapporto di causalità tra condotta

Dettagli

affermato alla giurisprudenza (tra le altre, Cass. 17 gennaio 2008, n. 858; Cass. 3 aprile 2003, n. 5136). In particolare, nel caso di specie, non vi

affermato alla giurisprudenza (tra le altre, Cass. 17 gennaio 2008, n. 858; Cass. 3 aprile 2003, n. 5136). In particolare, nel caso di specie, non vi Ricorre un ipotesi di responsabilità per cose in custodia ex art. 2051 c.c., per la società di ginnastica, nel caso di lesione subita dall utilizzatore di un attrezzo ginnico in cattivo stato di manutenzione

Dettagli

GIUDIZIO N. ALLEGATO E PARTE INTEGRANTE DEL VERBALE DI UDIENZA DEL. È presente il CTU il quale, in esito alla lettura della formula del giuramento,

GIUDIZIO N. ALLEGATO E PARTE INTEGRANTE DEL VERBALE DI UDIENZA DEL. È presente il CTU il quale, in esito alla lettura della formula del giuramento, TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA XIII SEZIONE CIVILE GIUDIZIO N. ALLEGATO E PARTE INTEGRANTE DEL VERBALE DI UDIENZA DEL È presente il CTU il quale, in esito alla lettura della formula del giuramento, risponde:

Dettagli

CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it

CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it DANNO DA MORTE: PER OGNI CONGIUNTO SE AGISCE AUTONOMAMENTE VALE IL MASSIMALE CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE, SENTENZA 09.02.2005 N 2653 Svolgimento

Dettagli

Il danno biologico in caso di morte e la nuova fattispecie di danno da lesione del legame parentale (c.d. danno edonistico)

Il danno biologico in caso di morte e la nuova fattispecie di danno da lesione del legame parentale (c.d. danno edonistico) Il danno biologico in caso di morte e la nuova fattispecie di danno da lesione del legame parentale (c.d. danno edonistico) La recente giurisprudenza riconosce in capo agli eredi di un soggetto deceduto

Dettagli

TRIBUNALE DI MILANO TABELLE 2013 liquidazione del danno permanente da lesioni comprensivo del danno non patrimoniale

TRIBUNALE DI MILANO TABELLE 2013 liquidazione del danno permanente da lesioni comprensivo del danno non patrimoniale TRIBUNALE DI MILANO TABELLE 2013 liquidazione del danno permanente da lesioni comprensivo del danno non patrimoniale omaggio di ASSOCIAZIONE NAZIONALE ESPERTI INFORTUNISTICA STRADALE A.N.E.I.S. Presidenza

Dettagli

Sulla liquidazione del danno biologico intermittente (danneggiato che decede in corso di causa)

Sulla liquidazione del danno biologico intermittente (danneggiato che decede in corso di causa) Sulla liquidazione del danno biologico intermittente (danneggiato che decede in corso di causa) Trib. Perugia, sez. civ., sentenza 9 settembre 2005 (est. Patrizio Gattari) Danneggiato Decesso in corso

Dettagli

IL CONCETTO DI DANNO ALLA PERSONA

IL CONCETTO DI DANNO ALLA PERSONA IL CONCETTO DI DANNO ALLA PERSONA Il principio informatore della materia in ambito civile stabilisce che qualsiasi comportamento antigiuridico che sia causa di danni a terzi obbliga chi l ha posto in essere

Dettagli

www.dirittifondamentali.it - Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale ISSN: 2240-9823

www.dirittifondamentali.it - Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale ISSN: 2240-9823 «Danno edonistico: unitarietà della liquidazione del danno non patrimoniale» (Cass. Civ. sez. III, sent. 8-07-2014, n. 15491) danno edonistico non risarcibilità in via autonoma parole chiavi 3 Non è risarcibile

Dettagli

Tribunale di Verona Sentenza 14 ottobre 2010 (Composizione monocratica Giudice RIZZUTO)

Tribunale di Verona Sentenza 14 ottobre 2010 (Composizione monocratica Giudice RIZZUTO) Tribunale di Verona Sentenza 14 ottobre 2010 (Composizione monocratica Giudice RIZZUTO) MOTIVI DELLA DECISIONE Preliminarmente si da atto che viene omesso il puntuale svolgimento del processo alla luce

Dettagli

Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico

Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico La Sezione Lavoro della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 5230/2012, ha stabilito che nei giudizi risarcitori

Dettagli

Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata

Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata 1 Danno morale: categoria autonoma o componente del danno biologico? Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata si è consolidato, nel corso

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012 Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO Quale è il trattamento fiscale delle somme riconosciute

Dettagli

PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI RISARCIMENTO DEL DANNO DA SINISTRO STRADALE

PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI RISARCIMENTO DEL DANNO DA SINISTRO STRADALE Prefazione dell Autore... V CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI RISARCIMENTO DEL DANNO DA SINISTRO STRADALE 1. I principi generali in tema di danno da fatto illecito extra contrattuale. 2 2. La nozione

Dettagli

FATTI ILLECITI. Responsabilità da fatto illecito. (art. 2043 c.c.)

FATTI ILLECITI. Responsabilità da fatto illecito. (art. 2043 c.c.) Responsabilità da fatto illecito (art. 2043 c.c.) Qualunque fatto doloso o colposo, che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno Responsabilità extra-contrattuale

Dettagli

Il risarcimento del danno alla persona. Considerazioni di un economista. Dario Focarelli Direttore Generale ANIA

Il risarcimento del danno alla persona. Considerazioni di un economista. Dario Focarelli Direttore Generale ANIA Il risarcimento del danno alla persona. Considerazioni di un economista. Dario Focarelli Direttore Generale ANIA Agenda Le previsioni del codice Cosa è stato fatto? Le conseguenze delle scelte L attuazione

Dettagli

CONVEGNO DI PSICOLOGIA GIURIDICA

CONVEGNO DI PSICOLOGIA GIURIDICA CONVEGNO DI PSICOLOGIA GIURIDICA EVOLUZIONE DELLA NORMA SUL DANNO NON PATRIMONIALE ALLA PERSONA. NUOVE PROSPETTIVE DEONTOLOGICHE E PROFESSIONALI DELLO PSICOLOGO IN AMBITO GIURIDICO L attività stragiudiziale

Dettagli

(Giudice di Pace di Palermo, Dr.ssa Mantegna, sentenza n. 3209/12 parti : S.M. c/ Italiana Assicurazioni S.p.A.).

(Giudice di Pace di Palermo, Dr.ssa Mantegna, sentenza n. 3209/12 parti : S.M. c/ Italiana Assicurazioni S.p.A.). Principi di buona fede e correttezza Frazionamento richiesta risarcitoria (per danni fisici e danni materiali) Improponibilità domanda Irrilevanza mancata iscrizione a ruolo causa connessa Giudice di Pace

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che qualunque fatto doloso o colposo che cagioni ad altri un danno ingiusto obbliga colui

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TRENTO

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TRENTO REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TRENTO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO il dott. Giorgio Flaim, quale giudice del lavoro, ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa per controversia in materia di lavoro

Dettagli

COMUNICAZIONE CONSIGLIO DIRETTIVO SOCIETA MEDICO LEGALE DEL TRIVENETO

COMUNICAZIONE CONSIGLIO DIRETTIVO SOCIETA MEDICO LEGALE DEL TRIVENETO COMUNICAZIONE CONSIGLIO DIRETTIVO SOCIETA MEDICO LEGALE DEL TRIVENETO Considerazioni interpretative tecniche per la valutazione medico legale del danno biologico per lesioni di lieve entità, ex DL 209/2005,

Dettagli

Il risarcimento equitativo.

Il risarcimento equitativo. Il risarcimento equitativo. Firenze, 26 novembre 2013. Corso di Diritto civile Prof. Giuseppe Vettori Mario Mauro Abstract Rapporto tra risarcimento equitativo e principio di integrale riparazione del

Dettagli

Cass. Sez. III 02 Luglio 2010 n 15706

Cass. Sez. III 02 Luglio 2010 n 15706 Il danno tanatologico Cass. Sez. III 02 Luglio 2010 n 15706 Veronica Maina Valeria Mastrolembo Barnà Parti Familiari della vittima Generali Assicurazioni SpA T.R. Fatti Il minore viaggiava sul ciclomotore

Dettagli

L AZIONE DI REGRESSO DELL INAIL COME STRUMENTO DI PREVENZIONE

L AZIONE DI REGRESSO DELL INAIL COME STRUMENTO DI PREVENZIONE L AZIONE DI REGRESSO DELL INAIL COME STRUMENTO DI PREVENZIONE ART. 10 L'assicurazione a norma del presente decreto esonera il datore di lavoro dalla responsabilità civile per gli infortuni sul lavoro.

Dettagli

IL DANNO RISARCIBILE NELL AMBITO DELL ATTIVITÀ ODONTOIATRICA Avv. Paolo Mariotti

IL DANNO RISARCIBILE NELL AMBITO DELL ATTIVITÀ ODONTOIATRICA Avv. Paolo Mariotti IL DANNO RISARCIBILE NELL AMBITO DELL ATTIVITÀ ODONTOIATRICA Avv. Paolo Mariotti Convegno 19 novembre 2010 LA RESPONSABILITA DELL ODONTOIATRA profili giuridici medico-legali ed assicurativi Aula Magna

Dettagli

FATTO. Nella presente controversia, l attrice G chiede il risarcimento dei danni

FATTO. Nella presente controversia, l attrice G chiede il risarcimento dei danni FATTO Nella presente controversia, l attrice G chiede il risarcimento dei danni patrimoniali e non patrimoniali subiti a seguito di un intervento di mastoplatistica addittiva, asseritamente eseguito senza

Dettagli

Redatto da Euroconsul s.r.l.. Tutti i diritti sono riservati

Redatto da Euroconsul s.r.l.. Tutti i diritti sono riservati La Responsabiilliità Verso ii Prestatorii d Opera Studio Assicurativo Redatto da Euroconsul s.r.l.. Tutti i diritti sono riservati La copertura R.C.O. La Ratio della Garanzia RCO Non sempre è chiaro per

Dettagli

SEZIONE ESITO NUMERO ANNO MATERIA PUBBLICAZIONE SICILIA SENTENZA 3311 2013 RESPONSABILITA' 14/11/2013 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI

SEZIONE ESITO NUMERO ANNO MATERIA PUBBLICAZIONE SICILIA SENTENZA 3311 2013 RESPONSABILITA' 14/11/2013 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE ESITO NUMERO ANNO MATERIA PUBBLICAZIONE SICILIA SENTENZA 3311 2013 RESPONSABILITA' 14/11/2013 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE SICILIANA composta

Dettagli

Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi

Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi TUTTO SUL DEMANSIONAMENTO (Parte 3 di 4) 6 IL DANNO ALLA PROFESSIONALITÀ L articolo 2103 cod. civ. afferma pertanto il diritto del lavoratore all effettivo svolgimento

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA. Sezione I

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA. Sezione I Tribunale di Verona Sentenza 25.9.2013 (Composizione monocratica Giudice LANNI) TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Sezione I Al termine della camera di consiglio il Giudice pronuncia mediante lettura

Dettagli

LA LIQUIDAZIONE DEL DANNO ALLA PERSONA

LA LIQUIDAZIONE DEL DANNO ALLA PERSONA GIANNI BELLAGAMBA GIUSEPPE CARITI LA LIQUIDAZIONE DEL DANNO ALLA PERSONA DA INCIDENTE STRADALE RASSEGNA DELLA GIURISPRUDENZA IN APPENDICE: DISCIPLINA LEGISLATIVA DEL RISARCIMENTO DEL DANNO BIOLOGICO DI

Dettagli

Cassazione civile sez. III 20 febbraio 2015 n. 3374

Cassazione civile sez. III 20 febbraio 2015 n. 3374 Cassazione civile sez. III 20 febbraio 2015 n. 3374 Chiarimenti sul danno c.d. da lucida agonia Fatto SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con sentenza del 21 febbraio 2011 la Corte di appello di Napoli, in relazione

Dettagli

LA SURROGA DELL ASSICURATORE

LA SURROGA DELL ASSICURATORE LA SURROGA DELL ASSICURATORE L ASSICURATORE CHE HA PAGATO L INDENNITÀ È SURROGATO, FINO ALLA CONCORRENZA DELL AMMONTARE DI ESSA NEI DIRITTI DELL ASSICURATO VERSO I TERZI RESPONSABILI. (Art. 1916 C.C.)

Dettagli

Le principali domande sulla tabella in approvazione

Le principali domande sulla tabella in approvazione Le principali domande sulla tabella in approvazione D. Cosa regolamenta la tabella in approvazione? R. La tabella definisce i criteri per valutare il c.d. danno biologico permanente (si veda lo schema

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

LE ALTRE CATEGORIE DEL DANNO INGIUSTO Consuela Cigalotti DANNO INGIUSTO Secondo la definizione del codice civile è da considerarsi danno ingiusto,, il danno prodotto non iure,, ( comportamento non giustificato

Dettagli

I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra

I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra Lecco - 31-10 2009 - acuradi S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it Principi generali della

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte Prima NASCITA ED EVOLUZIONE DEL DANNO BIOLOGICO

INDICE SOMMARIO. Parte Prima NASCITA ED EVOLUZIONE DEL DANNO BIOLOGICO Elenco delle principali abbreviazioni... XVII Parte Prima NASCITA ED EVOLUZIONE DEL DANNO BIOLOGICO CAPITOLO I IL SISTEMA FONDATO SULLA CAPACITÀ PRODUTTIVA 1. La capacità produttiva.... 5 2. Le contraddizioni

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA. Il Giudice, dott. Gianluigi MORLINI, in funzione di Giudice

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA. Il Giudice, dott. Gianluigi MORLINI, in funzione di Giudice REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA Sent. / Cont. / Cron. Rep. Il Giudice, dott. Gianluigi MORLINI, in funzione di Giudice monocratico, ha pronunciato la seguente

Dettagli

Il Tribunale di Roma anche per l anno 2013 ha ritenuto di dover confermare il sistema tabellare realizzato

Il Tribunale di Roma anche per l anno 2013 ha ritenuto di dover confermare il sistema tabellare realizzato Criteri utilizzati per la formazione delle Tabelle per l anno 2013 Il Tribunale di Roma anche per l anno 2013 ha ritenuto di dover confermare il sistema tabellare realizzato operando la sola rivalutazione

Dettagli

Data 27/11/2012 Ente giudicante CASSAZIONE CIVILE, SEZIONE SECONDA Numero 21082

Data 27/11/2012 Ente giudicante CASSAZIONE CIVILE, SEZIONE SECONDA Numero 21082 Data 27/11/2012 Ente giudicante CASSAZIONE CIVILE, SEZIONE SECONDA Numero 21082 ha pronunciato la seguente: sul ricorso 22010-2006 proposto da: S.M.L., A.T., A.F. (eredi); REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL

Dettagli

MASSIME CIVILE RISARCIMENTO DANNO. Corte di Cassazione Sez. III civ. 28 Dicembre 2012, n 22909 (Pres.

MASSIME CIVILE RISARCIMENTO DANNO. Corte di Cassazione Sez. III civ. 28 Dicembre 2012, n 22909 (Pres. MASSIME CIVILE RISARCIMENTO DANNO Corte di Cassazione Sez. III civ. 28 Dicembre 2012, n 22909 (Pres. M. Finocchiaro; Rel. R. Lanzillo Danno (risarcimento da) Incidente mortale Casalinga Prossimi congiunti

Dettagli

1 - Elementi costitutivi medico legali del Bareme di Legge (DM 3.7.2003)

1 - Elementi costitutivi medico legali del Bareme di Legge (DM 3.7.2003) TITOLO L equivoco interpretativo del concetto di danno biologico di lieve entità Commento alla Sentenza della 3 Sezione Civile della Corte di Cassazione n. 11851/15 relatore Giacomo Travaglino La citata

Dettagli

4. PERSONE DANNEGGIATE DA VACCINAZIONI DLOOBBLIGATORIE

4. PERSONE DANNEGGIATE DA VACCINAZIONI DLOOBBLIGATORIE 4. PERSONE DANNEGGIATE DA VACCINAZIONI DLOOBBLIGATORIE 1. I beneficiari 2. L indennizzo aggiuntivo 3. Ulteriore assegno una tantum 4. La domanda 5. Dichiarazione di assistenza prevalente e continuativa

Dettagli

NEwSLETTER. Del 13 marzo 2014. Riconosciuto il danno da morte immediata

NEwSLETTER. Del 13 marzo 2014. Riconosciuto il danno da morte immediata NEwSLETTER Del 13 marzo 2014 Riconosciuto il danno da morte immediata Con ordinanza del 4 marzo 2014 n. 5056 la terza sezione civile della Corte di Cassazione (Presid. Russo, Rel. Travaglino) ha rimesso

Dettagli

Mobbing. Responsabile il datore di lavoro se omette la dovuta vigilanza sui dipendenti

Mobbing. Responsabile il datore di lavoro se omette la dovuta vigilanza sui dipendenti CASSAZIONE CIVILE, Sezione Lavoro, Sentenza n. 16148 del 20/08/2007 Mobbing. Responsabile il datore di lavoro se omette la dovuta vigilanza sui dipendenti Il datore di lavoro e ritenuto responsabile dei

Dettagli

LA PROVA DEL DANNO NEL NUOVO QUESITO MEDICO-LEGALE PROMOSSO DALL OSSERVATORIO PER LA GIUSTIZIA CIVILE DI MILANO

LA PROVA DEL DANNO NEL NUOVO QUESITO MEDICO-LEGALE PROMOSSO DALL OSSERVATORIO PER LA GIUSTIZIA CIVILE DI MILANO LA PROVA DEL DANNO NEL NUOVO QUESITO MEDICO-LEGALE PROMOSSO DALL OSSERVATORIO PER LA GIUSTIZIA CIVILE DI MILANO Damiano Spera 1 La novella di cui all art. 32, commi 3 ter e 3 quater, della Legge n. 27/2012

Dettagli

FATTI GIURIDICI UMANI: LECITI ILLECITI: A) PENALI B) CIVILI C) AMMINISTRATIVI

FATTI GIURIDICI UMANI: LECITI ILLECITI: A) PENALI B) CIVILI C) AMMINISTRATIVI Corso di MEDICINA LEGALE prof. MAURO BACCI NOZIONI GENERALI DI DIRITTO FATTO O FENOMENO GIURIDICO perdita, acquisto o modificazione di un diritto FATTO GIURIDICO NATURALE indipendente dalla volontà FATTO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO GIUDICE DI PACE DI REGGIO EMILIA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO GIUDICE DI PACE DI REGGIO EMILIA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO GIUDICE DI PACE DI REGGIO EMILIA Il GIUDICE DI PACE di Reggio Emilia (già Montecchio E.), in persona del dr. Avv. ALFREDO CARBOGNANI ha pronunziato la seguente

Dettagli

IL DANNO NON PATRIMONIALE ***** Il presente elaborato si pone come naturale conseguenza e. prosecuzione del precedente focus onde completare la

IL DANNO NON PATRIMONIALE ***** Il presente elaborato si pone come naturale conseguenza e. prosecuzione del precedente focus onde completare la IL DANNO NON PATRIMONIALE ***** Il presente elaborato si pone come naturale conseguenza e prosecuzione del precedente focus onde completare la ricognizione sul danno non patrimoniale e mettere un suggello

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

LA TUTELA ASSICURATIVA DEL PROFESSIONISTA Principi generali e linee guida pratiche

LA TUTELA ASSICURATIVA DEL PROFESSIONISTA Principi generali e linee guida pratiche LA TUTELA ASSICURATIVA DEL PROFESSIONISTA Principi generali e linee guida pratiche Clinica Universitaria O.I.R.M. S.Anna Collegio Interprovinciale delle Ostetriche di Torino ed Asti Torino 16 18 ottobre

Dettagli

Corte di Cassazione III Sezione Civile Sentenza 17 marzo 2015, n.5197 Pres. Russo est. Rossetti. Motivi della decisione

Corte di Cassazione III Sezione Civile Sentenza 17 marzo 2015, n.5197 Pres. Russo est. Rossetti. Motivi della decisione Corte di Cassazione III Sezione Civile Sentenza 17 marzo 2015, n.5197 Pres. Russo est. Rossetti Motivi della decisione 1. Il primo motivo di ricorso. 1.1. Col primo motivo di ricorso i ricorrenti lamentano

Dettagli

RISOLUZIONE N. 251/E

RISOLUZIONE N. 251/E RISOLUZIONE N. 251/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 14 settembre 2007 Oggetto: Interpello - Alfa S.p.a. - Disciplina applicabile, ai fini IRES e IRAP, agli indennizzi assicurativi spettanti

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Tribunale di Verona Sentenza 21.7.2011 (Composizione monocratica Giudice LANNI) TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Verbale dell udienza del 21.7.11 della causa iscritta al numero 14501 del ruolo generale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI GENOVA SECONDA SEZIONE CIVILE Il dott. Massimo D'Arienzo, Presidente della II sezione

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI GENOVA SECONDA SEZIONE CIVILE Il dott. Massimo D'Arienzo, Presidente della II sezione REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI GENOVA SECONDA SEZIONE CIVILE Il dott. Massimo D'Arienzo, Presidente della II sezione civile, in qualità di giudice unico, ha pronunciato ex

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TRENTO

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TRENTO REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TRENTO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO il dott. Giorgio Flaim, quale giudice del lavoro, ha pronunciato la seguente SENTENZA nelle cause per controversia in materia di previdenza

Dettagli

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila)

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) Studio Legale Celotti www.studiolegalecelotti.it CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Sezione Lavoro Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006 (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO GIUDICE DI PACE DI REGGIO EMILIA Il GIUDICE DI PACE di Reggio Emilia, in persona del dr. Avv.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO GIUDICE DI PACE DI REGGIO EMILIA Il GIUDICE DI PACE di Reggio Emilia, in persona del dr. Avv. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO GIUDICE DI PACE DI REGGIO EMILIA Il GIUDICE DI PACE di Reggio Emilia, in persona del dr. Avv. ALFREDO CARBOGNANI ha pronunziato la seguente SENTENZA Nella

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 30 gennaio 2009 OGGETTO: Istanza di interpello - Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. ALFA spa Rilevanza Irap delle somme corrisposte

Dettagli

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice. dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha SENTENZA T R A

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice. dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha SENTENZA T R A TRIBUNALE DI PALERMO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha pronunciato

Dettagli

DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ

DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ Assemblea TSRM Ferrara 28 maggio 2013 Avv. Roberta Li Calzi CONCETTO DI RESPONSABILITÀ Obbligo di rispondere di un'azione antigiuridica (contraria alle norme) cioè di

Dettagli

N. /06 Sent. N. 477 / 05 R.Gen. N. R. Cron. N. R. Rep. OGGETTO. Risarcimento danni da sinistro stradale.

N. /06 Sent. N. 477 / 05 R.Gen. N. R. Cron. N. R. Rep. OGGETTO. Risarcimento danni da sinistro stradale. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice di Pace di Lecce - Avv. Luigi Piro - ha pronunciato la seguente S E N T E N Z A nella causa civile in I grado iscritta al numero 477/05 del ruolo

Dettagli

nella causa iscritta al n. 1726/09 del Ruolo Generale degli Affari civili contenziosi vertente TRA

nella causa iscritta al n. 1726/09 del Ruolo Generale degli Affari civili contenziosi vertente TRA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CALTANISSETTA in composizione monocratica, nella persona del giudice Gregorio Balsamo, all esito della discussione orale, ha pronunciato

Dettagli

LA RESPONSABILITA CIVILE DELL ASSISTENTE SOCIALE. Avv. Sibilla Santoni

LA RESPONSABILITA CIVILE DELL ASSISTENTE SOCIALE. Avv. Sibilla Santoni LA RESPONSABILITA CIVILE DELL ASSISTENTE SOCIALE Avv. Sibilla Santoni Società sempre più complessa e problematica necessità degli assistenti sociali di conoscere i rischi giuridici a cui vanno incontro

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI ED INDICAZIONI SULLA PIÙ RECENTE GIURISPRUDENZA RELATIVA ALLE VARIE QUESTIONI OGGETTO DEI GRUPPI DI LAVORO

BREVI OSSERVAZIONI ED INDICAZIONI SULLA PIÙ RECENTE GIURISPRUDENZA RELATIVA ALLE VARIE QUESTIONI OGGETTO DEI GRUPPI DI LAVORO BREVI OSSERVAZIONI ED INDICAZIONI SULLA PIÙ RECENTE GIURISPRUDENZA RELATIVA ALLE VARIE QUESTIONI OGGETTO DEI GRUPPI DI LAVORO Relatore: dott. Piero MESSINI D AGOSTINI giudice del Tribunale di Ferrara A)

Dettagli

DANNO PATRIMONIALE DANNO NON PATRIMONIALE. Danno morale Carducci DANNO ALLA PERSONA RISARCIMENTO DANNO

DANNO PATRIMONIALE DANNO NON PATRIMONIALE. Danno morale Carducci DANNO ALLA PERSONA RISARCIMENTO DANNO DANNO ALLA PERSONA LESIONI FISICHE DECESSO RISARCIMENTO DANNO DANNO PATRIMONIALE DANNO NON PATRIMONIALE Mancato guadagno, spese sostenute a seguito del sinistro Danno biologico (comma 2 art. 139 del Codice

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

La responsabilità civile

La responsabilità civile La responsabilità civile Responsabilità contrattuale (art. 1218 cc) Scaturisce da qualsiasi rapporto obbligatorio già precostituito. Il Medico generalista si obbliga ad eseguire una prestazione professionalmente

Dettagli

SENTENZA. Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990

SENTENZA. Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990 SENTENZA Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990 Svolgimento del processo Con ricorso in data 17 dicembre 1982 Sparaco Salvatore chiedeva al Pretore di Caserta (adito) in funzione di giudice del

Dettagli

LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca

LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca La problematica circa l ammissibilità o meno del risarcimento del danno nell ipotesi di separazione

Dettagli

INDICE. Prefazione... 7. Post-prefazione... 9. CAPITOLO 1 Il danno ingiusto ed il nuovo sistema risarcitorio... 13

INDICE. Prefazione... 7. Post-prefazione... 9. CAPITOLO 1 Il danno ingiusto ed il nuovo sistema risarcitorio... 13 INDICE Prefazione... 7 Post-prefazione... 9 CAPITOLO 1 Il danno ingiusto ed il nuovo sistema risarcitorio... 13 CAPITOLO 2 Il danno patrimoniale...17 Il danno patrimoniale da perdita della capacità lavorativa

Dettagli

Sindacati parti civili nei processi per gli infortuni sul lavoro anche se la vittima non era iscritta

Sindacati parti civili nei processi per gli infortuni sul lavoro anche se la vittima non era iscritta Sindacati parti civili nei processi per gli infortuni sul lavoro anche se la vittima non era iscritta In generale, l azione civile è quella diretta a fare valere la pretesa civilistica alle restituzioni

Dettagli

INAIL Direzione Regionale Lombardia. Le prestazioni INAIL

INAIL Direzione Regionale Lombardia. Le prestazioni INAIL INAIL Direzione Regionale Lombardia Le prestazioni INAIL 1 LE PRESTAZIONI ASSICURATIVE A FRONTE DEL PAGAMENTO DEL PREMIO ASSICURATIVO QUANDO SI VERIFICA UN EVENTO INDENNIZZABILE L INAIL EROGA DUE TIPI

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Andrea Gemma Avv. Michele Maccarone Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010. Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010. Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010 Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi IL QUESITO Il giudice, a conclusione di una causa tra me ed

Dettagli

RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE

RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE Come viene alimentata la posizione previdenziale? Il finanziamento è attuato mediante contribuzione a carico del lavoratore, del datore di lavoro e tramite

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 19259 Anno 2013 Presidente: VIDIRI GUIDO Relatore: FILABOZZI ANTONIO Data pubblicazione: 20/08/2013 SENTENZA sul ricorso 1859-2011 proposto da: CAZZOLA CARLO CZZCRL46A14D969V,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Abstract. L illegittima iscrizione del nominativo di un individuo nell archivio della Centrale Interbancaria dei soggetti segnalati come protestati, con conseguente revoca temporanea per l iscritto della

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 I profili di responsabilità nei rapporti banca cliente La violazione degli obblighi Biennio

Dettagli

Tabelle indicative del Tribunale di Venezia per la liquidazione

Tabelle indicative del Tribunale di Venezia per la liquidazione Tabelle indicative del Tribunale di Venezia per la liquidazione del danno non patrimoniale alla persona in ambito responsabilità civile ed estranee al pregiudizio biologico ex art. 139 D.Lgs. 209/2005.

Dettagli

INCIDENTE STRADALE CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE SENTENZA

INCIDENTE STRADALE CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE SENTENZA INCIDENTE STRADALE CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE SENTENZA 28 settembre 2012, n.16520 Persona danneggiata non è solo la vittima diretta dell'incidente, ma anche i prossimi congiunti o gli aventi

Dettagli

A cura di Laura Galli

A cura di Laura Galli LA TUTELA RISARCITORIA NELLE RELAZIONI FAMILIARI A cura di Laura Galli Da anni dottrina e giurisprudenza affrontano il problema della tutela risarcitoria dell illecito qualora la vittima sia uno dei congiunti.

Dettagli

RESPONSABILITÀ DA INSUCCESSO DELL INTERVENTO

RESPONSABILITÀ DA INSUCCESSO DELL INTERVENTO RESPONSABILITÀ DA INSUCCESSO DELL INTERVENTO 1. Una paziente si sottopone presso il Policlinico Umberto I di Roma ad un intervento di settorinoplastica per risolvere un problema di disfunzione respiratoria

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI BRINDISI sentenza 9 luglio 2014 n. 1188 REPUBBLICA ITALAIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

TRIBUNALE CIVILE DI BRINDISI sentenza 9 luglio 2014 n. 1188 REPUBBLICA ITALAIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE CIVILE DI BRINDISI sentenza 9 luglio 2014 n. 1188 REPUBBLICA ITALAIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Brindisi, in persona del giudice Dott. Antonio Ivan Natali, ha emesso la seguente

Dettagli

REVISIONE DELLE RENDITE E DEI CASI LIQUIDATI IN CAPITALE- RETTIFICA PER ERRORE RETTIFICA PER ERRORE

REVISIONE DELLE RENDITE E DEI CASI LIQUIDATI IN CAPITALE- RETTIFICA PER ERRORE RETTIFICA PER ERRORE PER GLI ENTI DI PATRONATO 1 REVISIONE DELLE RENDITE E DEI CASI LIQUIDATI IN CAPITALE- ASPETTI DI RILEVANZA MEDICO-LEGALE Relatore: Dott.ssa Angela GOGGIAMANI SOVRINTENDENZA MEDICA GENERALE Settore III

Dettagli

******* REPUBBLICA ITALIANA. In nome del popolo italiano IL TRIBUNALE DI PERUGIA

******* REPUBBLICA ITALIANA. In nome del popolo italiano IL TRIBUNALE DI PERUGIA Abstract. Il Tribunale, affiancandosi alla prevalente dottrina, ha ritenuto vessatoria e quindi nulla, a tutela del consumatore, la clausola contrattuale che, nei contratti di assicurazione privata, affidi

Dettagli

Nota a sentenza della Corte di Cassazione, Sez. Lav., del 16 febbraio 2012 n. 2251. L entità del danno non patrimoniale va personalizzato

Nota a sentenza della Corte di Cassazione, Sez. Lav., del 16 febbraio 2012 n. 2251. L entità del danno non patrimoniale va personalizzato Nota a sentenza della Corte di Cassazione, Sez. Lav., del 16 febbraio 2012 n. 2251 A cura di Cettina Briguglio L entità del danno non patrimoniale va personalizzato In caso di lesione dell integrità fisica

Dettagli

IL DANNO DA NASCITA MALFORMATA E I DIRITTI DEL NEONATO Cass., sez. III civ., 2 ottobre 2012, n. 16754 commento Chiara ALUISI

IL DANNO DA NASCITA MALFORMATA E I DIRITTI DEL NEONATO Cass., sez. III civ., 2 ottobre 2012, n. 16754 commento Chiara ALUISI IL DANNO DA NASCITA MALFORMATA E I DIRITTI DEL NEONATO Cass., sez. III civ., 2 ottobre 2012, n. 16754 commento Chiara ALUISI P&D.IT La terza sezione della Corte di Cassazione interviene sulla vexata questio

Dettagli

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa a cura dell Avv. Elio Garibaldi 1 RECENTI ORIENTAMENTI DOTTRINALI E GIURISPRUDENZIALI IN ARGOMENTO DI RESPONSABILITA SANITARIA Responsabilità contrattuale

Dettagli

CADUTE IN AMBIENTE OSPEDALIERO: PROFILI DI RESPONSABILITÀ DEL PERSONALE SANITARIO

CADUTE IN AMBIENTE OSPEDALIERO: PROFILI DI RESPONSABILITÀ DEL PERSONALE SANITARIO CADUTE IN AMBIENTE OSPEDALIERO: PROFILI DI RESPONSABILITÀ DEL PERSONALE SANITARIO M. Cucci*, A. Migliorini*, E. Caracciolo**, O. Campari* *Istituto di Medicina Legale e delle Assicurazioni dell Università

Dettagli

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO DETENZIONE PER FINI DI COMMERCIALIZZAZIONE DI SUPPORTI AUDIOVISIVI ABUSIVAMENTE RIPRODOTTI E RICETTAZIONE: LA LEX MITIOR SI APPLICA ANCHE SE SUCCESSIVAMENTE VIENE MODIFICATA IN SENSO PEGGIORATIVO Cassazione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MODENA. Sezione Seconda Civile SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MODENA. Sezione Seconda Civile SENTENZA Responsabilità civile Danni da attività pericolose Attività venatoria Lesione a compagno di battuta Nesso causale tra evento e danno Sussistenza in re ipsa Adozione di misure idonee ad evitare il danno

Dettagli

Il danno non patrimoniale alla luce delle recenti sentenze delle S.U. Civili della Cassazione.

Il danno non patrimoniale alla luce delle recenti sentenze delle S.U. Civili della Cassazione. Il danno non patrimoniale alla luce delle recenti sentenze delle S.U. Civili della Cassazione. 1. Il nucleo essenziale delle sentenze. Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione hanno pronunziato quattro

Dettagli

- omissis - SVOLGIMENTO DEL PROCESSO. Benchè ritualmente citato, il convenuto S.R. non si costituiva in giudizio, rendendosi pertanto contumace.

- omissis - SVOLGIMENTO DEL PROCESSO. Benchè ritualmente citato, il convenuto S.R. non si costituiva in giudizio, rendendosi pertanto contumace. Fonte: la previdenza.it TRIBUNALE DI MONZA,Sez. IV Civ.,7-16 giugno 2005, n. 1828 Sul danno differenziale in caso di sinistro stradale - omissis - SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con atto di citazione notificato

Dettagli

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Cassazione Sentenza n. 3922/2012 commento e testo Studio legale law In materia

Dettagli

INDICE GENERALE CAPITOLO PRIMO

INDICE GENERALE CAPITOLO PRIMO XI Prefazione... V CAPITOLO PRIMO Continua l evoluzione della medicina con i suoi benefici, i suoi rischi ed i danni ed aumenta il contenzioso giudiziario nell incertezza del diritto 1. Introduzione...

Dettagli

Il Risarcimento per infortunio mortale

Il Risarcimento per infortunio mortale Il Risarcimento per infortunio mortale di Giulio Prosperetti 1. Il risarcimento ai superstiti da parte dell Inail Con la riforma del 2000 ( d.lgs. n. 38/2000) il legislatore ha dato avvio, in via sperimentale,

Dettagli

Caso 5.4. Analisi della sentenza del Tribunale Ravenna, 7 luglio-9 settembre 2009, n. 545.

Caso 5.4. Analisi della sentenza del Tribunale Ravenna, 7 luglio-9 settembre 2009, n. 545. Caso 5.4 In caso di decesso da parte di soggetto sul posto di lavoro e fattispecie inerente al risarcimento delle cosiddette vittime da rimbalzo, quali criteri adottare per la liquidazione del danno conseguente

Dettagli