Saggi di indagine stratigrafica eseguiti sulle facciate del fabbricato sito in Via Villafalletto n 6-14 Saluzzo (Cuneo)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Saggi di indagine stratigrafica eseguiti sulle facciate del fabbricato sito in Via Villafalletto n 6-14 Saluzzo (Cuneo)"

Transcript

1

2 Chiara Bettinzoli Conservazione e restauro opere d arte Via Mons. Romero n Carmagnola ( To ) P.I Tel. 338/ Saggi di indagine stratigrafica eseguiti sulle facciate del fabbricato sito in Via Villafalletto n 6-14 Saluzzo (Cuneo)

3 Sono stati eseguiti saggi di indagine stratigrafica sugli intonaci delle facciate del fabbricato di proprietà privata sito in via Villafalletto angolo via Cuneo a Saluzzo mirati alla ricerca di palinsesti decorativi sottostanti l attuale. L edificio risulta composto dall unione di un fabbricato costituito da una manica lunga sita in via Villafalletto confinante con un altro fabbricato di proprietà differente e da un corpo avanzato situato in via Cuneo al termine della suddetta manica. L attuale palinsesto decorativo risulta esteso a tutte le facciate dell edificio e costituito dalla stesura di una colorazione gialla chiara omogenea effettuata tramite l utilizzo di colore con legante a base sintetica. Sul corpo avanzato presente al confine con la manica lunga in direzione della Via Cuneo attualmente è presente una differente tinteggiatura particolarmente dilavata di colore rosa acceso. Questa parte dell edificio intorno agli anni Settanta del secolo scorso era stata adibita ad uso ristorante; rimane ancora visibile la scritta collocata sopra l apertura della porta di accesso. Le facciate dell edificio orientate verso il cortile interno risultano in miglior stato di conservazione rispetto a quelle orientate verso l esterno più esposte ai fenomeni di dilavamento. In particolare le facciate del corpo avanzato in direzione di via Cuneo risultano interessate da estesi fenomeni di dilavamento superficiale e da numerosi attacchi biodeteriogeni di muffe e muschi. La mancanza quasi completa della tinteggiatura superficiale a causa del dilavamento della superficie mette in evidenza la finitura superficiale dell intonaco sottostante. I saggi hanno preso in considerazione le seguenti facciate: - facciata della manica lunga lato cortile interno, - corpo avanzato lato cortile interno, - facciata della manica lunga lato via Villafalletto, - corpo avanzato lato via Villafalletto. La localizzazione dei saggi stratigrafici effettuati è visibile sul prospetto allegato delle facciate. Sono inoltre state inserite alcune fotografie considerate utili al chiarimento di alcune descrizioni contenute nella relazione. Facciata della manica lunga, lato cortile interno. Saggio n 1: saggio stratigrafico eseguito sullo sfondato di parete in prossimità di un apertura finestrata, primo piano. - Strato attuale di colore giallo con legante a base sintetica. - Tracce di colore giallino chiaro con legante a base di tempera magra. - Strato di colore grigio freddo con legante a base di calce misto a gesso. - Strato di colore giallo ocra con legante a base di calce misto a legante organico di consistente spessore. - Finitura superficiale dell intonaco di colore bianco con inerte visibile a base di calce stesa sull intonaco fresco già in fase di asciugatura. - Malta di colorazione grigiastra a media granulometria con legante a base di calce misto a cemento con contenuto di grumi di solfato di calcio (gesso) nell impasto dello spessore di circa un centimetro e mezzo. - Supporto di mattoni in cotto. Saggio n 2: saggio stratigrafico eseguito sullo sfondato di parete nei pressi di un apertura di porta finestra, primo piano. - Strato attuale di colore giallo con legante a base sintetica. - Tracce di colore giallino chiaro con legante a base di tempera magra. - Strato di colore grigio freddo con legante a base di calce misto a gesso. - Strato di colore rosato con legante a base di calce misto a legante organico. - Strato di colore giallo ocra con legante a base di calce misto a legante organico di consistente spessore.

4 - Finitura superficiale dell intonaco di colore bianco con inerte visibile a base di calce stesa sull intonaco fresco già in fase di asciugatura. - Malta di colorazione grigiastra a media granulometria con legante a base di calce misto a cemento con contenuto di grumi di solfato di calcio (gesso) nell impasto dello spessore di circa un centimetro. - Supporto di mattoni in cotto. Saggio n 3: saggio stratigrafico eseguito sullo sfondato di parete in prossimità dell apertura cieca di finestra in direzione di via Cuneo, primo piano. - Strato attuale di colore giallo con legante a base sintetica steso su sottile base di colore bianco costituita da tempera magra. - Strato di colore giallino chiaro con legante a base di tempera magra. - Strato sottile di colore rosa-salmone steso su base di colore bianco entrambi con legante a base di tempera magra. - Strato di colore verdino con legante a base di tempera magra. - Tracce di colore grigio freddo con legante a base di calce misto a gesso. - Strato di colore rosato con legante a base di calce misto a legante organico. - Strato di colore giallo ocra con legante a base di calce misto a legante organico di consistente spessore. - Finitura superficiale dell intonaco di colore bianco con inerte visibile a base di calce stesa sull intonaco fresco già in fase di asciugatura. - Malta di colorazione grigiastra a media granulometria con legante a base di calce misto a cemento con contenuto di grumi di solfato di calcio (gesso) nell impasto dello spessore di circa due centimetri. - Supporto di mattoni in cotto. Corpo avanzato, lato cortile interno. Saggio n 4: saggio stratigrafico eseguito sullo sfondato di parete in prossimità di un apertura finestrata, primo piano. - Strato di colore giallo con legante a base sintetica. - Base di colore bianco costituita da tempera magra. - Tracce di colore grigio caldo con legante a base di calce. - Strato di colore grigio freddo grigio con legante a base di calce misto a gesso. - Strato di colore giallo ocra con legante a base di calce misto a legante organico di consistente spessore. - Finitura superficiale dell intonaco di colore bianco con inerte visibile a base di calce stesa sull intonaco fresco già in fase di asciugatura. - Malta di colorazione grigiastra a media granulometria con legante a base di calce misto a cemento con contenuto di grumi di solfato di calcio (gesso) nell impasto dello spessore di circa un centimetro e mezzo. - Supporto di mattoni in cotto. Questa facciata risulta fortemente esposta al fenomeno di dilavamento superficiale tanto da presentare una grande quantità di finitura della malta a vista priva delle colorazioni superficiali. Facciata della manica lunga, lato via Villafalletto. Saggio n 5: saggio stratigrafico eseguito al confine fra il rilievo del cornicione di chiusura della facciata e lo sfondato di parete sottostante, primo piano. - Tracce di strato di colore giallino chiaro sul cornicione e strato di colore grigio freddo sulla parete entrambi con legante a base di calce. Al confine fra le due campiture si intravede la sbavatura della malta liscia di finitura superficiale del cornicione verso la parete sottostante che si estende per circa quattro centimetri in altezza.

5 - Strato di colore rosa chiaro sul cornicione e strato di colore giallo ocra sulla parete entrambi con legante a base di calce misto a legante organico. - Finitura superficiale di colore chiaro sul cornicione a granulometria liscia e finitura superficiale dell intonaco di colore bianco con inerte visibile a base di calce stesa sull intonaco fresco già in fase di asciugatura. - Malta di colorazione grigiastra a media granulometria con legante a base di calce misto a cemento con contenuto di grumi di solfato di calcio (gesso) nell impasto dello spessore di circa un centimetro e mezzo. - Supporto di mattoni in cotto. Saggio n 6: saggio stratigrafico eseguito sullo sfondato della parete soprastante un apertura finestrata, primo piano. - Strato di colore grigio freddo con legante a base di calce con presenza di filetti dipinti di colore bianco e grigio scuro che circondavano sui quattro lati l apertura a simulare una finta cornice attorno alla finestra. - Strato di colore rosato che si interrompe (circa all altezza del filetto dipinto dello strato grigio sopra descritto) e nella parte sottostante diventa di colore giallo entrambi con legante a base di calce misto a legante organico. L interruzione del colore rosato e il passaggio alla colorazione gialla farebbe pensare che il cornicione a rilievo dipinto di colore rosa chiaro (quando la parete della facciata era dipinta di colore giallo) presentasse una fascia sottostante dipinta dello stesso colore del cornicione quasi a volerne aumentare l estensione in altezza. Difficile a causa dello stato di conservazione di tale strato dovuto al dilavamento affermare se questa interruzione corrisponde un ripensamento in fase esecutiva o se sia realmente rimasta a vista. - Finitura superficiale di colore chiaro sul cornicione a granulometria liscia e finitura superficiale dell intonaco di colore bianco con inerte visibile a base di calce stesa sull intonaco fresco già in fase di asciugatura. - Malta di colorazione grigiastra a media granulometria con legante a base di calce misto a cemento con contenuto di grumi di solfato di calcio (gesso) nell impasto dello spessore di circa un centimetro e mezzo. - Supporto di mattoni in cotto. Saggio n 7: saggio stratigrafico eseguito sullo sfondato della finestra cieca, primo piano. - Strato di colore grigio scuro con legante a base di calce. - Tracce di strato di colore mattone con legante a base di tempera magra particolarmente decoeso. - Strato di colore marrone scuro che al confine con la strombatura presenta una maggiore concentrazione di colore che potrebbe far supporre ad una decorazione tipo una finta finestra con serramento. Queste tracce si rinvengono in una zona di circa dieci centimetri protetta dall aggetto della sottile strombatura della finestra cieca; sulla restante estensione dello/gli sfondato/i a causa del forte dilavamento superficiale resta visibile solo la finitura stesa sull intonaco sottostante. - Finitura superficiale di colore chiaro sul cornicione a granulometria liscia e finitura superficiale dell intonaco di colore bianco con inerte visibile a base di calce stesa sull intonaco fresco già in fase di asciugatura. - Malta di colorazione grigiastra a media granulometria con legante a base di calce misto a cemento con contenuto di grumi di solfato di calcio (gesso) nell impasto dello spessore di circa un centimetro. Corpo avanzato, lato via Villafalletto. Saggio n 8: saggio stratigrafico eseguito sullo sfondato della parete, primo piano.

6 - Strato di colore rosa acceso con legante a base di tempera magra. - Strato di colore grigio caldo con legante a base di calce. - Strato di colore giallo ocra con legante a base di calce misto a legante organico. - Finitura superficiale di colore chiaro sul cornicione a granulometria liscia e finitura superficiale dell intonaco di colore bianco con inerte visibile a base di calce stesa sull intonaco fresco già in fase di asciugatura. - Malta di colorazione grigiastra a media granulometria con legante a base di calce misto a cemento con contenuto di grumi di solfato di calcio (gesso) nell impasto dello spessore di circa un centimetro e mezzo. - Supporto di mattoni in cotto. Saggio n 9: saggio stratigrafico eseguito in prossimità dell apertura di finestra, piano terreno. - Strato di colore rosa acceso con legante di tempera magra. - Strato di colore grigio caldo dipinto ad imitazione di un finto granito con decorazione a filetti che simulano una finta cornice dipinta attorno all apertura della finestra con legante a base di calce misto a legante organico. - Strato di colore grigio con legante a base di calce. - Strato di colore giallo ocra con legante a base di calce misto a legante organico. - Scialbo di calce di colore bianco. - Finitura superficiale di colore chiaro sul cornicione a granulometria liscia e finitura superficiale dell intonaco di colore bianco con inerte visibile a base di calce stesa sull intonaco fresco già in fase di asciugatura. - Malta di colorazione grigiastra a media granulometria con legante a base di calce misto a cemento con contenuto di grumi di solfato di calcio (gesso) nell impasto dello spessore di circa un centimetro e mezzo. - Supporto misto di mattoni in cotto e pietra a spacco. Dalle indagini stratigrafiche emerge che il corpo avanzato dell edificio in direzione di via Cuneo era preesistente alla costruzione della manica lunga collocata in via Villafalletto come edificio singolo al quale è stata addossata la manica lunga diventando un edificio unitario. Il supporto murario del corpo avanzato risulta costitiuto da mattoni misti a pietra a spacco mentre il supporto della manica lunga risulta costituito solamente da mattoni in cotto. Dall interno dell ultimo locale della manica lunga in direzione del corpo avanzato si può ancora osservare il cornicione esterno del corpo avanzato che risulta attualmente inserito all interno del suddetto locale della manica lunga. Il palinsesto presunto originale che caratterizza come primo strato pittorico i due edifici come una unica unità (manica lunga + corpo avanzato) date le caratteristiche del legante e soprattutto della finitura superficiale della malta si colloca in epoca Ottocentesca. Per quanto riguarda le informazioni coloristiche emerse durante la campagna di indagine stratigrafica possiamo così sintetizzare: - Palinsesto presunto originale costituito da intonaci con legante misto a base di calce con contenuto di legante cementizio, presenta una finitura superficiale dell intonaco di colore bianco con inerte visibile a base di calce stesa sull intonaco fresco già in fase di asciugatura. Le pareti erano dipinte di colore giallo ocra ( vedi foto n 3) mentre il cornicione alto di chiusura della facciata e la fascia marcapiano che separa il piano terreno dal primo piano erano dipinte con un colore rosa chiaro ( vedi foto n 2) entrambi caratterizzati da legante a base di calce misto a legante organico. Gli sfondati ciechi delle finte finestre presentavano una stesura di colore marrone scuro (vedi saggio n 7). - Prima ridipintura costituita dalla stesura di un colore grigio freddo sulle pareti e di un colore giallino chiaro sul cornicione alto di chiusura della facciata e sulla fascia marcapiano che separa il piano terreno dal primo piano, entrambi caratterizzati da legante a base di calce misto a gesso. Sulle facciate esterne ad esclusione di quelle rivolte verso il cortile interno lo

7 strato grigio presentava dei filetti dipinti chiari e scuri attorno alle aperture di finestre e portefinestre a simulare una finta cornice dipinta (vedi foto n 1). - Seconda ridipintura corrispondente all attuale palinsesto decorativo costituita dalla stesura di una colorazione gialla chiara omogenea sulle pareti e da un colore bianco sporco sul cornicione entrambi con legante a base sintetica. Sulla facciata rivolta verso il cortile interno sono stati rinvenuti alcuni strati pittorici intermedi oltre alle stratificazioni già descritte. Queste colorazioni caratterizzavano tre porzioni differenti appartenenti a tre diverse proprietà; dal passo carrabile di via Villafalletto in direzione di via Cuneo le manutenzioni sono state più numerose anche probabilmente a causa della diversa esposizione dell edificio ( vedi saggio n 1, 2, 3). Una segnalazione aggiuntiva a parte merita la porzione più antica del corpo avanzato che data la destinazione d uso a locale pubblico è stata rimaneggiata altre due volte in più rispetto al resto dell edificio. Attualmente risulta tinteggiata da un colore rosa acceso sulle pareti e presenta un cornicione alto di colore bianco ( vedi foto n 4) mentre la versione precedente risultava decorata con una tinteggiatura di colore grigio arricchita da una decorazione ad imitazione del finto granito con decorazione a filetti che simulano una finta cornice dipinta attorno all apertura della finestra con legante a base di calce misto a legante organico ( vedi saggio n 9). Chiara Bettinzoli

8 Saggio n 1 Saggio n 2

9 Saggio n 3 Saggio n 4

10 Saggio n 5 Saggio n 6

11 Saggio n 7 Saggio n 8

12 Saggio n 9

13 Foto n 1 Foto n 2

14 Foto n 3 Foto n 4

15

16

17

18

19

OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA NELL EDIFICIO SCOLASTICO DI VIA LUSERNA DI RORA 14 SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE BATTISTI CIRCOSCRIZIONE 3.

OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA NELL EDIFICIO SCOLASTICO DI VIA LUSERNA DI RORA 14 SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE BATTISTI CIRCOSCRIZIONE 3. VICE DIREZIONE GENERALE SERVIZI TECNICI SETTORE EDILIZIA SCOLASTICA MANUTENZIONE OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA NELL EDIFICIO SCOLASTICO DI VIA LUSERNA DI RORA 14 SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE BATTISTI

Dettagli

TITOLO III Regole sul decoro, sull ornato e dipintura delle facciate edilizie

TITOLO III Regole sul decoro, sull ornato e dipintura delle facciate edilizie TITOLO III Regole sul decoro, sull ornato e dipintura delle facciate edilizie Art. 17 - Decoro degli edifici Le costruzioni devono rispettare nel loro aspetto esterno il decoro edilizio ed inserirsi armonicamente

Dettagli

Scheda edificio via S. Sofia 33 - Milano

Scheda edificio via S. Sofia 33 - Milano S. Sofia 33 - Milano Data prestazione: 2000-2001 Committente: Condominio via S. Sofia, 33 - Milano Professionista incaricato: Ing. Roberto Dell Acqua Bellavitis e Ing. Filippo Dell Acqua Bellavitis, via

Dettagli

PROPOSTA COLORE PER IL CENTRO STORICO (cartella dei colori)

PROPOSTA COLORE PER IL CENTRO STORICO (cartella dei colori) PROPOSTA COLORE PER IL CENTRO STORICO (cartella dei colori) Premessa La cartella dei colori costituisce lo strumento per guidare gli interventi di tinteggiatura delle facciate nel centro storico, al fine

Dettagli

FACCIATE PALAZZO UFFICI FINANZIARI C.SO VINZAGLIO 8, TORINO

FACCIATE PALAZZO UFFICI FINANZIARI C.SO VINZAGLIO 8, TORINO FACCIATE PALAZZO UFFICI FINANZIARI C.SO VINZAGLIO 8, TORINO INDICAZIONI STORICHE: Nel 1706 Torino fronteggiò con successo un prolungato assedio da parte delle truppe francesi. Luogo simbolo della resistenza

Dettagli

CASA GIORGI, poi GUACCIMANNI (1492-98) VIA ARMANDO DIAZ, RAVENNA

CASA GIORGI, poi GUACCIMANNI (1492-98) VIA ARMANDO DIAZ, RAVENNA CASA GIORGI, poi GUACCIMANNI (1492-98) VIA ARMANDO DIAZ, RAVENNA restauro degli affreschi delle decorazioni a tempera di soffitti e pareti degli elementi in cotto e materiale lapideo RELAZIONE TECNICA

Dettagli

Il colore di un edificio è, da sempre, la caratteristica che maggiormente

Il colore di un edificio è, da sempre, la caratteristica che maggiormente TINTEGGIATURA TRADIZIONALE VESUVIANA Il colore di un edificio è, da sempre, la caratteristica che maggiormente contribuisce alla migliore percezione della forma architettonica esaltando le articolazioni

Dettagli

ENRICO COLOSIMO RESTAURATORE ARCHITETTONICO CONSULENTE RELAZIONE TECNICA SULL INTERVENTO DI RIMOZIONE DELL INTONACO NON ORIGINALE

ENRICO COLOSIMO RESTAURATORE ARCHITETTONICO CONSULENTE RELAZIONE TECNICA SULL INTERVENTO DI RIMOZIONE DELL INTONACO NON ORIGINALE ENRICO COLOSIMO RESTAURATORE ARCHITETTONICO CONSULENTE RELAZIONE TECNICA SULL INTERVENTO DI RIMOZIONE DELL INTONACO NON ORIGINALE PRESENTE ALLE PARETI DECORATE DELLA CAPPELLA GENTILIZIA DI VILLA SIMONETTA.

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Lavori di adeguamento alle norme di igiene e sicurezza e realizzazione di dotazioni impiantistiche presso il Sant

Dettagli

RILIEVO DI MASSIMA DEGLI IMMOBILI

RILIEVO DI MASSIMA DEGLI IMMOBILI COMUNE DI CISLIANO Provincia di Milano OGGETTO: Ampliamento scuola primaria di Cisliano - CUP J81E15001290004 PROGETTO PRELIMINARE PER APPALTO INTEGRATO COMPLESSO ai sensi dell art. 53 comma 2 lett. C)

Dettagli

Sommario FACCIATA... 2

Sommario FACCIATA... 2 LICEOMICHELANGIOLO COMPLETAMENTODELRESTAUROSULFRONTEDIVIADELLACOLONNA Sommario FACCIATA...2 DIPINTIASECCO......3 AFFRESCHI......3 SAGGISTRATIGRAFICI......3 DESCIALBO......3 PULITURA......4 STUCCATURE......4

Dettagli

Interventi di restauro delle facciate, delle sculture del coronamento, di tutti gli altorilievi, e degli androni di Villa Begiojoso Bonaparte

Interventi di restauro delle facciate, delle sculture del coronamento, di tutti gli altorilievi, e degli androni di Villa Begiojoso Bonaparte Interventi di restauro delle facciate, delle sculture del coronamento, di tutti gli altorilievi, e degli androni di Villa Begiojoso Bonaparte Relazione tecnica Su incarico dell Impresa Borghini s.a.s.

Dettagli

CAPPELLA LANDO Chiesa di San Pietro Castello Venezia. Relazione tecnica

CAPPELLA LANDO Chiesa di San Pietro Castello Venezia. Relazione tecnica CAPPELLA LANDO Chiesa di San Pietro Castello Venezia Relazione tecnica Elementi lapidei dell altare L'intervento eseguito é consistito in una prima pulitura delle superfici dell'altare rimuovendo le impurità

Dettagli

TECNICHE TRADIZIONALI DI FINITURA

TECNICHE TRADIZIONALI DI FINITURA TECNICHE TRADIZIONALI DI FINITURA TECNICHE TRADIZIONALI DI FINITURA INTONACHINO INTONACO A CALCE SCIALBATA (O CALCE TIRATA) INTONACO A GRAFFITO INTONACI A STUCCO E A MARMORINO INTONACHINO La ricetta tradizionale

Dettagli

PROPOSTA COLORE PER IL CENTRO STORICO (cartella dei colori)

PROPOSTA COLORE PER IL CENTRO STORICO (cartella dei colori) PROPOSTA COLORE PER IL CENTRO STORICO (cartella dei colori) Premessa Il tema della riqualificazione degli insediamenti antichi è un nodo cruciale nell insieme degli interventi di pianificazione del territorio

Dettagli

IL RESTAURO DELLA CAPPELLA SAN ROCCO

IL RESTAURO DELLA CAPPELLA SAN ROCCO COMUNE DI NICHELINO SOPRINTENDENZA PER I BENI ARCHITETTONICI E PER IL PAESAGGIO DEL PIEMONTE SOPRINTENDENZA PER I BENI STORICO-ARTISTICI E DEMOANTROPOLOGICI DEL PIEMONTE CNA - POLITECNICO DI TORINO IL

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI"DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 3 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERIDI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 13 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE

Dettagli

CAMPO VALLEMAGGIA. chiesa parrocchiale di san Bernardo

CAMPO VALLEMAGGIA. chiesa parrocchiale di san Bernardo CAMPO VALLEMAGGIA chiesa parrocchiale di san Bernardo Campagna di restauro 2010-2012 Cappella della Madonna del Carmelo Muralto, dicembre 2012 Gabriele Vittorio Grimbühler Conservatore-restauratore SKR

Dettagli

PIANO DEL COLORE (compilazione obbligatoria per interventi nel centro storico) A - Documentazione da allegare

PIANO DEL COLORE (compilazione obbligatoria per interventi nel centro storico) A - Documentazione da allegare COMUNE DI SAN GIOVANNI LIPIONI PIANO DEL COLORE (compilazione obbligatoria per interventi nel centro storico) allegati A Scheda da allegare alla richiesta di Permesso di costruire SCIA o CIL A - Documentazione

Dettagli

Ufficio Tecnico. Foglio 17, particella 151, sub. 23. Decreto di Vincolo n. 346/2005, Notifica n. 11024 del 15/12/2005. Descrizione morfologica

Ufficio Tecnico. Foglio 17, particella 151, sub. 23. Decreto di Vincolo n. 346/2005, Notifica n. 11024 del 15/12/2005. Descrizione morfologica Premessa L'edificio oggetto del presente Programma di conservazione fa parte del Complesso Ospedaliero di S. Chiara. Il complesso, situato nel centro storico della città di Pisa e di proprietà dell Azienda

Dettagli

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 N 14 Planimetria Unità Organica Iconografia Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 Cono di ripresa n.3 PIANO di GOVERNO del TERRITORIO di PALOSCO- Nuclei di Antica Formazione N.14 Disciplina Spazi Edificati

Dettagli

Laboratorio Scientifico del MUSEO D ARTE E SCIENZA di Gottfried Matthaes

Laboratorio Scientifico del MUSEO D ARTE E SCIENZA di Gottfried Matthaes Laboratorio Scientifico del MUSEO D ARTE E SCIENZA di Gottfried Matthaes Milano, 23/02/2011 Nr. 2AN-7754 Risultati delle analisi scientifiche effettuate sul dipinto su tela (cm 123 x 81) rappresentato

Dettagli

COMUNE DI COREDO PROVINCIA DI TRENTO. PIANO COLORE DEL COMUNE DI COREDO Norme di attuazione

COMUNE DI COREDO PROVINCIA DI TRENTO. PIANO COLORE DEL COMUNE DI COREDO Norme di attuazione COMUNE DI COREDO PROVINCIA DI TRENTO PIANO COLORE DEL COMUNE DI COREDO RESPONSABILI DI PROGETTO Arch. Andrea Rigo Ing. Mirko Gazzini COLLABORATORI Arch. Eleonora Fronza Arch. Virginia Berti Sommario Art.

Dettagli

TERMOGRAFIA a infrarossi

TERMOGRAFIA a infrarossi TERMOGRAFIA a infrarossi L'energia termica, o infrarossa, consiste in luce la cui lunghezza d'onda risulta troppo grande per essere individuata dall'occhio umano. A differenza della luce visibile, nel

Dettagli

COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI (Provincia dell Aquila)

COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI (Provincia dell Aquila) COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI (Provincia dell Aquila) Cap. 67028 Viale Dante Alighieri n. 1 Tel. 0862 810834 C.F. 80002710665 E mail: s.demetrio@katamail.com Fax. 0862 810017 P.I. 00193050663 c.c.b.

Dettagli

INDAGINE STRATIGRAFICA delle superfici interne (restauratore EROS ZANOTTI)

INDAGINE STRATIGRAFICA delle superfici interne (restauratore EROS ZANOTTI) Comune di VERDERIO (Prov. Lecco) PROGETTO ESECUTIVO MANUTENZIONE STRAORDINARIA DEGLI INTERNI DEL PALAZZO COMUNALE E ADEGUAMENTO DEL CORTILE PERTINENZIALE (Viale dei Municipi n.2) 2 INDAGINE STRATIGRAFICA

Dettagli

NORME TECNICHE D ATTUAZIONE

NORME TECNICHE D ATTUAZIONE COMUNE DI CLES PROVINCIA DI TRENTO NORME TECNICHE D ATTUAZIONE VARIANTE AL P.R.G. INTEGRAZIONE DELLA SCHEDATURA DEL CENTRO STORICO Redatto da: Zanolini arch. Paola Data: Prima Adozione: Adozione Definitiva:

Dettagli

Manutenzione straordinaria

Manutenzione straordinaria Spett.le Sportello Unico per l Edilizia Comune di Camino (AL) Manutenzione straordinaria allegato b DATI GENERALI Titolare dell intervento: proprietario, amministratore, avente titolo il/la sottoscritto/a

Dettagli

COMUNE DI RONCADE PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI RONCADE PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI RONCADE PROVINCIA DI TREVISO Progetto generale di arredo urbano del centro storico di Roncade capoluogo lungo via Roma, da villa Ziliotto alla chiesa, comprendente piazza I Maggio, piazzale e

Dettagli

Analisi delle malte originali e di rifacimento del mosaico di controfacciata nella chiesa di Santa Sabina (V sec. d.c)

Analisi delle malte originali e di rifacimento del mosaico di controfacciata nella chiesa di Santa Sabina (V sec. d.c) Analisi delle malte originali e di rifacimento del mosaico di controfacciata nella chiesa di Santa Sabina (V sec. d.c) Paola Santopadre, Pierluigi Bianchetti, Giancarlo Sidoti La composizione e la tessitura

Dettagli

FABBRICATO IN VIA PADRE GIOVANNI ANTONIO FILIPPINI civ. 119

FABBRICATO IN VIA PADRE GIOVANNI ANTONIO FILIPPINI civ. 119 FABBRICATO IN VIA PADRE GIOVANNI ANTONIO FILIPPINI civ. 119 INQUADRAMENTO ARCHITETTONICO I fabbricati siti in Via Padre Giovanni Antonio Filippini n. 119, fanno parte di un complesso immobiliare costituito

Dettagli

marmorino CL 90 SALUTE EN 459-1 Code B615/2007-II CALCE AEREA CALCICA ANTIBATTERICO NATURALE

marmorino CL 90 SALUTE EN 459-1 Code B615/2007-II CALCE AEREA CALCICA ANTIBATTERICO NATURALE marmorino CL 90 SALUTE EN 459-1 CALCE AEREA CALCICA ANTIBATTERICO NATURALE Stucco minerale di terre colorate naturali a base di grassello selezionato di pura calce CL 90-S conforme alla norma EN 459-1.

Dettagli

LA COSTRUZIONE DELLA CATTEDRALE

LA COSTRUZIONE DELLA CATTEDRALE LA COSTRUZIONE DELLA CATTEDRALE I blocchi di pietra calcarea destinati alla costruzione degli archi,venivano tagliati con precisione e uniti con la malta (calce,sabbia,acqua). Una volta che gli archi si

Dettagli

Il consolidamento delle murature a faccia vista

Il consolidamento delle murature a faccia vista Il consolidamento delle murature a faccia vista Arch. Gianluigi Palmieri Presidente EDIL-CAM Introduzione Le murature con i paramenti esterni non protetti da intonaci rappresentano un importante percentuale

Dettagli

Comune di Agropoli Provincia di Salerno. Piano del Colore

Comune di Agropoli Provincia di Salerno. Piano del Colore Provincia di Salerno Piano del Colore Mappa cromatica di uno spazio urbano Redazione del Piano del Colore in attuazione della Legge Regionale 18 Ottobre 2002, n. 26 Norme ed incentivi per la valorizzazione

Dettagli

COMUNE DI BUCCINO Provincia di Salerno

COMUNE DI BUCCINO Provincia di Salerno Pagina1 SCHEDA UNITA IMMOBILIARE Pianta stato di fatto Localizzazione Comune: BUCCINO c.a.p : 84021 Provincia: Salerno Zona: Centro storico denominazione stradale: Via S.Elia n civico: s.n.c. Superficie

Dettagli

Voci di capitolato e prescrizioni contrattuali

Voci di capitolato e prescrizioni contrattuali Voci di capitolato e prescrizioni contrattuali VOCI DI CAPITOLATO SINTETICHE Voce sintetica per la fornitura di mattoni estrusi Fornitura di mattoni faccia a vista estrusi semipieni Smorlesi di colore..

Dettagli

PIANO DEL COLORE DI VIA CAVOUR

PIANO DEL COLORE DI VIA CAVOUR REGOLAMENTO EDILIZIO ALLEGATO 1 PIANO DEL COLORE DI VIA CAVOUR 1A DISCIPLINA 1B SCHEDE DI INTERVENTO DICEMBRE 2015 REGOLAMENTO EDILIZIO ALLEGATO 1 PIANO DEL COLORE DI VIA CAVOUR 1A DISCIPLINA SINDACO Dr.FabrizioTondi

Dettagli

PIANO DEL COLORE SOTTOZONA PRG: Ab1* Le Bourg

PIANO DEL COLORE SOTTOZONA PRG: Ab1* Le Bourg REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA RÉGION AUTONOME DE LA VALLÉE D AOSTE COMUNE DI COMMUNE DE M O N T J O V E T PIANO DEL COLORE SOTTOZONA PRG: Ab1* Le Bourg ELABORATO PRESCRITTIVO Arch. Ing. HÉRIN Renato MATTERI

Dettagli

Comune di Piacenza- via S. Vincenzo - Ex scuola S. Vincenzo Saggi stratigrafici

Comune di Piacenza- via S. Vincenzo - Ex scuola S. Vincenzo Saggi stratigrafici Alessandra D Elia Via G. Verdi, 13-29100 Piacenza Tel. & fax 0523384408 tel. cell. 3355877103 e. mail deliarestauri@yahoo.it pec alessandradelia@pec.laapc.it P.iva 01123600338 - C.F. DLELSN66L60F205O N.

Dettagli

Relazione finale di Restauro

Relazione finale di Restauro Relazione finale di Restauro Lavori di restauro dei soffitti decorati Palazzo Pace Via Schioppettieri, n 11 Palermo Direttore Lavori Restauratori Anna Badagliacca Maria Teresa Caruso Daniela D Angelo Giorgia

Dettagli

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I "DANTE ALIGHIERI" DI COLOGNA VENETA

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO SISMICO FASE 2 - DELLA SCUOLA SECONDARIA I DANTE ALIGHIERI DI COLOGNA VENETA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI INTERVENTI Pag. 1 di 8 SOMMARIO 1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO... 2 2 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 7 2.1 INTERVENTI ESEGUITI IN FASE 1... 7 2.2 INTERVENTI PREVISTI IN FASE

Dettagli

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 Planimetria Unità Organica Iconografia Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 Cono di ripresa n.3 Disciplina Spazi Edificati Unità Tipo Intervento Uso specifico Mappale Via 1 Rit 2 Rit 3 Rit 4 Rit 5

Dettagli

Edificio per abitazioni

Edificio per abitazioni R. Del Monaco Edificio per abitazioni Via Cavalieri del santo sepolcro 6, Milano 1962 1965 LUIGI CACCIA DOMINIONI I prospetti presi in oggetto sono a pianta rettangolare dell inizio degli anni sessanta,

Dettagli

E8. Il rilievo materico e del degrado

E8. Il rilievo materico e del degrado Università degli Studi di Bergamo Corso di Laurea in ingegneria Edile A.A. 2014/2015 E8. Il rilievo materico e del degrado Corso Integrato di CONOSCENZA DEL COSRUITO STORICO Modulo di FONDAMENTI DI RESTAURO

Dettagli

Sommario. 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione...

Sommario. 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione... Sommario 1. Premessa... 2 1. Sintesi dello stato di consistenza... 3 2. Intervento di salvaguardia della conca di navigazione... 4 Pagina 1 di 6 1. Premessa Il recupero funzionale della conca di navigazione

Dettagli

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE OGGETTO COMMITTENTE CLIENTE FUNZIONARIO SOPRINTENDENZA TIPO DI INCARICO TIPO DI PRESTAZIONE PRESTAZIONI ENTITA DELL OPERA ANNO Restauro conservativo a Varese

Dettagli

Simone Riccardi. Particolare di una facciata nel centro storico di Parma (foto Flickr autore Viola Klis )

Simone Riccardi. Particolare di una facciata nel centro storico di Parma (foto Flickr autore Viola Klis ) VALORIZZAZIONE DELLE quinte urbane studi dei prospetti con necessità di ordine manutentivo nel centro storico di parma Simone Riccardi Il centro storico di Parma racchiude all interno delle sue vie e dei

Dettagli

P.I. 1 - Piano degli Interventi Art. 17 LR n 11/2004

P.I. 1 - Piano degli Interventi Art. 17 LR n 11/2004 Comune di Farra di Soligo Re gione del Veneto Pr ovincia di Treviso P.I. 1 - Piano degli Interventi Art. 17 LR n 11/2004 elaborato P-06 D A p r i l e 2 0 1 4 A d o z i o n e D. C. C. n 1 d e l 9. 0 1.

Dettagli

No. ARTICOLO imballaggio imballaggio fr./sacco fr./sacco 00135010 30.0 21 19.80 22.20

No. ARTICOLO imballaggio imballaggio fr./sacco fr./sacco 00135010 30.0 21 19.80 22.20 LEGAMI IDRAULICI E COLLANTI - PRECONFEZIONATI GRANOL GRANOL NOVOGRAN 20 Intonaco bianco per soffitti e pareti a base di gesso, idrato di calce, inerti speciali, isolante termico leggero ed additivi organici.

Dettagli

IL CORSO DI RESTAURO DELLE FACCIATE STORICHE DI MONCALIERI (REVIGLIASCO, 6 SETTEMBRE -15 NOVEMBRE 2008)

IL CORSO DI RESTAURO DELLE FACCIATE STORICHE DI MONCALIERI (REVIGLIASCO, 6 SETTEMBRE -15 NOVEMBRE 2008) CITTÀ DI MONCALIERI SOPRINTENDENZA PER I BENI ARCHITETTONICI E PER IL PAESAGGIO DEL PIEMONTE CNA - CIPET - POLITECNICO DI TORINO IL CORSO DI RESTAURO DELLE FACCIATE STORICHE DI MONCALIERI (REVIGLIASCO,

Dettagli

CARTELLA COLORI PER IL CENTRO STORICO DI SAN VITO DEI NORMANNI. Tavolozza dei colori della tradizione sanvitese: alcune premesse

CARTELLA COLORI PER IL CENTRO STORICO DI SAN VITO DEI NORMANNI. Tavolozza dei colori della tradizione sanvitese: alcune premesse CARTELLA COLORI PER IL CENTRO STORICO DI SAN VITO DEI NORMANNI Tavolozza dei colori della tradizione sanvitese: alcune premesse La riqualificazione della scena urbana passa necessariamente attraverso un

Dettagli

RELAZIONE DI STIMA PER LA VALUTAZIONE DI UNA EDICOLA CIMITERIALE NEL CIMITERO COMUNALE DEI CAPPUCCINI

RELAZIONE DI STIMA PER LA VALUTAZIONE DI UNA EDICOLA CIMITERIALE NEL CIMITERO COMUNALE DEI CAPPUCCINI COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA Tel. 06-9015601 Fax. 06-9041991 Piazza C. Leonelli n 15 C.A.P. 00063 www.comunecampagnano.it SETTORE 6 TECNICO - LAVORI PUBBLICI - MANUTENZIONE - AMBIENTE

Dettagli

Le scale di accesso alle zone soppalcate sono tutte in metallo a giorno, gli infissi esterni ed interni sono in legno e, nella generalità, originari.

Le scale di accesso alle zone soppalcate sono tutte in metallo a giorno, gli infissi esterni ed interni sono in legno e, nella generalità, originari. UNITÀ IMMOBILIARE: Sita in Roma via Giacomo Venezian, 22, piano primo interno 1 con asservito posto auto via Gaetano Sacchi,19 - DESTINAZIONE D USO: abitazione Prezzo Appartamento più Garage: 870.000 Euro

Dettagli

-.11 RISTRUTTURAZIONE EDIFICIO DI CIVILE ABITAZIONE NEL CENTRO STORICO DI VOCOGNO

-.11 RISTRUTTURAZIONE EDIFICIO DI CIVILE ABITAZIONE NEL CENTRO STORICO DI VOCOGNO -.11 RISTRUTTURAZIONE EDIFICIO DI CIVILE ABITAZIONE NEL CENTRO STORICO DI VOCOGNO Comune di (Borgata/Frazione) CRAVEGGIA VOCOGNO Classificazione dell intervento RISTRUTTURAZIONE Opere interne ed esterne

Dettagli

Università degli Studi di Palermo CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CONSERVAZIONE E RESTAURO DEI BENI CULTURALI (LMR/02)

Università degli Studi di Palermo CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CONSERVAZIONE E RESTAURO DEI BENI CULTURALI (LMR/02) Università degli Studi di Palermo CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CONSERVAZIONE E RESTAURO DEI BENI CULTURALI (LMR/02) In Convenzione con l ASSESSORATO DEI BENI CULTURALI E DELL'IDENTITA SICILIANA

Dettagli

charles pictet Padiglioni nel parco di una villa a Vandoeuvres, Ginevra

charles pictet Padiglioni nel parco di una villa a Vandoeuvres, Ginevra Progetti Carmen Murua L architetto ginevrino Charles Pictet con la presente opera, terminata nel 2008 e premiata nel 2010 con la Distinction romande d architecture si è confrontato con la progettazione

Dettagli

Istituto alberghiero Belliard, Parigi

Istituto alberghiero Belliard, Parigi Progetti Elisabetta Pieri bret & trividic Istituto alberghiero Belliard, Parigi Nella pagina a fianco: corte interna: il lato sud. FOTOGRAFIE J. P. Monthiers La sede dell istituto alberghiero Belliard

Dettagli

Indagine con controllo visivo sullo stato di conservazione statica degli elementi lapidei delle facciate nord, ovest e sud

Indagine con controllo visivo sullo stato di conservazione statica degli elementi lapidei delle facciate nord, ovest e sud 30 aprile 2015 Z245 Castello 5170 COMMITTENTE: Commissione Sinodale per la Diaconia Foresteria Valdese di Venezia LAVORO: Palazzo Cavagnis Castello 5170 INTERVENTO: Indagine con controllo visivo sullo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL COLORE

REGOLAMENTO COMUNALE DEL COLORE REGOLAMENTO COMUNALE DEL COLORE Adottato dal Consiglio Comunale con delibera n. 13 del 28.04.2010 Approvato dal Consiglio Comunale con delibera n. 24 del 01.09.2010 0 Titolo I DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO

Dettagli

RTP - Architetti Giorgio Rossi, Chiara Avagnina, Paolo Bovo Saluzzo (CN) Pag. 1

RTP - Architetti Giorgio Rossi, Chiara Avagnina, Paolo Bovo Saluzzo (CN) Pag. 1 Saluzzo (CN) Pag. 1 Saluzzo (CN) Pag. 2 La proposta di recupero della manica (o castello) di mezzo è destinata a completare i restauri conservativi avviati precedentemente sull edificio nel corso delle

Dettagli

Attestato Certificazione Energetica (A.P.E.) - D.M. 26/6/09 e s.m.ii. CHECK LIST per gli edifici esistenti

Attestato Certificazione Energetica (A.P.E.) - D.M. 26/6/09 e s.m.ii. CHECK LIST per gli edifici esistenti 1 Attestato Certificazione Energetica (A.P.E.) - D.M. 26/6/09 e s.m.ii. CHECK LIST per gli edifici esistenti 1 - DATI GENERALI UBICAZIONE: ANNO DI COSTRUZIONE:... PROPRIETARI: RESIDENZA:.... C.F.:......DATI

Dettagli

FOTO D'INSIEME VISTA AEREA DATA CENSIMENTO GIUGNO 2009. COMUNE: BONDENO, loc. Burana TOPONIMO: INDIRIZZO: VIA PONTE SANTI BURANA DATI CATASTALI 35/11

FOTO D'INSIEME VISTA AEREA DATA CENSIMENTO GIUGNO 2009. COMUNE: BONDENO, loc. Burana TOPONIMO: INDIRIZZO: VIA PONTE SANTI BURANA DATI CATASTALI 35/11 TOPONIMO: DATI CATASTALI 35/11 Edificio residenziale isolato, attualmente non abitato e in disuso, il cui stato di conservazione è tuttavia discreto. L'impianto planimetrico è a in linea, con cellule a

Dettagli

[LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI]

[LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI] 2014 PROGETTARE BIOEDILE Giovanni Tona [LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI] Analisi delle cause delle più frequenti lesioni presenti negli edifici con struttura in cemento armato, e metodi di

Dettagli

Comune di Orbetello- Storia ed evoluzione degli insediamenti importanti per la valenza storica e per l identità territoriale

Comune di Orbetello- Storia ed evoluzione degli insediamenti importanti per la valenza storica e per l identità territoriale Comune di Orbetello- Storia ed evoluzione degli insediamenti importanti per la valenza storica e per l identità territoriale Scheda N : 140 Oggetto: SIPE NOBEL modificata in seguito alle osservazioni Vincoli

Dettagli

A.S.P. San Domenico - Pescia Restauro del portale e di parte della facciata della Chiesa di San Domenico

A.S.P. San Domenico - Pescia Restauro del portale e di parte della facciata della Chiesa di San Domenico A.S.P. San Domenico - Pescia Restauro del portale e di parte della facciata della Chiesa di San Domenico N art. DESCRIZIONE Unità di Misura PREZZI UNITARI 1 2 3 4 5 6 Opere di installazione di cantiere

Dettagli

THERMO RASATURA. Rivestimento minerale ad elevato potere termoisolante per il risanamento delle pareti da muffe, funghi, umidità e crepe

THERMO RASATURA. Rivestimento minerale ad elevato potere termoisolante per il risanamento delle pareti da muffe, funghi, umidità e crepe THERMO RASATURA Rivestimento minerale ad elevato potere termoisolante per il risanamento delle pareti da muffe, funghi, umidità e crepe konstruktive leidenschaft 01.2016 Vimark 2 5 DESCRIZIONE COMPOSIZIONE

Dettagli

LA DIAGNOSTICA SULLE FACCIATE: CONTRIBUTI PER UNA MIGLIORE CONOSCENZA DELLA STORIA MANUTENTIVA E CONSERVATIVA

LA DIAGNOSTICA SULLE FACCIATE: CONTRIBUTI PER UNA MIGLIORE CONOSCENZA DELLA STORIA MANUTENTIVA E CONSERVATIVA LA DIAGNOSTICA SULLE FACCIATE: CONTRIBUTI PER UNA MIGLIORE CONOSCENZA DELLA STORIA MANUTENTIVA E CONSERVATIVA Introduzione Nel volume precedente sono stati presentati i risultati della campagna d indagini

Dettagli

LINEA STUCCATUTTO. visita il sito dedicato. www.stuccatutto.it

LINEA STUCCATUTTO. visita il sito dedicato. www.stuccatutto.it LINEA STUCCATUTTO visita il sito dedicato www.stuccatutto.it 28 Stucco in Pasta Stucco in Pasta per Interni, pronto all uso STUCCO LINEA STUCCATUTTO Prodotto pronto all uso, di facile applicazione con

Dettagli

Norme tecniche. modificate con la delibera di approvazione COMUNE DI TRIESTE

Norme tecniche. modificate con la delibera di approvazione COMUNE DI TRIESTE modificate con la delibera di approvazione PARTE I - Norme cogenti Comune che deve assicurare la qualità e la coerenza degli interventi e degli obiettivi del presente Piano. ARTICOLO 1 - DEFINIZIONE Si

Dettagli

OMA. 4 Caratteristiche di base, Roma A Roma B 5 Le tonalità 6 Caratteristiche chimiche

OMA. 4 Caratteristiche di base, Roma A Roma B 5 Le tonalità 6 Caratteristiche chimiche OMA Legante a base di calce idraulica naturale per la preparazione di malte per il restauro e consolidamento di intonaci storici 4 Caratteristiche di base, Roma A Roma B 5 Le tonalità 6 Caratteristiche

Dettagli

D.Lgs. 85/2010 - Programma di valorizzazione TORRIONE degli SPAGNOLI - Carpi (MO)

D.Lgs. 85/2010 - Programma di valorizzazione TORRIONE degli SPAGNOLI - Carpi (MO) Settore A4 - Restauro e conservazione del patrimonio immobiliare artistico e storico D.Lgs. 85/2010 - Programma di valorizzazione TORRIONE degli SPAGNOLI - Carpi (MO) Qual è la pietra che sostiene il ponte?

Dettagli

I lavori sono stati affidati alla ditta Moranda Geom. Alfredo di Corteno Golgi (BS), con contratto d appalto del 14 marzo 2014.

I lavori sono stati affidati alla ditta Moranda Geom. Alfredo di Corteno Golgi (BS), con contratto d appalto del 14 marzo 2014. Il progetto di Risanamento e restauro conservativo dell ex sede della Società Operaia di Mutuo soccorso a Breno (BS) in Via Prudenzini è nato dalla necessità di recuperare un immobile di ampie dimensioni

Dettagli

RELAZIONE DI RESTAURO DEI LAVORI DI QUATTRO SALE DEL PALAZZO CLEMENTINO IN CAMPIDOGLIO

RELAZIONE DI RESTAURO DEI LAVORI DI QUATTRO SALE DEL PALAZZO CLEMENTINO IN CAMPIDOGLIO RELAZIONE DI RESTAURO DEI LAVORI DI QUATTRO SALE DEL PALAZZO CLEMENTINO IN CAMPIDOGLIO SALA 1 Soffitto ligneo - Stato di conservazione Il soffitto a cassettoni era ricoperto da numerosi strati di pitture

Dettagli

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e Pannello 1 I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e nelle vicinanze della strada basolata di età imperiale messa in luce negli anni 60 del secolo

Dettagli

SCHEDA DI RESTAURO DATI IDENTIFICATIVI. OGGETTO: (Bene culturale - Es. dipinto/cornice; scultura/basamento; dipinto murale/stucco; arredo, ecc.

SCHEDA DI RESTAURO DATI IDENTIFICATIVI. OGGETTO: (Bene culturale - Es. dipinto/cornice; scultura/basamento; dipinto murale/stucco; arredo, ecc. SCHEDA DI RESTAURO DATI IDENTIFICATIVI LOCALITA : (Provincia, comune, frazione, località) COLLOCAZIONE SPECIFICA: (Edificio, denominazione, indirizzo) PROVENIENZA / COLLOCAZIONE ATTUALE: PROPRIETA' DELL

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN INTONACO DI TERRA CASALINCONTRADA

REALIZZAZIONE DI UN INTONACO DI TERRA CASALINCONTRADA 4trt FrancescaChiaraRobboni A R C H I T E T T O A r c h i t e t t u r e i n t e r r a c r u d a s t o r i a, c u l t u r a e p a e s a g g i o. CASALINCONTRADA FESTA DELLA TERRA XII EDIZIONE 15-21 SETTEMBRE

Dettagli

RESTAURO CONSERVATIVO ELEMENTI LAPIDEI E INTONACI

RESTAURO CONSERVATIVO ELEMENTI LAPIDEI E INTONACI CINCOTTO ADRIANO RESTAURO CONSERVATIVO Cannaregio, 1333/c 30121 VENEZIA PALAZZO COLOMBO VENEZIA RESTAURO CONSERVATIVO ELEMENTI LAPIDEI E INTONACI 1 RELAZIONE DI INTERVENTO RESTAURO CONSERVATIVO FACCIATA

Dettagli

TRADIMALT IN 200 FIBRORINFORZATO

TRADIMALT IN 200 FIBRORINFORZATO TRADIMALT IN 200 FIBRORINFORZATO IN 200 FIBRORINFORZATO è una malta bastarda per intonaco di sottofondo tradizionale per interno ed esterno costituita da cemento, calce, inerti selezionati max 2,0 mm e

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SU CAMPIONATURA CON PRODOTTO IGRODRY

RELAZIONE TECNICA SU CAMPIONATURA CON PRODOTTO IGRODRY RELAZIONE TECNICA SU CAMPIONATURA CON PRODOTTO IGRODRY Suno 13 maggio 2015 Premessa: il sottoscritto Geom. Umberto Bino, titolare della NCS Nano Coating Systems, domiciliato in Suno (NO) Via Mottoscarone

Dettagli

di Valentina Muzii DOCUMENTAZIONE di RESTAURO Committenza : Pinacoteca Civica Teramo Direttrice Dott.ssa Paola Di Felice

di Valentina Muzii DOCUMENTAZIONE di RESTAURO Committenza : Pinacoteca Civica Teramo Direttrice Dott.ssa Paola Di Felice Studio di Restauro di Valentina Muzii Dipinti su tela e tavola, pitture murali, cornici, dorature, ceramica, materiale cartaceo, opere in metallo, oggetti lapidei e lignei policromi. Via Cona, 94-64100

Dettagli

BOLOGNA, SCALONE DI PALAZZO GIOVAGNONI Corridoio d Ingresso al pt, Scala, Atrio Ingresso al pn

BOLOGNA, SCALONE DI PALAZZO GIOVAGNONI Corridoio d Ingresso al pt, Scala, Atrio Ingresso al pn BOLOGNA, SCALONE DI PALAZZO GIOVAGNONI Corridoio d Ingresso al pt, Scala, Atrio Ingresso al pn INTERVENTO SPECIALISTICO di ICS -Indagine Critico-stratigrafica- e PROGETTAZIONE del RESTAURO delle SUPERFICI

Dettagli

PROGETTO A4 n. 170/2012 ESECUTIVO. Interventi di ripristino e miglioramento strutturale-sismico del Teatro Comunale

PROGETTO A4 n. 170/2012 ESECUTIVO. Interventi di ripristino e miglioramento strutturale-sismico del Teatro Comunale PROGETTO A4 n. 170/2012 ESECUTIVO Interventi di ripristino e miglioramento strutturale-sismico del Teatro Comunale RELAZIONE CON SCHEDE TECNICHE PER IL RESTAURO DI SUPERFICI DECORATE DI BENI ARCHITETTONICI

Dettagli

TIPOLOGIE PRINCIPALI 10

TIPOLOGIE PRINCIPALI 10 QUADERNO II Chiusure in muratura e calcestruzzo MURI ESTERNI IN ELEVAZIONE Scheda N : TIPOLOGIE PRINCIPALI 10 Esistono diversi tipi di muri,che si differenziano gli uni dagli altri per la loro resistenza

Dettagli

COMUNE DI ANGOLO TERME AREA A2 DESTINAZIONE URBANISTICA N.T.A.

COMUNE DI ANGOLO TERME AREA A2 DESTINAZIONE URBANISTICA N.T.A. COMUNE DI ANGOLO TERME AREA A2 DESTINAZIONE URBANISTICA N.T.A. 1 INTRODUZIONE Il sito localizzato nel comune di Angolo Terme (BS), in Viale Terme ed adibito a imbottigliamento si estende per una superficie

Dettagli

CENTRO STORICO NOBILE

CENTRO STORICO NOBILE CENTRO STORICO NOBILE Identificativo 34 Centro Storico Nobile Via Roma Identificativo catastale Mappale n.1142 fg. n. 4 Piani fuori terra n.3 Residenziale piano terra altri piani Grado di intervento Edificio

Dettagli

L IMMACOLATA Chiesa Conventuale di San Giovanni Battista Pesaro

L IMMACOLATA Chiesa Conventuale di San Giovanni Battista Pesaro LETIZIA BRUSCOLI VIA CANALE,30 ABITAZIONE VIA FAZI,3 LABORATORIO 61121 PESARO C.F. BRS LTZ 60P43G479V P.I.02492140419 CELL. 3497204135 - TEL. ABIT. 0721/24693 Pesaro 14/01/14 L IMMACOLATA Chiesa Conventuale

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI RESTAURO DEL VANO 2_21 AL PRIMO PIANO NOBILE

SCHEDA TECNICA DI RESTAURO DEL VANO 2_21 AL PRIMO PIANO NOBILE P IANO T ER R A VANO 2_21 SCHEDA TECNICA DI RESTAURO DEL VANO 2_21 AL PRIMO PIANO NOBILE 2-29 2-27b -4-2-28 2-26 2-18 2-19 2-21 2-25 Ubicazione: Soffitto voltato al primo piano nobile Soggetto: Volta a

Dettagli

Regione Campania Ufficio Osservatorio Prezzi

Regione Campania Ufficio Osservatorio Prezzi 1661 Analisi E.16.10.10.a Paraspigoli in lamiera zincata, in barre da 2 m, ala 35 mm, posti in opera, compresi tagli, rifiniture, ecc. Paraspigoli in lamiera zincata cad 1,00 1) Regione Campania al 02/11/08

Dettagli

LARES Diagnostica e conservazione di opere d arte

LARES Diagnostica e conservazione di opere d arte Palazzo Ducale Caminetti Lapidei Caminetto della sala degli Scarlatti Il caminetto che orna la Sala degli Scarlatti al primo piano di Palazzo Ducale, oggetto della proposta d intervento di restauro conservativo,

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Lavori di miglioramento sismico dell ex convento di San Biagio Importo intervento 120.000,00 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE

Dettagli

REPORT - INDAGINI TERMOGRAFICHE IN EDILIZIA

REPORT - INDAGINI TERMOGRAFICHE IN EDILIZIA REPORT - INDAGINI TERMOGRAFICHE IN EDILIZIA La Termografia è impiegata in edilizia per mappare la morfologia e lo stato di degrado di superfici nascoste da intonaco o da rivestimenti, grazie alla possibilità

Dettagli

Oggetto: Relazione tecnica sulle analisi di laboratorio condotte sugli intonaci esterni del Casino di San Remo (IM)

Oggetto: Relazione tecnica sulle analisi di laboratorio condotte sugli intonaci esterni del Casino di San Remo (IM) Oggetto: Relazione tecnica sulle analisi di laboratorio condotte sugli intonaci esterni del Casino di San Remo (IM) In seguito al sopralluogo condotto in data 30/12/2003 con il geom. Bellezza, funzionario

Dettagli

ISO 9869:1994 - Thermal insulation Building elements - In-situ measurement of thermal resistance and thermal transmittance

ISO 9869:1994 - Thermal insulation Building elements - In-situ measurement of thermal resistance and thermal transmittance Relazione di calcolo Determinazione della resistenza e della trasmittanza termica in opera di una parete con isolante riflettente Riferimenti normativi ISO 9869:1994 - Thermal insulation Building elements

Dettagli

valore storico/artistico riconosciuto [da 0 nullo a 3 massimo] stato di conservazione [pessimo-mediocresufficiente-ottimo]

valore storico/artistico riconosciuto [da 0 nullo a 3 massimo] stato di conservazione [pessimo-mediocresufficiente-ottimo] elemento zona descrizione stato attuale rilievo fotografico valore storico/artistico riconosciuto [da 0 nullo a 3 massimo] stato di conservazione [pessimo-mediocresufficiente-ottimo] intervento di riqualificazione

Dettagli

Immagine 3: Maniglia porta Tipo 2, vista frontale, porta Pm28. Immagine 12: Maniglia porta Tipo 6, vista frontale, porta P22

Immagine 3: Maniglia porta Tipo 2, vista frontale, porta Pm28. Immagine 12: Maniglia porta Tipo 6, vista frontale, porta P22 RES. PRG. 102 30/ 1 1/ 201 1 I NTERVENTO El ement iedappar at il i gnei :I nt er vent ioper ei nvar i ant e( mani gl i e,specchi,cor ni cit el e) Immagine 11: Maniglia porta Tipo 6, vista frontale, porta

Dettagli

COMUNE DI AGUGLIANO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA

COMUNE DI AGUGLIANO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA COMUNE DI AGUGLIANO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Ufficio proponente: Sportello Unico per l edilizia Responsabile: Dott. Arch. Tommaso Moreschi 1. RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il Comune di Agugliano è attualmente

Dettagli

3 DESCRIZIONE DETTAGLIATA DEI VARI BENI IMMOBILIARI E LORO VALUTAZIONE

3 DESCRIZIONE DETTAGLIATA DEI VARI BENI IMMOBILIARI E LORO VALUTAZIONE 3 DESCRIZIONE DETTAGLIATA DEI VARI BENI IMMOBILIARI E LORO VALUTAZIONE 3.1 A1) PONTASSIEVE COMPLESSO PER UFFICI E ANNESSI 3.1.1 LOCALIZZAZIONE DEL BENE Il bene in oggetto si trova nel Comune di Pontassieve,

Dettagli

OGGETTO: RELAZIONE FINALE RESTAURI ESEGUITI PRESSO VILLA POMPEI CARLOTTI ILLASI LOGGIA ESTERNA-AFFRESCHI INTERNO- UN SOFFITTO VANO SCALEAFFRESCHI

OGGETTO: RELAZIONE FINALE RESTAURI ESEGUITI PRESSO VILLA POMPEI CARLOTTI ILLASI LOGGIA ESTERNA-AFFRESCHI INTERNO- UN SOFFITTO VANO SCALEAFFRESCHI OGGETTO: RELAZIONE FINALE RESTAURI ESEGUITI PRESSO VILLA POMPEI CARLOTTI ILLASI LOGGIA ESTERNAAFFRESCHI INTERNO UN SOFFITTO VANO SCALEAFFRESCHI LOGGIA ESTERNA Nel soffitto della loggia esterna sono posti

Dettagli

Verona 02/11/2007. Chiameremo i due soffitti 1 e 2

Verona 02/11/2007. Chiameremo i due soffitti 1 e 2 Verona 02/11/2007 OGGETTO: RELAZIONE FINALE SUL RESTAURO DI DUE SOFFITTI LIGNEI A CASSETTONI, E DI UN PICCOLO BRANO AFFRESCATO A GROTTESCHE, IN UN APPARTAMENTO IN VIA C.CATTANEO 4 A VERONA Chiameremo i

Dettagli