Scia 2: i titoli edilizi e i procedimenti per ogni tipologia di intervento

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Scia 2: i titoli edilizi e i procedimenti per ogni tipologia di intervento"

Transcript

1 Scia 2: i titoli edilizi e i procedimenti per ogni tipologia di intervento Nel Decreto di prossima pubblicazione una tabella riassume le procedure da seguire, gli adempimenti successivi e la nuova disciplina sulla Segnalazione certificata di agibilità E in procinto di essere pubblicato lo schema di decreto legislativo in materia di individuazione dei procedimenti oggetto di autorizzazione, segnalazione certificata di inizio attività (Scia), silenzio assenso e comunicazione e di definizione dei regimi amministrativi applicabili a determinate attività e procedimenti, che attua l art. 5 della Legge n. 124/2015. Il decreto, che si affianca al D.Lgs. n. 126/2016 sulla Scia unificata, prevede la creazione di un glossario unico che individua il titolo necessario per ogni intervento, impone alle amministrazioni procedenti di fornire gratuitamente la necessaria attività di consulenza preistruttoria e fornisce una tabella riassuntiva dei titoli edilizi e dei relativi procedimenti. In attesa della pubblicazione, forniamo un ampia sintesi dei suoi contenuti. Semplificazione dei regimi amministrativi in materia edilizia Il decreto apporta le seguenti modifiche al Testo Unico

2 dell edilizia (D.P.R. n. 380/2001). a) competenze dello sportello unico per l edilizia (art. 5 Tu edilizia): non rilascerà più i certificati di agibilità, acquisirà gli atti di assenso necessari ai fini della realizzazione dell intervento edilizio finalizzati non più al solo permesso di costruire, non acquisirà più il parere dell azienda sanitaria locale, nel caso in cui non possa essere sostituito da una dichiarazione. b) attività edilizia libera (art. 6 Tu edilizia). Nuove tipologie di interventi ammessi: rampe che alterano la sagoma dell edificio per l eliminazione di barriere architettoniche; opere contingenti e temporanee, da rimuovere al massimo entro 90 giorni; opere di pavimentazione e finitura degli spazi esterni contenute entro l indice di permeabilità, comprese intercapedini interrate e inaccessibili, vasche di raccolta delle acque e locali tombati; pannelli solari e fotovoltaici al servizio degli edifici al di fuori dei centri storici; aree ludiche senza fini di lucro ed elementi di arredo delle aree pertinenziali degli edifici. c) comunicazione di inizio lavori (art. 6, commi 2,4,5 e 7 Tu edilizia). Eliminata, per cui rientrano nelle attività libere anche: gli interventi di manutenzione straordinaria, compresa l apertura di porte interne o lo spostamento di pareti interne, sempre che non riguardino le parti strutturali dell edificio; le modifiche interne di carattere edilizio sulla superficie coperta dei fabbricati adibiti ad esercizio d impresa, sempre che non riguardino le parti strutturali, o le modifiche della

3 destinazione d uso dei locali adibiti ad esercizio d impresa. d) interventi subordinati alla comunicazione di inizio lavori asseverata (art. 6-bis Tu edilizia). Riguardano: tutti gli interventi che non rientrano nelle attività edilizie libere o che non sono subordinati a permesso di costruire o alla a denuncia di inizio attività; la mancata comunicazione è punita con una sanzione pecuniaria di euro, ridotta di due terzi se la comunicazione viene effettuata durante l esecuzione dell intervento; le regioni possono estendere a disciplina della a ulteriori interventi, con relativi controlli. Leggi anche: Abusivismo edilizio, la Camera approva il ddl: tutte le novità e) segnalazione certificata di inizio attività Scia (Capo III, art. 22 comma 1 Tu edilizia). Interventi ammessi: manutenzione straordinaria sulle parti strutturali degli edifici; restauro e risanamento conservativo sulle parti strutturali degli edifici; ristrutturazione edilizia che non comporti modifiche alla volumetria, cambio di destinazione d uso degli edifici nel centri storici e cambio di sagoma degli edifici vincolati. f) interventi subordinati a Scia (invece che mediante denuncia di inizio attività) in alternativa al permesso di costruire, soggetti al contributo di costruzione (art. 23 Tu edilizia): ristrutturazioni edilizie che: portino ad un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente comportino modifiche della volumetria complessiva degli edifici o dei prospetti, limitatamente agli immobili compresi nelle zone omogenee A:

4 comportino mutamenti della destinazione d uso, comportino modificazioni della sagoma di immobili sottoposti a vincoli; nuove costruzioni o ristrutturazioni urbanistiche disciplinate da piani attuativi; nuove costruzioni qualora siano in diretta esecuzione di strumenti urbanistici generali recanti precise disposizioni plano-volumetriche. g) segnalazione certificata di agibilità (art. 24 Tu edilizia) sostituisce il certificato di agibilità e attesta la sussistenza delle condizioni di sicurezza, igiene, salubrità, risparmio energetico degli edifici e degli impianti e la conformità dell opera al progetto presentato e la sua agibilità. La segnalazione: va consegnata entro quindici giorni dall ultimazione dei lavori da parte del titolare del permesso di costruire o dal soggetto che ha presentato la Scia allo sportello unico per l edilizia per interventi: di nuova costruzione, di ricostruzione o sopraelevazione totali o parziali, su edifici esistenti che possano influire sulle condizioni di cui sopra; la mancata presentazione della segnalazione comporta una sanzione da 77 a 464 euro; la segnalazione può riguardare anche: singoli edifici o singole costruzioni funzionalmente autonomi con opere di urbanizzazione primaria, parti strutturali e impianti collaudati, singole unità immobiliari con impianti e opere strutturali collaudati e certificati; dovrà essere corredata da: attestazione del direttore dei lavori o di un professionista abilitato che assevera la sussistenza delle condizioni di cui sopra; certificato di collaudo statico e la dichiarazione di

5 regolare esecuzione del direttore dei lavori; dichiarazione di conformità delle opere realizzate alla normativa sull accessibilità e sul superamento delle barriere architettoniche; estremi della dichiarazione di aggiornamento catastale; dichiarazione dell impresa installatrice che attesta la conformità degli impianti e, se previsto, certificato di collaudo. Rimane invariata la disciplina del permesso di costruire (art. 10 Tu edilizia), al quale sono subordinati gli interventi: di nuova costruzione; di ristrutturazione urbanistica; di ristrutturazione edilizia che porti ad un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente e che comporti modifiche della volumetria complessiva degli edifici o dei prospetti; effettuati nei centri storici che implicano una modifica della destinazione d uso; che comportino modificazioni della sagoma di immobili sottoposti a vincoli. Interventi edilizi e relativi regimi ammnistrativi (tabella A sez. II.1) in ordine alfabetico Ampliamento fuori sagoma Aree ludiche ed elementi di arredo nelle aree di pertinenza Depositi e impianti all aperto

6 Eliminazione barriere architettoniche Eliminazione barriere architettoniche pesanti Manufatti leggeri in strutture ricettive Manufatti leggeri utilizzati come abitazione o luogo di lavoro o magazzini o depositi Manutenzione ordinaria Manutenzione straordinaria leggera Manutenzione straordinaria pesante Modifiche alla destinazione d uso dei locali adibiti ad esercizio d impresa Movimenti di terra Autorizzazione Scia

7 Movimenti di terra non inerenti all attività agricola Mutamento di destinazione d uso con rilevanza urbanistica Nuova costruzione (clausola residuale) Nuova costruzione in esecuzione di strumento urbanistico attuativo Opere contingenti e temporanee Pannelli fotovoltaici a servizio degli edifici Pavimentazione di aree pertinenziali Permesso di costruire in sanatoria Pertinenze Scia alternativa all autorizzazione Autorizzazione in sanatoria

8 Pertinenze minori Realizzazione di infrastrutture e impianti Restauro e risanamento conservativo leggero Restauro e risanamento conservativo pesante Ricerca nel sottosuolo Ricerca nel sottosuolo in aree interne al centro edificato Ristrutturazione edilizia semplice o leggera Ristrutturazione pesante Ristrutturazione urbanistica Scia in sanatoria Serre mobili stagionali Scia Scia Scia Scia in sanatoria

9 Serre mobili stagionali con strutture in muratura Torri e tralicci Urbanizzazione primaria e secondaria Varianti a permessi di costruire comportanti modifica della sagoma nel centro storico Varianti in corso d opera a permessi di costruire Varianti in corso d opera che presentano variazioni essenziali Varianti in corso d opera che non presentano variazioni essenziali Scia

10 Tutti gli interventi che non rientrano nelle attività edilizie libere o che non sono subordinati a permesso di costruire o alla a denuncia di inizio attività Leggi anche: Quando il reato edilizio deriva dalle norme tecniche per le costruzioni Copyright - Riproduzione riservata

PROCEDURE ED INTERVENTI EDILIZI

PROCEDURE ED INTERVENTI EDILIZI Unione Lombarda dei comuni della Ciria Comuni di CORTE DE FRATI OLMENETA GRONTARDO www.unionedeicomuni.cr.it info@unionedeicomuni.cr.it PROCEDURE ED INTERVENTI EDILIZI Normativa di riferimento Attività

Dettagli

1. - ATTIVITA EDILIZIA LIBERA

1. - ATTIVITA EDILIZIA LIBERA I TITOLI EDILIZI ABILITATIVI NEL T.U. EDILIZIA dopo le modifiche apportate da: D.L. n. 78,/2010 conver. in L. n. 122/2010; D.L. 70/2010 conver. in L. n. 106/2011; D.L. 22/6/2012, conver. in L. 134/2012

Dettagli

DEFINIZIONE DEGLI INTERVENTI EDILIZI

DEFINIZIONE DEGLI INTERVENTI EDILIZI DEFINIZIONE DEGLI INTERVENTI EDILIZI MANUTENZIONE ORDINARIA gli interventi edilizi che riguardano le opere di riparazione, rinnovamento e sostituzione delle finiture degli edifici e quelle necessarie ad

Dettagli

Il Decreto SCIA 2 Tutte le novità del Decreto SCIA 2. Interventi edilizi e relativi regimi amministrativi. Notiziario Breve Civil Law.

Il Decreto SCIA 2 Tutte le novità del Decreto SCIA 2. Interventi edilizi e relativi regimi amministrativi. Notiziario Breve Civil Law. Notiziario Breve Civil Law Dicembre 2016 A pagina 3 Edilizia libera Interventi con SCIA Permesso di A pagina 4 Segnalazione certificate di agibilità SCIA alternative al permesso di Ricevuta telematica

Dettagli

CODICE APPALTI Progettazione, dagli ingegneri bando-tipo e software per calcolare gli importi di gara

CODICE APPALTI Progettazione, dagli ingegneri bando-tipo e software per calcolare gli importi di gara martedì 21 giugno 2016 CODICE APPALTI Progettazione, dagli ingegneri bando-tipo e software per calcolare gli importi di gara www.quotidiano.ilsole24ore.com del 21/06/2016 EDILIZIA Riforma Madia: quando

Dettagli

PORTALE SUE VERSIONE 2.8.3

PORTALE SUE VERSIONE 2.8.3 PORTALE SUE VERSIONE 2.8.3 Comune di Manfredonia AGGIORNAMENTO PORTALE SUE ALLA VERSIONE 2.8.3 PRINCIPALI ASPETTI AGGIORNATI: Aggiornamento tipologie d intervento secondo le specifiche della Tabella A

Dettagli

P07- Vorrei presentare una comunicazione di esecuzione lavori - rev.5 del

P07- Vorrei presentare una comunicazione di esecuzione lavori - rev.5 del P07- Vorrei presentare una comunicazione di esecuzione lavori - rev.5 del 14.3.2016 Definizione Si tratta di una comunicazione, ai sensi dell art. 6 del D.P.R. 380/01 e s.m.i., che il proprietario dell'immobile

Dettagli

al N.C.T.: Fg. n. mappale n. ; al N.C.E.U.: Fg. n. mappale n. sub. ; COMUNICA

al N.C.T.: Fg. n. mappale n. ; al N.C.E.U.: Fg. n. mappale n. sub. ; COMUNICA COMUNICAZIONE ATTIVITA EDILIZIA LIBERA Ai sensi dell art.6 del D.P.R. 380/2001 e s.m.i. come modificato dal D.L. 25 marzo 2010, n.40 convertito con la L.22 maggio 2010, n.73 Il sottoscritto, C.F. _I_I_I_I_I_I_I_I_I_I_I_I_I_I_I_I

Dettagli

Al Responsabile del Settore III GESTIONE TERRITORIO del Comune di Scanzorosciate (BG)

Al Responsabile del Settore III GESTIONE TERRITORIO del Comune di Scanzorosciate (BG) PROTOCOLLO GENERALE 1 MARCA DA BOLLO DA EURO 14,62 PRATICA EDILIZIA N. (riservato all'ufficio) Al Responsabile del Settore III GESTIONE TERRITORIO del Comune di 24020 Scanzorosciate (BG) RICHIESTA DEL

Dettagli

COMUNE DI PIANIGA 3 Settore Edilizia Privata - Urbanistica

COMUNE DI PIANIGA 3 Settore Edilizia Privata - Urbanistica Mod. COM.ATT.LIBERA rev 11/2012 COMUNE DI PIANIGA 3 Settore Edilizia Privata - Urbanistica COMUNICAZIONE ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA (Ai sensi dell art. 6 del D.P.R. 380/2001 e successive modifiche ed integrazioni)

Dettagli

Sportello Unico dell'edilizia

Sportello Unico dell'edilizia ordine degli architetti p. p. e c. ordine degli ingegneri Bergamo Sportello Unico dell'edilizia EDILIZIA PRIVATA E SEMPLIFICAZIONE PROCEDIMENTALE DOPO IL DECRETO SVILUPPO Sabato 29 ottobre 2011 inquadramento

Dettagli

NOVITA' IN MATERIA DI EDILIZIA - INTEGRAZIONE TESTO PUBBLICATO IL 18 GENNAIO

NOVITA' IN MATERIA DI EDILIZIA - INTEGRAZIONE TESTO PUBBLICATO IL 18 GENNAIO Prot. n. 378/2017/A Verona, 14.02.2017 A TUTTI GLI ISCRITTI ALL ALBO LORO SEDI NOVITA' IN MATERIA DI EDILIZIA - INTEGRAZIONE TESTO PUBBLICATO IL 18 GENNAIO 2017 - APPROVAZIONE E PUBBLICAZIONE DELLA MODULISTICA

Dettagli

PROCEDIMENTI EDILIZI DA APPLICARE ALLE DIVERSE TIPOLOGIE DI INTERVENTI

PROCEDIMENTI EDILIZI DA APPLICARE ALLE DIVERSE TIPOLOGIE DI INTERVENTI DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata Scheda SUE P01 PROCEDIMENTI EDILIZI DA APPLICARE ALLE DIVERSE TIPOLOGIE DI INTERVENTI con riferimento al ed alla aggiornamento Agosto 2015 Note di metodo

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 277 del 26 novembre Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Sabato, 26 novembre 2016

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 277 del 26 novembre Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Sabato, 26 novembre 2016 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 277 del 26 novembre 2016 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Nuove regole e procedimenti per la semplificazione edilizia

Nuove regole e procedimenti per la semplificazione edilizia Nuove regole e procedimenti per la semplificazione edilizia Tiziana Fiorella e Gianluigi Delle Cave La legge n. 124 del 2015, nota come Riforma Madia, ha modificato profondamente, in termini di semplificazione

Dettagli

COMUNE DI AVELLA (Provincia di Avellino)

COMUNE DI AVELLA (Provincia di Avellino) Protocollo generale COMUNE DI AVELLA (Provincia di Avellino) Allo Sportello Unico per l Edilizia Settore Tecnico Servizio Urbanistica COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA Testo Unico delle

Dettagli

PROCEDIMENTI EDILIZI, AGIBILITÀ DEGLI EDIFICI E COLLAUDO STATICO: NUOVO REGIME DOPO IL D. LEG.VO 222/2016

PROCEDIMENTI EDILIZI, AGIBILITÀ DEGLI EDIFICI E COLLAUDO STATICO: NUOVO REGIME DOPO IL D. LEG.VO 222/2016 PROCEDIMENTI EDILIZI, AGIBILITÀ DEGLI EDIFICI E COLLAUDO STATICO: NUOVO REGIME DOPO IL D. LEG.VO 222/2016 Dopo le importanti modifiche al Testo unico dell edilizia di cui al D.P.R. 380/2001, questo contributo

Dettagli

C O M U N E DI E S T E P R O V I N C I A D I P A D O V A

C O M U N E DI E S T E P R O V I N C I A D I P A D O V A C O M U N E DI E S T E P R O V I N C I A D I P A D O V A AREA IV GESTIONE E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE Piazza Maggiore n.6 - C.A.P.35042 tel.0429/617580 - fax.0429/600632 COMUNICAZIONE ATTIVITÀ EDILIZIA

Dettagli

l PROCEDIMENTI DELL'EDILIZIA PRODUTTIVA

l PROCEDIMENTI DELL'EDILIZIA PRODUTTIVA l PROCEDIMENTI DELL'EDILIZIA PRODUTTIVA Verona, 21 novembre 2012 Marina Coin Quadro normativo generale LEGGE 241/1990 D.P.R. 380/2001 Legge 73/2010 (art. 6 DPR 380/01) D.P.R. 160/2010 Legge 122/2010 (art.

Dettagli

DPR 380/2001. Riunione e coordinamento di leggi e regolamenti precedenti

DPR 380/2001. Riunione e coordinamento di leggi e regolamenti precedenti IL NUOVO TESTO UNICO DELL EDILIZIA DPR 380/2001 Riunione e coordinamento di leggi e regolamenti precedenti MISURE DI SALVAGUARDIA Il potere di sospensione Fra l adozione di uno strumento urbanistico da

Dettagli

CILA (Comunicazione inizio lavori asseverata), il modello unico PDF editabile e la guida alla compilazione

CILA (Comunicazione inizio lavori asseverata), il modello unico PDF editabile e la guida alla compilazione CILA (Comunicazione inizio lavori asseverata), il modello unico PDF editabile e la guida alla compilazione CILA (Comunicazione inizio lavori asseverata), modello PDF editabile CILA (Comunicazione inizio

Dettagli

I cambi di destinazione d uso: considerazioni e indicazioni per la presentazione delle istanze

I cambi di destinazione d uso: considerazioni e indicazioni per la presentazione delle istanze I cambi di destinazione d uso: considerazioni e indicazioni per la presentazione delle istanze La competenza legislativa concorrente, tra Stato e Regioni, ha reso piuttosto complessa e mutevole nel tempo

Dettagli

COMUNE DI SESTOLA PROVINCIA DI MODENA

COMUNE DI SESTOLA PROVINCIA DI MODENA Prot. ut/201 Sestola, 03/06/2010 Ai liberi professionisti LORO SEDI Oggetto: CHIARIMENTI IN MERITO AL D.L. 40/2010 CONVERTITO IN LEGGE 73/2010, IN VIGORE DAL 26/05/2010. Gentili colleghi, gentili professionisti,

Dettagli

GLI INTERVENTI EDILIZI ED IL RELATIVO REGIME DEI TITOLI ABILITATIVI

GLI INTERVENTI EDILIZI ED IL RELATIVO REGIME DEI TITOLI ABILITATIVI GLI INTERVENTI EDILIZI ED IL RELATIVO REGIME DEI TITOLI ABILITATIVI a seguito delle modifiche al DPR 06/06/2001 n. 380 Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia Edilizia operate

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA. DI INIZIO ATTIVITA di AGIBILITA

SEGNALAZIONE CERTIFICATA. DI INIZIO ATTIVITA di AGIBILITA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA di AGIBILITA Prot. ai sensi dell art.24 del D.P.R.380/01 (così come modificato dall art. 3 del d.lgs. 222/2016) nonché dell art 19 L.241/90 AL COMUNE DI TAVERNERIO

Dettagli

Richiesta titoli abilitativi. Prof. Roma Carmelo

Richiesta titoli abilitativi. Prof. Roma Carmelo Richiesta titoli abilitativi Per poter realizzare un intervento edilizio occorre effettuare la richiesta all amministrazione competente per poter ottenere il titolo abilitativo, che autorizza la realizzazione

Dettagli

OGGETTO : Lavori di manutenzione ordinaria sul fabbricato per. sito in. Il sottoscritto/a, nato/a a. il.e residente in..., in Via/Piazza..

OGGETTO : Lavori di manutenzione ordinaria sul fabbricato per. sito in. Il sottoscritto/a, nato/a a. il.e residente in..., in Via/Piazza.. OGGETTO : Lavori di manutenzione ordinaria sul fabbricato per. sito in. PROPRIETARIO:.. Il sottoscritto/a, nato/a a. il.e residente in..., in Via/Piazza.. C O M U N I C A alla S.V. di dare inizio ai l

Dettagli

Comune di Lonate Ceppino Servizi Urbanistici

Comune di Lonate Ceppino Servizi Urbanistici Comune di Lonate Ceppino Servizi Urbanistici RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE PRATICA EDILIZIA n. INTESTATA A Parte riservata all ufficio I sottoscritt 1) nato/a a prov. il residente in via/p.zza n.

Dettagli

COMUNICAZIONE ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA Art. 80 L.R. 1/2005 art. B16 del Regolamento Edilizio

COMUNICAZIONE ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA Art. 80 L.R. 1/2005 art. B16 del Regolamento Edilizio Sportello Unico per le Attività produttive (SUAP) di... Comune di SARTEANO Servizio edilizia privata 1 copia in carta semplice copia denunciante COMUNICAZIONE ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA Art. 80 L.R. 1/2005

Dettagli

DISCIPLINA DELL ATTIVITA EDILIZIA

DISCIPLINA DELL ATTIVITA EDILIZIA CORSO DI AVVICINAMENTO AGLI ESAMI DI STATO PER L L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE Aula Magna Facoltà di Ingegneria Napoli DISCIPLINA DELL ATTIVITA EDILIZIA Testo unico edilizia D.P.R. 380/2001

Dettagli

COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI PER ATTIVITA EDILIZIA LIBERA, ai sensi dell art. 6 comma 2 DPR 380/2001 e art. 80 comma 2 della della L.R. 1/2005.

COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI PER ATTIVITA EDILIZIA LIBERA, ai sensi dell art. 6 comma 2 DPR 380/2001 e art. 80 comma 2 della della L.R. 1/2005. All Ufficio Tecnico del Comune di FIRENZUOLA 50033 FIRENZUOLA FI OGGETTO: COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI PER ATTIVITA EDILIZIA LIBERA, ai sensi dell art 6 comma 2 DPR 380/2001 e art 80 comma 2 della della

Dettagli

Modello SEMPLIFICATO per l edilizia protocollo comunale marca da bollo 14,62 (1)

Modello SEMPLIFICATO per l edilizia protocollo comunale marca da bollo 14,62 (1) Allo Sportello Unico per l Edilizia del Comune di posta elettronica certificata: Modello SEMPLIFICATO per l edilizia protocollo comunale marca da bollo 14,62 (1) Quadro A Dati dei richiedenti nato/a a

Dettagli

Schema di decreto legge recante Interventi urgenti di semplificazione

Schema di decreto legge recante Interventi urgenti di semplificazione Schema di decreto legge recante Interventi urgenti di semplificazione Art. 1 (Attività edilizia libera) 1. L art. 6 del D.P.R. n. 380 DEL 2001 è sostituito dal seguente: 6. (L) Attività edilizia libera.

Dettagli

Titolare/i. residente in (indirizzo) codice fiscale 2 residente in (indirizzo) codice fiscale 3 residente in (indirizzo) codice fiscale

Titolare/i. residente in (indirizzo) codice fiscale 2 residente in (indirizzo) codice fiscale 3 residente in (indirizzo) codice fiscale COMUNE DI SILVANO D ORBA PROVINCIA DI ALESSANDRIA P.ZA C. BATTISTI 25 15060 Silvano d'orba Tel. 0143/841491 Fax 0143/841154 www.comune.silvanodorba.al.it e-mail: sildor@tin.it Posta Elettronica Certificata:

Dettagli

Allo Sportello Unico per l Edilizia del Comune di ALATRI

Allo Sportello Unico per l Edilizia del Comune di ALATRI Comune di Alatri Provincia di Frosinone DENUNCIA INIZIO ATTIVITA ( DIA - Art. 22-23 del D.P.R. n.380/2001 e s.m.i. ) SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA - Art. 19 della Legge 7 agosto 1990,

Dettagli

D.lgs. n. 222 del 2016 (Scia)

D.lgs. n. 222 del 2016 (Scia) Pagina 1 di 6 Decreto legislativo 20 novembre 2016, n. 222 Individuazione di procedimenti oggetto di autorizzazione, segnalazione certificata di inizio di attività (SCIA), silenzio assenso e comunicazione

Dettagli

COMUNE DI SANT ANGELO LOMELLINA

COMUNE DI SANT ANGELO LOMELLINA Protocollo generale Protocollo Tecnico COMUNE DI SANT ANGELO LOMELLINA Comunità Regione Europea Lombardia Provincia di Pavia COMUNICAZIONE ATTIVITA EDILIZIA LIBERA Mod. B (ai sensi dell art.6 comma 2 del

Dettagli

Titoli abilitativi edilizi

Titoli abilitativi edilizi Titoli abilitativi edilizi Ecco la guida definitiva in funzione degli interventi da realizzare CON LA ASSEVERATA stralcio dalla tabella A D.Lgs 222/2016 Quale titolo abilitativo edilizio è necessario se

Dettagli

TAVOLA DI CORRISPONDENZA DEI RIFERIMENTI NORMATIVI DEL TESTO UNICO DELLE DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E REGOLAMENTARI IN MATERIA DI EDILIZIA

TAVOLA DI CORRISPONDENZA DEI RIFERIMENTI NORMATIVI DEL TESTO UNICO DELLE DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E REGOLAMENTARI IN MATERIA DI EDILIZIA D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia ALLEGATO (G.U. n. 245 del 20 ottobre 2001, s.o. n. 239) (ripubblicazione sul S.o. n. 246 alla

Dettagli

COMUNICAZIONE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA PER ATTIVITA EDILIZIA LIBERA (ai sensi dell art. 6 comma 2 del DPR 380/01 e s.m.i.) Il sottoscritto nato a

COMUNICAZIONE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA PER ATTIVITA EDILIZIA LIBERA (ai sensi dell art. 6 comma 2 del DPR 380/01 e s.m.i.) Il sottoscritto nato a Comune di Vicolungo COMUNICAZIONE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA PER ATTIVITA EDILIZIA LIBERA (ai sensi dell art. 6 comma 2 del DPR 380/01 e s.m.i.) AL SERVIZIO GESTIONE SVILUPPO DEL TERRITORIO ATTIVITA

Dettagli

Settore Pianificazione Territoriale Servizio Qualità Edilizia. Importo DIRITTI di SEGRETERIA sugli atti edilizi dal 15 Novembre 2011

Settore Pianificazione Territoriale Servizio Qualità Edilizia. Importo DIRITTI di SEGRETERIA sugli atti edilizi dal 15 Novembre 2011 Settore Pianificazione Territoriale Servizio Qualità Edilizia Importo DIRITTI di SEGRETERIA sugli atti edilizi dal 15 Novembre 2011 ATTIVITA EDILIZIA LIBERA Non richiesto Art. 6, comma 1, D.P.R. 380/01

Dettagli

COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA (art. 6 comma 2 del D.P.R. n.380/01)

COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA (art. 6 comma 2 del D.P.R. n.380/01) COMUNE DI MEZZAGO Via F.lli Brasca, 5 20883 Mezzago (MB) Tel. 039/606761 fax 039/6020383 c.f. 02863360158 p.iva 00738990969 www.comune.mezzago.mb.it SERVIZIO ASSETTO DEL TERRITORIO COMUNICAZIONE DI INIZIO

Dettagli

Come districarsi tra permessi e autorizzazioni

Come districarsi tra permessi e autorizzazioni Come districarsi tra permessi e autorizzazioni Quando serve CIL, CILA o SCIA (e quando non serve nulla) Negli ultimi anni le normative che regolano i permessi e le autorizzazioni per i lavori edilizi si

Dettagli

COMUNE DI POGGIO TORRIANA Provincia di Rimini

COMUNE DI POGGIO TORRIANA Provincia di Rimini ORIGINALE Seduta del 06/02/2014 n. 17 (CON POTERI SPETTANTI ALLA GIUNTA) Oggetto: AGGIORNAMENTO DEI DIRITTI DI SEGRETERIA PER PRATICHE, ATTI E CERTIFICAZIONI IN MATERIA DI EDILIZIA PRIVATA E URBANISTICA

Dettagli

COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI TARDIVA PER ATTIVITA EDILIZIA LIBERA (art.6 comma 7 del D.P.R. n.380/2001 così come modificato dalla Legge n.

COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI TARDIVA PER ATTIVITA EDILIZIA LIBERA (art.6 comma 7 del D.P.R. n.380/2001 così come modificato dalla Legge n. Comune di Oliva Gessi Provincia di Pavia Spazio riservato per il protocollo Servizio Territorio ed Ambiente Ufficio Edilizia Privata COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI TARDIVA PER ATTIVITA EDILIZIA LIBERA

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO IN MATERIA DI INDIVIDUAZIONE DI PROCEDIMENTI OGGETTO DI AUTORIZZAZIONE, SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (SCIA), SILENZIO ASSENSO E COMUNICAZIONE E DI DEFINIZIONE

Dettagli

DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA (D.I.A.)

DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA (D.I.A.) SPAZIO RISERVATO AL PROTOCOLLO Spett.le UFFICIO EDILIZIA PRIVATA COMUNE DI PIEVE DI SOLIGO VIA G. VACCARI 2 31053 PIEVE DI SOLIGO DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA (D.I.A.) La sottoscritta Ditta: (nel caso di

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI Art. 6, comma 2, del d.p.r. 6 giugno 2001 n. 380

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI Art. 6, comma 2, del d.p.r. 6 giugno 2001 n. 380 Al Comune di MANDURIA Sportello Unico per l Edilizia - SUE EDILIZIA LIBERA Riferimento Fascicolo Edilizio N del COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI Art. 6, comma 2, del d.p.r. 6 giugno 2001 n. 380 TITOLARE: TECNICO:

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALL AGIBILITA DEI LOCALI AI SENSI DEL D.P.R. 6 GIUGNO 2001, N. 380

REGOLAMENTO RELATIVO ALL AGIBILITA DEI LOCALI AI SENSI DEL D.P.R. 6 GIUGNO 2001, N. 380 REGOLAMENTO RELATIVO ALL AGIBILITA DEI LOCALI AI SENSI DEL D.P.R. 6 GIUGNO 2001, N. 380 Adottato con Delibera del Commissario Straordinario n. 186 del 10.4.2006 1 PARTE I AGIBILITA FRAZIONATA Art. 1 -

Dettagli

VADEMECUM PER L APPLICAZIONE DELLE DIVERSE PROCEDURE EDILIZIE SEMPLIFICATE, IN FUNZIONE DEL TIPO DI INTERVENTO PREVISTO

VADEMECUM PER L APPLICAZIONE DELLE DIVERSE PROCEDURE EDILIZIE SEMPLIFICATE, IN FUNZIONE DEL TIPO DI INTERVENTO PREVISTO COMUNE DI PIADENA Provincia di Cremona Sede Municipale: Piazza Garibaldi n. 3 - Tel. 0375.98125 - Fax n. 0375.98733 VADEMECUM PER L APPLICAZIONE DELLE DIVERSE PROCEDURE EDILIZIE SEMPLIFICATE, IN FUNZIONE

Dettagli

Il/ La sottoscritto/a nato/a a il codice fiscale residente in / con sede in via/piazza tel. fax

Il/ La sottoscritto/a nato/a a il codice fiscale residente in / con sede in via/piazza tel. fax Protocollo Spett.le Responsabile del Settore Edilizia Privata e Urbanistica Comune di Caltrano Piazza Dante, 8 36030 Caltrano (VI) Segnalazione Certificata d Inizio Attività (S.C.I.A.) (ai sensi dell art.

Dettagli

Super SCIA (segnalazione certificata di inizio attività alternativa al permesso di costruire)

Super SCIA (segnalazione certificata di inizio attività alternativa al permesso di costruire) Con l entrata in vigore del dlgs 222/2016 che apporta modifiche al, scompaiono definitivamente la DIA, la super DIA e la CIL. Restano in piedi 5 titoli abilitativi: Edilizia libera (senza necessità di

Dettagli

LE NOVITÀ IN MATERIA EDILIZIA A SEGUITO DEL DECRETO LEGISLATIVO 222/2016

LE NOVITÀ IN MATERIA EDILIZIA A SEGUITO DEL DECRETO LEGISLATIVO 222/2016 PRIMO PIANO Segue da pag. 1 Segnalazioni Novità Normative LE NOVITÀ IN MATERIA EDILIZIA A SEGUITO DEL DECRETO LEGISLATIVO 222/2016 Avvertenza: scopo del presente contributo è segnalare le novità introdotte

Dettagli

Comune di Rapolano Terme

Comune di Rapolano Terme ( P r o vi n c i a d i S i e n a ) TARIFFE DEI DIRITTI DI SEGRETERIA PER ATTI ED ATTESTAZIONI IN MATERIA EDILIZIA, URBANISTICA ED AMBIENTE ( e x. A rt 1 0, D. L. 1 8 / 0 1 / 1 9 9 3, n 8 c o n v e r t

Dettagli

AL SETTORE EDILIZIA PRIVATA-URBANISTICA P.zza A. Moro, CASALSERUGO PD Tel 049/ Fax 049/

AL SETTORE EDILIZIA PRIVATA-URBANISTICA P.zza A. Moro, CASALSERUGO PD Tel 049/ Fax 049/ AL SETTORE EDILIZIA PRIVATA-URBANISTICA P.zza A. Moro, 1 35020 CASALSERUGO PD Tel 049/8742821-823 Fax 049/8740015 edip@comune.casalserugo.pd.it Oggetto: ATTIVITA EDILIZIA LIBERA COMUNICAZIONE PREVENTIVA

Dettagli

Descrizione. Documentazione

Descrizione. Documentazione Descrizione Il certificato di agibilità attesta la sussistenza delle condizioni di sicurezza, igiene, salubrità, risparmio energetico degli edifici e degli impianti negli stessi installati, valutate secondo

Dettagli

Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione ATTIVITA' DI EDILIZIA LIBERA. (Art. 6 comma 1 D.P.R. 06/06/2001 n. 380)

Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione ATTIVITA' DI EDILIZIA LIBERA. (Art. 6 comma 1 D.P.R. 06/06/2001 n. 380) CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*GGMMAAAAHH:MM Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione DATI DEL TITOLARE DATI DELLA DITTA O SOCIETÀ ATTIVITA' DI EDILIZIA LIBERA Cognome Nome Codice fiscale Data di

Dettagli

TESTO UNICO DELL EDILIZIA

TESTO UNICO DELL EDILIZIA TESTO UNICO DELL EDILIZIA Decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380 Testo aggiornato con le modifiche introdotte da: D.L. 12/09/2014, n. 133 (L. 11/11/2014, n. 164) D.L. 28/03/2014,

Dettagli

Al Responsabile del Servizio Territorio ed Ambiente del Comune di Oliva Gessi

Al Responsabile del Servizio Territorio ed Ambiente del Comune di Oliva Gessi Comune di Oliva Gessi Provincia di Pavia Spazio riservato per il protocollo Servizio Territorio ed Ambiente Ufficio Edilizia Privata Marca da bollo da euro 14,62 DOMANDA DI PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA

Dettagli

DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA (D.I.A) ai sensi dell art. 41 della Legge Regionale n. 12 del 11 marzo 2005 e s.m.i.

DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA (D.I.A) ai sensi dell art. 41 della Legge Regionale n. 12 del 11 marzo 2005 e s.m.i. Spett.le Responsabile del Settore Territorio e Ambiente presso COMUNE DI BREMBATE SPAZIO RISERVATO ALL UFFICIO PROTOCOLLO DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA (D.I.A) ai sensi dell art. 41 della Legge Regionale

Dettagli

Comune di Vignola Provincia di Modena

Comune di Vignola Provincia di Modena Comune di Vignola Provincia di Modena IMPORTI DEI DIRITTI DI SEGRETERIA dal(art.10 comma 10 del Decreto Legge 8/1993, convertito con modificazioni nella Legge n.68/1993 recante Disposizioni urgenti in

Dettagli

DPR 380/01 E SUE SUCCESSIVE MODIFICHE ED NTEGRAZIONI

DPR 380/01 E SUE SUCCESSIVE MODIFICHE ED NTEGRAZIONI TESTO UNICO PER L EDILIZIA DPR 380/01 E SUE SUCCESSIVE MODIFICHE ED NTEGRAZIONI PARTE I Attività edilizia TITOLO I - Disposizioni generali Capo I - Attività edilizia Art. 1 (L) - Ambito di applicazione

Dettagli

PERMESSO DI COSTRUIRE Interventi di cui all art.10 comma 1 DPR 380/2001 e s.m.i.

PERMESSO DI COSTRUIRE Interventi di cui all art.10 comma 1 DPR 380/2001 e s.m.i. PERMESSO DI COSTRUIRE Interventi di cui all art.10 comma 1 DPR 380/2001 e s.m.i. - nuova costruzione - ristrutturazione urbanistica - ristrutturazione edilizia con interventi che portino ad un organismo

Dettagli

AGIBILITA /ABITABILITA N del

AGIBILITA /ABITABILITA N del COMUNE DI CRESPINA LORENZANA (Provincia di PISA) timbro e data di arrivo AREA 3 PIANIFICAZIONE E ASSETTO DEL TERRITORIO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA (SUE) SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE (SUAP)

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI AGIBILITA Ai sensi art. 24 del D.P.R. 380/2001 e s.m.i.

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI AGIBILITA Ai sensi art. 24 del D.P.R. 380/2001 e s.m.i. Settore Governo del Territorio Mod Scia Agib_01 / 02.2017 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI AGIBILITA Ai sensi art. 24 del D.P.R. 380/2001 e s.m.i. (Da presentare entro 15 giorni dalla comunicazione di fine

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 25 novembre 2016, n. 222

DECRETO LEGISLATIVO 25 novembre 2016, n. 222 DECRETO LEGISLATIVO 25 novembre 2016, n. 222 Individuazione di procedimenti oggetto di autorizzazione, segnalazione certificata di inizio di attivita' (SCIA), silenzio assenso e comunicazione e di definizione

Dettagli

COMUNE DI POGGIOMARINO

COMUNE DI POGGIOMARINO COMUNE DI POGGIOMARINO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI AGIBILITÀ Piazza De Marinis, 3 Tel. 081-8658221/215/255 pec:utc@pec.comune.poggiomarino.na.it Al SETTORE URBANISTICA DEL COMUNE DI POGGIOMARINO Il sottoscritto

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 277 del 26 novembre Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Sabato, 26 novembre 2016

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 277 del 26 novembre Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Sabato, 26 novembre 2016 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 277 del 26 novembre 2016 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA SERVIZIO TRASFORMAZIONI EDILIZIE. Prot. gen.

SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA SERVIZIO TRASFORMAZIONI EDILIZIE. Prot. gen. Riservato all Ufficio Prot. gen. ESTREMI DI RIFERIMENTO ARCHIVIAZIONE: Pratica Edilizia: n. / OGGETTO: lavori di da eseguirsi nel (appartamento, condominio, ufficio, locale commerciale etc.), sito in Via

Dettagli

con sede in via/piazza n. che rappresenta in qualità di

con sede in via/piazza n. che rappresenta in qualità di Comune di Villata Provincia di Vercelli Sportello Unico edilizia P.G. Marca da bollo da euro 10,33 DOMANDA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (articoli da 11 a 15 del d.p.r. n. 380 del 2001) ordinario per interventi

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI ai sensi dell art. 80 comma 2 L.R.T. n.01/2005 e s.m.i. (ex. art. 6 comma 2 lettera a) D.P.R. n.

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI ai sensi dell art. 80 comma 2 L.R.T. n.01/2005 e s.m.i. (ex. art. 6 comma 2 lettera a) D.P.R. n. "!#$ %'&)(*% +-,.$/0/1.324, 56578, 7:9-?A@-B @DCCFEHGIDJKGLNM-IOQP, @R5S,)>T. U@B VMGW$XDXYGWAZ O-OTJ [*.R\]MGTW-X^XGTW$ZT.Vaj-,)Va,

Dettagli

RIPARTIZIONE URBANISTICA E TERRITORIO SETTORE EDILIZIA PRIVATA

RIPARTIZIONE URBANISTICA E TERRITORIO SETTORE EDILIZIA PRIVATA RIPARTIZIONE URBANISTICA E TERRITORIO SETTORE EDILIZIA PRIVATA Pratica Edilizia 2017/81 Marca da bollo 16,00 Diritti di Segreteria 104,00 Identificativo n. 01161525337203 Ricevuta n. 1157 del 21/11/2017

Dettagli

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA Il Servizio Edilizia privata si occupa di atti abilitativi e di controllo sui lavori edili eseguiti da parte di privati ed imprese su tutto il territorio cittadino, suddiviso

Dettagli

RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA

RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA Prroviinciia dii Roma) Marca da bollo 14.62 - SPAZIO RISERVATO ALL UFFICIO PROTOCOLLO - DA CONSEGNARE A: ===================================================================================== Ufficio Tecnico

Dettagli

SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA del COMUNE di FERENTINO

SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA del COMUNE di FERENTINO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA del COMUNE di FERENTINO Spazio per protocollo Spazio per timbro accettazione S.U.E. OGGETTO: DENUNCIA INIZIO ATTIVITA (artt. 22-23 DPR 380/01 e s.m.i.) SEGNALAZIONE CERTIFICATA

Dettagli

OGGETTO: AGGIORNAMENTO DIRITTI DI SEGRETERIA RELATIVI ALL ATTIVITA DEL SERVIZIO U.E.A. LA GIUNTA COMUNALE

OGGETTO: AGGIORNAMENTO DIRITTI DI SEGRETERIA RELATIVI ALL ATTIVITA DEL SERVIZIO U.E.A. LA GIUNTA COMUNALE Comune di Fiorano Modenese Provincia di Modena 26/04/2012 N.46 OGGETTO: AGGIORNAMENTO DIRITTI DI SEGRETERIA RELATIVI ALL ATTIVITA DEL SERVIZIO U.E.A. LA GIUNTA COMUNALE - VISTA la Delibera di C.C. n. 41/1997

Dettagli

Regolamento Edilizio del Comune di Taranto approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 325 del 9/9/1974.

Regolamento Edilizio del Comune di Taranto approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 325 del 9/9/1974. Regolamento Edilizio del Comune di Taranto approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 325 del 9/9/1974. Adeguamento, ai sensi dell art. 251 del D.Lgs. n. 267/2000, delle tariffe dei diritti di

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI AGIBILITA

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI AGIBILITA Comune di Alatri Provincia di Frosinone SEGNALAZIONE CERTIFICATA di AGIBILITA (ai sensi dell art. 24 del D.P.R. 380/2001 - art. 19 legge 241/90 e ss.mm.ii) PROTOCOLLO DI SPORTELLO Data di arrivo Prot.

Dettagli

LA MANCATA INDICAZIONE DELL INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA DEL RICHIEDENTE E/O DI PERSONA DELEGATA COMPORTA IL DINIEGO DELLA RICHIESTA

LA MANCATA INDICAZIONE DELL INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA DEL RICHIEDENTE E/O DI PERSONA DELEGATA COMPORTA IL DINIEGO DELLA RICHIESTA LA MANCATA INDICAZIONE DELL INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA DEL RICHIEDENTE E/O DI PERSONA DELEGATA COMPORTA IL DINIEGO DELLA RICHIESTA Pagina 1 di 5 COMUNE DI CASAL VELINO Provincia di Salerno P.zza XXIII

Dettagli

DOMANDA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (articoli da 11 a 15 del D.P.R. n. 380 del 2001)

DOMANDA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (articoli da 11 a 15 del D.P.R. n. 380 del 2001) Protocollo Da compilare a cura dell ufficio Pratica Edilizia Posiz. Archivio Marca da bollo da euro 14,62 AL COMUNE DI BRUGNERA Area Tecnica Sportello Unico Edilizia DOMANDA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (articoli

Dettagli

TAVOLA DI CORRISPONDENZA DEI RIFERIMENTI NORMATIVI DEL TESTO UNICO DELLE DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E REGOLAMENTARI IN MATERIA DI EDILIZIA

TAVOLA DI CORRISPONDENZA DEI RIFERIMENTI NORMATIVI DEL TESTO UNICO DELLE DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E REGOLAMENTARI IN MATERIA DI EDILIZIA D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia ALLEGATO (G.U. n. 245 del 20 ottobre 2001- s.o. n. 239) TAVOLA DI CORRISPONDENZA DEI RIFERIMENTI

Dettagli

CITTA' DI CASTEL DI SANGRO (AQ)

CITTA' DI CASTEL DI SANGRO (AQ) CITTA' DI CASTEL DI SANGRO (AQ) Regno delle Due Sicilie - Carlo III - Privilegio del 20 ottobre 1744 Medaglia di bronzo al Valore Civile C O P I A DELIBERAZIONE N. 7 del 21/01/2016 VERBALE DI DELIBERAZIONE

Dettagli

RILASCIO CERTIFICATO DI AGIBILITA (T.U. approvato con D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380, artt. 24 e 25)

RILASCIO CERTIFICATO DI AGIBILITA (T.U. approvato con D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380, artt. 24 e 25) Spazio riservato al Protocollo Marca da bollo UFFICIO TECNICO EDILIZIA PRIVATA PRATICA EDILIZIA N.... Anno 20... RILASCIO CERTIFICATO DI AGIBILITA (T.U. approvato con D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380, artt.

Dettagli

Istanza per il rilascio del certificato di agibilità Ai sensi degli artt. 24, 25 e 26 del Decreto del Presidente della Repubblica 06/06/2001 n.

Istanza per il rilascio del certificato di agibilità Ai sensi degli artt. 24, 25 e 26 del Decreto del Presidente della Repubblica 06/06/2001 n. I dati acquisiti saranno trattati in conformità alla normativa sulla Privacy (D. Lgs. 196 del 2003). Si veda http://territorio.comune.bergamo.it/privacy APT-SGT-AGI/0 Servizio Gestione del Territorio Pagina

Dettagli

COMUNE DI CAVE Sportello Unico per l Edilizia Piazza Garibaldi n Cave (Rm)

COMUNE DI CAVE Sportello Unico per l Edilizia Piazza Garibaldi n Cave (Rm) Protocollo COMUNE DI CAVE Sportello Unico per l Edilizia Piazza Garibaldi n. 6 00033 Cave (Rm) Riservato all Ufficio ALL UFFICIO URBANISTICA DEL COMUNE DI CAVE RIFERIMENTO DI ARCHIVIAZIONE: Pratica Edilizia:

Dettagli

D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 come modificato dal DLgs 25 novembre2016 n. 222

D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 come modificato dal DLgs 25 novembre2016 n. 222 D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 come modificato dal DLgs 25 novembre2016 n. 222 In vigore dal 11-12-2016 Art. 6 Attività edilizia libera 1. Fatte salve le prescrizioni degli strumenti urbanistici comunali,

Dettagli

Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano

Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano N. 28/2016 L ATTIVITA EDILIZIA LIBERA DOPO IL DECRETO SCIA 2 (D.Lgs. 25.11.2016, n. 222) Disposizione tecnico organizzativa

Dettagli

COMUNE DI CRESPINA LORENZANA (Provincia di PISA)

COMUNE DI CRESPINA LORENZANA (Provincia di PISA) COMUNE DI CRESPINA LORENZANA (Provincia di PISA) timbro e data di arrivo AREA 3 PIANIFICAZIONE E ASSETTO DEL TERRITORIO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA (SUE) SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE (SUAP)

Dettagli

Rispetto al testo originario del decreto, in sede di conversione si segnalano le seguenti novità.

Rispetto al testo originario del decreto, in sede di conversione si segnalano le seguenti novità. ***** LE NOVITÀ IN MATERIA DI EDILIZIA (DECRETO DEL FARE) L art. 30 del decreto legge 21 giugno 2013, n. 69 contiene una serie di disposizioni che intervengono sulla materia edilizia, inserendo, peraltro,

Dettagli

IL NUOVO CONDONO EDILIZIO: NORMATIVA STATALE E NORMATIVA REGIONALE A CONFRONTO

IL NUOVO CONDONO EDILIZIO: NORMATIVA STATALE E NORMATIVA REGIONALE A CONFRONTO IL NUOVO CONDONO EDILIZIO: NORMATIVA STATALE E NORMATIVA REGIONALE A CONFRONTO ENTRATA IN VIGORE DELL ART. 32 DEL D.L 269/03 CONVERTITO IN LEGGE 326/03: GAZZETTA UFFICIALE 25.11.2003 Recante: misure per

Dettagli

COMUNICAZIONE FINE LAVORI e CERTIFICATO DI CONFORMITA

COMUNICAZIONE FINE LAVORI e CERTIFICATO DI CONFORMITA COMUNE DI PISA apple apple Allo Sportello unico dell Edilizia Allo Sportello unico delle Attività Produttive RIFERIMENTO PRATICA: PERMESSO DI COSTRUIRE n del S.C.I.A. n.. / C.I.L.A/C.I.L n.. / RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (S.C.I.A.) SEGNALA

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (S.C.I.A.) SEGNALA Comune di Cantalice Area Tecnica Edilizia Privata ed Urbanistica Sportello Unico per l Edilizia Piazza della Repubblica 1, 02014 Cantalice SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (S.C.I.A.) Per interventi

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 37

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 37 SEZIONE I 15.9.2017 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 37 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 8 settembre 2017, n. 50 Semplificazioni in materia edilizia. Adeguamento ai decreti

Dettagli

RICHIESTA DI AGIBILITA (artt. 27 E 28, L.R. 11 novembre 2009, n. 19)

RICHIESTA DI AGIBILITA (artt. 27 E 28, L.R. 11 novembre 2009, n. 19) Al Comune di SAGRADO Pratica edilizia Ufficio Tecnico Comunale Sportello Unico Edilizia Sportello Unico Attività Produttive Altra struttura comunque denominata competente in materia edilizia Indirizzo

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 25 novembre 2016, n. 222; in G.U. del 26 novembre 2016, n Suppl. Ordinario n. 52

DECRETO LEGISLATIVO 25 novembre 2016, n. 222; in G.U. del 26 novembre 2016, n Suppl. Ordinario n. 52 DECRETO LEGISLATIVO 25 novembre 2016, n. 222; in G.U. del 26 novembre 2016, n.277 - Suppl. Ordinario n. 52 Individuazione di procedimenti oggetto di autorizzazione, segnalazione certificata di inizio di

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 25 novembre 2016, n. 222

DECRETO LEGISLATIVO 25 novembre 2016, n. 222 DECRETO LEGISLATIVO 25 novembre 2016, n. 222 Individuazione di procedimenti oggetto di autorizzazione, segnalazione certificata di inizio di attivita' (SCIA), silenzio assenso e comunicazione e di definizione

Dettagli

COMUNE DI POGGIO TORRIANA Provincia di Rimini

COMUNE DI POGGIO TORRIANA Provincia di Rimini COPIA Seduta del 26/06/2017 n. 69 Oggetto: AGGIORNAMENTO DEI DIRITTI DI SEGRETERIA PER PRATICHE, ATTI E CERTIFICAZIONI IN MATERIA DI EDILIZIA PRIVATA E URBANISTICA L'anno duemiladiciassette il giorno ventisei

Dettagli

diritti L. 68/ ,38 1,50 1,00 0,52 3,00 141,40 16,00 2,00 159,40 114,18 1,50 1,00 3,00 119,68 2,00 121,68

diritti L. 68/ ,38 1,50 1,00 0,52 3,00 141,40 16,00 2,00 159,40 114,18 1,50 1,00 3,00 119,68 2,00 121,68 Tabella atti e procedure edilizie (deliberazioni istitutive: tariffe G.C. 94 03698/02; C.C. 97 00615/20; aggiornamenti cfr. colonna "") Tipo di / attività istruttoria L. a legge 68/93 art. 10 comma 10

Dettagli

DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA (articoli 24 e 25 del d.p.r. n. 380 del 2001; articoli e del R. L. I.

DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA (articoli 24 e 25 del d.p.r. n. 380 del 2001; articoli e del R. L. I. Comune di Trenzano Provincia di Brescia Al Responsabile dei Servizi Tecnici att.ne - Edilizia Privata P.G. Marca da bollo da euro 14,62 DOMANDA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA (articoli 24 e 25

Dettagli

PRATICA EDILIZIA N. COMUNICAZIONE ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA Art. 6 comma 2 DPR 380/2001 Art. 80 comma 2 LRT 1/2005

PRATICA EDILIZIA N. COMUNICAZIONE ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA Art. 6 comma 2 DPR 380/2001 Art. 80 comma 2 LRT 1/2005 PRATICA EDILIZIA N AL COMUNE DI GROSSETO Ufficio Edilizia privata Viale Sonnino, 50 Aggiornamento 12/09/2011 COMUNICAZIONE ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA Art. 6 comma 2 DPR 380/2001 Art. 80 comma 2 LRT 1/2005

Dettagli