Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9. Lezione 8: WBS e MS Project scheduling attività e tempi. Il Project Scheduling

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9. Lezione 8: WBS e MS Project scheduling attività e tempi. Il Project Scheduling"

Transcript

1 Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 8: WBS e MS Project scheduling attività e tempi Prof.ssa R. Folgieri 1 Il Project Scheduling Abbiamo preso visione della lista delle attività stilata per un progetto in exel (o strumento analogo opensource). Nota: ricordate che le attività possono includere o meno la fase di studio di fattibilità (fase 0). Dipende dal progetto e dalle scelte Condurre bene la fase di planning significa poter condurre bene lo scheduling (assegnazione di tempo stimato, risorse, costi) e le successive azioni di monitoraggio e controllo (azioni correttive), analisi del forecast e discostamento, durante la fase di sviluppo. E bene dunque ricordare sempre che la pianificazione di progetto (project planning) è probabilmente l attività di management più timeconsuming. Il piano di un progetto è composto da attività continue a partire dai concetti iniziali fino alla delivery deve essere revisionato continuamente al rendersi disponibili di nuove informazioni (non è statico) può essere composto da ulteriori piani specializzati (in terni al piano stesso o, per esempio, riguardanti altri progetti di impatto su quello corrente) Obiettivi del project scheduling: fornire un piano di progetto per ottenere un assegnazione consistente di risorse per ciascun task e per valutare i costi globali. 2 1

2 scheduling planning Dipendenze tra le attività Per mostrare lo svolgersi delle azioni vengono adoperate notazioni grafiche (diagramma di Gannt bar chart) che mostra La durata di ciascuna azione I milestone I collegamenti tra i task suddividendo il progetto in più attività e sottoattività (segmentazione) Le attività sono spesso collegate tra loro.il diagramma di Gannt mostra, su scala temporale, le dipendenze tra i task e deve essere aciclico. Per giungere a pianificazione e schedulazione iniziali è necessario compiere, in sequenza, i seguenti passi: Identificare le attività (milestone compresi) Impostare le relazioni tra le attività Indicare la durata di ciascuna attività Valutare la consistenza della rete di collegamento tra le attività Valutare il cammino critico (approccio al punto critico) nella rete dei task Adoperare il cammino critico per revisionare la rete dei task valutare(/assegnare le risorse richieste da ciascuna attività Allineare le attività in modo da trovare almeno una configurazione consistente delle risorse Assegnare i costi ai task (verifica di fattibilità) 3 Dipendenze tra le attività Una volta individuate le attività dipendenti le une dalle altre, dovete collegarle tra loro. Posizionatevi sulla barretta di un attività che precede temporalmente un altra. Effettuate il drag and drop (ts sin mouse) della barretta su quella dell attività che volete collegare. La barretta si sposterà e le due attività verranno collegate da una freccia. Questo indica che, per default, sono collegate in modo che la seconda può cominciare solo quando la prima è finita (legame finish-to-start) 4 2

3 Tipi di dipendenza Vi sono 4 tipi di relazione possibili tra le attività: Fine-Inizio (FI), Fine- Fine (FF), Inizio-Inizio (II) e Inizio-Fine (IF). finish-to-start: la seconda attività può cominciare solo quando la prima è finita start-to-start: la seconda attività deve cominciare contemporaneamente alla prima finish-to-finish: la seconda attività deve finire insieme alla prima Start-to-finish: la prima attività può cominciare solo quando la seconda è finita Si impostano nella dialog box che compare con due click sulla linea che indica la relazione. Nella stessa finestra si può indicare il lag. (slide successiva) 5 Lead e Lag time LEAD TIME (tempo di anticipo): l intervallo in cui due o più attività si sovrappongono tra loro. Per indicarla, basta stabilire una relazione Fine- Inizio e impostare per l attività successore un tempo di anticipo della percentuale desiderata, ovvero impostare un valore negativo corrispondentemente al ritardo. Per esempio, se un attività può cominciare quando la precedente è stata completata per metà, si può specificare un egame FS ed un lead time di 50% (impostando -50) LAG TIME (tempo di ritardo): rappresenta il ritardo tra attività in relazione tra loro, ovvero quanto deve trascorrere tra la fine di un attività e l inizio dell altra (numero positivo) Si possono impostare lead time e lag time come durata (ovvero numero di ore/giorni necessari) percentuale della durata del task predecessore. Il valore va impostato nella dialog box delle informazioni sul task. 6 3

4 Temporalità dei progetti e WBS Un progetto ha una forte natura temporale, poiché si svolge in una finestra temporale limitata da vincoli fiscali, economici, di risorse o di mercato. Inoltre il team di progetto viene costituito ad hoc e si scioglie alla conclusione del progetto stesso. Un progetto giunge a conclusione attraverso lo svolgimento di passi concatenati successivi. La quantificazione del tempo è focale!!! Il costo è una variabile dipendente da tempo e risorse allocate, ma si può dire che anche le risorse possono essere allocate in base ai requisiti (vincoli) temporali!!! Al termine del progetto si ha il rilascio (detto anche gate, kill point o go-live) Il project Life Cycle deve definire entità e deliverable di ciascuna fase e può essere più o meno dettagliato. Abbiamo detto che dobbiamo suddividere l intero progetto in sottoattività e che questo in gergo si dice WBS (Work Breakdown Structure) A volte i task sono riaggregati in Work Package Ogni task deve avere obiettivi e responsabilità precise 7 Vincoli nella decomposizione Temporali: un task dovrebbe durare non meno di una settimana (di un giorno) Periodo di reporting: un task non può frangere il periodo di reporting relativo allo stato di avanzamento Obiettivi e responsabilità: un task deve avere un obiettivo ben definito e un responsabile Consistenza: un task se decomposto in ulteriori task più semplici dovrebbe mantenere la sua durata, il suo numero di risorse ed anche il suo costo (il costo in tal caso è la variabile dipendente) 8 4

5 Fattori di ritardo In genere i principali fattori che determinano un ritardo sono: Scadenza imposta Cambiamento delle specifiche che non si riflette in un cambiamento della programmazione Mancata valutazione dei rischi Errato calcolo dell impegno necessario Difficoltà (sia tecniche sia umane) impreviste Comunicazione insufficiente/errata fra il personale Incapacità di accorgersi del ritardo del progetto e mancanza di adeguate azioni correttive 9 Calcolo dei tempi stima empirica (1) PURTROPPO (ma ovviamente) una prima stima dei tempi deve essere forzatamente empirica. Alle prime esperienze questo rappresenta una grande difficoltà. Difficoltà anche quando il progetto tratta argomenti sconosciuti. Come procedere per non sbagliare? Indicazioni: 1. Stabilire l ordine di accuratezza della stima (che ordine è richiesto?) se l approssimazione è grande non vi sono grandi problemi e si può rimanere in una definizione dei task ad alto livello. Se è piccola, il livello deve essere più dettagliato. 2. Stimare il tempo in ore (diciamo giornate/uomo e mezze giornate) 3. Suddividere le ore di impegno fra le risorse assegnate (facoltativo). Immaginare di svolgere personalmente il lavoro per non sbagliare effettuate stime medie (principiante-esperto), chiedete a esperti e a chi ha esperienza nell oggetto delle attività. 4. Aggiungere le ore di impegno di risorse specialistiche. Prevedere questa aggiunta. 5. Prevedere la necessità di eventuali rifacimenti per deliverable che non superano la verifica. In genere i rifacimenti sono più costosi dell intero task, ma, immaginando che non sia tutto da rifare, considerate, per non sbagliare, il 30% dell impegno del task. In alternativa, prevedere l eventuale aggiunta di un task per i rifacimenti (non consigliabile). Altra alternativa: aggiungere un blocco di tempi (non consigliabile: può indurre le risorse in errore sindrome dello studente, rif. slide successive) (continua ) 10 5

6 Calcolo dei tempi stima empirica (2) 7. Prevedere il project management time! In genere la gestione del progetto aggiunge al tempo globale almeno il 15% di tempo di gestione (nel caso migliore). Se il progetto è complesso (numero di risorse, metodologia agile per frequenti cambiamenti, forte criticità, tempi ridotti per vincoli (anche di costo), occorre prevedere il 25% in più). Per esempio, se un progetto viene stimato ore (7-8 persone), allora è necessario un project manager a tempo pieno (1800 ore). 8. Aggiungere il contingency factor (fattore di contingenza), ovvero prevedere gli imprevisti. Se il lavoro non è ben definito, il fattore può arrivare a ricoprire il 50%- 60% del tempo stimato. Se invece la stima è accurata e la specifiche ben fissate, è pari al 15-25% (PM esperto). E preferibile inserire una voce separata, ma spesso non è gradita, per cui va calcolata su ciascuna attività. 9. Calcolare l impegno totale così ottenuto LA STIMA E ESAGERATA, VERO? Succede spesso (soprattutto agli inizi, per troppa prudenza) 10. Rivedere e adeguare le cifre (tempi) ottenute. Assicurarsi di non aver ecceduto, soprattutto considerando quanto il modello (importanza della fase di analisi) è accurato e quanto ci si può fidare degli esperti che ci hanno sottoposto le loro previsioni (quanto sono esperti?). Assicurarsi che attività simili hanno stima di impegno simile. 11. Documentare tutte le assunzioni fatte, ovvero appuntare sempre la base sulla quale si è ritenuto di poter fare le stime proposte. 11 E adesso sommiamo Supponiamo di aver stimato che un attività si possa concludere in 7gg: TEMPO ATTIVITA = tempo stimato (esperienza o indicazione esperti) 7 giorni/uomo (56h) + 20% (modello mediamente accurato) 1,5 g/u (11h circa) (non assegno ancora risorse) Rifacimenti 25% (sono prudente perché la stima l ha fatta l esperto) 2 g/u (14h) Project management time 15% (proj non particolarmente complesso) 1,5 g/u (9h circa) Contingengy factor 20% (non sono esperto, ma il piano è dettagliato). 1,5 g/u TOTALE (giorni uomo 8h) 13,5 g/u (108h) Ho documentato le assunzioni fatte (le note tra parentesi). E plausibile per la nostra attività?... Se si, andiamo avanti e/o comunque, rivediamo il tutto sulla base dei suggerimenti dati prima e aiutandoci con alcune tecniche (e formule statistiche) 12 6

7 Considerazioni In linea di massima non è sbagliato considerare un margine di sicurezza (rischio, contingency), ma non "nascondete" tale valutazione: dobbiamo dare ai partecipanti al progetto la giusta percezione il mix [sicurezze nascoste][cpm] può causare problemi CPM è l approccio al punto critico, che vedremo Ipotizziamo, di aver posto alcune attività in sequenza (legami FS) e di aver considerato nella durata di ogni attività una sicurezza nascosta pari al 50% delle durata attesa. Per la logica del CPM, il percorso tra le attività dura complessivamente la somma delle tre. Questo dato è già inesatto poiché tale durata totale deriva dalla somma di tutte le durate delle attività e quindi anche dalla somma di tutte le sicurezze nascoste!! Non si tiene conto di un fattore di probabilità che consideri il rischio. Non dovrei sommare matematicamente, perché così si suppone già il caso peggiore. Altro caso Supponiamo che venga comunicato, in corso di progetto, che un attività durerà due giorni in più tutto il grafico si sposta E giusto che, a questo punto, un attività dipendente cominci, magari, con due giorni di ritardo? Tenete presente che il margine di sicurezza magari comprendeva già i due giorni annunciati!. C è un metodo per tentare di evitare (non vi è mai sicurezza) questi problemi e per controllare le durate impostate (anzi, ve n è più di uno) ma allora come mai i progetti rischiano quasi sempre di terminare in ritardo? Sindrome dello studente e legge di Parkinson Due fattori "umani" spesso principale causa di ritardo dei progetti: 1. "Sindrome dello studente : il responsabile della attività o la risorsa direttamente coinvolta, potrebbero pensare che il tempo assegnato è più che sufficiente, e quindi possono anche permettersi di cominciare un paio di giorni dopo. E così facendo addio margine di sicurezza nascosta! 2. Legge di Parkinson: "Il lavoro si espande in misura del tempo assegnato, ovvero le persone tendono ad adeguare il proprio impegno rispetto al tempo che hanno a disposizione. Doppio effetto: vanifica la sicurezza nascosta porta ad un considerevole aumento dei costi. 14 7

8 Problemi e metodi A volte, per situazioni di emergenza e di cattiva gestione del progetto, i gruppi di lavoro tendono a condurre più attività parallelamente e saltando da una all altra, spesso per inseguire priorità Possono poi verificarsi altre situazioni che danneggiano il progetto: Eventi non prevedibili e non dipendenti dalla propria volontà Frequenti cambiamenti nelle richieste del cliente/committente Mancata chiarezza sulla qualità richiesta/fornita mancanza di analisi dei rischi Mancanza di standard di progetto e dati storici basati su esperienza Analisi iniziale troppo superficiale I metodi dell approccio al punto critico (detto anche Critical Path o Critical Chain e RAP (RApid Planning), cercano di ovviare alcuni dei fattori che abbiamo visto. Anche se le componenti psicologiche, umane e organizzative hanno grande impatto sull andamento del progetto, tuttavia l approccio al punto critico contrasta fortemente i problemi visti. 15 Il Critical Path (Critical Chain) Nella tradizionale schedulazione Critical Path, le attività sono schedulate in più presto possibile (As-Soon-As-Possible - ASAP) a partire dalla data di inizio di progetto. Il percorso critico comprende i task in cui la data minima accettabile per l avvio (earliest start time) e la data massima (latest start time) coincidono. Task critico: task X per cui tmin(x)=tmax(x) Percorso critico: cammino (nodi-archi) in cui tutti i task sono critici Tempo minimo di completamento di un task X tmin_c(x) = tmin(x) + t(x) Tempo massimo di completamento di un task X tmax_c(x) = tmax(x) + t(x) Proprietà del Cammino Critico: non si può ritardare l inizio di nessun task del cammino senza ritardare tutto il progetto 16 8

9 Il Critical Path in MS Project (1) Serie di attività da completare per evitare ritardi di progetto. Ogni attività del percorso critico è definita attività critica. Identificazione del critical path permette il tracking di tempi e risorse Il percorso che finisce (globalmente) per ultimo è il percorso critico. Il critical path può mutare: durante la schedulazione durante il completamento dei task che lo compongono a causa del ritardo di altri task, anche non del percorso critico C è sempre un percorso critico per ogni progetto Per mostrare il percorso critico: 1. menu view>more view 2. detail Gantt apply Per visualizzare solo il percorso critico: 1. menu view>gantt Chart 2. scegliere Critical nel riquadro Filter (per mostrare di nuovo tutti i path, scegliere All Tasks nel riquadro Filter) 17 Il Critical Path in MS Project (2) Ci possono essere, ovviamente, più percorsi critici. Per raggrupparli: menu Project>Group by>critical Procedura guidata: Menu view>gantt Chart Seguire le istruzioni Per default il percorso critico è mostrato in rosso Per mostrare più critical path: Menu Tool>Options>Calculation Selezionare Calcuate multiple critical path Chiaramente un path critico può verificarsi anche attraverso più progetti collegati! 18 9

10 Il Critical Path in MS Project (3) MODIFICHE ALLE IMPOSTAZIONI: Microsoft Project definisce critica un attività se non ha margine di flessibilità, ovvero il ritardo che un attività può subire senza determinare modifiche a un altra attività o alla data finale dl progetto. Margine di flessibilità libero: il ritardo che un attività può subire senza causare il ritardo di un altra Margine di flessibilità totale: ritardo che un attività può subire senza causare lo slittamento della data di fine progetto Si può modificare questa assunzione di percorso critico modificando le impostazioni del margine temporale. Questo può essere utile se si vuole essere avvisati della possibile criticità (soprattutto se si sono previsti dei buffer) Menu tools>options>calculation Nel riquadro tasks are critical if slack is less than or equal to, indicare o selezionare il ritardo scelto Selezionare set as default (sarà il valore di default per tutti I progetti). 19 Critical Chain (1) Il Critical Chain [Goldratt 1997] include le attività e le risorse logicamente relazionate (il Critical Path include solo le attività relazionale logicamente). Critical Chain: applicazione dei principi della " Theory of Constraints" (TOC) al Project management. "Theory of Constraints : approccio olistico e systems-oriented al miglioramento dei processi. (si suppone che un qualunque sistema sia come una catena tanto forte quanto il suo collegamento più debole). Principio: trovare e rinforzare il collegamento più debole (il vincolo del sistema). L "overload" di qualsiasi risorsa umana non viene assolutamente considerato come possibile: le risorse umane ed i relativi skill costituiscono uno dei vincoli principali da considerare 20 10

11 Critical Chain (2) Il Critical Chain Project Management (CCPM) si può applicare alle due macro-fasi conosciute da ogni project manager come Planning e Tracking. Le tecniche utilizzate a livello di Planning sono: Diversa cultura nella stima delle attività Scheduling Backwards (As-Late-As-Possible Scheduling) Risoluzione conflitti delle risorse Identificazione della Catena Critica Inserimento dei Buffers Diversa cultura nella stima delle attività Le tecniche utilizzate per il Planning sono: diversa cultura nella stima delle attività rimuovere quella sicurezza nascosta nella durata delle attività (chiedere di formulate delle stime che abbiano almeno il 50% di probabilità di essere rispettate). Nell esprimere la stima occorre considerare ed elencare tutti i presupposti principali rispetto ai quali essa viene formulata

12 2. Scheduling Backwards Scheduling Backwards (As-Late-As-Possible Scheduling) Programma temporale considerando attività all indietro (partendo cioè dalla data target di fine progetto). Attività schedulate il più tardi possibile (As-Late-As- Possible ALAP). Così si vuole sapere quando occorra cominciare il progetto per poter rispettare il target temporale di fine. Schedulare all indietro non vuol dire pensare all indietro! (anche se vi sono sostenitori di tale tesi). Significa solo calcolare quale sono le date di inizio delle attività al più tardi possibile. Benefici di una programmazione ALAP: Si minimizza il work-in-progress (WIP) e si posticipano i costi. Vantaggio all'inizio critico del progetto perché sono pianificate solo le attività indispensabili per cominciare. La conoscenza sul lavoro da svolgere è inizialmente scarsa ma aumenta progressivamente durante il corso del progetto. Programmazione ALAP capitalizza l aumento di conoscenza e minimizza l'esigenza delle rilavorazioni. Unico grande svantaggio: Aumento globale della criticità del piano (assenza di total float). Tutte le attività sembrano ugualmente critiche! Risoluzione conflitti risorse Critical Chain prevede la risoluzione totale di tutti i conflitti fra le risorse (overload). Si deve effettuare un livellamento limitato nelle risorse sempre con un algoritmo ALAP. In altri termini: definendo a priori una scala di priorità, si inseriscono collegamenti logici fine-inizio non solo fra le attività (come nel Critical Path) ma anche fra le risorse. Solo dopo tale risoluzione di conflitti fra le risorse si determinerà il Critical Chain proprio come la catena più lunga esistente in un progetto, considerando sia le dipendenze fra le attività che le dipendenze fra le risorse

13 4. Inserimento di buffers Ricordate che nella stima della durata delle attività, prima di individuare la catena critica, abbiamo rimosso tutti i fattori di sicurezza nascosta. Dopo aver individuato la Catena Critica, è opportuno inserire nuovi elementi di sicurezza, che possano assorbire eventuali ritardi e imprevisti. Tali ammortizzatori, non più nascosti ma ben evidenziati, vengono chiamati Buffers Goldratt individua due tipi fondamentali di buffer: il Project Buffer il Feeding Buffer Il Project Buffer protegge la data target di fine progetto da sovraccarichi e da imprevisti nelle attività del Critical Chain. Viene inserito al termine del progetto dopo l' ultima attività del Critical Chain. Può assumere mediamente un valore pari al 50% della durata complessiva delle attività del Critical Chain. I Feeding Buffer, (buffer di alimentazione), vengono inseriti nei punti in cui le catene noncritiche si agganciano sulla catena critica. esempio di Gantt in cui sono stati aggiunti, alla catena critica (in rosso), le due tipologie di buffer. 25 Vantaggi La data di completamento progetto è più sicura in quanto protetta dai buffer che fungono da veri e propri ammortizzatori di ritardi imprevisti. I costi dovrebbero tipicamente abbassandosi e allo stesso tempo posticiparsi il più possibile. La riduzione dei tempi di esecuzione del progetto riduce il rischio di troppe richieste di cambiamento da parte dei clienti. Le persone lavorano meno sovraccaricate e meno angosciate dal rispetto delle date di inizio. La pianificazione Alap riduce le possibilità di ri-lavorazione, garantendo, fra l'altro, una migliore qualità finale del progetto. Pianificare o non pianificare? Questo è il problema. Ora, parlando di progetti estremi, progetti in cui il cambiamento può essere all'ordine del giorno, l'approccio newtoniano alla pianificazione dovrebbe venir sostituito da un nuovo approccio di tipo "quantum": la realtà è in continuo divenire è non potrà mai essere descritta in maniera statica e definitiva (XPM - extrem Project Management)

14 Revisione del percorso critico Un attività critica (perché di lunga durata e con molti archi entranti o uscenti) può essere spezzata in attività più semplici e brevi L approccio al punto critico è indicato solitamente con CPM (Critical Path Management). Alcuni lo indicano erroneamente come PERT, ma non è lo stesso. PERT prevede una distribuzione di durata dei compiti secondo una variabile aleatoria triangolare o beta. Il risultato è simile a quello prodotto dal CPM perché i calcoli usano il valore medio delle durate Si può anche calcolare una deviazione standard e la probabilità secondo la quale il progetto è eseguito con una durata diversa da quella media. Se, secondo una distribuzione triangolare dei tempi, indichiamo con NP anticipo non probabile; P probabile; NP* ritardo non probabile, si ha: MEDIA = (NP + P + NP*)/3 Tralasciamo, per ora, la distribuzione beta, difficilmente usata nella pratica

Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management. Work Breakdown Structure (WBS) (2) Work Breakdown Structure (WBS) (3)

Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management. Work Breakdown Structure (WBS) (2) Work Breakdown Structure (WBS) (3) Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management Work Breakdown Structure, Organizational Breakdown Structure, GANTT, Pert È una illustrazione (grafica) del progetto che articola il

Dettagli

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 11: valutazione costi diagramma di PERT Prof.ssa R. Folgieri email: folgieri@dico.unimi.it folgieri@mtcube.com 1 Da ricordare:

Dettagli

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (1^ parte)

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (1^ parte) Paolo Mazzoni 2011. E' ammessa la riproduzione per scopi di ricerca e didattici se viene citata la fonte completa nella seguente formula: "di Paolo Mazzoni, www.paolomazzoni.it, (c) 2011". Non sono ammesse

Dettagli

Processi principali per il completamento del progetto

Processi principali per il completamento del progetto Piano di progetto È un documento versionato, redatto dal project manager per poter stimare realisticamente le risorse, i costi e i tempi necessari alla realizzazione del progetto. Il piano di progetto

Dettagli

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 7: project management plan lista attività WBS e strumenti

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 7: project management plan lista attività WBS e strumenti Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 7: project management plan lista attività WBS e strumenti Prof.ssa R. Folgieri email: folgieri@dico.unimi.it folgieri@mtcube.com

Dettagli

Pianificazione e gestione di progetto. Adozione di tecniche e metodologie usate anche in settori diversi dalla progettazione sw

Pianificazione e gestione di progetto. Adozione di tecniche e metodologie usate anche in settori diversi dalla progettazione sw Pianificazione e gestione di progetto Responsabile di progetto: attività 1) Pianificazione 2) Organizzazione 3) Gestione del personale (staffing) 4) Direzione 5) Controllo Adozione di tecniche e metodologie

Dettagli

Sistemi Informativi I Pianificazione e Diagrammi GANTT

Sistemi Informativi I Pianificazione e Diagrammi GANTT 6 Diagrammi GNTT: definizione ed esempi. 6.1 Definizione. Il diagramma GNTT è la modalità standard di presentare in modo visuale la pianificazione di un progetto. I software di Project Management offrono

Dettagli

CPM - PERT CPM - PERT. Rappresentazione di un progetto. Gestione di un progetto. Critical Path Method Project Evaluation and Review Technique

CPM - PERT CPM - PERT. Rappresentazione di un progetto. Gestione di un progetto. Critical Path Method Project Evaluation and Review Technique CPM - PERT CPM - PERT CPM e PERT sono metodologie per la gestione di progetti composti da più attività in cui esistano relazioni di precedenza. Critical Path Method Project Evaluation and Review Technique

Dettagli

La gestione dei progetti informatici

La gestione dei progetti informatici Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Ingegneria del Software La gestione dei progetti informatici Giulio Destri Ing. del Sw: Gestione - 1 Scopo

Dettagli

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

Tecniche di pianificazione

Tecniche di pianificazione IT Project Management Lezione 7 ecniche di Pianificazione Federica Spiga.. 2009-2010 1 Check list del PM Identificare i requisiti del cliente Monitoring del progetto (Earned Value) Identificare i deliverable

Dettagli

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (2 parte)

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (2 parte) Paolo Mazzoni 2011. E' ammessa la riproduzione per scopi di ricerca e didattici se viene citata la fonte completa nella seguente formula: "di Paolo Mazzoni, www.paolomazzoni.it, (c) 2011". Non sono ammesse

Dettagli

Gestione dei Progetti (2005-2006)

Gestione dei Progetti (2005-2006) Gestione dei Progetti (2005-2006) Alessandro Agnetis DII Università di Siena (Alcune delle illustrazioni contenute nella presentazione sono tratte da PMBOK, a guide to the Project Management Body of Knowledge,

Dettagli

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IMPIANTI INDUSTRIALI. Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it. Andrea Chiarini 1

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IMPIANTI INDUSTRIALI. Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it. Andrea Chiarini 1 IMPIANTI INDUSTRIALI Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it Andrea Chiarini 1 PARTE 5 PIANIFICAZIONE DELLE FASI DI UN PROGETTO Andrea Chiarini 2 PROGETTAZIONE E SVILUPPO DEL PRODOTTO E DEL PROCESSO

Dettagli

Introduzione al Project Management

Introduzione al Project Management Introduzione al Project Management Che cos è il project management Gestione di un impresa complessa, unica e di durata determinata rivolta al raggiungimento di un obiettivo chiaro e predefinito mediante

Dettagli

Il Project management. Lo sviluppo di attività complesse in un ottica di progetto

Il Project management. Lo sviluppo di attività complesse in un ottica di progetto Il Project management Lo sviluppo di attività complesse in un ottica di progetto Progetto. La nozione Un progetto costituisce un insieme di attività, complesse e interrelate, aventi come fine un obiettivo

Dettagli

CAPITOLO 3: STIMA DI RISORSE E DURATA DELLE ATTIVITÀ

CAPITOLO 3: STIMA DI RISORSE E DURATA DELLE ATTIVITÀ INDICE INTRODUZIONE CAPITOLO 1: DEFINIZIONE DELLE ATTIVITÀ 1.1 WBS (Work Breakdown Structure) 1.2 L OBS e la matrice delle responsabilità CAPITOLO 2: COSTRUZIONE DEL RETICOLO 2.1 Sequenzializzazione delle

Dettagli

Software project management. www.vincenzocalabro.it

Software project management. www.vincenzocalabro.it Software project management Software project management Sono le attività necessarie per assicurare che un prodotto software sia sviluppato rispettando le scadenze fissate rispondendo a determinati standard

Dettagli

Stima delle Risorse di un Progetto

Stima delle Risorse di un Progetto Stima delle Risorse di un Progetto di Vito Madaio (Quali sono i benefici delle stime, i principali approcci e come utilizzarle nei progetti reali.) La stima delle esigenze di risorse di solito si effettua

Dettagli

U i n ve v r e s r i s t i à t à d i d i P i P s i a s a Facoltà di Ingegneria

U i n ve v r e s r i s t i à t à d i d i P i P s i a s a Facoltà di Ingegneria Università di Pisa Facoltà di Ingegneria CdL Ingegneria Informatica per la Gestione d Azienda Gestione della qualità II (Prof. Gigliola Vaglini) - a.a. 2011/2012 MS P PROJECT 20100 TUTORIAL INTRODUTTIVO

Dettagli

Work Breakdown Structure Diagramma di Gantt PERT/CPM

Work Breakdown Structure Diagramma di Gantt PERT/CPM Work Breakdown Structure Diagramma di Gantt PERT/CPM C. Noè WBS Si tratta di uno strumento di supporto alla scomposizione analitica di un progetto in tutte le sue parti. Ciò facilita l attribuzione di

Dettagli

Progetto FIXO Ricerca e Innovazione per la competitività Modulo di Project Management Prof. Valerio Teta

Progetto FIXO Ricerca e Innovazione per la competitività Modulo di Project Management Prof. Valerio Teta Progetto FIXO Ricerca e Innovazione per la competitività Modulo di Project Management Prof. Valerio Teta (v.teta@unina.it) 25-09-2008 Valerio Teta_Project Management 1 Definizione di Progetto Definizione

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali II

Sistemi Informativi Aziendali II Modulo 5 Sistemi Informativi Aziendali II 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5 Modulo 5 La gestione dei Progetti (Project Management): Generalità e metodologie; Gestire un progetto con uno

Dettagli

B1 LA PROGETTAZIONE. PROGRAMMA: gruppo di progetti con un obiettivo comune.

B1 LA PROGETTAZIONE. PROGRAMMA: gruppo di progetti con un obiettivo comune. ATTIVITÀ ORDINARIA : operazione svolta periodicamente con obiettivo implicito e tempi, risorse e costi standard (Es.di Attività Ordinaria: buste paga, pagamento fornitori) PROGETTO : ha un obiettivo esplicito

Dettagli

Prefazione. Parte I Informazioni preliminari 1. Capitolo 1 Introduzione 3

Prefazione. Parte I Informazioni preliminari 1. Capitolo 1 Introduzione 3 Prefazione IX Parte I Informazioni preliminari 1 Capitolo 1 Introduzione 3 Immaginate.................................................... 3 Contenuto del libro..............................................

Dettagli

Le tecniche di scheduling (1)

Le tecniche di scheduling (1) Le tecniche di scheduling (1) Sono la base di tutto il processo di pianificazione, e fornisco al management gli elementi per decidere come utilizzare le risorse per raggiungere gli obiettivi di costo e

Dettagli

L ambito di progetto Rappresenta la definizione del progetto, ovvero cosa deve essere portato a termine Comprende gli elementi:

L ambito di progetto Rappresenta la definizione del progetto, ovvero cosa deve essere portato a termine Comprende gli elementi: Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 6: Ambito di progetto organizzazione della comunicazione Prof.ssa R. Folgieri email: folgieri@dico.unimi.it folgieri@mtcube.com

Dettagli

ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE

ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE Urbino: 3 e 4 ottobre 2008 A cura di: Stefano Santini sve@provincia.ps.it Definizione di progetto Opera complessa, unica e di durata limitata rivolta a produrre un risultato

Dettagli

IV. TEMPI E RISORSE: STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO

IV. TEMPI E RISORSE: STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO IV. TEMPI E RISORSE: STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Dopo aver affrontato la prima stesura del POP, si deve passare piano al vaglio del committente per avere il via definitivo. Se OK Si procede

Dettagli

PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER

PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER CODICE PM 10.25 DURATA 10 giorni CATEGORIA Project Management DESTINATARI Project manager, responsabili di funzione, membri del Project Management Office, dirigenti,

Dettagli

Gestione parte IIC. Diagrammi di Gantt. Esempio. Schemi di scomposizione delle attività

Gestione parte IIC. Diagrammi di Gantt. Esempio. Schemi di scomposizione delle attività Schemi di scomposizione delle attività Gestione parte IIC Work Breakdown Structures (WBS) Struttura ad albero: radice: attività principale i nodi figli rappresentano la scomposizione del nodo padre le

Dettagli

Corso: La pianificazione e la gestione dei progetti con Microsoft Project 2010 Codice PCSNET: AAAA-0 Cod. Vendor: - Durata: 3

Corso: La pianificazione e la gestione dei progetti con Microsoft Project 2010 Codice PCSNET: AAAA-0 Cod. Vendor: - Durata: 3 Corso: La pianificazione e la gestione dei progetti con Microsoft Project 2010 Codice PCSNET: AAAA-0 Cod. Vendor: - Durata: 3 Obiettivi Alla fine del corso i partecipanti saranno in grado di: Comprendere

Dettagli

Project Management. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali.

Project Management. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Project Management. di Simone Cavalli (simone.cavalli@unibg.it) Bergamo, Maggio 2010 Project Management: definizioni Progetto: Progetto si definisce, di regola, uno

Dettagli

Modelli dei Sistemi di Produzione Modelli e Algoritmi della Logistica 20010-11

Modelli dei Sistemi di Produzione Modelli e Algoritmi della Logistica 20010-11 Modelli dei Sistemi di Produzione Modelli e Algoritmi della Logistica 20010-11 Project Scheduling: Reti di attività CARLO MANNINO Sapienza Università di Roma Dipartimento di Informatica e Sistemistica

Dettagli

6. La gestione del contenuto del progetto

6. La gestione del contenuto del progetto 6. La gestione del contenuto del progetto Il primo processo di pianificazione riguarda la definizione di tutto e solo ciò che riguarda il progetto. Occorre passare dalla descrizione dell oggetto finale

Dettagli

Il ciclo di progetto focus su. Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT

Il ciclo di progetto focus su. Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT Il ciclo di progetto focus su Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT analisi periodica e finale di: efficienza, efficacia, impatto atteso, sostenibilità

Dettagli

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 15: P.M.: metodologie di progetto Prof.ssa R. Folgieri email: folgieri@dico.unimi.it folgieri@mtcube.com 1 Modelli di conduzione

Dettagli

Sviluppo e Gestione dei Progetti. docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it

Sviluppo e Gestione dei Progetti. docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it Sviluppo e Gestione dei Progetti docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it Metodologie operative Pianificazione e dimensionamento di un progetto Controllo e gestione operativa del progetto.

Dettagli

Obiettivi della Lezione. Project Management. Software Project Management. Che cos è un progetto

Obiettivi della Lezione. Project Management. Software Project Management. Che cos è un progetto Project Management Dott. Andrea F. Abate e-mail: abate@unisa.it Web: http://www.dmi.unisa.it/people/abate Gestione di Progetti Software: Pianificazione delle attività e rappresentazioni grafiche Obiettivi

Dettagli

ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO

ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO Anno Accademico 2013 2014 PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DELLE IMPRESE TURISTICHE Lezione 4 Project Management PROJECT MANAGEMENT Il project management

Dettagli

MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI

MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI Project Management Alessandro Silvestri A.A. 010/011 1 AGENDA - Introduzione PROJECT MANAGEMENT - TECNICHE DI BASE - TECNICHE RETICOLARI PERT Deterministico (CPM) PERT

Dettagli

Introduzione. Il Project Management (PM) riguarda il raggiungimento di risultati grazie all ottimizzazione delle risorse esistenti

Introduzione. Il Project Management (PM) riguarda il raggiungimento di risultati grazie all ottimizzazione delle risorse esistenti Università degli Studi di Cagliari D.I.M.C.M. Introduzione Il Proect Management (PM) riguarda il raggiungimento di risultati grazie all ottimizzazione delle risorse esistenti Gestione dei Progetti Prof.

Dettagli

IL PROCESSO TECNICO DI SCHEDULAZIONE: TEMPI E COSTI DI UN PROJECT LABORATORIO INTEGRATO DI COSTRUZIONE E PRODUZIONE LEZIONE 4

IL PROCESSO TECNICO DI SCHEDULAZIONE: TEMPI E COSTI DI UN PROJECT LABORATORIO INTEGRATO DI COSTRUZIONE E PRODUZIONE LEZIONE 4 IL PROCESSO TECNICO DI SCHEDULAZIONE: TEMPI E COSTI DI UN PROJECT UNA VOLTA CREATA LA WBS E, QUINDI, INDIVIDUATA CIASCUNA PARTE ELEMENTARE DEL PROJECT, SI PASSA ALLA SCHEDULAZIONE CHE CONSISTE NELL ASSEGNARE

Dettagli

Il project management: tecniche e strumenti

Il project management: tecniche e strumenti 122109CFC1209_0982a0987.qxd 30-11-2009 8:47 Pagina 982 pianificazione, finanza Il project management: tecniche e strumenti Le fasi: tre momenti fondamentali Fabrizio Bencini Dottore commercialista, Partner

Dettagli

GESTIONE DEI PROGETTI. Inizio

GESTIONE DEI PROGETTI. Inizio GESTIONE DEI PROGETTI Problema del management Fallimento negli anni 60, inizio 70 Non tanto dovuto alla competenza Un buon management non garantisce il successo ma un cattivo management risulta spesso

Dettagli

APPUNTI SUI METODI PERT-C.P.M.

APPUNTI SUI METODI PERT-C.P.M. APPUNTI SUI METODI PERT-C.P.M. (corso di ricerca operativa) A cura di: Antonio Scalera 1 PERT/C.P.M. I metodi Pert e C.P.M. studiano lo sviluppo di un progetto attraverso la programmazione delle attività

Dettagli

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base)

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) ISIPM Base Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) Gruppo B Conoscenze Tecniche e Metodologiche Syllabus da 2.1.1 a 2.7.1 1 Tema: Gestione Ambito del Progetto e Deliverable

Dettagli

Project Management Metodologie e Tecniche per la gestione di progetti

Project Management Metodologie e Tecniche per la gestione di progetti Project Management Metodologie e Tecniche per la gestione di progetti Amir Baldissera amir.baldissera@mentis.it Milano, 18 Ottobre 2008 Cos è IWA/HWG IWA/HWG è un Associazione professionale no profit riconosciuta

Dettagli

ing. consuelo rodriguez

ing. consuelo rodriguez TECNICHE DI PROGRAMMAZIONE La ricerca operativa La ricerca operativa può essere considerata una scienza finalizzata allo studio di problemi decisionali. Consiste in un sistema di analisi quantitativo finalizzato

Dettagli

Strumenti per il Project Management

Strumenti per il Project Management CORSO DI Gestione aziendale Facoltà di Ingegneria Strumenti per il Project Management Carlo Noè Università Carlo Cattaneo Istituto di Tecnologie e-mail: cnoe@liuc.it AGENDA Strumenti per il Project Management

Dettagli

CATENA CRITICA: THE BEST KEPT SECRET NEL PROJECT MANAGEMENT. L APPLICAZIONE DELLA TEORIA DEI VINCOLI AL PROJECT MANAGEMENT.

CATENA CRITICA: THE BEST KEPT SECRET NEL PROJECT MANAGEMENT. L APPLICAZIONE DELLA TEORIA DEI VINCOLI AL PROJECT MANAGEMENT. OSSERVATORIO IT GOVERNANCE CATENA CRITICA: THE BEST KEPT SECRET NEL PROJECT MANAGEMENT. L APPLICAZIONE DELLA TEORIA DEI VINCOLI AL PROJECT MANAGEMENT A cura di Ninfa Monetti, Consulente TOC Ninfa Monetti,

Dettagli

3. SOFTWARE MANAGEMENT

3. SOFTWARE MANAGEMENT 3. SOFTWARE MANAGEMENT Introdurre caratteristiche e problematiche della direzione di progetto software (software management) Discutere la pianificazione di un progetto e la temporizzazione (scheduling)

Dettagli

1. Classificazione delle risorse

1. Classificazione delle risorse 1. Classificazione delle risorse Classificazione delle risorse in base alla disponibilità. - Risorse rinnovabili Sono risorse utilizzate per l esecuzione di una attività per tutta la sua durata, ma sono

Dettagli

Ottimizzazione nella gestione dei progetti

Ottimizzazione nella gestione dei progetti Ottimizzazione nella gestione dei progetti Capitolo 2: Reti di attività CARLO MANNINO Università di Roma La Sapienza Dipartimento di Informatica e Sistemistica Definizioni di ase Il Progetto è costituito

Dettagli

Progetto regionale Abruzzo Scuola Digitale. Project Management. (cenni) Ing. Giovanni Pisano Conferenze di servizio, ottobre 2015

Progetto regionale Abruzzo Scuola Digitale. Project Management. (cenni) Ing. Giovanni Pisano Conferenze di servizio, ottobre 2015 Progetto regionale Abruzzo Scuola Digitale Project Management (cenni) Ing. Giovanni Pisano Conferenze di servizio, ottobre 2015 1 COSA INTENDIAMO PER PROGETTO? Un progetto è un complesso unico e coordinato

Dettagli

Descrizione dettagliata delle attività

Descrizione dettagliata delle attività LA PIANIFICAZIONE DETTAGLIATA DOPO LA SELEZIONE Poiché ciascun progetto è un processo complesso ed esclusivo, una pianificazione organica ed accurata è indispensabile al fine di perseguire con efficacia

Dettagli

Strumenti per il Project Management. GanttProject cos è e come si usa. GanttProject

Strumenti per il Project Management. GanttProject cos è e come si usa. GanttProject Strumenti per il Project Management cos è e come si usa. Angelo Caruso, 2010 1 Open Source; Gestione tempo e risorse progettuali; Produce diagrammi Gantt e PERT; Ottimo per la didattica; Importa file MPX;

Dettagli

Il Ciclo di Progetto e il Piano di Progetto

Il Ciclo di Progetto e il Piano di Progetto Il Ciclo di e il Piano di Alessandro De Nisco Università del Sannio Il Ciclo di IL CICLO DI VITA DEL PROGETTO RISORSE TEMPO IDEAZIONE VALUTAZIONE PIANIFICAZIONE REALIZZAZIONE MANUTENZIONE FASE INIZIALE

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE La Work Breakdown Structure La WBS è uno strumento di pianificazione delle attività progettuali che comporta un lavoro di: 1) suddivisione

Dettagli

Scrum. Caratteristiche, Punti di forza, Limiti. versione del tutorial: 1.0. www.analisi-disegno.com. Pag. 1

Scrum. Caratteristiche, Punti di forza, Limiti. versione del tutorial: 1.0. www.analisi-disegno.com. Pag. 1 Scrum Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 1.0 Pag. 1 Scrum è uno dei processi agili (www.agilealliance.com) il termine è derivato dal Rugby, dove viene chiamato Scrum il pacchetto

Dettagli

02: Project Management

02: Project Management 02: Project Management Le tre P del project management Persone motivate / esperte SEI PM-CMM (People Management Capability Maturity Model) assunzione / selezione addestramento / cultura di gruppo stipendio

Dettagli

GESTIRE CON SUCCESSO LE PMI

GESTIRE CON SUCCESSO LE PMI UN TAMBURO IN PRODUZIONE GESTIRE CON SUCCESSO LE PMI di Sara Baroni Produzione e logistica >> Organizzazione della produzione L approccio alla gestione della produzione della TOC (Theory of Constraints)

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E PROJECT MANAGEMENT

ORGANIZZAZIONE E PROJECT MANAGEMENT MUSEOLOGIA E CONSERVAZIONE DEI BENI MUSEALI ORGANIZZAZIONE E PROJECT BARBARA SORESINA Project Manager 16 DICEMBRE 2013 01.1 GESTIONE STRATEGICA PREMESSA PIANIFICAZIONE DI PROGRAMMI E PROGETTI scelta delle

Dettagli

PERT e CPM Cenni storici

PERT e CPM Cenni storici CPM e PERT PERT e CPM Le tecniche CPM (Critical Path Method) e PERT (Program Evaluation and Review Technique) consentono lo sviluppo del programma di un progetto attraverso la programmazione delle attività

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DEI TEMPI

LA PIANIFICAZIONE DEI TEMPI LA PIANIFICAZIONE DEI TEMPI Giordano Renato Gariboldi Responsabile Controllo di Gestione e Controllo Progetti Divisione E.& P. giordano. gariboldi@sini.it Comitato Direttivo Corsi ANIMP 1 PIANIFICAZIONE

Dettagli

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Paolo Salvaneschi A6_1 V2.0. Gestione. Pianificazione e gestione del progetto

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Paolo Salvaneschi A6_1 V2.0. Gestione. Pianificazione e gestione del progetto Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi A6_1 V2.0 Gestione Pianificazione e gestione del progetto Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli

Dettagli

Corso di estimo D 2004/2005

Corso di estimo D 2004/2005 Corso di estimo D 2004/2005 Cenni di project management - Crono-programma dei lavori PROJECT MANAGEMENT: definizione Il project management è l insieme di metodi e direttive fondamentalmente logiche per

Dettagli

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 LEZIONE LA GESTIONE DEI PROGETTI DOTT. GIUSEPPE IULIANO Indice 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 1.1 La prima fase di impostazione ---------------------------------------------------------------------7

Dettagli

Project Management Base

Project Management Base Master in Project Management e Gestione dell'innovazione http://www.rieforum.org/master/index.php?option=com_content&view=article&id=48&itemid=53&lang=it Project Management Base Modulo 3/3 Venerdì/Sabato

Dettagli

GESTIONE DEI PROGETTI

GESTIONE DEI PROGETTI GESTIONE DEI PROGETTI Problema del management Fallimento negli anni 60, inizio 70 Non tanto dovuto alla competenza Un buon management non garantisce il successo ma un cattivo management risulta spesso

Dettagli

Pianificazione e gestione dei progetti Tecniche reticolari e PERT

Pianificazione e gestione dei progetti Tecniche reticolari e PERT Pianificazione e gestione dei progetti Tecniche reticolari e PERT. Pianificazione e gestione di progetti Nella progettazione ed esecuzione di progetti complessi, progetti cioè che coinvolgono numerose

Dettagli

COORDINAMENTO E GESTIONE DI PROGETTI COMPLESSI

COORDINAMENTO E GESTIONE DI PROGETTI COMPLESSI COORDINAMENTO E GESTIONE DI PROGETTI COMPLESSI 1. - Formulazione del problema Supponiamo di dover organizzare e gestire un progetto complesso, quale puó essere la costruzione di un edificio, oppure la

Dettagli

Realizzare un Progetto Informatico

Realizzare un Progetto Informatico ISTITUTO TECNICO QUINTO ANNO Realizzare un Progetto Informatico GIORGIO PORCU www.thegiorgio.it Sommario Pianificazione Aspetti della pianificazione WBS (Work Breakdown Structure) Diagramma PERT Diagramma

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. Project Planning. Syllabus

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. Project Planning. Syllabus EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE Project Planning Syllabus Scopo Questo documento presenta il syllabus di ECDL Standard Project Planning. Il syllabus descrive, attraverso i risultati del processo di apprendimento,

Dettagli

Il Project Management

Il Project Management Il Project Management con l ausilio di strumenti informatici A cura di Paolo Tateo Il Project Management Tecnica per la gestione sistemica di un'impresa complessa, unica e di durata determinata, rivolta

Dettagli

Gestione di progetto. Gestione di progetto. Criticità. Fattori di rischio. Fondamenti. Istanziare processi nel progetto

Gestione di progetto. Gestione di progetto. Criticità. Fattori di rischio. Fondamenti. Istanziare processi nel progetto Criticità Gestione di progetto Ingegneria del Software V. Ambriola, G.A. Cignoni, C. Montangero, L. Semini Aggiornamenti: T. Vardanega (UniPD) Il prodotto SW è intangibile e (troppo) flessibile Al software

Dettagli

5 Gestione dei progetti software. 5.1 Attività gestionale. Sistemi Informativi I Lezioni di Ingegneria del Software

5 Gestione dei progetti software. 5.1 Attività gestionale. Sistemi Informativi I Lezioni di Ingegneria del Software 5 Gestione dei progetti software. Dopo aver completato lo studio del ciclo di vita del software, in questa parte vengono discussi gli aspetti gestionali della produzione del software. Vengono esaminate

Dettagli

Capitolo 5. Soluzione esercizi riepilogativi. Soluzione Esercizio 5.1

Capitolo 5. Soluzione esercizi riepilogativi. Soluzione Esercizio 5.1 Soluzione esercizi riepilogativi Soluzione Esercizio 5.1 Applicando il Critical Path Method al piano di progetto, si avrà la seguente schedulazione (già presente nel testo): 1 Dal reticolo sono evidenziabili

Dettagli

Corso di estimo D Prof Raffaella Lioce

Corso di estimo D Prof Raffaella Lioce Corso di estimo D Prof Raffaella Lioce Cenni di project management - Crono-programma dei lavori PROJECT MANAGEMENT: definizione Il project management è l insieme di metodi e direttive fondamentalmente

Dettagli

Il Project Management secondo BINCODE

Il Project Management secondo BINCODE Id. PERT_One_041612 Il Project Management secondo BINCODE Sommario 1. Introduzione... 2 2. Requisiti tecnici... 3 3. Interfacciamento con i sistemi gestionali aziendali... 4 4. Il pianificatore-schedulatore...

Dettagli

Gestione. di progetto. Gestione di progetto. IS 2011 - Ingegneria del Software 1. Contenuti. Fondamenti. Criticità. Gestione dei rischi 1

Gestione. di progetto. Gestione di progetto. IS 2011 - Ingegneria del Software 1. Contenuti. Fondamenti. Criticità. Gestione dei rischi 1 Contenuti Gestione di progetto Ruoli professionali Pianificazione di progetto Ingegneria del Software Stima dei costi di progetto V. Ambriola, G.A. Cignoni, C. Montangero, L. Semini Seminario: rischi di

Dettagli

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 12: Metodologie: controllo qualità P.M. Fase 3-4: tracking di progetto, introduzione Prof.ssa R. Folgieri email: folgieri@dico.unimi.it

Dettagli

Le attività di project management

Le attività di project management Le attività di project management 1 Corso di Gestione della Produzione II Le caratteristiche dei processi oggetto di analisi 1. Attraversano l organizzazione, in quanto richiedono molteplici competenze

Dettagli

PIANIFICAZIONE DEL PROGETTO E PROGRAMMAZIONE TEMPORALE

PIANIFICAZIONE DEL PROGETTO E PROGRAMMAZIONE TEMPORALE Minimaster in PROJECT MANAGEMENT PIANIFICAZIONE DEL PROGETTO E PROGRAMMAZIONE TEMPORALE Giovanni Francesco Salamone COMPETENZE TECNICHE PIANIFICAZIONE DEL PROGETTO E PROGRAMMAZIONE TEMPORALE ( ICB 3 Elemento

Dettagli

Unità Formativa 10.2: Strumenti per la programmazione delle attività.

Unità Formativa 10.2: Strumenti per la programmazione delle attività. Unità Formativa 10.2: Strumenti per la programmazione delle attività. Nella precedente Unità formativa si è fatto cenno ad alcuni strumenti molto diffusi per la programmazione delle attività e, in particolare,

Dettagli

La procedura di programmazione e gestione del progetto

La procedura di programmazione e gestione del progetto Università degli Studi di Trento Programmazione Costi e Contabilità lavori a.a. 2003-4 La procedura di programmazione e gestione del progetto Marco Masera, dott. arch., d.d.r. ing. marco.masera@ing.unitn

Dettagli

LA GESTIONE DEI PROGETTI

LA GESTIONE DEI PROGETTI Mara Bergamaschi LA GESTIONE DEI PROGETTI Copyright SDA-Bocconi Nota didattica PA 2365 LA GESTIONE DEI PROGETTI Di Mara Bergamaschi SOMMARIO: La nozione di progetto; L importanza di un project management

Dettagli

Il Diagramma di Gantt

Il Diagramma di Gantt Il Diagramma di Gantt Alessandro De Nisco Università del Sannio Il Diagramma di Gantt COSA E IL DIAGRAMMA DI GANTT Esempio UN ESEMPIO DI DIAGRAMMA DI GANTT..COSA MANCA? Come si Costruisce. SI PARTE DALLA

Dettagli

IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE: TECNICHE DI SCOMPOSIZIONE DI UN PROJECT (WBS) LABORATORIO INTEGRATO DI COSTRUZIONE E PRODUZIONE LEZIONE 3

IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE: TECNICHE DI SCOMPOSIZIONE DI UN PROJECT (WBS) LABORATORIO INTEGRATO DI COSTRUZIONE E PRODUZIONE LEZIONE 3 IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE: TECNICHE DI SCOMPOSIZIONE DI UN PROJECT (WBS) IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE Un progetto è un insieme complesso di numerose attività finalizzate al raggiungimento

Dettagli

Project Management - Pianificazione e Progettazione. Niccolò Cusumano

Project Management - Pianificazione e Progettazione. Niccolò Cusumano Project Management - Pianificazione e Progettazione Niccolò Cusumano Che cos è un PROGETTO? Attività con un inizio e una fine Costituito da un insieme di attività correlate Svolto da un gruppo di persone

Dettagli

Introduzione al Project Management con MS Project

Introduzione al Project Management con MS Project Pag 1 di 6 Introduzione al Project Management con Obiettivo: Figure interessate Durata Durata Lezione Informare sulle basi del Project Management Introduzione Uso 2003 Professionisti area edile, terziario

Dettagli

Scheduling Introduzione Tipi di scheduler Scheduler di lungo termine (SLT) Scheduler di medio termine (SMT) Scheduler di breve termine (SBT)

Scheduling Introduzione Tipi di scheduler Scheduler di lungo termine (SLT) Scheduler di medio termine (SMT) Scheduler di breve termine (SBT) Scheduling Introduzione Con scheduling si intende un insieme di tecniche e di meccanismi interni del sistema operativo che amministrano l ordine in cui il lavoro viene svolto. Lo Scheduler è il modulo

Dettagli

Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete

Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete Funzioni in due variabili Raccolta di FAQ by Andrea Prevete 1) Cosa intendiamo, esattamente, quando parliamo di funzione reale di due variabili reali? Quando esiste una relazione fra tre variabili reali

Dettagli

PMP Compendium PROBABILITÀ E STATISTICA A SUPPORTO DEL PROJECT MANAGEMENT

PMP Compendium PROBABILITÀ E STATISTICA A SUPPORTO DEL PROJECT MANAGEMENT PMP Compendium PROBABILITÀ E STATISTICA A SUPPORTO DEL PROJECT MANAGEMENT ESPM- European School of Project Management 1 SOMMARIO 1. GESTIONE DEL DOCUMENTO... 4 1.1 Storia del documento... 4 1.2 Gestione

Dettagli

IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice

IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice CORSO DI ALTA FORMAZIONE 38 ORE IN AULA 8 Moduli Didattici Roma, dal 13 novembre al 5 dicembre 2015 Hotel

Dettagli

Corso Base di Project Management 3 giorni (21 ore)

Corso Base di Project Management 3 giorni (21 ore) Corso Base di Project Management 3 giorni (21 ore) Mettere in grado i partecipanti di acquisire la conoscenza della disciplina del project management affinchè essi possano successivamente affrontare e

Dettagli

Gestire un progetto di introduzione di sistemi informativi di SCM. 1 Marco Bettucci Gestione della produzione II - LIUC

Gestire un progetto di introduzione di sistemi informativi di SCM. 1 Marco Bettucci Gestione della produzione II - LIUC Gestire un progetto di introduzione di sistemi informativi di SCM 1 Che cos è un progetto? Una serie complessa di attività in un intervallo temporale definito... finalizzate al raggiungimento di obiettivi

Dettagli

Metodologia TenStep. Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia

Metodologia TenStep. Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia Metodologia TenStep Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia Livello di Complessità Processo di Project Management TenStep Pianificare il Lavoro Definire il Lavoro Sviluppare Schedulazione e Budget Gestire

Dettagli

TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE

TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE Materiale di supporto alla didattica Tecnologie dell informazione e della comunicazione per le aziende CAPITOLO 3: Progettazione e sviluppo

Dettagli