Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9. Lezione 8: WBS e MS Project scheduling attività e tempi. Il Project Scheduling

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9. Lezione 8: WBS e MS Project scheduling attività e tempi. Il Project Scheduling"

Transcript

1 Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 8: WBS e MS Project scheduling attività e tempi Prof.ssa R. Folgieri 1 Il Project Scheduling Abbiamo preso visione della lista delle attività stilata per un progetto in exel (o strumento analogo opensource). Nota: ricordate che le attività possono includere o meno la fase di studio di fattibilità (fase 0). Dipende dal progetto e dalle scelte Condurre bene la fase di planning significa poter condurre bene lo scheduling (assegnazione di tempo stimato, risorse, costi) e le successive azioni di monitoraggio e controllo (azioni correttive), analisi del forecast e discostamento, durante la fase di sviluppo. E bene dunque ricordare sempre che la pianificazione di progetto (project planning) è probabilmente l attività di management più timeconsuming. Il piano di un progetto è composto da attività continue a partire dai concetti iniziali fino alla delivery deve essere revisionato continuamente al rendersi disponibili di nuove informazioni (non è statico) può essere composto da ulteriori piani specializzati (in terni al piano stesso o, per esempio, riguardanti altri progetti di impatto su quello corrente) Obiettivi del project scheduling: fornire un piano di progetto per ottenere un assegnazione consistente di risorse per ciascun task e per valutare i costi globali. 2 1

2 scheduling planning Dipendenze tra le attività Per mostrare lo svolgersi delle azioni vengono adoperate notazioni grafiche (diagramma di Gannt bar chart) che mostra La durata di ciascuna azione I milestone I collegamenti tra i task suddividendo il progetto in più attività e sottoattività (segmentazione) Le attività sono spesso collegate tra loro.il diagramma di Gannt mostra, su scala temporale, le dipendenze tra i task e deve essere aciclico. Per giungere a pianificazione e schedulazione iniziali è necessario compiere, in sequenza, i seguenti passi: Identificare le attività (milestone compresi) Impostare le relazioni tra le attività Indicare la durata di ciascuna attività Valutare la consistenza della rete di collegamento tra le attività Valutare il cammino critico (approccio al punto critico) nella rete dei task Adoperare il cammino critico per revisionare la rete dei task valutare(/assegnare le risorse richieste da ciascuna attività Allineare le attività in modo da trovare almeno una configurazione consistente delle risorse Assegnare i costi ai task (verifica di fattibilità) 3 Dipendenze tra le attività Una volta individuate le attività dipendenti le une dalle altre, dovete collegarle tra loro. Posizionatevi sulla barretta di un attività che precede temporalmente un altra. Effettuate il drag and drop (ts sin mouse) della barretta su quella dell attività che volete collegare. La barretta si sposterà e le due attività verranno collegate da una freccia. Questo indica che, per default, sono collegate in modo che la seconda può cominciare solo quando la prima è finita (legame finish-to-start) 4 2

3 Tipi di dipendenza Vi sono 4 tipi di relazione possibili tra le attività: Fine-Inizio (FI), Fine- Fine (FF), Inizio-Inizio (II) e Inizio-Fine (IF). finish-to-start: la seconda attività può cominciare solo quando la prima è finita start-to-start: la seconda attività deve cominciare contemporaneamente alla prima finish-to-finish: la seconda attività deve finire insieme alla prima Start-to-finish: la prima attività può cominciare solo quando la seconda è finita Si impostano nella dialog box che compare con due click sulla linea che indica la relazione. Nella stessa finestra si può indicare il lag. (slide successiva) 5 Lead e Lag time LEAD TIME (tempo di anticipo): l intervallo in cui due o più attività si sovrappongono tra loro. Per indicarla, basta stabilire una relazione Fine- Inizio e impostare per l attività successore un tempo di anticipo della percentuale desiderata, ovvero impostare un valore negativo corrispondentemente al ritardo. Per esempio, se un attività può cominciare quando la precedente è stata completata per metà, si può specificare un egame FS ed un lead time di 50% (impostando -50) LAG TIME (tempo di ritardo): rappresenta il ritardo tra attività in relazione tra loro, ovvero quanto deve trascorrere tra la fine di un attività e l inizio dell altra (numero positivo) Si possono impostare lead time e lag time come durata (ovvero numero di ore/giorni necessari) percentuale della durata del task predecessore. Il valore va impostato nella dialog box delle informazioni sul task. 6 3

4 Temporalità dei progetti e WBS Un progetto ha una forte natura temporale, poiché si svolge in una finestra temporale limitata da vincoli fiscali, economici, di risorse o di mercato. Inoltre il team di progetto viene costituito ad hoc e si scioglie alla conclusione del progetto stesso. Un progetto giunge a conclusione attraverso lo svolgimento di passi concatenati successivi. La quantificazione del tempo è focale!!! Il costo è una variabile dipendente da tempo e risorse allocate, ma si può dire che anche le risorse possono essere allocate in base ai requisiti (vincoli) temporali!!! Al termine del progetto si ha il rilascio (detto anche gate, kill point o go-live) Il project Life Cycle deve definire entità e deliverable di ciascuna fase e può essere più o meno dettagliato. Abbiamo detto che dobbiamo suddividere l intero progetto in sottoattività e che questo in gergo si dice WBS (Work Breakdown Structure) A volte i task sono riaggregati in Work Package Ogni task deve avere obiettivi e responsabilità precise 7 Vincoli nella decomposizione Temporali: un task dovrebbe durare non meno di una settimana (di un giorno) Periodo di reporting: un task non può frangere il periodo di reporting relativo allo stato di avanzamento Obiettivi e responsabilità: un task deve avere un obiettivo ben definito e un responsabile Consistenza: un task se decomposto in ulteriori task più semplici dovrebbe mantenere la sua durata, il suo numero di risorse ed anche il suo costo (il costo in tal caso è la variabile dipendente) 8 4

5 Fattori di ritardo In genere i principali fattori che determinano un ritardo sono: Scadenza imposta Cambiamento delle specifiche che non si riflette in un cambiamento della programmazione Mancata valutazione dei rischi Errato calcolo dell impegno necessario Difficoltà (sia tecniche sia umane) impreviste Comunicazione insufficiente/errata fra il personale Incapacità di accorgersi del ritardo del progetto e mancanza di adeguate azioni correttive 9 Calcolo dei tempi stima empirica (1) PURTROPPO (ma ovviamente) una prima stima dei tempi deve essere forzatamente empirica. Alle prime esperienze questo rappresenta una grande difficoltà. Difficoltà anche quando il progetto tratta argomenti sconosciuti. Come procedere per non sbagliare? Indicazioni: 1. Stabilire l ordine di accuratezza della stima (che ordine è richiesto?) se l approssimazione è grande non vi sono grandi problemi e si può rimanere in una definizione dei task ad alto livello. Se è piccola, il livello deve essere più dettagliato. 2. Stimare il tempo in ore (diciamo giornate/uomo e mezze giornate) 3. Suddividere le ore di impegno fra le risorse assegnate (facoltativo). Immaginare di svolgere personalmente il lavoro per non sbagliare effettuate stime medie (principiante-esperto), chiedete a esperti e a chi ha esperienza nell oggetto delle attività. 4. Aggiungere le ore di impegno di risorse specialistiche. Prevedere questa aggiunta. 5. Prevedere la necessità di eventuali rifacimenti per deliverable che non superano la verifica. In genere i rifacimenti sono più costosi dell intero task, ma, immaginando che non sia tutto da rifare, considerate, per non sbagliare, il 30% dell impegno del task. In alternativa, prevedere l eventuale aggiunta di un task per i rifacimenti (non consigliabile). Altra alternativa: aggiungere un blocco di tempi (non consigliabile: può indurre le risorse in errore sindrome dello studente, rif. slide successive) (continua ) 10 5

6 Calcolo dei tempi stima empirica (2) 7. Prevedere il project management time! In genere la gestione del progetto aggiunge al tempo globale almeno il 15% di tempo di gestione (nel caso migliore). Se il progetto è complesso (numero di risorse, metodologia agile per frequenti cambiamenti, forte criticità, tempi ridotti per vincoli (anche di costo), occorre prevedere il 25% in più). Per esempio, se un progetto viene stimato ore (7-8 persone), allora è necessario un project manager a tempo pieno (1800 ore). 8. Aggiungere il contingency factor (fattore di contingenza), ovvero prevedere gli imprevisti. Se il lavoro non è ben definito, il fattore può arrivare a ricoprire il 50%- 60% del tempo stimato. Se invece la stima è accurata e la specifiche ben fissate, è pari al 15-25% (PM esperto). E preferibile inserire una voce separata, ma spesso non è gradita, per cui va calcolata su ciascuna attività. 9. Calcolare l impegno totale così ottenuto LA STIMA E ESAGERATA, VERO? Succede spesso (soprattutto agli inizi, per troppa prudenza) 10. Rivedere e adeguare le cifre (tempi) ottenute. Assicurarsi di non aver ecceduto, soprattutto considerando quanto il modello (importanza della fase di analisi) è accurato e quanto ci si può fidare degli esperti che ci hanno sottoposto le loro previsioni (quanto sono esperti?). Assicurarsi che attività simili hanno stima di impegno simile. 11. Documentare tutte le assunzioni fatte, ovvero appuntare sempre la base sulla quale si è ritenuto di poter fare le stime proposte. 11 E adesso sommiamo Supponiamo di aver stimato che un attività si possa concludere in 7gg: TEMPO ATTIVITA = tempo stimato (esperienza o indicazione esperti) 7 giorni/uomo (56h) + 20% (modello mediamente accurato) 1,5 g/u (11h circa) (non assegno ancora risorse) Rifacimenti 25% (sono prudente perché la stima l ha fatta l esperto) 2 g/u (14h) Project management time 15% (proj non particolarmente complesso) 1,5 g/u (9h circa) Contingengy factor 20% (non sono esperto, ma il piano è dettagliato). 1,5 g/u TOTALE (giorni uomo 8h) 13,5 g/u (108h) Ho documentato le assunzioni fatte (le note tra parentesi). E plausibile per la nostra attività?... Se si, andiamo avanti e/o comunque, rivediamo il tutto sulla base dei suggerimenti dati prima e aiutandoci con alcune tecniche (e formule statistiche) 12 6

7 Considerazioni In linea di massima non è sbagliato considerare un margine di sicurezza (rischio, contingency), ma non "nascondete" tale valutazione: dobbiamo dare ai partecipanti al progetto la giusta percezione il mix [sicurezze nascoste][cpm] può causare problemi CPM è l approccio al punto critico, che vedremo Ipotizziamo, di aver posto alcune attività in sequenza (legami FS) e di aver considerato nella durata di ogni attività una sicurezza nascosta pari al 50% delle durata attesa. Per la logica del CPM, il percorso tra le attività dura complessivamente la somma delle tre. Questo dato è già inesatto poiché tale durata totale deriva dalla somma di tutte le durate delle attività e quindi anche dalla somma di tutte le sicurezze nascoste!! Non si tiene conto di un fattore di probabilità che consideri il rischio. Non dovrei sommare matematicamente, perché così si suppone già il caso peggiore. Altro caso Supponiamo che venga comunicato, in corso di progetto, che un attività durerà due giorni in più tutto il grafico si sposta E giusto che, a questo punto, un attività dipendente cominci, magari, con due giorni di ritardo? Tenete presente che il margine di sicurezza magari comprendeva già i due giorni annunciati!. C è un metodo per tentare di evitare (non vi è mai sicurezza) questi problemi e per controllare le durate impostate (anzi, ve n è più di uno) ma allora come mai i progetti rischiano quasi sempre di terminare in ritardo? Sindrome dello studente e legge di Parkinson Due fattori "umani" spesso principale causa di ritardo dei progetti: 1. "Sindrome dello studente : il responsabile della attività o la risorsa direttamente coinvolta, potrebbero pensare che il tempo assegnato è più che sufficiente, e quindi possono anche permettersi di cominciare un paio di giorni dopo. E così facendo addio margine di sicurezza nascosta! 2. Legge di Parkinson: "Il lavoro si espande in misura del tempo assegnato, ovvero le persone tendono ad adeguare il proprio impegno rispetto al tempo che hanno a disposizione. Doppio effetto: vanifica la sicurezza nascosta porta ad un considerevole aumento dei costi. 14 7

8 Problemi e metodi A volte, per situazioni di emergenza e di cattiva gestione del progetto, i gruppi di lavoro tendono a condurre più attività parallelamente e saltando da una all altra, spesso per inseguire priorità Possono poi verificarsi altre situazioni che danneggiano il progetto: Eventi non prevedibili e non dipendenti dalla propria volontà Frequenti cambiamenti nelle richieste del cliente/committente Mancata chiarezza sulla qualità richiesta/fornita mancanza di analisi dei rischi Mancanza di standard di progetto e dati storici basati su esperienza Analisi iniziale troppo superficiale I metodi dell approccio al punto critico (detto anche Critical Path o Critical Chain e RAP (RApid Planning), cercano di ovviare alcuni dei fattori che abbiamo visto. Anche se le componenti psicologiche, umane e organizzative hanno grande impatto sull andamento del progetto, tuttavia l approccio al punto critico contrasta fortemente i problemi visti. 15 Il Critical Path (Critical Chain) Nella tradizionale schedulazione Critical Path, le attività sono schedulate in più presto possibile (As-Soon-As-Possible - ASAP) a partire dalla data di inizio di progetto. Il percorso critico comprende i task in cui la data minima accettabile per l avvio (earliest start time) e la data massima (latest start time) coincidono. Task critico: task X per cui tmin(x)=tmax(x) Percorso critico: cammino (nodi-archi) in cui tutti i task sono critici Tempo minimo di completamento di un task X tmin_c(x) = tmin(x) + t(x) Tempo massimo di completamento di un task X tmax_c(x) = tmax(x) + t(x) Proprietà del Cammino Critico: non si può ritardare l inizio di nessun task del cammino senza ritardare tutto il progetto 16 8

9 Il Critical Path in MS Project (1) Serie di attività da completare per evitare ritardi di progetto. Ogni attività del percorso critico è definita attività critica. Identificazione del critical path permette il tracking di tempi e risorse Il percorso che finisce (globalmente) per ultimo è il percorso critico. Il critical path può mutare: durante la schedulazione durante il completamento dei task che lo compongono a causa del ritardo di altri task, anche non del percorso critico C è sempre un percorso critico per ogni progetto Per mostrare il percorso critico: 1. menu view>more view 2. detail Gantt apply Per visualizzare solo il percorso critico: 1. menu view>gantt Chart 2. scegliere Critical nel riquadro Filter (per mostrare di nuovo tutti i path, scegliere All Tasks nel riquadro Filter) 17 Il Critical Path in MS Project (2) Ci possono essere, ovviamente, più percorsi critici. Per raggrupparli: menu Project>Group by>critical Procedura guidata: Menu view>gantt Chart Seguire le istruzioni Per default il percorso critico è mostrato in rosso Per mostrare più critical path: Menu Tool>Options>Calculation Selezionare Calcuate multiple critical path Chiaramente un path critico può verificarsi anche attraverso più progetti collegati! 18 9

10 Il Critical Path in MS Project (3) MODIFICHE ALLE IMPOSTAZIONI: Microsoft Project definisce critica un attività se non ha margine di flessibilità, ovvero il ritardo che un attività può subire senza determinare modifiche a un altra attività o alla data finale dl progetto. Margine di flessibilità libero: il ritardo che un attività può subire senza causare il ritardo di un altra Margine di flessibilità totale: ritardo che un attività può subire senza causare lo slittamento della data di fine progetto Si può modificare questa assunzione di percorso critico modificando le impostazioni del margine temporale. Questo può essere utile se si vuole essere avvisati della possibile criticità (soprattutto se si sono previsti dei buffer) Menu tools>options>calculation Nel riquadro tasks are critical if slack is less than or equal to, indicare o selezionare il ritardo scelto Selezionare set as default (sarà il valore di default per tutti I progetti). 19 Critical Chain (1) Il Critical Chain [Goldratt 1997] include le attività e le risorse logicamente relazionate (il Critical Path include solo le attività relazionale logicamente). Critical Chain: applicazione dei principi della " Theory of Constraints" (TOC) al Project management. "Theory of Constraints : approccio olistico e systems-oriented al miglioramento dei processi. (si suppone che un qualunque sistema sia come una catena tanto forte quanto il suo collegamento più debole). Principio: trovare e rinforzare il collegamento più debole (il vincolo del sistema). L "overload" di qualsiasi risorsa umana non viene assolutamente considerato come possibile: le risorse umane ed i relativi skill costituiscono uno dei vincoli principali da considerare 20 10

11 Critical Chain (2) Il Critical Chain Project Management (CCPM) si può applicare alle due macro-fasi conosciute da ogni project manager come Planning e Tracking. Le tecniche utilizzate a livello di Planning sono: Diversa cultura nella stima delle attività Scheduling Backwards (As-Late-As-Possible Scheduling) Risoluzione conflitti delle risorse Identificazione della Catena Critica Inserimento dei Buffers Diversa cultura nella stima delle attività Le tecniche utilizzate per il Planning sono: diversa cultura nella stima delle attività rimuovere quella sicurezza nascosta nella durata delle attività (chiedere di formulate delle stime che abbiano almeno il 50% di probabilità di essere rispettate). Nell esprimere la stima occorre considerare ed elencare tutti i presupposti principali rispetto ai quali essa viene formulata

12 2. Scheduling Backwards Scheduling Backwards (As-Late-As-Possible Scheduling) Programma temporale considerando attività all indietro (partendo cioè dalla data target di fine progetto). Attività schedulate il più tardi possibile (As-Late-As- Possible ALAP). Così si vuole sapere quando occorra cominciare il progetto per poter rispettare il target temporale di fine. Schedulare all indietro non vuol dire pensare all indietro! (anche se vi sono sostenitori di tale tesi). Significa solo calcolare quale sono le date di inizio delle attività al più tardi possibile. Benefici di una programmazione ALAP: Si minimizza il work-in-progress (WIP) e si posticipano i costi. Vantaggio all'inizio critico del progetto perché sono pianificate solo le attività indispensabili per cominciare. La conoscenza sul lavoro da svolgere è inizialmente scarsa ma aumenta progressivamente durante il corso del progetto. Programmazione ALAP capitalizza l aumento di conoscenza e minimizza l'esigenza delle rilavorazioni. Unico grande svantaggio: Aumento globale della criticità del piano (assenza di total float). Tutte le attività sembrano ugualmente critiche! Risoluzione conflitti risorse Critical Chain prevede la risoluzione totale di tutti i conflitti fra le risorse (overload). Si deve effettuare un livellamento limitato nelle risorse sempre con un algoritmo ALAP. In altri termini: definendo a priori una scala di priorità, si inseriscono collegamenti logici fine-inizio non solo fra le attività (come nel Critical Path) ma anche fra le risorse. Solo dopo tale risoluzione di conflitti fra le risorse si determinerà il Critical Chain proprio come la catena più lunga esistente in un progetto, considerando sia le dipendenze fra le attività che le dipendenze fra le risorse

13 4. Inserimento di buffers Ricordate che nella stima della durata delle attività, prima di individuare la catena critica, abbiamo rimosso tutti i fattori di sicurezza nascosta. Dopo aver individuato la Catena Critica, è opportuno inserire nuovi elementi di sicurezza, che possano assorbire eventuali ritardi e imprevisti. Tali ammortizzatori, non più nascosti ma ben evidenziati, vengono chiamati Buffers Goldratt individua due tipi fondamentali di buffer: il Project Buffer il Feeding Buffer Il Project Buffer protegge la data target di fine progetto da sovraccarichi e da imprevisti nelle attività del Critical Chain. Viene inserito al termine del progetto dopo l' ultima attività del Critical Chain. Può assumere mediamente un valore pari al 50% della durata complessiva delle attività del Critical Chain. I Feeding Buffer, (buffer di alimentazione), vengono inseriti nei punti in cui le catene noncritiche si agganciano sulla catena critica. esempio di Gantt in cui sono stati aggiunti, alla catena critica (in rosso), le due tipologie di buffer. 25 Vantaggi La data di completamento progetto è più sicura in quanto protetta dai buffer che fungono da veri e propri ammortizzatori di ritardi imprevisti. I costi dovrebbero tipicamente abbassandosi e allo stesso tempo posticiparsi il più possibile. La riduzione dei tempi di esecuzione del progetto riduce il rischio di troppe richieste di cambiamento da parte dei clienti. Le persone lavorano meno sovraccaricate e meno angosciate dal rispetto delle date di inizio. La pianificazione Alap riduce le possibilità di ri-lavorazione, garantendo, fra l'altro, una migliore qualità finale del progetto. Pianificare o non pianificare? Questo è il problema. Ora, parlando di progetti estremi, progetti in cui il cambiamento può essere all'ordine del giorno, l'approccio newtoniano alla pianificazione dovrebbe venir sostituito da un nuovo approccio di tipo "quantum": la realtà è in continuo divenire è non potrà mai essere descritta in maniera statica e definitiva (XPM - extrem Project Management)

14 Revisione del percorso critico Un attività critica (perché di lunga durata e con molti archi entranti o uscenti) può essere spezzata in attività più semplici e brevi L approccio al punto critico è indicato solitamente con CPM (Critical Path Management). Alcuni lo indicano erroneamente come PERT, ma non è lo stesso. PERT prevede una distribuzione di durata dei compiti secondo una variabile aleatoria triangolare o beta. Il risultato è simile a quello prodotto dal CPM perché i calcoli usano il valore medio delle durate Si può anche calcolare una deviazione standard e la probabilità secondo la quale il progetto è eseguito con una durata diversa da quella media. Se, secondo una distribuzione triangolare dei tempi, indichiamo con NP anticipo non probabile; P probabile; NP* ritardo non probabile, si ha: MEDIA = (NP + P + NP*)/3 Tralasciamo, per ora, la distribuzione beta, difficilmente usata nella pratica

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/ Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive https://nonconf.unife.it/ Registrazione della Non Conformità (NC) Accesso di tipo 1 Addetto Registrazione della Non Conformità

Dettagli

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona PRINCIPI PROJECT MANAGEMENT PRINCIPI DI PROJECT MANAGEMENT Elisabetta Simeoni 1), Giovanni Serpelloni 2) 1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS

Dettagli

Introduzione al Project Management. AIPA Area Monitoraggio e Verifiche

Introduzione al Project Management. AIPA Area Monitoraggio e Verifiche Introduzione al Project Management AIPA Area Monitoraggio e Verifiche Contenuti del corso Impostazione del progetto; Pianificazione delle attività, risorse e costi; Coordinamento e controllo durante le

Dettagli

LAVORARE PER PROGETTI

LAVORARE PER PROGETTI LAVORARE PER PROGETTI Giampaolo Calori e Nicoletta Perego Eulogos Consulenti di Direzione 1. PREMESSA Ogni giorno le aziende devono confrontarsi con il mutamento continuo dell ambiente interno ed esterno

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 2 Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO Modulo 2 Dall Idea al Progetto 2

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO Giovanni Serpelloni 1), Elisabetta Simeoni 2) 1. Centro

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Project Management PROJECT MANAGEMENT Change Formazione

Project Management PROJECT MANAGEMENT Change Formazione PROJECT MANAGEMENT Change Formazione 1 INTRODUZIONE 3 Le fasi del Project Management 3 Fattori critici di insuccesso 4 Fattori critici di successo 4 LA PIANIFICAZIONE DEL PROGETTO 5 LA PROGRAMMAZIONE DEL

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

LIVELLO STRATEGICO E TATTICO

LIVELLO STRATEGICO E TATTICO Corso di Laurea Triennale in INGEGNERIA GESTIONALE Anno Accademico 2012/13 Prof. Davide GIGLIO 1 ESEMPI DI PROBLEMI DECISIONALI LIVELLO STRATEGICO Capacity growth planning LIVELLO TATTICO Aggregate planning

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

La Valutazione Euristica

La Valutazione Euristica 1/38 E un metodo ispettivo di tipo discount effettuato da esperti di usabilità. Consiste nel valutare se una serie di principi di buona progettazione sono stati applicati correttamente. Si basa sull uso

Dettagli

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Ovvero: i sette comportamenti a rischio responsabili dei principali infortuni sul lavoro MANUTENZIONE & SICUREZZA Franceso Gittarelli,

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA

PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA La Scheda Valutazione Anziano FRAgile al momento dell inserimento è abbinata al paziente. E possibile modificarla o inserirne una nuova per quest ultimo. Verrà considerata

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Earned Value e monitoring del progetto

Earned Value e monitoring del progetto IT Project Management Lezione 8 Earned Value Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Aspetti economico-finanziari (1) Costi C Fine progetto T Tempo La curva a S è chiamata baseline dei costi risultato dell aggregazione

Dettagli

Ricerca non informata in uno spazio di stati

Ricerca non informata in uno spazio di stati Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Intelligenza Artificiale Paolo Salvaneschi A5_2 V2.4 Ricerca non informata in uno spazio di stati Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Università degli Studi di Parma Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica DISPENSE INTRODUTTIVE INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Prof. Giulio Destri

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT Lo standard internazionale di PM per gestire l innovazione nei prodotti e nei servizi, le commesse, i progetti di miglioramento

PROJECT MANAGEMENT Lo standard internazionale di PM per gestire l innovazione nei prodotti e nei servizi, le commesse, i progetti di miglioramento LA GUIDA DEL SOLE 24 ORE AL PROJECT MANAGEMENT Lo standard internazionale di PM per gestire l innovazione nei prodotti e nei servizi, le commesse, i progetti di miglioramento Stefano Tonchia e Fabio Nonino

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020 Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Simona De Luca, Anna Ceci UVAL DPS Roma 11 luglio 2013 Indice 1. Indicatori: un modo

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale Lezione 3 La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi informativi Comunicazione Programmazione e controllo

Dettagli

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12 Data ultima revisione del presente documento: domenica 8 maggio 2011 Indice Sommario Descrizione prodotto.... 3 Licenza e assunzione di responsabilità utente finale:... 4 Prerequisiti:... 5 Sistema Operativo:...

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL Inserire una funzione dalla barra dei menu Clicca sulla scheda "Formule" e clicca su "Fx" (Inserisci Funzione). Dalla finestra di dialogo "Inserisci Funzione" clicca sulla categoria

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi Project Cycle Management 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico di Federico Bussi federicobussi1@gmail.com 1 La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico Nelle pagine precedenti abbiamo

Dettagli

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole Guida rapida Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Riunisce geometria, algebra, tabelle,

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Manuale dell'utente di SAP BusinessObjects Process Analysis

Manuale dell'utente di SAP BusinessObjects Process Analysis Manuale dell'utente di SAP BusinessObjects Process Analysis SAP BusinessObjects Process Analysis XI3.1 Service Pack 3 windows Copyright 2010 SAP AG. Tutti i diritti riservati.sap, R/3, SAP NetWeaver, Duet,

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

DI D AGRA R MM M I M A BLOCC C H C I TEORI R A E D D E SERC R I C ZI 1 1

DI D AGRA R MM M I M A BLOCC C H C I TEORI R A E D D E SERC R I C ZI 1 1 DIAGRAMMI A BLOCCHI TEORIA ED ESERCIZI 1 1 Il linguaggio dei diagrammi a blocchi è un possibile formalismo per la descrizione di algoritmi Il diagramma a blocchi, o flowchart, è una rappresentazione grafica

Dettagli

Il piano principale di produzione

Il piano principale di produzione Il piano principale di produzione Piano principale di produzione 1 Piano principale di produzione (Master Production Schedule) MPS pianifica le consegne di prodotto finito in termini di quantità e di data

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

Razionalità organizzativa e struttura

Razionalità organizzativa e struttura Un organizzazione è sempre compresa in sistemi più ampi Alcune parti dell organizzazione inevitabilmente sono interdipendenti con altre organizzazioni non subordinate e fuori dalle possibilità di controllo

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it UML: Class Diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania Class Diagram Forniscono una vista strutturale

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE. Master in Project Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE. Master in Project Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria e Automazione Master in Project Management RIORGANIZZAZIONE DEI PROGETTI PER L ULTIMO TRIMESTRE DEL 2004 CON REALIZZAZIONE

Dettagli

Legge del Raffreddamento di Newton

Legge del Raffreddamento di Newton Legge del Raffreddamento di Newton www.lepla.eu Obiettivo L'obiettivo di questo esperimento è studiare l'andamento temporale della temperatura di un oggetto che si raffredda e trovare un modello matematico

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

TECNICHE DI SIMULAZIONE

TECNICHE DI SIMULAZIONE TECNICHE DI SIMULAZIONE MODELLI STATISTICI NELLA SIMULAZIONE Francesca Mazzia Dipartimento di Matematica Università di Bari a.a. 2004/2005 TECNICHE DI SIMULAZIONE p. 1 Modelli statistici nella simulazione

Dettagli

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT 1 1 Introduzione al programma 3 2 La prima volta con Powerpoint 3 3 Visualizzazione

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per l Utente. Guida ai ai Servizi Voce per l Utente

Guida ai Servizi Voce per l Utente. Guida ai ai Servizi Voce per l Utente Guida ai Servizi Voce per l Utente Guida ai ai Servizi Voce per l Utente 1 Indice Introduzione... 3 1 Servizi Voce Base... 4 1.1 Gestione delle chiamate... 4 1.2 Gestione del Numero Fisso sul cellulare...

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E 2010 Redexe S.u.r.l., Tutti i diritti sono riservati REDEXE S.r.l., Società a Socio Unico Sede Legale: 36100 Vicenza, Viale Riviera Berica 31 ISCRITTA ALLA CCIAA

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso Parte 5 Adv WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso 1 di 30 Struttura di un Documento Complesso La realizzazione di un libro, di un documento tecnico o scientifico complesso, presenta

Dettagli

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 Download Si può scaricare gratuitamente la versione per il proprio sistema operativo (Windows, MacOS, Linux) dal sito: http://www.codeblocks.org

Dettagli

Numeri reali. Funzioni e loro grafici

Numeri reali. Funzioni e loro grafici Argomento Numeri reali. Funzioni e loro grafici Parte B - Funzioni e loro grafici Funzioni reali di variabile reale Definizioni. Supponiamo che A sia un sottoinsieme di R e che esista una legge che ad

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli