CLAMDA Giuseppe Gherardi PROJECT MANAGEMENT. Tecniche per la gestione efficiente di progetti complessi. Lion 3. Project Management

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CLAMDA Giuseppe Gherardi PROJECT MANAGEMENT. Tecniche per la gestione efficiente di progetti complessi. Lion 3. Project Management"

Transcript

1 PROJECT MANAGEMENT Tecniche per la gestione efficiente di progetti complessi Lion 3 1

2 1. Introduzione al 2. L impostazione del progetto 3. La pianificazione del progetto 4. Il controllo del progetto 5. Case Study Esercizio 6. Il Risk Management di progetto 2

3 4. IL CONTROLLO DI PROGETTO a. Controllo dei tempi e delle risorse 3

4 Controllo di progetto Eʼ più importante saper gestire l imprevisto che non prevedere l imprevedibile 4

5 Controllo dei tempi e risorse q Quando il progetto entra nella sua fase operativa (fase di esecuzione), è necessario capire se le attività e gli eventi procedono effettivamente come pianificato q Eʼ quindi opportuno istituzionalizzare dei punti di controllo (se non già definiti come milestones) per verificare scostamenti di tempi, risorse (e costi) ed eventualmente procedere a revisioni parziali o complete del piano di progetto q Il tema del controllo di avanzamento è importante quanto la pianificazione, e richiede una grande concentrazione da parte del Project Leader 5

6 Controllo dei tempi e risorse Passiamo quindi dalla fase di pianificazione alla fase di esecuzione e controllo Ciclo del Controllo Avanzamento Piano Avvio attività Controllo stato di avanzamento PLAN Valutazione degli scostamenti Azioni correttive ACT DO Previsione a finire CHECK Approvazione variazioni piano 6

7 Controllo dei tempi e risorse Misure di avanzamento q q In funzione della frequenza di aggiornamento del piano prescelta e delle milestones, vengono inserite per ogni attività le informazioni riguardanti: q q q La data effettiva di inizio La data effettiva di fine La percentuale di completamento In caso di progetti complessi in cui si scelga di monitorare mediante la pianificazione anche alcune variabili economiche oltre le risorse coinvolte, si potranno raccogliere: q q q I costi degli approvvigionamenti e dei servizi esterni Le ore pagate Il consumo di materiali 7

8 Controllo dei tempi e risorse Misure di avanzamento q Qualora unʼ attività risultasse in ritardo, ovvero alla data del controllo, il suo avanzamento fosse inferiore allʼ atteso, occorre valutare se il ritardo sia o meno recuperabile. Si possono presentare tre situazioni: q q q La risorsa responsabile dellʼ attività in ritardo potrebbe attivare misure straordinarie per recuperare (lavoro straordinario, aumento temporaneo di risorse, esternalizzazione) Il ritardo non è recuperabile, ma lʼ attività è dotata di scorrimento, quindi non impatta sull inizio di attività successive e sulla data di fine prevista Il ritardo non è recuperabile, lʼ attività non è dotata di scorrimento, oppure lo scorrimento non è sufficiente a contenere il ritardo, allora si dovrà valutare lʼ impatto sulle date di inizio delle attività a valle e sulla data finale del progetto 8

9 Misure di avanzamento q q q Nel caso di ritardo di attività critiche, questo si ribalta direttamente come ritardo di avvio di attività a valle e sulla data di completamento del progetto Eʼ quindi necessario non solo attivare azioni di recupero sullʼ attività in ritardo, ma anche azioni preventive sulle attività a valle in modo da limitare lʼ effetto del ritardo Controllo dei tempi e risorse Da quanto detto risulta importante, nellʼ attività di controllo di progetto, valutare congiuntamente: q La percentuale di completamento vs pianificato q Gli scorrimenti esistenti q Le sequenze delle attività q Le risorse impiegate q I responsabili e le risorse coinvolte 9

10 Controllo dei tempi e risorse Misure di avanzamento q q q q Dall efficacia degli strumenti di pianificazione adottati, dipende la qualità delle decisioni da prendere Il diagramma di Gantt si presta ottimamente allʼ attività di controllo avanzamento Infatti l indicazione del lavoro effettuato avviene mediante sovrapposizione di una barra avanzamento alla barra pianificato Sempre attraverso il Gantt è possibile simulare e valutare scenari e soluzioni alternative 10

11 Controllo dei tempi e risorse Misure di avanzamento esempio 1 Alla data del 12 dicembre: q q q Lʼ attività A, completata al 100%, è stata completata nei tempi previsti Lʼ attività C, completata al 100%, è stata completata nei tempi previsti Lʼ attività D, completata al 25%, risulta in ritardo rispetto ai tempi previsti di un giorno. Tuttavia, si evince che lʼ attività ha scorrimento e non è critica, quindi il giorno di ritardo non provocherà, allo stato attuale, nessuna conseguenza temporale 11

12 Controllo dei tempi e risorse Misure di avanzamento esempio 2 Alla data del 12 dicembre: q Lʼ attività A, completata al 15%, è fortemente in ritardo rispetto alle previsioni (6gg). Dallʼ analisi del Gantt, si rileva che tale attività non è critica. Lʼ attività E, immediatamente a valle, è dotata di uno scorrimento di 5 gg. Il ritardo accumulato dallʼ attività A è superiore al valore dello scorrimento della E, quindi, in assenza di misure correttive, impatterà sullʼ inizio e sulla fine di questʼ ultima, nonché sulla data di fine progetto (che tarderà di 1 gg) 12

13 Controllo dei tempi e risorse La rischedulazione di progetto q q q q Il controllo dei tempi e delle risorse permette di identificare gli scostamenti rispetto al piano originale Si procede quindi alla valutazione dei tempi e delle risorse richieste per la revisione delle attività, verificando se gli obiettivi originali possono o meno essere mantenuti Mediante la pianificazione si possono quindi valutare gli impatti delle variazioni sul progetto baseline ed effettuare simulazioni per trovare la soluzione più soddisfacente per raggiungere gli obiettivi Una volta scelta lʼ alternativa ottimale, vengono apportate le correzioni e le revisioni del piano chiudendo il ciclo di controllo 13

14 Controllo economico La pianificazione Modello economica Earn Value La valutazione economica di avanzamento del progetto non può prescindere dalla variabile temporale, specie per progetti aventi durata rilevante. E necessaria un analisi congiunta della dimensione performance di costo e della dimensione performance dei tempi L Earned Value esprime la misura dello stato di avanzamento di un progetto mediante la determinazione del valore attribuibile alla parte di progetto completata. 14

15 Controllo economico La pianificazione Modello economica Earn Value Immaginate che un imbianchino debba ridipingere una parete di casa vostra, 4mt di larghezza e 2.20 di altezza, di giallo. Il vostro budget è di 10 euro. Lui vi chiede10 /h e vi dice che ce la può fare in un ora: Fantastico!!!!! 15

16 Controllo economico La pianificazione Modello economica Earn Value 30 min più tardi, controllate come sta andando e notate che ne ha già terminato il 50%. Quanto ha guadagnato (earned) finora? L imbianchino ha guadagnato il 50% di 10 cioè 5 Se continua così, avrà finito il lavoro in tempo (1 ora) e il tutto vi sarà costato esattamente 10 Euro 16

17 Controllo economico La pianificazione Modello economica Earn Value Poniamo il caso che 30 min più tardi, controllate come sta andando e notate che ne ha terminato circa un 30%. Quanto ha guadagnato (earned) finora? L imbianchino ha guadagnato circa un 30% di 10 cioè 3 Facilmente potete supporre che: - impiegherà più di un ora ad imbiancare (ritardo) - - vi costerà, quindi di più (overbudget) 17

18 Controllo economico La pianificazione Modello economica Earn Value E se 30 min più tardi notate che ne ha già terminato circa un 70%?. Quanto ha guadagnato? L imbianchino ha guadagnato circa un 70% di 10 cioè 7 Facilmente potete supporre che: - impiegherà meno di un ora ad imbiancare (anticipo) - - vi costerà, quindi, meno circa 8 18

19 Controllo economico La pianificazione Modello economica Earn Value Immaginate di trovarvi in questa situazione: Un attività vi costa (budget cost) 100 /gg e avete pianificato che l attività duri 5 gg (work scheduled). Dopo alcuni gg, vi trovate nelle seguenti condizioni: L attività è costata il 20% in più rispetto al pianificato ma si è conclusa nei tempi previsti: 120 x 5gg = 600 Maggiore Costo=100 L attività è costata come pianificato ma è durata un gg in più del previsto: 100 x 6gg = 600 Maggiore Costo=100 COSTO DA COSTO COSTO DA TEMPO 19

20 Controllo economico Modello Earn Value Oppure di trovarvi davanti ad una situazione di questo tipo: Is this project underspending or is it behind schedule? Actual cost Time Queste situazioni sono ambigue e non portano a risposte definite, ecco perché è necessario avere un elemento aggiuntivo chiamato EARNED VALUE 20

21 Controllo economico Modello Earn Value Eʼ necessario definire i seguenti valori: Costo previsionale delle attività programmate BCWS (Budget Cost of Work Scheduled) Costo a valori previsionali delle attività di progetto completate BCWP (Budget Cost of Work Performed) Costo consuntivo delle attività completate ACWP (Actual Cost of Work Performed) Lo stato di avanzamento del progetto (earned value) è misurato da BCWP, che restituisce la valutazione economica del lavoro completato espressa con i medesimi criteri utilizzati in sede di budget Earned Value = BCWP = costo di budget delle attività completate 21

22 Controllo economico Modello Earn Value Si possono calcolare i seguenti indicatori: Scostamento di costo (cost variance) Cost variance = BCWP ACWP Performance di costo CPI (Cost Performance Index) - EFFICIENZA CPI = BCWP / ACWP Scostamento di schedulazione (schedule variance) Schedule variance = BCWP BCWS Performance di schedulazione SPI (Schedule Performance Index) EFFICACIA SPI = BCWP / BCWS 22

23 Controllo economico Modello Earn Value Significato grafico La curva BCWS è quella tempo-costi prevista; la BCWP è la tempo-costi effettiva a costi bgt, la ACWP è la tempo-costi effettiva a costi effettivi Costi BCWS ACWP CV cost variance SV schedule variance A B BCWP Livello di costo raggiunto alla data di riferimento sulla base del lavoro effettivamente svolto BCWP = % complete x budget Ritardo temporale Tempo 23

24 Controllo economico Cost variance Schedule variance Earned Value BCWP This is the STARTING POINT!!!!! Time BCWP = % complete x budget 24

25 Controllo economico Modello Earn Value Riprendiamo l esempio: se la differenza l Earned Value e i Planned cost (Schedule Variance) fosse 100, cosa significa esattamente essere behind schedule di 100? Noi sappiamo bene cosa significa avere un costo maggiore di 100 ma cosa significa avere un ritardo di 100? Earned Value BCWP Cost variance Schedule variance Time 25

26 Early and over-spent Early and under-spent ACWP Late and over-spent Late and under-spent 26

27 Controllo economico Modello Earn Value Nella valutazione di performance, lʼ analisi della correlazione tra CPI e SPI permette di capire lo stato del progetto sotto il profilo economicotemporale + PERFORMANCE INCERTA PERFORMANCE POSITIVA SPI 1 PERFORMANCE NEGATIVA PERFORMANCE INCERTA CPI + 27

28 Controllo economico Modello Earn Value EFFICIENZA CPI > 1 FINAL COST = BUDGETED COST / CPI EFFICACIA SPI> 1 FINAL PROJECT DURATION = BUDGETED COST / SPI 28

29 29 Controllo economico Modello Earn Value L Earned Value richiede dei processi di stima del valore di attività completate alla data. I principali metodi di misurazione dell Earned Value sono: Milestone ad ogni milestone è associato un valore di budget, rapportando al budget totale, si possono ottenere stime di completamento; Formule si attribuiscono punteggi fissi per valutare il completamento di attività (caso tipico di attività che coprono due o più intervalli di valutazione economica. Es: 0/100 valore 0 fino a quando non è completata. 50/50 valore 50 quando è iniziata, 100 a fine attività ) Percentuali di completamento si esprime una percentuale rappresentativa del grado di completamento di una attività; Misti percentuali di completamento abbinati a milestone ponderati. 29

30 30 Controllo economico Modello Earn Value - EAC L Earned Value può dare anche indicazioni previsionali di massima sul futuro svolgimento del progetto: ovvero il costo totale stimato a completamento progetto EAC (Extimated Costs at Completion). Tra i vari metodi si cita il Cumulative CPI Extimate at Completion. Questo approccio indica i costi totali come stima basata sui costi effettivi raggiunti fino al momento più i costi di budget a finire, aggiustati per tenere conto del livello di performance fino al momento dimostrato (CPI cumulato) EAC = (budget totale earned value) / CPI (cumulato) + Costi Effettivi (actual costs) EAC = (total bgt BCWP)/CPI + ACWP 30

31 1. Introduzione al 2. L impostazione del progetto 3. La pianificazione del progetto 4. Il controllo del progetto 5. Case Study Esercizio 6. Il Risk Management di progetto 31

32 Case Study Caso festival Macroprogrammazione delle attività : la Settimana del 13 febbraio si sarebbero svolte le riunioni per la definizione del calendario eventi (1 sett - Lodigiani, Mei, Casini, Rossi). Dopo la definizione del calendario, si procede all organizzazione dei diversi eventi del festival (2 sett - Rossi, Uff Operativo, Casini). Terminata l organizzazione eventi, parte l attività di elaborazione del format (1 sett Lodigiani e Uff Comunicazione). Al termine del calendario eventi può partire anche la ricerca degli sponsor (1 sett Casini e Mei), a seguito della quale avverranno i contatti con gli sponsor (2 sett Casini). La campagna di comunicazione potrà partire alla fine dell elaborazione del format (2 sett Uff Comunicazione). La mailing inviti potrà partire dopo una settimana dopo l inizio della campagna comunicazione (1 sett Uff Operativo). Una settimana dopo l attività di organizzazione degli eventi, può partire l organizzazione logistica (3 sett Uff Operativo e Uff Viabilità). Dopo l organizzazione logistica partiranno i lavori di allestimento (1 sett Impresa), al termine dei quali si sarà pronti per le prove degli invitati e l inizio del festival. Costi orari per risorsa: Mei 80eu/h Rossi 40 eu/h Casini 40 eu/h Lodigiani - 30 eu/h Impresa 600 eu/h Uff viabilità 400 eu/h Uff. operativo 300 eu/h Uff comunicazione 200 eu/h 32

33 Case Study Caso festival primo gantt Data di fine: lun 10/4 33

34 Case Study Caso festival livellato Data di fine: lun 10/4 34

35 Case Study REVSIONE DI BUDGET Durata Costo tot attività Quota Quota parte Cost/slope Totale 1-3 Calendario ev Organizzazione Elab format Id sponsor Contatti sponsor Campagna com Organizzaz log , Organizzaz log , Mailing inviti Allestimento finale TOT

36 Case Study Caso festival Bar Chart Cost Schedule Serie1 36

37 Case Study La pianificazione economica Caso Festival La situazione del progetto all inizio della 5 settimana (lunedì 13 marzo) vedeva le attività 1,2,4 completate nei tempi previsti, mentre l attività 3 era iniziata con una settimana di ritardo. Inoltre, per problemi non previsti, erano state utilizzate 2 giornate dell Uff. Operativo non pianificate. Calcolare, attraverso il modello dell Earned Value le varianze, gli indici e l EAC di completamento. 37

38 La pianificazione economica Case Study CLAMDA Giuseppe Gherardi Caso Festival Modello Earned Value - Attività barrate in nero = completate - Il ritardo dell inizio dell attività di elaborazione format sposta in avanti di una settimana i costi previsti per la sola campagna di comunicazione ma non ritarda la data di fine progetto. 38

39 Case Study La pianificazione Caso economica Festival - Costi aggiuntivi: 2 gg uff. operativo = 300*8*2 = euro - Il BCWS, ovvero il budget di costo relativo alle attività che avevamo pianificato di svolgere fino al 13 di marzo è di: = Il BCWP = Earned Value, ovvero i costi di budget delle attività effettivamente svolte è di: = Il ACWP, ovvero i costi effettivi delle attività svolte è di : = Calcolando i vari indici si ha: COST VARIANCE = = (maggior costo) CPI = / = 0,899 (inefficienza di costo perché < 1) SCHEDULE VARIANCE = = (costi di attività in ritardo, non fatte ma previste) SPI = / = 0,823 (inefficienza di puntualità perché < 1) 39

40 Case Study La pianificazione economica Caso Festival Ora, sapendo che il costo di budget di progetto è di , applichiamo l EAC: EAC = (budget totale earned value) / CPI (cumulato) + Costi Effettivi (actual costs) EAC = ( )/0, = Costo del progetto a finire vista la performance al 13 marzo. Video: 40

41 1. Introduzione al 2. L impostazione del progetto 3. La pianificazione del progetto 4. Il controllo del progetto 5. Case Study Esercizio 6. Il Risk Management di progetto 41

42 Risk Management Gestire progetti significa assumersi dei rischi Ogni decisione, ogni stima, ogni piano è un potenziale portatore di rischi La tecnica più diffusa per gestire i rischi è la reazione. Quando un evento inaspettato accade, reagiamo assumendo azioni correttive Ma molto spesso, quando il rischio accade, è troppo tardi e il progetto soffre una perdita di efficienza/efficacia Accantonando, in sede di budget, un fondo per gestire i rischi, non significa che stiamo gestendo il rischio. Significa che speriamo che, qualsiasi cosa possa accadere, noi possiamo coprirne le conseguenze con quanto abbiamo accantonato Ma possiamo anche assumere un atteggiamento proattivo. Possiamo cercare di prevedere ogni possibile rischio e decidere delle azioni correttive da attivare, considerandone i costi A questo punto possiamo decidere quali costi possiamo affrontare e quali vogliamo affrontare: ora stiamo gestendo il rischio 42

43 Risk Management E possibile superare l approccio reattivo? E possibile allenarsi e migliorare l approccio proattivo?.. Il Gruppo Standish sviluppò una ricerca secondo la quale su progetti ITC sviluppato negli USA nel 2004, solo il 18% era on time. E necessario sviluppare e implementare una metodologia che permetta la gestione del rischio nei progetti 43

44 Risk Management Qual è il significato del termine Rischio? Il termine rischio indica un evento che ha una definita probabilità di accadere e può costituire un danno per il progetto Può accadere, non Accadrà Il rischio è infatti correlato all incertezza. Incertezza può anche rappresentare una opportunità, se i risultati dell evento sono positivi Sia le minacce che le opportunità sono incertezze, quindi entrambe sono tipologie di rischio 44

45 Risk Management Esempio: Sono uscito di casa con le mie nuove scarpe di camoscio, ma le previsioni del tempo indicano che potrebbe piovere. Non ne sono sicuro, quindi c è il rischio Se non pioverà, sarò uscito con un leggerissimo e comodissimo paio di scarpe, e camminerò senza stancarmi.. Se pioverà, certamente distruggerò le mie scarpe nuove di camoscio Se vedrò delle nuvole scure addensarsi, allora dovrò correre a cercare un riparo, perché certamente verrà a piovere! Abbiamo tutti gli elementi per identificare e gestire il rischio! 45

46 Risk Management Esempio: TARGET RISCHIO VANTAGGIO DANNO TRIGGER (sentinel) STRATEGIA INDOSSARE LE MIE SCARPE NUOVE PROBABILITA DI PIOGGIA CAMMINARE COMODAMENTE ROVINARE LE SCARPE NUOVE NUVOLE SCURE CHE SI ADDENSANO SE VEDO ADDENSARSI NUVOLE SCURE, CERCO UN RIPARO 46

47 Risk Management Il rischio può significare minaccia od opportunità. Ci sono due tipologie di rischi: RISCHIO PURO se si verifica, abbiamo la probabilità si soffrire una perdita Strategia di gestione: evitare, trasferire, mitigare RISCHIO SPECULATIVO se si verifica possiamo ugualmente soffrire una perdita, oppure avere un vantaggio Strategia di gestione: puntare al vantaggio, condividere, migliorare Esempio: la perdita di valore di un titolo in borsa può essere un rischio o una opportunità. Dipende se dobbiamo vendere od acquistare! 47

48 Risk Management Per essere in grado di definire cosa fare in caso di verificarsi di un evento negativo, dobbiamo costruire un Sistema di Previsione e di Gestione del Rischio connesso al progetto Il Project Team deve quindi procedere ad una mappatura dei possibili rischi definendone la tipologia, i triggers, le minacce/ opportunità connesse, la strategia in caso del loro verificarsi Chi definisce il livello di costo da sostenere per finanziare il Sistema di Previsione e Gestione dei Rischi?. Usualmente lo Sponsor, attraverso la definizione della priorità di rischio e del budget da allocare 48

49 Risk Management Risk Management Il Sistema di Previsione e Gestione dei Rischi si articola in 4 fasi: 1. Identificazione del rischio Analizziamo ogni possibile rischio che potrebbe determinare un impatto sul progetto, e ne definiamo le caratteristiche: 1. Impatto (quali danni potenziali o vantaggi sono legati alla tipologia di rischio) 2. Probabilità di accadimento 3. Risk trigger/sentinel Il Project Team deve effettuare tale analisi dopo il project planning e prima della definizione del budget di progetto 49

50 Risk Management 2. Analisi qualitativa e quantitativa del rischio è necessario definire una lista di rischi ordinati per priorità di accadimento e rilevanza di impatto (FMEA). In questa fase vengono inoltre definiti i costi per la gestione dei singoli rischi, nonché il confine tra rischi (e costi) da considerare e rischi (e costi) che si decide di ignorare 3. Piano delle azioni correttive in caso di manifestarsi di rischio in tale fase, in corrispondenza di ogni rischio definito che è stato deciso di considerare, vengono definite le azioni correttive aventi come obiettivo la minimizzazione delle minacce e la massimizzazione delle opportunità. Il piano può comportare l inserimento nella pianificazione di progetto di nuove attività (e costi) non direttamente correlate con l obiettivo finale 4. Monitoraggio e controllo dei rischi 50

51 Risk Management Identificazione del rischio: lo Standard Risk Model (SRM) Si definiscono tre variabili: 1. L EVENTO RISCHIO è l evento che determina la perdita o il guadagno. Si compone di: a. RISK EVENT DRIVER è la Sentinella, che indica se il rischio è prossimo ad accadere (l elemento predittivo) b. RISK EVENT PROBABILITY rappresenta la probabilità di accadimento 2. IMPATTO è la potenziale perdita/guadagno legato al verificarsi dell evento rischio a. IMPACT EVENT DRIVER è la Sentinella, che indica se l impatto è prossimo ad accadere b. IMPACT EVENT PROBABILITY rappresenta la probabilità di accadimento dell impatto 3. TOTAL LOSS la perdita totale (o il guadagno) se l evento rischio accade 51

52 Risk Management SRM Le tre variabili dell SRM sono correlate: TOTAL LOSS IMPACT RISK EVENT 52

53 Risk Management SRM Lo Standard Risk Model (SRM) è uno strumento estremamente utile, perché permette di separare l evento rischio dagli impatti correlati Quindi possiamo agire su un sistema di probabilità doppio: la probabilità che si verifichi l evento rischio e la probabilità dell impatto Questo significa che è possibile operare su due variabili. Se non si è in grado di abbassare la probabilità di accadimento di un evento rischio (o è troppo costoso), è possibile operare per ridurre l impatto (le conseguenze) e la relativa probabilità 53

54 Risk Management SRM Le risorse che lavorano al progetto sono insufficienti. Potremmo ritardare la data di consegna La precedente frase è completamente inefficiente in quanto non separa il tempo in cui il rischio si manifesta dal tempo in cui l impatto (conseguenza) avrà luogo Né si può comprendere quale attività rimarrà senza risorse 54

55 Risk Management SRM esempio: WK1 WK2 WK3 WK4 DESIGN CONTROL + APPROVAL Marco+Joel Freddy Freddy is UNAVAILABLE 1 st of April 21 st of April 55

56 Risk Management SRM esempio: Risk event driver HR scrive: Partendo dal 1 Aprile, I due tecnici (Mark and Joel) frequenteranno un corso di formazione, pertanto non saranno disponibili per le normali attività lavorative Impatto L attività Sviluppo, schedulata con durata 3 settimane (2 di design e 1 di approvazione), subirà un ritardo di 2 settimane Impact driver La risorsa deputata all approvazione non sarà disponibile per 1 settimana a partire dal 21 aprile Il Risk driver restituisce una perdita di 3 settimane, ma l Impact driver definisce la lunghezza del ritardo 56

57 Risk Management SRM example: WK1 WK2 WK3 WK4 WK5 DESIGN CONTROL + APPROVAL Marco+Joel Freddy COURSE Freddy is UNAVAILABLE 57

58 Risk Management SRM esempio: Adottando l SRM, il target è lavorare separatamente sui due drivers, in modo da minimizzare l impatto totale Risk driver action: si può negoziare con l HR il cambiamento delle date del corso, quindi eliminare completamente il rischio! Impact driver action: se non si riesce ad eliminare completamente il rischio, si può organizzare una sostituzione con altro tecnico, che si assumerà l attività di approvazione del design. In questo modo possiamo ridurre l impatto ad una sola settimana Avendo al possibilità di agire su differenti drivers, attraverso l SRM, è quindi possibile elaborare in fase di pianificazione: Piani preventivi basati sull analisi del rischio Piani di reazione basati sull analisi degli impatti 58

59 Risk Management Al fine di identificare correttamente I rischi, per ognuno di essi occorre definire: Il Rischio (L evento che causa il rischio) Il driver collegato al rischio La probabilità di accadimento del rischio L impatto legato al rischio (conseguenza) Il driver collegato all impatto La perdita/guadagno collegata agli impatti La probabilità totale di rischio (Total risk probability) Le perdite/guadagni attesi Le priorità 59

60 Risk Management Risk management: il Failure Mode & Effect Analysis (FMEA) RISK (Failure mode) Rappresenta il Modo di rischio, ovvero l evento rischioso E il modo con il quale un processo o un componente o un evento determina un fallimeto IMPACT (Effect) E la conseguenza che si verifica in caso di manifestarsi dell evento rischioso REASON (Cause) E la causa che scatena l evento rischioso 60

61 Risk Management Risk management: il Failure Mode & Effect Analysis (FMEA) Il Failure mode rappresenta il Come il rischio si manifesta nel processo/ progetto, l impatto è la conseguenza dell evento rischioso Per ciascun rischio, il project team deve definire: Tutti i possibili impatti collegati (effetti), Tutte le possibili cause collegate, La probabilità che il rischio accada (p) L importanza/gravità dell impatto (conseguenza) del rischio (g) Il driver difficult to see grade (r) Per ogni rischio identificato, si calcola quindi il: RISK PRIORITY INDEX = p x g x r 61

62 Risk Management Risk management: il Failure Mode & Effect Analysis (FMEA) A seguito dell elaborazione dell FMEA, il project team definisce le opportune azioni correttive/preventive e ne assegna la responsabilità Il team verificherà l efficacia delle azioni preventive intraprese, eventualmente ricalcolando il RPI (risk priority index) L FMEA sarà quindi aggiornata con le opportune modifiche apportate al Piano 62

63 Risk Management Risk management: il Failure Mode & Effect Analysis (FMEA) 63

Earned Value e monitoring del progetto

Earned Value e monitoring del progetto IT Project Management Lezione 8 Earned Value Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Aspetti economico-finanziari (1) Costi C Fine progetto T Tempo La curva a S è chiamata baseline dei costi risultato dell aggregazione

Dettagli

Introduzione al Project Management. AIPA Area Monitoraggio e Verifiche

Introduzione al Project Management. AIPA Area Monitoraggio e Verifiche Introduzione al Project Management AIPA Area Monitoraggio e Verifiche Contenuti del corso Impostazione del progetto; Pianificazione delle attività, risorse e costi; Coordinamento e controllo durante le

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/ Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive https://nonconf.unife.it/ Registrazione della Non Conformità (NC) Accesso di tipo 1 Addetto Registrazione della Non Conformità

Dettagli

Rischi, requisiti e stima di un progetto software

Rischi, requisiti e stima di un progetto software Rischi, requisiti e stima di un progetto software Roberto Meli Abstract Lo scopo di questo lavoro è quello di fornire un contributo pratico a coloro che sono interessati a perseguire il successo di un

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane L esperienza di ATM Il Sistema di Sicurezza nell ambito del Trasporto Pubblico Locale Claudio Pantaleo Direttore Sistemi e Tecnologie Protezione

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 2 Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO Modulo 2 Dall Idea al Progetto 2

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Project Management PROJECT MANAGEMENT Change Formazione

Project Management PROJECT MANAGEMENT Change Formazione PROJECT MANAGEMENT Change Formazione 1 INTRODUZIONE 3 Le fasi del Project Management 3 Fattori critici di insuccesso 4 Fattori critici di successo 4 LA PIANIFICAZIONE DEL PROGETTO 5 LA PROGRAMMAZIONE DEL

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona PRINCIPI PROJECT MANAGEMENT PRINCIPI DI PROJECT MANAGEMENT Elisabetta Simeoni 1), Giovanni Serpelloni 2) 1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating articolo n. 3 giugno 2014 Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating MASSIMILIANO MARI Responsabile Acquisti, SCANDOLARA s.p.a. Realizzare un sistema di rating costituisce un attività

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo Aggreko Process Services Soluzioni rapide per il miglioramento dei processi Aggreko può consentire rapidi miglioramenti dei processi

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto Urban Farming: Second Use of Public Spaces Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking Scheda progetto CSAVRI - Centro Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e Incubatore

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE 1 GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE Ing. Enrico Perfler Eudax s.r.l. Milano, 23 Gennaio 2014 Indice 2 Il concetto di rischio nei dispositivi medici

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP www.formazione.ilsole24ore.com PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP ROMA, DAL 19 NOVEMBRE 2012-1 a edizione MASTER DI SPECIALIZZAZIONE In collaborazione con: PER PROFESSIONISTI

Dettagli

LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET

LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET Internet una finestra sul mondo... Un azienda moderna non puo negarsi ad Internet, ma.. Per attivare un reale business con transazioni commerciali via Internet

Dettagli

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI Testo di riferimento: Analisi finanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill 2001 cap. 11 (dottor Alberto Lanzavecchia) Indice

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E 2010 Redexe S.u.r.l., Tutti i diritti sono riservati REDEXE S.r.l., Società a Socio Unico Sede Legale: 36100 Vicenza, Viale Riviera Berica 31 ISCRITTA ALLA CCIAA

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE. Master in Project Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE. Master in Project Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria e Automazione Master in Project Management RIORGANIZZAZIONE DEI PROGETTI PER L ULTIMO TRIMESTRE DEL 2004 CON REALIZZAZIONE

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa

Perché investire nel QUANT Bond? Logica di investimento innovativa QUANT Bond Perché investire nel QUANT Bond? 1 Logica di investimento innovativa Partiamo da cose certe Nel mercato obbligazionario, una equazione è sempre vera: Rendimento = Rischio E possibile aumentare

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Guida alla registrazione e all installazione del Chart Risk Manager (C.R.M.) www.privatetrading.eu

Guida alla registrazione e all installazione del Chart Risk Manager (C.R.M.) www.privatetrading.eu Guida alla registrazione e all installazione del Chart Risk Manager (C.R.M.) www.privatetrading.eu 1 Benvenuti dagli ideatori e sviluppatori del Chart Risk Manager Tool per MetaTrader 4. Raccomandiamo

Dettagli

LAVORARE PER PROGETTI

LAVORARE PER PROGETTI LAVORARE PER PROGETTI Giampaolo Calori e Nicoletta Perego Eulogos Consulenti di Direzione 1. PREMESSA Ogni giorno le aziende devono confrontarsi con il mutamento continuo dell ambiente interno ed esterno

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO 1 INTRODUZIONE Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. Lo schema proposto di seguito è stato sviluppato nell ambito del progetto Miglioramento delle performance

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 La cronistoria Pre 2009 Modello a benchmark basato su: Pesi delle asset class Benchmark costituito da indici

Dettagli

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare?

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? TECNICHE H. Sei Cappelli per Pensare 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? Il metodo dei sei cappelli per pensare è stato inventato da Edward de Bono nel 1980. I cappelli rappresentano

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

un occhio al passato per il tuo business futuro

un occhio al passato per il tuo business futuro 2 3 5 7 11 13 17 19 23 29 31 37 41 43 47 53 59 61 un occhio al passato per il tuo business futuro BUSINESS DISCOVERY Processi ed analisi per aziende virtuose Che cos è La Business Discovery è un insieme

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci L Autovalutazione con il Modello CAF Questa presentazione L autovalutazione e il miglioramento Il processo di autovalutazione La scelta dell approccio all autovalutazione Alcuni approfondimenti sull autovalutazione

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

Il piano principale di produzione

Il piano principale di produzione Il piano principale di produzione Piano principale di produzione 1 Piano principale di produzione (Master Production Schedule) MPS pianifica le consegne di prodotto finito in termini di quantità e di data

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale 1. Introduzione al backup Guida al backup Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi Con l aumentare dei rischi associati a virus, attacchi informatici e rotture hardware, implementare

Dettagli

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera L. De Giovanni AVVERTENZA: le note presentate di seguito non hanno alcuna pretesa di completezza, né hanno lo scopo di sostituirsi

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP Storia ed evoluzione dei sistemi ERP In questo breve estratto della tesi si parlerà dei sistemi ERP (Enterprise Resource Planning) utilizzabili per la gestione delle commesse; questi sistemi utilizzano

Dettagli

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 4. Gli indicatori G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 Cosa sono gli indicatori Gli indicatori sono strumenti in grado

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Agata Landi Convegno ANIMP 11 Aprile 2014 IL GRUPPO ALSTOM Project management in IS&T L esperienza Alstom 11/4/2014 P 2 Il gruppo Alstom Alstom Thermal

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo)

Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo) Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo) Si intende per progetto l insieme di un numero, generalmente elevato, di attività che, pur connotate da diverse natura e da specifiche finalità, concorrono

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli