CLAMDA Giuseppe Gherardi PROJECT MANAGEMENT. Tecniche per la gestione efficiente di progetti complessi. Lion 3. Project Management

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CLAMDA Giuseppe Gherardi PROJECT MANAGEMENT. Tecniche per la gestione efficiente di progetti complessi. Lion 3. Project Management"

Transcript

1 PROJECT MANAGEMENT Tecniche per la gestione efficiente di progetti complessi Lion 3 1

2 1. Introduzione al 2. L impostazione del progetto 3. La pianificazione del progetto 4. Il controllo del progetto 5. Case Study Esercizio 6. Il Risk Management di progetto 2

3 4. IL CONTROLLO DI PROGETTO a. Controllo dei tempi e delle risorse 3

4 Controllo di progetto Eʼ più importante saper gestire l imprevisto che non prevedere l imprevedibile 4

5 Controllo dei tempi e risorse q Quando il progetto entra nella sua fase operativa (fase di esecuzione), è necessario capire se le attività e gli eventi procedono effettivamente come pianificato q Eʼ quindi opportuno istituzionalizzare dei punti di controllo (se non già definiti come milestones) per verificare scostamenti di tempi, risorse (e costi) ed eventualmente procedere a revisioni parziali o complete del piano di progetto q Il tema del controllo di avanzamento è importante quanto la pianificazione, e richiede una grande concentrazione da parte del Project Leader 5

6 Controllo dei tempi e risorse Passiamo quindi dalla fase di pianificazione alla fase di esecuzione e controllo Ciclo del Controllo Avanzamento Piano Avvio attività Controllo stato di avanzamento PLAN Valutazione degli scostamenti Azioni correttive ACT DO Previsione a finire CHECK Approvazione variazioni piano 6

7 Controllo dei tempi e risorse Misure di avanzamento q q In funzione della frequenza di aggiornamento del piano prescelta e delle milestones, vengono inserite per ogni attività le informazioni riguardanti: q q q La data effettiva di inizio La data effettiva di fine La percentuale di completamento In caso di progetti complessi in cui si scelga di monitorare mediante la pianificazione anche alcune variabili economiche oltre le risorse coinvolte, si potranno raccogliere: q q q I costi degli approvvigionamenti e dei servizi esterni Le ore pagate Il consumo di materiali 7

8 Controllo dei tempi e risorse Misure di avanzamento q Qualora unʼ attività risultasse in ritardo, ovvero alla data del controllo, il suo avanzamento fosse inferiore allʼ atteso, occorre valutare se il ritardo sia o meno recuperabile. Si possono presentare tre situazioni: q q q La risorsa responsabile dellʼ attività in ritardo potrebbe attivare misure straordinarie per recuperare (lavoro straordinario, aumento temporaneo di risorse, esternalizzazione) Il ritardo non è recuperabile, ma lʼ attività è dotata di scorrimento, quindi non impatta sull inizio di attività successive e sulla data di fine prevista Il ritardo non è recuperabile, lʼ attività non è dotata di scorrimento, oppure lo scorrimento non è sufficiente a contenere il ritardo, allora si dovrà valutare lʼ impatto sulle date di inizio delle attività a valle e sulla data finale del progetto 8

9 Misure di avanzamento q q q Nel caso di ritardo di attività critiche, questo si ribalta direttamente come ritardo di avvio di attività a valle e sulla data di completamento del progetto Eʼ quindi necessario non solo attivare azioni di recupero sullʼ attività in ritardo, ma anche azioni preventive sulle attività a valle in modo da limitare lʼ effetto del ritardo Controllo dei tempi e risorse Da quanto detto risulta importante, nellʼ attività di controllo di progetto, valutare congiuntamente: q La percentuale di completamento vs pianificato q Gli scorrimenti esistenti q Le sequenze delle attività q Le risorse impiegate q I responsabili e le risorse coinvolte 9

10 Controllo dei tempi e risorse Misure di avanzamento q q q q Dall efficacia degli strumenti di pianificazione adottati, dipende la qualità delle decisioni da prendere Il diagramma di Gantt si presta ottimamente allʼ attività di controllo avanzamento Infatti l indicazione del lavoro effettuato avviene mediante sovrapposizione di una barra avanzamento alla barra pianificato Sempre attraverso il Gantt è possibile simulare e valutare scenari e soluzioni alternative 10

11 Controllo dei tempi e risorse Misure di avanzamento esempio 1 Alla data del 12 dicembre: q q q Lʼ attività A, completata al 100%, è stata completata nei tempi previsti Lʼ attività C, completata al 100%, è stata completata nei tempi previsti Lʼ attività D, completata al 25%, risulta in ritardo rispetto ai tempi previsti di un giorno. Tuttavia, si evince che lʼ attività ha scorrimento e non è critica, quindi il giorno di ritardo non provocherà, allo stato attuale, nessuna conseguenza temporale 11

12 Controllo dei tempi e risorse Misure di avanzamento esempio 2 Alla data del 12 dicembre: q Lʼ attività A, completata al 15%, è fortemente in ritardo rispetto alle previsioni (6gg). Dallʼ analisi del Gantt, si rileva che tale attività non è critica. Lʼ attività E, immediatamente a valle, è dotata di uno scorrimento di 5 gg. Il ritardo accumulato dallʼ attività A è superiore al valore dello scorrimento della E, quindi, in assenza di misure correttive, impatterà sullʼ inizio e sulla fine di questʼ ultima, nonché sulla data di fine progetto (che tarderà di 1 gg) 12

13 Controllo dei tempi e risorse La rischedulazione di progetto q q q q Il controllo dei tempi e delle risorse permette di identificare gli scostamenti rispetto al piano originale Si procede quindi alla valutazione dei tempi e delle risorse richieste per la revisione delle attività, verificando se gli obiettivi originali possono o meno essere mantenuti Mediante la pianificazione si possono quindi valutare gli impatti delle variazioni sul progetto baseline ed effettuare simulazioni per trovare la soluzione più soddisfacente per raggiungere gli obiettivi Una volta scelta lʼ alternativa ottimale, vengono apportate le correzioni e le revisioni del piano chiudendo il ciclo di controllo 13

14 Controllo economico La pianificazione Modello economica Earn Value La valutazione economica di avanzamento del progetto non può prescindere dalla variabile temporale, specie per progetti aventi durata rilevante. E necessaria un analisi congiunta della dimensione performance di costo e della dimensione performance dei tempi L Earned Value esprime la misura dello stato di avanzamento di un progetto mediante la determinazione del valore attribuibile alla parte di progetto completata. 14

15 Controllo economico La pianificazione Modello economica Earn Value Immaginate che un imbianchino debba ridipingere una parete di casa vostra, 4mt di larghezza e 2.20 di altezza, di giallo. Il vostro budget è di 10 euro. Lui vi chiede10 /h e vi dice che ce la può fare in un ora: Fantastico!!!!! 15

16 Controllo economico La pianificazione Modello economica Earn Value 30 min più tardi, controllate come sta andando e notate che ne ha già terminato il 50%. Quanto ha guadagnato (earned) finora? L imbianchino ha guadagnato il 50% di 10 cioè 5 Se continua così, avrà finito il lavoro in tempo (1 ora) e il tutto vi sarà costato esattamente 10 Euro 16

17 Controllo economico La pianificazione Modello economica Earn Value Poniamo il caso che 30 min più tardi, controllate come sta andando e notate che ne ha terminato circa un 30%. Quanto ha guadagnato (earned) finora? L imbianchino ha guadagnato circa un 30% di 10 cioè 3 Facilmente potete supporre che: - impiegherà più di un ora ad imbiancare (ritardo) - - vi costerà, quindi di più (overbudget) 17

18 Controllo economico La pianificazione Modello economica Earn Value E se 30 min più tardi notate che ne ha già terminato circa un 70%?. Quanto ha guadagnato? L imbianchino ha guadagnato circa un 70% di 10 cioè 7 Facilmente potete supporre che: - impiegherà meno di un ora ad imbiancare (anticipo) - - vi costerà, quindi, meno circa 8 18

19 Controllo economico La pianificazione Modello economica Earn Value Immaginate di trovarvi in questa situazione: Un attività vi costa (budget cost) 100 /gg e avete pianificato che l attività duri 5 gg (work scheduled). Dopo alcuni gg, vi trovate nelle seguenti condizioni: L attività è costata il 20% in più rispetto al pianificato ma si è conclusa nei tempi previsti: 120 x 5gg = 600 Maggiore Costo=100 L attività è costata come pianificato ma è durata un gg in più del previsto: 100 x 6gg = 600 Maggiore Costo=100 COSTO DA COSTO COSTO DA TEMPO 19

20 Controllo economico Modello Earn Value Oppure di trovarvi davanti ad una situazione di questo tipo: Is this project underspending or is it behind schedule? Actual cost Time Queste situazioni sono ambigue e non portano a risposte definite, ecco perché è necessario avere un elemento aggiuntivo chiamato EARNED VALUE 20

21 Controllo economico Modello Earn Value Eʼ necessario definire i seguenti valori: Costo previsionale delle attività programmate BCWS (Budget Cost of Work Scheduled) Costo a valori previsionali delle attività di progetto completate BCWP (Budget Cost of Work Performed) Costo consuntivo delle attività completate ACWP (Actual Cost of Work Performed) Lo stato di avanzamento del progetto (earned value) è misurato da BCWP, che restituisce la valutazione economica del lavoro completato espressa con i medesimi criteri utilizzati in sede di budget Earned Value = BCWP = costo di budget delle attività completate 21

22 Controllo economico Modello Earn Value Si possono calcolare i seguenti indicatori: Scostamento di costo (cost variance) Cost variance = BCWP ACWP Performance di costo CPI (Cost Performance Index) - EFFICIENZA CPI = BCWP / ACWP Scostamento di schedulazione (schedule variance) Schedule variance = BCWP BCWS Performance di schedulazione SPI (Schedule Performance Index) EFFICACIA SPI = BCWP / BCWS 22

23 Controllo economico Modello Earn Value Significato grafico La curva BCWS è quella tempo-costi prevista; la BCWP è la tempo-costi effettiva a costi bgt, la ACWP è la tempo-costi effettiva a costi effettivi Costi BCWS ACWP CV cost variance SV schedule variance A B BCWP Livello di costo raggiunto alla data di riferimento sulla base del lavoro effettivamente svolto BCWP = % complete x budget Ritardo temporale Tempo 23

24 Controllo economico Cost variance Schedule variance Earned Value BCWP This is the STARTING POINT!!!!! Time BCWP = % complete x budget 24

25 Controllo economico Modello Earn Value Riprendiamo l esempio: se la differenza l Earned Value e i Planned cost (Schedule Variance) fosse 100, cosa significa esattamente essere behind schedule di 100? Noi sappiamo bene cosa significa avere un costo maggiore di 100 ma cosa significa avere un ritardo di 100? Earned Value BCWP Cost variance Schedule variance Time 25

26 Early and over-spent Early and under-spent ACWP Late and over-spent Late and under-spent 26

27 Controllo economico Modello Earn Value Nella valutazione di performance, lʼ analisi della correlazione tra CPI e SPI permette di capire lo stato del progetto sotto il profilo economicotemporale + PERFORMANCE INCERTA PERFORMANCE POSITIVA SPI 1 PERFORMANCE NEGATIVA PERFORMANCE INCERTA CPI + 27

28 Controllo economico Modello Earn Value EFFICIENZA CPI > 1 FINAL COST = BUDGETED COST / CPI EFFICACIA SPI> 1 FINAL PROJECT DURATION = BUDGETED COST / SPI 28

29 29 Controllo economico Modello Earn Value L Earned Value richiede dei processi di stima del valore di attività completate alla data. I principali metodi di misurazione dell Earned Value sono: Milestone ad ogni milestone è associato un valore di budget, rapportando al budget totale, si possono ottenere stime di completamento; Formule si attribuiscono punteggi fissi per valutare il completamento di attività (caso tipico di attività che coprono due o più intervalli di valutazione economica. Es: 0/100 valore 0 fino a quando non è completata. 50/50 valore 50 quando è iniziata, 100 a fine attività ) Percentuali di completamento si esprime una percentuale rappresentativa del grado di completamento di una attività; Misti percentuali di completamento abbinati a milestone ponderati. 29

30 30 Controllo economico Modello Earn Value - EAC L Earned Value può dare anche indicazioni previsionali di massima sul futuro svolgimento del progetto: ovvero il costo totale stimato a completamento progetto EAC (Extimated Costs at Completion). Tra i vari metodi si cita il Cumulative CPI Extimate at Completion. Questo approccio indica i costi totali come stima basata sui costi effettivi raggiunti fino al momento più i costi di budget a finire, aggiustati per tenere conto del livello di performance fino al momento dimostrato (CPI cumulato) EAC = (budget totale earned value) / CPI (cumulato) + Costi Effettivi (actual costs) EAC = (total bgt BCWP)/CPI + ACWP 30

31 1. Introduzione al 2. L impostazione del progetto 3. La pianificazione del progetto 4. Il controllo del progetto 5. Case Study Esercizio 6. Il Risk Management di progetto 31

32 Case Study Caso festival Macroprogrammazione delle attività : la Settimana del 13 febbraio si sarebbero svolte le riunioni per la definizione del calendario eventi (1 sett - Lodigiani, Mei, Casini, Rossi). Dopo la definizione del calendario, si procede all organizzazione dei diversi eventi del festival (2 sett - Rossi, Uff Operativo, Casini). Terminata l organizzazione eventi, parte l attività di elaborazione del format (1 sett Lodigiani e Uff Comunicazione). Al termine del calendario eventi può partire anche la ricerca degli sponsor (1 sett Casini e Mei), a seguito della quale avverranno i contatti con gli sponsor (2 sett Casini). La campagna di comunicazione potrà partire alla fine dell elaborazione del format (2 sett Uff Comunicazione). La mailing inviti potrà partire dopo una settimana dopo l inizio della campagna comunicazione (1 sett Uff Operativo). Una settimana dopo l attività di organizzazione degli eventi, può partire l organizzazione logistica (3 sett Uff Operativo e Uff Viabilità). Dopo l organizzazione logistica partiranno i lavori di allestimento (1 sett Impresa), al termine dei quali si sarà pronti per le prove degli invitati e l inizio del festival. Costi orari per risorsa: Mei 80eu/h Rossi 40 eu/h Casini 40 eu/h Lodigiani - 30 eu/h Impresa 600 eu/h Uff viabilità 400 eu/h Uff. operativo 300 eu/h Uff comunicazione 200 eu/h 32

33 Case Study Caso festival primo gantt Data di fine: lun 10/4 33

34 Case Study Caso festival livellato Data di fine: lun 10/4 34

35 Case Study REVSIONE DI BUDGET Durata Costo tot attività Quota Quota parte Cost/slope Totale 1-3 Calendario ev Organizzazione Elab format Id sponsor Contatti sponsor Campagna com Organizzaz log , Organizzaz log , Mailing inviti Allestimento finale TOT

36 Case Study Caso festival Bar Chart Cost Schedule Serie1 36

37 Case Study La pianificazione economica Caso Festival La situazione del progetto all inizio della 5 settimana (lunedì 13 marzo) vedeva le attività 1,2,4 completate nei tempi previsti, mentre l attività 3 era iniziata con una settimana di ritardo. Inoltre, per problemi non previsti, erano state utilizzate 2 giornate dell Uff. Operativo non pianificate. Calcolare, attraverso il modello dell Earned Value le varianze, gli indici e l EAC di completamento. 37

38 La pianificazione economica Case Study CLAMDA Giuseppe Gherardi Caso Festival Modello Earned Value - Attività barrate in nero = completate - Il ritardo dell inizio dell attività di elaborazione format sposta in avanti di una settimana i costi previsti per la sola campagna di comunicazione ma non ritarda la data di fine progetto. 38

39 Case Study La pianificazione Caso economica Festival - Costi aggiuntivi: 2 gg uff. operativo = 300*8*2 = euro - Il BCWS, ovvero il budget di costo relativo alle attività che avevamo pianificato di svolgere fino al 13 di marzo è di: = Il BCWP = Earned Value, ovvero i costi di budget delle attività effettivamente svolte è di: = Il ACWP, ovvero i costi effettivi delle attività svolte è di : = Calcolando i vari indici si ha: COST VARIANCE = = (maggior costo) CPI = / = 0,899 (inefficienza di costo perché < 1) SCHEDULE VARIANCE = = (costi di attività in ritardo, non fatte ma previste) SPI = / = 0,823 (inefficienza di puntualità perché < 1) 39

40 Case Study La pianificazione economica Caso Festival Ora, sapendo che il costo di budget di progetto è di , applichiamo l EAC: EAC = (budget totale earned value) / CPI (cumulato) + Costi Effettivi (actual costs) EAC = ( )/0, = Costo del progetto a finire vista la performance al 13 marzo. Video: 40

41 1. Introduzione al 2. L impostazione del progetto 3. La pianificazione del progetto 4. Il controllo del progetto 5. Case Study Esercizio 6. Il Risk Management di progetto 41

42 Risk Management Gestire progetti significa assumersi dei rischi Ogni decisione, ogni stima, ogni piano è un potenziale portatore di rischi La tecnica più diffusa per gestire i rischi è la reazione. Quando un evento inaspettato accade, reagiamo assumendo azioni correttive Ma molto spesso, quando il rischio accade, è troppo tardi e il progetto soffre una perdita di efficienza/efficacia Accantonando, in sede di budget, un fondo per gestire i rischi, non significa che stiamo gestendo il rischio. Significa che speriamo che, qualsiasi cosa possa accadere, noi possiamo coprirne le conseguenze con quanto abbiamo accantonato Ma possiamo anche assumere un atteggiamento proattivo. Possiamo cercare di prevedere ogni possibile rischio e decidere delle azioni correttive da attivare, considerandone i costi A questo punto possiamo decidere quali costi possiamo affrontare e quali vogliamo affrontare: ora stiamo gestendo il rischio 42

43 Risk Management E possibile superare l approccio reattivo? E possibile allenarsi e migliorare l approccio proattivo?.. Il Gruppo Standish sviluppò una ricerca secondo la quale su progetti ITC sviluppato negli USA nel 2004, solo il 18% era on time. E necessario sviluppare e implementare una metodologia che permetta la gestione del rischio nei progetti 43

44 Risk Management Qual è il significato del termine Rischio? Il termine rischio indica un evento che ha una definita probabilità di accadere e può costituire un danno per il progetto Può accadere, non Accadrà Il rischio è infatti correlato all incertezza. Incertezza può anche rappresentare una opportunità, se i risultati dell evento sono positivi Sia le minacce che le opportunità sono incertezze, quindi entrambe sono tipologie di rischio 44

45 Risk Management Esempio: Sono uscito di casa con le mie nuove scarpe di camoscio, ma le previsioni del tempo indicano che potrebbe piovere. Non ne sono sicuro, quindi c è il rischio Se non pioverà, sarò uscito con un leggerissimo e comodissimo paio di scarpe, e camminerò senza stancarmi.. Se pioverà, certamente distruggerò le mie scarpe nuove di camoscio Se vedrò delle nuvole scure addensarsi, allora dovrò correre a cercare un riparo, perché certamente verrà a piovere! Abbiamo tutti gli elementi per identificare e gestire il rischio! 45

46 Risk Management Esempio: TARGET RISCHIO VANTAGGIO DANNO TRIGGER (sentinel) STRATEGIA INDOSSARE LE MIE SCARPE NUOVE PROBABILITA DI PIOGGIA CAMMINARE COMODAMENTE ROVINARE LE SCARPE NUOVE NUVOLE SCURE CHE SI ADDENSANO SE VEDO ADDENSARSI NUVOLE SCURE, CERCO UN RIPARO 46

47 Risk Management Il rischio può significare minaccia od opportunità. Ci sono due tipologie di rischi: RISCHIO PURO se si verifica, abbiamo la probabilità si soffrire una perdita Strategia di gestione: evitare, trasferire, mitigare RISCHIO SPECULATIVO se si verifica possiamo ugualmente soffrire una perdita, oppure avere un vantaggio Strategia di gestione: puntare al vantaggio, condividere, migliorare Esempio: la perdita di valore di un titolo in borsa può essere un rischio o una opportunità. Dipende se dobbiamo vendere od acquistare! 47

48 Risk Management Per essere in grado di definire cosa fare in caso di verificarsi di un evento negativo, dobbiamo costruire un Sistema di Previsione e di Gestione del Rischio connesso al progetto Il Project Team deve quindi procedere ad una mappatura dei possibili rischi definendone la tipologia, i triggers, le minacce/ opportunità connesse, la strategia in caso del loro verificarsi Chi definisce il livello di costo da sostenere per finanziare il Sistema di Previsione e Gestione dei Rischi?. Usualmente lo Sponsor, attraverso la definizione della priorità di rischio e del budget da allocare 48

49 Risk Management Risk Management Il Sistema di Previsione e Gestione dei Rischi si articola in 4 fasi: 1. Identificazione del rischio Analizziamo ogni possibile rischio che potrebbe determinare un impatto sul progetto, e ne definiamo le caratteristiche: 1. Impatto (quali danni potenziali o vantaggi sono legati alla tipologia di rischio) 2. Probabilità di accadimento 3. Risk trigger/sentinel Il Project Team deve effettuare tale analisi dopo il project planning e prima della definizione del budget di progetto 49

50 Risk Management 2. Analisi qualitativa e quantitativa del rischio è necessario definire una lista di rischi ordinati per priorità di accadimento e rilevanza di impatto (FMEA). In questa fase vengono inoltre definiti i costi per la gestione dei singoli rischi, nonché il confine tra rischi (e costi) da considerare e rischi (e costi) che si decide di ignorare 3. Piano delle azioni correttive in caso di manifestarsi di rischio in tale fase, in corrispondenza di ogni rischio definito che è stato deciso di considerare, vengono definite le azioni correttive aventi come obiettivo la minimizzazione delle minacce e la massimizzazione delle opportunità. Il piano può comportare l inserimento nella pianificazione di progetto di nuove attività (e costi) non direttamente correlate con l obiettivo finale 4. Monitoraggio e controllo dei rischi 50

51 Risk Management Identificazione del rischio: lo Standard Risk Model (SRM) Si definiscono tre variabili: 1. L EVENTO RISCHIO è l evento che determina la perdita o il guadagno. Si compone di: a. RISK EVENT DRIVER è la Sentinella, che indica se il rischio è prossimo ad accadere (l elemento predittivo) b. RISK EVENT PROBABILITY rappresenta la probabilità di accadimento 2. IMPATTO è la potenziale perdita/guadagno legato al verificarsi dell evento rischio a. IMPACT EVENT DRIVER è la Sentinella, che indica se l impatto è prossimo ad accadere b. IMPACT EVENT PROBABILITY rappresenta la probabilità di accadimento dell impatto 3. TOTAL LOSS la perdita totale (o il guadagno) se l evento rischio accade 51

52 Risk Management SRM Le tre variabili dell SRM sono correlate: TOTAL LOSS IMPACT RISK EVENT 52

53 Risk Management SRM Lo Standard Risk Model (SRM) è uno strumento estremamente utile, perché permette di separare l evento rischio dagli impatti correlati Quindi possiamo agire su un sistema di probabilità doppio: la probabilità che si verifichi l evento rischio e la probabilità dell impatto Questo significa che è possibile operare su due variabili. Se non si è in grado di abbassare la probabilità di accadimento di un evento rischio (o è troppo costoso), è possibile operare per ridurre l impatto (le conseguenze) e la relativa probabilità 53

54 Risk Management SRM Le risorse che lavorano al progetto sono insufficienti. Potremmo ritardare la data di consegna La precedente frase è completamente inefficiente in quanto non separa il tempo in cui il rischio si manifesta dal tempo in cui l impatto (conseguenza) avrà luogo Né si può comprendere quale attività rimarrà senza risorse 54

55 Risk Management SRM esempio: WK1 WK2 WK3 WK4 DESIGN CONTROL + APPROVAL Marco+Joel Freddy Freddy is UNAVAILABLE 1 st of April 21 st of April 55

56 Risk Management SRM esempio: Risk event driver HR scrive: Partendo dal 1 Aprile, I due tecnici (Mark and Joel) frequenteranno un corso di formazione, pertanto non saranno disponibili per le normali attività lavorative Impatto L attività Sviluppo, schedulata con durata 3 settimane (2 di design e 1 di approvazione), subirà un ritardo di 2 settimane Impact driver La risorsa deputata all approvazione non sarà disponibile per 1 settimana a partire dal 21 aprile Il Risk driver restituisce una perdita di 3 settimane, ma l Impact driver definisce la lunghezza del ritardo 56

57 Risk Management SRM example: WK1 WK2 WK3 WK4 WK5 DESIGN CONTROL + APPROVAL Marco+Joel Freddy COURSE Freddy is UNAVAILABLE 57

58 Risk Management SRM esempio: Adottando l SRM, il target è lavorare separatamente sui due drivers, in modo da minimizzare l impatto totale Risk driver action: si può negoziare con l HR il cambiamento delle date del corso, quindi eliminare completamente il rischio! Impact driver action: se non si riesce ad eliminare completamente il rischio, si può organizzare una sostituzione con altro tecnico, che si assumerà l attività di approvazione del design. In questo modo possiamo ridurre l impatto ad una sola settimana Avendo al possibilità di agire su differenti drivers, attraverso l SRM, è quindi possibile elaborare in fase di pianificazione: Piani preventivi basati sull analisi del rischio Piani di reazione basati sull analisi degli impatti 58

59 Risk Management Al fine di identificare correttamente I rischi, per ognuno di essi occorre definire: Il Rischio (L evento che causa il rischio) Il driver collegato al rischio La probabilità di accadimento del rischio L impatto legato al rischio (conseguenza) Il driver collegato all impatto La perdita/guadagno collegata agli impatti La probabilità totale di rischio (Total risk probability) Le perdite/guadagni attesi Le priorità 59

60 Risk Management Risk management: il Failure Mode & Effect Analysis (FMEA) RISK (Failure mode) Rappresenta il Modo di rischio, ovvero l evento rischioso E il modo con il quale un processo o un componente o un evento determina un fallimeto IMPACT (Effect) E la conseguenza che si verifica in caso di manifestarsi dell evento rischioso REASON (Cause) E la causa che scatena l evento rischioso 60

61 Risk Management Risk management: il Failure Mode & Effect Analysis (FMEA) Il Failure mode rappresenta il Come il rischio si manifesta nel processo/ progetto, l impatto è la conseguenza dell evento rischioso Per ciascun rischio, il project team deve definire: Tutti i possibili impatti collegati (effetti), Tutte le possibili cause collegate, La probabilità che il rischio accada (p) L importanza/gravità dell impatto (conseguenza) del rischio (g) Il driver difficult to see grade (r) Per ogni rischio identificato, si calcola quindi il: RISK PRIORITY INDEX = p x g x r 61

62 Risk Management Risk management: il Failure Mode & Effect Analysis (FMEA) A seguito dell elaborazione dell FMEA, il project team definisce le opportune azioni correttive/preventive e ne assegna la responsabilità Il team verificherà l efficacia delle azioni preventive intraprese, eventualmente ricalcolando il RPI (risk priority index) L FMEA sarà quindi aggiornata con le opportune modifiche apportate al Piano 62

63 Risk Management Risk management: il Failure Mode & Effect Analysis (FMEA) 63

Earned Value e monitoring del progetto

Earned Value e monitoring del progetto IT Project Management Lezione 8 Earned Value Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Aspetti economico-finanziari (1) Costi C Fine progetto T Tempo La curva a S è chiamata baseline dei costi risultato dell aggregazione

Dettagli

Project Management Base

Project Management Base Master in Project Management e Gestione dell'innovazione http://www.rieforum.org/master/index.php?option=com_content&view=article&id=48&itemid=53&lang=it Project Management Base Modulo 3/3 Venerdì/Sabato

Dettagli

Earned Value Management - EVM

Earned Value Management - EVM Earned Value Management - EVM Marco Sampietro marco.sampietro@sdabocconi.it 04.12.2014 Il relatore Marco Sampietro Docente di Project Management presso SDA Bocconi, Università Bocconi, MISB e MFI Speaker

Dettagli

GUIDA ALLA GESTIONE DEI PROGETTI. Capitolo V IL MONITORAGGIO E CONTROLLO DEL PROGETTO

GUIDA ALLA GESTIONE DEI PROGETTI. Capitolo V IL MONITORAGGIO E CONTROLLO DEL PROGETTO GUIDA ALLA GESTIONE DEI PROGETTI DISPENSE DI SUPPORTO ALLO STUDIO CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE DEI PROGETTI E DELLE INFRASTRUTTURE (PROF. ING. GUIDO CAPALDO, ING. ANTONELLO VOLPE) Capitolo

Dettagli

Project Management e Controllo del Progetto - di Stefano Orlandi (*)

Project Management e Controllo del Progetto - di Stefano Orlandi (*) a cura di - Coordinatore della Sezione Quadri Project Management e Controllo del Progetto - di Stefano Orlandi (*) L implementazione di un sistema di Project Management all interno della propria organizzazione

Dettagli

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base)

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) ISIPM Base Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) Gruppo B Conoscenze Tecniche e Metodologiche Syllabus da 2.1.1 a 2.7.1 1 Tema: Gestione Ambito del Progetto e Deliverable

Dettagli

La gestione dei flussi di cassa

La gestione dei flussi di cassa Università degli Studi di Trento Programmazione Costi e Contabilità lavori a.a. 2004-5 La gestione dei flussi di cassa Marco Masera, prof marco.masera@ing.unitn.it Argomenti Il programma finanziario Il

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino

POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino COSTI DI PRODUZIONE E GESTIONE AZIENDALE A.A. 1999-2000 (Tutore: Ing. L. Roero) Scheda N. 12 CONTROLLO DEI COSTI DI COMMESSA/PROGETTO

Dettagli

B1 LA PROGETTAZIONE. PROGRAMMA: gruppo di progetti con un obiettivo comune.

B1 LA PROGETTAZIONE. PROGRAMMA: gruppo di progetti con un obiettivo comune. ATTIVITÀ ORDINARIA : operazione svolta periodicamente con obiettivo implicito e tempi, risorse e costi standard (Es.di Attività Ordinaria: buste paga, pagamento fornitori) PROGETTO : ha un obiettivo esplicito

Dettagli

No Risk, No Gain. Evento sul Project Risk Management. Venerdì, 21 marzo 2014 - ore 15.00 LUISS Guido Carli - Aula Polivalente Viale Romania, 32 - Roma

No Risk, No Gain. Evento sul Project Risk Management. Venerdì, 21 marzo 2014 - ore 15.00 LUISS Guido Carli - Aula Polivalente Viale Romania, 32 - Roma No Risk, No Gain Evento sul Project Risk Management Venerdì, 21 marzo 2014 - ore 15.00 LUISS Guido Carli - Aula Polivalente Viale Romania, 32 - Roma Organizzato con Eureka Service Sponsor dell evento The

Dettagli

BIBLIOGRAFIA Project Management. La metodologia dei 12 Step. Come applicarla in tempo reale per gestire con successo piccoli e grandi progetti - Antonello Bove, ED. Hoepli, 2014 Project Management. La

Dettagli

Programmazione e analisi dei flussi di cassa

Programmazione e analisi dei flussi di cassa Programmazione e analisi dei flussi di cassa - Corso Int. di Progettaz. Tecn. e Impianti Prof. - M. Masera- 1/9 Programmazione e analisi dei flussi di cassa La programmazione dei flussi di cassa Il budget

Dettagli

Il project management: tecniche e strumenti

Il project management: tecniche e strumenti 122109CFC1209_0982a0987.qxd 30-11-2009 8:47 Pagina 982 pianificazione, finanza Il project management: tecniche e strumenti Le fasi: tre momenti fondamentali Fabrizio Bencini Dottore commercialista, Partner

Dettagli

INTRODUZIONE A MICROSOFT PROJECT

INTRODUZIONE A MICROSOFT PROJECT Master executive in Gestione della Manutenzione Industriale 1 Tecniche e Metodologie di Project Management INTRODUZIONE A MICROSOFT PROJECT Ing. A. Massaro, Ing. P. Gaiardelli Impostazioni preliminari

Dettagli

Prefazione. Parte I Informazioni preliminari 1. Capitolo 1 Introduzione 3

Prefazione. Parte I Informazioni preliminari 1. Capitolo 1 Introduzione 3 Prefazione IX Parte I Informazioni preliminari 1 Capitolo 1 Introduzione 3 Immaginate.................................................... 3 Contenuto del libro..............................................

Dettagli

ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO

ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO Anno Accademico 2013 2014 PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DELLE IMPRESE TURISTICHE Lezione 4 Project Management PROJECT MANAGEMENT Il project management

Dettagli

IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice

IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice CORSO DI ALTA FORMAZIONE 38 ORE IN AULA 8 Moduli Didattici Roma, dal 13 novembre al 5 dicembre 2015 Hotel

Dettagli

Corso Base di Project Management 3 giorni (21 ore)

Corso Base di Project Management 3 giorni (21 ore) Corso Base di Project Management 3 giorni (21 ore) Mettere in grado i partecipanti di acquisire la conoscenza della disciplina del project management affinchè essi possano successivamente affrontare e

Dettagli

I "Rischi" in ISO 9001:2015

I Rischi in ISO 9001:2015 I "Rischi" in ISO 9001:2015 1. Obiettivo di questo documento: - spiegare come il rischio è individuato nella ISO 9001 - spiegare quello che si è voluto dire attraverso il termine 'opportunità' in ISO 9001

Dettagli

Corso di estimo D 2004/2005

Corso di estimo D 2004/2005 Corso di estimo D 2004/2005 Cenni di project management - Crono-programma dei lavori PROJECT MANAGEMENT: definizione Il project management è l insieme di metodi e direttive fondamentalmente logiche per

Dettagli

Corso di estimo D Prof Raffaella Lioce

Corso di estimo D Prof Raffaella Lioce Corso di estimo D Prof Raffaella Lioce Cenni di project management - Crono-programma dei lavori PROJECT MANAGEMENT: definizione Il project management è l insieme di metodi e direttive fondamentalmente

Dettagli

6. La gestione del contenuto del progetto

6. La gestione del contenuto del progetto 6. La gestione del contenuto del progetto Il primo processo di pianificazione riguarda la definizione di tutto e solo ciò che riguarda il progetto. Occorre passare dalla descrizione dell oggetto finale

Dettagli

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità IL RISCHIO Il rischio è la distribuzione dei possibili scostamenti dai risultati attesi per effetto di eventi di incerta manifestazione, interni

Dettagli

Web Risk Management. Come gestire i rischi di un progetto Web. e-academy Milano, 20 Ottobre 2005

Web Risk Management. Come gestire i rischi di un progetto Web. e-academy Milano, 20 Ottobre 2005 Web Risk Management Come gestire i rischi di un progetto Web e-academy Milano, 20 Ottobre 2005 Mentis innovazione e strategia Mentis crea strumenti innovativi per Aziende che vogliono sfruttare appieno

Dettagli

Programmazione didattica 2009. Project Management. Catalogo dei corsi

Programmazione didattica 2009. Project Management. Catalogo dei corsi Programmazione didattica 2009 Project Management Catalogo dei corsi Alta Formazione in Project Management Project Management: principi e criteri organizzativi Metodi e tecniche di avvio ed impostazione

Dettagli

Il Diagramma di Gantt

Il Diagramma di Gantt Il Diagramma di Gantt Alessandro De Nisco Università del Sannio Il Diagramma di Gantt COSA E IL DIAGRAMMA DI GANTT Esempio UN ESEMPIO DI DIAGRAMMA DI GANTT..COSA MANCA? Come si Costruisce. SI PARTE DALLA

Dettagli

Ing. Simone Mosconi. Applicazione della F.M.E.A. alla Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Ing. Simone Mosconi. Applicazione della F.M.E.A. alla Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Ing. Simone Mosconi Applicazione della F.M.E.A. alla Sicurezza nei Luoghi di Lavoro 1 Obblighi del Datore di Lavoro D.Lgs. n 81 del 9 aprile 2008 e s.m.i.: Articolo 17 Obblighi del Datore di Lavoro non

Dettagli

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 7: project management plan lista attività WBS e strumenti

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 7: project management plan lista attività WBS e strumenti Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 7: project management plan lista attività WBS e strumenti Prof.ssa R. Folgieri email: folgieri@dico.unimi.it folgieri@mtcube.com

Dettagli

FORMAZIONE AVANZATA. Corso di introduzione al Project Management

FORMAZIONE AVANZATA. Corso di introduzione al Project Management FORMAZIONE AVANZATA Corso di introduzione al Project Management 1 1. Scenario di riferimento La costante diminuzione delle risorse di bilancio e dei trasferimenti pubblici, da un lato, e la necessità di

Dettagli

Il Progetto e il Project Management

Il Progetto e il Project Management Il Progetto e il Project Management Metodologie di Specifica del Software Per contattare il docente Dr. Anna Rita Laurenzi email: annarita.laurenzi@insiel.it cell.+39 3356368206 Agenda Progetto e Project

Dettagli

Metodologia TenStep. Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia

Metodologia TenStep. Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia Metodologia TenStep Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia Livello di Complessità Processo di Project Management TenStep Pianificare il Lavoro Definire il Lavoro Sviluppare Schedulazione e Budget Gestire

Dettagli

Classificazione Nuovo Esame PMP

Classificazione Nuovo Esame PMP Notizie sul nuovo esame PMP a partire dal Agosto 0 Classificazione Nuovo Esame PMP Questo è il link al documento del PMI: Crosswalk Between Current and New PMP Classifications del PMI Di seguito trovi

Dettagli

Project Management. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali.

Project Management. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Project Management. di Simone Cavalli (simone.cavalli@unibg.it) Bergamo, Maggio 2010 Project Management: definizioni Progetto: Progetto si definisce, di regola, uno

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale (Edile)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale (Edile) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Dipartimento di Ingegneria Gestionale, dell Informazione e della Produzione Corso di (Edile) Prof.ssa Maria Sole Brioschi Il (non) controllo dei costi di una commessa

Dettagli

PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER

PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER CODICE PM 10.25 DURATA 10 giorni CATEGORIA Project Management DESTINATARI Project manager, responsabili di funzione, membri del Project Management Office, dirigenti,

Dettagli

EVENT LEZIONE 11. IL RISK MANAGEMENT La gestione del rischio Il crisis management. Economia e organizzazione degli eventi.

EVENT LEZIONE 11. IL RISK MANAGEMENT La gestione del rischio Il crisis management. Economia e organizzazione degli eventi. LEZIONE 11 IL RISK MANAGEMENT La gestione del rischio Il crisis management Cristiano Habetswallner EVENT RISK MANAGEMENT IL RISCHIO E LA POSSIBILITÀ CHE ACCADA QUALCOSA CHE IMPATTI SUGLI OBIETTIVI DELL

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli

INDICE. SERAM S.p.A Ispezioni ed Audit PR SGSL 12 Rev. 4

INDICE. SERAM S.p.A Ispezioni ed Audit PR SGSL 12 Rev. 4 INDICE INDICE... 2 1. SCOPO... 4 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 4 3. RIFERIMENTI... 5 4. DEFINIZIONI... 5 5. RESPONSABILITA'... 6 6. 1 AUDIT INTERNI... 7 6.1.1 Audit effettuati da RSGSL sul controllo operativo

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Esercitazione. Creazione di Diagrammi di Gantt con Win Project

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Esercitazione. Creazione di Diagrammi di Gantt con Win Project ESERCITAZIONE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Esercitazione Creazione di Diagrammi di Gantt con Win Project ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA CREAZIONE

Dettagli

0215 - MULTIPROJECT MANAGER PRO Release 12 - Bilingue Italiano-Inglese Scaricalo in prova gratuita per 60 giorni!

0215 - MULTIPROJECT MANAGER PRO Release 12 - Bilingue Italiano-Inglese Scaricalo in prova gratuita per 60 giorni! Dal 1985 consulenza e formazione per l'eccellenza Tipo di file: MSExcel - Requisiti di sistema: Excel 9 o successivo e Windows 2000 o successivo A chi è rivolto: Project Managers, Direzione, responsabili

Dettagli

Gestione parte IIC. Diagrammi di Gantt. Esempio. Schemi di scomposizione delle attività

Gestione parte IIC. Diagrammi di Gantt. Esempio. Schemi di scomposizione delle attività Schemi di scomposizione delle attività Gestione parte IIC Work Breakdown Structures (WBS) Struttura ad albero: radice: attività principale i nodi figli rappresentano la scomposizione del nodo padre le

Dettagli

La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende

La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende La norma ISO 50001 per il risparmio energetico delle aziende La norma UNI CEI EN ISO 50001:2011 Sistemi di gestione dell energia Requisiti e linee guida per l uso è la versione ufficiale italiana della

Dettagli

CORSO PROJECT MANAGEMENT PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

CORSO PROJECT MANAGEMENT PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO CORSO PROJECT MANAGEMENT PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO VALIDO ANCHE COME AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE RSPP/ASPP (Art. 32 D.Lgs. 9 Aprile 2008 n.81 e s.m.i. Accordo Stato Regioni 26/01/2006) PROGRAMMA

Dettagli

Verifica dei Risultati Analisi e Miglioramento della Qualità

Verifica dei Risultati Analisi e Miglioramento della Qualità Supporto ad azioni di miglioramento del sistema di gestione qualità di SerT e strutture accreditate per soggetti dipendenti da sostanze d abuso Verifica dei Risultati Analisi e Miglioramento della Qualità

Dettagli

L ambito di progetto Rappresenta la definizione del progetto, ovvero cosa deve essere portato a termine Comprende gli elementi:

L ambito di progetto Rappresenta la definizione del progetto, ovvero cosa deve essere portato a termine Comprende gli elementi: Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 6: Ambito di progetto organizzazione della comunicazione Prof.ssa R. Folgieri email: folgieri@dico.unimi.it folgieri@mtcube.com

Dettagli

TEMPO X PRODURRE ARTICOLO QUANTITÀ LAVORAZIONE MACCHINA 1 PEZZO Taglio Seghetto 30 minuti. Tornitura Tornio 20 minuti

TEMPO X PRODURRE ARTICOLO QUANTITÀ LAVORAZIONE MACCHINA 1 PEZZO Taglio Seghetto 30 minuti. Tornitura Tornio 20 minuti PIANIFICAZIONE DELLA PRODUZIONE CON ACCESS E PROJECT 2007 In questo articolo esamineremo come una applicazione Access ed una applicazione Project 2007 possono interagire per creare un piano di produzione

Dettagli

Normativa UNI CEI EN 16001:2009 Energy efficiency tramite un sistema di gestione per l energia. ABB Group September 29, 2010 Slide 1

Normativa UNI CEI EN 16001:2009 Energy efficiency tramite un sistema di gestione per l energia. ABB Group September 29, 2010 Slide 1 Normativa UNI CEI EN 16001:2009 Energy efficiency tramite un sistema di gestione per l energia September 29, 2010 Slide 1 Sommario La norma UNI CEI EN 16001:2009 Definizioni Approccio al sistema di gestione

Dettagli

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 11: valutazione costi diagramma di PERT Prof.ssa R. Folgieri email: folgieri@dico.unimi.it folgieri@mtcube.com 1 Da ricordare:

Dettagli

Progettare la manutenzione (a cura di Paolo Stefanini)

Progettare la manutenzione (a cura di Paolo Stefanini) Progettare la manutenzione (a cura di Paolo Stefanini) Progettare la manutenzione significa determinare il miglior sistema di gestione delle fasi che compongono tale processo, vale a dire trovare il giusto

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

Dal Cost Plus Pricing al Value Based Price. Pricing Strategy

Dal Cost Plus Pricing al Value Based Price. Pricing Strategy Dal Cost Plus Pricing al Value Based Price Pricing Strategy Approfondimenti tematici settembre 2013 Le informazioni contenute nel presente documento sono classificate riservate e confidenziali ad esclusivo

Dettagli

GESTIONE DEI PROGETTI. Inizio

GESTIONE DEI PROGETTI. Inizio GESTIONE DEI PROGETTI Problema del management Fallimento negli anni 60, inizio 70 Non tanto dovuto alla competenza Un buon management non garantisce il successo ma un cattivo management risulta spesso

Dettagli

Scopo della WBS. La regola del 100% Orientamento ai risultati

Scopo della WBS. La regola del 100% Orientamento ai risultati Le problematiche delle fasi del progetto CONCEZIONE ELABORAZIONE FINANZIAMENTO NEGOZIAZIONE ATTUAZIONE ATTUAZIONE - Definizione della successione delle attività esecutive - Allocare le risorse - Pianificare

Dettagli

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione

Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Nota informativa ISO/IEC 27001 Il processo di valutazione Introduzione Questa nota informativa ha lo scopo di introdurre le fasi principali del processo di valutazione LRQA riferito al Sistema di Gestione

Dettagli

CORSO PROJECT MANAGEMENT PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

CORSO PROJECT MANAGEMENT PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO CORSO PROJECT MANAGEMENT PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO VALIDO ANCHE COME AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE RSPP/ASPP (Art. 32 D.Lgs. 9 Aprile 2008 n.81 e s.m.i. Accordo Stato Regioni 26/01/2006) PROGRAMMA

Dettagli

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (1^ parte)

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (1^ parte) Paolo Mazzoni 2011. E' ammessa la riproduzione per scopi di ricerca e didattici se viene citata la fonte completa nella seguente formula: "di Paolo Mazzoni, www.paolomazzoni.it, (c) 2011". Non sono ammesse

Dettagli

Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD

Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD Ridurre i costi logistici attraverso il team working: il caso GD di Davide Mondaini e Violante Battistella (*) I costi logistici rappresentano una voce rilevante all interno del Conto Economico aziendale.

Dettagli

Introduzione del test HPV come test di screening primario: un analisi di Budget Impact. Guglielmo Ronco, CPO Piemonte Maria Calvia

Introduzione del test HPV come test di screening primario: un analisi di Budget Impact. Guglielmo Ronco, CPO Piemonte Maria Calvia Introduzione del test HPV come test di screening primario: un analisi di Budget Impact. Guglielmo Ronco, CPO Piemonte Maria Calvia Introduzione del test HPV: un analisi di Budget Impact. Caratteristiche

Dettagli

Lesson learned esperienza di attivazione PMO. Il Modello e i Processi a supporto

Lesson learned esperienza di attivazione PMO. Il Modello e i Processi a supporto Lesson learned esperienza di attivazione PMO Il Modello e i Processi a supporto Indice Il contesto di riferimento Il modello PMO ISS L integrazione nei processi Aziendali Lessons Learned Contesto di riferimento

Dettagli

LA GESTIONE DEL RISCHIO PROFESSIONALE IN MEDICINA GENERALE

LA GESTIONE DEL RISCHIO PROFESSIONALE IN MEDICINA GENERALE S.I.M.G. LA GESTIONE DEL RISCHIO PROFESSIONALE IN MEDICINA GENERALE Strumenti e metodi di identificazione ed analisi di eventi avversi. L approccio reattivo e proattivo Damiano Parretti Arezzo 26 febbraio

Dettagli

Work Breakdown Structure Diagramma di Gantt PERT/CPM

Work Breakdown Structure Diagramma di Gantt PERT/CPM Work Breakdown Structure Diagramma di Gantt PERT/CPM C. Noè WBS Si tratta di uno strumento di supporto alla scomposizione analitica di un progetto in tutte le sue parti. Ciò facilita l attribuzione di

Dettagli

Principi e requisiti di base del Risk Management. Obiettivi, standard e framework di riferimento

Principi e requisiti di base del Risk Management. Obiettivi, standard e framework di riferimento Innovazione per la Pubblica Amministrazione Principi e requisiti di base del Risk Management. Obiettivi, standard e framework di riferimento Fabio Monteduro CISPA-Università di Roma Tor Vergata fabio.monteduro@uniroma2.it

Dettagli

Fashion Control System

Fashion Control System Fashion Control System Daywork Fashion Control System è il nome della piattaforma proposta da Dún Soluzioni Informatiche a supporto dei sistemi di Programmazione e Controllo di Gestione delle aziende del

Dettagli

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager Valentina Bini, FIRE 27 marzo, Napoli 1 Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica

Dettagli

PM03 - IL PROJECT MANAGEMENT:TECNICHE DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO

PM03 - IL PROJECT MANAGEMENT:TECNICHE DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO + Obiettivi Far conoscere e diffondere la conoscenza di pianificazione, programmazione e controllo dei progetti allo scopo di potenziare le competenze dei partecipanti nella preparazione di progetti di

Dettagli

L OPPORTUNITA DI PREVEDERE E GESTIRE I RISCHI DI IMPRESA - APPROCCIAMO LA ISO 9001:2015

L OPPORTUNITA DI PREVEDERE E GESTIRE I RISCHI DI IMPRESA - APPROCCIAMO LA ISO 9001:2015 L OPPORTUNITA DI PREVEDERE E GESTIRE I RISCHI DI IMPRESA - APPROCCIAMO LA ISO 9001:2015 UNA RISPOSTA CONCRETA DALLA NORMATIVA LE PRINCIPALI MODIFICHE E NOVITA CHE LA ISO 9001:2015 VUOLE INTRODURRE Di Simone

Dettagli

Organizzazione dello studio professionale

Organizzazione dello studio professionale Organizzazione dello studio professionale Roberto Spaggiari Attolini Spaggiari & Associati Studio Legale e Tributario Partner 2014 Pagina 1 Roberto Spaggiari Attolini Spaggiari & Associati Studio Legale

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

Gestione di progetti Domande d esame

Gestione di progetti Domande d esame Esami modulari SVF-ASFC Edizione autunno 2010 Gestione di progetti Domande d esame Durata dell esame: 60 minuti Mezzi ausiliari ammessi: nessuno Incollate qui l etichetta con il vostro n. di riferimento!

Dettagli

Tutorial. al Piano di Miglioramento

Tutorial. al Piano di Miglioramento Tutorial al Piano di Miglioramento Il presente documento è protetto ai sensi della vigente normativa sul diritto d'autore Legge 6 del 9 e ss.mm.ii. Come definito nell introduzione il Piano di Miglioramento

Dettagli

GESTIONE DEI PROGETTI

GESTIONE DEI PROGETTI GESTIONE DEI PROGETTI Problema del management Fallimento negli anni 60, inizio 70 Non tanto dovuto alla competenza Un buon management non garantisce il successo ma un cattivo management risulta spesso

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 3 di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE, IMPLEMENTAZIONE E CONTROLLO DI

Dettagli

La rilevanza del risk management nella gestione d impresa. Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope

La rilevanza del risk management nella gestione d impresa. Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope La rilevanza del risk management nella gestione d impresa Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope Le nozioni alternative di rischio L approccio tradizionale-assicurativo: il rischio

Dettagli

UNI ISO 21500 Guida alla gestione dei progetti (project management)

UNI ISO 21500 Guida alla gestione dei progetti (project management) UNI ISO 21500 Guida alla gestione dei progetti (project management) adozione nazionale in lingua italiana della norma internazionale ISO 21500 A cura di Relatore: Eugenio Rambaldi Presidente Assirep presidente@assirep.it

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO

TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L APPROVVIGIONAMENTO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE

Dettagli

Firenze, 30 maggio 2012

Firenze, 30 maggio 2012 Firenze, 30 maggio 2012 specchio Specchio, specchio delle mie brame, chi è il fondo più bello del reame? Come selezionate i fondi dei vostri clienti? Quali parametri usate per selezionare i fondi? I rendimenti

Dettagli

Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari

Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari Definizione di progetto Cos è un progetto Progetto si definisce, di regola, uno sforzo complesso di durata solitamente

Dettagli

La gestione dei rischi nella pianificazione preliminare di un progetto, come vantaggio competitivo nella risposta ad una gara d appalto

La gestione dei rischi nella pianificazione preliminare di un progetto, come vantaggio competitivo nella risposta ad una gara d appalto La gestione dei rischi nella pianificazione preliminare di un progetto, come vantaggio competitivo nella risposta ad una gara d appalto Patricia Gamberini 1 Agenda Presentazione Engineering Business case

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. Project Planning. Syllabus

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. Project Planning. Syllabus EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE Project Planning Syllabus Scopo Questo documento presenta il syllabus di ECDL Standard Project Planning. Il syllabus descrive, attraverso i risultati del processo di apprendimento,

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

Earned Value la ricerca del Graal

Earned Value la ricerca del Graal Earned Value la ricerca del Graal Dott. Paolo La Rocca PMP October 26 th, 2012 Prof. Alberto Bettanti 1 Introduzione Questa presentazione non è un corso introduttivo al Project Management. Ci concentreremo

Dettagli

Il Progetto e il Project Management

Il Progetto e il Project Management Il Progetto e il Project Management Metodologie di Specifica del Software Per contattare il docente Dr. Anna Rita Laurenzi email: annarita.laurenzi@insiel.it cell.+39 3356368206 Agenda Progetto e Project

Dettagli

Per CONOSCERE uno STRUMENTO UTILE a migliorare l Efficienza ed ottenere Espansione vedi nel mio sito la sezione intitolata: Migliorare i Risultati.

Per CONOSCERE uno STRUMENTO UTILE a migliorare l Efficienza ed ottenere Espansione vedi nel mio sito la sezione intitolata: Migliorare i Risultati. Per CONOSCERE uno STRUMENTO UTILE a migliorare l Efficienza ed ottenere Espansione vedi nel mio sito la sezione intitolata: Migliorare i Risultati. Esiste un metodo semplice per ottenere i Costi sotto

Dettagli

Moda.PLN. Schedulazione della produzione

Moda.PLN. Schedulazione della produzione Schedulazione della produzione Modasystem è una sofware house, leader nel settore, nata e strutturata per realizzare e proporre software applicativo per industrie di abbigliamento e calzature. Il personale

Dettagli

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Seminario di introduzione alla norma ISO 50001 ed ai Sistemi di Gestione per l Energia Integrazione con la legislazione Roma, 16/03/2016 Introduzione alla

Dettagli

COME SI FORMA E COME SI RICONOSCE UN ROSS HOOK

COME SI FORMA E COME SI RICONOSCE UN ROSS HOOK COME SI FORMA E COME SI RICONOSCE UN ROSS HOOK di Francesco Fabi Trader Professionista e Responsabile di Joe Ross Trading Educators Italia PREMESSA Il Ross Hook è una delle formazioni grafiche che sono

Dettagli

IL CASO NERI: IL PIANO DI PROGETTO DEL NUOVO MODELLO RAMPICHINO

IL CASO NERI: IL PIANO DI PROGETTO DEL NUOVO MODELLO RAMPICHINO IL CASO NERI: IL PIANO DI PROGETTO DEL NUOVO MODELLO RAMPICHINO Giuseppe Stabilini Copyright SDA Bocconi, Milano Giuseppe Stabilini del nuovo modello Rampichino L azienda Neri progetta da oltre 50 anni

Dettagli

Gli strumenti del project management

Gli strumenti del project management Gli strumenti del project management Il ciclo di pianificazione e controllo dei progetti Pianificazione e controllo è il processo mediante il quale si governa lo svolgimento di un attività. In sostanza

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/ Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive https://nonconf.unife.it/ Registrazione della Non Conformità (NC) Accesso di tipo 1 Addetto Registrazione della Non Conformità

Dettagli

Gestione dei Progetti (2005-2006)

Gestione dei Progetti (2005-2006) Gestione dei Progetti (2005-2006) Alessandro Agnetis DII Università di Siena (Alcune delle illustrazioni contenute nella presentazione sono tratte da PMBOK, a guide to the Project Management Body of Knowledge,

Dettagli

Risk management PMBOK TIME COST SCOPE HUMAN RESOURCES COMMISSION MANAGEMENT RISK ANALYSIS CONTRACT QUALITY ASSURANCE PROJECT MANAGEMENT MANAGEMENT

Risk management PMBOK TIME COST SCOPE HUMAN RESOURCES COMMISSION MANAGEMENT RISK ANALYSIS CONTRACT QUALITY ASSURANCE PROJECT MANAGEMENT MANAGEMENT Risk management PROJECT MANAGEMENT SCOPE MANAGEMENT TIME MANAGEMENT COST MANAGEMENT HUMAN RESOURCES MANAGEMENT CONTRACT MANAGEMENT PMBOK QUALITY ASSURANCE COMMISSION MANAGEMENT RISK ANALYSIS 1 PROJECT

Dettagli

12 1.2 Considerazioni organizzative inerenti le evoluzioni della contabilità analitica 1.2.1 La contabilità analitica ed il value management, p.

12 1.2 Considerazioni organizzative inerenti le evoluzioni della contabilità analitica 1.2.1 La contabilità analitica ed il value management, p. INDICE IIIX XIII Guida alla lettura Premessa 3 Capitolo primo La contabilità analitica a supporto del Processo Decisionale 6 1.1 Il significato e lo scopo della contabilità analitica 1.1.1 I principi guida

Dettagli

AREA GIURIDICO LEGALE PAG. 3 MODULO 1 STRUMENTI GIURIDICI PER GESTIRE IL PASSAGGIO DELLA PROPRIETÀ PAG. 3 AREA ECONOMICA FINANZIARIA PAG.

AREA GIURIDICO LEGALE PAG. 3 MODULO 1 STRUMENTI GIURIDICI PER GESTIRE IL PASSAGGIO DELLA PROPRIETÀ PAG. 3 AREA ECONOMICA FINANZIARIA PAG. 1 AREA GIURIDICO LEGALE PAG. 3 MODULO 1 STRUMENTI GIURIDICI PER GESTIRE IL PASSAGGIO DELLA PROPRIETÀ PAG. 3 AREA ECONOMICA FINANZIARIA PAG. 4 MODULO 2 RATING AZIENDALE E BILANCIO D ESERCIZIO PAG. 4 MODULO

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

Bottoncino CATALOGO CORSI (SEZIONE FORMAZIONE AZIENDALE) COMUNICAZIONE E RELAZIONALITÀ COMPETENZE MANAGERIALI BENESSERE E PRODUTTIVITÀ

Bottoncino CATALOGO CORSI (SEZIONE FORMAZIONE AZIENDALE) COMUNICAZIONE E RELAZIONALITÀ COMPETENZE MANAGERIALI BENESSERE E PRODUTTIVITÀ Bottoncino CATALOGO CORSI (SEZIONE FORMAZIONE AZIENDALE) COMUNICAZIONE E RELAZIONALITÀ COMPETENZE MANAGERIALI BENESSERE E PRODUTTIVITÀ FORMAZIONE TECNICA Cliccando tendina COMUNICAZIONE E RELAZIONALITA

Dettagli

ADVANCED PLANNING & CONTROL PROGRAM (A.P.Co.P.)

ADVANCED PLANNING & CONTROL PROGRAM (A.P.Co.P.) «One Team for one Theme» ADVANCED PLANNING & CONTROL PROGRAM (A.P.Co.P.) Contenuti delle giornate caratterizzanti il percorso Giornata1 - Mercoledì 18 Marzo 2015 La prossima sfida per l area P&C: Creare

Dettagli

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating articolo n. 3 giugno 2014 Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating MASSIMILIANO MARI Responsabile Acquisti, SCANDOLARA s.p.a. Realizzare un sistema di rating costituisce un attività

Dettagli

FAST SCM for Mill Products. Un investimento ad elevato valore aggiunto

FAST SCM for Mill Products. Un investimento ad elevato valore aggiunto FAST SCM for Mill Products Un investimento ad elevato valore aggiunto Un investimento ad elevato valore aggiunto In qualsiasi settore si operi, legno, tessile, materiali edili, cartario o metalli è innegabile

Dettagli

Vi presentiamo la nuova soluzione applicativa dedicata alla. Produzione su commessa

Vi presentiamo la nuova soluzione applicativa dedicata alla. Produzione su commessa Vi presentiamo la nuova soluzione applicativa dedicata alla Produzione su commessa GALILEO Produzione su Commessa. La soluzione applicativa si rivolge a quelle aziende del settore manifatturiero e/o impiantista

Dettagli