RETI DI MONITORAGGIO IN REMOTO DELLE EMISSIONI INDUSTRIALI IN ATMOSFERA: ESPERIENZE IN PIEMONTE.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RETI DI MONITORAGGIO IN REMOTO DELLE EMISSIONI INDUSTRIALI IN ATMOSFERA: ESPERIENZE IN PIEMONTE."

Transcript

1 RETI DI MONITORAGGIO IN REMOTO DELLE EMISSIONI INDUSTRIALI IN ATMOSFERA: ESPERIENZE IN PIEMONTE. Silvio Cagliero Italia Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale del Piemonte (ARPA) Referente regionale emissioni in atmosfera Sessione Tematica : Aria Sommario Il limite principale delle tecniche tradizionali di controllo del rispetto dei limiti di emissione autorizzati a camino è che la significatività del riscontro analitico è strettamente correlata al momento in cui è stato effettuato il prelievo. Esistono nel contempo tipologie di impianti industriali per le quali l esigenza di una efficace azione di controllo delle emissioni in atmosfera è particolarmente sentita dalle popolazioni locali. Questi impianti possono essere classificati come impianti di rilevante interesse ambientale: un esempio significativo è costituito dagli impianti di incenerimento o coincenerimento di rifiuti e di recupero di energia e/o materia da rifiuti e dagli impianti di produzione di energia. Per alcune tipologie impiantistiche particolari normative di settore (es. smaltimento rifiuti in termovalorizzatori) prevedono, a carico delle aziende, un controllo in continuo delle emissioni mediante un Sistema di Monitoraggio delle Emissioni (SME). Un gruppo di lavoro misto Arpa Piemonte e Assessorato regionale all'ambiente ha dettagliato una procedura che definisce le modalità con cui rendere disponibili, anche da postazioni remote, i dati rilevati dallo SME e da altri sistemi di controllo di processo. Tra le peculiarità connesse ad un uso ottimale dei Sistemi di Monitoraggio continuo delle Emissioni accessibile all Organo di controllo (è l accessibilità remota che induce l uso ottimale da parte dell azienda) si sottolinea però non tanto la possibilità di sviluppare un azione di controllo più tempestiva ed efficace, conseguente all indiscutibile aumento della conoscenza sul comportamento dell impianto tecnologico, quanto la possibilità, da parte dei conduttori, di sviluppare azioni di tipo preventivo ai fini di evitare il superamento dei limiti. Nella relazione sarà descritta la situazione attuale in Regione Piemonte con particolare riferimento a quanto realizzato in Provinciali Cuneo dove l ARPA, in qualità di Organo di controllo, può accedere, tramite la normale rete telefonica ed una workstation con browser HTML, ai dati rilevati presso 7 punti di emissione in atmosfera in 4 diversi insediamenti produttivi. Come tutte le attività connesse al controllo dell inquinamento atmosferico il controllo remoto delle emissioni monitorate da uno SME non è da considerare come elemento indipendente ma costituisce parte integrante di un sistema complesso di monitoraggio della qualità dell aria basato sulla rete di controllo dei parametri chimici e meteoclimatici. Pagina 1 di 1

2 Summary The main limitation of the traditional techniques for the control of authorized emission standards is that the significance of the analytical response is closely linked to the moment of sampling. Another critical aspect, particularly important for local populations, is the existence of industrial plants which require an effective control of the emissions in the atmosphere. These plants may be classified as plants of relevant environmental interest: important examples of these are plants for waste incineration or co-incineration with recovery of energy and/or matter and power plants. For certain types of industrial plants, specific regulations require, at the expense of the companies, a non-stop emission control by means of an Emission Monitoring System (EMS). A mixed working group (Arpa Piemonte / Environment Department of the Regional Administration) has written a procedure defining the ways in which data collected by EMS and other systems of process control, including remote stations, are made available. Among the peculiarities connected to an optimal use of non-stop Emission Monitoring Systems accessible to the control Authority (it id the remote accessibility which induces an optimal use by the companies), rather than the possibility of developing a rapid and effective control derived from the evident improvement of the knowledge of the behaviour of the technological plant, we emphasize the possibility for those in charge of the plant to develop a preventive action for the compliance with the emission thresholds. In the presentation, the present situation in the Piemonte Region is described, with particular focus on the Cuneo Province, where ARPA in its role of control Authority has the possibility of accessing 7 points of atmospheric emission in 4 different production plants. Like all the activities linked to atmospheric pollution control, the remote control of emissions monitored by EMS must not be considered as an indipendent element, but as an integrative part of a complex system for the monitoring of air quality based on the network of controls of chemical, meteorological and climatic variables. Pagina 2 di 2

3 Premessa E noto che il sistema di controllo delle emissioni in atmosfera provenienti dal comparto produttivo risulta condizionato dal rapporto tra le risorse che possono essere dedicate al settore e l'alto numero di fonti emissive. L'efficacia dell'azione di controllo e soprattutto la tempestività dello stesso sono infatti vincolate da una molteplicità di fattori quali la normativa tecnica di riferimento per i prelievi al camino e la disponibilità di adeguate risorse umane e strumentali. Le tecniche tradizionali usualmente utilizzate presentato solitamente limitazioni quali periodi di tempo non indifferenti per ottenere i riscontri analitici; la significatività del riscontro analitico è inoltre strettamente correlata al periodo di tempo durante il quale è stato effettuato il prelievo. Molti timori sollevati dai residenti in località nelle quali ci si propone di realizzare impianti per l incenerimento o coincenerimento di rifiuti o gli impianti destinati alla produzione di energia sono riferiti alla reale possibilità di sottoporre gli stessi ad efficaci controlli sulle emissioni in atmosfera. Le Amministrazioni autorizzanti richiedono espressamente all Organo di controllo un supporto sia in fase istruttoria che nelle successive fasi di redazione delle prescrizioni tecniche per l esercizio degli impianti ed i controlli sulla corretta gestione degli stessi. In sintesi all Organo di controllo viene richiesta la realizzazione di un sistema integrato di conoscenze che consenta una risposta positiva alla domanda di autorevolezza rivolta dagli Amministratori al fine di tutelare la collettività locale anche in un settore difficile come quello del controllo delle emissioni in atmosfera. Per alcune tipologie impiantistiche particolari normative di settore (es. smaltimento rifiuti nei termovalorizzatori) prevedono, a carico delle aziende, un controllo in continuo delle emissioni mediante un Sistema di Monitoraggio delle Emissioni (SME). La norma di attuazione tecnica (D.M. 21 dicembre 1995) prevede che i dati rilevati dallo SME debbano essere conservati a disposizione dell Autorità preposta al controllo per un periodo minimo di 5 anni; resta evidente che i dati, se conservati in azienda, non sono immediatamente fruibili. La procedura per il monitoraggio in remoto delle emissioni industriali in atmosfera Genesi della procedura Nella realtà cui ci si riferisce, la provincia di Cuneo, la prima specifica esperienza nel settore risale alla seconda metà degli anni 90 ove una azienda per la produzione di interni per automobile propose di realizzare all interno del perimetro industriale un impianto per la termodistruzione dei residui di produzione; fino a quel momento i rifiuti, dotati di un buon potere calorifico residuo, venivano posti in discarica. La comunità locale richiese specifiche garanzie nel campo della tutela della qualità dell aria e il provvedimento autorizzativo rilasciato comprese fra l altro due prescrizioni che riguardavano la realizzazione di centralina di monitoraggio della qualità dell aria nel cortile dell edificio occupato dalle scuole primarie ed un sistema di monitoraggio in continuo delle emissioni. I dati rilevati dai due sistemi dovevano essere Pagina 3 di 3

4 accessibili dall Organo di controllo per via telematica; l azienda propose e realizzò un sistema dedicato comprendente una postazione hardware presso il Dipartimento ARPA di Cuneo. In fase di esercizio si verificò che il sistema era funzionale agli scopi prefissati e le Amministrazioni coinvolte, Comune e Provincia, si ritennero soddisfatte per le rispettive funzioni. Per quel che riguarda il punto di vista dell Organo di controllo si è rilevato innanzi tutto che la gestione del sistema, seppur esterna, assorbiva risorse in modo non indifferente: essenzialmente occorreva sollecitare con frequenza plurisettimanale la parte a mantenere inalterato lo standard minimo qualitativo dei dati raccolti (controlli della deriva del dato, riavvio dei sistemi analitici dopo le inevitabili interruzioni di funzionamento). Per quel che riguarda in particolare il Sistema di Monitoraggio delle Emissioni, che rilevava, oltre che le concentrazioni in emissione di alcune molecole sottoposte a limite, anche parametri di funzionalità impiantistica, si era potuto apprezzare l elevato grado di efficacia nel controllo del mantenimento delle ottimali condizioni di esercizio. Discutendo delle esperienze raccolte sia in sede locale che presso il competente Settore dell Assessorato Regionale emerse che il principale problema in vista di un ipotetico sviluppo del sistema, con l allargamento ad altre realtà produttive, era costituito dal fatto che le singole aziende, rivolgendosi al mercato, potevano proporre soluzioni anche sostanzialmente differenti tra di loro. L Organo di controllo correva quindi il rischio di dover far fronte a procedure non coerenti e nel contempo di dover ospitare nei propri locali le più svariate ed ingombranti attrezzature. E quindi sorta la necessità di definire ed adottare una procedura standardizzata che potesse eventualmente essere messa a disposizione di tutti i Dipartimenti della nostra Agenzia. Un gruppo di lavoro misto Arpa Piemonte e Assessorato regionale all'ambiente ha dettagliato questa procedura, che è stata formalizzata in un primo documento del maggio 2001, che definisce le modalità con cui rendere disponibili, anche da postazioni remote, i dati rilevati dallo SME e da altri sistemi di controllo di processo. Questa procedura è stata elaborata cercando di perseguire tre obiettivi fondamentali:?? Utilizzo di tecnologie commercialmente diffuse?? Assenza di vincoli tecnico-commerciali sui sistemi hardware/software utilizzati dall Azienda e dall Organo di controllo?? Semplicità e possibilità di crescita in funzione del numero di impianti sottoposti a controllo in continuo In estrema sintesi la procedura di visualizzazione dati in remoto, presentata nella 5 a conferenza nazionale delle Agenzie ambientali tenutasi a Bologna nel dicembre 2001, prevede un Web based Server presso l Azienda accessibile tramite normale rete telefonica, una workstation con browser HTML dell Organo di controllo dalla quale è possibile procedere ad una consultazione di tutti i dati presenti nell archivio, ad un trasferimento degli stessi presso Arpa. (fig. 1 e 2). Pagina 4 di 4

5 figura 1 struttura fisica del sistema figura 2 visualizzazione dati e trasmissione remota Pagina 5 di 5

6 E stata altresì formalizzata la struttura logica (fig.3) da utilizzarsi per la presentazione e la visualizzazione dei dati. Tale struttura è basata su un insieme di pagine HTML collegate in modo da permettere una comoda esplorazione e consultazione di tutti i dati disponibili nell archivio residente sul Web based server dell Azienda. Oltre alle elaborazioni previste dalla legislazione vigente (medie orarie/semiorarie, medie giornaliere, medie mensili, medie orarie, ecc.), la procedura prevede anche l elaborazione di alcuni dati di sintesi su base giornaliera, il cui scopo è quello di garantire una informazione, di basso livello ma di immediata lettura, sulle condizioni emissive dell impianto controllato in continuo. Nelle pagine contenenti i dati di sintesi, al fine di facilitare l operatore nelle operazioni di valutazione, è stata prevista l adozione di specifici codici colore che descrivono lo stato dell impianto. figura 3 struttura logica del sistema Nel periodo intercorso da quella data il Coordinamento Interregionale Aria ha istituito uno specifico gruppo di lavoro interregionale che ha prodotto un documento che dettaglia linee guida sulle varie problematiche inerenti la progettazione e la gestione dei Sistemi di Monitoraggio delle Emissioni (al quale è aderente la nostra procedura, che riguarda le sole fasi progettuali e il sistema di accesso remoto agli SME); il risultato del lavoro del tavolo interregionale, approvato dal Coordinamento Interregionale Aria, risulta essere stato presentato alle competenti sedi ministeriali. Pagina 6 di 6

7 La situazione attuale In Piemonte ad oggi questa tipologia di approccio è stata affrontata con aziende insediate nelle province di Cuneo e di Torino (1 camino); nella provincia del Verbano Cusio Ossola è sperimentato un sistema predittivo su due emissioni di una centrale di compressione sul gasdotto internazionale ed una procedura di visualizzazione molto simile è imposta ad un inceneritore di rifiuti urbani sito in provincia di Vercelli. Analoghe prescrizioni autorizzative sono state recentemente imposte dalle province di Alessandria ed Asti. Ritornando alla esperienza locale della provincia di Cuneo dal 2001, mentre la ditta soggetta alla prima prescrizione ha sospeso l attività di smaltimento in loco anche a causa delle difficoltà del settore automobilistico, sono 4 le nuove aziende, tutte facenti parte di gruppi presenti a livello multinazionale, che hanno realizzato sistemi aderenti a quanto prescritto. Le attività dotate di sistema di monitoraggio in continuo accessibile all Organo di controllo ad oggi sono:?? 2 sistemi di produzione energia (termovalorizzatori) che utilizzano per combustibile materiale di origine vegetale e fanghi di impianti di depurazione acque altrimenti destinati a altri sistemi di smaltimento?? 2 gruppi di produzione di energia turbogas?? 2 forni da cemento utilizzanti altresì per lo smaltimento di combustibili alternativi (emulsioni oleose, farine di origine animale a rischio BSE, CDRP, ecc.)?? 1 forno float per la produzione di vetro Nel prossimo futuro si prevede inoltre l adattamento a questa procedura del terzo forno della cementeria già sottoposta a controllo; nel contempo l altra cementeria presente sul territorio di competenza ha recentemente stipulato un protocollo con l Autorità comunale per la riduzione delle emissioni in atmosfera, comprensivo di cronoprogramma, che prevede l adozione di nuove tecnologie per l abbattimento e l installazione di SME sui tre forni di produzione con procedura concordata con l ARPA. Si ritiene che ad oggi per buona parte degli impianti di rilevante interesse ambientale presenti in provincia di Cuneo sia stata prevista e prescritta questa soluzione per il controllo delle emissioni in atmosfera; l esperienza acquisita ha permesso di apprezzare concretamente i vantaggi offerti da un sistema di monitoraggio in continuo delle emissioni, sia per quanto riguarda gli aspetti strettamente inerenti l attività di controllo, sia per la possibilità di svolgere azioni di tipo preventivo basate su una conoscenza più approfondita e puntuale dell impianto produttivo e delle relative emissioni. I dati raccolti attraverso gli SME hanno anche permesso di svolgere approfondimenti in merito alle immissioni dell impianto; nella procedura si è prevista la possibilità di richiedere il monitoraggio dei principali parametri meteoclimatici. In alcune occasioni, grazie a tecniche di simulazione modellistica delle ricadute al suolo degli inquinanti, è stato possibile evidenziare correlazioni tra il regime emissivo dell impianto e i dati ambientali di qualità dell'aria rilevati nel centro urbano esterno allo stabilimento. Pagina 7 di 7

8 Le svariate possibilità di utilizzo dei dati rilevati, compresi i confronti con tecniche di modellizzazione con i dati rilevati dalla rete di monitoraggio della qualità dell aria confermano che il controllo remoto delle emissioni monitorate da uno SME non è da considerare come elemento indipendente ma costituisce parte integrante di un Sistema Dipartimentale di controllo dell inquinamento atmosferico. Ad oggi infatti il sistema complesso di monitoraggio della qualità dell aria in provincia di Cuneo gestito dal Dipartimento Provinciale ARPA dispone in tempo reale di: dati sulla qualità dell aria dati meteoclimatici rilevati dalla rete del settore meteoidrografico caratterizzazione delle emissioni provenienti dagli stabilimenti produttivi di rilevante interesse ambientale dati quali-quantitativi sui combustibili utilizzati nella fase di termovalorizzazione Tra i dati resi disponibili alle Pubbliche Amministrazioni da SME correttamente funzionanti occorre ancora ricordare il vantaggio di poter disporre, praticamente in tempo reale, di dati attendibili sulle emissioni massiche provenienti da questi impianti; dati che potranno implementare correttamente quanto disponibile negli inventari regionali delle emissioni. Rimane da trattare un ultimo argomento che è di fondamentale importanza: L Organo di controllo è in grado di verificare la veridicità dei dati forniti dagli SME aziendali? A questo proposito l ARPA Piemonte ha acquisito ed ha in utilizzo da pochi mesi due analizzatori portatili dei parametri di combustione che possono funzionare in continuo e che si basano su principi analitici chimico-fisici analoghi a quelli adottati dai sistemi aziendali. Gli analizzatori, che misurano gli ossidi di azoto con sistema a chemilluminescenza, gli ossidi di zolfo, il monossido e il biossido di carbonio con rivelatore infrarosso e l ossigeno tecnologia paramagnetica sono stati dotati dello stesso software adottato da alcune ditte, software che risponde ai requisiti previsti dal D.M. del 21/12/1995. Il sistema analitico dell Organo di controllo, inserito in parallelo anche per alcuni giorni (per ora fino a tre) con alcune delle emissioni sottoposte a prescrizione ha portato ad evidenziare risultati estremamente interessanti, con buone, se non ottime, performance di confronto. Criticita Allo stato attuale una delle più evidenti carenze della norma riguarda la mancata chiara definizione degli atti amministrativi che l organo di controllo è tenuto ad adottare qualora uno SME aziendale evidenzi un superamento del limite alle emissioni. A tal proposito si evidenzia quanto sia necessario un provvedimento di indirizzo; come detto la procedura da noi adottata non contrasta con il risultato del lavoro del tavolo interregionale, approvato dal Coordinamento Interregionale Aria. Allo stato attuale si ha l impressione che il sistema, che risulta preso in considerazione anche in altre realtà regionali, non decolli in quanto gli operatori del sistema agenziale temono di incorrere in reati di omissione qualora un azienda, dotata di SME, si autodenunci per superamento del limite. Pagina 8 di 8

9 Lo scopo di chi ha redatto la procedura in Piemonte non è stato quello di introdurre un nuovo e magari inviolabile strumento coercitivo; è invece quello di convincere le aziende che questo è uno strumento di ottimizzazione della gestione impiantistica, che consente al gestore di prendere pronti provvedimenti al fine di rientrare nelle condizioni ottimali, sapendo che è o può essere osservato dall esterno. Anche per queste considerazioni non si è richiesto l atto attivo aziendale della trasmissione del dato, ma è facoltà dell organo di controllo decidere se e quando accedere ai dati. Bisogna dire che il sistema è stato applicato ad aziende in grado di sostenere l onere tecnico della gestione impiantistica e pertanto gli eventi di supero registrati, peraltro non frequenti, hanno avuto specifiche motivazioni. Così impostato il sistema ha raccolto l assenso del modo produttivo, al quale è stato fra l altro richiesto uno sforzo economico non indifferente. Sviluppo futuro Si ritiene che il sistema potrà avere una diffusione ottimale se supportato da norme o riferimenti amministrativi specifici mentre ora è in stretta dipendenza alla omogeneità di vedute tra Amministrazione autorizzante (che lo impone con prescrizione specifica) e Organo di controllo. Dal punto di vista tecnico resta da realizzare, a carico dell Agenzia, un software per l interrogazione automatica delle varie unità SME disperse sul territorio di competenza; la procedura ha infatti imposto alle aziende di predisporre, come unico elemento veramente vincolante, due files a campo fisso con le informazioni essenziali e cioè se l impianto è o meno in fase di funzionamento ottimale. Nel caso di un ambito territoriale con emissioni da controllare (la Regione Piemonte valuta in poco più un centinaio le emissioni di rilevante interesse ambientale) un software di interrogazione automatica potrebbe collegarsi con i sistemi periferici tutte le notti e al mattino successivo gli operatori potrebbero indirizzare gli approfondimenti sui soli siti segnalanti problemi. Conclusioni Nella realtà su cui si è operato l utilizzo di tutte le opportunità operative prima descritte ha consentito la diffusione sul territorio della consapevolezza che l Arpa è in grado di effettuare controlli puntuali ed efficaci sia in modalità routinaria che nelle occasioni in cui necessitano prestazioni di elevata specializzazione. La realizzazione di un sistema integrato di conoscenze consente risposte comunque positive alla domanda di autorevolezza rivolta dagli Amministratori al fine di tutelare la collettività locale anche in un settore difficile come quello del controllo delle emissioni in atmosfera. Pagina 9 di 9

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE

ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE D.A. 175/GAB ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE L ASSESSORE Visto lo Statuto della Regione Siciliana; Vista la legge 4 gennaio 1968, n. 15 ( Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione

Dettagli

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara La Qualità dell Aria stimata: applicazioni modellistiche ADMS per uno studio della diffusione degli inquinanti atmosferici nel comune di Ferrara e aree limitrofe Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema

Dettagli

La modellistica fotochimica nel Piano della qualità dell aria in Umbria

La modellistica fotochimica nel Piano della qualità dell aria in Umbria La modellistica fotochimica nel Piano della qualità dell aria in Umbria Marco Vecchiocattivi Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale dell Umbria Sommario Introduzione Modellistica fotochimica Applicazione

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Il problema: metalli pesanti nelle acque reflue In numerosi settori ed applicazioni

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Indice INTRODUZIONE ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO In collaborazione con Sistema FAR ECHO 1 Sistema FAR ECHO Gestione intelligente delle informazioni energetiche di un edificio Tecnologie innovative e metodi di misura, contabilizzazione, monitoraggio e

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL SAP Customer Success Story Prodotti Industriali Raffineria Metalli Capra Raffineria Metalli Capra. Utilizzata con concessione dell autore. Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL Partner

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Nuovi limiti di qualità dell aria

Nuovi limiti di qualità dell aria Nuovi limiti di qualità dell aria DEA - Dipartimento di Energia e Ambiente - CISM http://www.cism.it/departments/energy-and-environment/ Premessa Le emissioni inquinanti si traducono in concentrazioni

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

La complessa problematica della corretta gestione dei CHIMICA & LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI MEDIANTE INCENERIMENTO: ASPETTI AMBIENTALI E SANITARI

La complessa problematica della corretta gestione dei CHIMICA & LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI MEDIANTE INCENERIMENTO: ASPETTI AMBIENTALI E SANITARI CHIMICA & AMBIENTE Giuseppe Viviano, Gaetano Settimo Dipartimento Ambiente e Connessa Prevenzione Primaria Istituto Superiore di Sanità - Roma LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI MEDIANTE INCENERIMENTO: ASPETTI

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011

PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011 PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011 PROPOSTA TECNICA Genova, Giugno 2009 SOMMARIO 1 PREMESSA... 3 2 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO...4 2.1 LE NORME CONTRATTUALI... 4 2.2 LA FORMAZIONE OBBLIGATORIA

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi Appendice III (articolo 5, comma 1 e art. 22 commi 5 e 7) Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi 1. Tecniche di modellizzazione 1.1 Introduzione. In generale,

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

dott. Roberto Andreatta Trento, February 20 th, 2015

dott. Roberto Andreatta Trento, February 20 th, 2015 dott. Roberto Andreatta Trento, February 20 th, 2015 History Integrated Mobility Trentino Transport system TRANSPORTATION AREAS Extraurban Services Urban Services Trento P.A. Rovereto Alto Garda Evoluzione

Dettagli

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO L articolo 35, comma 5, D.L. n. 223/2006 ha aggiunto il seguente comma all articolo 17, D.P.R. n. 633/72: Le disposizioni di cui al comma precedente si applicano anche alle

Dettagli

Valutazione del rischio sanitario dovuto all esposizione della popolazione all inquinamento atmosferico in area urbana

Valutazione del rischio sanitario dovuto all esposizione della popolazione all inquinamento atmosferico in area urbana Valutazione del rischio sanitario dovuto all esposizione della popolazione all inquinamento atmosferico in area urbana Valeria Garbero vgarbero@golder.it Politecnico di Torino e Golder Associates, Natasa

Dettagli

STRUTTURA COMPLESSA 05 AREA PREVISIONE E MONITORAGGIO AMBIENTALE. Struttura Semplice 06 Sistemi elaborativi e modellistica

STRUTTURA COMPLESSA 05 AREA PREVISIONE E MONITORAGGIO AMBIENTALE. Struttura Semplice 06 Sistemi elaborativi e modellistica STRUTTURA COMPLESSA 05 AREA PREVISIONE E MONITORAGGIO AMBIENTALE Struttura Semplice 06 Sistemi elaborativi e modellistica OGGETTO: STUDIO DI CARATTERIZZAZIONE DEL BIANCO AMBIENTALE CONNESSO ALLA REALIZZAZIONE

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi Innovazioni di metodo Risultati attesi Risultati Azioni attesi Tempi

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

2) comprare il dominio www.nomescuola.gov.it. il link è il seguente: http://hosting.aruba.it/fullorder/registrazione_gov_it.asp

2) comprare il dominio www.nomescuola.gov.it. il link è il seguente: http://hosting.aruba.it/fullorder/registrazione_gov_it.asp Come specificato dalla Direttiva N.8/2009 del Ministero della Pubblica Amministrazione e Innovazione, la registrazione di nomi a dominio.gov.it è richiesta a tutte le Pubbliche Amministrazioni, al fine

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Anno XLI Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Prima n. 9 mercoledì, 17 febbraio 2010 Firenze Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Portineria

Dettagli

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point P. Bonanni*, F.Fornasier*, A. De Marco * ISPRA, ENEA Carico critico Stima quantitativa dell esposizione ad uno o più inquinanti

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse.

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. 13464 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12 Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. IL PRESIDENTE

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPATTO SULLA QUALITÀ DELL ARIA DEI PRINCIPALI IMPIANTI

VALUTAZIONE DELL IMPATTO SULLA QUALITÀ DELL ARIA DEI PRINCIPALI IMPIANTI VALUTAZIONE DELL IMPATTO SULLA QUALITÀ DELL ARIA DEI PRINCIPALI IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA E TERMICA ALIMENTATI A BIOMASSA SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI TORINO 1 PREMESSA Le iniziative

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale La Settimana dell Educazione all Energia Sostenibile Dal 6 al 12 novembre si è celebrata la Settimana Nazionale dell Educazione all Energia Sostenibile,

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli