La vostra guida per il Project Management

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La vostra guida per il Project Management"

Transcript

1 Gesellschaft für Projektmanagement Südtirol La vostra guida per il Project Management Con il generoso sostegno di:

2 Questa guida è indirizzata a 2 Project Manager Con questa guida ricevete gli strumenti necessari per la pianificazione professionale dei vostri progetti. Tutti i passi si basano sugli standard internazionali di Project Management. In questo modo la qualità della pianificazione aumenta e si crea la base per un trasparente percorso di progetto. Dirigenti, Committenti Il vostro obiettivo è implementare la strategia aziendale nella vostra area di competenza. Questa guida vi spiega perché la forma organizzativa di progetto è ottimale per la realizzazione delle vostre strategie. Inoltre vi illustrerà le attività e responsabilità che assumerete come dirigenti e committenti per concludere i progetti con successo e trarne i benefici necessari. Membri del team e soggetti coinvolti Ottenete una visione generale sui perché e sui metodi di lavoro dei responsabili nei progetti. In questo modo approfondite la comprensione di come il vostro lavoro interagisce nei contenuti e nei tempi con quello degli altri membri del progetto. Tale guida vi aiuta inoltre a comprendere le richieste del vostro Project Manager.

3 Contenuto 3 Introduzione Che cosa è un progetto? 4 Dalla visione al progetto 5 Il progetto in concorrenza con altri progetti 6 Metodi di Project Management La riunione di Kickoff 7 L organizzazione del progetto 8 La definizione dell incarico L 9 Pianificazione di un progetto in 30 minuti 10 I 7 quesiti per la definizione dell incarico 11 Che cosa deve essere raggiunto? Obiettivi e risultati di progetto 12 Come possiamo raggiungere gli obiettivi? La pianificazione 13 La pianificazione 14 La gestione delle risorse e dei costi 15 Controlling 16 Reporting Trasparenza per un efficace gestione 17 Competenze dei Project Manager di successo Il profilo delle competenze del Project Manager 18 Gestione del team 19 Comunicazione 20 Una buona decisione in 5 passi 21 Riunioni di progetto 22 Per chi vuole saperne di piú 23

4 Che cosa è un progetto? 4 Dimmi come inizia il progetto e ti dirò come finisce! Un progetto è una pianificazione caratterizzata dall unicità delle condizioni che la circondano, quali per esempio gli obiettivi, le ridotte risorse finanziarie, personali e di tempo, un organizzazione progettuale specifica e la partecipazione di persone, gruppi e società. [DIN :2009] Un progetto è un progetto, quando II committente ha dato il suo benestare per Il volume del progetto, la delimitazione, gli obiettivi con i criteri di misurazione La pianificazione dei pacchetti di lavoro con il sistema di controllo L organizzazione del progetto L analisi dei rischi Il beneficio auspicato nell azienda in accordo con il cliente Ha designato ufficialmente il Project Manager Il budget è messo a disposizione Il tempo necessario dei collaboratori del progetto è concordato anche con i dirigenti responsabili.

5 Dalla visione al progetto 5 I progetti vengono fatti per una ragione: fanno parte del piano per incrementare la performance dell organizzazione. Ogni organizzazione deve fare due cose contemporaneamente: Garantire il Business quotidiano, per raggiungere gli obiettivi a breve termine, e Progetti cambiare il proprio business, in modo tale che riesca a crescere e sia vitale anche in futuro. Attività quotidiana La V sta per la visione dell azienda, ovvero l idea di come questa si inserisca nel futuro panorama della concorrenza. I progetti sono lo strumento ideale per trasformare la visione imprenditoriale in un innovazione reale ed esistente. È responsabilità del committente del progetto chiarire qual è il contributo specifico che un progetto apporta alla strategia dell azienda, valutando anche i benefici. Visione => Strategia > Progetti Communication Skills for project managers, Campbell, 2009

6 Il progetto in concorrenza con altri progetti 6

7 La riunione di Kickoff Uno strumento a garanzia del successo del progetto 7 La riunione di Kick-off è il primo incontro ufficiale, al quale dovrebbero partecipare possibilmente tutte le persone coinvolte nel progetto. L incontro ha lo scopo di chiarire tutti i quesiti sul progetto e può essere molto utile per creare coesione tra i partecipanti. E il primo passo importante per diventare un team. Gli obiettivi della riunione di Kick -off sono: Tutti conoscono i benefici e gli obiettivi del progetto. Ognuno conosce i propri pacchetti di lavoro. Ognuno sa in che cosa consiste il successo del proprio lavoro e come viene misurato. Ognuno ha pianificato il tempo necessario per il progetto nell agenda (incluse le date per le riunioni sullo stato avanzamento lavoro - SAL). Ognuno sa come prepararsi per le riunioni. Ognuno conosce la propria responsabilità. Ognuno sa come viene informato. Ognuno conosce le conseguenze nel caso in cui gli accordi presi non venissero rispettati.

8 L organizzazione di progetto 8 L organizzazione di progetto è un organizzazione parallela all organizzazione aziendale e ha una durata limitata. Il responsabile di questa organizzazione è il Project Manager. Come un manager riferisce alla Direzione, il Project Manager riferisce al comitato guida,di cui membro più importante è il committente. Il comitato guida definisce tra l altro l autorità del Project Manager, nonché l influenza che i responsabili gerarchici hanno sui singoli membri del team di progetto. Nell organizzazione del progetto saranno inoltre stabiliti: La suddivisione delle mansioni tra persone e team Le attività, le competenze, le responsabilità Principio dell organizzazione a matrice Organizzazione autonoma per il progetto. I collaboratori utilizzano parte del loro tempo lavorativo per il progetto. Per il membro del team di progetto il responsabile gerarchico continua ad essere il responsabile disciplinare. Responsabilità ed autorità Project Manager: responsabilità professionale Responsabile gerarchico: responsabilità disciplinare

9 La definizione dell incarico 9 La definizione dell incarico viene concordata tra il committente e il Project Manager, migliora coinvolgendo anche i membri del team di progetto (se già designati) Nessun vento è favorevole per il marinaio che non sa in quale porto vuole approdare... (Lucius Annaeus Seneca) Chiarisce le richieste del committente riguardo alle dimensioni del progetto - al tempo di realizzazione - al budget disponibile - alle aspettative personali Quali condizioni o direttive esistono per il progetto? Deve essere chiarito che cosa NON FA PARTE del progetto (delimitazione). I risultati devono essere documentati!

10 La pianificazione di un progetto in 30 minuti 10 Le 7 domande più importanti per la pianificazione di un progetto Pianificazione costi e risorse 7. Quanto costa? Situazione di partenza/ Contesto del progetto 1. Dove siamo? Benefici attesi/ obiettivi a lungo termine Pianificazione della performance / WBS Piano delle milestone e pianificazione dei tempi 6.Entro quando? 5. Come possiamo raggiungere gli obiettivi Piano di progetto In 30 minuti 2. Perchè si fa il progetto? Obiettivi e risultati di progetto possibilmente misurabili 3. Cosa deve essere raggiunto? Organizzazione di progetto / ruoli Stefan Hagen, 4. Chi è coinvolto?

11 I 7 quesiti per la definizione dell incarico La base per la pianificazione del progetto 11 Quesito Quesiti reale riguardo Risposte concrete durante la discussione. Dove siamo? Perchè si fa questo progetto? Situazione attuale Contesto Benefici auspicati Obiettivi strategici - Numeri, dati - Opportunità, rischi - Trends - Contesto rilevante - Motivazione del progetto Il progetto ha senso? - Cosa succederebbe, se il progetto NON venisse fatto? - Prospettive di lungo termine Cosa si vuole raggiungere in concreto? Possibili obiettivi e risultati - Beneficio diretto che va creato tramite i risultati - Obiettivi del committente - Risultati/prodotti misurabili - Come possiamo misurare il successo alla fine del progetto? Chi è coinvolto? Organizzazione del progetto / ruoli - Chi è il cliente (interno/esterno)? committente? - Chi è Project Manager? Chi sono i membri dell organizzazione di progetto? - Chi sono gli Stakeholder? Come possiamo raggiungere gli obiettivi? Entro quando? Pianificazione della performance / WBS Pianificazione delle milestone e tempistica - In quante sotto-attività siamo in grado di scomporre l attivitá principale? - Quali interazioni si devono tenere presenti? - Cosa facciamo internamente, che cosa assegniamo all'esterno? - Quali sono le scadenze importanti durante il progetto? - Quali sono i risultati (provvisori) misurabili? - Entro quando devono essere completate le singole attività? - Quali sono le dipendenze temporali? Quanto costa? Pianificazione costi e risorse - Quali risorse e altri mezzi servono? - Quanto costa il singolo pacchetto di lavoro?

12 Che cosa deve essere raggiunto obiettivi del progetto e risultati 12 Il successo del progetto ha una relazione diretta con il raggiungimento degli obiettivi di progetto. Tutti i risultati intermedi e finali devono quindi essere definiti come obiettivi. Un obiettivo dovrebbe essere definito secondo la metodologia SMART: Un obiettivo dovrebbe essere specifico (nella lingua commerciale del cliente e committente). Un obiettivo dovrebbe essere misurabile. Esistono chiari criteri che definiscono cosa deve essere raggiunto e come viene misurato il grado di completamento. Un obiettivo dovrebbe essere avvincente. Raggiungibile con il giusto impegno ed il raggiungimento è influenzabile dal team di progetto. Un obiettivo dovrebbe essere realistico. E un fattore importante per il successo del progetto. Un obiettivo dovrebbe essere temporale. Il suo raggiungimento può essere controllato tramite scadenze. Si definisce raggiunto un obiettivo anche dal punto di vista linguistico, quando si scrive per esempio: documento scritto o materiale spedito In questo modo il tempo necessario per il raggiungimento dell obiettivo può essere facilmente controllato.

13 Come possiamo raggiungere gli obiettivi? La pianificazione! 13 Le seguenti domande troveranno risposta : Qual è l obiettivo di progetto? Quali fasi sono state concordate? Quali sono le milestones importanti? Fasi: sono i passi fondamentali stabiliti nel tempo attraverso i quali si sviluppa il progetto. Milestone: sono momenti importanti nel progetto. Suddividono le fasi del progetto. Ogni fase comprende i pacchetti di lavoro e le attività da svolgere. Fase 1 Fase 2 Fase 3 Fase 4 Ogni pacchetto di lavoro ha un unico responsabile. Tutti gli obiettivi saranno verificati alla fine di un pacchetto di lavoro oppure alla fine di ogni singola fase di progetto.

14 La pianificazione 14 La pianificazione è usata per fare una programmazione realistica dei pacchetti di lavoro e costituisce anche la base per un controllo efficace del progetto. Le seguenti considerazioni sono utili per redigere una valida pianificazione: Come sono collegati i singoli pacchetti di lavoro e di attività? Ci sono attività che possono essere eseguite in parallelo? Quanto durano le singole attività? Partendo da queste considerazioni si redige la pianificazione, che verrá rappresentata con un Gantt. Iniziate con il progetto, solo quando l incarico di progetto é stato sottoscritto!

15 Gestione delle risorse e dei costi 15 Le risorse e la loro limitata disponibilità caratterizzano la gestione quotidiana di un progetto. Quali risorse nella gestione di progetti si identificano le persone e le attrezzature da impegnare per l espletamento di singole attività e di pacchetti di lavoro. In fase di pianificazione del progetto le risorse vengono impegnate in base alla loro disponibilità programmando le date e la durata d utilizzo. Il project manager è responsabile dell impiego efficace ed uniforme delle risorse. La gestione dei costi evidenzia i costi per ogni pacchetto di lavoro e singola attività in base al piano di progetto. Utilizzando la pianificazione, grazie alla quale vengono programmate le attività a livello cronologico, è possibile identificare i costi legati ai progressi del progetto e in base alla somma cumulativa dei costi determinare il budget totale necessario.

16 Controlling 16 La gestione economica del progetto (controlling) descrive tutte le attività indispensabili per controllare un progetto per tutta la sua durata temporale. Il termine inglese controlling include anche un attività di controllo, ma più da intendersi come gestione. Affinché la gestione economica del progetto possa intraprendersi con successo, è importante che siano rispettate determinate condizioni: La pianificazione deve essere trasparente e comprensibile, soddisfare i requisiti SMART e comprendere le indicazioni dei tre criteri, quali scadenze, risorse e risultati. È importante che per la gestione economica del progetto siano definiti velocemente dei valori e che questi siano resi disponibili alla dirigenza in modo che essa possa definire le misure necessarie da adottare. Onestà e trasparenza sono condizioni essenziali, affinché la gestione economica del progetto possa essere di supporto. Nel caso in cui si celano volutamente i dati, i sistemi di controlling riescono solo con uno sforzo sproporzionato a gestire un progetto. Fa parte della cultura aziendale prevedere la possibilità di fare errori e considerare l'errore come opportunità per imparare. In caso contrario non si verificheranno meno errori, ma saranno semplicemente coperti meglio. In questo caso saranno rilevati solo più tardi e ciò comporterà maggiori costi. Verifica risultati Rettificare Analisi differenze Ciclo Controlling Raffronto As Is Definizione obiettivi Piano Rilevamento dati

17 Reporting Trasparenza per un efficace gestione 17 Compito fondamentale del project manager é redigere report periodici riguardanti i progressi del progetto in relazione ai costi, alle attività svolte e alla stato della pianificazione. L'obiettivo è di predisporre le informazioni in forma aggregata, informazioni che fungeranno da base per le decisioni di un gruppo specifico. Questo di solito è composto dal project manager, dallo sponsor del progetto e dal comitato direttivo. A seconda delle necessità sono inclusi ulteriori gruppi nell attività di reporting. Base per un efficace reporting è la pianificazione adeguata dei rapporti. In particolare si deve prevedere: Che cosa si riferisce? Che cosa si riferisce a chi? Con quale frequenza si predispongono i rapporti? Come le informazioni vengono rese disponibili: la forma, la struttura, e il mezzo? Per ogni report valgono due regole d'oro: Prevedere il minimo indispensabile di informazioni, ma sufficienti per prendere decisioni rilevanti. I report che vengono pubblicati regolarmente, devono basarsi l uno sull altro in modo da essere comprensibili

18 Il profilo delle competenze del Project Manager 18 Personale e di auto-competenze Capacità di conoscenza di sé (autopercezione) Empatia / Percezione Capacità di auto-motivazione La stabilità e la resistenza Grado di autonomia Integrità, autenticità, lavoro in gruppo Competenze metodologiche Tecniche di problem solving Capacità di presentazione e moderazione Capacità di recepire i requisiti Capacità di validare e verificare i risultati Metodologie di lavoro, come il brainstorming, mind mapping, coaching, gestione delle riunioni Competenza sociale Lealtà, solidarietà, disponibilità Capacità di trovare soluzioni Abilità nella comunicazione iniziativa, impegno Sensibilità, autocontrollo Responsabilità Integrità personale Capacità di risoluzione dei conflitti Competenza tecnica Conoscenza di base delle discipline pertinenti al progetto Capacità nell utilizzare in modo efficiente gli strumenti disponibili, capacità decisionale Conoscenza dei processi operativi Capacità imprenditoriale Capacità nella realizzazione di affari

19 Gestione del team 19 Gestire un progetto è gestire il tempo. Per tutta la durata del progetto il responsabile del progetto assume nei confronti del gruppo di lavoro e del contesto di progetto i compiti e le responsabilità di un dirigente. Quale responsabile il capo progetto ispira il suo lavoro ai principi di una leadership efficace (Malik) Orientamento al risultato: Pensa ed agisce in visione dei risultati. Contributo per l intero progetto, si chiede: "Cosa posso fare per dare un contributo significativo per l intero progetto? Concentrarsi sull essenziale:il concentrarsi sull essenziale è garanzia per raggiungere i risultati. Sfruttare i punti di forza: L efficacia si raggiunge solo se si sfruttano i punti di forza già esistenti. Eliminare i punti deboli porta nella migliore delle ipotesi alla mediocrità. Fiducia: La fiducia è un presupposto essenziale per una solida gestione della situazione. Pensare positivo: Manager efficaci pensano in modo positivo. Non si orientano verso i problemi e le difficoltà, ma colgono le opportunità e possibilità. Responsabilità: I manager rispondono delle proprie prestazioni, di quelle dei loro dipendenti e della loro azienda. L'atteggiamento riguardo la responsabilità rende evidente le differenze tra i veri dirigenti e coloro che vogliono solo fare carriera. Führen, Leisten, Leben: Wirksames Management für eine neue Zeit, von Fredmund Malik, Campus Verlag, 2006 Angewandte Psychologie für Projektmanager, von Monika Wastian (Hrsg.), Springer Verlag, 2009

20 Appello Comunicazione 20 Comunicazione é ciò che viene compreso, non quello che viene detto. Contenuto Rivelazione di sé Messaggio Colui che parla e colui che ascolta sono entrambi responsabili per una buona comunicazione. Parliamo ed ascoltiamo su quattro differenti piani. Prestate attenzione al piano e comunicherete in modo migliore. Come è il nostro rapporto? Come TI tratto? Cosa dico di me? Cosa ti dico? Cosa devi fare? Relazione Come è il nostro rapporto? Come MI tratti? Cosa imparo di te? Cosa mi dici? Cosa devo fare? Communications Skills for Project Managers, von G.M.Campbell, Mcgraw-Hill Professional, 2009 Miteinander Reden: Kommunikationspsychologie für Führungskräfte, F. Schulz von Thun, rororo 2009

21 Una buona decisione in 5 passi MAP Disegnare la mappa delle decisioni da prendere Analizzare la situazione Rendere visibili i punti di vista Suddividere gli argomenti, evidenziare questioni difficili COMPOSE Individuare differenti soluzioni Identificare e analizzare proposte di soluzione Sviluppare le proposte Definire criteri per valutare le opzioni COMMUNICATE Comunicare la decisione CONNECT Unire tematiche e persone Chiarire punti di vista differenti Definire il contesto della soluzione Creare una base comune DECIDE Decidere Definire le regole per decidere Decidere Rendere trasparente il grado di adesione Zielsicher entscheiden. Wie Führungskräfte komplexe Situationen meistern, von L.Forchhammer et al, Luchterhand Verlag, 2009

22 Riunioni di progetto 22 Il project management prevede l'esecuzione di riunioni di progetto. Queste risultano utili solo se preparate professionalmente - con un ordine del giorno, un elenco degli invitati, un verbale ed un elenco di azioni comprensivo del follow-up. Le quattro principali riunioni sono : Il kick-off meeting per lanciare il progetto. Si discute di informazioni sulla portata del progetto, si presenta il piano e i membri del team si conoscono personalmente. Team building trae qui la sua origine.. Le riunioni del comitato direttivo al termine di ogni fase di progetto. Qui si presenta al committente lo stato attuale del progetto, si prendono le decisioni importanti e si definisce il supporto strategico per il progetto. Le riunioni di progetto del team di progetto. Il contenuto prevede la condivisione sui progressi in corso del progetto. I risultati permettono al project manager di redigere il report per il committente e, se il caso, l'introduzione tempestiva di provvedimenti. Il workshop lezioni apprese a fine progetto. Permette l'analisi dell andamento del progetto e la condivisione sia degli elementi positivi come good practices da utilizzare in progetti futuri - sia degli elementi negativi che in quanto errori devono essere evitati in futuro. Großgruppenverfahren. Lebendig lernen Veränderung gestalten, von Dittrich-Brauner et al., Springer Verlag, 2008 Das World Cafe: Kreative Zukunftsgestaltung in Organisationen, von J.Brown et al, Carl-Auer-Systeme, 2007

23 Per chi vuole saperne di piú. 23 Il Project Management aumenta il suo valore quando gli strumenti vengono utilizzati non solo tecnicamente, ma con competenza sociale. Accompagnare i cambiamenti I progetti creano innovazione e talvolta si scontrano con la resistenza interna delle parti coinvolte riguardo a ogni cambiamento nella loro vita. La gente attraversa un proprio ciclo interno di cambiamento. I responsabili del progetto dovrebbero conoscere questo ciclo e sapere in quale fase del ciclo possono sostenere le persone coinvolte in modo ottimale. Questa è la guida pratica per l affermazione che spesso si sente fate delle persone interessate delle persone coinvolte. Per la redazione dei contenuti: Il Direttivo della GPMS (da sx. a dx.): Gerald Metz, Clemens Drilling, Walter Niedermair, Alberto Zendrini Gestire i conflitti Spesso percepiamo i conflitti come qualcosa che dovremmo evitare e non cogliamo le opportunità che si trovano in essi. Questo accade se impariamo a gestire professionalmente punti di vista opposti, in particolare le emozioni che vi sono collegate. Gestire conflitti in modo costruttivo non è un arte, ma un mestiere che s'impara. Colui che conosce le fasi di escalation del conflitto, è in grado di valutarsi in tali situazioni e di apprezzare il lavoro svolto nel progetto e sa individuare gli interventi a sostegno di una soluzione del conflitto, sarà project manager di successo.

24 GPMS è una piattaforma indipendente d'informazione e di comunicazione sul project management in Alto Adige. Gesellschaft für Projektmanagement Südtirol Arche im KVW Via Beda-Weber Bolzano (BZ) Il nostro obiettivo è sia di rendere disponibile lo scambio di informazioni e il trasferimento di conoscenze tra le persone nei progetti sia di contribuire alla creazione di una rete di aziende, organizzazioni pubbliche e istituzioni politiche. Questo affinché la figura del project manager possa prendere piede in Alto Adige e la sua professionalità possa ulteriormente essere sviluppata e sostenuta. Con il generoso sostegno di: Würth Phoenix srl. Via Kravogl Bolzano (BZ) Würth Phoenix, l azienda di servizi IT del Gruppo Würth con sedi a Bolzano, Roma, in Germania ed Ungheria offre soluzioni software su base Microsoft Dynamics e servizi di IT System Management. Operante a livello internazionale, Würth Phoenix occupa oltre 100 esperti del settore e può vantare una pluriennale esperienza, con più di 60 progetti di ampia dimensione svolti con successo negli ultimi anni. L elevata capacità di gestire progetti è uno dei fattori chiave per Würth Phoenix ed è garanzia per un successo duraturo nel mercato. La società collabora con importanti istituti europei per sviluppare il metodi e approcci di project management, ponendo l attenzione in primo piano sull interazione all interno dei progetti dei componenti sociali con gli strumenti pratici.

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

Restaurant Manager Academy

Restaurant Manager Academy Restaurant Manager Academy 1 La conoscenza non ha valore se non la metti in pratica L Accademia Un percorso formativo indispensabile per l attività di un imprenditore nel settore della ristorazione e dell

Dettagli

MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso)

MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso) MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso) A CURA DI VINCENZO FANELLI 1 IL SIGNIFICATO DI LEADERSHIP La leadership

Dettagli

PROCESSI IT: Ottimizzazione e riduzione degli sprechi - Approccio Lean IT

PROCESSI IT: Ottimizzazione e riduzione degli sprechi - Approccio Lean IT CDC -Corte dei conti DGSIA Direzione Generale Sistemi Informativi Automatizzati SGCUS Servizio per la gestione del Centro Unico dei Servizi PROCESSI IT: Ottimizzazione e riduzione degli sprechi - Approccio

Dettagli

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di Sessione La negoziazione Introduzione INTRODUZIONE Il presente modulo formativo ha lo scopo di aiutare il manager a riesaminare le dinamiche interpersonali e le tecniche che caratterizzano una negoziazione

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO L organizzazione di un progetto è la realizzazione del processo di pianificazione. In altre parole, organizzare significa far funzionare le cose. Nello specifico, implica una

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

DAL PROGETTO/DESIGN PROGETTO/PROJECT

DAL PROGETTO/DESIGN PROGETTO/PROJECT DAL PROGETTO/DESIGN AL PROGETTO/PROJECT Dal Progetto / Design al Progetto / Project. Il Project Management come strumento per la competitività. Una panoramica su strumenti e tecniche per la gestione efficace

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Il Project Management per i Managers

Il Project Management per i Managers Paolo Mazzoni 2012. E' ammessa la riproduzione per scopi di ricerca e didattici se viene citata la fonte completa nella seguente formula: "di Paolo Mazzoni, www.paolomazzoni.it, (c) 2012". Non sono ammesse

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI SVILUPPO E GESTIONE AZIENDALE

LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI SVILUPPO E GESTIONE AZIENDALE ing. Michele Boscaro LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI SVILUPPO E GESTIONE AZIENDALE Schema legami fra strumenti di gestione r.u. e strategie/obiettivi aziendali ECOSISTEMA AMBIENTALE AZIENDALE

Dettagli

Avviso pubblico provinciale Attività formative per apprendisti 2012-2014 Scheda progettuale

Avviso pubblico provinciale Attività formative per apprendisti 2012-2014 Scheda progettuale Descrizione degli strumenti e delle metodologie didattiche Lo sviluppo dell attività di formazione degli apprendisti in termini di competenze di base e trasversali sviluppa il suo percorso attraverso incontri

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE COMMERCIALE. Roma, Milano, Verona, 11 Gennaio 2013

L ORGANIZZAZIONE COMMERCIALE. Roma, Milano, Verona, 11 Gennaio 2013 L ORGANIZZAZIONE COMMERCIALE Roma, Milano, Verona, 11 Gennaio 2013 EUGENIO VANDA General Manager Un'organizzazione è un gruppo di persone formalmente unite per raggiungere uno o più obiettivi comuni che

Dettagli

Competenza Sicurezza di investimento Presenza presso il cliente. Realizzare visioni. Entusiasmare il cliente.

Competenza Sicurezza di investimento Presenza presso il cliente. Realizzare visioni. Entusiasmare il cliente. Competenza Sicurezza di investimento Presenza presso il cliente Realizzare visioni. Entusiasmare il cliente. Decisiva è la capacità di saper offrire al cliente ciò di cui ha realmente bisogno Il sapere

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER Indice INTRODUZIONE... 3 CF1 - SVILUPPARE IL CASO PER IL FUNDRAISING... 4 CF 1.1 : INDIVIDUARE LE NECESSITÀ DI FUNDRAISING DI UN ORGANIZZAZIONE NONPROFIT;...

Dettagli

Melbourne Mandate documento finale Pubblicato il 20 novembre 2012

Melbourne Mandate documento finale Pubblicato il 20 novembre 2012 Melbourne Mandate documento finale Pubblicato il 20 novembre 2012 Al World Public Relations Forum 2012 di Melbourne quasi 800 delegati provenienti da 29 paesi hanno approvato il Melbourne Mandate, un appello

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI SVILUPPO E GESTIONE AZIENDALE

LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI SVILUPPO E GESTIONE AZIENDALE LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI SVILUPPO E GESTIONE AZIENDALE Schema legami fra strumenti di gestione r.u. e strategie/obiettivi aziendali ECOSISTEMA AMBIENTALE AZIENDALE Economico; Politico;

Dettagli

MASTER IN LIFE COACHING

MASTER IN LIFE COACHING MASTER IN LIFE COACHING Master in life coaching abilities ABILITIES 2016 Brain Fitness SRL Via Abbagnano 2 Senigallia, AN +39 392 33 22 000 www.progettocrescere.it/coaching www.brain.fitness coaching@brain.fitness

Dettagli

Quando soffia il vento del cambiamento, gli uni costruiscono muri, gli altri mulini a vento. Proverbio cinese

Quando soffia il vento del cambiamento, gli uni costruiscono muri, gli altri mulini a vento. Proverbio cinese Quando soffia il vento del cambiamento, gli uni costruiscono muri, gli altri mulini a vento Proverbio cinese Cogito ERGO sum Cartesio solutions s.r.l. è una società che vuole essere al servizio delle Aziende

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Chi Siamo motivazione partecipazione attiva prove esperienziali verificando l apprendimento

Chi Siamo motivazione partecipazione attiva prove esperienziali verificando l apprendimento Chi Siamo ADM Advanced Development of Mind svolge la sua attività nell ambito del Miglioramento Personale, della Formazione Aziendale, della Consulenza e del Coaching. Fondata nel 1997 da Andrea Di Martino,

Dettagli

Microsoft Dynamics AX per le aziende di servizi

Microsoft Dynamics AX per le aziende di servizi Microsoft Dynamics AX per le aziende di servizi Una crescita sostenibile attraverso il potenziamento dei clienti più redditizi 2012 Microsoft Dynamics AX con il modulo Professional Services offre una soluzione

Dettagli

Il Progetto e il Project Management

Il Progetto e il Project Management Il Progetto e il Project Management Metodologie di Specifica del Software Per contattare il docente Dr. Anna Rita Laurenzi email: annarita.laurenzi@insiel.it cell.+39 3356368206 Agenda Progetto e Project

Dettagli

ISO Revisions Whitepaper

ISO Revisions Whitepaper ISO Revisions ISO Revisions ISO Revisions Whitepaper Processi e procedure Verso il cambiamento Processo vs procedura Cosa vuol dire? Il concetto di gestione per processi è stato introdotto nella versione

Dettagli

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Premessa L Audit organizzativo si fonda sull ascolto organizzativo che presenta come obiettivo primario la valorizzazione

Dettagli

ACCADEMIA DI PROGETTAZIONE SOCIALE MAURIZIO MAGGIORA

ACCADEMIA DI PROGETTAZIONE SOCIALE MAURIZIO MAGGIORA Un nuovo modo di vivere la progettazione sociale... ACCADEMIA DI PROGETTAZIONE SOCIALE MAURIZIO MAGGIORA Diventare «progettista sociale esperto» Torino, 14 marzo 2013 Agenda Accademia di Progettazione

Dettagli

Scopo della WBS. La regola del 100% Orientamento ai risultati

Scopo della WBS. La regola del 100% Orientamento ai risultati Le problematiche delle fasi del progetto CONCEZIONE ELABORAZIONE FINANZIAMENTO NEGOZIAZIONE ATTUAZIONE ATTUAZIONE - Definizione della successione delle attività esecutive - Allocare le risorse - Pianificare

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 3 di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE, IMPLEMENTAZIONE E CONTROLLO DI

Dettagli

Il Ciclo di Progetto e il Piano di Progetto

Il Ciclo di Progetto e il Piano di Progetto Il Ciclo di e il Piano di Alessandro De Nisco Università del Sannio Il Ciclo di IL CICLO DI VITA DEL PROGETTO RISORSE TEMPO IDEAZIONE VALUTAZIONE PIANIFICAZIONE REALIZZAZIONE MANUTENZIONE FASE INIZIALE

Dettagli

Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0)

Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0) Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0) E necessario rispondere a tutte le domande riportate di seguito, selezionando la risposta ritenuta migliore o quella che meglio descrive

Dettagli

Coordinamento e comunicazione

Coordinamento e comunicazione Team Agili I membri del team devono fidarsi gli uni degli altri. Le competenze dei membri del team deve essere appropriata al problema. Evitare tutte le tossine che creano problemi Il team si organizza

Dettagli

APPROFONDIMENTO LABORATORIO SIMULAZIONE DI UNA MODERNA AZIENDA MECCATRONICA INTEGRATA DIVISIONE PER AREE AZIENDALI

APPROFONDIMENTO LABORATORIO SIMULAZIONE DI UNA MODERNA AZIENDA MECCATRONICA INTEGRATA DIVISIONE PER AREE AZIENDALI APPROFONDIMENTO LABORATORIO SIMULAZIONE DI UNA MODERNA AZIENDA MECCATRONICA INTEGRATA DIVISIONE PER AREE AZIENDALI Area Progettazione Area Acquisti Area Produzione Area Assistenza Tecnica Area Marketing

Dettagli

FORMAZIONE COME VENDERE E COMUNICARE UN SERVIZIO TECNOLOGICAMENTE INNOVATIVO TORINO IVREA. Corso di alta formazione CORSO GRATUITO

FORMAZIONE COME VENDERE E COMUNICARE UN SERVIZIO TECNOLOGICAMENTE INNOVATIVO TORINO IVREA. Corso di alta formazione CORSO GRATUITO COME VENDERE E COMUNICARE UN SERVIZIO TECNOLOGICAMENTE INNOVATIVO Corso di alta formazione FORMULA INTENSIVA 7 venerdì non consecutivi di lezione in aula DOPPIA EDIZIONE: TORINO 1 EDIZIONE DAL 31 GENNAIO

Dettagli

CLOTILDE CAMERATA COORDINA SILVIA PAGLIA

CLOTILDE CAMERATA COORDINA SILVIA PAGLIA CLOTILDE CAMERATA COORDINA SILVIA PAGLIA MONTESILVANO MARINA 23 MAGGIO 2015 Il CAPITALE UMANO è la risorsa su cui l AVO deve investire maggiormente: sono i VOLONTARI a dare senso e valore alla mission

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione :

I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione : Il Project Management nelle Aziende Sanitarie Tipologie di progetti nelle ASL-AOAO I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

LA SICUREZZA E IMPORTANTE

LA SICUREZZA E IMPORTANTE DISC PROFILO VERDE INTRODUZIONE Le persone con un alto profilo comportamentale VERDE preferiscono lavorare all interno di strutture esistenti e collaborare con gli altri. Il VERDE vuole sentirsi sicuro

Dettagli

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Minimaster in PROJECT MANAGEMENT IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Giovanni Francesco Salamone Corso Professionale di Project Management secondo la metodologia IPMA (Ipma Competence Baseline)

Dettagli

Gestione dei Progetti (2005-2006)

Gestione dei Progetti (2005-2006) Gestione dei Progetti (2005-2006) Alessandro Agnetis DII Università di Siena (Alcune delle illustrazioni contenute nella presentazione sono tratte da PMBOK, a guide to the Project Management Body of Knowledge,

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE II ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO UDA 4 IL TEAM DI PROGETTO LEZIONE: IL

Dettagli

L HR Business Partner rappresenta sempre più l evoluzione e la trasformazione del professionista delle Risorse Umane del futuro.

L HR Business Partner rappresenta sempre più l evoluzione e la trasformazione del professionista delle Risorse Umane del futuro. Contesto e Obiettivo Contesto L HR Business Partner rappresenta sempre più l evoluzione e la trasformazione del professionista delle Risorse Umane del futuro. Responsabile del Personale è HR Manager è

Dettagli

COME LIMITIAMO NOI STESSI

COME LIMITIAMO NOI STESSI COME LIMITIAMO NOI STESSI 1 Il 63 % delle persone crede che il raggiungimento dei propri obiettivi finanziari sia possibile solo attraverso una grossa vincita Non si può ottenere quello che non si riesce

Dettagli

La gestione manageriale dei progetti

La gestione manageriale dei progetti PROGETTAZIONE Pianificazione, programmazione temporale, gestione delle risorse umane: l organizzazione generale del progetto Dimitri Grigoriadis La gestione manageriale dei progetti Per organizzare il

Dettagli

www.learningschool.it

www.learningschool.it Piano di Formazione Scuola Vendite Progetto Finanziato dal Fondo Coordinato da e Informazioni: Gli ultimi 2 anni, causati dalla profonda crisi economica internazionale, hanno visto un rallentamento del

Dettagli

Project Cycle Management I principali concetti del PCM Perché il Project Cycle Management

Project Cycle Management I principali concetti del PCM Perché il Project Cycle Management Project Cycle Management I principali concetti del PCM Perché il Project Cycle Management Il presente materiale didattico costituisce parte integrante del percorso formativo sul Project Cycle Management.

Dettagli

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management L organizzazione del lavoro per progetti è stata per lungo tempo una caratteristica prevalente delle aziende che operano

Dettagli

CORSO BUSINESS CONTINUITY AND DISASTER RECOVERY MANAGEMENT LE 10 PROFESSIONAL PRACTICES

CORSO BUSINESS CONTINUITY AND DISASTER RECOVERY MANAGEMENT LE 10 PROFESSIONAL PRACTICES 1 CORSO BUSINESS CONTINUITY AND DISASTER RECOVERY MANAGEMENT Il corso è finalizzato a illustrare in dettaglio le competenze richieste al Business Continuity Manager per guidare un progetto BCM e/o gestire

Dettagli

ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO

ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO Anno Accademico 2013 2014 PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DELLE IMPRESE TURISTICHE Lezione 4 Project Management PROJECT MANAGEMENT Il project management

Dettagli

Redazione e Presentazione di Progetti Informatici

Redazione e Presentazione di Progetti Informatici Redazione e Presentazione di Progetti Informatici Corso di Laurea in Informatica Massimo Ruffolo E-mail: ruffolo@icar.cnr.it Web: http://www.icar.cnr.it/ruffolo Istituto di CAlcolo e Reti ad alte prestazioni

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

"FONDAMENTI DI PROJECT MANAGEMENT" Cagliari 16 Maggio 2015 Dalle ore 14:00 alle ore 19:00

FONDAMENTI DI PROJECT MANAGEMENT Cagliari 16 Maggio 2015 Dalle ore 14:00 alle ore 19:00 Organizzazione scientifica a cura di AIIC in collaborazione con l'ordine degli ingegneri della provincia di Cagliari "FONDAMENTI DI PROJECT MANAGEMENT" Cagliari 16 Maggio 2015 Dalle ore 14:00 alle ore

Dettagli

Un approccio semplificato al program management Roberto Gribaldo,PMP Ufficio Program Management Torino, 14 Ottobre 2004

Un approccio semplificato al program management Roberto Gribaldo,PMP Ufficio Program Management Torino, 14 Ottobre 2004 Un approccio semplificato al program management Roberto Gribaldo,PMP Ufficio Program Management Torino, 14 Ottobre 2004 1 Reale Mutua Assicurazioni È la più grande società di assicurazioni italiana in

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Business Software IT-Management Process Consulting Security for your IT Investments

Business Software IT-Management Process Consulting Security for your IT Investments Business Software IT-Management Process Consulting Security for your IT Investments www.wuerth-phoenix.com Security for your IT Investments Business Software IT-Management Process Consulting La vita è

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN COS È IL BUSINESS PLAN E QUAL È LA SUA UTILITÀ? Il business plan è un documento scritto che descrive la vostra azienda, i suoi obiettivi e le sue strategie, i

Dettagli

Professional Services per contact center Mitel

Professional Services per contact center Mitel Professional Services per contact center Mitel Una struttura rigorosa per un offerta flessibile Rilevamento Controllo dello stato Requisiti della soluzione Architettura Roadmap strategica Ottimizzazione

Dettagli

LA NUOVA NORMA UNI EN ISO 19011 SUGLI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA E AMBIENTALI

LA NUOVA NORMA UNI EN ISO 19011 SUGLI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA E AMBIENTALI Via I. De Blasi, 24 Alcamo 91011 (TP) LA NUOVA NORMA UNI EN ISO 19011 SUGLI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE PER LA QUALITA E AMBIENTALI UNI EN ISO 19011!" #! UNI EN ISO 19011 Il punto 4 descrive i principi

Dettagli

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE IL PROJECT MANAGEMENT NEL SERVIZIO SANITARIO L esperienza dell APSS di Trento Bolzano, 8 maggio 2008 Auditorio del Palazzo Provinciale 12 Autore: Ettore

Dettagli

Il colloquio di lavoro Workshop della durata di 2 giorni

Il colloquio di lavoro Workshop della durata di 2 giorni Il colloquio di lavoro Workshop della durata di 2 giorni Come avere successo ed ottenere il lavoro desiderato! AIUTA LE AZIENDE A SELEZIONARTI Essere consapevoli dei propri vantaggi, conoscere l azienda

Dettagli

1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto

1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto 11 1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto Poiché ciascun progetto è un processo complesso ed esclusivo, una pianificazione organica ed accurata è indispensabile al fine di perseguire

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

Geprim per il Settore Immobiliare

Geprim per il Settore Immobiliare Geprim per il Settore Immobiliare Strumenti, tecniche, competenze, per superare le criticità e raggiungere i propri obiettivi Geprim per il Settore Immobiliare Il settore immobiliare è caratterizzato da

Dettagli

International Programs Communication Officer Dipartimento Programmi Internazionali Save the Children Italia Onlus (ROMA) Responsabile Dipartimento

International Programs Communication Officer Dipartimento Programmi Internazionali Save the Children Italia Onlus (ROMA) Responsabile Dipartimento TERMINI DI RIFERIMENTO RUOLO: AREA/DIPARTIMENTO: SEDE DI LAVORO: REFERENTE: RESPONSABILITÀ DI GESTIONE: RESPONSABILITÀ DI BUDGET: TIPOLOGIA DI CONTRATTO: DURATA: SALARIO DI RIFERIMENTO RAL 24.000 26.000

Dettagli

La visualizzazione del progetto contribuisce ad un miglioramento complessivo dell efficienza del project management

La visualizzazione del progetto contribuisce ad un miglioramento complessivo dell efficienza del project management La visualizzazione di progetto come base per una gestione più efficiente Assumere la leadership Organizzare le risorse per il cambiamento Definire la struttura ideale Identificare le necessità di agire

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

la prima volta di un piatto non sarà mai ottimale ogni nuova ricetta 5 consigli per amare e conservare i clienti www.studiocentromarketing.

la prima volta di un piatto non sarà mai ottimale ogni nuova ricetta 5 consigli per amare e conservare i clienti www.studiocentromarketing. la prima volta di un piatto non sarà mai 5 consigli per amare e conservare i clienti www.studiocentromarketing.it ottimale ogni nuova ricetta richiede uno specifico know how che si apprende nel tempo Il

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

Make it work! Guida rapida per integrare la mobilità virtuale nei tirocini internazionali

Make it work! Guida rapida per integrare la mobilità virtuale nei tirocini internazionali Make it work! Guida rapida per integrare la mobilità virtuale nei tirocini internazionali Cosa? I tirocini internazionali in azienda o stage, così come sono generalmente conosciuti, stanno acquisendo una

Dettagli

I.P. PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Ripartizione 19 - Lavoro AUTONOME PROVINZ. BOZEN - SÜDTIROL Abteilung 19 - Arbeit

I.P. PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Ripartizione 19 - Lavoro AUTONOME PROVINZ. BOZEN - SÜDTIROL Abteilung 19 - Arbeit AUTONOME PROVINZ I.P. BOZEN - SÜDTIROL Abteilung 19 - Arbeit PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Ripartizione 19 - Lavoro MIGLIOR POSTO DI LAVORO IN ALTO ADIGE 2011 INFO: Business Pool Srl Via degli

Dettagli

INTRODUZIONE. abilità specifiche, Per imparare ad affrontare le situazioni di conflitto nell attività lavorativa.

INTRODUZIONE. abilità specifiche, Per imparare ad affrontare le situazioni di conflitto nell attività lavorativa. Sessione Gestione dei Conflitti Introduzione INTRODUZIONE Il presente modulo formativo ha lo scopo di aiutare il manager a saper identificare le cause che sono alla base dei conflitti in ambito lavorativo

Dettagli

METODOLOGIA DELL ASSESSMENT

METODOLOGIA DELL ASSESSMENT METODOLOGIA DELL ASSESSMENT Chi siamo HR RiPsi nasce come divisione specializzata di Studio RiPsi grazie alla collaborazione di Psicologi e Direttori del Personale che hanno maturato consolidata esperienza

Dettagli

La conoscenza concettuale (formazione), sarà. attraverso l utilizzo del LIAD come palestra per allenarsi.

La conoscenza concettuale (formazione), sarà. attraverso l utilizzo del LIAD come palestra per allenarsi. Sessione Assegnazione obiettivi Introduzione INTRODUZIONE Questo modulo formativo nasce allo scopo di aiutare il manager ad approfondire la conoscenza delle fasi caratterizzanti il processo di sviluppo

Dettagli

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI OPEN YOUR MIND 2.0 Programma di formazione per lo sviluppo delle capacità manageriali e della competitività aziendale delle Piccole e Medie Imprese della Regione Autonoma della Sardegna PRESENTAZIONE DEL

Dettagli

La Leadership efficace

La Leadership efficace La Leadership efficace 1 La Leadership: definizione e principi 3 2 Le pre-condizioni della Leadership 3 3 Le qualità del Leader 4 3.1 Comunicazione... 4 3.1.1 Visione... 4 3.1.2 Relazione... 4 pagina 2

Dettagli

PORTFOGLIO PER PROCESSI OTTIMALI

PORTFOGLIO PER PROCESSI OTTIMALI Profilo aziendale PORTFOGLIO PER PROCESSI OTTIMALI Consulenza SAP Sviluppo SAP Soluzioni Add-On SAP add IL NOSTRO PORTFOGLIO Servizi di consulenza SAP La gamma di servizi di consulenza offerta da ParCon

Dettagli

SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA. Service Oriented Architecture

SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA. Service Oriented Architecture SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA Service Oriented Architecture Ormai tutti, nel mondo dell IT, conoscono i principi di SOA e i benefici che si possono ottenere

Dettagli

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it GEPRIM Snc Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio Geprim per il Settore Creditizio Il settore del credito e la figura del mediatore creditizio hanno subito notevoli cambiamenti nel

Dettagli

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE : L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE Definizioni Per lo sviluppo di un impresa sono necessarie sia le abilità dell imprenditore che quelle dei manager * Le abilità imprenditoriali sono

Dettagli

Introduzione alla responsabilità sociale delle imprese (CSR) per le piccole e medie imprese

Introduzione alla responsabilità sociale delle imprese (CSR) per le piccole e medie imprese Introduzione alla responsabilità sociale delle imprese (CSR) per le piccole e medie imprese Questa guida è stata messa a punto come parte della campagna di sensibilizzazione paneuropea in materia di CSR,

Dettagli

IL PROJECT MANAGEMENT

IL PROJECT MANAGEMENT IL PROJECT MANAGEMENT Scopi e campi di applicazione La pianificazione del progetto Le tecniche di pianificazione del progetto Le tecniche di pianificazione dei tempi La gestione e il controllo del progetto

Dettagli

NSM Nexus Scuola di Management

NSM Nexus Scuola di Management NSM Nexus Scuola di Management NSM è la Scuola di Management della Nexus Srl, agenzia di formazione accreditata presso la Regione Abruzzo per la Formazione continua e superiore, che opera dal 1991 fornendo

Dettagli

Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari

Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari Definizione di progetto Cos è un progetto Progetto si definisce, di regola, uno sforzo complesso di durata solitamente

Dettagli

INDICOD-ECR Istituto per le imprese di beni di consumo

INDICOD-ECR Istituto per le imprese di beni di consumo INDICOD-ECR Istituto per le imprese di beni di consumo GLOBAL SCORECARD Uno strumento di autovalutazione, linguaggio e concetti comuni Versione base - Entry Level Introduzione Introduzione La Global Scorecard

Dettagli

MARKETING MANAGEMENT. Master serale. Anno Accademico 2010-2011. Master universitario di primo livello Facoltà di Economia

MARKETING MANAGEMENT. Master serale. Anno Accademico 2010-2011. Master universitario di primo livello Facoltà di Economia MARKETING MANAGEMENT Master serale Anno Accademico 2010-2011 Master universitario di primo livello Facoltà di Economia Presentazione La gestione delle relazioni con i mercati è elemento fondamentale del

Dettagli

1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA

1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA AREA SOCIO/AFFETTIVA- SCUOLA PRIMARIA Integrazione tra i lavori di gruppo di settembre (Thouar, Villini, Paganini, Montanella) 1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA Competenza personale L alunno è consapevole della

Dettagli

L HR Business Partner rappresenta sempre più l evoluzione e la trasformazione del professionista delle Risorse Umane del futuro.

L HR Business Partner rappresenta sempre più l evoluzione e la trasformazione del professionista delle Risorse Umane del futuro. Contesto e Obiettivo Contesto L HR Business Partner rappresenta sempre più l evoluzione e la trasformazione del professionista delle Risorse Umane del futuro. Responsabile del Personale è HR Manager è

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato

IL PROGETTO E-LEARNING. della Ragioneria Generale dello Stato IL PROGETTO E-LEARNING della Ragioneria Generale dello Stato Il Contesto Nel corso degli ultimi anni, al fine di migliorare qualitativamente i servizi resi dalla P.A. e di renderla vicina alle esigenze

Dettagli

Introduzione alla metodologia di progettazione europea

Introduzione alla metodologia di progettazione europea Seminario informativo Come presentare una proposta di successo nel quadro del programma ENPI CBC MED Introduzione alla metodologia di progettazione europea (parte I versione ridotta) Docente: Cecilia Chiapero

Dettagli

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012 Introduzione Chiedete a qualunque professionista di darvi una definizione dell espressione consulente aziendale, e vedrete che otterrete molte risposte diverse, non tutte lusinghiere! Con tale espressione,

Dettagli

Dal 5 all 11 febbraio 2012. Vi diamo la possibilità

Dal 5 all 11 febbraio 2012. Vi diamo la possibilità Dal 5 all 11 febbraio 2012 In occasione della Vi diamo la possibilità di provare GRATUITAMENTE una sessione di coaching Nelle pagine successive: Cos è il coaching Tipologie di Coaching e Destinatari: Business

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

corsi di formazione 2006-07 Organizzazione e Management

corsi di formazione 2006-07 Organizzazione e Management Al Polo Lionello Bonfanti corsi di formazione 2006-07 OM Organizzazione e Management OM ORG-MNG 01 Comunicazione aziendale Destinatari Durata ore / giornate Apprendere un modello della comunicazione non

Dettagli