Project Management e Controllo del Progetto - di Stefano Orlandi (*)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Project Management e Controllo del Progetto - di Stefano Orlandi (*)"

Transcript

1 a cura di - Coordinatore della Sezione Quadri Project Management e Controllo del Progetto - di Stefano Orlandi (*) L implementazione di un sistema di Project Management all interno della propria organizzazione rappresenta una delle scelte strategiche più efficaci per le aziende che vogliono mantenere il proprio vantaggio competitivo in un mercato caratterizzato da una sempre maggiore globalizzazione. La continua contrazione del time to market e la contemporanea necessità di garantire la qualità del prodotto tenendo sotto controllo i costi sono oggi i fattori critici per il successo di ogni Impresa. Ecco allora che l adozione delle metodologie operative proprie del Project Management fornisce un efficace supporto a tutte le problematiche inerenti la pianificazione e il controllo delle attività necessarie per passare dalla fase di ideazione a quella della presentazione sul mercato di un nuovo prodotto o servizio. Non dimentichiamo infatti che la probabilità di successo di ogni progetto è direttamente proporzionale alla sua capacità di rispettare i tempi e i costi stimati in fase previsionale! Pianificazione e controllo del progetto Parlando di Project Management con manager e responsabili funzionali di varie aziende capita di osservare come, per la maggior parte degli interlocutori, le tecniche di gestione del progetto siano sostanzialmente sinonimo di tecniche utili per lo più nella fase di pianificazione delle attività aziendali. Considerare il Project Management una metodologia dedicata alla sola pianificazione iniziale dei progetti significa avere una visione riduttiva delle tecniche di gestione del progetto: un buon sistema di Project Management ha uno dei suoi punti di forza in un efficace pianificazione, ma altrettanto importante è la sua capacità di controllare l evoluzione del progetto durante la fase di realizzazione. Il processo di pianificazione ha come scopo quello di elaborare un modello dello sviluppo del progetto: attraverso le tecniche del Project Management si è in grado di prevedere quali sono le attività da svolgere, le risorse da assegnare, i tempi ed i costi necessari per raggiungere, con la massima efficienza possibile, gli obiettivi che ci siamo proposti. Non va dimenticato però che è un modello previsionale: per quanto accuratamente sia stato sviluppato, nella fase di realizzazione inevitabilmente intervengono dei fattori imprevisti, il cui effetto è di modificare l iter modellato in sede di programmazione. Diventa quindi fondamentale per il Project Manager avere a disposizione delle tecniche che gli consentano di effettuare, passo passo, il controllo dell avanzamento del progetto, con l obiettivo di valutare gli scostamenti economici e temporali tra realizzazione e programmazione. Questa attività è fondamentale in quanto gli consente di: analizzare le cause degli scostamenti, onde evitare che le stesse si possano ripresentare nei passi successivi; individuare le azioni necessarie, da intraprendere nell intervallo di tempo restante, per fare rientrare il progetto entro i vincoli economici e temporali prefissati. Il progetto Per illustrare meglio le metodologie del controllo del progetto ne simuliamo l applicazione ad un caso reale. Ipotizziamo di avere ricevuto l incarico di Project Manager per un progetto che prevede la costruzione di un tratto di strada nella Pianura Padana. Il progetto: costruzione di una bretella stradale, lunga circa 9 km, che collega l abitato di Casalgrande con la SS n 9 Via Emilia nei pressi di Rubiera (RE). L asse principale è caratterizzato al km da una rotonda in corrispondenza dell intersezione con una viabilità esistente e da uno svincolo di immissione in corrispondenza della SS n 9. Oltre all asse principale è prevista la realizzazione di n 2 svincoli intermedi e di una stazione di servizio per il rifornimento dei veicoli in transito. La disponibilità dei terreni su cui realizzare l opera è prevista da venerdì 1 ottobre 2010; l inaugurazione della nuova bretella è fissata per lunedì 7 febbraio In fase di pianificazione in primo luogo si identificano le attività principali in cui suddividere il progetto e le eventuali relazioni di dipendenza che le caratterizzano (vedi Tabella 1). Si individua quindi una schedulazione delle attività di progetto (vedi figura 1) in grado di soddisfare contemporaneamente: i vincoli temporali imposti, l assegnazione livellata delle risorse, considerando che la massima capacità produttiva di ogni impresa coinvolta è pari a 40 ore di lavoro settimanali. Per la stima dei costi (budget cost), si procede determinando il costo orario del lavoro di ciascuna impresa: * Ingegnere civile, affermato progettista, è titolare dello Studio Tecnico Orlandi che offre servizi nei principali settori dell ingegneria civile. Ha collaborato con la facoltà di Ingegneria dell Università degli Studi di Cesena, tenendo cicli di lezioni sul Project Management e sull applicazione pratica, all interno delle imprese, delle teorie del LEAN THINKING. 6 Filo Diretto Dirigenti Ottobre 2010

2 WBS Descrizione Relazione di dipendenza Vincolo 0 Consegna terreni (milestone) Tratto 1 Non può iniziare prima che siano disponibili i terreni Milestone 0 FI 1.2 Rotonda Non può iniziare prima del completamento del Tratto 1 Attività 1.1 FI 1.3 Tratto 2 Non può iniziare prima del completamento della Rotonda Attività 1.2 FI 1.4 Immissione ss9 Non può iniziare prima del completamento del Tratto 2 Attività 1.3 FI 1.5 Svincolo 1 Non può iniziare prima che siano disponibili i terreni Milestone 0 FI Non può iniziare prima del completamento del Tratto 1 Attività 1.1 FI 1.6 Svincolo 2 Non può iniziare prima che siano disponibili i terreni Milestone 0 FI Non può iniziare prima del completamento del 1 km del Tratto 2 Milestone 0 FI (la cui realizzazione richiede circa 2 settimane di lavoro) Attività 1.3 II + 2sett. 1.7 Stazione di servizio Non può iniziare prima che siano disponibili i terreni Milestone 0 FI Non può iniziare prima del completamento del Tratto 1 Attività 1.1 FI 2 Inaugurazione bretella Le attività di progetto devono concludersi entro --- (Milestone) la data di inaugurazione Tabella 1 Vincoli di dipendenza tra le attività di progetto Figura 1 Schedulazione prevista per le attività di progetto si calcola il costo complessivo di ciascuna attività di progetto (somma di costi fissi, oneri finanziari, materiali, manodopera, mezzi d opera, etc.); si sommano i costi delle attività di competenza di ciascuna impresa, determinando il costo complessivo; dividendo il costo complessivo per il numero di ore necessario a completare tutte le attività si ottiene il costo orario cercato. NdR: nell esempio si è assunta l ipotesi semplificativa che il costo di ciascuna attività si mantenga costantemente proporzionale alla sua percentuale di completamento (ad esempio se l attività è completata al 30%, il suo costo è pari al 30% del costo totale), in realtà non tutti i costi si manifestano proporzionalmente all avanzamento dell attività (ad esempio i costi di trasporto dei mezzi d opera in cantiere normalmente si registrano per intero all inizio di ciascuna attività). Determinato il costo orario del lavoro di ciascuna impresa è possibile costruire la curva a S (vedi figura 2) dei costi stimati di progetto, normalmente indicata come baseline di progetto o curva BCWS (Budget Cost of Work Scheduled). Nella figura 2 l istogramma rappresenta l andamento dei costi di progetto settimana per settimana, mentre la linea rappresenta la curva BCWS dei costi cumulati. Con la determinazione dei costi di progetto e della curva BCWS possiamo ritenere ultimata la fase di pianificazione in quanto il POP (acronimo di Piano Operativo di Progetto) risulta completo. Il controllo di avanzamento del progetto: il metodo Earned Value Per operare la verifica di avanzamento del progetto si utilizza il metodo dell Earned Value che si basa sul confronto dei valori assunti alla data di verifica (Time Now) da tre curve rappresentative dei costi di progetto: la suddetta curva BCWS (baseline di progetto) dei costi stimati in sede di pianificazione iniziale la curva ACWP (Actual Cost of Work Performed) dei costi sostenuti per le attività già svolte al Time Now; la curva BCWP (Budget Cost of Work Performed) dei costi stimati per le attività già svolte al Time Now. L earned value è dato dal valore di 8 Filo Diretto Dirigenti Ottobre 2010

3 Figura 2 Istogramma dei costi settimanali e curva BCWS BCWP al Time Now e rappresenta il riferimento con cui confrontare i valori delle altre due curve di costo alla data di verifica. Se si confronta il valore di BCWP con quello di ACWP, si ottengono indicazioni circa l andamento dei costi di progetto rispetto a quelli pianificati (scostamento economico): può risultare che: BCWP = ACWP i costi finora sostenuti al Time Now coincidono con quelli stimati in sede di pianificazione; BCWP > ACWP i costi finora sostenuti al Time Now sono inferiori a quelli stimati; BCWP < ACWP i costi finora sostenuti al Time Now sono superiori a quelli stimati. Se invece si confronta il valore di BCWP con quello di BCWS, si ottengono indicazioni circa l andamento della quantità di lavoro effettivamente svolta rispetto a quella preventivata (scostamento temporale): può risultare che: BCWP = BCWS la quantità di lavoro già realizzata al Time Now coincide con quella stimata in sede di pianificazione; BCWP > BCWS la quantità di lavoro già realizzata al Time Now è maggiore di quella stimata; BCWP < BCWS la quantità di lavoro già realizzata al Time Now è minore di quella stimata. Applichiamo ora il metodo dell Earned Value al nostro progetto: supponiamo di volere verificare eventuali scostamenti economici e temporali alla data del 19 novembre 2010 (Time Now). Analizzando la figura 3: la linea nera verticale tratteggiata individua la data del Time now (19 novembre 2010); le linee rosse all interno delle barre blu nel diagramma di Gantt indicano graficamente la percentuale di avanzamento registrata al Time Figura 3 Verifica dell avanzamento del progetto alla data del 19 novembre 2010 Filo Diretto Dirigenti Ottobre

4 ID Nome attività % completamento BCWS BCWP ACWP 2 Nuova bretella stradale 28% , , ,00 3 Tratto 1 100% , , ,00 4 Rotonda 55% , , ,00 5 Tratto 2 0% 0,00 0,00 0,00 6 Immissione SS9 0% 0,00 0,00 0,00 7 Svincolo 1 25% , , ,00 8 Svincolo 2 0% 0,00 0,00 0,00 9 Stazione di servizio 20% , , ,00 Tabella 2 Valori di riferimento per la verifica secondo il metodo Earned Value al 19 novembre 2010 Now per ciascuna attività (percentuali riportate anche in forma numerica alla sinistra di ciascuna barra). NdR: alle curve BCWP e ACWP si è applicata la medesima ipotesi semplificativa già descritta per la curva BCWS, ovvero che il costo di ciascuna attività si mantenga proporzionale alla percentuale di completamento dell attività stessa. I dati relativi alle percentuali di completamento delle attività ed ai costi effettivamente sostenuti sono quelli comunicati dalle imprese incaricate dell esecuzione e validati dal team operativo responsabile della supervisione delle lavorazioni (Direzione Lavori). La tabella 2 riepiloga i dati relativi allo stato di avanzamento del progetto al Time Now; qualitativamente possiamo affermare che: l attività Tratto 1 è stata completata al 100% ed il suo costo ha rispecchiato quello di previsione; l attività Rotonda risulta essere in leggero ritardo rispetto al programma (BCWP = cui corrisponde un avanzamento effettivo pari al 55%; BCWS = cui corrisponde un avanzamento previsto del 67%), ma è costata meno del previsto (ACWP = < BCWP = ); l attività Svincolo 1 risulta essere in forte ritardo (avanzamento effettivo pari al 25% contro il 67% previsto) ed è costata più del previsto (ACWP = > BCWP = ); l attività Stazione di servizio risulta essere in anticipo sul programma (avanzamento effettivo pari al 25% contro il 17% previsto) ed è costata più del previsto (ACWP = > BCWP = ); Considerando l intero progetto si ha che: BCWS = > BCWP = SV = BCWP BCWS = ACWP = > BCWP = CV = BCWP ACWP = dove SV e CV sono indici di performance del progetto. L indice SV (Schedule variance) misura la performance temporale del progetto attraverso la quantità di lavoro effettivamente svolta rispetto a quella pianificata: si tratta di un indice rappresentativo dell efficacia del progetto, intesa come rispetto dei vincoli temporali previsti dal programma operativo; un valore positivo indica una un anticipo rispetto alla baseline di progetto (buona efficacia), mentre un valore negativo indica un ritardo rispetto alla programmazione (scarsa efficacia). L indice CV (Cost variance) invece misura la performance economica del progetto, intesa come confronto tra i costi di budget e quelli effettivi: si tratta di un indice rappresentativo dell efficienza del progetto in fase realizzativa, intesa come rispetto dei vincoli economici previsti dal programma operativo; un valore positivo indica un risparmio sui costi effettivi rispetto al budget (buona efficienza), mentre un valore negativo indica una perdita (scarsa efficienza). L analisi grafica delle varianze Nella Figura 2 abbiamo visto l andamento della baseline di progetto rispetto alla variabile tempo: ora rappresentiamo nello stesso sistema di riferimento anche le curve di costo BCWP e ACWP, relative alla verifica di avanzamento effettuata in data 19 novembre Per comodità di lettura facciamo uno zoom del grafico così ottenuto in prossimità del nostro Time now (Figura 4) e possiamo affermare che: il progetto è in ritardo (BCWS > BCWP); i costi effettivi sono superiori a quelli preventivati (ACWP > BCWP). L analisi grafica delle varianze è uno strumento molto importante per il Project Manager, in quanto rende immediatamente percepibili gli sco- 10 Filo Diretto Dirigenti Ottobre 2010

5 Figura 4 Analisi delle varianze Metodo grafico elaborazione. La mutua disposizione delle tre curstamenti che il progetto presenta in corrispondenza di ciascuna data di ve nel piano cartesiano consente una facile determinazione qualitativa dello stato di avanzamento del progetto (tabella 3). Anche qualora siano necessarie indicazioni quantitative sugli scostamenti di progetto, è ancora possibile fare riferimento all analisi delle varianze per via grafica. Osserviamo infatti la Figura 4: per quanto riguarda lo scostamento temporale, tracciando una linea orizzontale dal punto B (estremità della curva BCWP in corrispondenza del Time now) si intercetta la curva BCWS in corrispondenza del punto A: il segmento BA rappresenta l indice SV = BCWP BCWS e fornisce il ritardo ( o l anticipo) del progetto rispetto alla pianificazione. Nel caso della nostra verifica di avanzamento il progetto è in ritardo di circa 2 Calzature Rivenditore specializzato Clarks - Sebago - Saxone Columbia - Mephisto - Barracuda Harris - Timberland Specializzato in misure grandi dal n. 36 al n. 46 donna dal n. 41 al n. 53 uomo Via delle Lame, Bologna Tel Fax Sito Web: A TUTTI I DIRIGENTI E LORO FAMILIARI VERRÀ PRATICATO LO SCONTO DEL 10% SU TUTTI I TIPI DI CALZATURE Filo Diretto Dirigenti Ottobre

6 Posizione delle curve Analisi dei tempi Analisi dei costi BCWS > ACWP > BCWP il progetto è in ritardo i costi effettivi sono superiori a quelli preventivati BCWS > BCWP > ACWP il progetto è in ritardo i costi effettivi sono inferiori a quelli preventivati BCWP > ACWP > BCWS il progetto è in anticipo i costi effettivi sono inferiori a quelli preventivati BCWP > BCWS > ACWP il progetto è in anticipo i costi effettivi sono inferiori a quelli preventivati ACWP > BCWP > BCWS il progetto è in anticipo i costi effettivi sono superiori a quelli preventivati ACWP > BCWS > BCWP il progetto è in ritardo i costi effettivi sono superiori a quelli preventivati Tabella 3 Valutazione qualitativa degli scostamenti del progetto in base alla posizione delle curve BCWS, BCWP e ACWP giorni rispetto alla pianificazione. Tracciamo ora invece il segmento verticale che unisce il punto B con l estremità C della curva ACWP: il segmento BC così ottenuto rappresenta l indice CV = BCWP ACWP e consente di determinare la variazione dei costi. Nel nostro caso il costo effettivo è superiore di circa euro rispetto a quello preventivato. Nel prossimo numero: Il controllo del progetto e le tecniche per la previsione dell andamento a finire. COCKTAILS PARTY ANCHE A DOMICILIO RICEVIMENTI AZIENDALI MATRIMONI - CRESIME - COMUNIONI PERSONALE SPECIALIZZATO Via Bellini, 31 - RASTIGNANO (Bologna) - Tel Via S. Stefano, BOLOGNA - Tel web: 12 Filo Diretto Dirigenti Ottobre 2010

La gestione dei flussi di cassa

La gestione dei flussi di cassa Università degli Studi di Trento Programmazione Costi e Contabilità lavori a.a. 2004-5 La gestione dei flussi di cassa Marco Masera, prof marco.masera@ing.unitn.it Argomenti Il programma finanziario Il

Dettagli

GUIDA ALLA GESTIONE DEI PROGETTI. Capitolo V IL MONITORAGGIO E CONTROLLO DEL PROGETTO

GUIDA ALLA GESTIONE DEI PROGETTI. Capitolo V IL MONITORAGGIO E CONTROLLO DEL PROGETTO GUIDA ALLA GESTIONE DEI PROGETTI DISPENSE DI SUPPORTO ALLO STUDIO CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE DEI PROGETTI E DELLE INFRASTRUTTURE (PROF. ING. GUIDO CAPALDO, ING. ANTONELLO VOLPE) Capitolo

Dettagli

Earned Value e monitoring del progetto

Earned Value e monitoring del progetto IT Project Management Lezione 8 Earned Value Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Aspetti economico-finanziari (1) Costi C Fine progetto T Tempo La curva a S è chiamata baseline dei costi risultato dell aggregazione

Dettagli

Earned Value Management - EVM

Earned Value Management - EVM Earned Value Management - EVM Marco Sampietro marco.sampietro@sdabocconi.it 04.12.2014 Il relatore Marco Sampietro Docente di Project Management presso SDA Bocconi, Università Bocconi, MISB e MFI Speaker

Dettagli

Programmazione e analisi dei flussi di cassa

Programmazione e analisi dei flussi di cassa Programmazione e analisi dei flussi di cassa - Corso Int. di Progettaz. Tecn. e Impianti Prof. - M. Masera- 1/9 Programmazione e analisi dei flussi di cassa La programmazione dei flussi di cassa Il budget

Dettagli

BIBLIOGRAFIA Project Management. La metodologia dei 12 Step. Come applicarla in tempo reale per gestire con successo piccoli e grandi progetti - Antonello Bove, ED. Hoepli, 2014 Project Management. La

Dettagli

Il project management: tecniche e strumenti

Il project management: tecniche e strumenti 122109CFC1209_0982a0987.qxd 30-11-2009 8:47 Pagina 982 pianificazione, finanza Il project management: tecniche e strumenti Le fasi: tre momenti fondamentali Fabrizio Bencini Dottore commercialista, Partner

Dettagli

INTRODUZIONE A MICROSOFT PROJECT

INTRODUZIONE A MICROSOFT PROJECT Master executive in Gestione della Manutenzione Industriale 1 Tecniche e Metodologie di Project Management INTRODUZIONE A MICROSOFT PROJECT Ing. A. Massaro, Ing. P. Gaiardelli Impostazioni preliminari

Dettagli

Project Management Base

Project Management Base Master in Project Management e Gestione dell'innovazione http://www.rieforum.org/master/index.php?option=com_content&view=article&id=48&itemid=53&lang=it Project Management Base Modulo 3/3 Venerdì/Sabato

Dettagli

CLAMDA Giuseppe Gherardi PROJECT MANAGEMENT. Tecniche per la gestione efficiente di progetti complessi. Lion 3. Project Management

CLAMDA Giuseppe Gherardi PROJECT MANAGEMENT. Tecniche per la gestione efficiente di progetti complessi. Lion 3. Project Management PROJECT MANAGEMENT Tecniche per la gestione efficiente di progetti complessi Lion 3 1 1. Introduzione al 2. L impostazione del progetto 3. La pianificazione del progetto 4. Il controllo del progetto 5.

Dettagli

ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO

ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO Anno Accademico 2013 2014 PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DELLE IMPRESE TURISTICHE Lezione 4 Project Management PROJECT MANAGEMENT Il project management

Dettagli

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base)

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) ISIPM Base Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) Gruppo B Conoscenze Tecniche e Metodologiche Syllabus da 2.1.1 a 2.7.1 1 Tema: Gestione Ambito del Progetto e Deliverable

Dettagli

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 LEZIONE LA GESTIONE DEI PROGETTI DOTT. GIUSEPPE IULIANO Indice 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 1.1 La prima fase di impostazione ---------------------------------------------------------------------7

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino

POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino COSTI DI PRODUZIONE E GESTIONE AZIENDALE A.A. 1999-2000 (Tutore: Ing. L. Roero) Scheda N. 12 CONTROLLO DEI COSTI DI COMMESSA/PROGETTO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale (Edile)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale (Edile) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Dipartimento di Ingegneria Gestionale, dell Informazione e della Produzione Corso di (Edile) Prof.ssa Maria Sole Brioschi Il (non) controllo dei costi di una commessa

Dettagli

6. La gestione del contenuto del progetto

6. La gestione del contenuto del progetto 6. La gestione del contenuto del progetto Il primo processo di pianificazione riguarda la definizione di tutto e solo ciò che riguarda il progetto. Occorre passare dalla descrizione dell oggetto finale

Dettagli

IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice

IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice CORSO DI ALTA FORMAZIONE 38 ORE IN AULA 8 Moduli Didattici Roma, dal 13 novembre al 5 dicembre 2015 Hotel

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT. Alessandro Martino

PROJECT MANAGEMENT. Alessandro Martino PROJECT MANAGEMENT Alessandro Martino 1. Introduzione 1.1. Generalità e concetti di base Molte sono le definizioni proposte in letteratura per il Project Management; in sintesi, può definirsi come l insieme

Dettagli

Il Diagramma di Gantt

Il Diagramma di Gantt Il Diagramma di Gantt Alessandro De Nisco Università del Sannio Il Diagramma di Gantt COSA E IL DIAGRAMMA DI GANTT Esempio UN ESEMPIO DI DIAGRAMMA DI GANTT..COSA MANCA? Come si Costruisce. SI PARTE DALLA

Dettagli

TITOLO: L ESPERIENZA DEL CANTIERE DI EXPO VILLAGE, PRESSO L AREA DI CASCINA MERLATA MILANO

TITOLO: L ESPERIENZA DEL CANTIERE DI EXPO VILLAGE, PRESSO L AREA DI CASCINA MERLATA MILANO AUTORE: LUCA CRIVELLARO TITOLO: L ESPERIENZA DEL CANTIERE DI EXPO VILLAGE, PRESSO L AREA DI CASCINA MERLATA MILANO 1. Introduzione e Dati di progetto 2. Complessità del progetto e criticità 3. Analisi

Dettagli

Il Project Management

Il Project Management Il Project Management con l ausilio di strumenti informatici A cura di Paolo Tateo Il Project Management Tecnica per la gestione sistemica di un'impresa complessa, unica e di durata determinata, rivolta

Dettagli

Corso Base di Project Management 3 giorni (21 ore)

Corso Base di Project Management 3 giorni (21 ore) Corso Base di Project Management 3 giorni (21 ore) Mettere in grado i partecipanti di acquisire la conoscenza della disciplina del project management affinchè essi possano successivamente affrontare e

Dettagli

Orale: Curve a S - strumenti di pianificazione e controllo con pregio di sintesi. Bastano 3 punti per costruirle. Aspetti critici:

Orale: Curve a S - strumenti di pianificazione e controllo con pregio di sintesi. Bastano 3 punti per costruirle. Aspetti critici: Orale: Tipi di contratto: -Lump sum: costi onnicomprensivi di materiali manodopera e spese. Il contractor definisce a preventivo il costo delle risorse necessarie e la quantità e si assume il rischio di

Dettagli

RESPONSABILE DELLA GESTIONE PROGETTI IN IMPRESA COOPERATIVA

RESPONSABILE DELLA GESTIONE PROGETTI IN IMPRESA COOPERATIVA Corso di Alta Formazione Corso di Alta Formazione RESPONSABILE DELLA GESTIONE PROGETTI IN IMPRESA COOPERATIVA ID. 11673 CATALOGO INTERREGIONALE ALTAFORMAZIONE V Edizione Anno 2013 Ente di formazione In

Dettagli

0215 - MULTIPROJECT MANAGER PRO Release 12 - Bilingue Italiano-Inglese Scaricalo in prova gratuita per 60 giorni!

0215 - MULTIPROJECT MANAGER PRO Release 12 - Bilingue Italiano-Inglese Scaricalo in prova gratuita per 60 giorni! Dal 1985 consulenza e formazione per l'eccellenza Tipo di file: MSExcel - Requisiti di sistema: Excel 9 o successivo e Windows 2000 o successivo A chi è rivolto: Project Managers, Direzione, responsabili

Dettagli

IV. TEMPI E RISORSE: STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO

IV. TEMPI E RISORSE: STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO IV. TEMPI E RISORSE: STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Dopo aver affrontato la prima stesura del POP, si deve passare piano al vaglio del committente per avere il via definitivo. Se OK Si procede

Dettagli

La gestione dei tempi IL CRONOPROGRAMMA

La gestione dei tempi IL CRONOPROGRAMMA Dipartimento di Architettura e Territorio darte Corso di Studio in Architettura quinquennale Classe LM-4 Corso di Project Management, Gestione OO.PP e Cantiere - C prof. Renato G. Laganà La gestione dei

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali II

Sistemi Informativi Aziendali II Modulo 5 Sistemi Informativi Aziendali II 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5 Modulo 5 La gestione dei Progetti (Project Management): Generalità e metodologie; Gestire un progetto con uno

Dettagli

AREA GIURIDICO LEGALE PAG. 3 MODULO 1 STRUMENTI GIURIDICI PER GESTIRE IL PASSAGGIO DELLA PROPRIETÀ PAG. 3 AREA ECONOMICA FINANZIARIA PAG.

AREA GIURIDICO LEGALE PAG. 3 MODULO 1 STRUMENTI GIURIDICI PER GESTIRE IL PASSAGGIO DELLA PROPRIETÀ PAG. 3 AREA ECONOMICA FINANZIARIA PAG. 1 AREA GIURIDICO LEGALE PAG. 3 MODULO 1 STRUMENTI GIURIDICI PER GESTIRE IL PASSAGGIO DELLA PROPRIETÀ PAG. 3 AREA ECONOMICA FINANZIARIA PAG. 4 MODULO 2 RATING AZIENDALE E BILANCIO D ESERCIZIO PAG. 4 MODULO

Dettagli

Introduzione. Il Project Management (PM) riguarda il raggiungimento di risultati grazie all ottimizzazione delle risorse esistenti

Introduzione. Il Project Management (PM) riguarda il raggiungimento di risultati grazie all ottimizzazione delle risorse esistenti Università degli Studi di Cagliari D.I.M.C.M. Introduzione Il Proect Management (PM) riguarda il raggiungimento di risultati grazie all ottimizzazione delle risorse esistenti Gestione dei Progetti Prof.

Dettagli

METODOLOGIE PER IL CONTROLLO TECNICO,ECONOMICO E TEMPORALE DEL PROGETTO

METODOLOGIE PER IL CONTROLLO TECNICO,ECONOMICO E TEMPORALE DEL PROGETTO METODOLOGIE PER IL CONTROLLO TECNICO,ECONOMICO E TEMPORALE DEL PROGETTO Giordano Renato Gariboldi Responsabile Controllo di Gestione e Controllo Progetti Divisione E.& P. giordano. gariboldi@sini.it Comitato

Dettagli

B1 LA PROGETTAZIONE. PROGRAMMA: gruppo di progetti con un obiettivo comune.

B1 LA PROGETTAZIONE. PROGRAMMA: gruppo di progetti con un obiettivo comune. ATTIVITÀ ORDINARIA : operazione svolta periodicamente con obiettivo implicito e tempi, risorse e costi standard (Es.di Attività Ordinaria: buste paga, pagamento fornitori) PROGETTO : ha un obiettivo esplicito

Dettagli

Strumenti per il Project Management

Strumenti per il Project Management CORSO DI Gestione aziendale Facoltà di Ingegneria Strumenti per il Project Management Carlo Noè Università Carlo Cattaneo Istituto di Tecnologie e-mail: cnoe@liuc.it AGENDA Strumenti per il Project Management

Dettagli

Un approccio sistemico alla gestione dei progetti: dalle strategie al project management

Un approccio sistemico alla gestione dei progetti: dalle strategie al project management isedi_indice_cantamessa 27-04-2007 9:25 Pagina V Indice XI Prefazione XIII Premessa XVII Introduzione Un approccio sistemico alla gestione dei progetti: dalle strategie al project management PARTE I Aspetti

Dettagli

Project Management. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali.

Project Management. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Project Management. di Simone Cavalli (simone.cavalli@unibg.it) Bergamo, Maggio 2010 Project Management: definizioni Progetto: Progetto si definisce, di regola, uno

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE

CORSO DI ALTA FORMAZIONE CORSO DI ALTA FORMAZIONE TITOLO DEL CORSO Project Manager TIPOLOGIA FORMATIVA DEL PROGETTO Formazione professionale PROFILO PROFESSIONALE Il Corso di Alta Formazione è rivolto a coloro che possiedono competenze

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE

CORSO DI ALTA FORMAZIONE CORSO DI ALTA FORMAZIONE TITOLO DEL CORSO Project Manager TIPOLOGIA FORMATIVA DEL PROGETTO Formazione professionale PROFILO PROFESSIONALE Il Corso di Alta Formazione è rivolto a coloro che possiedono competenze

Dettagli

CORSO PROJECT MANAGEMENT PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

CORSO PROJECT MANAGEMENT PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO CORSO PROJECT MANAGEMENT PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO VALIDO ANCHE COME AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE RSPP/ASPP (Art. 32 D.Lgs. 9 Aprile 2008 n.81 e s.m.i. Accordo Stato Regioni 26/01/2006) PROGRAMMA

Dettagli

Lezione n.15 IL CRONOPROGRAMMA

Lezione n.15 IL CRONOPROGRAMMA Lezione n.15 IL CRONOPROGRAMMA Prof. arch. Renato Laganà Articolo 17. All. XXI Codice Appalti Cronoprogramma. 1. Il progetto definitivo è corredato dal cronoprogramma delle lavorazioni, redatto anche al

Dettagli

Strutture organizzative per l innovazione: basics di project management

Strutture organizzative per l innovazione: basics di project management Strutture organizzative per l innovazione: basics di project management Il Project Management nell impresa R&S Progettaz. prodotti Processo di innovazione R&S Ingegneriz. processi Marketing Fornitori Acquisti

Dettagli

Sistemi Informativi I Pianificazione e Diagrammi GANTT

Sistemi Informativi I Pianificazione e Diagrammi GANTT 6 Diagrammi GNTT: definizione ed esempi. 6.1 Definizione. Il diagramma GNTT è la modalità standard di presentare in modo visuale la pianificazione di un progetto. I software di Project Management offrono

Dettagli

PROJECT EVALUATION & MANAGEMENT

PROJECT EVALUATION & MANAGEMENT L' della in collaborazione con l Associazione Ingegneri della e KWANTIS organizza il seguente CORSO DI AGGIORNAMENTO: PROJECT EVALUATION & MANAGEMENT MODULO UNICO DI 24 ORE 21-28 Ottobre 2015 e 3 Novembre

Dettagli

PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER

PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER CODICE PM 10.25 DURATA 10 giorni CATEGORIA Project Management DESTINATARI Project manager, responsabili di funzione, membri del Project Management Office, dirigenti,

Dettagli

TECNICHE DI PROGRAMMAZIONE

TECNICHE DI PROGRAMMAZIONE CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE TECNICA E SICUREZZA DEI CANTIERI TECNICHE DI PROGRAMMAZIONE Nicola Marotta La programmazione nel cantiere edile La programmazione dei lavori all interno di un cantiere

Dettagli

GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE

GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE Alta Formazione per il Business Executive master GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE Bologna, 4 maggio 2013 introduzione al Project management a cura del dott. Stefano Soglia Materiale riservato alla

Dettagli

CORSO PROJECT MANAGEMENT PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

CORSO PROJECT MANAGEMENT PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO CORSO PROJECT MANAGEMENT PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO VALIDO ANCHE COME AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE RSPP/ASPP (Art. 32 D.Lgs. 9 Aprile 2008 n.81 e s.m.i. Accordo Stato Regioni 26/01/2006) PROGRAMMA

Dettagli

Prefazione. Parte I Informazioni preliminari 1. Capitolo 1 Introduzione 3

Prefazione. Parte I Informazioni preliminari 1. Capitolo 1 Introduzione 3 Prefazione IX Parte I Informazioni preliminari 1 Capitolo 1 Introduzione 3 Immaginate.................................................... 3 Contenuto del libro..............................................

Dettagli

Strumenti per il Project Management. GanttProject cos è e come si usa. GanttProject

Strumenti per il Project Management. GanttProject cos è e come si usa. GanttProject Strumenti per il Project Management cos è e come si usa. Angelo Caruso, 2010 1 Open Source; Gestione tempo e risorse progettuali; Produce diagrammi Gantt e PERT; Ottimo per la didattica; Importa file MPX;

Dettagli

Corso di estimo D 2004/2005

Corso di estimo D 2004/2005 Corso di estimo D 2004/2005 Cenni di project management - Crono-programma dei lavori PROJECT MANAGEMENT: definizione Il project management è l insieme di metodi e direttive fondamentalmente logiche per

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT CORSI DI ALTA FORMAZIONE MANAGEMENT.LUM.IT IPMA EDUCATION E REGISTRATION. Project Management Base. Project Management Avanzato

PROJECT MANAGEMENT CORSI DI ALTA FORMAZIONE MANAGEMENT.LUM.IT IPMA EDUCATION E REGISTRATION. Project Management Base. Project Management Avanzato PROJECT MANAGEMENT CORSI DI ALTA FORMAZIONE A.A. 2013-2014 MANAGEMENT.LUM.IT IPMA EDUCATION E REGISTRATION Project Management Base Project Management Avanzato PROJECT MANAGEMENT PREMESSA Il Project Management

Dettagli

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IMPIANTI INDUSTRIALI. Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it. Andrea Chiarini 1

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IMPIANTI INDUSTRIALI. Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it. Andrea Chiarini 1 IMPIANTI INDUSTRIALI Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it Andrea Chiarini 1 PARTE 5 PIANIFICAZIONE DELLE FASI DI UN PROGETTO Andrea Chiarini 2 PROGETTAZIONE E SVILUPPO DEL PRODOTTO E DEL PROCESSO

Dettagli

PM03 - IL PROJECT MANAGEMENT:TECNICHE DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO

PM03 - IL PROJECT MANAGEMENT:TECNICHE DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO + Obiettivi Far conoscere e diffondere la conoscenza di pianificazione, programmazione e controllo dei progetti allo scopo di potenziare le competenze dei partecipanti nella preparazione di progetti di

Dettagli

IL CRONOPROGRAMMA 04/05/2015

IL CRONOPROGRAMMA 04/05/2015 Corso di Progettazione e Organizzazione della Sicurezza nel Cantiere - prof. arch. Renato G. Laganà IL CRONOPROGRAMMA Prof. arch. Renato Laganà Articolo 17. All. XXI Codice Appalti Cronoprogramma. 1. Il

Dettagli

Project Management. Facoltà di Economia Corso di Laurea Magistrale in Economia Manageriale Indirizzo Aziende Pubbliche, II anno

Project Management. Facoltà di Economia Corso di Laurea Magistrale in Economia Manageriale Indirizzo Aziende Pubbliche, II anno Project Management Facoltà di Economia Corso di Laurea Magistrale in Economia Manageriale Indirizzo Aziende Pubbliche, II anno II semestre A.A. 2009-2010 Dott.ssa Cinzia Dessì Introduzione al corso Lezioni

Dettagli

UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTA DI INGEGNERIA

UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTA DI INGEGNERIA UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTA DI INGEGNERIA Scuola di Dottorato in Scienze dell Ingegneria Curriculum Architettura, Costruzioni e Strutture IX Ciclo - nuova serie MONITORAGGIO AUTOMATICO

Dettagli

Corso di estimo D Prof Raffaella Lioce

Corso di estimo D Prof Raffaella Lioce Corso di estimo D Prof Raffaella Lioce Cenni di project management - Crono-programma dei lavori PROJECT MANAGEMENT: definizione Il project management è l insieme di metodi e direttive fondamentalmente

Dettagli

Redazione e Presentazione di Progetti Informatici

Redazione e Presentazione di Progetti Informatici Redazione e Presentazione di Progetti Informatici Corso di Laurea in Informatica Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Massimo Ruffolo E-mail: ruffolo@icar.cnr.it Web: http://www.icar.cnr.it/ruffolo

Dettagli

Gestione dei Progetti (2005-2006)

Gestione dei Progetti (2005-2006) Gestione dei Progetti (2005-2006) Alessandro Agnetis DII Università di Siena (Alcune delle illustrazioni contenute nella presentazione sono tratte da PMBOK, a guide to the Project Management Body of Knowledge,

Dettagli

PIANIFICAZIONE DI UN IMPIANTO DI DEPURAZIONE ACQUA E TRATTAMENTO FANGO

PIANIFICAZIONE DI UN IMPIANTO DI DEPURAZIONE ACQUA E TRATTAMENTO FANGO PIANIFICAZIONE DI UN IMPIANTO DI DEPURAZIONE ACQUA E TRATTAMENTO FANGO Prof. Franco Caron Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica Corso di Gestione dei Grandi Progetti d Ingegneria A.A. 2011/2012 Mancini

Dettagli

CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE PROF. ING. GIOVANNI MUMMOLO PROJECT MANAGEMENT

CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE PROF. ING. GIOVANNI MUMMOLO PROJECT MANAGEMENT CORSO DI GESTIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE PROF. ING. GIOVANNI MUMMOLO PROJECT MANAGEMENT Definizione di project Progetto Proposta, piano, ideazione di un lavoro o di una serie di lavori. Proposito

Dettagli

ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE

ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE Urbino: 3 e 4 ottobre 2008 A cura di: Stefano Santini sve@provincia.ps.it Definizione di progetto Opera complessa, unica e di durata limitata rivolta a produrre un risultato

Dettagli

Introduzione al Project Management

Introduzione al Project Management Introduzione al Project Management Che cos è il project management Gestione di un impresa complessa, unica e di durata determinata rivolta al raggiungimento di un obiettivo chiaro e predefinito mediante

Dettagli

DAL PROGETTO/DESIGN PROGETTO/PROJECT

DAL PROGETTO/DESIGN PROGETTO/PROJECT DAL PROGETTO/DESIGN AL PROGETTO/PROJECT Dal Progetto / Design al Progetto / Project. Il Project Management come strumento per la competitività. Una panoramica su strumenti e tecniche per la gestione efficace

Dettagli

Programmazione didattica 2009. Project Management. Catalogo dei corsi

Programmazione didattica 2009. Project Management. Catalogo dei corsi Programmazione didattica 2009 Project Management Catalogo dei corsi Alta Formazione in Project Management Project Management: principi e criteri organizzativi Metodi e tecniche di avvio ed impostazione

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 3 di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE, IMPLEMENTAZIONE E CONTROLLO DI

Dettagli

La gestione dei progetti informatici

La gestione dei progetti informatici Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Ingegneria del Software La gestione dei progetti informatici Giulio Destri Ing. del Sw: Gestione - 1 Scopo

Dettagli

La Gestione del progetto

La Gestione del progetto Il Laboratorio e la Professione La Gestione del progetto Padova 25-26 settembre 2009 M. Iside Bruschi REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO Il Project Management è un sistema che utilizza ed applica conoscenze

Dettagli

Project Manager. Funzioni ed attività di un ruolo strategico. e-academy Milano, 20 Ottobre 2005

Project Manager. Funzioni ed attività di un ruolo strategico. e-academy Milano, 20 Ottobre 2005 Project Manager Funzioni ed attività di un ruolo strategico e-academy Milano, 20 Ottobre 2005 Mentis innovazione e strategia Mentis crea strumenti innovativi per Aziende che vogliono sfruttare appieno

Dettagli

Prof. G. Alaimo IL GANTT. (Il Cronoprogramma) Organizzazione del cantiere con laboratorio

Prof. G. Alaimo IL GANTT. (Il Cronoprogramma) Organizzazione del cantiere con laboratorio IL GANTT (Il Cronoprogramma) Strumenti e tecniche di programmazione operativa Prof. G. Alaimo La quantità e varietà di risorse da gestire nell esecuzione di un progetto impongono la necessità di programmare

Dettagli

INTRODUZIONE LA FORMAZIONE PROFESSIONALE? e il TUO LAVORO che TE LA CHIEDE. CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE finanziabili con Voucher Formativo

INTRODUZIONE LA FORMAZIONE PROFESSIONALE? e il TUO LAVORO che TE LA CHIEDE. CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE finanziabili con Voucher Formativo INTRODUZIONE LA FORMAZIONE PROFESSIONALE? e il TUO LAVORO che TE LA CHIEDE CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE finanziabili con Voucher Formativo FORMAZIONE MANAGERIALE per il TURISMO FORMAZIONE MANAGERIALE per

Dettagli

U i n ve v r e s r i s t i à t à d i d i P i P s i a s a Facoltà di Ingegneria

U i n ve v r e s r i s t i à t à d i d i P i P s i a s a Facoltà di Ingegneria Università di Pisa Facoltà di Ingegneria CdL Ingegneria Informatica per la Gestione d Azienda Gestione della qualità II (Prof. Gigliola Vaglini) - a.a. 2011/2012 MS P PROJECT 20100 TUTORIAL INTRODUTTIVO

Dettagli

ing. consuelo rodriguez

ing. consuelo rodriguez TECNICHE DI PROGRAMMAZIONE La ricerca operativa La ricerca operativa può essere considerata una scienza finalizzata allo studio di problemi decisionali. Consiste in un sistema di analisi quantitativo finalizzato

Dettagli

Il Progetto e il Project Management

Il Progetto e il Project Management Il Progetto e il Project Management Metodologie di Specifica del Software Per contattare il docente Dr. Anna Rita Laurenzi email: annarita.laurenzi@insiel.it cell.+39 3356368206 Agenda Progetto e Project

Dettagli

Il Project Management in sanità Implementazione ed attuazione di progetti per il miglioramento dei servizi sanitari

Il Project Management in sanità Implementazione ed attuazione di progetti per il miglioramento dei servizi sanitari Il Project Management in sanità Implementazione ed attuazione di progetti per il miglioramento dei servizi sanitari COME ATTUARE UN PROGETTO Ancona 19/20 ottobre 2012 Dott. Matteo Bisceglia Assistente

Dettagli

IL CASO NERI: IL PIANO DI PROGETTO DEL NUOVO MODELLO RAMPICHINO

IL CASO NERI: IL PIANO DI PROGETTO DEL NUOVO MODELLO RAMPICHINO IL CASO NERI: IL PIANO DI PROGETTO DEL NUOVO MODELLO RAMPICHINO Giuseppe Stabilini Copyright SDA Bocconi, Milano Giuseppe Stabilini del nuovo modello Rampichino L azienda Neri progetta da oltre 50 anni

Dettagli

La gestione per progetti

La gestione per progetti La gestione per progetti Uno sforzo temporaneo intrapreso per creare un prodotto, un servizio o un risultato (PMI- Project Management Institute,, da PMBOK 3rd edition, 2004), ovvero sforzo complesso comportante

Dettagli

FORMAZIONE AVANZATA. Corso di introduzione al Project Management

FORMAZIONE AVANZATA. Corso di introduzione al Project Management FORMAZIONE AVANZATA Corso di introduzione al Project Management 1 1. Scenario di riferimento La costante diminuzione delle risorse di bilancio e dei trasferimenti pubblici, da un lato, e la necessità di

Dettagli

Scopo della WBS. La regola del 100% Orientamento ai risultati

Scopo della WBS. La regola del 100% Orientamento ai risultati Le problematiche delle fasi del progetto CONCEZIONE ELABORAZIONE FINANZIAMENTO NEGOZIAZIONE ATTUAZIONE ATTUAZIONE - Definizione della successione delle attività esecutive - Allocare le risorse - Pianificare

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Esercitazione. Creazione di Diagrammi di Gantt con Win Project

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Esercitazione. Creazione di Diagrammi di Gantt con Win Project ESERCITAZIONE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Esercitazione Creazione di Diagrammi di Gantt con Win Project ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA CREAZIONE

Dettagli

Project Management con Project 2000 Ing. Thimoty Barbieri 1/62

Project Management con Project 2000 Ing. Thimoty Barbieri 1/62 Project Management con Project 2000 Ing. Thimoty Barbieri Luglio 2002 Ing. Thimoty Barbieri 1/62 Indice ARGOMENTI... 4 LA GESTIONE DEL PROGETTO... 5 LINEE GUIDA PER LE OBS... 7 Aspetti della composizione

Dettagli

Il Piano di Marketing

Il Piano di Marketing Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso Strategico OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE IL CONTENUTO E LE FASI PER LA REDAZIONE DI UN PIANO DI MARKETING ACQUISIRE LE INFORMAZIONI

Dettagli

La gestione dei rischi nella pianificazione preliminare di un progetto, come vantaggio competitivo nella risposta ad una gara d appalto

La gestione dei rischi nella pianificazione preliminare di un progetto, come vantaggio competitivo nella risposta ad una gara d appalto La gestione dei rischi nella pianificazione preliminare di un progetto, come vantaggio competitivo nella risposta ad una gara d appalto Patricia Gamberini 1 Agenda Presentazione Engineering Business case

Dettagli

Sviluppo e Gestione Progetti. docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it

Sviluppo e Gestione Progetti. docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it Sviluppo e Gestione Progetti docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it Struttura del corso - ID CONTENUTI TEORIA PROJ. WORK DATA WORK SHOP Conoscenza dei principi di base, metodi e tecniche

Dettagli

Role plaing esperienziale: ATTUAZIONE DI UN PROGETTO DI NURSING

Role plaing esperienziale: ATTUAZIONE DI UN PROGETTO DI NURSING Implementazione ed Attuazione di Progetti per il Miglioramento del Servizi Sanitari ANCONA 19 E 20 OTTOBRE 2012 Role plaing esperienziale: ATTUAZIONE DI UN PROGETTO DI NURSING Consiste nel destrutturare

Dettagli

Analisi di una rete stradale con il software VISUM

Analisi di una rete stradale con il software VISUM Paolo Martinis Preone, 10.07.2004 Università degli Studi di Trieste Facoltà di Ingegneria Corso di Pianificazione dei Trasporti Prof. Giovanni Longo Anno Accademico 2003-2004 Analisi di una rete stradale

Dettagli

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Paolo Salvaneschi A6_1 V2.0. Gestione. Pianificazione e gestione del progetto

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Paolo Salvaneschi A6_1 V2.0. Gestione. Pianificazione e gestione del progetto Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi A6_1 V2.0 Gestione Pianificazione e gestione del progetto Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli

Dettagli

Scope Management. IT Project Management. Lezione 3 Scope Management. Monitoring del progetto (Earned Value) Creazione diagrammi Pert/CPM/Gantt

Scope Management. IT Project Management. Lezione 3 Scope Management. Monitoring del progetto (Earned Value) Creazione diagrammi Pert/CPM/Gantt IT Project Management Lezione 3 Scope Management Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Check list del PM Identificare i requisiti del cliente Monitoring del progetto (Earned Value) Identificare i deliverable

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE

CORSO DI ALTA FORMAZIONE CORSO DI ALTA FORMAZIONE TITOLO DEL CORSO Project Manager TIPOLOGIA FORMATIVA DEL PROGETTO Formazione professionale PROFILO PROFESSIONALE Il Corso di Alta Formazione è rivolto a coloro che intendono acquisire

Dettagli

EUROPEAN PROJECT MANAGEMENT QUALIFICATION - epmq. Fundamentals. Syllabus

EUROPEAN PROJECT MANAGEMENT QUALIFICATION - epmq. Fundamentals. Syllabus EUROPEAN PROJECT MANAGEMENT QUALIFICATION - epmq Fundamentals Syllabus Scopo Questo documento presenta il syllabus di epmq Modulo 1 Fundamentals. Il syllabus descrive, attraverso i risultati del processo

Dettagli

Pianificazione e gestione di progetto. Adozione di tecniche e metodologie usate anche in settori diversi dalla progettazione sw

Pianificazione e gestione di progetto. Adozione di tecniche e metodologie usate anche in settori diversi dalla progettazione sw Pianificazione e gestione di progetto Responsabile di progetto: attività 1) Pianificazione 2) Organizzazione 3) Gestione del personale (staffing) 4) Direzione 5) Controllo Adozione di tecniche e metodologie

Dettagli

Approccio alla logica della finanza aziendale

Approccio alla logica della finanza aziendale Corso Formazione Approccio alla logica della finanza aziendale OBIETTIVI Capire il contenuto del bilancio per creare valore. A CHI SI RIVOLGE Tutti i manager. IMPARERETE A Capire il contenuto del bilancio

Dettagli

Simulazione di una catena logistica

Simulazione di una catena logistica Simulazione di una catena logistica La logistica aziendale richiede l organizzazione di approvvigionamento e trasporto dei prodotti e dei servizi. La catena di distribuzione, supply chain, comprende il

Dettagli

certificazione PMP (Project Management Professional) Aprile-Maggio-Giugno-Luglio 2015

certificazione PMP (Project Management Professional) Aprile-Maggio-Giugno-Luglio 2015 Corso di Project Management + Corso di preparazione al conseguimento della certificazione PMP (Project Management Professional) Aprile-Maggio-Giugno-Luglio 2015 Che cos è il PMP PMP (Project Management

Dettagli

I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione :

I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione : Il Project Management nelle Aziende Sanitarie Tipologie di progetti nelle ASL-AOAO I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione

Dettagli

Presentazione di Edoardo Cosenza

Presentazione di Edoardo Cosenza Presentazione di Edoardo Cosenza La realizzazione delle commesse nel settore delle Opere Civili costituisce un sistema complesso con una serie di peculiarità organizzative, tecniche ed economiche (quali

Dettagli

La gestione manageriale dei progetti

La gestione manageriale dei progetti PROGETTAZIONE Pianificazione, programmazione temporale, gestione delle risorse umane: l organizzazione generale del progetto Dimitri Grigoriadis La gestione manageriale dei progetti Per organizzare il

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE

CORSO DI ALTA FORMAZIONE CORSO DI ALTA FORMAZIONE TITOLO DEL CORSO Project Manager TIPOLOGIA FORMATIVA DEL PROGETTO Formazione professionale PROFILO PROFESSIONALE Il Corso di Alta Formazione è rivolto a coloro che intendono acquisire

Dettagli

Earned Value la ricerca del Graal

Earned Value la ricerca del Graal Earned Value la ricerca del Graal Dott. Paolo La Rocca PMP October 26 th, 2012 Prof. Alberto Bettanti 1 Introduzione Questa presentazione non è un corso introduttivo al Project Management. Ci concentreremo

Dettagli

La procedura di programmazione e gestione del progetto

La procedura di programmazione e gestione del progetto Università degli Studi di Trento Programmazione Costi e Contabilità lavori a.a. 2003-4 La procedura di programmazione e gestione del progetto Marco Masera, dott. arch., d.d.r. ing. marco.masera@ing.unitn

Dettagli