Sistemi Informativi Aziendali II

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi Informativi Aziendali II"

Transcript

1 Modulo 5 Sistemi Informativi Aziendali II 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

2 Modulo 5 La gestione dei Progetti (Project Management): Generalità e metodologie; Gestire un progetto con uno strumento informatico (esercitazione). 2 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

3 Generalità sul Project Management Cosa è un progetto? Cosa è il Project Management? Gli aspetti umani; Le fasi di gestione di un progetto; Il Sistema di Gestione Progetto. 3 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

4 Cosa è un progetto? A project is a problem scheduled for solution (J.M. Juran); Un problema è la distanza tra dove ci troviamo e dove vorremmo essere, con un ostacolo che ci impedisce di percorrere facilmente la distanza; Alcune riflessioni: Qual è lo stato finale desiderato? Cosa impedisce, o rende difficile, il raggiungerlo? Come sapremo di aver davvero raggiunto il risultato? 4 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

5 Cosa è il Project Management? E l insieme delle attività di programmazione, pianificazione e controllo del progetto per ottenerne gli obiettivi; Chiamiamo obiettivi: Costo del progetto (risorse); Tempo necessario; Ambito del progetto (dimensione); Risultato previsto; Qualità del risultato ottenuto. 5 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

6 Cosa è il Project Management? (2) Cost= f(p, T, S) P -> Performance T -> Time S -> Scope N.B. La relazione tra le variabili di un progetto è complessa; ad esempio non sempre aumentando la risorsa persone si ha una diminuzione del tempo necessario. 6 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

7 Gli aspetti umani I fattori che influenzano il successo di un progetto sono molteplici: E ben pianificato? Il problema è ben definito? Il tempo previsto è realistico?. Altri importanti fattori: Le persone giuste; Il giusto management; Il buon Project Manager governa con molta attenzione anche gli aspetti umani. 7 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

8 Le fasi di gestione di un progetto Definire (identificare) il problema: Sviluppare opzioni di soluzione: Pianificare il progetto; Eseguire il piano; Verificare e governare il progresso; Chiudere il progetto. Senza dimenticare di accumulare l esperienza acquisita! 8 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

9 Il Sistema di Gestione Progetto Fattori Umani: Leadership; Negoziazione; Team Building; Motivazione; Comunicazione Capacità decisionali; Strumenti; Cultura: Valori; Attitudini; Tradizioni; 9 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

10 Il Sistema di Gestione Progetto (2) Organizzazione: Autorità; Responsabilità; Accountability ; Pianificazione; Informazione: Costi attuali e storici; Sistema informativo dei progetti; Controllo: A che punto siamo? A che punto dovremmo essere? Basato su informazione e pianificazione. 10 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

11 Facciamo il punto Un progetto è un problema di cui abbiamo strutturato la soluzione; Se non definiamo con precisione il problema, rischiamo di trovare la soluzione giusta al problema sbagliato; Dobbiamo focalizzarci sui risultati. Come facciamo a capire quando li abbiamo raggiunti? Cerchiamo di imparare da ciascun progetto, magari attraverso una valutazione finale. 11 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

12 Approccio alla pianificazione di progetto Perché pianificare; Cosa c è in un piano? Formulazione, approvazione ed evoluzioni del piani. 12 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

13 Pianificazione e controllo, parenti stretti! Il controllo consiste nel paragonare dove siamo con dove dovremmo essere, e quindi operare un azione correttiva in caso di scostamento; Il management è controllare l applicazione di risorse organizzative scarse per ottenere i risultati desiderati; Se non abbiamo un piano, non possiamo avere controllo! In sintesi non c è alternativa: abbiamo bisogno di un piano per governare tempi, costi e performance. 13 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

14 Cosa scriviamo in un piano di progetto? Definizione del problema da affrontare; Missione del team di progetto; Obiettivi del progetto; Requisiti del lavoro (lista di deliverables e milestones); Criteri di uscita (quando finisce una certa fase? Specifiche tecniche del risultato finale; 14 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

15 Cosa scriviamo in un piano di progetto? (2) Work Breakdown Structure (WBS); elenco gerarchico delle attività; Piano di dettaglio (schedula); Piano delle risorse (persone, strumenti, materiali ) Sistemi di controllo; Responsabilità; Aree di rischio e contingency plans. 15 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

16 Formulazione, approvazione e cambiamenti al piano E bene che chi lavorerà al progetto partecipi allo sviluppo del piano; Il piano deve essere esaminato ed approvato dagli stakeholders; Il piano deve essere pronto ad essere modificato con continuità; Valutare in anticipo rischi ed alternative per la loro gestione. Pensa a quanto è saggio il topolino, non affida mai la sua vita ad un solo buco. (Plauto) 16 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

17 Facciamo il punto Se non hai un piano non hai il controllo; Le persone che partecipano all esecuzione del piano dovrebbero partecipare alla stesura; L approvazione del piano è un impegno a realizzarlo da parte di chi approva (stakeholders); E importante curare la documentazione di progetto; Prima di procedere con il prossimo passo assicurarsi di aver completato il precedente; Approvare i cambiamenti così come il piano; L analisi del rischio è parte integrante della pianificazione. 17 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

18 Missione, scopi ed obiettivi L utilità della missione; Come definire la missione; Gli obiettivi del Progetto; La valutazione dei rischi. 18 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

19 L utilità di definire la missione Il documento che esprime la missione fornisce la base per definire: Scopi ed obiettivi; Modalità decisionali; Stile di azione; Inserimento di persone nel progetto; Definisce il problema del Cliente e garantisce l allineamento del progetto a questo; Alcuni progetti utilizzano la metodologia QFD (Quality Function Deployment) all interno della missione. 19 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

20 Il processo di definizione della missione Occorre articolare con cura la risposta ad alcune domande: Che cosa dobbiamo fare? Per chi lo facciamo? Quali sono i criteri, vincoli e filosofie con cui lo faremo? Questi sono concetti fondamentali, che dovranno ottenere la condivisione profonda da parte di tutti gli stakeholders. 20 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

21 In pratica Il problema da affrontare: Gli studenti della facoltà di economia hanno bisogno di conoscere i principali aspetti del Project Management in modo piano e concreto, senza scendere in troppi dettagli tecnici. La missione: La missione del progetto è produrre la presentazione per un seminario breve sul Project Management orientato alle applicazioni d impresa. La presentazione, su slide, dovrà usare un linguaggio preciso, ma non difficile, e contenere esempi pratici. 21 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

22 Gli Obiettivi del progetto Una volta articolata la missione del progetto, si definiscono gli Obiettivi; Gli obiettivi sono più specifici, definiscono cosa occorre fare per adempiere la missione; L obiettivo è un sostantivo, un risultato da raggiungere, l attività necessaria per raggiungerlo solitamente è espressa con un verbo. 22 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

23 Gli Obiettivi del progetto (2) E bene che gli obiettivi siano SMART: Specifici; Misurabili; Attuabili; Realistici; Temporalmente limitati. 23 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

24 In pratica La traccia della presentazione deve essere pronta una settimana prima del seminario; L applicazione da utilizzare in aula per gli esempi deve essere testata e funzionante due settimane prima; La presentazione su lucidi deve essere pronta il lunedì precedente la lezione; 24 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

25 La valutazione dei rischi di progetto Le aree di rischio: Le tempistiche; Il budget; La qualità del lavoro; La soddisfazione del Cliente; Le domande da porsi: Cosa potrebbe andare storto? Cosa ci potrebbe impedire di raggiungere gli obiettivi? Come possiamo prepararci a superare con successo queste difficoltà? 25 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

26 Facciamo il punto Una missione ben definita aiuta il team di progetto a fare ciò che ci si aspetta da loro; La missione dovrebbe essere articolata dai membri del team di progetto; Definita la missione, si può passare a fissare obiettivi ed azioni; E importante curare con continuità la documentazione di progetto; La valutazione dei rischi, molto importante, va fatta in positivo, chiedendosi come è possibile prepararsi ad affrontare positivamente eventuali situazioni impreviste o sfavorevoli. 26 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

27 Usare la WBS per pianificare Perché la WBS? Come sviluppare la WBS; Le criticità della stima. 27 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

28 Pianificare e Stimare Il processo di pianificazione passa necessariamente per la necessità di stimare ciò che occorre fare; Il concetto della Work Breakdown Structure: Un compito complesso può essere suddiviso in diversi compiti meno complessi. Questo processo di suddivisione può essere iterato fino a quando abbiamo singoli compiti di cui possiamo stimare le necessità di tempo e risorse con buona confidenza. 28 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

29 Per esempio Per rassettare la mia stanza devo: Raccogliere vestiti, libri ed altro dal pavimento e rimetterli al loro posto; Spolverare i mobili; Passare l aspirapolvere; Lavare i vetri; Ecc 29 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

30 La struttura generale di una WBS PROGETTO Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

31 Suggerimenti per sviluppare la WBS Scomporre fino a quando è possibile stimare con il grado di incertezza desiderato, ovvero si è arrivati alle durate tipiche di attività che si vuole gestire (giorni, settimane, ecc.); La stesura della WBS può essere scomposta per responsabilità tra le persone che seguiranno le diverse aree; Non confondere o mescolare la WBS con la schedulazione, (precedenze e tempi) che è bene fare successivamente. 31 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

32 Stimare tempi, costi e risorse A questo punto possiamo stimare la durata di ogni attività al livello più basso; La stima della durata sarà fatta su base statistica, sperimentale o modellistica; Ogni stima è affetta da errore ed esisterà sempre una varianza del valore ottenuto rispetto alla stima; Sperimentalmente una attività durerà di più, raramente meno di quanto stimato. 32 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

33 Facciamo il punto La WBS si usa per dividere un lavoro complesso in attività meno complesse, per renderne più semplice ed affidabile la stima; La WBS ci aiuta a non dimenticare pezzi, anche attraverso meccanismi di revisione; La WBS non contiene la sequenza delle attività; Le stime sono fatte, ove possibile, in base ad esperienza pregressa e tengono conto di chi eseguirà l attività; Le stime dovrebbero contenere una valutazione della loro attendibilità (Ad es. +/- 20%) e descrivere le condizioni e modalità in cui è stata fatta. 33 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

34 La schedulazione del progetto Cosa significa schedulare? Il Diagramma di Gantt; I diagrammi reticolari; Il cammino critico. 34 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

35 Schedulare Significa collocare le attività indicate nella WBS nel tempo, rispettando le precedenze; E l operazione che caratterizza il Project Management, spesso viene erroneamente confusa con esso; Esistono diversi software che aiutano nella fase di schedulazione. Occorre comunque una buona conoscenza del Project Mangement per usarli proficuamente. 35 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

36 Come si rappresenta la schedula? Diagramma di Gantt È una rappresentazione su scala temporale dell'evoluzione del progetto. Ogni barra rappresenta un'attività (Work Breakdown Element), la lunghezza di ognuna di esse è proporzionale alla durata dell'attività che rappresenta e viene collocata sulla scala temporale in rappresentanza dell'attività stessa. 36 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

37 Nota biografica: Henry Gantt Ingegnere industriale Nota statunitense, biografica: Henry discepolo Gantt di Taylor, consigliere militare durante la prima guerra mondiale. Ha sviluppato una notazione per indicare i progressi tramite diagrammi a barre, ora comunemente detti Diagrammi di Gantt. Ha ideato anche metodi automatici per il calcolo dei tempi di lavorazione alle macchine utensili 37 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

38 Diagramma di Gantt A Attività B C Milestone D Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug tempo 38 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

39 Come si rappresenta la schedula? Diagrammi Reticolari Il reticolo è la rappresentazione grafica delle attività costituenti il progetto e dei loro legami logici dove: le attività sono rappresentate da nodi; i legami sono rappresentate da archi orientati (frecce); non esistono cammini chiusi. N.B. Esiste anche una notazione, meno diffusa, in cui le attività sono rappresentate dagli archi e gli eventi dai nodi. 39 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

40 Diagramma reticolare Nodi (attività) Archi (legami) 40 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

41 Il Cammino Critico (Critical Path) Cammino Critico È la sequenza di attività più lunga,, in termini di tempo, dall inizio alla fine del progetto e determina la durata minima del progetto stesso; Le attività appartenenti a tale percorso non ammettono slittamenti indolori (ovvero che non comportano ritardi nel progetto). 41 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

42 Alcune riflessioni Il diagramma di Gantt, nella sua forma originaria, non rende evidente il cammino critico ed il concatenamento tra le attività; Per questo motivo sono stati sviluppati i diagrammi reticolari su cui basare due diverse metodologie: CPM - Critical Path Method: Sviluppato dalla DuPont, cattura le relazioni di serie e parallelo tra le attività; PERT - Project Evaluation and Review Technique: Sviluppato dalla Marina degli Stati Uniti con Booze, Hallen and Hamilton, aggiunge tecniche di tipo probabilistico. 42 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

43 Definizioni Attività: Un attività consuma tempo e può consumare risorse. Ad esempio un operazione meccanica o l attesa di un materiale; Critico: Un attività o evento che deve essere completato entro un certo tempo e non ha margini di ritardo o spostamento; Cammino critico: Il percorso più lungo attraverso il reticolo, determina la durata minima del progetto; 43 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

44 Definizioni (2) Evento: Inizio e fine di un attività determinano un evento. Un evento è uno specifico momento nel tempo; Milestone: Un evento che rappresenta un momento significativo nel progetto, ad esempio la chiusura di una fase del lavoro. Spesso e il momento per fare il punto del progetto; 44 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

45 Facciamo il punto La schedulazione è cruciale ma è solo una parte del lavoro; Attenzione al cammino critico! Non è utile pianificare ad un livello di dettaglio superiore a quello che si può gestire; Nessun compito schedulato dovrebbe avere una durata superiore a quattro/sei settimane. Meglio scomporre ancora; L allocazione definitiva delle risorse va fatta dopo aver completato la schedula; L unità di misura del tempo deve essere sempre la stessa. 45 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

46 La gestione del Team di Progetto Il Team di Progetto; Ruoli e responsabilità; Le fasi di evoluzione di un Team; Stili di leadership. 46 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

47 Il Team di Progetto non nasce per caso, deve essere costruito! Spesso il Project Manager non ha autorità gerarchica sui membri del gruppo; Occorre creare appartenenza ed impegno (commitment); Questo è più facile se la pianificazione del progetto è partecipata (incluse le stime!); Missione, scopi ed obiettivi devono essere chiari e condivisi; Tanto più gli obiettivi del Team sono allineati con gli obiettivi personali dei singoli, tanto meglio il Team funziona. 47 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

48 Ruoli e responsabilità Tutti i membri del gruppo devono conoscere ciò che ci si aspetta da ciascuno; Il clima e la comunicazione devono essere aperti e chiari e tendere all obiettivo; Il team ideale definisce di concerto anche le modalità di lavoro e di comunicazione; Il project manager sa bene che possono esserci, e ci saranno, criticità nelle relazioni interpersonali e si prepara a gestirle tempestivamente e correttamente. 48 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

49 Le fasi di evoluzione del Team Forming: E la fase in cui il gruppo si forma, ciascuno cerca di capire e di trovare la propria posizione. Dal Leader ci si aspetta struttura e direzione; Storming: In questa fase i membri esercitano la critica. Gli obiettivi sono corretti? Abbiamo il giusto leader? E una fase critica e necessaria; Norming: I conflitti si risolvono, il lavoro inizia, si sono stabilite le regole implicite della cooperazione; Performing: Il Team inizia ad essere maturo, si lavora bene e serenamente insieme, la qualità del lavoro è crescente. 49 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

50 Lo stile di leadership nelle diverse fasi Direttivo: Nella fase in cui il gruppo si forma le persone si conoscono e si appoggiano al leader per le decisioni; Vendita ed influenza: Nella fase storming i membri cercano la convinzione, devono persuadersi che il gruppo va nella direzione giusta; Partecipativo: Il gruppo trova il proprio equilibrio, il leader partecipa ed incoraggia; Delegante: Il Team inizia ad essere maturo e produttivo, il leader può delegare i compiti e concentrarsi sulla gestione del progetto. 50 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

51 Facciamo il punto I momenti di interazione diretta tra i membri sono cruciali per lo sviluppo del Team Gli obiettivi individuali devono essere anch essi soddisfatti nel lavoro del Team; Il progetto è importante e tutti dobbiamo esserne convinti e sapere perché; Obiettivi, ruoli, responsabilità, procedure e relazioni vanno considerati, e gestiti, in questo ordine. Il buon Team non compete al suo interno, compete all esterno; Il buon Project Manager cambia il suo stile di leadership in funzione dell evoluzione del Team. 51 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

52 Un esercizio Trovare il primo lavoro Sviluppare la missione del progetto; Quale è il problema? Obiettivi e rischi; Sviluppare la Work Breakdown Structure del progetto; Ipotizzare la schedula e discutere il cammino critico. 52 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

53 Il tema di questa settimana Un progetto d impresa (inclusa l infrastruttura ed i locali) Sviluppare la missione del progetto; Quale è il problema? Obiettivi e rischi; Sviluppare la Work Breakdown Structure del progetto; Inserire lo strumento software; Ipotizzare la schedula e discutere il cammino critico. 53 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

54 Riferimenti Riferimenti software Ganttproject (documentazione ed eseguibile: E un software multipiattaforma e gira sulla Java Virtual Machine del vostro computer. 54 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

Il Project Management

Il Project Management Il Project Management con l ausilio di strumenti informatici A cura di Paolo Tateo Il Project Management Tecnica per la gestione sistemica di un'impresa complessa, unica e di durata determinata, rivolta

Dettagli

Il Progetto e il Project Management

Il Progetto e il Project Management Il Progetto e il Project Management Metodologie di Specifica del Software Per contattare il docente Dr. Anna Rita Laurenzi email: annarita.laurenzi@insiel.it cell.+39 3356368206 Agenda Progetto e Project

Dettagli

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 LEZIONE LA GESTIONE DEI PROGETTI DOTT. GIUSEPPE IULIANO Indice 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 1.1 La prima fase di impostazione ---------------------------------------------------------------------7

Dettagli

Il Project management. Lo sviluppo di attività complesse in un ottica di progetto

Il Project management. Lo sviluppo di attività complesse in un ottica di progetto Il Project management Lo sviluppo di attività complesse in un ottica di progetto Progetto. La nozione Un progetto costituisce un insieme di attività, complesse e interrelate, aventi come fine un obiettivo

Dettagli

ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE

ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE Urbino: 3 e 4 ottobre 2008 A cura di: Stefano Santini sve@provincia.ps.it Definizione di progetto Opera complessa, unica e di durata limitata rivolta a produrre un risultato

Dettagli

Pianificazione e gestione di progetto. Adozione di tecniche e metodologie usate anche in settori diversi dalla progettazione sw

Pianificazione e gestione di progetto. Adozione di tecniche e metodologie usate anche in settori diversi dalla progettazione sw Pianificazione e gestione di progetto Responsabile di progetto: attività 1) Pianificazione 2) Organizzazione 3) Gestione del personale (staffing) 4) Direzione 5) Controllo Adozione di tecniche e metodologie

Dettagli

Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management. Work Breakdown Structure (WBS) (2) Work Breakdown Structure (WBS) (3)

Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management. Work Breakdown Structure (WBS) (2) Work Breakdown Structure (WBS) (3) Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management Work Breakdown Structure, Organizational Breakdown Structure, GANTT, Pert È una illustrazione (grafica) del progetto che articola il

Dettagli

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IMPIANTI INDUSTRIALI. Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it. Andrea Chiarini 1

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IMPIANTI INDUSTRIALI. Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it. Andrea Chiarini 1 IMPIANTI INDUSTRIALI Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it Andrea Chiarini 1 PARTE 5 PIANIFICAZIONE DELLE FASI DI UN PROGETTO Andrea Chiarini 2 PROGETTAZIONE E SVILUPPO DEL PRODOTTO E DEL PROCESSO

Dettagli

Unità Formativa 10.2: Strumenti per la programmazione delle attività.

Unità Formativa 10.2: Strumenti per la programmazione delle attività. Unità Formativa 10.2: Strumenti per la programmazione delle attività. Nella precedente Unità formativa si è fatto cenno ad alcuni strumenti molto diffusi per la programmazione delle attività e, in particolare,

Dettagli

IL PROCESSO TECNICO DI SCHEDULAZIONE: TEMPI E COSTI DI UN PROJECT LABORATORIO INTEGRATO DI COSTRUZIONE E PRODUZIONE LEZIONE 4

IL PROCESSO TECNICO DI SCHEDULAZIONE: TEMPI E COSTI DI UN PROJECT LABORATORIO INTEGRATO DI COSTRUZIONE E PRODUZIONE LEZIONE 4 IL PROCESSO TECNICO DI SCHEDULAZIONE: TEMPI E COSTI DI UN PROJECT UNA VOLTA CREATA LA WBS E, QUINDI, INDIVIDUATA CIASCUNA PARTE ELEMENTARE DEL PROJECT, SI PASSA ALLA SCHEDULAZIONE CHE CONSISTE NELL ASSEGNARE

Dettagli

Il project management: tecniche e strumenti

Il project management: tecniche e strumenti 122109CFC1209_0982a0987.qxd 30-11-2009 8:47 Pagina 982 pianificazione, finanza Il project management: tecniche e strumenti Le fasi: tre momenti fondamentali Fabrizio Bencini Dottore commercialista, Partner

Dettagli

6. La gestione del contenuto del progetto

6. La gestione del contenuto del progetto 6. La gestione del contenuto del progetto Il primo processo di pianificazione riguarda la definizione di tutto e solo ciò che riguarda il progetto. Occorre passare dalla descrizione dell oggetto finale

Dettagli

MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI

MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI Project Management Alessandro Silvestri A.A. 010/011 1 AGENDA - Introduzione PROJECT MANAGEMENT - TECNICHE DI BASE - TECNICHE RETICOLARI PERT Deterministico (CPM) PERT

Dettagli

Project Management. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali.

Project Management. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Project Management. di Simone Cavalli (simone.cavalli@unibg.it) Bergamo, Maggio 2010 Project Management: definizioni Progetto: Progetto si definisce, di regola, uno

Dettagli

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (2 parte)

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (2 parte) Paolo Mazzoni 2011. E' ammessa la riproduzione per scopi di ricerca e didattici se viene citata la fonte completa nella seguente formula: "di Paolo Mazzoni, www.paolomazzoni.it, (c) 2011". Non sono ammesse

Dettagli

Introduzione. Il Project Management (PM) riguarda il raggiungimento di risultati grazie all ottimizzazione delle risorse esistenti

Introduzione. Il Project Management (PM) riguarda il raggiungimento di risultati grazie all ottimizzazione delle risorse esistenti Università degli Studi di Cagliari D.I.M.C.M. Introduzione Il Proect Management (PM) riguarda il raggiungimento di risultati grazie all ottimizzazione delle risorse esistenti Gestione dei Progetti Prof.

Dettagli

Dalla storia antica ai tempi moderni

Dalla storia antica ai tempi moderni Dalla storia antica ai tempi moderni Il termine project management oggi ampiamente diffuso nel mondo dell ICT (Information and Communication Technologies) fa, da sempre, riferimento alla organizzazione

Dettagli

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (1^ parte)

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (1^ parte) Paolo Mazzoni 2011. E' ammessa la riproduzione per scopi di ricerca e didattici se viene citata la fonte completa nella seguente formula: "di Paolo Mazzoni, www.paolomazzoni.it, (c) 2011". Non sono ammesse

Dettagli

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 11: valutazione costi diagramma di PERT Prof.ssa R. Folgieri email: folgieri@dico.unimi.it folgieri@mtcube.com 1 Da ricordare:

Dettagli

Project Management - Pianificazione e Progettazione. Niccolò Cusumano

Project Management - Pianificazione e Progettazione. Niccolò Cusumano Project Management - Pianificazione e Progettazione Niccolò Cusumano Che cos è un PROGETTO? Attività con un inizio e una fine Costituito da un insieme di attività correlate Svolto da un gruppo di persone

Dettagli

IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice

IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice CORSO DI ALTA FORMAZIONE 38 ORE IN AULA 8 Moduli Didattici Roma, dal 13 novembre al 5 dicembre 2015 Hotel

Dettagli

Processi principali per il completamento del progetto

Processi principali per il completamento del progetto Piano di progetto È un documento versionato, redatto dal project manager per poter stimare realisticamente le risorse, i costi e i tempi necessari alla realizzazione del progetto. Il piano di progetto

Dettagli

Il Project Management. Dott.ssa Alessia Sozio

Il Project Management. Dott.ssa Alessia Sozio Il Project Management Dott.ssa Alessia Sozio PROJECT Un insieme di persone e di altre risorse temporaneamente riunite per raggiungere uno specifico obbiettivo, di solito con un budget determinato ed entro

Dettagli

COMUNICAZIONE PER IL MANAGEMENT D IMPRESA

COMUNICAZIONE PER IL MANAGEMENT D IMPRESA COMUNICAZIONE PER IL MANAGEMENT D IMPRESA Roma, aprile 2015 Project Management (Prof. A. Rocchi) A cosa si riferisce Diverse sono le problematiche relative alla gestione dei progetti all interno di ogni

Dettagli

Introduzione al Project Management

Introduzione al Project Management Introduzione al Project Management Che cos è il project management Gestione di un impresa complessa, unica e di durata determinata rivolta al raggiungimento di un obiettivo chiaro e predefinito mediante

Dettagli

B1 LA PROGETTAZIONE. PROGRAMMA: gruppo di progetti con un obiettivo comune.

B1 LA PROGETTAZIONE. PROGRAMMA: gruppo di progetti con un obiettivo comune. ATTIVITÀ ORDINARIA : operazione svolta periodicamente con obiettivo implicito e tempi, risorse e costi standard (Es.di Attività Ordinaria: buste paga, pagamento fornitori) PROGETTO : ha un obiettivo esplicito

Dettagli

Work Breakdown Structure Diagramma di Gantt PERT/CPM

Work Breakdown Structure Diagramma di Gantt PERT/CPM Work Breakdown Structure Diagramma di Gantt PERT/CPM C. Noè WBS Si tratta di uno strumento di supporto alla scomposizione analitica di un progetto in tutte le sue parti. Ciò facilita l attribuzione di

Dettagli

IV. TEMPI E RISORSE: STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO

IV. TEMPI E RISORSE: STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO IV. TEMPI E RISORSE: STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Dopo aver affrontato la prima stesura del POP, si deve passare piano al vaglio del committente per avere il via definitivo. Se OK Si procede

Dettagli

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base)

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) ISIPM Base Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) Gruppo B Conoscenze Tecniche e Metodologiche Syllabus da 2.1.1 a 2.7.1 1 Tema: Gestione Ambito del Progetto e Deliverable

Dettagli

Lezione n.15 IL CRONOPROGRAMMA

Lezione n.15 IL CRONOPROGRAMMA Lezione n.15 IL CRONOPROGRAMMA Prof. arch. Renato Laganà Articolo 17. All. XXI Codice Appalti Cronoprogramma. 1. Il progetto definitivo è corredato dal cronoprogramma delle lavorazioni, redatto anche al

Dettagli

Realizzare un Progetto Informatico

Realizzare un Progetto Informatico ISTITUTO TECNICO QUINTO ANNO Realizzare un Progetto Informatico GIORGIO PORCU www.thegiorgio.it Sommario Pianificazione Aspetti della pianificazione WBS (Work Breakdown Structure) Diagramma PERT Diagramma

Dettagli

Le attività di project management

Le attività di project management Le attività di project management 1 Corso di Gestione della Produzione II Le caratteristiche dei processi oggetto di analisi 1. Attraversano l organizzazione, in quanto richiedono molteplici competenze

Dettagli

La gestione dei tempi IL CRONOPROGRAMMA

La gestione dei tempi IL CRONOPROGRAMMA Dipartimento di Architettura e Territorio darte Corso di Studio in Architettura quinquennale Classe LM-4 Corso di Project Management, Gestione OO.PP e Cantiere - C prof. Renato G. Laganà La gestione dei

Dettagli

5 Gestione dei progetti software. 5.1 Attività gestionale. Sistemi Informativi I Lezioni di Ingegneria del Software

5 Gestione dei progetti software. 5.1 Attività gestionale. Sistemi Informativi I Lezioni di Ingegneria del Software 5 Gestione dei progetti software. Dopo aver completato lo studio del ciclo di vita del software, in questa parte vengono discussi gli aspetti gestionali della produzione del software. Vengono esaminate

Dettagli

La gestione dei progetti informatici

La gestione dei progetti informatici Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Ingegneria del Software La gestione dei progetti informatici Giulio Destri Ing. del Sw: Gestione - 1 Scopo

Dettagli

IL CRONOPROGRAMMA 04/05/2015

IL CRONOPROGRAMMA 04/05/2015 Corso di Progettazione e Organizzazione della Sicurezza nel Cantiere - prof. arch. Renato G. Laganà IL CRONOPROGRAMMA Prof. arch. Renato Laganà Articolo 17. All. XXI Codice Appalti Cronoprogramma. 1. Il

Dettagli

PERT e CPM Cenni storici

PERT e CPM Cenni storici CPM e PERT PERT e CPM Le tecniche CPM (Critical Path Method) e PERT (Program Evaluation and Review Technique) consentono lo sviluppo del programma di un progetto attraverso la programmazione delle attività

Dettagli

ing. consuelo rodriguez

ing. consuelo rodriguez TECNICHE DI PROGRAMMAZIONE La ricerca operativa La ricerca operativa può essere considerata una scienza finalizzata allo studio di problemi decisionali. Consiste in un sistema di analisi quantitativo finalizzato

Dettagli

Gestione parte IIC. Diagrammi di Gantt. Esempio. Schemi di scomposizione delle attività

Gestione parte IIC. Diagrammi di Gantt. Esempio. Schemi di scomposizione delle attività Schemi di scomposizione delle attività Gestione parte IIC Work Breakdown Structures (WBS) Struttura ad albero: radice: attività principale i nodi figli rappresentano la scomposizione del nodo padre le

Dettagli

Stima delle Risorse di un Progetto

Stima delle Risorse di un Progetto Stima delle Risorse di un Progetto di Vito Madaio (Quali sono i benefici delle stime, i principali approcci e come utilizzarle nei progetti reali.) La stima delle esigenze di risorse di solito si effettua

Dettagli

Tecniche di pianificazione

Tecniche di pianificazione IT Project Management Lezione 7 ecniche di Pianificazione Federica Spiga.. 2009-2010 1 Check list del PM Identificare i requisiti del cliente Monitoring del progetto (Earned Value) Identificare i deliverable

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DEI TEMPI

LA PIANIFICAZIONE DEI TEMPI LA PIANIFICAZIONE DEI TEMPI Giordano Renato Gariboldi Responsabile Controllo di Gestione e Controllo Progetti Divisione E.& P. giordano. gariboldi@sini.it Comitato Direttivo Corsi ANIMP 1 PIANIFICAZIONE

Dettagli

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Paolo Salvaneschi A6_1 V2.0. Gestione. Pianificazione e gestione del progetto

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Paolo Salvaneschi A6_1 V2.0. Gestione. Pianificazione e gestione del progetto Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi A6_1 V2.0 Gestione Pianificazione e gestione del progetto Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli

Dettagli

GESTIONE DEI PROGETTI

GESTIONE DEI PROGETTI GESTIONE DEI PROGETTI Problema del management Fallimento negli anni 60, inizio 70 Non tanto dovuto alla competenza Un buon management non garantisce il successo ma un cattivo management risulta spesso

Dettagli

GESTIONE DEI PROGETTI. Inizio

GESTIONE DEI PROGETTI. Inizio GESTIONE DEI PROGETTI Problema del management Fallimento negli anni 60, inizio 70 Non tanto dovuto alla competenza Un buon management non garantisce il successo ma un cattivo management risulta spesso

Dettagli

GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE

GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE Alta Formazione per il Business Executive master GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE Bologna, 4 maggio 2013 introduzione al Project management a cura del dott. Stefano Soglia Materiale riservato alla

Dettagli

TECNICHE DI PROGRAMMAZIONE

TECNICHE DI PROGRAMMAZIONE CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE TECNICA E SICUREZZA DEI CANTIERI TECNICHE DI PROGRAMMAZIONE Nicola Marotta La programmazione nel cantiere edile La programmazione dei lavori all interno di un cantiere

Dettagli

PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER

PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER CODICE PM 10.25 DURATA 10 giorni CATEGORIA Project Management DESTINATARI Project manager, responsabili di funzione, membri del Project Management Office, dirigenti,

Dettagli

Sistemi Informativi per l Azienda ed il Mercato

Sistemi Informativi per l Azienda ed il Mercato Modulo 2 Sistemi Informativi per l Azienda ed il Mercato 1 Sistemi Informativi per l Azienda ed il Mercato- Modulo 2 Modulo 2 Progetti e Project Management Il secondo modulo del corso tratta di progetti

Dettagli

Strumenti per il Project Management. GanttProject cos è e come si usa. GanttProject

Strumenti per il Project Management. GanttProject cos è e come si usa. GanttProject Strumenti per il Project Management cos è e come si usa. Angelo Caruso, 2010 1 Open Source; Gestione tempo e risorse progettuali; Produce diagrammi Gantt e PERT; Ottimo per la didattica; Importa file MPX;

Dettagli

BIBLIOGRAFIA Project Management. La metodologia dei 12 Step. Come applicarla in tempo reale per gestire con successo piccoli e grandi progetti - Antonello Bove, ED. Hoepli, 2014 Project Management. La

Dettagli

Le tecniche di scheduling (1)

Le tecniche di scheduling (1) Le tecniche di scheduling (1) Sono la base di tutto il processo di pianificazione, e fornisco al management gli elementi per decidere come utilizzare le risorse per raggiungere gli obiettivi di costo e

Dettagli

Leveling delle attività

Leveling delle attività Leveling delle attività Metodi per risolvere i conflitti di allocazione delle attività Allocare in modo non-uniforme Ritardare un attività Prima le attività con slack più alto Nel caso di attività con

Dettagli

Strumenti per il Project Management

Strumenti per il Project Management CORSO DI Gestione aziendale Facoltà di Ingegneria Strumenti per il Project Management Carlo Noè Università Carlo Cattaneo Istituto di Tecnologie e-mail: cnoe@liuc.it AGENDA Strumenti per il Project Management

Dettagli

PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DEI LAVORI

PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DEI LAVORI PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DEI LAVORI OBIETTIVI Individuazione delle singole attività elementari Loro organizzazione su differenti livelli di dettaglio Definizione di una struttura di controllo P.D.Patrone,

Dettagli

Obiettivi della Lezione. Project Management. Software Project Management. Che cos è un progetto

Obiettivi della Lezione. Project Management. Software Project Management. Che cos è un progetto Project Management Dott. Andrea F. Abate e-mail: abate@unisa.it Web: http://www.dmi.unisa.it/people/abate Gestione di Progetti Software: Pianificazione delle attività e rappresentazioni grafiche Obiettivi

Dettagli

Il Project Management

Il Project Management Corso di LOGISTICA INDUSTRIALE LS Prof. Ing. Cesare Saccani Il Project Management PIANIFICAZIONE E AVVIAMENTO DEL PROGETTO DIEM - Università degli Studi di Bologna Agenda Project Management Le strutture

Dettagli

IL PROJECT MANAGEMENT

IL PROJECT MANAGEMENT IL PROJECT MANAGEMENT Scopi e campi di applicazione La pianificazione del progetto Le tecniche di pianificazione del progetto Le tecniche di pianificazione dei tempi La gestione e il controllo del progetto

Dettagli

Gestione dei Progetti (2005-2006)

Gestione dei Progetti (2005-2006) Gestione dei Progetti (2005-2006) Alessandro Agnetis DII Università di Siena (Alcune delle illustrazioni contenute nella presentazione sono tratte da PMBOK, a guide to the Project Management Body of Knowledge,

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT: Utilità, Contenuti, compiti e Responsabilità. Dott. Dario Fresa

PROJECT MANAGEMENT: Utilità, Contenuti, compiti e Responsabilità. Dott. Dario Fresa PROJECT MANAGEMENT: Utilità, Contenuti, compiti e Responsabilità Dott. Dario Fresa 1 I. L utilità e i contenuti del Project Management II. Metodi di Pianificazione e Strumenti 2 Il project management A

Dettagli

Governare il tempo IV Bando l.r. 28/2004

Governare il tempo IV Bando l.r. 28/2004 Governare il tempo IV Bando l.r. 28/2004 Progettare il tempo Il metodo, il processo e gli strumenti della progettazione in ottica temporale Costantina Regazzo, Antiforma srl - Milano Percorso formativo

Dettagli

Prefazione. Parte I Informazioni preliminari 1. Capitolo 1 Introduzione 3

Prefazione. Parte I Informazioni preliminari 1. Capitolo 1 Introduzione 3 Prefazione IX Parte I Informazioni preliminari 1 Capitolo 1 Introduzione 3 Immaginate.................................................... 3 Contenuto del libro..............................................

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE La Work Breakdown Structure La WBS è uno strumento di pianificazione delle attività progettuali che comporta un lavoro di: 1) suddivisione

Dettagli

La procedura di programmazione e gestione del progetto

La procedura di programmazione e gestione del progetto Università degli Studi di Trento Programmazione Costi e Contabilità lavori a.a. 2003-4 La procedura di programmazione e gestione del progetto Marco Masera, dott. arch., d.d.r. ing. marco.masera@ing.unitn

Dettagli

Il Diagramma di Gantt

Il Diagramma di Gantt Il Diagramma di Gantt Alessandro De Nisco Università del Sannio Il Diagramma di Gantt COSA E IL DIAGRAMMA DI GANTT Esempio UN ESEMPIO DI DIAGRAMMA DI GANTT..COSA MANCA? Come si Costruisce. SI PARTE DALLA

Dettagli

PIANIFICAZIONE DEL PROGETTO E PROGRAMMAZIONE TEMPORALE

PIANIFICAZIONE DEL PROGETTO E PROGRAMMAZIONE TEMPORALE Minimaster in PROJECT MANAGEMENT PIANIFICAZIONE DEL PROGETTO E PROGRAMMAZIONE TEMPORALE Giovanni Francesco Salamone COMPETENZE TECNICHE PIANIFICAZIONE DEL PROGETTO E PROGRAMMAZIONE TEMPORALE ( ICB 3 Elemento

Dettagli

FORMAZIONE PROFESSIONALE

FORMAZIONE PROFESSIONALE PRO.GE.A. PROGETTO GESTIONE AZIENDA Sede Legale: Via XXV Aprile, 206 21042 Caronno Pertusella (Va) Sede Operativa: Via IV Novembre, 455 21042 Caronno Pertusella (Va) Tel. 02.96515611 Fax 02.96515655 Uffici

Dettagli

Pianificazione e progettazione

Pianificazione e progettazione Pianificazione e progettazione L analisi preventiva degli eventi e delle loro implicazioni rappresenta una necessità sempre più forte all interno di tutte le organizzazioni variamente complesse. L osservazione

Dettagli

Corso Project Management

Corso Project Management Project Management Corso Project Management BASI PROJECT MANAGEMENT PIANIFICAZIONE CONTROLLO Lo schema di base... Pianificazione ed organizzazione WBS WP e responsabilità Analisi dei rischi Modalità di

Dettagli

Software project management. www.vincenzocalabro.it

Software project management. www.vincenzocalabro.it Software project management Software project management Sono le attività necessarie per assicurare che un prodotto software sia sviluppato rispettando le scadenze fissate rispondendo a determinati standard

Dettagli

Gestione. di progetto. Gestione di progetto. IS 2011 - Ingegneria del Software 1. Contenuti. Fondamenti. Criticità. Gestione dei rischi 1

Gestione. di progetto. Gestione di progetto. IS 2011 - Ingegneria del Software 1. Contenuti. Fondamenti. Criticità. Gestione dei rischi 1 Contenuti Gestione di progetto Ruoli professionali Pianificazione di progetto Ingegneria del Software Stima dei costi di progetto V. Ambriola, G.A. Cignoni, C. Montangero, L. Semini Seminario: rischi di

Dettagli

Scuola di formazione all Impegno Sociale e Poli5co. Corso di Amministrazione Avanzata DAI PROGRAMMI AI PROGETTI

Scuola di formazione all Impegno Sociale e Poli5co. Corso di Amministrazione Avanzata DAI PROGRAMMI AI PROGETTI Scuola di formazione all Impegno Sociale e Poli5co Strumen5 e Metodi per agire nel Sociale e in Poli5ca DIOCESI DI VERONA Corso di Amministrazione Avanzata DAI PROGRAMMI AI PROGETTI Sabato 12 maggio 2012

Dettagli

Gestione di progetto. Gestione di progetto. Criticità. Fattori di rischio. Fondamenti. Istanziare processi nel progetto

Gestione di progetto. Gestione di progetto. Criticità. Fattori di rischio. Fondamenti. Istanziare processi nel progetto Criticità Gestione di progetto Ingegneria del Software V. Ambriola, G.A. Cignoni, C. Montangero, L. Semini Aggiornamenti: T. Vardanega (UniPD) Il prodotto SW è intangibile e (troppo) flessibile Al software

Dettagli

Scopo della WBS. La regola del 100% Orientamento ai risultati

Scopo della WBS. La regola del 100% Orientamento ai risultati Le problematiche delle fasi del progetto CONCEZIONE ELABORAZIONE FINANZIAMENTO NEGOZIAZIONE ATTUAZIONE ATTUAZIONE - Definizione della successione delle attività esecutive - Allocare le risorse - Pianificare

Dettagli

IL PROJECT MANAGEMENT

IL PROJECT MANAGEMENT Dipartimento di Architettura e Territorio darte Corso di Studio in Architettura quinquennale Classe LM-4 a.a.2014-2015 Corso di Project Management, Gestione OO.PP e Cantiere - C prof. Renato G. Laganà

Dettagli

YOUTH ON THE MOVE YOUTH ON THE MOVE I GIOVANI PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO: NUOVE IDEE E PROGETTI INNOVATIVI

YOUTH ON THE MOVE YOUTH ON THE MOVE I GIOVANI PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO: NUOVE IDEE E PROGETTI INNOVATIVI YOUTH ON THE MOVE Contenuti La WBS: struttura del work plan per work packages, activities and actions. La OBS: il partenariato e i team di lavoro, la gestione delle risorse umane nel progetto. Lo scheduling:

Dettagli

Introduzione: l impresa edile... 2 Gli accordi contrattuali... 2 La pianificazione... 2 I cantieri... 2 Eterogeneità delle componenti del prodotto

Introduzione: l impresa edile... 2 Gli accordi contrattuali... 2 La pianificazione... 2 I cantieri... 2 Eterogeneità delle componenti del prodotto Appunti di Economia Capitolo 11 Programmazione e controllo dei progetti Introduzione: l impresa edile... 2 Gli accordi contrattuali... 2 La pianificazione... 2 I cantieri... 2 Eterogeneità delle componenti

Dettagli

FORMAZIONE AVANZATA. Corso di introduzione al Project Management

FORMAZIONE AVANZATA. Corso di introduzione al Project Management FORMAZIONE AVANZATA Corso di introduzione al Project Management 1 1. Scenario di riferimento La costante diminuzione delle risorse di bilancio e dei trasferimenti pubblici, da un lato, e la necessità di

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E PIANIFICAZIONE DEL PROCESSO DI SVILUPPO PRODOTTO

ORGANIZZAZIONE E PIANIFICAZIONE DEL PROCESSO DI SVILUPPO PRODOTTO ORGANIZZAZIONE E PIANIFICAZIONE DEL PROCESSO DI SVILUPPO PRODOTTO 151 Organizzazione e pianificazione del processo di sviluppo prodotto (1/2) Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica

Dettagli

3. SOFTWARE MANAGEMENT

3. SOFTWARE MANAGEMENT 3. SOFTWARE MANAGEMENT Introdurre caratteristiche e problematiche della direzione di progetto software (software management) Discutere la pianificazione di un progetto e la temporizzazione (scheduling)

Dettagli

I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione :

I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione : Il Project Management nelle Aziende Sanitarie Tipologie di progetti nelle ASL-AOAO I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione

Dettagli

La gestione per progetti

La gestione per progetti La gestione per progetti Uno sforzo temporaneo intrapreso per creare un prodotto, un servizio o un risultato (PMI- Project Management Institute,, da PMBOK 3rd edition, 2004), ovvero sforzo complesso comportante

Dettagli

Project Management e Controllo del Progetto - di Stefano Orlandi (*)

Project Management e Controllo del Progetto - di Stefano Orlandi (*) a cura di - Coordinatore della Sezione Quadri Project Management e Controllo del Progetto - di Stefano Orlandi (*) L implementazione di un sistema di Project Management all interno della propria organizzazione

Dettagli

Project Management Metodologie e Tecniche per la gestione di progetti

Project Management Metodologie e Tecniche per la gestione di progetti Project Management Metodologie e Tecniche per la gestione di progetti Amir Baldissera amir.baldissera@mentis.it Milano, 18 Ottobre 2008 Cos è IWA/HWG IWA/HWG è un Associazione professionale no profit riconosciuta

Dettagli

Modelli dei Sistemi di Produzione Modelli e Algoritmi della Logistica 20010-11

Modelli dei Sistemi di Produzione Modelli e Algoritmi della Logistica 20010-11 Modelli dei Sistemi di Produzione Modelli e Algoritmi della Logistica 20010-11 Project Scheduling: Reti di attività CARLO MANNINO Sapienza Università di Roma Dipartimento di Informatica e Sistemistica

Dettagli

Scope Management. IT Project Management. Lezione 3 Scope Management. Monitoring del progetto (Earned Value) Creazione diagrammi Pert/CPM/Gantt

Scope Management. IT Project Management. Lezione 3 Scope Management. Monitoring del progetto (Earned Value) Creazione diagrammi Pert/CPM/Gantt IT Project Management Lezione 3 Scope Management Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Check list del PM Identificare i requisiti del cliente Monitoring del progetto (Earned Value) Identificare i deliverable

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT CORSI DI ALTA FORMAZIONE MANAGEMENT.LUM.IT IPMA EDUCATION E REGISTRATION. Project Management Base. Project Management Avanzato

PROJECT MANAGEMENT CORSI DI ALTA FORMAZIONE MANAGEMENT.LUM.IT IPMA EDUCATION E REGISTRATION. Project Management Base. Project Management Avanzato PROJECT MANAGEMENT CORSI DI ALTA FORMAZIONE A.A. 2013-2014 MANAGEMENT.LUM.IT IPMA EDUCATION E REGISTRATION Project Management Base Project Management Avanzato PROJECT MANAGEMENT PREMESSA Il Project Management

Dettagli

Corso Base di Project Management 3 giorni (21 ore)

Corso Base di Project Management 3 giorni (21 ore) Corso Base di Project Management 3 giorni (21 ore) Mettere in grado i partecipanti di acquisire la conoscenza della disciplina del project management affinchè essi possano successivamente affrontare e

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

CAPITOLO 3: STIMA DI RISORSE E DURATA DELLE ATTIVITÀ

CAPITOLO 3: STIMA DI RISORSE E DURATA DELLE ATTIVITÀ INDICE INTRODUZIONE CAPITOLO 1: DEFINIZIONE DELLE ATTIVITÀ 1.1 WBS (Work Breakdown Structure) 1.2 L OBS e la matrice delle responsabilità CAPITOLO 2: COSTRUZIONE DEL RETICOLO 2.1 Sequenzializzazione delle

Dettagli

LA GESTIONE DEI PROGETTI

LA GESTIONE DEI PROGETTI Mara Bergamaschi LA GESTIONE DEI PROGETTI Copyright SDA-Bocconi Nota didattica PA 2365 LA GESTIONE DEI PROGETTI Di Mara Bergamaschi SOMMARIO: La nozione di progetto; L importanza di un project management

Dettagli

Giornate della Qualità - corso avanzato 2005.

Giornate della Qualità - corso avanzato 2005. Azienda Ospedaliera Ospedale Civile di Legnano Giornate della Qualità - corso avanzato 2005. Aspetti della progettazione applicati alla sanità. Cosa si intende per progettazione Le tappe della progettazione

Dettagli

Progetto regionale Abruzzo Scuola Digitale. Project Management. (cenni) Ing. Giovanni Pisano Conferenze di servizio, ottobre 2015

Progetto regionale Abruzzo Scuola Digitale. Project Management. (cenni) Ing. Giovanni Pisano Conferenze di servizio, ottobre 2015 Progetto regionale Abruzzo Scuola Digitale Project Management (cenni) Ing. Giovanni Pisano Conferenze di servizio, ottobre 2015 1 COSA INTENDIAMO PER PROGETTO? Un progetto è un complesso unico e coordinato

Dettagli

02: Project Management

02: Project Management 02: Project Management Le tre P del project management Persone motivate / esperte SEI PM-CMM (People Management Capability Maturity Model) assunzione / selezione addestramento / cultura di gruppo stipendio

Dettagli

ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO

ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO Anno Accademico 2013 2014 PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DELLE IMPRESE TURISTICHE Lezione 4 Project Management PROJECT MANAGEMENT Il project management

Dettagli

Il Ciclo di Progetto e il Piano di Progetto

Il Ciclo di Progetto e il Piano di Progetto Il Ciclo di e il Piano di Alessandro De Nisco Università del Sannio Il Ciclo di IL CICLO DI VITA DEL PROGETTO RISORSE TEMPO IDEAZIONE VALUTAZIONE PIANIFICAZIONE REALIZZAZIONE MANUTENZIONE FASE INIZIALE

Dettagli

Cardinis. Cardinis. Progetti.Comunicazione.Innovazione. CARDINIS. Progetti. Comunicazione. Innovazione. OST Organizzazione Sistemi Tecnologie

Cardinis. Cardinis. Progetti.Comunicazione.Innovazione. CARDINIS. Progetti. Comunicazione. Innovazione. OST Organizzazione Sistemi Tecnologie CARDINIS Progetti. Comunicazione. Innovazione. OST Organizzazione Sistemi Tecnologie Via T. Aspetti, 157-35134 Padova tel: 049-60 90 78 fax: 049-88 95 780 e-mail: ost@ost.it web: www.ost.it 1 Nome e Logo

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca. Liceo Tecnologico. Indirizzo Logistica e Trasporti

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca. Liceo Tecnologico. Indirizzo Logistica e Trasporti Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Tecnologico Indicazioni nazionali per i Piani di Studio Personalizzati Obiettivi Specifici di Apprendimento Allegato_C8-LT-08-Logistica

Dettagli