Sistemi Informativi Aziendali II

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi Informativi Aziendali II"

Transcript

1 Modulo 5 Sistemi Informativi Aziendali II 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

2 Modulo 5 La gestione dei Progetti (Project Management): Generalità e metodologie; Gestire un progetto con uno strumento informatico (esercitazione). 2 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

3 Generalità sul Project Management Cosa è un progetto? Cosa è il Project Management? Gli aspetti umani; Le fasi di gestione di un progetto; Il Sistema di Gestione Progetto. 3 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

4 Cosa è un progetto? A project is a problem scheduled for solution (J.M. Juran); Un problema è la distanza tra dove ci troviamo e dove vorremmo essere, con un ostacolo che ci impedisce di percorrere facilmente la distanza; Alcune riflessioni: Qual è lo stato finale desiderato? Cosa impedisce, o rende difficile, il raggiungerlo? Come sapremo di aver davvero raggiunto il risultato? 4 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

5 Cosa è il Project Management? E l insieme delle attività di programmazione, pianificazione e controllo del progetto per ottenerne gli obiettivi; Chiamiamo obiettivi: Costo del progetto (risorse); Tempo necessario; Ambito del progetto (dimensione); Risultato previsto; Qualità del risultato ottenuto. 5 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

6 Cosa è il Project Management? (2) Cost= f(p, T, S) P -> Performance T -> Time S -> Scope N.B. La relazione tra le variabili di un progetto è complessa; ad esempio non sempre aumentando la risorsa persone si ha una diminuzione del tempo necessario. 6 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

7 Gli aspetti umani I fattori che influenzano il successo di un progetto sono molteplici: E ben pianificato? Il problema è ben definito? Il tempo previsto è realistico?. Altri importanti fattori: Le persone giuste; Il giusto management; Il buon Project Manager governa con molta attenzione anche gli aspetti umani. 7 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

8 Le fasi di gestione di un progetto Definire (identificare) il problema: Sviluppare opzioni di soluzione: Pianificare il progetto; Eseguire il piano; Verificare e governare il progresso; Chiudere il progetto. Senza dimenticare di accumulare l esperienza acquisita! 8 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

9 Il Sistema di Gestione Progetto Fattori Umani: Leadership; Negoziazione; Team Building; Motivazione; Comunicazione Capacità decisionali; Strumenti; Cultura: Valori; Attitudini; Tradizioni; 9 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

10 Il Sistema di Gestione Progetto (2) Organizzazione: Autorità; Responsabilità; Accountability ; Pianificazione; Informazione: Costi attuali e storici; Sistema informativo dei progetti; Controllo: A che punto siamo? A che punto dovremmo essere? Basato su informazione e pianificazione. 10 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

11 Facciamo il punto Un progetto è un problema di cui abbiamo strutturato la soluzione; Se non definiamo con precisione il problema, rischiamo di trovare la soluzione giusta al problema sbagliato; Dobbiamo focalizzarci sui risultati. Come facciamo a capire quando li abbiamo raggiunti? Cerchiamo di imparare da ciascun progetto, magari attraverso una valutazione finale. 11 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

12 Approccio alla pianificazione di progetto Perché pianificare; Cosa c è in un piano? Formulazione, approvazione ed evoluzioni del piani. 12 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

13 Pianificazione e controllo, parenti stretti! Il controllo consiste nel paragonare dove siamo con dove dovremmo essere, e quindi operare un azione correttiva in caso di scostamento; Il management è controllare l applicazione di risorse organizzative scarse per ottenere i risultati desiderati; Se non abbiamo un piano, non possiamo avere controllo! In sintesi non c è alternativa: abbiamo bisogno di un piano per governare tempi, costi e performance. 13 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

14 Cosa scriviamo in un piano di progetto? Definizione del problema da affrontare; Missione del team di progetto; Obiettivi del progetto; Requisiti del lavoro (lista di deliverables e milestones); Criteri di uscita (quando finisce una certa fase? Specifiche tecniche del risultato finale; 14 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

15 Cosa scriviamo in un piano di progetto? (2) Work Breakdown Structure (WBS); elenco gerarchico delle attività; Piano di dettaglio (schedula); Piano delle risorse (persone, strumenti, materiali ) Sistemi di controllo; Responsabilità; Aree di rischio e contingency plans. 15 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

16 Formulazione, approvazione e cambiamenti al piano E bene che chi lavorerà al progetto partecipi allo sviluppo del piano; Il piano deve essere esaminato ed approvato dagli stakeholders; Il piano deve essere pronto ad essere modificato con continuità; Valutare in anticipo rischi ed alternative per la loro gestione. Pensa a quanto è saggio il topolino, non affida mai la sua vita ad un solo buco. (Plauto) 16 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

17 Facciamo il punto Se non hai un piano non hai il controllo; Le persone che partecipano all esecuzione del piano dovrebbero partecipare alla stesura; L approvazione del piano è un impegno a realizzarlo da parte di chi approva (stakeholders); E importante curare la documentazione di progetto; Prima di procedere con il prossimo passo assicurarsi di aver completato il precedente; Approvare i cambiamenti così come il piano; L analisi del rischio è parte integrante della pianificazione. 17 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

18 Missione, scopi ed obiettivi L utilità della missione; Come definire la missione; Gli obiettivi del Progetto; La valutazione dei rischi. 18 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

19 L utilità di definire la missione Il documento che esprime la missione fornisce la base per definire: Scopi ed obiettivi; Modalità decisionali; Stile di azione; Inserimento di persone nel progetto; Definisce il problema del Cliente e garantisce l allineamento del progetto a questo; Alcuni progetti utilizzano la metodologia QFD (Quality Function Deployment) all interno della missione. 19 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

20 Il processo di definizione della missione Occorre articolare con cura la risposta ad alcune domande: Che cosa dobbiamo fare? Per chi lo facciamo? Quali sono i criteri, vincoli e filosofie con cui lo faremo? Questi sono concetti fondamentali, che dovranno ottenere la condivisione profonda da parte di tutti gli stakeholders. 20 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

21 In pratica Il problema da affrontare: Gli studenti della facoltà di economia hanno bisogno di conoscere i principali aspetti del Project Management in modo piano e concreto, senza scendere in troppi dettagli tecnici. La missione: La missione del progetto è produrre la presentazione per un seminario breve sul Project Management orientato alle applicazioni d impresa. La presentazione, su slide, dovrà usare un linguaggio preciso, ma non difficile, e contenere esempi pratici. 21 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

22 Gli Obiettivi del progetto Una volta articolata la missione del progetto, si definiscono gli Obiettivi; Gli obiettivi sono più specifici, definiscono cosa occorre fare per adempiere la missione; L obiettivo è un sostantivo, un risultato da raggiungere, l attività necessaria per raggiungerlo solitamente è espressa con un verbo. 22 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

23 Gli Obiettivi del progetto (2) E bene che gli obiettivi siano SMART: Specifici; Misurabili; Attuabili; Realistici; Temporalmente limitati. 23 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

24 In pratica La traccia della presentazione deve essere pronta una settimana prima del seminario; L applicazione da utilizzare in aula per gli esempi deve essere testata e funzionante due settimane prima; La presentazione su lucidi deve essere pronta il lunedì precedente la lezione; 24 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

25 La valutazione dei rischi di progetto Le aree di rischio: Le tempistiche; Il budget; La qualità del lavoro; La soddisfazione del Cliente; Le domande da porsi: Cosa potrebbe andare storto? Cosa ci potrebbe impedire di raggiungere gli obiettivi? Come possiamo prepararci a superare con successo queste difficoltà? 25 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

26 Facciamo il punto Una missione ben definita aiuta il team di progetto a fare ciò che ci si aspetta da loro; La missione dovrebbe essere articolata dai membri del team di progetto; Definita la missione, si può passare a fissare obiettivi ed azioni; E importante curare con continuità la documentazione di progetto; La valutazione dei rischi, molto importante, va fatta in positivo, chiedendosi come è possibile prepararsi ad affrontare positivamente eventuali situazioni impreviste o sfavorevoli. 26 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

27 Usare la WBS per pianificare Perché la WBS? Come sviluppare la WBS; Le criticità della stima. 27 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

28 Pianificare e Stimare Il processo di pianificazione passa necessariamente per la necessità di stimare ciò che occorre fare; Il concetto della Work Breakdown Structure: Un compito complesso può essere suddiviso in diversi compiti meno complessi. Questo processo di suddivisione può essere iterato fino a quando abbiamo singoli compiti di cui possiamo stimare le necessità di tempo e risorse con buona confidenza. 28 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

29 Per esempio Per rassettare la mia stanza devo: Raccogliere vestiti, libri ed altro dal pavimento e rimetterli al loro posto; Spolverare i mobili; Passare l aspirapolvere; Lavare i vetri; Ecc 29 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

30 La struttura generale di una WBS PROGETTO Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

31 Suggerimenti per sviluppare la WBS Scomporre fino a quando è possibile stimare con il grado di incertezza desiderato, ovvero si è arrivati alle durate tipiche di attività che si vuole gestire (giorni, settimane, ecc.); La stesura della WBS può essere scomposta per responsabilità tra le persone che seguiranno le diverse aree; Non confondere o mescolare la WBS con la schedulazione, (precedenze e tempi) che è bene fare successivamente. 31 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

32 Stimare tempi, costi e risorse A questo punto possiamo stimare la durata di ogni attività al livello più basso; La stima della durata sarà fatta su base statistica, sperimentale o modellistica; Ogni stima è affetta da errore ed esisterà sempre una varianza del valore ottenuto rispetto alla stima; Sperimentalmente una attività durerà di più, raramente meno di quanto stimato. 32 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

33 Facciamo il punto La WBS si usa per dividere un lavoro complesso in attività meno complesse, per renderne più semplice ed affidabile la stima; La WBS ci aiuta a non dimenticare pezzi, anche attraverso meccanismi di revisione; La WBS non contiene la sequenza delle attività; Le stime sono fatte, ove possibile, in base ad esperienza pregressa e tengono conto di chi eseguirà l attività; Le stime dovrebbero contenere una valutazione della loro attendibilità (Ad es. +/- 20%) e descrivere le condizioni e modalità in cui è stata fatta. 33 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

34 La schedulazione del progetto Cosa significa schedulare? Il Diagramma di Gantt; I diagrammi reticolari; Il cammino critico. 34 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

35 Schedulare Significa collocare le attività indicate nella WBS nel tempo, rispettando le precedenze; E l operazione che caratterizza il Project Management, spesso viene erroneamente confusa con esso; Esistono diversi software che aiutano nella fase di schedulazione. Occorre comunque una buona conoscenza del Project Mangement per usarli proficuamente. 35 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

36 Come si rappresenta la schedula? Diagramma di Gantt È una rappresentazione su scala temporale dell'evoluzione del progetto. Ogni barra rappresenta un'attività (Work Breakdown Element), la lunghezza di ognuna di esse è proporzionale alla durata dell'attività che rappresenta e viene collocata sulla scala temporale in rappresentanza dell'attività stessa. 36 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

37 Nota biografica: Henry Gantt Ingegnere industriale Nota statunitense, biografica: Henry discepolo Gantt di Taylor, consigliere militare durante la prima guerra mondiale. Ha sviluppato una notazione per indicare i progressi tramite diagrammi a barre, ora comunemente detti Diagrammi di Gantt. Ha ideato anche metodi automatici per il calcolo dei tempi di lavorazione alle macchine utensili 37 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

38 Diagramma di Gantt A Attività B C Milestone D Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug tempo 38 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

39 Come si rappresenta la schedula? Diagrammi Reticolari Il reticolo è la rappresentazione grafica delle attività costituenti il progetto e dei loro legami logici dove: le attività sono rappresentate da nodi; i legami sono rappresentate da archi orientati (frecce); non esistono cammini chiusi. N.B. Esiste anche una notazione, meno diffusa, in cui le attività sono rappresentate dagli archi e gli eventi dai nodi. 39 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

40 Diagramma reticolare Nodi (attività) Archi (legami) 40 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

41 Il Cammino Critico (Critical Path) Cammino Critico È la sequenza di attività più lunga,, in termini di tempo, dall inizio alla fine del progetto e determina la durata minima del progetto stesso; Le attività appartenenti a tale percorso non ammettono slittamenti indolori (ovvero che non comportano ritardi nel progetto). 41 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

42 Alcune riflessioni Il diagramma di Gantt, nella sua forma originaria, non rende evidente il cammino critico ed il concatenamento tra le attività; Per questo motivo sono stati sviluppati i diagrammi reticolari su cui basare due diverse metodologie: CPM - Critical Path Method: Sviluppato dalla DuPont, cattura le relazioni di serie e parallelo tra le attività; PERT - Project Evaluation and Review Technique: Sviluppato dalla Marina degli Stati Uniti con Booze, Hallen and Hamilton, aggiunge tecniche di tipo probabilistico. 42 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

43 Definizioni Attività: Un attività consuma tempo e può consumare risorse. Ad esempio un operazione meccanica o l attesa di un materiale; Critico: Un attività o evento che deve essere completato entro un certo tempo e non ha margini di ritardo o spostamento; Cammino critico: Il percorso più lungo attraverso il reticolo, determina la durata minima del progetto; 43 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

44 Definizioni (2) Evento: Inizio e fine di un attività determinano un evento. Un evento è uno specifico momento nel tempo; Milestone: Un evento che rappresenta un momento significativo nel progetto, ad esempio la chiusura di una fase del lavoro. Spesso e il momento per fare il punto del progetto; 44 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

45 Facciamo il punto La schedulazione è cruciale ma è solo una parte del lavoro; Attenzione al cammino critico! Non è utile pianificare ad un livello di dettaglio superiore a quello che si può gestire; Nessun compito schedulato dovrebbe avere una durata superiore a quattro/sei settimane. Meglio scomporre ancora; L allocazione definitiva delle risorse va fatta dopo aver completato la schedula; L unità di misura del tempo deve essere sempre la stessa. 45 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

46 La gestione del Team di Progetto Il Team di Progetto; Ruoli e responsabilità; Le fasi di evoluzione di un Team; Stili di leadership. 46 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

47 Il Team di Progetto non nasce per caso, deve essere costruito! Spesso il Project Manager non ha autorità gerarchica sui membri del gruppo; Occorre creare appartenenza ed impegno (commitment); Questo è più facile se la pianificazione del progetto è partecipata (incluse le stime!); Missione, scopi ed obiettivi devono essere chiari e condivisi; Tanto più gli obiettivi del Team sono allineati con gli obiettivi personali dei singoli, tanto meglio il Team funziona. 47 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

48 Ruoli e responsabilità Tutti i membri del gruppo devono conoscere ciò che ci si aspetta da ciascuno; Il clima e la comunicazione devono essere aperti e chiari e tendere all obiettivo; Il team ideale definisce di concerto anche le modalità di lavoro e di comunicazione; Il project manager sa bene che possono esserci, e ci saranno, criticità nelle relazioni interpersonali e si prepara a gestirle tempestivamente e correttamente. 48 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

49 Le fasi di evoluzione del Team Forming: E la fase in cui il gruppo si forma, ciascuno cerca di capire e di trovare la propria posizione. Dal Leader ci si aspetta struttura e direzione; Storming: In questa fase i membri esercitano la critica. Gli obiettivi sono corretti? Abbiamo il giusto leader? E una fase critica e necessaria; Norming: I conflitti si risolvono, il lavoro inizia, si sono stabilite le regole implicite della cooperazione; Performing: Il Team inizia ad essere maturo, si lavora bene e serenamente insieme, la qualità del lavoro è crescente. 49 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

50 Lo stile di leadership nelle diverse fasi Direttivo: Nella fase in cui il gruppo si forma le persone si conoscono e si appoggiano al leader per le decisioni; Vendita ed influenza: Nella fase storming i membri cercano la convinzione, devono persuadersi che il gruppo va nella direzione giusta; Partecipativo: Il gruppo trova il proprio equilibrio, il leader partecipa ed incoraggia; Delegante: Il Team inizia ad essere maturo e produttivo, il leader può delegare i compiti e concentrarsi sulla gestione del progetto. 50 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

51 Facciamo il punto I momenti di interazione diretta tra i membri sono cruciali per lo sviluppo del Team Gli obiettivi individuali devono essere anch essi soddisfatti nel lavoro del Team; Il progetto è importante e tutti dobbiamo esserne convinti e sapere perché; Obiettivi, ruoli, responsabilità, procedure e relazioni vanno considerati, e gestiti, in questo ordine. Il buon Team non compete al suo interno, compete all esterno; Il buon Project Manager cambia il suo stile di leadership in funzione dell evoluzione del Team. 51 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

52 Un esercizio Trovare il primo lavoro Sviluppare la missione del progetto; Quale è il problema? Obiettivi e rischi; Sviluppare la Work Breakdown Structure del progetto; Ipotizzare la schedula e discutere il cammino critico. 52 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

53 Il tema di questa settimana Un progetto d impresa (inclusa l infrastruttura ed i locali) Sviluppare la missione del progetto; Quale è il problema? Obiettivi e rischi; Sviluppare la Work Breakdown Structure del progetto; Inserire lo strumento software; Ipotizzare la schedula e discutere il cammino critico. 53 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

54 Riferimenti Riferimenti software Ganttproject (documentazione ed eseguibile: E un software multipiattaforma e gira sulla Java Virtual Machine del vostro computer. 54 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona PRINCIPI PROJECT MANAGEMENT PRINCIPI DI PROJECT MANAGEMENT Elisabetta Simeoni 1), Giovanni Serpelloni 2) 1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 2 Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO Modulo 2 Dall Idea al Progetto 2

Dettagli

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/ Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive https://nonconf.unife.it/ Registrazione della Non Conformità (NC) Accesso di tipo 1 Addetto Registrazione della Non Conformità

Dettagli

Introduzione al Project Management. AIPA Area Monitoraggio e Verifiche

Introduzione al Project Management. AIPA Area Monitoraggio e Verifiche Introduzione al Project Management AIPA Area Monitoraggio e Verifiche Contenuti del corso Impostazione del progetto; Pianificazione delle attività, risorse e costi; Coordinamento e controllo durante le

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

LAVORARE PER PROGETTI

LAVORARE PER PROGETTI LAVORARE PER PROGETTI Giampaolo Calori e Nicoletta Perego Eulogos Consulenti di Direzione 1. PREMESSA Ogni giorno le aziende devono confrontarsi con il mutamento continuo dell ambiente interno ed esterno

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Università degli Studi di Parma Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica DISPENSE INTRODUTTIVE INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Prof. Giulio Destri

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Gentili colleghi, il presente questionario ha lo scopo di raccogliere le vostre percezioni relativamente

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO Giovanni Serpelloni 1), Elisabetta Simeoni 2) 1. Centro

Dettagli

Project Management PROJECT MANAGEMENT Change Formazione

Project Management PROJECT MANAGEMENT Change Formazione PROJECT MANAGEMENT Change Formazione 1 INTRODUZIONE 3 Le fasi del Project Management 3 Fattori critici di insuccesso 4 Fattori critici di successo 4 LA PIANIFICAZIONE DEL PROGETTO 5 LA PROGRAMMAZIONE DEL

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

Earned Value e monitoring del progetto

Earned Value e monitoring del progetto IT Project Management Lezione 8 Earned Value Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Aspetti economico-finanziari (1) Costi C Fine progetto T Tempo La curva a S è chiamata baseline dei costi risultato dell aggregazione

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Elementi di UML (7): Diagrammi dei componenti e di deployment

Elementi di UML (7): Diagrammi dei componenti e di deployment Elementi di UML (7): Diagrammi dei componenti e di deployment Università degli Studi di Bologna Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Scienze di Internet Anno Accademico 2004-2005 Laboratorio

Dettagli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli Organizzazione come sistema Ambiente interno Missione strategica Sistema tecnico

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT Executive Master in Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT OBIETTIVI Il Master ha l obiettivo di formare executive e professional nella governance dei progetti e dei servizi IT, integrando quelle

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Gestione di progetto e organizzazione di impresa Il project management nella scuola secondaria di secondo grado

Gestione di progetto e organizzazione di impresa Il project management nella scuola secondaria di secondo grado ISBN 9788896354643 CC BY ND Gestione di progetto e organizzazione di impresa Il project management nella scuola secondaria di secondo grado Autori Antonio Dell Anna info@antoniodellanna.it Martina Dell

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE. Master in Project Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE. Master in Project Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria e Automazione Master in Project Management RIORGANIZZAZIONE DEI PROGETTI PER L ULTIMO TRIMESTRE DEL 2004 CON REALIZZAZIONE

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT Lo standard internazionale di PM per gestire l innovazione nei prodotti e nei servizi, le commesse, i progetti di miglioramento

PROJECT MANAGEMENT Lo standard internazionale di PM per gestire l innovazione nei prodotti e nei servizi, le commesse, i progetti di miglioramento LA GUIDA DEL SOLE 24 ORE AL PROJECT MANAGEMENT Lo standard internazionale di PM per gestire l innovazione nei prodotti e nei servizi, le commesse, i progetti di miglioramento Stefano Tonchia e Fabio Nonino

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Uno per tutti, tutti per uno.

Uno per tutti, tutti per uno. Uno per tutti, tutti per uno. Bologna, 09/02/2015 Dainese Roberto Educare attraverso il Cooperative Learning: stile attributivo e competenze metacognitive Chiara Trubini Marina Pinelli Psicologia - Università

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO 1 INDICE LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO ---------------------------------------------------------------------------------------------1

Dettagli

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale Lezione 3 La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi informativi Comunicazione Programmazione e controllo

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Il software per la gestione smart del Call Center

Il software per la gestione smart del Call Center Connecting Business with Technology Solutions. Il software per la gestione smart del Call Center Center Group srl 1 Comunica : per la gestione intelligente del tuo call center Comunica è una web application

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

un occhio al passato per il tuo business futuro

un occhio al passato per il tuo business futuro 2 3 5 7 11 13 17 19 23 29 31 37 41 43 47 53 59 61 un occhio al passato per il tuo business futuro BUSINESS DISCOVERY Processi ed analisi per aziende virtuose Che cos è La Business Discovery è un insieme

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP www.formazione.ilsole24ore.com PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP ROMA, DAL 19 NOVEMBRE 2012-1 a edizione MASTER DI SPECIALIZZAZIONE In collaborazione con: PER PROFESSIONISTI

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

Gestire un progetto. Costruire il partneriato, governare la spesa, valorizzare i risultati

Gestire un progetto. Costruire il partneriato, governare la spesa, valorizzare i risultati Manuale a dispense sulla sicurezza urbana / dispensa n 4 / ottobre 2012 1 23 4 56 7 8910 Gestire un progetto Costruire il partneriato, governare la spesa, valorizzare i risultati Collana a cura di: Stefano

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class L evoluzione della Qualità Dall ispezione alla world class Di cosa parleremo Cos è la Qualità? 1 Le origini della Qualità 2 Ispezione, Controllo statistico Affidabilità e Total Quality Control 3 Assicurazione

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

CALENDARIO FASE SPECIALISTICA

CALENDARIO FASE SPECIALISTICA PROGRAMMA OPERATIVO OBIETTIVO CONVERGENZA 007-0 FONDO SOCIALE EUROPEO - REGIONE SICILIANA AVVISO - 0 INVESTIAMO PER IL VOSTRO FUTURO ASSESSORATO REGIONALE DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI E DELLE

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Dr. Antonino Pusateri. D.ssa Maria Rosaria Marasà

Dr. Antonino Pusateri. D.ssa Maria Rosaria Marasà Il lavoro per obiettivi ed il sistema della performance Dr. Antonino Pusateri D.ssa Maria Rosaria Marasà Nessuno può insegnare qualcosa ad un altro uomo! Può solo aiutarlo a tirare fuori qualcosa che ha

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli