BLS Basic Life Support

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BLS Basic Life Support"

Transcript

1 BLS Basic Life Support Linee guida Franco Marinangeli Cattedra di Anestesia e Rianimazione Università degli Studi di L AquilaL Dicembre 2005 ILCOR (International( Liaison Committee on Resuscitation) AMERICAN HEART ASSOCIATION EUROPEAN RESUSCITATION COUNCIL Nuove linee guida su BLS-D 1

2 EUROPEAN RESUSCITATION COUNCIL IRC (ITALIAN RESUSCITATION COUNCIL) Piccole differenze nelle raccomandazioni sono proposte dalla American Heart Association Storia del BLS I primi tentativi di rianimare un individuo privo di sensi si basavano sull applicazione di stimoli dolorosi come la flagellazione o i carboni ardenti. La necessità di risvegliare un paziente apparentemente morto con stimoli dolorosi sembra essere un impulso incontrollabile e per certi versi ancora in uso. 2

3 Storia del BLS BLS: Elementi riconosciuti come essenziali nel corso del tempo Rapidità d intervento Corretta esecuzione delle metodiche Certezza di ventilare il paziente MCE efficace 3

4 L arresto di circolo L arresto cardiocircolatorio è il blocco dell attivit attività cardiaca di pompa con conseguente immediata assenza di perfusione sistemica Cause di arresto cardiocircolatorio Primitive Aritmie IMA Miocardiopatie Secondarie Ipossiemie da qualunque causa Gravi emorragie L arresto respiratorio provoca ipossia ed ipercapnia che portano, alcuni minuti dopo, ad arresto cardiocircolatorio 4

5 Cause più frequenti di arresto respiratorio 1. Ostruzione delle vie aeree da: Caduta della lingua nel soggetto incosciente Corpi estranei 2. Intossicazione da farmaci,, overdose da oppiacei 3. Annegamento 4. Elettrocuzione, folgorazione 5. Trauma Morte cardiaca improvvisa Cessazione brusca ed inattesa delle attività circolatoria e respiratoria in pazienti con o senza malattia cardiaca nota,, con o senza segni premonitori. La morte improvvisa, connessa a malattia coronarica, rappresenta la più importante emergenza medica (AHA) 5

6 Nel 5-10% 5 dei casi la MCI avviene in assenza di malattia coronarica e di insufficienza cardiaca.. Segni di allarme dell attacco cardiaco Dolore o peso retrosternale Possibile irradiazione del dolore a: braccio sinistro spalle epigastrio Mandibola Altri sintomi: sudorazione,, nausea, dispnea Insorgenza sotto sforzo,, stress emotivo o anche a riposo 6

7 Dati statistici Negli Stati Uniti il numero delle morti cardiache improvvise è di circa ogni anno. In Italia non vi sono dati conclusivi al riguardo, ma si stimano in per anno in ambiente extraospedaliero. Studio MONICA Morte Cardiaca Improvvisa: 7,1% della mortalità 26% delle morti cardiovascolari 50% delle morti da cardiopatia ischemica Il 91,7% dei decessi avviene prima del ricovero 7

8 Ritmo di presentazione dell arresto cardiaco 80-85% 85% 15-20% Ritmi della Fibrillazione ventricolare Tachicardia ventricolare Attività cardiaca elettrica senza polso (PEA) Asistolia Salvezza L arresto di circolo Ogni giorno molti cuori possono cessare di battere. Per molte persone l interruzione l dell attivit attività cardiaca è prematura, il loro cuore è troppo sano per morire 8

9 Arresto di circolo Perdita di coscienza Arresto respiratorio (ipossia tronco encefalico) 9

10 Il rilassamento della muscolatura faringea, e la caduta indietro della base della lingua, possono contribuire all ipossia anche in presenza di movimenti respiratori L arresto di circolo E una condizione di morte clinica reversibile, destinata fatalmente ad evolvere in morte biologica irreversibile se non vengono prontamente messe in atto opportune manovre rianimatorie 10

11 Danno anossico cerebrale Inizia dopo circa 4-64 minuti di assenza di circolo Dopo circa 10 minuti si hanno lesioni cerebrali irreversibili (non in caso di ipotermia) Le probabilità di sopravvivenza nel soggetto colpito da arresto di circolo diminuiscono del 7-10% ogni minuto dopo l insorgezal di FV/TV 11

12 Nessun mezzo è così veloce da riuscire a portare un medico sul luogo dell incidente in 4-54 minuti.. Solo una formazione capillare di laici può riuscire in questa impresa, a stirare i tempi di intervento. 12

13 Obiettivi del BLS Prevenire i danni anossici cerebrali nel soggetto in cui risultano compromesse una o più funzioni vitali: che non è cosciente che non respira che non ha polso Mezzi Pronto riconoscimento Attivazione precoce del 118 Supporto precoce del respiro e del circolo 13

14 Funzione del DAE Correggere direttamente le cause dell arresto di circolo!!! Catena della sopravvivenza Riconoscimento Riconoscimento precoce precoce Rianimazione Rianimazione precoce precoce Defibrillazione Defibrillazione precoce precoce Trattamento Trattamento post post-recupero recupero 14

15 Basic Life Support Il rapido ripristino dell attivit attività cardiaca spontanea offre la migliore possibilità di raggiungere il massimo obiettivo: Restituire all individuo pensieri e sentimenti Obiettivi Conoscenze teoriche (presupposti, ambito, finalità) Abilità pratiche nella esecuzione delle tecniche Schemi di comportamento (sequenze)..in accordo con le linee guida esistenti 15

16 Sicurezza della scena Prima di iniziare qualsiasi azione bisogna accertarsi che sia la vittima che gli astanti siano al sicuro nella scena in cui si andrà ad operare Attenzione a: fuoco, gas, cavi elettrici etc. 16

17 ABCD della RCP Fasi del BLS AIRWAY: pervietà vie aeree BREATHING: respirazione CIRCULATION: segni di circolo DEFIBRILLATION: defibrillazione Le manovre del BLS sono invasive, ogni AZIONE deve essere preceduta da una VALUTAZIONE VALUTAZIONI Stato di Coscienza Respiro + Polso + Segni di circolo 17

18 VALUTAZIONE STATO DI COSCIENZA Azione: Chiama e scuoti La vittima NON è COSCIENTE Chiedere aiuto agli astanti (e( e far chiamare il 118) Posizionare la vittima supina (su un piano rigido) e scoprire il torace Valutare respiro e circolo chiamare il 118 per ALS Chiama e scuoti 18

19 Stato coscienza Indirizzo Dati ambientali Chiamata al 118 Informazioni utili: Manovre di soccorso in corso Anamnesi Manovra A (Airway( Airway) Iperestensione del capo Sollevamento del mento 19

20 Iperestensione del capo Sospetto di trauma cervicale - personale sanitario Manovra di sublussazione della mandibola 20

21 Airway Per i sanitari è espressamente previsto il controllo del cavo orale, per i laici no. In caso di corpo estraneo visibile è sempre opportuno l uso l delle pinze (in alternativa manovra ad uncino). Ausilio di mezzi aggiuntivi Cannula oro-faringea di Guedel 21

22 Posizionamento della cannula VALUTA RESPIRO E CIRCOLO attività respiratoria e contemporaneamente polso e segni di circolo (movimenti, tosse) G A S Guarda Ascolta Senti per 10 22

23 Valutazione respirazione e segni di circolo Distinguere un attivit attività respiratoria efficace da: Gasping o respiro agonico Respirazione inefficace 23

24 Per i sanitari, è opportuno valutare contemporaneamente il polso carotideo o altri segni (movimenti) Polso carotideo Si pongono due dita a livello della cartilagine tiroidea della trachea, quindi ci si sposta lateralmente fino al margine anteriore del muscolo sternocleidomastoideo 24

25 Per il laico, l assenza l di respiro è sufficiente a considerare il paziente in arresto cardiorespiratorio.. Fasi del BLS Se il soggetto respira Porlo in posizione di sicurezza 25

26 Posizione laterale di sicurezza 26

27 Cambiare lato ogni 30 minuti, controllare la respirazione regolarmente, non effettuare nel traumatizzato Posizione laterale di sicurezza Iperestendere il capo Far refluire fuori dalla bocca l eventuale l rigurgito gastrico Mantenere la stabilità del corpo su un fianco (30 min.) 27

28 Se si è certi del circolo (presenza di polso o segni correlabili), ma non vi è respirazione, essa va sostenuta con 10 ventilazioni al minuto (1 ogni 6 secondi).. In assenza di respirazione, polso o segni di circolo, o della sola respirazione per i laici, si procede alla RCP.. Se non si è certi della presenza di segni vitali (respiro e circolo), iniziare comunque subito la RCP. 28

29 nei primi momenti dopo l arresto l di circolo, il sangue è ancora sufficientemente saturo di ossigeno, quindi è opportuno iniziare subito il massaggio cardiaco, ancor prima della ventilazione N.B. La American Heart Association raccomanda di iniziare sempre con due ventilazioni.. 29

30 Punto di repere del massaggio cardiaco Porre la parte prossimale del palmo al centro del torace facendo attenzione a poggiarla sullo sterno e non sulle coste Sovrapporre l altra l mano alla prima Intrecciare le dita delle mani sovrapposte Non appoggiarsi sopra l addome l superiore o l estremitl estremità inferiore dello sterno Posizione del soccorritore 30

31 Compressioni toraciche Superficie rigida 31

32 In caso di spazi angusti e 1 soccorritore: Le compressioni possono essere effettuate stando alla testa del paziente In caso di spazi angusti e 2 soccorritori: Chi effettua le compressioni può stare a cavalcioni del paziente Compressioni toraciche Cause più frequenti di lesioni e/o inefficacia: Punto scorretto Compressioni troppo profonde fratture sternali o costali lesioni organi interni Compressioni troppo superficiali circolo insufficiente 32

33 Come eseguire un corretto MCE Comprimere lo sterno verso la colonna: 4-55 cm Rilasciare completamente dopo ogni compressione Non perdere il contatto con lo sterno Rapporto compressione/rilasciamento: 1:1 Frequenza di compressione: 100/min (2 al sec) Compressioni/ventilazioni: 30:2 E opportuno contare durante le compressioni, in modo da usare sempre lo stesso ritmo Dopo 30 compressioni, prima di ventilare, ricordarsi di aprire le vie aeree con l iperestensione del capo sollevamento del mento 33

34 Espletate 30 compressioni, devo effettuare 2 ventilazioni Ventilazione artificiale senza mezzi aggiuntivi* bocca-bocca bocca-naso con mezzi aggiuntivi bocca-maschera sistema pallone-maschera 34

35 Va insufflato un volume di aria di ml, in 1 secondo Ventilazione bocca-bocca 35

36 Ventilazione bocca-bocca Viste le potenziali implicazioni infettive, va effettuata a discrezione del soccorritore (alternativa: solo massaggio cardiaco) Ventilazione con pocket mask 36

37 La pocket mask Evita il contatto diretto con la cute e le secrezioni della vittima Impedisce la commistione tra aria insufflata e aria espirata dalla vittima, tramite una valvola unidirezionale Diminuisce il rischio di infezione attraverso un filtro antibatterico Valvola di Ambu 37

38 Ossigeno 38

39 Ventilazione con pallone autoespansibile e reservoir Ventilazione artificiale Ventilazione pallone-maschera Percentuali di ossigeno pallone 21% pallone + ossigeno (10/12 l/min) 40-50% pallone + ossigeno + reservoir 80-90% 39

40 Ventilazione efficace Apprezzabile sollevamento del torace Durata delle ventilazioni e volumi Si eseguono due ventilazioni di circa 1 secondo. Il volume consigliato è di ml 40

41 Interrompere la RCP e rivalutare la vittima solo se riprende a respirare r normalmente, altrimenti non interrompere le manovre rianimatorie. Se le ventilazioni non determinano un sollevamento del torace, prima p della successiva ventilazione: Controllare la bocca della vittima e rimuovere eventuali corpi estraneie Ricontrollare se è stata eseguita correttamente la manovra di iperestensione Non effettuare più di due tentativi di ventilazione per ogni ciclo prima di ritornare alle compressioni toraciche Ventilazione artificiale cause più frequenti di ventilazione inefficace: Incompleta aderenza della maschera Insufficiente iperestensione del capo ipoventilazione Insufflazione troppo rapida o brusca distensione gastrica 41

42 E stato soppresso il controllo del polso e respiro durante la sequenza La sequenza non deve essere interrotta se non per Utilizzo di un DAE Ripresa evidente segni di circolo Arrivo del soccorso avanzato Esaurimento fisico del soccorritore Arrivo di un Medico che prenda in mano la situazione La sequenza risulta quindi ininterrotta In caso di 2 soccorritori, è opportuno uno scambio dei ruoli ogni minuti. Scambio che dovrebbe avvenire in brevissimo tempo!! 42

43 Le nuove linee guida del 2005 ammettono, per il personale laico, la RCP solo mediante massaggio cardiaco (se non ci si sente di fare la respirazione bocca a bocca). Riepilogo sequenze BLS VALUTA LA COSCIENZA se assente (Attiva il 118) Posiziona la vittima Apri e controlla le vie aeree VALUTA IL RESPIRO se assenti e SEGNI DI CIRCOLO Inizia il MCE.. (attiva il 118) 43

44 In caso di presenza di defibrillatore La defibrillazione Flusso di corrente continua, della durata di pochi millisecondi,, attraverso il cuore. 44

45 Con il defibrillatore manuale, l operatore: l Il soccorritore è sollevato dall onere del riconoscimento del ritmo cardiaco ed esegue le manovre che il defibrillatore richiede 45

46 Sequenza operativa Collegamento degli elettrodi 1. Area sottoclavicolare destra 2. Area sottomammaria sinistra, lungo la linea ascellare anteriore 46

47 Nel caso non sia possibile usare i normali siti di applicazione delle piastre: Una piastra sull apice, anteriormente, e l altra l posteriormente, nella parte superiore del torace, a destra o sinistra Una placca sul precordio di sinistra anteriormente e l altra specularmente posteriormente, medialmente alla scapola sinistra Una placca sulla linea ascellare media di sinistra e una sulla line ascellare media di destra Defibrillatore manuale: Scaricare a massima potenza (360 J se monofasico,, 200 J se bifasico), una unica volta, quindi iniziare la RCP per 5 cicli (2 min), e solo allora ricontrollare il ritmo. 47

48 Arresto cardio-respiratorio respiratorio non testimoniato con soccorritori sanitari provvisti di DEA Effettuare 5 cicli di RCP (2 minuti) Posizionare le piastre e dare inizio alla valutazione arresto cardio-respiratorio respiratorio extraospedaliero testimoniato da soccorritori professionali provvisti di defibrillatore arresto intraospedaliero (quindi testimoniato e con defibrillatore) intervento di soccorritori non professionali (testimoni o meno) sul territorio Posizionare subito le piastre del defibrillatore 48

49 Se ci sono più soccorritori sanitari testimoni dell evento, evento, e c èc il defibrillatore, mentre uno prepara il DEA, gli altri iniziano comunque la RCP fino a quando il DEA non è pronto. Se il DAE riconosce un ritmo defibrillabile annuncia: shock consigliato,, si carica in pochi secondi e, emettendo un suono di allarme, invita a erogare lo shock. Il soccorritore leader dice: Via io, via tu, via tutti,, e, controllando la scena, eroga lo shock 49

50 Attenzione: Mai erogare la scarica se soccorritori e vittima si trovano su una superficie bagnata o conduttrice (es( es: : piattaforma o scala in ferro)!!!! Quindi ri-analizza il ritmo NB: I vecchi defibrillatori erogavano fino a 3 scariche prima di permettere di nuovo l attuazione della RCP 50

51 Mai interrompere i cicli di RCP se non per consentire l analisi l del ritmo al DAE o in presenza di chiari segni di ripresa del circolo (il paziente riprende a respirare). Dopo una defibrillazione efficace, vi è necessità di almeno 1 minuto prima di avere un circolo valido. Se in questo periodo il circolo non è sostenuto si rischia di nuovo l ipossial e una ricaduta della situazione 51

52 BLS-D D SITUAZIONI PARTICOLARI Donna in stato di gravidanza 52

53 Ostruzione delle vie aeree da corpo estraneo 53

54 PEZZI DI CIBO PROTESI DENTARIE Cause più frequenti Fattori favorenti ASSUNZIONE DI ALCOOL ALTERAZIONI DELLA DEGLUTIZIONE PATOLOGIE NEUROLOGICHE E IMPORTANTE CHIEDERE: STAI SOFFOCANDO? 54

55 Ostruzione parziale FLUSSO ESPIRATORIO VALIDO (il paz. riesce a tossire) NESSUNA MANOVRA DI DISOSTRUZIONE Incoraggia il paz. invitandolo a tossire Somministra ossigeno Attiva il 118 se l ostruzione parziale persiste o trasporta il paz. in ospedale Ostruzione parziale ma.. con FLUSSO ESPIRATORIO DEBOLE, INADEGUATO (tosse debole ed inefficace, iniziale cianosi) TRATTA COME L OSTRUZIONE COMPLETA 55

56 Ostruzione completa FLUSSO RESPIRATORIO ASSENTE Impossibilità a parlare, tossire, respirare Segnale universale di soffocamento (mani alla gola) Rapida cianosi 56

57 Manovra di Heimlich (Paz.. Con ostruzione completa, cosciente, in piedi o seduto) Compressioni addominali sottodiaframmatiche ripetute sino ad espulsione del corpo estraneo o perdita di coscienza 57

58 1. Posizionarsi dietro la vittima e porre entrambe le braccia intorno no alla parte superiore del suo addome 2. Far inclinare la vittima in avanti 3. Chiudere una mano a pugno e posizionarlo tra ombelico e processo xifoideo 4. Afferrare questa mano con l altra l e tirare rapidamente e con forza all indietro e verso l altol 5. Ripetere fino a 5 volte Se l ostruzione l non si è risolta: Alternare 5 compressioni addominali e 5 colpi interscapolari Se la vittima perde conoscenza: Portarla a terra e iniziare la RCP, anche se ha polso, controllando ogni 30 compressioni la presenza del corpo estraneo in bocca (ed eventualmente rimuoverlo con manovra ad uncino) 58

59 Algoritmo Nelle precedenti linee guida era prevista l esecuzione l della manovra di Heimlich a terra Paziente a terra supino Capo ruotato lateralmente Soccorritore a cavalcioni del paziente 5 compressioni in senso caudo-craniale applicando le mani nel punto di mezzo tra ombelico e processo xifoideo 59

60 Pronto Soccorso e Primo Soccorso Omissione di soccorso 60

61 Stato di necessità 61

62 62

63 Aspetti medico-legali del BLS PER QUANTO TEMPO CONTINUARE LA RCP? Fino all arrivo del 118 Fino all esaurimento fisico dei soccorritori Fino alla ripresa dei parametri vitali 63

64 Aspetti medico-legali del BLS QUANDO NON INIZIARE LA RCP? In presenza di segni evidenti di morte biologica Macchie ipostatiche Decomposizione tissutale Rigor mortis Decapitazione 64

65 Aspetti medico-legali del BLS INIZIARE LA RCP SENZA TENERE CONTO DI: Età apparente Aspetto cadaverico Temperatura corporea Midriasi BLS in situazioni particolari ICTUS FOLGORAZIONE ANNEGAMENTO NESSUNA VARIAZIONE 65

66 BLS in situazioni particolari TRAUMA Sì SOLLEVAMENTO DELLA MANDIBOLA NO IPERESTENSIONE DEL CAPO NO POSIZIONE LATERALE DI SICUREZZA 66

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support Corso di B.L.S. Adulti Basic Life Support Corso B.L.S. esecutore Lezioni teoriche Addestramento pratico su manichino Valutazione finale con skill test e quiz a risposta multipla Obiettivo corso B.L.S.

Dettagli

ARRESTO CARDIACO B.L.S.

ARRESTO CARDIACO B.L.S. Corso per Operatori P.S.T.I. della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE Acquisire le conoscenze teoriche del comportamento in caso di arresto cardiaco e respiratorio Conoscere

Dettagli

Acquisire le conoscenze teoriche del comportamento in caso di

Acquisire le conoscenze teoriche del comportamento in caso di Corso per Operatori P.S.T.I. della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE Acquisire le conoscenze teoriche del comportamento in caso di arresto cardiaco e respiratorio Conoscere

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana 1 LA MORTE CARDIACA IMPROVVISA Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono

Dettagli

BLS (Basic Life support)

BLS (Basic Life support) BLS (Basic Life support) BLS-D (Basic Life support and Defibrillation) Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI SAPERE BLS Basic Life Support OBIETTIVI BLS e BLS-D La catena della sopravvivenza SAPER FARE

Dettagli

ARRESTO CARDIACO B.L.S.

ARRESTO CARDIACO B.L.S. Corso Base per Aspiranti Volontari del Soccorso della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE conoscere il protocollo di intervento in caso di arresto cardiaco Saper effettuare

Dettagli

Croce Rossa Italiana - Emilia Romagna

Croce Rossa Italiana - Emilia Romagna Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE conoscere il protocollo di intervento in caso di arresto cardiaco Saper effettuare le manovre

Dettagli

Il B.L.S. (Basic Life Support)

Il B.L.S. (Basic Life Support) Il B.L.S. (Basic Life Support) Cos è: Sequenza di verifiche ed azioni da effettuare sulla Vittima quando A NON E COSCIENTE B NON RESPIRA C NON HA CIRCOLO Scopo: Prevenire o Limitare i danni dovuti alla

Dettagli

P.B.L.S. Pediatric Basic Life Support Sostegno di base delle funzioni vitali in età pediatrica Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana

P.B.L.S. Pediatric Basic Life Support Sostegno di base delle funzioni vitali in età pediatrica Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana P.B.L.S. Pediatric Basic Life Support Sostegno di base delle funzioni vitali in età pediatrica Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana Quando si pratica il PBLS Il PBLS deve essere praticato

Dettagli

SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE. Pediatric i Basic Life Support - Early Defibrillation

SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE. Pediatric i Basic Life Support - Early Defibrillation SIMEUP SOCIETA ITALIANA DI MEDICINA D EMERGENZA E D URGENZA PEDIATRICA SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE Pediatric i Basic Life Support - Early Defibrillation

Dettagli

LIFE PEDIATRIC BASIC SUPPORT DEFIBRILLATION

LIFE PEDIATRIC BASIC SUPPORT DEFIBRILLATION PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION IL PBLS-D Deve essere praticato nei soggetti con una o più funzioni vitali compromesse Pz. in arresto respiratorio o in arresto cardio-respiratorio IL PBLS-D

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base 1 Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana LA MORTE CARDIACA IMPROVVISA Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono

Dettagli

Croce Rossa Italiana BLS-D. Rianimazione cardiopolmonare di base e cenni di defibrillazione precoce per personale sanitario

Croce Rossa Italiana BLS-D. Rianimazione cardiopolmonare di base e cenni di defibrillazione precoce per personale sanitario Croce Rossa Italiana BLS-D Rianimazione cardiopolmonare di base e cenni di defibrillazione precoce per personale sanitario (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) in collaborazione e condivisione con

Dettagli

Croce Rossa Italiana BLSD. Rianimazione Cardiopolmonare di base e Defibrillazione precoce. Corso Esecutori per personale sanitario

Croce Rossa Italiana BLSD. Rianimazione Cardiopolmonare di base e Defibrillazione precoce. Corso Esecutori per personale sanitario Croce Rossa Italiana BLSD Rianimazione Cardiopolmonare di base e Defibrillazione precoce Corso Esecutori per personale sanitario (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2010) A cura del Gruppo Formatori..

Dettagli

consiste nelle procedure di rianimazione cardiopolmonare necessarie per soccorrere una persona che: apple ha perso coscienza

consiste nelle procedure di rianimazione cardiopolmonare necessarie per soccorrere una persona che: apple ha perso coscienza consiste nelle procedure di rianimazione cardiopolmonare necessarie per soccorrere una persona che: apple ha perso coscienza apple ha un'ostruzione delle vie aeree che può condurre ad arresto respiratorio

Dettagli

BLS (Basic Life Support)

BLS (Basic Life Support) BLS (Basic Life Support) EVENTO MANTENERE LA CALMA AUTOPROTEZIONE: Guardarsi intorno e verificare l esistenza di pericoli; gestire il rischio mettendo l ambiente in sicurezza; mantenere sotto controllo

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA. IL Primo Soccorso. La catena della sopravivenza, il B.L.S. «laico»

CROCE ROSSA ITALIANA. IL Primo Soccorso. La catena della sopravivenza, il B.L.S. «laico» IL Primo Soccorso La catena della sopravivenza, il B.L.S. «laico» Cavaion, 15 dicembre 2012 La catena della sopravvivenza Allarme Precoce B.L.S. Precoce Defibrillazione Precoce A.C.L.S. Precoce Il BLS

Dettagli

BLS. Rianimazione cardiopolmonare di base B L S. corso esecutori per personale laico. (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005)

BLS. Rianimazione cardiopolmonare di base B L S. corso esecutori per personale laico. (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) Croce Rossa Italiana BLS Rianimazione cardiopolmonare di base corso esecutori per personale laico (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) Obiettivi del corso Conoscenze teoriche Le cause di arresto cardiaco

Dettagli

Conferenza Regionale Misericordie. Ufficio Formazione

Conferenza Regionale Misericordie. Ufficio Formazione Ufficio Formazione B L S Basic Life Support La corsa contro il tempo 1 La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente e nei 2/3

Dettagli

Croce Rossa Italiana BLSD. Rianimazione cardiopolmonare di base e. (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005)

Croce Rossa Italiana BLSD. Rianimazione cardiopolmonare di base e. (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) Croce Rossa Italiana BLSD Rianimazione cardiopolmonare di base e defibrillazione precoce corso esecutori per personale sanitario (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) in collaborazione e condivisione

Dettagli

B L S LIVELLO AVANZATO

B L S LIVELLO AVANZATO Conferenza Regionale Misericordie Ufficio Formazione Linee Guida Regione Toscana Legge Reg. 25/2001 e succ. B L S LIVELLO AVANZATO SUPPORTO VITALE DI BASE (BLS) I decessi causati da malattie cardiovascolari

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support (IRC 2006)

B.L.S. Basic Life Support (IRC 2006) B.L.S. Basic Life Support (IRC 2006) IL SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI (B.L.S.) Consiste nelle procedure di rianimazione cardiopolmonare ad una persona che: Non è cosciente Ha un ostruzione delle

Dettagli

Italian Resuscitation Council BLS. Basic Life Support BLS IRC 2005. Rianimazione Cardiopolmonare Precoce. Secondo linee guida ERC/IRC 2005

Italian Resuscitation Council BLS. Basic Life Support BLS IRC 2005. Rianimazione Cardiopolmonare Precoce. Secondo linee guida ERC/IRC 2005 Italian Resuscitation Council BLS Basic Life Support Rianimazione Cardiopolmonare Precoce Secondo linee guida ERC/IRC 2005 Corso BLS OBIETTIVO E STRUTTURA OBIETTIVO DEL CORSO È ACQUISIRE Conoscenze teoriche

Dettagli

BLS Basic Life Support per operatori esperti. Supporto Vitale di Base

BLS Basic Life Support per operatori esperti. Supporto Vitale di Base BLS Basic Life Support per operatori esperti Supporto Vitale di Base Corso BLS esecutore OBIETTIVO E STRUTTURA OBBIETTIVO DEL CORSO E ACQUISIRE conoscenze teoriche (presupposti, ambito, finalità) abilità

Dettagli

Il Trattamento Primario

Il Trattamento Primario Retraining 2009 Il Trattamento Primario Protocollo locale A.A.T. Brescia Obiettivi Sapere come trattare le situazioni pericolose per la vita Trattamento primario Cuore - Polmone - Cervello Perdita di

Dettagli

Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico

Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico Angelo ha 22 anni Frequenta la Facolta di Ingegneria con ottimo profitto Suona la

Dettagli

BLS-D Basic Life Support- Defibrillation

BLS-D Basic Life Support- Defibrillation BLS-D Basic Life Support- Defibrillation Rianimazione Cardiopolmonare e Defibrillazione Precoce per Comunità M. & G. for and La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce una persona su 1.000 Molte di

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation

BLS-D Basic Life Support Defibrillation BLS-D Basic Life Support Defibrillation Università degli Studi di Sassari U.O. di Anestesia e Rianimazione Obiettivi e Struttura del corso Obiettivi: Acquisire conoscenze teorico pratiche in tema di Rianimazione

Dettagli

La morte cardiaca improvvisa. Ogni anno colpisce 1 persona su 1000. Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente

La morte cardiaca improvvisa. Ogni anno colpisce 1 persona su 1000. Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente BLS-D Basic Life Support Defibrillation: La corsa contro il tempo La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente La morte cardiaca

Dettagli

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support Corso di B.L.S. Adulti Basic Life Support 1 Corso di B.L.S. Adulti Basic Life Support Lezioni teoriche Addestramento pratico su manichino Valutazione finale con skill test e quiz a risposta multipla 2

Dettagli

CORSO PBLSD OBIETTIVO

CORSO PBLSD OBIETTIVO CORSO PBLSD OBIETTIVO Acquisire Conoscenze teoriche Abilità pratiche Schemi di comportamento OBIETTIVO DEL PBLSD PREVENIRE IL DANNO ANOSSICO CEREBRALE Nel soggetto in cui risultano compromesse una o più

Dettagli

Corso BLSD per Laici. Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione

Corso BLSD per Laici. Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione Corso BLSD per Laici Dott. Claudio Pagliara European Resuscitation Council Corso BLSD per Laici Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione ARRESTO CARDIORESPIRATORIO Negli

Dettagli

Capitolo 8 P-BLS. Paediatric Basic Life Support. RegioneLombardia 2006

Capitolo 8 P-BLS. Paediatric Basic Life Support. RegioneLombardia 2006 Capitolo 8 P-BLS Paediatric Basic Life Support RegioneLombardia 2006 Obiettivi Acquisire conoscenze teoriche, abilità pratiche e schemi di comportamento Prevenire i danni cerebrali da mancanza di ossigeno

Dettagli

BLS E PRIMO SOCCORSO. M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia

BLS E PRIMO SOCCORSO. M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia BLS E PRIMO SOCCORSO M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia DEFINIZIONE Il Bls (Basic Life Support) è una sequenza coordinata di azioni da intraprendere immediatamente

Dettagli

BLS ADULTO 09/03/2011

BLS ADULTO 09/03/2011 Capitolo 3 Il Trattamento Primario RegioneLombardia 2006 Obiettivi Sapere come trattare le situazioni pericolose per la vita Trattamento primario CRI BUCCINASCO 1 Cuore - Polmone - Cervello Perdita di

Dettagli

Italian Resuscitation Council BLS-D Basic Life Support -Defibrillation Rianimazione Cardiopolmonare e Defibrillazione Precoce Secondo le linee guida ERC/IRC 2005 CORSO BLSD OBIETTIVO E STRUTTURA OBIETTIVO

Dettagli

BLS - Basic Life Support

BLS - Basic Life Support BLS - Basic Life Support Giommaria Bazzoni giommy Croce Rossa Italiana Monitore di Primo Soccorso Istru

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation:

BLS-D Basic Life Support Defibrillation: BLS-D Basic Life Support Defibrillation: La corsa contro il tempo La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente e nei 2/3 dei

Dettagli

PBLS Pediatric Basic Life Support

PBLS Pediatric Basic Life Support PBLS Pediatric Basic Life Support SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA Secondo le Linee Guida Internazionali ILCOR 2010 Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI PBLS- PBLS OBIETTIVI

Dettagli

in collaborazione con la CORSO per l'utilizzo in ambito extra ospedaliero dei defibrillatori semiautomatici BLS-D.

in collaborazione con la CORSO per l'utilizzo in ambito extra ospedaliero dei defibrillatori semiautomatici BLS-D. A.P.E.T. onlus Associazione Professionisti Emergenza Territoriale Via Montagna Spaccata 594, Napoli. Tel. 3334431558 http://www.apet118.it info@apet118.it C.F. 095063610638 in collaborazione con la SOCIETA

Dettagli

PERCHE IL BLS? - Mantenere la pervietà delle vie aeree (Airway) - Sostenere la respirazione (Breathing) - Sostenere il circolo (Circulation)

PERCHE IL BLS? - Mantenere la pervietà delle vie aeree (Airway) - Sostenere la respirazione (Breathing) - Sostenere il circolo (Circulation) PERCHE IL BLS? Lo scopo del BLS (Basic Life Support - Supporto Vitale di Base) è quello di garantire il pronto riconoscimento della compromissione delle funzioni vitali (valutazione) e di supportare ventilazione

Dettagli

SICUREZZA NEL SOCCORSO

SICUREZZA NEL SOCCORSO B.L.S. SUPPORTO VITALE DI BASE (LIVELLO DI BASE) 1 I decessi causati da malattie cardiovascolari costituiscono la prima causa di morte della popolazione e, in buona parte, sono da attribuire a morte improvvisa

Dettagli

Basic Life Support Secondo Linee Guida 2010 UNA CORSA CONTRO IL TEMPO

Basic Life Support Secondo Linee Guida 2010 UNA CORSA CONTRO IL TEMPO UNA CORSA CONTRO IL TEMPO Partnership Basic Life Support Rianimazione cardiopolmonare di base (linee-guida scientifiche ILCOR 2010) Scopo del corso Conoscenze teoriche Le cause di arresto cardiaco Le manifestazioni

Dettagli

(Basic Life Support and early Defibrillation) Posizione Laterale di Sicurezza Ostruzioni delle vie aeree. Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI

(Basic Life Support and early Defibrillation) Posizione Laterale di Sicurezza Ostruzioni delle vie aeree. Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI BLS-D (Basic Life Support and early Defibrillation) Posizione Laterale di Sicurezza Ostruzioni delle vie aeree Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI BLS Basic Life Support OBIETTIVI SAPERE Significato

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation

BLS-D Basic Life Support Defibrillation Manovre di rianimazione BLS-D Basic Life Support Defibrillation Catena della sopravvivenza Supporto vitale di base-defibrillazione Manovre di rianimazione BLS-D Basic Life Support Defibrillation La cosa

Dettagli

Nozioni di Primo Soccorso

Nozioni di Primo Soccorso Corso RLS Nozioni di Primo Soccorso Roberto Volpe CNR-SPP, Roma Roma, 10 Aprile 2008 Regolamento sul pronto soccorso aziendale Ogni azienda, a prescindere dal numero di dipendenti che vi sono impiegati,

Dettagli

Croce Rossa Italiana. SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI DEFIBRILLAZIONE PRECOCE E Manovre di Disostruzione In Età Pediatrica.

Croce Rossa Italiana. SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI DEFIBRILLAZIONE PRECOCE E Manovre di Disostruzione In Età Pediatrica. Croce Rossa Italiana P B L S-D esecutore SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI DEFIBRILLAZIONE PRECOCE E Manovre di Disostruzione In Età Pediatrica Sanitari Testi e grafica a cura della commissione Nazionale

Dettagli

LINEE GUIDA AHA (I.L.C.O.R.2010)

LINEE GUIDA AHA (I.L.C.O.R.2010) LINEE GUIDA AHA (I.L.C.O.R.2010) OSTRUZIONE DELLE VIE AEREE VALUTAZIONE DELLA SEVERITA Ostruzione severa (tosse inefficace) Ostruzione moderata (tosse efficace) incosciente cosciente incoraggia a tossire

Dettagli

LEZIONE PRONTO SOCCORSO

LEZIONE PRONTO SOCCORSO LEZIONE DI PRONTO SOCCORSO 1 Arresto CARDIOCIRCOLATORIO SICUREZZA A Coscienza Sequenza a 2 soccorritori B-C VALUTA Respiro e Mo.To.Re. MAX. PER 10 sec Guarda l espansione del torace + movimenti Ascolta

Dettagli

Conferenza Regionale Misericordie. Ufficio Formazione. Linee Guida Regione Toscana. Legge Reg. 25/2001 e succ. P B L S

Conferenza Regionale Misericordie. Ufficio Formazione. Linee Guida Regione Toscana. Legge Reg. 25/2001 e succ. P B L S Conferenza Regionale Misericordie Ufficio Formazione Linee Guida Regione Toscana Legge Reg. 25/2001 e succ. P B L S 1 PBLS Pediatric Basic Life Support SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA

Dettagli

PRIMO SOCCORSO RIANIMAZIONE CARDIORESPIRATORIA. Rianimazione cardiorespiratoria

PRIMO SOCCORSO RIANIMAZIONE CARDIORESPIRATORIA. Rianimazione cardiorespiratoria PRIMO SOCCORSO RIANIMAZIONE CARDIORESPIRATORIA Rianimazione cardiorespiratoria (RCP) Arresto cardiaco Arresto respiratorio Anossia cerebrale Lesioni cerebrali irreversibili In 5 minu6 sopravviene la morte

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA. Volontari del Soccorso Delegazione di Terme Euganee (PD) Basic Life Support

CROCE ROSSA ITALIANA. Volontari del Soccorso Delegazione di Terme Euganee (PD) Basic Life Support CROCE ROSSA ITALIANA Volontari del Soccorso Delegazione di Terme Euganee (PD) Basic Life Support Rianimazione cardiopolmonare per soccorritori (corsi OTI - OSES) OSES Obiettivi della lezione 1. Conoscenze

Dettagli

CORSO SUPPORTO VITALE DI BASE E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE (BLS-D) PER SANITARI (PERSONALE VOLONTARIO SOCCORRITORE LIVELLO AVANZATO)

CORSO SUPPORTO VITALE DI BASE E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE (BLS-D) PER SANITARI (PERSONALE VOLONTARIO SOCCORRITORE LIVELLO AVANZATO) B.L.S.D. SUPPORTO VITALE DI BASE e DEFIBRILLAZIONE (LIVELLO AVANZATO) 1 CORSO SUPPORTO VITALE DI BASE E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE (BLS-D) PER SANITARI (PERSONALE VOLONTARIO SOCCORRITORE LIVELLO AVANZATO)

Dettagli

SINTESI DELLE PRINCIPALI MODIFICHE APPORTATE DALLE NUOVE LINEE GUIDA ERC 2005 PER LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE NEL BAMBINO

SINTESI DELLE PRINCIPALI MODIFICHE APPORTATE DALLE NUOVE LINEE GUIDA ERC 2005 PER LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE NEL BAMBINO SINTESI DELLE PRINCIPALI MODIFICHE APPORTATE DALLE NUOVE LINEE GUIDA ERC 2005 PER LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE NEL BAMBINO Nel novembre 2005 l European Resuscitation Council (ERC) ha reso pubbliche

Dettagli

Basic Life Support and early Defibrillation. Supporto vitale di base e defibrillazione precoce B.L.S.-D.

Basic Life Support and early Defibrillation. Supporto vitale di base e defibrillazione precoce B.L.S.-D. Basic Life Support and early Defibrillation Supporto vitale di base e defibrillazione precoce Prof. M. Scafuro B.L.S.-D. E l insieme delle procedure salvavita necessarie per soccorrere un soggetto che

Dettagli

Italian Resuscitation Council

Italian Resuscitation Council Italian Resuscitation Council Sintesi delle principali modifiche apportate dalle nuove linee guida ERC 2005 per la Rianimazione Cardipolmonare Base e Defibrillazione eseguita in soggetti adulti maggio

Dettagli

Regione Toscana. Azienda USL 8 Arezzo. Sede legale e. Centro Direzionale. Via Curtatone, 54. 52100 Arezzo. Telefono 0575 2551

Regione Toscana. Azienda USL 8 Arezzo. Sede legale e. Centro Direzionale. Via Curtatone, 54. 52100 Arezzo. Telefono 0575 2551 Regione Toscana Azienda USL 8 Arezzo Sede legale e Centro Direzionale Via Curtatone, 54 52100 Arezzo Telefono 0575 2551 AREZZO CUORE Obbiettivo del progetto Incrementare la sopravvivenza in caso di arresto

Dettagli

Venerabile Arciconfraternita della Misericordia di Firenze. A cura del Gruppo Formazione

Venerabile Arciconfraternita della Misericordia di Firenze. A cura del Gruppo Formazione 3 2 1 disostruiamoci A cura del Gruppo Formazione Prima di tutto valutare la sicurezza della scena dove dobbiamo intervenire PREMESSA Il paziente pediatrico può essere suddiviso in medicina d urgenza schematicamente

Dettagli

Dott. Nicola Gasparetto

Dott. Nicola Gasparetto PAEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT Supporto di base delle funzioni vitali in età pediatrica Secondo le linee guida AHA 2010 Croce Verde Montebelluna 28/04/2011 Dott. Nicola Gasparetto MEDICO CHIRURGO Terapia

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support

B.L.S. Basic Life Support B.L.S. Basic Life Support Adulto secondo le linee guida Per Uso Interno Gennaio 2005 Il Supporto di Base delle Funzioni Vitali (B.L.S.) Il Supporto di Base delle Funzioni Vitali consiste nelle procedure

Dettagli

LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE

LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE B. L. S. BASIC LIFE SUPPORT 2010 ILCOR-IRC-ERC-AHA CORSO PER L'ADDESTRAMENTO AL SUPPORTO DELLE FUNZIONI VITALI B.L.S. Arresto CARDIOCIRCOLATORIO OBIETTIVI Sapere come trattare

Dettagli

BLSD IRC BASIC LIFE SUPPORT -DEFIBRILLATION Italian Resuscitation Council

BLSD IRC BASIC LIFE SUPPORT -DEFIBRILLATION Italian Resuscitation Council REGIONE PUGLIA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA CONSORZIALE POLICLINICO DI BARI Educazione Continua in Medicina (E.C.M.) PROGETTO FORMATIVO AZIENDALE BLSD IRC BASIC LIFE SUPPORT -DEFIBRILLATION Italian

Dettagli

Rianimazione Cardio-Polmonare di Base per la Cittadinanza

Rianimazione Cardio-Polmonare di Base per la Cittadinanza BLS BASIC LIFE SUPPORT Rianimazione Cardio-Polmonare di Base per la Cittadinanza Secondo le linee guida European Resuscitation Council (ERC) del 18 ottobre 2010 recepite da Italian Resuscitation Council

Dettagli

Tratto da linee guida I.R.C. (Italian Resuscitation Council)

Tratto da linee guida I.R.C. (Italian Resuscitation Council) CORSO BLS Basic Life Support = Sostegno di base delle funzioni vitali Categoria A Tratto da linee guida I.R.C. (Italian Resuscitation Council) OBIETTIVI DEL CORSO CONOSCENZE TEORICHE ABILITA PRATICHE SCHEMI

Dettagli

SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI, DEFIBRILLAZIONE PRECOCE

SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI, DEFIBRILLAZIONE PRECOCE Croce Rossa Italiana esecutore SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI, DEFIBRILLAZIONE PRECOCE e MANOVRE DI DISOSTRUZIONE IN ETA PEDIATRICA Linee Guida Internazionali ILCOR (International Liaison Committee

Dettagli

Basic Life Support and Defibrillation

Basic Life Support and Defibrillation Basic Life Support and Defibrillation MANUALE ESECUTORE OPERATORI SANITARI Revisione 2006 Secondo linee guida Irc Erc Ilcor A cura di: Staff Docenti Centro di Formazione 118 Piacenza Soccorso Segreteria

Dettagli

CORSO PRIMO SOCCORSO PEDIATRICO

CORSO PRIMO SOCCORSO PEDIATRICO CORSO PRIMO SOCCORSO PEDIATRICO Corso 2013 Gestione dell emergenza sanitaria CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA La catena è formata da quattro anelli che sono nell'ordine: -Accesso precoce al sistema di emergenza

Dettagli

IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO

IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO PREMESSA Il paziente pediatrico può essere suddiviso in medicina d urgenza schematicamente in: Lattante 0 1 anno Bambino 1 fino alla pubertà OBIETTIVO DEL P-BLS Prevenire

Dettagli

Regione Toscana. Azienda USL 8 Arezzo. Sede legale e. Centro Direzionale. Via Curtatone, 54. 52100 Arezzo. Telefono 0575 2551

Regione Toscana. Azienda USL 8 Arezzo. Sede legale e. Centro Direzionale. Via Curtatone, 54. 52100 Arezzo. Telefono 0575 2551 Regione Toscana Azienda USL 8 Arezzo Sede legale e Centro Direzionale Via Curtatone, 54 52100 Arezzo Telefono 0575 2551 AREZZO CUORE Obbiettivo del progetto Incrementare la sopravvivenza in caso di arresto

Dettagli

ARRESTO CARDIACO B.L.S.

ARRESTO CARDIACO B.L.S. orso per Operatori P.S.T.I. della ROE ROSSA ITALIANA ARRESTO ARDIAO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE Acquisire le conoscenze teoriche del comportamento in caso di arresto cardiaco e respiratorio onoscere

Dettagli

IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO

IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO ANDREA FRANCI 1 PREMESSA Il paziente pediatrico può essere suddiviso in medicina d urgenza schematicamente in: Lattante 0 1 anno Bambino 1 fino alla pubertà 2 BLS Pediatrico

Dettagli

BLS (Basic Life support)

BLS (Basic Life support) BLS (Basic Life support) Posizione Laterale di Sicurezza Ostruzioni delle vie aeree Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI BLS Basic Life Support OBIETTIVI SAPERE Significato di arresto cardiocircolatorio

Dettagli

MANUALE PER OPERATORI LAICI BLSD - PBLSD

MANUALE PER OPERATORI LAICI BLSD - PBLSD MANUALE PER OPERATORI LAICI BLSD - PBLSD A cura del Coordinamento delle Centrali Operative della Regione Toscana Centrale Operativa 118 Empoli Soccorso 1 SUPPORTO VITALE DI BASE E DEFRIBRILLAZIONE PRECOCE

Dettagli

PARTE 4 A cura del Gruppo Formatori Massimo Dati Misericordie della Versilia

PARTE 4 A cura del Gruppo Formatori Massimo Dati Misericordie della Versilia PARTE 4 A cura del Gruppo Formatori Massimo Dati Misericordie della Versilia Gruppo Formatori Massimo Dati Misericordie della Versilia Pag. 0 P.B.L.S. Pediatric Basic Life Support (Supporto Vitale di Base

Dettagli

BLS ed Elementi di Primo Soccorso

BLS ed Elementi di Primo Soccorso Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina e Chirurgia BLS ed Elementi di Primo Soccorso Lezione 4: BLS: sostegno delle funzioni vitali Protocolli BLS - BLSD In collaborazione con Tuttavia la

Dettagli

Allegato alla Guida pratica per soccorritori. (ad esclusivo uso interno del personale del 118 ligure)

Allegato alla Guida pratica per soccorritori. (ad esclusivo uso interno del personale del 118 ligure) Regione Liguria Corso per Soccorritori del 118 Supporto Vitale Fondamentale & Defibrillazione Basic Life Support-D (ai sensi del Decreto Dirigenziale 1415/1999 e della della G.U. 196/2003) Allegato alla

Dettagli

SERVIZIO OPERATIVO SANITARIO COMMISSIONE FORMAZIONE SONA VR

SERVIZIO OPERATIVO SANITARIO COMMISSIONE FORMAZIONE SONA VR SERVIZIO OPERATIVO SANITARIO COMMISSIONE FORMAZIONE SONA VR CORSO PER SOCCORRITORI P.B.L.S. (Paediatric Basic Life Support) pag. 1 ATTENZIONE Questo manuale deve essere associato ad uno specifico corso

Dettagli

BLS-D. La defibrillazione precoce

BLS-D. La defibrillazione precoce BLS-D La defibrillazione precoce Defibrillazione precoce DEFIBRILLABILI FV TV senza polso RITMI NON DEFIBRILLABILI PEA ASISTOLIA RCP DEFIBRILLAZIONE Tachiaritmie maligne Tachicardia ventricolare (TV):

Dettagli

BLS Basic Life Support. www.fisiokinesiterapia.biz

BLS Basic Life Support. www.fisiokinesiterapia.biz BLS Basic Life Support www.fisiokinesiterapia.biz Obiettivo e struttura OBIETTIVO DELLA LEZIONE E E ACQUISIRE: conoscenze teoriche (presupposti, ambito,finalità) abilità pratiche nell esecuzione delle

Dettagli

BASIC LIFE SUPPORT. Toccare la vittima e porle la seguente domanda (approccio tocca e parla ): Come va?

BASIC LIFE SUPPORT. Toccare la vittima e porle la seguente domanda (approccio tocca e parla ): Come va? B. D Elia BASIC LIFE SUPPORT Toccare la vittima e porle la seguente domanda (approccio tocca e parla ): Come va? Il paziente non risponde: 1. chiamare aiuto (effettuare la richiesta di soccorso al numero

Dettagli

Icorsi di Basic Life Support (BLS)

Icorsi di Basic Life Support (BLS) Le tecniche di rianimazione cardiopolmonare La scienza della rianimazione è in continua evoluzione e le indicazioni devono essere aggiornate per seguire il progresso scientifico e indirizzare il personale

Dettagli

E ADESSO CHE FACCIO?

E ADESSO CHE FACCIO? La gestione del paziente critico in ambito extraospedaliero: principi generali e condotta da parte di personale infermieristico non esperto in area critica Emergenze cardiologiche: Shock ed arresto cardiaco

Dettagli

Basic Life Support & Automated External Defibrillation Course

Basic Life Support & Automated External Defibrillation Course Basic Life Support & Automated External Defibrillation Course BACKGROUND Circa 700.000 arresti cardiaci\anno in europa 5 10% di dimessi vivi dopo arresto cardiaco L inizio precoce della CPR da parte degli

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA Comitato Tecnico per l Educazione Sanitaria. Lezioni di PRIMO SOCCORSO

CROCE ROSSA ITALIANA Comitato Tecnico per l Educazione Sanitaria. Lezioni di PRIMO SOCCORSO «Un certo tipo di rischio dà sapore alle cose ed è certamente una componente dell avventura; è però un cavallo di cui bisogna saper tenere ben salde le briglie».. CROCE ROSSA ITALIANA Comitato Tecnico

Dettagli

IL PRIMO SOCCORSO AL BAMBINO. Dott.ssa Maura Mastrocola

IL PRIMO SOCCORSO AL BAMBINO. Dott.ssa Maura Mastrocola IL PRIMO SOCCORSO AL BAMBINO Dott.ssa Maura Mastrocola SCOPO DEL PBLS Prevenzione del danno anossico cerebrale attraverso il sostegno delle funzioni vitali, con le procedure standard di rianimazione cardiopolmonare

Dettagli

BLS. Basic Life Support

BLS. Basic Life Support BLS Basic Life Support Che cos è il BLS? BLS sta per Basic Life Support, ed è un protocollo da seguire ogni qual volta ci si trovi davanti ad un paziente non cosciente. Si compone di una serie di valutazioni

Dettagli

INTRODUZIONE: PERCHE IL BLSD?

INTRODUZIONE: PERCHE IL BLSD? Basic Life Support Defibrillation - Holistic Square INTRODUZIONE: La morte cardiaca improvvisa è causata nell 80%- 90% dei casi da aritmie ipercinetiche a carico dei ventricoli :tachicardia ventricolare

Dettagli

Basic Life Support. Rianimazione CardioPolmonare per. soccorritori laici. Croce Rossa Italiana

Basic Life Support. Rianimazione CardioPolmonare per. soccorritori laici. Croce Rossa Italiana Croce Rossa Italiana Volontari del Soccorso Gruppo Terme Euganee Basic Life Support Rianimazione CardioPolmonare per soccorritori laici Secondo le linee guida dello European Resuscitation Council - 2010

Dettagli

Dott. Angelo G. Virtuani Casa di Cura S. Pio X Milano. Ottobre 2009

Dott. Angelo G. Virtuani Casa di Cura S. Pio X Milano. Ottobre 2009 BLS basic life support (supporto di base delle funzioni vitali) PER OPERATORI NON SANITARI Dott. Angelo G. Virtuani Casa di Cura S. Pio X Milano Ottobre 2009 LA MORTE CARDIACA IMPROVVISA Ogni anno colpisce

Dettagli

ANATOMIA DELL ORECCHIO UMANO

ANATOMIA DELL ORECCHIO UMANO ANATOMIA DELL ORECCHIO UMANO Approccio all infortunato 1) Protezione del soccorritore 2) Valutazione rischio ambientale si Il paziente va rimosso no 3) Valutazione delle condizioni dell infortunato Approccio

Dettagli

Basic Life Support Early-Defibrillation

Basic Life Support Early-Defibrillation QUADERNO DI LAVORO Basic Life Support Early-Defibrillation Secondo le linee guida IRC 2006/ILCOR-ERC 2005 Provincia Autonoma di Trento Servizio Sanitario Provinciale Presentazione Il trattamento tempestivo

Dettagli

FAD SERVIZI S.N.C DI BEVILACQUA ANGELA E MAGIONCALDA FRANCESCA

FAD SERVIZI S.N.C DI BEVILACQUA ANGELA E MAGIONCALDA FRANCESCA Istruttori: FAD SERVIZI S.N.C DI BEVILACQUA ANGELA E MAGIONCALDA FRANCESCA Angela Bevilacqua BLSD/PBLSD/METAL/ALS Provider (A.S.O. S.Croce CN) Paolo Dadone BLSD/PBLSD/ALS Provider (A.S.O. S.Croce CN e

Dettagli

REGIONE PUGLIA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA CONSORZIALE POLICLINICO DI BARI. Educazione Continua in Medicina (E.C.M.)

REGIONE PUGLIA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA CONSORZIALE POLICLINICO DI BARI. Educazione Continua in Medicina (E.C.M.) REGIONE PUGLIA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA CONSORZIALE POLICLINICO DI BARI Educazione Continua in Medicina (E.C.M.) PROGETTO FORMATIVO AZIENDALE N. CREDITI 8,8 PBLSD-IRC PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato locale di Reggio Emilia. (personale Laico)

Croce Rossa Italiana Comitato locale di Reggio Emilia. (personale Laico) CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE DI REGGIO EMILIA VOLONTARI DEL SOCCORSO VOLONTARI SI NASCE SOCCORRITORI SI DIVENTA! BASIC LIFE SUPPORT -PERSONALE LAICO- ED. 2010 HTTP://WWW.CRI.RE.IT 1 Introduzione

Dettagli

LA RIANIMAZIONE CARDIO POLMONARE DI BASE

LA RIANIMAZIONE CARDIO POLMONARE DI BASE LA RIANIMAZIONE CARDIO POLMONARE DI BASE DISPENSA PER I DISCENTI LA RIANIMAZIONE CARDIO-POLMONARE DI BASE 1 DEFINIZIONE E OBIETTIVO Le manovre di rianimazione cardio-polmonare di base si rendono necessarie

Dettagli

P. B. L. S. PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT. Centro di Formazione di Pistoia Soccorso & Misericordia di Quarrata

P. B. L. S. PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT. Centro di Formazione di Pistoia Soccorso & Misericordia di Quarrata P. B. L. S. PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT Centro di Formazione di Pistoia Soccorso & Misericordia di Quarrata 1 OBIETTIVO L obiettivo del PBLS è la prevenzione del danno anossico celebrale, per cui è necessario

Dettagli

Lezione 02. Apparato Respiratorio

Lezione 02. Apparato Respiratorio Lezione 02 Apparato Respiratorio 1 La Respirazione Perché respiriamo? Perché le nostre cellule hanno bisogno di ossigeno per poter funzionare e produrre l energia che serve per compiere il loro lavoro

Dettagli

PRIMO SOCCORSO. Dott.ssa Elvezia Fumagalli

PRIMO SOCCORSO. Dott.ssa Elvezia Fumagalli PRIMO SOCCORSO Dott.ssa Elvezia Fumagalli PRIMO SOCCORSO Il primo soccorso è l aiuto che si presta alla persona o alle persone che sono state vittime di un incidente o di un malore, in attesa che intervengano

Dettagli

P BLS: PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT supporto vitale di base pediatrico

P BLS: PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT supporto vitale di base pediatrico P BLS: PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT supporto vitale di base pediatrico DEFINIZIONI Il P-BLS deve essere praticato nei soggetti in cui risultino compromesse una o più funzioni vitali (coscienza, respiro

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL URGENZA IN REPARTO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL URGENZA IN REPARTO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE GINECOLOGICHE E DELLA RIPRODUZIONE UMANA U.O.C. di CLINICA GINECOLOGICA e OSTETRICA

Dettagli