LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE"

Transcript

1 LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE B. L. S. BASIC LIFE SUPPORT 2010 ILCOR-IRC-ERC-AHA CORSO PER L'ADDESTRAMENTO AL SUPPORTO DELLE FUNZIONI VITALI

2 B.L.S. Arresto CARDIOCIRCOLATORIO

3 OBIETTIVI Sapere come trattare le situazioni pericolose per la vita Arresto Cardiocircolatorio

4 ILCOR International Liaison Committee on Resuscitation American Heart Association (AHA) European Resuscitation Council (ERC) Australian Resuscitation Council (ARC) Heart and Stroke Foundation of Canada (HSFC) Guidelines 2010 ILCOR New Zealand Resuscitation Council (NZRS) Resuscitation Council of Southern Africa (RCSA) Consejo Latino Americano de Resuscitacion (CLAR) (Resuscitation Council of) Japan

5 SI DELLA CURA CARDIACA D'EMERGENZA - B L S : BASIC LIFE SUPPORT SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI (SOCCORRITORI - CITTADINANZA) - B L S - D : BASIC LIFE SUPPORT + DEFIBRILLAZIONE SUPPORTO/RIPRISTINO DI BASE FUNZIONI VITALI (SOCCORRITORI CITTADINANZA CON STRUMENTI) - A L S : ADVANCED LIFE SUPPORT RIPRISTINO FUNZIONI VITALI (CON STRUMENTI - OPERATORI SANITARI) -P L S : PROLONGED LIFE SUPPORT- POST RESUSCITATION - MANTENIMENTO DELLE FUNZIONI VITALI (OPERATORI SANITARI - OSPEDALE)

6 IRRADIAZIONE DOLORE CARDIACO QUALUNQUE DOLORE ANTERIORE O POSTERIORE DAL NASO ALL OMBELICO!!

7 ATTACCO CARDIACO RIPOSO SE DOPO 2 MINUTI NON PASSA CARDIOPATICO NON CARDIOPATICO NITROG. 1 compressa DOPO 5 MINUTI, se non passa CHIAMARE 118, FAR PORTARE IN OSPEDALE

8 ATTACCO CARDIACO IL PAZIENTE NON CARDIOPATICO NOTO NEGA L'ATTACCO E MEDIAMENTE CHIAMA DOPO 3 ORE.

9 QUANDO IL CUORE SI FERMA non arriva ossigeno ai tessuti le cellule passano a metabolismo anaerobio si accumulano metaboliti acidi si esauriscono le riserve energetiche inizia il danno organico fino a morte cellulare

10 TEMPI DI SOPRAVVIVENZA DELL'ENCEFALO ALL'INSULTO IPOSSICO ISCHEMICO CORTECCIA CEREBRALE 4-5 MINUTI TRONCO DELL'ENCEFALO 15 MINUTI MIDOLLO SPINALE 45 MINUTI

11 DANNO CEREBRALE - 4 MINUTI: INIZIA IL DANNO CEREBRALE - 10 MINUTI: CERTEZZA DI DANNO CEREBRALE % DANNO CEREBRALE 0% CORTECCIA CEREBRALE 4-5 MINUTI 50 % 100 % (SALVO SITUAZIONI PARTICOLARI) MINUTI

12 DANNO CEREBRALE - 4 MINUTI: INIZIA IL DANNO CEREBRALE - 10 MINUTI: CERTEZZA DI DANNO CEREBRALE (SALVO SITUAZIONI PARTICOLARI)

13

14 BLS

15

16

17 COSA PUÒ FARE UNA CORRETTA RCP? COMPRARE TEMPO GENERARE UNA GETTATA CARDIACA NON SUPERIORE AL 20% DEL NORMALE TRASPORTARE OSSIGENO AI TESSUTI IN QUANTITÀ LIMITATA

18 OBIETTIVO PRINCIPALE DEL BLS PROVVEDERE AD UNA OSSIGENAZIONE DI EMERGENZA PER EVITARE DANNI CEREBRALI

19 ARRESTO CARDIACO DEFINIZIONE L arresto cardio-circolatorio è la cessazione improvvisa della FUNZIONE DI POMPA del cuore con sospensione della circolazione di sangue nei vasi, la FUNZIONE ELETTRICA può persistere più o meno alterata per un certo periodo di tempo.

20 Cuore - Polmone - Cervello Perdita di coscienza Arresto respiratorio Arresto cardiaco Morte clinica Morte biologica

21 La catena della sopravvivenza Shock

22 ARRESTO CARDIACO QUADRO CLINICO RAPPRESENTATO DALLA CESSAZIONE IMPROVVISA DEL CIRCOLO IN UN PAZIENTE CHE NON CI SI ASPETTA DEBBA MORIRE IN QUEL MOMENTO SEGNI E SINTOMI (laici) -PERDITA DI CONOSCENZA O MOVIMENTI -ASSENZA DI RESPIRO O RESPIRO NON NORMALE (GASPING)

23 2 DOMANDE VITALI ILCOR ) E' IN COMA? - chiamare il paziente - pizzicare il paziente, scuoterlo 2) RESPIRA? - valutare la presenza della ventilazione - valutare se GASPING o RESPIRO NON NORMALE PER PROFESSIONISTI - valutare la presenza di POLSO CAROTIDEO

24 AGGIORNAMENTI 2010 ANCORA PIU ENFASI AL MASSAGGIO CARDIACO ED ALLA RIDUZIONE DELLE INTERRUZIONI

25 C C == CIRCULATION CIRCULATION A A == AIRWAYS AIRWAYS B B ==BREATHING BREATHING

26 VERIFICA RESPIRO ILCOR: CAB AHA: CAB ERC: ABC??? IN REALTA AB CAB

27

28 PER PRIMA COSA Valuta se nell ambiente ci sono pericoli!!

29 VALUTARE COSCIENZA DETERMINA SE NON RISPONDE VALUTARE SE E' COSCIENTE CHIAMARE IL PAZIENTE STIMOLARLO LEGGERMENTE

30 INIZIO SEQUENZA BLS La sequenza di BLS comprende alcune o tutte le manovre per il sostegno delle funzioni vitali: L'ATTIVAZIONE DELLA SEQUENZA DI BLS E DETERMINATA DALL'ASSENZA DI COSCIENZA E DI RESPIRO NORMALE, E COMINCIA CON IL MASSAGGIO CARDIACO

31 CHIAMARE AIUTO ATTIVARE IL SISTEMA DI EMERGENZA FAR CHIAMARE IL 118 FAR PORTARE IL DEFIBRILLATORE

32 CHIAMA IL PAZIENTE, POI FAI CHIAMARE AIUTO CHIEDI DI PORTARE IL DEFIBRILLATORE 118 CHIAMARE IL PAZIENTE STIMOLARLO LEGGERMENTE

33 URGENZA INTERNA NUMERO TELEFONICO 2040 UTILIZZO PROTOCOLLO LOCALE INTERNO Il personale della CENTRALE OPERATIVA 118 attiverà immediatamente l èquipe di Emergenza Interna più idonea e disponibile

34 POSIZIONE PER LA RCP LA RCP SI EFFETTUA SEMPRE CON IL PAZIENTE IN POSIZIONE SUPINA

35 Sequenza VALUTA Respiro assente o non normale Inizia RCP Comincia con il massaggio. Alterna 30 compressioni a 2 ventilazioni con ossigeno per circa 2 minuti (5 cicli)

36 Sequenza VALUTA Respiro assente o non normale Se il respiro è presente, metti il paziente in posizione laterale di sicurezza (NO se trauma!) con ossigeno

37 SE RESPIRA METTERE IN POSIZIONE LATERALE DI SICUREZZA TENERE SOTTO CONTROLLO IL PAZIENTE, verificare frequentemente l attività respiratoria

38 LAICI 2010 SE NON COSCIENTE E NON RESPIRA O RESPIRO NON NORMALE, INIZIA LE COMPRESSIONI TORACICHE ESTERNE (ALTERNATE ALLE VENTILAZIONI, SE ADDESTRATO, 30:2)

39 AGGIORNAMENTI 2010 SOCCORRITORI 118 SE NON E COSCIENTE E NON RESPIRA (O RESPIRO NON NORMALE ), INIZIA LE COMPRESSIONI TORACICHE ESTERNE ALTERNATE ALLE VENTILAZIONI, 30:2

40 PROFESSIONISTI 2010 SE NON RESPIRA (O HA GASPING), VALUTA POLSO E INIZIA LE COMPRESSIONI TORACICHE ESTERNE ALTERNATE ALLE VENTILAZIONI, 30:2

41 AGGIORNAMENTI 2010 LAICI E SOCCORRITORI QUANDO IL RESPIRO E ASSENTE O VI E GASPING, EFFETTUARE IL MASSAGGIO CARDIACO, POICHE E MOLTO IMPROBABILE CHE VI SIA CIRCOLO, ED ANCHE SE CI FOSSE, ENTRO BREVE SCOMPARIREBBE.

42 AGGIORNAMENTI 2005/2010 NEL DUBBIO, E MEGLIO EFFETTUARE UNA RIANIMAZIONE QUANDO NON SERVE, PIUTTOSTO CHE NON RIANIMARE QUANDO SERVE!

43 GASPING CARATTERISTICHE: OCCASIONALE e inoltre BOCCHEGGIANTE RUSSANTE SIMILE AL SINGHIOZZO LENTO INEFFICACE

44 RESPIRO ASSENTE CONTATTA LA COEU

45 C = CIRCOLO

46 AGGIORNAMENTI 2005 SOCCORRITORI 118 VALUTARE POLSO CAROTIDEO (opzionale) DOPO I PRIMI DUE MINUTI 30:2, AL CAMBIO.

47 AGGIORNAMENTI 2005 SOCCORRITORI 118 POLSO CAROTIDEO: MOLTO DIFFICILE DA RILEVARE CON SICUREZZA ANCHE PER PROFESSIONISTI. NELLA PRIMA VALUTAZIONE NON PERDERE TEMPO CON IL POLSO (E COMUNQUE OPZIONALE DURANTE GAS E MO.TO.RE., MAX 10 SEC.). ALLA PRIMA RIVALUTAZIONE DOPO 2 MINUTI, VALUTARE GAS, MO.TO.RE. E POLSO (OPZIONALE)

48 AGGIORNAMENTI 2005/2010 GRANDE ENFASI AL MASSAGGIO CARDIACO ED ALLA RIDUZIONE DELLE INTERRUZIONI

49 VALUTARE ARRESTO CARDIACO PROFESSIONISTI OSSERVARE SEGNI DI CIRCOLO - PALPARE LA CAROTIDE - NON PIU DI 10 SECONDI - UTILIZZARE 3 DITA - A LATO DEL POMO D'ADAMO - NON COMPRIMERE TROPPO -CONTEMPORANEAMENTE ALLA VALUTAZIONE COSCIENZA/RESPIRO!

50 FARE C MASSAGGIO CARDIACO ESTERNO - METTERE A TERRA SE E A LETTO -PIANO RIGIDO SOTTO LA SCHIENA -SCOPRIRE IL TORACE (QUANTO BASTA!) -NON ALZARE LE GAMBE -POSIZIONARSI A LATO

51 FARE C MASSAGGIO CARDIACO ESTERNO - A LATO DEL PAZIENTE - SPALLE SUL PAZIENTE - TROVARE POSIZIONE MANI - AL CENTRO DEL TERZO INFERIORE DELLO STERNO (LINEA DEI CAPEZZOLI) - GOMITI RIGIDI, BRACCIA PERPENDICOLARI - USARE IL PESO, FULCRO SUL BACINO - COMPRIMERE almeno 5 cm, non più di 6 cm - FREQUENZA almeno100 c/min, non più di 120

52 FARE C MASSAGGIO CARDIACO ESTERNO - PUNTO DI REPERE SEMPLIFICATO - COMPRESSIONE/RILASCIAMENTO UGUALE - RILASCIARE COMPLETAMENTE IL TORACE - NON STACCARE LE MANI DAL TORACE - COMPRIMERE almeno 5 cm, non più di 6 cm - LIMITARE LE INTERRUZIONI DEL MCE FREQUENZA almeno 100, non più di 120 COMPRESSIONI/MINUTO

53 C Massaggio Cardiaco Esterno PUNTO di REPERE: Posizionare la mano al centro del torace sulla metà inferiore dello sterno Appoggiare sopra l altra mano Intrecciare le dita

54 C Massaggio Cardiaco Esterno POSIZIONE DEL SOCCORRITORE IN SPAZI RISTRETTI SOLO NEI CASI IN CUI MANCHI LO SPAZIO PER POSIZIONARSI CORRETTAMENTE LA RCP SI PUO EFFETTUARE ANCHE DA DIETRO LA TESTA O A CAVALCIONI DELLA VITTIMA

55

56 MASSAGGIO CARDIACO ESTERNO - DURANTE MCE LA GITTATA CARDIACA E' PARI AL 25-30% - IL FLUSSO CORONARICO E' < AL 5%

57 30 COMPRESSIONI E 2 VENTILAZIONI ALTERNATE, PER 2 minuti (5 cicli) 30 COMPRESSIONI DA SOLI 2 VENTILAZIONI O IN DUE

58 RAPPORTO VENTILAZIONI COMPRESSIONI IN CASO DI PAZIENTE INTUBATO IL MASSAGGIO VIENE EFFETTUATO SENZA INTERRUZIONE, COME PURE LE VENTILAZIONI, IN MODO TOTALMENTE INDIPENDENTE TRA LORO CON CIRCA 8-10 VENTILAZIONI MINUTO EVITANDO VOLUMI ECCESSIVI!

59 BLS Adulti Sequenza 2 soccorritori 118 Sicurezza Garantisci la tua sicurezza e quella della vittima Coscienza Scuoti la vittima gentilmente e chiedi Tutto bene? Posizione Supina Se incosciente metti il paziente supino su un piano rigido Respiro non normale? Massaggio cardiaco Verifica l assenza di respiro o respiro non normale Inizia massaggio cardiaco esterno, 30:2 alternato con ventilazioni

60 A = VIE AEREE

61 A PERVIETA' DELLE VIE AEREE A FARE SOCCORRITORI ESTENSIONE DEL CAPO - SOLLEVAMENTO DEL MENTO - SUBLUSSAZIONE MANDIBOLA - CANULA OROFARINGEA (OPZIONALE)

62 A PERVIETA' DELLE VIE AEREE A FARE SVUOTAMENTO CAVO ORALE SOLO SE SONO EVIDENTI CORPI ESTRANEI SOLIDI O IN CASO DI STORIA DI SOSPETTO CORPO ESTRANEO

63 POLITRAUMA SI DEVE RICORDARE LA SEQUENZA C Ac B C Acollo - B SALVAGUARDARE IL RACHIDE CERVICALE MENTRE SI MANTIENE LA PERVIETA' DELLE VIE AEREE

64 POLITRAUMA FARE A ANCHE PER I SOCCORRITORI 118 ED I PROFESSIONISTI SE NON SI RIESCE A RENDERE PERVIE LE VIE AEREE IN NESSUN ALTRO MODO, DELICATAMENTE ESTENDERE IL CAPO: L ASSENZA DI RESPIRO E PEGGIO DI UN RISCHIO AL RACHIDE CERVICALE

65 POLITRAUMA FARE A NEL TRAUMA IN ACC MANTENERE MANUALMENTE IMMOBILIZZATO IL RACHIDE CERVICALE: DURANTE RCP E SCONSIGLIATO IL POSIZIONAMENTO DEL COLLARE CERVICALE

66 POLITRAUMA FARE A SOCCORRITORI SOLLEVAMENTO DEL MENTO 2- SUBLUSSAZIONE MANDIBOLA 3- CANULA OROFARINGEA

67 B = RESPIRO

68 B VENTILARE 2 VOLTE FARE LA VENTILAZIONE SI EFFETTUA DOPO LE PRIME 30 COMPRESSIONI TORACICHE NELLA SEQUENZA CAB.

69 FARE B VENTILAZIONE in ACC ml/kg CON E SENZA OSSIGENO ml - IN CIRCA 1 SECONDO - CON VOLUME SUFFICIENTE A FAR SOLLEVARE IL TORACE, MA EVITANDO INSUFLAZIONI RAPIDE O FORZATE

70 B Ventilazioni 2 ventilazioni

71 RCP per 2 minuti/5 cicli (30:2)

72 VENTILAZIONE B Lasciare espirare Controllare l efficacia (ESPANSIONE TORACICA) Evitare insufflazioni rapide e forzate ATTENZIONE allo stomaco

73 RIVALUTAZIONE RIVALUTARE IN CASO DI RICOMPARSA DI RESPIRO EFFICACE, TOSSE O MOVIMENTI

74 RIVALUTAZIONE SOCCORRITORI 118 OGNI 2 MINUTI SI RIVALUTANO LE FUNZIONI VITALI (CBA), E SI SUPPORTANO SOLO QUELLE ASSENTI. RIVALUTARE COMUNQUE IN CASO DI RICOMPARSA DI RESPIRO EFFICACE O MOVIMENTI.

75 RIVALUTAZIONE SOCCORRITORI 118 DOPO I PRIMI 5 CICLI DI RCP, E POI OGNI DUE MINUTI, SI VALUTA COSCIENZA E RESPIRO (polso opzionale) MENTRE SI CAMBIA: MAX 10 SEC. PER CAMBIO E RIVALUTAZIONE

76 Polso Carotideo Rivalutazione LE A N O I Z P O

77 SOLO VENTILAZIONE SOCCORRITORI 118 I SOCCORRITORI EFFETTUANO VENTILAZIONI DA SOLE (adulti 8-12, bambini al minuto) SENZA MASSAGGIO CARDIACO, IN CASO DI ASSENZA DI RESPIRO E POLSO PRESENTE, VALUTATO DOPO I PRIMI 2 MINUTI DI RCP

78 SOLO VENTILAZIONE SOCCORRITORI 118 SE SI EFFETTUANO SOLO LE VENTILAZIONI, QUESTE DEVONO AVERE UN VOLUME NORMALE DI ml (10 ml/kg)

79 Precauzioni Al termine dei 5 cicli (2 minuti) durante la valutazione paziente CAMBIARE il soccorritore che effettua massaggio cardiaco MAX 10 per RIVALUTAZIONE e CAMBIO RIVALUTARE SEMPRE IN CASO DI RICOMPARSA DI RESPIRO EFFICACE O MOVIMENTI

80 EVOLUZIONE Arrivo equipe avanzata La vittima ha circolo e respiro spontanei La vittima ha circolo, ma non respira Indicazioni e protocolli della COEU

81 Dopo ogni 2 minuti di RCP Controlla il polso carotideo (opzionale) Respiro e coscienza arriva una Equipe qualificata La vittima ha polso e respiro La vittima ha polso, ma non respira la COEU dispone il trasporto

82 SOCCORRITORI 118 -COMINCIARE IL MCE SE RESPIRO ASSENTE O GASPING -NON INTERROMPERE MAI RCP (MAX 10 SECONDI) -POSSIBILE FARE MCE SENZA VENTILAZIONI, MA SOLO SE DA SOLI -POSSIBILE FARE SOLO VENTILAZIONI SE POLSO PRESENTE DOPO RIVALUTAZIONE -CAMBIARE OGNI 2 MINUTI (5 CICLI) CHI MASSAGGIA -RIVALUTARE (POLSO) OGNI 2 MINUTI

83 TUTTI! SE PRESENTE PIU DI UN SOCCORRITORE, OGNI 2 MINUTI CAMBIARE CHI MASSAGGIA

84 DURANTE BLS CAMBIARE OGNI 2 MINUTI CHI MASSAGGIA MA CAMBIARE ANCHE PRIMA SE STANCHI O PERCHE CHI MASSAGGIA HA ALTRI COMPITI

85

86

87 Algoritmo universale 2010 Sicurezza della scena Valutazione stato di coscienza NON Risponde Risponde Osservare Trattare se indicato Respiro ASSENTE (Gasping o respiro non normale ) ALLERTA COEU INIZIA RCP per 2 minuti) (30:2 per 5 cicli)

88 SEQUENZA BLS laici 2010 CAB c COSCIENZA E CIRCOLO VALUTARE A B VIE AEREE RESPIRO FARE FARE CHIAMA E SCUOTI SE NON E COSCIENTE E NON RESPIRA, O RESPIRO NON NORMALE FARE FAR CHIAMARE IL 118 INIZIARE LE 30 COMPRESSIONI TORACICHE ESTERNE ESTENDERE IL CAPO RIMOZIONE CORPI ESTRANEI SOLIDI SE EVIDENTI ALTERNARE 30 COMPRESSIONI A DUE VENTILAZIONI (5 CICLI 30:2, 2 MINUTI) SE NON SE LA SENTE, FARE MASSAGGIO CARDIACO SENZA INTERRUZIONI, MANTENENDO IL CAPO ESTESO

89 SEQUENZA BLS SOCCORRITORI CAB c COSCIENZA E CIRCOLO VALUTARE A B VIE AEREE FARE FARE CHIAMA E SCUOTI SE NON E COSCIENTE E NON RESPIRA, O RESPIRO NON NORMALE (GASPING) FARE AVVISARE COEU INIZIARE LE 30 COMPRESSIONI TORACICHE ESTERNE APPLICARE DEFIBRILLATORE ESTENDERE IL CAPO, SUBLUSSARE MANDIBOLA, CANULA RIMOZIONE CORPI ESTRANEI SOLIDI SE EVIDENTI ALTERNARE 30 COMPRESSIONI A DUE VENTILAZIONI, 5 CICLI 30:2 (2 MINUTI)

90 SEQUENZA BLS PROFESSIONISTI 2010 CAB c COSCIENZA E CIRCOLO VALUTARE GUARDARE I MOVIMENTI ASCOLTARE SE PARLA SENTIRE, STIMOLARE SE NON E COSCIENTE E NON RESPIRA, O RESPIRO NON NORMALE (GASPING) E NON HA POLSO FARE FAR CHIAMARE AIUTO RECUPERARE DEFIBRILLATORE INIZIARE LE 30 COMPRESSIONI TORACICHE ESTERNE A B VIE AEREE FARE ESTENDERE IL CAPO, SUBLUSSARE MANDIBOLA, CANULA RIMOZIONE CORPI ESTRANEI SOLIDI SE EVIDENTI FARE ALTERNARE 30 COMPRESSIONI A DUE VENTILAZIONI, 5 CICLI 30:2 (2 MINUTI)

91 OSTRUZIONE VIE AEREE

92 OSTRUZIONE VIE AEREE MODERATA SUBCIANOSI, TOSSE E SIBILI, BUON PASSAGGIO DI ARIA STAI SOFFOCANDO? NO!! SE PARLA, NON FARE NULLA TENERE SOTTO OSSERVAZIONE

93 OSTRUZIONE VIE AEREE GRAVE CIANOSI, NON TOSSISCE, NON PARLA, SEGNALE UNIVERSALE, PESSIMO PASSAGGIO DI ARIA STAI SOFFOCANDO?..!! MANOVRE DI DISOSTRUZIONE

94

95 A CHIAMARE A AIUTO FARE IN CASO DI CORPO ESTRANEO CHIAMA SUBITO E INIZIARE CPR (anche guidata via telefono): - PERSONALE NON ADDESTRATO CHIAMA DOPO MANOVRE DISOSTRUZIONE: - PERSONALE ADDESTRATO

96 OSTRUZIONE VIE AEREE MANOVRE DI DISOSTRUZIONE VITTIMA COSCIENTE - GUARDARE IN BOCCA - COLPI DORSALI - MANOVRA DI HEIMLICH

97 OSTRUZIONE GRAVE VIE AEREE VITTIMA COSCIENTE GUARDARE IN BOCCA: rimuovere eventuali corpi estranei visibili Posizionarsi A FIANCO della vittima, con una mano sul torace per sorreggerla 5 COLPI INTERSCAPOLARI MANOVRA DI HEIMLICH se inefficaci

98 Colpi Interscapolari

99 MANOVRA DI HEIMLICH (IN PIEDI) Posizionarsi dietro la vittima Porre una mano sotto l arcata costale, con il pugno chiuso e il pollice all interno Somministrare un colpo deciso verso l alto e verso l interno Ripetere max per 5 volte Ricontrollare il cavo orale

100 Manovra di Heimlich

101

102 OSTRUZIONE GRAVE VIE AEREE VITTIMA COSCIENTE ALTERNARE 5 COLPI DORSALI A 5 COMPRESSIONI ADDOMINALI, FINO A LIBERAZIONE DELLE VIE AEREE O FINO A CHE DIVIENE INCOSCIENTE. CONTROLLARE FREQUENTEMENTE IN BOCCA

103 OSTRUZIONE GRAVE VIE AEREE 2010 VITTIMA che diventa INCOSCIENTE o trovata incosciente - POSIZIONARE LA VITTIMA SUPINA SU PIANO RIGIDO -ATTIVARE IL SISTEMA DI EMERGENZA - 30 COMPRESSIONI TORACICHE - TENTARE 2 INSUFLAZIONI -SE INEFFICACI, MCE 30-2 PER 2 MINUTI (5 CICLI).

104

105 BLS Adulti Ostruzione vie aeree 2010 Riconoscimento Ostruzione MODERATA Incoraggia a tossire Tieni sotto controllo Paziente INCOSCIENTE Ostruzione GRAVE Paziente in piedi o seduto: 5 colpi interscapolari alternati a 5 compressioni addominali Chiama il paziente; se respiro assente o non normale Attiva il sistema di emergenza Inizia 30 compressioni toraciche RCP 30:2 per 2 min. (5 cicli)

106 Conclusioni ILCOR 2010 IL TRATTAMENTO CARDINE E IL MASSAGGIO CARDIACO RIDURRE AL MINIMO LE INTERRUZIONI DELLE COMPRESSIONI RAPPORTO 30:2, 5 CICLI (2 MINUTI) Migliore perfusione coronarica e cerebrale aumento dimissioni senza esiti cerebrali

107 AGGIORNAMENTI 2010 GRANDE ENFASI AL MASSAGGIO CARDIACO ED ALLA RIDUZIONE DELLE INTERRUZIONI

108 NUOVE RACCOMANDAZIONI 2010 CENTRALI OPERATIVE - CPR VIA TELEFONO: NEI PRIMI MINUTI, SPESSO PERMANE GASPING, CHE VIENE INTERPRETATO COME RESPIRO. RICONOSCERE IL GASPING COME RESPIRO NON NORMALE E FAR INIZIARE RCP. NON RICERCARE PIU TELEFONICAMENTE ALTRI SEGNI DI CIRCOLO. -ASPIRINA SE SOSPETTO IMA (IIa)

109 UN SOCCORRITORE NON MEDICO INTERROMPE LE MANOVRE DI RCP SOLO SE: - GIUNGE UN SANITARIO - GLIELO ORDINA UN MEDICO - E' ESAUSTO - LA VITTIMA MOSTRA SEGNI DI VITA

110 Cobbs ha notato che a Seattle tanti più first responder venivano dotati di AED, tanto meno pazienti sopravvivevano!!! Questo è stato attribuito ad una riduzione di enfasi all RCP in chi utilizza il DAE.

111 PUNTI CHIAVE RCP RCP RCP RCP RCP RCP RCP RCP RCP RCP RCP RCP RCP RCP RCP RCP RCP RCP RCP RCP RCP RCP RCP RCP RCP RCP RCP RCP RCP RCP E non dimentichiamo: SHOCK!!!

112 Domande

BLS ADULTO 09/03/2011

BLS ADULTO 09/03/2011 Capitolo 3 Il Trattamento Primario RegioneLombardia 2006 Obiettivi Sapere come trattare le situazioni pericolose per la vita Trattamento primario CRI BUCCINASCO 1 Cuore - Polmone - Cervello Perdita di

Dettagli

Il Trattamento Primario

Il Trattamento Primario Retraining 2009 Il Trattamento Primario Protocollo locale A.A.T. Brescia Obiettivi Sapere come trattare le situazioni pericolose per la vita Trattamento primario Cuore - Polmone - Cervello Perdita di

Dettagli

LEZIONE PRONTO SOCCORSO

LEZIONE PRONTO SOCCORSO LEZIONE DI PRONTO SOCCORSO 1 Arresto CARDIOCIRCOLATORIO SICUREZZA A Coscienza Sequenza a 2 soccorritori B-C VALUTA Respiro e Mo.To.Re. MAX. PER 10 sec Guarda l espansione del torace + movimenti Ascolta

Dettagli

P.B.L.S. Pediatric Basic Life Support Sostegno di base delle funzioni vitali in età pediatrica Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana

P.B.L.S. Pediatric Basic Life Support Sostegno di base delle funzioni vitali in età pediatrica Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana P.B.L.S. Pediatric Basic Life Support Sostegno di base delle funzioni vitali in età pediatrica Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana Quando si pratica il PBLS Il PBLS deve essere praticato

Dettagli

LIFE PEDIATRIC BASIC SUPPORT DEFIBRILLATION

LIFE PEDIATRIC BASIC SUPPORT DEFIBRILLATION PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION IL PBLS-D Deve essere praticato nei soggetti con una o più funzioni vitali compromesse Pz. in arresto respiratorio o in arresto cardio-respiratorio IL PBLS-D

Dettagli

SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE. Pediatric i Basic Life Support - Early Defibrillation

SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE. Pediatric i Basic Life Support - Early Defibrillation SIMEUP SOCIETA ITALIANA DI MEDICINA D EMERGENZA E D URGENZA PEDIATRICA SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE Pediatric i Basic Life Support - Early Defibrillation

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana 1 LA MORTE CARDIACA IMPROVVISA Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono

Dettagli

BLS (Basic Life Support)

BLS (Basic Life Support) BLS (Basic Life Support) EVENTO MANTENERE LA CALMA AUTOPROTEZIONE: Guardarsi intorno e verificare l esistenza di pericoli; gestire il rischio mettendo l ambiente in sicurezza; mantenere sotto controllo

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation

BLS-D Basic Life Support Defibrillation BLS-D Basic Life Support Defibrillation Università degli Studi di Sassari U.O. di Anestesia e Rianimazione Obiettivi e Struttura del corso Obiettivi: Acquisire conoscenze teorico pratiche in tema di Rianimazione

Dettagli

BLS. Rianimazione cardiopolmonare di base B L S. corso esecutori per personale laico. (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005)

BLS. Rianimazione cardiopolmonare di base B L S. corso esecutori per personale laico. (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) Croce Rossa Italiana BLS Rianimazione cardiopolmonare di base corso esecutori per personale laico (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) Obiettivi del corso Conoscenze teoriche Le cause di arresto cardiaco

Dettagli

BLS-D Basic Life Support- Defibrillation

BLS-D Basic Life Support- Defibrillation BLS-D Basic Life Support- Defibrillation Rianimazione Cardiopolmonare e Defibrillazione Precoce per Comunità M. & G. for and La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce una persona su 1.000 Molte di

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA. IL Primo Soccorso. La catena della sopravivenza, il B.L.S. «laico»

CROCE ROSSA ITALIANA. IL Primo Soccorso. La catena della sopravivenza, il B.L.S. «laico» IL Primo Soccorso La catena della sopravivenza, il B.L.S. «laico» Cavaion, 15 dicembre 2012 La catena della sopravvivenza Allarme Precoce B.L.S. Precoce Defibrillazione Precoce A.C.L.S. Precoce Il BLS

Dettagli

Conferenza Regionale Misericordie. Ufficio Formazione

Conferenza Regionale Misericordie. Ufficio Formazione Ufficio Formazione B L S Basic Life Support La corsa contro il tempo 1 La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente e nei 2/3

Dettagli

Croce Rossa Italiana - Emilia Romagna

Croce Rossa Italiana - Emilia Romagna Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE conoscere il protocollo di intervento in caso di arresto cardiaco Saper effettuare le manovre

Dettagli

ARRESTO CARDIACO B.L.S.

ARRESTO CARDIACO B.L.S. Corso Base per Aspiranti Volontari del Soccorso della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE conoscere il protocollo di intervento in caso di arresto cardiaco Saper effettuare

Dettagli

Acquisire le conoscenze teoriche del comportamento in caso di

Acquisire le conoscenze teoriche del comportamento in caso di Corso per Operatori P.S.T.I. della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE Acquisire le conoscenze teoriche del comportamento in caso di arresto cardiaco e respiratorio Conoscere

Dettagli

CORSO PBLSD OBIETTIVO

CORSO PBLSD OBIETTIVO CORSO PBLSD OBIETTIVO Acquisire Conoscenze teoriche Abilità pratiche Schemi di comportamento OBIETTIVO DEL PBLSD PREVENIRE IL DANNO ANOSSICO CEREBRALE Nel soggetto in cui risultano compromesse una o più

Dettagli

SINTESI DELLE PRINCIPALI MODIFICHE APPORTATE DALLE NUOVE LINEE GUIDA ERC 2005 PER LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE NEL BAMBINO

SINTESI DELLE PRINCIPALI MODIFICHE APPORTATE DALLE NUOVE LINEE GUIDA ERC 2005 PER LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE NEL BAMBINO SINTESI DELLE PRINCIPALI MODIFICHE APPORTATE DALLE NUOVE LINEE GUIDA ERC 2005 PER LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE NEL BAMBINO Nel novembre 2005 l European Resuscitation Council (ERC) ha reso pubbliche

Dettagli

ARRESTO CARDIACO B.L.S.

ARRESTO CARDIACO B.L.S. Corso per Operatori P.S.T.I. della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE Acquisire le conoscenze teoriche del comportamento in caso di arresto cardiaco e respiratorio Conoscere

Dettagli

CORSO PRIMO SOCCORSO PEDIATRICO

CORSO PRIMO SOCCORSO PEDIATRICO CORSO PRIMO SOCCORSO PEDIATRICO Corso 2013 Gestione dell emergenza sanitaria CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA La catena è formata da quattro anelli che sono nell'ordine: -Accesso precoce al sistema di emergenza

Dettagli

Il B.L.S. (Basic Life Support)

Il B.L.S. (Basic Life Support) Il B.L.S. (Basic Life Support) Cos è: Sequenza di verifiche ed azioni da effettuare sulla Vittima quando A NON E COSCIENTE B NON RESPIRA C NON HA CIRCOLO Scopo: Prevenire o Limitare i danni dovuti alla

Dettagli

Basic Life Support. Rianimazione CardioPolmonare per. soccorritori laici. Croce Rossa Italiana

Basic Life Support. Rianimazione CardioPolmonare per. soccorritori laici. Croce Rossa Italiana Croce Rossa Italiana Volontari del Soccorso Gruppo Terme Euganee Basic Life Support Rianimazione CardioPolmonare per soccorritori laici Secondo le linee guida dello European Resuscitation Council - 2010

Dettagli

BLS (Basic Life support)

BLS (Basic Life support) BLS (Basic Life support) BLS-D (Basic Life support and Defibrillation) Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI SAPERE BLS Basic Life Support OBIETTIVI BLS e BLS-D La catena della sopravvivenza SAPER FARE

Dettagli

Conferenza Regionale Misericordie. Ufficio Formazione. Linee Guida Regione Toscana. Legge Reg. 25/2001 e succ. P B L S

Conferenza Regionale Misericordie. Ufficio Formazione. Linee Guida Regione Toscana. Legge Reg. 25/2001 e succ. P B L S Conferenza Regionale Misericordie Ufficio Formazione Linee Guida Regione Toscana Legge Reg. 25/2001 e succ. P B L S 1 PBLS Pediatric Basic Life Support SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA

Dettagli

Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico

Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico Angelo ha 22 anni Frequenta la Facolta di Ingegneria con ottimo profitto Suona la

Dettagli

B L S LIVELLO AVANZATO

B L S LIVELLO AVANZATO Conferenza Regionale Misericordie Ufficio Formazione Linee Guida Regione Toscana Legge Reg. 25/2001 e succ. B L S LIVELLO AVANZATO SUPPORTO VITALE DI BASE (BLS) I decessi causati da malattie cardiovascolari

Dettagli

SICUREZZA NEL SOCCORSO

SICUREZZA NEL SOCCORSO B.L.S. SUPPORTO VITALE DI BASE (LIVELLO DI BASE) 1 I decessi causati da malattie cardiovascolari costituiscono la prima causa di morte della popolazione e, in buona parte, sono da attribuire a morte improvvisa

Dettagli

Nozioni di Primo Soccorso

Nozioni di Primo Soccorso Corso RLS Nozioni di Primo Soccorso Roberto Volpe CNR-SPP, Roma Roma, 10 Aprile 2008 Regolamento sul pronto soccorso aziendale Ogni azienda, a prescindere dal numero di dipendenti che vi sono impiegati,

Dettagli

consiste nelle procedure di rianimazione cardiopolmonare necessarie per soccorrere una persona che: apple ha perso coscienza

consiste nelle procedure di rianimazione cardiopolmonare necessarie per soccorrere una persona che: apple ha perso coscienza consiste nelle procedure di rianimazione cardiopolmonare necessarie per soccorrere una persona che: apple ha perso coscienza apple ha un'ostruzione delle vie aeree che può condurre ad arresto respiratorio

Dettagli

Croce Rossa Italiana. SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI DEFIBRILLAZIONE PRECOCE E Manovre di Disostruzione In Età Pediatrica.

Croce Rossa Italiana. SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI DEFIBRILLAZIONE PRECOCE E Manovre di Disostruzione In Età Pediatrica. Croce Rossa Italiana P B L S-D esecutore SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI DEFIBRILLAZIONE PRECOCE E Manovre di Disostruzione In Età Pediatrica Sanitari Testi e grafica a cura della commissione Nazionale

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base 1 Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana LA MORTE CARDIACA IMPROVVISA Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono

Dettagli

BASIC LIFE SUPPORT. Supporto di Base delle Funzioni Vitali

BASIC LIFE SUPPORT. Supporto di Base delle Funzioni Vitali BASIC LIFE SUPPORT Supporto di Base delle Funzioni Vitali QUALI SONO LE FUNZIONI VITALI? Respiro Circolazione del sangue SE LE FUNZIONI VITALI NON FUNZIONANO Se il respiro è assente o non valido ci sarà

Dettagli

Capitolo 8 P-BLS. Paediatric Basic Life Support. RegioneLombardia 2006

Capitolo 8 P-BLS. Paediatric Basic Life Support. RegioneLombardia 2006 Capitolo 8 P-BLS Paediatric Basic Life Support RegioneLombardia 2006 Obiettivi Acquisire conoscenze teoriche, abilità pratiche e schemi di comportamento Prevenire i danni cerebrali da mancanza di ossigeno

Dettagli

Croce Rossa Italiana BLSD. Rianimazione Cardiopolmonare di base e Defibrillazione precoce. Corso Esecutori per personale sanitario

Croce Rossa Italiana BLSD. Rianimazione Cardiopolmonare di base e Defibrillazione precoce. Corso Esecutori per personale sanitario Croce Rossa Italiana BLSD Rianimazione Cardiopolmonare di base e Defibrillazione precoce Corso Esecutori per personale sanitario (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2010) A cura del Gruppo Formatori..

Dettagli

Venerabile Arciconfraternita della Misericordia di Firenze. A cura del Gruppo Formazione

Venerabile Arciconfraternita della Misericordia di Firenze. A cura del Gruppo Formazione 3 2 1 disostruiamoci A cura del Gruppo Formazione Prima di tutto valutare la sicurezza della scena dove dobbiamo intervenire PREMESSA Il paziente pediatrico può essere suddiviso in medicina d urgenza schematicamente

Dettagli

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support Corso di B.L.S. Adulti Basic Life Support Corso B.L.S. esecutore Lezioni teoriche Addestramento pratico su manichino Valutazione finale con skill test e quiz a risposta multipla Obiettivo corso B.L.S.

Dettagli

Basic Life Support Secondo Linee Guida 2010 UNA CORSA CONTRO IL TEMPO

Basic Life Support Secondo Linee Guida 2010 UNA CORSA CONTRO IL TEMPO UNA CORSA CONTRO IL TEMPO Partnership Basic Life Support Rianimazione cardiopolmonare di base (linee-guida scientifiche ILCOR 2010) Scopo del corso Conoscenze teoriche Le cause di arresto cardiaco Le manifestazioni

Dettagli

Croce Rossa Italiana BLSD. Rianimazione cardiopolmonare di base e. (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005)

Croce Rossa Italiana BLSD. Rianimazione cardiopolmonare di base e. (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) Croce Rossa Italiana BLSD Rianimazione cardiopolmonare di base e defibrillazione precoce corso esecutori per personale sanitario (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) in collaborazione e condivisione

Dettagli

Italian Resuscitation Council BLS. Basic Life Support BLS IRC 2005. Rianimazione Cardiopolmonare Precoce. Secondo linee guida ERC/IRC 2005

Italian Resuscitation Council BLS. Basic Life Support BLS IRC 2005. Rianimazione Cardiopolmonare Precoce. Secondo linee guida ERC/IRC 2005 Italian Resuscitation Council BLS Basic Life Support Rianimazione Cardiopolmonare Precoce Secondo linee guida ERC/IRC 2005 Corso BLS OBIETTIVO E STRUTTURA OBIETTIVO DEL CORSO È ACQUISIRE Conoscenze teoriche

Dettagli

IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO

IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO ANDREA FRANCI 1 PREMESSA Il paziente pediatrico può essere suddiviso in medicina d urgenza schematicamente in: Lattante 0 1 anno Bambino 1 fino alla pubertà 2 BLS Pediatrico

Dettagli

La rianimazione cardiopolmonare: consensi e dissensi nelle linee guida

La rianimazione cardiopolmonare: consensi e dissensi nelle linee guida Azienda Ospedaliera di Verona Pronto Soccorso Policlinico G.B. Rossi Primario: Dott. C. Pistorelli La rianimazione cardiopolmonare: consensi e dissensi nelle linee guida Dott. Adriano Valerio Centro Nazionale

Dettagli

PRIMO SOCCORSO RIANIMAZIONE CARDIORESPIRATORIA. Rianimazione cardiorespiratoria

PRIMO SOCCORSO RIANIMAZIONE CARDIORESPIRATORIA. Rianimazione cardiorespiratoria PRIMO SOCCORSO RIANIMAZIONE CARDIORESPIRATORIA Rianimazione cardiorespiratoria (RCP) Arresto cardiaco Arresto respiratorio Anossia cerebrale Lesioni cerebrali irreversibili In 5 minu6 sopravviene la morte

Dettagli

PBLS Pediatric Basic Life Support

PBLS Pediatric Basic Life Support PBLS Pediatric Basic Life Support SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA Secondo le Linee Guida Internazionali ILCOR 2010 Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI PBLS- PBLS OBIETTIVI

Dettagli

BLS - Basic Life Support

BLS - Basic Life Support BLS - Basic Life Support Giommaria Bazzoni giommy Croce Rossa Italiana Monitore di Primo Soccorso Istru

Dettagli

Croce Rossa Italiana BLS-D. Rianimazione cardiopolmonare di base e cenni di defibrillazione precoce per personale sanitario

Croce Rossa Italiana BLS-D. Rianimazione cardiopolmonare di base e cenni di defibrillazione precoce per personale sanitario Croce Rossa Italiana BLS-D Rianimazione cardiopolmonare di base e cenni di defibrillazione precoce per personale sanitario (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) in collaborazione e condivisione con

Dettagli

Il Trattamento Primario

Il Trattamento Primario Capitolo 3 Il Trattamento Primario RegioneLombardia 2006 Obiettivi Sapere come trattare le situazioni pericolose per la vita Trattamento primario Cuore - Polmone - Cervello Perdita di coscienza Arresto

Dettagli

BLS ed Elementi di Primo Soccorso

BLS ed Elementi di Primo Soccorso Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina e Chirurgia BLS ed Elementi di Primo Soccorso Lezione 4: BLS: sostegno delle funzioni vitali Protocolli BLS - BLSD In collaborazione con Tuttavia la

Dettagli

A L G O R I T M O B L S ( A d u l t o ) S o c c o r r i t o r i

A L G O R I T M O B L S ( A d u l t o ) S o c c o r r i t o r i A L G O R I T M O B L S ( A d u l t o ) S o c c o r r i t o r i Fase A: Primo Soccorritore Valuta Coscienza: Chiama e Scuote la vittima (Pizzica se Trauma) Accertato lo stato di Incoscienza Paziente Cosciente

Dettagli

BLS E PRIMO SOCCORSO. M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia

BLS E PRIMO SOCCORSO. M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia BLS E PRIMO SOCCORSO M.E Della Marta C. Piluso- A. Montecalvo Azienda Ospedaliera della Provincia di Pavia DEFINIZIONE Il Bls (Basic Life Support) è una sequenza coordinata di azioni da intraprendere immediatamente

Dettagli

Basic Life Support and early Defibrillation. Supporto vitale di base e defibrillazione precoce B.L.S.-D.

Basic Life Support and early Defibrillation. Supporto vitale di base e defibrillazione precoce B.L.S.-D. Basic Life Support and early Defibrillation Supporto vitale di base e defibrillazione precoce Prof. M. Scafuro B.L.S.-D. E l insieme delle procedure salvavita necessarie per soccorrere un soggetto che

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation

BLS-D Basic Life Support Defibrillation Manovre di rianimazione BLS-D Basic Life Support Defibrillation Catena della sopravvivenza Supporto vitale di base-defibrillazione Manovre di rianimazione BLS-D Basic Life Support Defibrillation La cosa

Dettagli

PARTE 4 A cura del Gruppo Formatori Massimo Dati Misericordie della Versilia

PARTE 4 A cura del Gruppo Formatori Massimo Dati Misericordie della Versilia PARTE 4 A cura del Gruppo Formatori Massimo Dati Misericordie della Versilia Gruppo Formatori Massimo Dati Misericordie della Versilia Pag. 0 P.B.L.S. Pediatric Basic Life Support (Supporto Vitale di Base

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA. Volontari del Soccorso Delegazione di Terme Euganee (PD) Basic Life Support

CROCE ROSSA ITALIANA. Volontari del Soccorso Delegazione di Terme Euganee (PD) Basic Life Support CROCE ROSSA ITALIANA Volontari del Soccorso Delegazione di Terme Euganee (PD) Basic Life Support Rianimazione cardiopolmonare per soccorritori (corsi OTI - OSES) OSES Obiettivi della lezione 1. Conoscenze

Dettagli

IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO

IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO PREMESSA Il paziente pediatrico può essere suddiviso in medicina d urgenza schematicamente in: Lattante 0 1 anno Bambino 1 fino alla pubertà OBIETTIVO DEL P-BLS Prevenire

Dettagli

Rianimazione Cardio Polmonare

Rianimazione Cardio Polmonare Rianimazione Cardio Polmonare Arresto cardiaco Arresto respiratorio Arresto respiratorio DARE INIZIO ALLA R.C.P.! TECNICA DELLA RESPIRAZIONE ARTIFICIALE Metodo: - Bocca-Bocca - Bocca-Naso - Bocca-Bocca

Dettagli

Le urgenze in età pediatrica. Introduzione al PBLSD

Le urgenze in età pediatrica. Introduzione al PBLSD Le urgenze in età pediatrica Roma - 24 gennaio 2015 Introduzione al PBLSD Fabio Carlucci Pietro Gallegra BLS-D / PBLS-D ILCOR EPILS / EPLS P-ALS PTC / ETC BLS / PBLS AHA ILS PEARS ERC International Liaison

Dettagli

Arresto Cardiaco Pediatrico

Arresto Cardiaco Pediatrico Arresto Cardiaco Pediatrico Scuola Secondaria Informazioni per il corpo docente Materiale didattico dedicato alla Scuola secondaria di primo grado e secondo grado Per ulteriori informazionisulla campagna

Dettagli

Basic Life Support. Rianimazione CardioPolmonare per. soccorritori laici. Croce Rossa Italiana

Basic Life Support. Rianimazione CardioPolmonare per. soccorritori laici. Croce Rossa Italiana Croce Rossa Italiana Volontari del Soccorso Delegazione di Terme Euganee (PD) Basic Life Support Rianimazione CardioPolmonare per soccorritori laici OBIETTIVI DELLA LEZIONE Importanza del conoscere le

Dettagli

SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI, DEFIBRILLAZIONE PRECOCE

SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI, DEFIBRILLAZIONE PRECOCE Croce Rossa Italiana esecutore SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI, DEFIBRILLAZIONE PRECOCE e MANOVRE DI DISOSTRUZIONE IN ETA PEDIATRICA Linee Guida Internazionali ILCOR (International Liaison Committee

Dettagli

PERCHE IL BLS? - Mantenere la pervietà delle vie aeree (Airway) - Sostenere la respirazione (Breathing) - Sostenere il circolo (Circulation)

PERCHE IL BLS? - Mantenere la pervietà delle vie aeree (Airway) - Sostenere la respirazione (Breathing) - Sostenere il circolo (Circulation) PERCHE IL BLS? Lo scopo del BLS (Basic Life Support - Supporto Vitale di Base) è quello di garantire il pronto riconoscimento della compromissione delle funzioni vitali (valutazione) e di supportare ventilazione

Dettagli

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support Corso di B.L.S. Adulti Basic Life Support 1 Corso di B.L.S. Adulti Basic Life Support Lezioni teoriche Addestramento pratico su manichino Valutazione finale con skill test e quiz a risposta multipla 2

Dettagli

DOTT.MASSIMO NICCOLAI MEDICO FIDUCIARIO FEDERAZIONE NUOTO SALVAMENTO SEZIONE DI PISTOIA

DOTT.MASSIMO NICCOLAI MEDICO FIDUCIARIO FEDERAZIONE NUOTO SALVAMENTO SEZIONE DI PISTOIA CORSO DI RIANIMAZIONE E PRONTO SOCCORSO PER ASSISTENTE BAGNANTI DOTT.MASSIMO NICCOLAI MEDICO FIDUCIARIO FEDERAZIONE NUOTO SALVAMENTO SEZIONE DI PISTOIA PRIMO SOCCORSO E QUELLO CHE LA PRIMA PERSONA CHE

Dettagli

E ADESSO CHE FACCIO?

E ADESSO CHE FACCIO? La gestione del paziente critico in ambito extraospedaliero: principi generali e condotta da parte di personale infermieristico non esperto in area critica Emergenze cardiologiche: Shock ed arresto cardiaco

Dettagli

BLS Basic Life Support per operatori esperti. Supporto Vitale di Base

BLS Basic Life Support per operatori esperti. Supporto Vitale di Base BLS Basic Life Support per operatori esperti Supporto Vitale di Base Corso BLS esecutore OBIETTIVO E STRUTTURA OBBIETTIVO DEL CORSO E ACQUISIRE conoscenze teoriche (presupposti, ambito, finalità) abilità

Dettagli

Dott. Nicola Gasparetto

Dott. Nicola Gasparetto PAEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT Supporto di base delle funzioni vitali in età pediatrica Secondo le linee guida AHA 2010 Croce Verde Montebelluna 28/04/2011 Dott. Nicola Gasparetto MEDICO CHIRURGO Terapia

Dettagli

SERVIZIO OPERATIVO SANITARIO COMMISSIONE FORMAZIONE SONA VR

SERVIZIO OPERATIVO SANITARIO COMMISSIONE FORMAZIONE SONA VR SERVIZIO OPERATIVO SANITARIO COMMISSIONE FORMAZIONE SONA VR CORSO PER SOCCORRITORI P.B.L.S. (Paediatric Basic Life Support) pag. 1 ATTENZIONE Questo manuale deve essere associato ad uno specifico corso

Dettagli

CORSO SUPPORTO VITALE DI BASE E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE (BLS-D) PER SANITARI (PERSONALE VOLONTARIO SOCCORRITORE LIVELLO AVANZATO)

CORSO SUPPORTO VITALE DI BASE E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE (BLS-D) PER SANITARI (PERSONALE VOLONTARIO SOCCORRITORE LIVELLO AVANZATO) B.L.S.D. SUPPORTO VITALE DI BASE e DEFIBRILLAZIONE (LIVELLO AVANZATO) 1 CORSO SUPPORTO VITALE DI BASE E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE (BLS-D) PER SANITARI (PERSONALE VOLONTARIO SOCCORRITORE LIVELLO AVANZATO)

Dettagli

La morte cardiaca improvvisa. Ogni anno colpisce 1 persona su 1000. Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente

La morte cardiaca improvvisa. Ogni anno colpisce 1 persona su 1000. Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente BLS-D Basic Life Support Defibrillation: La corsa contro il tempo La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente La morte cardiaca

Dettagli

(Basic Life Support and early Defibrillation) Posizione Laterale di Sicurezza Ostruzioni delle vie aeree. Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI

(Basic Life Support and early Defibrillation) Posizione Laterale di Sicurezza Ostruzioni delle vie aeree. Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI BLS-D (Basic Life Support and early Defibrillation) Posizione Laterale di Sicurezza Ostruzioni delle vie aeree Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI BLS Basic Life Support OBIETTIVI SAPERE Significato

Dettagli

P BLS: PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT supporto vitale di base pediatrico

P BLS: PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT supporto vitale di base pediatrico P BLS: PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT supporto vitale di base pediatrico DEFINIZIONI Il P-BLS deve essere praticato nei soggetti in cui risultino compromesse una o più funzioni vitali (coscienza, respiro

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation:

BLS-D Basic Life Support Defibrillation: BLS-D Basic Life Support Defibrillation: La corsa contro il tempo La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente e nei 2/3 dei

Dettagli

BLS (Basic Life support)

BLS (Basic Life support) BLS (Basic Life support) Posizione Laterale di Sicurezza Ostruzioni delle vie aeree Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI BLS Basic Life Support OBIETTIVI SAPERE Significato di arresto cardiocircolatorio

Dettagli

Corso BLSD per Laici. Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione

Corso BLSD per Laici. Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione Corso BLSD per Laici Dott. Claudio Pagliara European Resuscitation Council Corso BLSD per Laici Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione ARRESTO CARDIORESPIRATORIO Negli

Dettagli

Tratto da linee guida I.R.C. (Italian Resuscitation Council)

Tratto da linee guida I.R.C. (Italian Resuscitation Council) CORSO BLS Basic Life Support = Sostegno di base delle funzioni vitali Categoria A Tratto da linee guida I.R.C. (Italian Resuscitation Council) OBIETTIVI DEL CORSO CONOSCENZE TEORICHE ABILITA PRATICHE SCHEMI

Dettagli

CENNI DI LEGISLAZIONE

CENNI DI LEGISLAZIONE CENNI DI LEGISLAZIONE L articolo 593 del Codice Penale prescrive, in via generale, che ogni cittadino che trovi un corpo umano inanimato o una persona ferita o altrimenti in pericolo, deve prestare l assistenza

Dettagli

Rianimazione Cardio-Polmonare di Base per la Cittadinanza

Rianimazione Cardio-Polmonare di Base per la Cittadinanza BLS BASIC LIFE SUPPORT Rianimazione Cardio-Polmonare di Base per la Cittadinanza Secondo le linee guida European Resuscitation Council (ERC) del 18 ottobre 2010 recepite da Italian Resuscitation Council

Dettagli

CPR Rianimazione cardiopolmonare

CPR Rianimazione cardiopolmonare Tema 04 CPR Rianimazione cardiopolmonare Articolo n. 1402 Csocc Tema 04 Sequenza 01 Pagina 01 Versione 200610i Schema ABCD Respirazione artificiale Situazione di partenza/posizione del paziente Se al punto

Dettagli

BLS Basic Life Support. www.fisiokinesiterapia.biz

BLS Basic Life Support. www.fisiokinesiterapia.biz BLS Basic Life Support www.fisiokinesiterapia.biz Obiettivo e struttura OBIETTIVO DELLA LEZIONE E E ACQUISIRE: conoscenze teoriche (presupposti, ambito,finalità) abilità pratiche nell esecuzione delle

Dettagli

TECNICHE DI B.L.S. B.L.S. P.B.L.S. R.C.P. Rianimazione Cardio Polmonare Adulti e Pediatrici

TECNICHE DI B.L.S. B.L.S. P.B.L.S. R.C.P. Rianimazione Cardio Polmonare Adulti e Pediatrici B.L.S. P.B.L.S. R.C.P. Rianimazione Cardio Polmonare Adulti e Pediatrici Il B.L.S. ha lo scopo di mantenere le funzioni vitali in caso di Arresto Cardio Respiratorio (ACR) in attesa di un supporto medico

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SALVAMENTO LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SALVAMENTO LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SALVAMENTO LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE La catena della sopravvivenza Il Maestro di Salvamento e l Assistente Bagnanti così come qualsiasi altro operatore

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support

B.L.S. Basic Life Support B.L.S. Basic Life Support Adulto secondo le linee guida Per Uso Interno Gennaio 2005 Il Supporto di Base delle Funzioni Vitali (B.L.S.) Il Supporto di Base delle Funzioni Vitali consiste nelle procedure

Dettagli

Lezione 02. Apparato Respiratorio

Lezione 02. Apparato Respiratorio Lezione 02 Apparato Respiratorio 1 La Respirazione Perché respiriamo? Perché le nostre cellule hanno bisogno di ossigeno per poter funzionare e produrre l energia che serve per compiere il loro lavoro

Dettagli

Arresto Cardio Circolatorio = evento letale se non trattato

Arresto Cardio Circolatorio = evento letale se non trattato ARRESTO CARDIACO - MORTE IMPROVVISA CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA DEFIBRILLATORE. Ogni anno in Italia circa 50.000 persone muoiono improvvisamente. La Morte improvvisa (intesa come morte non preceduta da

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support (IRC 2006)

B.L.S. Basic Life Support (IRC 2006) B.L.S. Basic Life Support (IRC 2006) IL SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI (B.L.S.) Consiste nelle procedure di rianimazione cardiopolmonare ad una persona che: Non è cosciente Ha un ostruzione delle

Dettagli

PRIMO SOCCORSO. Dott.ssa Elvezia Fumagalli

PRIMO SOCCORSO. Dott.ssa Elvezia Fumagalli PRIMO SOCCORSO Dott.ssa Elvezia Fumagalli PRIMO SOCCORSO Il primo soccorso è l aiuto che si presta alla persona o alle persone che sono state vittime di un incidente o di un malore, in attesa che intervengano

Dettagli

Basic Life Support Defibrillazione Automatica Esterna nell adulto (BLS DAE) Linee guida AHA 2005

Basic Life Support Defibrillazione Automatica Esterna nell adulto (BLS DAE) Linee guida AHA 2005 Basic Life Support Defibrillazione Automatica Esterna nell adulto (BLS DAE) Linee guida AHA 2005 Catena della sopravvivenza AHA 2005 Traduzione da: Circulation: part IV - 13 December, 2005. Daniel Pasquali

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA Comitato Tecnico per l Educazione Sanitaria. Lezioni di PRIMO SOCCORSO

CROCE ROSSA ITALIANA Comitato Tecnico per l Educazione Sanitaria. Lezioni di PRIMO SOCCORSO «Un certo tipo di rischio dà sapore alle cose ed è certamente una componente dell avventura; è però un cavallo di cui bisogna saper tenere ben salde le briglie».. CROCE ROSSA ITALIANA Comitato Tecnico

Dettagli

LA RIANIMAZIONE CARDIO POLMONARE DI BASE

LA RIANIMAZIONE CARDIO POLMONARE DI BASE LA RIANIMAZIONE CARDIO POLMONARE DI BASE DISPENSA PER I DISCENTI LA RIANIMAZIONE CARDIO-POLMONARE DI BASE 1 DEFINIZIONE E OBIETTIVO Le manovre di rianimazione cardio-polmonare di base si rendono necessarie

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL URGENZA IN REPARTO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL URGENZA IN REPARTO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE GINECOLOGICHE E DELLA RIPRODUZIONE UMANA U.O.C. di CLINICA GINECOLOGICA e OSTETRICA

Dettagli

www.areu.lombardia.it

www.areu.lombardia.it www.areu.lombardia.it PERSONALE LAICO INDICE PREMESSA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE - BASIC LIFE SUPPORT and DEFIBRILLATION - CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA SEQUENZA DEL BLSD DEFIBRILLAZIONE PRECOCE

Dettagli

BASIC LIFE SUPPORT. Toccare la vittima e porle la seguente domanda (approccio tocca e parla ): Come va?

BASIC LIFE SUPPORT. Toccare la vittima e porle la seguente domanda (approccio tocca e parla ): Come va? B. D Elia BASIC LIFE SUPPORT Toccare la vittima e porle la seguente domanda (approccio tocca e parla ): Come va? Il paziente non risponde: 1. chiamare aiuto (effettuare la richiesta di soccorso al numero

Dettagli

BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION

BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION Manuale di BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION trattamento di base dell arresto cardio-respiratorio a cura del Centro Formazione Permanente Abruzzo Soccorso INTRODUZIONE Tra le funzioni del cuore, dei polmoni

Dettagli

Italian Resuscitation Council BLS-D Basic Life Support -Defibrillation Rianimazione Cardiopolmonare e Defibrillazione Precoce Secondo le linee guida ERC/IRC 2005 CORSO BLSD OBIETTIVO E STRUTTURA OBIETTIVO

Dettagli

REGIONE PUGLIA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA CONSORZIALE POLICLINICO DI BARI. Educazione Continua in Medicina (E.C.M.)

REGIONE PUGLIA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA CONSORZIALE POLICLINICO DI BARI. Educazione Continua in Medicina (E.C.M.) REGIONE PUGLIA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA CONSORZIALE POLICLINICO DI BARI Educazione Continua in Medicina (E.C.M.) PROGETTO FORMATIVO AZIENDALE N. CREDITI 8,8 PBLSD-IRC PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT

Dettagli

BLSD IRC BASIC LIFE SUPPORT -DEFIBRILLATION Italian Resuscitation Council

BLSD IRC BASIC LIFE SUPPORT -DEFIBRILLATION Italian Resuscitation Council REGIONE PUGLIA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA CONSORZIALE POLICLINICO DI BARI Educazione Continua in Medicina (E.C.M.) PROGETTO FORMATIVO AZIENDALE BLSD IRC BASIC LIFE SUPPORT -DEFIBRILLATION Italian

Dettagli

IL PRIMO SOCCORSO AL BAMBINO. Dott.ssa Maura Mastrocola

IL PRIMO SOCCORSO AL BAMBINO. Dott.ssa Maura Mastrocola IL PRIMO SOCCORSO AL BAMBINO Dott.ssa Maura Mastrocola SCOPO DEL PBLS Prevenzione del danno anossico cerebrale attraverso il sostegno delle funzioni vitali, con le procedure standard di rianimazione cardiopolmonare

Dettagli

Ostruzione delle vie aeree da corpo estraneo. Dott.ssa Brunella RAVERA

Ostruzione delle vie aeree da corpo estraneo. Dott.ssa Brunella RAVERA Ostruzione delle vie aeree da corpo estraneo Dott.ssa Brunella RAVERA Un corpo estraneo (c.e.) può determinare ostruzione parziale o completa delle vie aeree c.e. = parte di giocattolo, materiale alimentare,

Dettagli

Allegato alla Guida pratica per soccorritori. (ad esclusivo uso interno del personale del 118 ligure)

Allegato alla Guida pratica per soccorritori. (ad esclusivo uso interno del personale del 118 ligure) Regione Liguria Corso per Soccorritori del 118 Supporto Vitale Fondamentale & Defibrillazione Basic Life Support-D (ai sensi del Decreto Dirigenziale 1415/1999 e della della G.U. 196/2003) Allegato alla

Dettagli

www.areu.lombardia.it

www.areu.lombardia.it www.areu.lombardia.it OPERATORE LAICO INDICE PREMESSA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE -BASIC LIFE SUPPORT and DEFIBRILLATION - CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA SEQUENZA DEL DEFIBRILLAZIONE PRECOCE ALGORITMO

Dettagli

P. B. L. S. PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT. Centro di Formazione di Pistoia Soccorso & Misericordia di Quarrata

P. B. L. S. PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT. Centro di Formazione di Pistoia Soccorso & Misericordia di Quarrata P. B. L. S. PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT Centro di Formazione di Pistoia Soccorso & Misericordia di Quarrata 1 OBIETTIVO L obiettivo del PBLS è la prevenzione del danno anossico celebrale, per cui è necessario

Dettagli