IL PROGRAMMA. 04/12/14 Project management Regione Piemonte

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL PROGRAMMA. 04/12/14 Project management Regione Piemonte"

Transcript

1 IL PROGRAMMA 1

2 Il ruolo moderno della PA Componente relazionale Componente di programmazione e di servizio progettuale Componente tecnica/ burocratica Pubblica Amministrazione 2

3 Cos è un programma Un insieme di azioni di cambiamento (progetti e operazioni) intenzionalmente raggruppate insieme per conseguire benefici specifici. (Murray-Webster, Thiry -2000) Un insieme correlato di progetti, sottoprogrammi e operazioni, gestito in maniera coordinata per ottenere benefici che non potrebbero essere conseguiti gestendo autonomamente le singole iniziative (PMI The standard for program management, 2012) 3

4 Cos è è un programma Benefici: Per i soggetti interessati (stakhholder) al programma economici, quantitativi, qualitativi, durante il programma, al termine o dopo il programma o il progetto Dalla situazione attuale (AS IS) alla situazione futura (TO BE) passando da diverse situazioni intermedie (IN PROGRESS) lungo tutta la durata del programma 4

5 Ragionare per obiettivi e non per azioni Ogni programma nasce improntato a una strategia mirante a risolvere determinati problemi con una rilevante posta in gioco e a soddisfare bisogni in determinati gruppi target, mediante lo stanziamento di risorse e lo svolgimento di determinate azioni. 5

6 Cosa non è un programma Attività ordinarie (operation management) Progetti, impresa temporanea, intrapresa per creare un unico prodotto, servizio o risultato (project management) Gruppo di progetti non interdipendenti o non direttamente correlati (portfolio management) 6

7 Dietro un programma c è una visione Mi sentivo responsabile della bellezza del mondo. Volevo che le città fossero splendide, piene di luce, irrigate di acque limpide, popolate di esseri umani, il cui corpo non fosse deturpato né dal marchio della miseria o della schiavitù, né dal turgore di una ricchezza volgare. ( Memorie di Adriano di Marguerite Yourcenar) 7

8 Dietro un programma c è una visione Un computer su ogni scrivania. (Microsoft) orti, buoni, puliti e giusti in Africa. (Slow Food) 8

9 La Visione di EUROPA 2020: una crescita.. Intelligente: sviluppare un economia basata sulla conoscenza e l innovazione Sostenibile: promuovere un economia più efficiente sotto il profilo delle risorse, più verde e più competitiva. Inclusiva: promuovere un economia con un alto tasso di occupazione che favorisca la coesione sociale e territoriale. 9

10 EUROPA 2020: 5 obiettivi misurabili Occupazione: dall attuale 69% al 75% Ricerca e innovazione: investimenti in R&S al 3% del PIL Cambiamento climatico ed energia: Istruzione: abbandono scolastico e innalzamento livello Lotta alla povertà: ridotta al 25% 10

11 Gli elementi chiave del programma Obiettivi strategici Benefici (in progress, alla fine e dopo il programma) Capacit-azioni e Outcomes Realizzazioni 11

12 DAL PROGRAMMA AI PROGETTI 12

13 Cos è un progetto Un progetto si caratterizza per due proprietà: la temporaneità e la non ricorrenza. Ogni progetto: a) ha un inizio ed una fine ben individuabili; b) si completa nel momento in cui gli obiettivi vengono raggiunti o si interrompe quando è chiaro che sono irraggiungibili o inutili; c) crea una sinergia di forze che spesso si interrompe alla fine delle attività previste; d) cerca di produrre risultati diversi (per qualità, tipologia, ecc.) rispetto ad altri progetti già realizzati in precedenza. 13

14 La Relevance Requisito di eleggibilità Indica la coerenza tra la gerarchia di obiettivi espressi dal programma e dal bando, con quella propria alla base dell idea progettuale Se la relevance non è rispettata, il progetto non verrà valutato ulteriormente 14

15 La Sussidiarietà Il Principio di Sussidiarietà: non solo la Relevance, ma anche il giusto livello a cui rispondere alla sfida Agire al livello più vicino possibile al cittadino Quindi: tematica di importanza tale da giustificare ed anzi richiedere come necessario un livello di approccio comunitario e non locale 15

16 Valore aggiunto europeo: cardini fondamentali La tematica deve essere di importanza comunitaria Ruolo della sovvenzione L azione deve essere trasferibile nel territorio dell Unione Europea L azione non può essere realizzata isolatamente 16

17 Workshop di valutazione finale Macroprogettazione Workshop di identificazione Valutazione Identificazione Workshop di valutazione intermedia Realizzazione Ciclo di progetto Workshop di fattibilità Progettazione esecutiva Finanziamento 17

18 Il Project Cycle Management q Prima fase Analisi: si analizza una data situazione al fine di svilupparne una visione futura desiderata, selezionando le strategie necessarie al suo raggiungimento. q Seconda fase Pianificazione del Progetto (struttura) 18

19 1. Analisi 19

20 Nel ciclo di programmazione tutto nasce da una triade originaria: un problema un bisogno una posta in gioco 20

21 Lo stato dell Arte Problema e bisogno sottintendono una situazione che si vuole cambiare. Questa situazione, compresi tutti i tentativi fatti o in corso per apportare il cambiamento, costituiscono lo Stato dell Arte. Più è complessa la tematica, più lo Stato dell arte richiederà la collaborazione di molti esperti per essere conosciuto e riassunto 21

22 S Strengths W Weaknesses O Opportunities T Treaths 22

23 PUNTI DI FORZA Interna e attuale PUNTI DI DEBOLEZZA Interna e attuale MINACCE Esterna e futura OPPORTUNITA Esterna e futura Di quali vantaggi disponiamo Che difficoltà possiamo incontrare? Quali ostacoli possono emergere e devono essere affrontati? A quali vantaggi miriamo? Di quali competenze disponiamo Dove abbiamo più limiti e più carenze? Dove emergono di solito le nostre difficoltà? Potrebbero emergere difficoltà finanziarie? Che impatto può avere una certa azione? Quali altre opportunità potrebbero emergere se avremo successo? Cosa sappiamo fare bene Quali sono gli svantaggi e gli ostacoli? Quali sono i rischi che possono influenzare negativamente? Quali sono le opportunità di intervento? 23

24 Il posizionamento strategico-aziendale Identificazione delle opportunità/minacce ambientali Valutazione dei punti forti/deboli dell azienda Cosa potrebbe fare Cosa può fare Analisi della situazione esterna Modello strategico di base Analisi della situazione interna Cosa dovrebbe fare Cosa vuole fare Riconoscimento della legittimità sociale Esportazione dei valori/aspirazioni individuali della direzione 24

25 1. Analisi Generalmente i 4 momenti della fase di analisi devono essere preceduti da una Vision generale, all origine della prima bozza di idea progettuale. Solo dopo si procede ai 4 momenti della fase di analisi, nel caso sintetizzandoli o abbreviandoli laddove non sia necessario dilungarsi: Stakeholder Analysis Analisi dei problemi Analisi degli Obiettivi Analisi delle Strategie Rimane essenziale tuttavia aver chiari i problemi /obiettivi e la loro correlazione, onde poterne derivare la piramide di realizzazioni e risultati necessari 25

26 INTERESSE Basso Medio Alto Molto alto POTERE Baso Medio Alto Molto alto I2 I4 M2 M4 I1 I3 M1 M3 C2 C4 O2 O4 C1 C3 O1 O3 26

27 INTERESSE Basso Medio Alto Molto alto POTERE Basso Medio Alto Molto alto I M C O 27

28 Gestire si riferisce alla pura gestione dei rapporti organizzativi con gli interlocutori del programma, in termini di scambio di dati e informazioni sulla base di protocolli pre-definiti. La gestione pone l accento sulla standardizzazione della relazione. La gestione degli stakeholder si fonda su una solida capacità di management. 28

29 Ingaggiare rappresenta il senso profondo dello sforzo da sostenere nei confronti degli stakeholder: si riferisce infatti a un coinvolgimento più rotondo che tiene conto di tutti gli aspetti razionali ed emotivi, espliciti e impliciti, che qualificano il profilo di un determinato stakeholder nell economia complessiva di un programma. L ingaggio pone l accento sulla costruzione personalizzata della relazione e sulla capacità di adattamento alle contingenze. L ingaggio degli stakeholder si fonda su una solida capacità di leadership 29

30 L atteggiamento degli stakeholder Supportivo Proattivo Neutrale Resistente Ostacolante 30

31 EMPOWERMENT Membership Sviluppo del senso di appartenenza Involvement Coinvolgimento e partecipazione Commitment Impegno attivo e alleanza nell'azione 31

32 Tecniche di facilitazione Icebreaker Word cafè Focus group Opera Open Space Technology 32

33 I 4 PRINCIPI DELL OST Chiunque venga, è la persona giusta Qualsiasi cosa accada è l unica che poteva accadere. In qualsiasi momento cominci, è il momento giusto. Quando è finita è finita. 33

34 LA LEGGE E LE METAFORE DELL OST L unica legge che regola l OST è La Legge dei due piedi: tutti hanno due piedi e devono essere pronti ad usarli. Se una persona si trova a conversare di un argomento e non ritiene di poter essere utile, oppure non è interessata, è molto meglio che si alzi e si sposti (su due piedi, per l'appunto) in un altro gruppo dove può essere più utile. Questo atteggiamento non va interpretato come una mancanza di educazione, ma come un modo per migliorare la qualità del lavoro. 34

35 La legge e le metafore dell Ost Ci sono anche due metafore che vengono evocate e incoraggiate nell OST, il bombo e la farfalla. Il bombo è rumoroso, si sposta da un luogo all altro, e tende ad impollinare, fer>lizzando i luoghi in cui si posa. La farfalla, anch essa in con>nuo movimento, è silenziosa e armoniosa, e crea degli spazi di distensione e di relax per gli altri partecipan>. 35

36 36

37 Brainstorming: Tempesta di cervelli Un pensiero crea>vo slegato da regole predefinite, ma ofenuto afraverso l uso di tecniche appropriate. 37

38 Per analogia le idee si concatenano l una all altra, i commen> degli altri partecipan> s>molano una sorta di reazione a catena di idee partendo da un problema: Reale Semplice Noto ai componen> senza fissare un ordine per gli interven> Differenza tra brainstorming e focus: nel primo non c è il confronto 38

39 Brainstorming: le fasi Esposizione del problema (coordinatore) Tempesta delle idee (componen>) Analisi cri>ca delle idee (giuria) 39

40 EffeU sui partecipan> RoFura della rou>ne metodologica Miglioramento delle relazioni interpersonali RispeFo delle idee altrui e della altrui crea>vità Esaltazione e fa>ca 40

41 Razionalità Emotività Pessimismo 6 Cappelli per pensare Ottimismo Controllo Creatività 41

42 BIANCO: assenza di colore, neutralità, dati, numeri, fatti, informazioni ROSSO: come la passione. Emozioni, sensazioni, premonizioni, intuizioni NERO: come la tempesta. Aspetti negativi, rischi, problemi GIALLO: come il sole. Aspetti positivi, atteggiamenti costruttivi, opportunità. VERDE: come l erba. Fertilità del pensiero, nuove idee, creatività BLU: come il cielo che sovrasta tutto. Supervisione, controllo, direzione 42

43 Analisi dei problemi Un problema è una situazione attuale negativa, mentre un obiettivo è una situazione positiva futura I problemi vanno formulati a partire dalla realtà Devono essere: reali (non basati su idee o opinioni) oggettivi (dimostrabili e visibili in modo certo) espressi in termini negativi chiari e comprensibili a tutti specifici (riferiti ad aspetti o elementi precisi: persone, luoghi, tempi, quantità ) I problemi identificati si collocano su un diagramma ad albero posti in relazione causa-effetto dal basso verso l alto 43

44 ALBERO DEI PROBLEMI 44

45 Analisi degli obiettivi Si tratta di trasformare in positivo l immagine della realtà negativa ottenuta con l albero dei problemi Ogni condizione negativa (problema) viene tradotta in condizione positiva futura (obiettivo) La condizione positiva non è la soluzione del problema È opportuno esprimere un obiettivo con il participio passato perché chiarisce il punto di arrivo e non il processo, come può avvenire usando un verbo o un sostantivo Si costruisce l albero degli obiettivi Gli obiettivi individuati non sono gli obiettivi scelti per il progetto 45

46 Identificazione degli ambiti di intervento e delle strategie Individuare nell albero degli obiettivi ambiti comuni (cluster) a più obiettivi (es. formazione, servizi sociali, trasporti ) In ogni ambito gli obiettivi posti in basso permettono di raggiungere quelli posti in alto Ogni ambito potrebbe essere una parte del progetto o il progetto stesso 46

47 47 Fonte: Project Cycle management - Formez

48 Selezionare le strategie ü Interessi dei gruppi e loro priorità ü Facilità di successo ü Budget ü Rilevanza rispetto al quadro generale ü Tempo richiesto ü Contribuzione alla riduzione dell ineguaglianza o di altre politiche comunitarie. 48

49 2. PIANIFICAZIONE DEL PROGETTO 49

50 Fase di progettazione: Definizione del Quadro Logico (Logical Framework) 1 Obiettivi generali, ovvero benefici sociali e/o economici per la società in generale (non solo per i beneficiari del progetto), raggiunti anche con il contributo di più interventi e progetti. Possono esserci più obiettivi generali 2. Scopo del progetto (obiettivo specifico) indica il beneficio ottenuto dai beneficiari attraverso i servizi del progetto. Si traduce in un miglioramento delle condizioni di vita dei beneficiari 3. Risultati, si riferiscono a servizi che i beneficiari ottengono in seguito al progetto. Non riguardano le infrastrutture ma i servizi offerti ai beneficiari 4. Attività, azioni realizzate dal progetto per offrire i servizi ai beneficiari 50

51 Bisogni Posta in gioco Problemi Obiettivi globali Impatti attesi Obiettivi specifici Risultati attesi Obiettivi operativi Realizzazioni attese Risorse Dispositivi operativi 51

52 L albero degli obiettivi come base per l implementazione delle azioni Obiettivo generale Obiettivo specifico Componente 1 Componente 2 Risultato 1.1 Risultato 1.2 Risultato 2.1 Attività Attività Attività Attività Etc. Attività Attività Attività Attività Etc. Attività Attività Attività Attività Etc. 04/12/14 Project management 52

53 Gli Indicatori Il giudizio di valutazione Valutazione over time (serie storiche) Valutazione cross section (es: benchmarking = confronto con le buone pratiche) Valutazione di conformità (rispetto ad un target definito) 53

54 Gli Indicatori Indicatori di realizzazione: usati per misurare i prodotti diretti delle attività, immediatamente misurabili, prodotti diretti di una spesa di risorse e denaro (es: i km di strada realizzati). Attori chiave sono gli operatori. Indicatori di risultato: usati per misurare i vantaggi diretti del progetto. Un vantaggio immediato se il beneficiario. direttamente in contatto con il progetto (es: dopo l apertura della strada il tempo ridotto di percorrenza fra i due punti che la strada ora unisce). Attori chiave sono i diretti beneficiari. 54

55 Gli Indicatori Indicatori di impatto specifico: usati per misurare le conseguenze di un progetto, il raggiungimento del loro obiettivo nel tempo, senza quindi limitarsi al contatto diretto e immediato con il beneficiario alla fine del progetto, ma considerandone la sostenibilità. Attori chiave sono ancora i diretti beneficiari. Indicatori di impatto globale: non si riferiscono pi. soltanto al progetto ma al programma di cui fa parte, non pi. solo ai beneficiari diretti ma anche a quelli indiretti, e per periodi di tempo considerevolmente pi. lunghi. Sull impatto globale influiranno tutta una serie di elementi esterni, altri programmi, fattori macroeconomici sia positivi che negativi, ecc. 55

56 Indicatori Specific Measurable Available Relevant Time bound 56

57 La prima colonna: la logica di intervento Obiettivi alto livello ai quali il progetto contribuisce Obiettivi generali Obiettivo centrale del progetto in termini di benefici sostenibili per i gruppi bersaglio Prodotti delle attività intraprese Obiettivi Specifici Risultati dei progetti Mezzi fisice e non fisici necessari per intraprendere le attività Compiti eseguiti come parte integrante del progetto (ciò che ha un costo diretto) Attività da intraprendere Mezzi 57

58 La seconda colonna: gli indicatori Obiettivi generali Indicatori Obiettivi Specifici Indicatori Risultati dei progetti Indicatori Attività da intraprendere Mezzi 58

59 La terza colonna Le fonti di verifica indicano l origine e la forma sotto la quale sono disponibili le informazioni sulla realizzazione degli obiettivi Così come avveniva per i mezzi menzionati al posto degli indicatori delle attività, così in questo caso alle attività corrispondono costi e risorse. 59

60 La quarta colonna Obiettivi non inclusi nella logica dell intervento (progetto) e altri fattori esterni possono influire sulla sua messa in opera, sfuggendo tuttavia al controllo degli attori Queste condizioni devono essere assolte per assicurare la riuscita di un progetto: essi sono dunque inserite nella quarta colonna come ipotesi o presupposti Presupposti killer! 60

61 Fase di progettazione Analisi del rischio Le ipotesi sono condizioni o fattori esterni al progetto importanti per raggiungere gli scopi e gli obiettivi del progetto Algoritmo per la valutazione dei fattori esterni SICURAMENTE SI Sarà realizzato da altri soggetti (esterni al progetto)? PROBABILMENTE Il fattore esterno è importante? NO NO Non includere nel Quadro Logico Il fattore esterno può essere realizzato all interno del Progetto? Non includere nel Quadro Logico Includere come ipotesi nel Quadro Logico si Riformulare il progetto Includendovi il fattore NO Attenzione ipotesi killer 61

62 Logica di intervento Indicatori operativamente verificabili Fonti di verifica Ipotesi Obiettivi generali Scopo (Ob. Spec.) Risultati Attività Mezzi (chi, come, quando, dove) Risorse 62 Precondizioni

63 Work Breakdown Structure (WBS) Work package (WP) Milestone Deriverable 63

64 Verifica Finale del Logical Framework La logica verticale è completa e corretta (Efficacia) Gli indicatori e le fonti di verifica sono accessibili e affidabili Le condizioni di partenza sono realistiche Le Ipotesi sono realistiche e complete I rischi sono accettabili Le probabilità di riuscita sono elevate I fattori di qualità sono stati presi in considerazione, ed eventualmente tradotti in attività, risultati o ipotesi I benefici giustificano i costi (Efficienza) 64

65 Pert diagram Serve a chiarire la struttura della suddivisione in pacchetti di lavoro (WP) e il rapporto esistente fra essi (e eventualemnte e loro task interne) in un unico colpo d occhio. È spesso richiesto all inizio della WBS 65

66 Pert Diagram 66

67 Gantt Diagram Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Attività 1 Attività 2 Attività 3 Attività 4 Attività 5 Attività 6 Attività 7 67

68 I capitoli di bilancio I capitoli in cui vengono riunite le spese del progetto sono, in genere, i seguenti: - Personale - Viaggi e Soggiorni - Servizi - Amministrazione - Costi indiretti 68

69 69 Fonte: Project Cycle management - Formez

70 LA LETTURA DEI BANDI 70

71 Esame preliminare del bando Verificare: 1.Obiettivi generali, 2. specifici, 3. azioni ammissibili Capofila ammissibile, partner ammissibili (e numero), Paesi ammissibili Dimensione delle azioni e del budget relativo, tasso/i di cofinanziamento Eventuali elementi di esclusione: azioni non ammissibili, rendicontabilità delle spese di personale e subappalti con vincoli specifici 71

72 In genere sono tre le parti di cui un formulario, grosso modo, si compone: 1) una parte anagrafica e informativa sul proponente e la compagine dei partner; 2) una parte riguardante il contenuto del progetto, a sua volta divisa in due sezioni: a. obiettivi, stato dell'arte, pertinenza, efficacia, efficienza, valore aggiunto comunitario, output, risultati, sostenibilità e impatto, indicatori; b. logica di progetto: work packages con relativa lista dei deliverables, cronogramma e pert diagram; 3) la parte relativa al bilancio. 72

73 Descrizione tecnica del progetto Uno schema base, classico, di divisione in pacchetti di lavoro può essere il seguente: - WP 1 management e comunicazione interna - WP 2 monitoraggio e valutazione - WP 3 preparazione - WP 4 implementazione e testing - WP 5 validazione e disseminazione 73

74 Cosme 1. CALL FOR PROPOSALS 2. DESCRIPTION OF WORK (TECHNICAL ANNEX 1) 3. PART B TECHNICAL ANNEX2 DETAILED BUDGET 4. COS-TFLOWS _List of projects 5. GUIDE FOR APPLICANTS 6. EASME MODEL GRANT AGREEMENT FOR THE COSME PROGRAMME1 7. EASME-COSME-TOURISM-FLOWS-CALL- Questions and Answers 74

75 Europa Creativa 2 obiettivi generali e 4 obiettivi specifici Obiettivi generali: promuovere e salvaguardare la diversità lingusitica e culturale europea; rafforzare la competività del settore culturale e creativo per promuovere una crescita economica intelligente, sostenibile e inclusiva. Obiettivi specifici: supportare la capacità del settore culturale e creativo europeo di operare a livello transnazionale; promuovere la circolazione transnazionale delle opere culturali e creative e degli operatori culturali; rafforzare la capacità finanziaria dei settori culturali e creativi, in particolare delle SME; supportare la cooperazione politica transnazionale al fine di favorire innovazione, policy development, audience building e nuovi modelli di business. 75

76 76

77 77

78 78

79 Sitografia https://prezi.com/chiixpc0qg-p/european-commission/ fontinor.nsff35ffa43c585cb6f802564b9004b5ad6/7fb f1d0dfc125709d003d8c65/$file/pcm %20completo.pdf reflective html#tab1 79

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 2 Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO Modulo 2 Dall Idea al Progetto 2

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi Project Cycle Management 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico di Federico Bussi federicobussi1@gmail.com 1 La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico Nelle pagine precedenti abbiamo

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 4. Gli indicatori G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 Cosa sono gli indicatori Gli indicatori sono strumenti in grado

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo VADEMECUM Finanziamenti diretti europei Come redigere un progetto di successo redazione: Petra Sevvi, Renata Tomi Info Point Europa della Provincia autonoma di Bolzano Alto Adige Ripartizione Europa Ufficio

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO Giovanni Serpelloni 1), Elisabetta Simeoni 2) 1. Centro

Dettagli

Metodologie e strumenti per la presentazione, il monitoraggio e la valutazione di progetti secondo l'approccio comunitario.

Metodologie e strumenti per la presentazione, il monitoraggio e la valutazione di progetti secondo l'approccio comunitario. Metodologie e strumenti per la presentazione, il monitoraggio e la valutazione di progetti secondo l'approccio comunitario Nunzia Cito Le metodologie e gli strumenti per la presentazione ed il monitoraggio

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020)

LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020) LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020) PREMESSA Per l attuazione delle proprie politiche la Commissione europea finanzia un ampio numero di programmi/strumenti

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare?

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? TECNICHE H. Sei Cappelli per Pensare 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? Il metodo dei sei cappelli per pensare è stato inventato da Edward de Bono nel 1980. I cappelli rappresentano

Dettagli

IL BUDGET. Che cos è il budget.

IL BUDGET. Che cos è il budget. IL BUDGET Che cos è il budget. Ogni progetto deve possedere una sostenibilità economica che permette la realizzazione delle attività e il raggiungimento degli obiettivi. Questa sostenibilità economica

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona PRINCIPI PROJECT MANAGEMENT PRINCIPI DI PROJECT MANAGEMENT Elisabetta Simeoni 1), Giovanni Serpelloni 2) 1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Funzione Pubblica. Formez PROJECT CYCLE MANAGEMENT MANUALE PER LA FORMAZIONE

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Funzione Pubblica. Formez PROJECT CYCLE MANAGEMENT MANUALE PER LA FORMAZIONE Formez Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Funzione Pubblica PROJECT CYCLE MANAGEMENT MANUALE PER LA FORMAZIONE S T R U M E N T I 4 STRUMENTI FORMEZ S T R U M E N T I I l Formez -

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee IL CONTESTO

Dettagli

Business Process Management applicato ai flussi della PA

Business Process Management applicato ai flussi della PA tecnologie vicine Business Process Management applicato ai flussi della PA Antonio Palummieri Resp. Area Mercato Luciano Sulis - BPM Solution Specialist Milano, 24 novembre 2011 Popolazione comuni: Italia

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 DATA: 29/8/2013 N. PROT: 475 A tutte le aziende/enti interessati Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 Roma, 15-16 ottobre 2013 Bruxelles,

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI OPUSCOLO Opportunità di ricerca transnazionale Vi interessa la ricerca europea? Research*eu è il mensile della direzione generale della Ricerca per essere

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

PROGETTAZIONE EUROPEA:

PROGETTAZIONE EUROPEA: PROGETTAZIONE EUROPEA: SUGGERIMENTI PER LA STESURA DI PROGETTI DI RICERCA EUROPEI A cura di: Dott.ssa Federica Fasolato Divisione Ricerca Sezione Internazionale e Nazionale ricerca@unive.it Per ulteriori

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0

BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0 BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0 Concorso di idee per iniziative imprenditoriali innovative Che cosa è Valore Assoluto è un iniziativa della Camera di Commercio di Bari, giunta al terzo anno di attività e finalizzata

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

L empowerment nei progetti di inclusione sociale

L empowerment nei progetti di inclusione sociale IV Convegno Nazionale di Psicologia di Comunità Psicologia per la politica e l empowerment individuale e sociale. Dalla teoria alla pratica L empowerment nei progetti di inclusione sociale di P. Andreani,

Dettagli

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI BANDO SVILUPPO DI RETI LUNGHE PER LA RICERCA E L INNOVAZIONE DELLE FILIERE TECNOLOGICHE CAMPANE - FAQ Frequent Asked Question : Azioni di sistema per l internazionalizzazione della filiera tecnologica

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Cos è la Banca europea per gli investimenti?

Cos è la Banca europea per gli investimenti? Cos è la Banca europea per gli investimenti? La BEI è la banca dell Unione europea. Come principale mutuatario e finanziatore multilaterale, eroghiamo finanziamenti e consulenze tecniche per progetti d

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Università degli Studi di Parma Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica DISPENSE INTRODUTTIVE INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Prof. Giulio Destri

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi.

una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi. la forza di un idea una forza creativa si fonda anche sulla capacit di condividere valori e traguardi. una forza creativa Comer Group, da gruppo di aziende operanti nel settore della trasmissione di potenza,

Dettagli

LE OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO DELL UNIONE EUROPEA PER LE IMPRESE 2014-2020

LE OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO DELL UNIONE EUROPEA PER LE IMPRESE 2014-2020 LE OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO DELL UNIONE EUROPEA PER LE IMPRESE 2014-2020 Bruxelles, 8 gennaio 2014 0 INDICE PREMESSA... 2 I - I PRINCIPALI PROGRAMMI DELL UE A SOSTEGNO DELLE IMPRESE... 3 1. I FINANZIAMENTI

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola Europrogettista Il profilo è ricercato in particolare da ONG,

Dettagli

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO P.G. 58467/2012 Data firma: 13/07/2012 Data esecutività: 20/07/2012

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli