IL PROGRAMMA. 04/12/14 Project management Regione Piemonte

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL PROGRAMMA. 04/12/14 Project management Regione Piemonte"

Transcript

1 IL PROGRAMMA 1

2 Il ruolo moderno della PA Componente relazionale Componente di programmazione e di servizio progettuale Componente tecnica/ burocratica Pubblica Amministrazione 2

3 Cos è un programma Un insieme di azioni di cambiamento (progetti e operazioni) intenzionalmente raggruppate insieme per conseguire benefici specifici. (Murray-Webster, Thiry -2000) Un insieme correlato di progetti, sottoprogrammi e operazioni, gestito in maniera coordinata per ottenere benefici che non potrebbero essere conseguiti gestendo autonomamente le singole iniziative (PMI The standard for program management, 2012) 3

4 Cos è è un programma Benefici: Per i soggetti interessati (stakhholder) al programma economici, quantitativi, qualitativi, durante il programma, al termine o dopo il programma o il progetto Dalla situazione attuale (AS IS) alla situazione futura (TO BE) passando da diverse situazioni intermedie (IN PROGRESS) lungo tutta la durata del programma 4

5 Ragionare per obiettivi e non per azioni Ogni programma nasce improntato a una strategia mirante a risolvere determinati problemi con una rilevante posta in gioco e a soddisfare bisogni in determinati gruppi target, mediante lo stanziamento di risorse e lo svolgimento di determinate azioni. 5

6 Cosa non è un programma Attività ordinarie (operation management) Progetti, impresa temporanea, intrapresa per creare un unico prodotto, servizio o risultato (project management) Gruppo di progetti non interdipendenti o non direttamente correlati (portfolio management) 6

7 Dietro un programma c è una visione Mi sentivo responsabile della bellezza del mondo. Volevo che le città fossero splendide, piene di luce, irrigate di acque limpide, popolate di esseri umani, il cui corpo non fosse deturpato né dal marchio della miseria o della schiavitù, né dal turgore di una ricchezza volgare. ( Memorie di Adriano di Marguerite Yourcenar) 7

8 Dietro un programma c è una visione Un computer su ogni scrivania. (Microsoft) orti, buoni, puliti e giusti in Africa. (Slow Food) 8

9 La Visione di EUROPA 2020: una crescita.. Intelligente: sviluppare un economia basata sulla conoscenza e l innovazione Sostenibile: promuovere un economia più efficiente sotto il profilo delle risorse, più verde e più competitiva. Inclusiva: promuovere un economia con un alto tasso di occupazione che favorisca la coesione sociale e territoriale. 9

10 EUROPA 2020: 5 obiettivi misurabili Occupazione: dall attuale 69% al 75% Ricerca e innovazione: investimenti in R&S al 3% del PIL Cambiamento climatico ed energia: Istruzione: abbandono scolastico e innalzamento livello Lotta alla povertà: ridotta al 25% 10

11 Gli elementi chiave del programma Obiettivi strategici Benefici (in progress, alla fine e dopo il programma) Capacit-azioni e Outcomes Realizzazioni 11

12 DAL PROGRAMMA AI PROGETTI 12

13 Cos è un progetto Un progetto si caratterizza per due proprietà: la temporaneità e la non ricorrenza. Ogni progetto: a) ha un inizio ed una fine ben individuabili; b) si completa nel momento in cui gli obiettivi vengono raggiunti o si interrompe quando è chiaro che sono irraggiungibili o inutili; c) crea una sinergia di forze che spesso si interrompe alla fine delle attività previste; d) cerca di produrre risultati diversi (per qualità, tipologia, ecc.) rispetto ad altri progetti già realizzati in precedenza. 13

14 La Relevance Requisito di eleggibilità Indica la coerenza tra la gerarchia di obiettivi espressi dal programma e dal bando, con quella propria alla base dell idea progettuale Se la relevance non è rispettata, il progetto non verrà valutato ulteriormente 14

15 La Sussidiarietà Il Principio di Sussidiarietà: non solo la Relevance, ma anche il giusto livello a cui rispondere alla sfida Agire al livello più vicino possibile al cittadino Quindi: tematica di importanza tale da giustificare ed anzi richiedere come necessario un livello di approccio comunitario e non locale 15

16 Valore aggiunto europeo: cardini fondamentali La tematica deve essere di importanza comunitaria Ruolo della sovvenzione L azione deve essere trasferibile nel territorio dell Unione Europea L azione non può essere realizzata isolatamente 16

17 Workshop di valutazione finale Macroprogettazione Workshop di identificazione Valutazione Identificazione Workshop di valutazione intermedia Realizzazione Ciclo di progetto Workshop di fattibilità Progettazione esecutiva Finanziamento 17

18 Il Project Cycle Management q Prima fase Analisi: si analizza una data situazione al fine di svilupparne una visione futura desiderata, selezionando le strategie necessarie al suo raggiungimento. q Seconda fase Pianificazione del Progetto (struttura) 18

19 1. Analisi 19

20 Nel ciclo di programmazione tutto nasce da una triade originaria: un problema un bisogno una posta in gioco 20

21 Lo stato dell Arte Problema e bisogno sottintendono una situazione che si vuole cambiare. Questa situazione, compresi tutti i tentativi fatti o in corso per apportare il cambiamento, costituiscono lo Stato dell Arte. Più è complessa la tematica, più lo Stato dell arte richiederà la collaborazione di molti esperti per essere conosciuto e riassunto 21

22 S Strengths W Weaknesses O Opportunities T Treaths 22

23 PUNTI DI FORZA Interna e attuale PUNTI DI DEBOLEZZA Interna e attuale MINACCE Esterna e futura OPPORTUNITA Esterna e futura Di quali vantaggi disponiamo Che difficoltà possiamo incontrare? Quali ostacoli possono emergere e devono essere affrontati? A quali vantaggi miriamo? Di quali competenze disponiamo Dove abbiamo più limiti e più carenze? Dove emergono di solito le nostre difficoltà? Potrebbero emergere difficoltà finanziarie? Che impatto può avere una certa azione? Quali altre opportunità potrebbero emergere se avremo successo? Cosa sappiamo fare bene Quali sono gli svantaggi e gli ostacoli? Quali sono i rischi che possono influenzare negativamente? Quali sono le opportunità di intervento? 23

24 Il posizionamento strategico-aziendale Identificazione delle opportunità/minacce ambientali Valutazione dei punti forti/deboli dell azienda Cosa potrebbe fare Cosa può fare Analisi della situazione esterna Modello strategico di base Analisi della situazione interna Cosa dovrebbe fare Cosa vuole fare Riconoscimento della legittimità sociale Esportazione dei valori/aspirazioni individuali della direzione 24

25 1. Analisi Generalmente i 4 momenti della fase di analisi devono essere preceduti da una Vision generale, all origine della prima bozza di idea progettuale. Solo dopo si procede ai 4 momenti della fase di analisi, nel caso sintetizzandoli o abbreviandoli laddove non sia necessario dilungarsi: Stakeholder Analysis Analisi dei problemi Analisi degli Obiettivi Analisi delle Strategie Rimane essenziale tuttavia aver chiari i problemi /obiettivi e la loro correlazione, onde poterne derivare la piramide di realizzazioni e risultati necessari 25

26 INTERESSE Basso Medio Alto Molto alto POTERE Baso Medio Alto Molto alto I2 I4 M2 M4 I1 I3 M1 M3 C2 C4 O2 O4 C1 C3 O1 O3 26

27 INTERESSE Basso Medio Alto Molto alto POTERE Basso Medio Alto Molto alto I M C O 27

28 Gestire si riferisce alla pura gestione dei rapporti organizzativi con gli interlocutori del programma, in termini di scambio di dati e informazioni sulla base di protocolli pre-definiti. La gestione pone l accento sulla standardizzazione della relazione. La gestione degli stakeholder si fonda su una solida capacità di management. 28

29 Ingaggiare rappresenta il senso profondo dello sforzo da sostenere nei confronti degli stakeholder: si riferisce infatti a un coinvolgimento più rotondo che tiene conto di tutti gli aspetti razionali ed emotivi, espliciti e impliciti, che qualificano il profilo di un determinato stakeholder nell economia complessiva di un programma. L ingaggio pone l accento sulla costruzione personalizzata della relazione e sulla capacità di adattamento alle contingenze. L ingaggio degli stakeholder si fonda su una solida capacità di leadership 29

30 L atteggiamento degli stakeholder Supportivo Proattivo Neutrale Resistente Ostacolante 30

31 EMPOWERMENT Membership Sviluppo del senso di appartenenza Involvement Coinvolgimento e partecipazione Commitment Impegno attivo e alleanza nell'azione 31

32 Tecniche di facilitazione Icebreaker Word cafè Focus group Opera Open Space Technology 32

33 I 4 PRINCIPI DELL OST Chiunque venga, è la persona giusta Qualsiasi cosa accada è l unica che poteva accadere. In qualsiasi momento cominci, è il momento giusto. Quando è finita è finita. 33

34 LA LEGGE E LE METAFORE DELL OST L unica legge che regola l OST è La Legge dei due piedi: tutti hanno due piedi e devono essere pronti ad usarli. Se una persona si trova a conversare di un argomento e non ritiene di poter essere utile, oppure non è interessata, è molto meglio che si alzi e si sposti (su due piedi, per l'appunto) in un altro gruppo dove può essere più utile. Questo atteggiamento non va interpretato come una mancanza di educazione, ma come un modo per migliorare la qualità del lavoro. 34

35 La legge e le metafore dell Ost Ci sono anche due metafore che vengono evocate e incoraggiate nell OST, il bombo e la farfalla. Il bombo è rumoroso, si sposta da un luogo all altro, e tende ad impollinare, fer>lizzando i luoghi in cui si posa. La farfalla, anch essa in con>nuo movimento, è silenziosa e armoniosa, e crea degli spazi di distensione e di relax per gli altri partecipan>. 35

36 36

37 Brainstorming: Tempesta di cervelli Un pensiero crea>vo slegato da regole predefinite, ma ofenuto afraverso l uso di tecniche appropriate. 37

38 Per analogia le idee si concatenano l una all altra, i commen> degli altri partecipan> s>molano una sorta di reazione a catena di idee partendo da un problema: Reale Semplice Noto ai componen> senza fissare un ordine per gli interven> Differenza tra brainstorming e focus: nel primo non c è il confronto 38

39 Brainstorming: le fasi Esposizione del problema (coordinatore) Tempesta delle idee (componen>) Analisi cri>ca delle idee (giuria) 39

40 EffeU sui partecipan> RoFura della rou>ne metodologica Miglioramento delle relazioni interpersonali RispeFo delle idee altrui e della altrui crea>vità Esaltazione e fa>ca 40

41 Razionalità Emotività Pessimismo 6 Cappelli per pensare Ottimismo Controllo Creatività 41

42 BIANCO: assenza di colore, neutralità, dati, numeri, fatti, informazioni ROSSO: come la passione. Emozioni, sensazioni, premonizioni, intuizioni NERO: come la tempesta. Aspetti negativi, rischi, problemi GIALLO: come il sole. Aspetti positivi, atteggiamenti costruttivi, opportunità. VERDE: come l erba. Fertilità del pensiero, nuove idee, creatività BLU: come il cielo che sovrasta tutto. Supervisione, controllo, direzione 42

43 Analisi dei problemi Un problema è una situazione attuale negativa, mentre un obiettivo è una situazione positiva futura I problemi vanno formulati a partire dalla realtà Devono essere: reali (non basati su idee o opinioni) oggettivi (dimostrabili e visibili in modo certo) espressi in termini negativi chiari e comprensibili a tutti specifici (riferiti ad aspetti o elementi precisi: persone, luoghi, tempi, quantità ) I problemi identificati si collocano su un diagramma ad albero posti in relazione causa-effetto dal basso verso l alto 43

44 ALBERO DEI PROBLEMI 44

45 Analisi degli obiettivi Si tratta di trasformare in positivo l immagine della realtà negativa ottenuta con l albero dei problemi Ogni condizione negativa (problema) viene tradotta in condizione positiva futura (obiettivo) La condizione positiva non è la soluzione del problema È opportuno esprimere un obiettivo con il participio passato perché chiarisce il punto di arrivo e non il processo, come può avvenire usando un verbo o un sostantivo Si costruisce l albero degli obiettivi Gli obiettivi individuati non sono gli obiettivi scelti per il progetto 45

46 Identificazione degli ambiti di intervento e delle strategie Individuare nell albero degli obiettivi ambiti comuni (cluster) a più obiettivi (es. formazione, servizi sociali, trasporti ) In ogni ambito gli obiettivi posti in basso permettono di raggiungere quelli posti in alto Ogni ambito potrebbe essere una parte del progetto o il progetto stesso 46

47 47 Fonte: Project Cycle management - Formez

48 Selezionare le strategie ü Interessi dei gruppi e loro priorità ü Facilità di successo ü Budget ü Rilevanza rispetto al quadro generale ü Tempo richiesto ü Contribuzione alla riduzione dell ineguaglianza o di altre politiche comunitarie. 48

49 2. PIANIFICAZIONE DEL PROGETTO 49

50 Fase di progettazione: Definizione del Quadro Logico (Logical Framework) 1 Obiettivi generali, ovvero benefici sociali e/o economici per la società in generale (non solo per i beneficiari del progetto), raggiunti anche con il contributo di più interventi e progetti. Possono esserci più obiettivi generali 2. Scopo del progetto (obiettivo specifico) indica il beneficio ottenuto dai beneficiari attraverso i servizi del progetto. Si traduce in un miglioramento delle condizioni di vita dei beneficiari 3. Risultati, si riferiscono a servizi che i beneficiari ottengono in seguito al progetto. Non riguardano le infrastrutture ma i servizi offerti ai beneficiari 4. Attività, azioni realizzate dal progetto per offrire i servizi ai beneficiari 50

51 Bisogni Posta in gioco Problemi Obiettivi globali Impatti attesi Obiettivi specifici Risultati attesi Obiettivi operativi Realizzazioni attese Risorse Dispositivi operativi 51

52 L albero degli obiettivi come base per l implementazione delle azioni Obiettivo generale Obiettivo specifico Componente 1 Componente 2 Risultato 1.1 Risultato 1.2 Risultato 2.1 Attività Attività Attività Attività Etc. Attività Attività Attività Attività Etc. Attività Attività Attività Attività Etc. 04/12/14 Project management 52

53 Gli Indicatori Il giudizio di valutazione Valutazione over time (serie storiche) Valutazione cross section (es: benchmarking = confronto con le buone pratiche) Valutazione di conformità (rispetto ad un target definito) 53

54 Gli Indicatori Indicatori di realizzazione: usati per misurare i prodotti diretti delle attività, immediatamente misurabili, prodotti diretti di una spesa di risorse e denaro (es: i km di strada realizzati). Attori chiave sono gli operatori. Indicatori di risultato: usati per misurare i vantaggi diretti del progetto. Un vantaggio immediato se il beneficiario. direttamente in contatto con il progetto (es: dopo l apertura della strada il tempo ridotto di percorrenza fra i due punti che la strada ora unisce). Attori chiave sono i diretti beneficiari. 54

55 Gli Indicatori Indicatori di impatto specifico: usati per misurare le conseguenze di un progetto, il raggiungimento del loro obiettivo nel tempo, senza quindi limitarsi al contatto diretto e immediato con il beneficiario alla fine del progetto, ma considerandone la sostenibilità. Attori chiave sono ancora i diretti beneficiari. Indicatori di impatto globale: non si riferiscono pi. soltanto al progetto ma al programma di cui fa parte, non pi. solo ai beneficiari diretti ma anche a quelli indiretti, e per periodi di tempo considerevolmente pi. lunghi. Sull impatto globale influiranno tutta una serie di elementi esterni, altri programmi, fattori macroeconomici sia positivi che negativi, ecc. 55

56 Indicatori Specific Measurable Available Relevant Time bound 56

57 La prima colonna: la logica di intervento Obiettivi alto livello ai quali il progetto contribuisce Obiettivi generali Obiettivo centrale del progetto in termini di benefici sostenibili per i gruppi bersaglio Prodotti delle attività intraprese Obiettivi Specifici Risultati dei progetti Mezzi fisice e non fisici necessari per intraprendere le attività Compiti eseguiti come parte integrante del progetto (ciò che ha un costo diretto) Attività da intraprendere Mezzi 57

58 La seconda colonna: gli indicatori Obiettivi generali Indicatori Obiettivi Specifici Indicatori Risultati dei progetti Indicatori Attività da intraprendere Mezzi 58

59 La terza colonna Le fonti di verifica indicano l origine e la forma sotto la quale sono disponibili le informazioni sulla realizzazione degli obiettivi Così come avveniva per i mezzi menzionati al posto degli indicatori delle attività, così in questo caso alle attività corrispondono costi e risorse. 59

60 La quarta colonna Obiettivi non inclusi nella logica dell intervento (progetto) e altri fattori esterni possono influire sulla sua messa in opera, sfuggendo tuttavia al controllo degli attori Queste condizioni devono essere assolte per assicurare la riuscita di un progetto: essi sono dunque inserite nella quarta colonna come ipotesi o presupposti Presupposti killer! 60

61 Fase di progettazione Analisi del rischio Le ipotesi sono condizioni o fattori esterni al progetto importanti per raggiungere gli scopi e gli obiettivi del progetto Algoritmo per la valutazione dei fattori esterni SICURAMENTE SI Sarà realizzato da altri soggetti (esterni al progetto)? PROBABILMENTE Il fattore esterno è importante? NO NO Non includere nel Quadro Logico Il fattore esterno può essere realizzato all interno del Progetto? Non includere nel Quadro Logico Includere come ipotesi nel Quadro Logico si Riformulare il progetto Includendovi il fattore NO Attenzione ipotesi killer 61

62 Logica di intervento Indicatori operativamente verificabili Fonti di verifica Ipotesi Obiettivi generali Scopo (Ob. Spec.) Risultati Attività Mezzi (chi, come, quando, dove) Risorse 62 Precondizioni

63 Work Breakdown Structure (WBS) Work package (WP) Milestone Deriverable 63

64 Verifica Finale del Logical Framework La logica verticale è completa e corretta (Efficacia) Gli indicatori e le fonti di verifica sono accessibili e affidabili Le condizioni di partenza sono realistiche Le Ipotesi sono realistiche e complete I rischi sono accettabili Le probabilità di riuscita sono elevate I fattori di qualità sono stati presi in considerazione, ed eventualmente tradotti in attività, risultati o ipotesi I benefici giustificano i costi (Efficienza) 64

65 Pert diagram Serve a chiarire la struttura della suddivisione in pacchetti di lavoro (WP) e il rapporto esistente fra essi (e eventualemnte e loro task interne) in un unico colpo d occhio. È spesso richiesto all inizio della WBS 65

66 Pert Diagram 66

67 Gantt Diagram Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Attività 1 Attività 2 Attività 3 Attività 4 Attività 5 Attività 6 Attività 7 67

68 I capitoli di bilancio I capitoli in cui vengono riunite le spese del progetto sono, in genere, i seguenti: - Personale - Viaggi e Soggiorni - Servizi - Amministrazione - Costi indiretti 68

69 69 Fonte: Project Cycle management - Formez

70 LA LETTURA DEI BANDI 70

71 Esame preliminare del bando Verificare: 1.Obiettivi generali, 2. specifici, 3. azioni ammissibili Capofila ammissibile, partner ammissibili (e numero), Paesi ammissibili Dimensione delle azioni e del budget relativo, tasso/i di cofinanziamento Eventuali elementi di esclusione: azioni non ammissibili, rendicontabilità delle spese di personale e subappalti con vincoli specifici 71

72 In genere sono tre le parti di cui un formulario, grosso modo, si compone: 1) una parte anagrafica e informativa sul proponente e la compagine dei partner; 2) una parte riguardante il contenuto del progetto, a sua volta divisa in due sezioni: a. obiettivi, stato dell'arte, pertinenza, efficacia, efficienza, valore aggiunto comunitario, output, risultati, sostenibilità e impatto, indicatori; b. logica di progetto: work packages con relativa lista dei deliverables, cronogramma e pert diagram; 3) la parte relativa al bilancio. 72

73 Descrizione tecnica del progetto Uno schema base, classico, di divisione in pacchetti di lavoro può essere il seguente: - WP 1 management e comunicazione interna - WP 2 monitoraggio e valutazione - WP 3 preparazione - WP 4 implementazione e testing - WP 5 validazione e disseminazione 73

74 Cosme 1. CALL FOR PROPOSALS 2. DESCRIPTION OF WORK (TECHNICAL ANNEX 1) 3. PART B TECHNICAL ANNEX2 DETAILED BUDGET 4. COS-TFLOWS _List of projects 5. GUIDE FOR APPLICANTS 6. EASME MODEL GRANT AGREEMENT FOR THE COSME PROGRAMME1 7. EASME-COSME-TOURISM-FLOWS-CALL- Questions and Answers 74

75 Europa Creativa 2 obiettivi generali e 4 obiettivi specifici Obiettivi generali: promuovere e salvaguardare la diversità lingusitica e culturale europea; rafforzare la competività del settore culturale e creativo per promuovere una crescita economica intelligente, sostenibile e inclusiva. Obiettivi specifici: supportare la capacità del settore culturale e creativo europeo di operare a livello transnazionale; promuovere la circolazione transnazionale delle opere culturali e creative e degli operatori culturali; rafforzare la capacità finanziaria dei settori culturali e creativi, in particolare delle SME; supportare la cooperazione politica transnazionale al fine di favorire innovazione, policy development, audience building e nuovi modelli di business. 75

76 76

77 77

78 78

79 Sitografia https://prezi.com/chiixpc0qg-p/european-commission/ fontinor.nsff35ffa43c585cb6f802564b9004b5ad6/7fb f1d0dfc125709d003d8c65/$file/pcm %20completo.pdf reflective html#tab1 79

Il ciclo di progetto focus su. Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT

Il ciclo di progetto focus su. Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT Il ciclo di progetto focus su Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT analisi periodica e finale di: efficienza, efficacia, impatto atteso, sostenibilità

Dettagli

Come scrivere una proposta progettuale

Come scrivere una proposta progettuale PROGETTO OPERATIVO DI ASSISTENZA TECNICA ALLE REGIONI DELL OBIETTIVO CONVERGENZA Come scrivere una proposta progettuale Comune di CATANIA 17/03/2016 SIGNIFICATO E DEFINIZIONE DEI LIVELLI DELLA LOGICA

Dettagli

Preparare un progetto su bandi EuropeAid

Preparare un progetto su bandi EuropeAid Venezia 9 Dicembre 2010 Preparare un progetto su bandi EuropeAid Marco Pasini Regione Veneto Ufficio del Consigliere Diplomatico Sede di Bruxelles Progetto Europeo Progettare = pensare, ideare qualcosa

Dettagli

Ciclo di gestione del progetto e Quadro Logico

Ciclo di gestione del progetto e Quadro Logico e Quadro Logico PROGETTO Gruppo di attività che mirano a raggiungere un obiettivo specifico in un tempo dato PROGRAMMA Serie di progetti i cui obiettivi riuniti contribuiscono all obiettivo globale comune,

Dettagli

Introduzione alla metodologia di progettazione europea

Introduzione alla metodologia di progettazione europea Seminario informativo Come presentare una proposta di successo nel quadro del programma ENPI CBC MED Introduzione alla metodologia di progettazione europea (parte I versione ridotta) Docente: Cecilia Chiapero

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 2 Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO Modulo 2 Dall Idea al Progetto 2

Dettagli

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento.

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Una volta realizzata l analisi del contesto di riferimento e dei fabbisogni formativi che esso esprime (vedi UF 2.1), il progettista dispone

Dettagli

Logical Framework Approach: Stakeholder Analysis e Problem Analysis

Logical Framework Approach: Stakeholder Analysis e Problem Analysis European Institute of Public Administration - Institut européen d administration publique Logical Framework Approach: Stakeholder Analysis e Problem Analysis Francesca Pepe learning and development - consultancy

Dettagli

Offerte tecniche con approccio PCM Project Cycle Management Sassari, 16 settembre 2015

Offerte tecniche con approccio PCM Project Cycle Management Sassari, 16 settembre 2015 Offerte tecniche con approccio PCM Project Cycle Management Sassari, 16 settembre 2015 Cinzia Sanna Poliste srl IL PCM - PROJECT CYCLE MANAGEMENT Nasce negli anni 90 Perché? ANALISI DELLE CRITICITÀ DEI

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO 2 1. STRUTTURARE UN PROGETTO Definizione

Dettagli

La gestione delle informazioni per l accesso ai finanziamenti comunitari

La gestione delle informazioni per l accesso ai finanziamenti comunitari La gestione delle informazioni per l accesso ai finanziamenti comunitari Dall idea alla individuazione della proposta progettuale Germana Di Falco Expert Italia Parte prima L APPROCCIO STRATEGICO AI FINANZIAMENTI

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO 2 1. STRUTTURARE UN PROGETTO Definizione

Dettagli

Glossario Project Cycle Management

Glossario Project Cycle Management Glossario Project Cycle Management Albero degli obiettivi Diagramma, utilizzato nell ambito dell Approccio del Quadro Logico, che permette di rappresentare, in un quadro unitario, ciò che si potrebbe osservare

Dettagli

ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE

ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE Urbino: 3 e 4 ottobre 2008 A cura di: Stefano Santini sve@provincia.ps.it Definizione di progetto Opera complessa, unica e di durata limitata rivolta a produrre un risultato

Dettagli

Project Cycle Management

Project Cycle Management Project Cycle Management Tre momenti centrali della fase di analisi: analisi dei problemi, analisi degli obiettivi e identificazione degli ambiti di intervento Il presente materiale didattico costituisce

Dettagli

Project Cycle Management

Project Cycle Management Project Cycle Management I principali concetti del PCM Che cos è il Project Cycle Management Programmazione Linee guida Valutazione Identificazione Progettazione di massima Realizzazione Formulazione Progettazione

Dettagli

Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico

Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico wwwisipmorg Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico Arch Eugenio Rambaldi Presidente ISIPM Istituto Italiano di Project Management wwwisipmorg Intervento all interno del

Dettagli

EUROPA 2020. TRE priorità. conoscenza e sull'innovazione; profilo delle risorse, più verde e più competitiva;

EUROPA 2020. TRE priorità. conoscenza e sull'innovazione; profilo delle risorse, più verde e più competitiva; EUROPA 2020 TRE priorità crescita intelligente sviluppare un'economia basata sulla conoscenza e sull'innovazione; crescita sostenibile promuovere un'economia più efficiente sotto il profilo delle risorse,

Dettagli

Al servizio di gente unica. Direzione Centrale Cultura, sport e solidarietà

Al servizio di gente unica. Direzione Centrale Cultura, sport e solidarietà Al servizio di gente unica Le opportunità comunitarie nella futura Programmazione 2014-2020: 2020: i fondi a gestione diretta per la cultura EUROPA CREATIVA La cultura come elemento di competitività del

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE La Work Breakdown Structure La WBS è uno strumento di pianificazione delle attività progettuali che comporta un lavoro di: 1) suddivisione

Dettagli

Introduzione. Abbreviazioni

Introduzione. Abbreviazioni Indice Introduzione Abbreviazioni XI XIII 1 I finanziamenti comunitari Niccolò Cusumano, Patrizia Minardi e Veronica Vecchi 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Dalle politiche ai programmi 2 1.2.1 Europa 2020 3 1.2.2

Dettagli

Gestione dei Progetti (2005-2006)

Gestione dei Progetti (2005-2006) Gestione dei Progetti (2005-2006) Alessandro Agnetis DII Università di Siena (Alcune delle illustrazioni contenute nella presentazione sono tratte da PMBOK, a guide to the Project Management Body of Knowledge,

Dettagli

HORIZON 2020 PER LE PMI

HORIZON 2020 PER LE PMI HORIZON 2020 PER LE PMI Gli strumenti e le modalità di partecipazione ROAD SHOW Perugia, 21 Febbraio 2014 MISURE DI SUPPORTO ALLE PMI IN HORIZON IL PARTICIPANT PORTAL ASPETTI DI TECNICA PROGETTUALE MISURE

Dettagli

Calls for Proposals: Meccanismo e. opportunità

Calls for Proposals: Meccanismo e. opportunità Calls for Proposals: Meccanismo e opportunità Punti principali Gestione dei programmi Caratteristiche di una sovvenzione (grant) Procedure di selezione (calls for proposals) Valutazione delle proposte

Dettagli

YOUTH ON THE MOVE YOUTH ON THE MOVE I GIOVANI PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO: NUOVE IDEE E PROGETTI INNOVATIVI

YOUTH ON THE MOVE YOUTH ON THE MOVE I GIOVANI PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO: NUOVE IDEE E PROGETTI INNOVATIVI YOUTH ON THE MOVE Contenuti I finanziamenti europei e i loro principi operativi Cos è un progetto? Il GOPP e l albero dei problemi Il Logical Framework Un esempio: il bando Youth in action Le politiche

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

L Europa ci aspetta! BENVENUTI!

L Europa ci aspetta! BENVENUTI! Ufficio Europa & Ufficio Politiche Giovanili L Europa ci aspetta! Seminario - Workshop sulla Progettazione Europea e non. BENVENUTI! COME SCRIVERE UN PROGETTO EUROPEO Mini - Guida per ogni tipo di programma

Dettagli

Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti!

Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti! Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti! Finanziamenti dell Unione europea: funzionamento e fonti di informazione on-line Perché una strategia per l Europa 2020? La crisi degli ultimi anni ha determinato

Dettagli

martedì 11 dicembre 2007

martedì 11 dicembre 2007 martedì 11 dicembre 2007 Conversazione su: Programmi e progetti: Tecniche e strumenti di elaborazione, monitoraggio e valutazione Scienze delle Finanze Politiche, metodologie, strumenti e pratiche per

Dettagli

METODOLOGIA E STRUMENTI PER LA PROGETTAZIONE EUROPEA UFFICIO PROGETTAZIONE EUROPEA COMUNE DI BERGAMO

METODOLOGIA E STRUMENTI PER LA PROGETTAZIONE EUROPEA UFFICIO PROGETTAZIONE EUROPEA COMUNE DI BERGAMO METODOLOGIA E STRUMENTI PER LA PROGETTAZIONE EUROPEA UFFICIO PROGETTAZIONE EUROPEA COMUNE DI BERGAMO LA COSTRUZIONE DI UN PROGETTO EUROPEO: MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE AI BANDI EUROPEI NEI PROGRAMMI A GESTIONE

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

La progettazione comunitaria come fattore di opportunità per lo sviluppo strategico

La progettazione comunitaria come fattore di opportunità per lo sviluppo strategico La progettazione comunitaria come fattore di opportunità per lo sviluppo strategico CONTESTO L importanza crescente della programmazione comunitaria nelle politiche di sviluppo locale, sia in termini di

Dettagli

Strumenti del PM. Strumenti del Project Management. La pianificazione del progetto. Strumenti del Project Management. Introduzione

Strumenti del PM. Strumenti del Project Management. La pianificazione del progetto. Strumenti del Project Management. Introduzione Strumenti del PM Strumenti del Project Management Introduzione 1 La pianificazione del progetto Strumenti del Project Management Ambito del progetto (scope) 4 Cosa intendiamo per ambito Criteri per l identificazione

Dettagli

Come viene valutato un progetto nell ambito del programma Europe-Aid

Come viene valutato un progetto nell ambito del programma Europe-Aid Come viene valutato un progetto nell ambito del programma Europe-Aid Principi generali e metodologia M. Flavia Di Noto - 9 dicembre 2010 Venezia Fasi di una proposta di progetto presentata a Europe-Aid

Dettagli

RELAZIONE SUL LABORATORIO GOPP DEL MEETING DI START UP DEL PROGETTO DI.SCOLA

RELAZIONE SUL LABORATORIO GOPP DEL MEETING DI START UP DEL PROGETTO DI.SCOLA RELAZIONE SUL LABORATORIO GOPP DEL MEETING DI START UP DEL PROGETTO DI.SCOLA Il 1 laboratorio GOPP del progetto DI.SCOL.A aveva l obiettivo generale di portare i partner di progetto a familiarizzare sulla

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER

PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER CODICE PM 10.25 DURATA 10 giorni CATEGORIA Project Management DESTINATARI Project manager, responsabili di funzione, membri del Project Management Office, dirigenti,

Dettagli

BILANCIO SOCIALE: CONTENUTI E METODI DI RENDICONTAZIONE. Claudia Strasserra Bureau Veritas Italia SpA

BILANCIO SOCIALE: CONTENUTI E METODI DI RENDICONTAZIONE. Claudia Strasserra Bureau Veritas Italia SpA BILANCIO SOCIALE: CONTENUTI E METODI DI RENDICONTAZIONE Claudia Strasserra Bureau Veritas Italia SpA I 3 elementi chiave: il prodotto, il processo, la cultura RESPONSABILITA SOCIALE ACCOUNTABILITY RENDICONTAZIONE

Dettagli

SEI CAPPELLI PER PENSARE

SEI CAPPELLI PER PENSARE SEI CAPPELLI PER PENSARE UNA TECNICA COLORATA PER LA VALUTAZIONE 6 cappelli 1/29 Strumenti SIAMO QUI! tecniche fasi 0 Predisposizione 1 Mappatura Esterna 2 Mappatura Interna 3 Generazio ne di idee 4 Valutazione

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

PROGETTO JESSICA. Lo scopo del progetto è quello di offrire metodi innovativi per attuare analisi strategiche e stabilire progetti integrati.

PROGETTO JESSICA. Lo scopo del progetto è quello di offrire metodi innovativi per attuare analisi strategiche e stabilire progetti integrati. PROGETTO JESSICA FINALITA Il Progetto Jessica intende unire esperienze di alta qualità, competenze istituzionali e risorse finanziarie pubbliche e private per aiutare a creare e organizzare dei nuovi strumenti

Dettagli

PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE. Laboratorio Life Skills Education 2007

PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE. Laboratorio Life Skills Education 2007 PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE 200 Programma di lavoro PRIMA PARTE: FONDAMENTI TEORICI la scuola dell autonomia come contesto di promozione della salute e dello sviluppo personale e sociale

Dettagli

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (1^ parte)

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (1^ parte) Paolo Mazzoni 2011. E' ammessa la riproduzione per scopi di ricerca e didattici se viene citata la fonte completa nella seguente formula: "di Paolo Mazzoni, www.paolomazzoni.it, (c) 2011". Non sono ammesse

Dettagli

La sfida dei progetti a finanziamento europeo

La sfida dei progetti a finanziamento europeo La sfida dei progetti a finanziamento europeo 29 febbraio 2016 in collaborazione con Sara Grilli Andrea Innocenti Marcello Traversi 1 LA GIUNGLA DEI PROGETTI EUROPEI: OPPORTUNITÀ E LA SFIDA DEL PROJECT

Dettagli

Team Building e Volontariato d impresa

Team Building e Volontariato d impresa Team Building e Volontariato d impresa LE MALATTIE RARE OGNI MINUT0 NEL MONDO NASCONO 10 BAMBINI COME TOMMASO, AFFETTI DA UNA MALATTIA GENETICA RARA. La Formazione di Valore produce VALORE Rebis e Zeta

Dettagli

Progetto regionale Abruzzo Scuola Digitale. Project Management. (cenni) Ing. Giovanni Pisano Conferenze di servizio, ottobre 2015

Progetto regionale Abruzzo Scuola Digitale. Project Management. (cenni) Ing. Giovanni Pisano Conferenze di servizio, ottobre 2015 Progetto regionale Abruzzo Scuola Digitale Project Management (cenni) Ing. Giovanni Pisano Conferenze di servizio, ottobre 2015 1 COSA INTENDIAMO PER PROGETTO? Un progetto è un complesso unico e coordinato

Dettagli

Fase 6 Information and visibility on the project

Fase 6 Information and visibility on the project FASE 1 IDEA PROGETTO FASE 2 INDIVUAZIONE DEGLI OBIETTIVI FASE 3 COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO FASE 4 DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA Fase 6 Information and visibility on the project FASE 5 AGGIUDICAZIONE STIPULA

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

ACCADEMIA DI PROGETTAZIONE SOCIALE MAURIZIO MAGGIORA

ACCADEMIA DI PROGETTAZIONE SOCIALE MAURIZIO MAGGIORA Un nuovo modo di vivere la progettazione sociale... ACCADEMIA DI PROGETTAZIONE SOCIALE MAURIZIO MAGGIORA Diventare «progettista sociale esperto» Torino, 14 marzo 2013 Agenda Accademia di Progettazione

Dettagli

1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto

1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto 11 1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto Poiché ciascun progetto è un processo complesso ed esclusivo, una pianificazione organica ed accurata è indispensabile al fine di perseguire

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

Traduzione non ufficiale

Traduzione non ufficiale Traduzione non ufficiale Proposta di RACCOMANDAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sulla costituzione del Quadro europeo delle Qualifiche per l apprendimento permanente (testo con attinenza all

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

Gestione diretta: I programmi comunitari

Gestione diretta: I programmi comunitari Gestione diretta: I programmi comunitari Modalità Strumenti Gestione diretta Programmi UE a finanziamento diretto IPA ENI 4 Strumenti geografici PI DCI Assistenza esterna EIDHR 3 Strumenti tematici IfS

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

Il Programma MED 2014-2020

Il Programma MED 2014-2020 Il Programma MED 2014-2020 Obiettivo generale Promuovere una crescita sostenibile nel bacino mediterraneo favorendo pratiche innovative e un utilizzo ragionevole delle risorse (energia, acqua, risorse

Dettagli

Esempio di check list per la gestione di un progetto. nel settore dello spettacolo dal vivo LUCIO ARGANO

Esempio di check list per la gestione di un progetto. nel settore dello spettacolo dal vivo LUCIO ARGANO Lucio Argano Esempio di check list nella gestione di progetti di spettacolo 1 LUCIO ARGANO Esempio di check list per la gestione di un progetto nel settore dello spettacolo dal vivo sintesi da L.Argano

Dettagli

I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione :

I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione : Il Project Management nelle Aziende Sanitarie Tipologie di progetti nelle ASL-AOAO I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

Laboratorio di progettazione europea

Laboratorio di progettazione europea Laboratorio di progettazione europea Obiettivi Avere una conoscenza di base utile a orientarsi nella struttura della UE e dei Programmi attraverso i quali si distribuiscono le risorse finanziarie comunitarie

Dettagli

Il Project Management per i Managers

Il Project Management per i Managers Paolo Mazzoni 2012. E' ammessa la riproduzione per scopi di ricerca e didattici se viene citata la fonte completa nella seguente formula: "di Paolo Mazzoni, www.paolomazzoni.it, (c) 2012". Non sono ammesse

Dettagli

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base)

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) ISIPM Base Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) Gruppo B Conoscenze Tecniche e Metodologiche Syllabus da 2.1.1 a 2.7.1 1 Tema: Gestione Ambito del Progetto e Deliverable

Dettagli

La Norma ISO 21500-1 Ed. 1-2012 Guidance on project management

La Norma ISO 21500-1 Ed. 1-2012 Guidance on project management 1 Per conto di AICQ CN 1 - Autore Giovanni Mattana - V. Presidente AICQ CN Presidente della Commissione UNI Gestione per la Qualità e Metodi Statistici INTERNATIONAL STANDARD ISO 21500 Peculiarità della

Dettagli

Scopo della WBS. La regola del 100% Orientamento ai risultati

Scopo della WBS. La regola del 100% Orientamento ai risultati Le problematiche delle fasi del progetto CONCEZIONE ELABORAZIONE FINANZIAMENTO NEGOZIAZIONE ATTUAZIONE ATTUAZIONE - Definizione della successione delle attività esecutive - Allocare le risorse - Pianificare

Dettagli

IL DEFICIT ITALIANO NELLA PRESENTAZIONE DI PROPOSTE EUROPEE DI SUCCESSO: ANALISI DEI MOTIVI

IL DEFICIT ITALIANO NELLA PRESENTAZIONE DI PROPOSTE EUROPEE DI SUCCESSO: ANALISI DEI MOTIVI IL DEFICIT ITALIANO NELLA PRESENTAZIONE DI PROPOSTE EUROPEE DI SUCCESSO: ANALISI DEI MOTIVI DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei I fondi europei FONDI DIRETTI Sono

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Contenuti Progetti innovativi e progetti dimostrativi Il ruolo dell innovazione

Contenuti Progetti innovativi e progetti dimostrativi Il ruolo dell innovazione La valutazione dei progetti nei settori dell energia e dell ambiente (tecniche e strumenti) Prima Parte Massimo Bastiani Milano,17/09/ 2010 Contenuti Progetti innovativi e progetti dimostrativi Il ruolo

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

I NUOVI PROGRAMMI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE. Milano, 11 Febbraio 2014

I NUOVI PROGRAMMI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE. Milano, 11 Febbraio 2014 I NUOVI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE Milano, 11 Febbraio 2014 CONTESTO DI RIFERIMENTO Nel marzo 2010 la Commissione Europea (CE) lancia la strategia EUROPA 2020 per una crescita intelligente, sostenibile

Dettagli

COACHING CREATIVO. la metodologia per liberare soluzioni

COACHING CREATIVO. la metodologia per liberare soluzioni COACHING CREATIVO la metodologia per liberare soluzioni La metodologia per liberare soluzioni Il Coaching Creativo è la metodologia che abbiamo elaborato in anni di ricerca e sviluppo per progettare e

Dettagli

La Gestione del progetto

La Gestione del progetto Il Laboratorio e la Professione La Gestione del progetto Padova 25-26 settembre 2009 M. Iside Bruschi REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO Il Project Management è un sistema che utilizza ed applica conoscenze

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

FONDI COMUNITARI: OPPORTUNITÀ, STRATEGIE, GESTIONE E RENDICONTAZIONE PER I DIPENDENTI PUBBLICI

FONDI COMUNITARI: OPPORTUNITÀ, STRATEGIE, GESTIONE E RENDICONTAZIONE PER I DIPENDENTI PUBBLICI FONDI COMUNITARI: OPPORTUNITÀ, STRATEGIE, GESTIONE E RENDICONTAZIONE PER I DIPENDENTI PUBBLICI I fondi comunitari non sono solo una fonte finanziaria supplementare ma anche e soprattutto uno stimolo all

Dettagli

Metodo di lavoro progettuale e supporto ETUI

Metodo di lavoro progettuale e supporto ETUI Metodo di lavoro progettuale e supporto ETUI Info Day Etui / CISL Fiesole, 31/03 01/04/2014 Perchè realizzare un progetto UE? per fare Sindacato per fare Europa 2 Dove nasce l idea? identificare le priorità

Dettagli

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI OPEN YOUR MIND 2.0 Programma di formazione per lo sviluppo delle capacità manageriali e della competitività aziendale delle Piccole e Medie Imprese della Regione Autonoma della Sardegna PRESENTAZIONE DEL

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Linee guida alla compilazione del Modello on line C Unione Europea Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Fondo Europeo per i Rifugiati Fondo Europeo per i Rimpatri

Dettagli

Misurazione della performance, stakeholder e strategie

Misurazione della performance, stakeholder e strategie Misurazione della performance, stakeholder e strategie Tavola rotonda e conclusione dei lavori Prof. Renato Ruffini Prof. Luigi Bottone 30/06/2011 Osservatorio sulla Performance nella Pubblica Amministrazione

Dettagli

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI Proposte formative Un team di esperti in progettazione formativa è a disposizione per lo sviluppo di soluzioni personalizzate e la realizzazione di percorsi costruiti intorno alle esigenze di ciascuna

Dettagli

Il Working Partnership

Il Working Partnership Il Working Partnership Il Working Partnership è uno strumento/risorsa per tutti coloro che sono interessati allo sviluppo e al miglioramento del lavoro di partnership. Lo strumento deriva da un precedente

Dettagli

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020 Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione 1 Il contesto globale Accelerazione e intensificazione delle

Dettagli

IL VALORE DELLA COMUNICAZIONE ALL INTERNO DI UN TEAM

IL VALORE DELLA COMUNICAZIONE ALL INTERNO DI UN TEAM Istituto Comprensivo di Villongo Anno scolastico 2010/2011 OGGETTO: IL VALORE DELLA COMUNICAZIONE ALL INTERNO DI UN TEAM A seguito dell appuntamento telefonico con la Prof.ssa Nicoletta Vitali si è delineata

Dettagli

PROGETTO SOCIALE D INIZIATIVA WIN (WELLFARE DI INIZIATIVA).

PROGETTO SOCIALE D INIZIATIVA WIN (WELLFARE DI INIZIATIVA). PROGETTO SOCIALE D INIZIATIVA WIN (WELLFARE DI INIZIATIVA). Ing Paolo Neri 4 Settembre 2014 Associazione Vecchie e Nuove Povertà Empoli IL «PROGETTO SOCIALE D INIZIATIVA» Missione: favorire l uscita dal

Dettagli

I finanziamenti europei. Fabrizio Spada Direttore della Rappresentanza a Milano della Commissione europea

I finanziamenti europei. Fabrizio Spada Direttore della Rappresentanza a Milano della Commissione europea I finanziamenti europei Fabrizio Spada Direttore della Rappresentanza a Milano della Commissione europea Quali fondi? Chi gestisce i fondi europei? COMMISSIONE; 22% PAESI TERZI E ORG INTERNAZ; 2% STATI

Dettagli

Project Cycle Management La programmazione della fase di progettazione esecutiva. La condivisione dell idea progettuale.

Project Cycle Management La programmazione della fase di progettazione esecutiva. La condivisione dell idea progettuale. Project Cycle Management La programmazione della fase di progettazione esecutiva. La condivisione dell idea progettuale. Il presente materiale didattico costituisce parte integrante del percorso formativo

Dettagli

Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari

Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari Definizione di progetto Cos è un progetto Progetto si definisce, di regola, uno sforzo complesso di durata solitamente

Dettagli

NATIONAL INFORMATION DAY 2012 PROGRAMMA DI AZIONE COMUNITARIA IN TEMA DI SALUTE (2008-2013) La progettazione di qualità e la gestione di progetti

NATIONAL INFORMATION DAY 2012 PROGRAMMA DI AZIONE COMUNITARIA IN TEMA DI SALUTE (2008-2013) La progettazione di qualità e la gestione di progetti NATIONAL INFORMATION DAY 2012 PROGRAMMA DI AZIONE COMUNITARIA IN TEMA DI SALUTE (2008-2013) La progettazione di qualità e la gestione di progetti Stefano Benvenuti Lorenzo Gios CReMPE Regione Veneto Coordinamento

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE DI I E DI II LIVELLO IN PROGETTAZIONE EUROPEA E TECNICHE PER L ACCESSO AI FINANZIAMENTI COMUNITARI

CORSI DI FORMAZIONE DI I E DI II LIVELLO IN PROGETTAZIONE EUROPEA E TECNICHE PER L ACCESSO AI FINANZIAMENTI COMUNITARI CORSI DI FORMAZIONE DI I E DI II LIVELLO IN PROGETTAZIONE EUROPEA E TECNICHE PER L ACCESSO AI FINANZIAMENTI COMUNITARI L Unione Europea finanzia progetti di sviluppo eccellenti, reti di ricerca attraverso

Dettagli

GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE

GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE Alta Formazione per il Business Executive master GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE Bologna, 4 maggio 2013 introduzione al Project management a cura del dott. Stefano Soglia Materiale riservato alla

Dettagli

Otto Principi sulla Gestione per la Qualità previsti dalla ISO 9000:2005

Otto Principi sulla Gestione per la Qualità previsti dalla ISO 9000:2005 Questionario di Autovalutazione di un Sistema di Gestione per la Qualità verso: Otto Principi sulla Gestione per la Qualità previsti dalla ISO 9000:2005 newsletter TECSE N. 02- Febbraio 2012 (Allegato

Dettagli

Cooperativa Sociale ZANZIBAR

Cooperativa Sociale ZANZIBAR Cooperativa Sociale ZANZIBAR PROGETTO SLID WP4. Il Centro Lavoro Guidato come strumento per la Progettazione Professionale Disabili. Dott. Stefano Defendi 17/10/12 CLG Cooperativa Sociale Zanzibar Onlus

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Il miglioramento, il problem solving e gli strumenti per il lavoro di gruppo

Il miglioramento, il problem solving e gli strumenti per il lavoro di gruppo Il miglioramento, il problem solving e gli strumenti per il lavoro di gruppo UNIVERSITA DI PISA Università di Pisa Miglioramento continuo e Problem Solving 1 Indice Il miglioramento: i diversi approcci

Dettagli

La gestione manageriale dei progetti

La gestione manageriale dei progetti PROGETTAZIONE Pianificazione, programmazione temporale, gestione delle risorse umane: l organizzazione generale del progetto Dimitri Grigoriadis La gestione manageriale dei progetti Per organizzare il

Dettagli

Ricerca europea per le Associazioni di imprese

Ricerca europea per le Associazioni di imprese Ricerca europea per le Associazioni di imprese Eurosportello del Veneto Via delle Industrie, 19/d 3175 Venezia Tel. +39 41 99 9411 - Fax +39 41 99 941 E-mail: europa@eurosportelloveneto.it www.eurosportelloveneto.it

Dettagli

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Antonella Buja Coordinatrice Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Le diverse tipologie

Dettagli

Programmazione didattica 2009. Project Management. Catalogo dei corsi

Programmazione didattica 2009. Project Management. Catalogo dei corsi Programmazione didattica 2009 Project Management Catalogo dei corsi Alta Formazione in Project Management Project Management: principi e criteri organizzativi Metodi e tecniche di avvio ed impostazione

Dettagli