FINAL REPORT Covering the project activities from 01/10/06 to 31/07/12

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FINAL REPORT Covering the project activities from 01/10/06 to 31/07/12"

Transcript

1 LIFE Project Number LIFE06 NAT/IT/ FINAL REPORT Covering the project activities from 01/10/06 to 31/07/12 Reporting Date <15/11/2012> LIFE PROJECT NAME CONSERVATION AND RESTORATION OF CALCAREOUS FENS IN FRIULI Data Project Project location ITALY FRIULI VENEZIA GIULIA Project start date: 01/10/2006 Project end date: 31/07/2012 Total Project duration (in months) 70 months Total budget 2,645,00.00 EC contribution: 1,058,00.00 (%) of total costs 40% (%) of eligible costs 100% Data Beneficiary Name Beneficiary Contact person Postal address Visit address Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Mr Daniele De Luca Via Sabbadini, UDINE Via Sabbadini, UDINE Telephone Fax: Project Website Final report

2 1 Indice e lista degli allegati 1 INDICE E LISTA DEGLI ALLEGATI LISTA DELLE PAROLE CHIAVE (I) E DELLE ABBREVIAZIONI (II) SOMMARIO (EXECUTIVE SUMMARY) INTRODUZIONE INQUADRAMENTO DEL PROGETTO RISULTATI DEL PROGETTO (TECHNICAL DEVELOPMENT)...6 A Azioni preparatorie e piano di gestione (preparatory actions and management plan)... 6 B Acquisto di terreni (land purchase)... 9 C Gestione straordinaria (non-recurring biotope management) D Gestione ordinaria dei biotopi (recurring biotope management) E Informazione e diffusione dei risultati (public awareness and disseminations of results) F Gestione generale del progetto (overall project management) VALUTAZIONE E CONCLUSIONI...42 A. Il processo B. La gestione del progetto C. Successi e fallimenti D. Confronto fra risultati ottenuti e previsti E. Benefici ambientali e implicazioni politiche e normative F. Innovazione G. Effetti socioeconomici H. Piano di gestione post-life I. Indicatori di lungo periodo COMMENTI SUL RENDICONTO FINANZIARIO (FINANCIAL ISSUES) ALLEGATI (ANNEXES)...48 Final report

3 2 Lista delle parole chiave (I) e delle abbreviazioni (II) I - Paludi e torbiere calcaree, praterie umide, Armeria helodes, ripristini, gestione ordinaria e straordinaria degli habitat, habitat, divulgazione. II - FVG = Friuli Venezia Giulia. A.R. = Amministrazione regionale. 3 Sommario (executive summary) Project title Conservation and restoration of calcareous fens in Friuli Objectives The project aims to conserve and increase the population size of plant and animal species protected by Habitats Directive that live in the ecological system of alkaline and calcareous fens in the Friuli plain, through habitat improvement and conservation in this fragile ecosystem. This general aim will be achieved through proper management of existing natural habitats, the reconnection of patches of fens, the restoration of natural habitats situated in intensive agricultural land, the ex-situ conservation of several plant species, the improvement of the general ecological conditions with special attention to groundwater level and water quality. The maintenance of a good conservation status of existing natural habitats is not sufficient to guarantee the long term conservation of habitats and species; a new conservation strategy based on a landscape scale approach is needed and will be implemented with this project. Actions and means involved The project will take place in 3 Sites of Community Importance, which have been designated for the presence of the last alkaline and calcareous fens that survived the large scale water drainage that took place in the lower Friuli plain during the 20th Century. At the beginning of the century, the area between the rivers Tagliamento and Isonzo was occupied by over 6,000 hectares of wetlands most of which were alkaline and calcareous fens. Currently, only 200 hectares of these habitats survive dispersed in small and fragmented patches, most of which are designated as SCI. The remaining fens host many endemic plants and animals of EU and National importance. In the 3 SCI affected by the project 90% of the world-wide population of Armeria helodes and 99% of the world-wide population of Erucastrum palustre survive. In recent years the number of these species has been decreasing despite big efforts to halt the decline. The reason for this decline is the insufficient ecological quality of the natural habitat due to the excessively small size and fragmentation of natural habitat patches, the lowering of water table, the eutrophication of surface waters and the abandonment of natural habitat owned by private owners. Both the species are facing a high risk of extinction. Cultivated land will be purchased and restored to create new alkaline and calcareous fens, to reduce habitat fragmentation and to create buffer meadow strips between cultivated fields and natural habitats. Due to the peculiar socio-economic situation of the area concerned, the only feasible way to restore natural habitats is to purchase private farmed land. Once the cultivated fields situated among natural habitats have been restored, it will be possible to act on the drainage channels and on the river Roggia di Virco reducing their drainage capacity in order to raise the groundwater level. The fens will benefit from an increased availability of water. These actions are not currently feasible without flowing, and hence damaging, farmed fields. A native ex situ plant nursery will be established to provide the project and future restoration actions with native seeds and seedlings. Natural habitats purchased with the project will be specifically managed in order to halt the trend towards more dry and forested habitats caused by the lowering of groundwater. Existing and well established forest habitats will be managed to improve their ecological value. Management of natural habitats that are already owned by the Region of Friuli Venezia Giulia and that will be purchased with this project will be maintained by the Region in a good conservation status through recurring management actions. Recurring management actions will not be included in the Life project budget, since it is an ordinary task of the Region. Public awareness and environmental education programs in local schools, evening courses for the elderly and for the general public will seek to raise awareness on the conservation and cultural importance of the fens. Printed material, as well as other communication tools (CD-ROM, Web site, photographic contest, cultural events) will be produced to help improve the knowledge of the natural values in the area and will increase the willingness of current and future generations to preserve these peculiar sites. Expected results 18 hectares of alkaline and calcareous fens restored to increase the size of natural habitats and reduce habitat fragmentation. 10 hectares of buffer meadow strips restored will decrease the flow of nutrient from cultivated fields to the fens. 32 hectares of natural habitat purchased and 55 hectares of natural habitat properly managed seedlings of Armeria helodes and Erucastrum palustre produced ex-situ and planted in restored areas. Increased knowledge and awareness among local people on the ecological importance of 3 SCIs and the threats they face. Final report

4 4 Introduzione Questo progetto si propone come obiettivo principale la salvaguardia di una parte ampia e significativa del sistema delle torbiere basse alcaline e paludi calcaree a Cladium mariscus della Pianura friulana, un tempo molto ampie e diffuse nella fascia delle Risorgive e oggi limitate a pochi lembi, spesso in condizioni precarie di conservazione a causa delle significative modifiche territoriali e socio-economiche avvenute negli ultimi decenni. Al loro interno sopravvivono popolazioni si specie vegetali ed animali a forte rischio ed è quindi necessario favorire anche la loro conservazione ed incremento delle popolazioni: ciò è particolarmente valido per due stenoendemismi (Armeria helodes ed Erucastrum palustre) che vivono quasi esclusivamente nei siti interessati dal progetto o ad essi adiacenti. Questo ambizioso obbiettivo generale si attua attraverso: a) l acquisizione e la tutela degli habitat di interesse comunitario, b) la loro gestione straordinaria ed ordinaria (sfalci e decespugliamenti) al fine della conservazione e del miglioramento delle condizioni ecologiche anche per le specie che in essi vivono, c) l aumento delle superfici occupate da habitat di interesse comunitario, attraverso ripristino di terreni agricoli, d) l aumento della connettività dei sistemi ecologici di pregio nell ambito di un contesto agricolo intensivo e) la produzione ex situ delle specie di interesse comunitario Armeria helodes (prioritaria), Erucastrum palustre, Euphrasia marchesettii, Gladiolus palustris e di numerose altre specie di interesse conservazionistico e caratteristiche dei diversi habitat da ricostruire f) la sensibilizzazione e l educazione della popolazione di tutte le fasce di età. Output principali del progetto sono: - acquisizione di 32 ettari di habitat naturali, - gestione straordinaria di 55 ettari di habitat naturali, - gestione ordinaria di 84 ettari di habitat naturali e terreni ripristinati, - acquisizione di 20 ettari di terreni agricoli, - rinaturazione di 28 ettari di terreni agricoli, - sperimentazione e produzione di seme per 100 specie autoctone caratteristiche degli habitat interessati, - produzione e trapianto di almeno individui di specie Allegato II e di almeno individui di ulteriori specie di interesse conservazionistico (più ulteriori secondo la modifica del progetto del 31/08/2010 e altre secondo l ultima modifica di settembre 2011). Il progetto coinvolge 3 siti di interesse comunitario (IT Risorgive dello Stella, IT Paludi di Gonars e IT Palude Selvote ) nonché 4 biotopi istituiti come previsto dalla LR 42/96. I 3 SIC sono stati dotati di apposito piano di gestione. A causa di alcune criticità specialmente di livello normativo e procedurale, il progetto è stato modificato con richiesta del e nota di trasmissione della nuova convenzione del Successivamente è stata effettuata una seconda modifica alla convenzione, comunicata in data 07/09/2011, che prolunga le attività fino al 31/07/2012. Questa ulteriore proroga è legata alle difficoltà di portare a compimento le azioni C3, C4 e C5. Con la nuova convenzione sono stati modificati quindi la scheda dei deliverables, il cronoprogramma generale e la tabella relativa allo sviluppo dei singoli progetti che compongono le attività di ripristino del presente LIFE. Final report

5 Il progetto si è concluso e il livello di raggiungimento degli obbiettivi e la realizzazione delle azioni previste è buono ed per quanto riguarda alcune azioni superiore a quanto previsto; sono stati infatti raggiunti gli obiettivi attesi, tuttavia sono state apportate le seguenti variazioni non sostanziali, dettagliate meglio con la descrizione delle singole azioni: - non sono state acquistate limitate porzioni di terreni ad habitat naturali in comune di Gonars e Bertiolo, in quanto è stata acquisita un area, originariamente non prevista, in comune di Talmassons, ritenuta molto più importante ai fini della coerenza dei ripristini in corso e della loro migliore funzionalità rispetto agli obiettivi del progetto. Inoltre alcune aree sono acquisite ma non conclusi i procedimenti espropriativi. - alcune superfici a Talmassons previste come aree di intervento azioni D sono state in realtà sottoposte ad ulteriori ripristini e quindi considerate come azioni C; - alcune discordanze su superfici di torbiera/molinieto e boschi sottoposti sia a gestione straordinaria ed ordinaria dipendono dalla differenza fra la stima iniziale fatta su carte generiche e la realtà dei fatti sul terreno: spesso infatti gli stadi di incespugliamento e di avanzamento del bosco erano più evoluti e quindi non si è potuto effettuare gestione di habitat erbacei umidi; - non sono stati effettuati gli interventi sulle due rogge: in un caso per evidente ritombamento naturale, nel secondo per problemi di tipo autorizzativo e progettuale. 5 Inquadramento del progetto L amministrazione regionale da numerosi anni sta sviluppano progetti di tutela attiva nella zona delle Risorgive Friulane sia attraverso cofinanziamenti comunitari (Progetti LIFE, INTEREG, OB2 ) sia attraverso l amministrazione e gestione diretta dei biotopi istituiti in questo area. Il presente progetto rappresenta in parte la continuazione di un precedente LIFE che aveva coinvolto solamente il SIC Risorgive dello Stella. Questa continuità gestionale ha permesso l acquisizione negli anni di notevole esperienza tecnica e amministrativa nella gestione di progetti anche complessi che realizzino, oltre all acquisizione e gestione di aree naturali residui, il ripristino su ex terreni agricoli. In questo quadro quindi il LIFE si è sviluppato e poi realizzato in seno agli uffici regionali dove un team di tecnici ha sviluppato le numerose azioni ed attività previste dipendenti anche alle vaste superfici coinvolte presenti in tre siti distinti,ai lunghi iter progettuali ed autorizzativi e alle articolate fasi di realizzazione degli interventi. Anche per questi motivi i progetti di ripristino sono stati suddivisi in 7 diverse progettazioni (preliminari, definitive ed esecutive) per avere un quadro coerente per le fasi autorizzative e per gli affidamenti dei lavori, dall altro per procedere in modo più continuo in cui le diverse fasi si potevano realizzare in modo autonomo. Anche i lavori di gestione ordinaria e straordinaria, che hanno coinvolto numerose decine di ettari, sono stati suddivisi per lotti funzionali e affidati all esterno o realizzati direttamente dagli operai regionali. Sulla base della necessità di incrementare la consapevolezza di questi elevati valori ecologici e naturalistici sul territorio e di facilitare l accettazione di alcune azioni significative quali espropri e asportazione di terreni agricoli, sono state da subito coinvolte le 4 Amministrazioni Comunali di Bertiolo, Talmassons, Castions di Strada e Gonars, che sono diventate partner di progetto. Esse hanno gestito la quasi totalità delle azioni E) e hanno facilitato le relazioni e la comprensione fra i tecnici dell amministrazione regionale e il territorio coinvolto nelle diverse azioni di progetto. Per questi motivi, quasi durante l intero arco del progetto, si sono affiancate azioni A di tipo preparatorio (stesure dei progetti, piani di gestione, preparazione materiali diversi, affidamenti di incarichi esterni, etc.), acquisizioni di terreni naturali e di aree agricole (Azioni B), gestione Final report

6 straordinaria, ripristini, creazione e gestione della serra (Azioni C), azioni di gestione ordinaria e monitoraggi (Azioni D) e azioni di sensibilizzazione e divulgazione rivolte ad una platea più vasta possibile (azioni E). Sulla base delle esigenze e delle numerose professionalità richieste, il gruppo di lavoro principale è costituito da tecnici regionali, mentre singole attività specifiche sono state affidate all esterno (monitoraggi, attività didattiche, supporto alle pratiche per gli espropri, gestione sito web e materiale informativo, lavori di gestione e lavori di ripritino). Accanto al responsabile tecnico e scientifico della regione è stato affiancato un coordinatore esterno. Sono stati spesi ,82 corrispondenti al 150,73% del budget previsto in convenzione. La spesa maggiore è relativa all acquisto dei terreni che, a causa dell aumento del valore fondiario, ha superato le previsioni e del costo del personale operaio ampliato a seguito del prolungamento della convenzione. 6 Risultati del progetto (Technical development) A Azioni preparatorie e piano di gestione (preparatory actions and management plan) A1 Allargamento dei SIC e del biotopo (enlargement of the SCI and of the biotope) L azione è conclusa il 23/05/2007. L azione A1 si è conclusa con l emissione del decreto del Presidente della regione del 23 maggio 2007 n. 0146/Pres (ALLEGATO 01) che prevede l ampliamento e modifiche alle norme di tutela del biotopo naturale regionale paludi del Corno nel comune di Gonars. L ampliamento è coerente la previsione di progetto. L allargamento dei SIC IT Palude Selvote e IT Paludi di Gonars, rispetto alle previsioni riportate nelle cartografie di progetto (B2/6 e B2/7), è stato maggiore nel SIC Paludi di Gonars (si veda la tabella seguente). La procedura formale di ampliamento si è conclusa tecnicamente con l adozione da parte dalla Giunta regionale con deliberazione del 21 luglio 2006 n ( ) Nel caso del SIC IT e del biotopo paludi del Corno una piccola area, prevista in progetto, non è stata inclusa perchè ricadente nel comune di Porpetto e quindi, non essendo significativa ai fini del progetto, si è scelto di non coinvolgere nelle procedure altre amministrazioni. A2 Redazione del piano di gestione (drawing up the management plan) L azione A2, riguardante la redazione dei piani di gestione dei 3 SIC coinvolti, si è conclusa con la pubblicazione dell avvenuta adozione degli stessi. La redazione tecnica dei piani si è conclusa nel maggio 2009 e, come previsto dalla legge 7/2008 le misure di conservazione sono elaborate attraverso un processo partecipativo degli enti locali e delle associazioni di categoria maggiormente interessate. Sono stati convocati 2 cicli di incontri, il primo, il 19 marzo, per discutere degli obbiettivi del piano e delle prime bozze di azioni, il secondo 21 e 29 aprile per discutere delle proposte di azioni; gli incontri con i portatori di interesse sono stati suddivisi tra pubblici e privati e le categorie divise in aree tematiche. E stato dato un termine per la presentazione di osservazioni scritte nel 15 maggio. Gli elaborati bozza definitiva di piano sono stati consegnati il 30 di maggio Nel giugno 2009 è stato avviato l iter di adozione previsto dalla legge. In questa fase sono stati richiesti formalmente i pareri degli enti locali e delle associazioni di categoria maggiormente Final report

7 rappresentive e sono stati ottenuti nelle specifiche sedi il parere del Comitato tecnico scientifico e del comitato faunistico venatorio (organismi consultivi della regione). Con delibera della Giunta regionale n del 14/07/2011 i piani sono stati pre-adottati, dalla Giunta al fine di inviarli alla Commissione competente del Consiglio Regionale. La IV Commissione consiliare competente, nella seduta di data , ha emesso il proprio parere a seguito di specifiche consultazioni ed audizioni di soggetti ritenuti coinvolti. L adozione definitiva dei piani è avvenuta con delibera della Giunta regionale n del 15/12/2011 (sito adel= &key=risorgive&uf=&btncerca=vai ). Con la Legge Regionale n. 17 del 21 ottobre 2010, commi 7 e 8 dell art.140, l A.R. ha apportato alcune modifiche all iter di approvazione dei piani di gestione, ed in particolare ha specificato che le misure regolamentari ed amministrative in esso contenute diventano vigenti a decorrere dalla data di pubblicazione del BUR dell avviso di adozione del piano stesso. In questo modo il piano è completamente operativo già a seguito dell adozione. Pertanto a decorrere dal i piani sono entrati in vigore, a seguito della pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione n. 4/2012 ( ) dell avviso di Adozione (ALLEGATO 02). Dalla stessa data pertanto i piani e le relative norme sitospecifiche di conservazione sono efficaci e vigenti a tutti gli effetti raggiungendo in tal modo gli obiettivi previsti in origine con la convenzione di sovvenzione. A3 Azioni preparatorie per i ripristini (preparatory actions for habitat restoration) Nella tabella seguente vengono riportate le date dei progetti definitivi ed esecutivi necessari alla esecuzione degli interventi di ripristino contemplati dalle azioni C3. Le autorizzazioni necessarie ai progetti sono ottenute dopo la redazione dei progetti definitivi e prima l avvio dei lavori. Final report

8 Cronoprogramma delle diverse fasi dei singoli progetti sviluppati all interno del LIFE PROGETTI DI RIPRISTINO Realizzazione di una zona umida presso la torbiera di Virco Ricostruzione di habitat naturali presso la Roggia dei Prati nelle Risorgive di Flambro Rinaturazione di terreni nel bacino del Rio Raffeletto nel Biotopo Torbiera Selvote COMUNE Data progetto definitivo Data progetto esecutivo Data ultimazione Bertiolo 16/11/ /06/ /09/2010 Talmassons 15/11/ /06/ /05/2011 Castions di Strada 12/05/ /10/ /07/2012 Ricostruzione di habitat naturali di interesse comunitario nelle Risorgive di Gonars presso Mulino di Sotto Ricostruzione di habitat naturali di interesse comunitario nelle Risorgive di Gonars presso Rio Feret Gonars 05/08/ /04/ /07/2012 Gonars 24/05/ /05/ /07/2012 Ripristino di habitat naturali di interesse comunitario nelle Risorgive Castions di Strada Castions di Strada 15/12/ /06/ /07/2012 Ricostruzione habitat naturali presso la Roggia dei Molini nelle Risorgive di Flambro Talmassons 16/12/ /05/ /07/2012 Deliverable/Milestone Data prevista progetto Data di attuazione A1. Enlargement of the "Palude Selvote" SCI, "Paludi di Gonars" SCI and of the Regional nature biotope Paludi del Corno 31/12/06 23/05/07 A2. Adoption of the Management Plan 31/12/09 15/12/2011 A3. Technical blueprints of restoration and selection of contracting 13/07/07; 31/12/07 parties (first phase) 30/06/08 A2. Coming into force of the Management Plan 31/03/08 25/01/2012 A3. Technical blueprints of restoration and selection of contracting parties (second phase) 31/12/08 31/07/09 Final report

9 B Acquisto di terreni (land purchase) B1 Acquisto di aree naturali (purchase of natural land) L acquisizione di aree naturali si è sviluppata lungo l intero arco del progetto per concludersi nel L acquisto delle aree naturali è stato completato con le variazioni di sotto descritte ed illustrate nella relativa tabella. E stato valutato come maggiormente rispondenti alle esigenze di progetto acquisire ulteriori terreni agricoli in Comune di Talmassons, ai fini del migliore risultato dei ripristini in corso, a scapito dell acquisto di alcune aree naturali, in particolare nel Comune di Gonars. A Castions di Strada 2,34 ettari sono in fase avanzata di acquisizione attraverso procedura espropriativa che, a causa delle procedure di legge, non si è ancora conclusa; nessuna spesa relativa è quindi caricata sul progetto (l acquisizione sarà pertanto conclusa con spese a completo carico dell A.R. previste nel piano After Life). Nel Comune di Castions di Strada le superfici acquisite corrispondono a quelle di progetto ma nella realtà una parte dell area, che era stata indicata come pubblica, è stata poi acquisita mentre un altra non è stato possibile acquisirla (vedi scheda B2/10 del progetto). Comuni Superficie prevista (ha) Superficie acquisita 31/07/2012 Castions di Strada 24 19,40 Gonars 6 3,16 Bertiolo 1 0,74 Talmassons 1 2,35 totale 32 25,65 B2 Acquisto di aree agricole (purchase of agricultural land) Le aree agricole erano già state tutte acquisite entro il 31/12/2010, anche per la necessità di procedere con i progetti di ripristino che prevedono numerose fasi temporali successive. Nel complesso sono stati acquistati 23,65 ha rispetto ad una previsione di progetto di 20. Comuni Superficie prevista (ha) Superficie acquisita 31/07/2012 Castions di Strada 2 3,67 Gonars 10 10,22 Bertiolo 4 3,77 Talmassons 4 5,99 totale 20 23,65 In generale alcune variazioni di superficie sono legate anche a motivi cartografici: infatti il progetto era basato sulla Carta Tecnica Regionale mentre i dati si riferiscono a somme di aree catastali. Per quanto riguarda Bertiolo, la piccola differenza è dovuta alla mancata acquisizione di una piccola area ritenuta marginale e non essenziale ai fini del progetto stesso. La superficie complessiva comunque supera le previsioni del progetto poiché è stata aggiunta un area in comune di Talmassons, ritenuta molto più importante ai fini della coerenza dei ripristini in corso e della loro migliore funzionalità rispetto agli obiettivi del progetto. Final report

10 Risulta così che la superficie delle aree agricole acquisite e soggette a ripristino è maggiore rispetto alle previsioni di progetto, anche a compensazione del lotto di aree naturali di cui non si è entrati in possesso. Con riferimento sia alle aree naturali che agricole si allega la lista completa delle aree acquistate e i riferimenti alle relative particelle catastali interessate (ALLEGATO 03a); inoltre sono allegate le relative cartografie (ALLEGATI 03b, 03c, 03d, 03e, 03f, 03g, 03h, 03i). Questa azione pertanto è conclusa. Deliverable/Milestone Data prevista progetto Data di attuazione B1. Purchase of the first plot of natural habitats. 30/06/08 30/05/07 B2. Purchase of the first plot of agricultural land 30/06/08 01/12/06 B1. Purchase of the last plot of natural habitats. 30/09/10 31/07/11 B2. Purchase of the last plot of agricultural land 30/09/10 30/11/10 C Gestione straordinaria (non-recurring biotope management) C1 Gestione straordinaria di habitat naturali non boscati (non recurring management of open natural habitats) Inizio previsto Fine prevista Inizio effettivo Fine effettiva I/2008 III/2011 Aprile 2007 Giugno 2012 Nel complesso sono state eseguite le azioni di gestione straordinaria su buona parte delle aree previste dal progetto, anche se vi sono differenze fra la stima delle superfici delle torbiere e dei prati umidi da sottoporre alla gestione straordinaria, si sono potute dettagliare solo nel corso dei lavori. Le superfici mancanti risptto alla previsione iniziale sono relative, per quanto riguarda il comune di Gonars, ai mancati acquisto di alcune aree (come spiegato nell azione B1) e in generale, con particolare riferimento al Comune di Castions di Strada, ad una sovrastima delle aree di torbiera effettuata nella candidatura iniziale, a causa dell utilizzo della carta tecnica che non riportava diversi piccoli boschi recentemente evoluti dall incespugliamento delle zone aperte. Si è quindi verificata una sovrastima degli habitat aperti (azione C1) ed una corrispondente sottostima delle aree boscate (azione C2). Nel Comune di Gonars invece alcune aree incespugliate sono state mantenute e lasciate alla libera evoluzione verso il bosco, in quanto valutate non più recuperabili ad habitat di torbiera. Per Talmassons, alcune aree previste come gestione di boschi (Azione C2) si sono dimostrate recuperabili ad habitat umidi aperti e quindi sono state trattate nell ambito di questa azione. In particolare nell ultimo anno di progetto (2012), dopo l acquisto del trincia raccoglitore, il materiale sfalciato in alcune zone di torbiera è stato impiegato immediatamente, come pacciamatura ed apporto di semi, sulle aree di ripristino adiacenti dell azione C3. (Si vedano allegati cartografici n. 04a, 04b, 04c, 04d) Final report

11 Comune Superficie prevista ha Superficie trattata Torb. Mol. Torb. Mol. Gonars 17,5 4,6 15,4 1,0 Castions di Strada 15,1 4,4 14,0 3,2 Bertiolo 0,40 0,40 Talmassons 0, Tot ,1 4,8 Specifiche tecniche Le azioni di gestione straordinaria prevedevano il decespugliamento e lo sfalcio di torbiere e di molinieti, abbandonati da lungo tempo. Questi habitat si trovavano in uno stato dinamico di invecchiamento che può essere costituito da un infeltrimento della cotica erbacea con molta necromassa oppure da uno stadio di incespugliamento da parte della frangula, del salice cinerino o dell ontano nero. Gli interventi attuati hanno avviato un recupero della corretta struttura e biodiversità di questi habitat agendo tramite l asporto di quantità significative di biomassa, la riduzione delle dimensione dei cespi molto elevati di Schoenus nigricans e Molinia caerulea ed eliminando progressivamente gli arbusti. Così è stato possibile ricreare le corrette nicchie ecologiche per alcune specie di piccola taglia (esempio Liparis loeselii, Drosera rotundifolia) che vengono soffocate dalle grandi specie graminoidi e permettere una ripresa delle popolazioni delle specie più a rischio quali Armeria helodes ed Erucastrum palustre. Gli interventi sopra descritti sono stati attuati su tutte le aree. Le azioni di gestione nelle aree più grandi sono state per la maggior parte realizzate tramite appositi incarichi a ditte specializzate. Tratti più limitati sono stati realizzati dal personale operaio dipendente. Le azioni sono state effettuate attraverso il decespugliamento prevalentemente di Frangula alnus e lo sfalcio con totale asporto delle biomassa per evitare ulteriore accumulo di sostanza organica. Sia per la sensibilità dell ambiente di torbiera sia per oggettive difficoltà dovute alla presenza dell acqua, gli interventi sono stati effettuati manualmente con l ausilio di decespugliatori o piccole falciatrici con bassa pressione delle gomme. L azione puntuale è stata necessaria anche per modulare l intervento di taglio dei cespi che non può essere molto intenso poiché su di essi vegetano molte specie di pregio. Quindi è stato spesso necessario una serie di interventi progressivi, ovvero ripetuti nel tempo per garantire la limitazione nel ricaccio della frangula che nei primi anni è molto vigorosa. Questa specie inoltre va contenuta velocemente perché è in grado di fruttificare da individui o polloni molto giovani facilitando la dispersione attraverso semi. Va comunque sottolineato che si tratta di ambienti costituiti da alti cespi spesso allagati in cui gli stessi movimenti sono difficili. Per questo il lavoro è proceduto lentamente ed il suo costo è stato elevato. Altro fatto rilevante è stata la necessità di asporto del materiale che ha richiesto più dei due terzi del lavoro complessivo. La soluzione tecnica individuata è stata l utilizzo di una specie di slitta: il materiale tagliato viene riversato su dei teli che poi, tramite verricelli autotrainanti o su trattore, sono trasportati fuori dall area sensibile. Tale materiale diviene poi utilizzato come fondamentale base per le azioni di ripristino (vedi azione C3). Prima della fine inverno 2012, che ha presentato un periodo con gelo e siccità eccezionali, solo in alcuni brevi episodi si era potuto utilizzare i trattori per lo sfalcio in palude. I lavori sono stati generalmente effettuati durante la stagione di riposo vegetativo da novembre a fine febbraio, con alcune differenziazioni di anno in anno sulla base delle peculiari condizioni meteorologiche. Nel 2012 si è potuto operare sino ad aprile nelle torbiere. I mezzi meccanici sono stati invece utilizzati per lo sfalcio delle praterie umide meno sensibili ai danni meccanici e più facilmente percorribili. Final report

12 Per tale azione, ed altre simili quali la C2, D1 e D2, sono stati acquistati: trattore, falciatrici, rotoimballatrice speciale (con fondi di progetto) e ranghinatori e trincia raccoglitrice (con fondi regionali fuori progetto) per la raccolta del materiale e del seme. Tali attrezzature sono fondamentali per aiutare e ridurre i tempi di lavoro degli operai e quindi permettono di intervenire su superfici vaste se si presentano le condizioni operative idonee. Questi lavori presentano un numero elevato di variabili quali la presenza ed il livello dell acqua, la consistenza del terreno, la lunghezza del periodo di abbandono e sviluppo della vegetazione arbustiva e l accumulo di biomassa. In queste condizioni sono stati riscontrati tempi di esecuzione da 2 a 4 giorni/uomo per ettaro, se l area è meccanizzabile, come nel caso dei prati umidi, da 6 a 12, a seconda della difficoltà di recupero del materiale se non meccanizzabile. C2 Miglioramento ecologico dei boschi (ecological improvement of woodland) Inizio previsto Fine prevista Inizio effettivo Fine effettiva I/2008 III/2011 Gennaio Luglio 2012 Nel complesso sono state eseguite le azioni di gestione straordinaria sulla maggior parte delle aree previste dal progetto. Nel caso specifico dei boschi la superficie coinvolta risulta maggiore di quella prevista in progetto perché, rispetto alle previsioni della candidatura, sono state riscontrate alcune aree incespugliate ad uno stadio troppo evoluto per essere utilmente ricondotte ad habitat umidi aperti. Al contrario, in comune di Talmassons, una superficie destinata dal progetto a interventi C2, vista la presenza diffusa sotto le piante ed i cespugli di un cladieto ancora in discrete condizioni, si è deciso, lasciando solo piante isolate di alto fusto, di recuperare l area ad habitat di torbiera. La superficie è quindi da considerata nel presente rapporto come azione C1. (Si vedano allegati cartografici n. 04a, 04b, 04c, 04d) Comune Superficie prevista ha Superficie trattata Gonars 5,6 7,6 Talmassons 3,1 2,5 Bertiolo 0,4 Castions di Strada 4,3 5,7 Totale 13 16,2 Specifiche tecniche Gli interventi principalmente si sono concretizzati in operazioni di diradamento o di taglio delle specie alloctone come il platano e la robinia, la ripulitura del sottobosco ed il trapianto di piante prodotte nei vivai forestali dell Amministrazione, principalmente ontano nero nonchè frassino ossifillo, farnia e specie legnose arbustive e a media taglia scelte sulla base delle caratteristiche dell habitat boschivo di intervento. Gli individui arborei trapiantati sono stati circa 3.500, dei quali circa il 60% è costituito da Alnus glutinosa, 20% Fraxinus angustifolia, 10% Quercus robur, 10% di altre specie tra cui Ulmus minor, Salix alba, Acer campestre. Sono stati inoltre trapiantati circa 800 individui arbustivi tra Viburnum opulus, Viburnum lantana, Cornus sanguinea, Crataegus monogyna, Rhamnus cathartica, Prunus spinosa, Frangula alnus. Le operazioni di trapianto sono state eseguite principalmente come rinfoltimento su aree rimboschite dagli ex proprietari con specie alloctone a scopo di produzione di legna da ardere, per sostituzione delle piante tagliate o nelle chiarie. Final report

13 C3 Ripristino di habitat naturali in aree agricole (restoration of natural habitats on cultivated lands) Inizio previsto Fine prevista Inizio effettivo Fine effettiva I/2008 IV/2012 Marzo 2008 Luglio 2012 Le azioni di ripristino rappresentano la fase terminale di un lungo processo costituito necessariamente da numerose azioni preliminari quali l acquisto delle superfici agricole da ripristinare, la redazione dei progetti, la richiesta di autorizzazioni, l esecuzione delle gare per la scelta delle ditte incaricate. Per questo motivo il processo che porta ai ripristini veri e propri è lungo e quindi la maggior parte delle azioni C3 si sono concentrate nella fase terminale del progetto LIFE. Le azioni di ripristino degli habitat a partire da terreni agricoli costituiscono una prima risposta alle principali vulnerabilità degli habitat naturali di interesse comunitario oggetto del progetto LIFE: l estrema riduzione delle superfici, l eccessiva frammentazione degli habitat rimasti, l abbassamento della falda freatica. Scopo principale degli interventi è quello di aumentare nel breve-medio periodo le superfici occupate dagli habitat di interesse comunitario e di creare da subito microstazioni per il miglioramento della biodiversità, realizzando siti idonei alla reintroduzione di individui delle specie target, prodotti nell apposito vivaio regionale. L obiettivo finale è quello della ricostruzione di una efficiente rete di scambio genetico fra le popolazioni di pregio naturalistico, ed in particolare di quelle di interesse comunitario a rischio di estinzione. Ciò è stato realizzato, ove possibile, attraverso l esecuzione di corridoi ecologici (intesi dal punto di vista dello scambio genico) tra le aree occupate dalle popolazioni delle specie botaniche di maggior interesse. In tal senso, le aree individuate prioritariamente erano quelle destinate a ricongiungere habitat di pregio separati da terreni antropizzati e, secondariamente, quelle che consentivano comunque l allargamento di habitat estremamente ridotti e circondati da terreni agricoli. L adiacenza delle aree da ripristinare con l habitat naturale favorisce nel contempo la ricolonizzazione da parte delle specie autoctone. Le varie operazioni effettuate nel corso dei ripristini si sono affinate durante gli interventi che via via si realizzavano, a partire da quello eseguito in Comune di Bertiolo (Virco), in particolare grazie alle esperienze maturate nei primi lavori ed alla progressiva disponibilità del materiale riproduttivo prodotto nello specifico vivaio di Volpares, sia per specie da semina sia per quelle da trapianto. Il ripristino è avvenuto, in sintesi, tramite i seguenti interventi, meglio descritti nel paragrafo successive specifiche tecniche : asportazione suolo superficiale, operazioni agronomiche secondo necessità, diserbi meccanici e chimici, apporto di sostanza organica, semina specie autoctone e trapianto di individui con funzione di portasemi. Nel corso del progetto LIFE, rilevanti modifiche intervenute alla normativa vigente sulle terre da scavo hanno comportato la necessità di richiedere due successive proroghe per la conclusione del progetto stesso, rallentando appunto l esecuzione dei lavori di scavo e rimodellamento delle zone da ripristinare. Nel corso dei mesi, tale problemi, relativi al reperimento delle aree di destinazione delle terre in eccesso, sono stati risolti, permettendo di procedere con le successive fasi di ripristino a verde (lavorazioni, semine e trapianti). Per proseguire con le attività di ripristino vegetazionale, nel corso degli ultimi interventi si è operato dapprima, all interno delle singole aree, sulle superfici già Final report

14 rimodellate definitivamente dagli scavi e solo successivamente sulle superfici interessate dai cumuli di materiale terroso da asportare. Per questo motivo vi è una progressività delle azioni nei diversi progetti previsti: tale modalità di azione ha assicurato il completamento dei ripristini nei diversi cantieri aperti. Rispetto alle previsioni iniziali, alcune superfici, che dovevano essere originariamente interessate solo da misure di tipo ricorrente (Azioni D1 e D2), sono state invece assoggettate a ulteriori rimodellamenti tramite scavi e ripristini. Infatti i risultati raggiunti con precedenti interventi di ripristino erano stati valutati non sufficientemente rispondenti agli obiettivi del progetto LIFE e quindi si è deciso di intervenire nuovamente con il presente progetto. Sulla base dei ripristini effettivamente svolti, sono quindi passati da Azioni D all Azione C3 le seguenti superfici (Si vedano allegati cartografici n. 04a, 04b, 04c, 04d): Talmassons: 2,7 ha Castions: 2,2 ha Gonars: 0,5 ha Totale 5,5 ha Si specifica che, anche al netto di queste ulteriori superfici, l azione C3 aveva riguardato già superfici congrue con le previsioni progettuali. Habitat e superficie previsti (ha) Comune Superficie prevista ha Superficie ripristinata 31/07/2012 Torbiere Castions di Strada 2,2 1,7 Gonars 6,4 4,1 Bertiolo 3,5 3,7 Talmassons 5,6 5,0 totale 17,7 14,5 Molinieti Castions di Strada 0,7 3,5 Gonars 5,7 7,5 Bertiolo 1,9 1,6 Talmassons 1,9 7,4 totale 10,2 20,0 I volumi di rimodellamenti (asporto) effettuati nei diversi progetti di ripristino corrispondono, suddivisi per ambito comunale, a: Virco: mc Talmassons: mc Castions di Strada circa mc Gonars: circa Il totale corrisponde a circa mc Ulteriore materiale movimentato in cantiere corrisponde a circa mc Sono stati effettuati interventi su tutte le aree di progetto. Su tutte le località i lavori di ripristino continueranno con le operazioni after life al fine consolidare i risultati ottenuti. Specifiche tecniche Le azioni effettuate durante i ripristini ambientali hanno lo scopo di realizzare habitat temporanei, cioè biotopi con condizioni ecologiche favorevoli ad una ricolonizzazione spontanea da parte delle specie autoctone tipiche, ovvero adatte ad una ricolonizzazione intensiva tramite l apporto di semi e/o piantine per abbreviare i tempi naturali. Final report

15 Gli interventi da realizzare naturalmente sono in funzione delle caratteristiche ecologiche delle specie principali degli habitat da riprodurre. Sono stati pertanto presi in considerazione i fattori ecologici limitanti, quelli cioè in grado di diminuire la competitività delle specie ruderali, allo scopo di ridurre la loro interferenza nei processi di ricolonizzazione vegetale. In tal senso, tenendo presente che il ripristino funzionale di un habitat necessiterà comunque di successive transizioni in ecosistemi di complessità maggiore,si è cercato di ottenere all inizio ambienti semplificati, ma caratterizzati da alcuni parametri favorevoli alle specie autoctone e invece limitanti per la vegetazione indesiderata. Poiché gli habitat da ripristinare (torbiere a Cladium, torbiere basse e prati umidi di Molinia) sono caratterizzati da scarsa fertilità stazionale e da un livello di falda freatica elevato o addirittura affiorante, nella progettazione dei rimodellamenti morfologici si sono tenuti in considerazione questi fattori, soprattutto per l effetto limitante che possono esercitare nei confronti di molte specie ruderali. Il primo e principale problema da affrontare nel ripristino ad habitat naturale dei terreni agricoli è dato dal fatto che i suoli, dopo decenni di bonifiche idrauliche, coltivazioni agricole e concimazioni spesso esagerate, non presentano più le condizioni idriche e trofiche necessarie alle specie degli habitat naturali desiderati. Questo impedisce una semplice reintroduzione delle specie che costituiscono gli habitat originali, che non avrebbero alcuna possibilità di insediarsi. Gli interventi prevedono allora dapprima la rimozione di uno strato superficiale di terreno agricolo. Con questo intervento si riduce (almeno in parte) l eccedenza di elementi nutritivi dei terreni coltivati, si riduce la banca semi di specie infestanti e si riportano in superficie strati meno fertili che garantiscono quindi una migliore colonizzazione da parte delle specie autoctone rispetto a quelle nitrofile ruderali. Con la stessa operazione si migliora la disponibilità idrica per i nuovi habitat, riavvicinando la falda freatica al piano di campagna o portandola in superficie. Con i lavori di rimodellamento, si sono realizzati piani di scavo a diversa profondità, si sono realizzate aree concave e superfici convesse, con pendenze diversificate, allo scopo di creare un complesso vario di situazioni morfologiche adatte ad ospitare una notevole diversità vegetale, sempre nell ambito dei diversi habitat di progetto. I progetti di ripristino sono stati definiti nel dettaglio di volta in volta dopo una puntuale analisi delle caratteristiche stazionali, comprensiva di numerosi sondaggi pedologici per ogni area interessata. Infatti nell area delle risorgive friulane vi è una forte eterogeneità della composizione dei suoli a causa della complessa storia dei periodi glaciali e post glaciali e quindi sono presenti sia ghiaie sia lenti argillose che possono essere determinanti per il risultato cercato. Particolarmente importante è la preparazione del sito tramite decorticamento superficiale del suolo; la coltivazione agricola ha infatti favorito il rimaneggiamento ed arricchimento in fertilità degli strati superficiali nonché la presenza di una ricca banca semi di specie ruderali. Riportando in superficie i sedimenti sottostanti allo strato arativo, che sono generalmente più grossolani e oligotrofici, si è favorito lo sviluppo di specie come Cladium mariscus e Schoenus nigricans, che costituiscono gli elementi costituenti degli habitat obiettivo. Un aspetto fondamentale delle azioni di ripristino è costituito dal contenimento entro livelli accettabili delle specie infestanti, che possono compromettere completamente l esito di un ripristino o, quantomeno, condizionarlo negativamente per un grande numero di anni, rendendo necessarie onerose operazioni gestionali. Le specie che in questo rapporto sono definite in modo semplificato infestanti appartengono soprattutto al gruppo delle commensali della coltivazione dal mais e sono in gran parte adattate al ciclo fenologico di questa coltura, nonchè al vasto gruppo delle specie ruderali/nitrofile che tendono ad occupare gli spazi creatisi in vari ambienti, sia naturali che antropizzati. Tra le numerosissime Final report

16 specie riscontrate durante la ricolonizzazione degli ambienti in corso di restauro, si segnalano quelle che hanno dimostrato una maggiore capacità di interferire con la ricolonizzazione naturale: Echinochloa crus-galli, Panicum capillare, Sorghum halepense, Cirsium arvense, Abutilon teophrasti, Setaria pumila, Rumex obtusifolius, R. crispus, Conyza canadensis, Convolvulus arvensis, Fallopia convolvolus, Bidens frondosa, Erigeron annuus. Soprattutto con riferimento a quest ultimo aspetto, si elencano sinteticamente nei paragrafi seguenti le tecniche di ripristino utilizzate rispettivamente per due diverse tipologie di suoli: 1) i terreni meno umidi (ripristino prati mesofili e prati umidi) in cui, dopo gli scavi di rimodellamento, almeno una parte del terreno arativo rimane in superficie con il suo carico di semi e organi di sopravvivenza di specie infestanti; 2) i suoli (ripristino torbiere alcaline) in cui l intero strato arativo viene asportato e si ritrovano in superficie i depositi fluvioglaciali ( in genere più o meno grossolani) più profondi. Gli schemi illustrati sono in realtà poi adattati nell esecuzione dei singoli progetti, in funzione di molte variabili (come l andamento meteo stagionale, la granulometria dei suoli, l epoca degli interventi, l altezza della falda freatica, la disponibilità di semente e piantine, ecc.), e le tecniche utilizzate possono essere di volta in volta diverse. Ripristino di prati umidi su terreno (almeno in parte) arativo: lo scotico superficiale ha interessato solo un parte dello strato arativo; la fertilità rimane discreta o buona, ma nel suolo permane una forte carica (semi, rizomi, ecc.) di organi di sopravvivenza di specie infestanti. L asporto di una parte del suolo superficiale ha elevato il livello della falda freatica rispetto al nuovo piano di campagna. Diventa pertanto più difficile l esecuzione delle operazioni agronomiche, che spesso devono essere sospese per periodi più o meno lunghi o realizzate in periodi non ideali. Ne consegue spesso la necessità di operare ulteriori diserbi totali o localizzati. Le operazioni di ripristino sono state eseguite in linea di massima con la seguente successione. Eventuale diserbo totale con diserbante sistemico rapidamente biodegradabile; Ripuntatura (rippatura) relativamente profonda, seguita da aratura superficiale, in linea di massima sufficiente a mescolare quanto rimane dello strato arativo con il materiale più oligotrofico sottostante. Estirpatura, necessaria soprattutto per combattere i rizomi di Sorghum halepense e Cirsium arvense. Distribuzione di sostanza organica, sotto forma di materiale vegetale derivante da sfalci e decespugliamenti delle torbiere. Il materiale, già sottoposto ad un prima triturazione al momento della raccolta e successivamente imballato, viene trasportato in loco, ulteriormente triturato e distribuito tramite trattore dotato di attrezzatura trita-lanciapaglia. Interramento della sostanza organica tramite lavorazione leggera con frangizollatrice, fresa o erpice. Semina di 100 kg/ha di semente grezza (corrispondente a kg di seme effettivo) derivante dalla trebbiatura dei prati stabili di proprietà regionale caratterizzati dalla presenza di diverse specie igrofile. Il miscuglio è integrato, secondo disponibilità, da seme prodotto nel vivaio regionale Volpares (vedi Azione C6 ) ed eventualmente da seme proveniente da raccolte dirette in natura. Data l eterogeneità del materiale, risulta impossibile l utilizzo di seminatrici meccaniche e si impiega per la semina uno spandiconcime centrifugo portato su trattore. Semina di un miscuglio composto da semente commerciale di cultivar di graminacee di bassa taglia e produttività con funzione di nurse-crop (il miscuglio, dopo varie esperienze, è stato definito con la seguente composizione, registrata presse l ENSE (Ente Nazionale Sementi Elette, ora confluito nell INRAN): Lolium perenne Belinda o Nui 20%, Festuca rubra Reverent o Echo 25%, Festuca ovina Ridu o Pintor 20%, Festuca arundinacea Finelown o Starlet 20%, Poa pratensis Geronimo o Sobra 5%, Agrostis tenuis Highland o Bent 10%. La semina è eseguita con seminatrice meccanica, in quantità variabili da 120 a 150 kg/ha, generalmente con doppio passaggio incrociato, che contribuisce anche all interramento dei semi delle specie autoctone. Final report

17 Dopo le semine, si esegue una rullatura con rullo scanalato pesante L epoca di semina di gran lunga preferibile è rappresentata dal mese di ottobre, al fine di evitare possibili periodi siccitosi e per permettere l affermazione del cotico prima dell emergenza della maggior parte delle infestanti che possiedono in genere ciclo tardivo, parallelo a quello del mais. Un ulteriore modalità di semina per le specie degli habitat naturali, sperimentata nel corso degli ultimi progetti, è rappresentata dell uso di un attrezzatura raccogli-trincia erba che, utilizzata con trattori leggeri opportunamente dotati di gomme speciali, ha consentito la raccolta a maturazione anche di seme (in particolare varie specie del genere Carex) prodotto da prati umidi. Questi ultimi infatti non consentono generalmente l utilizzo della mietitrebbiatrice. In tal caso il materiale erboso trinciato, ricco di semi, viene sparso sulla superficie alla fine dei lavori e distribuito con ranghinatore, contribuendo anche ad una pacciamatura dei suoli. Dopo la conclusione delle operazioni agronomiche e delle semine, si provvede al trapianto delle piantine allevate in contenitore al vivaio Volpares (vedi azione C6). Ripristino di torbiere alcaline, torbiera calcaree a Cladium e prati umidi a Schoenus su suoli sterili con falda freatica affiorante: in questo caso lo scotico ha interessato completamente o quasi completamente il precedente strato arativo. Viene ad essere portato in superficie dagli scavi un orizzonte caratterizzato da eccessivo compattamento, asfittico, poverissimo di elementi nutritivi, di sostanza organica e di microrganismi. Le operazioni devono quindi favorire almeno un primo insediamento delle specie pioniere tra quelle della torbiera alcalina, cercando di arieggiare il terreno, apportare buone quantità di sostanza organica ed inoculare microrganismi che contribuiscono all evoluzione del terreno. La presenza di substrati fortemente oligotrofici come i depositi fluvioglaciali ghiaioso-sabbiosi e l affioramento della falda calcarea prolungato per diversi mesi all anno costituiscono però efficaci fattori limitanti nei confronti di una buona parte delle specie infestanti. Le operazioni di ripristino sono state eseguite in linea di massima con la seguente successione. Eventuale diserbo totale con diserbante sistemico rapidamente biodegradabile; Eventuale lavorazione superficiale (ripuntatura e/o aratura) in presenza di terreni compatti. Distribuzione del materiale trinciato proveniente da sfalci e decespugliamenti delle torbiere, eseguiti con le Azioni C1 e D1. Il materiale, raccolto con le modalità illustrate nell azione C1, viene sottoposto ad un prima triturazione con l utilizzo di rotoimballatore a coltelli, quindi, dopo un periodo più o meno lungo, viene ulteriormente sminuzzato e distribuito sulla superficie tramite attrezzatura trita-lanciapaglia. L impiego massiccio dello strame è giustificato anche dalla capacità del materiale organico in decomposizione nel limitare lo sviluppo delle infestanti ruderali da seme. Interramento del materiale organico tramite erpice rotante o frangizollatrice. Distribuzione sul suolo di fiorume di specie autoctone, raccolto con mietitrebbiatrice ed essiccato, integrato con semente di specie caratteristiche degli habitat di progetto, prodotta nel vivaio Volpares, nonché da seme delle principali specie degli habitat (Cladium mariscus, Schoenus nigricans, Juncus subnodulosus, Molinia caerulea) raccolto direttamente in natura. Eventuale (in funzione della possibilità date dall altezza della falda freatica) semina con seminatrice meccanica del già citato miscuglio di cultivar di graminacee di bassa taglia e produttività con funzione di nurse-crop. Eventuale (in alternativa alla possibilità di utilizzare la seminatrice) fresatura al fine di incorporare la semente di specie autoctone nei primissimi centimetri del suolo. Distribuzione (nelle stagioni opportune) del materiale erboso trinciato ricco di semi, proveniente dallo sfalcio e trinciatura di prati umidi e trasportato in giornata sul luogo di utilizzazione Ranghinatura di tale materiale trinciato, al fine di interrare almeno parzialmente il seme contenuto. Rullatura con rullo scanalato pesante. Final report

18 Esecuzione dei trapianti delle specie caratteristiche degli habitat, allevate in contenitore al vivaio Volpares (vedi azione C6). C4 Riempimento delle scoline e miglioramento dei corsi d acqua (filling in ditches and improvement of water courses) Inizio previsto Fine prevista Inizio effettivo Fine effettiva I/2012 IV/2012 Marzo 2008 Luglio 2012 Per quanto riguarda il riempimento delle scoline, questa azione ha avuto inizio nei primi mesi del 2008, poiché essa è parzialmente compresa nei progetti di ripristino, pertanto progressivamente al completamento dei progetti si sono completati anche gli interventi di riempimento delle scoline. La chiusura delle scoline finale corrisponde a 751 m a Bertiolo, 1606 m a Talmassons, 4590 m a Castions di Strada e 2080 a Gonars. In totale sono stati quindi eliminati 9033 metri lineari di scoline rispetto agli 8000 previsti dal progetto. (Allegati cartografici suddivisi per ambiti comunali 05a, 05b, 05c, 05d) Per quanto riguarda gli interventi di miglioramento dei corsi d acqua, ed in particolare l azione di risistemazione della roggia di Virco, le procedure autorizzative e la fase progettuale non hanno permesso di raggiungere i risultati richiesti come di seguito specificato. Per quanto riguarda la roggia di Gonars non è stata oggetto degli interventi previsti perché, ormai priva di portata infatti risultata interamente colonizzata dalla vegetazione erbacea ed arbustiva come dimostrato con i dati di monitoraggio (si veda relazioni di monitoraggio scheda rilievo gofit 13 ). Per quella di Virco invece la realizzazione dei lavori previsti, consistenti nella stabilizzazione del fondo della roggia mediante la realizzazione di tre soglie, erano condizionati all ottenimento delle autorizzazioni paesaggistica ed idraulica. Le valutazioni e le misure necessarie per valutare la compatibilità idraulica delle azioni di progetto hanno richiesto una indagine eseguita con l ausilio dell unità idrografica regionale del servizio idraulica della direzione centrale ambiente e lavori pubblici. I dati rilevati dal 2008 al 2010 non sono stati ritenuti sufficienti stanti i recenti abbassamenti della falda superficiale per le ripetute siccità succedutesi e la necessità di non intaccare con le opere da realizzare il deflusso minimo vitale del corso d acqua ed è quindi stato necessario fare misure anche nel Infatti, le misure di portata su cinque sezioni idrauliche, di cui una a valle dell area di intervento e due a monte,riportate nella tabella mostrano chiaramente come la portata della roggia di Virco sia funzione delle polle presenti all interno del biotopo, mentre il contributo delle risorgive poste a monte della SP 65 appare piuttosto limitato. Prime misure di portata nelle 5 sezioni portata l/s sezioni 12/05/ /06/ /08/ /08/ /09/2010 Roggia Virco, ponte SP Roggia Virco, depuratore Roggia Virco, palude biotopo Roggia Virco, carro ponte Roggia Virco, monte scarico molino Pistola Final report

19 Questa necessaria valutazione ulteriore ed imprevista ha consentito di ottenere tutte le autorizzazioni solo in data 29 maggio I tempi minimi delle procedure per l affidamento dei lavori (avviso di manifestazione di interesse, gara informale, il documenti necessari per l affidamento, le procedure per la sicurezza ecc.), non si potevano comprimere al 31 luglio 2012 e pertanto si è deciso di eseguire l intervento successivamente alla chiusura del progetto LIFE con fondi regionali (vedi Pinao di gestione After- Life Allegato 06). Come da progetto sono stati acquistati 8 piezometri, dei quali sono stati installati solo 4 in aprile 2012 (gli strumenti sono attualmente in fase di calibrazione e i dati finora acquisiti in fase di verifica): n. 1 a Bertiolo lato ovest, n. 1 a Bertiolo lato est in prossimità del ripristino di Virco, n. 1 a Talmassons lato est in prossimità del ripristino Roggia dei Prati, n. 1 a Castions di Strada lato nord in prossimità del ripristino in località Selvote. Gli altri 4 posti in opera ma ancora in fase di taratura, sono installati in prossimità dei ripristini eseguiti: n. 3 presso Gonars in ragione della peculiarità riscontrata con l esecuzione dei rimodellamenti morfologici e n. 1 presso Castions di Strada lato ovest. Con il piano after life allegato (06) l Amministrazione regionale si impegna a proseguire la raccolta dei dati acquisibili con i piezometri nei prossimi anni con la gestione dell area di progetto. C5 Creazione di microhabitat (creation of microhabitats) Inizio previsto Fine prevista Inizio effettivo Fine effettiva IV/2007 II/2012 Aprile 2011 Luglio 2012 Nel corso del 2011 e del 2012 sono stati realizzati tutti i microhabitat previsti, così come indicato nel progetto. Tecnicamente gli interventi sono stati differenziati in due modalità di intervento: a) Interventi con lo scavatore per una parziale decorticazione dello strato superficiale delle torbiere b) Interventi in cui l asporto della biomassa è stato realizzato solo manualmente Sono stati realizzati 54 microhabitat. (Allegati cartografici suddivisi per ambiti comunali 05a, 05b, 05c, 05d). Gli individui delle due specie target Armeria helodes ed Erucastrum palustre sono stati messi a dimora subito nei microhabitat manuali, mentre per quelli effettuati con l escavatore si è preferito aspettare la compattazione naturale del substrato torboso e quindi sono stati eseguiti dalla primavera 2012 alla conclusione del progetto. Per ogni microhabitat sono state messi a dimora tra 20 e 100 esemplari di Erucastrum palustre e/o tra i 10 e 50 di Armeria helodes. Nella tabella seguente vengono riportati i dati relativi ai microhabitat realizzati con numero di esemplari trapiantato. Final report

20 Tipologia Erucastrum Armeria Epoca trapianti n. microhabitat LOCALITA' MCH palustre helodes Erucastrum ed Armeria 1 virco escavatore primavera virco escavatore 20 primavera virco escavatore 20 primavera virco escavatore 20 primavera virco escavatore 20 primavera virco escavatore 20 primavera virco escavatore 40 primavera virco escavatore 40 primavera virco escavatore primavera virco escavatore primavera virco escavatore primavera flambro escavatore 50 primavera flambro escavatore 60 primavera flambro escavatore 50 primavera virco manuali tarda primavera virco manuali tarda primavera virco manuali tarda primavera virco manuali tarda primavera virco manuali tarda primavera virco manuali tarda primavera virco manuali tarda primavera virco manuali tarda primavera virco manuali tarda primavera virco manuali tarda primavera flambro manuali tarda primavera flambro manuali tarda primavera flambro manuali tarda primavera flambro manuali tarda primavera flambro manuali tarda primavera gonars manuali 80 primavera gonars manuali 80 primavera gonars manuali 80 primavera gonars manuali 80 primavera gonars manuali 80 primavera gonars manuali 80 primavera gonars manuali 80 primavera gonars manuali 80 primavera gonars manuali 80 primavera gonars manuali 80 primavera gonars manuali 80 primavera gonars manuali 80 primavera gonars manuali 80 primavera castions manuali primavera castions manuali primavera gonars escavatore 120 estate gonars escavatore 120 estate gonars escavatore 120 estate castions manuali 40 estate castions manuali 40 estate castions manuali 40 estate 2012 Final report

INDICE. L area dei pioppeti dell Azienda Agricola Cascina Bosco e il Parco Naturale del Ticino... La flora e la fauna presenti...

INDICE. L area dei pioppeti dell Azienda Agricola Cascina Bosco e il Parco Naturale del Ticino... La flora e la fauna presenti... INDICE L area dei pioppeti dell Azienda Agricola Cascina Bosco e il Parco Naturale del Ticino... La flora e la fauna presenti... Impatti ambientali delle attività forestali del 2015... Quantità di legno

Dettagli

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali Obiettivo 1 EROSIONE DEL SUOLO Obiettivo 2 SOSTANZA ORGANICA DEL SUOLO Obiettivo 3 STRUTTURA DEL SUOLO Obiettivo 4 LIVELLO MINIMO DI MANTENIMENTO Regione Campania - Assessorato Agricoltura e alle Attività

Dettagli

PIANO DI PASCOLAMENTO

PIANO DI PASCOLAMENTO Progetto LIFE+ Colli Berici Natura 2000 LIFE08 NAT /IT/000362 Azioni di conservazione, miglioramento degli habitat e delle specie e salvaguardia della naturalità del SIC Colli Berici Azione C.2 Acquisto

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

PIANO DI GESTIONE SIC IT5210029 BOSCHI E BRUGHIERE DI CIMA FARNETO POGGIO FIORELLO (MUGNANO) MISURE DI CONSERVAZIONE

PIANO DI GESTIONE SIC IT5210029 BOSCHI E BRUGHIERE DI CIMA FARNETO POGGIO FIORELLO (MUGNANO) MISURE DI CONSERVAZIONE PIANO DI GESTIONE SIC IT5210029 BOSCHI E BRUGHIERE DI CIMA FARNETO POGGIO FIORELLO (MUGNANO) MISURE DI CONSERVAZIONE DIVIETI Cambiamenti dell uso del suolo. All interno degli habitat è vietato qualsiasi

Dettagli

Identità locali e valori paesaggistici: tutela e valorizzazione del sito «La Torrate» Enrico Siardi

Identità locali e valori paesaggistici: tutela e valorizzazione del sito «La Torrate» Enrico Siardi Identità locali e valori paesaggistici: tutela e valorizzazione del sito «La Torrate» Enrico Siardi inquadramento territoriale Aggiornamento dei contenuti del decreto di vincolo DM 20 settembre 1974 Dichiarazione

Dettagli

NORME TECNICHE. Definizioni e ambiti di applicazione

NORME TECNICHE. Definizioni e ambiti di applicazione NORME TECNICHE Definizioni e ambiti di applicazione v I progetti ammessi a finanziamento devono ricadere nell ambito delle zone tartufigene individuate dalle carte regionali della potenzialità alla produzione

Dettagli

SCHEDA NORMATIVA n. 1 PAESE CAVA CASTAGNOLE

SCHEDA NORMATIVA n. 1 PAESE CAVA CASTAGNOLE SCHEDA NORMATIVA n. 1 PAESE CAVA CASTAGNOLE Descrizione dell ambito L area denominata Cava Castagnole è un ambito estrattivo formato da due cave, posto lungo via Toti tra gli abitati di Castagnole e Porcellengo;

Dettagli

COMUNE DI CALCIO. PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE AT12 a destinazione logistico-produttiva

COMUNE DI CALCIO. PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE AT12 a destinazione logistico-produttiva 1 COMUNE DI CALCIO allegato H PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE AT12 a destinazione logistico-produttiva Via Covo (SP 102) nuova SP 98 Calciana conforme al PGT (Artt. 12 e 14, legge regionale 11

Dettagli

Comune di BRUGNERA PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE V A R I AN T E 50. (Revisione dei vincoli e altro) VERIFICA DELLA SIGNIFICATIVITÀ DI INCIDENZA

Comune di BRUGNERA PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE V A R I AN T E 50. (Revisione dei vincoli e altro) VERIFICA DELLA SIGNIFICATIVITÀ DI INCIDENZA Comune di BRUGNERA PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE Pianif. Terr. G. VELCICH V A R I AN T E 50 (Revisione dei vincoli e altro) VERIFICA DELLA SIGNIFICATIVITÀ DI INCIDENZA SU SIC / ZPS 1 1. SIC/ZPS della

Dettagli

Procedura di Valutazione Interna

Procedura di Valutazione Interna LIFE Project Number Inception Report - ANNEX Covering the project activities from 01/01/2012 to 31/08/2012 Reporting Date LIFE+ PROJECT NAME or Acronym

Dettagli

CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA)

CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA) SEMINA su SODO CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA) Il presente caso studio è stato sviluppato da AIPAS nell ambito di un progetto europeo di educazione ambientale

Dettagli

BANDI 2011 26. ambientale a livello locale. Bando con scadenza 22 aprile 2011

BANDI 2011 26. ambientale a livello locale. Bando con scadenza 22 aprile 2011 Bando con scadenza 22 aprile 2011 BANDI 2011 26 Piano di azione Promuovere la sostenibilità ambientale a livello locale Tutelare e valorizzare la biodiversità Il problema Lo sviluppo umano è oggi causa

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI GESTIONE. Seduta del 11/10/2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI GESTIONE. Seduta del 11/10/2014 Deliberazione n. 71 del 11/10/2014 COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI GESTIONE Seduta del 11/10/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE DELLO STUDIO PRELIMINARE DEGLI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE

Dettagli

Note per la compilazione del modulo per la richiesta di autorizzazione all'intervento di reintroduzione di specie vegetali

Note per la compilazione del modulo per la richiesta di autorizzazione all'intervento di reintroduzione di specie vegetali Note per la compilazione del modulo per la richiesta di autorizzazione all'intervento di reintroduzione di specie vegetali Come evidenziato in testa al documento, il modulo raccoglie e schematizza le informazioni

Dettagli

LEGGE REGIONALE 11 dicembre 2013, n. 39

LEGGE REGIONALE 11 dicembre 2013, n. 39 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 166 del 17-12-2013 41605 LEGGE REGIONALE 11 dicembre 2013, n. 39 Tutela delle risorse genetiche autoctone di interesse agrario, forestale e zootecnico. IL

Dettagli

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI AMB/SDL/2005/000 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione della Riserva Naturale Orientata Regionale Palude del Conte e duna costiera 1 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione della Riserva Naturale Orientata

Dettagli

MANAGEMENT PLAN. SITO DI PROGETTO: SIC IT1343502 Parco della Magra Vara - Provincia della Spezia

MANAGEMENT PLAN. SITO DI PROGETTO: SIC IT1343502 Parco della Magra Vara - Provincia della Spezia MANAGEMENT PLAN TITOLO PROGETTO: Petromyzon And River Continuity ACRONIMO: P.A.R.C. SITO DI PROGETTO: SIC IT1343502 Parco della Magra Vara - Provincia della Spezia BENEFICIARIO COORDINATORE: Ente Parco

Dettagli

ALLEGATO I Flussi documentali

ALLEGATO I Flussi documentali ALLEGATI 1 ALLEGATO I Flussi documentali INTERVENTI SOGGETTI A PERMESSO A COSTRUIRE e DICHIARAZIONE DI VINCOLO IDROGEOLOGICO La Richiesta di Permesso a costruire all Edilizia Privata munita di ricevuta

Dettagli

GRAMINACEE FORAGGERE

GRAMINACEE FORAGGERE GRAMINACEE FORAGGERE CARATTERISTICHE BOTANICHE Radici: fascicolate, non molto profonde, che si rinnovano annualmente. Culmi: costituiti da nodi e internodi; intenso accestimento; in alcune specie fungono

Dettagli

Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42

Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42 Scheda operativa n.5 LE COLTIVAZIONE DELLE PIANTE OFFICINALI Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42 Premessa Le piante officinali rappresentano

Dettagli

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ CILIEGIO Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti Norme Tecniche di Coltura. SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

Dettagli

Il controllo funzionale delle macchine irroratrici, nell ambito del Piano di Azione Nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari

Il controllo funzionale delle macchine irroratrici, nell ambito del Piano di Azione Nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari 24 Il controllo funzionale delle macchine irroratrici, nell ambito del Piano di Azione Nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Nicola Zucchiatti Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali

Dettagli

Tutela delle risorse genetiche autoctone di interesse agrario e forestale

Tutela delle risorse genetiche autoctone di interesse agrario e forestale LEGGE REGIONALE 22/04/2002, N. 11 Tutela delle risorse genetiche autoctone di interesse agrario e forestale Art. 1 (Finalita ) 1. La Regione autonoma Friuli Venezia Giulia favorisce e promuove, nell ambito

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI GESTIONE. Seduta del 26/05/2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI GESTIONE. Seduta del 26/05/2014 Deliberazione n. 35 del 26/05/2014 COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI GESTIONE Seduta del 26/05/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE STUDIO DI FATTIBILITÀ DEL PROGETTO: "INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

La semina. Numero di piante per unità di superficie. Resa

La semina. Numero di piante per unità di superficie. Resa La semina La semina è quell operazione con la quale il seme (medica, pomodoro ecc.) o il frutto (cereali, girasole ecc.) vengono immessi nel terreno allo scopo di ottenere la nascita delle piante che avvieranno

Dettagli

Presentazione dei Progetti LIFE Natura e Inf-Natura

Presentazione dei Progetti LIFE Natura e Inf-Natura Kick-off meeting LIFE+ 2010 Roma, 14 Novembre 2011 Presentazione dei Progetti LIFE Natura e Inf-Natura Stefano Grignolio Astrale-Timesis Progetti LIFE NAT e INF 2010 11 progetti NAT 1 progetto INF-NAT

Dettagli

Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano

Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano Variante parziale al vigente PRG ai sensi dell art. 26 della L.R. 34/92 e s.m.i. relativa al comparto edificatorio

Dettagli

Ammendante Compostato Misto

Ammendante Compostato Misto Ammendante Compostato Misto Cos è il Compost? Il Compost deriva da rifiuti, come buona parte dei fertilizzanti, dal letame alla farina di carne, dal cuoio idrolizzato al solfato ammonico. Il Compost non

Dettagli

PROGETTO LIFE+ COLLI BERICI NATURA 2000

PROGETTO LIFE+ COLLI BERICI NATURA 2000 IL IL PROGETTO PROGETTO LIFE+ LIFE+ COLLI BERICI NATURA 2000 AZIONI AZIONI DI DI CONSERVAZIONE, CONSERVAZIONE, MIGLIORAMENTO MIGLIORAMENTO DEGLI DEGLI HABITAT HABITAT EE DELLE DELLE SPECIE SPECIE EE SALVAGUARDIA

Dettagli

L inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo della Val di Cembra

L inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo della Val di Cembra L inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo della Val di Cembra Segonzano 25 novembre 2014 Michele Caldonazzi ALBATROS S.r.l. 1. Recupero

Dettagli

ALLEGATO 2 METODOLOGIA VASA

ALLEGATO 2 METODOLOGIA VASA ALLEGATO 2 METODOLOGIA VASA La metodologia VASA (Valutazione Storico Ambientale) è stata messa a punto per sopperire alla carenza di criteri di valutazione dell influenza antropica e delle dinamiche temporali,

Dettagli

Art. 1 (Oggetto e ambito di applicazione)

Art. 1 (Oggetto e ambito di applicazione) REGOLAMENTO REGIONALE RECANTE: DISCIPLINA DELL UTILIZZAZIONE AGRONOMICA DELLE ACQUE DI VEGETAZIONE E DELLE SANSE UMIDE DEI FRANTOI OLEARI (LEGGE REGIONALE 29 DICEMBRE 2000, N. 61) Art. 1 - Oggetto e ambito

Dettagli

RIPRISTINO E MANTENIMENTO DELLE PRATERIE MONTANE. L esperienza del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi

RIPRISTINO E MANTENIMENTO DELLE PRATERIE MONTANE. L esperienza del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi RIPRISTINO E MANTENIMENTO DELLE PRATERIE MONTANE L esperienza del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Monitoraggio della biodiversità animale in ambiente alpino Monitoraggio Biodiversità Obiettivi 1. Descrivere

Dettagli

AGRICOLTURA E AMBIENTE. BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura

AGRICOLTURA E AMBIENTE. BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura AGRICOLTURA E AMBIENTE BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura Soggetto ATTUATORE Soggetti PROMOTORI il PROGettO BOSCO rende disponibile un ampia e diversificata

Dettagli

PIANO ATTUATIVO Atr2 AMBITO DI TRASFORMAZIONE RESIDENZIALE

PIANO ATTUATIVO Atr2 AMBITO DI TRASFORMAZIONE RESIDENZIALE CITTA' DI SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII Provincia di Bergamo Committenti: Avv. Gabriele Terzi Gestimont srl Ghisleni Alberto e Belotti Emanuela Costruzioni Agazzi srl Rossi Luca Opera Diocesana San Narno

Dettagli

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA po p i l i F ri Alleg Zurla G ia Barbi er i nluca Luca 2^C a.s. 2013/2014 COS È LA BIODIVERSITÀ È LA VARIETÀ DI SPECIE ANIMALI E VEGETALI PRESENTI NELLA BIOSFERA PERCHÉ

Dettagli

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI AMB/SDL/2005/000 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione del Parco Naturale Regionale Porto Selvaggio e Palude del Capitano 1 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione del Parco Naturale Regionale Porto Selvaggio

Dettagli

STRUTTURA DEL PIANO DI MONITORAGGIO DEI LAVORI PREVISTI DAL PROGRAMMA DI INTERVENTI PRIORITARI DI RECUPERO E RIEQUILIBRIO DEL LITORALE - D.C.

STRUTTURA DEL PIANO DI MONITORAGGIO DEI LAVORI PREVISTI DAL PROGRAMMA DI INTERVENTI PRIORITARI DI RECUPERO E RIEQUILIBRIO DEL LITORALE - D.C. STRUTTURA DEL PIANO DI MONITORAGGIO DEI LAVORI PREVISTI DAL PROGRAMMA DI INTERVENTI PRIORITARI DI RECUPERO E RIEQUILIBRIO DEL LITORALE - D.C.R. 47/2003 - PROGETTO N 20 FOCE DEL FIUME OMBRONE PER CONTRASTARE

Dettagli

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE G. Cacciabue, V.Debrando 1 La mitigazione degli effetti prodotti sul territorio

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

Valutazione di Incidenza di Piani e Progetti su i Siti Natura 2000.

Valutazione di Incidenza di Piani e Progetti su i Siti Natura 2000. Valutazione di Incidenza di Piani e Progetti su i Siti Natura 2000. COSÉ LA VALUTAZIONE DI INCIDENZA La valutazione di incidenza è un provvedimento indispensabile per valutare gli effetti che le pianificazioni

Dettagli

"Valutazione partecipata degli impatti sanitari, ambientali e socioeconomici derivanti dal trattamento di rifiuti urbani"

Valutazione partecipata degli impatti sanitari, ambientali e socioeconomici derivanti dal trattamento di rifiuti urbani LIFE Project Number LIFE10 ENV/IT/331 Monthly Report Reporting Date April 2014 LIFE+ PROJECT NAME "Valutazione partecipata degli impatti sanitari, ambientali e socioeconomici derivanti dal trattamento

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi (su superfici agricole)

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi (su superfici agricole) 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi (su superfici agricole) Riferimenti normativi: Regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio, Titolo IV, Asse 2, Articoli 36 (a) (vi) e 41 (a) e (b) Codice

Dettagli

AZIONE C.1.1. Ricostruzione bosco ripario dei grandi fiumi

AZIONE C.1.1. Ricostruzione bosco ripario dei grandi fiumi Progetto LIFE NAT/IT/000093 «ECORICE» Le risaie del vercellese: programma integrato per la riqualificazione ambientale e la gestione sostenibile dell agroecosistema risicolo AZIONE C.1.1. Ricostruzione

Dettagli

IL PROFILO DEL SUOLO

IL PROFILO DEL SUOLO Cognome... Nome... IL PROFILO DEL SUOLO Se scaviamo una buca abbastanza profonda in un terreno, osserviamo che la parete tagliata presenta una successione di strati, di diverso colore e struttura, che

Dettagli

L Osservatorio Regionale per la Biodiversità

L Osservatorio Regionale per la Biodiversità Convegno: L Osservatorio Regionale per la Biodiversità PAVIA 7-8 febbraio 2013 Antonio Tagliaferri Ruolo delle Regioni nella Strategia Nazionale per la Biodiversità Programmazione e gestione delle attività

Dettagli

AZIONI DI PIANO LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO FORESTALE

AZIONI DI PIANO LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO FORESTALE TITOLO AZIONE PR3 - Valorizzazione di boschi ad elevato valore produttivo Descrizione generale PERIODICITA D INTERVENTO PRIORITA 2 B CATEGORIA Valorizzazione della funzione produttiva AMBITI TERRITORIALI

Dettagli

Individuazione, sperimentazione e divulgazione di modalità di gestione più sostenibile dei corsi d acqua in stretto rapporto con il mondo agricolo

Individuazione, sperimentazione e divulgazione di modalità di gestione più sostenibile dei corsi d acqua in stretto rapporto con il mondo agricolo 2 Convegno Italiano sulla Riqualificazione Fluviale Bolzano, 5 8 novembre 2012 Individuazione, sperimentazione e divulgazione di modalità di gestione più sostenibile dei corsi d acqua in stretto rapporto

Dettagli

Gli obiettivi del Piano energetico regionale. Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia

Gli obiettivi del Piano energetico regionale. Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia Gli obiettivi del Piano energetico regionale Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia 1 Il progetto del PER Il Servizio Energia è attualmente impegnato, attraverso un

Dettagli

PREPARAZIONE DEL SITO

PREPARAZIONE DEL SITO Pur essendo un lavoro che richiede molta cura, la realizzazione di un buon prato è alla portata anche di chi, per hobby, si dedica con passione al giardinaggio. Al giardiniere fai da te sono necessarie

Dettagli

Documento di lavoro. ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura. (Versione 1.0)

Documento di lavoro. ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura. (Versione 1.0) ART A Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura R Documento di lavoro T Sintesi Gestione dei terreni ritirati dalla produzione (Versione 1.0) Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura

Dettagli

X 1500 25/11/2011. Progetto VIS Vivaismo Sostenibile. Il settore florovivaistico pistoiese fonte Ce.Spe.Vi.

X 1500 25/11/2011. Progetto VIS Vivaismo Sostenibile. Il settore florovivaistico pistoiese fonte Ce.Spe.Vi. Progetto VIS Vivaismo Sostenibile Il settore florovivaistico pistoiese fonte Ce.Spe.Vi. Recupero degli scarti verdi dei vivai Task3 Marco Vieri, Daniele Sarri, Marco Rimediotti Università degli Studi di

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007 2013 MISURA 216 - SOSTEGNO AGLI INVESTIMENTI NON PRODUTTIVI

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007 2013 MISURA 216 - SOSTEGNO AGLI INVESTIMENTI NON PRODUTTIVI PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007 2013 MISURA 216 - SOSTEGNO AGLI INVESTIMENTI NON PRODUTTIVI RIFERIMENTO NORMATIVO Articoli 36 (a) (vi) e 41 del Regolamento (CE) n. 1698/2005 FINALITÀ E OBIETTIVI Nell

Dettagli

Parco Spina verde Corso Gev 2014. La flora alloctona Il caso Ambrosia Ambrosia artemisiifolia

Parco Spina verde Corso Gev 2014. La flora alloctona Il caso Ambrosia Ambrosia artemisiifolia Parco Spina verde Corso Gev 2014 La flora alloctona Il caso Ambrosia Ambrosia artemisiifolia 1 L ambrosia è una pianta erbacea stagionale appartenente alla famiglia delle composite o Asteraceae. Originaria

Dettagli

La Rete Natura 2000. nelle Marche. Alfredo Fermanelli http://natura.regione.marche.it

La Rete Natura 2000. nelle Marche. Alfredo Fermanelli http://natura.regione.marche.it La Rete Natura 2000 nelle Marche Alfredo Fermanelli http://natura.regione.marche.it Direttiva Habitat (art. 2) Salvaguardia biodiversità mediante la conservazione degli habitat naturali, flora e fauna

Dettagli

PRESEMINATO CARATTERISTICHE COMUNI

PRESEMINATO CARATTERISTICHE COMUNI PRESEMINATO è il biotessile preseminato, interamente biodegradabile, contenente sementi di prima qualità, fornito in rotoli, che consente la realizzazione di inerbimenti in varie situazioni a seguito della

Dettagli

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione Individuazione delle misure di conservazione per i siti protetti della Rete Natura 2000 Indicazioni sulla gestione degli habitat e delle specie

Dettagli

Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One - Oracle

Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One - Oracle FACOLTÀ DI INGEGNERIA RELAZIONE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA GESTIONALE Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One

Dettagli

L IMPIANTO SPERIMENTALE DI FITODEPURAZIONE REALIZZATO DAL MAGISTRATO ALLE ACQUE DI VENEZIA NELL ALVEO ABBANDONATO DEL CANALE NOVISSIMO

L IMPIANTO SPERIMENTALE DI FITODEPURAZIONE REALIZZATO DAL MAGISTRATO ALLE ACQUE DI VENEZIA NELL ALVEO ABBANDONATO DEL CANALE NOVISSIMO L IMPIANTO SPERIMENTALE DI FITODEPURAZIONE REALIZZATO DAL MAGISTRATO ALLE ACQUE DI VENEZIA NELL ALVEO ABBANDONATO DEL CANALE NOVISSIMO La realizzazione di interventi per la fitodepurazione delle acque

Dettagli

ALLEGATO B: LINEA GUIDA PER L IRRIGAZIONE DELLE PRODUZIONI INTEGRATE

ALLEGATO B: LINEA GUIDA PER L IRRIGAZIONE DELLE PRODUZIONI INTEGRATE ALLEGATO B: LINEA GUIDA PER L IRRIGAZIONE DELLE PRODUZIONI INTEGRATE ASPETTI GENERALI Si fa riferimento a quanto riportato nel documento Principi e criteri generali per le pratiche agronomiche della produzione

Dettagli

PARERE. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale. Articolo 15, comma 1, d.lgs.

PARERE. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale. Articolo 15, comma 1, d.lgs. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale Articolo 15, comma 1, d.lgs. 152/2006 Valutazione ambientale strategica del Piano regionale di miglioramento della

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO BOSCO GOLENA SAN MARTINO PIANO MANUTENZIONE QUINQUENNALE

PROGETTO ESECUTIVO BOSCO GOLENA SAN MARTINO PIANO MANUTENZIONE QUINQUENNALE PROGETTO ESECUTIVO BOSCO GOLENA SAN MARTINO IMBOSCHIMENTO TERRENI NON AGRICOLI PIANO MANUTENZIONE QUINQUENNALE COMMITTENTE: Comune di Viadana PROGETTISTA RINNOVA GREEN ENERGY SRL dott. for. Alberto Bergonzi

Dettagli

Azienda Forestale Ambientale

Azienda Forestale Ambientale SA Azienda Forestale Ambientale Storia La Compul SA è nata in origine allo scopo di trattare e gestire gli scarti vegetali provenienti da boschi, giardini, frutteti e vigneti. Dal 2011 è stata costituita

Dettagli

Sacca di Goro case study

Sacca di Goro case study Sacca di Goro case study Risposte alle domande presentate all incontro di Parigi (almeno è un tentativo ) Meeting Locale, Goro 15-16/10/2010, In English? 1.What is the origin of the algae bloom? Would

Dettagli

2. RILIEVO FLORISTICO-VEGETAZIONALE DELL AREA

2. RILIEVO FLORISTICO-VEGETAZIONALE DELL AREA INDICE DEI CONTENUTI 1. PREMESSA 2 2. RILIEVO FLORISTICO-VEGETAZIONALE DELL AREA 2 3. PROPOSTE DI INTERVENTO 6 DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA 9 1 1. PREMESSA Come indicato nell Allegato A Relazione tecnica

Dettagli

La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna. Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali

La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna. Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali La Rete Natura 2000 in Emilia-Romagna Bologna 17 giugno 2014 Regione Emilia-Romagna Assessorato Ambiente, Riqualificazione urbana Servizio Parchi e Risorse forestali I NUMERI DELLE AREE PROTETTE 14 PARCHI

Dettagli

Finanziare la rete ecologica?

Finanziare la rete ecologica? Finanziare la rete ecologica? Panoramica sulle principali fonti di finanziamento Varese, 19 marzo 2015 Tipologie dei finanziamenti europei Fondi indiretti la cui gestione è demandata agli Stati membri

Dettagli

Progetto di recupero ambientale e funzionale del "Fontanile Riberto"

Progetto di recupero ambientale e funzionale del Fontanile Riberto CONSORZIO DI BONIFICA DELLA MEDIA PIANURA BERGAMASCA via A. Gritti 21/25-24125 Bergamo PSR 2007-2013 / MISURA 126 Investimenti non produttivi Progetto di recupero ambientale e funzionale del "Fontanile

Dettagli

Linee guida per la redazione del progetto di investimento per l Azione 1. Il progetto per l azione 1 dovrà essere composto dai seguenti documenti:

Linee guida per la redazione del progetto di investimento per l Azione 1. Il progetto per l azione 1 dovrà essere composto dai seguenti documenti: ALLEGATO 1 MISURA 227 SOSTEGNO AGLI INVESTIMENTI NON PRODUTTIVI - FORESTE Azione 1 - Supporto alla rinaturalizzazione di boschi per finalità non produttive Linee guida per la redazione del progetto di

Dettagli

Sviluppo rurale e programmi Life per la diffusione ed il sostegno dell'agricoltura conservativa e biologica Cremona, 3 marzo 2015

Sviluppo rurale e programmi Life per la diffusione ed il sostegno dell'agricoltura conservativa e biologica Cremona, 3 marzo 2015 Sviluppo rurale e programmi Life per la diffusione ed il sostegno dell'agricoltura conservativa e biologica Cremona, 3 marzo 2015 Alberto Lugoboni Regione Lombardia - DG Agricoltura Coordinatore LIFE 12/ENV//IT/578

Dettagli

RETE ECOLOGICA PROVINCIALE DI PRIMO LIVELLO ELEMENTI DELLA RETE ECOLOGICA PROVINCIALE DI PRIMO LIVELLO

RETE ECOLOGICA PROVINCIALE DI PRIMO LIVELLO ELEMENTI DELLA RETE ECOLOGICA PROVINCIALE DI PRIMO LIVELLO DATABASE DELLA RETE ECOLOGICA PROVINCIALE DI PRIMO LIVELLO Forum Plenario di Agenda 21 Locale 18 Giugno 2007 Castello Estense Provincia di Ferrara Centro Agricoltura e Ambiente G.Nicoli ELEMENTI DELLA

Dettagli

A come Ape. Un agricoltura senza pesticidi è possibile.

A come Ape. Un agricoltura senza pesticidi è possibile. A come Ape. Un agricoltura senza pesticidi è possibile. Maggio 2014 greenpeace.it 2 A come Ape. Un agricoltura senza pesticidi è possibile - Maggio 2014 Sintesi del rapporto Plan bee living without pesticides.

Dettagli

Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto

Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto Aree Natura 2000 nella Regione del Veneto Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo

Dettagli

C E N T R O D I M O N T E C C H I O

C E N T R O D I M O N T E C C H I O 4_CENTRO VIVAISTICO DI MONTECCHIO PRECALCINO Il Centro Vivaistico e per le Attività Fuori Foresta di Veneto Agricoltura si inserisce nell area di una ex cava riorganizzata a moderno centro vivaistico che

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Definizioni e concetti di base in campo agronomico-ambientale

Definizioni e concetti di base in campo agronomico-ambientale Definizioni e concetti di base in campo agronomico-ambientale Ambienti terrestri Ambienti costruiti = aree urbane, industriali, infrastrutture: aree ristrette, ma ad elevato consumo energetico e produttrici

Dettagli

Dott.ssa S. Anelli Dott. S. Porta

Dott.ssa S. Anelli Dott. S. Porta Dott.ssa S. Anelli Dott. S. Porta 1 PARCO DEL TREBBIA - Legge Regionale n. 19/2009 2 PARCO DEL TREBBIA - Legge Regionale n. 19/2009 Art. 1 Istituzione del Parco regionale, finalità e obiettivi gestionali

Dettagli

LIFE+ Caratteristiche. LIFE+ Il nuovo strumento finanziario dell Unione Europea per l ambiente. Obiettivi generali di LIFE+

LIFE+ Caratteristiche. LIFE+ Il nuovo strumento finanziario dell Unione Europea per l ambiente. Obiettivi generali di LIFE+ LIFE+ Il nuovo strumento finanziario dell Unione Europea per l ambiente Sportello LIFE+ I testi di questa presentazione sono integrati dai commenti a voce dei relatori aggiornati alla data indicata. Letti

Dettagli

INFRASTRUTTURE FERROVIARIE STRATEGICHE DEFINITE DALLA LEGGE OBIETTIVO N. 443/01

INFRASTRUTTURE FERROVIARIE STRATEGICHE DEFINITE DALLA LEGGE OBIETTIVO N. 443/01 COMMITTENTE: : GENERAL CONTRACTOR: INFRASTRUTTURE FERROVIARIE STRATEGICHE DEFINITE DALLA LEGGE OBIETTIVO N. 443/0 TRATTA A.V. /A.C. MILANO GENOVA TERZO VALICO DEI GIOVI PROGETTO ESECUTIVO CANTIERE DI SERVIZIO

Dettagli

in uno stato di conservazione soddisfacente e che può, inoltre, contribuir ein modo significativo alla coerenza della rete ecologica Natura 2000, al

in uno stato di conservazione soddisfacente e che può, inoltre, contribuir ein modo significativo alla coerenza della rete ecologica Natura 2000, al Premessa e Fonte dati Uno degli aspetti della qualità di un territorio è la naturalità del paesaggio, dove per naturalità si intende il grado di diversità ecologica e biologica dell ambiente. Tale indicatore

Dettagli

PARCO REGIONALE DI MONTEVECCHIA E VALLE DEL CURONE *** PIANO DI INDIRIZZO FORESTALE L.R. 05/12/2008 N. 31 *** MODELLI SELVICOLTURALI

PARCO REGIONALE DI MONTEVECCHIA E VALLE DEL CURONE *** PIANO DI INDIRIZZO FORESTALE L.R. 05/12/2008 N. 31 *** MODELLI SELVICOLTURALI PARCO REGIONALE DI MONTEVECCHIA E VALLE DEL CURONE *** PIANO DI INDIRIZZO FORESTALE L.R. 05/12/2008 N. 31 *** MODELLI SELVICOLTURALI MODELLI SELVICOLTURA GENERALI TIPOLOGIA DESTINAZIONE ASSETTO SUPERFICIE

Dettagli

Con il patrocinio di: C. Lenti, Foto Archivio P.F.Po vc al MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

Con il patrocinio di: C. Lenti, Foto Archivio P.F.Po vc al MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI Le risaie del vercellese: programma integrato per la riqualificazione ambientale e la gestione sostenibile dell agroecosistema risicolo Martedì 29 Novembre 2011 C. Lenti, Foto Archivio P.F.Po vc al Con

Dettagli

PROGETTO DI RIPRISTINO AMBIENTALE

PROGETTO DI RIPRISTINO AMBIENTALE PROGETTO DI RIPRISTINO AMBIENTALE INTRODUZIONE Poiché un attività estrattiva così come proposta modifica notevolmente sia la morfologia sia le caratteristiche generali dei suoli, è opportuno, per mitigare

Dettagli

Computo metrico delle operazioni di ripristino

Computo metrico delle operazioni di ripristino CONSULENZE GEOLOGICHE Computo metrico delle operazioni di ripristino PROGETTO DI COLTIVAZIONE DI UNA CAVA DI INERTI LOC. MALAFRASCA COMUNE DI PERGINE VALDARNO (AR) PROGETTO DI COLTIVAZIONE DI UNA CAVA

Dettagli

Sintesi non tecnica dei documenti progettuali e di valutazione ambientale pag. 1. Premessa

Sintesi non tecnica dei documenti progettuali e di valutazione ambientale pag. 1. Premessa INDICE Premessa... 1 1. - Ubicazione ed inquadramento territoriale... 2 2. - Riferimenti normativi e analisi dei vincoli presenti... 2 3. - Descrizione del progetto... 2 Sintesi non tecnica dei documenti

Dettagli

La prima certificazione per la tutela della biodiversità in agricoltura. www.biodiversityfriend.org

La prima certificazione per la tutela della biodiversità in agricoltura. www.biodiversityfriend.org La prima certificazione per la tutela della biodiversità in agricoltura www.biodiversityfriend.org Nel corso del 2010, dichiarato dalle Nazioni Unite Anno Internazionale della Biodiversità, WBA onlus

Dettagli

LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici

LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici Corso di formazione per guardie ecologiche volontarie Parco del Rio Vallone aprile 2011 LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici Il bosco: unità ecologica e definizione della norma Il bosco:

Dettagli

Il PSR Marche e le aree Natura 2000. Pietro Politi Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Regione Marche

Il PSR Marche e le aree Natura 2000. Pietro Politi Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Regione Marche Il PSR Marche e le aree Natura 2000 Pietro Politi Servizio Agricoltura Forestazione e Pesca Regione Marche Workshop provinciale - 16 aprile 2013 Sede Provincia di Macerata - Sala Convegni Località Piediripa

Dettagli

Azioni di conservazione. Pagina 1

Azioni di conservazione. Pagina 1 realizzabili (= Prati Pr 1 Tutelare i prati da fieno e gestire i prati con modalità attente alle esigenze di tutela della fauna senza costo; a carico dei privati che accedono ai fondi PSR Pr 2 Controllare

Dettagli

PROPOSTA PER LA FORMAZIONE SEZIONALE, REGIONALE E NAZIONALE IN AMBITO TAM E CSC

PROPOSTA PER LA FORMAZIONE SEZIONALE, REGIONALE E NAZIONALE IN AMBITO TAM E CSC PROPOSTA PER LA FORMAZIONE SEZIONALE, REGIONALE E NAZIONALE IN AMBITO TAM E CSC INDICE DEL DOCUMENTO Percorso formativo Sezionale TAM e CSC pag. 2 Base Culturale Comune pag. 2 Moduli tecnici pag. 3 Percorso

Dettagli

Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS

Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS Buone pratiche di gestione e conservazione degli habitat agricoli Stefania Mandrone ISPRA Settore Gestione Agroecosistemi Seminari locali destinati agli Enti gestori delle aree SIC/ZPS L Aquila 7 Marzo

Dettagli

Direttiva 2009/128/CE del 21 ottobre 2009 che istituisce un

Direttiva 2009/128/CE del 21 ottobre 2009 che istituisce un Direttiva 2009/128/CE del 21 ottobre 2009 che istituisce un quadro per l azione comunitaria ai fini dell utilizzo sostenibile dei pesticidi. La direttiva assegna agli Stati Membri il compito di garantire

Dettagli

FEASR - Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013

FEASR - Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 FEASR - Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Misura 214 Pagamenti agroambientali Azione M Introduzione di tecniche di agricoltura conservativa ALLEGATO 6 disposizioni attuative anno 2012 DESCRIZIONE

Dettagli

!!!!! ! " # $!! %! $! & "! '! %! $ % $ #

!!!!! !  # $!! %! $! & ! '! %! $ % $ # " # $ % $ & " ' % $ % $ # ( ) $ * + ( 1 La definizione di tipo richiama a: possesso di caratteri qualitativi che consentono di accomunare ad un modello. Nel caso dell applicazione della definizione al

Dettagli

5.3.2.2.1 Primo imboschimento di terreni agricoli

5.3.2.2.1 Primo imboschimento di terreni agricoli 5.3.2.2.1 Primo imboschimento di terreni agricoli Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (b) (i) e 43 del Reg. (CE) N 1698/2005 Articolo 31 e punto 5.3.2.2.1. dell Allegato II del Reg. (CE)

Dettagli

Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose

Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose Dagli incentivi del prossimo P.S.R. al greening della nuova PAC Relatore: Dott. Alessandro Pasini Una nuova agricoltura compatibile con

Dettagli

REPORT Azione E9 DRY GRASSLAND MEETING

REPORT Azione E9 DRY GRASSLAND MEETING REPORT Azione E9 DRY GRASSLAND MEETING 14 maggio 2013 REPORT DRY GRASSLAND MEETING Roma 14 maggio 2013 Nell ambito della Azione E.9 Networking con beneficiary di altri progetti è stato organizzato, dalla

Dettagli

Il Programma LIFE+ per la protezione della natura e la biodiversità

Il Programma LIFE+ per la protezione della natura e la biodiversità Information Workshop Il Programma LIFE+ per la protezione della natura e la biodiversità Dal LIFE Natura a LIFE+ Informazioni utili per il bando 2009 - 1. Da LIFE Natura a LIFE+ 2. Natura e biodiversità

Dettagli

Under the patronage of: Raffaella Pagano, Ufficio Tutela e Valorizzazione Biodiversità e InFEA Project manager ECORICE

Under the patronage of: Raffaella Pagano, Ufficio Tutela e Valorizzazione Biodiversità e InFEA Project manager ECORICE Project LIFE NAT/IT/000093 «ECORICE» Techical Working Group on Vercelli plain Biodiversity and InFEA (Information, training and environmental educational activity) working group C. Lenti, Foto Archivio

Dettagli