Project Management. Elementi di Base Il Sistema di Pianificazione La Realizzazione Microsoft Project

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Project Management. Elementi di Base Il Sistema di Pianificazione La Realizzazione Microsoft Project"

Transcript

1 Project Management Elementi di Base Il Sistema di Pianificazione La Realizzazione Microsoft Project 1

2 Elementi di base 2

3 Perché il Project Management Nel panorama economico attuale, le imprese devono operare in un clima di competitività sempre più accentuata, dovuta alla globalizzazione dei mercati ed alla crescente consapevolezza dei consumatori D'altra parte, anche le amministrazioni pubbliche si trovano sempre più ad operare con logiche di mercato, in cui occorre migliorare la qualità dei servizi erogati a fronte di finanziamenti via via più magri, stante l'obiettivo del risanamento dei conti pubblici In questa situazione, occorre porre sempre maggiore impegno nella ottimizzazione delle risorse (umane, tecnologiche e finanziarie) e nel raggiungimento dei risultati nei tempi programmati Pertanto, va diffondendosi in sempre nuovi settori l'approccio "per" progetti", inizialmente applicato in ambito ingegneristico ed industriale 3

4 Lavorare "per progetti" Lavorare "per progetti", ossia rispettando una scadenza ed un budget, può rappresentare tuttavia una rivoluzione copernicana in i contesti tradizionalmente abituati al "lavoro per compiti" Si tratta infatti di un obiettivo raggiungibile solo con l'attuazione di un complesso di principi organizzativi, scelte tecniche e stili manageriali, che prendono il nome di Project Management Per essere efficace, la cultura del Project Management deve permeare a fondo l'azienda, fino a modificare i modelli mentali di tutto il personale, anche se a ciascuna funzione sarà richiesto di impadronirsi di specifici strumenti tecnici e concettuali 4

5 COSA E E UN PROGETTO? Un'opera complessa caratterizzata da: OBIETTIVI TEMPO COSTI RISORSE Attività con un inizio ed una fine precisi finalizzata ad ottenere dei risultati preventivati nel rispetto di vincoli (costi, durata, qualità, organizzazione, mezzi,...) Deve produrre risultati specifici entro una data stabilita, rispettando i limiti di budget E' caratterizzato da elementi di originalità rispetto ad iniziative precedenti Dai progetti si impara e ci si responsabilizza 5

6 da "Le leggi di Murphy" [*] Nel campo della ricerca, soltanto 2 dei seguenti 3 parametri possono sono essere definiti contemporaneamente: scopo, tempo, risorse finanziarie (Principio di Epstein - Heisenberg ) 1. Se si sa qual è lo scopo e c'è un limite di tempo consentito per raggiungerlo, non si riesce a prevedere quanto costerà 2. Se tempo e risorse finanziarie sono chiaramente definiti, è impossibile sapere quale sarà il preciso scopo della ricerca 3. Se lo scopo è chiaro e la somma di denaro necessaria a raggiungerlo è stata esattamente calcolata, non si sarà in grado di prevedere se e quando sarà raggiunto Se si è abbastanza fortunati da definire accuratamente tutti e tre i parametri, non si sta lavorando nel campo della ricerca [*] L origine L è attribuita a un tecnico dell aeronautica militare, il capitano Edward Murphy, nel Se qualcosa può andare storto ci andrà e lo farà nel momento peggiore possibile. 6

7 Esempi di progetti Progetti di sistemi informativi Progetti di miglioramento gestionale: riduzione dei costi di produzione riorganizzazioni attivazione di un sistema di Controllo Qualità riqualificazione del personale Progetti commerciali: apertura di nuovi mercati lancio di un nuovo prodotto Progetti di ricerca 7

8 Elementi di valutazione dei progetti Requisiti tecnici: ovvero i prodotti o risultati del progetto, misurati in quantità e qualità. Tempi: richiesti per il completamento. Costi: complessivamente sostenuti. 8

9 La valutazione dei progetti Definito l'obiettivo di un progetto, esistono infinite modalità di conseguirlo, dal momento che il progettista dispone di numerose alternative sia in fase di impostazione che di realizzazione Evidentemente, a diverse soluzioni corrispondono altrettante valutazioni da parte del Committente Si può raffigurare ogni diversa versione del progetto come un punto nello spazio tridimensionale 9

10 Indici di valutazione Efficacia = Requisiti tecnici / Tempo misura la velocità di realizzazione, fissate le specifiche tecniche Efficienza = Requisiti tecnici / Costi misura l'economicità delle soluzioni adottate Redditività = Utile / Risorse investite misura il "guadagno" derivato dall'attuazione del progetto, riferito all'intero ciclo di vita 10

11 da "Le leggi di Murphy" Per stimare i tempi di un qualsiasi lavoro: Prendere il tempo che si dovrebbe impiegare, moltiplicare per due e sostituire l unitl unità di misura con quella immediatamente superiore Ad esempio: per un lavoro che dovrebbe prendere un ora si considerino due giorni [Formula di Westheimer] 11

12 I fondamenti del Project Management L'approccio del Project Management richiede l'attuazione di alcune scelte organizzative, che rappresentano un presupposto indispensabile per il raggiungimento degli obiettivi: Nomina del Project Manager Assegnazione esplicita delle responsabilità TEAM di progetto Sistema di Pianificazione e Controllo 12

13 Una nuova competenza del Capo Lavorare in team di progetto Gestire progetti Lavorare per processi Gestire processi Organizzazione formale / organizzazione informale Muoversi nella trasversalità dell organizzazione Le aziende operano per progetti e per processi 13

14 LE AREE DA PRESIDIARE Individui Responsabile PROGETTO Metodi Relazioni Team di Progetto Committenza Organizzazione 14

15 Sistema di Pianificazione e Controllo I progetti complessi, per essere realizzati, devono essere suddivisi in compiti più semplici, da affidare ciascuno ad un responsabile specifico, interno o esterno all'azienda. Per tenere le fila di un tale insieme di attività,, talora concatenate, si richiede la nomina di un Project Manager, che ha il compito di coordinare il Team di progetto. Affinché si possa disporre delle varie risorse, al momento giusto e nelle quantità richieste, nell'azienda deve essere attivo un Sistema di Pianificazione e Controllo 15

16 Il Project Manager La realizzazione della maggior parte dei progetti è il risultato di un lavoro di squadra, che taglia trasversalmente l'azienda o l'organizzazione, estendendosi sovente anche all'esterno (fornitori, consulenti, parter,, clienti). Per fasare gli sforzi di tanti attori, si richiede un unico punto di coordinamento e decisione, rappresentato dal Project Manager o Capo Progetto. Il Project Manager rappresenta il gestore di tutte le risorse del progetto, con la responsabilità diretta di realizzarlo nei limiti di tempo, costo e qualità previsti. 16

17 Il compito del Project manager Si comprende bene che non si tratta normalmente di una figura gerarchicamente superiore (come il termine italiano "Capo" può far erroneamente ritenere) ai componenti del Team, ma di una figura professionale che svolge una funzione specifica a beneficio dell'intero gruppo di progetto. Il compito del Project manager in sintesi: Scompone il progetto in attività Affida ciascuna attività ad un responsabile aziendale o esterno Verifica periodicamente l'avanzamento e i costi del progetto Rivede all'occorrenza la pianificazione a fronte di imprevisti 17

18 Le caratteristiche personali del Project Manager Flessibilità e spirito di adattamento Aggressività,, fiducia in se stesso, capacità di persuasione e facilità di parola Ambizione, capacità di comunicare e di coordinare Vastità di interessi personali Presenza, entusiasmo, immaginazione e spontaneità Capacità di equilibrare soluzioni tecniche con considerazione di costi, tempi e fattori umani Predisposizione all'iniziativa e leadership Esperienza generica piuttosto che specialista Capacità e disponibilità a dedicarsi soprattutto a compiti di pianificazione e controllo Capacità di individuare i problemi Propensione a prendere delle decisioni Capacità di organizzare e disciplinare il proprio tempo e il proprio lavoro 18

19 Le interfacce del PM Direzione Capi Area Responsabili Funzionali Fornitori Cliente Committente Team 20

20 Gestire il flusso d informazionid Riunioni e report Tempistica e costi Priorità interne Variazioni strategiche Direzione Management Fornitori Riunioni e scambio dati Caratteristiche tecniche e d uso Tempistica Costi INFO INFO Riunioni Caratteristiche tecniche e d uso Tempistica INFO Cliente Committente Riunioni e scambio dati Caratteristiche tecniche e d uso obiettivi tempi e costi Utilizzo risorse Priorità Vendita Marketing Ufficio Tecnico INFO Produzione Montaggio INFO 21

21 Il Profilo del Project Manager Imporre Solitario Socievole Convincere 22

22 Il profilo del Capo Progetto Creativo Virtuoso tecnico Organizzatore 23

23 Il Profilo del Capo Progetto Brainstorming, pensiero divergente Competenze di Creatività Relazione Tecniche gestionali Organizzazione Comunicazione, motivazione, leadership, team building, gestione dei conflitti, negoziazione Finanza, contabilità, marketing, progettazione. Pianificazione strategica ed operativa Visione d insieme, multitasking, gestione del tempo e delle priorità 24

24 Il Profilo del Capo Progetto QUANTO SAPERE TECNICO? Abbastanza per assicurare la comunicazione Abbastanza per fare la pianificazione Abbastanza per seguire l avanzamento Abbastanza per controllare la qualità 25

25 Atteggiamenti ATTEGGIAMENTI COMPORTAMENTI QUOTIDIANI LE RISORSE CON CUI MISURARSI 26

26 Per Vincere GLI ATTEGGIAMENTI PER VINCERE IMPERFETTAMENTE Entusiasmo Fatti piacere le cose come sono e piega gli eventi col calore della tua serenità Fiducia Tutto quello che possiamo fare non è tutto. Ma tutto quello che possiamo fare è sufficiente Azione Prova, spingi e picchia prima di rinunciare Flessibilità Impara a perdere, a cambiare opinione, a chiedere scusa, a ricominciare 27

27 I Comportamenti Intuire Lascia il tuo spirito guizzare tra ragione ed emozione. La logica non ti da tutte le risposte Prevedere Sogna, immagina, deduci e calcola. Non dare tregua al futuro. (pianificare gli incarichi ed incarichi di lavoro, condividerli, quali sono i rischi ed i possibili intoppi, le ferie, le alchimie tra le persone) Imitare Osserva, seleziona, copia. La cultura e il progresso crescono dal confronto Decidere Tra il dire ed il fare c è di mezzo il decidere Decidi sugli obiettivi, sulle risorse, 28

28 I Comportamenti Comunicare Non importa se non capisci l inglese, ma è indispensabile che tu parli italiano. (segnala gli scostamenti del progetto, caratteristiche, richieste del cliente, risultati, ecc..) Lavorare di più Non chiederti cosa ti sarebbe piaciuto fare; fatti piacere ciò che devi fare e dacci dentro. Migliorarsi Evita di formarti se non ti diverti ad imparare Valorizzarsi Cerca di apparire quello che vuoi essere 29

29 I Comportamenti Ascoltare e motivare (Senti i segnali deboli dai partecipanti; dare attenzione è già motivare; esiste anche la vita fuori dal progetto; prepara incontri individuali ed eventi di gruppo; segui le inclinazioni personali dei partecipanti al team. Controlla Il lavoro ed i risultati del tuo gruppo, l andamento dei tempi e dei costi, il carico di lavoro del tuo team, il loro morale, la competenza, la soddisfazione del cliente, ecc... Coordina I diversi sottogruppi, ed attività; il cliente, il team, i fornitori e l interno dell azienda. Comandare Nascondi la paura e la solitudine, comanda con affetto, e coraggio. Gli altri ti considereranno un leader. 30

30 Assegnazione esplicita delle responsabilità Si è visto che il Progetto è una sommatoria di attività interconnesse: il rispetto dei tempi e dei costi previsti è subordinato al completamento di ciascuna attività nei termini assegnati. Maggiore è la complessità del progetto e più elevati possono essere i danni indotti dalla mancata o tardiva realizzazione di singole attività. Pensiamo a qualche reparto ospedaliero mai avviato per la mancanza di un contratto di manutenzione di una apparecchiatura per TAC o a Personal Computer acquistati e inutilizzati per mancanza di prese elettriche a norma. 31

31 Lavoro per obiettivi Pertanto, il Project Management richiede la praticabilità di una negoziazione fra il Capo Progetto e i singoli responsabili di attività,, che si concluda con un "Contratto" impegnativo fra le parti (con effetti legali nel caso di soggetti esterni, formalizzato come corrispondenza aziendale per i soggetti interni). Questo approccio consente una chiara distribuzione delle responsabilità di progetto. La praticabilità reale è condizionata dal "clima" e dall'efficienza generale dell'azienda. 32

32 Il Team di progetto La modalità di lavoro ottimale per una efficace gestione dei progetti è la condivisione coordinata e precisa dell attivit attività, in cui ciascuno svolge un ruolo specifico senza perdere di vista l'unitarietà del progetto. Questo è reso possibile dall'esistenza di un piano di progetto preciso e condiviso, ove ciascuno prepara una tessera del mosaico. 33

33 Motivazione Naturalmente non basta aver redatto un progetto valido Il Project Manager ha il compito di gestire efficacemente il Team di Progetto dal punto di vista motivazionale: gli sono richieste pertanto doti di leadership e comunicazione. 34

34 ...A proposito di motivazione... Il Direttore, reduce da un seminario sulla motivazione, chiama nel suo ufficio un impiegato e gli dice: "D'ora in poi, lei sarà libero di pianificare e controllare il suo lavoro. Sono sicuro che ne deriverà un aumento di produttività". "Mi pagheranno di più?", domanda il dipendente. "No, affatto. Il denaro non costituisce un incentivo valido ed un aumento di stipendio non dà d alcuna soddisfazione". "Sì,, ma se la produzione migliora, mi pagheranno di più?" "Stia a sentire", spiega il direttore, "evidentemente lei non ha capito la teoria della motivazione. Porti a casa questo libro e lo legga; spiega quali sono le sue vere motivazioni". Mentre si allontana, l'uomo si ferma e si chiede: "Ma se leggo il libro, mi pagheranno di più?" 35

35 Il Sistema di Pianificazione e Controllo Supponiamo che il Project Manager abbia elaborato un piano di progetto perfetto, che individui tutte le specifiche attività richieste dal momento dell'avvio fino al completamento; poniamo ancora che il piano sia stato approvato ed i fondi resi disponibili: a questo punto si passa alla fase di realizzazione, in cui si avviano le attività,, ciascuna alla scadenza prevista in piano In generale, molte attività saranno svolte da persone non dipendenti dal Capo Progetto, quali fornitori esterni od altri settori aziendali.. In questa fase il Project Manager non ha una responsabilità diretta sullo svolgimento delle suddette attività,, dal momento che vede il responsabile dell'attività stessa come un "fornitore" di un prodotto da consegnare entro le scadenze indicate nel piano. Il Capo Progetto deve limitarsi ad un monitoraggio sull'avanzamento nto dei lavori, restando pronto, in caso di scostamenti, ad assumere le decisioni idonee a riportare il progetto sul binario corretto 36

36 Organizzazione Aziendale Per passare dal piano progetto alla sua concreta attuazione, è indispensabile che ciascuno dei "realizzatori" coinvolti faccia la sua parte, completando le proprie attività nei tempi, nei costi e con la qualità richiesti. Per ottenere questo risultato, si richiede da un lato di selezionare fornitori esterni affidabili, dall'altro di disporre in Azienda di una organizzazione complessiva in grado di rispettare, in ciascun settore operativo, gli impegni presi. In altre parole, ogni settore aziendale deve operare con la logica del "lavoro per obiettivi", ovvero pianificando i propri impegni sulla la base delle risorse disponibili, utilizzate al meglio. Quando in Azienda la pianificazione diventa un abito mentale con cui gestire il lavoro, nasce un Sistema di Pianificazione e Controllo,, che si diffonde in maniera integrata dalla direzione generale fino ai a reparti operativi. 37

37 Esempio da evitare 38

38 Il ciclo di vita del progetto A parte la terminologia specifica legata alla tipologia ed all'azienda, ciascun progetto attraversa concettualmente le fasi seguenti: INIZIO FINE Studio di fattibilità: : verifica la fattibilità del progetto dal punto di vista tecnico, economico, organizzativo, normativo. Definizione: produce le specifiche del progetto, in altri termini le caratteristiche esterne del prodotto finale. Progettazione: definisce le soluzioni tecniche e/o organizzative. Realizzazione: la attuazione delle soluzioni definite nella progettazione. Collaudo: verifica della corrispondenza fra i risultati e le specifiche definite. Attivazione: messa in opera dei prodotti per la fruizione da parte dell'utente finale. 39

39 Inizio/Fine Il Progetto deve svolgersi in un intervallo di tempo rigorosamente definito. Il mancato rispetto di quest ultimo ultimo criterio porta a "progetti aperti", che si prolungano indefinitamente nel tempo, sfuggendo al controllo dei costi. Ove ci sia bisogno di modifiche ai prodotti definiti nelle specifiche iniziali, è opportuno definire una nuova versione del progetto, da negoziare formalmente con il Committente. La strada alternativa consiste nel rilasciare una prima versione dei prodotti conformi alle specifiche iniziali e nel registrare le richieste r di modifica, che saranno attivate in versioni successive del prodotto. to. 40

40 La metodologia del Project Management La metodologia per la gestione dei progetti è articolata in un ciclo di quattro fasi : Pianificazione: la stesura del piano di progetto. Realizzazione: l'esecuzione delle attività in piano. Rilevazione avanzamento: la misurazione periodica dello stato di avanzamento del progetto. Analisi scostamenti: il confronto fra quanto previsto e quanto realizzato, l'analisi delle cause di discrepanza e le decisioni......che portano ad una nuova Pianificazione... 41

41 Il Processo del Project Management Il processo è ciclico e non sequenziale, in quanto è improbabile che le cose vadano fino alla fine come previsto nel piano originario: gli imprevisti sono all'ordine del giorno e possono riguardare assenze di personale, mancanza di materiali, errori di progettazione, modifica delle esigenze del cliente, guasti tecnici, errate stime sulla durata,... Pertanto, il compito del Project Manager non si esaurisce con la stesura del piano, ma prosegue ininterrotto per l'intera durata del progetto 42

42 DEFINIRE Per una buona gestione di un progetto obiettivi e strategia PROGRAMMARE scrivere le specifiche, scadenze e milestones ATTUARE operare, controllare, correggere, recuperare CONCLUDERE raggiungere l obiettivo, l valutare gli scostamenti e fare tesoro delle esperienze acquisite 43

43 Saper Negoziare Essere sempre preparato Non presumere a priori di conoscere il punto di vista dell interlocutore, ma fare domande e capire Riaffermare quanto desiderate in modo che possiate averne conferma Ascoltare (fifty( & fifty) Prendere appunti su quanto concordato e riepilogare senza chiudersi sulle proprie posizioni Analizzare anche altre idee per risolvere il problema Mettersi nei panni dell interlocutore ed aiutarlo (win to win) Barattare (alto valore - basso costo) Evitare i meccanismi di autodifesa Ringraziare Non dare ultimatum, offrire alternative Dare scadenze / milestones realistici 44

44 Feedback di valutazione Il feedback può essere negativo o positivo, ma deve essere tempestivo per consentire una rapida rifocalizzazione dell obiettivo 45

45 Autovalutazione del PROJECT LEADER Siete in grado di valutare un progetto dal punto di vista dell utente? Sapete valutare i vincoli che lo condizioneranno? Sapete scomporre il progetto in fasi compiute e gestibili? C è un programma scritto? Ogni progetto entra in rapporto con varie persone/enti. Quali sono le esigenze e cosa pensano coloro con i quali il progetto entrerà in rapporto? Chi è disposto ad aiutarvi per la riuscita del progetto? Siete in grado di attivare ed ottenere collaborazione? Sapete stimolare i collaboratori (energia, fantasia, impegno...) per la l riuscita del progetto? Siete più orientati a parlare o ad ascoltare? Se c èc disaccordo, siete in grado di ricomporre i conflitti e di riattivare ivare collaborazione? 46

46 Il Sistema di Pianificazione 47

47 Le fasi della Pianificazione La fase di Pianificazione ha l'obiettivo di produrre il Piano di progetto, il che equivale a definire: Prodotti Che cosa fare Tempi Quando Risorse Come 48

48 Passaggio da obiettivi a prodotti Gli obiettivi del nostro progetto devono essere espressi in termini di prodotti, per i quali siano definiti sia la qualità che i criteri di collaudo. Se non si definisce il livello di qualità,, il Committente potrà dichiararsi comunque insoddisfatto. La definizione dei criteri di collaudo costituisce una cartina al tornasole per chiarire con il Committente che cosa potrà attendersi dal progetto. 49

49 WBS Work Breakdown Structure Per redigere la nostra Lista dei Prodotti, utilizzeremo la tecnica WBS, che consiste nello scomporre il progetto in "Pacchetti di lavoro", per ciascuno dei quali si specificano, come ormai sappiamo, i Prodotti, le Attività da svolgere, il Responsabile. Il Progetto viene così rappresentato mediante tre viste: PBS (Product Breakdown Structure) ) descrive i PRODOTTI ABS (Activity Breakdown Structure) ) descrive le ATTIVITA' OBS (Organization Breakdown Structure) ) descrive l'organizzazione 50

50 PBS Product Breakdown Structure Supponiamo di dover realizzare una villa per un facoltoso cliente e di redigere la rappresentazione strutturata dei Prodotti ( PBS) Al livello concettuale più alto, il prodotto è indicato come Villa Scendendo verso un dettaglio maggiore, possiamo distinguere Edificio e Giardino A sua volta, l'edificio può essere scomposto in Opere murarie e Impianti. 51

51 ABS Activity Breakdown Structure L'obiettivo di questo passo è l'individuazione delle attività del progetto che non vengono gestite come una lista bruta, ma rappresentate a diversi livelli di aggregazione partendo dalla PBS: P Per ogni prodotto elementare (una foglia dell'albero), si elencano no le attività da svolgere per ottenerlo, denominate WORK PACKAGES (Pacchetti di lavoro). Esempio: lista attività per il prodotto Impianto elettrico Progettare impianto Acquistare cavi elettrici Predisporre canali per passaggio cavi Acquistare prese ed interruttori Acquistare centralina elettrica Posare cavi 52

52 Raggruppamento attività Si raggruppano le attività in gruppi funzionalmente omogenei, quali: Progettazione Acquisti Installazione Collaudo Imballaggio Spedizione Si riorganizzano le attività in un albero 53

53 Esempio ABS: realizzazione di una villa 54

54 OBS Organization Breakdown Structure L'obiettivo di questo passo è l'individuazione dei Responsabili delle attività del progetto, rappresentando le responsabilità a diversi livelli di aggregazione e producendo l'albero delle responsabilità: Per ciascuna attività (elementare o di gruppo) si individua un responsabile. Le responsabilità vengono gerarchicamente collocate. La OBS somiglia ma non coincide con l'organigramma dell'azienda, in quanto include soltanto le funzioni coinvolte nel progetto e comprende i responsabili esterni (appaltatori, consulenti,..) 55

55 Una possibile OBS per l'esempio della Villa 56

56 Il Budget delle Attività Per ciascun Work Package, il Capo Progetto richiede al relativo Responsabile una stima di: Impegno di risorse Durata Costi La determinazione del Budget delle attività è da assimilare ad una vera e propria OFFERTA, che vede il Responsabile come "Fornitore" ed il Capo Progetto come "Cliente". Il risultato finale del Budget sarà il frutto di una negoziazione 57

57 Assegnazione delle risorse L'obiettivo di questo passo è l'assegnazione, a ciascuno dei Work Packages,, delle risorse necessarie, per Tipologia (quali) e per Quantità (quante) Per una corretta gestione delle risorse, risulta indispensabile censire le risorse stesse, classificarle ed archiviarne i dati caratteristici (identificativi, disponibilità, costo, ecc.). Per avere una visione d'insieme, si ricorre ancora una volta alla rappresentazione ad albero che, nel caso delle risorse, assume la denominazione di RBS (Resources( Breakdown Structure) 58

58 RBS nell'esempio della Villa 59

59 Risorse ad impiego e a consumo AD IMPIEGO Persone Attrezzature Impianti Non vengono consumate dall attivit attività cui sono assegnate e possono essere riutilizzate A CONSUMO Materie prime Materiali di consumo Carburanti Vengono consumate dall attivit attività cui sono assegnate oppure vengono inglobate nel prodotto 60

60 Durate QUANTITÀ TOTALE DELLE RISORSE DURATA TECNICA VINCOLI TECNICI DURATA CONCENTRAZIONE DISPONIBILITÀ 61

61 La Durata Tecnica Il tempo minimo necessario per il completamento dell'attività concentrando tutte le risorse "tecnicamente" disponibili. Rappresenta un "limite inferiore" di riferimento. Consente simulazioni nell'ipotesi di dover accelerare il progetto. 62

62 Vincoli Tecnici: Vincoli e disponibilità Non sempre un aumento di risorse riduce la durata dell'attività. Se una donna fa un bambino in nove mesi, due donne non lo fanno in 4,5 mesi. Per far viaggiare un TIR da Roma a Napoli un autista impiega 2 ore; quattro autisti non impiegano certo mezz'ora. Disponibilità: Raramente accade di poter allocare tutte le risorse disponibili ad una stessa attività. La nostra attività dovrà convivere con lavori già pianificati. Concentrazione: Per effetto dei Vincoli Tecnici e della Disponibilità,, sarà possibile concentrare sulla nostra attività solo una parte delle risorse aziendali. 63

63 Schedulazione A questo punto del processo di Pianificazione, disponiamo di una lista di attività,, per ciascuna delle quali sono definiti un Responsabile, i PRODOTTI, le RISORSE e la DURATA non ci rimane che collocarle nel tempo, ossia di fare la SCHEDULAZIONE, tenendo conto di: VINCOLI tecnici e fisici tra le attività: non si può costruire il tetto prima delle fondamenta IMPEGNI contrattuali: date di consegna impegnative per il prodotto finale o prodotti intermedii VINCOLI esterni: attendere la consegna della licenza edilizia Il risultato della Schedulazione viene rappresentato frequentemente mediante un Diagramma di Gantt 64

64 Esempio di GANTT relativo alla realizzazione di una villa 65

65 Diagramma di GANTT Ciascuna attività occupa una riga ed è rappresentata da una barra, la cui lunghezza rappresenta la Durata. La collocazione delle attività tiene conto dei vincoli reciproci: ad es., le pareti divisorie potranno essere costruite solo dopo il telaio dell'edificio si potrà avviare la realizzazione dell'impianto elettrico,quando le pareti divisorie saranno in parte realizzate (per esempio a livello llo del pianterreno). Il rombo nero rappresenta un vincolo esterno (la consegna del materiale da parte del fornitore ). Dalla schedulazione si ricavano le date previste per lo svolgimento di tutte le attività ed in particolare la data di completamento del progetto (MILESTONE) 66

66 Tecniche reticolari Adottando la tecnica di Pianificazione Reticolare, il Progetto non viene più considerato come un insieme di singole attività,, ma come una Struttura a rete, i cui nodi sono le Attività Questa tecnica costringe a pensare alla logica del progetto, in modo da programmare le attività individuando i condizionamenti reciproci ed i vincoli esterni. Permette di individuare le attività che condizionano il completamento del progetto (cammino( critico) Permette di gestire efficacemente le variazioni in corso d'opera. Permette analisi di tipo " "what if"(simulazione di svariate soluzioni) Richiede l'utilizzo del computer, per ottenere risposte in tempo utile. 67

67 I diagrammi CPM I diagrammi CPM, un acronimo dalla lingua inglese che sta per Critical Path Method,, servono per rappresentare dello svolgimento delle attività di un progetto.. Il CPM adopera delle frecce orientate per indicare le attività ed la loro consequenzialità. È uno dei metodi grafici adoperati per il project management.. I diagrammi CPM vengono anche detti diagrammi di PERT quando il modello si rifà ad una serie di dati stimati e non conosciuti preventivamente. In entrambi i casi la finalità è quella di rendere più efficiente lo svolgimento dei progetti riallocando le risorse per ridurre al minimo i tempi morti. Furono introdotti dalla DuPont. 68

68 La tecnica PERT Per la rappresentazione reticolare di un piano, si utilizza nella maggior parte dei casi la tecnica denominata PERT (Program Evaluation and Review Tecnique) alla quale faremo riferimento Legami. Il legame più frequente fra due attività è del tipo "Fine - Inizio": L'attività B può iniziare solo dopo la fine di A. Esempio: Si realizza la struttura dell'edificio (A), prima delle e pareti divisorie (B). Esistono tuttavia anche i Legami Inizio-Inizio Fine-Fine Inizio-Fine 69

69 Legame Inizio - Inizio Legami L'attività B può iniziare dopo l'inizio di A. Esempio: Gli impianti elettrico (A) ed idraulico (B) possono essere realizzati in parallelo Legame Fine- Fine L'attività B non può finire se non è terminata A. Esempio: Il servizio di vigilanza (B) non può terminare prima dei i lavori di cantiere(a). Legame Inizio - Fine L'attività B non può finire se non è iniziata A. Esempio: La procedura manuale di rilevazione delle presenze (B) non può terminare se non è stata avviato il sistema di transito con badge magnetici (A). 70

70 Analisi del Reticolo Per ciascuna attività sono indicati il nome e la durata. "Inizio" e "Fine" rappresentano due eventi (aventi dunque durata nulla) e pertanto presentano una grafica diversa. E' buona norma inserire in ogni progetto gli eventi di Inizio e Fine. 71

71 Responsabile della Attività C Si prevede l'avvio del piano il giorno 1 Marzo. Per pianificare gli impegni si porrà la domanda: "Quando posso svolgere l'attività C?" Supponendo di prescindere da giornate festive, si vede che l'attivit ività può cominciare: al più presto il giorno 3 mattina (per terminare il giorno 5 sera)...ma potrebbe anche cominciare al più tardi il giorno 4 mattina (per terminare il giorno 6 sera), senza ritardare la conclusione del progetto, che risulta comunque condizionato dall'attività A, che deve svolgersi dal giorno 1 al giorno 6. Ci rendiamo dunque conto che alcune attività hanno una data di svolgimento obbligata (se non si vuole ritardare la conclusione dell'intero progetto), mentre altre possono svolgersi in una certa finestra temporale. 72

LAVORARE PER PROGETTI

LAVORARE PER PROGETTI LAVORARE PER PROGETTI Giampaolo Calori e Nicoletta Perego Eulogos Consulenti di Direzione 1. PREMESSA Ogni giorno le aziende devono confrontarsi con il mutamento continuo dell ambiente interno ed esterno

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona PRINCIPI PROJECT MANAGEMENT PRINCIPI DI PROJECT MANAGEMENT Elisabetta Simeoni 1), Giovanni Serpelloni 2) 1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 2 Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO Modulo 2 Dall Idea al Progetto 2

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA Regione Siciliana Azienda Ospedaliera 17 3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA 3.3 18 Le attività da svolgere per soddisfare i requisiti relativi alla politica, obiettivi ed attività consistono nella definizione:

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Project Management PROJECT MANAGEMENT Change Formazione

Project Management PROJECT MANAGEMENT Change Formazione PROJECT MANAGEMENT Change Formazione 1 INTRODUZIONE 3 Le fasi del Project Management 3 Fattori critici di insuccesso 4 Fattori critici di successo 4 LA PIANIFICAZIONE DEL PROGETTO 5 LA PROGRAMMAZIONE DEL

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

TEST DELL'ABILITA' PRATICA DEL RAGIONAMENTO GLOBALE

TEST DELL'ABILITA' PRATICA DEL RAGIONAMENTO GLOBALE TEST DELL'ABILITA' PRATICA DEL RAGIONAMENTO GLOBALE COPYRIGHT 2008 PROCTER & GAMBLE CINCINNATI, OH 45202 U.S.A. AVVERTENZA: Tutti i diritti riservati. Questo opuscolo non può essere riprodotto in alcun

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Introduzione al Project Management. AIPA Area Monitoraggio e Verifiche

Introduzione al Project Management. AIPA Area Monitoraggio e Verifiche Introduzione al Project Management AIPA Area Monitoraggio e Verifiche Contenuti del corso Impostazione del progetto; Pianificazione delle attività, risorse e costi; Coordinamento e controllo durante le

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

La Direzione dei Lavori

La Direzione dei Lavori La Direzione dei Lavori L istituzione della Direzione lavori. Ai sensi dell art.10, comma 1, lett.l, del Reg., l istituzione dell ufficio di direzione dei lavori è promossa dal responsabile del procedimento

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

Prof. Like you. Prof. Like you. Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01. Email info@zerounoinformatica.it / Web www.hottimo.

Prof. Like you. Prof. Like you. Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01. Email info@zerounoinformatica.it / Web www.hottimo. Pag. 1/7 Prof. Like you Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01 Email / Web / Social Pag. 2/7 hottimo.crm Con CRM (Customer Relationship Management) si indicano tutti gli aspetti di interazione

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO Giovanni Serpelloni 1), Elisabetta Simeoni 2) 1. Centro

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Università degli Studi di Parma Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica DISPENSE INTRODUTTIVE INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Prof. Giulio Destri

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating articolo n. 3 giugno 2014 Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating MASSIMILIANO MARI Responsabile Acquisti, SCANDOLARA s.p.a. Realizzare un sistema di rating costituisce un attività

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/ Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive https://nonconf.unife.it/ Registrazione della Non Conformità (NC) Accesso di tipo 1 Addetto Registrazione della Non Conformità

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso Parte 5 Adv WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso 1 di 30 Struttura di un Documento Complesso La realizzazione di un libro, di un documento tecnico o scientifico complesso, presenta

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

In collaborazione Gestionale per Hotel

In collaborazione Gestionale per Hotel In collaborazione Gestionale per Hotel Caratteristica Fondamentali E un programma di gestione alberghiera facile e intuitivo, in grado di gestire le prenotazioni, il check-in, i conti e le partenze in

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

E. Bisetto e D. Bordignon per

E. Bisetto e D. Bordignon per Personal Branding pensare, creare e gestire un brand a cura di E. Bisetto e D. Bordignon per Cosa significa Personal Branding Come si fa Personal Branding Come coniugare Brand Personale e Brand Aziendale

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition Guida introduttiva Questo documento descrive come installare e iniziare a utilizzare Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition.

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli