Project Management. Elementi di Base Il Sistema di Pianificazione La Realizzazione Microsoft Project

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Project Management. Elementi di Base Il Sistema di Pianificazione La Realizzazione Microsoft Project"

Transcript

1 Project Management Elementi di Base Il Sistema di Pianificazione La Realizzazione Microsoft Project 1

2 Elementi di base 2

3 Perché il Project Management Nel panorama economico attuale, le imprese devono operare in un clima di competitività sempre più accentuata, dovuta alla globalizzazione dei mercati ed alla crescente consapevolezza dei consumatori D'altra parte, anche le amministrazioni pubbliche si trovano sempre più ad operare con logiche di mercato, in cui occorre migliorare la qualità dei servizi erogati a fronte di finanziamenti via via più magri, stante l'obiettivo del risanamento dei conti pubblici In questa situazione, occorre porre sempre maggiore impegno nella ottimizzazione delle risorse (umane, tecnologiche e finanziarie) e nel raggiungimento dei risultati nei tempi programmati Pertanto, va diffondendosi in sempre nuovi settori l'approccio "per" progetti", inizialmente applicato in ambito ingegneristico ed industriale 3

4 Lavorare "per progetti" Lavorare "per progetti", ossia rispettando una scadenza ed un budget, può rappresentare tuttavia una rivoluzione copernicana in i contesti tradizionalmente abituati al "lavoro per compiti" Si tratta infatti di un obiettivo raggiungibile solo con l'attuazione di un complesso di principi organizzativi, scelte tecniche e stili manageriali, che prendono il nome di Project Management Per essere efficace, la cultura del Project Management deve permeare a fondo l'azienda, fino a modificare i modelli mentali di tutto il personale, anche se a ciascuna funzione sarà richiesto di impadronirsi di specifici strumenti tecnici e concettuali 4

5 COSA E E UN PROGETTO? Un'opera complessa caratterizzata da: OBIETTIVI TEMPO COSTI RISORSE Attività con un inizio ed una fine precisi finalizzata ad ottenere dei risultati preventivati nel rispetto di vincoli (costi, durata, qualità, organizzazione, mezzi,...) Deve produrre risultati specifici entro una data stabilita, rispettando i limiti di budget E' caratterizzato da elementi di originalità rispetto ad iniziative precedenti Dai progetti si impara e ci si responsabilizza 5

6 da "Le leggi di Murphy" [*] Nel campo della ricerca, soltanto 2 dei seguenti 3 parametri possono sono essere definiti contemporaneamente: scopo, tempo, risorse finanziarie (Principio di Epstein - Heisenberg ) 1. Se si sa qual è lo scopo e c'è un limite di tempo consentito per raggiungerlo, non si riesce a prevedere quanto costerà 2. Se tempo e risorse finanziarie sono chiaramente definiti, è impossibile sapere quale sarà il preciso scopo della ricerca 3. Se lo scopo è chiaro e la somma di denaro necessaria a raggiungerlo è stata esattamente calcolata, non si sarà in grado di prevedere se e quando sarà raggiunto Se si è abbastanza fortunati da definire accuratamente tutti e tre i parametri, non si sta lavorando nel campo della ricerca [*] L origine L è attribuita a un tecnico dell aeronautica militare, il capitano Edward Murphy, nel Se qualcosa può andare storto ci andrà e lo farà nel momento peggiore possibile. 6

7 Esempi di progetti Progetti di sistemi informativi Progetti di miglioramento gestionale: riduzione dei costi di produzione riorganizzazioni attivazione di un sistema di Controllo Qualità riqualificazione del personale Progetti commerciali: apertura di nuovi mercati lancio di un nuovo prodotto Progetti di ricerca 7

8 Elementi di valutazione dei progetti Requisiti tecnici: ovvero i prodotti o risultati del progetto, misurati in quantità e qualità. Tempi: richiesti per il completamento. Costi: complessivamente sostenuti. 8

9 La valutazione dei progetti Definito l'obiettivo di un progetto, esistono infinite modalità di conseguirlo, dal momento che il progettista dispone di numerose alternative sia in fase di impostazione che di realizzazione Evidentemente, a diverse soluzioni corrispondono altrettante valutazioni da parte del Committente Si può raffigurare ogni diversa versione del progetto come un punto nello spazio tridimensionale 9

10 Indici di valutazione Efficacia = Requisiti tecnici / Tempo misura la velocità di realizzazione, fissate le specifiche tecniche Efficienza = Requisiti tecnici / Costi misura l'economicità delle soluzioni adottate Redditività = Utile / Risorse investite misura il "guadagno" derivato dall'attuazione del progetto, riferito all'intero ciclo di vita 10

11 da "Le leggi di Murphy" Per stimare i tempi di un qualsiasi lavoro: Prendere il tempo che si dovrebbe impiegare, moltiplicare per due e sostituire l unitl unità di misura con quella immediatamente superiore Ad esempio: per un lavoro che dovrebbe prendere un ora si considerino due giorni [Formula di Westheimer] 11

12 I fondamenti del Project Management L'approccio del Project Management richiede l'attuazione di alcune scelte organizzative, che rappresentano un presupposto indispensabile per il raggiungimento degli obiettivi: Nomina del Project Manager Assegnazione esplicita delle responsabilità TEAM di progetto Sistema di Pianificazione e Controllo 12

13 Una nuova competenza del Capo Lavorare in team di progetto Gestire progetti Lavorare per processi Gestire processi Organizzazione formale / organizzazione informale Muoversi nella trasversalità dell organizzazione Le aziende operano per progetti e per processi 13

14 LE AREE DA PRESIDIARE Individui Responsabile PROGETTO Metodi Relazioni Team di Progetto Committenza Organizzazione 14

15 Sistema di Pianificazione e Controllo I progetti complessi, per essere realizzati, devono essere suddivisi in compiti più semplici, da affidare ciascuno ad un responsabile specifico, interno o esterno all'azienda. Per tenere le fila di un tale insieme di attività,, talora concatenate, si richiede la nomina di un Project Manager, che ha il compito di coordinare il Team di progetto. Affinché si possa disporre delle varie risorse, al momento giusto e nelle quantità richieste, nell'azienda deve essere attivo un Sistema di Pianificazione e Controllo 15

16 Il Project Manager La realizzazione della maggior parte dei progetti è il risultato di un lavoro di squadra, che taglia trasversalmente l'azienda o l'organizzazione, estendendosi sovente anche all'esterno (fornitori, consulenti, parter,, clienti). Per fasare gli sforzi di tanti attori, si richiede un unico punto di coordinamento e decisione, rappresentato dal Project Manager o Capo Progetto. Il Project Manager rappresenta il gestore di tutte le risorse del progetto, con la responsabilità diretta di realizzarlo nei limiti di tempo, costo e qualità previsti. 16

17 Il compito del Project manager Si comprende bene che non si tratta normalmente di una figura gerarchicamente superiore (come il termine italiano "Capo" può far erroneamente ritenere) ai componenti del Team, ma di una figura professionale che svolge una funzione specifica a beneficio dell'intero gruppo di progetto. Il compito del Project manager in sintesi: Scompone il progetto in attività Affida ciascuna attività ad un responsabile aziendale o esterno Verifica periodicamente l'avanzamento e i costi del progetto Rivede all'occorrenza la pianificazione a fronte di imprevisti 17

18 Le caratteristiche personali del Project Manager Flessibilità e spirito di adattamento Aggressività,, fiducia in se stesso, capacità di persuasione e facilità di parola Ambizione, capacità di comunicare e di coordinare Vastità di interessi personali Presenza, entusiasmo, immaginazione e spontaneità Capacità di equilibrare soluzioni tecniche con considerazione di costi, tempi e fattori umani Predisposizione all'iniziativa e leadership Esperienza generica piuttosto che specialista Capacità e disponibilità a dedicarsi soprattutto a compiti di pianificazione e controllo Capacità di individuare i problemi Propensione a prendere delle decisioni Capacità di organizzare e disciplinare il proprio tempo e il proprio lavoro 18

19 Le interfacce del PM Direzione Capi Area Responsabili Funzionali Fornitori Cliente Committente Team 20

20 Gestire il flusso d informazionid Riunioni e report Tempistica e costi Priorità interne Variazioni strategiche Direzione Management Fornitori Riunioni e scambio dati Caratteristiche tecniche e d uso Tempistica Costi INFO INFO Riunioni Caratteristiche tecniche e d uso Tempistica INFO Cliente Committente Riunioni e scambio dati Caratteristiche tecniche e d uso obiettivi tempi e costi Utilizzo risorse Priorità Vendita Marketing Ufficio Tecnico INFO Produzione Montaggio INFO 21

21 Il Profilo del Project Manager Imporre Solitario Socievole Convincere 22

22 Il profilo del Capo Progetto Creativo Virtuoso tecnico Organizzatore 23

23 Il Profilo del Capo Progetto Brainstorming, pensiero divergente Competenze di Creatività Relazione Tecniche gestionali Organizzazione Comunicazione, motivazione, leadership, team building, gestione dei conflitti, negoziazione Finanza, contabilità, marketing, progettazione. Pianificazione strategica ed operativa Visione d insieme, multitasking, gestione del tempo e delle priorità 24

24 Il Profilo del Capo Progetto QUANTO SAPERE TECNICO? Abbastanza per assicurare la comunicazione Abbastanza per fare la pianificazione Abbastanza per seguire l avanzamento Abbastanza per controllare la qualità 25

25 Atteggiamenti ATTEGGIAMENTI COMPORTAMENTI QUOTIDIANI LE RISORSE CON CUI MISURARSI 26

26 Per Vincere GLI ATTEGGIAMENTI PER VINCERE IMPERFETTAMENTE Entusiasmo Fatti piacere le cose come sono e piega gli eventi col calore della tua serenità Fiducia Tutto quello che possiamo fare non è tutto. Ma tutto quello che possiamo fare è sufficiente Azione Prova, spingi e picchia prima di rinunciare Flessibilità Impara a perdere, a cambiare opinione, a chiedere scusa, a ricominciare 27

27 I Comportamenti Intuire Lascia il tuo spirito guizzare tra ragione ed emozione. La logica non ti da tutte le risposte Prevedere Sogna, immagina, deduci e calcola. Non dare tregua al futuro. (pianificare gli incarichi ed incarichi di lavoro, condividerli, quali sono i rischi ed i possibili intoppi, le ferie, le alchimie tra le persone) Imitare Osserva, seleziona, copia. La cultura e il progresso crescono dal confronto Decidere Tra il dire ed il fare c è di mezzo il decidere Decidi sugli obiettivi, sulle risorse, 28

28 I Comportamenti Comunicare Non importa se non capisci l inglese, ma è indispensabile che tu parli italiano. (segnala gli scostamenti del progetto, caratteristiche, richieste del cliente, risultati, ecc..) Lavorare di più Non chiederti cosa ti sarebbe piaciuto fare; fatti piacere ciò che devi fare e dacci dentro. Migliorarsi Evita di formarti se non ti diverti ad imparare Valorizzarsi Cerca di apparire quello che vuoi essere 29

29 I Comportamenti Ascoltare e motivare (Senti i segnali deboli dai partecipanti; dare attenzione è già motivare; esiste anche la vita fuori dal progetto; prepara incontri individuali ed eventi di gruppo; segui le inclinazioni personali dei partecipanti al team. Controlla Il lavoro ed i risultati del tuo gruppo, l andamento dei tempi e dei costi, il carico di lavoro del tuo team, il loro morale, la competenza, la soddisfazione del cliente, ecc... Coordina I diversi sottogruppi, ed attività; il cliente, il team, i fornitori e l interno dell azienda. Comandare Nascondi la paura e la solitudine, comanda con affetto, e coraggio. Gli altri ti considereranno un leader. 30

30 Assegnazione esplicita delle responsabilità Si è visto che il Progetto è una sommatoria di attività interconnesse: il rispetto dei tempi e dei costi previsti è subordinato al completamento di ciascuna attività nei termini assegnati. Maggiore è la complessità del progetto e più elevati possono essere i danni indotti dalla mancata o tardiva realizzazione di singole attività. Pensiamo a qualche reparto ospedaliero mai avviato per la mancanza di un contratto di manutenzione di una apparecchiatura per TAC o a Personal Computer acquistati e inutilizzati per mancanza di prese elettriche a norma. 31

31 Lavoro per obiettivi Pertanto, il Project Management richiede la praticabilità di una negoziazione fra il Capo Progetto e i singoli responsabili di attività,, che si concluda con un "Contratto" impegnativo fra le parti (con effetti legali nel caso di soggetti esterni, formalizzato come corrispondenza aziendale per i soggetti interni). Questo approccio consente una chiara distribuzione delle responsabilità di progetto. La praticabilità reale è condizionata dal "clima" e dall'efficienza generale dell'azienda. 32

32 Il Team di progetto La modalità di lavoro ottimale per una efficace gestione dei progetti è la condivisione coordinata e precisa dell attivit attività, in cui ciascuno svolge un ruolo specifico senza perdere di vista l'unitarietà del progetto. Questo è reso possibile dall'esistenza di un piano di progetto preciso e condiviso, ove ciascuno prepara una tessera del mosaico. 33

33 Motivazione Naturalmente non basta aver redatto un progetto valido Il Project Manager ha il compito di gestire efficacemente il Team di Progetto dal punto di vista motivazionale: gli sono richieste pertanto doti di leadership e comunicazione. 34

34 ...A proposito di motivazione... Il Direttore, reduce da un seminario sulla motivazione, chiama nel suo ufficio un impiegato e gli dice: "D'ora in poi, lei sarà libero di pianificare e controllare il suo lavoro. Sono sicuro che ne deriverà un aumento di produttività". "Mi pagheranno di più?", domanda il dipendente. "No, affatto. Il denaro non costituisce un incentivo valido ed un aumento di stipendio non dà d alcuna soddisfazione". "Sì,, ma se la produzione migliora, mi pagheranno di più?" "Stia a sentire", spiega il direttore, "evidentemente lei non ha capito la teoria della motivazione. Porti a casa questo libro e lo legga; spiega quali sono le sue vere motivazioni". Mentre si allontana, l'uomo si ferma e si chiede: "Ma se leggo il libro, mi pagheranno di più?" 35

35 Il Sistema di Pianificazione e Controllo Supponiamo che il Project Manager abbia elaborato un piano di progetto perfetto, che individui tutte le specifiche attività richieste dal momento dell'avvio fino al completamento; poniamo ancora che il piano sia stato approvato ed i fondi resi disponibili: a questo punto si passa alla fase di realizzazione, in cui si avviano le attività,, ciascuna alla scadenza prevista in piano In generale, molte attività saranno svolte da persone non dipendenti dal Capo Progetto, quali fornitori esterni od altri settori aziendali.. In questa fase il Project Manager non ha una responsabilità diretta sullo svolgimento delle suddette attività,, dal momento che vede il responsabile dell'attività stessa come un "fornitore" di un prodotto da consegnare entro le scadenze indicate nel piano. Il Capo Progetto deve limitarsi ad un monitoraggio sull'avanzamento nto dei lavori, restando pronto, in caso di scostamenti, ad assumere le decisioni idonee a riportare il progetto sul binario corretto 36

36 Organizzazione Aziendale Per passare dal piano progetto alla sua concreta attuazione, è indispensabile che ciascuno dei "realizzatori" coinvolti faccia la sua parte, completando le proprie attività nei tempi, nei costi e con la qualità richiesti. Per ottenere questo risultato, si richiede da un lato di selezionare fornitori esterni affidabili, dall'altro di disporre in Azienda di una organizzazione complessiva in grado di rispettare, in ciascun settore operativo, gli impegni presi. In altre parole, ogni settore aziendale deve operare con la logica del "lavoro per obiettivi", ovvero pianificando i propri impegni sulla la base delle risorse disponibili, utilizzate al meglio. Quando in Azienda la pianificazione diventa un abito mentale con cui gestire il lavoro, nasce un Sistema di Pianificazione e Controllo,, che si diffonde in maniera integrata dalla direzione generale fino ai a reparti operativi. 37

37 Esempio da evitare 38

38 Il ciclo di vita del progetto A parte la terminologia specifica legata alla tipologia ed all'azienda, ciascun progetto attraversa concettualmente le fasi seguenti: INIZIO FINE Studio di fattibilità: : verifica la fattibilità del progetto dal punto di vista tecnico, economico, organizzativo, normativo. Definizione: produce le specifiche del progetto, in altri termini le caratteristiche esterne del prodotto finale. Progettazione: definisce le soluzioni tecniche e/o organizzative. Realizzazione: la attuazione delle soluzioni definite nella progettazione. Collaudo: verifica della corrispondenza fra i risultati e le specifiche definite. Attivazione: messa in opera dei prodotti per la fruizione da parte dell'utente finale. 39

39 Inizio/Fine Il Progetto deve svolgersi in un intervallo di tempo rigorosamente definito. Il mancato rispetto di quest ultimo ultimo criterio porta a "progetti aperti", che si prolungano indefinitamente nel tempo, sfuggendo al controllo dei costi. Ove ci sia bisogno di modifiche ai prodotti definiti nelle specifiche iniziali, è opportuno definire una nuova versione del progetto, da negoziare formalmente con il Committente. La strada alternativa consiste nel rilasciare una prima versione dei prodotti conformi alle specifiche iniziali e nel registrare le richieste r di modifica, che saranno attivate in versioni successive del prodotto. to. 40

40 La metodologia del Project Management La metodologia per la gestione dei progetti è articolata in un ciclo di quattro fasi : Pianificazione: la stesura del piano di progetto. Realizzazione: l'esecuzione delle attività in piano. Rilevazione avanzamento: la misurazione periodica dello stato di avanzamento del progetto. Analisi scostamenti: il confronto fra quanto previsto e quanto realizzato, l'analisi delle cause di discrepanza e le decisioni......che portano ad una nuova Pianificazione... 41

41 Il Processo del Project Management Il processo è ciclico e non sequenziale, in quanto è improbabile che le cose vadano fino alla fine come previsto nel piano originario: gli imprevisti sono all'ordine del giorno e possono riguardare assenze di personale, mancanza di materiali, errori di progettazione, modifica delle esigenze del cliente, guasti tecnici, errate stime sulla durata,... Pertanto, il compito del Project Manager non si esaurisce con la stesura del piano, ma prosegue ininterrotto per l'intera durata del progetto 42

42 DEFINIRE Per una buona gestione di un progetto obiettivi e strategia PROGRAMMARE scrivere le specifiche, scadenze e milestones ATTUARE operare, controllare, correggere, recuperare CONCLUDERE raggiungere l obiettivo, l valutare gli scostamenti e fare tesoro delle esperienze acquisite 43

43 Saper Negoziare Essere sempre preparato Non presumere a priori di conoscere il punto di vista dell interlocutore, ma fare domande e capire Riaffermare quanto desiderate in modo che possiate averne conferma Ascoltare (fifty( & fifty) Prendere appunti su quanto concordato e riepilogare senza chiudersi sulle proprie posizioni Analizzare anche altre idee per risolvere il problema Mettersi nei panni dell interlocutore ed aiutarlo (win to win) Barattare (alto valore - basso costo) Evitare i meccanismi di autodifesa Ringraziare Non dare ultimatum, offrire alternative Dare scadenze / milestones realistici 44

44 Feedback di valutazione Il feedback può essere negativo o positivo, ma deve essere tempestivo per consentire una rapida rifocalizzazione dell obiettivo 45

45 Autovalutazione del PROJECT LEADER Siete in grado di valutare un progetto dal punto di vista dell utente? Sapete valutare i vincoli che lo condizioneranno? Sapete scomporre il progetto in fasi compiute e gestibili? C è un programma scritto? Ogni progetto entra in rapporto con varie persone/enti. Quali sono le esigenze e cosa pensano coloro con i quali il progetto entrerà in rapporto? Chi è disposto ad aiutarvi per la riuscita del progetto? Siete in grado di attivare ed ottenere collaborazione? Sapete stimolare i collaboratori (energia, fantasia, impegno...) per la l riuscita del progetto? Siete più orientati a parlare o ad ascoltare? Se c èc disaccordo, siete in grado di ricomporre i conflitti e di riattivare ivare collaborazione? 46

46 Il Sistema di Pianificazione 47

47 Le fasi della Pianificazione La fase di Pianificazione ha l'obiettivo di produrre il Piano di progetto, il che equivale a definire: Prodotti Che cosa fare Tempi Quando Risorse Come 48

48 Passaggio da obiettivi a prodotti Gli obiettivi del nostro progetto devono essere espressi in termini di prodotti, per i quali siano definiti sia la qualità che i criteri di collaudo. Se non si definisce il livello di qualità,, il Committente potrà dichiararsi comunque insoddisfatto. La definizione dei criteri di collaudo costituisce una cartina al tornasole per chiarire con il Committente che cosa potrà attendersi dal progetto. 49

49 WBS Work Breakdown Structure Per redigere la nostra Lista dei Prodotti, utilizzeremo la tecnica WBS, che consiste nello scomporre il progetto in "Pacchetti di lavoro", per ciascuno dei quali si specificano, come ormai sappiamo, i Prodotti, le Attività da svolgere, il Responsabile. Il Progetto viene così rappresentato mediante tre viste: PBS (Product Breakdown Structure) ) descrive i PRODOTTI ABS (Activity Breakdown Structure) ) descrive le ATTIVITA' OBS (Organization Breakdown Structure) ) descrive l'organizzazione 50

50 PBS Product Breakdown Structure Supponiamo di dover realizzare una villa per un facoltoso cliente e di redigere la rappresentazione strutturata dei Prodotti ( PBS) Al livello concettuale più alto, il prodotto è indicato come Villa Scendendo verso un dettaglio maggiore, possiamo distinguere Edificio e Giardino A sua volta, l'edificio può essere scomposto in Opere murarie e Impianti. 51

51 ABS Activity Breakdown Structure L'obiettivo di questo passo è l'individuazione delle attività del progetto che non vengono gestite come una lista bruta, ma rappresentate a diversi livelli di aggregazione partendo dalla PBS: P Per ogni prodotto elementare (una foglia dell'albero), si elencano no le attività da svolgere per ottenerlo, denominate WORK PACKAGES (Pacchetti di lavoro). Esempio: lista attività per il prodotto Impianto elettrico Progettare impianto Acquistare cavi elettrici Predisporre canali per passaggio cavi Acquistare prese ed interruttori Acquistare centralina elettrica Posare cavi 52

52 Raggruppamento attività Si raggruppano le attività in gruppi funzionalmente omogenei, quali: Progettazione Acquisti Installazione Collaudo Imballaggio Spedizione Si riorganizzano le attività in un albero 53

53 Esempio ABS: realizzazione di una villa 54

54 OBS Organization Breakdown Structure L'obiettivo di questo passo è l'individuazione dei Responsabili delle attività del progetto, rappresentando le responsabilità a diversi livelli di aggregazione e producendo l'albero delle responsabilità: Per ciascuna attività (elementare o di gruppo) si individua un responsabile. Le responsabilità vengono gerarchicamente collocate. La OBS somiglia ma non coincide con l'organigramma dell'azienda, in quanto include soltanto le funzioni coinvolte nel progetto e comprende i responsabili esterni (appaltatori, consulenti,..) 55

55 Una possibile OBS per l'esempio della Villa 56

56 Il Budget delle Attività Per ciascun Work Package, il Capo Progetto richiede al relativo Responsabile una stima di: Impegno di risorse Durata Costi La determinazione del Budget delle attività è da assimilare ad una vera e propria OFFERTA, che vede il Responsabile come "Fornitore" ed il Capo Progetto come "Cliente". Il risultato finale del Budget sarà il frutto di una negoziazione 57

57 Assegnazione delle risorse L'obiettivo di questo passo è l'assegnazione, a ciascuno dei Work Packages,, delle risorse necessarie, per Tipologia (quali) e per Quantità (quante) Per una corretta gestione delle risorse, risulta indispensabile censire le risorse stesse, classificarle ed archiviarne i dati caratteristici (identificativi, disponibilità, costo, ecc.). Per avere una visione d'insieme, si ricorre ancora una volta alla rappresentazione ad albero che, nel caso delle risorse, assume la denominazione di RBS (Resources( Breakdown Structure) 58

58 RBS nell'esempio della Villa 59

59 Risorse ad impiego e a consumo AD IMPIEGO Persone Attrezzature Impianti Non vengono consumate dall attivit attività cui sono assegnate e possono essere riutilizzate A CONSUMO Materie prime Materiali di consumo Carburanti Vengono consumate dall attivit attività cui sono assegnate oppure vengono inglobate nel prodotto 60

60 Durate QUANTITÀ TOTALE DELLE RISORSE DURATA TECNICA VINCOLI TECNICI DURATA CONCENTRAZIONE DISPONIBILITÀ 61

61 La Durata Tecnica Il tempo minimo necessario per il completamento dell'attività concentrando tutte le risorse "tecnicamente" disponibili. Rappresenta un "limite inferiore" di riferimento. Consente simulazioni nell'ipotesi di dover accelerare il progetto. 62

62 Vincoli Tecnici: Vincoli e disponibilità Non sempre un aumento di risorse riduce la durata dell'attività. Se una donna fa un bambino in nove mesi, due donne non lo fanno in 4,5 mesi. Per far viaggiare un TIR da Roma a Napoli un autista impiega 2 ore; quattro autisti non impiegano certo mezz'ora. Disponibilità: Raramente accade di poter allocare tutte le risorse disponibili ad una stessa attività. La nostra attività dovrà convivere con lavori già pianificati. Concentrazione: Per effetto dei Vincoli Tecnici e della Disponibilità,, sarà possibile concentrare sulla nostra attività solo una parte delle risorse aziendali. 63

63 Schedulazione A questo punto del processo di Pianificazione, disponiamo di una lista di attività,, per ciascuna delle quali sono definiti un Responsabile, i PRODOTTI, le RISORSE e la DURATA non ci rimane che collocarle nel tempo, ossia di fare la SCHEDULAZIONE, tenendo conto di: VINCOLI tecnici e fisici tra le attività: non si può costruire il tetto prima delle fondamenta IMPEGNI contrattuali: date di consegna impegnative per il prodotto finale o prodotti intermedii VINCOLI esterni: attendere la consegna della licenza edilizia Il risultato della Schedulazione viene rappresentato frequentemente mediante un Diagramma di Gantt 64

64 Esempio di GANTT relativo alla realizzazione di una villa 65

65 Diagramma di GANTT Ciascuna attività occupa una riga ed è rappresentata da una barra, la cui lunghezza rappresenta la Durata. La collocazione delle attività tiene conto dei vincoli reciproci: ad es., le pareti divisorie potranno essere costruite solo dopo il telaio dell'edificio si potrà avviare la realizzazione dell'impianto elettrico,quando le pareti divisorie saranno in parte realizzate (per esempio a livello llo del pianterreno). Il rombo nero rappresenta un vincolo esterno (la consegna del materiale da parte del fornitore ). Dalla schedulazione si ricavano le date previste per lo svolgimento di tutte le attività ed in particolare la data di completamento del progetto (MILESTONE) 66

66 Tecniche reticolari Adottando la tecnica di Pianificazione Reticolare, il Progetto non viene più considerato come un insieme di singole attività,, ma come una Struttura a rete, i cui nodi sono le Attività Questa tecnica costringe a pensare alla logica del progetto, in modo da programmare le attività individuando i condizionamenti reciproci ed i vincoli esterni. Permette di individuare le attività che condizionano il completamento del progetto (cammino( critico) Permette di gestire efficacemente le variazioni in corso d'opera. Permette analisi di tipo " "what if"(simulazione di svariate soluzioni) Richiede l'utilizzo del computer, per ottenere risposte in tempo utile. 67

67 I diagrammi CPM I diagrammi CPM, un acronimo dalla lingua inglese che sta per Critical Path Method,, servono per rappresentare dello svolgimento delle attività di un progetto.. Il CPM adopera delle frecce orientate per indicare le attività ed la loro consequenzialità. È uno dei metodi grafici adoperati per il project management.. I diagrammi CPM vengono anche detti diagrammi di PERT quando il modello si rifà ad una serie di dati stimati e non conosciuti preventivamente. In entrambi i casi la finalità è quella di rendere più efficiente lo svolgimento dei progetti riallocando le risorse per ridurre al minimo i tempi morti. Furono introdotti dalla DuPont. 68

68 La tecnica PERT Per la rappresentazione reticolare di un piano, si utilizza nella maggior parte dei casi la tecnica denominata PERT (Program Evaluation and Review Tecnique) alla quale faremo riferimento Legami. Il legame più frequente fra due attività è del tipo "Fine - Inizio": L'attività B può iniziare solo dopo la fine di A. Esempio: Si realizza la struttura dell'edificio (A), prima delle e pareti divisorie (B). Esistono tuttavia anche i Legami Inizio-Inizio Fine-Fine Inizio-Fine 69

69 Legame Inizio - Inizio Legami L'attività B può iniziare dopo l'inizio di A. Esempio: Gli impianti elettrico (A) ed idraulico (B) possono essere realizzati in parallelo Legame Fine- Fine L'attività B non può finire se non è terminata A. Esempio: Il servizio di vigilanza (B) non può terminare prima dei i lavori di cantiere(a). Legame Inizio - Fine L'attività B non può finire se non è iniziata A. Esempio: La procedura manuale di rilevazione delle presenze (B) non può terminare se non è stata avviato il sistema di transito con badge magnetici (A). 70

70 Analisi del Reticolo Per ciascuna attività sono indicati il nome e la durata. "Inizio" e "Fine" rappresentano due eventi (aventi dunque durata nulla) e pertanto presentano una grafica diversa. E' buona norma inserire in ogni progetto gli eventi di Inizio e Fine. 71

71 Responsabile della Attività C Si prevede l'avvio del piano il giorno 1 Marzo. Per pianificare gli impegni si porrà la domanda: "Quando posso svolgere l'attività C?" Supponendo di prescindere da giornate festive, si vede che l'attivit ività può cominciare: al più presto il giorno 3 mattina (per terminare il giorno 5 sera)...ma potrebbe anche cominciare al più tardi il giorno 4 mattina (per terminare il giorno 6 sera), senza ritardare la conclusione del progetto, che risulta comunque condizionato dall'attività A, che deve svolgersi dal giorno 1 al giorno 6. Ci rendiamo dunque conto che alcune attività hanno una data di svolgimento obbligata (se non si vuole ritardare la conclusione dell'intero progetto), mentre altre possono svolgersi in una certa finestra temporale. 72

Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management. Work Breakdown Structure (WBS) (2) Work Breakdown Structure (WBS) (3)

Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management. Work Breakdown Structure (WBS) (2) Work Breakdown Structure (WBS) (3) Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management Work Breakdown Structure, Organizational Breakdown Structure, GANTT, Pert È una illustrazione (grafica) del progetto che articola il

Dettagli

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base)

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) ISIPM Base Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) Gruppo B Conoscenze Tecniche e Metodologiche Syllabus da 2.1.1 a 2.7.1 1 Tema: Gestione Ambito del Progetto e Deliverable

Dettagli

Scopo della WBS. La regola del 100% Orientamento ai risultati

Scopo della WBS. La regola del 100% Orientamento ai risultati Le problematiche delle fasi del progetto CONCEZIONE ELABORAZIONE FINANZIAMENTO NEGOZIAZIONE ATTUAZIONE ATTUAZIONE - Definizione della successione delle attività esecutive - Allocare le risorse - Pianificare

Dettagli

IL PROJECT MANAGEMENT

IL PROJECT MANAGEMENT IL PROJECT MANAGEMENT Scopi e campi di applicazione La pianificazione del progetto Le tecniche di pianificazione del progetto Le tecniche di pianificazione dei tempi La gestione e il controllo del progetto

Dettagli

Gestione dei Progetti (2005-2006)

Gestione dei Progetti (2005-2006) Gestione dei Progetti (2005-2006) Alessandro Agnetis DII Università di Siena (Alcune delle illustrazioni contenute nella presentazione sono tratte da PMBOK, a guide to the Project Management Body of Knowledge,

Dettagli

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (1^ parte)

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (1^ parte) Paolo Mazzoni 2011. E' ammessa la riproduzione per scopi di ricerca e didattici se viene citata la fonte completa nella seguente formula: "di Paolo Mazzoni, www.paolomazzoni.it, (c) 2011". Non sono ammesse

Dettagli

IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE: TECNICHE DI SCOMPOSIZIONE DI UN PROJECT (WBS) LABORATORIO INTEGRATO DI COSTRUZIONE E PRODUZIONE LEZIONE 3

IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE: TECNICHE DI SCOMPOSIZIONE DI UN PROJECT (WBS) LABORATORIO INTEGRATO DI COSTRUZIONE E PRODUZIONE LEZIONE 3 IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE: TECNICHE DI SCOMPOSIZIONE DI UN PROJECT (WBS) IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE Un progetto è un insieme complesso di numerose attività finalizzate al raggiungimento

Dettagli

Il Project Management

Il Project Management Il Project Management con l ausilio di strumenti informatici A cura di Paolo Tateo Il Project Management Tecnica per la gestione sistemica di un'impresa complessa, unica e di durata determinata, rivolta

Dettagli

IL PROCESSO TECNICO DI SCHEDULAZIONE: TEMPI E COSTI DI UN PROJECT LABORATORIO INTEGRATO DI COSTRUZIONE E PRODUZIONE LEZIONE 4

IL PROCESSO TECNICO DI SCHEDULAZIONE: TEMPI E COSTI DI UN PROJECT LABORATORIO INTEGRATO DI COSTRUZIONE E PRODUZIONE LEZIONE 4 IL PROCESSO TECNICO DI SCHEDULAZIONE: TEMPI E COSTI DI UN PROJECT UNA VOLTA CREATA LA WBS E, QUINDI, INDIVIDUATA CIASCUNA PARTE ELEMENTARE DEL PROJECT, SI PASSA ALLA SCHEDULAZIONE CHE CONSISTE NELL ASSEGNARE

Dettagli

La gestione manageriale dei progetti

La gestione manageriale dei progetti PROGETTAZIONE Pianificazione, programmazione temporale, gestione delle risorse umane: l organizzazione generale del progetto Dimitri Grigoriadis La gestione manageriale dei progetti Per organizzare il

Dettagli

I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione :

I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione : Il Project Management nelle Aziende Sanitarie Tipologie di progetti nelle ASL-AOAO I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione

Dettagli

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 LEZIONE LA GESTIONE DEI PROGETTI DOTT. GIUSEPPE IULIANO Indice 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 1.1 La prima fase di impostazione ---------------------------------------------------------------------7

Dettagli

TECNICHE DI PROGRAMMAZIONE

TECNICHE DI PROGRAMMAZIONE CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE TECNICA E SICUREZZA DEI CANTIERI TECNICHE DI PROGRAMMAZIONE Nicola Marotta La programmazione nel cantiere edile La programmazione dei lavori all interno di un cantiere

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE La Work Breakdown Structure La WBS è uno strumento di pianificazione delle attività progettuali che comporta un lavoro di: 1) suddivisione

Dettagli

La gestione dei progetti informatici

La gestione dei progetti informatici Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Ingegneria del Software La gestione dei progetti informatici Giulio Destri Ing. del Sw: Gestione - 1 Scopo

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IMPIANTI INDUSTRIALI. Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it. Andrea Chiarini 1

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IMPIANTI INDUSTRIALI. Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it. Andrea Chiarini 1 IMPIANTI INDUSTRIALI Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it Andrea Chiarini 1 PARTE 5 PIANIFICAZIONE DELLE FASI DI UN PROGETTO Andrea Chiarini 2 PROGETTAZIONE E SVILUPPO DEL PRODOTTO E DEL PROCESSO

Dettagli

COMUNICAZIONE PER IL MANAGEMENT D IMPRESA

COMUNICAZIONE PER IL MANAGEMENT D IMPRESA COMUNICAZIONE PER IL MANAGEMENT D IMPRESA Roma, aprile 2015 Project Management (Prof. A. Rocchi) A cosa si riferisce Diverse sono le problematiche relative alla gestione dei progetti all interno di ogni

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Il ciclo di progetto focus su. Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT

Il ciclo di progetto focus su. Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT Il ciclo di progetto focus su Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT analisi periodica e finale di: efficienza, efficacia, impatto atteso, sostenibilità

Dettagli

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di Sessione La negoziazione Introduzione INTRODUZIONE Il presente modulo formativo ha lo scopo di aiutare il manager a riesaminare le dinamiche interpersonali e le tecniche che caratterizzano una negoziazione

Dettagli

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa il processo di programmazione e controllo prende le mosse dalla pianificazione strategica e con riferimento al budget aziendale definisce il quadro con cui confrontare

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO L organizzazione di un progetto è la realizzazione del processo di pianificazione. In altre parole, organizzare significa far funzionare le cose. Nello specifico, implica una

Dettagli

PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER

PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER CODICE PM 10.25 DURATA 10 giorni CATEGORIA Project Management DESTINATARI Project manager, responsabili di funzione, membri del Project Management Office, dirigenti,

Dettagli

1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto

1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto 11 1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto Poiché ciascun progetto è un processo complesso ed esclusivo, una pianificazione organica ed accurata è indispensabile al fine di perseguire

Dettagli

Il Progetto e il Project Management

Il Progetto e il Project Management Il Progetto e il Project Management Metodologie di Specifica del Software Per contattare il docente Dr. Anna Rita Laurenzi email: annarita.laurenzi@insiel.it cell.+39 3356368206 Agenda Progetto e Project

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

Unità Formativa 10.2: Strumenti per la programmazione delle attività.

Unità Formativa 10.2: Strumenti per la programmazione delle attività. Unità Formativa 10.2: Strumenti per la programmazione delle attività. Nella precedente Unità formativa si è fatto cenno ad alcuni strumenti molto diffusi per la programmazione delle attività e, in particolare,

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE COMMERCIALE. Roma, Milano, Verona, 11 Gennaio 2013

L ORGANIZZAZIONE COMMERCIALE. Roma, Milano, Verona, 11 Gennaio 2013 L ORGANIZZAZIONE COMMERCIALE Roma, Milano, Verona, 11 Gennaio 2013 EUGENIO VANDA General Manager Un'organizzazione è un gruppo di persone formalmente unite per raggiungere uno o più obiettivi comuni che

Dettagli

LINEE GUIDA DI BUDGET

LINEE GUIDA DI BUDGET Settore Controllo di Gestione LINEE GUIDA DI BUDGET Indice GLI OBIETTIVI DELLE LINEE GUIDA DI BUDGET... 3 IL BUDGET: DEFINIZIONE... 3 IL PROCESSO DI BUDGETING... 4 ASSEGNAZIONE... 4 PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE...

Dettagli

Pianificazione e gestione di progetto. Adozione di tecniche e metodologie usate anche in settori diversi dalla progettazione sw

Pianificazione e gestione di progetto. Adozione di tecniche e metodologie usate anche in settori diversi dalla progettazione sw Pianificazione e gestione di progetto Responsabile di progetto: attività 1) Pianificazione 2) Organizzazione 3) Gestione del personale (staffing) 4) Direzione 5) Controllo Adozione di tecniche e metodologie

Dettagli

Lezione n.15 IL CRONOPROGRAMMA

Lezione n.15 IL CRONOPROGRAMMA Lezione n.15 IL CRONOPROGRAMMA Prof. arch. Renato Laganà Articolo 17. All. XXI Codice Appalti Cronoprogramma. 1. Il progetto definitivo è corredato dal cronoprogramma delle lavorazioni, redatto anche al

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

IL CRONOPROGRAMMA 04/05/2015

IL CRONOPROGRAMMA 04/05/2015 Corso di Progettazione e Organizzazione della Sicurezza nel Cantiere - prof. arch. Renato G. Laganà IL CRONOPROGRAMMA Prof. arch. Renato Laganà Articolo 17. All. XXI Codice Appalti Cronoprogramma. 1. Il

Dettagli

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA 1 di 8 1 PRESCRIZIONI PER LA GESTIONE DI SERVIZI DI PROGETTAZIONE SULLA BASE DI DOCUMENTI DI 2 Parte Titolo 3 PARTE I I.1 PREMESSA I.2 SCOPI I.3 PRESCRIZIONI RELATIVE ALL'ORGANIZZAZIONE AZIENDALE DELLA

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico

Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico wwwisipmorg Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico Arch Eugenio Rambaldi Presidente ISIPM Istituto Italiano di Project Management wwwisipmorg Intervento all interno del

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Work Breakdown Structure Diagramma di Gantt PERT/CPM

Work Breakdown Structure Diagramma di Gantt PERT/CPM Work Breakdown Structure Diagramma di Gantt PERT/CPM C. Noè WBS Si tratta di uno strumento di supporto alla scomposizione analitica di un progetto in tutte le sue parti. Ciò facilita l attribuzione di

Dettagli

Corso: La pianificazione e la gestione dei progetti con Microsoft Project 2010 Codice PCSNET: AAAA-0 Cod. Vendor: - Durata: 3

Corso: La pianificazione e la gestione dei progetti con Microsoft Project 2010 Codice PCSNET: AAAA-0 Cod. Vendor: - Durata: 3 Corso: La pianificazione e la gestione dei progetti con Microsoft Project 2010 Codice PCSNET: AAAA-0 Cod. Vendor: - Durata: 3 Obiettivi Alla fine del corso i partecipanti saranno in grado di: Comprendere

Dettagli

IV. TEMPI E RISORSE: STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO

IV. TEMPI E RISORSE: STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO IV. TEMPI E RISORSE: STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Dopo aver affrontato la prima stesura del POP, si deve passare piano al vaglio del committente per avere il via definitivo. Se OK Si procede

Dettagli

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Desiderate aggiornarvi sul mondo delle PMI? Ulteriori dettagli sui cicli di formazione PMI e sui Business Tools sono disponibili su www.bancacoop.ch/business

Dettagli

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Minimaster in PROJECT MANAGEMENT IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Giovanni Francesco Salamone Corso Professionale di Project Management secondo la metodologia IPMA (Ipma Competence Baseline)

Dettagli

Sviluppo e Gestione di Progetti. Primo modulo: Introduzione al PM. Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione di Progetti per Informatici

Sviluppo e Gestione di Progetti. Primo modulo: Introduzione al PM. Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione di Progetti per Informatici Università di Padova - e Gestione di Progetti Primo modulo: Introduzione al PM docente: Filippo Ghiraldo filippo.ghiraldo@unipd.it Progetti e loro ciclo di vita Esempi Materiale didattico sottoposto a

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

DAL PROGETTO/DESIGN PROGETTO/PROJECT

DAL PROGETTO/DESIGN PROGETTO/PROJECT DAL PROGETTO/DESIGN AL PROGETTO/PROJECT Dal Progetto / Design al Progetto / Project. Il Project Management come strumento per la competitività. Una panoramica su strumenti e tecniche per la gestione efficace

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COS È UN OBIETTIVO... 3 IL CONTROLLO DI GESTIONE...

Dettagli

Gest.im Formazione Comportamentale e Manageriale - Lecco - Team Coaching & Coaching Individuale. Comune Cernusco Lombardone

Gest.im Formazione Comportamentale e Manageriale - Lecco - Team Coaching & Coaching Individuale. Comune Cernusco Lombardone Gest.im Formazione Comportamentale e Manageriale - Lecco - Team Coaching & Coaching Individuale Comune Cernusco Lombardone Valorizzazione e Sviluppo del Capitale Umano per il miglioramento di Performance

Dettagli

PM03 - IL PROJECT MANAGEMENT:TECNICHE DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO

PM03 - IL PROJECT MANAGEMENT:TECNICHE DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO + Obiettivi Far conoscere e diffondere la conoscenza di pianificazione, programmazione e controllo dei progetti allo scopo di potenziare le competenze dei partecipanti nella preparazione di progetti di

Dettagli

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità IL RISCHIO Il rischio è la distribuzione dei possibili scostamenti dai risultati attesi per effetto di eventi di incerta manifestazione, interni

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE II ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO UDA 4 IL TEAM DI PROGETTO LEZIONE: IL

Dettagli

Il Ciclo di Progetto e il Piano di Progetto

Il Ciclo di Progetto e il Piano di Progetto Il Ciclo di e il Piano di Alessandro De Nisco Università del Sannio Il Ciclo di IL CICLO DI VITA DEL PROGETTO RISORSE TEMPO IDEAZIONE VALUTAZIONE PIANIFICAZIONE REALIZZAZIONE MANUTENZIONE FASE INIZIALE

Dettagli

Il Project Management per i Managers

Il Project Management per i Managers Paolo Mazzoni 2012. E' ammessa la riproduzione per scopi di ricerca e didattici se viene citata la fonte completa nella seguente formula: "di Paolo Mazzoni, www.paolomazzoni.it, (c) 2012". Non sono ammesse

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Schedulazione MRP-II

Schedulazione MRP-II modulo Schedulazione MRP-II --------- Carico Risorse Produttive a Capacità FINITA ( FCS ) BREVE GUIDA ( su logiche di funzionamento e modalità d uso ) www.impresa24.ilsole24ore.com 1 Sommario Premessa

Dettagli

IL REPORTING DIREZIONALE

IL REPORTING DIREZIONALE IL REPORTING DIREZIONALE Il Reporting Direzionale è uno degli strumenti chiave necessari al management per governare l azienda e rappresenta il momento di sintesi delle rilevazioni contabili che permettono

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 3 di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE, IMPLEMENTAZIONE E CONTROLLO DI

Dettagli

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ GENERALITÀ 1 / 10 Sommario Generalità 1 Politica della Qualità 3 DECALOGO DELLA QUALITÀ 4 Politica Ambientale PREVENZIONE 7 FORMAZIONE CULTURA ED ATTEGGIAMENTO 8 COMUNICAZIONE 8 COLLABORAZIONE CON FORNITORI

Dettagli

BIBLIOGRAFIA Project Management. La metodologia dei 12 Step. Come applicarla in tempo reale per gestire con successo piccoli e grandi progetti - Antonello Bove, ED. Hoepli, 2014 Project Management. La

Dettagli

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management L organizzazione del lavoro per progetti è stata per lungo tempo una caratteristica prevalente delle aziende che operano

Dettagli

La Leadership. Salvatore Savarese

La Leadership. Salvatore Savarese La Leadership Salvatore Savarese 1 Introduzione Lavorare all interno di organizzazioni induce un evoluzione professionale ed umana in più direzioni: aumentano le competenze tecniche specifiche, si sviluppano

Dettagli

ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE

ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE Urbino: 3 e 4 ottobre 2008 A cura di: Stefano Santini sve@provincia.ps.it Definizione di progetto Opera complessa, unica e di durata limitata rivolta a produrre un risultato

Dettagli

Le tecniche di scheduling (1)

Le tecniche di scheduling (1) Le tecniche di scheduling (1) Sono la base di tutto il processo di pianificazione, e fornisco al management gli elementi per decidere come utilizzare le risorse per raggiungere gli obiettivi di costo e

Dettagli

GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE

GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE Alta Formazione per il Business Executive master GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE Bologna, 4 maggio 2013 introduzione al Project management a cura del dott. Stefano Soglia Materiale riservato alla

Dettagli

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini Sistema di valutazione della performance individuale del personale dipendente Allegato 2 1 di 9 Oggetto della valutazione Il sistema di valutazione della performance

Dettagli

Bottoncino CATALOGO CORSI (SEZIONE FORMAZIONE AZIENDALE) COMUNICAZIONE E RELAZIONALITÀ COMPETENZE MANAGERIALI BENESSERE E PRODUTTIVITÀ

Bottoncino CATALOGO CORSI (SEZIONE FORMAZIONE AZIENDALE) COMUNICAZIONE E RELAZIONALITÀ COMPETENZE MANAGERIALI BENESSERE E PRODUTTIVITÀ Bottoncino CATALOGO CORSI (SEZIONE FORMAZIONE AZIENDALE) COMUNICAZIONE E RELAZIONALITÀ COMPETENZE MANAGERIALI BENESSERE E PRODUTTIVITÀ FORMAZIONE TECNICA Cliccando tendina COMUNICAZIONE E RELAZIONALITA

Dettagli

Agenzia Regionale di Protezione Civile &!!

Agenzia Regionale di Protezione Civile &!! Agenzia Regionale di Protezione Civile!!!"#$ % &!! '()* &+#),) Ascoltiamo un po. Parole chiave di Velasco Motivazione Mentalità vincente Esercizio Impegno Adattamento Flessibilità Punti in comune. Quali

Dettagli

Marketing mix Prodotto

Marketing mix Prodotto Marketing mix Parlare di marketing mix per il settore pubblico è possibile soltanto prendendo i fattori che lo contraddistinguono ed adattarli al settore. Accanto ai tradizionali quattro fattori: prezzo,

Dettagli

Come gestire il cambiamento organizzativo?

Come gestire il cambiamento organizzativo? DAL 1946, CONSULENTI DI DIREZIONE 10133 TORINO CORSO FIUME 2 - Tel.(011) 6604346 6603826 (fax) Email: consulenti@studiobarale.it Come gestire il cambiamento organizzativo? Una breve guida all introduzione

Dettagli

Project Management. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali.

Project Management. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Project Management. di Simone Cavalli (simone.cavalli@unibg.it) Bergamo, Maggio 2010 Project Management: definizioni Progetto: Progetto si definisce, di regola, uno

Dettagli

Caso Pratico Stili di Direzione

Caso Pratico Stili di Direzione In questo caso, vi proponiamo di analizzare anche 4 situazioni relative alla presa di decisioni. Questa documentazione, come sapete già, è centrata su modelli di stili di direzione e leadership, a seconda

Dettagli

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Obiettivi conoscitivi Il Budget nel sistema di programmazione e controllo I documenti che compongono il budget Le finalità e gli obiettivi di budget Il processo

Dettagli

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI Proposte formative Un team di esperti in progettazione formativa è a disposizione per lo sviluppo di soluzioni personalizzate e la realizzazione di percorsi costruiti intorno alle esigenze di ciascuna

Dettagli

ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO

ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO Anno Accademico 2013 2014 PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DELLE IMPRESE TURISTICHE Lezione 4 Project Management PROJECT MANAGEMENT Il project management

Dettagli

1. STRUTTURA INFORMATICA GENERALE

1. STRUTTURA INFORMATICA GENERALE Come operare il controllo di gestione Per essere competitivi è necessario controllare sia i costi dell azienda, sia la gestione finanziaria, di un reparto come di una divisione. Un efficiente sistema di

Dettagli

Strategie di web-marketing

Strategie di web-marketing Strategie di web-marketing Prima di iniziare il web-marketing Prima di iniziare una strategia di web-marketing, è necessario comprendere se questo possa essere veramente utile alla propria azienda: Cosa

Dettagli

CAPITOLO 4 LA CREAZIONE DI TABELLE D ATTIVITÀ E SCHEDE DI SPESA

CAPITOLO 4 LA CREAZIONE DI TABELLE D ATTIVITÀ E SCHEDE DI SPESA CAPITOO 4 A CREAZIONE DI TABEE D ATTIVITÀ E SCHEDE DI SPESA 55 A CREAZIONE DI TABEE D ATTIVITÀ E SCHEDE DI SPESA 57 Questo capitolo descrive l uso del Q per sviluppare budget e piani di lavoro basati sul

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE VII APPENDICE I CASI DI STUDIO Servizi pubblici territoriali online

Dettagli

Restaurant Manager Academy

Restaurant Manager Academy Restaurant Manager Academy 1 La conoscenza non ha valore se non la metti in pratica L Accademia Un percorso formativo indispensabile per l attività di un imprenditore nel settore della ristorazione e dell

Dettagli

B1 LA PROGETTAZIONE. PROGRAMMA: gruppo di progetti con un obiettivo comune.

B1 LA PROGETTAZIONE. PROGRAMMA: gruppo di progetti con un obiettivo comune. ATTIVITÀ ORDINARIA : operazione svolta periodicamente con obiettivo implicito e tempi, risorse e costi standard (Es.di Attività Ordinaria: buste paga, pagamento fornitori) PROGETTO : ha un obiettivo esplicito

Dettagli

Lo Studio di Fattibilità

Lo Studio di Fattibilità Lo Studio di Fattibilità Massimo Mecella Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Definizione Insieme di informazioni considerate necessarie alla decisione sull investimento

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006)

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006) LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006) Nel quadro della innovazione organizzativa avviato dalla Provincia, il Nucleo

Dettagli

GESTIONE AVANZATA DEI MATERIALI

GESTIONE AVANZATA DEI MATERIALI GESTIONE AVANZATA DEI MATERIALI Divulgazione Implementazione/Modifica Software SW0003784 Creazione 23/01/2014 Revisione del 27/06/2014 Numero 1 Una gestione avanzata dei materiali strategici e delle materie

Dettagli

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature)

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Modello A (traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Ragione sociale dell impresa o Titolo del progetto imprenditoriale BUSINESS PLAN per l accesso

Dettagli

Progetto regionale Abruzzo Scuola Digitale. Project Management. (cenni) Ing. Giovanni Pisano Conferenze di servizio, ottobre 2015

Progetto regionale Abruzzo Scuola Digitale. Project Management. (cenni) Ing. Giovanni Pisano Conferenze di servizio, ottobre 2015 Progetto regionale Abruzzo Scuola Digitale Project Management (cenni) Ing. Giovanni Pisano Conferenze di servizio, ottobre 2015 1 COSA INTENDIAMO PER PROGETTO? Un progetto è un complesso unico e coordinato

Dettagli

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER Indice INTRODUZIONE... 3 CF1 - SVILUPPARE IL CASO PER IL FUNDRAISING... 4 CF 1.1 : INDIVIDUARE LE NECESSITÀ DI FUNDRAISING DI UN ORGANIZZAZIONE NONPROFIT;...

Dettagli

Quando si opera in un mercato

Quando si opera in un mercato Controllo ALLA RICERCA DELL EFFICIENZA: UN SISTEMA INTEGRATO DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Quando si opera in un mercato competitivo, attraverso un organizzazione complessa, è fondamentale disporre di

Dettagli

Programmazione didattica 2009. Project Management. Catalogo dei corsi

Programmazione didattica 2009. Project Management. Catalogo dei corsi Programmazione didattica 2009 Project Management Catalogo dei corsi Alta Formazione in Project Management Project Management: principi e criteri organizzativi Metodi e tecniche di avvio ed impostazione

Dettagli

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido Starter Package è una versione realizzata su misura per le Piccole Imprese, che garantisce una implementazione più rapida ad un prezzo ridotto. E ideale per le aziende che cercano ben più di un semplice

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager Valentina Bini, FIRE 27 marzo, Napoli 1 Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica

Dettagli

Tutorial. al Piano di Miglioramento

Tutorial. al Piano di Miglioramento Tutorial al Piano di Miglioramento Il presente documento è protetto ai sensi della vigente normativa sul diritto d'autore Legge 6 del 9 e ss.mm.ii. Come definito nell introduzione il Piano di Miglioramento

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli