Lean innovation Gestire in modo snello Lo sviluppo di nuovi prodotti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lean innovation Gestire in modo snello Lo sviluppo di nuovi prodotti"

Transcript

1 Lean innovation Gestire in modo snello Lo sviluppo di nuovi prodotti Stefano biazzo Università di padova LEAN THINKING Modello mentale di progettazione organizzativa e di management Per qualsiasi processo aziendale.. 1

2 Lean Management nello sviluppo nuovi prodotti Capitolo 5 Designing the car: The Techniques of Lean Design Quali sprechi nello sviluppo nuovi prodotti? Categoria Sovrapproduzione Esempi Dife6 2

3 Quali sprechi nello sviluppo nuovi prodotti? Categoria Sovrapproduzione Esempi ü Cara$eris(che, funzionalità, performance di prodo$o che superano (!) le esigenze del cliente: OVER- SHOOTING, OVER- ENGINEERING? Dife6 ü Modifiche dovute a cambiamento negli obieavi di prestazioni/funzioni del prodo$o ü Modifiche dovute a problemi di producibilità iden(fica( in ritardo ü.. Conosciamo davvero bene! i bisogni dei clienti?! 3

4 performance Traiettoria del miglioramento delle performance ritenute importanti da tutti i player del settore Prestazioni che i clienti sono In grado di assorbire e valorizzare OVERSHOOTING: I produttori, nelle dimensioni di performance tradizionalmente ritenute importanti, offrono prestazioni SOVRADIMENSIONATE per una LARGA FASCIA DEL MERCATO...?? tempo + Ci sono altre prestazioni legate a bisogni emergenti che non ho colto? (.. lavorare sull ASSE delle performance??) 4

5 Catturare i bisogni è difficile...! Quante caffettiere del masochista ci sono in giro?! 5

6 VALORE.! Attenzione a trascurare la! fase iniziale di definizione del! CONCEPT di prodotto! Voce del cliente bisogni di quali Clienti? Voce del prodotto Funzioni, Prestazioni & producibilità? Voce dell azienda obiettivi economici? Quali sprechi nello sviluppo nuovi prodotti? Categoria Esempi ACese TrasporD non necessari 6

7 Quali sprechi nello sviluppo nuovi prodotti? Categoria ACese Esempi ü Tempi di a$esa per informazioni, risulta( di test ü Tempi di a$esa per decisioni, approvazioni ü Tempi di a$esa per risorse non disponibili (umane e fisiche) ü ProgeA in stand- by per sovraccarico risorse e mancanza di priorità definite TrasporD non necessari ü Passaggi di informazioni non necessari ü Passaggi di responsabilità non necessari Categoria Processi inappropriad Esempi 7

8 Categoria Esempi Processi inappropriad ü Compilazione di documentazioni inu(lmente complicate e ridondan( ü Ricevere e scartare informazioni inu(li ü Processi di supporto inu(lmente complessi (es. per richieste di quotazioni ai fornitori, acquisizione materiali, ecc.) ü Processi decisionali burocra(ci (.. 2 seamane per una firma..) ü Riunioni non focalizzate e non adeguatamente stru$urate ü Mantenimento dello scheduling dei progea ex- post (es. Gan$ aggiorna( in ritardo che non servono per ges(re il proge$o, ma per informare il management sul proge$o e dare l illusione del controllo) Categoria Magazzini Esempi MovimenD non necessari 8

9 Categoria Magazzini MovimenD non necessari Esempi ü LoA di informazioni troppo grandi, che perme$ono agli errori di nascondersi e che allungano e rallentano i cicli di apprendimento e di creazione della conoscenza (es. even( di coordinamento poco frequen() ü Spostamen( inu(li (disposizione archivi, layout uffici..) ü Lavoro cara$erizzato da con(nue interruzioni e cambiamen( nei compi( causando eleva( tempi di set- up mentale Lean Management nello! sviluppo nuovi prodotti! Approccio SET-BASED nella ricerca delle soluzioni*** CADENZA, FLOW & PULL VALORE. Aggredire gli sprechi di CONOSCENZA ü ü OVER-shooting UNDER-shooting LEADER FORTI di progetto TEAM INTEGRATO 9

10 Team integrato! INTERFUNZIONALITÀ Forte e con)nua partecipazione di almeno 2 funzioni chiave complementari alla proge$azione (marke(ng e produzione) RESPONSABILITÀ Individuazione esplicita dei membri del team di proge$o, con la definizione del ruolo e delle responsabilità di ognuno (full- (me o part- (me) FOCALIZZAZIONE A5enzione alla frammentazione del team: cercare di ridurre il più possibile le persone che lavorano part- (me al proge$o, frammentando il loro impegno su diverse inizia(ve Secondo la nostra esperienza non è affatto necessario che i team di progetto siano grandi come vorrebbero i manager tradizionali ma, anzi, quanto più ristretti li si riesce a tenere tanto meglio è. (... In relazione alla complessità del progetto...)! Non c è bisogno di molte persone con una specializzazione molto focalizzata, perché la maggior parte degli uomini di marketing, progettazione, approvvigionamento e produzione hanno in realtà competenze molto più ampie di quanto: 1) abbiano mai realizzato di avere 2) abbiano mai ammesso 3) sia mai stato consentito loro di utilizzare. Quando ad un piccolo team viene dato mandato semplicemente di fare, abbiamo sempre verificato come i suoi componenti scoprano improvvisamente che ciascuno di essi è in grado di coprire un ventaglio di compiti più esteso di quanto gli sia mai stato consentito di fare fino ad allora. 10

11 Project Leader con! imprinting imprenditoriale! E un abile interprete del mercato e dei bisogni dei clien( Guida lo sviluppo del concept di prodo$o e ne è poi il guardiano nel corso della proge$azione ingegneris(ca di de$aglio E una guida tecnica (in quanto profondo conoscitore dei fasci tecnologici che compongono il prodo$o)..ma con l ossessione del valore per il cliente Ges(sce i trade- off tecnici avendo come punto di riferimento il concept di prodo$o, consapevole di avere la responsabilità di proge$are una catena del valore profi$evole Ispira e coordina il gruppo Coordina gli sforzi e presidia tempi e cos( Project Leader con! imprinting imprenditoriale! 11

12 Cadenza, flow & pull! nella gestione dei PROGETTI! Pianificazione integrata all esecuzione Pianificatori & esecutori Pianificazione come discussione e scambio di impegni reciproci Strumenti FRUGALI: Visual board + stand up meetings Eventuali strumenti SW come supporto/simulazione... Non come strumento di coordinamento... Stand-up Meetings (TAKT di progetto) Visual Board System Cadenza, flow & pull! nella gestione dei progetti! La pianificazione non può essere separata dall azione Non è pensabile pianificare l intero redcolo delle a6vità all inizio I piani devono essere di (po rolling wave: la pianificazione è un evento con(nuo e i decagli si formano progressivamente nel tempo La pianificazione di de$aglio è un a6vità di coordinamento reciproco che deve essere svolta da chi svolge il lavoro operadvo 12

13 Cadenza, flow & pull! nella gestione dei progetti! La pianificazione è un evento collabora(vo: la pianificazione è una discussione in cui i responsabili delle aavità si assumono impegni reciprochi sullo svolgimento dei compi( Le relazioni temporali fra aavità sono il fru$o di una contra$azione fra i responsabili delle aavità stesse (e non un a$ributo intrinseco di interdipendenza fra aavità) La durata di una aavità è anch essa (naturalmente entro un certo range di valori) fru$o di una contra$azione che dipende dalle esigenze del cliente a valle: di conseguenza la logica di pianificazione deve essere PULL Lean Project management - Visual Board - Pull Planning ü Approccio relazionale e decentralizzato alla pianificazione (Pull Planning o Responsibility-based planning) con stand-up meeting ü La visualizzazione dei contenuti del lavoro attiva forme nuove di interazione e collaborazione (Visual Board) 13

14 Visual Board Planning Board: un esempio Long Term Schedule 1. Si fissano i milestone primari e si torna indietro a definire i milestone secondari (stesso simbolo) feb mar apr mag R&D SW PUB PGD Funzioni o dipartimenti 2. Si esplode un milestone vicino in una serie di attività, che vengono mappate in base alla data in cui devono essere concluse R&D SW PUB PGD feb mar apr mag AAvità AAvità AAvità (m.stone) 14

15 Visual Board Planning Board: un esempio Medium Term Schedule 1. Si fissano le date di fine delle attività e si posizionano sulla mappa Week24 Week25 Week26 Week27 Nomi dei partecipanti Sig.A Sig.B Sig.C Sig.D AAvità 1 AAvità 2 AAvità 3 AAvità 4 AAvità 5 AAvità 6 ü Alcune sono collegate; partendo da quelle più avanti nel tempo, si torna indietro e si valuta se carichi e attività sono distribuiti in modo coerente ü Altre attività possono essere critiche e si indicano con un post-it di colore diverso Visual Board Planning Board Medium Term Schedule Schema di aggiornamento Week 24 Week 25 Week 26 Week 27 Sig.A Attività1 Attività 9 Attività6 Sig.B Attività2 Attività5 Attività 8 Sig.C Attività 4 Attività7 Sig.D Attività3 ü Si esaminano i post-it relativi ad attività che cadono nel periodo corrente (ad es. prima colonna) ü Ogni componente a turno è interpellato circa l esito delle attività di sua competenza 15

16 16

17 Il punto di vista di un utilizzatore... NON ESISTE UNO SCHEMA VALIDO IN ASSOLUTO...!! Deve essere progettato ad-hoc, sperimentato,! modificato...! 17

18 Planning MULTIPROGETTO! Visual Board Issue Board Problemi Aperti Problemi in via di soluzione Problemi risolti 4 casi possibili: ü un problema trova risposta nel gruppo, con la soluzione si sposta nella parte problemi risolti ; ü un problema non trova risposta definitiva, ma un suggerimento: si sposta nella colonna problemi in via di soluzione ; ü un problema non può essere risolto in questo momento: rimane nella colonna problemi aperti ; ü un problema, anche se emerso all interno del team di progetto, non è di competenza del gruppo 18

19 .. e il software?! 19

20 Evoluzione delle! metodologie di! Project Management! Tecniche tradizionali Visual Planning (Lean PM) Metodologie IBRIDE? Agile Project Management (SCRUM) Cadenza, flow & pull nel PROCESSO di sviluppo:! EVENTI chiave di integrazione! 20

21 PROCESSO di sviluppo centrato su EVENTI target di integrazione ü MILESTONE fondamentali dei progetti di sviluppo che TIRANO le attività di progetto (tipicamente una decina...)! ü Non rispettare le tempistiche di un evento deve diventare il peggior MUDA...! Eventi di integrazione Condivisione informazioni Occasione per generazione idee, valutazioni cri(che.. Riesame di documen(/idee/proto(pi Finalizzazione di documen( Approvazioni/decisioni a livello del team di lavoro Pianificazione di azioni future Alcuni even* possono essere dei GATE: momen* decisionali di approvazione da parte della direzione 21

22 Lean Management nello sviluppo nuovi prodotti! una visione d insieme: 22 buone pratiche!! Lean%TOOL% % 1.%Voice%of%the%Customer%(VOC)% % 2.%QFD%(Quality(Function( Deployment)% % 3.%Value%Analysis%&%Engineering% (o%design(to(cost)% %! Descrizione% Lo!sviluppo!dei!prodotti!deve!essere!fondato!su!una!profonda!e! accurata!conoscenza!dei!bisogni!espressi!ed!inespressi!dei! clienti.!e!importante!sottolineare!che!per!comprendere!i! bisogni!bisogna!allontanarsi!dalla!soluzioni!correnti,!dai! prodotti:!un!bisogno!non#è#una#specifica#tecnica.!! Per!comprendere!i!bisogni!è!necessario!spostare!l attenzione!sui! compiti,!sulle!funzioni!che!i!clienti!stanno!cercando!di!svolgere! in!determinate!circostanze:!quali!sono!i! problemi!(compiti,! attività,!funzioni)!che!il!cliente!sta!cercando!di!risolvere!in! determinate!circostanze?!quali!sono!i!!parametri!con!cui!viene! apprezzato!lo!svolgimento!delle!funzioni!che!il!cliente!sta! svolgendo?! Tale!conoscenza!può!essere!sviluppata!solo!nel!GEMBA!(il! luogo!della!verità ),!quindi!con!interazione!diretta!con!i!clienti! attraverso!interviste!mirate,!focus!group,!osservazioni!delle! modalità!di!utilizzo!del!prodotto!(visite!go#&#see).!! Il!QFD!è!un!sistema!per!tradurre!le!esigenze!del!cliente!in! adeguate!specifiche!interne!all azienda!in!ogni!stadio!del!ciclo!di! sviluppo!del!prodotto.!! La!parte!considerata!più!rilevante!del!QFD!è!la!cosiddetta! casa! della!qualità!(house!of!quality).!la!casa!della!qualità!è!una! matrice!che!mira!a!collegare!i!bisogni!dei!clienti!con!le! caratteristiche!tecniche!(o!specifiche)!di!un!prodotto!!(le! performance!correlate!alle!proprietà!fisiche!del! prodotto/servizio!e!al!superamento!di!test!e!prove;!tipiche! caratteristiche!sono!il!peso,!le!dimensioni,!la!velocità,!ecc.):!il! team!di!progetto!traduce,!o!dispiega!(deployment),!ogni! bisogno!del!cliente!in!una!misura!di!performance!tecnica.! Il!risultato!della!casa!delle!qualità!la!definizione!dell importanza! relativa!delle!varie!perfomance!misurabili!del!prodotto! realizzata!sulla!base!del!peso!relativo!dei!bisogni!dei!clienti.!si! può!quindi!affermare!che!la!casa!della!qualità!è!un!metodo! strutturato!per!identificare!e!gestire!i!tradexoff!!nelle!specifiche! di!prodotto!al!fine!di!massimizzare!il!successo!del!prodotto.! Identificare!e!intervenire!sulle!variabili!influenzanti!il!costo!del! prodotto!sin!dalla!fase!di!concepimento!del!prodotto.!la!value! Analysis!&!Engineering!è!centrata!sulla!accurata!identificazione! delle!funzioni!che!il!cliente!desidera!dal!prodotto;!nel!linguaggio! della!va&e!i!bisogni!dei!clienti!sono!espressi!con!il!termine! funzioni :! che!cosa!fa!il!prodotto,! quali!problemi!risolve!(ad! esempio,!in!un!videoproiettore! essere!adattabile!a!diverse! tensioni ).! Successivamente!si!individuano!l importanza!relativa!delle! funzioni!(nella!prospettiva!del!cliente);!poi!mettendo!in! relazione!le!funzioni!con!i!componenti!(o!sottoxassiemi)!del! prodotto!(quali!sono!i!componenti!che!contribuiscono!a! realizzare!le!singole!funzioni?)!si!determinano!i!costi!target!delle! funzioni!a!partire!dal!costo!obiettivo!totale!del!prodotto!sulla! base!del!principio!che!il!costo!di!una!funzione!deve!essere! proporzionale!all importanza!che!tale!funzione!ha!per!il!cliente.! Infine,!una!volta!sviluppate!le!soluzioni!tecniche!alternative,!è! possibile!calcolare!il!costo!effettivo!delle!funzioni!rielaborando! la!matrice!funzioni!!componenti!distribuendo!il!costo!del! componente!alle!varie!funzioni!utilizzando!la!seguente!logica!x! per!ogni!componente!va!posta!la!domanda:! se!mancasse!la! funzione!xy,!di!quanto!potrebbe!ridursi!il!costo!del! componente?!la!risposta!rappresenta!la!quota!del! componente!da!attribuirsi!alla!funzione!xy.! Principio% Focalizzazione!sul! VALORE! Focalizzazione!sul! VALORE! Focalizzazione!sul! VALORE! 22

Corso di Specializzazione VISUAL PLANNING EXPERIENCE WORKSHOP Pianificare e gestire i progetti in modo snello

Corso di Specializzazione VISUAL PLANNING EXPERIENCE WORKSHOP Pianificare e gestire i progetti in modo snello Corso di Specializzazione VISUAL PLANNING EXPERIENCE WORKSHOP Pianificare e gestire i progetti in modo snello OBIETTIVI Il pensiero Lean sostiene con forza che la complessità debba essere affrontata con

Dettagli

TOOLKIT. Lean Management nella progettazione e sviluppo dei prodotti. Perché il Lean Thinking nello sviluppo dei prodotti?

TOOLKIT. Lean Management nella progettazione e sviluppo dei prodotti. Perché il Lean Thinking nello sviluppo dei prodotti? TOOLKIT Lean Management nella progettazione e sviluppo dei prodotti Stefano Biazzo Università di Padova Sviluppare processi di progettazione e sviluppo sempre più rapidi e sempre più affidabili è ormai

Dettagli

Stefano Biazzo Università di Padova

Stefano Biazzo Università di Padova Stefano Biazzo Università di Padova 1979 2 visite di un team APPLE (la seconda con Steve Jobs) allo Xerox Palo Alto Research Center (PARC) per vedere lo Xerox ALTO 1 Douglas Engelbart Augmented Research

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELL INNOVAZIONE

ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELL INNOVAZIONE COME GESTIRE I PROGETTI IN MODO PIÙ SEMPLICE, VELOCE E COLLABORATIVO? COME RENDERE LA PROGETTAZIONE E LO SVILUPPO DEI PRODOTTI PIÙ VELOCE ED EFFICIENTE? COME RIDURRE LA COMPLESSITÀ DEI PRODOTTI GARANTENDO

Dettagli

Recuperare efficienza migliorando il comportamento industriale delle aziende del territorio

Recuperare efficienza migliorando il comportamento industriale delle aziende del territorio Gli strumenti per la competitività Recuperare efficienza migliorando il comportamento industriale delle aziende del territorio Registrazione dei partecipanti ore 19.15 Apertura dei lavori e coordinamento:

Dettagli

COMPANY PROFILE. A cura di: ing. G. Graziadei Founder VALUEPro Tel.: 3939881243 E-mail: gianni.graziadei@valuepro.it

COMPANY PROFILE. A cura di: ing. G. Graziadei Founder VALUEPro Tel.: 3939881243 E-mail: gianni.graziadei@valuepro.it COMPANY PROFILE A cura di: ing. G. Graziadei Founder VALUEPro Tel.: 3939881243 E-mail: gianni.graziadei@valuepro.it 1 1 Il valore che offriamo FORMAZIONE IN AZIENDA - Personalizzazione - Applicazione sul

Dettagli

Corso di Specializzazione LEAN DESIGN EXPERIENCE WORKSHOP Progettare nuovi prodotti in modo snello

Corso di Specializzazione LEAN DESIGN EXPERIENCE WORKSHOP Progettare nuovi prodotti in modo snello Corso di Specializzazione LEAN DESIGN EXPERIENCE WORKSHOP Progettare nuovi prodotti in modo snello OBIETTIVI Il Lean è una filosofia che sta cambiando il modo di operare delle imprese e che può portare

Dettagli

Verona 18 novembre 2010 Ing. Ezio MIOZZO www.ingmiozzo.it. Ing.Ezio MIOZZO

Verona 18 novembre 2010 Ing. Ezio MIOZZO www.ingmiozzo.it. Ing.Ezio MIOZZO Verona 18 novembre 2010 Ing. Ezio MIOZZO www.ingmiozzo.it 1 Indice Il contesto Metodologie Agili L extreme Project Management Lean Thinking o pensiero Snello Convergenza dei vari approcci 2 Contesto Da

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Produzione. Durata e costi. A chi è indirizzato. Obiettivi

Produzione. Durata e costi. A chi è indirizzato. Obiettivi 34 P01 Il miglioramento rapido in produzione in ottica lean : il Quick Kaizen Approccio innovativo ispirato a principi e tecniche di Lean Production e TPS Il QuicK Kaizen è un approccio innovativo per

Dettagli

Un approccio snello nella gestione della complessità dei progetti Il caso AZUR un azienda Lean

Un approccio snello nella gestione della complessità dei progetti Il caso AZUR un azienda Lean Un approccio snello nella gestione della complessità dei progetti Il caso AZUR un azienda Lean Firenze, 6 marzo 2013 COMPLESSITA AZUR ANALISI AZURLEAN La Complessità dei progetti Lo spettro della Complessità

Dettagli

Fabrizio Bianchi-Università Carlo Cattaneo LIUC. di più con meno

Fabrizio Bianchi-Università Carlo Cattaneo LIUC. di più con meno Fabrizio Bianchi-Università Carlo Cattaneo LIUC di più con meno Lean Lean Manufacturing Lean Production Lean Factory Fabbrica Snella Produzione Snella Fabbrica Integrata.. Toyota Production System (TPS)

Dettagli

lean innovation - 10 e 17 marzo 2015 e lean sales - 25 marzo e 1 aprile 2015

lean innovation - 10 e 17 marzo 2015 e lean sales - 25 marzo e 1 aprile 2015 lean innovation - 10 e 17 marzo 2015 e lean sales - 25 marzo e 1 aprile 2015 due aree di intervento strategiche per l implementazione del lean management 1 PERCHÉ SKILLAB Perché Skillab è da anni impegnata

Dettagli

LEAN ORGANIZATION C A T A L O G O C O R S I L E A N 2 0 1 3 BPR GROUP

LEAN ORGANIZATION C A T A L O G O C O R S I L E A N 2 0 1 3 BPR GROUP LEAN ORGANIZATION Organization fabbrica snella L impatto della sui in ottica 1 8 14 Trasmettere i principi teorici e definire, in termini di logica ed operatività, le principali metodologie del Production

Dettagli

PROCESSI IT: Ottimizzazione e riduzione degli sprechi - Approccio Lean IT

PROCESSI IT: Ottimizzazione e riduzione degli sprechi - Approccio Lean IT CDC -Corte dei conti DGSIA Direzione Generale Sistemi Informativi Automatizzati SGCUS Servizio per la gestione del Centro Unico dei Servizi PROCESSI IT: Ottimizzazione e riduzione degli sprechi - Approccio

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

Sviluppo e Gestione di Progetti. Primo modulo: Introduzione al PM. Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione di Progetti per Informatici

Sviluppo e Gestione di Progetti. Primo modulo: Introduzione al PM. Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione di Progetti per Informatici Università di Padova - Sviluppo e Gestione di Progetti Primo modulo: Introduzione al PM docente: Filippo Ghiraldo filippo.ghiraldo@unipd.it Progetti ed attività ordinarie Le aree di conoscenza del PM Processi

Dettagli

Master Management Infermieristico per le Funzioni di Coordinamento

Master Management Infermieristico per le Funzioni di Coordinamento Università Tor Vergata di Roma Master Management Infermieristico per le Funzioni di Coordinamento Tivoli, 2011 Mario Gentili Università Tor Vergata di Roma Perché? Master Management Infermieristico per

Dettagli

improving performance Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà

improving performance Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà Il miglioramento dei Processi Aziendali: Lean Thinking e Six Sigma Aldo Gallarà Novara, 10 Luglio 2014 1 Paradigma tradizionale delle prestazioni Nel passato, le aziende credevano che un miglioramento

Dettagli

Corso di Specializzazione VOICE OF THE CUSTOMER EXPERIENCE WORKSHOP Snidare i problemi in cerca di soluzioni

Corso di Specializzazione VOICE OF THE CUSTOMER EXPERIENCE WORKSHOP Snidare i problemi in cerca di soluzioni Corso di Specializzazione VOICE OF THE CUSTOMER EXPERIENCE WORKSHOP Snidare i problemi in cerca di soluzioni OBIETTIVI Lo sviluppo dei prodotti deve essere fondato su una profonda e accurata conoscenza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore

PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore OBIETTIVI DEL CORSO: Il programma si propone di fornire alle aziende indicazioni che possano essere di supporto al miglioramento delle prestazioni del loro processo

Dettagli

Semplicità e metodo per la gestione dei progetti di Innovazione L esperienza Indesit Company

Semplicità e metodo per la gestione dei progetti di Innovazione L esperienza Indesit Company Semplicità e metodo per la gestione dei progetti di Innovazione L esperienza Indesit Company ANNIBALE FRANCESCO IANNICE, GIANCARLO MATTIONI I n questo articolo è illustrato, anche attraverso un esperienza

Dettagli

La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean :

La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean : Consulenza di Direzione Management Consulting Formazione Manageriale HR & Training Esperienza e Innovazione La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean : un passo chiave nel percorso

Dettagli

CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore

CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore OBIETTIVI DEL CORSO: Il corso consente al partecipante di venire a conoscenza delle opportunità che la gestione del web marketing moderno

Dettagli

Un percorso che fa la differenza

Un percorso che fa la differenza ESPERIENZE DI SVILUPPO MANAGERIALE AZIONI E MODELLI DI COMPORTAMENTO WORKSHOP 2014 Collaborare e Comunicare per Competere Padova, 10 marzo, 15:00-19:00 Milano, 17 marzo, 9:00-13:00 Roma, 26 marzo, 9:00-13:00

Dettagli

L offerta di consulenza per l ideazione e lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi

L offerta di consulenza per l ideazione e lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi L offerta di consulenza per l ideazione e lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi La nostra visione sull Innovazione L'Innovazione di prodotto e tecnologica è una delle leve principali a disposizione

Dettagli

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) Gruppo A Conoscenze di Contesto Syllabus da 1.1.1 a 1.10.

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) Gruppo A Conoscenze di Contesto Syllabus da 1.1.1 a 1.10. ISIPM Base Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) Gruppo A Conoscenze di Contesto Syllabus da 1.1.1 a 1.10.1 1 Tema: Progetto 1.1.1 Conoscere la definizione di progetto e

Dettagli

Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari

Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari Definizione di progetto Cos è un progetto Progetto si definisce, di regola, uno sforzo complesso di durata solitamente

Dettagli

EQDL Start. Approccio per processi. Temi: Individuazione e descrizione dei processi. Syllabus da 3.1.3.1 a 3.1.3.6

EQDL Start. Approccio per processi. Temi: Individuazione e descrizione dei processi. Syllabus da 3.1.3.1 a 3.1.3.6 EQDL Start Approccio per Temi: Individuazione e descrizione dei Syllabus da 3.1.3.1 a 3.1.3.6 La patente europea della Qualità - EQDL START European Quality Driving Licence MOD 3 Start: APPROCCIO PER PROCESSI

Dettagli

Evoluzione in atto in ambito MCAD e PLM nelle aziende italiane. Sergio Terzi Università di Bergamo Politecnico di Milano

Evoluzione in atto in ambito MCAD e PLM nelle aziende italiane. Sergio Terzi Università di Bergamo Politecnico di Milano Evoluzione in atto in ambito MCAD e PLM nelle aziende italiane Sergio Terzi Università di Bergamo Politecnico di Milano Evoluzione in atto in ambito Osservatorio GeCo Gestione dei Processi Collaborativi

Dettagli

MIGLIORARE L EFFICIENZA NEGLI UFFICI E RIDURRE GLI SPRECHI LA NEW LEAN THINKING NELL ADMINISTRATION COME?

MIGLIORARE L EFFICIENZA NEGLI UFFICI E RIDURRE GLI SPRECHI LA NEW LEAN THINKING NELL ADMINISTRATION COME? MIGLIORARE L EFFICIENZA COME? NEGLI UFFICI E RIDURRE GLI SPRECHI LA NEW LEAN THINKING NELL ADMINISTRATION (GESTIONE DI TUTTI I PROCESSI SECONDARI A SUPPORTO DEL CORE BUSINESS ) INTRODUZIONE Dott. G. TORRIDA

Dettagli

1. Project Management. 2. Project Management. 3. Lean Management 4. Time Management 5. SPC 6. Six Sigma AREA PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO

1. Project Management. 2. Project Management. 3. Lean Management 4. Time Management 5. SPC 6. Six Sigma AREA PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO CORSI DI FORMAZIONE PROJECT GROUP AREA PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO 1. Project Management Introduzione 2. Project Management Corso avanzato 3. Lean Management 4. Time Management 5. SPC 6. Six Sigma Project

Dettagli

Centri di Smistamento

Centri di Smistamento 1 Centri di Smistamento Progettazione e criteri di dimensionamento Agenda 2 Centri di Smistamento Il Dimensionamento Premessa Campo di applicazione I segmenti di processo Punti di attenzione Linee guida

Dettagli

Prefazione all edizione italiana

Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione italiana Più di venticinque anni fa Masaaki Imai, guru della strategia di miglioramento continuo, introduceva il mondo occidentale al concetto di Kai Zen e ai sistemi che nelle

Dettagli

ANALISI E MIGLIORAMENTO DEI PROCESSI BANCARI

ANALISI E MIGLIORAMENTO DEI PROCESSI BANCARI ANALISI E MIGLIORAMENTO DEI PROCESSI BANCARI 1, La prospettiva lean applicata alla banca 2. Il. miglioramento continuo dei processi: confronto tra lean in fabbrica e lean in banca Luciano Pero Docente

Dettagli

Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese. L impresa. Il sistema impresa

Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese. L impresa. Il sistema impresa Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese L impresa Il sistema impresa L impresa come sistema Le principali funzioni aziendali I principali processi aziendali La catena del valore

Dettagli

IL MANAGER DIDATTICO:

IL MANAGER DIDATTICO: IL MANAGER DIDATTICO: RUOLO, FUNZIONI, COMPETENZE DI ANNA COMACCHIO * * Professore associato in Organizzazione Aziendale Università Cà Foscari di Venezia Anna Comacchio 50 ,, F RR UU OO LL L II, I FF UU

Dettagli

Lean Project Management

Lean Project Management Perchè Toyota e il Sistema Lean Andrea Pinnola Socio PMI-NIC, Project Manager Telecom Italia Milano, 22 febbraio 2008 Indice della presentazione Perche` Toyota Il Lean Thinking Introduzione al Lean Thinking

Dettagli

Visual Management: una comunicazione chiara, immediata ed esaustiva per coinvolgere e creare sinergie

Visual Management: una comunicazione chiara, immediata ed esaustiva per coinvolgere e creare sinergie Vicenza, 22 Novembre 2011 - Centro Produttività Veneto Visual Management: una comunicazione chiara, immediata ed esaustiva per coinvolgere e creare sinergie Visual Management e strumenti informativi: integrazione

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 6

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 6 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 6 Francesco Clabot 1 Responsabile erogazione servizi tecnici francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici IT

Dettagli

executive master course www.cspmi.it Production Manager Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti

executive master course www.cspmi.it Production Manager Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti executive master course www.cspmi.it Production Manager Modena, aprile - dicembre 20 Sempre un passo avanti EXECUTIVE MASTER COURSE Production Manager OBIETTIVI Il corso mette in condizione i partecipanti

Dettagli

Excellence Production System

Excellence Production System Workshop Project Management 2012 Beyond The Project Lean Manufacturing un nuovo modello per l eccelenza Excellence Production System Salerno 27 Gennaio 2012 Giovanni Tullio Scenario : Superare la crisi

Dettagli

Il Progetto e il Project Management

Il Progetto e il Project Management Il Progetto e il Project Management Metodologie di Specifica del Software Per contattare il docente Dr. Anna Rita Laurenzi email: annarita.laurenzi@insiel.it cell.+39 3356368206 Agenda Progetto e Project

Dettagli

Performance Management Pec Performance Management Pec

Performance Management Pec Performance Management Pec Performance Management Pec Performance Management Pec Relatore: Cristina Collalti Consulente Pec Pharma Education Center è presente nel mercato della formazione in ambito farmaceutico con una formazione

Dettagli

EPULIA - Enjoy Puglia using Ubiquitous technology in Landscape Interactive Adventures

EPULIA - Enjoy Puglia using Ubiquitous technology in Landscape Interactive Adventures UNIONE EUROPEA FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE. MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO IL LAVORO E L INNOVAZIONE PO FESR PUGLIA 2007-2013 Asse I Linea di Intervento

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

www.leanfactoryschool.it catalogo corsi

www.leanfactoryschool.it catalogo corsi www.leanfactoryschool.it catalogo corsi Lean Factory School Gli obiettivi 99 Capire i principi e le tecniche Lean mettendoli in pratica, in modo coinvolgente 99 Lavorare in un ambiente produttivo reale,

Dettagli

Fabbrica Intelligente & Formazione

Fabbrica Intelligente & Formazione Fabbrica Intelligente & Formazione Lo scenario emergente Ieri: strategia di costo Delocalizzazione competitiva Oggi: strategia di innovazione servizio Caratteri Strategia di localizzazione Strategia di

Dettagli

VISUAL MANAGEMENT. Caso SIDEL. Carmen Ialenti. Bologna, 15 Novembre 2012

VISUAL MANAGEMENT. Caso SIDEL. Carmen Ialenti. Bologna, 15 Novembre 2012 VISUAL MANAGEMENT Caso SIDEL Carmen Ialenti Bologna, 15 Novembre 2012 This report is solely for the use of Sidel Group personnel. No part of it may be circulated, quoted, or reproduced for distribution

Dettagli

Executive Master INNOVAZIONE E SVILUPPO DI PRODOTTI E SERVIZI

Executive Master INNOVAZIONE E SVILUPPO DI PRODOTTI E SERVIZI Executive Master INNOVAZIONE E SVILUPPO DI PRODOTTI E SERVIZI OBIETTIVI E evidente, soprattutto nei momenti di crisi, quanto importante sia lo sviluppo e la gestione della gamma prodotti per il successo

Dettagli

METODI E STRUMENTI PER GESTIRE LA COMPLESSITÀ ASSISTENZIALE LEAN THINKING IN SANITÀ

METODI E STRUMENTI PER GESTIRE LA COMPLESSITÀ ASSISTENZIALE LEAN THINKING IN SANITÀ METODI E STRUMENTI PER GESTIRE LA COMPLESSITÀ ASSISTENZIALE LEAN THINKING IN SANITÀ Francesca Ciarpella Fermo 14 e 15 novembre 2013 SPENDING REVIEW TAGLI ALLA SANITÀ AUMENTO DELLA DURATA DELLA VITA MEDIA

Dettagli

INSERIRE LOGO CLIENTE GRANDE SERVICE FACTORY. Un ufficio vero per apprendere dall esperienza

INSERIRE LOGO CLIENTE GRANDE SERVICE FACTORY. Un ufficio vero per apprendere dall esperienza INSERIRE LOGO CLIENTE GRANDE SERVICE FACTORY Un ufficio vero per apprendere dall esperienza Che cos e la Service Factory? La Service Factory è un laboratorio di formazione all interno del quale si apprende

Dettagli

www.take-your-ti me.it

www.take-your-ti me.it SERVIZI PER LO SVILUPPO PROFESSIONALE E MANAGERIALE Prendi il tuo tempo e crea il tuo www.take-your-ti me.it TAKE YOUR TIME è un marchio AMBIRE S.r.l. - Partita IVA 06272851004 - info@take-your-time.it

Dettagli

Presentazione delle attività di consulenza relative a: LEAN WAREHOUSING

Presentazione delle attività di consulenza relative a: LEAN WAREHOUSING Presentazione delle attività di consulenza relative a: LEAN WAREHOUSING Via Durando, 38-20158 Milano Italy Tel +39 02 39 32 56 05 - Fax +39 02 39 32 56 00 www.simcoconsulting.it - E-mail c.cernuschi@simcoconsulting.it

Dettagli

Lean Value Stream Analysis

Lean Value Stream Analysis Articolo a firma di: Valentina Palazzo Inspearit Consultant Lean Value Stream Analysis Complessità, rilavorazioni, variabilità delle attività, sovrallocazioni, colli di bottiglia e debito tecnico rappresentano

Dettagli

Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0)

Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0) Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0) E necessario rispondere a tutte le domande riportate di seguito, selezionando la risposta ritenuta migliore o quella che meglio descrive

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E PIANIFICAZIONE DEL PROCESSO DI SVILUPPO PRODOTTO

ORGANIZZAZIONE E PIANIFICAZIONE DEL PROCESSO DI SVILUPPO PRODOTTO ORGANIZZAZIONE E PIANIFICAZIONE DEL PROCESSO DI SVILUPPO PRODOTTO 151 Organizzazione e pianificazione del processo di sviluppo prodotto (1/2) Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica

Dettagli

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI OPEN YOUR MIND 2.0 Programma di formazione per lo sviluppo delle capacità manageriali e della competitività aziendale delle Piccole e Medie Imprese della Regione Autonoma della Sardegna PRESENTAZIONE DEL

Dettagli

MODELLO PER LO SVILUPPO DEL PRODOTTO

MODELLO PER LO SVILUPPO DEL PRODOTTO MODELLO PER LO SVILUPPO DEL PRODOTTO 34 Funzioni aziendali coinvolte nello sviluppo prodotto LE PRINCIPALI FUNZIONI AZIENDALI PROTAGONISTE NELLO SVIPUPPO PRODOTTI SONO: Progettazione e sviluppo prodotto

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

M.APS Manufacture Advanced Planning System

M.APS Manufacture Advanced Planning System M.APS Manufacture Advanced Planning System Per chi M.APS Le piccole e medie aziende italiane di produzione, sono sempre più sottoposte a cambiamenti nella metodologia di lavoro dovuti soprattutto al cambiamento

Dettagli

METODI AGILI IL CONTROLLO DI GESTIONE PER. Loredana G. Smaldore

METODI AGILI IL CONTROLLO DI GESTIONE PER. Loredana G. Smaldore METODI AGILI PER IL CONTROLLO DI GESTIONE 1 Fonte: Smaldore, L.G. (2014), Metodi «Agili» per il Controllo di Gestione, in Busco C., Giovannoni E. e Riccaboni A. (a cura di), Il controllo di gestione. Metodi,

Dettagli

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Per TECNOLOGIA si intendono i processi, le tecniche, i macchinari e le azioni utilizzati per trasformare gli input organizzativi (materiali,

Dettagli

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Il continuum delle strutture tra efficienza ed efficacia Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura a matrice Struttura orizzontale

Dettagli

BLUE OCEAN STRATEGY. Strategia di posizionamento competitivo Schio 20 luglio 2012 dott. Margherita Marin

BLUE OCEAN STRATEGY. Strategia di posizionamento competitivo Schio 20 luglio 2012 dott. Margherita Marin BLUE OCEAN STRATEGY Strategia di posizionamento competitivo Schio 20 luglio 2012 dott. Margherita Marin L innovazione di valore APPROCCIO STRUTTURALISTA I cambiamenti a livello di sistema sono indotti

Dettagli

Corso di Specializzazione PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE E DEGLI ACQUISTI

Corso di Specializzazione PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE E DEGLI ACQUISTI Corso di Specializzazione PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE E DEGLI ACQUISTI OBIETTIVI Il tema della pianificazione e controllo della produzione, unitamente alla gestione degli approvvigionamenti,

Dettagli

L offerta di consulenza per l ideazione e lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi. v2.3

L offerta di consulenza per l ideazione e lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi. v2.3 L offerta di consulenza per l ideazione e lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi v2.3 La nostra visione sull Innovazione L'Innovazione di prodotto e tecnologica è una delle leve principali a disposizione

Dettagli

AGENDA. q Gli obie0vi delle car policy mul@nazionali. q Evoluzione delle car policy mul@nazionali. q Evoluzione delle car list mul@nazionali

AGENDA. q Gli obie0vi delle car policy mul@nazionali. q Evoluzione delle car policy mul@nazionali. q Evoluzione delle car list mul@nazionali Analisi e scelte di car policy per le flotte multinazionali Laura Echino Membro del Comitato Dire0vo A.I.A.G.A. Corporate General Services Manager Lavazza A.I. A. G. A. Associazione Italiana Acquiren4

Dettagli

Come pianificare un opera in c.a.

Come pianificare un opera in c.a. Come pianificare un opera in c.a. Ing. Colombo Zampighi, Leader Auditor ICMQ Qualsiasi attività relativamente complessa richiede di essere adeguatamente pianificata al fine di raggiungere lo scopo previsto

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

I METODI DEL MIGLIORAMENTO

I METODI DEL MIGLIORAMENTO I METODI DEL MIGLIORAMENTO 1 Le macro-tipologie di intervento di miglioramento: Su base giornaliera: è un intervento che può essere applicato quando i processi rispondono agli obiettivi aziendali, ma possono

Dettagli

ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE

ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE Urbino: 3 e 4 ottobre 2008 A cura di: Stefano Santini sve@provincia.ps.it Definizione di progetto Opera complessa, unica e di durata limitata rivolta a produrre un risultato

Dettagli

Comer Academy. La sede

Comer Academy. La sede Comer Academy Nata nel 2008 per sostenere il processo di cambiamento dell azienda, Comer Academy è il centro per la diffusione della cultura dell eccellenza alla base del modello di business di Comer Industries.

Dettagli

Assegni di Ricerca LINEE GUIDA PER LA

Assegni di Ricerca LINEE GUIDA PER LA P.O.R. VENETO F.S.E. 2007-2013 D.G.R. n. 1148 del 5 luglio 2013 Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Asse Capitale Umano - Sviluppo del Potenziale Umano nella ricerca e nell innovazione. Assegni

Dettagli

BRESCIA - Via Cefalonia, 38 - Tel. 030-224285 Fax. 030-220548 info@nordcomputers.it www.nordcomputers.it

BRESCIA - Via Cefalonia, 38 - Tel. 030-224285 Fax. 030-220548 info@nordcomputers.it www.nordcomputers.it PROCEDURE SOFTWARE PER LA GESTIIONE DELLE AZIIENDE DII PRODUZIIONE DELLE MACCHIINE IINDUSTRIIALII Macchiine Agriicolle Macchiine Ediillii Macchiine Tessiillii Macchiine Uttensiillii Dalla tracciatura del

Dettagli

4 Servizi e soluzioni

4 Servizi e soluzioni Servizi e soluzioni 4 Ogni azienda, nel senso etimologico del termine, è concepita come un sistema complesso composto da processi interdipendenti e correlati tra loro teso al raggiungimento di un obiettivo

Dettagli

Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching

Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching Il team Un gruppo di persone che: condividono uno scopo, hanno un obiettivo in comune collaborano, moltiplicando le loro risorse condividono i vantaggi

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SNELLA

ORGANIZZAZIONE SNELLA presenta ORGANIZZAZIONE SNELLA interventi semplici e rapidi -> maggior efficienza dei processi -> riduzione dei costi Pollenzo, 21 maggio 2014 Albergo dell Agenzia GIANLUCA BARALE Consulente in organizzazione

Dettagli

Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico

Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico wwwisipmorg Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico Arch Eugenio Rambaldi Presidente ISIPM Istituto Italiano di Project Management wwwisipmorg Intervento all interno del

Dettagli

CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore

CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore OBIETTIVI DEL CORSO: Il corso consente al partecipante di venire a conoscenza delle opportunità che la gestione del web marketing moderno

Dettagli

Project Management Metodologie e Tecniche per la gestione di progetti

Project Management Metodologie e Tecniche per la gestione di progetti Project Management Metodologie e Tecniche per la gestione di progetti Amir Baldissera amir.baldissera@mentis.it Milano, 18 Ottobre 2008 Cos è IWA/HWG IWA/HWG è un Associazione professionale no profit riconosciuta

Dettagli

Product Overview. ITI Apps Enterprise apps for mobile devices

Product Overview. ITI Apps Enterprise apps for mobile devices Product Overview ITI Apps Enterprise apps for mobile devices ITI idea, proge2a e sviluppa apps per gli uten6 business/enterprise che nell ipad, e nelle altre pia2aforme mobili, possono trovare un device

Dettagli

Scrum. Caratteristiche, Punti di forza, Limiti. versione del tutorial: 1.0. www.analisi-disegno.com. Pag. 1

Scrum. Caratteristiche, Punti di forza, Limiti. versione del tutorial: 1.0. www.analisi-disegno.com. Pag. 1 Scrum Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 1.0 Pag. 1 Scrum è uno dei processi agili (www.agilealliance.com) il termine è derivato dal Rugby, dove viene chiamato Scrum il pacchetto

Dettagli

PerCorsi Lean Production Training per diventare snelli

PerCorsi Lean Production Training per diventare snelli PerCorsi Lean Production Training per diventare snelli I N D I C E Introduzione pag. 3 Lean Production pag. 4 Percorsi pag. 5 Zoom pag. 6 Contatti pag. 7 La formazione a firma Bosch TEC Bosch Training

Dettagli

FLUSSI FINANZIARI (CASH FLOW)

FLUSSI FINANZIARI (CASH FLOW) FLUSSI FINANZIARI (CASH FLOW) 1. TESORERIA 1 a) Sviluppo della capacità di pianificare i flussi finanziari Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per costruire un prospetto di programmazione

Dettagli

Il project management, competenza trasversale da insegnare ai lavoratori di domani

Il project management, competenza trasversale da insegnare ai lavoratori di domani di Fabrizio Trainito esperto di marketing Il project management, competenza trasversale da insegnare ai lavoratori di domani La gestione dei progetti, uno strumento per raggiungere i propri obiettivi Ciascuno

Dettagli

IL MODELLO SCOR. Agenda. La Supply Chain Il Modello SCOR SCOR project roadmap. Prof. Giovanni Perrone Ing. Lorena Scarpulla. Engineering.

IL MODELLO SCOR. Agenda. La Supply Chain Il Modello SCOR SCOR project roadmap. Prof. Giovanni Perrone Ing. Lorena Scarpulla. Engineering. Production Engineering Research WorkGROUP IL MODELLO SCOR Prof. Giovanni Perrone Ing. Lorena Scarpulla Dipartimento di Tecnologia Meccanica, Produzione e Ingegneria Gestionale Università di Palermo Agenda

Dettagli

Esperienze di di sviluppo manageriale Percorso di formazione per manager e liberi professionisti

Esperienze di di sviluppo manageriale Percorso di formazione per manager e liberi professionisti L uomo è misura di tutte le cose Esperienze di di sviluppo manageriale Percorso di formazione per manager e liberi professionisti Alessandra Bitelli - Coaching Formazione Cambiamento 1 1 COLLABORARE E

Dettagli

Lezione 3. La macro struttura organizzativa: la struttura funzionale e le sue modifiche; la struttura divisionale; la struttura a matrice.

Lezione 3. La macro struttura organizzativa: la struttura funzionale e le sue modifiche; la struttura divisionale; la struttura a matrice. Lezione 3 La macro struttura organizzativa: la struttura funzionale e le sue modifiche; la struttura divisionale; la struttura a matrice. 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi

Dettagli

Rinascimento della Manifattura Bolognese

Rinascimento della Manifattura Bolognese Bologna, 28/03/2013 Rinascimento della Manifattura Bolognese Progetto UNINDUSTRIA-CNA con il contributo di 0 Agenda: 17.00-17.20 Apertura dei Lavori Mauro Ferri - Presidente PROTESA SpA 17.20-17.50 Presentazione

Dettagli

CHI SIAMO INTRODUZIONE

CHI SIAMO INTRODUZIONE Tali cara4eris>che perme4ono quindi l allineamento degli obie=vi della clientela con quelli della società, in quanto al raggiungimento di al> livelli di reddi>vità per la clientela, Zeus Capital persegue

Dettagli

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 15: P.M.: metodologie di progetto Prof.ssa R. Folgieri email: folgieri@dico.unimi.it folgieri@mtcube.com 1 Modelli di conduzione

Dettagli

Approccio Sistemico all innovazione: il Sistema Lean Ripensare la sterilizzazione dei DM. Sfide organizzative e soluzioni innovative

Approccio Sistemico all innovazione: il Sistema Lean Ripensare la sterilizzazione dei DM. Sfide organizzative e soluzioni innovative Approccio Sistemico all innovazione: il Sistema Lean Ripensare la sterilizzazione dei DM. Sfide organizzative e soluzioni innovative Pisa, 6 febbraio 2015 Una filosofia industriale ispirata al Toyota Production

Dettagli

La visualizzazione del progetto contribuisce ad un miglioramento complessivo dell efficienza del project management

La visualizzazione del progetto contribuisce ad un miglioramento complessivo dell efficienza del project management La visualizzazione di progetto come base per una gestione più efficiente Assumere la leadership Organizzare le risorse per il cambiamento Definire la struttura ideale Identificare le necessità di agire

Dettagli

Le FAQ della simulazione

Le FAQ della simulazione Le FAQ della simulazione L obiettivo di queste FAQ è fornire ai progettisti di corsi di formazione, a docenti, agli utenti di corsi di formazione e a coloro che sono addetti allo sviluppo delle risorse

Dettagli

U i n ve v r e s r i s t i à t à d i d i P i P s i a s a Facoltà di Ingegneria

U i n ve v r e s r i s t i à t à d i d i P i P s i a s a Facoltà di Ingegneria Università di Pisa Facoltà di Ingegneria CdL Ingegneria Informatica per la Gestione d Azienda Gestione della qualità II (Prof. Gigliola Vaglini) - a.a. 2011/2012 MS P PROJECT 20100 TUTORIAL INTRODUTTIVO

Dettagli

Sviluppo e applicazione di un sistema di Balanced Scorecard

Sviluppo e applicazione di un sistema di Balanced Scorecard Sviluppo e applicazione di un sistema di Balanced Scorecard 1 Limiti e problematiche dei tradizionali sistemi di controllo Orientamento all interno anziché al mercato (poca attenzione alla prospettiva

Dettagli

Questionario per l Innovazione

Questionario per l Innovazione Questionario per l Innovazione Confindustria, con il progetto IxI - Imprese per l Innovazione - intende offrire un significativo contributo al processo di diffusione della cultura dell innovazione e dell

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1

Introduzione. Capitolo 1 Capitolo 1 Introduzione Che cos è un azienda lean? Sono molte, al giorno d oggi, le imprese che stanno trasformandosi in azienda lean, convertendo i loro sistemi di produzione di massa ormai obsoleti in

Dettagli

La gestione dei rischi nella pianificazione preliminare di un progetto, come vantaggio competitivo nella risposta ad una gara d appalto

La gestione dei rischi nella pianificazione preliminare di un progetto, come vantaggio competitivo nella risposta ad una gara d appalto La gestione dei rischi nella pianificazione preliminare di un progetto, come vantaggio competitivo nella risposta ad una gara d appalto Patricia Gamberini 1 Agenda Presentazione Engineering Business case

Dettagli