I progetti di cooperazione del Programma Cultura : guida alla compilazione dell eform

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I progetti di cooperazione del Programma Cultura 2007-2013: guida alla compilazione dell eform"

Transcript

1 I progetti di cooperazione del Programma Cultura : guida alla compilazione dell eform

2 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Segretariato Generale Direttore Servizio I Gianni Bonazzi Cultural Contact Point, CCP Italy Project Manager Leila Nista Testi di Marzia Santone Progetto grafico Giulia Quintiliani for Quintilia Edizioni Contatti Cultural Contact Point, CCP ITALY Ministero per i Beni e le Attività Culturali Via del Collegio Romano, Roma Finito di stampare a Roma nel mese di giugno

3 INDICE Introduzione 4 1. Per cominciare: che cos è un azione di cooperazione Che cos è un progetto 8 3. Il ciclo di vita del Progetto L eform per i progetti di cooperazione annuale 14 e pluriennale (strand ) 5. Guida step by step per la compilazione dell eform. 17 Nota finale 37 Appendice 38 Bibliografia 45 3

4 Introduzione Scrivere un progetto europeo è un esercizio di logica e coerenza. Il rapporto annuale del 2002 sulla politica di sviluppo della CE sull esecuzione dell assistenza esterna precisa: Come prevedibile, i progetti caratterizzati da strategie e obiettivi chiari e ben definiti ottengono risultati generalmente migliori rispetto ai progetti con strategie e obiettivi inesistenti o mal definiti. 1 Scrivere un progetto richiede la conoscenza di una semantica ad hoc, quale quella del Project Cycle Management PCM (Gestione del Ciclo del progetto-gdp). Con il termine ciclo del progetto si intende la sequenza delle fasi di pianificazione, analisi, formulazione, gestione e valutazione di un progetto. Il PCM consente di costruire progetti valutabili nei loro effetti immediati e nei loro impatti a medio termine. Adottato dalla Commissione Europea a partire dagli anni novanta 2, diviene uno strumento essenziale nel 2001, anno in cui viene costituito l ufficio di Cooperazione EuropeAid European Commission-EuropeAid, 2002, Annual Report 2001 on EC development policy and the implementation of the external assistance, Brussels, page La CE adotta il PCM per la prima volta nel Il primo manuale sul PCM viene realizzato nel Il 1ºgennaio 2001 è stato istituito l ufficio di cooperazione EuropeAid, il quale riunisce all interno di un unica organizzazione le competenze riguardanti la gestione dell intero ciclo di vita dei progetti, dall individuazione alla valutazione. 4

5 Il 2001 rappresenta un anno di riforme fondamentali per la gestione dell assistenza esterna CE e per il monitoraggio dei progetti di sviluppo esterni alla Comunità. L obiettivo di tali riforme consiste nel migliorare la rapidità, la qualità, l impatto e la visibilità dei progetti e dei programmi in tutto il mondo. La necessità del PCM per la Commissione Europea/EuropeAid si basa sui seguenti princìpi: - utilizzare l approccio del Quadro Logico (AQL) in tutte le fasi del Ciclo del Progetto 4 ; - l obiettivo specifico (o scopo) del progetto deve essere formulato in maniera chiara; - l approccio strutturato del Ciclo del Progetto parte dai bisogni dei beneficiari; - i risultati e gli obiettivi, cui il progetto tende, devono essere definiti in modo chiaro sin dall inizio ed essere espressi in termini di indicatori che possano essere verificati nel corso e al termine dell iniziativa. Analizziamo gli ultimi due princìpi: l accento è posto sui risultati e sugli obiettivi, più che sulle attività: in questo consiste il cambio di paradigma del PCM. Nel caso in cui il contesto di riferimento di un progetto dovesse cambiare, le attività rischierebbe- 4. Il Quadro Logico è una matrice di progettazione, largamente usata nei programmi promossi dalla Commissione Europea e da altri organismi internazionali, molto utile per definire in maniera chiara i diversi elementi di un intervento progettuale e per visualizzarli in modo efficace, favorendo, quindi, anche una riflessione comune sul progetto. 5

6 ro di non dar luogo ai risultati e agli obiettivi prefissati. La logica del PCM suggerisce, invece, di adeguare le attività al contesto di riferimento, mantenendo fisse le mete cui tendere. I progetti che sono orientati alle attività, infatti, vengono spesso definiti ambiziosi e non sostenibili. La sostenibilità, ossia la capacità di produrre e riprodurre i benefici nel tempo 5, rappresenta l elemento innovativo del PCM, quale conseguenza dell approccio basato sugli obiettivi, i risultati e i beneficiari: In un approccio basato sul Ciclo del Progetto, l aspetto decisivo è la vitalità futura del progetto, il suo impatto strategico, cioè la sua capacità di proiettare i benefici al di là della fine dell intervento esterno. 6 Torniamo, così, al rigore e alla coerenza dell incipit. Questa guida non vuole essere un manuale sul PCM, ma un supporto agli applicants del Programma Cultura per la compilazione del formulario e la descrizione del progetto 7. Si prenderanno in considerazione solo le intuizioni del PCM, in modo da rendere più chiara la scrittura dei progetti per il Programma Cultura L utilizzo del PCM è, infatti, obbligatorio per la cooperazione allo 5. Ministero degli Affari Esteri Direzione Generale per la Cooperazione allo sviluppo, Manuale operativo di monitoraggio e valutazione delle iniziative della Cooperazione allo sviluppo, Roma, OICS, Manuale di Formazione. Le opportunità della cooperazione decentrata, Non verrà, di conseguenza, analizzato l approccio del Quadro Logico. 8. Il PCM, ad esempio, è obbligatorio per alcuni programmi (es. LIFE) o alcuni filoni di finanziamento (es. MEDA, Europe Aid). o per i Fondi Strutturali. 6

7 sviluppo, anche se è consigliato per tutti i programmi comunitari. 8 Bisogna tener presente che il PCM, pur non essendo obbligatorio, fornisce una semantica e degli strumenti utili e flessibili per la preparazione dei progetti anche nel settore culturale. Le varie sezioni del formulario per i progetti di cooperazione del Programma Cultura risultano, infatti, più comprensibili se si possiede un know how di base sul ciclo del progetto. Questa guida, dunque, rappresenta uno strumento iniziale per tutti gli operatori poco esperti che si trovano alle prese col Programma Cultura , dal punto di vista della scrittura. Dai canali di assistenza del CCP-Cultural Contact Point Italy, quali help-desk, infodays e incontri one to one, si evince che un numero considerevole di utenti non abbia delle competenze nella scrittura dei progetti e questo implica dei problemi dal punto di vista dell accesso. La prima parte della guida, sintetica ed essenziale, è pensata come un introduzione necessaria alla definizione concettuale di progetto e di ciclo del progetto La seconda parte, invece, fornisce sia una semantica di base per la scrittura delle proposte, sia dei suggerimenti e una metodologia per la compilazione dell eform. Marzia Santone Cultural Contact Point - CCP- Italy Roma, 1 Giugno

8 1. Per cominciare: che cos è un azione di cooperazione Un azione di cooperazione è tale se e solo se è basata su un partenariato europeo paritario ed equilibrato. Il Programma Cultura prevede tre azioni di cooperazione (strand 1.1- cooperazione pluriennale, strand cooperazione annuale- strand cooperazione coi Paesi Terzi 9 ) che si differenziano per: - la durata dell azione; - il numero minimo di paesi partecipanti; - i paesi partecipanti (in UE e/o extra UE;) - l importo della sovvenzione. Per motivi di sinteticità questa guisa è modellata principalmente sui settori 1.1 e 1.2.1, ma può essere un valido supporto anche per i progetti di cooperazione per i Paesi Terzi (strand 1.3.5). 2. Che cos è un progetto. Nel 2004 la Commissione Europea pubblica l ultima versione aggiornata del manuale sul PCM. 10 Nel capitolo dedicato alla definizione del progetto si precisa: 9. Ogni anno la Commissione Europea seleziona dei paesi terzi eleggibili per lo strand Per il 2012 sono stati selezionati l Australia e il Canada. 10. European Commission, External Cooperation Programmes, Project Cycle Management Guidelines, 2004: 8

9 Un progetto è una serie di attività volte al raggiungimento di un obiettivo specifico chiaramente definito, entro un periodo temporale limitato e con un budget definito. Un progetto è sottoposto a dei vincoli: il raggiungimento dell obiettivo, come previsto inizialmente, deve avvenire entro i termini temporali prestabiliti e nel rispetto dei limiti di budget e di risorse a disposizione. Possiamo esemplificare la natura del progetto sottoposto a dei vincoli come segue: Figura 1: i vincoli del progetto Per assicurare il raggiungimento dell obiettivo, per esempio, potrà essere necessario dedicare più tempo al progetto, oppure incrementare il numero delle risorse umane, aumentando, così, 9

10 i costi. Questo fa del progetto una modalità operativa estremamente elastica e flessibile, capace di rispondere ai cambiamenti imposti dall esterno con il minore dispendio di risorse. La figura 1 è utile anche per definire i progetti di cooperazione del Programma Cultura poiché, nel momento in cui si identifica una call for proposal (invito a presentare proposte), è necessario formulare un progetto in base a quelli che, nella Guida al Programma Cultura , vengono definiti criteri di ammissibilità specifici. I criteri di ammissibilità specifici rappresentano la conditio sine qua non per poter partecipare a una call. Figura 2: esempio di criteri di ammissibilità (strand 1.1) 10

11 Alla luce dei criteri di ammissibilità, per esempio, per il settori di cooperazione 1.1 i vincoli di un progetto possono essere precisati come segue: - Obiettivo generale: cooperazione culturale europea nel lungo tempo. - Tempo: tra 36 e 60 mesi. - Budget: sovvenzione non inferiore a EUR e non superiore EUR per ogni anno di attività Sempre da un punto di vista terminologico precisiamo cos è un obiettivo generale e un obiettivo specifico. Nell accezione più comune l obiettivo generale (spesso al singolare) è il fine ultimo, istituzionale del progetto (il macrobiettivo). Potremmo definirlo filosoficamente come ciò a cui il progetto tende. L obiettivo specifico, detto anche scopo del progetto, rappresenta il beneficio tangibile per i beneficiari. Può essere inteso come un sottobiettivo che porta al raggiungimento dell obiettivo generale o, in un altra accezione, delle specificazioni più dettagliate dell obiettivo generale. L obiettivo specifico si misura in termini di impatto. Immaginate di dover modellare l argilla: l impatto, metaforicamente, rappresenta il modo in cui avete modellato l argilla. 11

12 I progetti di cooperazione devono ovviamente tendere all obiettivo generale e agli obiettivi specifici del Programma Cultura Enunciamoli: Obiettivo generale: promuovere uno spazio culturale europeo, fondato su un comune patrimonio culturale, attraverso attività di cooperazione tra gli operatori culturali dei paesi partecipanti al Programma, col fine di incoraggiare la creazione di una cittadinanza europea attiva. Obiettivi specifici: - incentivare la mobilità transnazionale degli operatori in campo culturale; - sostenere la circolazione transnazionale di opere e beni artistici e culturali; - promuovere il dialogo interculturale. 12

13 3. Il ciclo di vita del Progetto. Ogni progetto segue un ciclo di vita standard, composto dalle seguenti fasi: Programmazione: la Commissione Europea stabilisce (di solito dopo una consultazione pubblica) le linee guida di un programma in un determinato settore ed emette, quindi, un bando. Identificazione: studio di fattibilità da parte di un soggetto promotore, analisi della situazione di partenza. Formulazione (progettazione esecutiva), in cui la proposta progettuale assume una forma definitiva in base al formulario. Finanziamento. Realizzazione/implementazione: le attività previste dal documento progettuale vengono realizzate dall ente esecutore. Monitoraggio e valutazione, in cui si avvia una riflessione sui risultati raggiunti dal progetto. 13

14 La valutazione dovrebbe avere una funzione di apprendimento, 11 in quanto dovrebbe influire sulla programmazione futura, fornendo elementi utili per l identificazione di ulteriori idee-progetto. E evidente che non tutti i programmi comunitari rispondano perfettamente a questo modello; le principali differenze si riscontrano soprattutto nella fase di formulazione, dal momento che ogni programma ha delle regole precise per la presentazione e il finanziamento delle proposte. 12 Le fasi che saranno prese in considerazione in questa guida sono quelle di identificazione e formulazione. 4. L eform per i progetti di cooperazione annuale e pluriennale (strand ) Una volta precisata la necessità dell orientamento dei progetti agli obiettivi, definiamo le caratteristiche fondamentali dell eform 13 per i progetti di cooperazione, introducendo anche delle chiarificazioni riguardo ad alcuni termini tecnici. Siamo, dunque, nelle fase di formulazione della proposta progettuale. È opportuno, tuttavia, leggere le sezioni del formulario anche 11. Rossi M., I progetti di sviluppo-metodologie ed esperienze di progettazione partecipativa per obiettivi, Franco Angeli, Milano Tuttavia, la definizione del progetto come ciclo testimonia l orientamento ai beneficiari, dal momento che nelle varie fasi si può notare una tensione dialettica tra gli enti promotori e i realizzatori del progetto. 13. L eform può essere completato in tutte le lingue ufficiali dell Unione Europea, tuttavia è vivamente consigliato redarlo in una delle tre lingue di lavoro dell UE (inglese, francese, tedesco) 14

15 nella fase di identificazione : in questa fase il capofila del progetto deve redigere una prima bozza progettuale; di conseguenza una lettura approfondita del formulario può rendere più efficace la creazione del partenariato e l incontro coi partners. 14 L eform per i progetti di cooperazione è un documento elettronico valido per tutti i settori della cooperazione. Una volta scaricato dal sito ufficiale del Programma Cultura 15, bisogna scegliere il settore per il quale si vuole presentare la domanda di candidatura, come mostrato in basso. 14. Un utile documento di supporto per la scrittura della proposta del progetto è rappresentato dalle Instructions for Applicants, che vengono pubblicate dall EACEA per ogni settore del Programma

16 L eform è suddiviso in sei parti: I. PART A: IDENTIFICATION OF THE APPLICANT AND OTHER ORGANISATIONS PARTICIPATING IN THE PROJECT. II. PART B. ORGANISATION AND ACTIVITIES. III. PART C. DESCRIPTION OF THE PROJECT. VI. PART D. TECHNICAL CAPABILITY. V. PART E. PROJECT IMPLEMENTATION /AWARD CRITERIA. VI. PART F. WORK PROGRAMME. Presenta, inoltre, 3 allegati: la Dichiarazione D Onore; la Descrizione dettagliata del Progetto; Il Budget form. La dichiarazione d onore, firmata dal rappresentante legale del capofila del progetto, sancisce l impegno ad adempiere ai criteri di ammissibilità menzionati dal bando a cui si partecipa. La descrizione del progetto verrà descritta nei paragrafi successivi. Il budget form, invece, è il bilancio preventivo del progetto. 16

17 5. Guida step by step per la compilazione dell eform. Analizziamo, di seguito, le varie sezioni del formulario, in modo da fornire una step by step guide. I. PARTE A: IDENTIFICAZIONE DELL APPLICANT E DELLE ALTRE ORGANIZ- ZAZIONI CHE PARTECIPANO AL PROGETTO Questa parte, prettamente amministrativa, deve essere compilata da tutti i partners che sono coinvolti nel progetto. 17

18 II. PARTE B: ORGANIZZAZIONE E ATTIVITÀ É necessario fornire informazioni inerenti allo status legale degli enti proponenti (pubblico-privato), insieme ad una breve presentazione delle organizzazioni che fanno parte del consorzio. Al punto B3 è necessario indicare i finanziamenti comunitari ricevuti negli ultimi 3 anni. Come per la parte A, i campi seguenti devono essere compilati da tutti i partners del progetto. 18

19 III. PARTE C: DESCRIZIONE DEL PROGETTO. Questa parte rappresenta una tavola riassuntiva del progetto, dal momento che devono essere indicati: - il calendario del progetto; - le informazioni tecniche relative a tutte le organizzazioni che partecipano al progetto; - la rilevanza con gli obiettivi specifici del Programma e i settori culturali che interessano il progetto. 19

20 I punti C3 e C5, spesso, sono molto sottovalutati dagli applicants e il risultato sono dei progetti che peccano di ambizione, soprattutto per quanto riguarda il punto C5: la rilevanza di un progetto con gli obiettivi specifici del Programma e, soprattutto, 20

21 i campi di interesse del progetto stesso devono essere seriamente motivati e non rappresentano, dunque, scelte dettate dal caso e dalla superficialità. Il punto C4, invece, ha solo fini statistici. La sintesi del progetto può essere compilata in inglese, francese o tedesco. È evidente che il summary, così come tutta la parte C del formulario, vada compilata ex post, ossia alla fine della scrittura del progetto. Infatti, il formulario è concepito non solo per l applicant, ma anche per il valutatore, il quale deve prendere visione del progetto da un punto di vista logico, che è diverso da quello dell applicant. 21

22 La pate C si conclude con una sintesi del budget form. Stessa regola del punto precedente: la sintesi del budget va, ovviamente, compilata alla fine. Infatti, nel caso in cui ci dovesse essere una discrepanza tra il budget e il punto C8, gli importi che verranno presi in considerazione, sia per quanto riguarda l analisi finanziaria che per il contratto, saranno quelli del budget form. 22

23 IV. PARTE D: CAPACITÀ TECNICA Sintetizza la capacità operativa di ogni partner (coordinatore e co-organizzatori) coinvolto nel progetto: La capacità operativa costituisce uno dei criteri di selezione delle domande e rappresenta l eccellenza che coordinatore e co-organizzatori hanno nel settore culturale in cui operano: i proponenti devono disporre delle competenze professionali e delle qualifiche richieste per portare a termine l azione o il programma di lavoro proposti. L application package per i progetti di cooperazione deve, infatti, contenere un report sulle attività degli ultimi 24 mesi e i curricula dei responsabili della realizzazione dell azione o del programma di lavoro proposti. 23

24 V. PARTE E: IMPLEMENTAZIONE DEL PROGETTO/CRITERI DI VALUTAZIONE. È composta come segue: - Descrizione dettagliata del progetto (max caratteri). - Qualità del partenariato (conception & implementation). - Livello atteso dei risultati. - Attività di communication & dissemination. - Sostenibilità. La descrizione dettagliata del progetto è un documento da compilare a parte 16 e deve essere pensata in termini di chiarezza e coerenza. Come viene tacitamente precisato nelle Instructions for Applicants, la descrizione del progetto dovrebbe essere impostata secondo i principi del PCM; e dunque essere orientata in primis agli obiettivi, ai risultati e ai beneficiari. Non deve essere, di conseguenza, un saggio d arte, ma un documento chiaro, in cui viene presentata la concatenazione logica tra obiettivi, risultati e attività del progetto, alla luce dell impatto e della sostenibilità. Un utile metodo per scrivere la descrizione del progetto è la lettura dei criteri di attribuzione (riportati in appendice), presenti 16. Non esiste, infatti, un template di riferimento. Può essere allegato alla domanda di candidatura in formato word o pdf. 24

25 nella Guida al Programma Cultura , dal momento che rappresentano un ottimo strumento di auto-valutazione. La natura contenutistica dei progetti per il Programma Cultura viene, infatti, valutata, da due valutatori esterni, in base ai criteri di attribuzione sopra citati. Ogni criterio di attribuzione è associato a un punteggio che poi verrà assegnato da ogni singolo valutatore. Analizziamo la composizione della parte E, in modo da poter chiarire alcuni termini che fanno parte della semantica del PCM. Qualità del partenariato Al punto E2 bisogna motivare la necessità e le modalità di cooperazione tra i partners del progetto (management del pro- 25

26 getto, meetings, attività di monitoraggio, etc.). Il partenariato, infatti, rappresenta il fulcro dei progetti di cooperazione, dal momento che si basa sulla sussidiarietà sia dal punto di vista economico, che dal punto di vista dell implementazione. Nella Guida al Programma Cultura, a ragione, si parla di partenariato equilibrato e paritario. Un progetto di cooperazione non è un impresa solipsistica, ma deve esprimere la necessità e la coerenza di un partenariato ad hoc, al fine di raggiungere almeno uno degli obiettivi specifici del Programma. Il partenariato deve esprimere, infatti, quello che viene chiamato valore aggiunto europeo. Il valore aggiunto europeo rappresenta la capacità di un progetto di superare i confini nazionali. Nella figura in basso viene descritta analiticamente la struttura del partenariato per i progetti di cooperazione: ogni partner ha un ruolo definito e funzionale al progetto da candidare. 26

27 Figura 3: struttura del partenariato per i progetti cooperazione del Programma Cultura Risultati attesi 17. I costi sostenuti da partner associati o da partner in un paese terzo non sono ammissibili, a meno che non siano direttamente sostenuti dal coordinatore e/o dai co-organizzatori. 27

28 I risultati attesi costituiscono i prodotti diretti delle attività, direttamente rilevabili al termine del progetto. Sia che si tratti di risultati materiali o di risultati non tangibili, essi consentono ai beneficiari del progetto una chance di trasformazione: se un progetto deve essere inteso come uno strumento di cambiamento, ecco dimostrato perché sono correlati al raggiungimento dell obiettivo specifico del progetto.commissione EUROPEA Figura 4: alcune definizioni sui risultati attesi nel contesto internazionale 28

29 Al punto E3, dopo la formulazione dei risultati attesi è richiesto di identificare i gruppi bersaglio (target groups), che beneficeranno dei risultati attesi sia direttamente che indirettamente. I gruppi bersaglio 18 vengono così definiti: Il gruppo o l entità che sarà coinvolta in modo positivo dal progetto a livello dell obiettivo specifico e che lavorerà in stretta collaborazione con il progetto e viceversa. 19 È per questo motivo che i risultati attesi possono anche essere considerati come servizi, ossia come qualsiasi realizzazione che permetta ai destinatari di modificare positivamente alcuni aspetti chiave della propria vita. Qui entra in gioco il concetto di efficacia, cioè della capacità dei risultati prodotti di permettere, nel medio e lungo periodo, il raggiungimento dell obiettivo specifico Vedi Appendice per approfondire l argomento. 19. European Commission, External CooperationProgrammes, Project Cycle Management Guidelines, OICS, Manuale di Formazione. Le opportunità della cooperazione decentrata

30 Comunicazione e promozione delle attività proposte Questo rappresenta un capitolo molto importante per i progetti di cooperazione e, in generale, per tutti i progetti europei che sono basati sul networking: le attività di communication e dissemination sono, infatti, finalizzate a promuovere i temi del progetto e a suscitare l interesse degli stakeholders 21, dell audience, nonché ad assicurare un efficace seguito al progetto. 21. Portatori di interesse. 30

31 Vengono, appunto, definite attività trasversali (in contrapposizione alle attività proprie del progetto, dette anche verticali ), dal momento che hanno lo scopo comune di assicurare la migliore gestione dei processi per il raggiungimento degli obiettivi. Queste attività, poiché richiedono l intervento di figure professionali spesso altamente qualificate, si svolgono contemporaneamente alle attività verticali di progetto e richiedono l investimento di risorse finanziarie. Il piano di comunicazione ha un importante funzione e deve essere preparato scrupolosamente, indicando l analisi dello scenario, gli obiettivi strategici dell attività di comunicazione, gli strumenti e i mezzi da utilizzare (TV, radio, giornali, merchandising, pubblicazioni, sito web) in relazione ai target groups che si vogliono raggiungere, e, infine, i metodi di verifica e misurazione dei risultati raggiunti Non a caso la componente dell'audience development sarà oggetto di una conferenze che si terrà il 16 e il 17 Ottobre 2012 a Bruxelles, in cui saranno presentati una serie di progetti finanziati dall attuale Programma Cultura e MEDIA che hanno sviluppato il tema dell audience development. Per audience development si intende il processo strategico e dinamico di allargamento e diversificazione del pubblico e di miglioramento delle condizioni complessive di fruizione. Pur considerando la vaghezza della traduzione italiana di audience development ( sviluppo del pubblico ) è evidente che il termine abbia un riferimento non solo quantitativo, ma anche qualitativo. Al di là del tecnicismo delle definizioni l audience development rappresenta una componente importante della Cultura in termini di accesso, inclusione sociale e conoscenza. Per maggiori informazioni sulla conferenza: 31

32 Sostenibilità Come annunciato nell introduzione, un progetto sostenibile è un progetto i cui benefici per i destinatari continuano anche dopo la fine del progetto. Affinchè un progetto sia sostenibile nel tempo, occorre che i risultati conseguiti poggino su solide basi materiali e immateriali. Questa parte è spesso poco curata dagli applicants, dal momento che viene pensata come una semplice chiosa del progetto, quando invece dovrebbe essere la meta finale a cui il progetto tende sin dalla sua concezione. 32

33 VI. PROGRAMMA DI LAVORO Sintetizza la fase di pianificazione delle attività. Il programma di lavoro è anche conosciuto come diagramma di GANNT, ossia la descrizione dello sviluppo temporale di un progetto. Nel work programme è necessario inserire: - la descrizione (meetings, workshops, etc.); - il luogo in cui si svolge; - la dimensione temporale ; - il nome del partner responsabile dell implementazione; - il nome del responsabile del subappalto, in caso di subappalto Nel caso in cui ancora non ci fosse un referente, basta scrivere nell apposita casella not yet known 33

34 Come suggerito dalle Instructions for Applicants, la compilazione del programma di lavoro deve essere concepita in base alla descrizione del progetto. Il programma di lavoro rappresenta, infatti, una scomposizione analitica del progetto ed è utile sia per fotografare lo svolgimento del progetto, sia per definirne i costi. Ad esempio, se si scompongo le attività in sottoattività, sarà più facile determinare le risorse umane necessarie, il tempo occorrente e i costi ad esse collegate. Il work programme, infatti è il punto di riferimento per la compilazione del budget form. Dai canali di assistenza del CCP Italy risulta che molti utenti non creano un legame logico tra cronogramma e budget, inserendo in quest ultimo attività diverse rispetto a quelle pianificate. Un utile strumento per programmare con coerenza è la Work Breakdown Structure (WBS), in italiano Struttura dettagliata del lavoro. Le principali caratteristiche della WBS sono: - la struttura gerarchica o a livelli: ogni attività è scomposta in sotto-attività, e queste ultime in ulteriori sotto-attività; - l orientamento verso un risultato: l esito di ciascuna (sotto) attività è il conseguimento di un risultato intermedio (deliverable), che è condizione necessaria per avviare o completare un altra (sotto)attività. Le principali deliverable rap- 34

35 presentano le pietre miliari (milestone) del progetto: punti di riferimento per valutare il suo andamento e il raggiungimento dei risultati previsti; - la natura logica (non cronologica) dell analisi: le sotto-attività non sono fasi temporali distinte e successive l una all altra di una macroattività, ma azioni che devono essere avviate e portate a termine affinché la macroattività sia completata. Infatti, più sotto-attività possono essere svolte anche contemporaneamente (pensiamo, ad esempio, alla gestione che copre tutto il periodo temporale del progetto). Il diagramma WBS dovrebbe prendere in considerazione anche le attività trasversali del progetto: la gestione di progetto, la comunicazione e le azioni di monitoraggio e valutazione. Quello appena presentato è solo un suggerimento, si possono utilizzare anche tecniche di pianificazione alternative, l importante è che la programmazione abbia una funzione logica, orientata ai risultati e che sia dettagliata al punto da identificare le risorse per il budget form. 35

36 INVIO DELL eform Una volta completato il formulario, occorre validarlo. Se ci sono degli errori, questi vengono segnalati in rosso. Inviata la candidatura, occorre aspettare il numero di riferimento della stessa e stamparla per inserirla nell application package. 36

37 NOTA FINALE Con questa guida ho voluto dimostrare che un progetto, come precisa Massimo Rossi, è un esercizio di modestia, di logica e di partecipazione per ridurre l incertezza 24 e richiede tempo. Non è concepibile scrivere un progetto a pochi giorni dalla scadenza del bando, come spesso noto durante il servizio di assistenza del CCP Italy. Un progetto non è un improvvisazione. L obiettivo della guida consiste sia nel dare una semantica di base agli utenti poco esperti, sia nel suscitare la curiosità di approfondire alcuni concetti. Spero di aver fornito degli spunti per riflettere sull importanza e sul valore della scrittura di un progetto per il Programma Cultura L eform aggiornato per i progetti di cooperazione del Programma Cultura verrà pubblicato molto probabilmente nel mese di Giugno. Al momento l Agenzia Esecutiva vi invita a consultare quello 2011 per la compilazione delle proposte, poiché per il 2012 non sono previsti cambiamenti sostanziali. Buon lavoro. Marzia Santone 24. M. Rossi, Teoria e pratica della progettazione per lo sviluppo, Dispense,

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy Culture Programme 2007- -2013 Nuoro, 9 Novembre 2010 Marzia Santone-CCP Italy Intro From a cultural point of view Perché l UE si interessa alla cultura? Fattori simbolici L Unità nella Diversità L UE caratterizzata

Dettagli

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo VADEMECUM Finanziamenti diretti europei Come redigere un progetto di successo redazione: Petra Sevvi, Renata Tomi Info Point Europa della Provincia autonoma di Bolzano Alto Adige Ripartizione Europa Ufficio

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 2 Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO Modulo 2 Dall Idea al Progetto 2

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi Project Cycle Management 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico di Federico Bussi federicobussi1@gmail.com 1 La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico Nelle pagine precedenti abbiamo

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020)

LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020) LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020) PREMESSA Per l attuazione delle proprie politiche la Commissione europea finanzia un ampio numero di programmi/strumenti

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Nota introduttiva I percorsi formativi che prevedono in esito il rilascio di un certificato di qualifica professionale

Dettagli

Metodologie e strumenti per la presentazione, il monitoraggio e la valutazione di progetti secondo l'approccio comunitario.

Metodologie e strumenti per la presentazione, il monitoraggio e la valutazione di progetti secondo l'approccio comunitario. Metodologie e strumenti per la presentazione, il monitoraggio e la valutazione di progetti secondo l'approccio comunitario Nunzia Cito Le metodologie e gli strumenti per la presentazione ed il monitoraggio

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 DATA: 29/8/2013 N. PROT: 475 A tutte le aziende/enti interessati Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 Roma, 15-16 ottobre 2013 Bruxelles,

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI BANDO SVILUPPO DI RETI LUNGHE PER LA RICERCA E L INNOVAZIONE DELLE FILIERE TECNOLOGICHE CAMPANE - FAQ Frequent Asked Question : Azioni di sistema per l internazionalizzazione della filiera tecnologica

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO Giovanni Serpelloni 1), Elisabetta Simeoni 2) 1. Centro

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Funzione Pubblica. Formez PROJECT CYCLE MANAGEMENT MANUALE PER LA FORMAZIONE

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Funzione Pubblica. Formez PROJECT CYCLE MANAGEMENT MANUALE PER LA FORMAZIONE Formez Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Funzione Pubblica PROJECT CYCLE MANAGEMENT MANUALE PER LA FORMAZIONE S T R U M E N T I 4 STRUMENTI FORMEZ S T R U M E N T I I l Formez -

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Fornitura di un'unità di gestione del programma per l'attuazione del programma TradeCom II

Fornitura di un'unità di gestione del programma per l'attuazione del programma TradeCom II 2015/S 082-144972 Fornitura di un'unità di gestione del programma per l'attuazione del programma TradeCom II Bando di gara relativo a un appalto di servizi Ubicazione tutti i paesi ACP 1.Riferimento della

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. LA METODOLOGIA EFQM E IL QUESTIONARIO DI AUTO VALUTAZIONE... 4 3. LA METODOLOGIA

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

ERASMUS+:GIOVENTU IN AZIONE Modalità di partecipazione

ERASMUS+:GIOVENTU IN AZIONE Modalità di partecipazione ERASMUS+:GIOVENTU IN AZIONE Modalità di partecipazione 1. Leggere attentamente la Guida al Programma 2. Procedere all autenticazione in ECAS 3. Effettuare la registrazione ad URF 4. Compilare il Formulario

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

IL BUDGET. Che cos è il budget.

IL BUDGET. Che cos è il budget. IL BUDGET Che cos è il budget. Ogni progetto deve possedere una sostenibilità economica che permette la realizzazione delle attività e il raggiungimento degli obiettivi. Questa sostenibilità economica

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi Innovazioni di metodo Risultati attesi Risultati Azioni attesi Tempi

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO P.G. 58467/2012 Data firma: 13/07/2012 Data esecutività: 20/07/2012

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI OPUSCOLO Opportunità di ricerca transnazionale Vi interessa la ricerca europea? Research*eu è il mensile della direzione generale della Ricerca per essere

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione Bando Fondazione Cariplo Promuovere la Formazione di Capitale Umano di Eccellenza 2012-2014 soggetti coinvolti Libera Università di

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility ERASMUS PLUS Disposizioni nazionali allegate alla Guida al Programma 2015 Settore Istruzione Scolastica, Educazione degli Adulti e Istruzione Superiore KA1 School education staff mobility/ Adult education

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO 1 INDICE LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO ---------------------------------------------------------------------------------------------1

Dettagli

CORSI BREVI. Catalogo formativo 2015. /FitzcarraldoFon

CORSI BREVI. Catalogo formativo 2015. /FitzcarraldoFon CORSI BREVI Catalogo formativo 2015 La svolge attività di formazione dal 1989 ed è stata tra i primi in Italia a introdurre percorsi formativi legati al management e al marketing culturale. L'offerta formativa

Dettagli

La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12

La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12 La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12 Questo capitolo descrive: A. Le scelte e i passaggi per sviluppare dispositivi per la validazione dei risultati dell

Dettagli

Guida alla compilazione

Guida alla compilazione Guida alla compilazione 1 Guida alla compilazione... 1 PARTE I REGISTRAZIONE ORGANIZZAZIONE... 5 LA PRIMA REGISTRAZIONE... 5 ACCESSO AREA RISERVATA (LOGIN)...11 ANAGRAFICA ORGANIZZAZIONE...12 ANAGRAFICA

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola Europrogettista Il profilo è ricercato in particolare da ONG,

Dettagli

FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali

FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali Misura 124 del PSR 2007-2013 della Regione Toscana FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali ACRONIMO DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO SETTORE DI RIFERIMENTO PREVALENTE FLOROVIVAISMO AGRIENERGIE

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

PROGETTAZIONE EUROPEA:

PROGETTAZIONE EUROPEA: PROGETTAZIONE EUROPEA: SUGGERIMENTI PER LA STESURA DI PROGETTI DI RICERCA EUROPEI A cura di: Dott.ssa Federica Fasolato Divisione Ricerca Sezione Internazionale e Nazionale ricerca@unive.it Per ulteriori

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO Direzione centrale lavoro, formazione, commercio e pari opportunità Servizio programmazione e gestione interventi formativi

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona PRINCIPI PROJECT MANAGEMENT PRINCIPI DI PROJECT MANAGEMENT Elisabetta Simeoni 1), Giovanni Serpelloni 2) 1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee Scuole Europee Ufficio del Segretario generale Segretariato Generale Rif. : 2009-D-422-it-5 Orig. : FR Versione: IT Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e

Dettagli

Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo)

Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo) Il monitoraggio dei progetti formativi (G. Capaldo) Si intende per progetto l insieme di un numero, generalmente elevato, di attività che, pur connotate da diverse natura e da specifiche finalità, concorrono

Dettagli

Gestire un progetto. Costruire il partneriato, governare la spesa, valorizzare i risultati

Gestire un progetto. Costruire il partneriato, governare la spesa, valorizzare i risultati Manuale a dispense sulla sicurezza urbana / dispensa n 4 / ottobre 2012 1 23 4 56 7 8910 Gestire un progetto Costruire il partneriato, governare la spesa, valorizzare i risultati Collana a cura di: Stefano

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

Università di Camerino

Università di Camerino Università di Camerino FONDO DI ATENEO PER LA RICERCA Bando per il finanziamento di Progetti di Ricerca di Ateneo Anno 2014-2015 1. Oggetto del bando L Università di Camerino intende sostenere e sviluppare,

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli