I progetti di cooperazione del Programma Cultura : guida alla compilazione dell eform

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I progetti di cooperazione del Programma Cultura 2007-2013: guida alla compilazione dell eform"

Transcript

1 I progetti di cooperazione del Programma Cultura : guida alla compilazione dell eform

2 Ministero per i Beni e le Attività Culturali Segretariato Generale Direttore Servizio I Gianni Bonazzi Cultural Contact Point, CCP Italy Project Manager Leila Nista Testi di Marzia Santone Progetto grafico Giulia Quintiliani for Quintilia Edizioni Contatti Cultural Contact Point, CCP ITALY Ministero per i Beni e le Attività Culturali Via del Collegio Romano, Roma Finito di stampare a Roma nel mese di giugno

3 INDICE Introduzione 4 1. Per cominciare: che cos è un azione di cooperazione Che cos è un progetto 8 3. Il ciclo di vita del Progetto L eform per i progetti di cooperazione annuale 14 e pluriennale (strand ) 5. Guida step by step per la compilazione dell eform. 17 Nota finale 37 Appendice 38 Bibliografia 45 3

4 Introduzione Scrivere un progetto europeo è un esercizio di logica e coerenza. Il rapporto annuale del 2002 sulla politica di sviluppo della CE sull esecuzione dell assistenza esterna precisa: Come prevedibile, i progetti caratterizzati da strategie e obiettivi chiari e ben definiti ottengono risultati generalmente migliori rispetto ai progetti con strategie e obiettivi inesistenti o mal definiti. 1 Scrivere un progetto richiede la conoscenza di una semantica ad hoc, quale quella del Project Cycle Management PCM (Gestione del Ciclo del progetto-gdp). Con il termine ciclo del progetto si intende la sequenza delle fasi di pianificazione, analisi, formulazione, gestione e valutazione di un progetto. Il PCM consente di costruire progetti valutabili nei loro effetti immediati e nei loro impatti a medio termine. Adottato dalla Commissione Europea a partire dagli anni novanta 2, diviene uno strumento essenziale nel 2001, anno in cui viene costituito l ufficio di Cooperazione EuropeAid European Commission-EuropeAid, 2002, Annual Report 2001 on EC development policy and the implementation of the external assistance, Brussels, page La CE adotta il PCM per la prima volta nel Il primo manuale sul PCM viene realizzato nel Il 1ºgennaio 2001 è stato istituito l ufficio di cooperazione EuropeAid, il quale riunisce all interno di un unica organizzazione le competenze riguardanti la gestione dell intero ciclo di vita dei progetti, dall individuazione alla valutazione. 4

5 Il 2001 rappresenta un anno di riforme fondamentali per la gestione dell assistenza esterna CE e per il monitoraggio dei progetti di sviluppo esterni alla Comunità. L obiettivo di tali riforme consiste nel migliorare la rapidità, la qualità, l impatto e la visibilità dei progetti e dei programmi in tutto il mondo. La necessità del PCM per la Commissione Europea/EuropeAid si basa sui seguenti princìpi: - utilizzare l approccio del Quadro Logico (AQL) in tutte le fasi del Ciclo del Progetto 4 ; - l obiettivo specifico (o scopo) del progetto deve essere formulato in maniera chiara; - l approccio strutturato del Ciclo del Progetto parte dai bisogni dei beneficiari; - i risultati e gli obiettivi, cui il progetto tende, devono essere definiti in modo chiaro sin dall inizio ed essere espressi in termini di indicatori che possano essere verificati nel corso e al termine dell iniziativa. Analizziamo gli ultimi due princìpi: l accento è posto sui risultati e sugli obiettivi, più che sulle attività: in questo consiste il cambio di paradigma del PCM. Nel caso in cui il contesto di riferimento di un progetto dovesse cambiare, le attività rischierebbe- 4. Il Quadro Logico è una matrice di progettazione, largamente usata nei programmi promossi dalla Commissione Europea e da altri organismi internazionali, molto utile per definire in maniera chiara i diversi elementi di un intervento progettuale e per visualizzarli in modo efficace, favorendo, quindi, anche una riflessione comune sul progetto. 5

6 ro di non dar luogo ai risultati e agli obiettivi prefissati. La logica del PCM suggerisce, invece, di adeguare le attività al contesto di riferimento, mantenendo fisse le mete cui tendere. I progetti che sono orientati alle attività, infatti, vengono spesso definiti ambiziosi e non sostenibili. La sostenibilità, ossia la capacità di produrre e riprodurre i benefici nel tempo 5, rappresenta l elemento innovativo del PCM, quale conseguenza dell approccio basato sugli obiettivi, i risultati e i beneficiari: In un approccio basato sul Ciclo del Progetto, l aspetto decisivo è la vitalità futura del progetto, il suo impatto strategico, cioè la sua capacità di proiettare i benefici al di là della fine dell intervento esterno. 6 Torniamo, così, al rigore e alla coerenza dell incipit. Questa guida non vuole essere un manuale sul PCM, ma un supporto agli applicants del Programma Cultura per la compilazione del formulario e la descrizione del progetto 7. Si prenderanno in considerazione solo le intuizioni del PCM, in modo da rendere più chiara la scrittura dei progetti per il Programma Cultura L utilizzo del PCM è, infatti, obbligatorio per la cooperazione allo 5. Ministero degli Affari Esteri Direzione Generale per la Cooperazione allo sviluppo, Manuale operativo di monitoraggio e valutazione delle iniziative della Cooperazione allo sviluppo, Roma, OICS, Manuale di Formazione. Le opportunità della cooperazione decentrata, Non verrà, di conseguenza, analizzato l approccio del Quadro Logico. 8. Il PCM, ad esempio, è obbligatorio per alcuni programmi (es. LIFE) o alcuni filoni di finanziamento (es. MEDA, Europe Aid). o per i Fondi Strutturali. 6

7 sviluppo, anche se è consigliato per tutti i programmi comunitari. 8 Bisogna tener presente che il PCM, pur non essendo obbligatorio, fornisce una semantica e degli strumenti utili e flessibili per la preparazione dei progetti anche nel settore culturale. Le varie sezioni del formulario per i progetti di cooperazione del Programma Cultura risultano, infatti, più comprensibili se si possiede un know how di base sul ciclo del progetto. Questa guida, dunque, rappresenta uno strumento iniziale per tutti gli operatori poco esperti che si trovano alle prese col Programma Cultura , dal punto di vista della scrittura. Dai canali di assistenza del CCP-Cultural Contact Point Italy, quali help-desk, infodays e incontri one to one, si evince che un numero considerevole di utenti non abbia delle competenze nella scrittura dei progetti e questo implica dei problemi dal punto di vista dell accesso. La prima parte della guida, sintetica ed essenziale, è pensata come un introduzione necessaria alla definizione concettuale di progetto e di ciclo del progetto La seconda parte, invece, fornisce sia una semantica di base per la scrittura delle proposte, sia dei suggerimenti e una metodologia per la compilazione dell eform. Marzia Santone Cultural Contact Point - CCP- Italy Roma, 1 Giugno

8 1. Per cominciare: che cos è un azione di cooperazione Un azione di cooperazione è tale se e solo se è basata su un partenariato europeo paritario ed equilibrato. Il Programma Cultura prevede tre azioni di cooperazione (strand 1.1- cooperazione pluriennale, strand cooperazione annuale- strand cooperazione coi Paesi Terzi 9 ) che si differenziano per: - la durata dell azione; - il numero minimo di paesi partecipanti; - i paesi partecipanti (in UE e/o extra UE;) - l importo della sovvenzione. Per motivi di sinteticità questa guisa è modellata principalmente sui settori 1.1 e 1.2.1, ma può essere un valido supporto anche per i progetti di cooperazione per i Paesi Terzi (strand 1.3.5). 2. Che cos è un progetto. Nel 2004 la Commissione Europea pubblica l ultima versione aggiornata del manuale sul PCM. 10 Nel capitolo dedicato alla definizione del progetto si precisa: 9. Ogni anno la Commissione Europea seleziona dei paesi terzi eleggibili per lo strand Per il 2012 sono stati selezionati l Australia e il Canada. 10. European Commission, External Cooperation Programmes, Project Cycle Management Guidelines, 2004: 8

9 Un progetto è una serie di attività volte al raggiungimento di un obiettivo specifico chiaramente definito, entro un periodo temporale limitato e con un budget definito. Un progetto è sottoposto a dei vincoli: il raggiungimento dell obiettivo, come previsto inizialmente, deve avvenire entro i termini temporali prestabiliti e nel rispetto dei limiti di budget e di risorse a disposizione. Possiamo esemplificare la natura del progetto sottoposto a dei vincoli come segue: Figura 1: i vincoli del progetto Per assicurare il raggiungimento dell obiettivo, per esempio, potrà essere necessario dedicare più tempo al progetto, oppure incrementare il numero delle risorse umane, aumentando, così, 9

10 i costi. Questo fa del progetto una modalità operativa estremamente elastica e flessibile, capace di rispondere ai cambiamenti imposti dall esterno con il minore dispendio di risorse. La figura 1 è utile anche per definire i progetti di cooperazione del Programma Cultura poiché, nel momento in cui si identifica una call for proposal (invito a presentare proposte), è necessario formulare un progetto in base a quelli che, nella Guida al Programma Cultura , vengono definiti criteri di ammissibilità specifici. I criteri di ammissibilità specifici rappresentano la conditio sine qua non per poter partecipare a una call. Figura 2: esempio di criteri di ammissibilità (strand 1.1) 10

11 Alla luce dei criteri di ammissibilità, per esempio, per il settori di cooperazione 1.1 i vincoli di un progetto possono essere precisati come segue: - Obiettivo generale: cooperazione culturale europea nel lungo tempo. - Tempo: tra 36 e 60 mesi. - Budget: sovvenzione non inferiore a EUR e non superiore EUR per ogni anno di attività Sempre da un punto di vista terminologico precisiamo cos è un obiettivo generale e un obiettivo specifico. Nell accezione più comune l obiettivo generale (spesso al singolare) è il fine ultimo, istituzionale del progetto (il macrobiettivo). Potremmo definirlo filosoficamente come ciò a cui il progetto tende. L obiettivo specifico, detto anche scopo del progetto, rappresenta il beneficio tangibile per i beneficiari. Può essere inteso come un sottobiettivo che porta al raggiungimento dell obiettivo generale o, in un altra accezione, delle specificazioni più dettagliate dell obiettivo generale. L obiettivo specifico si misura in termini di impatto. Immaginate di dover modellare l argilla: l impatto, metaforicamente, rappresenta il modo in cui avete modellato l argilla. 11

12 I progetti di cooperazione devono ovviamente tendere all obiettivo generale e agli obiettivi specifici del Programma Cultura Enunciamoli: Obiettivo generale: promuovere uno spazio culturale europeo, fondato su un comune patrimonio culturale, attraverso attività di cooperazione tra gli operatori culturali dei paesi partecipanti al Programma, col fine di incoraggiare la creazione di una cittadinanza europea attiva. Obiettivi specifici: - incentivare la mobilità transnazionale degli operatori in campo culturale; - sostenere la circolazione transnazionale di opere e beni artistici e culturali; - promuovere il dialogo interculturale. 12

13 3. Il ciclo di vita del Progetto. Ogni progetto segue un ciclo di vita standard, composto dalle seguenti fasi: Programmazione: la Commissione Europea stabilisce (di solito dopo una consultazione pubblica) le linee guida di un programma in un determinato settore ed emette, quindi, un bando. Identificazione: studio di fattibilità da parte di un soggetto promotore, analisi della situazione di partenza. Formulazione (progettazione esecutiva), in cui la proposta progettuale assume una forma definitiva in base al formulario. Finanziamento. Realizzazione/implementazione: le attività previste dal documento progettuale vengono realizzate dall ente esecutore. Monitoraggio e valutazione, in cui si avvia una riflessione sui risultati raggiunti dal progetto. 13

14 La valutazione dovrebbe avere una funzione di apprendimento, 11 in quanto dovrebbe influire sulla programmazione futura, fornendo elementi utili per l identificazione di ulteriori idee-progetto. E evidente che non tutti i programmi comunitari rispondano perfettamente a questo modello; le principali differenze si riscontrano soprattutto nella fase di formulazione, dal momento che ogni programma ha delle regole precise per la presentazione e il finanziamento delle proposte. 12 Le fasi che saranno prese in considerazione in questa guida sono quelle di identificazione e formulazione. 4. L eform per i progetti di cooperazione annuale e pluriennale (strand ) Una volta precisata la necessità dell orientamento dei progetti agli obiettivi, definiamo le caratteristiche fondamentali dell eform 13 per i progetti di cooperazione, introducendo anche delle chiarificazioni riguardo ad alcuni termini tecnici. Siamo, dunque, nelle fase di formulazione della proposta progettuale. È opportuno, tuttavia, leggere le sezioni del formulario anche 11. Rossi M., I progetti di sviluppo-metodologie ed esperienze di progettazione partecipativa per obiettivi, Franco Angeli, Milano Tuttavia, la definizione del progetto come ciclo testimonia l orientamento ai beneficiari, dal momento che nelle varie fasi si può notare una tensione dialettica tra gli enti promotori e i realizzatori del progetto. 13. L eform può essere completato in tutte le lingue ufficiali dell Unione Europea, tuttavia è vivamente consigliato redarlo in una delle tre lingue di lavoro dell UE (inglese, francese, tedesco) 14

15 nella fase di identificazione : in questa fase il capofila del progetto deve redigere una prima bozza progettuale; di conseguenza una lettura approfondita del formulario può rendere più efficace la creazione del partenariato e l incontro coi partners. 14 L eform per i progetti di cooperazione è un documento elettronico valido per tutti i settori della cooperazione. Una volta scaricato dal sito ufficiale del Programma Cultura 15, bisogna scegliere il settore per il quale si vuole presentare la domanda di candidatura, come mostrato in basso. 14. Un utile documento di supporto per la scrittura della proposta del progetto è rappresentato dalle Instructions for Applicants, che vengono pubblicate dall EACEA per ogni settore del Programma

16 L eform è suddiviso in sei parti: I. PART A: IDENTIFICATION OF THE APPLICANT AND OTHER ORGANISATIONS PARTICIPATING IN THE PROJECT. II. PART B. ORGANISATION AND ACTIVITIES. III. PART C. DESCRIPTION OF THE PROJECT. VI. PART D. TECHNICAL CAPABILITY. V. PART E. PROJECT IMPLEMENTATION /AWARD CRITERIA. VI. PART F. WORK PROGRAMME. Presenta, inoltre, 3 allegati: la Dichiarazione D Onore; la Descrizione dettagliata del Progetto; Il Budget form. La dichiarazione d onore, firmata dal rappresentante legale del capofila del progetto, sancisce l impegno ad adempiere ai criteri di ammissibilità menzionati dal bando a cui si partecipa. La descrizione del progetto verrà descritta nei paragrafi successivi. Il budget form, invece, è il bilancio preventivo del progetto. 16

17 5. Guida step by step per la compilazione dell eform. Analizziamo, di seguito, le varie sezioni del formulario, in modo da fornire una step by step guide. I. PARTE A: IDENTIFICAZIONE DELL APPLICANT E DELLE ALTRE ORGANIZ- ZAZIONI CHE PARTECIPANO AL PROGETTO Questa parte, prettamente amministrativa, deve essere compilata da tutti i partners che sono coinvolti nel progetto. 17

18 II. PARTE B: ORGANIZZAZIONE E ATTIVITÀ É necessario fornire informazioni inerenti allo status legale degli enti proponenti (pubblico-privato), insieme ad una breve presentazione delle organizzazioni che fanno parte del consorzio. Al punto B3 è necessario indicare i finanziamenti comunitari ricevuti negli ultimi 3 anni. Come per la parte A, i campi seguenti devono essere compilati da tutti i partners del progetto. 18

19 III. PARTE C: DESCRIZIONE DEL PROGETTO. Questa parte rappresenta una tavola riassuntiva del progetto, dal momento che devono essere indicati: - il calendario del progetto; - le informazioni tecniche relative a tutte le organizzazioni che partecipano al progetto; - la rilevanza con gli obiettivi specifici del Programma e i settori culturali che interessano il progetto. 19

20 I punti C3 e C5, spesso, sono molto sottovalutati dagli applicants e il risultato sono dei progetti che peccano di ambizione, soprattutto per quanto riguarda il punto C5: la rilevanza di un progetto con gli obiettivi specifici del Programma e, soprattutto, 20

21 i campi di interesse del progetto stesso devono essere seriamente motivati e non rappresentano, dunque, scelte dettate dal caso e dalla superficialità. Il punto C4, invece, ha solo fini statistici. La sintesi del progetto può essere compilata in inglese, francese o tedesco. È evidente che il summary, così come tutta la parte C del formulario, vada compilata ex post, ossia alla fine della scrittura del progetto. Infatti, il formulario è concepito non solo per l applicant, ma anche per il valutatore, il quale deve prendere visione del progetto da un punto di vista logico, che è diverso da quello dell applicant. 21

22 La pate C si conclude con una sintesi del budget form. Stessa regola del punto precedente: la sintesi del budget va, ovviamente, compilata alla fine. Infatti, nel caso in cui ci dovesse essere una discrepanza tra il budget e il punto C8, gli importi che verranno presi in considerazione, sia per quanto riguarda l analisi finanziaria che per il contratto, saranno quelli del budget form. 22

23 IV. PARTE D: CAPACITÀ TECNICA Sintetizza la capacità operativa di ogni partner (coordinatore e co-organizzatori) coinvolto nel progetto: La capacità operativa costituisce uno dei criteri di selezione delle domande e rappresenta l eccellenza che coordinatore e co-organizzatori hanno nel settore culturale in cui operano: i proponenti devono disporre delle competenze professionali e delle qualifiche richieste per portare a termine l azione o il programma di lavoro proposti. L application package per i progetti di cooperazione deve, infatti, contenere un report sulle attività degli ultimi 24 mesi e i curricula dei responsabili della realizzazione dell azione o del programma di lavoro proposti. 23

24 V. PARTE E: IMPLEMENTAZIONE DEL PROGETTO/CRITERI DI VALUTAZIONE. È composta come segue: - Descrizione dettagliata del progetto (max caratteri). - Qualità del partenariato (conception & implementation). - Livello atteso dei risultati. - Attività di communication & dissemination. - Sostenibilità. La descrizione dettagliata del progetto è un documento da compilare a parte 16 e deve essere pensata in termini di chiarezza e coerenza. Come viene tacitamente precisato nelle Instructions for Applicants, la descrizione del progetto dovrebbe essere impostata secondo i principi del PCM; e dunque essere orientata in primis agli obiettivi, ai risultati e ai beneficiari. Non deve essere, di conseguenza, un saggio d arte, ma un documento chiaro, in cui viene presentata la concatenazione logica tra obiettivi, risultati e attività del progetto, alla luce dell impatto e della sostenibilità. Un utile metodo per scrivere la descrizione del progetto è la lettura dei criteri di attribuzione (riportati in appendice), presenti 16. Non esiste, infatti, un template di riferimento. Può essere allegato alla domanda di candidatura in formato word o pdf. 24

25 nella Guida al Programma Cultura , dal momento che rappresentano un ottimo strumento di auto-valutazione. La natura contenutistica dei progetti per il Programma Cultura viene, infatti, valutata, da due valutatori esterni, in base ai criteri di attribuzione sopra citati. Ogni criterio di attribuzione è associato a un punteggio che poi verrà assegnato da ogni singolo valutatore. Analizziamo la composizione della parte E, in modo da poter chiarire alcuni termini che fanno parte della semantica del PCM. Qualità del partenariato Al punto E2 bisogna motivare la necessità e le modalità di cooperazione tra i partners del progetto (management del pro- 25

26 getto, meetings, attività di monitoraggio, etc.). Il partenariato, infatti, rappresenta il fulcro dei progetti di cooperazione, dal momento che si basa sulla sussidiarietà sia dal punto di vista economico, che dal punto di vista dell implementazione. Nella Guida al Programma Cultura, a ragione, si parla di partenariato equilibrato e paritario. Un progetto di cooperazione non è un impresa solipsistica, ma deve esprimere la necessità e la coerenza di un partenariato ad hoc, al fine di raggiungere almeno uno degli obiettivi specifici del Programma. Il partenariato deve esprimere, infatti, quello che viene chiamato valore aggiunto europeo. Il valore aggiunto europeo rappresenta la capacità di un progetto di superare i confini nazionali. Nella figura in basso viene descritta analiticamente la struttura del partenariato per i progetti di cooperazione: ogni partner ha un ruolo definito e funzionale al progetto da candidare. 26

27 Figura 3: struttura del partenariato per i progetti cooperazione del Programma Cultura Risultati attesi 17. I costi sostenuti da partner associati o da partner in un paese terzo non sono ammissibili, a meno che non siano direttamente sostenuti dal coordinatore e/o dai co-organizzatori. 27

28 I risultati attesi costituiscono i prodotti diretti delle attività, direttamente rilevabili al termine del progetto. Sia che si tratti di risultati materiali o di risultati non tangibili, essi consentono ai beneficiari del progetto una chance di trasformazione: se un progetto deve essere inteso come uno strumento di cambiamento, ecco dimostrato perché sono correlati al raggiungimento dell obiettivo specifico del progetto.commissione EUROPEA Figura 4: alcune definizioni sui risultati attesi nel contesto internazionale 28

29 Al punto E3, dopo la formulazione dei risultati attesi è richiesto di identificare i gruppi bersaglio (target groups), che beneficeranno dei risultati attesi sia direttamente che indirettamente. I gruppi bersaglio 18 vengono così definiti: Il gruppo o l entità che sarà coinvolta in modo positivo dal progetto a livello dell obiettivo specifico e che lavorerà in stretta collaborazione con il progetto e viceversa. 19 È per questo motivo che i risultati attesi possono anche essere considerati come servizi, ossia come qualsiasi realizzazione che permetta ai destinatari di modificare positivamente alcuni aspetti chiave della propria vita. Qui entra in gioco il concetto di efficacia, cioè della capacità dei risultati prodotti di permettere, nel medio e lungo periodo, il raggiungimento dell obiettivo specifico Vedi Appendice per approfondire l argomento. 19. European Commission, External CooperationProgrammes, Project Cycle Management Guidelines, OICS, Manuale di Formazione. Le opportunità della cooperazione decentrata

30 Comunicazione e promozione delle attività proposte Questo rappresenta un capitolo molto importante per i progetti di cooperazione e, in generale, per tutti i progetti europei che sono basati sul networking: le attività di communication e dissemination sono, infatti, finalizzate a promuovere i temi del progetto e a suscitare l interesse degli stakeholders 21, dell audience, nonché ad assicurare un efficace seguito al progetto. 21. Portatori di interesse. 30

31 Vengono, appunto, definite attività trasversali (in contrapposizione alle attività proprie del progetto, dette anche verticali ), dal momento che hanno lo scopo comune di assicurare la migliore gestione dei processi per il raggiungimento degli obiettivi. Queste attività, poiché richiedono l intervento di figure professionali spesso altamente qualificate, si svolgono contemporaneamente alle attività verticali di progetto e richiedono l investimento di risorse finanziarie. Il piano di comunicazione ha un importante funzione e deve essere preparato scrupolosamente, indicando l analisi dello scenario, gli obiettivi strategici dell attività di comunicazione, gli strumenti e i mezzi da utilizzare (TV, radio, giornali, merchandising, pubblicazioni, sito web) in relazione ai target groups che si vogliono raggiungere, e, infine, i metodi di verifica e misurazione dei risultati raggiunti Non a caso la componente dell'audience development sarà oggetto di una conferenze che si terrà il 16 e il 17 Ottobre 2012 a Bruxelles, in cui saranno presentati una serie di progetti finanziati dall attuale Programma Cultura e MEDIA che hanno sviluppato il tema dell audience development. Per audience development si intende il processo strategico e dinamico di allargamento e diversificazione del pubblico e di miglioramento delle condizioni complessive di fruizione. Pur considerando la vaghezza della traduzione italiana di audience development ( sviluppo del pubblico ) è evidente che il termine abbia un riferimento non solo quantitativo, ma anche qualitativo. Al di là del tecnicismo delle definizioni l audience development rappresenta una componente importante della Cultura in termini di accesso, inclusione sociale e conoscenza. Per maggiori informazioni sulla conferenza: 31

32 Sostenibilità Come annunciato nell introduzione, un progetto sostenibile è un progetto i cui benefici per i destinatari continuano anche dopo la fine del progetto. Affinchè un progetto sia sostenibile nel tempo, occorre che i risultati conseguiti poggino su solide basi materiali e immateriali. Questa parte è spesso poco curata dagli applicants, dal momento che viene pensata come una semplice chiosa del progetto, quando invece dovrebbe essere la meta finale a cui il progetto tende sin dalla sua concezione. 32

33 VI. PROGRAMMA DI LAVORO Sintetizza la fase di pianificazione delle attività. Il programma di lavoro è anche conosciuto come diagramma di GANNT, ossia la descrizione dello sviluppo temporale di un progetto. Nel work programme è necessario inserire: - la descrizione (meetings, workshops, etc.); - il luogo in cui si svolge; - la dimensione temporale ; - il nome del partner responsabile dell implementazione; - il nome del responsabile del subappalto, in caso di subappalto Nel caso in cui ancora non ci fosse un referente, basta scrivere nell apposita casella not yet known 33

34 Come suggerito dalle Instructions for Applicants, la compilazione del programma di lavoro deve essere concepita in base alla descrizione del progetto. Il programma di lavoro rappresenta, infatti, una scomposizione analitica del progetto ed è utile sia per fotografare lo svolgimento del progetto, sia per definirne i costi. Ad esempio, se si scompongo le attività in sottoattività, sarà più facile determinare le risorse umane necessarie, il tempo occorrente e i costi ad esse collegate. Il work programme, infatti è il punto di riferimento per la compilazione del budget form. Dai canali di assistenza del CCP Italy risulta che molti utenti non creano un legame logico tra cronogramma e budget, inserendo in quest ultimo attività diverse rispetto a quelle pianificate. Un utile strumento per programmare con coerenza è la Work Breakdown Structure (WBS), in italiano Struttura dettagliata del lavoro. Le principali caratteristiche della WBS sono: - la struttura gerarchica o a livelli: ogni attività è scomposta in sotto-attività, e queste ultime in ulteriori sotto-attività; - l orientamento verso un risultato: l esito di ciascuna (sotto) attività è il conseguimento di un risultato intermedio (deliverable), che è condizione necessaria per avviare o completare un altra (sotto)attività. Le principali deliverable rap- 34

35 presentano le pietre miliari (milestone) del progetto: punti di riferimento per valutare il suo andamento e il raggiungimento dei risultati previsti; - la natura logica (non cronologica) dell analisi: le sotto-attività non sono fasi temporali distinte e successive l una all altra di una macroattività, ma azioni che devono essere avviate e portate a termine affinché la macroattività sia completata. Infatti, più sotto-attività possono essere svolte anche contemporaneamente (pensiamo, ad esempio, alla gestione che copre tutto il periodo temporale del progetto). Il diagramma WBS dovrebbe prendere in considerazione anche le attività trasversali del progetto: la gestione di progetto, la comunicazione e le azioni di monitoraggio e valutazione. Quello appena presentato è solo un suggerimento, si possono utilizzare anche tecniche di pianificazione alternative, l importante è che la programmazione abbia una funzione logica, orientata ai risultati e che sia dettagliata al punto da identificare le risorse per il budget form. 35

36 INVIO DELL eform Una volta completato il formulario, occorre validarlo. Se ci sono degli errori, questi vengono segnalati in rosso. Inviata la candidatura, occorre aspettare il numero di riferimento della stessa e stamparla per inserirla nell application package. 36

37 NOTA FINALE Con questa guida ho voluto dimostrare che un progetto, come precisa Massimo Rossi, è un esercizio di modestia, di logica e di partecipazione per ridurre l incertezza 24 e richiede tempo. Non è concepibile scrivere un progetto a pochi giorni dalla scadenza del bando, come spesso noto durante il servizio di assistenza del CCP Italy. Un progetto non è un improvvisazione. L obiettivo della guida consiste sia nel dare una semantica di base agli utenti poco esperti, sia nel suscitare la curiosità di approfondire alcuni concetti. Spero di aver fornito degli spunti per riflettere sull importanza e sul valore della scrittura di un progetto per il Programma Cultura L eform aggiornato per i progetti di cooperazione del Programma Cultura verrà pubblicato molto probabilmente nel mese di Giugno. Al momento l Agenzia Esecutiva vi invita a consultare quello 2011 per la compilazione delle proposte, poiché per il 2012 non sono previsti cambiamenti sostanziali. Buon lavoro. Marzia Santone 24. M. Rossi, Teoria e pratica della progettazione per lo sviluppo, Dispense,

Programma Cultura 2007-2013

Programma Cultura 2007-2013 Programma Cultura 2007-2013 Cultural Contact Point CCP Italy Roma 2012 MIBAC Segretariato Generale Servizio I Cultural Contact Point CCP ITALY Ministero per i Beni e le Attività Culturali Segretariato

Dettagli

I progetti di cooperazione con i Paesi Terzi: Canada e Australia 2013. Guida alla compilazione dell eform e del budget form E AUSTRALIA

I progetti di cooperazione con i Paesi Terzi: Canada e Australia 2013. Guida alla compilazione dell eform e del budget form E AUSTRALIA I PROGETTI DI COOPERAZIONE CON I PAESI TERZI: : CANADAC E AUSTRALIA 2013. Guida alla compilazione dell eform e del budget form Ministero per i Beni e le A vità Culturali Segretariato Generale Segretario

Dettagli

Project Cycle Management

Project Cycle Management Project Cycle Management I principali concetti del PCM Che cos è il Project Cycle Management Programmazione Linee guida Valutazione Identificazione Progettazione di massima Realizzazione Formulazione Progettazione

Dettagli

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento.

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Una volta realizzata l analisi del contesto di riferimento e dei fabbisogni formativi che esso esprime (vedi UF 2.1), il progettista dispone

Dettagli

ATTIVITA Jean Monnet in ERASMUS + (2014-2020) CALL 2014

ATTIVITA Jean Monnet in ERASMUS + (2014-2020) CALL 2014 ATTIVITA Jean Monnet in ERASMUS + (2014-2020) CALL 2014 Roberta Pastorelli Centro europeo d eccellenza Jean Monnet www.unitn.it/cjm roberta.pastorelli@unitn.it Attività Jean Monnet: Introduzione Promuovono

Dettagli

Come viene valutato un progetto nell ambito del programma Europe-Aid

Come viene valutato un progetto nell ambito del programma Europe-Aid Come viene valutato un progetto nell ambito del programma Europe-Aid Principi generali e metodologia M. Flavia Di Noto - 9 dicembre 2010 Venezia Fasi di una proposta di progetto presentata a Europe-Aid

Dettagli

Procedure di presentazione e di selezione

Procedure di presentazione e di selezione Procedure di presentazione e di selezione Luciano Di Fonzo Education, Audiovisual and Culture Executive Agency Bruxelles, 24 aprile 2014 1 Scopo della presentazione Massimizzare le chances di presentare

Dettagli

Cultural Contact Point CCP Italy

Cultural Contact Point CCP Italy Cultural Contact Point CCP Italy Infoday Programma Cultura 2007-2013 4 luglio 2011 Sala Conferenze della Biblioteca Nazionale Centrale Viale Castro Pretorio 105, Roma Tips and hints. Dall idea al progetto:

Dettagli

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy Culture Programme 2007- -2013 Nuoro, 9 Novembre 2010 Marzia Santone-CCP Italy Intro From a cultural point of view Perché l UE si interessa alla cultura? Fattori simbolici L Unità nella Diversità L UE caratterizzata

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Linee guida alla compilazione del Modello on line C Unione Europea Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Fondo Europeo per i Rifugiati Fondo Europeo per i Rimpatri

Dettagli

Introduzione alla metodologia di progettazione europea

Introduzione alla metodologia di progettazione europea Seminario informativo Come presentare una proposta di successo nel quadro del programma ENPI CBC MED Introduzione alla metodologia di progettazione europea (parte I versione ridotta) Docente: Cecilia Chiapero

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO 2 1. STRUTTURARE UN PROGETTO Definizione

Dettagli

Project Cycle Management I principali concetti del PCM Perché il Project Cycle Management

Project Cycle Management I principali concetti del PCM Perché il Project Cycle Management Project Cycle Management I principali concetti del PCM Perché il Project Cycle Management Il presente materiale didattico costituisce parte integrante del percorso formativo sul Project Cycle Management.

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 2 Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO Modulo 2 Dall Idea al Progetto 2

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO 2 1. STRUTTURARE UN PROGETTO Definizione

Dettagli

Ciclo di gestione del progetto e Quadro Logico

Ciclo di gestione del progetto e Quadro Logico e Quadro Logico PROGETTO Gruppo di attività che mirano a raggiungere un obiettivo specifico in un tempo dato PROGRAMMA Serie di progetti i cui obiettivi riuniti contribuiscono all obiettivo globale comune,

Dettagli

EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura. Invito a presentare proposte

EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura. Invito a presentare proposte EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura Invito a presentare proposte EACEA 29/2015 : Sostegno a favore di progetti di cooperazione europei Attuazione del regime del sottoprogramma Cultura Europa

Dettagli

Il ciclo di progetto focus su. Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT

Il ciclo di progetto focus su. Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT Il ciclo di progetto focus su Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT analisi periodica e finale di: efficienza, efficacia, impatto atteso, sostenibilità

Dettagli

ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE

ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE Urbino: 3 e 4 ottobre 2008 A cura di: Stefano Santini sve@provincia.ps.it Definizione di progetto Opera complessa, unica e di durata limitata rivolta a produrre un risultato

Dettagli

CULTURA 2007. Andrea Pignatti. Andrea Pignatti

CULTURA 2007. Andrea Pignatti. Andrea Pignatti Presentazione Programma Piacenza, 15 luglio 2010 Programmi a gestione decentrata Programmi a gestione diretta Fondi Strutturali Le tipologie di finanziamento UE OGGI Obiettivo Convergenza Obiettivo Competitività

Dettagli

La gestione delle informazioni per l accesso ai finanziamenti comunitari

La gestione delle informazioni per l accesso ai finanziamenti comunitari La gestione delle informazioni per l accesso ai finanziamenti comunitari Dall idea alla individuazione della proposta progettuale Germana Di Falco Expert Italia Parte prima L APPROCCIO STRATEGICO AI FINANZIAMENTI

Dettagli

MIDA Ghana/Senegal BANDO 2006

MIDA Ghana/Senegal BANDO 2006 MIDA Ghana/Senegal BANDO 2006 Co-finanziamento per progetti imprenditoriali di co-sviluppo 1 presentati da immigrati senegalesi e ghanesi regolarmente residenti in Italia Codice di riferimento: MIDA- 02-

Dettagli

Elementi di progettazione europea L elaborazione di un progetto europeo: modalità di partecipazione

Elementi di progettazione europea L elaborazione di un progetto europeo: modalità di partecipazione Elementi di progettazione europea L elaborazione di un progetto europeo: modalità di partecipazione Antonella Buja Coordinatrice Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Il bando di gara La candidatura

Dettagli

Come scrivere una proposta progettuale

Come scrivere una proposta progettuale PROGETTO OPERATIVO DI ASSISTENZA TECNICA ALLE REGIONI DELL OBIETTIVO CONVERGENZA Come scrivere una proposta progettuale Comune di CATANIA 17/03/2016 SIGNIFICATO E DEFINIZIONE DEI LIVELLI DELLA LOGICA

Dettagli

(Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA

(Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA 22.9.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 286/23 V (Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA Invito a presentare proposte Programma Cultura (2007-2013) Implementazione del programma:

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE La Work Breakdown Structure La WBS è uno strumento di pianificazione delle attività progettuali che comporta un lavoro di: 1) suddivisione

Dettagli

La gestione manageriale dei progetti

La gestione manageriale dei progetti PROGETTAZIONE Pianificazione, programmazione temporale, gestione delle risorse umane: l organizzazione generale del progetto Dimitri Grigoriadis La gestione manageriale dei progetti Per organizzare il

Dettagli

Glossario Project Cycle Management

Glossario Project Cycle Management Glossario Project Cycle Management Albero degli obiettivi Diagramma, utilizzato nell ambito dell Approccio del Quadro Logico, che permette di rappresentare, in un quadro unitario, ciò che si potrebbe osservare

Dettagli

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA Viviamo in un territorio ricco di cultura, con elevata potenzialità produttiva materiale e immateriale dove molti giovani trovano modo di esprimere la loro creatività

Dettagli

Preparare un progetto su bandi EuropeAid

Preparare un progetto su bandi EuropeAid Venezia 9 Dicembre 2010 Preparare un progetto su bandi EuropeAid Marco Pasini Regione Veneto Ufficio del Consigliere Diplomatico Sede di Bruxelles Progetto Europeo Progettare = pensare, ideare qualcosa

Dettagli

SISTEMA DI MONITORAGGIO E VALUTAZIONE * (Obbligatorio all atto della richiesta di accreditamento per enti di 1^ classe)

SISTEMA DI MONITORAGGIO E VALUTAZIONE * (Obbligatorio all atto della richiesta di accreditamento per enti di 1^ classe) Mod. S/MON SISTEMA DI MONITORAGGIO E VALUTAZIONE * (Obbligatorio all atto della richiesta di accreditamento per enti di 1^ classe) Ente: CARITAS ITALIANA Cod. Ente: NZ01752 Elementi obbligatori del sistema

Dettagli

Laboratorio di progettazione europea

Laboratorio di progettazione europea Laboratorio di progettazione europea Obiettivi Avere una conoscenza di base utile a orientarsi nella struttura della UE e dei Programmi attraverso i quali si distribuiscono le risorse finanziarie comunitarie

Dettagli

EXPO MILANO 2015 BANDO Buone Pratiche di Sviluppo Sostenibile per la Sicurezza Alimentare

EXPO MILANO 2015 BANDO Buone Pratiche di Sviluppo Sostenibile per la Sicurezza Alimentare EXPO MILANO 2015 BANDO Buone Pratiche di Sviluppo Sostenibile per la Sicurezza Alimentare Domanda di candidatura offline Il racconto è uno strumento semplice, immediato ed efficace per condividere esperienze,

Dettagli

Bando per progetti di ricerca scientifica nell ambito della gestione e salvaguardia dell ambiente, territorio e sviluppo sostenibile

Bando per progetti di ricerca scientifica nell ambito della gestione e salvaguardia dell ambiente, territorio e sviluppo sostenibile Bando per progetti di ricerca scientifica nell ambito della gestione e salvaguardia dell ambiente, territorio e sviluppo sostenibile budget complessivo del bando 450.000 euro termine per la presentazione

Dettagli

I FINANZIAMENTI COMUNITARI

I FINANZIAMENTI COMUNITARI Giornata di Studio Le opportunità europee sulla Cultura: il programma Cultura 2007 1 I FINANZIAMENTI COMUNITARI IL CONTESTO INEUROPA - www.ineuropa.info 1 Programmi Comunitari sulla cultura dopo il 2006

Dettagli

Logical Framework Approach: Stakeholder Analysis e Problem Analysis

Logical Framework Approach: Stakeholder Analysis e Problem Analysis European Institute of Public Administration - Institut européen d administration publique Logical Framework Approach: Stakeholder Analysis e Problem Analysis Francesca Pepe learning and development - consultancy

Dettagli

Al servizio di gente unica. Direzione Centrale Cultura, sport e solidarietà

Al servizio di gente unica. Direzione Centrale Cultura, sport e solidarietà Al servizio di gente unica Le opportunità comunitarie nella futura Programmazione 2014-2020: 2020: i fondi a gestione diretta per la cultura EUROPA CREATIVA La cultura come elemento di competitività del

Dettagli

Gestione diretta: I programmi comunitari

Gestione diretta: I programmi comunitari Gestione diretta: I programmi comunitari Modalità Strumenti Gestione diretta Programmi UE a finanziamento diretto IPA ENI 4 Strumenti geografici PI DCI Assistenza esterna EIDHR 3 Strumenti tematici IfS

Dettagli

Il programma Europa Creativa. Perché Europa Creativa? Obiettivi generali. Obiettivi specifici

Il programma Europa Creativa. Perché Europa Creativa? Obiettivi generali. Obiettivi specifici EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura Invito a presentare proposte EAC/S16/2013 Progetti di cooperazione europea Scadenza: 5 marzo 2014 Scadenza presentazione all URI 21 febbraio 2014 Il programma

Dettagli

Finanziamenti per i gemellaggi Lecce, 14 ottobre 2011. Dott.ssa Rita Sassu ECP Europe for Citizens Point

Finanziamenti per i gemellaggi Lecce, 14 ottobre 2011. Dott.ssa Rita Sassu ECP Europe for Citizens Point Finanziamenti per i gemellaggi Lecce, 14 ottobre 2011 Dott.ssa Rita Sassu ECP Europe for Citizens Point Come preparare un buon progetto Idoneità dell applicant e dei parnter Validità della rete di partenariato

Dettagli

Project Cycle Management La programmazione della fase di progettazione esecutiva. La condivisione dell idea progettuale.

Project Cycle Management La programmazione della fase di progettazione esecutiva. La condivisione dell idea progettuale. Project Cycle Management La programmazione della fase di progettazione esecutiva. La condivisione dell idea progettuale. Il presente materiale didattico costituisce parte integrante del percorso formativo

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Comune di Inverigo Provincia di Como SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDICE INTRODUZIONE TITOLO I FINALITA E PRINCIPI Art. 1 - Finalità e oggetto Art. 2 - Principi di riferimento

Dettagli

IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice

IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice CORSO DI ALTA FORMAZIONE 38 ORE IN AULA 8 Moduli Didattici Roma, dal 13 novembre al 5 dicembre 2015 Hotel

Dettagli

IL PROJECT CYCLE MANAGEMENT

IL PROJECT CYCLE MANAGEMENT IL PROJECT CYCLE MANAGEMENT IL CICLO DI PROGETTO Programmazione Valutazione Identificazione Realizzazione Formulazione Richiesta finanziamento Perché il ciclo di progetto? Approccio tradizionale PCM Quadro

Dettagli

Come compilare il ConceptNote

Come compilare il ConceptNote MEDITERRANEAN SEA BASIN PROGRAMME 2007-2013 Call for proposals for Strategic Projects Università di Cagliari Direzione Relazioni Internazionali Direzione Ricerca e territorio Come compilare il ConceptNote

Dettagli

Tutorial. al Piano di Miglioramento

Tutorial. al Piano di Miglioramento Tutorial al Piano di Miglioramento Il presente documento è protetto ai sensi della vigente normativa sul diritto d'autore Legge 6 del 9 e ss.mm.ii. Come definito nell introduzione il Piano di Miglioramento

Dettagli

METODOLOGIA E STRUMENTI PER LA PROGETTAZIONE EUROPEA UFFICIO PROGETTAZIONE EUROPEA COMUNE DI BERGAMO

METODOLOGIA E STRUMENTI PER LA PROGETTAZIONE EUROPEA UFFICIO PROGETTAZIONE EUROPEA COMUNE DI BERGAMO METODOLOGIA E STRUMENTI PER LA PROGETTAZIONE EUROPEA UFFICIO PROGETTAZIONE EUROPEA COMUNE DI BERGAMO LA COSTRUZIONE DI UN PROGETTO EUROPEO: MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE AI BANDI EUROPEI NEI PROGRAMMI A GESTIONE

Dettagli

Area Ricerca e Relazioni Internazionali Ufficio Relazioni Internazionali

Area Ricerca e Relazioni Internazionali Ufficio Relazioni Internazionali Area Ricerca e Relazioni Internazionali Ufficio Relazioni Internazionali Firenze, 18 dicembre 2012 Prot. n. 127477 - Ai Presidi di Facoltà - Ai Direttori di Dipartimento e p.c. Ai Segretari Amministrativi

Dettagli

INNOVA NET Bando per partecipanti alla selezione di 10 Idee d impresa

INNOVA NET Bando per partecipanti alla selezione di 10 Idee d impresa INNOVA NET Bando per partecipanti alla selezione di 10 Idee d impresa TRAINING AND INNOVATION UNIVERSITY CONSORTIUM POLYTECHNIC OF BARI UNIVERSITY OF PATRAS ARTICOLO 1 Finalità e oggetto Nell'ambito del

Dettagli

in collaborazione con

in collaborazione con F O N D A Z I O N E in collaborazione con 4) Lingua del Concorso La lingua ufficiale del Concorso è la lingua italiana. 5) Obiettivi del Concorso La Fondazione Obiettivo Lavoro intende stimolare ad una

Dettagli

Il report è. correlati con le spese

Il report è. correlati con le spese Il report è - collegato ai pagamenti (intermedio e finale) - obbligatorio (da contratto) e deve essere prodotto entro 2 mesi dalla fine del progetto (data indicata nel contratto) - inoltre, deve essere

Dettagli

L ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: come avviare la gestione

L ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: come avviare la gestione L ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: come avviare la gestione Introduzione Questa è la fase in cui i partner iniziano realmente ad apportare il loro contributo in termini di attività e risultati,

Dettagli

La progettazione comunitaria come fattore di opportunità per lo sviluppo strategico

La progettazione comunitaria come fattore di opportunità per lo sviluppo strategico La progettazione comunitaria come fattore di opportunità per lo sviluppo strategico CONTESTO L importanza crescente della programmazione comunitaria nelle politiche di sviluppo locale, sia in termini di

Dettagli

Il ciclo di vita del progetto Laboratorio di progettazione con il metodo del quadro logico

Il ciclo di vita del progetto Laboratorio di progettazione con il metodo del quadro logico Il ciclo di vita del progetto Laboratorio di progettazione con il metodo del quadro logico MODULO D Roma, 06/08 e 11/13 maggio 2015 Carlos Costa FINANZIAMENTO REALIZZAZIONE 2 La pianificazione delle attività:

Dettagli

HORIZON 2020 PER LE PMI

HORIZON 2020 PER LE PMI HORIZON 2020 PER LE PMI Gli strumenti e le modalità di partecipazione ROAD SHOW Perugia, 21 Febbraio 2014 MISURE DI SUPPORTO ALLE PMI IN HORIZON IL PARTICIPANT PORTAL ASPETTI DI TECNICA PROGETTUALE MISURE

Dettagli

Terzo modulo 2 dicembre 2010 Il progetto èconcluso Valutazione

Terzo modulo 2 dicembre 2010 Il progetto èconcluso Valutazione CORSO DI FORMAZIONE REGIONALE cosa stai cercando? riflessioni sulla ricerca sanitaria dall idea all application: come descrivere un progetto di ricerca e chiedere un finanziamento Regione Liguria Terzo

Dettagli

Esempio di check list per la gestione di un progetto. nel settore dello spettacolo dal vivo LUCIO ARGANO

Esempio di check list per la gestione di un progetto. nel settore dello spettacolo dal vivo LUCIO ARGANO Lucio Argano Esempio di check list nella gestione di progetti di spettacolo 1 LUCIO ARGANO Esempio di check list per la gestione di un progetto nel settore dello spettacolo dal vivo sintesi da L.Argano

Dettagli

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale programmati e realizzati con logiche di rete e di collaborazione tra più realtà per fronteggiare situazioni di disagio o esclusione sociale

Dettagli

l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale (LLP-LdV-TOI-11-IT-632)

l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale (LLP-LdV-TOI-11-IT-632) (LLP-LdV-TOI-11-IT-632) l assicurazione di qualità della convalida dell apprendimento non formale e informale Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L autore è il

Dettagli

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER PROGETTI DI PROMOZIONE EDUCATIVA E CULTURALE DI INTERESSE PROVINCIALE PER L ANNO 2014

BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER PROGETTI DI PROMOZIONE EDUCATIVA E CULTURALE DI INTERESSE PROVINCIALE PER L ANNO 2014 Allegato alla determinazione dirigenziale n. del Settore Cultura, Beni Culturali, Identità e Tradizioni Corso Matteotti, 3 23900 Lecco, Italia Telefono 0341.295487 Fax 0341.295463 e-mail segreteria.cultura@provincia.lecco.it

Dettagli

PERCORSO CAF EDUCATION

PERCORSO CAF EDUCATION PERCORSO CAF EDUCATION FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV-PDM CODICE MECCANOGRAFICO MEIC851001 SCUOLA IC SALVO D ACQUISTO MESSINA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA* (X ) COMPLETO - ( ) PARZIALE GENNAIO 2014 1 PARTE

Dettagli

PERCORSI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE 2013-2014

PERCORSI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE 2013-2014 PERCORSI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE 2013-2014 Archivio Antico 21 Gennaio 2014 Erasmus+ (2014-2020): Azioni di supporto alla collaborazione internazionale (Key Action 2); progetti di sostegno alla riforma

Dettagli

EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura. Invito a formulare proposte

EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura. Invito a formulare proposte EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura Invito a formulare proposte EACEA 46/2014: Progetti di traduzione letteraria Attuazione dei progetti del sottoprogramma Cultura: progetti di traduzione

Dettagli

NATIONAL INFORMATION DAY 2012 PROGRAMMA DI AZIONE COMUNITARIA IN TEMA DI SALUTE (2008-2013) La progettazione di qualità e la gestione di progetti

NATIONAL INFORMATION DAY 2012 PROGRAMMA DI AZIONE COMUNITARIA IN TEMA DI SALUTE (2008-2013) La progettazione di qualità e la gestione di progetti NATIONAL INFORMATION DAY 2012 PROGRAMMA DI AZIONE COMUNITARIA IN TEMA DI SALUTE (2008-2013) La progettazione di qualità e la gestione di progetti Stefano Benvenuti Lorenzo Gios CReMPE Regione Veneto Coordinamento

Dettagli

BANDO FAMIGLIE INSIEME AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI

BANDO FAMIGLIE INSIEME AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI BANDO FAMIGLIE INSIEME AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI November 4, 2015 Autore: Centro per le Famiglie (Allegato alla DD n. 2969 del 14/12/2015) SOMMARIO 1. INTRODUZIONE...2 A. FINALITA...2

Dettagli

RISORSE E PROGRAMMI UE European Project Management

RISORSE E PROGRAMMI UE European Project Management MASTER IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE RISORSE E PROGRAMMI UE European Project Management Relatore: Francesco Riganti Risorse e Programmi dell UE e Metodologie di accesso Strumenti di Programmazione 2007-2013:

Dettagli

KA2 Strategic Partnerships for Higher Education

KA2 Strategic Partnerships for Higher Education KA2 Strategic Partnerships for Higher Education Modello di candidatura commentata dall Agenzia Nazionale ERASMUS+/Indire Call 2015 Versione 1.2 del 23.01.2015 Il progetto può avere inizio tra il 01-09-2015

Dettagli

QUESTIONARIO 1: PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO 1: PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO 1: PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE Step 1 - Decidere come organizzare e pianificare l autovalutazione (AV) 1.1. Assicurare l impegno e il governo del management per avviare il processo. 1.2. Assicurare

Dettagli

Metrika La formazione linguistica, una scelta di politica aziendale

Metrika La formazione linguistica, una scelta di politica aziendale Metrika La formazione linguistica, una scelta di politica aziendale Un importante tema dello sviluppo organizzativo è la valutazione della redditività degli investimenti. Quando si tratta, come per la

Dettagli

1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto

1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto 11 1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto Poiché ciascun progetto è un processo complesso ed esclusivo, una pianificazione organica ed accurata è indispensabile al fine di perseguire

Dettagli

Offerte tecniche con approccio PCM Project Cycle Management Sassari, 16 settembre 2015

Offerte tecniche con approccio PCM Project Cycle Management Sassari, 16 settembre 2015 Offerte tecniche con approccio PCM Project Cycle Management Sassari, 16 settembre 2015 Cinzia Sanna Poliste srl IL PCM - PROJECT CYCLE MANAGEMENT Nasce negli anni 90 Perché? ANALISI DELLE CRITICITÀ DEI

Dettagli

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE RICERCA MEDICA

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE RICERCA MEDICA SEZIONE RICERCA MEDICA 2015 INDICE Obiettivo... 3 Oggetto... 3 Durata dei progetti... 3 Enti ammissibili... 3 Partnership e rete... 3 Modalità di presentazione delle domande... 4 Contributo e cofinanziamento...

Dettagli

Con il supporto del Ministero italiano dello sviluppo economico PROGRAMMA

Con il supporto del Ministero italiano dello sviluppo economico PROGRAMMA www.cooperazioneallosviluppo.eu I programmi dell'unione europea alla cooperazione internazionale e all'aiuto allo sviluppo: metodologie, strumenti e progettazione Bruxelles, 9-20 luglio 2012 Con il supporto

Dettagli

A cura di Giorgio Sordelli

A cura di Giorgio Sordelli Dall idea al progetto A cura di Giorgio Sordelli Dall idea al progetto idea progetto trovare il finanziamento Bando progettuale trasformare idea in progetto che si adatti Slide 2 Il progetto Si lavora

Dettagli

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi Project Cycle Management 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico di Federico Bussi federicobussi1@gmail.com 1 La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico Nelle pagine precedenti abbiamo

Dettagli

Opportunità di finanziamento per la cooperazione culturale: il programma europeo Cultura. Alessia Franchini Area della Ricerca Università di Bologna

Opportunità di finanziamento per la cooperazione culturale: il programma europeo Cultura. Alessia Franchini Area della Ricerca Università di Bologna Opportunità di finanziamento per la cooperazione culturale: il programma europeo Cultura Alessia Franchini Area della Ricerca Università di Bologna Contenuti Il contesto: l Agenda europea per la cultura

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE CONSORZIO DI POLIZIA LOCALE DELLA VALLE SABBIA SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Art 7 Decreto Legislativo 150/2009 Revisione del 2 novembre 2011 INDICE INDICE... 2 PREMESSA... 3 I

Dettagli

bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori

bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori budget complessivo del bando 500.000 euro termine per la presentazione dei progetti 15 luglio 2014 contenuti: A. NORMATIVA DEL BANDO

Dettagli

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto.

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto. BANDO I PARCHI E LE AREE MARINE PROTETTE: UN PATRIMONIO UNICO DELL ITALIA Il contesto Il sistema delle Aree Naturali Protette in Italia (disciplinato dalla legge 394 del 6 dicembre 1991) rappresenta una

Dettagli

MEDEA SRL Piazza Puccini, 26 50144 Firenze Italia

MEDEA SRL Piazza Puccini, 26 50144 Firenze Italia Tecniche di Europrogettazione Francesca Abiuso Firenze, 28-29 29 Settembre 2011 Che cosa significa progettare Costruire una mappa strategica Affrontare un problema che va gestito Pianificare Le tre fasi

Dettagli

Elementi di Euro-progettazione

Elementi di Euro-progettazione Elementi di Euro-progettazione 1 parte - Ance Sicilia, Palermo Venerdì - 21 Giugno 2013 Giuseppe Pace - Università di Gent Lucia Coletti Esperto di euro-progettazione TEMI 1. Criteri generali di progettazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEI MODELLI

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEI MODELLI Direzione Generale Servizio Affari Internazionali Legge Regionale 11 aprile 1996, n. 19 Norme in materia di cooperazione con i Paesi in via di sviluppo e di collaborazione internazionale LINEE GUIDA PER

Dettagli

bando per progetti di riordino e valorizzazione di archivi

bando per progetti di riordino e valorizzazione di archivi bando per progetti di riordino e valorizzazione di archivi riguardanti la storia della comunità, dell economia e delle istituzioni trentine budget complessivo 150.000 euro termine per la presentazione

Dettagli

ARTI Agenzia Regionale per la Tecnologia e l Innovazione S.P. per Casamassima, Km 3 70010 Valenzano BA. www.arti.puglia.it

ARTI Agenzia Regionale per la Tecnologia e l Innovazione S.P. per Casamassima, Km 3 70010 Valenzano BA. www.arti.puglia.it Progetto NOBLE Ideas Young InNOvators Network for SustainaBLE Ideas in the Agro-Food Sector Attività cofinanziata dall Unione Europea a valere sul South East Europe Transnational Cooperation Programme

Dettagli

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 rivolto a soggetti istituzionali rappresentativi del sistema delle scuole dell infanzia della provincia di Trento budget disponibile:

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

Il budget form per i progetti di Cooperazione del Programma Cultura 2007-2013: guida alla compilazione Strand 1.1-1.2.1-1.3.5

Il budget form per i progetti di Cooperazione del Programma Cultura 2007-2013: guida alla compilazione Strand 1.1-1.2.1-1.3.5 Il budget form per i progetti di Cooperazione del Programma Cultura 2007-2013: guida alla compilazione Strand 1.1-1.2.1-1.3.5 Roma 2011 MIBAC Segretariato Generale Servizio I Cultural Contact Point CCP

Dettagli

International Programs Communication Officer Dipartimento Programmi Internazionali Save the Children Italia Onlus (ROMA) Responsabile Dipartimento

International Programs Communication Officer Dipartimento Programmi Internazionali Save the Children Italia Onlus (ROMA) Responsabile Dipartimento TERMINI DI RIFERIMENTO RUOLO: AREA/DIPARTIMENTO: SEDE DI LAVORO: REFERENTE: RESPONSABILITÀ DI GESTIONE: RESPONSABILITÀ DI BUDGET: TIPOLOGIA DI CONTRATTO: DURATA: SALARIO DI RIFERIMENTO RAL 24.000 26.000

Dettagli

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE INNOVAZIONE TECNOLOGICA

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE INNOVAZIONE TECNOLOGICA SEZIONE INNOVAZIONE TECNOLOGICA 2015 INDICE Obiettivo... 3 Oggetto... 3 Durata dei progetti... 3 Enti ammissibili... 3 Struttura e fasi di selezione... 5 Modalità di presentazione delle domande... 5 Contributo

Dettagli

Elementi di progettazione europea La valutazione dei progetti da parte della Commissione europea, la negoziazione e il contratto

Elementi di progettazione europea La valutazione dei progetti da parte della Commissione europea, la negoziazione e il contratto Elementi di progettazione europea La valutazione dei progetti da parte della Commissione europea, la negoziazione e il contratto Giuseppe Caruso Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune

Dettagli

Rivolto a tutti gli Istituti Tecnici del Piemonte

Rivolto a tutti gli Istituti Tecnici del Piemonte 2 a EDIZIONE Bando per la partecipazione ad un programma di internship all estero per favorire l occupabilità e la conoscenza di competenze linguistiche specifiche Rivolto a tutti gli Istituti Tecnici

Dettagli

LA STRATEGIA OBIETTIVI GENERALI

LA STRATEGIA OBIETTIVI GENERALI LA STRATEGIA La comunicazione di CONCORD ITALIA è finalizzata a sensibilizzare la cittadinanza sulle attività, l impatto e la sostenibilità delle nostre azioni nell ambito degli interventi realizzati dai

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 3 di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE, IMPLEMENTAZIONE E CONTROLLO DI

Dettagli

Gestione dei Progetti (2005-2006)

Gestione dei Progetti (2005-2006) Gestione dei Progetti (2005-2006) Alessandro Agnetis DII Università di Siena (Alcune delle illustrazioni contenute nella presentazione sono tratte da PMBOK, a guide to the Project Management Body of Knowledge,

Dettagli

Scopo della WBS. La regola del 100% Orientamento ai risultati

Scopo della WBS. La regola del 100% Orientamento ai risultati Le problematiche delle fasi del progetto CONCEZIONE ELABORAZIONE FINANZIAMENTO NEGOZIAZIONE ATTUAZIONE ATTUAZIONE - Definizione della successione delle attività esecutive - Allocare le risorse - Pianificare

Dettagli

Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali

Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali A cosa servono queste linee guida? Queste linee guida identificano gli elementi la cui presenza è ritenuta necessaria per i progetti della Coalizione Nazionale

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Calls for Proposals: Meccanismo e. opportunità

Calls for Proposals: Meccanismo e. opportunità Calls for Proposals: Meccanismo e opportunità Punti principali Gestione dei programmi Caratteristiche di una sovvenzione (grant) Procedure di selezione (calls for proposals) Valutazione delle proposte

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli