UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso Sistemi Informativi Aziendali, Pianificazione, valutazione e conduzione dei progetti per lo sviluppo di Software. di Simone Cavalli Bergamo, Maggio 2008

2 Agenda!!Project Management!!Gestione di un progetto informatico!!pianificazione dei sistemi informativi:! Systems Portfolio;! Competitive Advantage;! Staged Planning!!Analisi costi-benefici Pagina 2

3 Processo di formulazione di un piano di sviluppo BRAINSTORMING Definizione degli obiettivi Quali azioni? Quali risorse? Chi fa cosa quando? CICLO ITERATIVO Pagina 3

4 Project Management Pagina 4

5 Project Management: cenni storici Attività che risale al periodo di realizzazione delle grandi costruzioni dell antichità:!! Piramidi di Egitto (XXVI sec a.c.)!! Colosseo (72 d.c.)!! Acquedotti Impero Romano (144 a.c.) Opere condotte senza tecniche di programmazione e di rappresentazione del processo produttivo. Pagina 5

6 Project Management: cenni storici!!henry L. Gantt, ingegnere industriale statunitense, discepolo di Taylor, consigliere militare durante la prima guerra mondiale, definitì una tecnica di rappresentazione del processo produttivo utilizzando barre temporali.!!nel 1957 M. Walker definì il metodo CPM (Critical Path Method) per il controllo dei tempi del progetto;!!nel 1958 venne sviluppata la tecnica Pert (Program Evaluation and Review Technique) in ambito del progetto per la realizzazione dei sottomarini nucleari (progetto Polaris) Pagina 6

7 Project Management: definizioni Progetto: Progetto si definisce, di regola, uno sforzo complesso di durata solitamente inferiore ai due anni, comportante compiti interrelati eseguiti da varie organizzazioni con obiettivi, schedulazioni e budget ben definiti (Russel D. Archibald) Programma: Gruppo di progetti con obiettivi strategici comuni gestiti in modo coordinato per la realizzazione di benefici non raggiungibili attraverso una gestione separata dei singoli progetti. Pagina 7

8 Project Management: definizioni Differenze tra Progetto e Programma Ambito Durata Complessità Dimensioni ($) Confini Pagina 8

9 Project Management: definizioni Project Management Insieme di tecniche per la gestione sistemica di un impresa complessa, unica e di durata determinata, per raggiungere un obiettivo chiaro e ben definito, mediante un processo continuo di pianificazione e controllo di risorse differenziate, con vincoli interdipendenti di costi, tempi, qualità. Program Management Coordinamento e gestione della finalità, del timing e del budget di una molteplicità di progetti per raggiungere obiettivi strategici del programma Pagina 9

10 Figure 1-1 Corso Sistemi Informativi Aziendali - Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali! Project Life Cycle Definizione Pianificazione Esecuzione Delivery e chiusura Level of effort 1. Goals 2. Specifications 3. Tasks 4. Responsibilities 5. Teams 1. Schedules 2. Budgets 3. Resources 4. Risks 5. Staffing 1. Status reports 2. Changes 3. Quality 4. Forecasts 1. Formazione 2. Trasferimento documenti 3. Release resources 4. Reassign staff 5. Lessons learned Pagina 10

11 Il triplo vincolo del Project Management Tradizionalmente un progetto si basa su tre pilastri fondamentali che ne costituiscono anche i maggiori vincoli: il tempo, inteso come durata dei lavori, i costi e le risorse. Risulta utile ai fini del buon esito del progetto identificare appena possibile quale di essi sia realmente il fattore determinante (driver), concentrando tutte le possibili flessibilità sui due restanti Pagina 11

12 Perché una metodologia di Project Management?!! Pianifica il raggiungimento di obiettivi anche molto complessi, prevedendo fin dall'inizio i tempi di realizzazione delle varie fasi del progetto con le relative consegne intermedie, le modalità di utilizzo delle risorse, ed i flussi di cassa!! Riduzione dei tempi!! Migliore utilizzo delle risorse!! Previsione delle situazioni future (simulazione)!! Minimizza i rischi!! Migliora la comunicazione con cliente e team!! Accresce la percezione di un immagine professionale!! Rappresenta uno strumento di vantaggio competitivo!! Aumenta le probabilità di successo di un progetto Pagina 12

13 Project Management: vantaggi Per il management: Tiene informati sull avanzamento del progetto Qualità e controllo sono costruiti attraverso la gestione di!! Punti di revisione concordati!! Punti di avanzamento o blocco Incoraggia il coinvolgimento in quanto si sa cosa sta succedendo Pagina 13

14 Project Management: vantaggi Per il progetto: Programma un tempo sufficiente per :!! Fare un indagine completa!! Documentare Forza il project manager a valutare e rivalutare avvalendosi del team e del committente Fornisce regole per evitare attività troppo complesse Pagina 14

15 Project Management: vantaggi Per le persone: Facile rotazione del progetto ad un altro project manager Giustificazione di personale supplementare!! Quanto, quando e perchè Assegnazione realistica di compiti in accordo con :!! Capacità!! Disponibilità di tempo Pagina 15

16 Project Management: vantaggi Per il committente: Verificare che il contraente stia rispettando le condizioni contrattuali in termini temporali e quantitativi Individuare con il massimo anticipo la data reale di completamento della fornitura per prevedere le scadenze entro cui reperire le risorse per collaudo, presa in consegna e gestione definitiva dell oggetto della fornitura Pagina 16

17 Dimensioni tecnologiche e socioculturali del project management Tecniche Socio-culturali Raggiungimento dei Target Leadership WBS Problem solving Pianificazione Teamwork Allocazione delle risorse Negoziazione Budget Politics Status reports Realizzare le aspettative dei clienti Pagina 17

18 Project Management: framework FASI ATTIVITÀ DELIVERABLES TECHNIQUES DELIVERABLES TECHNIQUES DELIVERABLES TECHNIQUES DELIVERABLES TECHNIQUES Pagina 18

19 Project Management: fasi del framework!! È la fase di analisi e conferma del lavoro necessario a svolgere il progetto, condividendone gli obiettivi, l ambito ed i benefici attesi.!! Include l approccio all implementazione, le stime di alto livello e le risorse necessarie.!! Deliverable: Management Plan Pagina 19

20 Project Management: fasi del framework!! È la fase di pianificazione di dettaglio di come saranno condotte le specifiche fasi di progetto, definendo le attività da portare a temine, la relativa tempistica, le risorse coinvolte.!! Principale deliverable: Piani di lavoro di dettaglio (scheduling, risorse, costi) Pagina 20

21 Project Management: fasi del framework!! È la fase di gestione e controllo continuativi delle attività di progetto rispetto a quanto definito nei work plan di dettaglio definiti in fase 2.!! Principali deliverable:! Report di avanzamento! Piani di lavoro di dettaglio (aggiornati)! Management Plan (aggiornato)! Report di performance Pagina 21

22 Project Management: fasi del framework!! Trasformazione dei deliverable di progetto in attività operative, chiusura del progetto e review post-implementazione.!! Principali deliverable:! Management Plan (aggiornato)! Piani di lavoro di dettaglio per la chiusura! Memo di completamento progetto! Report della review post-implementazione Pagina 22

23 Fase 1: definizione del progetto!! Definire l ambito del progetto (scope) ed individuarne i confini;!! Identificazione delle attività da svolgere (che cosa fare);!! Assegnazione dei compiti e delle responsabilità (chi fa che cosa);!! Programmazione attività (quando);!! Stima dei costi delle attività (quanto);!! Assicurarsi che gli stakeholder e il team di progetto abbiano la stessa visione del progetto Pagina 23

24 Fase 1: definizione del progetto Le 5 attività previste: 1.1 Condividere obiettivi, ambito, benefici e rischi del progetto 1.2 Identificazione dell approccio all implementazione 1.3 Sviluppo del piano delle risorse e dell infrastruttura 1.4 Sviluppo delle procedure di controllo 1.5 Finalizzazione e approvazione del Management Plan Pagina 24

25 1.1 Condividere obiettivi, ambito, benefici e rischi Dettaglio attività!! Formare il Management Planning Team.!! Riesaminare la documentazione esistente.!! Condurre interviste e workshops.!! Documentare e condividere obiettivi, ambito, benefici, e rischi. Pagina 25

26 1.2 Approccio all implementazione Dettaglio attività Selezionare o sviluppare una Lifecycle Methodology Sviluppare la Delivery Strategy! Creare una Work Breakdown Structure (WBS) di alto livello Sviluppare il Master Project Schedule! Deliverables e i milestones identificati! Rischi identificabili ridotti! Vincoli di Business considerati! Efficacia dei costi Sviluppare Stime di alto livello Finalizzare l approccio e l ottenimento del commitment Pagina 26

27 1.2.2 Il concetto di Work Breakdown Structure È la scomposizione del progetto in parti più piccole (WBE/Task) secondo una struttura ad albero Si ottiene a partire dalle macrofasi del progetto e ogni livello inferiore rappresenta una definizione sempre più dettagliata di un componente del progetto. Pagina 27

28 1.2.2 Il concetto di Work Breakdown Structure Codice W.B.S. W.B.E. Pagina 28

29 1.2.2 Regole per la costruzione della W.B.S. Ogni W.B.E. (Work Breakdown Element o Task) rappresenta un attività per la quale deve essere possibile definire: "! una precisa descrizione del lavoro da compiere; "! la durata; "! le risorse che realizzeranno l attività e la responsabilità dell esecuzione; "! il costo; "! Le rilevazioni di avanzamento lavori. Ogni W.B.E. é collegato ad uno e solo ad uno degli elementi di livello superiore Il lavoro richiesto per portalo a termine è dato dalla somma del lavoro contenuto in tutti i WBE sottostanti. Pagina 29

30 1.2.2 Esempio di W.B.S. Pagina 30

31 1.3 Piano risorse ed infrastrutture Dettaglio attività Definire l organizzazione di progetto Definire le relazioni con i subcontractor Definire l approccio al cambiamento organizzativo Sviluppare il Piano di Comunicazione Pagina 31

32 1.3.1 Forme organizzative tipiche Organizzazione a matrice debole Organizzazione a matrice forte Task force dedicata Pagina 32

33 1.3.1 Task Force dedicata Le risorse umane distaccate delle strutture aziendali, operano a tempo pieno, con un rapporto di dipendenza gerarchica dal project manager, per realizzare il prodotto finale, voluto dall alta direzione.!persone impegnate a tempo pieno!durata limitata nel tempo, con una precisa data di ultimazione!il leader della task force ha controllo e poteri per agire fino al raggiungimento dell obiettivo finale (tempi, costi, qualità)!i membri del team dovrebbero riflettere le funzioni aziendali coinvolte nel progetto, oltre che eventuali consulenti esterni Pagina 33

34 1.3.1 Team di progetto PROJECT MANAGER AMMINISTRAZ. CONTRATTO CONTROLLO PROGETTO CONTROLLO QUALITA COORD. ACQUISTI APPLICAZIONI INFORMATICHE PIANIFICAZIONE CONTROLLO COSTI DIRETTORE TECNICO DIRETTORE DEI LAVORI Pagina 34

35 1.3.1 Project Manager Il project manager e una figura professionale destinata ad una sempre maggior considerazione. E un esperto di conduzione di progetti, quindi soprattutto un coordinatore ed un organizzatore, una figura decisamente nuova negli organigrammi aziendali. Funzioni:! garantire il raggiungimento di obiettivi ben definiti;! assicurare che i progetti, definiti ed approvati, comportino rischi accettabili;! assicurare che lo svolgimento del progetto sia coordinato ed integrato con gli altri progetti in corso, al fine di produrre i risultati previsti nel rispetto dei costi e delle scadenze Pagina 35

36 1.3.1 Project Manager vs Manager funzionale Cerca una soluzione Project Manager Effettua solo investimenti a breve Pretende tutte le risorse disponibili Ricerca il miglior risultato possibile per il proprio progetto Manager Funzionale Cerca la soluzione migliore Effettua investimenti a lungo termine Ripartisce le risorse su tutti i progetti efficientemente Ricerca l ottimizzazione della performance globale dell unita di cui è responsabile Pagina 36

37 1.3.1 Project Manager: vantaggi Attribuzione ad una sola persona dei risultati complessivi del progetto. Certezza che le decisioni vengono prese guardando all obiettivo globale del progetto e non a beneficio di uno solo dei settori interessati. Coordinamento di tutti gli apporti funzionali al progetto. Impiego adeguato dei metodi di pianificazione e controllo integrati e delle informazioni da essi prodotte. Pagina 37

38 1.3.1 Project Manager: interlocutori Cliente Cosa mi aspetto Qualità, $, tempi Cosa posso dare Qualità, $, tempi Alta Direzione Risultato da Conseguire Risultato che mi Impegno a conseguire P.M. Quanto ti costa E quando lo avrai Cosa voglio avere Quando e a quanto Subfornitori Esterni Enti Aziendali Cosa mi serve e Quando lo voglio Quanto ti costa E quando lo avrai Chi fa che cosa Quando Cosa siamo in Grado di fare Team di Progetto Pagina 38

39 1.3.3 Definire le relazioni con i subcontractor!! Verificare la reale necessità di ricorrere a subfornitori;!! Definire correttamente la loro qualificazione;!! Inserirli nel sistema di comunicazione;!! Dare loro una visione globale del progetto e delle sue esigenze, al fine di coinvolgerli e sensibilizzarli verso l obiettivo finale;!! Valutare le loro prestazioni, verificandole periodicamente. Pagina 39

40 1.3.4 Gestione del cambiamento organizzativo!! Sviluppare un piano!! Identificare il ruolo chiave nel controllo del cambiamento!! Costruire un efficace sponsorship per il progetto!! Creare commitment attraverso comunicazioni efficaci!! Riconoscere le resistenze al cambiamento!! Gestire il cambiamento usando un approccio di collaborazione Pagina 40

41 1.3.5 Il piano di comunicazione!! Definisce le informazioni da comunicare, i media da utilizzare per trasmettere tali informazioni e la frequenza!! Considera i bisogni di tutti gli stakeholders!! Definisce la frequenza, il tempo, e gli obiettivi degli incontri.!! Descrive il formato, il linguaggio e la struttura dei documenti di progetto Pagina 41

42 1.4 Procedure di controllo Dettaglio attività Sviluppare le Procedure di Gestione della Qualità Sviluppare le Procedure di Gestione del Rischio Sviluppare le Procedure di Gestione dei Problemi Sviluppare le Procedure di Gestione del Controllo del Cambiamento Sviluppare le Procedure di Configuration Management Sviluppare le Procedure di Controllo e Reporting Sviluppare una Metodologia di Pianificazione di Dettaglio Sviluppare le Procedure Amministrative (Administrative Handbook) Pagina 42

43 1.4 Procedure di controllo di progetto Le Procedure di Controllo del progetto assicurano che:!! I deliverables sono coerenti con le specifiche!! I rischi di progetto sono minimizzati!! I piani di lavoro sono prodotti in un formato coerente!! Gli avanzamenti sono misurati, registrati e documentati!! Le difficoltà sono identificate e gestite Pagina 43

44 1.4.7 Piano di lavoro di dettaglio Piano di lavoro di dettaglio!! Obiettivi, ambito, premesse, e rischi!! Diagrammi dell attività (Network)!! Diagramma di Gantt!! Profili dei task!! Reports o grafici di impiego delle risorse!! Allocazione delle risorse Pagina 44

45 1.4.7 Il diagramma di Gantt È una rappresentazione su scala temporale dell'evoluzione del progetto. Ogni barra rappresenta un'attività (W.B.E.), la lunghezza di ognuna di esse è proporzionale alla durata dell'attività che rappresenta e viene collocata sulla scala temporale in rappresentanza dell'attività stessa. Pagina 45

46 1.4.7 Il diagramma di Gantt: rappresentazione A B ATTIVITA' C D GEN FEB MAR APR MAG GIU LUG TEMPO Pagina 46

47 1.4.7 Il diagramma di Gantt: a cosa serve Lo scopo di tale rappresentazione è:!! definire il "cosa fare" in una certa quantità di tempo (durata);!! definire un riferimento per il controllo dell'avanzamento!! definire eventi o date chiave (milestones) Pagina 47

48 1.4.7 Il diagramma di Gantt: milestones ATTIVITA' A B C D Rappresentano un momento importante del progetto (la fine di una fase, una consegna, ecc. MILESTONES GEN FEB MAR APR MAG GIU LUG TEMPO Pagina 48

49 1.4.7 Il diagramma di Gantt: esempio Pagina 49

50 1.5 Finalizzare e condividere il Management Plan Dettaglio attività!! Documentare e approvare il Management Plan!! Comunicare il Management Plan Pagina 50

51 1.5 Finalizzare e condividere il Management Plan L alta direzione e lo sponsor devono approvare:!! L ambito del progetto!! La metodologia da usare!! La composizione del Team!! Le stime di alto livello dei costi e dei tempi!! Le procedure di gestione del progetto Pagina 51

52 Fase 2: pianificazione di dettaglio!! È la fase di pianificazione di dettaglio di come saranno condotte le specifiche fasi di progetto, definendo le attività da portare a temine, la relativa tempistica, le risorse coinvolte.!! Obiettivi da identificare! task! relazioni tra i task! deliverable!! Principale deliverable: Piani di lavoro di dettaglio (scheduling, risorse, costi) Pagina 52

53 Sviluppo del piano di dettaglio (Work Plan) Dettaglio attività!! Documentare il target, l ambito e le premesse!! Espandere la WBS e sviluppare le descrizioni dei deliverables!! Determinare le dipendenze dei Task!! Stimare l impegno richiesto per ogni Task!! Identificare le task di supporto, generali e di contingency!! Assegnare le risorse specifiche!! Calcolare il piano di dettaglio (schedule)!! Condividere formalmente la baseline del Piano di Lavoro!! Avviare la Comunicazione e la Formazione (eventuale) Pagina 53

54 Sviluppo del piano di dettaglio (Work Plan) Vantaggi della Pianificazione per Fasi!! Semplice, modulare, gestibile!! Evita sforzi inutili per rilavorazioni!! Approccio per decision point Pagina 54

55 Sviluppo del piano di dettaglio (Work Plan) Il Project Manager deve assicurarsi che... La struttura di dettaglio del piano segua le fasi e le attività definite nel Management Plan. Non vi siano ridondanze tra i piani di dettaglio. Pagina 55

56 Sviluppo del piano di dettaglio (Work Plan) Work Breakdown Structure Livello 1 Livello 2 Livello 3... Pagina 56

57 Sviluppo del piano di dettaglio (Work Plan) Caratteristiche del Task!! Misurabile!! Risultati Tangibili e Breve Durata!! Input identificabili e prontamente disponibili!! Di facile comprensione!! Responsabilità chiara ed univoca!! Deliverable chiaramente definito!! Anche conosciuto come WBE Pagina 57

58 Networking: pianificazione reticolare La pianificazione reticolare è la rappresentazione grafica del progetto sulla quale sono indicate:!! tutte le attività;!! i milestones;!! i condizionamenti reciproci sia logici che temporali tra le attività; Il networking ha l obiettivo di determinare:!! Lo scheduling delle attività, cioè di definire per ciascuna attività la sua data di inizio e di fine, e conseguentemente la durata dell intero progetto;!! L analisi dei ritardi (o slittamenti) possibili tra le varie attività Pagina 58

59 Networking: pianificazione reticolare I dati di partenza sono di tre tipi:!! Le attività;!! La loro durata;!! I vincoli di precedenza fra le attività. Le attività sono desunte dalla work breakdown structure (WBS), mentre durate e precedenze vengono discusse in apposite riunioni. Pagina 59

60 Tipi di dipendenze A B C J J, K, & L possono tutti iniziare nello stesso istante A è preceduta da nulla B è preceduta da A C è preceduta da B (A) K L M (C) ma Tutte (J, K, L) devono essere completate prima che M inizi Y Y e Z sono preceduti da X X Z Z è preceduta da X e Y X Z Y e Z possono iniziare nello stesso istante Y AA AA è preceduta da X e Y (B) (D) Pagina 60

61 Tipi di dipendenze: continua Finish to Start Start to Start Finish to Finish Start to Finish Pagina 61

62 Relazione Finish-to-Start (FS) X Lag 2 Y L attività Y non può iniziare se non è terminata l attività X Pagina 62

63 Relazione Start-to-Start (SS) A B Activity M Activity P Activity N Lag 5 Activity Q L attività N (Q) non può iniziare se non è iniziata l attività M (P) Pagina 63

64 Relazione Finish-to-Finish (FF) D Lag 4 G L attività G non può finire se non è finita l attività D Pagina 64

65 Relazione Start-to-Finish (SF) A Lag 3 S L attività S non può finire se non è iniziata l attività A Pagina 65

66 Relazione combinata Code Lag 4 Lag 2 Debug Pagina 66

67 Ritardi Ad ogni legame di precedenza può essere associato un ritardo (lag) oppure un anticipo X Lag 2 Y D Lag - 4 G Pagina 67

68 Metodologie di pianificazione reticolare Le metodologie di pianificazione più diffuse basate sul reticolo sono:!! Cpm (Critical Path Method), qualora la durata di tutte le attività venga considerata fissa, così come le precedenze, che sono del tipo fine-inizio (FS). Il metodo del cammino critico, fu messo a punto nel 1957 in America, alla Catalytic Construction Company grazie a Morgan Walker, per la costruzione di uno stabilimento della DuPont Corporation!! Mpm (metra potential method), simile al Cpm, ma caratterizzato anche dalle rimanenti possibilità di legame tra le attività (SF; SS, FF). Partendo dal Cpm, nel 1961 l Università di Stanford mise a punto il primo Mpm;!! Pert (Program Evaluetion & Review Technique), che è un Cpm avente però durate espresse in chiave probabilistica. Il pert fu messo a punto nel 1962 alla Lockheed, per conto della marina USA, presso l ufficio progetti speciali e con la consulenza della Booz, Allen & Hamilton, nell ambito della progettazione e costruzione di sottomarini atomici armati di missili balistici (progetto Polaris) Tutti questi metodi, direttamente o indirettamente, derivano dal progetto Manhattan Pagina 68

69 Critical Path Si rappresenta la sequenza delle operazioni mediante un grafo orientato: ossia un reticolo logico a rappresentazione a Frecce e Nodi (freccia = durata attività, nodo = inizio o fine attività) che indica che alcune attività devono precedere altre, ma anche che molte attività possono procedere insieme. L elaborazione del reticolo fornisce i seguenti risultati: "! Durata totale del progetto; "! Il cammino critico, cioè il cammino con durata più lunga tra quelli che uniscono un evento iniziale con quello finale. E costituito dalla successione delle attività critiche, cioè quelle a scorrimento nullo; "! Gli scorrimenti, cioè il numero di unità di tempo di cui può slittare un attività senza ritardare la data di fine progetto; "! Date di inizio e fine al più presto e le date di inizio e fine al più tardi di ciascuna attività. Pagina 69

70 Critical Path L identificazione del percorso critico si effettua in due fasi:!! Forward Pass (cammino in avanti): si parte dall inizio del progetto e si sommano le durate di ciascuna attività fino a determinare la data di fine progetto;!! Backward Pass (cammino all indietro): si parte dalla fine del progetto e si sottrae la durata di ciascuna attività Pagina 70

71 Critical Path: Forward Pass Alla fine di questa fase per ogni attività si identificano due date:!! Early Start: data di inizio al più presto;!! Early Finish: data di fine al più presto; Pagina 71

72 Critical Path: Backword pass Alla fine di questa fase per ogni attività sono determinate le date:!! Late Start: data di inizio al più tardi;!! Late Finish: data di fine al più tardi; Pagina 72

73 Critical Path: Total Float Determinate le quattro date per ogni attività si calcola lo scorrimento (Total Float) che indica il ritardo massimo che può avere la singola attività senza ritardare la data di completamento del progetto Total Float= Late Start - Early Start!! Le attività con Total Float uguale a zero sono critiche;!! La catena formata dalle attività critiche è il percorso critico Pagina 73

74 Critical Path: esempio EF Pagina 74

75 Critical Path: esempio EF Pagina 75

76 Critical Path: esempio LS Pagina 76

77 Critical Path: esempio LS EF Pagina 77

78 Sviluppo del piano di dettaglio: conclusioni Conclusioni!! La pianificazione è iterativa!! PMM aiuta a definire un percorso sperimentato da seguire!! Segui il percorso! Pagina 78

79 Fase 3: gestione e controllo del progetto!!è la fase di gestione e controllo continuativi delle attività di progetto rispetto a quanto definito nei work plan di dettaglio definiti in fase 2.!!Principali deliverable:! Report di avanzamento! Piani di lavoro di dettaglio (aggiornati)! Management Plan (aggiornato)! Report di performance Pagina 79

80 Report di avanzamento Fondato sulla baseline iniziale, ovvero dal progetto/programma memorizzato nella sua configurazione iniziale: i dati rilevanti del progetto devono essere presentati in un formato chiaro ed oggettivo. Utilizzato per confronto Consuntivo/Preventivo, evidenziando lo scostamento del realizzato dal pianificato. La scomposizione degli scostamenti tra la situazione consuntiva e la situazione prevista avviene nelle tre componenti:!! Performance tecnica (impatto sulla qualità/produttività);!! Performance economica (impatto sui costi);!! Perfomance temporale (Impatto sulla schedule); Analisi dei dati per determinare l avanzamento, le differenze ed i trend. Pagina 80

81 Reindirizzo del progetto In alcune situazioni critiche, si rende necessario un reindirizzamento del progetto, ovvero è necessario:!! Implementare azioni correttive.!! sviluppare strategie proattive.!! aggiornare il piano di dettaglio.!! aggiornare il Management Plan Pagina 81

82 Reindirizzo del progetto Possibili Azioni Correttive!! Riassegnare i punti critici del percorso a membri del team più esperti!! Aumentare la dimensione del team con soggetti terzi o membri temporanei del team!! Riassegnare le persone tra i diversi team!! Semplificare le richieste!! Ridurre le componenti di supporto e generali eliminando le distrazioni e le interruzioni Pagina 82

83 L* La curva ad S lavoro tempo 0 T* Pagina 83

84 La curva ad S (ritardo) L* 0 T* T*+ r Pagina 84

85 Quando controllare? lavoro L* SEMPRE ed in particolare tempo 0 T* Pagina 85

86 Fase 4: chiusura del progetto!!trasformazione dei deliverable di progetto in attività operative, chiusura del progetto e review post-implementazione!!principali deliverable:! Management Plan (aggiornato)! Piani di lavoro di dettaglio per la chiusura! Memo di completamento progetto! Report della review post-implementazione Pagina 86

87 Fase 4: chiusura del progetto Obiettivi!! Passaggio all operatività!! Smantellare l organizzazione di progetto!! Assicurarsi che le azioni concordate (dopo la review) siano state completate!! Svolgere una review post-implementazione Pagina 87

88 Gestione di un progetto informatico Pagina 88

89 Le filiere di gestione del progetto Controllo risultati intermedi Issue management Pianificazione e controllo operativo delle attività Approvazione del progetto Raccolta e raffinamento dei requisiti Raccolta e raffinamento dei requisiti Controllo amministrativo dei costi Pianificazione e controllo della qualità (su A e B) Gestione delle comunicazioni Analisi e progettazione BPR e risorse umane Change Management Configuration Management A) Implementazione applicativa Realizzazione e test dell applicazione B) Implementazione architetturale Installazione dell hardware C) Interventi BPR Collaudo e diffusione Diffusione dell hardware Attuazione e diffusione Chiusura del progetto Project Management Manutenzione post implementazione Manutenzione dell infrastruttura Pagina 89

90 Il progetto informatico: obiettivo e sottoprocessi Obiettivo di un progetto informatico è l implementazione di un sistema informatico in un azienda. Questo processo si distingue in tre sottoprocessi, rispettivamente focalizzati su: A.!Implementazione delle applicazioni software; B.!Progettazione e dimensionamento delle infrastrutture; C.!Reingegnerizzazione dei processi aziendali. Pagina 90

91 Sottoprocessi: a) implementazione applicazioni software Con implementazione delle applicazioni software si intende una catena del valore (filiera) che trasforma le esigenze degli utenti in un applicazione informatica funzionante. L ampiezza della catena dipende dal numero e dalla complessità delle attività comprese nel progetto: massima nel caso di applicazioni sviluppate ad hoc, minima nel caso di mera installazione di applicazioni già pronte (i cosiddetti pacchetti software) Pagina 91

92 Sottoprocessi: b) progettazione e dimensionamento delle infrastrutture del sistema informativo Per infrastrutture si intendono le apparecchiature hardware su cui il sistema opera (personal computer, server e collegamenti di rete). Tali infrastrutture hardware sono integrate da piattaforme di software di base, che comprendono i sistemi operativi, i sistemi di gestione dei DB, i browser per la navigazione in Internet e altro software il cui ruolo è di fornire funzionalità generali che sono condizione necessaria per il funzionamento delle applicazioni implementate con la filiera A (implementazione delle applicazioni software). Questa seconda catena del valore trasforma le esigenze dirette ed indirette degli utenti in una infrastruttura informatica funzionante. L architettura informatica deve supportare: a) l esecuzione delle applicazioni; b) la memorizzazione dei dati; c) la comunicazione fra gli utenti. Pagina 92

93 Sottoprocessi: c) reingegnerizzazione dei processi aziendali La filiera è formata dalle attività di reingegnerizzazione di processo (BPR), in quanto come si è già detto l implementazione di applicazioni IT impatta sull organizzazione dell azienda. L entità dell impatto delle IT sull organizzazione (in termini di flussi, attività risorse, qualifiche) è data dall intensità di cambiamento (misurata sulla profondità delle modifiche e sul numero di aspetti interessati) e dalla sua ampiezza (data dal numero degli utenti interessati). Pagina 93

94 A) La catena del valore dell implementazione del software Schema indicativo: Raccolta e raffinamento dei requisiti (desiderata) Realizzazione e test dell applicazion e Collaudo e diffusione Manutenzione post implementazion e! Requisiti funzionali (quali funzioni)! Requisiti prestazionali (tempi di elaborazione)! Requisiti di sicurezza! Parametrizzazione! Personalizzazione! Integrazione (con uso frequente di middleware)! Test unitario (delle singole applicazioni)! Test integrato! Collaudo! Diffusione agli utenti finali (deployment)! Addestramento! Manutenzione correttiva (software update)! Manutenzione adattiva (rimozione degli errori)! Manutenzione evolutiva (sw upgrade) Il costo del processo è dato dalla somma dei costi delle fasi (con manutenzione). Il valore del processo è dato dalla willingness to pay del committente. Pagina 94

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona PRINCIPI PROJECT MANAGEMENT PRINCIPI DI PROJECT MANAGEMENT Elisabetta Simeoni 1), Giovanni Serpelloni 2) 1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS

Dettagli

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO Giovanni Serpelloni 1), Elisabetta Simeoni 2) 1. Centro

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Introduzione al Project Management. AIPA Area Monitoraggio e Verifiche

Introduzione al Project Management. AIPA Area Monitoraggio e Verifiche Introduzione al Project Management AIPA Area Monitoraggio e Verifiche Contenuti del corso Impostazione del progetto; Pianificazione delle attività, risorse e costi; Coordinamento e controllo durante le

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Università degli Studi di Parma Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica DISPENSE INTRODUTTIVE INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Prof. Giulio Destri

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 2 Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO Modulo 2 Dall Idea al Progetto 2

Dettagli

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci L Autovalutazione con il Modello CAF Questa presentazione L autovalutazione e il miglioramento Il processo di autovalutazione La scelta dell approccio all autovalutazione Alcuni approfondimenti sull autovalutazione

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Il Data Quality, un problema di Business!

Il Data Quality, un problema di Business! Knowledge Intelligence: metodologia, modelli gestionali e strumenti tecnologici per la governance e lo sviluppo del business Il Data Quality, un problema di Business! Pietro Berrettoni, IT Manager Acraf

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Project Management PROJECT MANAGEMENT Change Formazione

Project Management PROJECT MANAGEMENT Change Formazione PROJECT MANAGEMENT Change Formazione 1 INTRODUZIONE 3 Le fasi del Project Management 3 Fattori critici di insuccesso 4 Fattori critici di successo 4 LA PIANIFICAZIONE DEL PROGETTO 5 LA PROGRAMMAZIONE DEL

Dettagli

LAVORARE PER PROGETTI

LAVORARE PER PROGETTI LAVORARE PER PROGETTI Giampaolo Calori e Nicoletta Perego Eulogos Consulenti di Direzione 1. PREMESSA Ogni giorno le aziende devono confrontarsi con il mutamento continuo dell ambiente interno ed esterno

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP Storia ed evoluzione dei sistemi ERP In questo breve estratto della tesi si parlerà dei sistemi ERP (Enterprise Resource Planning) utilizzabili per la gestione delle commesse; questi sistemi utilizzano

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

Business Process Redesign

Business Process Redesign Business Process Redesign I servizi offerti da Nòema 1 Riorganizzare le strutture organizzative significa cercare di conciliare l efficienza delle attività con le aspettative delle persone che costituiscono

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

LA PROGETTAZIONE AZIENDALE

LA PROGETTAZIONE AZIENDALE Riassunti del testo di H. Mintzberg, La progettazione dell'organizzazione aziendale A cura di Francesco Lo Piparo SDC LA PROGETTAZIONE AZIENDALE CAPITOLO PRIMO: gli elementi di base della progettazione

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli Organizzazione come sistema Ambiente interno Missione strategica Sistema tecnico

Dettagli

PROCESSI E PIANO. Tel. +39 335

PROCESSI E PIANO. Tel. +39 335 RAZIONALIZZAZIONE DEI PROCESSI APPROCCIO E PIANO DI MASSIMA PREMESSA Il promemoria elenca le attività da eseguire nei progetti che hanno lo scopo di migliorare significativamente le performance di business

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

agility made possible

agility made possible SOLUTION BRIEF CA IT Asset Manager Come gestire il ciclo di vita degli asset, massimizzare il valore degli investimenti IT e ottenere una vista a portfolio di tutti gli asset? agility made possible contribuisce

Dettagli