UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso Sistemi Informativi Aziendali, Pianificazione, valutazione e conduzione dei progetti per lo sviluppo di Software. di Simone Cavalli Bergamo, Maggio 2008

2 Agenda!!Project Management!!Gestione di un progetto informatico!!pianificazione dei sistemi informativi:! Systems Portfolio;! Competitive Advantage;! Staged Planning!!Analisi costi-benefici Pagina 2

3 Processo di formulazione di un piano di sviluppo BRAINSTORMING Definizione degli obiettivi Quali azioni? Quali risorse? Chi fa cosa quando? CICLO ITERATIVO Pagina 3

4 Project Management Pagina 4

5 Project Management: cenni storici Attività che risale al periodo di realizzazione delle grandi costruzioni dell antichità:!! Piramidi di Egitto (XXVI sec a.c.)!! Colosseo (72 d.c.)!! Acquedotti Impero Romano (144 a.c.) Opere condotte senza tecniche di programmazione e di rappresentazione del processo produttivo. Pagina 5

6 Project Management: cenni storici!!henry L. Gantt, ingegnere industriale statunitense, discepolo di Taylor, consigliere militare durante la prima guerra mondiale, definitì una tecnica di rappresentazione del processo produttivo utilizzando barre temporali.!!nel 1957 M. Walker definì il metodo CPM (Critical Path Method) per il controllo dei tempi del progetto;!!nel 1958 venne sviluppata la tecnica Pert (Program Evaluation and Review Technique) in ambito del progetto per la realizzazione dei sottomarini nucleari (progetto Polaris) Pagina 6

7 Project Management: definizioni Progetto: Progetto si definisce, di regola, uno sforzo complesso di durata solitamente inferiore ai due anni, comportante compiti interrelati eseguiti da varie organizzazioni con obiettivi, schedulazioni e budget ben definiti (Russel D. Archibald) Programma: Gruppo di progetti con obiettivi strategici comuni gestiti in modo coordinato per la realizzazione di benefici non raggiungibili attraverso una gestione separata dei singoli progetti. Pagina 7

8 Project Management: definizioni Differenze tra Progetto e Programma Ambito Durata Complessità Dimensioni ($) Confini Pagina 8

9 Project Management: definizioni Project Management Insieme di tecniche per la gestione sistemica di un impresa complessa, unica e di durata determinata, per raggiungere un obiettivo chiaro e ben definito, mediante un processo continuo di pianificazione e controllo di risorse differenziate, con vincoli interdipendenti di costi, tempi, qualità. Program Management Coordinamento e gestione della finalità, del timing e del budget di una molteplicità di progetti per raggiungere obiettivi strategici del programma Pagina 9

10 Figure 1-1 Corso Sistemi Informativi Aziendali - Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali! Project Life Cycle Definizione Pianificazione Esecuzione Delivery e chiusura Level of effort 1. Goals 2. Specifications 3. Tasks 4. Responsibilities 5. Teams 1. Schedules 2. Budgets 3. Resources 4. Risks 5. Staffing 1. Status reports 2. Changes 3. Quality 4. Forecasts 1. Formazione 2. Trasferimento documenti 3. Release resources 4. Reassign staff 5. Lessons learned Pagina 10

11 Il triplo vincolo del Project Management Tradizionalmente un progetto si basa su tre pilastri fondamentali che ne costituiscono anche i maggiori vincoli: il tempo, inteso come durata dei lavori, i costi e le risorse. Risulta utile ai fini del buon esito del progetto identificare appena possibile quale di essi sia realmente il fattore determinante (driver), concentrando tutte le possibili flessibilità sui due restanti Pagina 11

12 Perché una metodologia di Project Management?!! Pianifica il raggiungimento di obiettivi anche molto complessi, prevedendo fin dall'inizio i tempi di realizzazione delle varie fasi del progetto con le relative consegne intermedie, le modalità di utilizzo delle risorse, ed i flussi di cassa!! Riduzione dei tempi!! Migliore utilizzo delle risorse!! Previsione delle situazioni future (simulazione)!! Minimizza i rischi!! Migliora la comunicazione con cliente e team!! Accresce la percezione di un immagine professionale!! Rappresenta uno strumento di vantaggio competitivo!! Aumenta le probabilità di successo di un progetto Pagina 12

13 Project Management: vantaggi Per il management: Tiene informati sull avanzamento del progetto Qualità e controllo sono costruiti attraverso la gestione di!! Punti di revisione concordati!! Punti di avanzamento o blocco Incoraggia il coinvolgimento in quanto si sa cosa sta succedendo Pagina 13

14 Project Management: vantaggi Per il progetto: Programma un tempo sufficiente per :!! Fare un indagine completa!! Documentare Forza il project manager a valutare e rivalutare avvalendosi del team e del committente Fornisce regole per evitare attività troppo complesse Pagina 14

15 Project Management: vantaggi Per le persone: Facile rotazione del progetto ad un altro project manager Giustificazione di personale supplementare!! Quanto, quando e perchè Assegnazione realistica di compiti in accordo con :!! Capacità!! Disponibilità di tempo Pagina 15

16 Project Management: vantaggi Per il committente: Verificare che il contraente stia rispettando le condizioni contrattuali in termini temporali e quantitativi Individuare con il massimo anticipo la data reale di completamento della fornitura per prevedere le scadenze entro cui reperire le risorse per collaudo, presa in consegna e gestione definitiva dell oggetto della fornitura Pagina 16

17 Dimensioni tecnologiche e socioculturali del project management Tecniche Socio-culturali Raggiungimento dei Target Leadership WBS Problem solving Pianificazione Teamwork Allocazione delle risorse Negoziazione Budget Politics Status reports Realizzare le aspettative dei clienti Pagina 17

18 Project Management: framework FASI ATTIVITÀ DELIVERABLES TECHNIQUES DELIVERABLES TECHNIQUES DELIVERABLES TECHNIQUES DELIVERABLES TECHNIQUES Pagina 18

19 Project Management: fasi del framework!! È la fase di analisi e conferma del lavoro necessario a svolgere il progetto, condividendone gli obiettivi, l ambito ed i benefici attesi.!! Include l approccio all implementazione, le stime di alto livello e le risorse necessarie.!! Deliverable: Management Plan Pagina 19

20 Project Management: fasi del framework!! È la fase di pianificazione di dettaglio di come saranno condotte le specifiche fasi di progetto, definendo le attività da portare a temine, la relativa tempistica, le risorse coinvolte.!! Principale deliverable: Piani di lavoro di dettaglio (scheduling, risorse, costi) Pagina 20

21 Project Management: fasi del framework!! È la fase di gestione e controllo continuativi delle attività di progetto rispetto a quanto definito nei work plan di dettaglio definiti in fase 2.!! Principali deliverable:! Report di avanzamento! Piani di lavoro di dettaglio (aggiornati)! Management Plan (aggiornato)! Report di performance Pagina 21

22 Project Management: fasi del framework!! Trasformazione dei deliverable di progetto in attività operative, chiusura del progetto e review post-implementazione.!! Principali deliverable:! Management Plan (aggiornato)! Piani di lavoro di dettaglio per la chiusura! Memo di completamento progetto! Report della review post-implementazione Pagina 22

23 Fase 1: definizione del progetto!! Definire l ambito del progetto (scope) ed individuarne i confini;!! Identificazione delle attività da svolgere (che cosa fare);!! Assegnazione dei compiti e delle responsabilità (chi fa che cosa);!! Programmazione attività (quando);!! Stima dei costi delle attività (quanto);!! Assicurarsi che gli stakeholder e il team di progetto abbiano la stessa visione del progetto Pagina 23

24 Fase 1: definizione del progetto Le 5 attività previste: 1.1 Condividere obiettivi, ambito, benefici e rischi del progetto 1.2 Identificazione dell approccio all implementazione 1.3 Sviluppo del piano delle risorse e dell infrastruttura 1.4 Sviluppo delle procedure di controllo 1.5 Finalizzazione e approvazione del Management Plan Pagina 24

25 1.1 Condividere obiettivi, ambito, benefici e rischi Dettaglio attività!! Formare il Management Planning Team.!! Riesaminare la documentazione esistente.!! Condurre interviste e workshops.!! Documentare e condividere obiettivi, ambito, benefici, e rischi. Pagina 25

26 1.2 Approccio all implementazione Dettaglio attività Selezionare o sviluppare una Lifecycle Methodology Sviluppare la Delivery Strategy! Creare una Work Breakdown Structure (WBS) di alto livello Sviluppare il Master Project Schedule! Deliverables e i milestones identificati! Rischi identificabili ridotti! Vincoli di Business considerati! Efficacia dei costi Sviluppare Stime di alto livello Finalizzare l approccio e l ottenimento del commitment Pagina 26

27 1.2.2 Il concetto di Work Breakdown Structure È la scomposizione del progetto in parti più piccole (WBE/Task) secondo una struttura ad albero Si ottiene a partire dalle macrofasi del progetto e ogni livello inferiore rappresenta una definizione sempre più dettagliata di un componente del progetto. Pagina 27

28 1.2.2 Il concetto di Work Breakdown Structure Codice W.B.S. W.B.E. Pagina 28

29 1.2.2 Regole per la costruzione della W.B.S. Ogni W.B.E. (Work Breakdown Element o Task) rappresenta un attività per la quale deve essere possibile definire: "! una precisa descrizione del lavoro da compiere; "! la durata; "! le risorse che realizzeranno l attività e la responsabilità dell esecuzione; "! il costo; "! Le rilevazioni di avanzamento lavori. Ogni W.B.E. é collegato ad uno e solo ad uno degli elementi di livello superiore Il lavoro richiesto per portalo a termine è dato dalla somma del lavoro contenuto in tutti i WBE sottostanti. Pagina 29

30 1.2.2 Esempio di W.B.S. Pagina 30

31 1.3 Piano risorse ed infrastrutture Dettaglio attività Definire l organizzazione di progetto Definire le relazioni con i subcontractor Definire l approccio al cambiamento organizzativo Sviluppare il Piano di Comunicazione Pagina 31

32 1.3.1 Forme organizzative tipiche Organizzazione a matrice debole Organizzazione a matrice forte Task force dedicata Pagina 32

33 1.3.1 Task Force dedicata Le risorse umane distaccate delle strutture aziendali, operano a tempo pieno, con un rapporto di dipendenza gerarchica dal project manager, per realizzare il prodotto finale, voluto dall alta direzione.!persone impegnate a tempo pieno!durata limitata nel tempo, con una precisa data di ultimazione!il leader della task force ha controllo e poteri per agire fino al raggiungimento dell obiettivo finale (tempi, costi, qualità)!i membri del team dovrebbero riflettere le funzioni aziendali coinvolte nel progetto, oltre che eventuali consulenti esterni Pagina 33

34 1.3.1 Team di progetto PROJECT MANAGER AMMINISTRAZ. CONTRATTO CONTROLLO PROGETTO CONTROLLO QUALITA COORD. ACQUISTI APPLICAZIONI INFORMATICHE PIANIFICAZIONE CONTROLLO COSTI DIRETTORE TECNICO DIRETTORE DEI LAVORI Pagina 34

35 1.3.1 Project Manager Il project manager e una figura professionale destinata ad una sempre maggior considerazione. E un esperto di conduzione di progetti, quindi soprattutto un coordinatore ed un organizzatore, una figura decisamente nuova negli organigrammi aziendali. Funzioni:! garantire il raggiungimento di obiettivi ben definiti;! assicurare che i progetti, definiti ed approvati, comportino rischi accettabili;! assicurare che lo svolgimento del progetto sia coordinato ed integrato con gli altri progetti in corso, al fine di produrre i risultati previsti nel rispetto dei costi e delle scadenze Pagina 35

36 1.3.1 Project Manager vs Manager funzionale Cerca una soluzione Project Manager Effettua solo investimenti a breve Pretende tutte le risorse disponibili Ricerca il miglior risultato possibile per il proprio progetto Manager Funzionale Cerca la soluzione migliore Effettua investimenti a lungo termine Ripartisce le risorse su tutti i progetti efficientemente Ricerca l ottimizzazione della performance globale dell unita di cui è responsabile Pagina 36

37 1.3.1 Project Manager: vantaggi Attribuzione ad una sola persona dei risultati complessivi del progetto. Certezza che le decisioni vengono prese guardando all obiettivo globale del progetto e non a beneficio di uno solo dei settori interessati. Coordinamento di tutti gli apporti funzionali al progetto. Impiego adeguato dei metodi di pianificazione e controllo integrati e delle informazioni da essi prodotte. Pagina 37

38 1.3.1 Project Manager: interlocutori Cliente Cosa mi aspetto Qualità, $, tempi Cosa posso dare Qualità, $, tempi Alta Direzione Risultato da Conseguire Risultato che mi Impegno a conseguire P.M. Quanto ti costa E quando lo avrai Cosa voglio avere Quando e a quanto Subfornitori Esterni Enti Aziendali Cosa mi serve e Quando lo voglio Quanto ti costa E quando lo avrai Chi fa che cosa Quando Cosa siamo in Grado di fare Team di Progetto Pagina 38

39 1.3.3 Definire le relazioni con i subcontractor!! Verificare la reale necessità di ricorrere a subfornitori;!! Definire correttamente la loro qualificazione;!! Inserirli nel sistema di comunicazione;!! Dare loro una visione globale del progetto e delle sue esigenze, al fine di coinvolgerli e sensibilizzarli verso l obiettivo finale;!! Valutare le loro prestazioni, verificandole periodicamente. Pagina 39

40 1.3.4 Gestione del cambiamento organizzativo!! Sviluppare un piano!! Identificare il ruolo chiave nel controllo del cambiamento!! Costruire un efficace sponsorship per il progetto!! Creare commitment attraverso comunicazioni efficaci!! Riconoscere le resistenze al cambiamento!! Gestire il cambiamento usando un approccio di collaborazione Pagina 40

41 1.3.5 Il piano di comunicazione!! Definisce le informazioni da comunicare, i media da utilizzare per trasmettere tali informazioni e la frequenza!! Considera i bisogni di tutti gli stakeholders!! Definisce la frequenza, il tempo, e gli obiettivi degli incontri.!! Descrive il formato, il linguaggio e la struttura dei documenti di progetto Pagina 41

42 1.4 Procedure di controllo Dettaglio attività Sviluppare le Procedure di Gestione della Qualità Sviluppare le Procedure di Gestione del Rischio Sviluppare le Procedure di Gestione dei Problemi Sviluppare le Procedure di Gestione del Controllo del Cambiamento Sviluppare le Procedure di Configuration Management Sviluppare le Procedure di Controllo e Reporting Sviluppare una Metodologia di Pianificazione di Dettaglio Sviluppare le Procedure Amministrative (Administrative Handbook) Pagina 42

43 1.4 Procedure di controllo di progetto Le Procedure di Controllo del progetto assicurano che:!! I deliverables sono coerenti con le specifiche!! I rischi di progetto sono minimizzati!! I piani di lavoro sono prodotti in un formato coerente!! Gli avanzamenti sono misurati, registrati e documentati!! Le difficoltà sono identificate e gestite Pagina 43

44 1.4.7 Piano di lavoro di dettaglio Piano di lavoro di dettaglio!! Obiettivi, ambito, premesse, e rischi!! Diagrammi dell attività (Network)!! Diagramma di Gantt!! Profili dei task!! Reports o grafici di impiego delle risorse!! Allocazione delle risorse Pagina 44

45 1.4.7 Il diagramma di Gantt È una rappresentazione su scala temporale dell'evoluzione del progetto. Ogni barra rappresenta un'attività (W.B.E.), la lunghezza di ognuna di esse è proporzionale alla durata dell'attività che rappresenta e viene collocata sulla scala temporale in rappresentanza dell'attività stessa. Pagina 45

46 1.4.7 Il diagramma di Gantt: rappresentazione A B ATTIVITA' C D GEN FEB MAR APR MAG GIU LUG TEMPO Pagina 46

47 1.4.7 Il diagramma di Gantt: a cosa serve Lo scopo di tale rappresentazione è:!! definire il "cosa fare" in una certa quantità di tempo (durata);!! definire un riferimento per il controllo dell'avanzamento!! definire eventi o date chiave (milestones) Pagina 47

48 1.4.7 Il diagramma di Gantt: milestones ATTIVITA' A B C D Rappresentano un momento importante del progetto (la fine di una fase, una consegna, ecc. MILESTONES GEN FEB MAR APR MAG GIU LUG TEMPO Pagina 48

49 1.4.7 Il diagramma di Gantt: esempio Pagina 49

50 1.5 Finalizzare e condividere il Management Plan Dettaglio attività!! Documentare e approvare il Management Plan!! Comunicare il Management Plan Pagina 50

51 1.5 Finalizzare e condividere il Management Plan L alta direzione e lo sponsor devono approvare:!! L ambito del progetto!! La metodologia da usare!! La composizione del Team!! Le stime di alto livello dei costi e dei tempi!! Le procedure di gestione del progetto Pagina 51

52 Fase 2: pianificazione di dettaglio!! È la fase di pianificazione di dettaglio di come saranno condotte le specifiche fasi di progetto, definendo le attività da portare a temine, la relativa tempistica, le risorse coinvolte.!! Obiettivi da identificare! task! relazioni tra i task! deliverable!! Principale deliverable: Piani di lavoro di dettaglio (scheduling, risorse, costi) Pagina 52

53 Sviluppo del piano di dettaglio (Work Plan) Dettaglio attività!! Documentare il target, l ambito e le premesse!! Espandere la WBS e sviluppare le descrizioni dei deliverables!! Determinare le dipendenze dei Task!! Stimare l impegno richiesto per ogni Task!! Identificare le task di supporto, generali e di contingency!! Assegnare le risorse specifiche!! Calcolare il piano di dettaglio (schedule)!! Condividere formalmente la baseline del Piano di Lavoro!! Avviare la Comunicazione e la Formazione (eventuale) Pagina 53

54 Sviluppo del piano di dettaglio (Work Plan) Vantaggi della Pianificazione per Fasi!! Semplice, modulare, gestibile!! Evita sforzi inutili per rilavorazioni!! Approccio per decision point Pagina 54

55 Sviluppo del piano di dettaglio (Work Plan) Il Project Manager deve assicurarsi che... La struttura di dettaglio del piano segua le fasi e le attività definite nel Management Plan. Non vi siano ridondanze tra i piani di dettaglio. Pagina 55

56 Sviluppo del piano di dettaglio (Work Plan) Work Breakdown Structure Livello 1 Livello 2 Livello 3... Pagina 56

57 Sviluppo del piano di dettaglio (Work Plan) Caratteristiche del Task!! Misurabile!! Risultati Tangibili e Breve Durata!! Input identificabili e prontamente disponibili!! Di facile comprensione!! Responsabilità chiara ed univoca!! Deliverable chiaramente definito!! Anche conosciuto come WBE Pagina 57

58 Networking: pianificazione reticolare La pianificazione reticolare è la rappresentazione grafica del progetto sulla quale sono indicate:!! tutte le attività;!! i milestones;!! i condizionamenti reciproci sia logici che temporali tra le attività; Il networking ha l obiettivo di determinare:!! Lo scheduling delle attività, cioè di definire per ciascuna attività la sua data di inizio e di fine, e conseguentemente la durata dell intero progetto;!! L analisi dei ritardi (o slittamenti) possibili tra le varie attività Pagina 58

59 Networking: pianificazione reticolare I dati di partenza sono di tre tipi:!! Le attività;!! La loro durata;!! I vincoli di precedenza fra le attività. Le attività sono desunte dalla work breakdown structure (WBS), mentre durate e precedenze vengono discusse in apposite riunioni. Pagina 59

60 Tipi di dipendenze A B C J J, K, & L possono tutti iniziare nello stesso istante A è preceduta da nulla B è preceduta da A C è preceduta da B (A) K L M (C) ma Tutte (J, K, L) devono essere completate prima che M inizi Y Y e Z sono preceduti da X X Z Z è preceduta da X e Y X Z Y e Z possono iniziare nello stesso istante Y AA AA è preceduta da X e Y (B) (D) Pagina 60

61 Tipi di dipendenze: continua Finish to Start Start to Start Finish to Finish Start to Finish Pagina 61

62 Relazione Finish-to-Start (FS) X Lag 2 Y L attività Y non può iniziare se non è terminata l attività X Pagina 62

63 Relazione Start-to-Start (SS) A B Activity M Activity P Activity N Lag 5 Activity Q L attività N (Q) non può iniziare se non è iniziata l attività M (P) Pagina 63

64 Relazione Finish-to-Finish (FF) D Lag 4 G L attività G non può finire se non è finita l attività D Pagina 64

65 Relazione Start-to-Finish (SF) A Lag 3 S L attività S non può finire se non è iniziata l attività A Pagina 65

66 Relazione combinata Code Lag 4 Lag 2 Debug Pagina 66

67 Ritardi Ad ogni legame di precedenza può essere associato un ritardo (lag) oppure un anticipo X Lag 2 Y D Lag - 4 G Pagina 67

68 Metodologie di pianificazione reticolare Le metodologie di pianificazione più diffuse basate sul reticolo sono:!! Cpm (Critical Path Method), qualora la durata di tutte le attività venga considerata fissa, così come le precedenze, che sono del tipo fine-inizio (FS). Il metodo del cammino critico, fu messo a punto nel 1957 in America, alla Catalytic Construction Company grazie a Morgan Walker, per la costruzione di uno stabilimento della DuPont Corporation!! Mpm (metra potential method), simile al Cpm, ma caratterizzato anche dalle rimanenti possibilità di legame tra le attività (SF; SS, FF). Partendo dal Cpm, nel 1961 l Università di Stanford mise a punto il primo Mpm;!! Pert (Program Evaluetion & Review Technique), che è un Cpm avente però durate espresse in chiave probabilistica. Il pert fu messo a punto nel 1962 alla Lockheed, per conto della marina USA, presso l ufficio progetti speciali e con la consulenza della Booz, Allen & Hamilton, nell ambito della progettazione e costruzione di sottomarini atomici armati di missili balistici (progetto Polaris) Tutti questi metodi, direttamente o indirettamente, derivano dal progetto Manhattan Pagina 68

69 Critical Path Si rappresenta la sequenza delle operazioni mediante un grafo orientato: ossia un reticolo logico a rappresentazione a Frecce e Nodi (freccia = durata attività, nodo = inizio o fine attività) che indica che alcune attività devono precedere altre, ma anche che molte attività possono procedere insieme. L elaborazione del reticolo fornisce i seguenti risultati: "! Durata totale del progetto; "! Il cammino critico, cioè il cammino con durata più lunga tra quelli che uniscono un evento iniziale con quello finale. E costituito dalla successione delle attività critiche, cioè quelle a scorrimento nullo; "! Gli scorrimenti, cioè il numero di unità di tempo di cui può slittare un attività senza ritardare la data di fine progetto; "! Date di inizio e fine al più presto e le date di inizio e fine al più tardi di ciascuna attività. Pagina 69

70 Critical Path L identificazione del percorso critico si effettua in due fasi:!! Forward Pass (cammino in avanti): si parte dall inizio del progetto e si sommano le durate di ciascuna attività fino a determinare la data di fine progetto;!! Backward Pass (cammino all indietro): si parte dalla fine del progetto e si sottrae la durata di ciascuna attività Pagina 70

71 Critical Path: Forward Pass Alla fine di questa fase per ogni attività si identificano due date:!! Early Start: data di inizio al più presto;!! Early Finish: data di fine al più presto; Pagina 71

72 Critical Path: Backword pass Alla fine di questa fase per ogni attività sono determinate le date:!! Late Start: data di inizio al più tardi;!! Late Finish: data di fine al più tardi; Pagina 72

73 Critical Path: Total Float Determinate le quattro date per ogni attività si calcola lo scorrimento (Total Float) che indica il ritardo massimo che può avere la singola attività senza ritardare la data di completamento del progetto Total Float= Late Start - Early Start!! Le attività con Total Float uguale a zero sono critiche;!! La catena formata dalle attività critiche è il percorso critico Pagina 73

74 Critical Path: esempio EF Pagina 74

75 Critical Path: esempio EF Pagina 75

76 Critical Path: esempio LS Pagina 76

77 Critical Path: esempio LS EF Pagina 77

78 Sviluppo del piano di dettaglio: conclusioni Conclusioni!! La pianificazione è iterativa!! PMM aiuta a definire un percorso sperimentato da seguire!! Segui il percorso! Pagina 78

79 Fase 3: gestione e controllo del progetto!!è la fase di gestione e controllo continuativi delle attività di progetto rispetto a quanto definito nei work plan di dettaglio definiti in fase 2.!!Principali deliverable:! Report di avanzamento! Piani di lavoro di dettaglio (aggiornati)! Management Plan (aggiornato)! Report di performance Pagina 79

80 Report di avanzamento Fondato sulla baseline iniziale, ovvero dal progetto/programma memorizzato nella sua configurazione iniziale: i dati rilevanti del progetto devono essere presentati in un formato chiaro ed oggettivo. Utilizzato per confronto Consuntivo/Preventivo, evidenziando lo scostamento del realizzato dal pianificato. La scomposizione degli scostamenti tra la situazione consuntiva e la situazione prevista avviene nelle tre componenti:!! Performance tecnica (impatto sulla qualità/produttività);!! Performance economica (impatto sui costi);!! Perfomance temporale (Impatto sulla schedule); Analisi dei dati per determinare l avanzamento, le differenze ed i trend. Pagina 80

81 Reindirizzo del progetto In alcune situazioni critiche, si rende necessario un reindirizzamento del progetto, ovvero è necessario:!! Implementare azioni correttive.!! sviluppare strategie proattive.!! aggiornare il piano di dettaglio.!! aggiornare il Management Plan Pagina 81

82 Reindirizzo del progetto Possibili Azioni Correttive!! Riassegnare i punti critici del percorso a membri del team più esperti!! Aumentare la dimensione del team con soggetti terzi o membri temporanei del team!! Riassegnare le persone tra i diversi team!! Semplificare le richieste!! Ridurre le componenti di supporto e generali eliminando le distrazioni e le interruzioni Pagina 82

83 L* La curva ad S lavoro tempo 0 T* Pagina 83

84 La curva ad S (ritardo) L* 0 T* T*+ r Pagina 84

85 Quando controllare? lavoro L* SEMPRE ed in particolare tempo 0 T* Pagina 85

86 Fase 4: chiusura del progetto!!trasformazione dei deliverable di progetto in attività operative, chiusura del progetto e review post-implementazione!!principali deliverable:! Management Plan (aggiornato)! Piani di lavoro di dettaglio per la chiusura! Memo di completamento progetto! Report della review post-implementazione Pagina 86

87 Fase 4: chiusura del progetto Obiettivi!! Passaggio all operatività!! Smantellare l organizzazione di progetto!! Assicurarsi che le azioni concordate (dopo la review) siano state completate!! Svolgere una review post-implementazione Pagina 87

88 Gestione di un progetto informatico Pagina 88

89 Le filiere di gestione del progetto Controllo risultati intermedi Issue management Pianificazione e controllo operativo delle attività Approvazione del progetto Raccolta e raffinamento dei requisiti Raccolta e raffinamento dei requisiti Controllo amministrativo dei costi Pianificazione e controllo della qualità (su A e B) Gestione delle comunicazioni Analisi e progettazione BPR e risorse umane Change Management Configuration Management A) Implementazione applicativa Realizzazione e test dell applicazione B) Implementazione architetturale Installazione dell hardware C) Interventi BPR Collaudo e diffusione Diffusione dell hardware Attuazione e diffusione Chiusura del progetto Project Management Manutenzione post implementazione Manutenzione dell infrastruttura Pagina 89

90 Il progetto informatico: obiettivo e sottoprocessi Obiettivo di un progetto informatico è l implementazione di un sistema informatico in un azienda. Questo processo si distingue in tre sottoprocessi, rispettivamente focalizzati su: A.!Implementazione delle applicazioni software; B.!Progettazione e dimensionamento delle infrastrutture; C.!Reingegnerizzazione dei processi aziendali. Pagina 90

91 Sottoprocessi: a) implementazione applicazioni software Con implementazione delle applicazioni software si intende una catena del valore (filiera) che trasforma le esigenze degli utenti in un applicazione informatica funzionante. L ampiezza della catena dipende dal numero e dalla complessità delle attività comprese nel progetto: massima nel caso di applicazioni sviluppate ad hoc, minima nel caso di mera installazione di applicazioni già pronte (i cosiddetti pacchetti software) Pagina 91

92 Sottoprocessi: b) progettazione e dimensionamento delle infrastrutture del sistema informativo Per infrastrutture si intendono le apparecchiature hardware su cui il sistema opera (personal computer, server e collegamenti di rete). Tali infrastrutture hardware sono integrate da piattaforme di software di base, che comprendono i sistemi operativi, i sistemi di gestione dei DB, i browser per la navigazione in Internet e altro software il cui ruolo è di fornire funzionalità generali che sono condizione necessaria per il funzionamento delle applicazioni implementate con la filiera A (implementazione delle applicazioni software). Questa seconda catena del valore trasforma le esigenze dirette ed indirette degli utenti in una infrastruttura informatica funzionante. L architettura informatica deve supportare: a) l esecuzione delle applicazioni; b) la memorizzazione dei dati; c) la comunicazione fra gli utenti. Pagina 92

93 Sottoprocessi: c) reingegnerizzazione dei processi aziendali La filiera è formata dalle attività di reingegnerizzazione di processo (BPR), in quanto come si è già detto l implementazione di applicazioni IT impatta sull organizzazione dell azienda. L entità dell impatto delle IT sull organizzazione (in termini di flussi, attività risorse, qualifiche) è data dall intensità di cambiamento (misurata sulla profondità delle modifiche e sul numero di aspetti interessati) e dalla sua ampiezza (data dal numero degli utenti interessati). Pagina 93

94 A) La catena del valore dell implementazione del software Schema indicativo: Raccolta e raffinamento dei requisiti (desiderata) Realizzazione e test dell applicazion e Collaudo e diffusione Manutenzione post implementazion e! Requisiti funzionali (quali funzioni)! Requisiti prestazionali (tempi di elaborazione)! Requisiti di sicurezza! Parametrizzazione! Personalizzazione! Integrazione (con uso frequente di middleware)! Test unitario (delle singole applicazioni)! Test integrato! Collaudo! Diffusione agli utenti finali (deployment)! Addestramento! Manutenzione correttiva (software update)! Manutenzione adattiva (rimozione degli errori)! Manutenzione evolutiva (sw upgrade) Il costo del processo è dato dalla somma dei costi delle fasi (con manutenzione). Il valore del processo è dato dalla willingness to pay del committente. Pagina 94

Project Management. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali.

Project Management. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Project Management. di Simone Cavalli (simone.cavalli@unibg.it) Bergamo, Maggio 2010 Project Management: definizioni Progetto: Progetto si definisce, di regola, uno

Dettagli

Il Project Management

Il Project Management Il Project Management con l ausilio di strumenti informatici A cura di Paolo Tateo Il Project Management Tecnica per la gestione sistemica di un'impresa complessa, unica e di durata determinata, rivolta

Dettagli

Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management. Work Breakdown Structure (WBS) (2) Work Breakdown Structure (WBS) (3)

Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management. Work Breakdown Structure (WBS) (2) Work Breakdown Structure (WBS) (3) Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management Work Breakdown Structure, Organizational Breakdown Structure, GANTT, Pert È una illustrazione (grafica) del progetto che articola il

Dettagli

Processi principali per il completamento del progetto

Processi principali per il completamento del progetto Piano di progetto È un documento versionato, redatto dal project manager per poter stimare realisticamente le risorse, i costi e i tempi necessari alla realizzazione del progetto. Il piano di progetto

Dettagli

Il Progetto e il Project Management

Il Progetto e il Project Management Il Progetto e il Project Management Metodologie di Specifica del Software Per contattare il docente Dr. Anna Rita Laurenzi email: annarita.laurenzi@insiel.it cell.+39 3356368206 Agenda Progetto e Project

Dettagli

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base)

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) ISIPM Base Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) Gruppo B Conoscenze Tecniche e Metodologiche Syllabus da 2.1.1 a 2.7.1 1 Tema: Gestione Ambito del Progetto e Deliverable

Dettagli

Lesson learned esperienza di attivazione PMO. Il Modello e i Processi a supporto

Lesson learned esperienza di attivazione PMO. Il Modello e i Processi a supporto Lesson learned esperienza di attivazione PMO Il Modello e i Processi a supporto Indice Il contesto di riferimento Il modello PMO ISS L integrazione nei processi Aziendali Lessons Learned Contesto di riferimento

Dettagli

Lo Studio di Fattibilità

Lo Studio di Fattibilità Lo Studio di Fattibilità Massimo Mecella Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Definizione Insieme di informazioni considerate necessarie alla decisione sull investimento

Dettagli

Gestione dei Progetti (2005-2006)

Gestione dei Progetti (2005-2006) Gestione dei Progetti (2005-2006) Alessandro Agnetis DII Università di Siena (Alcune delle illustrazioni contenute nella presentazione sono tratte da PMBOK, a guide to the Project Management Body of Knowledge,

Dettagli

Scopo della WBS. La regola del 100% Orientamento ai risultati

Scopo della WBS. La regola del 100% Orientamento ai risultati Le problematiche delle fasi del progetto CONCEZIONE ELABORAZIONE FINANZIAMENTO NEGOZIAZIONE ATTUAZIONE ATTUAZIONE - Definizione della successione delle attività esecutive - Allocare le risorse - Pianificare

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico

Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico wwwisipmorg Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico Arch Eugenio Rambaldi Presidente ISIPM Istituto Italiano di Project Management wwwisipmorg Intervento all interno del

Dettagli

B1 LA PROGETTAZIONE. PROGRAMMA: gruppo di progetti con un obiettivo comune.

B1 LA PROGETTAZIONE. PROGRAMMA: gruppo di progetti con un obiettivo comune. ATTIVITÀ ORDINARIA : operazione svolta periodicamente con obiettivo implicito e tempi, risorse e costi standard (Es.di Attività Ordinaria: buste paga, pagamento fornitori) PROGETTO : ha un obiettivo esplicito

Dettagli

Unità Formativa 10.2: Strumenti per la programmazione delle attività.

Unità Formativa 10.2: Strumenti per la programmazione delle attività. Unità Formativa 10.2: Strumenti per la programmazione delle attività. Nella precedente Unità formativa si è fatto cenno ad alcuni strumenti molto diffusi per la programmazione delle attività e, in particolare,

Dettagli

IV. TEMPI E RISORSE: STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO

IV. TEMPI E RISORSE: STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO IV. TEMPI E RISORSE: STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Dopo aver affrontato la prima stesura del POP, si deve passare piano al vaglio del committente per avere il via definitivo. Se OK Si procede

Dettagli

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Minimaster in PROJECT MANAGEMENT IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Giovanni Francesco Salamone Corso Professionale di Project Management secondo la metodologia IPMA (Ipma Competence Baseline)

Dettagli

PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER

PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER CODICE PM 10.25 DURATA 10 giorni CATEGORIA Project Management DESTINATARI Project manager, responsabili di funzione, membri del Project Management Office, dirigenti,

Dettagli

Il ciclo di progetto focus su. Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT

Il ciclo di progetto focus su. Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT Il ciclo di progetto focus su Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT analisi periodica e finale di: efficienza, efficacia, impatto atteso, sostenibilità

Dettagli

IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE: TECNICHE DI SCOMPOSIZIONE DI UN PROJECT (WBS) LABORATORIO INTEGRATO DI COSTRUZIONE E PRODUZIONE LEZIONE 3

IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE: TECNICHE DI SCOMPOSIZIONE DI UN PROJECT (WBS) LABORATORIO INTEGRATO DI COSTRUZIONE E PRODUZIONE LEZIONE 3 IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE: TECNICHE DI SCOMPOSIZIONE DI UN PROJECT (WBS) IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE Un progetto è un insieme complesso di numerose attività finalizzate al raggiungimento

Dettagli

Introduzione al Project Management

Introduzione al Project Management Introduzione al Project Management Che cos è il project management Gestione di un impresa complessa, unica e di durata determinata rivolta al raggiungimento di un obiettivo chiaro e predefinito mediante

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE La Work Breakdown Structure La WBS è uno strumento di pianificazione delle attività progettuali che comporta un lavoro di: 1) suddivisione

Dettagli

ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE

ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE Urbino: 3 e 4 ottobre 2008 A cura di: Stefano Santini sve@provincia.ps.it Definizione di progetto Opera complessa, unica e di durata limitata rivolta a produrre un risultato

Dettagli

GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE

GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE Alta Formazione per il Business Executive master GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE Bologna, 4 maggio 2013 introduzione al Project management a cura del dott. Stefano Soglia Materiale riservato alla

Dettagli

Il Progetto e il Project Management

Il Progetto e il Project Management Il Progetto e il Project Management Metodologie di Specifica del Software Per contattare il docente Dr. Anna Rita Laurenzi email: annarita.laurenzi@insiel.it cell.+39 3356368206 Agenda Progetto e Project

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

Work Breakdown Structure Diagramma di Gantt PERT/CPM

Work Breakdown Structure Diagramma di Gantt PERT/CPM Work Breakdown Structure Diagramma di Gantt PERT/CPM C. Noè WBS Si tratta di uno strumento di supporto alla scomposizione analitica di un progetto in tutte le sue parti. Ciò facilita l attribuzione di

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali II

Sistemi Informativi Aziendali II Modulo 5 Sistemi Informativi Aziendali II 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 5 Modulo 5 La gestione dei Progetti (Project Management): Generalità e metodologie; Gestire un progetto con uno

Dettagli

Lezione n.15 IL CRONOPROGRAMMA

Lezione n.15 IL CRONOPROGRAMMA Lezione n.15 IL CRONOPROGRAMMA Prof. arch. Renato Laganà Articolo 17. All. XXI Codice Appalti Cronoprogramma. 1. Il progetto definitivo è corredato dal cronoprogramma delle lavorazioni, redatto anche al

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE VII APPENDICE I CASI DI STUDIO Servizi pubblici territoriali online

Dettagli

I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione :

I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione : Il Project Management nelle Aziende Sanitarie Tipologie di progetti nelle ASL-AOAO I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione

Dettagli

Le caratteristiche distintive di Quick Budget

Le caratteristiche distintive di Quick Budget scheda prodotto QUICK BUDGET Mercato imprevedibile? Difficoltà ad adeguare le risorse a una domanda instabile e, di conseguenza, a rispettare i budget?tempi e costi troppo elevati per la creazione di budget

Dettagli

IL CRONOPROGRAMMA 04/05/2015

IL CRONOPROGRAMMA 04/05/2015 Corso di Progettazione e Organizzazione della Sicurezza nel Cantiere - prof. arch. Renato G. Laganà IL CRONOPROGRAMMA Prof. arch. Renato Laganà Articolo 17. All. XXI Codice Appalti Cronoprogramma. 1. Il

Dettagli

5 Gestione dei progetti software. 5.1 Attività gestionale. Sistemi Informativi I Lezioni di Ingegneria del Software

5 Gestione dei progetti software. 5.1 Attività gestionale. Sistemi Informativi I Lezioni di Ingegneria del Software 5 Gestione dei progetti software. Dopo aver completato lo studio del ciclo di vita del software, in questa parte vengono discussi gli aspetti gestionali della produzione del software. Vengono esaminate

Dettagli

IL PROJECT MANAGEMENT

IL PROJECT MANAGEMENT IL PROJECT MANAGEMENT Scopi e campi di applicazione La pianificazione del progetto Le tecniche di pianificazione del progetto Le tecniche di pianificazione dei tempi La gestione e il controllo del progetto

Dettagli

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (1^ parte)

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (1^ parte) Paolo Mazzoni 2011. E' ammessa la riproduzione per scopi di ricerca e didattici se viene citata la fonte completa nella seguente formula: "di Paolo Mazzoni, www.paolomazzoni.it, (c) 2011". Non sono ammesse

Dettagli

Pianificazione e gestione di progetto. Adozione di tecniche e metodologie usate anche in settori diversi dalla progettazione sw

Pianificazione e gestione di progetto. Adozione di tecniche e metodologie usate anche in settori diversi dalla progettazione sw Pianificazione e gestione di progetto Responsabile di progetto: attività 1) Pianificazione 2) Organizzazione 3) Gestione del personale (staffing) 4) Direzione 5) Controllo Adozione di tecniche e metodologie

Dettagli

Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari

Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari Definizione di progetto Cos è un progetto Progetto si definisce, di regola, uno sforzo complesso di durata solitamente

Dettagli

IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI. SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata

IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI. SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata SINTESI S.r.l 1 SINTESI S.r.l. è una società di servizi che opera nel settore della formazione

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Metodologia TenStep. Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia

Metodologia TenStep. Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia Metodologia TenStep Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia Livello di Complessità Processo di Project Management TenStep Pianificare il Lavoro Definire il Lavoro Sviluppare Schedulazione e Budget Gestire

Dettagli

figure professionali software

figure professionali software Responsabilità del Program Manager Valuta la fattibilità tecnica delle opportunità di mercato connesse al programma; organizza la realizzazione del software in forma di progetti ed accorpa più progetti

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COS È UN OBIETTIVO... 3 IL CONTROLLO DI GESTIONE...

Dettagli

GESTIONE DEI PROGETTI. Inizio

GESTIONE DEI PROGETTI. Inizio GESTIONE DEI PROGETTI Problema del management Fallimento negli anni 60, inizio 70 Non tanto dovuto alla competenza Un buon management non garantisce il successo ma un cattivo management risulta spesso

Dettagli

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

Prefazione. Parte I Informazioni preliminari 1. Capitolo 1 Introduzione 3

Prefazione. Parte I Informazioni preliminari 1. Capitolo 1 Introduzione 3 Prefazione IX Parte I Informazioni preliminari 1 Capitolo 1 Introduzione 3 Immaginate.................................................... 3 Contenuto del libro..............................................

Dettagli

La gestione dei progetti informatici

La gestione dei progetti informatici Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Ingegneria del Software La gestione dei progetti informatici Giulio Destri Ing. del Sw: Gestione - 1 Scopo

Dettagli

Scope Management. IT Project Management. Lezione 3 Scope Management. Monitoring del progetto (Earned Value) Creazione diagrammi Pert/CPM/Gantt

Scope Management. IT Project Management. Lezione 3 Scope Management. Monitoring del progetto (Earned Value) Creazione diagrammi Pert/CPM/Gantt IT Project Management Lezione 3 Scope Management Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Check list del PM Identificare i requisiti del cliente Monitoring del progetto (Earned Value) Identificare i deliverable

Dettagli

Le tecniche di scheduling (1)

Le tecniche di scheduling (1) Le tecniche di scheduling (1) Sono la base di tutto il processo di pianificazione, e fornisco al management gli elementi per decidere come utilizzare le risorse per raggiungere gli obiettivi di costo e

Dettagli

Processi e Miglioramento IL PROCESSO AZIENDALE IL PROCESSO AZIENDALE 07/10/2013

Processi e Miglioramento IL PROCESSO AZIENDALE IL PROCESSO AZIENDALE 07/10/2013 Processi e Miglioramento - La gestione per processi - Il miglioramento - Le metodologie del miglioramento 1 L organizzazione di successo è quella vicina al cliente, cioè in grado di fornire elevate prestazioni

Dettagli

Gestione parte IIC. Diagrammi di Gantt. Esempio. Schemi di scomposizione delle attività

Gestione parte IIC. Diagrammi di Gantt. Esempio. Schemi di scomposizione delle attività Schemi di scomposizione delle attività Gestione parte IIC Work Breakdown Structures (WBS) Struttura ad albero: radice: attività principale i nodi figli rappresentano la scomposizione del nodo padre le

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Ciclo di Vita Evolutivo

Ciclo di Vita Evolutivo Ciclo di Vita Evolutivo Prof.ssa Enrica Gentile a.a. 2011-2012 Modello del ciclo di vita Stabiliti gli obiettivi ed i requisiti Si procede: All analisi del sistema nella sua interezza Alla progettazione

Dettagli

La gestione manageriale dei progetti

La gestione manageriale dei progetti PROGETTAZIONE Pianificazione, programmazione temporale, gestione delle risorse umane: l organizzazione generale del progetto Dimitri Grigoriadis La gestione manageriale dei progetti Per organizzare il

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 8

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 8 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 8 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici IT

Dettagli

Project Management Metodologie e Tecniche per la gestione di progetti

Project Management Metodologie e Tecniche per la gestione di progetti Project Management Metodologie e Tecniche per la gestione di progetti Amir Baldissera amir.baldissera@mentis.it Milano, 18 Ottobre 2008 Cos è IWA/HWG IWA/HWG è un Associazione professionale no profit riconosciuta

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

IL PROCESSO TECNICO DI SCHEDULAZIONE: TEMPI E COSTI DI UN PROJECT LABORATORIO INTEGRATO DI COSTRUZIONE E PRODUZIONE LEZIONE 4

IL PROCESSO TECNICO DI SCHEDULAZIONE: TEMPI E COSTI DI UN PROJECT LABORATORIO INTEGRATO DI COSTRUZIONE E PRODUZIONE LEZIONE 4 IL PROCESSO TECNICO DI SCHEDULAZIONE: TEMPI E COSTI DI UN PROJECT UNA VOLTA CREATA LA WBS E, QUINDI, INDIVIDUATA CIASCUNA PARTE ELEMENTARE DEL PROJECT, SI PASSA ALLA SCHEDULAZIONE CHE CONSISTE NELL ASSEGNARE

Dettagli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli I sistemi informativi Il processo

Dettagli

GESTIONE DEI PROGETTI

GESTIONE DEI PROGETTI GESTIONE DEI PROGETTI Problema del management Fallimento negli anni 60, inizio 70 Non tanto dovuto alla competenza Un buon management non garantisce il successo ma un cattivo management risulta spesso

Dettagli

Master Management Infermieristico per le Funzioni di Coordinamento

Master Management Infermieristico per le Funzioni di Coordinamento Università Tor Vergata di Roma Master Management Infermieristico per le Funzioni di Coordinamento Tivoli, 2011 Mario Gentili Università Tor Vergata di Roma Perché? Master Management Infermieristico per

Dettagli

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI Proposte formative Un team di esperti in progettazione formativa è a disposizione per lo sviluppo di soluzioni personalizzate e la realizzazione di percorsi costruiti intorno alle esigenze di ciascuna

Dettagli

UML e (R)UP (an overview)

UML e (R)UP (an overview) Lo sviluppo di sistemi OO UML e (R)UP (an overview) http://www.rational.com http://www.omg.org 1 Riassumento UML E un insieme di notazioni diagrammatiche che, utilizzate congiuntamente, consentono di descrivere/modellare

Dettagli

Gestione Unica Utenti End User Support and Application Management Services

Gestione Unica Utenti End User Support and Application Management Services A COSA SERVE Fornisce supporto a 360 agli Utenti Gestione ottimizzata dell intero «ciclo di vita» degli asset informatici dalla acquisizione alla dismissione, eliminando l impatto della complessità tecnologica

Dettagli

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IMPIANTI INDUSTRIALI. Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it. Andrea Chiarini 1

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IMPIANTI INDUSTRIALI. Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it. Andrea Chiarini 1 IMPIANTI INDUSTRIALI Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it Andrea Chiarini 1 PARTE 5 PIANIFICAZIONE DELLE FASI DI UN PROGETTO Andrea Chiarini 2 PROGETTAZIONE E SVILUPPO DEL PRODOTTO E DEL PROCESSO

Dettagli

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration COSA FACCIAMO SEMPLIFICHIAMO I PROCESSI DEL TUO BUSINESS CON SOLUZIONI SU MISURA EXTRA supporta lo sviluppo

Dettagli

Corso Base di Project Management 3 giorni (21 ore)

Corso Base di Project Management 3 giorni (21 ore) Corso Base di Project Management 3 giorni (21 ore) Mettere in grado i partecipanti di acquisire la conoscenza della disciplina del project management affinchè essi possano successivamente affrontare e

Dettagli

SCHEDULAZIONI RIEPILOGATIVE E CONFRONTO DI: - FASI E ATTIVITA' DEL WBS; - PRODOTTI; - COMPITI; - RISORSE PROFESSIONALI; - EFFORT.

SCHEDULAZIONI RIEPILOGATIVE E CONFRONTO DI: - FASI E ATTIVITA' DEL WBS; - PRODOTTI; - COMPITI; - RISORSE PROFESSIONALI; - EFFORT. Cod. Figure professionali q.tà gg.uu. Riepilogo di Progetto 1.092 SCHEDULAZIONI RIEPILOGATIVE E CONFRONTO DI: - FASI E ATTIVITA' DEL WBS; - PRODOTTI; - COMPITI; - RISORSE PROFESSIONALI; - EFFORT. 001 Comitato

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido

Sfrutta appieno le potenzialità del software SAP in modo semplice e rapido Starter Package è una versione realizzata su misura per le Piccole Imprese, che garantisce una implementazione più rapida ad un prezzo ridotto. E ideale per le aziende che cercano ben più di un semplice

Dettagli

La Gestione del progetto

La Gestione del progetto Il Laboratorio e la Professione La Gestione del progetto Padova 25-26 settembre 2009 M. Iside Bruschi REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO Il Project Management è un sistema che utilizza ed applica conoscenze

Dettagli

Il Ciclo di Progetto e il Piano di Progetto

Il Ciclo di Progetto e il Piano di Progetto Il Ciclo di e il Piano di Alessandro De Nisco Università del Sannio Il Ciclo di IL CICLO DI VITA DEL PROGETTO RISORSE TEMPO IDEAZIONE VALUTAZIONE PIANIFICAZIONE REALIZZAZIONE MANUTENZIONE FASE INIZIALE

Dettagli

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9

Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 11: valutazione costi diagramma di PERT Prof.ssa R. Folgieri email: folgieri@dico.unimi.it folgieri@mtcube.com 1 Da ricordare:

Dettagli

Relatore: Valentina Vittucci. Gestione per Processi

Relatore: Valentina Vittucci. Gestione per Processi Relatore: Valentina Vittucci Gestione per Processi APPROCCIO PER PROCESSI BUSINESS PROCESS REENGINEERING GESTIONE PER PROCESSI DAILY ROUTINE WORK RIPROGETTARE L ORGANIZZAZIONE PER PROCESSI GESTIRE E MIGLIORARE

Dettagli

Un approccio in tre passi per l evoluzione di applicazioni e infrastrutture

Un approccio in tre passi per l evoluzione di applicazioni e infrastrutture TRASFORMARE LE COMPAGNIE ASSICURATIVE Un approccio in tre passi per l evoluzione di applicazioni e infrastrutture Costruire la compagnia digitale? L approccio DDway alla trasformazione dell IT Un percorso

Dettagli

IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice

IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice CORSO DI ALTA FORMAZIONE 38 ORE IN AULA 8 Moduli Didattici Roma, dal 13 novembre al 5 dicembre 2015 Hotel

Dettagli

Le attività di project management

Le attività di project management Le attività di project management 1 Corso di Gestione della Produzione II Le caratteristiche dei processi oggetto di analisi 1. Attraversano l organizzazione, in quanto richiedono molteplici competenze

Dettagli

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!!

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! MISSION La mission di CSR Solution è quella di supportare soluzioni software avanzate nei settori della progettazione e della produzione industriale per le aziende

Dettagli

Modelli dei Sistemi di Produzione Modelli e Algoritmi della Logistica 20010-11

Modelli dei Sistemi di Produzione Modelli e Algoritmi della Logistica 20010-11 Modelli dei Sistemi di Produzione Modelli e Algoritmi della Logistica 20010-11 Project Scheduling: Reti di attività CARLO MANNINO Sapienza Università di Roma Dipartimento di Informatica e Sistemistica

Dettagli

6. La gestione del contenuto del progetto

6. La gestione del contenuto del progetto 6. La gestione del contenuto del progetto Il primo processo di pianificazione riguarda la definizione di tutto e solo ciò che riguarda il progetto. Occorre passare dalla descrizione dell oggetto finale

Dettagli

SISTEMA E-LEARNING INeOUT

SISTEMA E-LEARNING INeOUT SISTEMA E-LEARNING INeOUT AMBIENTE OPERATIVO 1 Premesse metodologiche La complessità di un sistema informatico dipende dall aumento esponenziale degli stati possibili della sua architettura. Se è vero

Dettagli

Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica Ingegneria del software. Gestione di progetto. Marina Mongiello

Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica Ingegneria del software. Gestione di progetto. Marina Mongiello Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Informatica Ingegneria del Gestione di progetto Contenuti Gestione di progetto Ruoli professionali Pianificazione di progetto Stima dei costi di progetto Rischi

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI

TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LE TELECOMUNICAZIONI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Sviluppo e Gestione di Progetti. Primo modulo: Introduzione al PM. Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione di Progetti per Informatici

Sviluppo e Gestione di Progetti. Primo modulo: Introduzione al PM. Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione di Progetti per Informatici Università di Padova - e Gestione di Progetti Primo modulo: Introduzione al PM docente: Filippo Ghiraldo filippo.ghiraldo@unipd.it Progetti e loro ciclo di vita Esempi Materiale didattico sottoposto a

Dettagli

Project Management - Pianificazione e Progettazione. Niccolò Cusumano

Project Management - Pianificazione e Progettazione. Niccolò Cusumano Project Management - Pianificazione e Progettazione Niccolò Cusumano Che cos è un PROGETTO? Attività con un inizio e una fine Costituito da un insieme di attività correlate Svolto da un gruppo di persone

Dettagli

Il Project management. Lo sviluppo di attività complesse in un ottica di progetto

Il Project management. Lo sviluppo di attività complesse in un ottica di progetto Il Project management Lo sviluppo di attività complesse in un ottica di progetto Progetto. La nozione Un progetto costituisce un insieme di attività, complesse e interrelate, aventi come fine un obiettivo

Dettagli

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business.

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. ACCREDITED PARTNER 2014 Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Gariboldi Alberto Group Srl è una realtà

Dettagli

Premessa... 1. Fasi del processo... 3. Zone di rischio... 4

Premessa... 1. Fasi del processo... 3. Zone di rischio... 4 Sommario Premessa... 1 Fasi del processo... 3 Zone di rischio... 4 Premessa Le tecnologie informatiche hanno rivoluzionato da tempo il modo in cui lavorano le aziende e le organizzazioni in genere. Gestire

Dettagli

Edizione 2010. www.sovedi.it

Edizione 2010. www.sovedi.it Edizione 2010 www.sovedi.it SOVEDI s.r.l. Via Antica, 3-25080 Padenghe sul Garda (BS) email: info@sovedi.it tel: +39 0302076341 CAP.SOC. 51.480,00 - C.F. p.iva 00632180246 SOVEDI nasce nel 1978 a Vicenza.

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

Ciclo di vita del progetto

Ciclo di vita del progetto IT Project Management Lezione 2 Ciclo di vita del progetto Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Ciclo di vita del progetto Il ciclo di vita del progetto definisce le fasi che collegano l inizio e la fine del

Dettagli

Software project management. www.vincenzocalabro.it

Software project management. www.vincenzocalabro.it Software project management Software project management Sono le attività necessarie per assicurare che un prodotto software sia sviluppato rispettando le scadenze fissate rispondendo a determinati standard

Dettagli

Il project management: tecniche e strumenti

Il project management: tecniche e strumenti 122109CFC1209_0982a0987.qxd 30-11-2009 8:47 Pagina 982 pianificazione, finanza Il project management: tecniche e strumenti Le fasi: tre momenti fondamentali Fabrizio Bencini Dottore commercialista, Partner

Dettagli

Cambiare il Sistema Informativo

Cambiare il Sistema Informativo Cambiare il Sistema Informativo avvertenze e consigli per la partenza ex-novo o per la sostituzione di quello esistente Febbraio 2008 1 Contenuti Premessa Caratteristiche di un buon Sistema Informativo

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DEI TEMPI

LA PIANIFICAZIONE DEI TEMPI LA PIANIFICAZIONE DEI TEMPI Giordano Renato Gariboldi Responsabile Controllo di Gestione e Controllo Progetti Divisione E.& P. giordano. gariboldi@sini.it Comitato Direttivo Corsi ANIMP 1 PIANIFICAZIONE

Dettagli

Change Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input. Funzioni

Change Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input. Funzioni Change Management Obiettivi Obiettivo del Change Management è di assicurarsi che si utilizzino procedure e metodi standardizzati per una gestione efficiente ed efficace di tutti i cambiamenti, con lo scopo

Dettagli

Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane

Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane integrazione con il business e le strategie eccellenza dei servizi hr HR Transformation efficienza e le tecnologie sourcing Premessa La profonda complessità

Dettagli

PERT e CPM Cenni storici

PERT e CPM Cenni storici CPM e PERT PERT e CPM Le tecniche CPM (Critical Path Method) e PERT (Program Evaluation and Review Technique) consentono lo sviluppo del programma di un progetto attraverso la programmazione delle attività

Dettagli

SINTEMA retail services RETAIL

SINTEMA retail services RETAIL SINTEMA retail services RETAIL Servizi in outsourcing per lo sviluppo e la gestione di una rete di punti vendita: contabilità, paghe, bilanci, adempimenti fiscali e societari, servizi di controlling, legali,

Dettagli