INDAGINI PRELIMINARI MEDIANTE G.I.S. DELL ATTIVITÀ DI PESCA NELL AREA MARINA PROTETTA DELLE ISOLE EGADI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDAGINI PRELIMINARI MEDIANTE G.I.S. DELL ATTIVITÀ DI PESCA NELL AREA MARINA PROTETTA DELLE ISOLE EGADI"

Transcript

1 Biol. Mar. Medit. (2006), 13 (1): Istituto per l Ambiente Marino Costiero, Consiglio Nazionale delle Ricerche (IAMC-CNR) Via L. Vaccara, Mazara del Vallo (TP), Italia. INDAGINI PRELIMINARI MEDIANTE G.I.S. DELL ATTIVITÀ DI PESCA NELL AREA MARINA PROTETTA DELLE ISOLE EGADI PRELIMINARY ANALYSIS AND REPRESENTATION OF ARTISANAL FISHERY DATA IN THE EGADI ISLANDS MARINE PROTECTED AREA BY G.I.S. Abstract Spatial and seasonal distribution of catch and fishing effort of the artisanal fishery in the Egadi Islands Marine Protected Area have been investigated and represented by Geographic Information System (G.I.S.). The mean catch values per season ranged from 9.95 kg to kg. Seasonal mean effort values ranged from to (m of net). The C.P.U.E. (kg/1000 m of net) values estimate per seasons ranged from 5.28 to in Favignana zones and from to in Marettimo. The most important resources are: Sepia officinalis, Scorpaena spp., Boops boops, Scomber spp. The main gear used by fishermen is trammel net. Key-words: marine parks, G.I.S., artisanal fishing, fishing effort, Egadi Islands. Introduzione L Area Marina Protetta (AMP) delle Isole Egadi situata di fronte alla costa nord occidentale della Sicilia, comprende le isole di Favignana, Levanzo, Marettimo e gli isolotti di Formica e Maraone. L area, la cui estensione è pari a circa 523 Km 2, è caratterizzata da 4 zone a differente livello di protezione (A, B, C, D). L AMP sorge con la finalità della tutela degli ambienti naturali, ma promuove anche uno sviluppo socioeconomico compatibile con la rilevanza naturalistica e paesaggistica dell area, privilegiando attività tradizionali locali già presenti, quale la pesca artigianale. Lo scopo della ricerca è stato quello di indagare l attività di pesca nell AMP delle Isole Egadi e rappresentarla nelle sue componenti spaziali mediante un Sistema Informativo Geografico (G.I.S.), in modo da rilevare la distribuzione stagionale delle catture, dello sforzo di pesca e le specie più abbondanti della pesca artigianale, considerando le zone a differente livello di protezione. Materiali e metodi I dati sono stati rilevati nei porti di Favignana e di Marettimo mediante interviste allo sbarco (328), effettuate settimanalmente, durante un anno (maggio aprile 2003). Le informazioni riguardo la flotta sono state raccolte consultando i registri circondariali marittimi. È stata stimata la cattura totale annuale per le due marinerie, la cattura media (kg) per barca, il valore medio dello sforzo di pesca (m di rete), la cattura per unità di sforzo (media) (Catch per Unit Effort, CPUE = kg/1000 m di rete) nelle differenti stagioni e per zona, nelle isole di Favignana e di Marettimo, dove insistono flottiglie differenti (Andreoli et al., 1994, 1995; Beltrano et al., 2004; Cannizzaro et al., 2000). Inoltre sono state analizzate le specie dominanti le catture e gli attrezzi usati.

2 Analisi mediante G.I.S. dell attività di pesca nelle Isole Egadi 681 I dati georeferenziati sono stati analizzati mediante un software ArcView della ESRI. Sono state realizzate delle cartografie che riportano la distribuzione spaziale e temporale delle catture e dello sforzo, nelle differenti zone della riserva. Risultati In Fig. 1 sono mostrate la frequenza percentuale dei diversi attrezzi utilizzati a Favignana e a Marettimo. L attrezzo più usato è il tramaglio sia a Favignana (72%) che a Marettimo (73%). 100% 90% 100% 90% 80% 80% 70% 70% 60% 60% 50% 50% 40% 40% 30% 30% 20% 20% 10% 0% A 10% 0% B Tramaglio Palangaro Palamitara Rete da imbrocco Rete a circuizione Rete da posta combinata Fig. 1 - Frequenza percentuale dei diversi attrezzi da pesca utilizzati a Favignana (A) e a Marettimo (B) nell anno. Percentage frequency of the different fishing gear used by Favignana (A) and Marettimo fleets(b) during the year. I dati di cattura ricadono nelle zone B e C, poiché in zona A (zona di riserva integrale) non è consentita la pesca, mentre la zona D probabilmente non è molto adatta per la pesca che insiste nel luogo, per la distanza dalla costa e per le profondità che vi si trovano. La stima annuale totale delle catture è risultata kg a Favignana, con una cattura media per barca di circa 21 kg a Favignana, di cui mediamente 13,8 kg nella zona B e 20,1 nella zona C (Tab.1; Fig. 2). A Marettimo la cattura totale annuale è risultata pari a kg, con un valore medio per barca di circa 24 kg, oscillando da valori di 24,4 kg in zona B a 23,5 kg in zona C. In particolare, stagionalmente, a Favignana, la cattura media per barca ha presentato valori compresi tra 9,9 kg e 19,1 kg nella zona B e tra 18,8 kg e 23,9 kg nella zona C (Tab.1; Fig. 3). A Marettimo i valori di cattura media, per stagione, sono risultati compresi tra 22,0 kg e 27,6 kg nella zona B, mentre nella C si sono presentati valori stagionali compresi tra 18,7 e 25,3 kg. I valori più elevati si hanno in inverno in zona B, dovuta alla cattura di Sepia officinalis L., 1758 (28%) e Scorpaena spp. (18%). In zona C il valore più elevato, in primavera, è dovuto principalmente alla cattura di specie quali S. officinalis (17%), Scorpaena spp. (16%), Scomber spp. (17%).

3 682 Tab. 1 - Cattura media (kg per barca), sforzo medio (m di rete), catture per unità di sforzo (medie stagionali e annuali, kg/1000 m di rete) per zona B, C. Mean catch (Kg per boat), Effort (m of net), C.P.U.E (mean estimates per season and year, kg/1000 m of net) for each zone B, C. Favignana CATTURA CV% Er% SFORZO CPUE B Annuale 13,79 49,46 11, ,2 7,07 B Primavera 17,41 51,46 25, ,0 7,74 B Estate 12,52 31,12 12, ,3 6,95 B Autunno 9,95 26,50 10, ,3 5,28 B Inverno 19,17 58,12 33, ,3 9,86 C Annuale 20,13 73,88 6, ,1 12,17 C Primavera 20,40 85,92 11, ,4 11,43 C Estate 18,81 50,62 8, ,0 11,06 C Autunno 23,90 87,29 22, ,5 15,56 C Inverno 19,49 62,86 11, ,2 13,06 Marettimo CATTURA CV% Er% SFORZO CPUE B Annuale 24,42 45,73 4,64 710,8 34,35 B Primavera 25,42 52,65 7,85 553,4 45,94 B Estate 23,13 32,82 6,44 982,7 23,54 B Autunno 22,04 47,60 11,54 594,1 37,09 B Inverno 27,60 31,59 10,53 933,3 29,57 C Annuale 23,54 46,07 7,47 602,9 39,04 C Primavera 25,39 46,04 10,56 552,6 45,94 C Estate 20,16 44,72 20, ,0 15,75 C Autunno 18,78 50,71 22,68 408,0 46,03 C Inverno 24,14 45,46 15,15 441,1 54,74 a 0-13,80 13,80-20,13 20,13-23,54 23,54-24,42 b 0-602,9 602,9-710,8 710,8-1654,1 1654,1-1954,2 Fig. 2 - a) Distribuzione della cattura media annuale (kg per barca) e b) dello sforzo medio annuale (m di rete) nelle zone B e C. a) Distribution of mean catch (Kg per boat) and b) fishing effort (m of net) during the year, for each zone B and C. A Favignana i valori più elevati si hanno in inverno in zona B, principalmente dovuti alla cattura di Boops boops L., 1758 (35%), Scorpaena spp. (19%), Oblada melanura L., 1758 (17%) e in autunno in zona C, in cui le specie più abbondanti

4 Analisi mediante G.I.S. dell attività di pesca nelle Isole Egadi 683 a b Fig. 3 - a) Distribuzione della cattura media stagionale (kg per barca) e b) dello sforzo medio annuale (m di rete) nelle zone B e C. In ordine da sinistra: inverno, primavera, estate, autunno. a) Distribution of mean catch (Kg per boat) and b) fishing effort (m of net) during the season, for each zone B and C. In order from left: Winter, Spring, Summer, Autumn.

5 684 sono Spicara smaris L., 1758 (32%), Scorpaena spp. (10%), B. boops (8%). Le stime medie della CPUE risultano comprese tra 5,28 e 54,74 (Kg/1000 m). I valori più bassi sono stati riscontrati nella zona B di Favignana, i più elevati nella zona C di Marettimo. Lo sforzo di pesca risulta maggiore a Favignana, con valori più elevati in primavera, nelle zone B e C; a Marettimo lo sforzo è risultato elevato in estate, sia in zona B che in C. Conclusioni Il presente lavoro fornisce un primo quadro dell attività di pesca nell AMP delle Isole Egadi. I rendimenti sono più elevati, nel complesso, a Marettimo. Le rese di pesca in termini di CPUE, i cui valori risultano molto bassi, soprattutto nelle zone B e C di Favignana, probabilmente sono dovute all insistenza di una flotta maggiore (31 imbarcazioni) rispetto alle zone di Marettimo (12 imbarcazioni), in numero, potenza e dimensione degli attrezzi (Beltrano et al., 2004). È interessante notare come nelle zone B e C di Marettimo, lo sforzo di pesca applicato è minore rispetto alle zone di Favignana, fornendo rese superiori sia in termini di cattura media, che di CPUE. Si potrebbe, quindi, desumere che le risorse sono maggiormente disponibili nell area intorno a Marettimo. Inoltre l elevato sforzo di pesca riscontrato in B e C in estate a Marettimo potrebbe essere correlato ad una richiesta maggiore da parte dei turisti. La composizione dello sbarcato, caratterizzata da 62 specie, come riportato in precedenti lavori (Beltrano et al., 2004) è risultata quantitativamente dominata da specie quali Sepia officinalis, Scorpena spp., Boops boops, Scomber spp. L uso del GIS vuole fornire un immediata evidenza delle informazioni e permettere un rapido confronto della distribuzione spazio-temporale della cattura e sforzo nelle differenti zone di pesca, rilevando quelle sottoposte a maggiore sfruttamento. Tali informazioni possono risultare utili per pianificare opportuni piani di gestione, per uno sfruttamento responsabile e sostenibile delle risorse. Bibliografia ANDREOLI M.G., LEVI D., CANNIZZARO L., GAROFALO G., SINACORI G. (1994) - Sampling Statistics of Southern Sicily Trawl fisheries (MINIPESTAT): Methods. N.T.R.- I.T.P.P,. 46 (1). ANDREOLI M.G., CAMPANELLA N., CANNIZZARO L., GAROFALO G., GIUSTO G.B., JEREB P., LEVI D., NORRITO G., RAGONESE S., RIZZO P., SINACORI G. (1995) - Sampling Statistics of Southern Sicily Trawl fisheries (MINIPESTAT): Data Report. N.T.R.- I.T.P.P. Special Publication, 4 (2). BELTRANO A.M., CANNIZZARO L., VITALE S., MILAZZO A., NORRITO G., PULEO M. (2004) - Aspects of the artisanal fishery in the Egadi Islands Marine Protected Area. Biol. Mar. Medit., 11 (2): CANNIZZARO L., GAROFALO G., POTOSCHI A., KALLIANIOTIS A., ARCULEO M. (2000) - Stocks assessment of some coastal species caught by artisanal fishery. Final report. EU project Project N 96/054: 320 pp. Studio eseguito nell ambito del progetto «Caratterizzazione dell ambiente marino, della comunità ittica e dell attività di pesca della Riserva Naturale Marina delle Isole Egadi (Trapani) ai fini della realizzazione della zonazione e cartografia mediante GIS (AMPEGA)», cofinanziato dal Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio.

OSSERVAZIONI SULLA PICCOLA PESCA NELL AREA MARINA PROTETTA CAPO RIZZUTO

OSSERVAZIONI SULLA PICCOLA PESCA NELL AREA MARINA PROTETTA CAPO RIZZUTO Biol. Mar. Medit. (2004), 11 (2): 60-64 Area Marina Protetta Capo Rizzuto, Ente Gestore Provincia di Crotone Piazza Uccialì, Fraz. Le Castella 88841 Isola di Capo Rizzuto, Crotone, Italia. OSSERVAZIONI

Dettagli

La mazzancolla (Penaeus kerathurus; Forskäl, 1775) nella Fascia Costiera siciliana: quale futuro?

La mazzancolla (Penaeus kerathurus; Forskäl, 1775) nella Fascia Costiera siciliana: quale futuro? La mazzancolla (Penaeus kerathurus; Forskäl, 1775) nella Fascia Costiera siciliana: quale futuro? Leonardo Cannizzaro 1 - Argyris Kallianiotis 2 1. Istituto di ricerche sulle Risorse Marine e l Ambiente

Dettagli

Dipartimento di Biologia Animale ed Ecologia Marina, Università degli Studi di Messina Salita Sperone, S.ta Agata, Messina, Italia.

Dipartimento di Biologia Animale ed Ecologia Marina, Università degli Studi di Messina Salita Sperone, S.ta Agata, Messina, Italia. Biol. Mar. Medit. (2004), 11 (2): 607-611 A. Potoschi, P. Battaglia, A. Potoschi Jr., G. Rossi Dipartimento di Biologia Animale ed Ecologia Marina, Università degli Studi di Messina Salita Sperone, 31

Dettagli

EFFETTI DELLA PROTEZIONE SULL ARAGOSTA COMUNE (PALINURUS ELEPHAS FABRICIUS, 1787) NELLA RISERVA MARINA DELLE ISOLE EGADI

EFFETTI DELLA PROTEZIONE SULL ARAGOSTA COMUNE (PALINURUS ELEPHAS FABRICIUS, 1787) NELLA RISERVA MARINA DELLE ISOLE EGADI Biol. Mar. Medit. (2005), 12 (1): 404-409 M. Gristina, F. Fiorentino, G. Garofalo, M. Gagliano*, G. Morizzo, S. Cusumano CNR-IAMC, Sezione di Mazara del Vallo, Via Luigi Vaccara, 61-91026 Mazara del Vallo

Dettagli

Co-Finanziamento: Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio

Co-Finanziamento: Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio PROGETTO DI RICERCA CARATTERIZZAZIONE DELL'AMBIENTE MARINO, DELLA COMUNITÀ ITTICA E DELL ATTIVITÀ DI PESCA DELLA RISERVA NATURALE MARINA DELLE ISOLE EGADI (TRAPANI) AI FINI DELLA REALIZZAZIONE DELLA ZONAZIONE

Dettagli

ALLEGATI PELAGICI SICILIA

ALLEGATI PELAGICI SICILIA ALLEGATI PELAGICI SICILIA A.1 Stato delle risorse piccoli pelagici nella GSA 16 ALICE ENGRAULIS ENCRASICOLUS Abbondanza in mare Figura A.1.1 Stime di biomassa della popolazione di acciuga al largo della

Dettagli

CIRSPE, Via De Gigli d Oro, Roma, Italia. Dipartimento di Zoologia, Università di Bari, Via Orabona, Bari, Italia.

CIRSPE, Via De Gigli d Oro, Roma, Italia. Dipartimento di Zoologia, Università di Bari, Via Orabona, Bari, Italia. Biol. Mar. Medit. (22), (2): 843-847 M. Imperatrice, R. Carlucci, L. Sion, G. D Onghia CIRSPE, Via De Gigli d Oro, 86 Roma, Italia. Dipartimento di Zoologia, Università di Bari, Via Orabona, 4-7 Bari,

Dettagli

Osservatorio nazionale della pesca

Osservatorio nazionale della pesca COMPARTIMENTO DI PROCIDA ABC: AVOID BY CATCH Avoid By Catch FONDO EUROPEO PESCA PROGRAMMAZIONE 2007-2013 Osservatorio nazionale della pesca UNIONE EUROPEA FAI FEDERPESCA ABC: AVOID BY CATCH MARINERIA DI

Dettagli

Modulo: Campionamento biologico variabili relative al metier. 1 Esecuzione dell attività: risultati e scostamenti rispetto a quanto previsto dal PN

Modulo: Campionamento biologico variabili relative al metier. 1 Esecuzione dell attività: risultati e scostamenti rispetto a quanto previsto dal PN Modulo: Campionamento biologico variabili relative al metier 1 Esecuzione dell attività: risultati e scostamenti rispetto a quanto previsto dal PN I campionamenti per il 2011 nella GSA 11 hanno coinvolto

Dettagli

IL TRASPORTO MARITTIMO

IL TRASPORTO MARITTIMO REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato del Turismo, delle Comunicazioni e dei Trasporti Dipartimento Trasporti e Comunicazioni IL TRASPORTO MARITTIMO ANNO 26 Acquisizione ed elaborazione dati

Dettagli

METODI INNOVATIVI DI ANALISI DELLA PESCA CON LE NASSE DELLE CANOCCHIE E DEI GHIOZZI NEL GOLFO DI TRIESTE

METODI INNOVATIVI DI ANALISI DELLA PESCA CON LE NASSE DELLE CANOCCHIE E DEI GHIOZZI NEL GOLFO DI TRIESTE Biol. Mar. Medit. (2006), 13 (1): 809-813 G. Bon, L. Feliziani, M. Doz, G. Barbieri, S. Kutin* Cooperativa Lisert, Via Diaz, 16-34100 Trieste, Italia. gabrielbon2003@yahoo.com *Coop. Ecoscreen, Trieste,

Dettagli

ALLEGATO 1: INQUADRAMENTO E ANALISI DEL CONTESTO

ALLEGATO 1: INQUADRAMENTO E ANALISI DEL CONTESTO COMUNE DI FAVIGNANA PIANO DELLA MOBILITA' SOSTENIBILE INTERNA ALLE ISOLE MINORI SICILIANE OCCIDENTALI SECONDA STESURA ALLEGATO : INQUADRAMENTO E ANALISI DEL CONTESTO ISOLA DI MARETTIMO - /2/II Stesura

Dettagli

Info Mese Settembre Contratto Repertorio NOTA MENSILE SETTEMBRE 2010

Info Mese Settembre Contratto Repertorio NOTA MENSILE SETTEMBRE 2010 Info Mese Settembre Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE EUROPEE ED INTERNAZIONALI DIREZIONE GENERALE DELLA PESCA MARITTIMA E DELL ACQUACOLTURA Servizio

Dettagli

Sistema di osservazione delle risorse alieutiche per la gestione della pesca in Adriatico

Sistema di osservazione delle risorse alieutiche per la gestione della pesca in Adriatico Sistema di osservazione delle risorse alieutiche per la gestione della pesca in Adriatico Mauro Marini Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto di Scienze Marine-UOS di Ancona The coastal area reflects

Dettagli

Istruttoria tecnica. Stato di avanzamento-dicembre 2014

Istruttoria tecnica. Stato di avanzamento-dicembre 2014 Istruttoria tecnica Stato di avanzamento-dicembre 2014 Precedente studio conoscitivo condotto dall Università di Sassari e consegnato nel 2000 Aggiornare lo stato delle conoscenze ambientali e socio-economiche

Dettagli

1.3.1 LA PRECIPITAZIONE

1.3.1 LA PRECIPITAZIONE Allegato 13 1.3.1 LA PRECIPITAZIONE Precipitazioni annuali La precipitazione media annua (Figura 1.3), considerando i dati del periodo 1961-90, varia dagli 800 mm riscontrabili nella parte più meridionale

Dettagli

MINISTERO DELL'AMBIENTE

MINISTERO DELL'AMBIENTE DECRETO MINISTERIALE 6 agosto 1993 MINISTERO DELL'AMBIENTE Modificazioni alle misure di tutela della riserva naturale marina Isole Egadi. IL MINISTRO DELL'AMBIENTE DICONCERTO CON IL MINISTRO DELLA MARINA

Dettagli

MINISTERO DELL'AMBIENTE

MINISTERO DELL'AMBIENTE MINISTERO DELL'AMBIENTE DECRETO 27 dicembre 1991 Istituzione della riserva naturale marina denominata "Isole Egadi". IL MINISTRO DELL'AMBIENTE DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELLA MARINA MERCANTILE Visti

Dettagli

ISTITUTO PER L AMBIENTE MARINO COSTIERO (CNR-IAMC)

ISTITUTO PER L AMBIENTE MARINO COSTIERO (CNR-IAMC) ISTITUTO PER L AMBIENTE MARINO COSTIERO (CNR-IAMC) Unità Organizzativa Distaccata di Mazara del Vallo PROGETTO DI RICERCA VALUTAZIONE DELLE RISORSE DEMERSALI PESCABILI NELLE AREE DI PESCA DELLA MARINERIA

Dettagli

Osservatorio nazionale della pesca

Osservatorio nazionale della pesca LA PESCA DELLE ALICI CON IL CIANCIOLO Avoid By Catch FONDO EUROPEO PESCA PROGRAMMAZIONE 2007-2013 Osservatorio nazionale della pesca UNIONE EUROPEA FAI FEDERPESCA LA PESCA DELLE ALICI CON IL CIANCIOLO

Dettagli

LA PESCA NEL MEZZOGIORNO TRA OTTO E NOVECENTO: TONNARE, PESCI, Stìf NE

LA PESCA NEL MEZZOGIORNO TRA OTTO E NOVECENTO: TONNARE, PESCI, Stìf NE SUB Hamburg A/599906 LA PESCA NEL MEZZOGIORNO TRA OTTO E NOVECENTO: TONNARE, PESCI, Stìf NE 7 7 v y Coi E CORALLI ' w,/ / MAURIZIO GANGEMI 4/ CACUCCI EDITORE 2011 INDICE GENERALE Indice delle tabelle p.

Dettagli

Art. 2 Siti di immersione per le visite guidate subacquee 1. I siti di immersione individuati dall ente gestore sono i seguenti:

Art. 2 Siti di immersione per le visite guidate subacquee 1. I siti di immersione individuati dall ente gestore sono i seguenti: SECONDO DISCIPLINARE INTEGRATIVO AL REGOLAMENTO DELL AREA MARINA PROTETTA ISOLE EGADI (D.M. 1 giugno 2010 pubblicato sulla G. U. n. 145 del 23 giugno 2010) ANNO 2010 Art. 1 Validità Il presente Disciplinare,

Dettagli

Gli ami circolari per la riduzione del Bycatch

Gli ami circolari per la riduzione del Bycatch 30 giugno 2015 Roma, Italia Gli ami circolari per la riduzione del Bycatch Sergio Bizzarri AGCI Agrital introduzione Nel Mediterraneo la sperimentazione degli ami circolari è iniziata nel 2005 nell ambito

Dettagli

Il piano di gestione dell'anguilla europea in Sardegna Le attività dell AGRIS Sardegna

Il piano di gestione dell'anguilla europea in Sardegna Le attività dell AGRIS Sardegna Il piano di gestione dell'anguilla europea in Sardegna Le attività dell AGRIS Sardegna Giovanna Chessa AGRIS Sardegna Servizio Risorse Ittiche Seminario Le lagune della Sardegna Sviluppo sostenibile, tradizioni,

Dettagli

2 Il numero di giorni piovosi in Veneto Variazioni dei valori medi evidenziate dal confronto tra i periodi e

2 Il numero di giorni piovosi in Veneto Variazioni dei valori medi evidenziate dal confronto tra i periodi e 2 Il numero di giorni piovosi in Veneto Variazioni dei valori medi evidenziate dal confronto tra i periodi 1994-2004 e 2005-2015 Francesco Rech 1, Edoardo Furlani 2 1 Servizio Meteorologico Teolo (PD)

Dettagli

BATHYPOLYPUS SPONSALIS (CEPHALOPODA, OCTOPODA) NEL MAR LIGURE MERIDIONALE

BATHYPOLYPUS SPONSALIS (CEPHALOPODA, OCTOPODA) NEL MAR LIGURE MERIDIONALE Biol. Mar. Medit. (2005), 12 (1): 509-513 A.R.P.A.T., Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana, R.I.B.M. Risorse Ittiche e Biodiversità Marina, Via Marradi, 114-57126 Livorno, Italia.

Dettagli

ABC per ridurre le catture accidentali

ABC per ridurre le catture accidentali ABC per ridurre le catture accidentali A.B.C. (AVOID BY CATCH): tecnologie per ridurre le catture accidentali perfezionare l'attività di circuizione orientata al piccolo pelagico rendendola maggiormente

Dettagli

Il ruolo della Guardia Costiera nell attivit. attività di monitoraggio e tutela delle Tartarughe Marine

Il ruolo della Guardia Costiera nell attivit. attività di monitoraggio e tutela delle Tartarughe Marine Il ruolo della Guardia Costiera nell attivit attività di monitoraggio e tutela delle Tartarughe Marine C.C. (CP) Giuseppe MARZANO Capo Servizio Personale Marittimo, Attività Marittime e Contenzioso Capitaneria

Dettagli

LA PESCA, GLI ATTREZZI E LE RISORSE ITTICHE

LA PESCA, GLI ATTREZZI E LE RISORSE ITTICHE LA PESCA, GLI ATTREZZI E LE RISORSE ITTICHE LA PESCA IN MARE L attività di pesca è un attività millenaria. L uomo ha sempre cercato sostentamento anche dal mare. Negli ultimi tempi però vi è una sensibilità

Dettagli

Come migliorare la gestione della pesca nella tua zona?

Come migliorare la gestione della pesca nella tua zona? Come migliorare la gestione della pesca nella tua zona? Grazie del tempo che dedicherai a compilare questo sondaggio. Il questionario è stato sviluppato per raccogliere le opinioni dei portatori di interesse

Dettagli

There are no translations available.

There are no translations available. There are no translations available. L'obiettivo fondamentale del progetto è quello di realizzare strumenti e modalità concrete ed efficaci per rendere le tecniche di pesca tradizionali effettuate dagli

Dettagli

GRUPPI FUNZIONALI ITTIOFAUNA

GRUPPI FUNZIONALI ITTIOFAUNA GRUPPI FUNZIONALI ITTIOFAUNA 4.2. Gruppi funzionali (Pesci) 4.2.1 Pesci demersali Area di valutazione Le aree di valutazione corrispondono alle sub-aree geografiche (note come GSA) individuate per i mari

Dettagli

Istituto per l Ambiente Marino Costiero (IAMC) MAZARA DEL VALLO

Istituto per l Ambiente Marino Costiero (IAMC) MAZARA DEL VALLO CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Istituto per l Ambiente Marino Costiero (IAMC) MAZARA DEL VALLO Via Luigi Vaccara, 61 9126 MAZARA DEL VALLO (TP) Italia Tel.: Segreteria +39 923 948966/934116 - Direzione

Dettagli

APAT Agenzia per la protezione dell ambiente e per i servizi tecnici. Dipartimento Tutela delle Acque Interne e Marine Servizio Difesa delle Coste

APAT Agenzia per la protezione dell ambiente e per i servizi tecnici. Dipartimento Tutela delle Acque Interne e Marine Servizio Difesa delle Coste APAT Agenzia per la protezione dell ambiente e per i servizi tecnici Dipartimento Tutela delle Acque Interne e Marine Servizio Difesa delle Coste CAPITOLO 3 IL CLIMA ONDOSO A LARGO DELLE COSTE ITALIANE

Dettagli

Rete di monitoraggio della qualità dell aria della Provincia di Rimini Report 2012

Rete di monitoraggio della qualità dell aria della Provincia di Rimini Report 2012 Rete di monitoraggio della qualità dell aria della Provincia di Rimini Report 2012 NOx - Via Flaminia Valori orari NOx - Parco Marecchia Valori orari 500 500 Valore limite media annuale Media annuale Valore

Dettagli

Allegato C 1. Precipitazioni (grafico dimostrativo )

Allegato C 1. Precipitazioni (grafico dimostrativo ) Allegato C 1 Precipitazioni (grafico dimostrativo ) 1 segue Allegato C 1 Precipitazioni Mappe relative al numero di giorni in cui si sono verificate precipitazioni superiori ai 5 mm nei vari mesi degli

Dettagli

Osservatorio nazionale della pesca

Osservatorio nazionale della pesca Dissuasori acustici DDD (Dolphin Diuasive Device) Avoid By Catch FONDO EUROPEO PESCA PROGRAMMAZIONE 2007-2013 Osservatorio nazionale della pesca UNIONE EUROPEA FAI FEDERPESCA Dissuasori acustici DDD (Dolphin

Dettagli

Info Mese Aprile Contratto Repertorio NOTA MENSILE APRILE 2011

Info Mese Aprile Contratto Repertorio NOTA MENSILE APRILE 2011 Info Mese Aprile Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE EUROPEE ED INTERNAZIONALI DIREZIONE GENERALE DELLA PESCA MARITTIMA E DELL ACQUACOLTURA Servizio Monitoraggio

Dettagli

Invaso Trinità (TP): prima classificazione dello stato ecologico in base al DM n. 260/2010.

Invaso Trinità (TP): prima classificazione dello stato ecologico in base al DM n. 260/2010. Invaso Trinità (TP): prima classificazione dello stato ecologico in base al DM n. 260/. Il recente Regolamento recante i criteri tecnici per la classificazione dello stato dei corpi idrici superficiali,

Dettagli

GIT 28 RISORSE AMBIENTALI E SVILUPPO SOCIO- ECONOMICO DEL TRAPANESE (RASET)

GIT 28 RISORSE AMBIENTALI E SVILUPPO SOCIO- ECONOMICO DEL TRAPANESE (RASET) GIT 28 RISORSE AMBIENTALI E SVILUPPO SOCIO- ECONOMICO DEL TRAPANESE (RASET) Luogo e data di costituzione: Mazara del Vallo, 25 Ottobre 2001. Indirizzo sede eletta: Istituto per l Ambiente Marino Costiero

Dettagli

Divulgazione dei risultati

Divulgazione dei risultati Progetto: Sviluppo sostenibile delle attività di pesca nelle Regioni ricadenti nell Obiettivo Convergenza attraverso interventi ambientali, informazione e sensibilizzazione, anche con il coinvolgimento

Dettagli

VARIAZIONE DEI RENDIMENTI CON RETE A STRASCICO IN UN AREA A PARZIALE PROTEZIONE NEL GOLFO DI PATTI (SICILIA SETTENTRIONALE) IN 20 ANNI DI MONITORAGGIO

VARIAZIONE DEI RENDIMENTI CON RETE A STRASCICO IN UN AREA A PARZIALE PROTEZIONE NEL GOLFO DI PATTI (SICILIA SETTENTRIONALE) IN 20 ANNI DI MONITORAGGIO Biol. Mar. Medit. (26), 13 (1): 149-157 A. Potoschi, P. Battaglia, P. Rinelli 1, F. Perdichizzi 1, A. Manganaro, S. Greco 2 Dipartimento di Biologia Animale ed Ecologia Marina, Università di Messina, Salita

Dettagli

Primi risultati sulla pesca fantasma da nasse nella rada di. Alghero

Primi risultati sulla pesca fantasma da nasse nella rada di. Alghero Primi risultati sulla pesca fantasma da nasse nella rada di Alghero AGRIS Sardegna - Dipartimento per la Ricerca nelle Produzioni Animali Servizio Risorse Ittiche SEMINARIO Portotorres (SS), 16 Dicembre

Dettagli

La pesca del rossetto (Aphia minuta) in Toscana e il monitoraggio scientifico della risorsa

La pesca del rossetto (Aphia minuta) in Toscana e il monitoraggio scientifico della risorsa Page 1 of 7 n. 228 - Giovedì 22 Novembre 2012 La pesca del rossetto (Aphia minuta) in Toscana e il monitoraggio scientifico della risorsa Il Piano di Gestione Regionale è il frutto del monitoraggio e delle

Dettagli

Interreg III A Grecia-Italia Misura 3.1 D2 GOW

Interreg III A Grecia-Italia Misura 3.1 D2 GOW Interreg III A Grecia-Italia Misura 3.1 D2 GOW Mapping of the coastal area near Canale Giancola. Methods and perspectives. Fausto Pizzolante - Simonetta Fraschetti, CoNISMA Lab. di Zoologia e Biologia

Dettagli

Rapporto di valutazione del potenziale eolico del territorio della Toscana

Rapporto di valutazione del potenziale eolico del territorio della Toscana Regione Toscana Consorzio LaMMA Rapporto di valutazione del potenziale eolico del territorio della Toscana Estratto dal rapporto finale del progetto WIND-GIS Autori: Caterina Busillo Francesca Calastrini

Dettagli

AUDIZIONE Senato

AUDIZIONE Senato AUDIZIONE Senato 17.06.2014 NUMERO ATTO PRPOSTA REG. CE COM(2014) 265 DEF Atto comunitario n. 36: Proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio che istituisce un divieto di pesca con reti

Dettagli

REPORT PLUVIOMETRICO DEL MESE DI GIUGNO 2017

REPORT PLUVIOMETRICO DEL MESE DI GIUGNO 2017 REPORT PLUVIOMETRICO DEL MESE DI GIUGNO 17 Pagina 1 di Commento generale METODOLOGIA Al fine di valutare l entità degli apporti pluviometrici, sono state considerate tutte le stazioni automatiche (circa

Dettagli

(Elaborazioni grafiche a cura di G. Bonafè - ARPA - SIMC)

(Elaborazioni grafiche a cura di G. Bonafè - ARPA - SIMC) Elaborazione dati della qualità dell aria Provincia di Ravenna - Rapporto 21 3 - LE CONDIZIONI METEOROLOGICHE NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA (Elaborazioni grafiche a cura di G. Bonafè - ARPA

Dettagli

Policlorobifenili (PCB) in mitili della costa marchigiana.

Policlorobifenili (PCB) in mitili della costa marchigiana. Policlorobifenili (PCB) in mitili della costa marchigiana. Arianna Piersanti Arianna Piersanti a.piersanti@pg.izs.it a.piersanti@pg.izs.it 3 2 2' 3' BIFENILE 4 4' Variando il numero e le posizioni occupate

Dettagli

TORRE GUACETO. Realizzazione di strumenti di governance della risorsa idrica e di tutela dell ecosistema marino costiero. INTERREG IIIA Grecia-Italia

TORRE GUACETO. Realizzazione di strumenti di governance della risorsa idrica e di tutela dell ecosistema marino costiero. INTERREG IIIA Grecia-Italia Riserva Naturale dello Stato Area Marina Protetta TORRE GUACETO Realizzazione di strumenti di governance della risorsa idrica e di tutela dell ecosistema marino costiero INTERREG IIIA Grecia-Italia mercoledì

Dettagli

TOSCANA: LA CONSERVAZIONE DELLA NATURA Martedì 06 Aprile :58

TOSCANA: LA CONSERVAZIONE DELLA NATURA Martedì 06 Aprile :58 Biodiversità, agroecosistemi, report ambientali. Relazione sullo stato dell ambiente in Toscana 2009: i dati presentati nel capitolo dedicato alla conservazione della natura si riferiscono, in questo numero,

Dettagli

Elaborazione dati della qualità dell aria Provincia di Ravenna - Rapporto Figura Dislocazione delle stazioni meteorologiche

Elaborazione dati della qualità dell aria Provincia di Ravenna - Rapporto Figura Dislocazione delle stazioni meteorologiche Elaborazione dati della qualità dell aria Provincia di Ravenna - Rapporto 1 3 - LE CONDIZIONI METEOROLOGICHE NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA 3.1 - Gli indicatori meteorologici per lo studio della

Dettagli

A.3 - Simulazioni di variazioni dello sforzo di pesca e del reclutamento

A.3 - Simulazioni di variazioni dello sforzo di pesca e del reclutamento A.3 - Simulazioni di variazioni dello sforzo di pesca e del reclutamento A.3.1 Proiezioni degli stock di alici nella GSA 16 con variazioni dello sforzo di pesca e del reclutamento L analisi dello stato

Dettagli

Stefano Cataudella Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Stefano Cataudella Università degli Studi di Roma Tor Vergata Conferenza per la conservazione della biodiversità. Ricerca applicata, strumenti e metodi Stefano Cataudella Università degli Studi di Roma Tor Vergata FISH HERIES Source: The state of World Fisheries

Dettagli

Relazione sul programma di ECORENDICONTO

Relazione sul programma di ECORENDICONTO Relazione sul programma di ECORENDICONTO Area Marina Protetta Torre del Cerrano Elenco e superficie biocenosi A cura di Daniele Cargini Alessandro Lombardi Data: 30.11.2016 Per approfondimenti: http://www.torredelcerrano.it/carta-europea-per-il-turismo-sostenibile/ecorendiconto.html

Dettagli

e la sua biodiversità

e la sua biodiversità WP 4 Rafforzare l ecosistema Adriatico e la sua biodiversità 4.3 azione 1 Realizzazione di interventi per la salvaguardia dello sviluppo delle uova di seppia (Sepia officinalis) condotti all interno di

Dettagli

Situazione meteorologica

Situazione meteorologica Situazione meteorologica Ad integrazione della presentazione dei dati rilevati nella rete di monitoraggio della qualità dell aria, si riportano in maniera sintetica i dati relativi ai parametri meteorologici

Dettagli

L'attuazione dell'asse IV in Sardegna

L'attuazione dell'asse IV in Sardegna ASSESSORATO DELL AGRICOLTURA E RIFORMA AGRO-PASTORALE Servizio pesca L'attuazione dell'asse IV in Sardegna L esperienza dell Amministrazione regionale Tappe per l attuazione dell Asse IV OTT GEN MAR APR

Dettagli

Elaborazione di un modello di gestione della pesca nell area compresa fra Capo Zafferano e Capo Raisigerbi

Elaborazione di un modello di gestione della pesca nell area compresa fra Capo Zafferano e Capo Raisigerbi Misura POR: 4.17 Sottomisura b Interventi a sostegno della pesca e dell acquacoltura, interventi di contesto (SFOP) PROGETTO INTEGRATO PER LA GESTIONE DELLE RISORSE ACQUATICHE E LA FORMAZIONE DEGLI OPERATORI

Dettagli

Naturalista sicil., S. IV, XXXII (1-2), 2008, pp

Naturalista sicil., S. IV, XXXII (1-2), 2008, pp Naturalista sicil., S. IV, XXXII (1-2), 2008, pp. 221-240 MARCO ARCULEO ANALISI DEI DATI DI SBARCO DEL GAMBERO VIOLA, ARISTEUS ANTENNATUS (Crustacea Aristeidae) IN DUE MARINERIE DELLA SICILIA NORD OCCIDENTALE

Dettagli

CATTURA ACCIDENTALE DI DENTICE CORAZZIERE (DENTEX GIBBOSUS) NELLO STRETTO DI SICILIA

CATTURA ACCIDENTALE DI DENTICE CORAZZIERE (DENTEX GIBBOSUS) NELLO STRETTO DI SICILIA Biol. Mar. Medit. (2005), 12 (1): 465-469 A. Bonanno, G. Basilone, V. Palumbo*, S. Goncharov, L. Rollandi, S. Aronica, A. Di Nieri, P. Sposito IAMC CNR, Sezione di Mazara, Via L. Vaccara, 61-91026 Mazara

Dettagli

Una pesca sostenibile per il futuro del mare

Una pesca sostenibile per il futuro del mare Una pesca sostenibile per il futuro del mare Giugno 2013 La pesca artigianale in Italia e il caso-studio della Sicilia greenpeace.it PESCA ARTIGIANALE O PICCOLA PESCA? Secondo uno studio promosso dal Parlamento

Dettagli

gen. f eb. mar. apr. mag. giu. lug. ago. s et. ott. nov. dic.

gen. f eb. mar. apr. mag. giu. lug. ago. s et. ott. nov. dic. 3 25 2 15 Serie1 1 5 gen. f eb. mar. apr. mag. giu. lug. ago. s et. ott. nov. dic. Fig. 2.1. Andamento delle presenze turistiche in Liguria durante l anno. E evidente una presenza temporale costante che

Dettagli

1. Premessa. a cura del dott. Erminio Di Nora.

1. Premessa. a cura del dott. Erminio Di Nora. INDIVIDUAZIONE DI UN MODELLO PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DELLA PESCA E PER LA GESTIONE INTEGRATA DELL AMBIENTE COSTIERO DEL PARCO DELLA RIVIERA D ULISSE (TIRRENO CENTRALE) a cura del dott. Erminio Di Nora

Dettagli

LA SORVEGLIANZA DELLE AREE COSTIERE A TUTELA DELLA CONSERVAZIONE DEGLI STOCK ITTICI

LA SORVEGLIANZA DELLE AREE COSTIERE A TUTELA DELLA CONSERVAZIONE DEGLI STOCK ITTICI Convegno Ecosistema marino; Mutamenti climatici, Attività antropiche: la ricerca di un equilibrio sostenibile LA SORVEGLIANZA DELLE AREE COSTIERE A TUTELA DELLA CONSERVAZIONE DEGLI STOCK ITTICI 10 LUGLIO

Dettagli

Figure 1 Localizzazione e dissomiglianza degli uffici di iscrizione delle provincia di Salerno. Acciaroli. Marina di Pisciotta

Figure 1 Localizzazione e dissomiglianza degli uffici di iscrizione delle provincia di Salerno. Acciaroli. Marina di Pisciotta CARATTERISTICHE PRINCIPALI DELLA FLOTTA DI PESCA SALERNITANA La flotta di pesca della provincia di Salerno è caratterizzata da una struttura fortemente artigianale. La gran parte delle imbarcazioni, infatti,

Dettagli

1. ANALISI GENERALE ANNO 2015

1. ANALISI GENERALE ANNO 2015 1. ANALISI GENERALE ANNO 2015 L attività svolta sul territorio e lungo la filiera nell anno 2015 ha permesso di rilevare diverse situazioni di illegalità, riassunte nello schema seguente: LUOGO Controlli

Dettagli

Proposta di REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO. che modifica il regolamento (UE) 2015/104 per quanto riguarda determinate possibilità di pesca

Proposta di REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO. che modifica il regolamento (UE) 2015/104 per quanto riguarda determinate possibilità di pesca COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 20.5.2015 COM(2015) 212 final 2015/0108 (NLE) Proposta di REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO che modifica il regolamento (UE) 2015/104 per quanto riguarda determinate possibilità

Dettagli

Giuseppe Scordella e Febo Lumare

Giuseppe Scordella e Febo Lumare in alcune aree della costa adriatica. Lecce, 6 marzo : 9 pp. STATO DELLE POPOLAZIONI DI Penaeus (Melicertus) kerathurus: VALUTAZIONE DELLO SFORZO DI PESCA E DELLA PRODUTTIVITÀ NELLE AREE DI TERMOLI (CB),

Dettagli

Introduzione ai GIS. Potenzialità e limiti Software in commercio. Cartografia numerica e GIS

Introduzione ai GIS. Potenzialità e limiti Software in commercio. Cartografia numerica e GIS Introduzione ai GIS Potenzialità e limiti Software in commercio Cartografia numerica e GIS Cos è un GIS (Geographic Information System)? [SIT Sistema Informativo Territoriale] [LIS Land Information System]

Dettagli

Presenza di tursiope (Tursiops truncatus) in relazione alle modalità di pesca esercitate a Lampedusa

Presenza di tursiope (Tursiops truncatus) in relazione alle modalità di pesca esercitate a Lampedusa Presenza di tursiope (Tursiops truncatus) in relazione alle modalità di pesca esercitate a Lampedusa Celoni Federica 1, Galante Irene 1*, Azzolin Marta 2 1 CTS Settore Conservazione della Natura, Via Andrea

Dettagli

Nuovo Programma per i Paesi dell Adriatico

Nuovo Programma per i Paesi dell Adriatico Nuovo Programma per i Paesi dell Adriatico INTERREG/CARDS-PHARE AIA- Acquacoltura in Adriaticomodulo Stato dei molluschi bivalvi e delle vongole in Albania Il territorio costiero è di 470 km, 10,000 ha

Dettagli

I CLIMI IN ITALIA: LE AREE TEMPERATE CALDE MEDITERRANEE A SICCITA ESTIVA

I CLIMI IN ITALIA: LE AREE TEMPERATE CALDE MEDITERRANEE A SICCITA ESTIVA I CLIMI IN ITALIA: LE AREE TEMPERATE CALDE MEDITERRANEE A SICCITA ESTIVA Introduzione Continuiamo la trattazione sui climi italiani affrontando l analisi del clima mediterraneo identificato, nella convenzione

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE

PROGETTO DI RELAZIONE Parlamento europeo 2014-2019 Commissione per la pesca 2016/2230(INI) 10.11.2016 PROGETTO DI RELAZIONE recante una proposta di risoluzione non legislativa sulla proposta di decisione del Consiglio relativa

Dettagli

REPORT PLUVIOMETRICO DEL MESE DI MARZO 2016

REPORT PLUVIOMETRICO DEL MESE DI MARZO 2016 REPORT PLUVIOMETRICO DEL MESE DI MARZO 206 Pagina di 20 Commento generale METODOLOGIA Al fine di valutare l entità degli apporti pluviometrici, sono state considerate tutte le stazioni automatiche (circa

Dettagli

Mortalitàper tumore del fegato e diabete mellito di tipo 2 in Puglia con un modello shared component

Mortalitàper tumore del fegato e diabete mellito di tipo 2 in Puglia con un modello shared component 13-15 Aprile 2016 Reggio Children c/o Centro Internazionale Loris Malaguzzi REGGIO EMILIA Mortalitàper tumore del fegato e diabete mellito di tipo 2 in Puglia con un modello shared component Enzo Coviello

Dettagli

Elaborazione ERSAL CREMA ( )

Elaborazione ERSAL CREMA ( ) . INQUADRAMENTO CLIMATICO In generale, l area oggetto di studio è caratterizzata da un regime di tipo continentale sublitoraneo, tipico della Pianura Padana, con inverni rigidi ed estati relativamente

Dettagli

Unità Organizzativa Distaccata di Mazara del Vallo

Unità Organizzativa Distaccata di Mazara del Vallo ISTITUTO PER L AMBIENTE MARINO COSTIERO (IAMC CNR) Unità Organizzativa Distaccata di Mazara del Vallo PROGETTO DI RICERCA N 6 C 117 SPERIMENTAZIONE DI UNA STRATEGIA DI RIPOPOLAMENTO CON MELICERTUS (PENAEUS

Dettagli

È la tartaruga marina più abbondante che si riproduce nel Mediterraneo.

È la tartaruga marina più abbondante che si riproduce nel Mediterraneo. Il progetto TartaLife (LIFE12 NAT/IT/000937) ha l obiettivo di contribuire alla conservazione della tartaruga marina Caretta caretta nel Mar Mediterraneo, attraverso la riduzione della mortalità nelle

Dettagli

Osservatorio Socio Economico della Pesca e dell Acquacoltura. Aspetti economici della produzione di anguille in Veneto

Osservatorio Socio Economico della Pesca e dell Acquacoltura. Aspetti economici della produzione di anguille in Veneto Osservatorio Socio Economico della Pesca e dell Acquacoltura Aspetti economici della produzione di anguille in Veneto Capitolo 1 Produzione di Anguilla tramite cattura La produzione di anguille avviene,

Dettagli

IV 2007 NEWSLETTER TRIMESTRALE SULLA PESCA PUGLIESE. Caratteristiche tecniche della flotta

IV 2007 NEWSLETTER TRIMESTRALE SULLA PESCA PUGLIESE. Caratteristiche tecniche della flotta NEWSLETTER TRIMESTRALE SULLA PESCA PUGLIESE IV 2007 Caratteristiche tecniche della flotta Le imbarcazioni censite nei Compartimenti Marittimi pugliesi nel 2007 sono 1.704, la stazza complessiva ammonta

Dettagli

ENVIROCONSULT S.r.l. - Via A. D Isernia, NAPOLI Cap. Soc ,00 Tel. 081/ Fax 081/ P. IVA e C.F. n Sito Web

ENVIROCONSULT S.r.l. - Via A. D Isernia, NAPOLI Cap. Soc ,00 Tel. 081/ Fax 081/ P. IVA e C.F. n Sito Web ENVIROCONSULT S.r.l. - Via A. D Isernia, 28-8122 NAPOLI Cap. Soc. 1., Tel. 81/586765 - Fax 81/586765 P. IVA e C.F. n. 6334181218 Sito Web : www.enviroconsult.it email: info@enviroconsult.it Maggio 217

Dettagli

MOGEIFACO: UN MODELLO ESPERTO PER LA GESTIONE INTEGRATA DELLA FASCIA COSTIERA

MOGEIFACO: UN MODELLO ESPERTO PER LA GESTIONE INTEGRATA DELLA FASCIA COSTIERA 9 a CONFERENZA NAZIONALE ASITA 15 18 novembre 2005, Centro Congressuale Le Ciminiere, Catania MOGEIFACO: UN MODELLO ESPERTO PER LA GESTIONE INTEGRATA DELLA FASCIA COSTIERA Giuseppe PERNICE (*), Ignazio

Dettagli

Osservatorio nazionale della pesca

Osservatorio nazionale della pesca SOLUZIONI AL BY CATCH LA CIRCUIZIONE Avoid By Catch FONDO EUROPEO PESCA PROGRAMMAZIONE 2007-2013 Osservatorio nazionale della pesca UNIONE EUROPEA FAI FEDERPESCA SOLUZIONI AL BY CATCH La Circuizione L

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Vista la legge 14 luglio 1965, n. 963, e successive modifiche, concernente la disciplina della pesca marittima ed, in particolare, l'art. 32 che attribuisce al Ministro la possibilità di emanare norme

Dettagli

Il presente documento è stato realizzato in ottemperanza alle Convenzioni stipulate dall Assessorato della Regione Siciliana della Cooperazione, del

Il presente documento è stato realizzato in ottemperanza alle Convenzioni stipulate dall Assessorato della Regione Siciliana della Cooperazione, del BASE SCIENTIFICA PER LA PREDISPOSIZIONE DEI PIANI DI GESTIONE LOCALE: PESCA ARTIGIANALE DELLA REGIONE SICILIA Il presente documento è stato realizzato in ottemperanza alle Convenzioni stipulate dall Assessorato

Dettagli

Osservatorio nazionale della pesca

Osservatorio nazionale della pesca CARATTERISTICHE DEI SISTEMI DI PESCA: LA CIRCUIZIONE Avoid By Catch FONDO EUROPEO PESCA PROGRAMMAZIONE 2007-2013 Osservatorio nazionale della pesca UNIONE EUROPEA FAI FEDERPESCA CARATTERISTICHEDEISISTEMIDIPESCA:LACIRCUIZIONE

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento Dipartimento Urbanistica ed Ambiente Servizio Utilizzazione Acque Pubbliche

Provincia Autonoma di Trento Dipartimento Urbanistica ed Ambiente Servizio Utilizzazione Acque Pubbliche Provincia Autonoma di Trento Dipartimento Urbanistica ed Ambiente Servizio Utilizzazione Acque Pubbliche Bilanci idrici Relazione Tecnica I bacini di primo livello secondari - ILLASI - ISARCO - Ing. Mirko

Dettagli

Porto di Milazzo. Vista parziale del pontile. Vista della banchina sud provvista RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO DI IMPRESE

Porto di Milazzo. Vista parziale del pontile. Vista della banchina sud provvista RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO DI IMPRESE Porto di Milazzo Vista parziale del pontile. Vista della banchina sud provvista di gru. Regione Siciliana. Studio per la gestione dei collegamenti con la terraferma delle isole minori della regione siciliana.

Dettagli

climaticamente questa vasta area ed eventualmente verificare se sono stati registrati cambiamenti significativi degli stessi

climaticamente questa vasta area ed eventualmente verificare se sono stati registrati cambiamenti significativi degli stessi I CLIMI IN ITALIA: LE AREE TEMPERATE UMIDE CON ESTATE CALDA Introduzione Con questo articolo inauguriamo una rassegna sui climi italiani iniziando da quelli identificati, nella convenzione internazionale,

Dettagli

AREE MARINE PROTETTE

AREE MARINE PROTETTE AREE MARINE PROTETTE AREE MARINE PROTETTE ISTITUITE, DI PROSSIMA ISTITUZIONE E DI RIFERIMENTO, IN ITALIA FINALITÀ ISTITUZIONE DI RISERVE E PARCHI MARINI conservazione, tutela e ripristino degli ecosistemi

Dettagli

CARATTERIZZAZIONE CHIMICO-FISICA E MICROBIOLOGICA DEL PARMIGIANO-REGGIANO DI 12 MESI

CARATTERIZZAZIONE CHIMICO-FISICA E MICROBIOLOGICA DEL PARMIGIANO-REGGIANO DI 12 MESI CARATTERIZZAZIONE CHIMICO-FISICA E MICROBIOLOGICA DEL PARMIGIANO-REGGIANO DI 12 MESI A. Pecorari, G. Gambini, M. Nocetti Consorzio Parmigiano-Reggiano L. Pellegrino, J.A. Hogenboom Distam - Milano Parma,

Dettagli

I CLIMI IN ITALIA: LE AREE MEDITERRANEE SECCHE TENDENTI ALLO STEPPICO

I CLIMI IN ITALIA: LE AREE MEDITERRANEE SECCHE TENDENTI ALLO STEPPICO I CLIMI IN ITALIA: LE AREE MEDITERRANEE SECCHE TENDENTI ALLO STEPPICO Introduzione Terminiamo la trattazione sui climi italiani affrontando l analisi delle aree caratterizzate da clima mediterraneo tendente

Dettagli

ALLEGATOA1 alla Dgr n del 30 luglio 2013 pag. 1/10

ALLEGATOA1 alla Dgr n del 30 luglio 2013 pag. 1/10 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA1 alla Dgr n. 1387 del 30 luglio 2013 pag. 1/10 Lega Pesca del Veneto, Federcoopesca, AGCI Agrital, Coldiretti Impresa pesca Programma di ricomposizione ambientale,

Dettagli

UN S.I.T. PER LA TUTELA E LA VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE ITTICHE NEL GOLFO DI PATTI

UN S.I.T. PER LA TUTELA E LA VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE ITTICHE NEL GOLFO DI PATTI UN S.I.T. PER LA TUTELA E LA VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE ITTICHE NEL GOLFO DI PATTI Alessandro CENTO (*), Antonio CONDORELLI (**), Alessandra GENOVESE (*), Giuseppe MUSSUMECI (**) (*) Parco Scientifico

Dettagli

GRUPPI FUNZIONALI ITTIOFAUNA

GRUPPI FUNZIONALI ITTIOFAUNA GRUPPI FUNZIONALI ITTIOFAUNA 4.2. Gruppi funzionali (Pesci) 4.2.1 Pesci demersali Area di valutazione Le aree di valutazione corrispondono alle sub-aree geografiche (note come GSA) individuate per i mari

Dettagli

Milano dati serie ricerche

Milano dati serie ricerche sistema statistico nazionale Milano dati serie ricerche 17 Famiglie residenti a Milano negli anni 2001-2027 (base 2007) A cura di Paolo Bonomi Editing: Gaetana Quattrocchi Settore Sistemi Integrati per

Dettagli

Bollettino Straordinario Dispersione Idrocarburi: Piattaforma 07 - Cercina (Tunisia)

Bollettino Straordinario Dispersione Idrocarburi: Piattaforma 07 - Cercina (Tunisia) Bollettino Straordinario 24/03/2016 Servizio Previsione Dispersione Idrocarburi CNR - IAMC Gruppo di Oceanografia Operativa di Oristano Bollettino Straordinario Dispersione Idrocarburi: Piattaforma 07

Dettagli