PROGETTO BLUEMED WP4 ECONOMIC ASSESSMENT. CBA e What if Analysis Charging scheme SPECIFICHE TECNICHE V1.0

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO BLUEMED WP4 ECONOMIC ASSESSMENT. CBA e What if Analysis Charging scheme SPECIFICHE TECNICHE V1.0"

Transcript

1 PROGETTO BLUEMED WP4 ECONOMIC ASSESSMENT CBA e What if Analysis Charging scheme SPECIFICHE TECNICHE V1.0

2 Indice: 1 ENAV S.p.A Il quadro di regolamentazione in ambito europeo Il progetto BLUE MED Fasi di sviluppo del progetto Lo Studio di Fattibilità Definition Phase Implementation Phase Struttura del progetto Work Package 4 Economic Assessment Obiettivi Milestones Deliverables e piano delle scadenze Organizzazione delle attività Oggetto del capitolato Deliverable richiesti Descrizione delle attività Project Management Analisi degli schemi tariffari, identificazione delle eventuali politiche di redistribuzione, implementazione del tool per la definizione degli schemi tariffari Analisi Costi-Benefici per il BLUE MED FAB nello scenario di breve termine Costruzione del modello di analisi What if Simulazione degli scenari di medio e lungo termine per il BLUE MED FAB Realizzazione del Progetto Durata della prestazione Figure professionali richieste WP manager (WPM) WP Office Team Leader esperto in sistemi tariffari e modelli per la tariffazione Team Leader Analisi Costi-Benefici Team Leader What if Analysis

3 1 ENAV S.p.A. Trasformata dal 1 gennaio 2001 in Società per azioni a totale controllo pubblico, ENAV S.p.A ha l'obiettivo di consentire la circolazione dei velivoli nello spazio aereo con sempre migliori livelli di sicurezza, ottimizzando l'efficacia del servizio e l'efficienza aziendale. ENAV dispone di circa 3300 dipendenti, due terzi dei quali impegnati in attività operative per fornire i servizi della navigazione aerea negli aeroporti e spazi aerei di competenza. Infatti, attraverso complesse unità operative, ad oggi costituite da 39 strutture aeroportuali e 4 Centri di Controllo d'area, precisamente Brindisi, Milano, Padova e Roma, la società fornisce ogni giorno, 24 ore su 24, i servizi della navigazione aerea assicurando la sicura fluidità e regolarità del traffico aereo. ENAV S.p.A. gestisce attualmente oltre 2 milioni di voli l'anno, in media circa 6000 al giorno. Come in tutti i settori ad alta complessità, alla competenza e all'esperienza degli uomini si deve affiancare una costante innovazione tecnologica. Per questo ENAV investe continuamente sia in nuove e affidabili tecnologie che in formazione. ENAV S.p.A è una componente del sistema ATM (Air Traffic Management) europeo e partecipa a pieno titolo a tutte le attività di sviluppo, validazione operativa, ricerca e coordinamento nel contesto internazionale. 2 Il quadro di regolamentazione in ambito europeo La normativa europea Single European Sky a partire dai Regolamenti CE del 10 Marzo 2004, che ha costituito un punto di svolta nel processo di integrazione del sistema di navigazione Aerea in Europa, è orientata al perseguimento dei seguenti obiettivi specifici: l integrazione degli Spazi Aerei, anche attraverso l istituzione di Blocchi Funzionali interstatuali; l interoperabilità tra Sistemi Tecnologici in termini strumentali e procedurali; l ottimizzazione degli Spazi Aerei e del Sistema delle Rotte; la dotazione di Requisiti Comuni da parte dei Service Provider europei, che riguardano in particolare: la Certificazione da parte della NSA (National Supervisory Authority, ENAC in Italia), la Certificazione di Qualità (ISO 9001) e Sicurezza (EASA e ESARR); il miglioramento delle performance funzionali tecnico operative ed economiche. L Italia ha recepito la normativa comunitaria relativa al Single European Sky con la Legge di Riforma dell Aviazione Civile (legge n. 265/2004) ed ENAV, a partire dal 2005, ha provveduto ad allineare le proprie attività ed iniziative, anche già in corso, al nuovo contesto regolamentare, attraverso: l orientamento dei progetti di cooperazione sugli Spazi Aerei secondo la prospettiva dei Blocchi Funzionali ; lo sviluppo di progetti di cooperazione tecnologica finalizzati al Nuovo Sistema ATM ; l avvio del Progetto Riconfigurazione delle Rotte in collaborazione con ENAC e l Aeronautica Militare ed in coordinamento con EUROCONTROL ed i Service Provider degli stati limitrofi al fine di ridurre i costi e l impatto ambientale; 3

4 l orientamento delle iniziative, anche già in corso, alle specifiche e ai tempi indicati nei Requisiti Comuni, ottenendo in tal modo la certificazione (ai sensi del Single European Sky) da parte di ENAC; l assunzione di obiettivi di performance tecnico-funzionali ed economiche (puntualità, sicurezza del volo, economicità e riduzione dell impatto ambientale) quali obiettivi aziendali primari e prerequisito di legittimazione verso gli utenti ed in ambito europeo. Nell ambito del Single European Sky, inoltre, ENAV partecipa attivamente al progetto SE- SAR Single European Sky ATM Research, finalizzato alla messa a punto del nuovo Sistema ATM europeo. 3 Il progetto BLUE MED Il progetto BLUE MED nasce con l obiettivo di istituire un Blocco Funzionale di Spazio Aereo (FAB) nell area Sud-Est del Mediterraneo - in linea con quanto previsto dalla normativa sul Cielo Unico Europeo - che dovrà essere pienamente operativo tra il 2012 ed il Lo studio sul BLUE MED FAB è stato lanciato nel 2006 dalla Repubblica Italiana con la partecipazione di un Consorzio di fornitori dei servizi di navigazione aerea, ENAV SpA nel ruolo di Coordinatore del progetto; il Dipartimento dell Aviazione Civile della Repubblica di Cipro (DCAC); la Hellenic Civil Aviation Administration (HCAA) ed il Ministero delle Infrastrutture, dei Trasporti e delle Comunicazioni di Malta. Anche la Tunisina OACA (Office de l Aviation Civile et des Aeroports) e l Egiziana NANSC (National Air Navigation Services Company) hanno partecipato allo studio per valutare l impatto sulle loro strutture e la loro possibile partecipazione al FAB. Nelle fasi conclusive della prima parte del progetto, anche l Albania si è unita al progetto come partner associato e il Regno Hascemita di Giordania come osservatore. Più recentemente, anche il Libano ha deciso di partecipare come osservatore. Lo studio di fattibilità è stato condotto con il supporto economico della Commissione Europea, Direzione Generale dell Energia e dei Trasporti ed il supporto di EUROCONTROL (European Organisation for the Safety of Air Navigation) come partner. Il progetto BLUE MED FAB è aperto alla partecipazione di tutti gli Stati interessati per i quali possano esistere benefici operativi. Inoltre, una forte integrazione con le iniziative FAB circostanti è stata attivamente perseguita e sarà promossa nelle fasi seguenti del progetto. A tal proposito è importante notare che lo Studio di Fattibilità su BLUE MED ha concentrato la propria attenzione non soltanto sui confini delle ACC degli Stati partecipanti al FAB, ma ha anche preso in considerazione i requisiti operativi su base regionale, sotto il presupposto che il FAB deve essere indipendente dai confini nazionali e deve adattarsi ai nuovi bisogni operativi. A questo scopo, tutti gli studi operativi sono stati condotti considerando l area di interazione degli Stati coinvolti in BLUE MED. 4

5 Figura 1 - Area del BLUE MED FAB 3.1 Fasi di sviluppo del progetto In accordo con i principi sopra menzionati, il Consorzio BLUE MED ha deciso di lanciare nel 2006 uno Studio di Fattibilità, con lo scopo di valutare i fabbisogni operativi esistenti nell area del Sud-Est del Mediterraneo e di fornire uno strumento di supporto per le eventuali decisioni politiche necessarie all implementazione del FAB, nonché per facilitare e supportare l avvio delle fasi di Definizione ed Implementazione di uno o più FAB per lo spazio aereo interessato. Il progetto è stato supportato da EUROCONTROL come Partner, assicurando così l armonizzazione degli scenari regionali con il più complessivo piano europeo Lo Studio di Fattibilità La prima fase, quella dello Studio di Fattibilità (Dicembre 2006-Luglio 2008) ha sviluppato una analisi dello spazio aereo con riferimento ai flussi di traffico attuali e previsti, identificando inefficienze e vincoli dovuti alle esistenti strutture dei settori ed alle modalità operative condizionate da confini nazionali, studiando possibili soluzioni. Un set minimo di requisiti di interoperabilità operativa legate al Surveillance, Networking, strumenti per il controllo di traffico aereo e altri argomenti tecnici sono stati identificati per supportare il contesto operativo futuro anche per il FAB. Lo studio di fattibilità non si è, però, limitato allo studio dello spazio aereo nazionale degli Stati componenti il Consorzio BLUE MED, ma ha preso in considerazione uno spazio aereo più ampio, in stretta collaborazione con gli Stati confinanti e altre iniziative FAB esistenti, così da identificare le migliori soluzioni operative. 5

6 Il rapporto finale sullo Studio di Fattibilità è stato consegnato alle Istituzioni ed Autorità politiche interessate, a supporto delle loro processo decisionale, e costituisce un indispensabile prerequisito per il proseguimento del progetto nelle fasi successive Definition Phase Dopo il buon esito ed il completamento dello fase dello studio di fattibilità, il 4 Novembre 2008 si è tenuta a Roma una Conferenza Ministeriale, nel corso della quale una dichiarazione ad hoc dei Ministri dei Trasporti dell area BLUE MED ha confermato gli incoraggianti risultati dello Studio di Fattibilità ed ha lanciato la fase di Definizione dell iniziativa BLUE MED. La Fase di Definizione ( ) seguirà l impegno politico assunto dagli Stati Partner nel consorziare il loro spazio aereo (in misura parziale o totale) per costruire uno o più FAB nell area di studio. Questa fase identificherà tutte le azioni necessarie, l implementazione ed i necessari processi di validazione al fine di garantire una funzionalità efficiente del FAB. In particolare, durante la fase di definizione, si procederà al design dettagliato ed alla validazione della nuova struttura dello spazio aereo, al design e alla validazione dei meccanismi di interoperabilità, all identificazione di soluzioni per gli aspetti legali - istituzionali e di natura socio-economica i- dentificati nella fase precedente ed all esecuzione di un opportuno safety assessment. Quale ultimo passo, la decisione finale sulla prosecuzione del FAB, basata sui risultati ottenuti durante la fase di definizione, sarà presa dalle Autorità Nazionali interessate. In tal modo sarà ufficialmente condivisa e formalizzata l esistenza di tutti i prerequisiti necessari all inizio della fase di implementazione Implementation Phase La fase di implementazione ( ) costituirà il passo finale della creazione del FAB. Infatti, la piena operatività del FAB in tutte le sue funzioni sarà raggiunta nel 2015 sulla base del piano di implementazione che sarà preparato durante la fase di definizione ed attraverso l implementazione (fine 2012) delle soluzioni operative, dello sviluppo e schieramento degli e- nablers tecnici (in stretta cooperazione con SESAR e l industria ATM). L implementazione, i- noltre, capitalizzerà in parallelo lo sviluppo di altri sistemi esistenti (ad esempio, il progetto Francese Italo Svizzero COFLIGHT, e lo European Flight Data Processing System). 3.2 Struttura del progetto Nell ambito del progetto BLUE MED e coerentemente agli obiettivi attribuiti alla fase di definizione, è possibile identificare le seguenti attività: 1. FAB operational implementation (Work Package 1). Questa attività comprende: - FAB operational management processes - WP1.1: questo sub-package ha l obiettivo di identificare i processi di gestione del FAB relativi all ambiente operativo di BLUE MED. - Operational Design, Validation and implementation planning - WP1.2: questo sub-package ha l obiettivo di fornire una definizione complessiva ed una valutazione dello scenario operativo specifico per BLUE MED e del suo Concetto Operativo (Concept of Operations). 6

7 2. FAB technical implementation (Work Package 2). Questa attività mira ad identificare i quick-wins che devono essere ottenuti già prima della conclusione della fase di definizione ed a disegnare e definire in maniera esaustiva, nonché a fornire una valutazione sperimentale, delle soluzioni di interoperabilità previste per i sistemi ATM del FAB BLUE MED. L attività si sviluppa su due piani paralleli: - FAB early technical implementation - WP2.1: questo pacchetto mira a porre in essere le attività necessarie all implementazione del FAB per gli specifici elementi identificati durante lo Studio di Fattibilità, che hanno un potenziale per una implementazione di tipo quick-win. - Interoperability Design, Validation and implementation planning WP2.2: questo pacchetto mira a porre in essere test per la validazione del concetto di interoperabilità e le iniziali (2012) disposizioni per il FAB nonché l identificazione delle specifiche tecniche per la fase di implementazione che seguirà. 3. Safety and Security (Work Package 3). Questa attività ha come obiettivo l effettuazione di una analisi di safety maturity, con lo scopo di valutare il livello di implementazione del Safety Management System (SMS) in ogni Stato coinvolto nel BLUE MED FAB. Il rapporto di analisi conterrà un piano temporale per un armonizzato ed efficiente FAB SMS. Un attività addizionale in questo WP sarà rappresentata dallo sviluppo di un modello di FAB Security Management System, indicante i contenuti (nella forma di elenco puntato) del Manuale per il FAB Security Management System. Con riferimento al richiesto Safety Assessment, da effettuarsi prima della implementazione del FAB, l attività dovrà comprendere lo sviluppo di un Rapporto sul Safety Case, contenente tutte le motivazioni a supporto del concetto che il FAB sia accettabilmente sicuro da implementare. Questo rapporto dovrà contenere, tra gli altri, l indicazione dei rischi di fallimento (Functional Hazard Assessment) degli elementi ATM essenziali del FAB, come i canali di comunicazione e la condivisione dei dati di surveillance. 4. Economic Assessment (Work Package 4). Questa attività ha come obiettivo quello di: a. formulare una valutazione economica per la stima dei costi e dei benefici connessi alla migliore efficienza della fase di rotta all interno del FAB e la valutazione delle sinergie di costi di gestione del settore ATM, utilizzando metodologie selezionate (ad esempio, analisi Costi-Benefici, analisi What if, ecc.); b. analizzare i possibili schemi tariffari per il FAB ed individuare i sistemi di definizione di una politica comune in materia di tariffe all interno del FAB e delle e- ventuali politiche di redistribuzione tenendo conto della possibile evoluzione verso un unica tariffa. 5. Legal and Institutional Aspects (Work Package 5). Questa attività mira ad identificare tutti gli aspetti istituzionali, nonché il quadro normativo necessario per la creazione di un FAB. 6. Human Resources Aspects (Work Package 6). Questa attività mira ad analizzare gli aspetti legati alle risorse umane ed alle implicazioni socio-economiche della implementazione del BLUE MED FAB. 7

8 7. Environmental Impact Assessment (Work Package 7). Questa attività mira alla definizione ed alla validazione di una dettagliata metodologia per la Valutazione di Impatto Ambientale da utilizzare per tutto il ciclo di vita del progetto BLUE MED. 8. Implementation Planning (Work Package 8). Questa attività si compone di due subattività principali: - Una attività di integrazione dei contenuti (WP8.1), dove la coerenza di tutti i contenuti delle attività dei diversi WPs sarà verificata, le necessarie azioni correttive identificate e lo sviluppo della roadmap del FAB sia costantemente aggiornata. - La seconda sub-attività è collegata alla diffusione (WP8.2) dei risultati della fase di definizione del progetto BLUE MED ai soggetti direttamente interessati (stakeholders e decision makers). 9. Management activity (Work Package 0). Questa attività ha l obiettivo di gestire l intero progetto. In particolare, scopo dell attività è quello di coordinare le attività dei partners del progetto impegnati in sub-attività. Il risultato di questa azione consisterà nella definizione e nella esecuzione di puro Project Management e quindi degli input e deliverables così come delle risorse, criticità, tempististica e qualità. La figura che segue descrive graficamente la struttura del progetto. 8

9 9 Figura 2 - Work Breakdown Structure

10 3.3 Work Package 4 Economic Assessment Obiettivi La Fase di Definizione prevede la valutazione economica del BLUE MED FAB con il duplice obiettivo di: formulare una valutazione economica per la stima dei costi e dei benefici connessi alla migliore efficienza della fase di rotta all interno del FAB e la valutazione delle sinergie di costi di gestione del settore ATM, utilizzando metodologie selezionate (ad esempio, analisi Costi-Benefici, analisi What if, ecc.); analizzare i possibili schemi tariffari per il FAB ed individuare i sistemi di definizione di una politica comune in materia di tariffe all interno del FAB e delle eventuali politiche di redistribuzione tenendo conto della possibile evoluzione verso un unica tariffa Milestones In accordo con quanto stabilito dalla Commissione Europea, le attività del WP4 dovranno svilupparsi secondo le seguenti milestones: Classificazione milestone Titolo milestone Scadenze M13 Definition of Economic Assessment Planning M14 Delivery of Economic Assessment of baseline scenario M15 Description of Models for Route Charging M16 Definition of FAB Economic Scenario Tabella 1 Milestones Deliverables e piano delle scadenze Secondo quanto stabilito dalla Commissione Europea ed indicato nel Project Management Plan, il piano delle scadenze, con indicazione dei deliverables associati, è il seguente: Classificazione Titolo deliverable Data di consegna deliverable D4.1 CBA and charging scheme planning D4.2 Baseline assessment D4.3 Mathematical and economic tools to support the charging study D4.4 FAB economic scenario description Tabella 2 Deliverables e piano delle scadenze In considerazione dello slittamento dei tempi legati allo sviluppo del Procurement Agreement, le scadenze legate al Milestone 15 ed al Deliverable 4.3 sono in corso di ripianificazione. 10

11 3.3.4 Organizzazione delle attività La Fase di Definizione sviluppa una valutazione economica del BLUE MED FAB attraverso: la definizione del baseline scenario. Il baseline scenario rappresenta la situazione attuale, nella ipotesi che il FAB non venga realizzato. Il baseline costituisce lo scenario contro il quale verranno misurati i miglioramenti legati alla implementazione del FAB nello scenario di breve termine (2012); la valutazione economica, attraverso l Analisi Costi-Benefici (CBA), dello scenario di breve termine (2012). Quello di breve termine è il primo scenario costruito sulla ipotesi che il FAB verrà istituito. Tale scenario includerà tutte i quick-wins cioè i benefici a breve termine legati alla implementazione del FAB; la valutazione economica, attraverso una analisi di tipo What if, degli scenari a medio e lungo termine. L analisi di tipo What if consentirà di effettuare una simulazione dei possibili costi e benefici associati a diverse opzioni. Lo sviluppo di tali attività sarà effettuato da una società esterna (Fornitore) la cui selezione è oggetto di questo Capitolato. Tali premesse sono rilevanti al fine di inquadrare l attività successiva oggetto del presente capitolato. 4 Oggetto del capitolato Oggetto delle Specifiche Tecniche è la fornitura di un servizio di supporto ad ENAV S.p.A. per lo svolgimento delle seguenti attività progettuali a supporto del WP4 Economic Assessment, all interno dell iniziativa progettuale BLUE MED: 1. Project Management. 2. Analisi degli schemi tariffari, identificazione delle eventuali politiche di redistribuzione, implementazione del tool per la definizione degli schemi tariffari. 3. Analisi Costi-Benefici per il BLUE MED FAB nello scenario di breve termine. 4. Costruzione del modello di analisi What if. 5. Simulazione degli scenari di medio e lungo termine per il BLUE MED FAB. In particolare, il fornitore dovrà: Fornire supporto al WP4 Leader per le attività di conduzione del WP e di comunicazione tra i partner e gli stakeholder, con particolare riferimento alla pianificazione e monitoraggio delle attività, all organizzazione e alla gestione degli incontri (ed esempio, stato avanzamento lavori, presentazioni, preparazione della documentazione di supporto, redazione dei verbali); Assicurare, con il costante supporto e la supervisione del WP4, la realizzazione dei deliverables descritti nel proseguo del documento. Il WP4, in coordinamento con gli altri WP Leader ed il contributo del Fornitore, effettuerà la valutazione economica dello scenario di breve termine (definito dal WP8) e la simulazioni dei costi per gli scenari di medio e lungo periodo del FAB. Per ciò che concerne la valutazione economica degli scenari, è necessario distinguere tra lo scenario di breve termine (2012) che verrà valutato 11

12 attraverso una Analisi Costi-Benefici e misurato in confronto allo scenario di baseline; mentre gli scenari di medio termine (2015) e di lungo termine (2020) saranno valutati attraverso una analisi di tipo What if. Nei paragrafi che seguono sono dettagliate le cinque Fasi che compongono il Progetto ed i relativi deliverable. 4.1 Deliverable richiesti I deliverable dovranno essere prodotti in lingua inglese, essendo questa la lingua ufficiale di progetto (sia scritta che parlata). 4.2 Descrizione delle attività Project Management Il Project Management ha l obiettivo di integrare e coordinare le attività progettuali di supporto al WP4 Economic Assessment, di assicurare il necessario supporto alle risorse di ENAV S.p.A., di garantire l andamento del lavoro nel rispetto dei tempi, dei costi e degli standard di qualità previsti, di effettuare nel corso dell intero Progetto il reporting verso gli organismi interni a BLUE MED sull andamento delle attività e sul raggiungimento dei risultati; dovrà inoltre monitorare l avanzamento delle attività progettuali e realizzare gli stati avanzamento dei lavori. In particolare, l attività di Project Management consentirà a titolo esemplificativo di: - Definire in dettaglio le attività operative ed i tempi del Progetto. In particolare, questa attività ha l obiettivo di individuare la WBS (Work Breakdown Structure) di Progetto, definire le attività operative, determinare la baseline di Progetto con indicazione dei tempi previsti di realizzazione e dei legami tra le varie attività progettuali, prevedendo l integrazione con gli altri partner del Consorzio BLUE MED. - Garantire il reporting. In virtù della valenza strategica del Progetto, il fornitore stabilirà dei momenti di opportuna condivisione e allineamento sullo stato di avanzamento delle attività e dei risultati raggiunti (stato avanzamento lavori) verso ENAV S.p.A. e verso gli organismi BLUE MED. - Monitorare l avanzamento del Progetto, gli eventuali rischi e le criticità. Il monitoraggio del Progetto ha l obiettivo di osservare l esecuzione del progetto in modo da identificarne tempestivamente i potenziali rischi e adottare le adeguate misure correttive, ove necessarie, al fine di mantenere in linea il progetto con i propri obiettivi. Inoltre in questo processo saranno definiti gli strumenti che consentono sia di individuare gli scostamenti rispetto a quanto pianificato. - Assicurare la quality assurance del Progetto, al fine di garantire la coerenza dei deliverable consegnati con le esigenze del committente, nel rispetto degli standard previsti da BLUE MED Analisi degli schemi tariffari, identificazione delle eventuali politiche di redistribuzione, implementazione del tool per la definizione degli schemi tariffari La presente fase progettuale ha l obiettivo di realizzare l analisi dei possibili schemi tariffari, di individuare i sistemi di definizione di una politica comune in materia di tariffe all interno del FAB, di definire regole e politiche di redistribuzione anche in considerazione dell eventuale evoluzione verso un unica tariffa. 12

13 Attraverso l analisi verranno sviluppati dal fornitore modelli matematici ed economici per supportare lo studio sugli schemi tariffari, con l obiettivo di fornire il design concettuale, lo sviluppo e l implementazione di un tool capace di supportare la definizione degli schemi tariffari da applicare alla rotta per lo scenario di breve termine (2012) e per le simulazioni di medio (2015) e lungo termine (2020). Attraverso tale attività si mira alla individuazione dei meccanismi per la definizione delle tariffe di rotta per tutti gli Stati partecipanti al FAB. Lo sviluppo del tool dovrà considerare diverse opzioni (partendo da diverse tariffe per ciascuno stato e considerando l ipotesi di una tariffa unica a livello di FAB). Il modello dovrà supportare la definizione dei livelli tariffari per ciascuno scenario. L intera attività, che dovrà essere sviluppata dal Fornitore sotto la supervisione del WP4, sarà suddivisa in: A. Disegno del modello concettuale per la tariffazione. Il disegno tecnico e funzionale del modello per la tariffazione sarà sviluppato come conseguenza di un precedente contributo a livello decisionale in termini di identificazione di un set preferito di opzioni di schemi tariffari (ad esempio, single unit rate, due unit rates etc.). La valutazione delle politiche tariffarie che devono essere adottate dal FAB (o da ciascuno dei Fornitori di Servizi della Navigazione Aerea) prenderà in considerazione sia fattori interni che esterni (ad esempio, politiche di redistribuzione interne al FAB, tariffe adottate dai FAB vicini o dagli altri Fornitori di Servizi della Navigazione Aerea). Questa attività confluirà nel D4.3 - Mathematical tool to support the charging study. B. Implementazione del tool e relativo test. La funzionalità del tool sarà implementata in accordo con il modello concettuale e confrontando diverse politiche tariffarie ed il loro impatto sui Fornitori di Servizi della Navigazione Aerea e sugli users. In particolare, il Fornitore dopo aver confrontato le diverse politiche tariffarie ed il loro impatto sui vari Fornitori di Servizi alla Navigazione Aerea, dovrà individuare la possibilità di introdurre schemi di incentivazione al fine di: o Bilanciare gli effetti negativi che l adozione di una specifica politica tariffaria può avere su alcuni Fornitori di Servizi alla Navigazione Aerea o su alcuni degli user. o Gestire il traffico in modo da ridurre la congestione ed i ritardi. o Promuovere l uso della tecnologia per ridurre il carico di lavoro dei controllori del traffico aereo e/o incrementare la capacità. Inoltre, dovrà sviluppare un modello matematico per descrivere la elasticità del traffico aereo alle tariffe applicate nell area BLUE MED e a quelle degli Stati limitrofi. Questa attività confluirà nel D4.3 - Mathematical tool to support the charging study. Saranno infine realizzate opportune simulazioni dei diversi scenari di tariffazione, per contribuire allo sviluppo dei possibili scenari economici per il BLUE MED FAB. La simulazione contribuirà al deliverable finale D4.4 (Definition of the FAB Economic Scenario) Analisi Costi-Benefici per il BLUE MED FAB nello scenario di breve termine La Fase di analisi costi - benefici dello scenario breve termine (2012) ha l obiettivo di: - Individuare, condividere e validare la metodologia di Analisi Costi-Benefici. Questa attività sarà sviluppata in collaborazione con il Fornitore il quale dovrà fornire la metodologia ed il tool per l Analisi Costi-Benefici dello scenario di breve termine (2012). Sia la metodologia che il tool dovranno essere presentati, condivisi e approvati dai partner in 13

14 modo da creare una base di conoscenza comune anche allo scopo di facilitare la raccolta dei dati necessari all analisi. La validazione del tool sarà effettuata con la collaborazione di tutti i partner del WP4. - Costruire lo scenario di breve termine (2012). Il WP8 si occuperà della raccolta e dell integrazione delle scelte tecniche ed operative effettuate dagli altri Work Package, ognuno dei quali fornirà dettagli relativi alla propria area di competenza, in modo da definire lo scenario In tale ambito, il WP4 supporterà, con il contributo del Fornitore, la costruzione dello scenario 2012, facilitando l integrazione dei contenuti per ciò che concerne gli aspetti economici. Lo scenario 2012 dovrà essere valutato dal Fornitore attraverso l Analisi Costi Benefici. - Raccogliere i dati necessari all alimentazione dello scenario Il WP4, in collaborazione con il Fornitore, raccoglierà tutti i dati economici necessari per la costruzione dello scenario, in termini di costi, benefici, investimenti richiesti, impatti, ecc., in accordo con la metodologia selezionata. - Analizzare i Costi-Benefici per lo scenario Il Fornitore, sotto la costante supervisione del WP4, dovrà effettuare la CBA per la valutazione dei costi e dei benefici di una specifica opzione (o più opzioni) rispetto al Baseline Scenario (che dovrà essere eventualmente aggiornato dal Fornitore rispetto all evoluzione normativa intercorsa dalla data di definizione del Baseline Scenario stesso) e tenendo conto delle ipotesi di base che saranno concordate tra tutti gli Stati partner del BLUE MED WP4. Il Fornitore dovrà infine certificare, considerando dato l input, che l output dell Analisi Costi-Benefici sia conforme alla metodologia validata dal gruppo di lavoro Costruzione del modello di analisi What if La Fase di costruzione del modello What if sarà realizzata al fine di: - Disegnare il modello concettuale What if. L analisi di tipo What if è uno strumento flessibile che consente di effettuare una valutazione economica di alto livello senza che vi sia la necessità di fissare degli scenari rigidi e caratterizzati da decisioni altrettanto rigide. Il Fornitore, sotto la supervisione del WP4, procederà con il disegno tecnico e funzionale del modello di simulazione What if e recepirà dal WP8 le principali variabili endogene ed esogene necessarie per gli scenari di medio e lungo termine. Il WP4 validerà il disegno del modello concettuale What if. - Implementare e realizzare il test del modello What if. Il Fornitore dovrà implementare e testare il modello attraverso una serie di ipotesi di simulazione con dummy data, nella fase iniziale di implementazione, e con un set di test data, nella fase di validazione, in modo da verificare la conformità del modello al disegno concettuale e la capacità del tool nel fornire risposte adeguate ai requisiti posti dalla analisi degli scenari. La validazione del tool sarà effettuata dal WP Simulazione degli scenari di medio e lungo termine per il BLUE MED FAB. La fase di realizzazione della simulazione degli scenari di medio (2015) e lungo termine (2020) sarà realizzata con l obiettivo di: 14

15 - Raccogliere i dati per la simulazione degli scenari di medio (2015) e lungo termine (2020). Il Fornitore dovrà supportare il WP4 nelle attività di raccolta dati che dovranno essere forniti da ciascun punto di contatto degli stati partner. - Realizzare simulazioni per il medio (2015) e lungo termine (2020). Il Fornitore dovrà effettuare la simulazione dei costi e dei benefici sulla base delle specifiche variabili. Tali simulazioni saranno di supporto nel processo decisionale di alto livello. In tal senso l analisi di tipo What if fornirà le simulazioni di medio (2015) e lungo termine (2020) per il FAB sotto diverse ipotesi. Questo task produrrà il Deliverable 4.4. Il documento descriverà la situazione futura sotto l ipotesi che il FAB sarà operativo. In particolare, il documento definirà l arco temporale per la implementazione del BLUE MED FAB. 4.3 Realizzazione del Progetto Il Fornitore dovrà mensilmente aggiornare il WP4 Leader sullo stato di avanzamento delle attività e periodicamente dovrà informare il WP4 team (previa consultazione con il WP4 Leader). I- noltre, il Fornitore dovrà, su richiesta del WP4 team o del Project Leader, riferire sullo stato delle attività a qualsiasi organizzazione (quale, ad esempio, la PRC) invitata dalla Commissione Europea, agli Stati BLUE MED o alle Autorità Nazionali interessate alla valutazione della iniziativa BLUE MED. Il Fornitore dovrà presentare un piano di sviluppo della Analisi Costi-Benefici che dovrà essere approvato dal WP4 Team e sarà responsabile per il rispetto delle scadenze definite nel piano. I- noltre, il Fornitore dovrà raccogliere i dati e le informazioni prodotte sia dagli altri WPs sia dai Fornitori di Servizi di Navigazione Aerea. Il Fornitore dovrà fornire anche la certificazione della CBA in conformità con la metodologia ed adottata. 5 Durata della prestazione La prestazione avrà una durata complessiva di 6 mesi a decorrere dalla data di comunicazione da parte di ENAV S.p.A dell avvio delle attività. 6 Figure professionali richieste Per lo sviluppo delle attività sopra indicate, il fornitore dovrà avvalersi di risorse rispondenti, almeno, ai profili minimi di seguito identificati: WP Manager (WPM). WP Office (WPO). Team Leader esperto in sistemi tariffari e modelli per la tariffazione. Team Leader CBA. Team Leader What If Analysis. 15

16 Le attività si svolgeranno presso la Sede Centrale di ENAV, via Salaria 716, Roma. Sono tuttavia previste un numero massimo di cinque trasferte, della durata media di due giorni ciascuna, da effettuarsi presso gli Stati che partecipano al Progetto BLUE MED e che richiederanno anche il coinvolgeranno delle risorse del Fornitore. 6.1 WP manager (WPM) Figura Professionale WP Manager (WPM) Titolo Laurea in Economia o Ingegneria, con almeno 10 anni di e- sperienza nel ruolo Requisiti Professionali Ottima conoscenza del settore Aviation comprovata da almeno 5 progetti della durata minima di 4 mesi ciascuno Almeno 10 anni di esperienza nel ruolo Approfondita conoscenza di metodologie e strumenti di Project Management Conoscenza di metodologie e strumenti di analisi costibenefici e analisi What if Comprovata capacità di coordinamento di gruppi di lavoro ad elevata professionalità tecnica Il WP Manager (WPM), avrà i compiti di: supporto al WP Leader per la definizione del piano di lavoro di dettaglio del WP nel rispetto dei tempi e degli standard di qualità richiesti; raccolta ed analisi mensile dell avanzamento delle attività ed aggiornamento del piano di lavoro di dettaglio; produzione mensile del report di avanzamento attività il quale dovrà indicare: o sintesi delle attività in corso; o stato di avanzamento (espresso in termini di % di completamento) delle singole attività; o stato avanzamento dei deliverable previsti a piano. gestione dei potenziali ritardi del WP ed analisi degli impatti; gestione dei rischi e delle criticità del WP. 16

17 6.2 WP Office Figura Professionale/Ruolo WP Office Titolo Laurea in Economia o Ingegneria, con almeno 3 anni di esperienza nel ruolo Requisiti Professionali Buona conoscenza del settore A- viation comprovata da almeno 2 progetti della durata minima di 4 mesi ciascuno Almeno 3 anni di esperienza nel ruolo Buona conoscenza di metodologie e strumenti di Project Management Comprovata capacità di comunicazione verso gruppi di lavoro ad elevata professionalità tecnica Il WP Office, avrà compiti di: supporto al WP Leader, per lo svolgimento di attività operative di pianificazione e di controllo; supporto alla organizzazione e gestione degli incontri. In particolare: o preparazione presentazioni; o preparazione della documentazione di supporto ai meetings; o redazione dei verbali degli incontri organizzazione meetings; o supporto di altre attività di comunicazione interna ed esterna che dovessero rendersi necessarie; o supervisione e coordinamento delle attività oggetto di queste Specifiche Tecniche con le altre attività del WP4. 17

18 6.3 Team Leader esperto in sistemi tariffari e modelli per la tariffazione Figura Professionale/Ruolo Team Leader esperto in sistemi tariffari e modelli per la tariffazione Titolo Laurea in Economia, Ingegneria o area Scientifica (Matematica, Statistica), con almeno 5 anni di esperienza nel ruolo Requisiti Professionali Ottima conoscenza del settore Aviation comprovata da almeno 2 progetti della durata minima di 3 mesi ciascuno Almeno 5 anni di esperienza nel ruolo Ottima conoscenza di sistemi tariffari e modelli per la tariffazione Il Team Leader esperto in sistemi tariffari e modelli per la tariffazione avrà compiti di : individuazione dei meccanismi di definizione delle tariffe di terminale e di rotta per tutti gli Stati partecipanti al FAB; confronto delle diverse politiche tariffarie ed il loro impatto sui vari Fornitori di Servizi alla Navigazione Aerea ed individuazione dei possibili schemi di incentivazione. 18

19 6.4 Team Leader Analisi Costi-Benefici Figura Professionale/Ruolo Team Leader CBA Titolo Laurea Economia o Ingegneria, con almeno 5 anni di esperienza nel ruolo Requisiti Professionali Ottima conoscenza del settore Aviation comprovata da almeno 2 progetti della durata minima di 4 mesi ciascuno Almeno 5 anni di esperienza nel ruolo Ottima conoscenza di metodologie e tools per la CBA Il Team Leader esperto di Analisi Costi-Benefici avrà compiti di: identificazione e classificazione dei costi; identificazione e classificazione dei benefici; supporto alla raccolta dei dati necessari allo sviluppo della Analisi Costi-Benefici; analisi di dettaglio dei costi e dei benefici; presentazione ed interpretazione dei risultati. 19

20 6.5 Team Leader What if Analysis Figura Professionale/Ruolo Team Leader What If Analysis Titolo Laurea Economia, Ingegneria o area Scientifica (Matematica, Statistica), con almeno 5 anni di e- sperienza nel ruolo Requisiti Professionali Ottima conoscenza del settore Aviation comprovata da almeno 2 progetti della durata minima di 4 mesi ciascuno Almeno 5 anni di esperienza nel ruolo Ottima conoscenza di metodologie e tool per la What if analysis Il Team Leader What If Analysis avrà compiti di: procedere con il disegno tecnico e funzionale del modello What if ; definire/identificare le principali variabili endogene ed esogene necessarie al fine di lanciare le simulazioni di medio e lungo termine; implementare e testare il modello attraverso una serie di ipotesi di simulazione; verificare la conformità del modello al design concettuale; effettuare le simulazioni per gli scenari di medio e lungo termine. 20

del settore giuridico, il quale, stante la Sua posizione terza e la sua indiscutibile competenza, formulasse

del settore giuridico, il quale, stante la Sua posizione terza e la sua indiscutibile competenza, formulasse dised European Rules of the Air), il cui iter necessita, come sopra accennato, di tempi e modalità di consultazione più estese rispetto a quelle al momento maggiormente sentite con riferimento ai su citati

Dettagli

ALLEGATO 4 CAPITOLATO TECNICO

ALLEGATO 4 CAPITOLATO TECNICO ALLEGATO 4 CAPITOLATO TECNICO Allegato 4 Capitolato Tecnico Pag 1 INDICE DEI CONTENUTI 1. INTRODUZIONE...3 2. IL CONTESTO...3 2.1 Lo scenario di business di ENAV...3 2.2 L ambito operativo...9 2.3 L evoluzione

Dettagli

08.3. Attività. Procedure strumentali di volo e cartografia aeronautica

08.3. Attività. Procedure strumentali di volo e cartografia aeronautica 08.3 Attività Procedure strumentali di volo e cartografia aeronautica ENAV progetta per l aviazione civile tutte le procedure strumentali di volo e realizza la cartografia aeronautica. Il servizio comprende

Dettagli

Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico

Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico wwwisipmorg Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico Arch Eugenio Rambaldi Presidente ISIPM Istituto Italiano di Project Management wwwisipmorg Intervento all interno del

Dettagli

Lesson learned esperienza di attivazione PMO. Il Modello e i Processi a supporto

Lesson learned esperienza di attivazione PMO. Il Modello e i Processi a supporto Lesson learned esperienza di attivazione PMO Il Modello e i Processi a supporto Indice Il contesto di riferimento Il modello PMO ISS L integrazione nei processi Aziendali Lessons Learned Contesto di riferimento

Dettagli

DAL PROGETTO/DESIGN PROGETTO/PROJECT

DAL PROGETTO/DESIGN PROGETTO/PROJECT DAL PROGETTO/DESIGN AL PROGETTO/PROJECT Dal Progetto / Design al Progetto / Project. Il Project Management come strumento per la competitività. Una panoramica su strumenti e tecniche per la gestione efficace

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE. pag 1 / 22

SPECIFICHE TECNICHE. pag 1 / 22 SPECIFICHE TECNICHE Gara a procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 e s.m.i. per Servizi di certificazione multisito dei Sistemi di Gestione del Gruppo ENAV per il triennio 2012-2014 ENAV S.p.A.

Dettagli

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI:

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI: IL PRESIDENTE VISTO il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni, in particolare l art. 8, comma 2, ai sensi del quale l Autorità stabilisce le norme sulla propria

Dettagli

Requisiti specifici e modalità di valutazione

Requisiti specifici e modalità di valutazione AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DI UN PROGETTO DI RICERCA E SVILUPPO NELL AMBITO DEL TRASPORTO MERCI CON VELIVOLI A PILOTAGGIO REMOTO Requisiti specifici e modalità di valutazione ALLEGATO A 1. Premessa

Dettagli

I fattori condizionanti il progetto. Tempo. Norme. Progetto. Tecnologie. Costi. P3 Poliedra Progetti in Partenariato

I fattori condizionanti il progetto. Tempo. Norme. Progetto. Tecnologie. Costi. P3 Poliedra Progetti in Partenariato I fattori condizionanti il progetto Tempo Norme Progetto Costi Tecnologie Alcune definizioni.. Programma Gruppo di progetti gestiti in modo coordinato per ottenere benefici non ottenibili in caso di gestione

Dettagli

IL SAFETY MANAGEMENT SYSTEM PER I PROVIDER ATM SULLA BASE DEI REQUISITI EUROCONTROL

IL SAFETY MANAGEMENT SYSTEM PER I PROVIDER ATM SULLA BASE DEI REQUISITI EUROCONTROL IL SAFETY MANAGEMENT SYSTEM PER I PROVIDER ATM SULLA BASE DEI REQUISITI EUROCONTROL Natalia Distefano*, Giuseppe Falsaperla**, Salvatore Leonardi*, Salvatore Montessuto*** * D.I.C.A. Università degli Studi

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE La Work Breakdown Structure La WBS è uno strumento di pianificazione delle attività progettuali che comporta un lavoro di: 1) suddivisione

Dettagli

Project Management. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali.

Project Management. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Project Management. di Simone Cavalli (simone.cavalli@unibg.it) Bergamo, Maggio 2010 Project Management: definizioni Progetto: Progetto si definisce, di regola, uno

Dettagli

Gestione dei Progetti (2005-2006)

Gestione dei Progetti (2005-2006) Gestione dei Progetti (2005-2006) Alessandro Agnetis DII Università di Siena (Alcune delle illustrazioni contenute nella presentazione sono tratte da PMBOK, a guide to the Project Management Body of Knowledge,

Dettagli

ENAV SpA è la Società a cui lo Stato italiano demanda la gestione e il Controllo del Traffico Aereo civile in Italia. Interamente controllata dal

ENAV SpA è la Società a cui lo Stato italiano demanda la gestione e il Controllo del Traffico Aereo civile in Italia. Interamente controllata dal 1 5 0 PROFILO 2011 CHI SIAMO ENAV SpA è la Società a cui lo Stato italiano demanda la gestione e il Controllo del Traffico Aereo civile in Italia. Interamente controllata dal Ministero dell Economia e

Dettagli

IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice

IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice CORSO DI ALTA FORMAZIONE 38 ORE IN AULA 8 Moduli Didattici Roma, dal 13 novembre al 5 dicembre 2015 Hotel

Dettagli

PMBOK Guide 5th Edition (2012) vs PMBOK Guide 4th Edition (2008)

PMBOK Guide 5th Edition (2012) vs PMBOK Guide 4th Edition (2008) Paolo Mazzoni 2013. E' ammessa la riproduzione per scopi di ricerca e didattici se viene citata la fonte completa nella seguente formula: "di Paolo Mazzoni, www.paolomazzoni.it, (c) 2013". Non sono ammesse

Dettagli

1. INTRODUZIONE... 3 2. IL CONTESTO... 3

1. INTRODUZIONE... 3 2. IL CONTESTO... 3 CAPITOLATO TECNICO Redazione: Approvazione/Autorizzazione: Beppe Bozzi Luca Colman Capitolato Tecnico Pag 1 INDICE DEI CONTENUTI 1. INTRODUZIONE... 3 2. IL CONTESTO... 3 2.1 Lo scenario di business di

Dettagli

RESPONSABILE DELLA GESTIONE PROGETTI IN IMPRESA COOPERATIVA

RESPONSABILE DELLA GESTIONE PROGETTI IN IMPRESA COOPERATIVA Corso di Alta Formazione Corso di Alta Formazione RESPONSABILE DELLA GESTIONE PROGETTI IN IMPRESA COOPERATIVA ID. 11673 CATALOGO INTERREGIONALE ALTAFORMAZIONE V Edizione Anno 2013 Ente di formazione In

Dettagli

Gli aeroporti come originatori del dato aeronautico nel contesto del Reg. (UE) 73/2010

Gli aeroporti come originatori del dato aeronautico nel contesto del Reg. (UE) 73/2010 Gli aeroporti come originatori del dato aeronautico nel contesto del Reg. (UE) 73/2010 enav.it Hotel Hilton Aeroporto Fiumicino SOMMARIO: Quadro normativo; Contenuto del Reg. 73/2010 e date di applicabilità;

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TURISMO TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER

Dettagli

I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione :

I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione : Il Project Management nelle Aziende Sanitarie Tipologie di progetti nelle ASL-AOAO I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 LEZIONE LA GESTIONE DEI PROGETTI DOTT. GIUSEPPE IULIANO Indice 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 1.1 La prima fase di impostazione ---------------------------------------------------------------------7

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1070/2009 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

REGOLAMENTO (CE) N. 1070/2009 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO L 300/34 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 14.11.2009 REGOLAMENTO (CE) N. 1070/2009 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 21 ottobre 2009 recante modifica dei regolamenti (CE) n. 549/2004, (CE)

Dettagli

1. Premessa 2. Obiettivi Generali

1. Premessa 2. Obiettivi Generali 1. Premessa Il Progetto riguarda la creazione di un Laboratorio ambientale da realizzare sul territorio della Comunità Montana Versante Tirrenico Meridionale diffuso sul territorio montano, a partire dalle

Dettagli

Software project management. www.vincenzocalabro.it

Software project management. www.vincenzocalabro.it Software project management Software project management Sono le attività necessarie per assicurare che un prodotto software sia sviluppato rispettando le scadenze fissate rispondendo a determinati standard

Dettagli

Classificazione Nuovo Esame PMP

Classificazione Nuovo Esame PMP Notizie sul nuovo esame PMP a partire dal Agosto 0 Classificazione Nuovo Esame PMP Questo è il link al documento del PMI: Crosswalk Between Current and New PMP Classifications del PMI Di seguito trovi

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Procedura di Valutazione Interna

Procedura di Valutazione Interna LIFE Project Number Inception Report - ANNEX Covering the project activities from 01/01/2012 to 31/08/2012 Reporting Date LIFE+ PROJECT NAME or Acronym

Dettagli

Metodologia TenStep. Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia

Metodologia TenStep. Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia Metodologia TenStep Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia Livello di Complessità Processo di Project Management TenStep Pianificare il Lavoro Definire il Lavoro Sviluppare Schedulazione e Budget Gestire

Dettagli

Scopo della WBS. La regola del 100% Orientamento ai risultati

Scopo della WBS. La regola del 100% Orientamento ai risultati Le problematiche delle fasi del progetto CONCEZIONE ELABORAZIONE FINANZIAMENTO NEGOZIAZIONE ATTUAZIONE ATTUAZIONE - Definizione della successione delle attività esecutive - Allocare le risorse - Pianificare

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEI MODELLI

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEI MODELLI Direzione Generale Servizio Affari Internazionali Legge Regionale 11 aprile 1996, n. 19 Norme in materia di cooperazione con i Paesi in via di sviluppo e di collaborazione internazionale LINEE GUIDA PER

Dettagli

01/03/2013 AD OGGI: VICE DIRETTORE GENERALE & ACCOUNTABLE MANAGER. SAC - Società Aeroporto Catania S.p.A.

01/03/2013 AD OGGI: VICE DIRETTORE GENERALE & ACCOUNTABLE MANAGER. SAC - Società Aeroporto Catania S.p.A. INFORMAZIONI PERSONALI Nome D'AMICO FRANCESCO MARIA ANDREA ESPERIENZA LAVORATIVA 01/03/2013 AD OGGI: VICE DIRETTORE GENERALE & ACCOUNTABLE MANAGER. Dirigente Responsabile dell'area operativa, della Certificazione

Dettagli

Gli enti e le associazioni nazionali ed internazionali

Gli enti e le associazioni nazionali ed internazionali Corso di Trasporti Aerei Anno Accademico 2008-2009 Prof. L. La Franca Gli enti e le associazioni nazionali ed internazionali Elenco Enti: ICAO - FAA IATA EUROCONTROL EASA ENTI NAZIONALI ICAO (International

Dettagli

ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO

ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO Anno Accademico 2013 2014 PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DELLE IMPRESE TURISTICHE Lezione 4 Project Management PROJECT MANAGEMENT Il project management

Dettagli

Software. Engineering

Software. Engineering Software Engineering Agenda Scenario nel quale matura la necessità di esternalizzare Modalità conrattuali, ambito, livelli di servizio Modalità di governo del contratto e di erogazione dei servizi Metodologia

Dettagli

3. SOFTWARE MANAGEMENT

3. SOFTWARE MANAGEMENT 3. SOFTWARE MANAGEMENT Introdurre caratteristiche e problematiche della direzione di progetto software (software management) Discutere la pianificazione di un progetto e la temporizzazione (scheduling)

Dettagli

1 di 6 CHIARIMENTI. Risposta:

1 di 6 CHIARIMENTI. Risposta: 1 di 6 CHIARIMENTI Oggetto: SERVIZIO DI SUPPORTO ALLE ATTIVITA DEL WORK PACKAGE 4 ECONOMIC ASSESSMENT NELL AMBITO DEL PROGETTO BLUE MED CIG n. 0569631A5C. A seguito delle richieste di chiarimenti pervenute

Dettagli

Ciclo di Vita Evolutivo

Ciclo di Vita Evolutivo Ciclo di Vita Evolutivo Prof.ssa Enrica Gentile a.a. 2011-2012 Modello del ciclo di vita Stabiliti gli obiettivi ed i requisiti Si procede: All analisi del sistema nella sua interezza Alla progettazione

Dettagli

CONCETTI BASE DI PROJECT MANAGEMENT

CONCETTI BASE DI PROJECT MANAGEMENT ISIPM Istituto Italiano di Project Management Via Vallombrosa, 47/a 00135 Roma CONCETTI BASE DI PROJECT MANAGEMENT ISIPM Istituto Italiano di Project Management Via Vallombrosa, 47/a 00135 Roma 2 ISIPM

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 8

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 8 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 8 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici IT

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE II ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO UDA 4 IL TEAM DI PROGETTO LEZIONE: IL

Dettagli

1.Che cos è e come si articola un Business Plan

1.Che cos è e come si articola un Business Plan CODINEXT 1 1.Che cos è e come si articola un Business Plan Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto

Dettagli

COME MISURARE UN SERVICE DESK IT

COME MISURARE UN SERVICE DESK IT OSSERVATORIO IT GOVERNANCE COME MISURARE UN SERVICE DESK IT A cura di Donatella Maciocia, consultant di HSPI Introduzione Il Service Desk, ovvero il gruppo di persone che è l interfaccia con gli utenti

Dettagli

Università degli Studi di Salerno GPS: Gestione Progetti Software. Project Proposal Versione 1.1

Università degli Studi di Salerno GPS: Gestione Progetti Software. Project Proposal Versione 1.1 Università degli Studi di Salerno GPS: Gestione Progetti Software Project Proposal Versione 1.1 Data 27/03/2009 Project Manager: D Amato Angelo 0521000698 Partecipanti: Nome Andrea Cesaro Giuseppe Russo

Dettagli

La Gestione del progetto

La Gestione del progetto Il Laboratorio e la Professione La Gestione del progetto Padova 25-26 settembre 2009 M. Iside Bruschi REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO Il Project Management è un sistema che utilizza ed applica conoscenze

Dettagli

Processi principali per il completamento del progetto

Processi principali per il completamento del progetto Piano di progetto È un documento versionato, redatto dal project manager per poter stimare realisticamente le risorse, i costi e i tempi necessari alla realizzazione del progetto. Il piano di progetto

Dettagli

IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE: TECNICHE DI SCOMPOSIZIONE DI UN PROJECT (WBS) LABORATORIO INTEGRATO DI COSTRUZIONE E PRODUZIONE LEZIONE 3

IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE: TECNICHE DI SCOMPOSIZIONE DI UN PROJECT (WBS) LABORATORIO INTEGRATO DI COSTRUZIONE E PRODUZIONE LEZIONE 3 IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE: TECNICHE DI SCOMPOSIZIONE DI UN PROJECT (WBS) IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE Un progetto è un insieme complesso di numerose attività finalizzate al raggiungimento

Dettagli

Il ciclo di progetto focus su. Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT

Il ciclo di progetto focus su. Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT Il ciclo di progetto focus su Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT analisi periodica e finale di: efficienza, efficacia, impatto atteso, sostenibilità

Dettagli

Università degli Studi di Salerno Ingegneria del Software: Tecniche Avanzate

Università degli Studi di Salerno Ingegneria del Software: Tecniche Avanzate Università degli Studi di Salerno Ingegneria del Software: Tecniche Avanzate Mystic Pizza Gestione Pizzeria Scheda di Progetto Version 1.0 Data 19/03/2007 Indice degli argomenti 1. Introduzione 3 a. Scenario

Dettagli

Allegato 4 Manuale di Progetto

Allegato 4 Manuale di Progetto Telematica per la gestione integrata delle chiamate di emergenza Progetto Pilota Elemento di rilascio D1.1 Allegato 4 Manuale di Progetto Confidenzialità : Interna Partecipanti : TTS-Italia Autori : O.

Dettagli

Il Sistema di Monitoraggio dell Agenzia delle Entrate

Il Sistema di Monitoraggio dell Agenzia delle Entrate Il Sistema di Monitoraggio dell Agenzia delle Entrate 1 La Governance dei contratti di outsourcing Dipartimento Politiche Fiscali Strumenti di governance Convenzione Triennale Agenzia delle Entrate Sogei

Dettagli

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Minimaster in PROJECT MANAGEMENT IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Giovanni Francesco Salamone Corso Professionale di Project Management secondo la metodologia IPMA (Ipma Competence Baseline)

Dettagli

Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari

Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari Dalla motivazione del personale al miglioramento della qualità dei Servizi Sanitari Definizione di progetto Cos è un progetto Progetto si definisce, di regola, uno sforzo complesso di durata solitamente

Dettagli

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP.

ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. INTERVISTA 13 settembre 2012 ANALISI DI UN CASO DI EVOLUZIONE NELL ADOZIONE DELLA SOLUZIONE PROJECT AND PORTFOLIO MANAGEMENT DI HP. Intervista ad Ermanno Pappalardo, Lead Solution Consultant HP Software

Dettagli

Sistemi Informativi Gestionali. Capitolato Tecnico. Realizzazione del nuovo cruscotto direzionale per il monitoraggio della gestione aziendale

Sistemi Informativi Gestionali. Capitolato Tecnico. Realizzazione del nuovo cruscotto direzionale per il monitoraggio della gestione aziendale . Realizzazione del nuovo cruscotto direzionale per il monitoraggio della gestione aziendale Indice dei contenuti 1 INTRODUZIONE... 3 2 SCENARIO... 3 2.1 ENAV... 3 2.2 SISTEMA INFORMATIVO GESTIONALE (SIG)...

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

5 Gestione dei progetti software. 5.1 Attività gestionale. Sistemi Informativi I Lezioni di Ingegneria del Software

5 Gestione dei progetti software. 5.1 Attività gestionale. Sistemi Informativi I Lezioni di Ingegneria del Software 5 Gestione dei progetti software. Dopo aver completato lo studio del ciclo di vita del software, in questa parte vengono discussi gli aspetti gestionali della produzione del software. Vengono esaminate

Dettagli

La certificazione ISO/IEC 20000-1:2005: casi pratici

La certificazione ISO/IEC 20000-1:2005: casi pratici La certificazione ISO/IEC 20000-1:2005: casi pratici L esperienza DNV come Ente di Certificazione ISO 20000 di Cesare Gallotti e Fabrizio Monteleone La ISO/IEC 20000-1:2005 (che recepisce la BS 15000-1:2002

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE, AVVIO E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ RESE DA ARPA PIEMONTE A TITOLO ONEROSO INDICE

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE, AVVIO E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ RESE DA ARPA PIEMONTE A TITOLO ONEROSO INDICE REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE, AVVIO E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ RESE DA ARPA PIEMONTE A TITOLO ONEROSO INDICE Art. 1 - Premessa...2 Titolo I - DISPOSIZIONI GENERALI...2 Art. 2 - Oggetto e ambito

Dettagli

Sviluppo e Gestione Progetti. docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it

Sviluppo e Gestione Progetti. docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it Sviluppo e Gestione Progetti docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it Struttura del corso - ID CONTENUTI TEORIA PROJ. WORK DATA WORK SHOP Conoscenza dei principi di base, metodi e tecniche

Dettagli

CONCETTI DI BASE PER LA QUALITA

CONCETTI DI BASE PER LA QUALITA CONCETTI DI BASE PER LA QUALITA Misura: è una funzione m: A -> B che associa ad ogni attributo A di un osservabile nel mondo reale o empirico (dominio) un oggetto formale B nel mondo matematico (range);

Dettagli

Gli obiettivi del Cielo Unico

Gli obiettivi del Cielo Unico Gli obiettivi del Cielo Unico 1 Gli obiettivi del Cielo Unico CAPACITÀ ATM Supportare aumento 3 volte l attuale. SAFETY Grado di sicurezza 10 volte migliore. AMBIENTE Flight Efficiency Riduzione del 10%

Dettagli

Curriculum Vitae ROCCO Nicola CELLUCCI

Curriculum Vitae ROCCO Nicola CELLUCCI Pag. 1 di 5 Contatti Via Lido Verde 38 00040 Pomezia - Roma Cell- +393356424840 - +393935754844 E-mail : rocco.cellucci@gmail.com Data e luogo di nascita Cittadinanza Istruzione Esperienza Lavorativa:

Dettagli

ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE

ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE Urbino: 3 e 4 ottobre 2008 A cura di: Stefano Santini sve@provincia.ps.it Definizione di progetto Opera complessa, unica e di durata limitata rivolta a produrre un risultato

Dettagli

Quando si opera in un mercato

Quando si opera in un mercato Controllo ALLA RICERCA DELL EFFICIENZA: UN SISTEMA INTEGRATO DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Quando si opera in un mercato competitivo, attraverso un organizzazione complessa, è fondamentale disporre di

Dettagli

Cardinis. Cardinis. Progetti.Comunicazione.Innovazione. CARDINIS. Progetti. Comunicazione. Innovazione. OST Organizzazione Sistemi Tecnologie

Cardinis. Cardinis. Progetti.Comunicazione.Innovazione. CARDINIS. Progetti. Comunicazione. Innovazione. OST Organizzazione Sistemi Tecnologie CARDINIS Progetti. Comunicazione. Innovazione. OST Organizzazione Sistemi Tecnologie Via T. Aspetti, 157-35134 Padova tel: 049-60 90 78 fax: 049-88 95 780 e-mail: ost@ost.it web: www.ost.it 1 Nome e Logo

Dettagli

Piccola dimensione Limitata formalizzazione Stili personali e culturali poco favorevoli alla formalizzazione

Piccola dimensione Limitata formalizzazione Stili personali e culturali poco favorevoli alla formalizzazione BUDGET Parole chiave Il processo di programmazione e controllo di gestione come strumento di governo delle organizzazioni Il processo di programmazione e controllo di gestione rappresenta quel processo

Dettagli

missionè contribuire all efficienza del sistema nazionale dei trasporti garantendo la

missionè contribuire all efficienza del sistema nazionale dei trasporti garantendo la Profilo del Gruppo Content 1. Chi Siamo 2. Mission 3. I numeri del Gruppo 4. I Controllori del Traffico Aereo 5. Attività 6. Academy 7. Impianti e Apparati Tecnologici 8. ENAV per l ambiente 9. Attività

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Il nuovo standard normativo OHSAS 18001 per i sistemi di gestione della sicurezza

Il nuovo standard normativo OHSAS 18001 per i sistemi di gestione della sicurezza Il nuovo standard normativo OHSAS 18001 per i sistemi di gestione della sicurezza di Fabio Fortunati, amministratore SOLVER La norma OHSAS (Occupational Health and Safety Assessment Series) 18001, ufficialmente

Dettagli

REPORT TECNICO LICENZA CTA ESARR 5

REPORT TECNICO LICENZA CTA ESARR 5 REPORT TECNICO LICENZA CTA ESARR 5 Nuova normativa nazionale in tema di Licenza dei Controllori del Traffico Aereo Recepimento Regolamento europeo ESARR 5 Incontro ENAC ENAV OOSSNN/AAPP del 12 settembre

Dettagli

UNI ISO 21500 Guida alla gestione dei progetti (project management)

UNI ISO 21500 Guida alla gestione dei progetti (project management) UNI ISO 21500 Guida alla gestione dei progetti (project management) adozione nazionale in lingua italiana della norma internazionale ISO 21500 A cura di Relatore: Eugenio Rambaldi Presidente Assirep presidente@assirep.it

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

-Sistemi per il rilevamento di flussi di persone- Progetto:

-Sistemi per il rilevamento di flussi di persone- Progetto: -Sistemi per il rilevamento di flussi di persone- Progetto: Sistema per il rilevamento e l analisi dei flussi dei clienti in un megastore di 1 piano di 1250m 2, composto da 20 corsie di 1m di lunghezza

Dettagli

Pianificazione Economica Finanziaria (PEF) Controllo di Gestione (CG)

Pianificazione Economica Finanziaria (PEF) Controllo di Gestione (CG) PROGETTO DI CONSULENZA DIREZIONALE Obiettivo principale: Pianificazione Economica Finanziaria (PEF) Controllo di Gestione (CG) Data // Nome azienda Sede Legale Premessa: In relazione agli obiettivi emersi

Dettagli

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base)

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) ISIPM Base Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) Gruppo B Conoscenze Tecniche e Metodologiche Syllabus da 2.1.1 a 2.7.1 1 Tema: Gestione Ambito del Progetto e Deliverable

Dettagli

SESSIONE PARALLELA 2 Dall Handbook al progetto pilota

SESSIONE PARALLELA 2 Dall Handbook al progetto pilota SESSIONE PARALLELA 2 Dall Handbook al progetto pilota Annalisa Malgieri Direzione delle Professioni Sanitarie e delle Risorse Umane del SSN Ministero della Salute WP5 team Roma, 5 Dicembre 2014 La determinazione

Dettagli

Il supporto formativo alla Direttiva INSPIRE nell ambito del progetto BRISEIDE

Il supporto formativo alla Direttiva INSPIRE nell ambito del progetto BRISEIDE Il supporto formativo alla Direttiva INSPIRE nell ambito del progetto BRISEIDE Giorgio Saio, Emanuele Roccatagliata, Roderic Molina G.I.S.I.G., Genova Sommario Il lavoro proposto presenta un caso concreto

Dettagli

IL SISTEMA DEI CONTROLLI PER LA SICUREZZA

IL SISTEMA DEI CONTROLLI PER LA SICUREZZA IL SISTEMA DEI CONTROLLI PER LA SICUREZZA 1. LA SICUREZZA DEGLI AEROMOBILI E DEGLI OPERATORI AEREI - La sicurezza delle operazioni dei vettori aerei e dei loro aeromobili è garantita da un complesso di

Dettagli

IL PROFILO DELL AZIENDA. Cherry Consulting S.r.l 1

IL PROFILO DELL AZIENDA. Cherry Consulting S.r.l 1 IL PROFILO DELL AZIENDA 1 Chi siamo e la nostra missione Chi siamo: un gruppo di manager che hanno maturato esperienze nella consulenza, nel marketing, nella progettazione, nella vendita di soluzioni e

Dettagli

L ambito di progetto Rappresenta la definizione del progetto, ovvero cosa deve essere portato a termine Comprende gli elementi:

L ambito di progetto Rappresenta la definizione del progetto, ovvero cosa deve essere portato a termine Comprende gli elementi: Insegnamento di Gestione e Organizzazione dei Progetti A.A. 2008/9 Lezione 6: Ambito di progetto organizzazione della comunicazione Prof.ssa R. Folgieri email: folgieri@dico.unimi.it folgieri@mtcube.com

Dettagli

MY.OWN TOOL ON CLOUD. Fai volare il tuo business in totale sicurezza. Dati sempre accessibili e protetti grazie ai tool di Tiquadra.

MY.OWN TOOL ON CLOUD. Fai volare il tuo business in totale sicurezza. Dati sempre accessibili e protetti grazie ai tool di Tiquadra. TOOL ON CLOUD Fai volare il tuo business in totale sicurezza. Dati sempre accessibili e protetti grazie ai tool di Tiquadra. ADESSO È TUTTO PIÙ FACILE Tiquadra ti offre gli strumenti per gestire al meglio

Dettagli

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) Gruppo A Conoscenze di Contesto Syllabus da 1.1.1 a 1.10.

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) Gruppo A Conoscenze di Contesto Syllabus da 1.1.1 a 1.10. ISIPM Base Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) Gruppo A Conoscenze di Contesto Syllabus da 1.1.1 a 1.10.1 1 Tema: Progetto 1.1.1 Conoscere la definizione di progetto e

Dettagli

Il Progetto e il Project Management

Il Progetto e il Project Management Il Progetto e il Project Management Metodologie di Specifica del Software Per contattare il docente Dr. Anna Rita Laurenzi email: annarita.laurenzi@insiel.it cell.+39 3356368206 Agenda Progetto e Project

Dettagli

Birra Peroni nel Semestre di Presidenza del Consorzio ELIS. "Employability 2.1" Flessibilità del mercato del lavoro e occupazione giovanile

Birra Peroni nel Semestre di Presidenza del Consorzio ELIS. Employability 2.1 Flessibilità del mercato del lavoro e occupazione giovanile Birra Peroni nel Semestre di Presidenza del Consorzio ELIS "Employability 2.1" Flessibilità del mercato del lavoro e occupazione giovanile Documento di progetto Versione del 9 Gennaio 2015 Sommario Il

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Appunti su Risk management

Appunti su Risk management Appunti su Risk management Da circa 10 anni è avviato un processo di spostamento dell attenzione dal modello sistema Qualità al modello safety management, basato sul risk management. L aspetto di rilevo

Dettagli

La sfida dei progetti a finanziamento europeo

La sfida dei progetti a finanziamento europeo La sfida dei progetti a finanziamento europeo 29 febbraio 2016 in collaborazione con Sara Grilli Andrea Innocenti Marcello Traversi 1 LA GIUNGLA DEI PROGETTI EUROPEI: OPPORTUNITÀ E LA SFIDA DEL PROJECT

Dettagli

Glossario Project Cycle Management

Glossario Project Cycle Management Glossario Project Cycle Management Albero degli obiettivi Diagramma, utilizzato nell ambito dell Approccio del Quadro Logico, che permette di rappresentare, in un quadro unitario, ciò che si potrebbe osservare

Dettagli

PMO: così fanno le grandi aziende

PMO: così fanno le grandi aziende PMO: così fanno le grandi aziende Tutte le grandi aziende hanno al loro interno un PMO - Project Management Office che si occupa di coordinare tutti i progetti e i programmi aziendali. In Italia il project

Dettagli

PQU Regione Lazio MISE DPS Agenzia per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa S.p.A. Scheda Intervento AR-LAZ-01-SDF

PQU Regione Lazio MISE DPS Agenzia per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa S.p.A. Scheda Intervento AR-LAZ-01-SDF ALLEGATO 2 DEL. CIPE N. 7/2006 PROGRAMMI OPERATIVI DI SUPPORTO ALLO SVILUPPO 2007-2009 MIGLIORAMENTO DELLA COMMITTENZA PUBBLICA E ADVISORING PER LO SVILUPPO DI STUDI DI FATTIBILITA PQU Regione Lazio MISE

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ E IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE

TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ E IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ E IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER

Dettagli

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI Proposte formative Un team di esperti in progettazione formativa è a disposizione per lo sviluppo di soluzioni personalizzate e la realizzazione di percorsi costruiti intorno alle esigenze di ciascuna

Dettagli

Strategic Research & Innovation Agenda - Italia

Strategic Research & Innovation Agenda - Italia Advisory Council for Aviation Research and Innovation in Europe - Italia Strategic Research & Innovation Agenda - Italia Executive Summary Marzo 2014 Realising Europe s vision for aviation Strategic Research

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE 8ª LAVORI PUBBLICI, COMUNICAZIONI (Contratti di programma ENAV 2010-2012 e 2013-2015)

SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE 8ª LAVORI PUBBLICI, COMUNICAZIONI (Contratti di programma ENAV 2010-2012 e 2013-2015) Il Presidente SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE 8ª LAVORI PUBBLICI, COMUNICAZIONI (Contratti di programma ENAV 2010-2012 e 2013-2015) AUDIZIONE DI ENAV S.p.A. 5 maggio 2015 ENAV S.p.A. Società con Socio

Dettagli

Valutazione Ambientale Strategica del Programma Operativo Regionale 2007-2013

Valutazione Ambientale Strategica del Programma Operativo Regionale 2007-2013 UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA Valutazione Ambientale Strategica del Programma Operativo Regionale 2007-2013 (Fondo FESR) MISURE PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE DEL POR (ai sensi degli

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 6. IL PROCESSO SEGUITO E LE AZIONI DI MIGLIORAMENTO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE 6.1 Fasi, soggetti e tempi del processo di redazione del Piano Analogamente a quanto avvenuto per il 2012, il

Dettagli