Progetto e processo, due. Project Management. nelle imprese ETO: il caso Fabio Perini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto e processo, due. Project Management. nelle imprese ETO: il caso Fabio Perini"

Transcript

1 MES Project Management nelle imprese ETO: il caso Fabio Perini Analizzando il caso aziendale Fabio Perini, in quest articolo ci s interroga se esistano o meno aziende Engineer to Order (ETO) la cui produzione possa essere classificata come mista, oppure ogni progetto realizzato sia da considerare davvero unico e irripetibile di M. Oleotto ing. Massimiliano Oleotto, European Senior Logistician certified by European Logistics Association Progetto e processo, due cose diversissime nel momento in cui si parla di Management. Un processo può essere fatto e rifatto, e così facendo può essere via via migliorato è la nota teoria della curva dell esperienza, versione manageriale dell adagio latino repetita iuvant. Di contro, un progetto inizia e finisce, e quando finisce è finito, non è possibile in alcun modo rifarlo per migliorarlo. Non a caso, dunque, gli strumenti messi a disposizione dal Management per governare progetti e processi sono differenti, molto differenti: per i processi c è l OM, acronimo di Operations Management, per i progetti c è il PM, acronimo di Project Management. Quando si declina progetto e processo con il verbo produrre, ci si imbatte presto nella classificazione di Joseph Wortmann, che definisce la modalità produttiva di un azienda in base a quali attività operative sono svolte dopo la ricezione dell ordine del cliente. Secondo Wortmann le tipologie di azienda sono grossomodo tre: quelle Engineer To Order, in breve ETO, in cui la progettazione e la fabbricazione sono effettuate dopo la ricezione dell ordine del cliente; quelle Make To Order, in breve MTO, in cui solo la fabbricazione è effettuata dopo la ricezione dell ordine del cliente; infine, quelle Make To Stock, in breve MTS, in cui la progettazione e la fabbricazione precedono la ricezione dell ordine del cliente perché i prodotti sono versati a magazzino. Secondo tale classificazione le imprese MTS e MTO producono per processi mentre le imprese ETO producono per progetti, e pertanto le prime ricorrono all OM, le seconde al PM. Ora, il focus di questo articolo è sulle imprese ETO, e le due domande che bisogna porsi a questo punto sono perché producono per progetti, e se la produzione è tout court per progetti oppure ci sono delle contaminazioni derivanti dalla produzione per processi. La prima domanda ha una risposta semplice: le imprese ETO producono per progetti perché il loro prodotto è unico e irripetibile, e richiede una progettazione dedicata che segua le specifiche del cliente. La seconda domanda, di contro, > o t t o b r e < 1

2 Figura 1 Esistono imprese ETO che hanno una produzione mista per progetti e per processi? pari al 60%, e vanta altre tre sedi produttive oltre a quella di Lucca mostrata in Figura 2, vale a dire Calderara di Reno (Bologna Italia), Joinville (Brasile) e Shanghai (Cina), oltre ad una capillare rete di vendita sul territorio mondiale formata da sei filiali: Green Bay, Miami, Londra, Düsseldorf, Mosca e Fuji. ha una risposta semplice solo se si fa riferimento all esempio di impresa ETO più presente in letteratura e mostrato in Figura 1, ossia quello di un azienda che produce navi da crociera. In questo caso è facile comprendere che ogni nave richiede un progetto ad hoc, e quindi la gestione non può che essere tout court per progetti. Ma Ciò vale per qualsiasi impresa ETO? Non è che esistono delle imprese ETO in cui i prodotti pur rimanendo unici ed irripetibili sono in qualche modo simili? E che la progettazione pur essendo dedicata è in qualche modo comune? Ecco, se esistessero imprese siffatte il PM puro potrebbe avere delle controindicazioni che solo l OM sarebbe in grado di risolvere. E nel momento in cui entra in scena l OM, entra in scena proprio la produzione per processi. FABIO PERINI, UN ESEMPIO DI ECCELLENZA ITALIANA La Fabio Perini progetta e produce... organizzare un progetto significa strutturarlo e il rimando è alla WBS (Work Breakdown Structure), mentre gestire un progetto significa monitorarlo nella durata e nel costo e il rimando è da un lato al PERT (Program Evaluation & Review Tecnique) e dall altro all EVM (Earned Value Management) macchinari e impianti per il settore cartario, nello specifico per la trasformazione e il confezionamento della carta tissue, utilizzata per la produzione di rotoli igienici e asciugatutto. La sede principale è a Lucca, dove fu fondata da Fabio Perini nel 1966, per poi essere ceduta nel 1993 al gruppo multinazionale tedesco Körber PaperLink (oggi Körber Process Solution). L azienda è oggi leader mondiale con una quota di mercato Per comprendere meglio l attività svolta dall azienda, e quindi come è fatto il suo prodotto, possiamo descrivere il processo tipico di trasformazione del rotolo igienico. Gli impianti dediti alla trasformazione un esempio è dato in Figura 3 sono composti da sei gruppi macchina in linea più un gruppo fuori linea che è la tubiera e che serve per la formazione delle anime di cartone sulle quali sarà avvolto il rotolo. Il ciclo di produzione inizia con lo svolgitore, che Figura 2 e 3 A sinistra, lo stabilimento della Fabio Perini a Lucca; a destra, un tipico impianto per la produzione dei rotoli igienici. 2 > o t t o b r e < L o g i s t i c a M a n a g e m e n t

3 ha la funzione di srotolare la carta tissue da bobine di formato 2,7 metri e con un peso di circa 2 tonnellate; chiaramente, nel caso di produzioni multivelo si avranno più bobine. La carta srotolata passa al goffratore, che attraverso un processo detto goffratura imprime i disegni in rilievo conferendone il decoro e accoppiando i veli tra loro. Si tratta di una delle principali fasi del processo in cui il rullo del docoro rappresenta a tal punto un elemento strategico del ciclo che, a differenza di altre componenti macchina prodotte esternamente, è prodotto dalla stessa Fabio Perini nella divisione Perini Engraving con una lavorazione ad altissimo contenuto tecnologico. Il velo goffrato passa poi alla ribobinatrice, il cuore della linea, che riesce a raggiungere elevate velocità fino a metri al minuto! Qui viene avvolto sul tubo di cartone prodotto dalla tubiera e passato prima all incollatore per incollare il lembo sul rotolo, e poi alla troncatrice, che ha il compito di tagliare i log ovvero rotoli lunghi 2,7 metri nei rotoli standard da 120 millimetri che tutti conosciamo e che sono mostrati in Figura 4. L ultimo macchinario della linea è la confezionatrice, che confeziona i rotoli nei formati che troviamo nei supermercati. Insomma, un impianto industriale che mette in evidenza la complessità di un prodotto considerato commodity ma che ha un alto livello di tecnologia, ricerca e sviluppo, impensabile se rapportato al valore che attribuiamo al rotolo sullo scaffale del supermercato. Figura 4 cliente e a riprova della sua complessità ci sono due fasi di progettazione, la preliminare e la definitiva, come anche diversi tipi di progettazione, ossia layout, meccanica, elettrica, pneumatica, hardware, software, ecc. Così è solo dopo la progettazione che possono partire le successive attività, che in sintesi sono l approvvigionamento dei macchinari, il loro assemblaggio nella linea, il collaudo dell impianto e la sua installazione dal cliente. Quanto si sta a fare tutto? Dalla progettazione all installazione passano generalmente dai 9 ai 12 mesi. Il progetto di produzione di un job quello di un tip può essere considerato Figura 5 I rotoli igienici prodotti con gli impianti di Fabio Perini illustrati sulla rivista Perini Journal che l azienda lucchese pubblica dal 1979 e che è punto di riferimento mondiale per il settore della carta tissue. una sorta di fratello minore necessita ovviamente del massiccio ricorso al PM sia per la sua organizzazione, sia per la sua gestione. Con una certa approssimazione, organizzare un progetto significa strutturarlo e il rimando è alla WBS (Work Breakdown Structure), mentre gestire un progetto significa monitorarlo nella durata e nel costo e il rimando è da un lato al PERT (Program Evaluation & Review Tecnique) e dall altro all EVM (Earned Value Management). Facile intuire che la WBS dell impianto abbia i task visti poc anzi e mostrati in Figura 5. Come anche che ogni task sia suddiviso in opportuni subtask sempre poc anzi si è La collazione temporale delle attività operative nella produzione di un impianto in Fabio Perini. IL PROGETTO DI PRODUZIONE DELL IMPIANTO La modalità produttiva di Fabio Perini è certamente ETO, tanto che si produca un nuovo impianto detto job quanto che si produca l upgrade di un impianto esistente detto tip. I prodotti di Fabio Perini richiedono infatti, come prima attività operativa, una complessa progettazione secondo le specifiche L o g i s t i c a M a n a g e m e n t > o t t o b r e < 3

4 Figura 6 Figura 7 Le imprese ETO che hanno una produzione mista per progetti e per processi sono le imprese CTO. L implementazione del CTO in Fabio Perini utilizzando SAP e JflexPwE. dell attività, ad esempio non iniziarla prima di una certa data, sia vincoli sulla relazione con le altre attività, ad esempio non iniziarla prima della fine di un altra attività. Ma in Fabio Perini non è possibile ricorrere alla versione base del PERT per almeno tre problemi: intanto è necessario tenere in considerazione la disponibilità limitata dei materiali e la capacità finita della manodopera e dei terzisti; poi tale disponibilità e tale capacità è contesa tra più job e più tip; infine, esistono tre livelli di pianificazione tattica per l azienda, operativa per gli stabilimenti, esecutiva per gli uffici e i reparti. Come fare? IMPRESE ETO MISTE PER PROGETTI E PER PROCESSI: NASCE IL CTO Esiste una versione del PERT che risolve i tre problemi di Fabio Perini? Esiste e si chiama APS. Mediante l Advanced Planning & Scheduling è possibile avere un piano a più livelli in grado di gestire tanto la concorrenza quanto la scarsità di impiego delle risorse. Ma l APS non è uno strumento dell OM? E perché mai si dovrebbe utilizzare uno strumento dell OM in un ambito che è quello del PM? Non è che siamo in presenza proprio di quell impresa ETO che ha la necessità di contaminare il PM con l OM di cui si è parlato all inizio di questo articolo? E se siamo in presenza di questa impresa, quali sono le caratteristiche che la potrebbero accomunare ad altre aziende in una gestione mista per progetti e per processi? parlato dei diversi tipi di progettazione che sono proprio i subtask di tale fase, ma lo stesso si può dire per le altre fasi e che ogni subtask sia a sua volta suddiviso in opportuni work package, che sono gli elementi atomici della WBS. Senza dimenticare le milestone le principali sono rappresentate dai pallini rossi in Figura 5. Più difficile, invece, è la questione del PERT e dell EVM, che dal PERT trae origine. Non lo sarebbe se si ricorresse alla versione base del PERT quella più diffusa in letteratura che si limita a collocare nel tempo gli elementi della WBS pianificandoli al più presto e al più tardi nel rispetto dei vincoli di un attività, che sono sia vincoli sulla collocazione Sì, la Fabio Perini è l impresa ETO che necessita di una produzione mista per progetti e per processi. Ciò accade in quanto la progettazione di un job non avviene ogni volta ex-novo ma componendo basi ed opzioni già progettate con l eventuale aggiunta di parti custom da progettare ad hoc. È come se si avessero a magazzino non dei prodotti semilavorati o delle materie prime ma dei disegni, sebbene non dei disegni finiti come si ha nel MTO bensì 4 > o t t o b r e < L o g i s t i c a M a n a g e m e n t

5 dei disegni semilavorati. Ed è proprio questo che consente di definire dei processi di pianificazione e di fabbricazione: progettare e fabbricare un macchinario, ad esempio uno svolgitore, è nel contempo ogni volta un attività nuova e ogni volta un attività affine a quelle già svolte in passato. Pertanto, tutte le volte in cui una progettazione parte da modelli da configurare non si ha più un ETO puro, ma una sorta di nuova modalità produttiva che, come mostrato nella Figura 6, potremmo chiamare Configure To Order, in breve CTO. Altre imprese CTO? Con riferimento alla mia esperienza ormai quindicinale nel mondo dell OM e del PM, le imprese che producono impianti analoghi a quelli della Fabio Perini, quindi non carta igienica ma piuttosto bottiglie di plastica, pane industriale, carne macinata, ecc. IMPLEMENTAZIONE DEL CTO Per descrivere una possibile implementazione del CTO, è sufficiente descriverne l implementazione in Fabio Perini, mostrata sinteticamente in Figura 7. La WBS è implementata dal modulo PS di SAP, che è il software ERP di Fabio Perini. Tale WBS è non a caso per quanto visto poc anzi generata a partire da modelli predefiniti. Le WBS aperte, cioè non completate, sono trasferite al modulo APS di JFlexPwE, che è il software SCM di Fabio Perini ed è prodotto dall italianissima Tecnest di Udine. È qui che si svolge il PERT: c è il planning tattico mensile del master planner su un orizzonte pluriennale, il cui scopo è definire in che stabilimento sarà realizzato il job; c è il planning operativo settimanale dei planner su un orizzonte annuale, il cui scopo è bilanciare le risorse di uno stabilimento tra i vari job senza compromettere la consegna degli impianti al cliente per ottenerlo si utilizza l istogramma di carico mostrato in Figura 8; c è infine lo scheduling esecutivo giornaliero degli scheduler su un orizzonte mensile, il cui scopo è associare un nome ed un cognome ad ogni work package prima che questo venga eseguito. Le WBS pianificate sono indi passate al modulo MES di JflexPwE, dove si svolge l EVM in quanto è possibile associare i tempi effettivi ai tempi previsti originari e ai tempi previsti attuali. Per finire, le WBS pianificate ed avanzate sono ritornate al modulo PS di SAP. Prima di concludere, vale la pena elencare alcune delle caratteristiche P L o g i s t i c a M a n a g e m e n t > o t t o b r e < 5

6 Figura 8 Figura 9 L istogramma di carico della pianificazione operativa di uno stabilimento su JflexPwE. Il rettangolo di carico modellizza il work package come una operation. dell APS e del MES che consentono la corretta implementazione del PERT e dell EVM in un contesto CTO come quello di Fabio Perini, in cui PM ed OM devono convivere: si pianificano anche le offerte che hanno un elevata probabilità di diventare ordine del cliente, alias hot quotation, per verificare la compatibilità della data di consegna richiesta dal cliente o dal prospect con il carico produttivo al fine di avere una pianificazione a livelli, si ha una modellizzazione gerarchica della manodopera e dei terzisti: azienda, stabilimenti, uffici/ reparti, skill e persone, con lo skill che individua un abilità specifica e che è assimilabile ad un centro di lavoro la capacità produttiva tiene conto sia di una produttività prodotto di efficienza per utilizzazione variabile nel tempo che di un numero di risorse variabile nel tempo la pianificazione avviene sempre in avanti, a capacità infinita e con il vincolo dell oggi e della presenza dei materiali; questo implica da un lato che la pianificazione è sempre preceduta dall analisi dei backlog e dei mancanti, dall altro lato che è sempre necessario il livellamento dei carichi rispetto alle capacità le azioni di livellamento sono quelle tipiche: straordinario, recruitment, mobilità in base alla matrice degli skill che implementa il fatto ad esempio che un installatore può fare l assemblatore ma non il viceversa, outsourcing oppure insourcing, posticipo possibilmente di attività che non incidono sul percorso critico del progetto pena lo slittamento della consegna finale, ecc. non esiste un set di date per ciascun livello di pianificazione ma un set di date unico per tutte le pianificazioni; ciò è possibile in quanto ogni pianificazione raffina entro un certo orizzonte la risorsa manodopera o terzista, e dunque si ha una pianificazione che utilizza le persone sul mese, gli skill fino all anno e gli uffici/ reparti oltre l anno, ciascuno con le proprie capacità produttive ed i propri calendari di carico ogni work package è nel contempo anche una operation, e pertanto è modellizzato con il rettangolo di carico mostrato in Figura 9, cioè con i tempi di queue, run e move a scomporre la durata complessiva dell attività, e con il tempo di run che si ottiene dividendo il tempo previsto attuale per il numero di risorse previste per l attività; si osservi che il rettangolo può essere affettato in più skill e in più persone lo scheduling operativo delle persone viene utilizzato come dispatching list sia negli uffici, sia nei reparti, sia tramite il web nei siti di installazione; tale lista è la base di appoggio per la dichiarazione giornaliera dei tempi effettivi previsti ed imprevisti richiedono una causale opportuna oltre che dei tempi indiretti quanto detto al punto precedente vale pure per i terzisti con un aggiunta: ai terzisti è richiesto anche sempre tramite il web di aggiornare tempestivamente la capacità produttiva che mettono a disposizione della Fabio Perini. 6 > o t t o b r e < L o g i s t i c a M a n a g e m e n t

Pianificare la produzione "EngineeringTo Order" con logiche e strumenti role-basede visual: il caso Fabio PeriniSpa

Pianificare la produzione EngineeringTo Order con logiche e strumenti role-basede visual: il caso Fabio PeriniSpa Pianificare la produzione "EngineeringTo Order" con logiche e strumenti role-basede visual: il caso Fabio PeriniSpa Global Logistics& Supply Chain Summit 26 marzo 2015 Filippo Tonutti, Tecnest Riccardo

Dettagli

La gestione operativa ETO: il caso dei reattori nucleari

La gestione operativa ETO: il caso dei reattori nucleari La gestione operativa ETO: il caso dei reattori nucleari ing. Massimiliano Oleotto European Senior Logistician certified by European Logistics Association Da qualche tempo si fa un gran parlare in Italia

Dettagli

Il Master Planning nelle

Il Master Planning nelle OPERATIONS Il Master Planning nelle imprese che finiscono su commessa Riuscire a ridurre i tempi senza incrementare i costi e decrementare le qualità è il modo per affrontare la crisi nelle aziende MTO.

Dettagli

La procedura di programmazione e gestione del progetto

La procedura di programmazione e gestione del progetto Università degli Studi di Trento Programmazione Costi e Contabilità lavori a.a. 2003-4 La procedura di programmazione e gestione del progetto Marco Masera, dott. arch., d.d.r. ing. marco.masera@ing.unitn

Dettagli

Gestione dei Progetti (2005-2006)

Gestione dei Progetti (2005-2006) Gestione dei Progetti (2005-2006) Alessandro Agnetis DII Università di Siena (Alcune delle illustrazioni contenute nella presentazione sono tratte da PMBOK, a guide to the Project Management Body of Knowledge,

Dettagli

IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice

IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice CORSO DI ALTA FORMAZIONE 38 ORE IN AULA 8 Moduli Didattici Roma, dal 13 novembre al 5 dicembre 2015 Hotel

Dettagli

Sistemi informativi aziendali struttura e processi

Sistemi informativi aziendali struttura e processi Sistemi informativi aziendali struttura e processi ERP: L area produttiva Copyright 2011 Pearson Italia Obiettivi Funzioni base dei sistemi per il flusso produttivo Trattamento dei processi di definizione

Dettagli

Strategie Funzionali di Manufacturing

Strategie Funzionali di Manufacturing Strategie Funzionali di Manufacturing Metodologie Best Practices Processi Produttivi Le tre classificazioni 1 Strategie per il Manufacturing La strategie di manufacturing sono il collegamento tra strategia

Dettagli

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IMPIANTI INDUSTRIALI. Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it. Andrea Chiarini 1

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IMPIANTI INDUSTRIALI. Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it. Andrea Chiarini 1 IMPIANTI INDUSTRIALI Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it Andrea Chiarini 1 PARTE 5 PIANIFICAZIONE DELLE FASI DI UN PROGETTO Andrea Chiarini 2 PROGETTAZIONE E SVILUPPO DEL PRODOTTO E DEL PROCESSO

Dettagli

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base)

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) ISIPM Base Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) Gruppo B Conoscenze Tecniche e Metodologiche Syllabus da 2.1.1 a 2.7.1 1 Tema: Gestione Ambito del Progetto e Deliverable

Dettagli

Scope Management. IT Project Management. Lezione 3 Scope Management. Monitoring del progetto (Earned Value) Creazione diagrammi Pert/CPM/Gantt

Scope Management. IT Project Management. Lezione 3 Scope Management. Monitoring del progetto (Earned Value) Creazione diagrammi Pert/CPM/Gantt IT Project Management Lezione 3 Scope Management Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Check list del PM Identificare i requisiti del cliente Monitoring del progetto (Earned Value) Identificare i deliverable

Dettagli

Prof. Ferdinando Azzariti

Prof. Ferdinando Azzariti Materiali di Economia e Organizzazione Aziendale, Università di Udine A.A. 2011-12 Prof. Ferdinando Azzariti www.ferdinandoazzariti.com 1 La gestione della produzione La programmazione e il controllo della

Dettagli

IV. TEMPI E RISORSE: STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO

IV. TEMPI E RISORSE: STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO IV. TEMPI E RISORSE: STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Dopo aver affrontato la prima stesura del POP, si deve passare piano al vaglio del committente per avere il via definitivo. Se OK Si procede

Dettagli

GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE

GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE Alta Formazione per il Business Executive master GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE Bologna, 4 maggio 2013 introduzione al Project management a cura del dott. Stefano Soglia Materiale riservato alla

Dettagli

Ingegneria dei sistemi (System Engineering ESA, Systems Engineering - NASA) Appunti schematici

Ingegneria dei sistemi (System Engineering ESA, Systems Engineering - NASA) Appunti schematici Ingegneria dei sistemi (System Engineering ESA, Systems Engineering - NASA) Appunti schematici Riferimenti Testo di riferimento: NASA Systems Engineering Handbook (NASA-SEH) Utili anche i documenti di

Dettagli

Pianificazione reverse

Pianificazione reverse Management Borsette di alta moda Pianificazione reverse Massimiliano Oleotto, Mario Chientaroli - Supply Chain Management senior consultants Gli order winners di Renato Corti, azienda milanese che produce

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

FEAII Impianti Industriali

FEAII Impianti Industriali Politecnico di Milano IV Facoltà di Ingegneria di Milano FEAII Impianti Industriali L impianto e l impresa industriale Contenuto Definizione di impianto La classificazione degli impianti di produzione

Dettagli

Ottava Edizione. Programmazione Aggregata e MPS Prof. Sergio Cavalieri

Ottava Edizione. Programmazione Aggregata e MPS Prof. Sergio Cavalieri Ottava Edizione Programmazione Aggregata e MPS Prof. Sergio Cavalieri Le fasi del processo di PPC 2 Pianificazione di lungo termine Pianificazione aggregata Elaborazione del piano principale di produzione

Dettagli

La Gestione della Produzione

La Gestione della Produzione La Gestione della Produzione Gestione dei sistemi industriali Consiste nel: - predisporre i mezzi ed assumere le decisioni necessarie a realizzare gli obiettivi strategici aziendali - operare scelte tra

Dettagli

Unità Formativa 10.2: Strumenti per la programmazione delle attività.

Unità Formativa 10.2: Strumenti per la programmazione delle attività. Unità Formativa 10.2: Strumenti per la programmazione delle attività. Nella precedente Unità formativa si è fatto cenno ad alcuni strumenti molto diffusi per la programmazione delle attività e, in particolare,

Dettagli

La gestione dei progetti informatici

La gestione dei progetti informatici Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Ingegneria del Software La gestione dei progetti informatici Giulio Destri Ing. del Sw: Gestione - 1 Scopo

Dettagli

Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management. Work Breakdown Structure (WBS) (2) Work Breakdown Structure (WBS) (3)

Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management. Work Breakdown Structure (WBS) (2) Work Breakdown Structure (WBS) (3) Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management Work Breakdown Structure, Organizational Breakdown Structure, GANTT, Pert È una illustrazione (grafica) del progetto che articola il

Dettagli

ing. consuelo rodriguez

ing. consuelo rodriguez TECNICHE DI PROGRAMMAZIONE La ricerca operativa La ricerca operativa può essere considerata una scienza finalizzata allo studio di problemi decisionali. Consiste in un sistema di analisi quantitativo finalizzato

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA PRODUZIONE

TECNICO SUPERIORE PER LA PRODUZIONE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER LA PRODUZIONE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA PROFESSIONALE

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II

Università degli Studi di Napoli Federico II Università degli Studi di Napoli Federico II Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e della Produzione Ph.D. Ing. Mosè Gallo Introduzione La produzione di un bene o l erogazione di in servizio richiede

Dettagli

Introduzionee principali classificazioni

Introduzionee principali classificazioni Introduzionee principali classificazioni Roberto Pinto Dipartimento di Ingegneria Gestionale, dell Informazione e della Produzione (DIGIP) Università di Bergamo Di cosa parliamo in questo corso? Il termine

Dettagli

Modelli dei Sistemi di Produzione Modelli e Algoritmi della Logistica 20010-11

Modelli dei Sistemi di Produzione Modelli e Algoritmi della Logistica 20010-11 Modelli dei Sistemi di Produzione Modelli e Algoritmi della Logistica 20010-11 Project Scheduling: Reti di attività CARLO MANNINO Sapienza Università di Roma Dipartimento di Informatica e Sistemistica

Dettagli

DAL PROGETTO/DESIGN PROGETTO/PROJECT

DAL PROGETTO/DESIGN PROGETTO/PROJECT DAL PROGETTO/DESIGN AL PROGETTO/PROJECT Dal Progetto / Design al Progetto / Project. Il Project Management come strumento per la competitività. Una panoramica su strumenti e tecniche per la gestione efficace

Dettagli

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 LEZIONE LA GESTIONE DEI PROGETTI DOTT. GIUSEPPE IULIANO Indice 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 1.1 La prima fase di impostazione ---------------------------------------------------------------------7

Dettagli

Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base. Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it

Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base. Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it Introduzione Le aziende devono modificare la loro organizzazione per cogliere le nuove

Dettagli

B1 LA PROGETTAZIONE. PROGRAMMA: gruppo di progetti con un obiettivo comune.

B1 LA PROGETTAZIONE. PROGRAMMA: gruppo di progetti con un obiettivo comune. ATTIVITÀ ORDINARIA : operazione svolta periodicamente con obiettivo implicito e tempi, risorse e costi standard (Es.di Attività Ordinaria: buste paga, pagamento fornitori) PROGETTO : ha un obiettivo esplicito

Dettagli

Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico

Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico wwwisipmorg Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico Arch Eugenio Rambaldi Presidente ISIPM Istituto Italiano di Project Management wwwisipmorg Intervento all interno del

Dettagli

di Giancarlo Giannangeli

di Giancarlo Giannangeli Tovaglioli, fazzoletti, carta igienica, rotoli da cucina: il "tissue" in Italia significa Lucca. Per questo a fine giugno la città toscana ospiterà "It's tissue", un'immersione totale nella tecnologia

Dettagli

Dispensa Definizione di Sistema Produttivo

Dispensa Definizione di Sistema Produttivo Dispensa Definizione di Sistema Produttivo 1) Introduzione ai Sistemi Produttivi 1.1 Definizione di Sistema Produttivo In questa prima sezione si vuole dare una visione generale del sistema produttivo,

Dettagli

IEM Gestione Commesse. Integrazione con Microsoft Dynamics NAV. Alberto Raffaldi. Project Manager Soluzioni EDP

IEM Gestione Commesse. Integrazione con Microsoft Dynamics NAV. Alberto Raffaldi. Project Manager Soluzioni EDP IEM Gestione Commesse Alberto Raffaldi Project Manager Soluzioni EDP La commessa La commessa è l attività che l azienda svolge su affidamento del cliente. La realtà produttiva delle aziende che lavorano

Dettagli

Domanda: 1. Domanda: 2. Domanda: 3

Domanda: 1. Domanda: 2. Domanda: 3 Domanda: 1 In un gruppo di progetto si ha uno stato di crisi allorché Esiste una situazione di conflitto in cui non riescono ad essere utili e durature logiche di win-win Esiste una situazione di conflitto

Dettagli

Programmazione didattica 2009. Project Management. Catalogo dei corsi

Programmazione didattica 2009. Project Management. Catalogo dei corsi Programmazione didattica 2009 Project Management Catalogo dei corsi Alta Formazione in Project Management Project Management: principi e criteri organizzativi Metodi e tecniche di avvio ed impostazione

Dettagli

BRESCIA - Via Cefalonia, 38 - Tel. 030-224285 Fax. 030-220548 info@nordcomputers.it www.nordcomputers.it

BRESCIA - Via Cefalonia, 38 - Tel. 030-224285 Fax. 030-220548 info@nordcomputers.it www.nordcomputers.it PROCEDURE SOFTWARE PER LA GESTIIONE DELLE AZIIENDE DII PRODUZIIONE DELLE MACCHIINE IINDUSTRIIALII Macchiine Agriicolle Macchiine Ediillii Macchiine Tessiillii Macchiine Uttensiillii Dalla tracciatura del

Dettagli

Scuola di formazione all Impegno Sociale e Poli5co. Corso di Amministrazione Avanzata DAI PROGRAMMI AI PROGETTI

Scuola di formazione all Impegno Sociale e Poli5co. Corso di Amministrazione Avanzata DAI PROGRAMMI AI PROGETTI Scuola di formazione all Impegno Sociale e Poli5co Strumen5 e Metodi per agire nel Sociale e in Poli5ca DIOCESI DI VERONA Corso di Amministrazione Avanzata DAI PROGRAMMI AI PROGETTI Sabato 12 maggio 2012

Dettagli

Il Project management. Lo sviluppo di attività complesse in un ottica di progetto

Il Project management. Lo sviluppo di attività complesse in un ottica di progetto Il Project management Lo sviluppo di attività complesse in un ottica di progetto Progetto. La nozione Un progetto costituisce un insieme di attività, complesse e interrelate, aventi come fine un obiettivo

Dettagli

COMUNICAZIONE PER IL MANAGEMENT D IMPRESA

COMUNICAZIONE PER IL MANAGEMENT D IMPRESA COMUNICAZIONE PER IL MANAGEMENT D IMPRESA Roma, aprile 2015 Project Management (Prof. A. Rocchi) A cosa si riferisce Diverse sono le problematiche relative alla gestione dei progetti all interno di ogni

Dettagli

Corso di Automazione Industriale 1. Capitolo 1

Corso di Automazione Industriale 1. Capitolo 1 Simona Sacone - DIST Corso di Automazione Industriale 1 Capitolo 1 Livelli decisionali nei processi produttivi Simona Sacone - DIST 2 Introduzione Marketing Livello strategico Design Ufficio commerciale

Dettagli

Modelli di Ottimizzazione

Modelli di Ottimizzazione Capitolo 2 Modelli di Ottimizzazione 2.1 Introduzione In questo capitolo ci occuperemo più nel dettaglio di quei particolari modelli matematici noti come Modelli di Ottimizzazione che rivestono un ruolo

Dettagli

BIBLIOGRAFIA COMMENTATA TESTI DI PROJECT MANAGEMENT

BIBLIOGRAFIA COMMENTATA TESTI DI PROJECT MANAGEMENT BIBLIOGRAFIA COMMENTATA TESTI DI PROJECT MANAGEMENT Commenti ad alcuni dei Testi di riferimento sul Project Management con indicazioni dei principali contenuti ed il loro collegamento con il Manuale delle

Dettagli

PROGRAMMA DI CLASSE 5AI PROFF. A. MION N. CECCON. Organizzazione d impresa. Unità Didattica 1 Economia e Microeconomia

PROGRAMMA DI CLASSE 5AI PROFF. A. MION N. CECCON. Organizzazione d impresa. Unità Didattica 1 Economia e Microeconomia Istituto di Istruzione Superiore Euganeo Istituto tecnico del settore tecnologico Istituto professionale del settore servizi socio-sanitari Istituto professionale del settore industria e artigianato PROGRAMMA

Dettagli

La gestione delle informazioni eccellente

La gestione delle informazioni eccellente La gestione delle informazioni eccellente Le fasi del processo decisionale, gli orizzonti di pianificazione, la verifica del budget nell organizzazione interna e nel rapporto con i fornitori La gestione

Dettagli

Il ciclo di progetto focus su. Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT

Il ciclo di progetto focus su. Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT Il ciclo di progetto focus su Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT analisi periodica e finale di: efficienza, efficacia, impatto atteso, sostenibilità

Dettagli

Obiettivi della Lezione. Project Management. Software Project Management. Che cos è un progetto

Obiettivi della Lezione. Project Management. Software Project Management. Che cos è un progetto Project Management Dott. Andrea F. Abate e-mail: abate@unisa.it Web: http://www.dmi.unisa.it/people/abate Gestione di Progetti Software: Pianificazione delle attività e rappresentazioni grafiche Obiettivi

Dettagli

Argomenti Sponsor Kit

Argomenti Sponsor Kit SPONSOR KIT Indice Argomenti Sponsor Kit Questo documento si propone di presentare agli Sponsor l Evento it s tissue 2015 e le soluzioni di visibilità per gli Sponsor che intendono aderire. Di seguito

Dettagli

Gestire un progetto di introduzione di sistemi informativi di SCM. 1 Marco Bettucci Gestione della produzione II - LIUC

Gestire un progetto di introduzione di sistemi informativi di SCM. 1 Marco Bettucci Gestione della produzione II - LIUC Gestire un progetto di introduzione di sistemi informativi di SCM 1 Che cos è un progetto? Una serie complessa di attività in un intervallo temporale definito... finalizzate al raggiungimento di obiettivi

Dettagli

Corso Base di Project Management 3 giorni (21 ore)

Corso Base di Project Management 3 giorni (21 ore) Corso Base di Project Management 3 giorni (21 ore) Mettere in grado i partecipanti di acquisire la conoscenza della disciplina del project management affinchè essi possano successivamente affrontare e

Dettagli

Il project management: tecniche e strumenti

Il project management: tecniche e strumenti 122109CFC1209_0982a0987.qxd 30-11-2009 8:47 Pagina 982 pianificazione, finanza Il project management: tecniche e strumenti Le fasi: tre momenti fondamentali Fabrizio Bencini Dottore commercialista, Partner

Dettagli

INTRODUZIONE AL PROJECT MANAGEMENT PROJECT PLANNING EDIZIONE 2015

INTRODUZIONE AL PROJECT MANAGEMENT PROJECT PLANNING EDIZIONE 2015 INTRODUZIONE AL PROJECT MANAGEMENT PROJECT PLANNING EDIZIONE 2015 INTRODUZIONE Il Project Management è una competenza manageriale di base, trasversale a tutti i settori. Anche in Italia si sta affermando

Dettagli

Software project management. www.vincenzocalabro.it

Software project management. www.vincenzocalabro.it Software project management Software project management Sono le attività necessarie per assicurare che un prodotto software sia sviluppato rispettando le scadenze fissate rispondendo a determinati standard

Dettagli

ERP: L area produ/va

ERP: L area produ/va ERP: L area produ/va Obie/vi Funzioni base dei sistemi per il flusso produ/vo Tra=amento dei processi di definizione del prodo=o Pianificazione della produzione, sia da un punto vista strategico che operacvo

Dettagli

Corso: La pianificazione e la gestione dei progetti con Microsoft Project 2010 Codice PCSNET: AAAA-0 Cod. Vendor: - Durata: 3

Corso: La pianificazione e la gestione dei progetti con Microsoft Project 2010 Codice PCSNET: AAAA-0 Cod. Vendor: - Durata: 3 Corso: La pianificazione e la gestione dei progetti con Microsoft Project 2010 Codice PCSNET: AAAA-0 Cod. Vendor: - Durata: 3 Obiettivi Alla fine del corso i partecipanti saranno in grado di: Comprendere

Dettagli

Project Management - Pianificazione e Progettazione. Niccolò Cusumano

Project Management - Pianificazione e Progettazione. Niccolò Cusumano Project Management - Pianificazione e Progettazione Niccolò Cusumano Che cos è un PROGETTO? Attività con un inizio e una fine Costituito da un insieme di attività correlate Svolto da un gruppo di persone

Dettagli

Cybertec: High Performance Supply Chain dal 1991

Cybertec: High Performance Supply Chain dal 1991 Cybertec: High Performance Supply Chain dal 1991 Fornisce soluzioni per una Supply Chain ad alte prestazioni e per un'efficace pianificazione della produzione Sede principale a Trieste. Filiali a Milano,

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca. Liceo Tecnologico. Indirizzo Logistica e Trasporti

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca. Liceo Tecnologico. Indirizzo Logistica e Trasporti Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Tecnologico Indicazioni nazionali per i Piani di Studio Personalizzati Obiettivi Specifici di Apprendimento Allegato_C8-LT-08-Logistica

Dettagli

Tipologie di Sistemi di Produzione manifatturiera 11

Tipologie di Sistemi di Produzione manifatturiera 11 Schema generale di flusso logistico SVILUPPO PRODOTTO ACQUISTO MAGAZZINO PROGETTI PROGETTAZIONE APPROVVIGIONAMENTO MAGAZZINO MATERIE PRIME FABBRICAZIONE CLIENTE FINALE MAGAZZINO COMPONENTI ASSEMBLAGGIO

Dettagli

PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DEI LAVORI

PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DEI LAVORI PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DEI LAVORI OBIETTIVI Individuazione delle singole attività elementari Loro organizzazione su differenti livelli di dettaglio Definizione di una struttura di controllo P.D.Patrone,

Dettagli

RESPONSABILE DELLA GESTIONE PROGETTI IN IMPRESA COOPERATIVA

RESPONSABILE DELLA GESTIONE PROGETTI IN IMPRESA COOPERATIVA Corso di Alta Formazione Corso di Alta Formazione RESPONSABILE DELLA GESTIONE PROGETTI IN IMPRESA COOPERATIVA ID. 11673 CATALOGO INTERREGIONALE ALTAFORMAZIONE V Edizione Anno 2013 Ente di formazione In

Dettagli

Introduzione al Project Management

Introduzione al Project Management Introduzione al Project Management Che cos è il project management Gestione di un impresa complessa, unica e di durata determinata rivolta al raggiungimento di un obiettivo chiaro e predefinito mediante

Dettagli

Industrial Equipment Manufacturing. Industrial Equipment Manufacturing per Microsoft Dynamics AX

Industrial Equipment Manufacturing. Industrial Equipment Manufacturing per Microsoft Dynamics AX Industrial Equipment Manufacturing Industrial Equipment Manufacturing per Microsoft Dynamics AX Vantaggi principali ñ Aumento dell efficienza operativa. ñ Integrazione di innovazioni nella produzione.

Dettagli

PSA Project and Service Administration. La soluzione verticale per chi opera su commessa basata su Microsoft Navision

PSA Project and Service Administration. La soluzione verticale per chi opera su commessa basata su Microsoft Navision Project and Service Administration La soluzione verticale per chi opera su commessa basata su Microsoft Navision PSA è una soluzione verticale basata su Microsoft Navision rivolta a tutte quelle imprese

Dettagli

Introduzione. Il Project Management (PM) riguarda il raggiungimento di risultati grazie all ottimizzazione delle risorse esistenti

Introduzione. Il Project Management (PM) riguarda il raggiungimento di risultati grazie all ottimizzazione delle risorse esistenti Università degli Studi di Cagliari D.I.M.C.M. Introduzione Il Proect Management (PM) riguarda il raggiungimento di risultati grazie all ottimizzazione delle risorse esistenti Gestione dei Progetti Prof.

Dettagli

Cybertec: high performance Supply Chain dal 1991

Cybertec: high performance Supply Chain dal 1991 Cybertec: high performance Supply Chain dal 1991 Fondata dall'ing. Kirchner nel 1991 Sede principale a Trieste. Filiali a Milano, Bologna, Padova e Udine Fornisce soluzioni per una Supply Chain ad alte

Dettagli

Lo sviluppo del progetto di un parco fotovoltaico

Lo sviluppo del progetto di un parco fotovoltaico Roberto Udali Resp. Ufficio Tecnico FORGREEN SpA Lo sviluppo del progetto di un parco fotovoltaico Roberto Udali 15 Aprile 2011 ForGreen Spa Viale del Lavoro, 33 37135 Verona forgreen.it ...allora cominciamo

Dettagli

www.plannet.it La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain

www.plannet.it La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain - VANTAGGI L introduzione della soluzione software COMPASS e la contemporanea realizzazione di cambiamenti di carattere organizzativo

Dettagli

Stima dell'effort. IT Project Management. Lezione 6 Stima dell effort Federica Spiga. Monitoring del progetto (Earned Value)

Stima dell'effort. IT Project Management. Lezione 6 Stima dell effort Federica Spiga. Monitoring del progetto (Earned Value) IT Project Management Lezione 6 Stima dell effort Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Check list del PM Identificare i requisiti del cliente Monitoring del progetto (Earned Value) Identificare i deliverable

Dettagli

Pianificazione e controllo produttivo in un contesto in continua evoluzione

Pianificazione e controllo produttivo in un contesto in continua evoluzione Pianificazione e controllo produttivo in un contesto in continua evoluzione Michelangelo Ingrassia Responsabile Soluzioni Aziendali Hub Nord Ovest m.ingrassia@teamsystem.com Diamo forma al cambiamento

Dettagli

Dalla storia antica ai tempi moderni

Dalla storia antica ai tempi moderni Dalla storia antica ai tempi moderni Il termine project management oggi ampiamente diffuso nel mondo dell ICT (Information and Communication Technologies) fa, da sempre, riferimento alla organizzazione

Dettagli

I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione :

I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione : Il Project Management nelle Aziende Sanitarie Tipologie di progetti nelle ASL-AOAO I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione

Dettagli

I processi produttivi per la fabbricazione della carta

I processi produttivi per la fabbricazione della carta I processi produttivi per la fabbricazione della carta Sintesi delle principali fasi di produzione per l ottenimenrto di alcune tipologie di materiale cartaceo Paolo Zaninelli Scuola Interregionale Cartaria

Dettagli

3. SOFTWARE MANAGEMENT

3. SOFTWARE MANAGEMENT 3. SOFTWARE MANAGEMENT Introdurre caratteristiche e problematiche della direzione di progetto software (software management) Discutere la pianificazione di un progetto e la temporizzazione (scheduling)

Dettagli

Lean Accounting: perché i costi standard di prodotto non servono? Di Alberto Canepari, partner di Considi

Lean Accounting: perché i costi standard di prodotto non servono? Di Alberto Canepari, partner di Considi Lean Accounting: perché i costi standard di prodotto non servono? Di Alberto Canepari, partner di Considi ABSTRACT In questo articolo viene presentato un nuovo modo di prendere decisioni in azienda senza

Dettagli

Il Progetto e il Project Management

Il Progetto e il Project Management Il Progetto e il Project Management Metodologie di Specifica del Software Per contattare il docente Dr. Anna Rita Laurenzi email: annarita.laurenzi@insiel.it cell.+39 3356368206 Agenda Progetto e Project

Dettagli

Project Management e Controllo del Progetto - di Stefano Orlandi (*)

Project Management e Controllo del Progetto - di Stefano Orlandi (*) a cura di - Coordinatore della Sezione Quadri Project Management e Controllo del Progetto - di Stefano Orlandi (*) L implementazione di un sistema di Project Management all interno della propria organizzazione

Dettagli

Realizzare un Progetto Informatico

Realizzare un Progetto Informatico ISTITUTO TECNICO QUINTO ANNO Realizzare un Progetto Informatico GIORGIO PORCU www.thegiorgio.it Sommario Pianificazione Aspetti della pianificazione WBS (Work Breakdown Structure) Diagramma PERT Diagramma

Dettagli

GPM Galileo Project Management

GPM Galileo Project Management Sanmarco Informatica - Knowledge Company presenta: GPM Galileo Project Management Convegno PMI-NIC Novembre 2010 PMI-NIC - Tutti i diritti riservati La Sanmarco Informatica Conoscenza, consapevolezza,

Dettagli

CAPITOLO TERZO: CONTESTI APPLICATIVI DELLE DISTINTE DI PIANIFICAZIONE

CAPITOLO TERZO: CONTESTI APPLICATIVI DELLE DISTINTE DI PIANIFICAZIONE CAPITOLO TERZO: CONTESTI ALICATIVI DELLE DISTINTE DI PIANIFICAZIONE 27 VARIABILE 1: DIFFERENZIAZIONE TRA / / Livello di dettaglio dell'oggetto di pianificazione finiti (configurazioni finali) /sottoassiemi

Dettagli

Un approccio sistemico alla gestione dei progetti: dalle strategie al project management

Un approccio sistemico alla gestione dei progetti: dalle strategie al project management isedi_indice_cantamessa 27-04-2007 9:25 Pagina V Indice XI Prefazione XIII Premessa XVII Introduzione Un approccio sistemico alla gestione dei progetti: dalle strategie al project management PARTE I Aspetti

Dettagli

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (1^ parte)

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (1^ parte) Paolo Mazzoni 2011. E' ammessa la riproduzione per scopi di ricerca e didattici se viene citata la fonte completa nella seguente formula: "di Paolo Mazzoni, www.paolomazzoni.it, (c) 2011". Non sono ammesse

Dettagli

Dirigere con successo un impresa del settore edile. Corso executive di alta formazione in gestione aziendale

Dirigere con successo un impresa del settore edile. Corso executive di alta formazione in gestione aziendale Dirigere con successo un impresa del settore edile Corso executive di alta formazione in gestione aziendale ITALSOFT GROUP per la formazione degli imprenditori del settore edile Il settore dell edilizia

Dettagli

Schedulatore di Job Release 4.0

Schedulatore di Job Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Schedulatore di Job Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati. Questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright.

Dettagli

Specialisti della Supply Chain

Specialisti della Supply Chain Specialisti della Supply Chain Link Management Srl Via S. Francesco, 32-35010 Limena (PD) Tel. 049 8848336 - Fax 049 8843546 www.linkmanagement.it - info@linkmanagement.it Analisi dei Processi Decisionali

Dettagli

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI Proposte formative Un team di esperti in progettazione formativa è a disposizione per lo sviluppo di soluzioni personalizzate e la realizzazione di percorsi costruiti intorno alle esigenze di ciascuna

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT CORSI DI ALTA FORMAZIONE MANAGEMENT.LUM.IT IPMA EDUCATION E REGISTRATION. Project Management Base. Project Management Avanzato

PROJECT MANAGEMENT CORSI DI ALTA FORMAZIONE MANAGEMENT.LUM.IT IPMA EDUCATION E REGISTRATION. Project Management Base. Project Management Avanzato PROJECT MANAGEMENT CORSI DI ALTA FORMAZIONE A.A. 2013-2014 MANAGEMENT.LUM.IT IPMA EDUCATION E REGISTRATION Project Management Base Project Management Avanzato PROJECT MANAGEMENT PREMESSA Il Project Management

Dettagli

Sviluppo e Gestione Progetti. docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it

Sviluppo e Gestione Progetti. docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it Sviluppo e Gestione Progetti docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it Struttura del corso - ID CONTENUTI TEORIA PROJ. WORK DATA WORK SHOP Conoscenza dei principi di base, metodi e tecniche

Dettagli

Il Project Management. Dott.ssa Alessia Sozio

Il Project Management. Dott.ssa Alessia Sozio Il Project Management Dott.ssa Alessia Sozio PROJECT Un insieme di persone e di altre risorse temporaneamente riunite per raggiungere uno specifico obbiettivo, di solito con un budget determinato ed entro

Dettagli

Ottava Edizione. La Programmazione e Controllo della Produzione Prof. Sergio Cavalieri

Ottava Edizione. La Programmazione e Controllo della Produzione Prof. Sergio Cavalieri Ottava Edizione La e Controllo della Produzione Prof. Sergio Cavalieri e Controllo di Produzione : compiti 2 Rendere disponibili le informazioni necessarie per: Gestire in modo efficiente ed efficace il

Dettagli

Project Manager. Funzioni ed attività di un ruolo strategico. e-academy Milano, 20 Ottobre 2005

Project Manager. Funzioni ed attività di un ruolo strategico. e-academy Milano, 20 Ottobre 2005 Project Manager Funzioni ed attività di un ruolo strategico e-academy Milano, 20 Ottobre 2005 Mentis innovazione e strategia Mentis crea strumenti innovativi per Aziende che vogliono sfruttare appieno

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1

Introduzione. Capitolo 1 Capitolo 1 Introduzione Che cos è un azienda lean? Sono molte, al giorno d oggi, le imprese che stanno trasformandosi in azienda lean, convertendo i loro sistemi di produzione di massa ormai obsoleti in

Dettagli

La Gestione del progetto

La Gestione del progetto Il Laboratorio e la Professione La Gestione del progetto Padova 25-26 settembre 2009 M. Iside Bruschi REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO Il Project Management è un sistema che utilizza ed applica conoscenze

Dettagli

SIMCO E LA SIMULAZIONE

SIMCO E LA SIMULAZIONE SIMCO E LA SIMULAZIONE: Chi non vorrebbe avere la possibilità di sperimentare il differente comportamento di tutte le alternative di progetto prima di averle realizzate, per identificare la combinazione

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. Project Planning. Syllabus

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. Project Planning. Syllabus EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE Project Planning Syllabus Scopo Questo documento presenta il syllabus di ECDL Standard Project Planning. Il syllabus descrive, attraverso i risultati del processo di apprendimento,

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca. Liceo Tecnologico. Indirizzo Elettrico Elettronico

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca. Liceo Tecnologico. Indirizzo Elettrico Elettronico Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Tecnologico Indicazioni nazionali per i Piani di Studio Personalizzati Obiettivi Specifici di Apprendimento Allegato_C8-LT-02-Elettrico

Dettagli