IL PROGETTO HUSH: INTEGRAZIONE FRA I PIANI D AZIONE, DI RISANAMENTO E DI CONTENIMENTO DEL RUMORE IN CITTA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL PROGETTO HUSH: INTEGRAZIONE FRA I PIANI D AZIONE, DI RISANAMENTO E DI CONTENIMENTO DEL RUMORE IN CITTA"

Transcript

1 IL PROGETTO HUSH: INTEGRAZIONE FRA I PIANI D AZIONE, DI RISANAMENTO E DI CONTENIMENTO DEL RUMORE IN CITTA Sergio Luzzi 1 Raffaella Bellomini 1 Francesco Borchi 2 Monica Carfagni 2 1 Vie En.Ro.Se. Ingegneria, 2 DMTI, Università di, SOMMARIO Gli autori di questa memoria hanno coordinato negli ultimi due anni le attività di stesura del Piano Comunale di Risanamento Acustico del e del Piano d Azione Strategico dell agglomerato di. Dal gennaio 2010 partecipano, con il ruolo di direzione tecnica, al progetto HUSH (Harmonization of Urban noise reduction Strategies for Homogeneous action plans) finanziato dall Unione Europea e sviluppato dal, insieme a Vie En.Ro.Se. Ingegneria, Università di, ISPRA e ARPAT con il supporto internazionale del Network Eurocities. Il progetto ha lo scopo di armonizzare i disposti dei tre decreti che riguardano il risanamento acustico delle aree urbane attualmente presenti nel sistema legislativo italiano, fornendo un contributo importante alla normativa comunitaria sulle metodologie di integrazione fra i piani nei paesi con legislazione acustica preesistente al recepimento della END, un argomento che rappresenta una criticità attuativa della Direttiva stessa e che non è stato finora ben affrontato e risolto. In questa memoria sono riportati i risultati delle azioni di HUSH svolte nei primi dieci mesi del 2010 e lo stato di avanzamento generale delle attività previste dal progetto. IL PROGETTO HUSH LIFE+ è uno strumento finanziario istituito dall Unione Europea nel 1992 a sostegno delle politiche ambientali. Esso, attraverso la forma del cofinanziamento, ha lo scopo di incentivare l elaborazione e di favorire la realizzazione di progetti che offrano nuove soluzioni ai problemi ambientali dell Unione e degli stati membri. Il progetto HUSH, presentato dal, insieme alla società di ingegneria Vie En.Ro.Se. di, al Dipartimento di Meccanica e Tecnologie Industriali dell Università di e agli enti di riferimento del sistema agenziale nazionale (ISPRA) e regionale (ARPA Toscana) è risultato uno dei 39 progetti LIFE+2008 che hanno ricevuto il cofinanziamento dalla UE. E stato selezionato fra più di 600 proposte presentate alla UE da parte di raggruppamenti di soggetti pubblici e privati, per il tramite degli stati membri, in quanto ritenuto in grado di contribuire allo sviluppo di tecniche e metodi innovativi nel settore ambientale. L acronimo HUSH significa Harmonization of Urban noise reduction Strategies for Homogeneous action plans e identifica un progetto di durata triennale il cui obiettivo generale è l armonizzazione dei disposti legislativi nazionali in materia di controllo e gestione del rumore ambientale con quelli contenuti nella direttiva 2002/49/EC, facendo riferimento a strategie e interventi sperimentati in casi studio della città di e confrontati con le esperienze delle città europee che fanno parte del network Eurocities e, al suo interno, del Working Group Noise. Le attività programmate hanno avuto inizio il 1 gennaio Nei paragrafi seguenti, dopo una descrizione della struttura e dell articolazione del progetto, si presentano i primi risultati delle attività.

2 STRUTTURA E ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO L obiettivo generale del progetto ovvero l armonizzazione delle strategie per la pianificazione del contenimento e del controllo del rumore in ambito urbano, si può pensare costituito da una serie di obiettivi specifici, da cui deriva la strutturazione operativa del progetto in tre macro-fasi. Fase A - destinata al confronto e all analisi della normativa regionale, nazionale ed europea. L obiettivo è individuare e risolvere eventuali contraddizioni normative e proporre procedure e soluzioni efficienti, capaci di rispondere alle richieste delle varie normative, non sempre coerenti tra loro, finalizzate al risanamento acustico. Fase B destinata alla definizione di un nuovo sistema di raccolta dei dati ed elaborazione delle procedure per la realizzazione dei Piani d'azione previsti dalla direttiva europea 2002/49/EC in modo integrato e armonizzato con gli altri strumenti di gestione del territorio e di controllo e miglioramento del clima acustico. Fase C destinata alla sperimentazione sul territorio in due scenari campione delle metodologie sviluppate. A partire dal modello applicato a due ambiti territoriali dell agglomerato di, si giungerà a proporre una metodologia generale adattabile ai diversi contesti urbani europei, fornendo un contributo all aggiornamento della legislazione nazionale e comunitaria. Da questa impostazione strutturale deriva l articolazione del progetto HUSH che comprende 22 azioni, per ciascuna delle quali è stato individuato un responsabile tra i partner. Nella tabella 1 si riporta l elenco delle azioni e una sintesi degli obiettivi specifici e delle attività caratteristiche di ciascuna di esse. AZIONE OBIETTIVI E ATTIVITÀ PARTNER Definizione del quadro di riferimento: raccolta basi di dati utilizzate per la redazione del Piano d Azione di, compresi gli interventi pianificati o già realizzati dai gestori delle infrastrutture. Confronto dei database e inserimento dei dati in un unico database territoriale GIS. Raccolta informazioni per la creazione della piattaforma di lavoro. Confronto fra i dati di base e i metodi utilizzati per l ottemperanza ai disposti delle diverse norme che regolano le mappature del rumore e l identificazione delle criticità acustiche da parte di città italiane e europee. Raccolta di tutta la normativa nazionale e europea in materia. Identificazione e catalogazione degli aspetti di criticità e definizione di un indicatore che enumeri i conflitti fra le norme italiane e quelle europee. Raccolta di tutta la normativa regionale in materia. Identificazione e catalogazione degli aspetti di criticità e definizione di un indicatore che enumeri i conflitti fra le norme regionali e nazionali. Raccolta e catalogazione delle soluzioni progettuali per il risanamento acustico in ambito urbano e dei dati relativi alla loro efficacia, realizzate da città italiane e europee. Esame dei conflitti fra le diverse normative europea / nazionale / regionali; loro riorganizzazione e proposta di soluzioni metodologiche per lo sviluppo di procedure armonizzate per la redazione dei Piani d Azione. Verifica di fattibilità delle soluzioni metodologiche proposte. Costruzione del sistema GIS; inserimento al suo interno dei dati e delle procedure raccolte nelle precedenti azioni. Scelta dei casi pilota e definizione dei criteri di acquisizione delle informazioni acustiche e non acustiche. DMTI Università di ISPRA ARPAT Vie En.Ro.Se. ISPRA DMTI Università di 8 Effettuazione di campagne di misura ante operam nelle aree pilota. ARPAT 9 Progettazione acustica e civile di interventi diretti e strategici nelle aree pilota. 10 Acquisizione di dati di tipo non acustico nelle aree pilota considerate; in particolare saranno raccolti dati legati alle aspettative e all espressione dei bisogni dei cittadini (situazione ante operam). Vie En.Ro.Se.

3 AZIONE OBIETTIVI E ATTIVITÀ PARTNER 11 Sviluppo di una metodologia riguardante soluzioni strategiche per la riduzione del rumore generato da traffico stradale. Realizzazione di un modello di traffico per testare gli effetti di riduzione del rumore in scenari rappresentanti condizioni di traffico diverse. 12 Realizzazione delle soluzioni progettate negli scenari pilota Supervisione tecnica in fase di realizzazione degli interventi ed eventuali adattamenti del progetto in corso d opera. Acquisizione di dati di tipo non acustico nelle aree pilota considerate; in particolare saranno raccolti dati legati alle aspettative e all espressione dei bisogni dei cittadini (situazione post operam) ISPRA Vie En.Ro.Se. 15 Effettuazione di campagne di misura post operam nelle aree pilota. ARPAT Ottimizzazione e valutazione di tutto il sistema. In particolare, l ottimizzazione del sistema e delle procedure in relazione ai dati sperimentali ottenuti nei casi pilota sarà effettuata sulla base degli indicatori definiti nelle precedenti azioni. Proposta di revisione della Legge nazionale e della Direttiva europea nell ottica dell armonizzazione delle attività di pianificazione e della definizione di limiti comuni. Produzione di una Linea Guida che supporti la definizione di una piattaforma di lavoro comune per la redazione dei Piani d Azione. Proposta di revisione della legge regionale, con il fine di armonizzarla con le procedure per la produzione dei Piani d Azione, e di definire valori limite comuni. 19 Disseminazione dei risultati del progetto 20 Monitoraggio del progetto 21 Project Management generale 22 Project Management tecnico Tabella 1: Elenco Azioni DMTI Università di ISPRA ARPAT Vie En.Ro.Se. Una possibile agenda sintetica del progetto HUSH si può derivare dall esame delle milestones e del cronoprogramma, di seguito riportati, rispettivamente, in tabella 2 e in figura 1. Name of the Milestone Code of the associated action Deadline General data collection 1 30/03/2010 Data collection to design work platform 2 30/03/2010 Detection and classification of normative conflicts between National 3 30/03/2010 and European laws Detection and classification of normative conflicts between Regional 4 30/03/2010 and National laws Data collection of noise reduction measures 5 30/03/2010 Detection of methodological conflict solutions 6 30/06/2010 Website construction and test 19 30/06/2010 System (database and procedure) definition 7 30/09/2010 Criteria definition to choice pilot areas and procedures for system 7 30/09/2010 testing Analysis of strategic interventions 11 30/09/2010 Ante-operam noise measurement campaign 8 31/12/2010 Ante-operam non-acoustic data acquisition 10 31/12/2010 Acoustic and civil design of direct interventions 9 30/03/2011 Execution of direct interventions 12 31/12/2011

4 Name of the Milestone Code of the associated action Deadline In progress control of intervention execution 13 31/12/2011 Post-operam non-acoustic data acquisition 14 30/04/2012 Post-operam noise measurement campaign 15 30/04/2012 System (database and procedure) optimization 16 30/05/2012 Proposal for revision of both Italian Legislation and END Directive 17 30/06/2012 Proposal for revision of Regional Legislation 18 30/06/2012 Dissemination 19 31/12/2012 Monitoring 20 31/12/2012 Project Management 21 31/12/2012 Technical Project Management 22 31/12/2011 Tabella 2: Milestones del progetto HUSH Figura 1: Cronoprogramma del progetto HUSH STATO DI AVANZAMENTO DEL PROGETTO In questi primi dieci mesi di attività si sono sviluppate le prime azioni, finalizzate all organizzazione e alla realizzazione di una banca dati per riunire e mettere a confronto in un unico sistema informativo territoriale GIS (Geographical Information System) i dati della mappatura acustica, le aree critiche, le aree quiete e gli interventi proposti per il risanamento e miglioramento del clima acustico: a partire da quanto già acquisito dal per il proprio Piano di Azione per l abbattimento del rumore e per la stesura del Piano di risanamento acustico, ai dati sulla riduzione attesa del rumore dei trasporti conseguente alle azioni previste dai gestori delle infrastrutture nei propri Piani di Contenimento del rumore.

5 Dallo studio del territorio si sono individuati due ambiti per la realizzazione degli interventi pilota: l area acusticamente critica di Brozzi-Quaracchi, ove insistono e forniscono contributi concorsuali sorgenti infrastrutturali importanti (aeroporto, autostrada, ferrovia) e la direttrice di via Reginaldo Giuliani con particolare attenzione all'area di localizzazione del plesso scolastico Don Minzoni. Ci si attende che la realizzazione di una pianificazione e progettazione integrata delle soluzioni, determini un processo di progressiva ottimizzazione degli interventi, che trovando applicazione su vasta scala comporti significativi abbattimenti dei costi complessivi. Nel seguito si riportano le attività svolte nelle azioni già completate o in corso di attuazione. Azione 1 Le principali attività svolte in questa azione riguardano: 1. raccolta delle basi di dati utilizzate per la realizzazione del Piano d Azione e del Piano di Risanamento già sviluppati dal, nonché dei Piani di Contenimento e di abbattimento del rumore prodotti dai gestori di trasporto pubblico, con particolare riferimento alle azioni di risanamento programmate. 2. confronto di tutte le basi di dati e inserimento in un unico Sistema Informativo Geografico (GIS) al fine di definire una mappatura complessiva del rumore dell intera area di interesse del progetto H.U.S.H. 3. Trasmissione ai partner responsabili delle azioni 2 e 7 di una lista di situazioni di particolare criticità acustica (dovuta alla contemporanea presenza di sorgenti concorrenti o alla presenza di particolari ricettori sensibili), fra cui sulla base dei criteri e della metodologia da definire nelle azioni 2 e 7 selezionare i siti dove realizzare gli interventi pilota. Azione 2 Le principali attività svolte in questa azione sono state finalizzate alla raccolta, analisi e confronto delle basi di dati disponibili sia a livello italiano che europeo per ottemperare ai disposti: - del D.M. 29/11/2000, per la predisposizione, da parte delle società e degli enti gestori dei servizi pubblici di trasporto o delle relative infrastrutture, dei piani degli interventi di contenimento e abbattimento del rumore; - della L.447/95 e dei suoi decreti attuativi a livello nazionale e regionale per la predisposizione dei Piani di Risanamento Acustico; - del D.Lgs. 194/2005 di recepimento della Direttiva 49/2002/CE, per la predisposizione delle Mappature acustiche strategiche e dei Piani d Azione. La raccolta delle informazioni è stata realizzata attraverso: una ricerca in letteratura; l acquisizione dei dati forniti dal ; la predisposizione e somministrazione di una apposita checklist alle città europee che afferiscono al Network Eurocities. Secondo la procedura proposta e i dati raccolti, si sono potute evidenziare le criticità relative alle strutture delle basi di dati; le otto criticità principali sono state trattate con uno specifico indice DIPC (Indice di incoerenza delle basi di dati e conflitti procedurali). Azione 3 In questa azione si sono evidenziati gli aspetti di criticità e conflittualità fra le leggi e le normative Italiane e Europee in materia di pianificazione e gestione dell inquinamento acustico, con particolare riferimento ai Piani di gestione del rumore. La procedura utilizzata ha portato all identificazione e classificazione dei diversi tipi di collegamento fra i sistemi normativi, in termini di complementarietà, sovrapposizioni, conflitti e aspetti di criticità. Dal confronto relativo ai diversi livelli di congruità fra i sistemi si è stabilito criterio di valutazione definito come NCNE (numero dei conflitti fra i sistemi normativi nazionali ed Europei. L analisi ha permesso di identificare un livello di

6 priorità per l armonizzazione degli aspetti critici evidenziati, soprattutto al fine di evitare una stagnazione nel processo di implementazione della Direttiva END. Azione 4 Obiettivo di questa azione è stato l evidenziazione e la classificazione dei conflitti normativi fra i sistemi nazionali e regionali, con riferimento alla Regione Toscana. A partire da una fase di analisi approfondita dei sistemi, si sono evidenziati gli aspetti di problematicità di integrazione e classificati, secondo la gravità degli effetti che possono determinare (arresto o rallentamento del processo di valutazione e controllo o più semplicemente incertezza semantica), in tre categorie: Gravi, Importanti, Leggeri. Attraverso un apposito indicatore NECRN (numero di effetti causati dai conflitti fra le norme nazionali e regionali) si sono evidenziate una serie di incoerenze semantiche e un solo problema da definire Grave, collegato ad una sovrapposizione di competenze fra Regione Toscana e Ministero dell Ambiente che ha causato un blocco temporaneo dei lavori di risanamento acustico previsti dal Piano di Contenimento della Rete Ferroviaria Italiana RFI. Azione 5 In questa azione si è svolta l attività di raccolta, catalogazione e analisi delle soluzioni per il risanamento acustico in area urbana già sperimentate a livello italiano ed europeo. L obiettivo è quello di una valutazione costi benefici degli interventi effettivamente realizzati, così come dei programmi di mantenimento degli interventi e dei relativi costi. Per la raccolta delle informazioni, che ha riguardato circa 20 città italiane e 10 città europee, oltre ad una approfondita fase di ricerca di letteratura, è stata predisposta una apposita checklist contenente le seguenti richieste di informazioni: - Tipologia di intervento (intervento sulla sorgente, sui cammini di propagazione sorgente/ricettore, sull edificio, interventi di tipo strategico). - Campo di applicazione (situazione di impiego tipica dell intervento descritto). - Efficacia (stimata in fase di progetto esecutivo o misurata in fase di collaudo) in termini di riduzione del rumore ottenuta grazie all intervento (espressa in [db(a)]). - Costi unitari dell intervento. Allo scopo di rendere disponibili, confrontabili e realmente fruibili i dati raccolti e di consentire un loro utilizzo per la programmazione delle attività di risanamento, le informazioni raccolte sono state sintetizzate in tabelle dove le diverse tipologie di interventi sono descritte, anche in relazione al loro campo di intervento tipico (e di ottimizzazione costi / benefici), e i costi unitari corrispondenti sono stati calcolati, insieme con il beneficio medio stimato. Azione 6 Obiettivo di questa azione è l identificazione delle soluzioni metodologiche dei conflitti normativi emersi durante la precedente fase di analisi. I diversi tipi di conflitto sono stati strutturati in 8 Macro Aree (Definizione generale livelli di progettazione conversione dei valori limite adozione di modelli di calcolo tecniche di misura informazione e partecipazione del pubblico identificazione di aree critiche e aree quiete), a cui appartengono aspetti di criticità con caratteristiche simili, e che pertanto possono prevedere soluzioni coerenti. Per la soluzione di questi aspetti di criticità sono state avanzate una serie di proposte metodologiche organizzate in tools di armonizzazione da poter essere applicati o singolarmente o in unità in modo organico. Alcune soluzioni sono prettamente legali, altre si traducono in processi più concreti, alcune possono prevedere lunghi processi e più tempo mentre altre sono ideali per la fase di sperimentazione.

7 a 3 Giornata di Studio sull Acustica Ambientale Arenzano 29 ottobre 2010 Azioni in progress: 7, 8, 10, 11, 22 Queste azioni sono attualmente in progress, e riguardano la fase operativa e realizzativa dei casi pilota. Nelle aree identificate come aree di studio (azione 7) sono attualmente in corso i monitoraggi del rumore e dei flussi di traffico (azione 8), le indagini di tipo non acustico (azione 10) e lo studio trasportistico nell ambito della definizione dei possibili interventi di tipo strategico (azione 11); il collegamento fra queste attività viene garantito dal Technical PM del progetto (azione 22). Nelle figure seguenti si riportano alcune immagini delle aree campione scelte. Figura 2: Ambito sperimentale di HUSH Area Scuola Don Minzoni Figura 3: Ambito sperimentale di HUSH Area Brozzi-Quaracchi

8 CONCLUSIONI Il problema di armonizzare gli adempimenti previsti dalla Direttiva 2002/49/EC con la normativa nazionale relativamente alle strategie di pianificazione del risanamento acustico e del controllo del rumore in ambito urbano sarà uno dei temi principali della prossima revisione della direttiva e costituisce un problema da risolvere per le amministrazioni degli agglomerati urbani che appartengono agli stati membri ove esiste una legislazione preesistente al recepimento della direttiva. L armonizzazione dei piani, oggetto del progetto HUSH può portare a una soluzione omogenea dal punto di vista tecnico e a un notevole risparmio in termini di costi di progettazione degli interventi e di definizione delle strategie generali. Già nei primi mesi di implementazione delle azioni previste dal progetto HUSH si è prestata particolare attenzione all impiego di metodologie di analisi e progettazione acustica dedicata all attenuazione del rumore ma anche al miglioramento della qualità acustica delle aree, con particolare riferimento alla percezione e alla definizione del disturbo da rumore da parte dei cittadini, soprattutto nei contesti più sensibili quali le aree che interessano scuole ed ospedali. Gli interventi strategici previsti per la riduzione del rumore in città vengono quindi progettati per essere poi sottoposti sia a verifiche di efficacia acustica che a verifiche sulla soddisfazione da parte dei cittadini. L insieme delle metodologie elaborate e sperimentate andrà a costituire la base tecnica per la definizione di linee guida nazionali e per un tavolo di discussione a livello europeo, destinato ad elaborare nuovi standard e regole di compatibilità fra i diversi strumenti di pianificazione territoriale riguardanti l inquinamento acustico e la qualità sonora delle aree urbane. BIBLIOGRAFIA 1. Directive 2002/49/EC of the European Parliament relating to the assessment and management of environmental noise. Official Journal of the European Communities L 189/12, D.Lgs. 19 agosto 2005 n. 194 Attuazione della direttiva 2002/49/CE relativa alla determinazione e alla gestione del rumore ambientale 3. HARMONOISE Project - Harmonised, Accurate and Reliable Methods for the EU Directive on the Assessment and Management of Environmental Noise 4. IMAGINE Project - Improved Methods for the Assessment of the Generic Impact of Noise in the Environment, 6th Framework Programme of the European Community 5. CALM II Project - Coordination of European Research for Advanced Transport Noise Mitigation, 6th Framework Programme of the European Community 6. QCITY Project - Research, technological development and implementation of innovative concepts for quieter cities, 6th Framework Programme of the European Community 7. SILENCE Project Progetto di ricerca finanziato dal 6th Framework Programme of the European Community 8. Working Document Working Group Noise EUROCITIES Evaluation of the Environmental Noise Directive, Night noise guidance WHO, Green Paper on Future Noise, Towards a new culture for Urban Mobility, COM 2007/55, European Commission, Noise Questionnaire EUROCITIES Florence City Council Strategic Action Plan, H. Wolfert Noise in cities: general approach and European network solutions in Proceedings of European strategies for noise reduction and management, S. Luzzi Strategies for integration of noise plans in Proceedings of European strategies for noise reduction and management, Florence City Council Strategic Action Plan, 2009

9 16. R. Bellomini et al. Dalle mappature acustiche strategiche ai piani d azione: Aspetti problematici e soluzioni in Proceedings of 36 C ongress Italian Society of Acoustics (AIA), H. Wolfert Cities cannot solve their noise problems solitairly in Proceedings of NAG-DAGA Congress, S. Luzzi, R. Bellomini Harmonised Strategies for the Development of Noise Action Plans, in Proceedings of NAG-DAGA Congress, A. Melloni H.U.S.H.: un progetto finanziato Life+ per l armonizzazione delle strategie per la riduzione del rumore in area urbana e l elaborazione di piani d azione in Proceedings of 37 Congress Italian Society of Acoustics (AIA), S. Luzzi, R. Bellomini Harmonization Of Action Plans And Noise Reduction Plans: The Hush Project, in Proceedings of Inter-Noise Congress, F. Borchi, M. Carfagni The H.U.S.H. project - the geographical data platform for city noise action planning in Proceedings of 20th International Congress on Acoustics, ICA 2010 Agosto R. Bellomini, S. Luzzi, The H.U.S.H. project - database of noise reduction measures for city noise action planning in Proceedings of 20th International Congress on Acoustics, ICA 2010 Agosto 2010.

HUSH project Harmonization of Urban noise reduction Strategies for Homogeneous action plans

HUSH project Harmonization of Urban noise reduction Strategies for Homogeneous action plans HUSH project Harmonization of Urban noise reduction Strategies for Homogeneous action plans AFTER LIFE COMMUNICATION PLAN With the contribution of the LIFE financial instrument of the European Community

Dettagli

D.Lgs.194/05 - MAPPATURA ACUSTICA DELLE INFRASTRUTTURE DI TRASPORTO STRADALE - TORINO -

D.Lgs.194/05 - MAPPATURA ACUSTICA DELLE INFRASTRUTTURE DI TRASPORTO STRADALE - TORINO - RIF. NORMATIVO OBIETTIVO DEL LAVORO D.Lgs.194/05 - MAPPATURA ACUSTICA DELLE INFRASTRUTTURE DI TRASPORTO STRADALE - TORINO - NAZIONE ITALIA note TIPOLOGIA DI LAVORO Mappatura Acustica x Piano d'azione Pino

Dettagli

L ATTENZIONE DELL EUROPA AI PROGETTI DI RIQUALIFICAZIONE ACUSTICA E AMBIENTALE DELLE AREE URBANE: IL CASO DEI PROGETTI LIFE+ HUSH E QUADMAP

L ATTENZIONE DELL EUROPA AI PROGETTI DI RIQUALIFICAZIONE ACUSTICA E AMBIENTALE DELLE AREE URBANE: IL CASO DEI PROGETTI LIFE+ HUSH E QUADMAP L ATTENZIONE DELL EUROPA AI PROGETTI DI RIQUALIFICAZIONE ACUSTICA E AMBIENTALE DELLE AREE URBANE: IL CASO DEI PROGETTI LIFE+ HUSH E QUADMAP Raffaella Bellomini 1, Francesco Borchi 2, Sergio Luzzi 3, Monica

Dettagli

Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte

Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte Preparato da Fulvio Bartolucci Area Sicurezza&Ambiente Data 11 Giugno 2002 Sommario 1. Premessa 2 2. Riferimenti normativi 2 3. Definizioni 4 3.1 Le Zone

Dettagli

Mappatura acustica, piano d'azione e climi acustici nella Città di Torino

Mappatura acustica, piano d'azione e climi acustici nella Città di Torino L inquinamento acustico a Torino: analisi, soluzioni e problematiche aperte Mappatura acustica, piano d'azione e climi acustici nella Città di Torino ing. Manuela Santa Area Ambiente Servizio Adempimenti

Dettagli

CATEGORIE DI ATTIVITA CONSULENZE IN PROCEDIMENTI GIUDIZIARI 4.0 BONIFICA ACUSTICA/ PROGETTAZIONE ACUSTICA

CATEGORIE DI ATTIVITA CONSULENZE IN PROCEDIMENTI GIUDIZIARI 4.0 BONIFICA ACUSTICA/ PROGETTAZIONE ACUSTICA 1. Tabella delle categorie di attività CATEGORIE DI ATTIVITA MISURE RELAZIONI TECNICHE REQUISITI ACUSTICI DELLE SORGENTI SONORE NEI LUOGHI DI INTRATTENIMENTO DANZANTE E DI PUBBLICO SPETTACOLO ex DPCM 215/99

Dettagli

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento.

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Una volta realizzata l analisi del contesto di riferimento e dei fabbisogni formativi che esso esprime (vedi UF 2.1), il progettista dispone

Dettagli

Il rumore generato dalle infrastrutture di trasporto

Il rumore generato dalle infrastrutture di trasporto n. 007 - Martedì 10 Gennaio 2012 Il rumore generato dalle infrastrutture di trasporto Presentazione di una panoramica dello stato dell arte dei progetti europei sul rumore ambientale, la sua valutazione,

Dettagli

IL PIANO DI RISANAMENTO ACUSTICO DEL COMUNE DI GENOVA: FASE OPERATIVA, METODOLOGIA DI ANALISI D.C.C. 140/2010.

IL PIANO DI RISANAMENTO ACUSTICO DEL COMUNE DI GENOVA: FASE OPERATIVA, METODOLOGIA DI ANALISI D.C.C. 140/2010. IL PIANO DI RISANAMENTO ACUSTICO DEL COMUNE DI GENOVA: FASE OPERATIVA, METODOLOGIA DI ANALISI D.C.C. 140/2010. Grazia Mangili 1, Eliana Botti 2, Cecilia Maggi 3 1 Comune di Genova/Direzione Ambiente Igiene

Dettagli

INQUINAMENTO ACUSTICO

INQUINAMENTO ACUSTICO INQUINAMENTO ACUSTICO S. CURCURUTO, R. SILVAGGIO APAT Dipartimento Stato dell Ambiente e Metrologia Ambientale Introduzione L inquinamento acustico riveste tuttora un ruolo prioritario nell ambito delle

Dettagli

INQUINAMENTO ACUSTICO

INQUINAMENTO ACUSTICO Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria INQUINAMENTO ACUSTICO Ing. Giorgio Baldinelli RIFERIMENTI NORMATIVI NAZIONALI: D.P.C.M. 01/03/91 Limiti massimi di esposizione al rumore negli ambienti

Dettagli

6 - Interventi e indicatori di risposta

6 - Interventi e indicatori di risposta 6 - Interventi e indicatori di risposta 6.1 Gli adempimenti previsti dalla legislazione Tra le azioni attuate dal Comune di Padova in risposta a precise disposizioni di legge in materia di inquinamento

Dettagli

PIANO DEGLI INTERVENTI DI CONTENIMENTO E ABBATTIMENTO DEL RUMORE AI SENSI DELLA LEGGE QUADRO N. 447/95 E DEL D.M. 29 NOVEMBRE 2000

PIANO DEGLI INTERVENTI DI CONTENIMENTO E ABBATTIMENTO DEL RUMORE AI SENSI DELLA LEGGE QUADRO N. 447/95 E DEL D.M. 29 NOVEMBRE 2000 PIANO DEGLI INTERVENTI DI CONTENIMENTO E ABBATTIMENTO DEL RUMORE AI SENSI DELLA LEGGE QUADRO N. 447/95 E DEL D.M. 29 NOVEMBRE 2000 dott.ing.carlo Costa Direttore Tecnico Generale Autostrada del Brennero

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

STRUMENTI LEGISLATIVI PER LA TUTELA DEL CITTADINO E DELL AMBIENTE

STRUMENTI LEGISLATIVI PER LA TUTELA DEL CITTADINO E DELL AMBIENTE nell ambiente esterno STRUMENTI LEGISLATIVI PER LA TUTELA DEL CITTADINO E DELL AMBIENTE La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce

Dettagli

HUSH Harmonization of Urban noise reduction Strategies for Homogeneous action plans

HUSH Harmonization of Urban noise reduction Strategies for Homogeneous action plans L Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) e le persone che agiscono per suo conto non sono responsabili per l uso che può essere fatto delle informazioni contenute in questo

Dettagli

C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI

C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI [BUR2006031] [5.3.4] D.g.r. 17 maggio 2006 - n. 8/2561 Criteri e modalità per la redazione, la presentazione e la valutazione delle domande per il riconoscimento della figura

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

COMUNE DI MONCUCCO TORINESE PROVINCIA DI ASTI PIANO REGOLATORE GENERALE INTERCOMUNALE VARIANTE STRUTTURALE N. 4

COMUNE DI MONCUCCO TORINESE PROVINCIA DI ASTI PIANO REGOLATORE GENERALE INTERCOMUNALE VARIANTE STRUTTURALE N. 4 COMUNE DI MONCUCCO TORINESE PROVINCIA DI ASTI PIANO REGOLATORE GENERALE INTERCOMUNALE VARIANTE STRUTTURALE N. 4 VERIFICA DI COMPATIBILITA CON LA CLASSIFICAZIONE ACUSTICA ALLEGATO D. 1 ING. GIUSEPPE VILLERO

Dettagli

Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013

Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013 Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013 TTS Italia, l Associazione ITS Nazionale fondata nel 1999, rappresenta circa 80 Enti,

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001 Adozione del nuovo Piano Urbano del Traffico contenente riferimenti al Piano Integrato della Mobilità e degli Orari e Programma Urbano dei Parcheggi.

Dettagli

PROGETTO NADIA: PIANI DI AZIONE DELLE STRADE PROVINCIALI DELLE PROVINCE DI GENOVA E SAVONA

PROGETTO NADIA: PIANI DI AZIONE DELLE STRADE PROVINCIALI DELLE PROVINCE DI GENOVA E SAVONA PROGETTO NADIA: PIANI DI AZIONE DELLE STRADE PROVINCIALI DELLE PROVINCE DI GENOVA E SAVONA Francesco Asdrubali 1, Samuele Schiavoni 1, Francesco D Alessandro 1 1 CIRIAF, Centro Interuniversitario di Ricerca

Dettagli

Scheda coordinamento dei corsi Università di Cagliari Edizione 2010 Pag. 1. Programma didattico

Scheda coordinamento dei corsi Università di Cagliari Edizione 2010 Pag. 1. Programma didattico Facoltà di Architettura Scheda coordinamento dei corsi Università di Cagliari Edizione Pag. 1 Programma didattico Titolo del corso: Corso Integrato di Tecnica Urbanistica e Laboratorio (mod. A+B) Settore

Dettagli

AVVISO PER LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER IL COFINANZIAMENTO A PROGETTI STRATEGICI DI R&S IN MATERIA DI ICT E MECCANICA AVANZATA RELAZIONE TECNICA

AVVISO PER LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER IL COFINANZIAMENTO A PROGETTI STRATEGICI DI R&S IN MATERIA DI ICT E MECCANICA AVANZATA RELAZIONE TECNICA AVVISO PER LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER IL COFINANZIAMENTO A PROGETTI STRATEGICI DI R&S IN MATERIA DI ICT E MECCANICA AVANZATA RELAZIONE TECNICA AVVERTENZA AI FINI DELLA COMPILAZIONE: La presente

Dettagli

D.Lgs.194/05 - MAPPATURA ACUSTICA STRATEGICA AGGLOMERATO DI MILANO

D.Lgs.194/05 - MAPPATURA ACUSTICA STRATEGICA AGGLOMERATO DI MILANO RIF. NORMATIVO OBIETTIVO DEL LAVORO D.Lgs.194/05 - MAPPATURA ACUSTICA STRATEGICA AGGLOMERATO DI MILANO NAZIONE ITALIA note TIPOLOGIA DI LAVORO Mappatura Acustica x Piano d'azione Pino di Risanamento DM

Dettagli

LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO: DALLO SVILUPPO ALL IMPLEMENTAZIONE

LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO: DALLO SVILUPPO ALL IMPLEMENTAZIONE LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO: DALLO SVILUPPO ALL IMPLEMENTAZIONE Sergio Iavicoli INAIL Dipartimento Medicina del Lavoro Roma 12 ottobre 2011 IMPLEMENTAZIONE DELL ACCORDO

Dettagli

INQUINAMENTO ACUSTICO

INQUINAMENTO ACUSTICO FINALITÀ INDICATORE Determinare e gestire i livelli di rumore ambientale generato dalle infrastrutture di trasporto negli agglomerati della Regione Toscana (D.Lgs. 94/2005) a cui è esposta la popolazione

Dettagli

Seminario AIA-GAA: Riflessioni e proposte per l evoluzione della legislazione sul rumore ambientale Siracusa, 26 Maggio 2010

Seminario AIA-GAA: Riflessioni e proposte per l evoluzione della legislazione sul rumore ambientale Siracusa, 26 Maggio 2010 Riflessioni e proposte per l evoluzione della legislazione sul rumore ambientale Siracusa, 26 Maggio 2010 Dal recepimento della Direttiva 2002/49/CE all armonizzazione dell apparato normativo per la tutela

Dettagli

La Valutazione Ambientale Strategica per le città sostenibili: esperienze di collaborazione istituzionale e contenimento del consumo di suolo

La Valutazione Ambientale Strategica per le città sostenibili: esperienze di collaborazione istituzionale e contenimento del consumo di suolo Direzione per le Valutazioni Ambientali La Valutazione Ambientale Strategica per le città sostenibili: esperienze di collaborazione istituzionale e contenimento del consumo di suolo LE COMPETENZE IN MATERIA

Dettagli

NATIONAL INFORMATION DAY 2012 PROGRAMMA DI AZIONE COMUNITARIA IN TEMA DI SALUTE (2008-2013) La progettazione di qualità e la gestione di progetti

NATIONAL INFORMATION DAY 2012 PROGRAMMA DI AZIONE COMUNITARIA IN TEMA DI SALUTE (2008-2013) La progettazione di qualità e la gestione di progetti NATIONAL INFORMATION DAY 2012 PROGRAMMA DI AZIONE COMUNITARIA IN TEMA DI SALUTE (2008-2013) La progettazione di qualità e la gestione di progetti Stefano Benvenuti Lorenzo Gios CReMPE Regione Veneto Coordinamento

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI 1. Introduzione I PIANI URBANI DELLA MOBILITA (PUM) Linee

Dettagli

MAPPATURA ACUSTICA STRATEGICA DELL AGGLOMERATO DI RAVENNA

MAPPATURA ACUSTICA STRATEGICA DELL AGGLOMERATO DI RAVENNA MAPPATURA ACUSTICA STRATEGICA DELL AGGLOMERATO DI RAVENNA (agglomerato con più di 100.000 abitanti) in applicazione del D. Lgs. 194/2005 Report di Sintesi MAPPATURA ACUSTICA DEL RUMORE FERROVIARIO COMUNE

Dettagli

Progetto RE.S.IS.: Ricerca e Sviluppo per la Sismologia e l Ingegneria Sismica

Progetto RE.S.IS.: Ricerca e Sviluppo per la Sismologia e l Ingegneria Sismica 5 Convegno Tecnico Scientifico Progetto RE.S.IS.: Ricerca e Sviluppo per la Sismologia e l Ingegneria Sismica Sistema VULSIN per la Protezione delle Lifeline dal Rischio Sismico Carlo Vardanega Andrea

Dettagli

EUROPA 2020. TRE priorità. conoscenza e sull'innovazione; profilo delle risorse, più verde e più competitiva;

EUROPA 2020. TRE priorità. conoscenza e sull'innovazione; profilo delle risorse, più verde e più competitiva; EUROPA 2020 TRE priorità crescita intelligente sviluppare un'economia basata sulla conoscenza e sull'innovazione; crescita sostenibile promuovere un'economia più efficiente sotto il profilo delle risorse,

Dettagli

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015)

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015) IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020 (Giugno 2015) Premessa Il nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali per il periodo 2014-2020 rappresenta un importante occasione per le Amministrazioni

Dettagli

Pianificazione territoriale e sviluppo economico

Pianificazione territoriale e sviluppo economico LIFE AMBIENTE ENTE PER LE NUOVE TECNOLOGIE L ENERGIA E L AMBIENTE Pianificazione territoriale e sviluppo economico PROVINCIA DI ROVIGO INIZIATIVE IMMOBILIARI INDUSTRIALI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

Dettagli

Sistema dei Controlli interni Gestione coordinata delle aree di miglioramento

Sistema dei Controlli interni Gestione coordinata delle aree di miglioramento Sistema dei Controlli interni Gestione coordinata delle aree di miglioramento Stefano Moni Resp. Servizio Validazione e Monitoraggio Convegno ABI - Basilea 3 Roma, 16-17 Giugno 2014 INDICE 1. INTRODUZIONE

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

Allegato B) alla deliberazione del Consiglio Comunale n. del

Allegato B) alla deliberazione del Consiglio Comunale n. del Allegato B) alla deliberazione del Consiglio Comunale n. del CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COLLEGNESE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Data, 08 febbraio 2005 Relazione n M2.02.REL.02/16344 INDICE

Dettagli

Raffaella Bellomini 1 Francesco Borchi 1 Salvatore Curcuruto 2 Sergio Luzzi 1 Rosalba Silvaggio 2

Raffaella Bellomini 1 Francesco Borchi 1 Salvatore Curcuruto 2 Sergio Luzzi 1 Rosalba Silvaggio 2 PIANIFICAZIONE INTEGRATA DEL RISANAMENTO ACUSTICO LINEE GUIDA PER LA STESURA DEI PIANI DI CONTENIMENTO DEL RUMORE DEI GESTORI DI TRASPORTO PUBBLICO IN AMBITO URBANO - PRIMI RISULTATI Raffaella Bellomini

Dettagli

BUSINESS RISK CONSULTING RISK. DISPUTES. STRATEGY.

BUSINESS RISK CONSULTING RISK. DISPUTES. STRATEGY. BUSINESS RISK CONSULTING RISK. DISPUTES. STRATEGY. BUSINESS RISK CONSULTING PROCESS OPTIMIZATION Mappatura as is dei processi, definizione dello stato to be, gap analysis, definizione ed implementazione

Dettagli

LIFE+2008 HUSH Stakeholders satisfaction in terms of non-acoustic data after the realization of pilot interventions in the city of Florence

LIFE+2008 HUSH Stakeholders satisfaction in terms of non-acoustic data after the realization of pilot interventions in the city of Florence LIFE+2008 HUSH Stakeholders satisfaction in terms of non-acoustic data after the realization of pilot interventions in the city of Florence Arnaldo Melloni- Comune di Firenze Raffaella Bellomini- Vie En.Ro.Se.

Dettagli

Curriculum Vitae FRANCESCO BORCHI. Personal information. Work experience. July 2014. First name / Surname

Curriculum Vitae FRANCESCO BORCHI. Personal information. Work experience. July 2014. First name / Surname Curriculum Vitae Personal information First name / Surname FRANCESCO BORCHI July 2014 Telephone +39 055 4379140 Fax +39 055 416835 Email francesco.borchi@vienrose.it, francesco.borchi@unifi.it Nationality

Dettagli

2.2 Inquinamento acustico

2.2 Inquinamento acustico Relazione ambiente 2 8-09-2011 14:36 Pagina 49 RELAZIONE SULLO STATO DELL AMBIENTE 2011 2.2 Inquinamento acustico L'inquinamento acustico è dovuto a un'eccessiva esposizione a suoni e rumori di elevata

Dettagli

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA IDRAULICA, DEI TRASPORTI E DEL TERRITORIO

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA IDRAULICA, DEI TRASPORTI E DEL TERRITORIO CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA IDRAULICA, DEI TRASPORTI E DEL TERRITORIO CLASSE DI APPARTENENZA Il Corso di Studio appartiene alla Classe n. 28/S, lauree specialistiche in INGEGNERIA CIVILE,

Dettagli

Gli obiettivi del Piano energetico regionale. Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia

Gli obiettivi del Piano energetico regionale. Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia Gli obiettivi del Piano energetico regionale Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia 1 Il progetto del PER Il Servizio Energia è attualmente impegnato, attraverso un

Dettagli

Il Working Partnership

Il Working Partnership Il Working Partnership Il Working Partnership è uno strumento/risorsa per tutti coloro che sono interessati allo sviluppo e al miglioramento del lavoro di partnership. Lo strumento deriva da un precedente

Dettagli

Il progetto LIFE+ del mese

Il progetto LIFE+ del mese Il progetto LIFE+ del mese LIFE12 ENV/IT/000289 Beneficiario coordinatore: Regione Liguria Dipartimento Ambiente - Settore Ecosistema Costiero e Ciclo delle Acque Coordinatore del progetto: Ilaria Fasce

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Il Programma LIFE+ in Italia. Giuliana Gasparrini. Focal Point Nazionale

Il Programma LIFE+ in Italia. Giuliana Gasparrini. Focal Point Nazionale Il Programma LIFE+ in Italia Giuliana Gasparrini Focal Point Nazionale Lo Strumento finanziario comunitario LIFE+ È l unico strumento finanziario pluriennale dedicato all ambiente, mediante il quale la

Dettagli

ESPERIENZE E COMPETENZE NEI PROGETTI EUROPEI BUSINESS UNIT TRASPORTI E LOGISTICA

ESPERIENZE E COMPETENZE NEI PROGETTI EUROPEI BUSINESS UNIT TRASPORTI E LOGISTICA ESPERIENZE E COMPETENZE NEI PROGETTI EUROPEI BUSINESS UNIT TRASPORTI E LOGISTICA Genova, gennaio 2015 T BRIDGE NEI PROGETTI EUROPEI Dal 2009 T Bridge è attiva nell ambito dei Progetti Europei, sia in modo

Dettagli

DBA Group DIAGNOSI ENERGETICHE

DBA Group DIAGNOSI ENERGETICHE DBA Group DIAGNOSI ENERGETICHE Settembre 2015 OBBLIGHI DERIVANTI DAL DECRETO 102 SULL EFFICIENZA ENERGETICA DELLE AZIENDE SETTORE EFFICIENZA ENERGETICA Referenze Diagnosi Energetiche 2 OBBLIGHI DERIVANTI

Dettagli

Padova Smart City. Internet of Things. Alberto Corò

Padova Smart City. Internet of Things. Alberto Corò Padova Smart City Internet of Things Alberto Corò Padova 16 ottobre 2013 Smart City Le smart cities ("città intelligenti") possono essere classificate lungo 6 aree di interesse: Economia Mobilità Ambiente

Dettagli

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale. Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma. www.isprambiente.gov.

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale. Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma. www.isprambiente.gov. L Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) e le persone che agiscono per suo conto non sono responsabili per l uso che può essere fatto delle informazioni contenute in questo

Dettagli

Argomenti. Inquadramento

Argomenti. Inquadramento 1 2 Il 30 ottobre 1995, sul Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 254, è stata pubblicata la: Legge quadro sull inquinamento acustico Legge 26 ottobre 1995, n. 447 che stabilisce i principi

Dettagli

Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale. Sestri Levante 19-20 maggio 2003

Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale. Sestri Levante 19-20 maggio 2003 1 Un approccio complessivo alla Gestione della Performance Aziendale Sestri Levante 19-20 maggio 2003 Performing - Mission 2 Performing opera nel mercato dell'ingegneria dell organizzazione e della revisione

Dettagli

Reti TEN-T (Trans European Network Transport) il Corridoio Scan-Med Scan-Med Corridor

Reti TEN-T (Trans European Network Transport) il Corridoio Scan-Med Scan-Med Corridor Reti TEN-T (Trans European Network Transport) il Corridoio Scan-Med Scan-Med Corridor Percorso di Capacity Building Progetto STREETS Catania 03/04 dicembre 2014 Giuseppe Anzaldi Regione Siciliana Dipartimento

Dettagli

Uno strumento innovative per l Energy Management negli Edifici Scolastici

Uno strumento innovative per l Energy Management negli Edifici Scolastici VERYSchool: Valuable EneRgY for a smart School Uno strumento innovative per l Energy Management negli Edifici Scolastici Alfio Galatà Settimana della Bioarchitettura e della Domotica 2014. 19 Novembre,

Dettagli

Programma LIFE 2015 Ambiente e azione per il clima. EURODESK Brussels - Unioncamere Lombardia Maggio 2015

Programma LIFE 2015 Ambiente e azione per il clima. EURODESK Brussels - Unioncamere Lombardia Maggio 2015 Programma LIFE 2015 Ambiente e azione per il clima EURODESK Brussels - Unioncamere Lombardia Maggio 2015 Obiettivi generali Il programma LIFE è lo strumento di finanziamento dell'ue che contribuisce all'attuazione,

Dettagli

COMUNE DI SALTARA PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI SALTARA PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI SALTARA PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE RELAZIONE METODOLOGICA AGGIORNAMENTO CLASSIFICAZIONE ACUSTICA PER VARIANTE PRG Dr. Giampietro Fusillo Docente di Fisica Ambientale

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

La nuova linea guida per le attività di assicurazione e controllo di qualità per le reti di monitoraggio per la qualità dell aria ambiente

La nuova linea guida per le attività di assicurazione e controllo di qualità per le reti di monitoraggio per la qualità dell aria ambiente La nuova linea guida per le attività di assicurazione e controllo di qualità per le reti di monitoraggio per la qualità dell aria ambiente F. Cadoni, D. Centioli, S. Barbizzi, S. Gaudino, M. Belli ISPRA

Dettagli

RELAZIONE DI RIFERIMENTO D.M. 272/14

RELAZIONE DI RIFERIMENTO D.M. 272/14 RELAZIONE DI RIFERIMENTO D.M. 272/14 UNA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA AMBIENTALE Con il D.M. n.272/2014 e il D.lgs n.46/2014 l Italia ha accolto le indicazioni normative provenienti dalla Direttiva Europea

Dettagli

Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale per attività a carattere permanente

Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale per attività a carattere permanente mod. perm. 04/14 Dipartimento Tutela Ambientale - Protezione Civile U.O. Tutela dagli Inquinamenti Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale per attività

Dettagli

Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale (clima/impatto acustico)

Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale (clima/impatto acustico) l.g. cantieri 04/14 Dipartimento Tutela Ambientale - Protezione Civile U.O. Tutela dagli Inquinamenti Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale (clima/impatto

Dettagli

Ciclo di Vita Evolutivo

Ciclo di Vita Evolutivo Ciclo di Vita Evolutivo Prof.ssa Enrica Gentile a.a. 2011-2012 Modello del ciclo di vita Stabiliti gli obiettivi ed i requisiti Si procede: All analisi del sistema nella sua interezza Alla progettazione

Dettagli

Procedura di Valutazione Interna

Procedura di Valutazione Interna LIFE Project Number Inception Report - ANNEX Covering the project activities from 01/01/2012 to 31/08/2012 Reporting Date LIFE+ PROJECT NAME or Acronym

Dettagli

Verso il recepimento. prospettive nazionali. Rossella Panero Presidente TTS Italia Torino, 18 novembre 2011

Verso il recepimento. prospettive nazionali. Rossella Panero Presidente TTS Italia Torino, 18 novembre 2011 Verso il recepimento della Direttiva ITS in Italia: opportunità e prospettive nazionali Rossella Panero Presidente TTS Italia Torino, 18 novembre 2011 L Associazione TTS Italia TTS Italia è l Associazione

Dettagli

IL PIANO D AZIONE ITALIANO PER L EFFICIENZA ENERGETICA

IL PIANO D AZIONE ITALIANO PER L EFFICIENZA ENERGETICA PERCORSI PER UN COMUNE ILLUMINATO L EFFICIENZA ENERGETICA, IL PIANO D AZIONE ITALIANO PER L EFFICIENZA ENERGETICA, IL PATTO DEI SINDACI, IL PROGETTO ENEA LUMIERE, LE ESCO, E TANTO ALTRO ANCORA Spendiamo

Dettagli

Workshop Progetto IFFI Inventario dei Fenomeni Franosi in Italia, APAT, Roma, 13-14 Novembre 2007 1

Workshop Progetto IFFI Inventario dei Fenomeni Franosi in Italia, APAT, Roma, 13-14 Novembre 2007 1 Workshop Progetto IFFI Inventario dei Fenomeni Franosi in Italia, APAT, Roma, 13-14 Novembre 2007 1 Ruolo del JRC nell individuazione delle aree a rischio di frana nella Strategia Tematica dell UE e la

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA Rapporto definitivo (ai sensi dell art. 4 del D. D. prot. 57/2002/SIAR/DEC del 15.03.02) COMPLETAMENTO DEL PROGRAMMA OPERATIVO Sintesi delle attività svolte Con la

Dettagli

Vulnerabilità dei sistemi informatici Modelli e tecniche per l'assessment e il management del rischio

Vulnerabilità dei sistemi informatici Modelli e tecniche per l'assessment e il management del rischio Tecnologie ICT per le Piccole e Medie Imprese Ciclo di Seminari sulle Tecnologie ICT per le Piccole e Medie Imprese Vulnerabilità dei sistemi informatici Modelli e tecniche per l'assessment e il management

Dettagli

F. Gugliermetti* V. Lombardi** * Professore Ordinario Fisica Tecnica Ambientale - DIAEE Università SAPIENZA di Roma ** Amministratore Delegato

F. Gugliermetti* V. Lombardi** * Professore Ordinario Fisica Tecnica Ambientale - DIAEE Università SAPIENZA di Roma ** Amministratore Delegato F. Gugliermetti* V. Lombardi** * Professore Ordinario Fisica Tecnica Ambientale - DIAEE Università SAPIENZA di Roma ** Amministratore Delegato CALIPSO Srl Joint Venture DIAEE Decreto Sviluppo 2.0 Raccomandazioni

Dettagli

ATTI, NON PAROLE AGENDA21. Agenda 21

ATTI, NON PAROLE AGENDA21. Agenda 21 a cura di Roberto Catania L istituzione di nella Provincia di Lecco ha avuto inizio nel 2003 seguendo un percorso che si potrebbe definire tradizionale. Dall istituzione del Forum generale si è passati

Dettagli

Torino Smart City on Line

Torino Smart City on Line Torino Smart City on Line Piattaforma per il monitoraggio, la governance e la comunicazione di Torino Smart City Sante Lorenzo Carbone Filippo Ricca Congresso Nazionale AICA 2011 - Torino, 15/11/2011 Obiettivi

Dettagli

Il programma è articolato su più livelli con approfondimento di tematiche relative a

Il programma è articolato su più livelli con approfondimento di tematiche relative a Programma 2015-2016 Il programma è articolato su più livelli con approfondimento di tematiche relative a Project Management e BIM Caratteri distintivi del progetto Modelli organizzati dello staff di progetto

Dettagli

COLLAUDO ACUSTICO DI UN OSPEDALE DI GRANDI DIMENSIONI

COLLAUDO ACUSTICO DI UN OSPEDALE DI GRANDI DIMENSIONI COLLAUDO ACUSTICO DI UN OSPEDALE DI GRANDI DIMENSIONI Maria Francesca Bertini 1, Rossella Calonaci 2, Sergio Luzzi 3, Marco Toderi 4 1 Libero Professionista Tecnico Competente in Acustica Ambientale -

Dettagli

Audizione Enel presso le Commissioni riunite IX e X della Camera dei Deputati. Roma, 2 Febbraio 2011

Audizione Enel presso le Commissioni riunite IX e X della Camera dei Deputati. Roma, 2 Febbraio 2011 Audizione Enel presso le Commissioni riunite IX e X della Camera dei Deputati Roma, 2 Febbraio 2011 Veicoli elettrici Vantaggi e benefici Il risparmio energetico medio conseguibile dai veicoli elettrici

Dettagli

European Spatial Planning Observation Network

European Spatial Planning Observation Network European Spatial Planning Observation Network Graziella Guaragno geografia e risorse ESPON 2020 FESR 41,377 Meuro priorità Mission Continuare il consolidamento di una Rete Europea di Osservazione Territoriale

Dettagli

PROGETTO SENSEable PISA. Sensing The City

PROGETTO SENSEable PISA. Sensing The City PROGETTO SENSEable PISA Sensing The City il gruppo Il gruppo proponente Noise Factor è costituito da: Luca Nencini, Paolo De Rosa, Elena Ascari e Bruna Vinci. Gruppo che si è costituito con l intento di

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

PIANO D AZIONE STRATEGICO

PIANO D AZIONE STRATEGICO COMUNE DI FIRENZE Assessorato all Ambiente PIANO D AZIONE STRATEGICO della città di Firenze In applicazione della Direttiva 2002/49/CE e del D.Lgs. 194/2005 Elaborato 1 - Relazione Tecnica metodologica

Dettagli

Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza

Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza Quarta, la soluzione informatica per la costruzione di un Sistema Qualità, Ambiente e Sicurezza fortemente integrato è in grado di garantire l efficacia

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 462 del 24/10/2013

Delibera della Giunta Regionale n. 462 del 24/10/2013 Delibera della Giunta Regionale n. 462 del 24/10/2013 A.G.C. 14 Trasporti e viabilità Settore 1 Autolinee e Vie di comunicazione Oggetto dell'atto: APPROVAZIONE DEL DOCUMENTO DENOMINATO "PIANO DI RIPROGRAMMAZIONE

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

Autorità di Bacino del Fiume Arno

Autorità di Bacino del Fiume Arno BUONE NORME PER GESTIRE LE PIENE La redazione dei regolamenti di piena nel quadro normativo attuale Firenze 16 aprile 2014 Gli strumenti di pianificazione dell AdB Arno per la gestione del rischio idraulico:

Dettagli

LOWaste MARKET PLACE SEMINARIO TECNICO: PROGETTI INNOVATIVI SUI RIFIUTI A CONFRONTO FERRARA 11 MAGGIO 2012

LOWaste MARKET PLACE SEMINARIO TECNICO: PROGETTI INNOVATIVI SUI RIFIUTI A CONFRONTO FERRARA 11 MAGGIO 2012 LOWaste MARKET PLACE SEMINARIO TECNICO: PROGETTI INNOVATIVI SUI RIFIUTI A CONFRONTO FERRARA 11 MAGGIO 2012 With the contribution of the LIFE financial instrument of the European Community NO.WA - No Waste

Dettagli

Urbanistica ed Adattamento: le prime esperienze Italiane

Urbanistica ed Adattamento: le prime esperienze Italiane La Rete che vogliamo Agende 21 Locali Italiane Comune di Padova 20 Settembre 2013 Urbanistica ed Adattamento: le prime esperienze Italiane Francesco Musco, Iuav Venezia climatechange@iuav.it Insediamenti

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra La Regione Emilia-Romagna, con sede in Bologna, Viale Aldo Moro, 52, codice fiscale n. 80062590379, rappresentata dall Assessore Alfredo Peri, in esecuzione della deliberazione

Dettagli

CONSIDERAZIONI SULLA RETE DI MONITORAGGIO DELLA SICUREZZA STRADALE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI CENTRI DI MONITORAGGIO PROVINCIALI E COMUNALI

CONSIDERAZIONI SULLA RETE DI MONITORAGGIO DELLA SICUREZZA STRADALE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI CENTRI DI MONITORAGGIO PROVINCIALI E COMUNALI CONSIDERAZIONI SULLA RETE DI MONITORAGGIO DELLA SICUREZZA STRADALE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI CENTRI DI MONITORAGGIO PROVINCIALI E COMUNALI La procedura che questo Dipartimento ha intrapreso per la

Dettagli

DISTRIBUZIONE PERCENTUALE PER TIPOLOGIA DI ATTIVITÀ/INFRASTRUTTURE DELLE SORGENTI CONTROLLATE NEL LAZIO

DISTRIBUZIONE PERCENTUALE PER TIPOLOGIA DI ATTIVITÀ/INFRASTRUTTURE DELLE SORGENTI CONTROLLATE NEL LAZIO DISTRIBUZIONE PERCENTUALE PER TIPOLOGIA DI ATTIVITÀ/INFRASTRUTTURE DELLE SORGENTI CONTROLLATE NEL LAZIO Anno 2014 Inquadramento del tema Il rumore è fra le principali cause del peggioramento della qualità

Dettagli

CORSO DI EUROPROGETTAZIONE

CORSO DI EUROPROGETTAZIONE CORSO DI EUROPROGETTAZIONE L Unione Europea finanzia progetti di sviluppo eccellenti, reti di ricerca attraverso una specifica gamma di meccanismi di finanziamento. Il percorso formativo offerto dall Associazione

Dettagli

Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda

Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda tramite lo strumento e la metodologia LA GESTIONE DEL CLIMA E DELLA MOTIVAZIONE La spinta motivazionale delle persone che operano in azienda è

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 4 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT Obiettivi del CobiT (Control Objectives

Dettagli

Green Communities nelle Regioni Obiettivo Convergenza

Green Communities nelle Regioni Obiettivo Convergenza Programma Operativo Interregionale Energie rinnovabili e risparmio energetico 2007 2013 Green Communities nelle Regioni Obiettivo Convergenza Metodologia/procedura attività Linea 1 Premessa Le attività

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi GIUNTA REGIONALE Atto del Dirigente a firma unica: DETERMINAZIONE n 162 del 13/01/2015 Proposta: DPG/2015/109 del 08/01/2015 Struttura proponente: Oggetto: Autorità

Dettagli

ROMA SERVIZI PER LA MOBILITA LE ATTIVITA INTERNAZIONALI E DI MOBILITA SOSTENIBILE

ROMA SERVIZI PER LA MOBILITA LE ATTIVITA INTERNAZIONALI E DI MOBILITA SOSTENIBILE ROMA SERVIZI PER LA MOBILITA LE ATTIVITA INTERNAZIONALI E DI MOBILITA SOSTENIBILE Le attività internazionali di Roma Servizi per la Mobilità si svolgono su diversi fronti: la ricerca co-finanziata dalla

Dettagli

Il manuale per la valutazione e gestione del rischio stress lavoro correlato

Il manuale per la valutazione e gestione del rischio stress lavoro correlato Il manuale per la valutazione e gestione del rischio stress lavoro correlato Benedetta Persechino INAIL Dipartimento Medicina del Lavoro ex ISPESL Bologna, 5 maggio 2011 DIBATTITO/RICERCA/ PROPOSTE METODOLOGICHE

Dettagli

1 Vie En.Ro.Se. s.a.s. - 2 Studio di ingegneria per l ambiente - 3 Autorità di Bacino del Fiume Arno

1 Vie En.Ro.Se. s.a.s. - 2 Studio di ingegneria per l ambiente - 3 Autorità di Bacino del Fiume Arno L applicazione dei principi della sicurezza alla gestione di un evento alluvionale R. Calonaci 1, R. Fusi 1, F. Lapi 2, G. Multinu 2, C. Passerini 1, G. Menduni 3 1 Vie En.Ro.Se. s.a.s. - 2 Studio di ingegneria

Dettagli

Zonizzazione Acustica

Zonizzazione Acustica Zonizzazione Acustica Relazione POLO SCIENTIFICO TECNOLOGICO LOMBARDO Consulenti: dott. arch. Luca Bertagnon dott. arch. Claudio Scillieri 0 introduzione La zonizzazione acustica è la classificazione del

Dettagli