A quali domande deve rispondere il PM

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A quali domande deve rispondere il PM"

Transcript

1 La WBS

2 A quali domande deve rispondere il PM Su cosa siamo tu. d accordo circa i contenu4? Che cosa si deve realizzare con il proge=o? Come si deve realizzare il proge=o? La WBS risponde a tali domande

3 Discorso sul metodo di Renato Descartes ( ) Regola dell evidenza: non accoglier mai nulla per vero che non sia di per se evidente, evitando la precipitazione e la prevenzione Regola dell analisi:. dividere ogni problema preso a studiare in tante par4 minori, quando fosse possibile e necessario per risolverlo. Regola della sintesi:. condurre con ordine i pensieri cominciando dagli ogge. più semplici e più facili da conoscere, per salire a poco a poco, come per gradi, sino alla conoscenza dei più complessi Regola dell enumerazione completa: far dovunque enumerazioni così complete e revisioni così generali da essere sicuri di non ome=ere nulla

4 Work Il lavoro fisico o mentale necessario per raggiungere un obie.vo o un risultato Breakdown Significa dividere il proge=o in par4 più piccole per capire cosa deve essere fa=o Structure È il modello di rappresentazione basato su relazioni logico- gerarchiche

5 Il Project Management Ins4tute PMI È un associazione internazionale con più di iscri. in 125 paesi del mondo, che cura ricerche, pubblicazioni, traning, seminari, congressi, cer4ficazione e standardizzazione nel se=ore del project management. Tra le pubblicazione è di rilievo il PMBOK (Project Management Body Of Knowledge h=p://www.pmi.org

6 WBS secondo il PMBOK: Il raggruppamento gerarchico degli elemen4 di proge=o in base ai deliverable che organizza e definisce il contenuto totale dei lavori del proge=o. Ciascun livello inferiore dello schema rappresenta una definizione sempre più de=agliata del proge=o Deleverable Qualsiasi risultato, esito o elemento misurabile, reale, verificabile che deve essere realizzato per completare un proge8o o parte di un proge8o

7 Cara=eris4ca della WBS Deve contenere tu=o e soltanto il lavoro necessario per la realizzazione del proge=o È comune a proge. dello stesso 4po A chi è dire=a? Sia all esterno Verso il cliente ed altri portatori d interesse, strumento di accountability Sia all interno Per tu=e le fasi di ges4one del proge=o DEP

8 A cosa serve? Aiuta a capire il proge=o A ges4re il proge=o A comprendere le relazioni tra le a.vità È un input degli altri processi di pianificazione Consente di ges4re il controllo sull avanzamento Consente il controllo sui cos4 È uno strumento di comunicazione ai portatori d interesse (fornitori) Facilita lo sviluppo del piano di ges4one del rischio

9 Scomposizione del proge=o 1) Iden4ficare i principali elemen4 di un proge=o, in genere cara=erizzate dalle deliverable (tra cui il PM) Esempio: fasi del ciclo di vita 2) Decidere se il livello di de=aglio è adeguato in funzione del processo, se adeguato si passa al punto 4) 3) Per ogni elemento se non c è un adeguato livello di de=aglio si suddivide l elemento in elemen4 di livello inferiore, ripetere il passo 2) per ogni elemento della WBS 4) Iden4ficare gli elemen4 che cos4tuiscono ogni risultato tangibile ed intangibile e descriverli in modo da facilitare la misura della performance, verificare la corre=ezza della scomposizione De=aglio necessario e sufficiente Chiarezza descrizione elemento Verificare la possibilità di schedulare, budge.zzare, assegnare la responsabilità

10 non tu. gli elemen4 principali avranno lo stesso numero di livelli Il numero massimo di livelli è compreso fra 3 e 5 Il formitore avrà una sua WBS di maggiore de=aglio La WBS dello sponsor è diversa da quella del contractor

11 1. Nome del proge=o Livelli della WBS 1.1 Principali so=osistemi del proge=o 1.1.1Compi4 (task) Sub- compi4 (subtask) Work package Componen4 1. Nome del proge=o 1.1 Principali so=osistemi del proge=o 1.1.1Compi4 (task) Work package

12 Organizzazione della WBS Orientata al prodo=o Prodo., servizi, risulta4 Orientata alle fasi Orientata alle funzioni o all organizzazione Orientata al lavoro cinema casa Orientata agli obie.vi Orientata alla localizzazione air SIF TEC

13 A.vità trasversali Integra(vi ad esempio l assemblaggio Anali(ci ad esempio analisi del sistema nello sviluppo di un nuovo PC, la ricerca bibliografica per la ricerca finalizzata definizione di un sistema logis4co nel se=ore agroalimentare. Di processo intendendo quelle a.vità trasversali relazionate al flusso di lavoro come ad esempio i collaudi ed i test durante il processo di realizzazione del prodo=o. Altro 4po di elemento che troviamo al secondo livello della WBS in tu. gli esempi riporta4 dal PMBOK è il Project Management.

14 Dizionario della WBS

15 PBS Project Breakdown Structure È fondamentalmente l equivalente di una WBS, essa viene u4lizzata con il significato di WBS in molte aziende. Archibald definisce la PBS: una rappresentazione grafica del proge=o che suddivide le a.vità livello per livello spingendosi al grado di de=aglio necessario per una pianificazione ed un controllo adegua4

16 CWBS Contract Work Breakdown Structure Definisce il livello di de=aglio dei rappor4 che il fornitore fornirà all acquirente. Il DoD definisce i primi tre livelli della WBS come Program WBS e dopo che esso è stato approvata la CWBS può essere estesa ai livelli più bassi dal contractor per definire pienamente lo scopo del contra=o. In pra4ca la Programm WBS e la CWBS cos4tuiscono una WBS che arriva a considerare i singoli contra. di fornitura.

17 OBS OrganizaBonal Breakdown Structure Essa è una stru=ura funzionalmente orientata, contenente le relazioni tra le componen4 organizza4ve coinvolte nel proge=o, che è usata come quadro logico per l assegnazione delle responsabilità dei diversi elemen4 della WBS. Il de=aglio della stru=ura organizza4va arriva al più basso livello della ges4one che è quel livello organizza4vo a cui vengono assegnate le risorse e le responsabilità necessarie per realizzare il proge=o OBS RESP

18 RBS Resource Breakdown Structure Secondo il PMBOK rappresenta una variante della OBS usata quando il lavoro è affidato ad individui. Anche in questo caso si ublizzerà la RAM per me8ere in relazione chi fa il lavoro o è responsabile con gli elemenb della WBS. Altri autori considerano la RBS come una rappresentazione stru8urata delle risorse umane e materiali necessarie per realizzare il proge8o. RBS

19 RiBS Risk Breakdown Structure Una stru8ura gerarchica degli evenb aleatori che possono influenzare negabvamente il proge8o, via via che si passa dai livelli più alb a quelli più bassi, gli evenb aleatori vengono rappresentab con maggiore de8aglio, ad esempi i rischi tecnico- gesbonale possono essere suddivisi in rischi sull ingegneria, rischi sulle forniture, rischi sui sub- appalb, rischi sulla costruzione e rischi sul project management

20 PFS Product FuncBon Structure È una stru8ura logico gerarchico che rappresenta le funzioni di un proge8o che dovranno essere realizzate da un proge8o. Ad esempio per il proge8o di una nave abbiamo la funzione motrice, la funzione navigabilità, la funzione stabilità, la funzione sicurezza, la funzione accoglienza dei passeggeri, la funzione carico, la funzione climabzzazione, la funzione controllo per la navigazione, ecc. automobile

21 BOM Bill Of Materials È una stru8ura logico- gerarchica ad albero, dire8amente correlate alla PFS che disarbcola il prodo8o nei suoi so8o- assiemi e successivamente nei suoi componenb, quindi rappresenta la lista dei materiali, presentata a8raverso una stru8ura gerarchica di assemblaggi, so8oassemblaggi e componenb singoli necessari per fabbricare fisicamente un prodo8o.

22 PcBS Process Breakdown Structure Se nel proge=o è prevista un innovazione di processo può essere u4le definire la PcBS che ar4cola tu=o il processo in fasi ed operazioni elementari in una stru=ura logico- gerarchica. Va comunque de=o che tra la WBS e la PcBS la differenza non è sostanziale nel senso che dove la WBS me=e in evidenza i prodo. la PcBS me=e in evidenza i processi che conducono alla realizzazione del prodo=o, e nella definizione più ampia di WBS si può dire che una PbCs è essa stessa una WBS orientata al lavoro.

23 PBBS Project Budget Breakdown Structure E una stru8ura in cui il budget viene arbcolato in voci aggregate e stru8urate, chiamata anche Budget Breakdown Structure.

24 DWB Design Breakdown Structure È una stru=ura u4lizzata dalle imprese che fondano il proprio core sull innovazione, è u4le nei processi di ideazione di nuovi prodo. quindi nel caso in cui non sappiamo di preciso quali saranno le cara=eris4che del nuovo prodo=o, ne quali saranno le sue componen4 elementari. Come la WBS è un albero gerarchico in cui vengono rappresenta4 i problemi che devono essere affronta4 e come essi sono relaziona4 tra loro, alle soluzioni alterna4ve e queste ul4me al lavoro che bisogna fare.

25 Risulta4 o=enu4 a=raverso la WBS Iden4ficare le unità responsabile, i partecipan4, i func4onal project leaders Definire le specifiche di prodo=o Individuar e gli ordini da effe=uare, i fornitori ed appaltatori esterni Effe=uare la s4me e il budget delle risorse Definire i codici dei lavori/contabilità Definire i codici per l imputazione dei cos4 Individuare gli elemen4 che contengono le milestone Effe=uare la registrazione risalendo lungo la WBS delle risorse, s4me budget, impegni Calcolare per ciascun work package (compito) le spese sostenute e la s4ma al completamento Calcolare la performance dei risulta4

26 Sviluppo della WBS Top down Team unico Sub team Bo=om up Regola del 100%

27 L a.vità è completamente decomposta? il suo stato e completamento siano misurabili l inizio e la fine siano chiaramente defini4 abbia un risultato Il risultato può essere un approvazione, un verbale, un prodo=o fisico, la realizzazione di una riunione il tempo di esecuzione sia valutabile il costo sia valutabile la durata sia compa4bile con la massima durata prevista per le a.vità elementari la realizzazione dell a.vità sia una volta iniziata indipendente da altre a.vità

28

29 Tipi di WBS Le WBS sono diverse in funzione degli obie.vi che deve raggiungere l organizzazione. Ad esempio per la di=a appaltatrice e per la stazione appaltante si hanno generalmente WBS diverse per lo stesso proge=o ospedale parcheggio edificio rass. cinemat.

30

31

32

33

34

35

36

37

38

39 RBS (resourse breakdown structure) Risorse totali Risorse umane Risorse aziendali Ingegneri Geometri Muratori Carpen4eri Risorse esterne Gruista Vigilan4 Archite=o Risorse materiali Risorse logis4che Sala riunione Container deposito Tecnologiche Computers Telefoni cellulari

40 Mezzi Camion Betoniera Autove=ure Materiali Carpenterie Acciaio per armature

41

42

43

44 WBS parcheggio so>erraneo per stazione appaltante A1 programmazione A1B1 studio di prefa.bilità. A1B2 proge=o di massima A1B2C1 ingegneria di base A1B2C2 planimetria impianto A1B2C3 opere civili A1B2C4 impian4 meccanici A1B2C5 impian4 ele=rici A1B2C6 analisi temporale ed economica A1B2C7 relazione illustra4va A1B3 approvazione proge=o di massima

45 A1B4 studio di fa.bilità A1B5 proge=o defini4vo. A2 proge=azione esecu4va.. A3 approvazione proge=azione esecu4va. A4 appal4. A5 esecuzione A6 collaudi e controlli qualità

46 WBS parcheggio so>erraneo per di>a appaltatrice A1 Apertura can4ere, scavo e fondazioni A1B1 impianto di can4ere A1B1C1 scavo A1B1C2 basamen4 barracche ed impianto beton. A1B1C3 montaggio barracche A1B1C4 montaggio impianto betonaggio A1B1C5 re4 idrauliche A1B1C6 re4 forza motrice A1B1C7 recinzione A1B2 scavo generale A1B3 palificazioni e diaframmi. A1B4 Opere fognature..

47 A1B5 fondazioni in c.a.. A2 struttura in elevazione c.a... A3 struttura in elevazione carpenteria metallica A4 montaggio impianti meccanici A5 montaggi impianti elettrici e strumentazione..

48 Realizzazione edificio Progettazione Fornitura dei materiali Costruzione Realizzazione edificio Realizzazione edificio Progettazione Costruzione con fornitura materiali Progettazione e costruzione

49 Rassegna cinematografica 1. Pianificazione 1.1 programma 1.2 budget 1.3 team 1.4 dossier 2. Finanziamen4 2.1 pubblici 2.2 priva4 3. Luogo 3.1 ricerca cinema 3.2 stesura accordo 4. Film 4.1 ricerca 4.2 accordi di noleggio 4.3 so=o4toli

50 5. Comunicazione 5.1 pubblicità realizzazione logo4po ricerca materiali iconografici proge=o grafico redazione tes fotocomposizione controllo bozze alles4mento affissioni distribuzione volan4naggi affrancatura imbustatura spedizione acquisto spazi stampa annunci radio 5.2 promozione 6. Permessi 6.1 SIAE 7. Proiezioni 7.1 movimento film 7.2 ges4one sala 8. Conclusione 8.1 rendicontazione

Il Progetto e il Project Management

Il Progetto e il Project Management Il Progetto e il Project Management Metodologie di Specifica del Software Per contattare il docente Dr. Anna Rita Laurenzi email: annarita.laurenzi@insiel.it cell.+39 3356368206 Agenda Progetto e Project

Dettagli

Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico

Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico wwwisipmorg Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico Arch Eugenio Rambaldi Presidente ISIPM Istituto Italiano di Project Management wwwisipmorg Intervento all interno del

Dettagli

IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE: TECNICHE DI SCOMPOSIZIONE DI UN PROJECT (WBS) LABORATORIO INTEGRATO DI COSTRUZIONE E PRODUZIONE LEZIONE 3

IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE: TECNICHE DI SCOMPOSIZIONE DI UN PROJECT (WBS) LABORATORIO INTEGRATO DI COSTRUZIONE E PRODUZIONE LEZIONE 3 IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE: TECNICHE DI SCOMPOSIZIONE DI UN PROJECT (WBS) IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE Un progetto è un insieme complesso di numerose attività finalizzate al raggiungimento

Dettagli

Il Project Management per i Managers

Il Project Management per i Managers Paolo Mazzoni 2012. E' ammessa la riproduzione per scopi di ricerca e didattici se viene citata la fonte completa nella seguente formula: "di Paolo Mazzoni, www.paolomazzoni.it, (c) 2012". Non sono ammesse

Dettagli

Gestione dei Progetti (2005-2006)

Gestione dei Progetti (2005-2006) Gestione dei Progetti (2005-2006) Alessandro Agnetis DII Università di Siena (Alcune delle illustrazioni contenute nella presentazione sono tratte da PMBOK, a guide to the Project Management Body of Knowledge,

Dettagli

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base)

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) ISIPM Base Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) Gruppo B Conoscenze Tecniche e Metodologiche Syllabus da 2.1.1 a 2.7.1 1 Tema: Gestione Ambito del Progetto e Deliverable

Dettagli

Scope Management. IT Project Management. Lezione 3 Scope Management. Monitoring del progetto (Earned Value) Creazione diagrammi Pert/CPM/Gantt

Scope Management. IT Project Management. Lezione 3 Scope Management. Monitoring del progetto (Earned Value) Creazione diagrammi Pert/CPM/Gantt IT Project Management Lezione 3 Scope Management Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Check list del PM Identificare i requisiti del cliente Monitoring del progetto (Earned Value) Identificare i deliverable

Dettagli

Il Project Management

Il Project Management Il Project Management con l ausilio di strumenti informatici A cura di Paolo Tateo Il Project Management Tecnica per la gestione sistemica di un'impresa complessa, unica e di durata determinata, rivolta

Dettagli

La procedura di programmazione e gestione del progetto

La procedura di programmazione e gestione del progetto Università degli Studi di Trento Programmazione Costi e Contabilità lavori a.a. 2003-4 La procedura di programmazione e gestione del progetto Marco Masera, dott. arch., d.d.r. ing. marco.masera@ing.unitn

Dettagli

ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO

ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO Anno Accademico 2013 2014 PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DELLE IMPRESE TURISTICHE Lezione 4 Project Management PROJECT MANAGEMENT Il project management

Dettagli

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IMPIANTI INDUSTRIALI. Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it. Andrea Chiarini 1

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IMPIANTI INDUSTRIALI. Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it. Andrea Chiarini 1 IMPIANTI INDUSTRIALI Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it Andrea Chiarini 1 PARTE 5 PIANIFICAZIONE DELLE FASI DI UN PROGETTO Andrea Chiarini 2 PROGETTAZIONE E SVILUPPO DEL PRODOTTO E DEL PROCESSO

Dettagli

B1 LA PROGETTAZIONE. PROGRAMMA: gruppo di progetti con un obiettivo comune.

B1 LA PROGETTAZIONE. PROGRAMMA: gruppo di progetti con un obiettivo comune. ATTIVITÀ ORDINARIA : operazione svolta periodicamente con obiettivo implicito e tempi, risorse e costi standard (Es.di Attività Ordinaria: buste paga, pagamento fornitori) PROGETTO : ha un obiettivo esplicito

Dettagli

La Work Breakdown Structure

La Work Breakdown Structure La Work Breakdown Structure (WBS) Alessandro De Nisco Università del Sannio La WBS COSA E UNA WORK BREAKDOWN STRUCTURE La WBS (Work Breakdown Structure), talora denominata PBS (Project Breakdown Structure)

Dettagli

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Minimaster in PROJECT MANAGEMENT IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Giovanni Francesco Salamone Corso Professionale di Project Management secondo la metodologia IPMA (Ipma Competence Baseline)

Dettagli

IV. TEMPI E RISORSE: STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO

IV. TEMPI E RISORSE: STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO IV. TEMPI E RISORSE: STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Dopo aver affrontato la prima stesura del POP, si deve passare piano al vaglio del committente per avere il via definitivo. Se OK Si procede

Dettagli

GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE

GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE Alta Formazione per il Business Executive master GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE Bologna, 4 maggio 2013 introduzione al Project management a cura del dott. Stefano Soglia Materiale riservato alla

Dettagli

"FONDAMENTI DI PROJECT MANAGEMENT" Cagliari 16 Maggio 2015 Dalle ore 14:00 alle ore 19:00

FONDAMENTI DI PROJECT MANAGEMENT Cagliari 16 Maggio 2015 Dalle ore 14:00 alle ore 19:00 Organizzazione scientifica a cura di AIIC in collaborazione con l'ordine degli ingegneri della provincia di Cagliari "FONDAMENTI DI PROJECT MANAGEMENT" Cagliari 16 Maggio 2015 Dalle ore 14:00 alle ore

Dettagli

SCHEDULAZIONI RIEPILOGATIVE E CONFRONTO DI: - FASI E ATTIVITA' DEL WBS; - PRODOTTI; - COMPITI; - RISORSE PROFESSIONALI; - EFFORT.

SCHEDULAZIONI RIEPILOGATIVE E CONFRONTO DI: - FASI E ATTIVITA' DEL WBS; - PRODOTTI; - COMPITI; - RISORSE PROFESSIONALI; - EFFORT. Cod. Figure professionali q.tà gg.uu. Riepilogo di Progetto 1.092 SCHEDULAZIONI RIEPILOGATIVE E CONFRONTO DI: - FASI E ATTIVITA' DEL WBS; - PRODOTTI; - COMPITI; - RISORSE PROFESSIONALI; - EFFORT. 001 Comitato

Dettagli

I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione :

I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione : Il Project Management nelle Aziende Sanitarie Tipologie di progetti nelle ASL-AOAO I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione

Dettagli

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 LEZIONE LA GESTIONE DEI PROGETTI DOTT. GIUSEPPE IULIANO Indice 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 1.1 La prima fase di impostazione ---------------------------------------------------------------------7

Dettagli

BIBLIOGRAFIA Project Management. La metodologia dei 12 Step. Come applicarla in tempo reale per gestire con successo piccoli e grandi progetti - Antonello Bove, ED. Hoepli, 2014 Project Management. La

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Project Management. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali.

Project Management. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Project Management. di Simone Cavalli (simone.cavalli@unibg.it) Bergamo, Maggio 2010 Project Management: definizioni Progetto: Progetto si definisce, di regola, uno

Dettagli

Il Project management. Lo sviluppo di attività complesse in un ottica di progetto

Il Project management. Lo sviluppo di attività complesse in un ottica di progetto Il Project management Lo sviluppo di attività complesse in un ottica di progetto Progetto. La nozione Un progetto costituisce un insieme di attività, complesse e interrelate, aventi come fine un obiettivo

Dettagli

N. 4.1. La WBS di un progetto di costruzione di un edificio, utilizzando il metodo di disaggregazione per fasi. WBE Code

N. 4.1. La WBS di un progetto di costruzione di un edificio, utilizzando il metodo di disaggregazione per fasi. WBE Code Le soluzioni proposte degli esercizi presenti nel testo hanno un carattere di mero esempio e non possono essere assunte come WBS da adottare in ogni contesto. Ricordiamo che ogni progetto e quindi ogni

Dettagli

Pianificazione e progettazione

Pianificazione e progettazione Pianificazione e progettazione L analisi preventiva degli eventi e delle loro implicazioni rappresenta una necessità sempre più forte all interno di tutte le organizzazioni variamente complesse. L osservazione

Dettagli

Il Ciclo di Progetto e il Piano di Progetto

Il Ciclo di Progetto e il Piano di Progetto Il Ciclo di e il Piano di Alessandro De Nisco Università del Sannio Il Ciclo di IL CICLO DI VITA DEL PROGETTO RISORSE TEMPO IDEAZIONE VALUTAZIONE PIANIFICAZIONE REALIZZAZIONE MANUTENZIONE FASE INIZIALE

Dettagli

Tailoring e WBS: strumenti o tecniche?

Tailoring e WBS: strumenti o tecniche? Tailoring e WBS: strumenti o tecniche? Patricia Gamberini, PMP Direzione Ingegneria dell'offerta Sanità Engineering Ingegneria Informatica SpA PMI-NIC - Tutti i diritti riservati Gli Standard (1) A Guide

Dettagli

E X P O T R A I N I N G 2 0 1 2

E X P O T R A I N I N G 2 0 1 2 Nuove frontiere per le attività formative E X P O T R A I N I N G 2 0 1 2 Fiera Milano, 26 Ottobre 2012 Obiettivo Il Project Management può rappresentare per gli organismi formativi un ambito di business

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino

POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino POLITECNICO DI TORINO DIPLOMA UNIVERSITARIO TELEDIDATTICO Polo di Torino COSTI DI PRODUZIONE E GESTIONE AZIENDALE A.A. 1999-2000 (Tutore: Ing. L. Roero) Scheda N. 12 CONTROLLO DEI COSTI DI COMMESSA/PROGETTO

Dettagli

Work Breakdown Structure Diagramma di Gantt PERT/CPM

Work Breakdown Structure Diagramma di Gantt PERT/CPM Work Breakdown Structure Diagramma di Gantt PERT/CPM C. Noè WBS Si tratta di uno strumento di supporto alla scomposizione analitica di un progetto in tutte le sue parti. Ciò facilita l attribuzione di

Dettagli

EQDL Start. Approccio per processi. Temi: Individuazione e descrizione dei processi. Syllabus da 3.1.3.1 a 3.1.3.6

EQDL Start. Approccio per processi. Temi: Individuazione e descrizione dei processi. Syllabus da 3.1.3.1 a 3.1.3.6 EQDL Start Approccio per Temi: Individuazione e descrizione dei Syllabus da 3.1.3.1 a 3.1.3.6 La patente europea della Qualità - EQDL START European Quality Driving Licence MOD 3 Start: APPROCCIO PER PROCESSI

Dettagli

Corso Base di Project Management 3 giorni (21 ore)

Corso Base di Project Management 3 giorni (21 ore) Corso Base di Project Management 3 giorni (21 ore) Mettere in grado i partecipanti di acquisire la conoscenza della disciplina del project management affinchè essi possano successivamente affrontare e

Dettagli

Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management. Work Breakdown Structure (WBS) (2) Work Breakdown Structure (WBS) (3)

Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management. Work Breakdown Structure (WBS) (2) Work Breakdown Structure (WBS) (3) Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management Work Breakdown Structure, Organizational Breakdown Structure, GANTT, Pert È una illustrazione (grafica) del progetto che articola il

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE La Work Breakdown Structure La WBS è uno strumento di pianificazione delle attività progettuali che comporta un lavoro di: 1) suddivisione

Dettagli

I Corsi T. T. LAB 2.0 0 Social Media Marketing per la promozione e la gestione della Brand Reputation del prodotto turistico Il seminario é pensato per un target di gestori di aziende (strutture ricettive,

Dettagli

La pianificazione finanziaria di progetto

La pianificazione finanziaria di progetto La pianificazione finanziaria di progetto Corso in LA GESTIONE FINANZIARIA DI UN PROGETTO AI FINI DELLA RENDICONTAZIONE A CURA DELL ASSOCIAZIONE PRONEXUS Reggio Calabria Passi per la pianificazione Passo

Dettagli

Il ciclo di progetto focus su. Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT

Il ciclo di progetto focus su. Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT Il ciclo di progetto focus su Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT analisi periodica e finale di: efficienza, efficacia, impatto atteso, sostenibilità

Dettagli

Prefazione. Parte I Informazioni preliminari 1. Capitolo 1 Introduzione 3

Prefazione. Parte I Informazioni preliminari 1. Capitolo 1 Introduzione 3 Prefazione IX Parte I Informazioni preliminari 1 Capitolo 1 Introduzione 3 Immaginate.................................................... 3 Contenuto del libro..............................................

Dettagli

Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza

Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza Quarta, la soluzione informatica per la costruzione di un Sistema Qualità, Ambiente e Sicurezza fortemente integrato è in grado di garantire l efficacia

Dettagli

Scopo della WBS. La regola del 100% Orientamento ai risultati

Scopo della WBS. La regola del 100% Orientamento ai risultati Le problematiche delle fasi del progetto CONCEZIONE ELABORAZIONE FINANZIAMENTO NEGOZIAZIONE ATTUAZIONE ATTUAZIONE - Definizione della successione delle attività esecutive - Allocare le risorse - Pianificare

Dettagli

Per crescere con le competenze

Per crescere con le competenze T. T. LAB 2.0 Formavo per le Imprese del Turismo Per crescere con le competenze La Camera di Commercio di Nuoro, in collaborazione con le Associazioni di Categoria: Confcommercio, Confesercen, Associazione

Dettagli

Tecnica della prevenzione Infortuni per la Salute e la Sicurezza nei Can.eri Edili QUADRO NORMATIVO

Tecnica della prevenzione Infortuni per la Salute e la Sicurezza nei Can.eri Edili QUADRO NORMATIVO Tecnica della prevenzione infortuni per la Salute e Sicurezza nei Can4eri Edili QUADRO NORMATIVO 4 a n n i 1 2 a n n i Il modello prevenzione infortuni da a2uare nei can4eri Edili (temporanei o mobili)

Dettagli

Per crescere con le competenze

Per crescere con le competenze T. T. LAB 2.0 Formavo per le Imprese del Turismo Per crescere con le competenze La Camera di Commercio di Nuoro, in collaborazione con le Associazioni di Categoria: Confcommercio, Confesercen, Confindustria,

Dettagli

Negli anni abbiamo operato in molte realtà industriali ed insieme costituiamo un gruppo di lavoro molto affiatato e collaudato.

Negli anni abbiamo operato in molte realtà industriali ed insieme costituiamo un gruppo di lavoro molto affiatato e collaudato. CHI SIAMO La PROGETTI S.r.l., con sede a Mantova, è stata creata nel marzo del 1993, da professionisti che sin dal 1987 hanno operato all interno del Gruppo Eni (Stabilimenti di Mantova, Ferrara, Porto

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO FESR 2007-2013 ASSE I - LINEA D INTERVENTO 1.5 AZIONE 1.5.2

PROGRAMMA OPERATIVO FESR 2007-2013 ASSE I - LINEA D INTERVENTO 1.5 AZIONE 1.5.2 20696 REGIONE PUGLIA. STRUTTURA DI GESTIONE PO FESR 2007-2013 ASSE I - LINEA DI INTERVENTO 1.5 AZIONE 1.5.2 CODICE OPERAZIONE ALLEGATO N.1 AL DISCIPLINARE PROGRAMMA OPERATIVO FESR 2007-2013 ASSE I - LINEA

Dettagli

Le configurazioni di costo

Le configurazioni di costo SISTEMI DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Le configurazioni di costo Prof.ssa Monia Castellini Copyright Sistemi di programmazione e controllo 1 Obie9vi forma

Dettagli

Ciclo di vita del progetto

Ciclo di vita del progetto IT Project Management Lezione 2 Ciclo di vita del progetto Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Ciclo di vita del progetto Il ciclo di vita del progetto definisce le fasi che collegano l inizio e la fine del

Dettagli

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI Proposte formative Un team di esperti in progettazione formativa è a disposizione per lo sviluppo di soluzioni personalizzate e la realizzazione di percorsi costruiti intorno alle esigenze di ciascuna

Dettagli

Project Manager. Funzioni ed attività di un ruolo strategico. e-academy Milano, 20 Ottobre 2005

Project Manager. Funzioni ed attività di un ruolo strategico. e-academy Milano, 20 Ottobre 2005 Project Manager Funzioni ed attività di un ruolo strategico e-academy Milano, 20 Ottobre 2005 Mentis innovazione e strategia Mentis crea strumenti innovativi per Aziende che vogliono sfruttare appieno

Dettagli

La Gestione del progetto

La Gestione del progetto Il Laboratorio e la Professione La Gestione del progetto Padova 25-26 settembre 2009 M. Iside Bruschi REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO Il Project Management è un sistema che utilizza ed applica conoscenze

Dettagli

Nuovi sviluppi nella progettazione e nell esecuzione dell opera pubblica con il Project Management (Salerno, 16 Aprile 2012)

Nuovi sviluppi nella progettazione e nell esecuzione dell opera pubblica con il Project Management (Salerno, 16 Aprile 2012) Nuovi sviluppi nella progettazione e nell esecuzione dell opera pubblica con il Project Management (Salerno, 16 Aprile 2012) Il Project Management: approcci gestionali e processi (Prof. Ing. Guido Capaldo)

Dettagli

Esempio di check list per la gestione di un progetto. nel settore dello spettacolo dal vivo LUCIO ARGANO

Esempio di check list per la gestione di un progetto. nel settore dello spettacolo dal vivo LUCIO ARGANO Lucio Argano Esempio di check list nella gestione di progetti di spettacolo 1 LUCIO ARGANO Esempio di check list per la gestione di un progetto nel settore dello spettacolo dal vivo sintesi da L.Argano

Dettagli

Metodologia TenStep. Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia

Metodologia TenStep. Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia Metodologia TenStep Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia Livello di Complessità Processo di Project Management TenStep Pianificare il Lavoro Definire il Lavoro Sviluppare Schedulazione e Budget Gestire

Dettagli

I finanziamen* agevola* eroga* da Veneto Sviluppo Spa

I finanziamen* agevola* eroga* da Veneto Sviluppo Spa a cura di I finanziamen* agevola* eroga* da Veneto Sviluppo Spa I finanziamen* agevola* per le piccole e medie imprese operan* nella Regione Veneto sono finanziamen* eroga* a condizioni agevolate in favore

Dettagli

Pianificazione monitoraggio e controllo: la tecnica al servizio del progetto

Pianificazione monitoraggio e controllo: la tecnica al servizio del progetto Pillole l di Project Management Lunedì 21 febbraio c/o Relais Santa Croce Via Ghibellina, 87 a Firenze Pianificazione monitoraggio e controllo: la tecnica al servizio del progetto Dott. Ing. Luigi De Laura

Dettagli

IL PROJECT MANAGEMENT

IL PROJECT MANAGEMENT IL PROJECT MANAGEMENT Scopi e campi di applicazione La pianificazione del progetto Le tecniche di pianificazione del progetto Le tecniche di pianificazione dei tempi La gestione e il controllo del progetto

Dettagli

CHI SIAMO. NOVIGOS in pillole ENERGY' 'SERVIZI'DI'ENERGY'MANAGEMENT'PER'IL'RISPARMIO'ENERGETICO'

CHI SIAMO. NOVIGOS in pillole ENERGY' 'SERVIZI'DI'ENERGY'MANAGEMENT'PER'IL'RISPARMIO'ENERGETICO' CHI SIAMO NOVIGOS' ENGINEERING' È' UN' TEAM' di Professionis, che proge1ano da oltre 14' ANNI' SOLUZIONI' PER' LA' GESTIONE' DEI' PROCESSI' DELLE'MEDIE'E'GRANDI'IMPRESE.' NOVIGOS in pillole ' BIM' 'ANAGRAFICA'TECNICA'CON'DOPPIO'OUTPUT'

Dettagli

Unità Formativa 10.2: Strumenti per la programmazione delle attività.

Unità Formativa 10.2: Strumenti per la programmazione delle attività. Unità Formativa 10.2: Strumenti per la programmazione delle attività. Nella precedente Unità formativa si è fatto cenno ad alcuni strumenti molto diffusi per la programmazione delle attività e, in particolare,

Dettagli

Project Management Metodologie e Tecniche per la gestione di progetti

Project Management Metodologie e Tecniche per la gestione di progetti Project Management Metodologie e Tecniche per la gestione di progetti Amir Baldissera amir.baldissera@mentis.it Milano, 18 Ottobre 2008 Cos è IWA/HWG IWA/HWG è un Associazione professionale no profit riconosciuta

Dettagli

Processi e Miglioramento IL PROCESSO AZIENDALE IL PROCESSO AZIENDALE 07/10/2013

Processi e Miglioramento IL PROCESSO AZIENDALE IL PROCESSO AZIENDALE 07/10/2013 Processi e Miglioramento - La gestione per processi - Il miglioramento - Le metodologie del miglioramento 1 L organizzazione di successo è quella vicina al cliente, cioè in grado di fornire elevate prestazioni

Dettagli

Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2015-2016. Corso di Economia Aziendale II modulo Capitolo 5 Reddito e capitale

Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2015-2016. Corso di Economia Aziendale II modulo Capitolo 5 Reddito e capitale Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2015-2016 Corso di Economia Aziendale II modulo Capitolo 5 Reddito e capitale 1 Stru%ura del corso Introduzione Economia Aziendale e Ragioneria

Dettagli

Come i sistemi di performance management possono contribuire al rafforzamento delle capacità di ges7one dei fondi europei

Come i sistemi di performance management possono contribuire al rafforzamento delle capacità di ges7one dei fondi europei Il Rafforzamento della Capacità amministra5va nella Programmazione 2014-2020 Come i sistemi di performance management possono contribuire al rafforzamento delle capacità di ges7one dei fondi europei Laura

Dettagli

PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DEI LAVORI

PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DEI LAVORI PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DEI LAVORI OBIETTIVI Individuazione delle singole attività elementari Loro organizzazione su differenti livelli di dettaglio Definizione di una struttura di controllo P.D.Patrone,

Dettagli

Processi principali per il completamento del progetto

Processi principali per il completamento del progetto Piano di progetto È un documento versionato, redatto dal project manager per poter stimare realisticamente le risorse, i costi e i tempi necessari alla realizzazione del progetto. Il piano di progetto

Dettagli

FeelFine Incentive & Events

FeelFine Incentive & Events FeelFine Incentive & Events CONCEPT Feelfine: Essere soddisfa0, star bene! Chi non vuole stare bene? La soddisfazione si sa, passa a9raverso il proprio lavoro, a9raverso i rappor: con i colleghi, la famiglia

Dettagli

Presentazione a cura di: Enrico Mastrofini Presidente ISIPM e-mail: mastrofini@isipm.org

Presentazione a cura di: Enrico Mastrofini Presidente ISIPM e-mail: mastrofini@isipm.org Presentazione a cura di: Enrico Mastrofini Presidente ISIPM e-mail: mastrofini@isipm.org ISIPM Istituto Italiano di Project Management Via A. Gallonio, 18 00161 Roma ISIPM - Istituto Italiano di Project

Dettagli

IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice

IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice CORSO DI ALTA FORMAZIONE 38 ORE IN AULA 8 Moduli Didattici Roma, dal 13 novembre al 5 dicembre 2015 Hotel

Dettagli

Soluzioni e Proge-! Datakey Software Engineering Srl 1

Soluzioni e Proge-! Datakey Software Engineering Srl 1 Soluzioni e Proge- 1 Datakey 30 anni di SoSware Datakey nasce Nel 1985, avente ad ogge0o l a2vità di proge0azione di servizi informa:ci opera trasformazioni orientate alla crescita; E cer:ficata ISO 9001

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

LO STRUMENTO CARDINE DELLA GESTIONE DI UN PROGETTO

LO STRUMENTO CARDINE DELLA GESTIONE DI UN PROGETTO WORK BREAKDOWN STRUCTURE WORK BREAKDOWN STRUCTURE: LO STRUMENTO CARDINE DELLA GESTIONE DI UN PROGETTO Giorgio Beghini Professore a contratto c/o Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università

Dettagli

Sviluppo e Gestione di Progetti. Primo modulo: Introduzione al PM. Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione di Progetti per Informatici

Sviluppo e Gestione di Progetti. Primo modulo: Introduzione al PM. Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione di Progetti per Informatici Università di Padova - e Gestione di Progetti Primo modulo: Introduzione al PM docente: Filippo Ghiraldo filippo.ghiraldo@unipd.it Progetti e loro ciclo di vita Esempi Materiale didattico sottoposto a

Dettagli

Review Management. Introduzione. I progetti

Review Management. Introduzione. I progetti Review Management Introduzione Le review sono un argomento di particolare importanza nell ambito dei processi produttivi aziendali, siano essi produzione del software, industriali, edili, oppure legati

Dettagli

CORSO PROJECT MANAGEMENT PRIMA PARTE

CORSO PROJECT MANAGEMENT PRIMA PARTE CORSO PROJECT MANAGEMENT PRIMA PARTE METODI E STRUMENTI DI PROJECT MANAGEMENT E DESIGN MANAGEMENT NEGLI APPALTI DI PROGETTAZIONE, DI COSTRUZIONE E IMPIANTISTICI, PUBBLICI E PRIVATI Argomento Contenuti

Dettagli

ESECUZIONE DEL BUSINESS PLAN

ESECUZIONE DEL BUSINESS PLAN 1 IL BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN Chiamato anche piano strategico d azienda o, ancora più semplicemente piano industriale, è il documento maggiormente richiesto dagli investitori, dagli istituti di credito

Dettagli

PM03 - IL PROJECT MANAGEMENT:TECNICHE DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO

PM03 - IL PROJECT MANAGEMENT:TECNICHE DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO + Obiettivi Far conoscere e diffondere la conoscenza di pianificazione, programmazione e controllo dei progetti allo scopo di potenziare le competenze dei partecipanti nella preparazione di progetti di

Dettagli

6. La gestione del contenuto del progetto

6. La gestione del contenuto del progetto 6. La gestione del contenuto del progetto Il primo processo di pianificazione riguarda la definizione di tutto e solo ciò che riguarda il progetto. Occorre passare dalla descrizione dell oggetto finale

Dettagli

Sistema Integrato di MANUTENZIONE E ENERGY SAVING PIANO DI FORMAZIONE AZIENDALE

Sistema Integrato di MANUTENZIONE E ENERGY SAVING PIANO DI FORMAZIONE AZIENDALE Sistema Integrato di MANUTENZIONE E ENERGY SAVING PIANO DI FORMAZIONE AZIENDALE Piano di Formazione Aziendale - Un piano di inves,mento sul capitale umano Un piano forma,vo si iden,fica in un piano organico

Dettagli

DAL PROGETTO/DESIGN PROGETTO/PROJECT

DAL PROGETTO/DESIGN PROGETTO/PROJECT DAL PROGETTO/DESIGN AL PROGETTO/PROJECT Dal Progetto / Design al Progetto / Project. Il Project Management come strumento per la competitività. Una panoramica su strumenti e tecniche per la gestione efficace

Dettagli

IL VALORE DEL CLIENTE NELLA GESTIONE DEI PROCESSI AZIENDALI. Ing. Andrea Giaconi

IL VALORE DEL CLIENTE NELLA GESTIONE DEI PROCESSI AZIENDALI. Ing. Andrea Giaconi IL VALORE DEL CLIENTE NELLA GESTIONE DEI PROCESSI AZIENDALI Ing. Andrea Giaconi Il cliente chi è? È il giudice ul=mo della mia impresa Stringe relazioni Il suo comportamento varia nel tempo Per ges=rlo

Dettagli

Pianificazione e gestione di progetto. Adozione di tecniche e metodologie usate anche in settori diversi dalla progettazione sw

Pianificazione e gestione di progetto. Adozione di tecniche e metodologie usate anche in settori diversi dalla progettazione sw Pianificazione e gestione di progetto Responsabile di progetto: attività 1) Pianificazione 2) Organizzazione 3) Gestione del personale (staffing) 4) Direzione 5) Controllo Adozione di tecniche e metodologie

Dettagli

Gestione parte IIC. Diagrammi di Gantt. Esempio. Schemi di scomposizione delle attività

Gestione parte IIC. Diagrammi di Gantt. Esempio. Schemi di scomposizione delle attività Schemi di scomposizione delle attività Gestione parte IIC Work Breakdown Structures (WBS) Struttura ad albero: radice: attività principale i nodi figli rappresentano la scomposizione del nodo padre le

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL RISPARMIO ENERGETICO NELLE STRUTTURE SPORTIVE

LINEE GUIDA PER IL RISPARMIO ENERGETICO NELLE STRUTTURE SPORTIVE LINEE GUIDA PER IL RISPARMIO ENERGETICO NELLE STRUTTURE SPORTIVE IL SALUTO DEL PRESIDENTE. Razionalizzare è da sempre una chiave di leura vincente. Quando si parla di energia il conceo assume una valenza

Dettagli

Governare il tempo IV Bando l.r. 28/2004

Governare il tempo IV Bando l.r. 28/2004 Governare il tempo IV Bando l.r. 28/2004 Progettare il tempo Il metodo, il processo e gli strumenti della progettazione in ottica temporale Costantina Regazzo, Antiforma srl - Milano Percorso formativo

Dettagli

Classificazione Nuovo Esame PMP

Classificazione Nuovo Esame PMP Notizie sul nuovo esame PMP a partire dal Agosto 0 Classificazione Nuovo Esame PMP Questo è il link al documento del PMI: Crosswalk Between Current and New PMP Classifications del PMI Di seguito trovi

Dettagli

Project Management Information System con Microsoft Office Project Server Corso Avanzato

Project Management Information System con Microsoft Office Project Server Corso Avanzato Project Management Information System con Microsoft Office Project Server Corso Avanzato Page 2 of 5 1 PMIS con Microsoft Office Project Server - Corso Avanzato 1.1 Obiettivi Il corso ha l obiettivo di

Dettagli

Domanda: 1. Domanda: 2. Domanda: 3

Domanda: 1. Domanda: 2. Domanda: 3 Domanda: 1 In un gruppo di progetto si ha uno stato di crisi allorché Esiste una situazione di conflitto in cui non riescono ad essere utili e durature logiche di win-win Esiste una situazione di conflitto

Dettagli

Smart&Start Italia D.M. 24 settembre 2014. NETVAL Winter School 27 marzo 2015

Smart&Start Italia D.M. 24 settembre 2014. NETVAL Winter School 27 marzo 2015 Smart&Start Italia D.M. 24 settembre 2014 NETVAL Winter School 27 marzo 2015 Smart&Start Italia Per favorire la diffusione di nuova imprenditorialità legata all economia digitale, per sostenere le poli3che

Dettagli

Performance management nelle Università

Performance management nelle Università Performance management nelle Università! Performance management! Gli ambiti di valutazione! La costruzione dell albero della performance! Gestione degli indicatori! Il ciclo della performance I La performance

Dettagli

La gestione manageriale dei progetti

La gestione manageriale dei progetti PROGETTAZIONE Pianificazione, programmazione temporale, gestione delle risorse umane: l organizzazione generale del progetto Dimitri Grigoriadis La gestione manageriale dei progetti Per organizzare il

Dettagli

Specialis nell Energy Saving

Specialis nell Energy Saving Specialis nell Energy Saving LA STORIA Geicolender S.p.a., società dall'esperienza ventennale nei se!ori della ges one e manutenzione di impian tecnologici ed edifici complessi, nell'aprile 2011 incomincia

Dettagli

Project Management. Cosa, come, quando, quanto, ma soprattutto perché

Project Management. Cosa, come, quando, quanto, ma soprattutto perché Project Management Cosa, come, quando, quanto, ma soprattutto perché Un approccio per niente serio di Enrico Marongiu - enrico.marongiu@gmail.com Versione 1.0-16/05/2011 Sommario (o WBS...) Cos'è un progetto

Dettagli

CORSO PROJECT MANAGEMENT PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

CORSO PROJECT MANAGEMENT PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO CORSO PROJECT MANAGEMENT PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO VALIDO ANCHE COME AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE RSPP/ASPP (Art. 32 D.Lgs. 9 Aprile 2008 n.81 e s.m.i. Accordo Stato Regioni 26/01/2006) PROGRAMMA

Dettagli

Il Project Management per la piccola-media impresa: aumentare l efficienza per superare la crisi

Il Project Management per la piccola-media impresa: aumentare l efficienza per superare la crisi Il Project Management per la piccola-media impresa: aumentare l efficienza per superare la crisi Prato, 25 Settembre 2009 1 Programma 15:00 15:10 Benvenuto e apertura lavori 15:10 15:20 Presentazione del

Dettagli

Un approccio sistemico alla gestione dei progetti: dalle strategie al project management

Un approccio sistemico alla gestione dei progetti: dalle strategie al project management isedi_indice_cantamessa 27-04-2007 9:25 Pagina V Indice XI Prefazione XIII Premessa XVII Introduzione Un approccio sistemico alla gestione dei progetti: dalle strategie al project management PARTE I Aspetti

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT DI ELEVATA PROFESSIONALITÀ

PROJECT MANAGEMENT SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT DI ELEVATA PROFESSIONALITÀ PROJECT MANAGEMENT SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT DI ELEVATA PROFESSIONALITÀ SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT CENTRATE I VOSTRI OBIETTIVI LA MISSIONE In qualità di clienti Rockwell Automation, potete contare

Dettagli

PROGETTAZIONE B.I.M.

PROGETTAZIONE B.I.M. PROGETTAZIONE B.I.M. Building Information Modeling INTRODUZIONE: Negli ultimi anni, in architettura, ingegneria e nel mondo delle costruzioni è avvenuto un radicale cambiamento negli strumenti e nei metodi

Dettagli

Fondamenti di strategia competitiva ed analisi dei settori industriali

Fondamenti di strategia competitiva ed analisi dei settori industriali Fondamenti di strategia competitiva ed analisi dei settori industriali 1) Illustrare le variabili che descrivono i caratteri dell ambiente in cui operano le imprese industriali 2) Con riferimento alla

Dettagli

SOMMARIO. 1. Quali esigenze? 2. Perché scegliere un ERP. 3. Cosa blocca una PMI. 4. Questo è il momento giusto. 5. Vantaggi. 6. Perché SAP è Leader

SOMMARIO. 1. Quali esigenze? 2. Perché scegliere un ERP. 3. Cosa blocca una PMI. 4. Questo è il momento giusto. 5. Vantaggi. 6. Perché SAP è Leader Perché sceglierlo? SOMMARIO 1. Quali esigenze? 2. Perché scegliere un ERP 3. Cosa blocca una PMI 4. Questo è il momento giusto 5. Vantaggi 6. Perché SAP è Leader 7. Perché SAP Business One è Leader Quali

Dettagli

CORSO PROJECT MANAGEMENT PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

CORSO PROJECT MANAGEMENT PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO CORSO PROJECT MANAGEMENT PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO VALIDO ANCHE COME AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE RSPP/ASPP (Art. 32 D.Lgs. 9 Aprile 2008 n.81 e s.m.i. Accordo Stato Regioni 26/01/2006) PROGRAMMA

Dettagli