TOOLKIT. Lean Management nella progettazione e sviluppo dei prodotti. Perché il Lean Thinking nello sviluppo dei prodotti?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TOOLKIT. Lean Management nella progettazione e sviluppo dei prodotti. Perché il Lean Thinking nello sviluppo dei prodotti?"

Transcript

1 TOOLKIT Lean Management nella progettazione e sviluppo dei prodotti Stefano Biazzo Università di Padova Sviluppare processi di progettazione e sviluppo sempre più rapidi e sempre più affidabili è ormai una necessità strategica. Le direttrici del cambiamento per trasformare in ottica Lean la progettazione e lo sviluppo dei prodotti ( Lean Design o Lean Development ) sono le seguenti: ü valore: creare conoscenza per realizzare catene del valore profittevoli ü Leader forti di progetto ü Team integrati di esperti responsabili ü Approccio Set- Based nella ricerca delle soluzioni ü Cadenza, Flow & Pull Perché il Lean Thinking nello sviluppo dei prodotti? E ormai evidente che la Lean Manufacturing sta emergendo come il paradigma dominante nella gestione della produzione industriale. Numerose ricerche (e le esperienze recenti di molte imprese venete che hanno abbracciato il Lean Thinking per ripensare la fabbrica ) hanno dimostrato quanto radicali possano essere i miglioramenti nella produttività, nei costi e nella qualità derivanti dall adozione delle logiche e delle metodologie Lean. L eccellenza nella produzione è certamente un fattore importante per il recupero di competitività a livello internazionale. Ma è la capacità nell innovazione di prodotto/servizio che rappresenta, in particolare per le PMI italiane, una risorsa irrinunciabile per non soccombere nella competizione sul prezzo cavalcata dalle imprese localizzate nei paesi emergenti e a basso costo. In questa prospettiva è confortante evidenziare quanto il potenziale di miglioramento delle metodologie Lean sia ancora più alto nel contesto della gestione dell innovazione e sviluppo dei prodotti. Anche nei processi (o meglio nella value stream, nella catena del valore ) dell innovazione di prodotto esistono notevoli forme di spreco (qualunque cosa che non crea valore per il cliente); il problema è che tali sprechi non sono immediatamente visibili e non sono, quindi, facilmente aggredibili se non si adottano le metodologie opportune per individuarli. La riprogettazione dei processi di innovazione di prodotto può liberare enormi energie creative e di conoscenza che, molto spesso, sono già presenti negli uffici tecnici e commerciali. Uno schema estremamente interessante e utile per visualizzare ed evidenziare l ampiezza e la complessità dei processi di innovazione è il modello dell innovation funnel (Biazzo, 2011), che mette in evidenza le tre aree di attività da cui dipende la capacità di innovazione dell impresa: 1. Lo sviluppo delle conoscenze di mercato e tecnologiche, che alimentano il funnel; 2. L identificazione delle opportunità, che richiede grande apertura verso l esterno, capacità di assorbimento di nuove conoscenze, creatività sistematica; 1

2 3. I progetti di sviluppo di tali opportunità in prodotti industrialmente producibili, dove è critica la focalizzazione sul cliente, la capacità di sperimentazione rapida e anticipata di soluzioni alternative, l integrazione prodotto- processo e la velocità di progettazione ingegneristica. Sviluppo delle conoscenze Intelligence & Presidio dei mercati Identificazione opportunità (selezione dei progetti) Sviluppo dei prodotti Generazione & Selezione Idee di prodotto Portafoglio Progetti Sviluppo del Concept Progettazione Prodotto/processo Intelligence & Presidio delle tecnologie La bocca dell imbuto è rappresentativa della fase divergente ed esplorativa della identificazione delle opportunità; fase che si alimenta dello stock di conoscenze del mercato e delle tecnologia e si concretizza in un insieme di idee di prodotto; le idee selezionate diventano il portafoglio dei progetti di sviluppo. La parte finale dell imbuto, che si restringe progressivamente per evidenziare la riduzione dell incertezza e la convergenza verso la soluzione tecnica che sarà poi commercializzata, illustra la fase della trasformazione delle idee di prodotto in prodotti disponibili per la commercializzazione (progetti di progettazione e sviluppo dei prodotti ). In questo brief ci concentriamo sull impatto del pensiero Lean nei progetti di progettazione e sviluppo dei prodotti (Product Design & Development). La logica Lean applicata allo sviluppo prodotto viene denominata in modo vario: Lean Design, Lean Development, Lean Product & Process Development, Progettazione Snella; noi adotteremo la dizione Lean Design. Nella tabella successiva abbiamo evidenziato una serie di sprechi che possono affliggere le attività di sviluppo del prodotto, riassunti nelle classiche 7 forme di spreco individuate da Ohno nei sistemi produttivi con l aggiunta di una specifica categoria di assoluto rilievo nel contesto dei processi di innovazione: lo spreco di conoscenza. Categoria di spreco Esempi Sovrapproduzione ü Caratteristiche, funzionalità, performance di prodotto che superano le esigenze del cliente ( sovra- servire i bisogni, over- engineering, performance oversupply ) Attese ü Tempi di attesa per informazioni, risultati di test ü Tempi di attesa per decisioni, approvazioni ü Tempi di attesa per risorse non disponibili (umane e fisiche) Trasporti non necessari ü Passaggi di informazioni non necessari ü Passaggi di responsabilità non necessari Lavorazioni non necessarie (overprocessing) ü ü ü ü Reinventare : sprecare la conoscenza già sviluppata in passato perché non facilmente rintracciabile Documentazioni inutilmente complicate e ridondanti, non progettate nell ottica del cliente interno Ricevere e scartare informazioni inutili Processi di supporto inutilmente complessi (es. per richieste di quotazioni ai fornitori, acquisizione materiali, ecc.) 2

3 ü Mantenimento dello scheduling dei progetti ex- post (es. Gantt aggiornati in ritardo che non servono per gestire il progetto, ma per informare il management sul progetto e dare l illusione del controllo) Magazzini in eccesso ü Lotti di informazioni troppo grandi, che permettono agli errori di nascondersi e che allungano e rallentano i cicli di apprendimento e di creazione della conoscenza Movimenti non necessari ü Ricercare informazioni ü Riunioni non focalizzate e non adeguatamente strutturate ü Lavoro caratterizzato da continue interruzioni e cambiamenti nei compiti causando elevati tempi di set- up mentale Difetti ü Modifiche dovute ad errori di progettazione ü Modifiche dovute a non adeguata comprensione dei requisiti del cliente Spreco di conoscenza ü Barriere alla comunicazione (fisiche, sociali) che impediscono alle persone di interagire efficacemente nell analisi e nella risoluzione dei problemi ü Mancanza di chiarezza e di allineamento sulla visione del prodotto da sviluppare ü Archiviazione delle informazioni di progetto senza creare conoscenza riutilizzabile (conoscenza scartata) Il sistema Lean di progettazione e sviluppo prodotti Che cosa significa trasformare in ottica Lean il processo di progettazione e sviluppo? Allen Ward, in una seminale pubblicazione (Lean Product and Process Development, Lean Enterprise Institute, 2007), ha proposto uno schema di riferimento di elegante semplicità che mette in evidenza con grande chiarezza quali sono le direttrici del cambiamento per realizzare il Lean Design. 1. valore: creare conoscenza per realizzare catene del valore profittevoli L obiettivo dello sviluppo è creare catene operative del valore profittevoli: il cliente non compra un progetto, compra un prodotto che esce da un sistema logistico- produttivo (una catena operativa del valore, una supply chain ). Il valore nei processi di innovazione risiede nella conoscenza; focalizzarsi sul valore significa sviluppare conoscenza su 5 fronti: 1. Conoscenza sui bisogni dei clienti: la catena del valore non può essere profittevole se il prodotto non risponde alle esigenze, espresse ed inespresse, dei clienti; il valore è prima di tutto definito nella prospettiva del cliente. 2. Conoscenza sui propri prodotti (soprattutto in relazione a quelli della concorrenza), in termini di tecnologie incorporate, di soluzioni architetturali e di aspetti estetici ed emozionali. 3. Conoscenza sulle proprie capacità e competenze di produzione. 4. Conoscenza sulle capacità e sui limiti dei propri fornitori e su come questi possono essere integrati nel sistema produttivo. 5. Conoscenza sulle proprie capacità di gestione del processo di progettazione e sviluppo. La profondità di queste conoscenze e la loro integrazione rende possibile il raggiungimento dell obiettivo dello sviluppo: un prodotto che possa essere costruito e venduto in modo profittevole. 2. Leader forti di progetto La pratica manageriale e anche le ricerche sul campo convergono nel rilevare l importanza cruciale della figura del capo progetto ; indipendentemente dalle specifiche configurazioni di responsabilità ed autorità che tale ruolo può assumere, su questa figura si scaricano gran parte delle notevoli tensioni generate dalla ricerca degli inevitabili trade- 3

4 off fra esigenze spesso contrastanti di cui gli specialisti funzionali sono portatori. In letteratura si distinguono fondamentalmente due tipologie di project manager: leggero e pesante (o forte ). Un project manager è definito leggero quando non ha responsabilità diretta sulle risorse operative assegnate al progetto e rimane di fatto in posizione subordinata rispetto ai responsabili di funzione; è un ruolo di coordinamento che si esplicita nel controllo dell avanzamento del progetto e nella gestione dei flussi informativi. Nel caso del project manager forte le responsabilità vanno oltre il semplice coordinamento: egli è in prima persona responsabile dello sviluppo del concept di prodotto ed è il garante della visione e delle caratteristiche fondamentali del prodotto nel corso del progetto; ha le competenze tecniche per dominare la progettazione architetturale del prodotto e contemporaneamente ha le caratteristiche dell imprenditore (visione del business legato al prodotto e sensibilità economico- finanziaria); ha una forte influenza sulle risorse coinvolte nel progetto e occupa una posizione di primaria importanza nell organizzazione, confrontabile con quella dei responsabili di funzione (ecco una serie di tipiche denominazione del leader forte di progetto: Heavyweight Project Manager, Chief Engineer, Entrepreneur System Designer, Large Scale Project Leader). Un sistema Lean è centrato sull idea che un ruolo forte del project manager sia essenziale qualunque siano le caratteristiche del progetto, ad eccezione delle situazioni semplici che richiedono piccole modifiche ad un prodotto esistente. Un team impegnato in un progetto di una certa complessità deve avere una guida autorevole, deve essere gestito e non amministrato da un coordinatore. Un leader forte di progetto: è un abile interprete del mercato e dei bisogni dei clienti; guida lo sviluppo del concept di prodotto e ne è poi il guardiano nel corso della progettazione ingegneristica di dettaglio; ispira il gruppo in quanto è appassionato del prodotto che sta progettando controlla il processo di sviluppo tenendolo in moto ed evitando sprechi; fornisce una guida tecnica ai vari uffici, funge da traduttore tra di loro e gestisce i conflitti, avendo la responsabilità di progettare una catena del valore profittevole 3. Team integrato di esperti responsabili Il team in un sistema Lean deve essere integrato, ovvero: deve essere caratterizzato da una composizione interfunzionale, in modo tale da rappresentare la varietà di abilità e conoscenze specialistiche necessarie per lo sviluppo del prodotto. Il ricorso a gruppi interfunzionali è la soluzione che in modo più evidente è associata al raggiungimento di risultati innovativi significativi e adottata con frequenza crescente nelle organizzazioni; marketing, ufficio tecnico e produzione sono le funzioni che tipicamente rappresentano un ruolo centrale nei team interfunzionali. Naturalmente l intensità di partecipazione al team di determinati ruoli organizzativi può variare nel corso dello svolgimento del progetto; deve essere composto da persone che sanno fare teamwork: il teamwork richiede capacità di ascolto delle idee altrui, capacità di esposizione delle proprie conoscenze, capacità di negoziazione per identificare le soluzioni migliori per il sistema che si sta progettando, rispetto rigoroso degli impegni presi nel gruppo. Il team deve essere composto da persone che esibiscono due caratteristiche fondamentali: responsabilità e competenza. Responsabilità per il risultato finale dello sviluppo, non solo per i risultati parziali delle loro attività. Competenza che deve essere continuamente sviluppata nell ottica per diventare esperti nel proprio campo, imparando dall esperienza e rimanendo aggiornati attraverso la letteratura tecnica e scientifica. 4. Approccio Set- Based nella ricerca delle soluzioni Il processo di progettazione e sviluppo non è un simile ad un processo produttivo; la conoscenza della soluzione non è nota a priori e l obiettivo fondamentale non è quello di rispettare rigorosamente le specifiche di produzione per ottenere prodotti a difettosità zero in modo ripetitivo. Non è un processo 6- sigma, dove l obiettivo è raggiungere un tale controllo del processo da avere soltanto 3,4 parti difettose per milione, il che porta a limiti molto restrittivi sulla variabilità del processo. Lo sviluppo dei prodotti e l innovazione richiede esplorazione in territori ignoti o solo parzialmente noti; esplorazione e sperimentazione di soluzioni ed idee alternative che, anche se non immediatamente utilizzate, rappresentano un importante stock di conoscenza. E quindi più utile immaginare il processo di sviluppo prodotto (come in generale tutte le attività di innovazione) come un torneo dove la soluzione ad un problema (a vari livelli: dalla definizione del concept di prodotto, alla scelta dello stile, all identificazione delle soluzioni tecniche da adottare nei vari sottosistemi che compongono il prodotto) viene trovata attraverso una selezione di idee alternative. Permeare le attività di sviluppo prodotto con un approccio set- based significa utilizzare una modalità di problem solving fortemente sperimentale, dove si esplorano sempre soluzioni multiple per ogni sotto sistema del prodotto e della produzione; 4

5 si attaccano aggressivamente le soluzioni con test/analisi rapidi ed a basso costo, eliminando progressivamente le soluzioni deboli; si converge ad una soluzione solo attraverso la selezione di alternative. 5. Cadenza, Flow & Pull Il processo di progettazione e sviluppo non può essere efficiente ed efficace in un ambiente di lavoro segnato dagli sprechi: attese, passaggi di informazioni inutili, mancanza di coordinamento e non rispetto degli impegni, schedulazione delle attività eccessivamente complessa per le esigenze di gestione operativa, rilavorazioni per errori, ecc. In questa prospettiva è necessario creare una situazione in cui: i progetti prevedono modalità di controllo e di integrazione regolari che danno ritmo alle attività di innovazione (cadenza); le informazioni e le attività fluiscono lungo il processo; tutti rispondono alle esigenze del cliente a valle e sono tirati da ben definiti eventi target (flow & pull). Lean Design: una mappa di navigazione [sintesi] Quali pratiche e metodologie rendono operative le 5 direttrici del cambiamento illustrate in precedenza? In questa sezione ho distillato le buone pratiche maggiormente riconosciute a livello internazionale, organizzando una sorta di mappa di navigazione degli strumenti per la trasformazione Lean dello sviluppo prodotto (Lean Tool). Ogni Lean Tool viene descritto nei suoi elementi essenziali e vengono affrontati i punti chiave di attenzione nel processo di adozione ed implementazione. Lean TOOL Descrizione Principio 1. Voice of the Customer (VOC) Lo sviluppo dei prodotti deve essere fondato su una profonda e accurata conoscenza dei bisogni espressi ed inespressi dei clienti. E importante sottolineare che per comprendere i bisogni bisogna allontanarsi dalla soluzioni correnti, dai prodotti: un bisogno non è una specifica tecnica Tale conoscenza può essere sviluppata solo nel GEMBA (il luogo della verità ), quindi con interazione diretta con i clienti attraverso interviste mirate, focus group, osservazioni delle modalità di utilizzo del prodotto (visite Go & See). 2. QFD (Quality Function Deployment) 3. Value Analysis & Engineering (o Design to Cost) Il QFD è un sistema per tradurre le esigenze del cliente in adeguate specifiche interne all azienda in ogni stadio del ciclo di sviluppo del prodotto. La parte considerata più rilevante del QFD è la cosiddetta casa della qualità (House of Quality). La casa della qualità è una matrice che mira a collegare i bisogni dei clienti con le caratteristiche tecniche (o specifiche) di un prodotto (le performance correlate alle proprietà fisiche del prodotto/servizio e al superamento di test e prove; tipiche caratteristiche sono il peso, le dimensioni, la velocità, ecc.). Identificare e intervenire sulle variabili influenzanti il costo del prodotto sin dalla fase di concepimento del prodotto. La Value Analysis & Engineering è centrata sulla accurata identificazione delle funzioni che il cliente desidera dal prodotto; nel linguaggio della VA&E i bisogni dei clienti sono espressi con il termine funzioni : che cosa fa il prodotto, quali problemi risolve (ad esempio, in un videoproiettore essere adattabile a diverse tensioni ). Le funzioni vengono poi collegate sistematicamente ai componenti del prodotto e vengono valutati i costi target delle funzioni sulla base del target cost del prodotto. 4. Value Stream Mapping Il Value Stream Mapping (VSM) è una modalità di analisi e riprogettazione di un insieme di attività (un processo o, meglio, 5

6 5. Anticipazione dei problemi di produzione (Design for Manufacture/Assembly) 6. Integrazione dei fornitori nel processo di progettazione e sviluppo (co- design) 7. Progettazione modulare e riduzione della varietà dei componenti (Variety Reduction Program) 8. Supermarket della conoscenza tecnica nel linguaggio Lean, una value stream flusso di valore) finalizzata a comprendere gli sprechi esistenti per creare la visione futura; la VSM è fondata su tre elementi fondamentali: la ricostruzione visuale del processo (Value Stream), in termini di attività, flussi informativi e performance, con strumentazione semplice e snella (cartelloni, post- it, matite e pennarelli); la ricostruzione interattiva: la ricostruzione del processo va fatta da chi lavora nel processo e dal team che sarà poi responsabile di agire il miglioramento; la presenza di un agente esterno del cambiamento è qui importante nel ruolo di facilitatore e di coordinatore degli workshop di mappatura. la costruzione condivisa dello stato futuro della Value Stream: il team, riflettendo su problemi, elabora una visione futura del processo; gli agenti esterni hanno qui l importante ruolo di aprire le conoscenze del gruppo, di scongelare le prassi correnti e di stimolare la creatività e il desiderio di poter trasformare un sistema. Le attività di progettazione devono essere fortemente integrate con l industrializzazione e la produzione. Le indicazioni dei tecnici di produzione devono essere tenute in alta considerazione nel processo di sviluppo. La progettazione del prodotto e del processo produttivo deve essere vista come un processo integrato e non sequenziale (simultaneous engineeering). L aumento costante dell ampiezza e della profondità delle conoscenze specialistiche necessarie per realizzare l innovazione, rende imprescindibile l attivazione di fonti di conoscenza specializzate esterne all impresa - in particolare i fornitori. L integrazione con i fornitori richiede che si operi con una base ristretta di fornitori, rigidamente selezionati e continuamente valutati. In termini generali la modularità può essere definita come la caratteristica di un sistema che lo rende scomponibile in alcune parti (moduli) che possono essere combinate tra loro e/o con moduli originariamente esterni al sistema al fine di ottenere nuove configurazioni. La progettazione di prodotti modulari e la ricerca degli sprechi da varietà inutile dovuta a componenti/moduli con caratteristiche diverse ma che potrebbero essere standardizzati senza influenzare le performance di prodotto (Variety Reduction Program VRP), è una necessità strategica in un contesto dove la personalizzazione dei prodotti e dei servizi sta diventando una tendenza sempre più diffusa. Le organizzazioni che hanno sviluppato mezzi efficaci per catturare e condividere la conoscenza in modo che sia riutilizzabile sradicano uno spreco fondamentale: la reinvenzione e la ripetizione di errori nella progettazione. Inoltre, la logica Lean per lo sviluppo dei un sistema di gestione della conoscenza sostiene un approccio che si differenzia notevolmente dalle tradizionali modalità centrate sull informatica con la creazione di mega- database. Un efficace supermarket della conoscenza funziona come un sistema pull : l accesso e la ricerca della conoscenza sono facili, immediati; è altrettanto facile e veloce aggiungere pezzi di conoscenza al supermarket in quanto sono previsti dei template, dei semplici modelli (con semplici check- list) che 6

7 catturano la conoscenza senza extra- lavoro ma in modo che essa risulti riutilizzabile. 9. Eventi Hansei Prevedere con regolarità degli eventi di riflessione (Hansei Events): workshop di gruppo per dare impulso al miglioramento continuo nei sistemi di gestione della progettazione e sviluppo. Ad esempio: prevedere alla fine dei progetti una post- mortem review ( reflections session, lessons learned meeting ). 10. Leader forti di progetto Un sistema Lean è centrato sull idea che un ruolo forte del project manager sia essenziale qualunque siano le caratteristiche del progetto, ad eccezione delle situazioni che richiedono solo piccole modifiche ad un prodotto esistente. Un team deve avere una guida, deve essere gestito e non amministrato da un coordinatore. 11. Team Integrato di esperti responsabili 12. Obeya Room & Visual Project Board Il team in un sistema Lean deve essere integrato, ovvero: deve essere caratterizzato da una composizione interfunzionale (lo sviluppo dei prodotti è una attività interdisciplinare che richiede il contributo di quasi tutte le funzioni aziendali); deve essere composto da persone che sanno fare teamwork: il teamwork richiede capacità di ascolto delle idee altrui, capacità di esposizione delle proprie conoscenze, capacità di negoziazione per identificare le soluzioni migliori per il sistema che si sta progettando, rispetto rigoroso degli impegni presi nel gruppo. Il team deve essere composto da persone che esibiscono due caratteristiche fondamentali: responsabilità e competenza. E necessario creare un adeguato contesto fisico per le interazioni e per l integrazione del team. L Obeya Room ( grande stanza ) è il luogo dove il team si riunisce e dove sono permanentemente esposte in modo facilmente visibile a tutti le informazioni sul progetto e le problematiche da affrontare (Visual Project Board che comprende: tabelloni di pianificazione; issue board, definizione della product vision, ecc.). 13. Visual Pull Planning L atto del pianificare è una attività di coordinamento che deve essere svolta da chi svolge il lavoro operativo. I piani devono essere semplici da aggiornare, facili da leggere e immediatamente accessibili e visibili; devono essere prima di tutto uno strumento di lavoro, non uno strumento di reporting. Spreco è anche avere una pianificazione con dettagli inutili ed informazioni in eccesso che danno solo un falso senso di controllo. La pianificazione deve, quindi, essere fatta dal team di lavoro in modo visivo e interattivo, in modo pull a partire dall evento conclusivo del progetto (pianificazione a ritroso nel tempo) nella logica della catena clienti- fornitori. 14. Eventi di integrazione: il governo lean del processo di progettazione e sviluppo 15. One- piece Flow nel lavoro quotidiano per minimizzare le inefficienze del multi- tasking Un evento di integrazione (integration event, target event) è una milestone critica di progetto che tira insieme tutto il lavoro del team ed è un momento dove si rende visibile la conoscenza (o la mancanza di conoscenza) sviluppata fino a quel momento e si può esaminare lo stato di salute dell intero lavoro di sviluppo e progettazione. Non sono riunioni di reporting di informazioni, ma momenti fondamentali di creazione di conoscenza e di integrazione degli sforzi. Creare un ambiente di lavoro dove vengono minimizzate le interruzioni e quindi la frammentazione del flusso di lavoro. E infatti noto quanto il frequente passaggio da un compito ad un altro (multi- tasking) produca significativi sprechi dovuti ai tempi di set- up mentale, per ritrovare la concentrazione e riprendere in mano il lavoro e i processi mentali interrotti in precedenza. Una semplice modalità per realizzare l one- piece flow è il concetto di time- slicing : rendere strutturata l agenda di lavoro delle persone allocando specifiche fasce di tempo (time- slice o LEADER FORTI di progetto TEAM INTEGRATO di esperti responsabili 7

8 16. Takt del singolo progetto (stand- up meeting) 17. Takt del portafoglio progetti (calendario di lancio dei progetti e dei prodotti) 18. One- piece Flow nel portafoglio progetti 19. Generazione di Concept di prodotto alternativi 20. Problem- solving sistematico con approccio set- based time- slot) della giornata (o della settimana) a specifici progetti o attività. Il controllo dell avanzamento delle attività di progetto deve avere un ritmo, una cadenza (TAKT). Tipicamente si prevedono delle riunioni di avanzamento regolari, molto brevi (in piedi..) e con alta frequenza (Daily/Weekly Stand- up Meeting) che devono avere come unico obiettivo l aggiornamento della pianificazione del progetto. Qualsiasi questione che non riguarda l avanzamento del progetto va gestita separatamente (e inserita nell issue board), eventualmente con un meeting ad- hoc. Impostare un ritmo anche nel lancio dei progetti (project cadence), definendo un frequenza standard di lancio dei progetti (ad esempio: progetti di nuovi prodotti ogni 2 anni; allargamenti di gamma ogni anno, ecc.) e identificando anche una durata standard per tipologia in modo da avere come obiettivo una cadenza dei lanci sul mercato (calendario di lancio). La logica del takt è finalizzata creare ordine nel sistema di sviluppo e ad imporre una certa disciplina nel rispetto dei tempi. Il concetto di flusso nel portafoglio progetti affronta il problema del sovraccarico delle risorse dovuto allo svolgimento di molti progetti in parallelo, spesso senza una chiara identificazione delle priorità. Mirare all One- piece Flow nel portafoglio dei progetti significa cercare di schedulare il lancio dei vari progetti in modo che sia per quanto possibile minimizzata la probabilità che le persone siano impegnate in più di un progetto contemporaneamente e sia quindi minimizzato il work in progress nel sistema di sviluppo prodotto. Molte ricerche hanno evidenziato quanto sia critica l attività di sviluppo del concept: è infatti in questa fase che vengono prese le decisioni più rilevanti in termini di funzionalità, perfomance e costi del prodotto. Il concept è la bussola che orienta le attività di progettazione ingegneristica di dettaglio di prodotto e di processo produttivo. La logica set- based richiede che la generazione del concetto di prodotto abbia un momento divergente, ovvero che venga esplorato lo spazio delle soluzioni prima di convergere verso una scelta. La generazione di concetti di prodotti alternativi può essere supportata anche da tecniche per alimentare la capacità creativa, come ad esempio il TRIZ (acronimo russo di Teoria della Risoluzione Inventiva dei Problemi, sviluppata da G.S. Altshuller), o metodologie strutturate di brainstorming. Un problema è in generale una differenza (gap) nelle performance di un sistema fra le condizioni desiderate (target) e le condizioni attuali. Essere sistematici nel problem- solving significa affrontare i problemi con una certa disciplina nel processo di analisi e di implementazione delle soluzioni tecniche; disciplina che si manifesta nella sistematica adozione di un metodo di problem- solving (ad esempio PDCA, uso di report A3) con queste caratteristiche: Gemba vai e vedi (Go & See): il metodo incoraggia le persone a vedere il problema con osservazioni dirette, andando nel luogo dove avvengono le cose il Gemba. Investigare le cause in profondità: il metodo incoraggia a chiedersi più volte il perché del problema ( 5 volte perché ), stimola l attitudine mentale dell indagine profonda finalizzata a scovare la causa prima o le cause principali (la sciatteria nell analisi Approccio SET- BASED Approccio SET- BASED 8

9 21. Problem solving integrato (concurrent engineering) dovrebbe diventare un tabù..) Generare diverse alternative di risoluzione (set- based approach): la soluzione tecnica è più robusta se viene individuata attraverso l esplorazione di più alternative; questo è particolarmente vero quanto più il problema è complesso. L integrazione nel problem- solving fa riferimento alle modalità di comunicazione fra un gruppo di lavoro a monte il cui output è l input per un gruppo a valle nel flusso di lavoro (ad esempio il gruppo di progettazione di una parte in plastica e il gruppo di progettazione dello stampo per la produzione). Nel concurrent engineering il problem- solving è integrato nel senso che fra i 2 gruppi vi è un flusso di comunicazione bidirezionale che inizia molto presto (anche prima che il gruppo a valle inizi operativamente la sua attività), con uno scambio di informazioni preliminari; non vi è quindi un trasferimento monodirezionale (da monte a valle) di un grande lotto di informazioni che avviene quando il ciclo di problem- solving del gruppo a monte è concluso ( lancio dell output al di là del muro ). 22. Prototipazione anticipata Per esplorare efficacemente diverse alternative di soluzione è necessario essere rapidi nell apprendere i limiti e le potenzialità di ciò che stiamo ideando e progettando. La velocità e l efficacia nell esplorazione delle alternative sono profondamente legate alla capacità di sperimentazione attraverso la realizzazione di prototipi. Un prototipo è un oggetto che condivide certe caratteristiche e che approssima in un certo modo il prodotto finale; può essere: fisico o virtuale; generale (ovvero rappresenta tutti gli attributi del prodotto) o specifico (è focalizzato su certi attributi o sottoassiemi di interesse). Un prototipo può essere dunque uno schizzo concettuale del prodotto, un modello matematico del prodotto (o di un sottoassieme), un mock- up estetico, una versione iniziale completamente funzionante. Approccio SET- BASED Approccio SET- BASED 9

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate 6.1 Metodi per lo sviluppo di nuovi prodotti (MSNP) Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate Questo capitolo presenta alcune metodologie per gestire al meglio

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO 92 Generazione dei concetti di prodotto Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica Analizzare i prodotti della concorrenza Costruire e collaudare

Dettagli

Le Dashboard di cui non si può fare a meno

Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le aziende più sensibili ai cambiamenti stanno facendo di tutto per cogliere qualsiasi opportunità che consenta loro di incrementare il business e di battere

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli Organizzazione come sistema Ambiente interno Missione strategica Sistema tecnico

Dettagli

Cap.1 - L impresa come sistema

Cap.1 - L impresa come sistema Cap.1 - L impresa come sistema Indice: L impresa come sistema dinamico L impresa come sistema complesso e gerarchico La progettazione del sistema impresa Modelli organizzativi per la gestione Proprietà

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto Urban Farming: Second Use of Public Spaces Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking Scheda progetto CSAVRI - Centro Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e Incubatore

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare?

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? TECNICHE H. Sei Cappelli per Pensare 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? Il metodo dei sei cappelli per pensare è stato inventato da Edward de Bono nel 1980. I cappelli rappresentano

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Aprile 2005 Definire un nuovo prodotto: Metterne a fuoco il concept, ovvero

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale Lezione 3 La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi informativi Comunicazione Programmazione e controllo

Dettagli

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi:

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi: COMPANY PROFILE L Azienda FAR S.p.A. ha i suoi stabilimenti di produzione in Italia e precisamente a CIMADOLMO in provincia di Treviso a pochi chilometri dalla città di VENEZIA. Nata nel 1991 si è inserita

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

DEFINIZIONI 1. 1 Queste definizioni sono di necessità sintetiche e quindi non necessariamente molto precise. Si

DEFINIZIONI 1. 1 Queste definizioni sono di necessità sintetiche e quindi non necessariamente molto precise. Si DEFINIZIONI 1 5W+1H Regola delle cinque domande che iniziano con W ed una che inizia con H (in inglese): What, When, Where, Why, Who and How. La regola fu introdotta seguendo una famosa novella di Rudyard

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)?

1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)? Il Progetto Caratteristiche del progetto 1. Qual è l'idea e il progetto che si intende realizzare (il servizio o l'attività e le sue caratteristiche)? L idea è di creare un centro giovani in Parrocchia

Dettagli

Che cos è la Qualità?

Che cos è la Qualità? Che cos è la Qualità? Politecnico di Milano Dipartimento di Elettrotecnica 1 La Qualità - Cos è - La qualità del prodotto e del servizio - L evoluzione del concetto di qualità - La misura della qualità

Dettagli

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class L evoluzione della Qualità Dall ispezione alla world class Di cosa parleremo Cos è la Qualità? 1 Le origini della Qualità 2 Ispezione, Controllo statistico Affidabilità e Total Quality Control 3 Assicurazione

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult Terminologia Ci sono alcuni termini che, a vario titolo, hanno a che fare col tema dell intervento KM ECM BPM E20 Enterprise

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Business Intelligence: dell impresa

Business Intelligence: dell impresa Architetture Business Intelligence: dell impresa Silvana Bortolin Come organizzare la complessità e porla al servizio dell impresa attraverso i sistemi di Business Intelligence, per creare processi organizzativi

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli