Fatturazione elettronica: nuovi obblighi, adempimenti ed opportunità per le imprese. Genova, 25 settembre 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fatturazione elettronica: nuovi obblighi, adempimenti ed opportunità per le imprese. Genova, 25 settembre 2014"

Transcript

1 Fatturazione elettronica: nuovi obblighi, adempimenti ed opportunità per le imprese Genova, 25 settembre 2014

2 Indice 1. Contesto normativo 2. Quadro d insieme delle opportunità di dematerializzazione in funzione degli impatti di processo, organizzativi e tecnologici 3. Il processo di fatturazione elettronica verso la Pubblica Amministrazione 4. Gli aspetti fiscali alla luce della circolare interpretativa del MEF del 31 marzo Il contesto normativo di riferimento per la conservazione delle fatture elettroniche 6. Le fasi del progetto di implementazione della fatturazione elettronica verso la PA 7. Le principali scelte per le aziende 8. I rischi da gestire e le leve da attivare per il raggiungimento dei benefici Page 2

3 1. Contesto normativo Negli ultimi anni, il legislatore italiano ha incentivato la dematerializzazione dei documenti contabili e la diffusione del concetto di conservazione elettronica, attraverso apposite norme civilistiche e fiscali e specifici regolamenti applicativi culminate con l emanazione del decreto attuativo in materia di fatturazione elettronica obbligatoria verso i clienti della PA L attuale normativa, oltre ad obbligare a fatturare in maniera elettronica verso la PA, consente di dematerializzare molti documenti (per poi conservarli in formato digitale, in modalità sostitutiva), dando certezze sull opponibilità a terzi anche in sede giudiziaria. La gran parte degli strumenti informatici abilitanti è disponibile da tempo, pienamente affidabile e accessibile (ad es. firme elettroniche, marca temporale, sistemi di gestione documentale, software di riconoscimento automatico e data capturing, etc) Le opportunità di cogliere i benefici offerti dal contesto normativo sono trasversali rispetto ai settori di business e non sono legati alle dimensioni dell azienda Page 3

4 1. Contesto normativo Fatturazione elettronica verso la PA (1/2) La fatturazione elettronica nei rapporti con la Pubblica Amministrazione è stata, per la prima volta, disciplinata dalla Legge Finanziaria 2008, nella quale è stato previsto: l obbligo dei fornitori ad adottare il formato elettronico nella gestione delle fatture (emissione, trasmissione, archiviazione e conservazione) anche se emesse sottoforma di nota, conto, parcella e simili; l obbligo delle pubbliche amministrazioni a non accettare fatture emesse o trasmesse in forma cartacea ne' a procedere ad alcun pagamento, nemmeno parziale, sino all'invio in forma elettronica; l istituzione del "Sistema di Interscambio (SdI) delle fatture elettroniche. La Legge Finanziaria 2008 ha demandato ad appositi decreti attuativi la previsione di specifiche norme per garantire l effettività e l avvio a regime della disciplina: Decreto MEF 7 marzo 2008 Decreto MEF 55 /2013 Decreto Legge 66/2014 Ha individuato l Agenzia delle Entrate come soggetto gestore del Sistema di Interscambio Ha definito le specifiche applicative (di processo, organizzative e di sistema) per l attuazione dell obbligo di fatturazione elettronica e le tempistiche di applicazione Ha apportato alcune modifiche/integrazione al Decreto MEF 55/2013, prevedendo l anticipo delle tempistiche inizialmente previste per l applicazione dell obbligo di fatturazione verso la PA e l introduzione di ulteriori dati obbligatori della fattura elettronica. Page 4

5 1. Contesto normativo Fatturazione elettronica verso la PA (2/2) Ambito di applicazione Ministeri, Agenzie fiscali ed Enti nazionali di previdenza e assistenza sociale Tempistiche di applicazione 6 giugno 2014 Tutti gli altri Enti della PA, incluse le Amministrazioni Locali 31 marzo 2015 (*) (*) termine stabilito dal recente DL 66/2014 (inizialmente previsto al 6 giugno 2015) Le Amministrazione Pubbliche coinvolte sono obbligate a definire all'interno dell'indice delle Pubbliche Amministrazioni (IPA) tutti i propri uffici centrali e periferici destinatari di fatture elettroniche. Entro i 30/09 di ogni anno, l ISTAT l elenco delle amministrazioni pubbliche inserite nel conto economico consolidato individuate ai sensi dell articolo 1, comma 3 della legge 31 dicembre 2009, n. 196 (Legge di contabilità e di finanza pubblica). L elenco di tutti gli uffici centrali e periferici della PA, attualmente censiti in IPA, è disponibile all indirizzo Page 5

6 1. Contesto normativo Fatturazione elettronica tra privati (1/2) Le recenti normative nazionali, in recepimento della direttiva 2010/45/UE hanno introdotto modifiche di rilievo alle regole relative alla fatturazione elettronica, prima fra tutte la parità di trattamento tra fatture elettroniche e fatture cartacee. Si considera fattura elettronica la fattura che è stata emessa e ricevuta in un qualunque formato elettronico; la fattura elettronica, come quella cartacea, deve contenere gli elementi previsti dalla normativa IVA Legge 228/2012 (Legge di Stabilità 2013) Il ricorso alla fattura elettronica è subordinato all accettazione da parte del destinatario I requisiti della fattura elettronica sono autenticità dell origine, integrità del contenuto e la leggibilità della fattura dal momento della sua emissione fino al termine del suo periodo di conservazione E obbligatoria la conservazione elettronica della fattura elettronica Page 6

7 1. Contesto normativo Fatturazione elettronica tra privati (2/2) Circolare Agenzia delle Entrate 18/A del 24 giugno 2014 Fornisce chiarimenti in merito a quanto stabilito dalla Legge di Stabilità 2013: non tutte le fatture create in formato elettronico possono essere considerate elettroniche : le fatture create in formato elettronico ma inviate e ricevute su carta non sono fatture elettroniche. le fatture create in formato cartaceo, scannerizzate, inviate e ricevute tramite posta elettronica possono invece essere considerate elettroniche l accettazione del destinatario può essere anche tacita (ad es. mediante il pagamento della fattura) e non presuppone necessariamente un accordo formale (precedente o successivo) alla fatturazione fra le parti il contribuente può scegliere come assicurare l autenticità dell origine, l integrità del contenuto e la leggibilità della fattura, ad esempio attraverso: i sistemi di controllo di gestione che assicurino un collegamento affidabile tra la fattura e la cessione di beni o la prestazione di servizi ad essa riferibile; la firma elettronica qualificata o digitale dell emittente; i sistemi EDI (Electronic Data Interchange) di trasmissione elettronica dei dati il destinatario della fattura elettronica può decidere o meno di accettare il processo elettronico, ma all emittente non è impedito di procedere all integrazione del processo di fatturazione con quello di conservazione elettronica (non vi è obbligo di simmetria tra emittente e destinatario) Page 7

8 1. Contesto normativo La conservazione elettronica dei libri contabili La conservazione elettronica dei libri e dei registri contabili è un processo, indipendente dal supporto tecnologico utilizzato, che permette di conservare i documenti di qualsiasi natura in formato digitale, in modo che risultino disponibili nel tempo nella loro integrità e autenticità. Tale processo, che consente di mantenere la validità legale e fiscale dei documenti conservati, è stato notevolmente semplificato dalle recenti novità normative. DM 23/01/2004 Ha definito nel dettaglio il procedimento (modalità, tempistiche ed adempimenti obbligatori) da seguire per una corretta conservazione di tutti i documenti fiscalmente rilevanti DM 17/06/2014 Ha sostituito il DM 23/01/2004 ed ha introdotto significative semplificazione nel processo di conservazione in relazione alle tempistiche di conservazione, alle comunicazioni da effettuare all Agenzia delle Entrate e alle modalità di assolvimento dell imposta di bollo DPCM 3/12/2013 (Regole tecniche in materia di conservazione elettronica) Disciplina le modalità tecniche e operative per realizzare l attività di conservazione, attraverso la definizione di natura e funzione del sistema, modelli organizzativi, ruoli e funzioni dei soggetti coinvolti, descrizione del processo. ll quadro normativo è completato dalle numerose circolari e risoluzioni adottate dall Agenzia delle Entrate Page 8

9 1. Contesto normativo Le firme elettroniche Le firme elettroniche sono l equivalente elettronico della tradizionale firma autografa su carta e sono associate stabilmente al documento elettronico sulla quale è apposta e ne attesta con certezza l'integrità, l'autenticità, la non ripudiabilità. Le firme elettroniche sono disciplinate dal CAD (Codice dell Amministrazione Digitale) e dalle Regole Tecniche (DPCM 22 febbraio 2013) di recente emanazione. In particolare, si possono distinguere due tipologie di firma elettronica: Firma digitale (art.1, co. 1, lett.s del CAD ) Firma elettronica avanzata (connessione univoca al firmatario e collegata ai dati del documento qui si riferisce) e qualificata (basata su un certificato qualificato e creata mediante un dispositivo sicuro per la creazione della firma) Firma biometrica/ grafometrica Tipologia di firma elettronica ottenuta utilizzando un dispositivo (es. tavoletta grafica) che rileva e digitalizza l'immagine grafica di una firma apposta da una persona cui generalmente si aggiungono, a seconda delle caratteristiche del dispositivo utilizzato, altri parametri biometrici come pressione e velocità del tratto grafico la firma biometrica rispecchia in pieno le caratteristiche della firma elettronica avanzata (capo I, sezione I, comma 1, lettera q-bis del CAD) e secondo le disposizioni dell art.21 comma 2 del CAD garantisce valore giuridico ed efficacia probatoria al documento Page 9

10 IMPATTI DI PROCESSO/ORGANIZZATIVI Medio - bassi Elevati 2. Quadro d insieme delle opportunità di dematerializzazione in funzione degli impatti di processo, organizzativi e tecnologici L esperienza maturata nella reingegnerizzazione dei processi e in progetti di dematerializzazione dei documenti/processi consente la clusterizzazione degli interventi in tre macro-aree in funzione degli impatti tecnologici e di processo/organizzativi Gli interventi di questo tipo si sostanziano nella dematerializzazione dei documenti fattura e degli altri documenti amministrativo-contabili La fonte dei benefici è principalmente la riduzione dei costi di conservazione e ricerca fisica dei documenti. Gli interventi sono di natura tecnologica e sono effettuati sui processi esistenti con il solo obiettivo di eliminare la materialità Fatturazione Elettronica A C Conservazione elettronica dei libri contabili Medio - bassi Gestione integrata documenti processi amm.vo-contabili Registrazione automatica delle fatture in contabilità e conservazione elettronica Digitalizzazione degli archivi Portale fornitori IMPATTI TECNOLOGICI Sottoscrizione digitale dei contratti con utenza Gestione digitale ordini e consegne di beni di largo consumo B Elevati B In questa tipologia di interventi si inserisce parzialmente anche la prospettiva di processo, le fatture sono scambiate con i propri partner (clienti e/o fornitori) in formato elettronico e l entità dei benefici è direttamente legata al grado di interazione. Oltre ai benefici legati alla riduzione e alla gestione della carta si introducono quelli legati alla riduzione delle attività manuali a scarso valore aggiunto Nel presente cluster sono considerati gli interventi che si propongono di estendere lo scambio elettronico agli altri documenti legati al ciclo attivo, al ciclo passivo, fino alla gestione interna dei documenti. I benefici introdotti con questa tipologia di intervento sono legati al miglioramento della qualità delle informazioni lungo il processo e alla riduzione della gestione dei dati non precisi e accurati dimensione dei benefici associati Page 10

11 3. Il processo di fatturazione elettronica verso la Pubblica Amministrazione canale di trasmissione canale di trasmissione Fornitori SdI PA Inoltro fatture a SDI in formato xml PA Controlli propedeutici all inoltro Notifica di scarto Negativo Esito controllo Positivo Inoltro fattura Notifica mancata consegna Negativo Esito Inoltro Positivo Ricezione fattura Ricevuta di consegna Verifica di accettazione Notifica di accettazione Inoltro notifica di accettazione Positivo Esito verifica Notifica di rifiuto Inoltro notifica di rifiuto Negativo CONSERVAZIONE ELETTRONICA Page 11

12 3. Il processo di fatturazione elettronica verso la Pubblica Amministrazione le regole e le specifiche tecniche (1/5) Le regole e le specifiche tecniche illustrano nel dettaglio le caratteristiche e le soluzioni informatiche per l elaborazione e la trasmissione delle fatture elettroniche. TIPOLOGIA DEI DATI FATTURA ELETTRONICA PA FORMATO FATTURA PA Documento informatico firmato digitalmente con firma elettronica qualificata CANALI DI TRASMISSIONE CONTROLLI Page 12

13 3. Il processo di fatturazione elettronica verso la Pubblica Amministrazione le regole e le specifiche tecniche (2/5) FORMATO FATTURA PA La FatturaPA è una fattura elettronica ai sensi dell'articolo 21, comma 1, del DPR 633/72 ed è la sola tipologia di fattura accettata dalle Amministrazioni: il contenuto è rappresentato, in un file XML (extensible Markup Language), secondo il formato della FatturaPA unico formato accettato l'autenticità dell'origine e l'integrità del contenuto sono garantite tramite l'apposizione della firma elettronica qualificata di chi emette la fattura Il file con le caratteristiche della fattura PA è trasmesso attraverso il Sistema di Interscambio (sistema informatico gestito da SOGEI) Page 13

14 3. Il processo di fatturazione elettronica verso la Pubblica Amministrazione le regole e le specifiche tecniche (3/5) I DATI DELLA FATTURA PA Ad integrazione delle informazioni di natura fiscale previste dal DPR 633/1972, tenuto conto della natura informatica del processo, la fattura elettronica dovrà contenere le ulteriori seguenti informazioni: dati obbligatori per la corretta trasmissione della fattura a SDI: codice ufficio univoco della PA destinataria «Codice IPA» progressivo invio codice fiscale del soggetto trasmittente dati obbligatori normativi): CIG CUP per garantire la tracciabilità dei pagamenti (ove ne sussistano i presupposti dati facoltativi da inserire su richiesta degli Enti PA: data e numero dell ordine di acquisto; data e numero del contratto; data e numero dell entrata merce; etc. eventuali ulteriori informazioni che possono risultare di interesse per esigenze informative concordate tra cliente e fornitore ovvero specifiche dell emittente, con riferimento a particolari tipologie di beni ceduti/prestati, ovvero di utilità per il colloquio tra le parti (ad.es. codice articolo dei beni/servizi, dati di riferimento del SAL, etc.) Page 14

15 3. Il processo di fatturazione elettronica verso la Pubblica Amministrazione le regole e le specifiche tecniche (4/5) I POSSIBILI CANALI DI TRASMISSIONE PEC Trasmissione attraverso sito web di SDI Non necessita di alcun accreditamento o accordo con SDI Invio di più file per singolo messaggio (dimensione massima pari a 30 Mb) Sistema di trasmissione telematica esposto su rete Internet fruibile attraverso protocollo HTTPS Accreditamento a Entratel o Fisconline. Upload di file su sito Web Pensati per invio manuale dei file fattura FatturaPA Servizio SdICoop Sistema basato su protocollo FTP Sottoscrizione di uno specifico accordo di servizio con SDI Sistema di cooperazione applicativa esposto su rete Internet fruibile attraverso protocollo HTTPS Invio di un solo file per volta (dimensione massima di 5 Mb) Sottoscrizione di uno specifico accordo di servizio con SDI Sistema di trasmissione dati tra terminali remoti basato su protocollo FTP Invio di più file per singolo messaggio (dimensione massima pari a 150 Mb) Concepiti per la gestione di flussi massivi, attraverso un dialogo fra sistemi informativi Page 15

16 3. Il processo di fatturazione elettronica verso la Pubblica Amministrazione le regole e le specifiche tecniche (5/5) I CONTROLLI DEL SISTEMA DI INTERSCAMBIO Il Sistema di Interscambio effettua su ogni file FatturaPA dei controlli formali necessari per garantire il corretto inoltro al destinatario PA. I CONTROLLI EFFETTUATI nomenclatura ed unicità del file trasmesso dimensione del file integrità del documento autenticità del certificato di firma conformità del formato fattura Validità del contenuto della fattura etc. in caso di errori NOTIFICA DI SCARTO Inviata al soggetto trasmittente con codice e descrizione dell errore. Page 16

17 3. Il processo di fatturazione elettronica verso la Pubblica Amministrazione. EMISSIONE LE MILESTONE Elaborazione della fattura nel formato xml PA aggiornamento anagrafiche dei clienti PA con i nuovi dati obbligatori (es. Codice Ufficio PA) transcodifica delle codifiche degli attuali sistemi rispetto alle codifiche previste da xml PA Apposizione di una firma elettronica certificata sulla fattura PA, rilasciata dal certificatore accreditato Scelta di uno dei possibili canali di trasmissione TRASMISSIONE Accreditamento al Sistema di Interscambio, se necessario Inoltro della fattura a SDI, mediante uno dei canali di trasmissione scelti GESTIONE NOTIFICHE Catalogazione delle notifiche di ritorno da SDI in base alla tipologia Individuazione delle U.O. deputate alla gestione delle notifiche Elaborazione di report per il monitoraggio dello stato delle fatture (consegnate, ricevute, accettate) CONSERVAZIONE ELETTRONICA Conservazione elettronica delle fatture PA e delle notifiche di ritorno da SDI, secondo quanto previsto dalla normativa di riferimento Page 17

18 3. Il processo di fatturazione elettronica verso la Pubblica Amministrazione FOCUS: NOTIFICHE DA SDI Notifica di scarto Inviata da SdI al soggetto trasmittente, nel caso di fattura non corretta rilevata da SDI in seguito a controlli formali Notifica di consegna/mancata consegna Inviata da SdI al soggetto trasmittente, nel caso di esito di consegna positivo/negativo alla PA destinataria Attestazione di impossibilità di recapito Inviata da SdI al soggetto trasmittente, nel caso in cui non si riesca a recapitare la fattura alla PA destinataria nel periodo stabilito pari a 10 giorni Notifica di accettazione/rifiuto della PA Inoltrata da SdI al soggetto trasmittente, a seguito di comunicazione da parte della PA destinataria (entro 15 giorni dalla ricezione) sull accettazione/rifiuto contabile della fattura Notifica di decorrenza termini Inoltrata da SdI al soggetto trasmittente e alla PA destinataria, per comunicare la fine del processo relativo a quella specifica fattura - nel caso in cui la PA non abbiamo comunicato l accettazione/rifiuto entro i 15 giorni previsti Page 18

19 Fornitori Intermediari Intermediari Pubblica Amministrazione 3. Il processo di fatturazione elettronica verso la Pubblica Amministrazione GLI INTERMEDIARI La trasmissione delle fatture elettroniche può avvenire, oltre che direttamente tra gli Operatori Economici e il Sistema di Interscambio, anche attraverso l intermediazione di soggetti appositamente abilitati, mantenendo inalterate le responsabilità fiscali del soggetto emittente la fattura nei confronti delle PA. L intermediazione è prevista sia nei confronti degli Operatori Economici sia nei confronti delle Amministrazioni Pubbliche. Il ruolo degli intermediari Elaborazione delle fatture elettroniche per conto degli Operatori Economici Trasmissione delle fatture al Sistema di Interscambio Adempimento degli obblighi di conservazione Agli intermediari può, inoltre, essere delegata l attività di apposizione della firma elettronica sulla fattura PA Fatture Ricezione Notifiche Sistema di interscambio Fatture validate Notifiche Page 19

20 3. Il processo di fatturazione elettronica verso la Pubblica Amministrazione lo stato di attuazione Al 30 agosto Uffici Pubblici iscritti all Indice delle Pubbliche amministrazioni (IPA), di cui relativi ad Amministrazioni Locali in largo anticipo rispetto alla data di avvio del 31 marzo 2015 Nel mese di luglio Oltre fatture elettroniche inoltrate dal Sistema di Interscambio alle Pubbliche Amministrazioni un numero cinque volte superiore a quello dei primi 25 giorni (6-30 giugno). Tenuto conto che nel mese di luglio, SDI ha rifiutato circa il 25 % delle fatture, Nel mese di agosto l Agenzia delle Entrate ha pubblicato: la guida Suggerimenti di compilazione della fattura elettronica per aiutare le aziende ad una corretta compilazione una versione aggiornata del formato fattura PA, per una migliore rappresentazione del documento Page 20

21 4. Gli aspetti fiscali alla luce della circolare interpretativa del MEF n. 1/DF del 31 marzo 2014 La circolare fornisce le indicazioni necessarie per il corretto adempimento dell obbligo di fatturazione elettronica e risponde ai numerosi quesiti posti sia dalle PA che dei loro fornitori. Divieto di pagamento in assenza di fattura elettronica (art. 6, c. 6, del DM 55/2013) «A decorrere dalle date [di decorrenza dell obbligo di fatturazione elettronica], le amministrazioni non possono accettare fatture che non siano trasmesse in forma elettronica per il tramite del Sistema di interscambio e, trascorsi tre mesi da tali date, le stesse non possono procedere ad alcun pagamento, nemmeno parziale, sino all invio delle fatture in formato elettronico» La circolare chiarisce che il divieto di procedere al pagamento è relativo alle sole fatture emesse in forma cartacea dopo il termine di decorrenza dell obbligo di fatturazione elettronica. Tali fatture non potranno, infatti, essere accettate dalle PA. Le amministrazioni devono comunque procedere, ove ricorrano tutte le altre condizioni, al pagamento delle fatture cartacee emesse prima del termine di decorrenza dell obbligo di fatturazione elettronica. Page 21

22 4. Gli aspetti fiscali alla luce della circolare interpretativa del MEF n. 1/DF del 31 marzo 2014 Emissione della fattura elettronica (art. 2, c. 4, del DM 55/2013) «La fattura elettronica si considera trasmessa per via elettronica e ricevuta dalle amministrazioni solo a fronte del rilascio della ricevuta di consegna da parte del Sistema di interscambio» La circolare chiarisce che la previsione ha il senso di indicare cosa è possibile dimostrare con le ricevute del Sdi: La ricevuta di consegna è sufficiente a provare sia l emissione della fattura elettronica, sia la sua ricezione da parte della PA committente. La notifica di mancata consegna è sufficiente a provare la ricezione della fattura da parte del SdI, e quindi l avvenuta trasmissione della fattura da parte del soggetto emittente verso il SdI, nonché l emissione della fattura. Page 22

23 4. Gli aspetti fiscali alla luce della circolare interpretativa del MEF n. 1/DF del 31 marzo 2014 Impossibilità di recapito della fattura elettronica Le cause del mancato inoltro possono essere: Codice Ufficio inserito in IPA ma non deducibile in modo univoco Amministrazione non censita in IPA Problemi tecnici In queste ipotesi Sdi rilascia un «Attestazione di avvenuta trasmissione della fattura con impossibilità di recapito», che è firmata elettronicamente e contiene la fattura stessa. La circolare chiarisce che l Attestazione è sicuramente idonea a provare l avvenuta emissione della fattura e legittima il fornitore a inviare la fattura con altri mezzi quali la PEC o altri portali telematici. Notifica di scarto a seguito di controlli propedeutici all inoltro Nel caso di ricezione di una notifica di scarto per una fattura già annotata nel registro IVA delle fatture emesse (in quanto i sistemi gestionali prevedono una numerazione/contabilizzazione contestuale) si ritiene necesario emettere una nota di variazione IVA al fine di stornare l annotazione della fattura «scartata» da Sdi. Il documento di rettifica non dovrà essere inoltrato a Sdi in quanto la fattura a cui si riferisce non è mai stata emessa ai fini del DM n. 55 del 3 aprile Page 23

24 4. Gli aspetti fiscali alla luce della circolare interpretativa del MEF n. 1/DF del 31 marzo 2014 Ricezione e conservazione della fattura Dopo l inoltro, la fattura viene ricevuta dalla competente PA che ne esamina la procedibilità nei successivi 15 giorni, decorrenti dalla data indicata nella ricevuta di consegna si Verifica superata no La PA invia al Sdi una notifica di esito accettazione Sdi inoltra la notifica all emittente La PA invia al SDI notifica di rifiuto Sdi inoltra la notifica all emittente Se nei successivi 15 giorni la PA non emette notifica di esito al Sdi, lo stesso invierà a entrambi i soggetti una notifica di decorrenza dei termini, che determina la chiusura del processo relativo a quella fattura Al termine del processo, emittente e ricevente devono procedere alla conservazione sostitutiva della fatture elettroniche, ai sensi del DM 23 gennaio 2004 Page 24

25 4. Gli aspetti fiscali alla luce della circolare interpretativa del MEF n. 1/DF del 31 marzo 2014 Obbligo di conservazione elettronica delle notifiche ricevute da Sdi Le notifiche inviate al mittente da Sdi sono soggette all art Cod. Civ. in materia di conservazione delle scritture contabili. E consigliabile, quindi, portarle in conservazione sebbene non esista un esplicito obbligo in questo senso. Determinazione dei termini di pagamento per la PA I termini di pagamento decorrono dalla data di ricezione della fattura da parte della PA che tipicamente è diversa da quella indicata in fattura e che corrisponde alla data riportata nella ricevuta di consegna inviata da Sdi al fornitore. Supporto di intermediari per gestire comunicazioni con Sdi Gli operatori economici possono avvalersi di intermediari per l emissione, trasmissione, la conservazione e l'archiviazione della fattura elettronica, mantenendo inalterate le responsabilità fiscali del soggetto emittente la fattura nei confronti delle PA. Obbligo di fatturazione elettronica verso la PA per fornitori esteri I soggetti non residenti in Italia che agiscono da fornitori della PA sono esclusi dall obbligo. Si rimanda ad un successivo Decreto la definizione delle modalità di applicazione dell obbligo per questi soggetti. Page 25

26 5. Il contesto normativo di riferimento per la conservazione delle fatture elettroniche Articolo 39 d.p.r. n. 633/72 (modificato dalla Legge n. 228/12, all art. 1 co. 325, che ha recepito le disposizioni della Direttiva 45/2010/UE) DM che ha abrogato e sostituito il DM (ex art. 21, comma 5, del CAD) d.lgs. n. 82/05 - CAD (modificato dal DL n. 69/13) e suoi decreti attuativi: DPCM (GU ) - Regole tecniche in materia di generazione, apposizione e verifica delle firme elettroniche avanzate, qualificate e digitali DPCM (GU ) regole tecniche in materia di sistema di conservazione dei documenti informatici DPCM. - regole tecniche in materia di documento informatico e gestione documentale Page 26

27 5. Il contesto normativo di riferimento per la conservazione delle fatture elettroniche Art. 39, co. 3 ARTICOLO 39 DEL D.P.R. N. 633/72 Come conservare la fatture elettroniche Le fatture elettroniche sono conservate in modalità elettronica, in conformità alle disposizioni del DMEF adottato ai sensi dell'articolo 21, comma 5, del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82. Le fatture create in formato elettronico e quelle cartacee possono essere conservate elettronicamente. Si supera la simmetria di comportamento tra emittente e destinatario. Page 27

28 5. Il contesto normativo di riferimento per la conservazione delle fatture elettroniche Art. 39, co. 3 ARTICOLO 39 DEL D.P.R. N. 633/72 Dove conservare la fatture elettroniche Il luogo di conservazione elettronica delle stesse, nonché dei registri e degli altri documenti previsti dal presente decreto e da altre disposizioni, può essere situato in un altro Stato, a condizione che con lo stesso esista uno strumento giuridico che disciplini la reciproca assistenza. Viene consentita la conservazione elettronica di tutti i documenti fiscalmente rilevanti anche in altro Stato a condizione che con lo stesso esista una reciproca assistenza basata su specifici atti (es. direttiva, convenzioni bilaterali o multilaterali, etc.). Page 28

29 5. Il contesto normativo di riferimento per la conservazione delle fatture elettroniche Art. 39, co. 3 ARTICOLO 39 DEL D.P.R. N. 633/72 Obblighi di conservazione dei documenti fiscali Il soggetto passivo stabilito nel territorio dello Stato assicura, per finalità di controllo, l'accesso automatizzato all'archivio e che tutti i documenti ed i dati in esso contenuti, compresi quelli che garantiscono l'autenticità e l'integrità delle fatture di cui all'articolo 21, comma 3, siano stampabili e trasferibili su altro supporto informatico. In caso di verifica l Amministrazione Finanziaria deve sempre essere messa in condizione dal soggetto titolare dei documenti di analizzare ed acquisire gli stessi, anche se sono conservati in altro Stato. Page 29

30 5. Il contesto normativo di riferimento per la conservazione delle fatture elettroniche DM 17 giugno 2014 Obblighi fiscali per i documenti informatici In data 17 giugno 2014 è stata emanato un nuovo decreto in sostituzione del DM Alla redazione del documento hanno contribuito numerosi stakeholders pubblici (AE, DF, Ag. Italia Digitale ecc.) e privati (ANORC, Confindustria, RTI, Assosoftware, partecipanti all Osservatorio FE PoliMi ecc.), pervenendo ad un ampia convergenza sul testo finale. L obiettivo è stato quello di semplificare gli adempimenti ad oggi esistenti al fine di incentivare la dematerializzazione dei processi contabili e amministrativi. Richiamo integrale al CAD e ai suoi decreti attuativi in merito alle definizioni e regole tecniche per la gestione del documento informatico (copie informatiche di documenti analogici, copie per immagine su supporto informatico di documenti analogici, documenti informatici puri) Introduzione di importanti semplificazioni riguardanti: conservazione delle fatture (tempistica annuale); comunicazione dell impronta (eliminata); modalità di assolvimento dell imposta di bollo (calcolo solo a consuntivo e pagamento esclusivamente per F24). Page 30

31 5. Il contesto normativo di riferimento per la conservazione delle fatture elettroniche DPCM Regole tecniche per la conservazione Il DPCM del 3 dicembre 2013, relativo alle regole tecniche in materia di sistemi di conservazione ai sensi del CAD, prevede che i precedenti sistemi di conservazione siano adeguati entro 36 mesi dal (entrata in vigore DPCM). Fino al completamento di tale processo di adeguamento, ai sistemi di conservazione possono essere applicate le previgenti regole tecniche. Page 31

32 5. Il contesto normativo di riferimento per la conservazione delle fatture elettroniche DPCM Regole tecniche per la conservazione Superamento della distinzione tra conservazione di documenti informatici e conservazione sostitutiva di documenti analogici. Nuovo concetto di sistema di conservazione: un sistema che - dalla presa in carico fino all'eventuale scarto - assicura la conservazione dei documenti e dei fascicoli informatici con i metadati a essi associati, tramite l'adozione di regole, procedure e tecnologie idonee a garantirne le caratteristiche di autenticità, integrità, affidabilità, leggibilità e reperibilità. Introduzione del concetto di pacchetti di versamento, conservazione e distribuzione, conservazione svolta all interno della struttura organizzativa del soggetto produttore dei documenti ovvero, anche parzialmente, da terzi. Importanza centrale del Responsabile della conservazione. Obbligatorietà dell adozione del Manuale della Conservazione. Garanzia di accesso all oggetto conservato, per il periodo prescritto, indipendentemente dall evolversi del contesto tecnologico Predisposizione del piano della sicurezza del sistema di conservazione Page 32

33 6. Le fasi del progetto di implementazione della fatturazione elettronica verso la PA 1 Analisi dello stato attuale (AS-IS) 2 Valutazione degli impatti organizzativi, di processo ed economici 3 4 Definizione del nuovo processo di ciclo attivo e dei requisiti tecnici per l evoluzione dei sistemi informativi a supporto Implementazione del nuovo processo e governo degli sviluppi IT 5 Supporto al go-live del nuovo processo di fatturazione e conservazione elettronica Page 33

34 6. Le fasi del progetto di implementazione della fatturazione elettronica verso la PA Analisi dello stato attuale (AS-IS) Valutazione degli impatti organizzativi, di processo ed economici Definizione del nuovo processo di ciclo attivo e dei requisiti tecnici per l evoluzione dei sistemi informativi a supporto Assessment delle stato attuale del processo di emissione, trasmissione, conservazione delle fatture Assessment dello stato attuale della struttura organizzativa e dei sistemi informativi a supporto del ciclo attivo Assessment dell attuale base dati clienti PA Valutazione degli impatti organizzativi/di processo/economici dell emissione, trasmissione e conservazione elettronica delle fatture attive in base al nuovo contesto normativo Valutazione sull opportunità (analisi costi/benefici) di: gestire il servizio internamente (soluzione in house); affidare il servizio agli intermediari abilitati (soluzione in outsourcing) Disegno di dettaglio del processo a tendere Disegno dei requisiti tecnici del sistema informativo aziendale, anche mediante: definizione delle modalità di perimetrazione del Clienti PA e di aggiornamento dell anagrafica Clienti PA mediante l integrazione del codice IPA; definizione delle tabelle di transcodifica delle codifiche degli attuali sistemi rispetto alle codifiche previste da SdI; definizione delle modalità di conservazione delle fatture e tenuta dei sezionali IVA per le fatture PA. Page 34

35 6. Le fasi del progetto di implementazione della fatturazione elettronica verso la PA 4 Implementazione del nuovo processo e governo degli sviluppi IT Definizione del piano di implementazione della soluzione scelta e project management delle attività implementative Identificazione del responsabile della Conservazione Elettronica Predisposizione del Manuale della Conservazione 5 Supporto al go-live del nuovo processo di fatturazione e conservazione elettronica Supporto in fase di prima applicazione del nuovo processo di ciclo attivo e di conservazione sostitutiva Analisi delle criticità ed interventi di fine tuning della soluzione adottata Page 35

36 7. Le principali scelte/azioni da attivare per le aziende Scelta del modello applicativo (in house/outsourcing) in caso di gestione in house della trasmissione/conservazione delle fatture: individuazione del certificatore accreditato per il rilascio di firma elettronica qualificata scelta del canale di trasmissione per la trasmissione del file (contenente la fattura ed eventuali allegati) ed eventuale accreditamento a SDI aggiornamento dei sistemi informativi aziendali / implementazione di un nuovo sistema per la trasmissione delle fatture, la gestione delle notifiche di ritorno da SDI, il monitoraggio dello stato delle fatture e la conservazione elettronica in caso di gestione in outsourcing della trasmissione/conservazione delle fatture: definizione del contratto e dei livelli di servizio con l outsourcer; gestione dei rapporti con l outsourcer in relazione ai diversi possibili esiti dell invio delle fatture ( es. gestione delle notifiche di scarto, gestione delle notifiche di mancata consegna, etc.) Page 36

Servizio Fatt-PA PASSIVA

Servizio Fatt-PA PASSIVA Sei una Pubblica Amministrazione e sei obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA? Attivate il servizio di ricezione al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA PASSIVA di Namirial S.p.A.

Dettagli

Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt-PA. di Namirial S.p.A.

Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt-PA. di Namirial S.p.A. Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA di Namirial S.p.A. Entrata in vigore degli obblighi di legge 2 Dal 6 giugno 2014 le

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

Manuale d uso del Sistema di. e-procurement per le imprese

Manuale d uso del Sistema di. e-procurement per le imprese Manuale d uso del Sistema di e-procurement per le imprese Guida all utilizzo del servizio di Fatturazione Elettronica Data ultimo aggiornamento:16/07/2014 Pagina 1 di 39 Indice 1. INTRODUZIONE E PRINCIPI

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE OPERATIVE DELLE REGOLE TECNICHE DI CUI ALL ALLEGATO B DEL DM 55 DEL 3 APRILE 2013. Versione 1.1

SPECIFICHE TECNICHE OPERATIVE DELLE REGOLE TECNICHE DI CUI ALL ALLEGATO B DEL DM 55 DEL 3 APRILE 2013. Versione 1.1 SPECIFICHE TECNICHE OPERATIVE DELLE REGOLE TECNICHE DI CUI ALL ALLEGATO B DEL DM 55 DEL 3 APRILE 2013 Versione 1.1 INDICE 1. INTRODUZIONE 4 1.1 DEFINIZIONI 4 2. MODALITÀ DI EMISSIONE DELLE FATTURE ELETTRONICHE

Dettagli

FATTURAZIONE ELETTRONICA, LA RIVOLUZIONE NON PUO ATTENDERE

FATTURAZIONE ELETTRONICA, LA RIVOLUZIONE NON PUO ATTENDERE FATTURAZIONE ELETTRONICA, LA RIVOLUZIONE NON PUO ATTENDERE A cura di Gerardo De Caro: La fatturazione elettronica obbligatoria verso la Pubblica Amministrazione Executive Summary Il formato fattura PA

Dettagli

Comune di Castelfranco di Sotto

Comune di Castelfranco di Sotto Comune di Castelfranco di Sotto Ufficio Ragioneria OGGETTO: Introduzione alla fatturazione elettronica presso il Comune di Castelfranco di Sotto L obbligo della fatturazione elettronica nei confronti della

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

La fattura elettronica e sua conservazione

La fattura elettronica e sua conservazione La fattura elettronica e sua conservazione Che cos è la FatturaPA? La FatturaPA è una fattura elettronica ai sensi dell'articolo 21, comma 1, del DPR 633/72 ed è la sola tipologia di fattura accettata

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MIUR.AOODGPFB.REGISTRO UFFICIALE(U).0004509.09-06-2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la programmazione Direzione Generale per la Politica Finanziaria e per

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

Fattura elettronica Vs Pa

Fattura elettronica Vs Pa Fattura elettronica Vs Pa Manuale Utente A cura di : VERS. 528 DEL 30/05/2014 11:10:00 (T. MICELI) Assist. Clienti Ft. El. Vs Pa SOMMARIO pag. I Sommario NORMATIVA... 1 Il formato della FatturaPA... 1

Dettagli

ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE

ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE ISTRUZIONI PER IL SERVIZIO SPCOOP - RICEZIONE Pag. 1 di 14 INDICE 1. Glossario... 3 2. il servizio SPCoop - Ricezione... 5 3. Il web-service RicezioneFatture... 8 3.1 Operazione RiceviFatture... 9 3.1.1

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt PA Lextel

Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt PA Lextel Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt PA Lextel FATTURAZIONE ELETTRONICA Fa# PA è il servizio online di fa/urazione ele/ronica semplice e sicuro

Dettagli

I Professionisti della digitalizzazione documentale

I Professionisti della digitalizzazione documentale CON IL PATROCINIO DI PROGRAMMA MASTER COURSE ANORC MILANO, dal 3 al 26 NOVEMBRE 2015 Hotel degli Arcimboldi (Viale Sarca, n. 336) I Professionisti della digitalizzazione documentale Guida formativa per

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

SERVIZIO "FATT-PA NAMIRIAL" LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING

SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING SERVIZIO "FATT-PA NAMIRIAL" LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL PACCHETTO FULL OUTSOURCING Versione 1.0 del 23 giugno 2014 Sommario 1. Introduzione... 2 2. Contenuto della Fattura PA... 2 3. Dati obbligatori

Dettagli

ELENCO DEI CONTROLLI EFFETTUATI SUL FILE FATTURAPA. Versione 1.1

ELENCO DEI CONTROLLI EFFETTUATI SUL FILE FATTURAPA. Versione 1.1 ELENCO DEI CONTROLLI EFFETTUATI SUL FILE FATTURAPA Versione 1.1 VERIFICHE EFFETTUATE SUL FILE FATTURAPA NOMENCLATURA ED UNICITÀ DEL FILE TRASMESSO La verifica viene eseguita al fine di intercettare l invio

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Progetto GOL! Giustizia On Line Distretti di Catanzaro e Reggio Calabria. Il PCT per il Professionista ausiliario del Giudice

Progetto GOL! Giustizia On Line Distretti di Catanzaro e Reggio Calabria. Il PCT per il Professionista ausiliario del Giudice Progetto GOL! Giustizia On Line Distretti di Catanzaro e Reggio Calabria Il PCT per il Professionista ausiliario del Giudice Sommario INTRODUZIONE... 3 IL PROCESSO CIVILE TELEMATICO... 3 OBBLIGO DEL DEPOSITO

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Direzione generale degli affari generali e riforma La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Dematerializzazione dei document i dell Amministrazione Regionale Conferenza stampa dell Assessore Massimo

Dettagli

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Gestisci. Organizza. Risparmia. Una lunga storia, uno sguardo sempre rivolto al futuro. InfoSvil è una società nata nel gennaio 1994 come

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI DEL MUNICIPIO II

MANUALE DI GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI DEL MUNICIPIO II MANUALE DI GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI DEL MUNICIPIO II Indice 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... 8 1.1 PREMESSA... 8 1.2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 9 1.3 SISTEMA DI MONITORAGGIO E AGGIORNAMENTO DEL MANUALE...

Dettagli

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 Modalità per l accreditamento e la vigilanza sui soggetti pubblici e privati che svolgono attività di conservazione dei documenti informatici di cui all'articolo 44-bis,

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi

Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi Il presente manuale è adottato ai sensi dell art. 3, primo comma, lettera c) del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 31 ottobre

Dettagli

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità Zucchetti Software Giuridico srl - Viale della Scienza 9/11 36100 Vicenza tel 0444 346211 info@fallco.it

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Ordine degli Ingegneri Provincia di Latina

Ordine degli Ingegneri Provincia di Latina Ordine degli Ingegneri Provincia di Latina Commissione Ingegneria dell Informazione La Firma Digitale e La PEC Come Strumenti di Comunicazione Nell era digitale GdL:Ingg Luigi Di Santo Filippo Filippella

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Avv. Andrea Ricuperati. (ultimo aggiornamento: 30 marzo 2015)

Avv. Andrea Ricuperati. (ultimo aggiornamento: 30 marzo 2015) Avv. Andrea Ricuperati (ultimo aggiornamento: 30 marzo 2015) 1 Tramite il servizio postale A mani Mediante posta elettronica certificata 2 24 maggio 2013 (= quindicesimo giorno successivo alla pubblicazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

L apposizione di firme e informazioni su documenti firmati

L apposizione di firme e informazioni su documenti firmati L apposizione di firme e informazioni su documenti firmati Il presente documento si pone l obiettivo di chiarire alcuni aspetti generali dei formati di firma CAdES (file con estensione p7m) e PAdES (file

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane Comunicato stampa aprile 2015 DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV Ecco i prodotti e le applicazioni per innovare le imprese italiane Rubàno (PD). Core business di, nota sul mercato ECM per la piattaforma Archiflow,

Dettagli

Titolo I - AMBITO DI APPLICAZIONE, DEFINIZIONI ED ADEGUAMENTO ORGANIZZATIVO E FUNZIONALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

Titolo I - AMBITO DI APPLICAZIONE, DEFINIZIONI ED ADEGUAMENTO ORGANIZZATIVO E FUNZIONALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche per il protocollo informatico ai sensi degli articoli 40-bis, 41, 47, 57-bis

Dettagli

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale Prot. n. 2012/140335 Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio Deutsche Bank db Corporate Banking Web Guida al servizio INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. SPECIFICHE DI SISTEMA... 4 3 MODALITÀ DI ATTIVAZIONE E DI PRIMO COLLEGAMENTO... 4 3. SICUREZZA... 5 4. AUTORIZZAZIONE

Dettagli

PAGAMENTO ELETTRONICO DELLA MARCA

PAGAMENTO ELETTRONICO DELLA MARCA PAGAMENTO ELETTRONICO DELLA MARCA DA BOLLO DIGITALE Allineato alla versione 1.7 delle Specifiche Attuative del Nodo dei Pagamenti-SPC Versione 1.0 - febbraio 2015 STATO DEL DOCUMENTO revisione data note

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE DECRETO LEGISLATIVO 7 MARZO 2005, N. 82 TESTO VIGENTE

CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE DECRETO LEGISLATIVO 7 MARZO 2005, N. 82 TESTO VIGENTE CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE DECRETO LEGISLATIVO 7 MARZO 2005, N. 82 TESTO VIGENTE (redatto al solo fine di facilitare la lettura del Codice dell amministrazione digitale a seguito delle modifiche

Dettagli

CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE DECRETO LEGISLATIVO 7 MARZO 2005, N. 82 TESTO VIGENTE

CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE DECRETO LEGISLATIVO 7 MARZO 2005, N. 82 TESTO VIGENTE CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE DECRETO LEGISLATIVO 7 MARZO 2005, N. 82 TESTO VIGENTE (redatto al solo fine di facilitare la lettura del Codice dell amministrazione digitale a seguito delle modifiche

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

e, p.c. Ufficio Audit e Sicurezza SEDE

e, p.c. Ufficio Audit e Sicurezza SEDE Direzione Regionale delle Marche Ufficio Gestione Tributi Ancona, 22 marzo 2013 Ai Comuni della Regione Marche LORO SEDI e, p.c. Ufficio Audit e Sicurezza SEDE Reg. Uff. n. 7446 - All. n. 1 OGGETTO: Codice

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE

Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE IL DIRETTORE CENTRALE Visto l articolo 47 comma 1, del decreto legge 24 aprile 2014, n.

Dettagli

GUIDA ALLA REGISTRAZIONE

GUIDA ALLA REGISTRAZIONE PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA ALLA REGISTRAZIONE PER LE AMMINISTRAZIONI E GLI ENTI PUBBLICI Versione 1.1 del 06/12/2013 Sommario Premessa... 3 Passo 1 - Registrazione dell Amministrazione/Ente...

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

Comoda, sicura, conveniente. Legale.

Comoda, sicura, conveniente. Legale. Comoda, sicura, conveniente. Legale. 80.000 caselle attivate. E voi, cosa aspettate? InfoCert è il più importante gestore di Posta Elettronica Certificata. Legalmail è il servizio pensato per professionisti,

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

[05/05/2008 NOTA 11] Le note sono elencate dalla più recente alla meno recente.

[05/05/2008 NOTA 11] Le note sono elencate dalla più recente alla meno recente. Questo documento riporta delle note integrative ai documenti di riferimento della Posta Elettronica Certificata (PEC). Nello specifico le seguenti note fanno riferimento a: Decreto del Presidente della

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2011 Progetto Istanze On Line 21 febbraio 2011 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 PROGETTO ISTANZE ON LINE... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 -

SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 - Versione 10/04/15 SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 - Rifiuti dei Beni a base di Polietilene, Piazza di S. Chiara, 49 00186 ROMA) e (facoltativamente) anticipata mezzo fax Il richiedente... In persona del

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO Allegato n. 2 alla delibera n. 11 del 12.12.05 SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO..., con sede in.., Codice

Dettagli

Roma, 19 settembre 2014

Roma, 19 settembre 2014 CIRCOLARE N. 27 Direzione Centrale Amministrazione, Pianificazione e Controllo Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 19 settembre 2014 OGGETTO: Modalità di presentazione delle deleghe di pagamento

Dettagli

TRIBUNALE DI FIRENZE Presidenza Viale Guidoni n.61-50127 Firenze -lei. 0557996279 -fax 0557996384 e-mail: presidenza.tribunale.firenze@qiustizia.

TRIBUNALE DI FIRENZE Presidenza Viale Guidoni n.61-50127 Firenze -lei. 0557996279 -fax 0557996384 e-mail: presidenza.tribunale.firenze@qiustizia. TRIBUNALE DI FIRENZE Presidenza Viale Guidoni n.61-50127 Firenze -lei. 0557996279 -fax 0557996384 e-mail: presidenza.tribunale.firenze@qiustizia.it Firenze,.18. (?D.-l ~ AI SIGG.RI PRESIDENTIDEGLI ORDINI

Dettagli

CIRCOLARE N.3. J't?UM?/.:ce

CIRCOLARE N.3. J't?UM?/.:ce ~ ~ ID: 292415 MEF - RGS - Prot. 2565 del 14/01/2015 - U ' J/tn~o ~//'g'cononu;a, e~~ w::- J't?UM?/.:ce DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO!SPETTO RATO GENERALE DEL BILANCIO UFFICIO II -

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Il punto di pratica professionale

Il punto di pratica professionale Il punto di pratica professionale Le semplificazioni alla disciplina del Durc parte I a cura di Vitantonio Lippolis Responsabile U.O. Vigilanza 2 presso la DPL di Modena * Le novità che disciplinano l

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

COMUNE DI PADOVA. Manuale di gestione del protocollo informatico e del Servizio archivistico comunale

COMUNE DI PADOVA. Manuale di gestione del protocollo informatico e del Servizio archivistico comunale COMUNE DI PADOVA Manuale di gestione del protocollo informatico e del Servizio archivistico comunale Padova 2003 Questo manuale è stato scritto dal Comitato di progetto, nominato dalla Giunta comunale

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

Allegato 1 L AGENDA PER LA SEMPLIFICAZIONE 2015-2017

Allegato 1 L AGENDA PER LA SEMPLIFICAZIONE 2015-2017 Allegato 1 L AGENDA PER LA SEMPLIFICAZIONE 2015-2017 \ Premessa L obiettivo generale I settori chiave di intervento La cittadinanza digitale Il welfare e la salute Il fisco L edilizia L impresa Gli strumenti

Dettagli