LA GESTIONE DEI PROGETTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA GESTIONE DEI PROGETTI"

Transcript

1 Mara Bergamaschi LA GESTIONE DEI PROGETTI Copyright SDA-Bocconi Nota didattica PA 2365

2 LA GESTIONE DEI PROGETTI Di Mara Bergamaschi SOMMARIO: La nozione di progetto; L importanza di un project management efficace; Il project manager come punto di integrazione delle attività e della pianificazione e controllo del progetto; Il ciclo di progetto; La relazione tempi, costi, qualità; La definizione puntuale degli obiettivi del progetto e dei risultati da raggiungere; L impatto sull organizzazione: il project team; L identificazione dei compiti e delle responsabilità specifiche; Un introduzione agli strumenti di programmazione e controllo dei progetti. La nozione di progetto Un progetto è un insieme di risorse temporaneamente riunite per raggiungere uno specifico obiettivo/risultato, di solito con un budget predeterminato e entro un periodo prestabilito. Anche se i progetti possono protrarsi per un lungo periodo di tempo, la differenza sostanziale tra progetti e programmi sta nel fatto che i progetti si realizzano una sola volta e non vengono ripetuti, mentre i programmi definiscono dei piani di azione che discendono dai processi di programmazione aziendale. L obiettivo/risultato che si intende raggiungere presenta quindi le caratteristiche di essere specifico, unico e non ripetitivo; i progetti fanno quindi spesso riferimento a nuovi modi/non strutturati di gestire le attività all interno dell azienda o allo sviluppo di nuove aree di attività ( es: l introduzione di un sistema di budget, l attivazione dell area a pagamento, ecc.). Essi possono nascere come risposta dell organizzazione a trasformazioni dell ambiente esterno o interno all azienda. Essendo infatti l azienda caratterizzata dall essere un sistema aperto, la sua capacità di perdurare nel tempo in condizioni di economicità dipende spesso dalla sua capacità di adattamento al suo ambiente di riferimento, sia esso esterno o interno. Il progetto può quindi essere legato all esigenza di far fronte ai questi cambiamenti e ad un analisi delle minacce e opportunità dell ambiente esterno e dei punti di forza e di debolezza interni all azienda. Approfondimenti possibili L azienda come sistema aperto, il principio di economicità in un azienda sanitaria, il processo di pianificazione strategica, l analisi SWOT. In ogni caso per progetto si intende l intero processo necessario per realizzare un risultato specifico, per il cui raggiungimento è necessario il coinvolgimento di differenti professionalità, che possono appartenere a differenti unità operative. In tal senso il progetto, quando complesso, taglia trasversalmente le linee organizzative. 2

3 Inoltre il progetto ha un punto di inizio e un punto di fine chiaramente identificabili e attraversa fasi differenti muovendosi dal momento di inizio a quello conclusivo. In tal senso si dice che il progetto possiede la caratteristica di temporaneità. Per gestione dei progetti (project management) si intende quindi il processo di pianificazione, controllo e gestione di un gruppo di persone che operano come gruppo temporaneo. In particolare per gestione del progetto si intende la fase di progettazione/ programmazione e controllo delle attività da porre in essere per l attivazione/implementazione del progetto e non la fase di gestione del progetto a regime. Essa implica quindi la pianificazione, l attivazione e l utilizzo delle risorse tese al conseguimento di uno specifico obiettivo. Essendo infatti i progetti costituiti da gruppi temporanei in un ambiente in trasformazione, hanno una natura instabile che esige forme particolari di gestione. Gestire un progetto è piuttosto complesso: il risultato finale non è infatti completamente definibile in anticipo, così come il processo atto alla sua realizzazione; si deve gestire un gruppo temporaneo, i cui componenti non sono abituati a lavorare insieme, hanno in genere una formazione e competenze molto varie, diverse abitudini al lavoro, valori, priorità, etc. La programmazione e il controllo dei progetti diventano quindi elemento fondamentale per gestire un progetto con buoni risultati. In ogni caso, stante le caratteristiche del progetto, non bisogna trascurare aspetti non meno importanti quali la capacità di gestire risorse umane operanti in un ambiente provvisorio, riunite in un gruppo che raccoglie personalità differenti e la capacità di conquistarsi la collaborazione di persone che sono al di fuori della propria responsabilità gerarchica. Se dunque in questa breve nota non si intende trascurare l importanza della gestione del personale e dei conflitti è ai temi della programmazione e del controllo dei progetti che si vuole dedicare particolare attenzione. L importanza di un project management efficace Tutti i progetti devono essere ben gestiti per conseguire i risultati desiderati rispettando la programmazione dei tempi e dei costi. Troppo spesso il controllo e la valutazione dei progetti non sono svolti in modo efficace e gli errori vengono identificati solo quando non si è più in grado di evitare conseguenze negative. E quindi necessario sviluppare capacità di gestione efficace dei progetti. Molti progetti infatti falliscono e non raggiungono i risultati previsti. 3

4 I principali sintomi sono: I progetti muoiono per strada; non vengono rispettati i tempi; nella fase di gestione i costi risultano molto più alti del previsto; i risultati prodotti non coincidono con le aspettative; i risulatati sono molto apprezzati, ma non vengono utilizzati. Le principali cause di insuccesso fanno riferimento a: una cattiva definizione iniziale degli obiettivi del progetto, dei tempi e delle modalità di attuazione; membri del gruppo di progetto distratti da altri obiettivi o dall attività istituzionale; la costituzione di un gruppo di progetto povero di risorse o carente di alcune delle competenze specialistiche necessarie. Quali sono quindi i principi generali per un efficace conduzione dei progetti? ottenere un consenso sostanziale di tutti gli interessati sul singolo progetto; predisporre una chiara definizione dei contenuti, degli obiettivi e delle responsabilità all interno del progetto; attivare una adeguata programmazione e tempificazione delle attività; individuare tutte le competenze tecniche specialistiche richieste per la realizzazione del progetto; responsabilizzare e dare autonomia ai gruppi di progetto; porre attenzione al contesto da parte del gruppo di progetto (committenti, struttura e obiettivi dell organizzazione); individuare un responsabile di progetto con capacità di leadership (all interno del gruppo) e di interazione esterna con le unità operative funzionali. Il project manager come punto di integrazione delle attività e della pianificazione e controllo del progetto Ogni progetto deve avere un unico punto di integrazione delle responsabilità: il project manager o una figura equivalente. I progetti complessi infatti per essere realizzati debbono essere suddivisi in compiti più agevolmente eseguibili. Quando il progetto è molto complesso, questi compiti vengono svolti da risorse che provengono da differnti unità funzionali all interno dell organizzazione e a volte richiedono anche il coinvolgimento di specialisti 4

5 esterni. Il responsabile di progetto ha il difficile compito di integrare tutti gli specialisti nella misura opportuna e risponde all azienda dei risultati complessivi del progetto. Tra i vantaggi ottenibili dalla identificazione di un responsabile di progetto o comunque dall identificazione di un unico punto di responsabilità integrata si sottolineano: la chiarezza organizzativa che discende dall attribuzione a una sola persona della responsabilità dei risultati complessivi del progetto; la certezza che le decisioni vengano prese tenendo conto dell obiettivo globale del progetto; il coordinamento di tutti gli apporti funzionali al progetto; un impiego adeguato dei metodi di pianificazione e controllo integrati e delle informazioni da essi prodotte. Per essere efficace il responsabile di progetto devono quindi disporre di metodi e sistemi di pianificazione e controllo del progetto. Si può considerare come obiettivo del project management la realizzazione di un controllo del progetto che garantisca il suo completamento nei tempi e con il budget previsto, assicurando nel contempo la qualità voluta del risultato. Il controllo del progetto viene conseguito con: la determinazione consensuale di obiettivi e risultati, la definizione dei lavori da fare, la pianificazione e la programmazione dei compiti sulla base delle risorse necessarie e disponibili, la misurazione dello stato di avanzamento e della qualità. E un controllo reciproco fondato su piani integrati e aggiornati, che consente a ciascun membro del gruppo di progetto di prendere misure correttive tempestive ogni volta che il feedback assicurato dal sistema di valutazione segnali che tali misure sono necessarie. Il responsabile di progetto assicura che i piani siano adeguati e corretti e ne segue l attuazione per accertare che vengano presi i provvedimenti del caso. Un corretta pianificazione consente di coordinare le interfacce tra i membri del team. Per pianificazione e controllo integrati di progetto si intende la raccolta di tutte le informazione significative relative ai risultati del progetto, ai tempi e ai costi Queste informazione devono essere raccolte in tutte le fasi del progetto. Attraverso una valutazione globale di tutti gli elementi d informazione, è infatti possibile un azione continuativa di adeguamento dei piani, un confronto tra risultati e piani e una proiezione dei tempi e dei costi totali al momento del completamento. 5

6 Tra i vantaggi di una pianificazione e controllo adeguati si ricordano: la garanzia che le attività di ogni area funzionale vengano pianificate e realizzate per soddisfare le esigenze complessive di progetto; la tempestiva identificazione dei problemi che possono mettere a repentaglio il felice completamento del progetto, con la conseguente opportunità di prendere le iniziative più opportune e di prevenirli o risolverli. Approfondimenti possibili Il processo di programmazione e controllo, la nozione di controllo di gestione, il meccanismo di feed-back. Il ciclo di progetto Si è detto che il progetto attraversa fasi differenti muovendosi dal momento di inizio a quello conclusivo. Quante siano le fasi del progetto è una questione aperta. In ogni caso l esperienza dimostra che qualsiasi sia il numero delle fasi, esse tendono spesso a sovrapporsi, a tornare indietro per ricongiungersi con fasi che parevano già completate. D seguito viene presentato un modello di ciclo di vita articolato in quattro fasi (si veda Fig. 1), tutte parzialmente sovrapposte. 6

7 Figura 1 Il ciclo del progetto FASE 1 IDEAZIONE FASE 2 PIANIFICAZIONE FASE 3 ESECUZIONE FASE 4 CONCLUSIONE La fase 1 rappresenta il periodo di prima ideazione del progetto. A questa fase non è detto che partecipino tutti i membri del gruppo di progetto (project team), mentre il responsabile di progetto è in genere coinvolto. Nella fase 2 la visione è trasferita in un piano di progetto. Vengono identificate le competenze indispensabili e le persone necessarie al completamento del progetto, vengono definite le attività indispensabili che porteranno alla realizzazione dello specifico risultato finale, vengono essere fissate scadenze responsabilità e sistemi di controllo. A questa fase partecipano di tutti i membri del gruppo. Nella fase 3 si eseguono le attività vere e proprie di progetto. Si effettuano le verifiche e, se necessario, si rivedono piani programmi e destinazione delle risorse. Nella fase 4 il progetto raggiunge il suo obiettivo e giunge a termine. Il ciclo di vita del progetto include tutte le fasi dal punto di partenza al completamento dello stesso. Il tasso di utilizzo delle risorse e di conseguenza il costo del progetto aumentano con il succedersi della fasi fino a decrescere rapidamente al completamento. Il recupero del tempo perduto di norma diventa più costoso in ogni successiva fase del progetto. Inoltre l incertezza per i tempi e i costi complessivi diminuisce man mano che il progetto va avanti. Queste caratteristiche evidenziano la necessita di sistemi e metodi di programmazione e controllo del progetto che consentano di prevedere al più presto e il più correttamente possibile il punto finale e l esigenza di un controllo integrato durante tutte le fasi, con particolare attenzione a quelle iniziali, per evitare errori nelle fasi successive. Le decisioni prese nelle fasi iniziali di progetto pesano infatti di più sui tempi e costi complessivi, di quelle assunte nelle fasi finali. La relazione tempi, costi, qualità Nelle fasi di programmazione e controllo dei progetti l attenzione deve essere focalizzata su tre differenti aspetti: tempo, costo e caratteristiche qualitative del progetto. 7

8 Il tempo necessario per svolgere le attività previste per la realizzazione del progetto deve essere valutato in anticipo e riportato in un programma. Durante la gestione del progetto il tempo effettivamente richiesto viene confrontato con il tempo previsto in modo da mettere in luce e intervenire sulle variazioni più significative. La stima del costo di un progetto viene preparata essenzialmente nello stesso modo in cui si elabora il budget di un centro di responsabilità, con un unica differenza: l attenzione è posta sull intero progetto piuttosto che su un prefissato periodo di tempo. Nella fase di controllo i costi effettivi sono confrontati con i costi a budget e, se necessario, vengono intraprese le necessarie azioni correttive. Il terzo aspetto fa riferimento alle caratteristiche qualitative del progetto che si intendono raggiungere. Ciò implica che nella fase iniziale il risultato finale venga descritto il più dettagliatamente possibile e, nella fase di controllo, la qualità effettiva venga confrontata con le specifiche preventivate. Nel processo di programmazione e controllo questi tre aspetti devono essere considerati sia separatamente che congiuntamente, in quanto sono tra loro strettamente interrelati. Un contenimento nei livelli qualitativi può portare ad una corrispondente riduzione del costo, mentre il tempo si può ridurre attraverso un aumento dei costi, per non sottolineare che due esempi. La definizione puntuale degli obiettivi del progetto e dei risultati da raggiungere Per i progetti complessi è necessario un approccio ordinato e sistematico che ne assicuri la definizione in modo che tutti i loro elementi siano correttamente interrelati, senza che nessuno venga omesso. Il metodo più efficace per definire in questa forma un progetto è la creazione di una struttura di scomposizione del progetto (struttura analitica di progetto o PBS project breakdown structure-). La maggior parte dei progetti vengono suddivisi in parti, per potere facilitare sia il processo di programmazione che quello di controllo: queste parti vengono chiamate work packages o pacchetti di attività. Un work packages è rappresentato da un insieme di attività che determinano un progresso misurabile nella realizzazione del progetto e che è relativo all ottenimento/ raggiungimento di un risultato intermedio (milestone o pietra miliare). 8

9 Tali attività devono richiedere un tempo relativamente breve (di solito non più di un mese), devono avere un punto di partenza e di arrivo chiaramente identificabili e devono potere essere eseguite da un unica unità funzionale (centro di responsabilità) tra quelle che partecipano al progetto. Approfondimenti possibili Il concetto di centro di responsabilità, la struttura organizzativa funzionale. I work packages comprendono sempre sia la dimensione temporale che la dimensione qualitativa, possono invece non includere informazioni relative ai costi che possono essere raccolti in categorie più ampie, che rappresentano essenzialmente il risultato dell aggregazione di più work packages. La PBS suddivide quindi le attività livello per livello spingendosi al grado di dettaglio necessario per una pianificazione un controllo adeguati. Essa scompone il progetto in una serie di sottoprogetti (milestone), che a loro a loro volta suddivide in gruppi di compiti gestibili (work packages). La mappa della PBS viene costruita cominciando dall elemento di massimo livello che identifica il progetto totale e scomponendo quindi gli elementi principali naturali del progetto al livello inferiore successivo. L obiettivo è quello di identificare compiti chiaramente gestibili e attribuibili alla responsabilità di un unità operativa funzionale, che possono essere pianificati, valutati, budgettati, e controllati. Questo approccio garantisce che il progetto venga definito in ogni sua parte e che si possano realizzare utili sommari delle informazioni sul progetto. I compiti sono gli elementi finali identificabili nella PBS e quindi possono essere identificati solo alla fine del processo di scomposizione di una specifica parte del progetto. La migliore definizione di un compito consiste in una breve elencazione del lavoro che deve essere eseguito. Essa dovrebbe includere: un esposizione riassuntiva del lavoro da eseguire; input richiesti da altri compiti; risultati specifici da ottenere. In sintesi per ogni progetto è necessario identificare chiaramente: obiettivi traguardi intermedi (milestone) pacchetti di attività elementari (work packages) 9

10 L impatto sull organizzazione: il project team Se il progetto rappresenta un complesso di attività che tagliano trasversalmente l azienda in termini di organizzazione si viene a costituire un struttura a matrice in cui sono presenti due diverse linee di responsabilità: una funzionale o specialistica, stabilmente presente nell organizzazione e responsabile dello sviluppo e della disposizione delle risorse tecniche e del governo complessivo dei risultati di area; una di progetto, di tipo temporaneo, responsabile del completamento dello stesso. Approfondimenti possibili Struttura organizzativa funzionale, struttura organizzativa divisionale, struttura organizzativa a matrice, struttura organizzativa per progetti. 10

11 Figura 2 La struttura organizzativa per progetti DIRETTORE GENERALE Resp. U.O. Resp. U.O. Resp. U.O. Resp. U.O. Project manager Project manager Attraverso questo tipo di organizzazione è possibile avere a disposizione risorse di tipo specialistico e nello stesso tempo garantire il coordinamento. Il responsabile di progetto svolge la funzione di integrare le diverse interfaccia. Sulla base delle attività evidenziate attraverso la PBS e delle competenze specialistiche necessarie per portarle a compimento è possibile identificare le unità operative che parteciperanno al progetto e di conseguenza l intero gruppo di progetto. Ai fini di programmazione e di controllo ogni qual volta si interseca la linea della struttura stabile con la linea della struttura temporanea è necessario individuare un work packages, ossia un insieme di attività realizzabili in un tempo relativamente breve e la cui responsabilità ricade sotto un unica unità operativa funzionale (centro di responsabilità). Il team di progetto include tutte le persone alle quali sono stati assegnati compiti specifici di progetto. Queste persone possono essere: direttamente alle dipendenze del project manager; nelle unità operative funzionali; in staff specializzati; in organizzazioni esterne. Sia che queste persone vengano assegnate direttamente al project manager o che rimangano nelle unità operative funzionali, esse devono essere considerate parte del project team. 11

12 L identificazione dei compiti e delle responsabilità specifiche Il lavoro definito con la PBS (milestone e pacchetti di attività) deve essere messo in relazione con le U.O. responsabili del loro raggiungimento. Attraverso la definizione dell organizzazione del progetto e delle specifiche attività da porre in essere (il lavoro che deve essere eseguito) è ora possibile integrare i due elementi. Ogni elemento identificato nella PBS deve quindi essere attribuito ad una specifica responsabilità. Se la PBS è stata costruita in modo corretto è possibile identificare una stretta identità tra l intersezione della linea temporanea e delle linee stabili e la realizzazione di un work packages. Se il progetto è particolarmente complesso per ogni singolo pacchetto di attività, oltre all individuazione della U.O. funzionale che partecipa alla sua realizzazione sarà necessario identificare un responsabile di Work Packages. Egli sarà responsabile di un compito chiaramente definito e del raggiungimento di un determinato milestone. Il suo scopo sarà quello di coordinare le risorse specialistiche necessarie allo sviluppo del progetto e di governare le persone provenienti dalla medesima area funzionale e con compiti sufficientemente definiti. Il responsabile di progetto rimane quale responsabile primo del progetto e avrà quindi una funzione di integrazione/coordinamento di tutti i responsabili di work packages e verrà di volta in volta aiutato da dei sotto responsabili. Individuare la matrice compiti-responsabilità vuole quindi dire attribuire ad ogni pacchetto di attività una responsabilità in termini di figura di riferimento e l unita specialistica da coinvolgere. La matrice compiti/ responsabilità è quindi uno strumento di pianificazione che mette in relazione il lavoro definito dalla PBS con le unità operative responsabili del loro raggiungimento (si veda fig.3). Ogni assegnatario di un compito primario dovrà dare informazioni circa la programmazione di tempi e costi e gli aspetti tecnici del suo compito. 12

13 Figura 3 La matrice compiti responsabilità N.RO TRAGUARDO CONTENUTO/ PROFESSION. U.O. RESP.LE INTERMEDIO ATTIVITA RICHIESTE COINVOLTE Un introduzione agli strumenti di programmazione e controllo dei progetti Il processo di pianificazione riguarda sostanzialmente lo studio dell evoluzione temporale delle variabili critiche di progetto: costi-tempi-caratteristiche qualità. Il primo passo da compiere è la scomposizione del lavoro (PBS) da macro attività in attività sempre più piccole, fino a quelle elementari. I c.d. pacchetti di lavoro (work packages WP-): per ognuno di essi si produrrà una descrizione del lavoro da compiere. Una volta definita la PBS si può iniziare il processo di stima della quantità di lavoro da svolgere, cui seguirà la stima dei tempi delle risorse e dei costi. Con riferimento alle attività le tecniche di pianificazione temporale più frequenti sono di due tipi: i diagrammi di Gantt, o Diagrammi a barre, il cui grosso vantaggio consiste nell immediata visualizzazione e quindi nell estrema facilità di lettura; le tecniche reticolari, il cui vantaggio è la possibilità di evidenziare le relazioni tra tutte le attività di progetto, facilitando in tal modo l organizzazione logica del lavoro. Tra le tecniche reticolari si distinguono poi il CPM (metodo del cammino critico) il cui scopo è appunto l individuazione delle attività critiche su cui porre l attenzione in fase di 13

14 programmazione, e il PERT (tecnica di valutazione e revisione del programma) che si distingue dal primo per l introduzione della statistica. I vantaggi del CPM sono: la focalizzazione dell attenzione sulle attività critiche, che consente il raggiungimento degli obiettivi nei tempi prestabiliti; lo spostamento opportuno delle risorse dalle attività non critiche, che consente il raggiungimento degli obiettivi con riduzione dei costi. L applicazione del PERT consente invece di ottenere le caratteristiche statistiche del tempo di ultimazione del progetto. La programmazione temporale attraverso i diagrammi reticolari Un diagramma reticolare descrive i progetti come una serie di attività interdipendenti. In particolare un diagramma reticolare è composto da: un certo numero di nodi o eventi (che rappresentano i milestone o traguardi intermedi del progetto). Ognuno di essi è un sottoobiettivo che deve essere raggiunto se si vuole procedere alla realizzazione di un progetto. una serie di linee che congiungono tra loro i vari nodi e che rappresentano i pacchetti di attività da porre in essere per raggiungere un determinato milestone. Un attività che collega due eventi, ad esempio A e B, indica che l attività non può iniziare se l evento A non si è verificato e che esso termina solo quando si raggiunge l evento B (questa attività rappresenta un Work packages). Pertanto un diagramma reticolare descrive la sequenza cronologica secondo la quale dati eventi devono essere raggiunti se si vuole completare il progetto nel suo complesso Le tecniche di analisi reticolare comportano quindi la costruzione di un reticolo che illustra ogni sottobiettivo, o evento, che deve essere completato per potere sviluppare il progetto nel suo complesso, illustrano inoltre il tempo richiesto per l attività necessaria per il conseguimento di ciascun evento e la sequenza cronologica in cui gli eventi stessi devono essere completati per potere sviluppare il progetto nel suo complesso. L esempio in figura 4 presenta la rappresentazione grafica di un progetto che prevede la realizzazione di 6 milestone. I cerchi rappresentano i milestone e le frecce indicano la sequenza cronologica tra i diversi sottoobiettivi. I numeri sopra e sotto ogni cerchio indicano rispettivamente la durata e il numero di persone richieste per ogni lavoro. 14

15 Figura 3 Esempio di diagramma reticolare 2 2 A C 3 0 inizio 2 fine X 0 5 X D B E 1 1 Le attività possono essere legate insieme da un unica catena sequenziale. 2 F 2 A B C D Tuttavia pochi progetti sono così lineari, molte attività possono infatti essere effettuate simultaneamente; il diagramma sarà del tipo: A B E C D Alcune attività saranno quindi concomitanti altre sequenziali. Quale è la durata che richiede il completamento dell intero progetto rappresentato in figura 4? La durata è data dal cammino critico. Il cammino critico è la sequenza di eventi che richiedono il più lungo tempo totale dall inizio alla fine del progetto. Lo slack rappresenta il tempo disponibile di differenza tra il cammino critico e le altre sequenze complementari. 15

16 Nell esempio rappresentato in figura il progetto ha tre percorsi, tali percorsi non sono alternativi ma complementari. Il tempo di completamento del progetto è dato dal percorso più lungo (il percorso evidenziato in giallo, che rappresenta il cammino critico) ed è di 9 settimane, mentre lo slack è di 1 giorno (differenza tra le 9 settimane date dal cammino critico e le 8 settimane date dal cammino sotto (X-B-E-F-G)). Ci sono numerose implicazione per quanto riguarda la programmazione e il controllo nei concetti di cammino critico e di slack. Nel processo di pianificazione si deve prestare attenzione alle possibilità di ridurre il tempo richiesto dalle attività poste sul cammino critico, se tale possibilità esiste, il tempo complessivo richiesto per il progetto può essere ridotto. Si può riconoscere l opportunità di ridurre la durata del cammino critico attraverso un aumento dei costi, ma non è sicuramente desiderabile investire denaro per ridurre le attività di slack. Inoltre nel processo di controllo deve essere prestata particolare attenzione a quelle attività che si trovano sul cammino critico e una attenzione minore può essere riservata alle attività di slack. Il sistema Pert, come originariamente concepito, richiede che la stima delle durate di ogni attività del reticolo debba essere stabilita su base probabilistica. Si dovranno fare 3 stime per ogni attività: la durata più probabile (M) una durata ottimistica (A) e una durata pessimistica (P). Alla durata più probabile viene assegnato un peso 4 ed entrambe le altre stime avranno un peso pari a 1. In tal modo il tempo atteso (i) per ciascuna attività è dato da: A+4M+P I = Tale approccio presenta comunque una serie di difficoltà nell applicazione concreta, legate al fatto che il più delle volte le valutazioni pessimistiche e ottimistiche presentano delle stime simmetriche e di conseguenza la durata coincideva con quella più probabile. 16

17 Di conseguenza la parte probabilistica nei diagrammi reticolari non è molto usata nella pratica. La programmazione reticolare attraverso i diagrammi a barre (Diagramma di Gantt) Un altra tecnica di programmazione del tempo è data dal diagramma di Gantt che utilizza i diagrammi cartesiani e mette in sequenza le diverse attività attraverso la costruzione di un diagramma a barre. 17

18 Figura 5 Un esempio di diagramma di Gantt D A F C B E DURATA RISORSE Tale metodo risulta utile in situazioni di carenza di risorse e consente di individuare periodi in cui la richiesta di persone per l effettuazione delle attività programmate supera la disponibilità delle stesse. A titolo esemplificativo se il vincolo di gg uomo disponibili fosse di 4 ogni giorno, già in terza giornata tale vincolo non sarebbe rispettato e si avrebbe un fabbisogno superiore alla disponibilità. Ciò richiederebbe di fare slittare in avanti una attività e potrebbe quindi avere ripercussioni in termini di allungamento della durata complessiva di progetto. Affinchè il tempo di completamento del progetto non si allunghi più del dovuto il suggerimento è quello di fare slittare in avanti le attività di slack (non quelle poste sul cammino critico). Come conseguenza del processo di pianificazione esistono, per la maggior parte dei progetti, tanto un budget che un programma con la tempificazione dei lavori. Se il programma indica le durate richieste per ogni attività, il budget indica i costi stimati per ogni parte principale del progetto, senza per forza scendere nell analisi di ogni singola attività. Infine, una volta effettuata la fase di programmazione è necessario attivare dei meccanismi di controllo sul rispetto dei tempi, dei costi e delle caratteristiche qualitative del progetto. L obiettivo è quello di evidenziare le responsabilità al fine di promuovere interventi di aggiustamento o ridefinire la programmazione della altre fasi del progetto. 18

19 Nel processo di controllo le informazioni sui costi effettivi e sui temi effettivamente impiegati e sulle caratteristiche qualitative del risultato sono confrontate con le stime effettuate in fase di pianificazione. Il confronto può essere fatto ogni volta che venga raggiunto un certo punto di maturazione del progetto oppure può essere effettuato a predeterminati intervalli di tempo, come la settimana o il mese. Sostanzialmente l attività di controllo deve consentire di rispondere alle seguenti domande: Il progetto sarà completato entro la data prestabilita? Il progetto avrà le caratteristiche tecniche e qualitative previste in fase di approvazione? Il lavoro sarà completato entro i costi previsti? Approfondimenti possibili La nozione di costo, lo strumento del budget, il meccanismo di feed-back nel controllo di gestione, il concetto di responsabilizzazione economica 19

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona PRINCIPI PROJECT MANAGEMENT PRINCIPI DI PROJECT MANAGEMENT Elisabetta Simeoni 1), Giovanni Serpelloni 2) 1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS

Dettagli

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO Giovanni Serpelloni 1), Elisabetta Simeoni 2) 1. Centro

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

LAVORARE PER PROGETTI

LAVORARE PER PROGETTI LAVORARE PER PROGETTI Giampaolo Calori e Nicoletta Perego Eulogos Consulenti di Direzione 1. PREMESSA Ogni giorno le aziende devono confrontarsi con il mutamento continuo dell ambiente interno ed esterno

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 2 Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO Modulo 2 Dall Idea al Progetto 2

Dettagli

Introduzione al Project Management. AIPA Area Monitoraggio e Verifiche

Introduzione al Project Management. AIPA Area Monitoraggio e Verifiche Introduzione al Project Management AIPA Area Monitoraggio e Verifiche Contenuti del corso Impostazione del progetto; Pianificazione delle attività, risorse e costi; Coordinamento e controllo durante le

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

LA PROGETTAZIONE AZIENDALE

LA PROGETTAZIONE AZIENDALE Riassunti del testo di H. Mintzberg, La progettazione dell'organizzazione aziendale A cura di Francesco Lo Piparo SDC LA PROGETTAZIONE AZIENDALE CAPITOLO PRIMO: gli elementi di base della progettazione

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

Earned Value e monitoring del progetto

Earned Value e monitoring del progetto IT Project Management Lezione 8 Earned Value Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Aspetti economico-finanziari (1) Costi C Fine progetto T Tempo La curva a S è chiamata baseline dei costi risultato dell aggregazione

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

Cap.1 - L impresa come sistema

Cap.1 - L impresa come sistema Cap.1 - L impresa come sistema Indice: L impresa come sistema dinamico L impresa come sistema complesso e gerarchico La progettazione del sistema impresa Modelli organizzativi per la gestione Proprietà

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Università degli Studi di Parma Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica DISPENSE INTRODUTTIVE INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Prof. Giulio Destri

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/ Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive https://nonconf.unife.it/ Registrazione della Non Conformità (NC) Accesso di tipo 1 Addetto Registrazione della Non Conformità

Dettagli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli Organizzazione come sistema Ambiente interno Missione strategica Sistema tecnico

Dettagli

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

Project Management PROJECT MANAGEMENT Change Formazione

Project Management PROJECT MANAGEMENT Change Formazione PROJECT MANAGEMENT Change Formazione 1 INTRODUZIONE 3 Le fasi del Project Management 3 Fattori critici di insuccesso 4 Fattori critici di successo 4 LA PIANIFICAZIONE DEL PROGETTO 5 LA PROGRAMMAZIONE DEL

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate 6.1 Metodi per lo sviluppo di nuovi prodotti (MSNP) Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate Questo capitolo presenta alcune metodologie per gestire al meglio

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO 1 INDICE LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO ---------------------------------------------------------------------------------------------1

Dettagli

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci L Autovalutazione con il Modello CAF Questa presentazione L autovalutazione e il miglioramento Il processo di autovalutazione La scelta dell approccio all autovalutazione Alcuni approfondimenti sull autovalutazione

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

Finanziamenti on line -

Finanziamenti on line - Finanziamenti on line - Manuale per la compilazione dei moduli di Gestione dei Progetti Finanziati del Sistema GEFO Rev. 02 Manuale GeFO Pagina 1 Indice 1. Introduzione... 4 1.1 Scopo e campo di applicazione...

Dettagli

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Nota introduttiva I percorsi formativi che prevedono in esito il rilascio di un certificato di qualifica professionale

Dettagli

Dr. Antonino Pusateri. D.ssa Maria Rosaria Marasà

Dr. Antonino Pusateri. D.ssa Maria Rosaria Marasà Il lavoro per obiettivi ed il sistema della performance Dr. Antonino Pusateri D.ssa Maria Rosaria Marasà Nessuno può insegnare qualcosa ad un altro uomo! Può solo aiutarlo a tirare fuori qualcosa che ha

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

GESTIONE DELLA CAPACITA

GESTIONE DELLA CAPACITA Capitolo 8 GESTIONE DELLA CAPACITA Quale dovrebbe essere la capacità di base delle operations? (p. 298 e segg.) 1 Nel gestire la capacità l approccio solitamente seguito dalle imprese consiste nel fissare

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale Lezione 3 La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi informativi Comunicazione Programmazione e controllo

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Business Process Reengineering

Business Process Reengineering Business Process Reengineering AMMISSIONE ALL'ESAME DI LAUREA Barbagallo Valerio Da Lozzo Giordano Mellini Giampiero Introduzione L'oggetto di questo lavoro riguarda la procedura di iscrizione all'esame

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO CONSIP S.p.A. APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO Manuale d uso del programma Base Informativa di Gestione (BIG), utilizzato per la raccolta delle segnalazioni ed il monitoraggio delle attività di gestione

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas.8.6.. - -.5.5 -. In questa dispensa ricordiamo la classificazione delle funzioni elementari e il dominio di esistenza delle stesse. Inoltre

Dettagli

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA Regione Siciliana Azienda Ospedaliera 17 3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA 3.3 18 Le attività da svolgere per soddisfare i requisiti relativi alla politica, obiettivi ed attività consistono nella definizione:

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Il luogo delle radici (ver. 1.0)

Il luogo delle radici (ver. 1.0) Il luogo delle radici (ver. 1.0) 1 Sia dato il sistema in retroazione riportato in Fig. 1.1. Il luogo delle radici è uno strumento mediante il quale è possibile valutare la posizione dei poli della funzione

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Fondamenti teorici Vygotskji Zona di Sviluppo Prossimale Feuerstein VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Esperienza di Apprendimento Mediato

Dettagli

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI Testo di riferimento: Analisi finanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill 2001 cap. 11 (dottor Alberto Lanzavecchia) Indice

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE. Master in Project Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE. Master in Project Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria e Automazione Master in Project Management RIORGANIZZAZIONE DEI PROGETTI PER L ULTIMO TRIMESTRE DEL 2004 CON REALIZZAZIONE

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi Project Cycle Management 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico di Federico Bussi federicobussi1@gmail.com 1 La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico Nelle pagine precedenti abbiamo

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o Gli Indicatori di Processo Come orientare un azienda al miglioramento continuo Formazione 18 Novembre 2008 UN CIRCOLO VIRTUOSO Miglioramento continuo del sistema di gestione per la qualità Clienti Gestione

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

Razionalità organizzativa e struttura

Razionalità organizzativa e struttura Un organizzazione è sempre compresa in sistemi più ampi Alcune parti dell organizzazione inevitabilmente sono interdipendenti con altre organizzazioni non subordinate e fuori dalle possibilità di controllo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

Introduzione alla gestione per processi nelle organizzazioni Piero De Risi, Università degli studi di Pisa

Introduzione alla gestione per processi nelle organizzazioni Piero De Risi, Università degli studi di Pisa Introduzione alla gestione per processi nelle organizzazioni Piero De Risi, Università degli studi di Pisa 1. I cambiamenti in atto nelle esigenze organizzative aziendali Aumentare la produttività, riuscendo

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli