Corso di «Ingegneria Economica» Sessione #9.1 «Gestione Stakeholder, Gestione Ambito e Gestione Tempi»

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di «Ingegneria Economica» Sessione #9.1 «Gestione Stakeholder, Gestione Ambito e Gestione Tempi»"

Transcript

1 Università del SALENTO - Facoltà di INGEGNERIA CdL Ingegneria Civile (Lecce) & CdL Ingegneria Industriale (Brindisi) A.A. 2014/2015 Corso di «Ingegneria Economica» Sessione #9.1 «Gestione Stakeholder, Gestione Ambito e Gestione Tempi» Dott. Alessandro MARGHERITA, PhD

2 INTEGRATION MANAGEMENT Develop Project Charter Develop Project Management Plan Direct and Manage Project Work Monitor and Control Project Work Perform Integrated Change Control Close Project or Phase TIME MANAGEMENT SCOPE MANAGEMENT Plan Schedule Management RISK MANAGEMENT Plan Scope Management Define Activities Plan Risk Management STAKEHOLDER MANAGEMENT Collect Requirements Sequence Activities COST MANAGEMENT Identify Risks HUMAN RESOURCE MANAGEMENT PROCUREM. MANAGEMENT Identify Stakeholders Define Scope Estimate Activity Resources Plan Cost Management Perform Qualitative Risk Analysis Plan HR Management QUALITY MANAGEMENT COMMUNIC. MANAGEMENT Plan Procurement Management Plan Stakeholder Management Create WBS Estimate Activity Durations Estimate Costs Perform Quantitative Risk Analysis Acquire Project Team Plan Quality Management Plan Communication Management Conduct Procurements Manage Stakeholder Engagement Validate cope Develop Schedule Determine Budget Plan Risk Responses Develop Project Team Perform Quality Assurance Manage Communication Control Procurements Control Stakeholder Engagement Control Scope Control Schedule Control Costs Control Risks Manage Project Team Control Quality Control Communication Close Procurements [Elaborazione personale da ]

3

4 Come si Descrive un Processo nel PM BoK Codice del Processo [Prima Cifra = Riferimento all Area di Gestione; Seconda Cifra = Numero Progressivo nell Area] Nome del Processo [in genere espresso come «azione»] Input = Tutti gli «oggetti» e le risorse necessari o propedeutici all esecuzione del processo Strumenti e Tecniche = Modalità, mezzi e applicazioni concrete grazie a cui il processo può essere eseguito Output = E il «risultato» del processo, ossia ciò che il processo deve «produrre» in uscita

5 DUE ELEMENTI SPESSO PRESENTI NEGLI INPUT dei PROCESSI... 1 ENTERPRISE ENVIRONMENTAL FACTORS: Conditions, not under the control of the project team, that influence, constrain or direct the project. They are inputs to most planning processes and may have a positive or negative influence on project outcomes. Factors include: Organizational culture and structure; Geographic distribution of facilities and resources; Government or industry standards (e.g. quality regulations); Infrastructure (e.g. facilities and equipment); Existing human resources (e.g. skills and knowledge); Personnel administration (e.g. staffing and retention guidelines); Company work authorization systems; Marketplace conditions; Stakeholder risk tolerances; Political climate; Organization s communications channels; Commercial databases (e.g. industry risk studies); and Project management information systems (e.g. scheduling software tool). 2 ORGANIZATIONAL PROCESS ASSETS: Any artifact, practice or knowledge of the organizations involved in the project that can be used to perform the project. They are inputs to most planning processes and may be grouped into two categories: (1) processes and procedures, and (2) corporate knowledge base. Process assets include: formal and informal plans, processes, policies, procedures and knowledge bases such as lessons learned and historical information. But also completed schedules, risk data, and earned value data.

6 Identify Stakeholders Plan Stakeholder Management Manage Stakeholder Engagement STAKEHOLDER MANAGEMENT Control Stakeholder Engagement

7 Identify Stakeholder: Sintesi

8 Identify Stakeholder: Flow Diagram

9 Identify Stakeholder: Altro (1) Gli Stakeholder di Progetto sono individui, gruppi o enti/organizzazioni attivamente coinvolti nel progetto e/o i cui interessi ed azioni possono influire sugli obiettivi e sui risultati del progetto o essere impattati dal progetto stesso. Il coinvolgimento e la corretta gestione del rapporto con gli stakeholder può fare la differenza nel successo o fallimento del progetto!! STAKEHOLDER Project Manager Cliente/Utente Performing Organization Sponsor Core Team Gruppo di Project Management Altri Soggetti DESCRIZIONE Persona responsabile della gestione del progetto Persona o organizzazione che utilizzerà il risultato del progetto Impresa coinvolta direttamente nello svolgimento del lavoro del progetto Persona o gruppo che fornisce le risorse finanziarie (o altre) necessarie al progetto Gruppo incaricato dell esecuzione del lavoro previsto dal progetto Membri del gruppo di progetto direttamente coinvolti nelle attività di Project Management Persone o gruppi che sono non direttamente collegati con l acquisto o l uso del prodotto del progetto ma che possono influire positivamente o negativamente sul corso del progetto

10 Identify Stakeholder: Altro (2) 3 Critical Activities: 1: Identify potential stakeholders and their affiliations, interests, knowledge levels, expectations, and influence levels. 2: Identify the potential impact or support each stakeholder can engender (using power/interest grid, power/ influence grid, influence/impact grid, power/urgency/legitimacy or salience model) 3: Assess how key stakeholders are likely to react in various situations

11 Plan Stakeholder Management: Sintesi Stakeholder Management Plan identifies the management strategies required to effectively engage stakeholders and includes: Desired and current engagement levels of key stakeholders; Scope and impact of change to stakeholders; Interrelationships and potential overlap between stakeholders; Stakeholder communication requirements for the current project phase; Information to be distributed to stakeholders, including language, format, content, and detail; Time frame and frequency for the distribution of required information; Method for updating and refining the stakeholder management plan.

12 Plan Stakeholder Management: Flow Diagram

13 Plan Stakeholder Mgmt: Altro (1) Analytical Techniques are used to classify the current (C) or desired (D) engagement level of each stakeholder, which can be: Unaware - Unaware of project and potential impacts Resistant - Aware of project and potential impacts and resistant to change Neutral - Aware of project yet neither supportive nor resistant Supportive - Aware of project and potential impacts and support to change Leading - Aware of project and potential impacts and actively engaged in ensuring success

14 Manage Stakeholder Engagement: Sintesi Interpersonal Skills (building trust, resolving conflict, active listening, etc.) Management Skills (facilitate consensus, influence people to support project, negotiate agreements, etc.)

15 Manage Stak. Engagement: Flow Diagram

16 Control Stakeholder Engagement: Sintesi

17 Control Stak. Engagement: Flow Diagram

18 SCOPE MANAGEMENT Plan Scope Management Collect Requirements Define Scope Create WBS SCOPE MANAGEMENT Validate cope Control Scope

19 Plan Scope Management: Sintesi Scope Management Plan: It is the major input for the Project Management Plan. It includes the processes to prepare a detailed project scope statement; to create, maintain and approve the WBS; to accept formally the project deliverables; to control how request for changes to the project scope statement will be processed. Requirements Management Plan: It describes how requirements will be analysed, documented and managed, tracked and reported; how changes to the product will be initiated, how impacts will be analysed, the authorization levels to approve these changes (configuration management).

20 Plan Scope Management: Flow Diagram

21 Collect Requirements: Sintesi

22 Collect Requirements: Flow Diagram

23 Collect Requirements: Altro (1) Requirements Traceability Matrix: Table that links product requirements from their origin to the deliverables that satisfy them. It ensures that each requirement adds business value by linking it to the project objectives. It tracks requirements throughout the project life cycle, helping to ensure that requirements approved are delivered at the end of the project. Finally, it provides a structure for managing changes to the product scope.

24 Collect Requirements: Altro (2) Group Creativity Techniques Brainstorming (without voting) Nominal group techniques (with vote) Idea/mind mapping Affinity diagram (classification into groups of a large number of ideas) Multi-criteria decision analysis (systematic analytical approach for establishing criteria to evaluate and rank many ideas) Group Decision Making Techniques Group decision making can be used to generate, classify, and prioritize product requirements. Methods for reaching decisions are for example: unanimity (e.g. through Delphi technique), majority (>50%), plurality (<50%, but the largest block in a group), dictatorship.

25 Define Scope: Sintesi Expert Judgment it is often used to analyse the information to develop the scope statement. Product Analysis For projects that a product as a deliverable, product analysis is used. It includes techniques such product breakdown, systems and requirements analysis, systems engineering, value analysis, QFD. Alternatives Generation Techniques to create different approaches to the work to be performed such as brainstorming, lateral thinking, etc. Project Scope Statement describes in detail the project s deliverables and the work required to create those deliverables. It provides a common understanding of the project scope among stakeholders. The detailed project scope statement includes Product scope description, Product acceptance criteria, Project deliverables, Project exclusions, Project constrains, Project assumptions.

26 Define Scope: Flow Diagram

27 Define Scope: Altro (1) Quality Function Deployment (QFD)

28 Create WBS: Sintesi Scope Baseline is a component of the project management plan, and includes: Project Scope Statement (description of the project scope, major deliverables, assumptions, and constraints) WBS (decomposition of the total scope of the work into WP and deliverables) WBS Dictionary (provides detailed deliverable, activity, and scheduling information about each component in the WBS; WBS dictionary includes Code of account identifier, Description of work, Assumptions and constraints, Responsible organization, Schedule milestones, Associated schedule activities, Resources required, Cost estimates, Quality requirements, Acceptance criteria, Technical references, Agreement information)

29 Create WBS: Flow Diagram

30 Create WBS: Altro (1) La WORK BREAKDOWN STRUCTURE (WBS) è un diagramma ad albero che consente di visualizzare e descrivere tutte le parti di un progetto che devono essere realizzate a diversi livelli di dettaglio e i relativi compiti e funzioni che devono essere eseguiti per realizzarle. Con la WBS si applica una tecnica di decomposizione finalizzata a dividere il lavoro complessivo in parti più piccole e facilmente gestibili. Il numero delle parti ed il livello di dettaglio dipenderà dal tipo e dalla complessità del progetto!! La WBS definisce in sostanza il prodotto/opera finale da sviluppare o da produrre e mette in relazione con il prodotto finale e fra di loro gli elementi di lavoro che sono necessari alla sua realizzazione. La WBS può articolarsi in un numero qualsiasi di livelli. Ogni elemento è perfettamente pianificabile, definito da un suo budget ed assegnabile ad un unità operativa (in termini di responsabilità). Al primo livello la WBS può essere organizzata per: struttura del prodotto La scomposizione è eseguita sulla base dei componenti o funzioni del prodotto (logica di scomposizione fisica, funzionale o spaziale). Esempio: nel caso della progettazione di una nuova automobile (o di un aereo, di un treno, etc.) si effettua una divisione per gruppi componenti; ciclo di vita del progetto La scomposizione avviene per stadi logici e/o per fasi del processo, es. può essere fatta seguendo il processo tecnico (analisi dei requisiti, disegno/progettazione, produzione, ecc.). deliverable e sottoprogetti La scomposizione è eseguita sulla base dei diversi sotto-risultati realizzativi o sottoprogetti che saranno sviluppati anche da organizzazioni esterne al team (logica di scomposizione per obiettivi).

31 Create WBS: Altro (2) Ogni elemento o macro attività (il primo livello) della WBS è chiamato Work Breakdown Element (WBE) mentre un elemento posto al livello più basso della WBS viene chiamato Work Package (WP). Il WP è quindi l unità elementare della WBS ed è composto da un insieme di attività connesse per caratteristiche tecnologiche, vincoli ed obiettivi. Per ogni WP sono univocamente definiti vincoli misurabili di tempo, costo, qualità e disponibilità di risorse, al fine di consentire il controllo. Ad ogni WP viene associata una Work Package Description (WPD) con responsabilità ed obiettivi, budget, tempi ed interazioni con altri WP. Regola del 100% la WBS deve includere il 100% del lavoro definito dal progetto e delle attività necessarie alla completa realizzazione. La regola si applica a tutti i livelli della gerarchia: la somma del lavoro dei livelli figli deve essere uguale al 100% del lavoro rappresentato dal loro padre e la WBS non dovrebbe includere alcun lavoro al di fuori dai limiti del progetto (ovvero non può includere più del 100% del lavoro!). La regola del 100% si applica anche al livello di attività, ossia il lavoro rappresentato dalle attività in ciascun pacchetto di lavoro (WP) devono dare, sommate, il 100% del lavoro necessario per completare il pacchetto stesso.

32 Create WBS: Altro (3) Se gli elementi della WBS vengono definiti in termini di risultati, si avrà un PROJECT o PRODUCT BREAKDOWN STRUCTURE (PBS). Il progetto/prodotto viene quindi gradualmente scomposto nei suoi sottosistemi e componenti di dettaglio. La PBS è quindi l articolazione in componenti (ossia il Cosa WHAT) del prodotto da realizzare, che completa l informazione fornita dal WBS (il Come - HOW) e dalla OBS ( Chi HOW) MOUNTAIN BIKE Ruote Trasmissione Telaio Freni Mozzi, cerchioni e raggi, pneumatici e camere d aria Ruote dentate e catena, deragliatore e cambio, pedali Forcella e struttura tubolare Ganasce, leve e tiranti

33 Create WBS: Altro (4) Oltre alla WORK BREAKDOWN STRUCTURE (WBS), altri alberi di scomposizione sono ORGANIZATION BREAKDOWN STRUCTURE (OBS) Articolazione del progetto nelle sue unità organizzative, RISK BREAKDOWN STRUCTURE Scomposizione rischi che gravano sull esecuzione, STANDARD BREAKDOWN STRUCTURE Scomposizione standard applicati/necessari al progetto, CONTRACTOR BREAKDOWN STRUCTURE Scomposizione soggetti esterni assegnatari di parti di progetto, RBS (vedi sotto), ABS (vedi sotto) e CBS (vedi sotto). Resource Breakdown Structure (RBS) Scomposizione del Progetto nelle diverse risorse (es. umane, tecniche, informative) necessarie all esecuzione delle attività Activity Breakdown Structure (ABS) Scomposizione del Progetto nelle diverse attività necessarie all esecuzione dei diversi WBE Costo Totale del Progetto Costi Concept Costo per DESIGN Costi Design funzionale Costo per SVILUPPO Costi analisi CAE Costo per LANCIO Costi MARKETING Cost Breakdown Structure (CBS) Scomposizione del Progetto nelle diverse voci di costo da sostenere per la realizzazione

34 Validate Scope: Sintesi Inspection includes activities such as measuring, examining, and verifying to determine whether work and deliverables meet requirements and product acceptance criteria. Depending on the context, inspections can be called Reviews, Audit or Walkthroughs

35 Validate Scope: Flow Diagram

36 Control Scope: Sintesi Variance Analysis: Project performance measurements are used to assess the variation from the scope baseline. Scope control include determining the cause and degree of variance relative to the scope baseline and deciding whether corrective or preventive action is required.

37 Control Scope: Flow Diagram

38 TIME MANAGEMENT Plan Schedule Management Define Activities Sequence Activities Estimate Activity Resources TIME MANAGEMENT Estimate Activity Durations Develop Schedule Control Schedule

39 Plan Schedule Management: Sintesi Schedule Management Plan is a component of the project management plan. It can be formal or informal, highly detailed or broad. The plan defines how schedule contingencies will be reported and assessed and it can establish: Schedule model development and maintenance (methodology and tool) Level of accuracy and units of measure Organizational procedures links Control thresholds Rules of performance measurement (control accounts, SPI, CPI, etc.)

40 Plan Schedule Management: Flow Diagram

41 Define Activities: Sintesi Decomposition is a technique through which subdividing the project WPs into smaller and more manageable part Rolling Wave Planning is a form of progressive elaboration of the work to be done (in the near term, it is defined in detail whereas the future work is defined at a higher level of the WBS). Activity List includes the activity identifier and the detailed description of the work to do. Activity Attributes extend the activity list by adding further information such as predecessor, successor, leads and lags, resource requirements, constraints, the responsible person, the level of effort (LOE), the place where the work has to be done, etc. Milestone is a significant point or event in the project. It can be mandatory or optional. Milestones are similar to regular schedule activities, with the same structure and attributes, but they have zero duration because milestones represent a moment in time.

42 Define Activities: Flow Diagram

43 Sequence Activities: Sintesi

44 Sequence Activities: Flow Diagram

45 Sequence Activities: Altro (1) Precedence Diagramming Method (PDM) is a method used to build a project schedule network in which activities are represented by nodes and are graphically linked by one or more logical relationships to show the sequence in which the activities are to be performed. PDM includes 4 types of dependencies: Finish-to-Start (FS) Finish-to-Finish (FF) Start-to-Start (SS) Start-to-Finish (SF) A lead is the amount of time whereby a successor activity can be advanced with respect to a predecessor activity A lag is the amount of time whereby a successor activity will be delayed with respect to a predecessor activity

46 Estimate Activity Resources: Sintesi Resource Breakdown Structure (RBS) is a hierarchical representation of resources organized by categories (labor, material, equipment, ) and types (skill level, grade level, ).

47 Estimate Activity Resources: Flow Diagram

48 Estimate Activity Resources: Altro (1) Alternative Analysis using various levels of resource capability or skills, different size or type of machines, different tools (hand versus automated), and make-rentor-buy decisions regarding the resource Published Estimating Data (Several organizations routinely publish updated production rates and unit costs of resources for an extensive array of labor trades, material, and equipment for different countries and geographical locations within countries) Bottom-Up Estimating that is a method of estimating project duration or cost by aggregating the estimates of the lower-level components of the WBS Project Management Software has the capability to help plan, organize, and manage resource pools and develop resource estimates; depending on the sophistication of the software, resource breakdown structures, resource availability, resource rates, and various resource calendars can be defined to assist in optimizing resource utilization.

49 Estimate Activity Duration: Sintesi Activity Duration Estimates are quantitative assessments of the likely number of time periods that are required to complete an activity. They may include indication of the range of possible results (e.g. 2 weeks ± 2 days, 15 % probability of exceeding three weeks)

50 Estimate Activity Duration: Flow Diagram

51 Estimate Activity Duration: Altro (1) Analogous Estimating uses several parameters of previous projects (duration, budget, size, complexity, ) as the basis for estimating the same parameters for future projects. It is frequently used when there is a limited amount of information, and mainly in the early phases of a project. Parametric Estimating uses a statistical relationship between historical data and other variables (e.g. square meters in painting, linear meters in cabling) to estimate activity s cost, budget or duration. Three-Point Estimating, by considering uncertainty and risk: Beta Distribution t E : Expected time t O : Optimistic time (best-case scenario) t M : Most likely time t P : Pessimistic time (worst-case scenario) Contingency Reserves are the estimated duration within the schedule baseline, which is allocated for identified risks that are accepted and for which contingent or mitigation responses are developed; Management Reserves are a specified amount of the project duration withheld for management control purposes and are reserved for unforeseen work that is within scope of the project;

52 Develop Schedule: Sintesi

53 Develop Schedule: Flow Diagram

54 Develop Schedule: Altro (1) Henry Laurence Gantt ( ) è stato un ingegnere meccanico e consulente di management statunitense. Nel 1917 ideò il DIAGRAMMA di GANTT che è divenuto uno dei principali strumenti di supporto alla gestione dei progetti. Arco temporale del progetto Il Diagramma di GANTT (o più semplicemente il GANTT) è un grafico composto da BARRE ORIZZONTALI di lunghezza variabile che rappresentano le sequenze, la durata e l'arco temporale di ogni singola attività del progetto. Queste barre possono sovrapporsi durante il medesimo arco temporale ad indicare la possibilità dello svolgimento in PARALLELO di alcune delle attività. Elenco attività di progetto (derivate dalla WBS)

55 Il Diagramma di Gantt (3) Develop Schedule: Altro (2) La costruzione del diagramma di GANTT consente di: 1. Determinare tutte le attività necessarie per il raggiungimento degli obiettivi (WBS) 2. Stabilire il limite temporale finale del progetto 3. Disegnare sul grafico il limite temporale (durata) previsto per ciascuna attività 4. Indicare eventuali milestone o date chiave e deliverable 5. Verificare il tempo effettivamente impiegato per ciascuna attività DELIVERABLE Risultato univoco e verificabile del progetto che deve essere realizzato per portare a termine un attività, una fase o il progetto stesso (es. un report, un applicazione software, una componente del prodotto). MILESTONE Evento/momento decisivo e snodo cruciale del progetto, rappresentando un punto intermedio di controllo o una realizzazione significativa del progetto (es. firma contratto, consegna prototipo).

56 Develop Schedule: Altro (3) Esempio di Network Logic Diagram per un Progetto di Ricerca

57 Develop Schedule: Altro (4) GANTT e NETWORK LOGIC DIAGRAM sono importanti strumenti per lo scheduling delle attività di progetto ma non rispondono a domande del tipo: 1) perché abbiamo collocato una attività in un certo istante? 2) Ci sono vincoli di dipendenza logica tra le attività? 3) Se cambia la durata o la data di partenza di una attività, cosa succede alle altre? Per questo, sono state introdotte nel Project Management le tecniche reticolari, che mostrano le attività e le loro precedenze (dipendenze logiche) utilizzando nodi e frecce. Un reticolo è costituito da attività (nodi) e vincoli di precedenza (archi o frecce). Il reticolo è un grafo (insieme di nodi e linee) connesso (cioè senza nodi isolati), orientato (le linee sono frecce) e senza circuiti (senza la possibilità di ripercorrere un nodo). Le tecniche reticolari consentono di valutare la durata totale del progetto e le date di raggiungimento di situazioni particolarmente indicative per l avanzamento dello stesso. Tre elementi di base nelle tecniche reticolari: ATTIVITÀ = caratterizzate da durata e da risorse impegnate; EVENTI = attività istantanee che segnalano l inizio e/o la fine di una o più attività; PRECEDENZE = indicano i vincoli di successione dovuti a dipendenza logica o ad opportunità.

58 Develop Schedule: Altro (5) Le tecniche reticolari si basano su tre dati fondamentali: 1) attività desunte dalla WBS; 2) loro durata; 3) vincoli di precedenza tra le attività. Le tecniche consentono: Scheduling delle attività, cioè definire per ciascuna la sua data di inizio e di fine, e conseguentemente la durata totale di progetto; Analisi dei ritardi (o slittamenti) di progetto senza per questo determinare un allungamento della durata complessiva del progetto, che si traduce nell individuazione delle attività critiche dal punto di vista temporale (ovvero il cui ritardo determina il ritardo dell intero progetto). La durata ed i vincoli di precedenza tra le attività possono essere deterministiche (cioè certe) oppure probabilistiche (ossia stimate con un certo grado di probabilità). Da questa distinzione deriva l esistenza di due diverse famiglie di tecniche reticolari: 1. CPM (Critical Path Method): le precedenze delle attività sono di tipo inizio-fine (l inizio dell attività successiva è collegato come vincolo con la fine dell attività precedente). 2. PERT (Program Evaluation and Review Tecnique): è un CPM avente la durata espressa in chiave probabilistica.

59 Develop Schedule: Altro (6) Critical Path Method (CPM) calculates the theoretical early start (ES) and early finish (EF) dates, late start (LS) and late finish (LF) dates, for all the activities, without considering any resource limitations, by performing a forward pass analysis and a backward pass analysis through the schedule network. Critical Path (CP) is that path that requires more time; every delay in the execution of the activities situated on the CP generates a delay in the project completion!

60 Control Schedule: Sintesi Performance Reviews measure, compare, and analyze schedule performance such as actual start and finish dates, percent complete, and remaining duration for work in progress. They include Trend Analysis, Critical Path Method, Critical Chain Method, EVM - Earned Value Management

61 Control Schedule: Flow Diagram

62 Laboratorio DARWIN Incubatore Euro-Mediterraneo (Edificio IBIL) Campus Ecotekne, Via Monteroni sn Lecce Non siamo studiosi di specifiche materie, bensì di problemi e i problemi travalicano i confini di qualsiasi materia o disciplina [Karl L. Popper]

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona PRINCIPI PROJECT MANAGEMENT PRINCIPI DI PROJECT MANAGEMENT Elisabetta Simeoni 1), Giovanni Serpelloni 2) 1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS

Dettagli

Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools

Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools Agenda Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools Section II - The Data Representation Problem and the construction of the Model Section III - Data Analysis

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP www.formazione.ilsole24ore.com PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP ROMA, DAL 19 NOVEMBRE 2012-1 a edizione MASTER DI SPECIALIZZAZIONE In collaborazione con: PER PROFESSIONISTI

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Introduzione al Project Management. AIPA Area Monitoraggio e Verifiche

Introduzione al Project Management. AIPA Area Monitoraggio e Verifiche Introduzione al Project Management AIPA Area Monitoraggio e Verifiche Contenuti del corso Impostazione del progetto; Pianificazione delle attività, risorse e costi; Coordinamento e controllo durante le

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

The Verification Process in the ASTRI Project: the Verification Control Document (VCD)

The Verification Process in the ASTRI Project: the Verification Control Document (VCD) The Verification Process in the ASTRI Project: the Verification Control Document (VCD) L. Stringhetti INAF-IASF Milano on behalf of the ASTRI Collaboration 1 1 Summary The ASTRI/CTA project The ASTRI Verification

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT Executive Master in Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT OBIETTIVI Il Master ha l obiettivo di formare executive e professional nella governance dei progetti e dei servizi IT, integrando quelle

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

Glossario e abbreviazioni ITIL. Italiano

Glossario e abbreviazioni ITIL. Italiano Glossario ITIL Italiano, v1.0, 30 settembre 2011 Basato sul glossario Inglese v1.0, 29 luglio 2011 Glossario e abbreviazioni ITIL Italiano Questo glossario può essere liberamente scaricato. Vedere www.itil-officialsite.com/internationalactivities/translatedglossaries.aspx

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Earned Value e monitoring del progetto

Earned Value e monitoring del progetto IT Project Management Lezione 8 Earned Value Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Aspetti economico-finanziari (1) Costi C Fine progetto T Tempo La curva a S è chiamata baseline dei costi risultato dell aggregazione

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Università degli Studi di Parma Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica DISPENSE INTRODUTTIVE INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Prof. Giulio Destri

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso UMB Power Day 15-11-2012 Lugano-Paradiso Mission Competenza e flessibilità al fianco delle imprese che necessitano di esperienza nel gestire il cambiamento. Soluzioni specifiche, studiate per migliorare

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT Lo standard internazionale di PM per gestire l innovazione nei prodotti e nei servizi, le commesse, i progetti di miglioramento

PROJECT MANAGEMENT Lo standard internazionale di PM per gestire l innovazione nei prodotti e nei servizi, le commesse, i progetti di miglioramento LA GUIDA DEL SOLE 24 ORE AL PROJECT MANAGEMENT Lo standard internazionale di PM per gestire l innovazione nei prodotti e nei servizi, le commesse, i progetti di miglioramento Stefano Tonchia e Fabio Nonino

Dettagli

L analisi del rischio: il modello statunitense

L analisi del rischio: il modello statunitense L analisi del rischio: il modello statunitense La sicurezza nelle agenzie federali USA La gestione della sicurezza in una Nazione deve affrontare ulteriori problemi rispetto a quella tipica di una Azienda.

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

Lo Standard EUCIP e le competenze per la Business Intelligence

Lo Standard EUCIP e le competenze per la Business Intelligence Lo Stard UCIP e le competenze per la Business Intelligence Competenze per l innovazione digitale Roberto Ferreri r.ferreri@aicanet.it Genova, 20 maggio 2008 0 AICA per lo sviluppo delle competenze digitali

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

DEFINIZIONI 1. 1 Queste definizioni sono di necessità sintetiche e quindi non necessariamente molto precise. Si

DEFINIZIONI 1. 1 Queste definizioni sono di necessità sintetiche e quindi non necessariamente molto precise. Si DEFINIZIONI 1 5W+1H Regola delle cinque domande che iniziano con W ed una che inizia con H (in inglese): What, When, Where, Why, Who and How. La regola fu introdotta seguendo una famosa novella di Rudyard

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

PROGETTAZIONE EUROPEA:

PROGETTAZIONE EUROPEA: PROGETTAZIONE EUROPEA: SUGGERIMENTI PER LA STESURA DI PROGETTI DI RICERCA EUROPEI A cura di: Dott.ssa Federica Fasolato Divisione Ricerca Sezione Internazionale e Nazionale ricerca@unive.it Per ulteriori

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm 2011 IBM Corporation Cosa si intende per Cloud Computing Cloud è un nuovo modo di utilizzare e di distribuire i servizi IT,

Dettagli

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO Giovanni Serpelloni 1), Elisabetta Simeoni 2) 1. Centro

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

GoBus: Progettazione e Sviluppo di un App a Supporto della Mobilità

GoBus: Progettazione e Sviluppo di un App a Supporto della Mobilità GoBus: Progettazione e Sviluppo di un App a Supporto della Mobilità Gemma Catolino, Elisa D Eugenio, Davide De Chiara, Alessandro Longo Dipartimento di Studi e Ricerche Aziendali - Management & Information

Dettagli

Sistemi di Asset Management per la gestione delle Facilities: il caso Ariete Soc. Coop.

Sistemi di Asset Management per la gestione delle Facilities: il caso Ariete Soc. Coop. Sistemi di Asset Management per la gestione delle Facilities: il caso Ariete Soc. Coop. Sottotitolo : Soluzioni di Asset Management al servizio delle attività di Facility Management Avanzato Ing. Sandro

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

Process automation Grazie a oltre trent anni di presenza nel settore e all esperienza maturata in ambito nazionale e internazionale, Elsag Datamat ha acquisito un profondo know-how dei processi industriali,

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema Res User Meeting 2014 con la partecipazione di Scriviamo insieme il futuro Paolo Ferrandi Responsabile Tecnico Research for Enterprise Systems Federico Bonelli Engineer Process mining & Optimization Un

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Agata Landi Convegno ANIMP 11 Aprile 2014 IL GRUPPO ALSTOM Project management in IS&T L esperienza Alstom 11/4/2014 P 2 Il gruppo Alstom Alstom Thermal

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

L Asset management e certificazione del personale di manutenzione: come la manutenzione sta cambiando

L Asset management e certificazione del personale di manutenzione: come la manutenzione sta cambiando Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la serie di Newsletter legate agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce all Asset Management e alla certificazione

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

IQNet SR 10. Sistemi di gestione per la responsabilità sociale. Requisiti. IQNet SR 10. Social responsibility management systems.

IQNet SR 10. Sistemi di gestione per la responsabilità sociale. Requisiti. IQNet SR 10. Social responsibility management systems. IQNet SR 10 Sistemi di gestione per la responsabilità sociale Requisiti IQNet SR 10 Social responsibility management systems Requirements IQNet SR 10 Social responsibility management systems Requirements

Dettagli

L organizzazione di un Project Management Office (PMO) innovativo per la gestione del valore dell azienda. a cura di. Ing. Michele Maritato, PMP

L organizzazione di un Project Management Office (PMO) innovativo per la gestione del valore dell azienda. a cura di. Ing. Michele Maritato, PMP L organizzazione di un Project Management Office (PMO) innovativo per la gestione del valore dell azienda a cura di Ing. Michele Maritato, PMP Il presente documento è stato redatto dall ing. Michele Maritato

Dettagli

Business Process Engineering (Ingegneria dei Processi Aziendali) L esperienza Engineering

Business Process Engineering (Ingegneria dei Processi Aziendali) L esperienza Engineering Business Process Engineering (Ingegneria dei Processi Aziendali) L esperienza Engineering Crema 14 dicembre 2010 Sergio Oltolina Senior Technical Manager Architetture e Consulenza Direzione Centrale Ricerca

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Best practice per il Service Mgmt

Best practice per il Service Mgmt Best practice per il Service Mgmt IBM e il nuovo ITIL v3 Claudio Valant IT Strategy & Architecture Consultant IBM Global Technology Services IBM Governance and Risk Agenda Introduzione ad ITIL V3 Il ruolo

Dettagli

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS La domanda di partecipazione deve essere compilata e

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Service & Process Corel X5

Service & Process Corel X5 L A B Rollwasch mette a disposizione dei potenziali clienti, un test preliminare di finitura gratuito. Rollwasch offers to potential customers, a preliminary test of finish, free of charge. Calcolare la

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Il Data Quality, un problema di Business!

Il Data Quality, un problema di Business! Knowledge Intelligence: metodologia, modelli gestionali e strumenti tecnologici per la governance e lo sviluppo del business Il Data Quality, un problema di Business! Pietro Berrettoni, IT Manager Acraf

Dettagli

Ricognizione di alcune Best Practice

Ricognizione di alcune Best Practice Linee guida sulla qualità dei beni e dei servizi ICT per la definizione ed il governo dei contratti della Pubblica Amministrazione Manuale di riferimento Ricognizione di alcune Best Practice applicabili

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

La Business Intelligence

La Business Intelligence Parte 1 La Business Intelligence Capitolo 1 Cos è la Business Intelligence 1.1 Il sistema informativo aziendale Sempre la pratica dev essere edificata sopra la buona teorica. Leonardo da Vinci Le attività,

Dettagli

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Istituto sistemi informativi e networking Specialista ITIL Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Politecnico di Milano Scuola Master Fratelli Pesenti CONSTRUCTION INNOVATION SUSTAINABILITY ENGINEERING

Politecnico di Milano Scuola Master Fratelli Pesenti CONSTRUCTION INNOVATION SUSTAINABILITY ENGINEERING Innovazione nei contenuti e nelle modalità della formazione: il BIM per l integrazione dei diversi aspetti progettuali e oltre gli aspetti manageriali, gestionali, progettuali e costruttivi con strumento

Dettagli

CISITA. Executive TOOLS PARMA IMPRESE. sviluppo risorse per l azienda STRUMENTI AVANZATI PER LO SVILUPPO MANAGERIALE 17 OTTOBRE 28 NOVEMBRE 2014

CISITA. Executive TOOLS PARMA IMPRESE. sviluppo risorse per l azienda STRUMENTI AVANZATI PER LO SVILUPPO MANAGERIALE 17 OTTOBRE 28 NOVEMBRE 2014 sviluppo risorse per l azienda CISITA PARMA IMPRESE Executive TOOLS STRUMENTI AVANZATI PER LO SVILUPPO MANAGERIALE 17 OTTOBRE 28 NOVEMBRE 2014 IN COLLABORAZIONE CON Executive TOOLS Executive Tools - Strumenti

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Introduzione a ITIL v3 Le metriche in ITIL. ing. Andrea Praitano Service & Security Consultant

Introduzione a ITIL v3 Le metriche in ITIL. ing. Andrea Praitano Service & Security Consultant Introduzione a ITIL v3 Le metriche in ITIL ing. Andrea Praitano Service & Security Consultant 2 Introduzione - Andrea Praitano Struttura di consulenza di Business-e; Membro del Consiglio Direttivo di itsmf

Dettagli

E INNOVAZIONE EFFICIENZA AND INNOVATION EFFICIENCY PER CRESCERE IN EDEFFICACIA TO GROW IN AND EFFECTIVENESS

E INNOVAZIONE EFFICIENZA AND INNOVATION EFFICIENCY PER CRESCERE IN EDEFFICACIA TO GROW IN AND EFFECTIVENESS Una società certificata di qualità UNI EN ISO 9001-2000 per: Progettazione ed erogazione di servizi di consulenza per l accesso ai programmi di finanziamento europei, nazionali e regionali. FIT Consulting

Dettagli