NEW NEW NEW NEW NEW NEW NEW NEW NEW NEW NEW NEW NEW NEW NEW NEW

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NEW NEW NEW NEW NEW NEW NEW NEW NEW NEW NEW NEW NEW NEW NEW NEW"

Transcript

1 Corsi 2015

2

3 Indice Corsi 2015 Motivazione personale e crescita Motivazione in cambiamento e cambiare la motivazione pag.03 Tensione al risultato pag. 04 Autosviluppo: un attitudine comportamentale pag. 06 Sviluppare il proprio carisma pag. 07 Skill for manager I nuovi manager: dalla leadership alla delega pag. 09 La Primal Leadership pag. 10 Dalla leadership al coaching pag. 11 Mentoring: affiancare per stimolare e crescere pag. 12 Mentor coaching pag. 13 Discovery Coaching pag. 15 Manager in action NEW pag. 16 Prime line skill improvement NEW pag. 17 Il potere della strategia NEW pag. 19 crescere nelle competenze Le nuove vie della comunicazione pag. 23 Team communication skill. Comunicazione organizzativa pag. 25 Team building pag. 26 Discutere? Sì grazie, ma bene pag. 27 Negoziazione con l esterno pag. 28 Gestione delle complessità in azienda pag. 29 Formare i formatori pag. 30 Il tempo: questo sconosciuto NEW pag. 31 Problem solving con creatività pag. 32 Project management di successo pag. 33 Finanza e controllo per non addetti ai lavori pag. 35 Standing presentation e public speaking NEW pag. 36 Preparare presentazioni efficaci NEW pag. 38 Corso gestione delle riunioni NEW pag. 39 Costruire e organizzare la direzione vendite Costruire e organizzare la direzione vendite pag. 41 Contenuti del percorso formativo pag. 42 Booking sales skill NEW pag. 44 Sales skill coaching NEW pag. 45 Formazione per il retail Costruire ed organizzare la direzione vendite pag. 47 La trattativa nel punto vendita: tra carisma e tecnica pag. 48 Da area manager a sales coach NEW pag. 50 Da store manager a store coach NEW pag. 52 Formazione per formatori dei retail store NEW pag. 53 Selezionare gli addetti vendita di talento NEW pag. 54 Nell ottica della vendita 1: prima formazione per addetti alla vendita NEW pag. 55 Nell ottica della vendita 2: addetto alla vendita smart NEW pag. 56 Nell ottica della vendita 3: addetto alla vendita, primo formatore sul campo NEW pag. 57

4 Motivazione personale e crescita

5 Motivazione in cambiamento e cambiare la motivazione Questo modulo apre la strada alla riscoperta della propria motivazione al lavoro, laddove le oggettive difficoltà di mercato, unite ad aspetti di autostima e di motivazione interna, mettono in forte discussione le proprie convinzioni e le proprie sicurezze. Ritrovare la propria spinta, le proprie energie di un periodo più facile aiuta moltissimo le persone a stare ancora bene nell ambiente di lavoro che, sappiamo tutti, è quello che ci vede coinvolti per gran parte della nostra giornata. Inutile dire che la nostra motivazione è messa a dura prova da una quotidianità che spesso ci va stretta, così come da relazioni non sempre serene con capi, collaboratori e colleghi. Cambiamenti frequenti, importanti e, a volte, mal comunicati. Certo con questo corso non si risolveranno i problemi di tutti i partecipanti, ma verranno forniti loro gli strumenti per affrontare le difficoltà in modo nuovo e con rinnovate energie, e, perché no, se serve, anche a prendere decisioni con nuovo coraggio e determinazione. Il corso si rivolge a tutti, ma sicuramente con priorità a coloro che per vissuto aziendale si trovano in un momento di passaggio, di ripensamento, di difficoltà ad accettare il cambiamento. contenuti Cambiare perché? Lei non sa chi sono io!!, ma forse nemmeno io Cambio io o cambia il contesto Cambiare non è una destinazione ma un viaggio I contesti socio economici che cambiano Perché ci viene chiesto di cambiare? Il desiderio di cambiare La scala dei livelli logici personale ed aziendale Mission Identità Valori Abilità Comportamenti Ambiente La motivazione Che cos è? Bisogno e desiderio: distinzione, riconoscimento e priorità Fattori esogeni e fattori endogeni nella motivazione Le mie motivazioni al lavoro Il locus of control La motivazione secondo Kheira L autostima Le TQP : total quality people Applicazione pratica Test continui che permetteranno ai partecipanti di comprendere il proprio livello motivazionale e le proprie spinte al lavoro. 3

6 Tensione al risultato Nella prima parte del modulo si lavorerà per rinforzare la consapevolezza della propria capacità di raggiungere ogni risultato desiderato, e per rinforzare le competenze di pianificazione e organizzazione della propria attività quotidiana, attraverso la consapevolezza delle proprie capacità e l uso di strumenti semplici ma efficaci. Si procederà poi ad aiutare i partecipanti nella definizione concreta, efficace e condivisa, dell obiettivo da raggiungere, a volte anche con la gestione di risorse umane assegnate. Affineremo il problem solving, allenando il cervello all utilizzo della creatività nell affrontare i problemi anche fuori dagli schemi tradizionali, laddove le modalità usuali non si rivelino più efficaci. Definiremo con chiarezza il piano d azione che porterà al raggiungimento degli obiettivi. contenuti della prima giornata Tensione al risultato Potenziale o talento? Risorse e capacità: come riconoscerle, usarle e potenziarle Le convinzioni: paradigmi bloccanti allo sviluppo Locus of control dell individuo: io dove sono? La zona di comfort: una poltrona troppo comoda Porsi obiettivi nella zona di stretching Brain training: allenare il cervello a sforzi fuori dall ordinario per trovare soluzioni creative Il mio ruolo in un team: quale contributo potrei dare? Applicazioni pratiche Raccolta delle proprie risorse Autodiagnosi Allenarsi ad uscire dalla zona di comfort Esercitazioni di allenamento alla creatività nei problemi anche quotidiani e di routine Compiti a casa Assegnazione di un obiettivo di auto miglioramento da applicare quotidianamente fino all incontro successivo. contenuti della Seconda giornata ed azioni GROW: un modello per darsi obiettivi ambiziosi, raggiungibili e monitorarli nel tempo Il concetto di obiettivo ben formato L analisi della realtà rispetto all obiettivo: l as is L analisi delle risorse a disposizione La ricerca di risorse nuove e/o esterne Le opzioni di azioni da mettere in atto Il piano d azione: WILL & TIME L ambiente di sostegno: l organizzazione del mio lavoro e di quello degli altri La tecnica di porsi delle domande che fanno raggiungere i risultati Il monitoraggio del work in progress 4

7 Applicazioni pratiche Allenarsi a costruire un obiettivo ben formato Sviluppi pratici del modello GROW Definizione di un obiettivo reale e pianificazione pratica dell attività COntenuti della terza giornata (anche consecutiva alla seconda) Il ritmo giusto Innovativa giornata di formazione dedicata allo sviluppo di una competenza spesso trascurata: la voce. Con il contributo di un professionista del canto e membro di un team di successo, si aiuteranno i partecipanti a scoprire nuove importanti risorse, dimenticate nel cassetto di chissà quale armadio. Il gruppo dovrà imparare a gestire la propria vocalità senza eccedenze, ma anche senza rinunciare al proprio contributo. Sarà sviluppato l uso della voce come massima espressività di se stessi. Contributo tecnico: le competenze alla base di tutto Contributo del leader: confidare nel proprio responsabile come punto di riferimento organizzativo e personale Contributo del follower: credere nel valore dei propri collaboratori per il raggiungimento dei propri obiettivi e di quelli di team Grande metafora, quindi, in cui la vita aziendale prende una forma diversa attraverso un punto di vista nuovo. Durata 3 giornate, di cui la seconda dopo una settimana dalla prima e la terza consecutiva alla seconda. Non è necessario avere un talento, in questo caso vocale, e spesso ci si limita nelle proprie performance nella convinzione di non essere capace di Argomenti trattati con un intensità e vitalità nuova, nonché attraverso uno strumento inusuale e che sorprenderà piacevolmente i partecipanti: Contributo ritmico: il ritmo come il tempo scandito dall organizzazione Contributo sonoro: l ascolto attento dei feedback per imparare a capitalizzarli Contributo artistico: la creatività nel vedere i problemi come opportunità e nel risolverli in modo nuovo 5

8 Autosviluppo: un attitudine comportamentale Rinforzare e sostenere la consapevolezza dei partecipanti in merito alle proprie risorse, al fine di poterle capitalizzare e svilupparle al meglio nella propria quotidianità. Superare i blocchi personali che frenano la propria crescita e che creano una sorta di muro al proprio sviluppo, facendo vedere unicamente le aree di miglioramento e non quelle di forza che si possiedono. Grazie a questa consapevolezza il salto verso il desiderio di performance eccellenti è breve, perché sostenuto da solida autostima e fiducia nei propri mezzi e nell ambiente circostante. La lucidità e serenità data dalla consapevolezza acquisita permette di affrontare i problemi con un nuovo vigore e con nuove abilità creative. contenuti Conoscenza e consapevolezza del sé: costruire la mappa di me stesso Accettazione del sé: una fotografia che mi piace I propri criteri guida: i valori Potenziale o talento? Risorse e capacità: come riconoscerle, usarle e potenziarle Le convinzioni: paradigmi bloccanti allo sviluppo Locus of control dell individuo: io dove sono? La zona di comfort: una poltrona troppo comoda Vision, mission e obiettivi della mia vita. Porsi obiettivi nella zona di stretching. Il circolo del feedaback: strumento unico e potente per migliorare e consolidare lo stretching Consolidamento e crescita Il circolo virtuoso dell eccellenza: come entrarci e non uscirne GROW: un modello per darsi obiettivi ambiziosi, raggiungibili e monitorarli nel tempo La tecnica di porsi delle domande che fanno raggiungere i risultati Le risorse dei colleghi: rispetto ed emulazione Applicazioni pratiche Attività ed esercitazioni per (ri)scoprire se stessi, per consapevolezza del sé Raccolta delle proprie risorse Autodiagnosi Allenarsi ad uscire dalla zona di comfort Allenarsi a dare, cercare ed utilizzare feedback Esercitazioni di allenamento alla creatività nei problemi anche quotidiani e di routine Sviluppo pratico del modello GROW Durata 2 giornate, preferibilmente ad una distanza di una settimana l una dall altra. 6

9 Sviluppare il proprio carisma Il corso è rivolto a coloro che rivestono funzioni di coordinamento e gestione di Risorse Umane e/o che partecipano a processi decisionali importanti per l azienda, in cui può essere importante la capacità di influenzare tali processi nonché i comportamenti altrui. I partecipanti svilupperanno ed alleneranno le proprie capacità di attirare l attenzione, di farsi accettare e seguire anche da persone su cui non hanno un ruolo gerarchico diretto. contenuti Intelligenza sociale e intelligenza emotiva Le quattro componenti dell intelligenza emotiva L accettazione e la gestione della pancia Le emozioni al servizio del leader Parlare al cuore delle persone L intuizione al servizio del carisma L intuito e la scienza Il ruolo nell intuito nei meccanismi della coscienza L intuito al servizio delle decisioni difficili Il carisma Definizione Carisma innato o da sviluppare? Il modello carisma Gli elementi base del carisma Perché sviluppare il proprio carisma I pilastri della comunicazione carismatica La convinzione di ciò che si dice Esordio, narrazione, argomentazione Ethos, pathos, logos La regola delle 3C : chiarezza, completezza e concisione La forza dell esempio Le parole carismatiche L ascolto carismatico e l immagine carismatica Ascoltare la propria voce Il feedback Il rilancio Scrivere e prendere appunti La tecnica delle domande L osservazione I segnali: di gradimento e di rifiuto Conquistare la fiducia Valorizzare il prossimo L umiltà e il sorriso La motivazione carismatica e l atteggiamento mentale Il filtro di direzione: verso e lontano da La referenza interna ed esterna Il filtro della relazione Il filtro dell interesse primario Difendersi dai virus della mente Aspettarsi il meglio Essere in peak state L entusiasmo Applicazioni pratiche Visione di filmati di persone estremamente carismatiche Simulazione di riunioni e di incontri di decisioni importanti Role play 7

10 Skill for manager

11 I nuovi manager: dalla leadership alla delega Il corso è rivolto a coloro che rivestono funzioni di coordinamento e gestione di Risorse Umane, in cui può essere importante la comunicazione interpersonale e la propria leadership per creare un forte spirito di squadra atto al raggiungimento degli obiettivi. Saranno acquisiti le conoscenze e gli strumenti necessari alla valorizzazione delle proprie capacità manageriali, nonchè del proprio ruolo di leader e del proprio stile di leadership. Verranno offerti strumenti che consentano di affinare la gestione dei propri collaboratori, supportando i manager nella risoluzione dei conflitti tra i collaboratori. Saranno presentate alcune teorie di leadership psicologica, innovative rispetto a quelle più tradizionali. contenuti Intelligenza sociale e intelligenza emotiva Le quattro componenti dell intelligenza emotiva L accettazione e la gestione della pancia Le emozioni al servizio del leader La propria efficacia interpersonale: competenza personale e competenza sociale Leadership: modelli e stili Le competenze del leader di successo Le teorie di leadership: carismatica, funzionale, situazionale Il processo di leadership: dal compito allo sviluppo del potenziale I nuovi stili di leadership: la Primal çeadership o essere leader delle emozioni (vedi pagina successiva) La competenza e l intelligenza emotiva nei nuovi leaders Il presidio degli obiettivi Differenza fra compito, incarico e delega Responsabilità e delega Crescere insieme verso la self efficacy dei collaboratori Il presidio: controllo a tappeto, a campione, a risultato Il colloquio di feedback: saper gestire gli insuccessi e capitalizzare i successi I fattori motivazionali dei collaboratori Concetti tradizionali di motivazione La scala delle motivazioni del singolo Teorie tradizionali della motivazione: Maslow ed Herzberg Concetti innovativi di motivazione: interna ed esterna, self motivation e self efficacy 9

12 La Primal Leadership In un momento in cui sembra che anche il ruolo di capo venga messo a dura prova, in cui ogni giorno ci si confronta con le proprie paure, le proprie emozioni contraddittorie e le paure dei propri collaboratori. Quando le leve più tradizionali della motivazione hanno perso ogni efficacia e senso in un momento così è necessario dotare i propri manager di strumenti semplici, nuovi ed efficaci, che li rimettano nella condizione di gestire la propria leadership autorevolmente ed agire con una delega anche forte, ma sostenibile nel tempo, richiedendo performance di alto livello. Nella storia dell umanità i leader hanno sempre avuto un ruolo emotivo primordiale. I primi leader si guadagnarono questo ruolo grazie al carisma che ne caratterizzava la leadership sul piano emotivo. Il leader di un gruppo è sempre stato colui al quale gli altri guardano per essere rassicurati e guidati in condizioni di incertezza e pericolo, oppure quando occorre portare a termine un impresa. Il leader funge, dunque, da guida emotiva del gruppo. La grandezza di una leadership si fonda su qualcosa di molto primitivo: la capacità di far leva sulle emozioni. Il successo di un leader dipende da come agisce: per quanto possa eseguire tutto il resto alla perfezione, se poi fallisce nel compito primario di orientare le emozioni nella giusta direzione, nulla di quanto intrapreso funzionerà come avrebbe dovuto. Così il ritorno ad uno stile di leadership semplice, dei grandi padri e dei grandi capi tribù. La Primal Leadership si fonda prevalentemente sull intelligenza emotiva, con questo non si escludono le altre abilità: tecniche cognitive (es. ragionamento analitico/problem solving) Le abilità cognitive rappresentano la base di partenza: se non le si possiede è probabile che non si possa aspirare a posizioni di leadership (o almeno così dovrebbe essere). Le buone qualità intellettive erano uno dei principali presupposti di prestazioni eccezionali. Così sei stili di gestione della leadership, semplici ed immediati e straordinariamente innati in ciascun individuo forse dimenticati o mai allenati, ma parte integrante dell IO, che ciascuno potrà con piacere riscoprire ed immediatamente mettere in atto, con un successo immediato ed alzando in modo sensibile ed evidente le performance dei propri collaboratori, in un clima sereno e di fiducia reciproca. Dovremmo fare attenzione a non fare dell intelletto il nostro Dio. Certo ha muscoli possenti, ma non ha personalità. Non può comandare, può solo servire. Albert Einstein 10

13 Dalla leadership al coaching Il coaching è una relazione fra coach e coachee, che parte dall esperienza di ciascun individuo e opera un cambiamento, una trasformazione che migliora e amplifica le proprie potenzialità per raggiungere obiettivi personali, professionali, di team e manageriali. È un processo che offre al cliente strumenti che gli permettono di elaborare e identificare i propri obiettivi e rafforzare la propria efficacia e la propria prestazione. Il cliente che si affida al coach ha delle potenzialità latenti e, tramite il coach, impara a scoprirle e a utilizzarle. Il coach dunque è un facilitatore del cambiamento, è una persona che stimola e indirizza le energie del cliente e lo aiuta a prendere consapevolezza delle sue potenzialità. Il Team coaching è invece indicato quando si intende colmare un gap di capacità condiviso da più risorse: stimola il trasferimento al gruppo di uno stile omogeneo di utilizzo della capacità oggetto di miglioramento (come ad esempio la gestione di altre risorse o l impostazione delle relazioni) e, al contempo, la condivisione di un obiettivo ben determinato su cui il gruppo deve lavorare. In questo la metodologia proposta prevede l alternanza, da parte dei partecipanti, di momenti di lavoro su compiti reali e operativi con momenti di analisi e razionalizzazione da parte del coach. Tipologie di coaching in azienda Il Business coaching è l attività di coaching riferita allo sviluppo della vita professionale del cliente e il suo proiettarsi nel futuro per migliorare la sua posizione professionale, e in particolare: rafforzare la leadership, maturare progressi di carriera, migliorare la performance quotidiana e le questioni che risultano dalla gestione degli impegni di responsabilità, accrescere il successo nel proprio ruolo. Executive coaching è l attività di coaching dedicata a figure manageriali di alto livello, nell ambito del top management, il traguardo a cui un efficace percorso di coaching può portare. L obiettivo è quello di far emergere dal gruppo le modalità comportamentali ritenute più efficaci per affrontare le diverse situazioni, stimolando, quindi, il miglioramento delle capacità sottese ai comportamenti stessi, nonché la creazione di uno stile omogeneo all interno del gruppo e dell azienda. Al fine di assicurare un effettivo miglioramento delle capacità è previsto un percorso articolato su cinque momenti di aula (della durata di mezza giornata ciascuno) per ogni gruppo di risorse; i momenti di aula sono distanziati due settimane l uno dall altro in modo da consentire la sperimentazione, in ambito lavorativo, di quanto razionalizzato in aula. 11

14 Mentoring: affiancarsi per stimolare e crescere La capacità di instaurare e mantenere buone relazioni sul lavoro, facendo crescere i propri colleghi nuovi sul ruolo, è una competenza professionale molto importante poichè legata alla qualità del lavoro stesso e favorisce il salto dall autorità all autorevolezza. Il seminario ha l obiettivo di fornire le modalità per saper condividere le informazioni, per aiutare gli altri ad apprendere e a lavorare in modo efficace attraverso l ascolto, le domande guida e i feedback. Il mentoring è importante anche per chi non ha un ruolo di capo gerarchico, ma spesso si trova a svolgere una funzione di leader in progetti trasversali che seguono le logiche del project management. In questo caso il ruolo di leader funzionale dovrebbe prevalere su quello di leader gerarchico, ma spesso le priorità fanno sì che il tema su cui si agisce si trovi in una situazione di conflitto interno perché si sente tirato sia dal proprio diretto responsabile che dal project leader. Trasmettere informazioni in modo efficace Saper utilizzare in modo efficace i propri mezzi espressivi Gestire la relazione Saper dare feedback costruttivi Saper affiancare Saper osservare in modo corretto i comportamenti Superare l effetto alone per valutare in maniera corretta Saper mantenere una relazione positiva e paritaria La leadership della competenza Ottenere risultati e far ottenere risultati Essere autorevoli senza essere capi Saper utilizzare l ascolto empatico ed attivo Diversi tipi di ascolto Atteggiamenti spontanei nell ascolto Domande aperte e domande chiuse Domande guida contenuti Interpretare la parte discrezionale del proprio ruolo Gestire in modo efficace la propria responsabilità di sviluppo Gestire in modo efficace le dinamiche interpersonali Saper far crescere come modo di crescere nel proprio ruolo Saper essere coach Le qualità del coach Costruire un buon piano di affiancamento e realizzarlo Applicazioni pratiche Preparare un percorso per un nuovo collega o per un proprio collaboratore 12

15 Mentor coaching Destinatari Il percorso è rivolto alle persone che ricoprono ruoli di responsabili di medio-alto livello, che hanno già partecipato a corsi di formazione sulle soft skill e necessitano ora di capitalizzare le competenze acquisite, misurandosi su casi specifici della propria vita quotidiana. Riuscire a ridefinire al meglio le proprie aree di miglioramento, lavorando su casi concreti e individuali ancora non adeguatamente risolti e su cui il coachee fatica ad applicare i modelli manageriali acquisiti con la formazione precedente. quindi per il partecipante fuggire dalle proprie responsabilità. Il corso diviene così una sfida sulla propria efficacia realizzativa. metodologia Grazie alla pluriennale esperienza dei coach, che hanno ricoperto ruoli di top management in ambito aziendale, oltre alla metodologia tipica del coaching verrà applicata l esperienza di gestione di problemi complessi di tipo aziendale, con suggerimenti e condivisione esperienziale tipici del ruolo del mentore, che ha già vissuto problematiche analoghe e ha già più volte affrontato problematiche aziendali risolvendole. modalità Sessioni individuali di circa due ore di mentorcoaching, all interno di un percorso di circa 5 sessioni per ogni partecipante. Non esiste un contenuto definito a priori nel programma del percorso, o una soft skill predefinita, ma viene di volta in volta identificato dal partecipante un argomento sulla base delle sue priorità aziendali, organizzative e comportamentali. Un singolo caso potrà comportare un impiego superiore ad una sessione o esaurirsi nella stessa. In ogni caso, alla fine di ogni sessione verrà identificato e creato un action plan ben strutturato nei tempi e nei modi, che verrà poi verificato nella sessione successiva. Difficile In sintesi: coaching sui comportamenti, mentoring sugli obiettivi aziendali. Casi IN cui si è soliti applicare questo modello Nelle più recenti esperienze di applicazione di questo nuovo format, i casi che più di frequente ci sono stati posti sono: casi specifici di collaboratori difficili gestione di consulenti esterni gestione di collaboratori che hanno un riporto unicamente funzionale e non gerarchico gestione della relazione verso l alto, capire il proprio responsabile per adattarsi al suo modello relazionale modalità di gestione di una riunione a cui partecipano persone di elevato livello gerarchico 13

16 gestione della relazione con i colleghi organizzazione di uno specifico obiettivo, sviluppandolo con un action plan ben definito conflitti organizzativi e identificazione delle cause e delle possibili soluzioni gestione delle priorità di alcuni processi piano di sviluppo di alcuni collaboratori ad alto potenziale: come gestire la loro crescita, passando dal compito alla delega motivare i collaboratori che hanno perso la motivazione a causa di pregresse situazioni lavorative in azienda modalità operative inefficaci su alcune aree di attività proprie specifiche aree di miglioramento comportamentale emerse da assesment, altri corsi, etc e verifica dei casi pratici in cui effettivamente si sono rivelate inefficaci, con conseguenze sulla propria immagine in azienda creazione di un modus operandi unico all interno del proprio team come costruire un induction training su collaboratori nuovi che arrivano nel team come capire le competenze dei propri collaboratori come gestire il proprio tempo dividendolo fra: gestione del singolo, gestione del team, e gestione del task come prepararsi a gestire un team di cui si diventerà a breve responsabile dopo una job rotation come prepararsi al proprio ruolo di nuovo leader Questa lista non è naturalmente esauriente né esaustiva, ma nasce da esempi di casi già ampiamente affrontati con dipendenti di importanti aziende italiane e non. 14

17 Discovery coaching Destinatari Il percorso è rivolto a professionisti e persone private che desiderano riscoprire le proprie potenzialità, avere una nuova e più sicura consapevolezza di sé. Acquisire consapevolezza di sé, del proprio mondo interiore a volte ancora un po oscuro: i propri valori, le motivazioni, i bisogni e i desideri. Durante il percorso si imparerà a riconoscere il proprio sistema di emozioni, le proprie reazioni e le proprie paure, per prepararsi a darsi nuovi e sfidanti obiettivi. metodologia Grazie alla pluriennale esperienza dei coach che hanno ricoperto ruoli di top management in ambito aziendale, oltre alla metodologia tipica del coaching verrà applicata l esperienza di gestione di problemi complessi di tipo aziendale, con suggerimenti e condivisione esperienziale tipici del ruolo del mentore, che ha già vissuto problematiche analoghe e ha già più volte affrontato problematiche aziendali risolvendole. In sintesi: coaching sui comportamenti mentoring sugli obiettivi aziendali. modalità e contenuti Sessioni individuali o di piccoli team di circa due ore, in un percorso la cui durata viene stabilita dal coachee a seconda degli obiettivi che desidera raggiungere e del livello di approfondimenti dei singoli contenuti, in funzione delle proprie personali esigenze. I contenuti di base si possono raggruppare in: Identità e autostima Valori Emozioni e intelligenza emotiva Motivazioni e bisogni Paure Convinzioni potenzianti e convinzioni bloccanti Riscoperte e recupero delle risorse occulte Il successo e il fallimento Definizione dei miei obiettivi: personali e professionali 15

18 Manager in action Il percorso è dedicato a manager che hanno già frequentato corsi di formazione manageriale, e che hanno la responsabilità di gestire altre risorse. Tema centrale del corso sarà la leadership in tutte le sue forme: tribale, emotiva, situazionale, etc. Filo conduttore, coerente col percorso intrapreso, saranno le emozioni intese queste come risorsa necessaria ed orami indispensabile per essere un leader tribale, ovvero un ottimo leader attento sia all obiettivo che alle risorse coinvolte nel raggiungerlo, senza mai dimenticare il lato umano di ogni ruolo. contenuti A - Prima giornata: Chi ha incastrato Peter Pan? Ripercorrere il passato da leader per utilizzare case history reali ed identificare aree critiche e usare nuovi strumenti. Analizzare cosa mi sono perso e cosa ho voluto perdere, per capire le reali difficoltà nel mettere in atto uno stile di comunicazione e di gestione delle relazioni decisamente nuovo e legato ad aspetti raramente presi in considerazioni: le emozioni. B - Seconda giornata: Il discorso del re Introdurre concetti e fondamenti di leadership utilizzando modelli teorici necessari alla crescita del proprio ruolo, attraverso però role play, test di autodiagnosi,esercitazioni pratiche, business case. Dall influenza alla leadership I grandi leader: chi sono e come si comportano? Anche la leadership si evolve: teoria dei tratti o del grande uomo blake e mouton approccio situazionista modello della path goal theory modello di hersey e blanchard teoria della leadership carismatica o trasformazionale Le competenze del leader di successo I nuovi stili di leadership: la primal leadership o essere leader delle emozioni La competenza e l intelligenza emotiva nei nuovi leaders Da capo a coach: i più recenti modelli di gestione del ruolo di responsabile Il colloquio di feed back: saper gestire gli insuccessi e capitalizzare i successi (argomento già affrontato nel Basic Skill, di cui di riprenderanno i concetti funzionali al feedback che deve dare un responsabile). C - Sessione individuale E adesso? Un momento di riflessione individuale, il cui obiettivo è quello di strutturare un preciso focus di azioni da mettere in atto per poter attivamente e proattivamente raggiungere i propri obiettivi di leader e di professionista in azienda. DURATA 2 giornate + una sessione di riflessione individuale con ogni partecipante, di circa 2 ore. 16

19 Prime linee skill improvement Il corso è dedicato totalmente a risorse che in azienda rivestono ruoli di middle management, ed è finalizzato a portarli a lavorare in modo sinergico, a imparare a darsi feedback costruttivi e a condividere obiettivi strategici a volte in apparenza conflittuali. Il programma didattico è totalmente focalizzato sullo sviluppo e sull assestamento di competenze squisitamente manageriali che supportino stili comunicativi e comportamentali strategici CONTENUTI elaborazione di un report individuale e di gruppo auto-ed etero-valutazione a partire da una feedback chart che riassume le caratteristiche principali della performance di ciascun individuo. ogni partecipante si valuta e valuta gli altri presenti in aula, identificando innanzitutto 3 punti di forza della persona ogni partecipante si valuta e valuta gli altri presenti in aula, identificando 3 aree di miglioramento ogni partecipante si valuta e valuta gli altri, identificando 3 caratteristiche comportamentali usate in eccesso dalla persona, che devono essere mitigate. 1 GIORNATA (8 ORE) A - focus su processi decisionali Un percorso di reverse mindset per decisor maker, un percorso atto a sviluppare abilità decisionali manageriali necessarie per gestire azioni ordinarie e straordinarie all interno del contesto aziendale. B - il metodo LIFO Il LIFO consente un analisi della performance aziendale, attraverso la valutazione dello stile manageriale di ciascun individuo in ambito organizzativo. Il questionario esprime il grado di allineamento fra le intenzioni (ciò che intendiamo fare), i comportamenti (ciò che pensiamo di fare) e l impatto (ciò che immaginiamo gli altri stiano osservando di noi), differenziando fra condizioni positive e situazioni sfavorevoli e stressanti. In concreto, il metodo prevede: compilazione on-line di un questionario composto da 18 item Il metodo può essere utilizzato solo da Trainer Certificati. 2 GIORNATA (8 ORE) Focus sulla gestione degli interessi (individuo-azienda) e stili di negoziazione efficaci Il percorso prevede l analisi di casi e situazioni aziendali che devono trovare soluzioni con uno stile di negoziazione vincente, sul modello del winwin. Inoltre i role play porteranno alla riflessioni su mappe mentali ego-centrate e su mappe company-oriendeted. Dopo l analisi verrà effettuata un intensa attività di debriefing, con business case reali, per allineare la realtà quotidiana a quanto sperimentato. 17

20 3 GIORNATA (8 ORE) A - Per rendere ancora più efficace il nostro intervento e rinforzare i temi del percorso, proponiamo l utilizzo di una simulazione virtuale o, meglio, di un serious game. Di cosa si tratta? Si tratta di simulazioni interattive, web based, capaci di aprire - in tempi brevi - spazi inaspettati di conoscenza per tradurre la strategia in azione. OBIETTIVI Il gioco stimola il funzionamento del gruppo in termini di solution finding, decision making, team working, leadership e gestione della conflittualità. Modalità Per giocare occorre che ogni partecipante sia dotato di un computer (o tablet) connesso a internet. A cosa servono? A uscire dalla zona di comfort, a mettersi in gioco come uomini squadra, a conoscersi meglio, ad allenare la propria capacità di team working. Come? Grazie alla presenza di un facilitatore, le dinamiche del gioco vengono rilette in chiave aziendale e diventano la premessa per la messa a punto di un concreto piano d azione. B - Focus sulla gestione della complessità e del conflitto intra-aziendale. Le attività hanno l obiettivo di analizzare la complessità dei ruoli e l interazione che ogni professionista ha con il lavoro del collega. Una riflessione sulla sincronizzazione delle attività e sulla corretta modalità di trovare soluzioni veloci, attuabili ed efficaci. Cosa vi proponiamo? Mind The Game è un serious game messo a punto per ottimizzare la performance dei gruppi di lavoro e validato a livello scientifico. Sviluppato in collaborazione con atleti e recordisti mondiali, il gioco porta i partecipanti all ultima gara del Campionato del Mondo di volo a vela, o volo in aliante. In quanto membri dello staff di un pilota, i giocatori avranno il compito di guidarlo alla conquista del titolo. Solo con un attento ed efficace gioco di squadra potranno però riuscirci. L obiettivo desiderato è quello di portare i responsabili di Prima Linea a uno stile manageriale comune e allineato per garantire una miglioramento sostanzioso dei processi comunicativi, decisionali e strategici richiesti. DURATA 24 ore 18

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

SPC Scuola di Process Counseling

SPC Scuola di Process Counseling SPC Scuola di Process Counseling In uno scenario professionale e sociale in cui la relazione è il vero bisogno di individui e organizzazioni, SPC propone un modello scientifico che unisce l attenzione

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

GOVERNANCE & COMUNICAZIONE D IMPRESA IL PROCESSO DICOMUNICAZIONE. C. Bonasia

GOVERNANCE & COMUNICAZIONE D IMPRESA IL PROCESSO DICOMUNICAZIONE. C. Bonasia GOVERNANCE & COMUNICAZIONE D IMPRESA IL PROCESSO DICOMUNICAZIONE II LEZIONE C. Bonasia IL PROCESSO DI COMUNICAZIONE DIMENSIONE VERTICALE: top -down bottom - up DIMENSIONE ORIZZONTALE trasversale, tra persone

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo capitolo Fattori Introduzione suggestopedici alla Suggestopedia La dessuggestione Moderna delle barriere di apprendimento pag. 7 Se vuoi costruire una nave, non raccogliere i tuoi uomini per preparare

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

ON LINE COACHING SCHOOL

ON LINE COACHING SCHOOL ON LINE COACHING SCHOOL ON LINE COACHING SCHOOL corso di coaching skills e avvio alla professione di coach Mentre si conclude la prima edizione, yucan.it e ICTF presentano il secondo corso online di avvio

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO-

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Liliana Jaramillo Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto http://www.comunicazionepositiva.it

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Ovvero: i sette comportamenti a rischio responsabili dei principali infortuni sul lavoro MANUTENZIONE & SICUREZZA Franceso Gittarelli,

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli