9. Principi di ingegneria del so9ware

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "9. Principi di ingegneria del so9ware"

Transcript

1 Corso di Laurea in Matema1ca Dipar9mento di Matema9ca e Fisica Sistemi per l elaborazione delle informazioni 9. Principi di ingegneria del so9ware Dispense del corso IN530 prof. Marco Liverani Scopo dell ingegneria del so9ware L ingegneria del somware definisce modelli e metodologie per formalizzare il processo di progeaazione, realizzazione e manutenzione di un sistema informa9co In questo ambito si definisce un vero e proprio ciclo di vita del so9ware, nel tenta9vo di trasformare lo sviluppo somware da un arvità ar9gianale verso un processo industriale in un arvità ar1gianale si possono raggiungere eleva9 livelli qualita9vi e di performance, ma questo è stretamente legato all abilità dell ar1giano; non sempre l abilità può essere trasferita ad altri mediante un processo di formazione in un arvità industriale si cerca di raggiungere un livello di qualità e di performance adegua1 al posizionamento di mercato del prodoao; qualità e performance sono otenu9 mediante la definizione e la formalizzazione di processi e modalità di realizzazione di ciascuna arvità necessaria nel ciclo di produzione; le arvità sono misurabili e controllabili M. Liverani - Dispense del corso IN530 - Sistemi per l'elaborazione delle informazioni 1

2 Ciclo di vita del so9ware Un prodoto somware ha un suo ciclo di vita, ossia esistono diverse fasi successive durante il processo di realizzazione e manutenzione del somware che vanno dal suo concepimento iniziale, fino alla sua defini9va dismissione 1. Analisi preliminare Studio di farbilità, definizione delle esigenze, definizione del contesto Definizione dei requisi9 2. ProgeAazione del so9ware Specifiche funzionali ed architeturali del somware Iden9ficazione di librerie e componen9 somware riusabili ProgeTazione delle componen9 del sistema somware 3. Realizzazione del so9ware Specifiche di detaglio dei moduli Sviluppo dei moduli somware, test unitario 4. Test, collaudo e rilascio in produzione Integrazione dei moduli e test unitari e di integrazione Collaudo e validazione del sistema integrato Rilascio, migrazione e caricamento dei da9, avvio in produzione 5. Ges1one del sistema so9ware U9lizzo del somware e manutenzione ordinaria, adegua9va, correrva (MAC), evolu9va (MEV) Rilascio di nuove release, ripetendo i passi Termine del ciclo di vita del so9ware Messa fuori servizio del somware, backup dei da9, migrazione da9 e servizi su nuovo somware Prima fase: Analisi preliminare ARvità principali: Studio di farbilità, definizione dell esigenza e della soluzione informa9ca, definizione dell ambito del somware, iden9ficazione degli stakeholders (uten9, altri sistemi, ecc.) Definizione dei requisi1 Output prodor: Nota tecnica o documento di vision : contesto, esigenze e soluzioni, problema9che, disegno generale del sistema Iden9ficazione delle risorse necessarie (umane e strumentali) e s9me di impegno Documento dei requisi9 (carateris9che del prodoto somware, cosa deve fare) Figure professionali coinvolte: Project Manager, Account Manager Analista SoMware Architect, System Architect Esperto del contesto di business Modalità opera9va: Interviste presso il cliente Analisi dei da9 e dei sistemi informa9ci preesisten9 Iden9ficazione di soluzioni di mercato, open source o presen9 in azienda u9li al progeto M. Liverani - Dispense del corso IN530 - Sistemi per l'elaborazione delle informazioni 2

3 Seconda fase: ProgeAazione del so9ware ARvità principali: Definizione delle specifiche grafico- funzionali del somware Definizione delle specifiche di disegno architeturale (architetura fisica, architetura di rete, architetura logica e delle componen9) ProgeTazione delle componen9 del sistema somware Output prodor: Documento di specifiche funzionali, specifiche sui da9 Documento di disegno architeturale, iden9ficazione dei prodor hardware e somware e delle componen9 riusabili Figure coinvolte: Project Manager Analista SoMware Architect, System Architect Specialista di prodoto Modalità opera9va: Lavoro in- house Use case diagram, sequence diagram, component diagram, en9ty/rela9onship diagram Studio di soluzioni di mercato, open source o presen9 in azienda Terza fase: Realizzazione del so9ware Avviene anche in concomitanza con la progetazione (le due fasi possono essere concorren9, con uno slitamento in avan9 della fase di realizzazione); si svolge in- house o presso il cliente a seconda degli strumen9 tecnologici impiega9 e dei vincoli contratuali ARvità principali: Specifiche di detaglio dei moduli somware ProgeTazione dei moduli somware (classi, funzioni, package e librerie) Sviluppo dei moduli somware, test unitario Output prodor: Specifiche tecniche per lo sviluppo dei singoli moduli somware (il detaglio dipende dalla complessità del sistema e dal livello di coinvolgimento degli sviluppatori nella progetazione) Specifiche che descrivono la strutura ad ogger del modulo o il modello relazionale dei da9 SoMware documentato, soto controllo di configurazione Figure coinvolte: Project Manager SoMware Architect Analista- Programmatore, Programmatore Modalità opera9va: Lavoro in- house o presso il cliente Class diagram, flow chart, documentazione del codice (es.: Javadoc) Uso di strumen9 di sviluppo in base al 9po di tecnologia scelta Uso di strumen9 di versioning e di tracciamento delle modifiche (controllo di configurazione) Test con9nuo dei moduli rilascia9 nel repository di progeto (il somware si compila?) M. Liverani - Dispense del corso IN530 - Sistemi per l'elaborazione delle informazioni 3

4 Quarta fase: Test, collaudo e rilascio in produzione Avviene al termine dello sviluppo di un modulo somware auto- consistente e cos9tuisce una milestone significa9va per il progeto ARvità principali: Integrazione dei moduli e test unitari e di integrazione Test del sistema integrato Pianificazione del rilascio in produzione e predisposizione delle risorse necessarie (server, rete, ecc.) Rilascio e messa in produzione Output prodor: Piano dei test e report di esecuzione dei test unitari e di integrazione Piano dei test e report di esecuzione dei test di sistema Piano di indirizzamento di rete Sistema funzionante nell ambiente di produzione iden9ficato insieme al cliente Manuale di configurazione e ges9one Manuale utente Piano di backup, piano di disaster recovery Istruzioni per il change management e il por6ng dei da9 Figure coinvolte: Project Manager SoMware Architect Analista- Programmatore, Programmatore Sistemista Modalità opera9va: Lavoro presso il cliente nell ambiente di produzione finale del prodoto (in alcuni casi nell ambiente di collaudo, supportando poi il cliente per il passaggio in ambiente di produzione) Quinta fase: Ges1one e manutenzione del sistema in produzione Avviene dopo l entrata in esercizio di almeno una delle componen9 somware significa9ve; è un arvità priva di scadenze intermedie, ma con necessità di rendicontazione puntuale delle arvità con una periodicità e un detaglio defini9 a livello contratuale; la manutenzione correrva è soggeta a SLA (service level agreement) defini9 contratualmente ARvità principali: Supporto agli uten9 nell u9lizzo del sistema e formazione, supporto agli amministratori nella ges9one del sistema Manutenzione ordinaria Manutenzione correrva ed evolu9va Output prodor: Report di intervento Piano di formazione Documentazione delle modifiche somware, con aggiornamento della documentazione Figure coinvolte: Project Manager Programmatore, Analista- Programmatore Sistemista Esperto di prodoto/di sistema Operatore help desk Modalità opera9va: Lavoro presso il cliente nell ambiente di produzione finale del prodoto per le arvità di assistenza, ges9one e formazione Lavoro in- house e presso il cliente per le arvità di manutenzione correrva ed evolu9va M. Liverani - Dispense del corso IN530 - Sistemi per l'elaborazione delle informazioni 4

5 Sesta fase: Termine del ciclo di vita del sistema ARvità principali: Supporto agli amministratori per il trasferimento dei da9 Backup finale dei da9 e del somware Supporto al cliente per la definizione di un processo di passaggio dal vecchio al nuovo sistema Output prodor: Istruzioni per il change management e il por6ng dei da9 Figure coinvolte: Project Manager, Account Manager Analista Sistemista Esperto di prodoto/di sistema Modalità opera9va: Lavoro presso il cliente nell ambiente di produzione finale del prodoto, in collaborazione con il team che si occupa di implementare il nuovo sistema informa9co AspeQ rilevan1 per la progeaazione del prodoao so9ware A monte del processo di progetazione e sviluppo del somware, devono essere presi in esame ed analizza9 atentamente alcuni asper che condizionano il prodoto somware stesso Scopo del progeao Contesto di business in cui si opera ObieRvi del progeto Cliente, commiaente ed altri aaori Descrizione del cliente, ossia colui che ci pagherà per il lavoro svolto Descrizione del commitente, ossia colui che ha richiesto il lavoro Altri sogger coinvol9: sponsor, altre aziende, esper9 di vario genere coinvol9 dal cliente o dal commitente Uten1 del prodoao so9ware Uten9 finali, possibilmente raggruppa9 per ruolo nell ambito del contesto di business e iden9ficando la competenza nel setore di business e in ambito informa9co Priorità degli uten9 nella valutazione del nostro lavoro Partecipazione degli uten9 al progeto (definizione dei requisi9, fornitura di informazioni cri9che per la riuscita del progeto, test, approvazione, ecc.) Uten9 adder alla ges9one del sistema (sistemis9, e altri adder) M. Liverani - Dispense del corso IN530 - Sistemi per l'elaborazione delle informazioni 5

6 AspeQ rilevan1 per la progeaazione del prodoao so9ware Vincoli obbligatori Vincoli alla soluzione (vincoli tecnici sulle carateris9che generali o sui prodor da usare o non usare) Ambiente per l implementazione (piataforma di base, framework o altri middleware da usare) Applicazioni da integrare (altri sistemi preesisten9 con cui il nostro somware si deve integrare) ProdoR di mercato o open source da u9lizzare Ambiente di lavoro in cui è impiegato il prodoto (descrizione tecnica o anche logis9ca o culturale ) Vincoli temporali (vincoli di tempo dovu9 a fatori esterni o opportunità che devono essere colte entro una determinata finestra temporale) Vincoli di budget (la pianificazione delle arvità, le risorse e il tempo impiegato devono essere defini9 tenendo conto di questo vincolo) Convenzioni sui nomi Definizioni e acronimi u9lizza9 nell ambito del progeto FaQ rilevan1 e altre assunzioni Fa8: fatori che hanno impato sul sistema, pur non cos9tuendo dei vincoli o dei requisi9 (regole di business, processi esterni al sistema, ma che possono avere impato su di esso in determinate condizioni, ecc.) Assunzioni: ipotesi verosimili che vengono assunte come veri9ere e su cui si basano alcune delle scelte di progeto; devono essere condivise con il cliente e con il commitente e non possono contraddire la realtà oggerva (es.: mi aspeto che tur gli uten9 abbiano un PC con certe carateris9che; mi aspeto che i device mobili possano essere con9nuamente connessi alla rete, ecc.) AspeQ rilevan1 per la progeaazione del prodoao so9ware Ambito in cui viene eseguito il progeao La situazione atuale (come fanno ora, senza il nostro prodoto?) Contesto in cui si inserisce il prodoto somware Business event che devono essere implementa9/supporta9 dal prodoto somware Ambito del prodoao so9ware Limi9 di competenza del prodoto somware (fino a dove deve supportare il processo di business e cosa non deve fare) Use case (casi d uso) del prodoto somware, ossia azioni auto- consisten9 da parte degli uten9 o di altri sistemi che il prodoto deve implementare o supportare M. Liverani - Dispense del corso IN530 - Sistemi per l'elaborazione delle informazioni 6

7 Definizione dei requisi1 I requisi1 del prodoto descrivono cosa il sistema deve offrire (dominio del problema) e non come il sistema deve essere sviluppato (dominio della soluzione) La correaa definizione dei requisi1 è una delle arvità che determinano la riuscita di un progeao e che talvolta si tende erroneamente a sotovalutare Applicarsi nella definizione dei requisi9 è fondamentale per darsi la possibilità di analizzare a fondo il contesto e le problema9che organizza9ve e tecniche con cui ci si dovrà misurare nell ambito del progeto I modelli di ciclo di vita del somware moderni hanno abbandonato l idea che sia possibile iden9ficare i requisi9 di un sistema somware a priori: tendono a privilegiare approcci itera1vi I requisi1 sono l elemento di riscontro per verificare se il prodoto somware è un prodoao di qualità; spesso i requisi9 del prodoto e la verifica del recepimento dei requisi9 sono un aspeto rilevante del contrato tra il commitente e l azienda che sviluppa il somware Esistono diversi 9pi di requisi9 che possono essere defini9 anche in momen9 diversi nell ambito di un progeto somware: Requisi1 funzionali: cosa fa il sistema, come deve interagire con gli uten9 o con altri sistemi Requisi1 non funzionali: da9, performance, affidabilità, ecc. Requisi1 architeaurali: prodor/piataforme che si devono o non si devono usare, strutura del sistema, ecc. Requisi1 di progeao: tempo, budget, risorse, logis9ca, ecc. Driver di progeao: obiervi organizza9vi, poli9ci, opportunità di mercato, ecc. Altri asper che caraterizzano il progeto Definizione dei requisi1 I requisi9 devono essere riporta9 su uno o più documen9 e devono poter essere iden9fica9 chiaramente e in modo sinte9co Esempio di schema per la definizione di un requisito: ID del requisito: codice iden9fica9vo univoco del requisito Tipo di requisito: funzionale, non funzionale, ecc. Business event o Use case che richiede il requisito Descrizione: breve descrizione del requisito Mo1vazione: gius9ficazione del requisito (cosa succede se non viene implementato?) Criterio di verifica: descrizione del criterio con cui si potrà verificare se il requisito è soddisfato oppure no Priorità: priorità del requisito rispeto ad altri (indispensabile o superfluo? Lo ha richiesto esplicitamente il cliente o è solo un modo per migliorare il sistema?) Dipendenze: iden9fica9vi di altri requisi9 da cui dipende questo requisito Data/versione: data di creazione o modifica del requisito I requisi9 e le dipendenze tra i requisi9 cos9tuiscono un grafo orientato (aciclico!) di cui si deve tenere conto, quando si intende modificare uno dei requisi9 del sistema Si deve poter tracciare i requisi9 in ogni componente del progeto: codice, casi di test, La tracciabilità è un aspeto di qualità di un progeto somware fondamentale per molte arvità: l analisi degli impar di un cambiamento di requisi9, la verifica della corretezza di un implementazione, il test e il regression test M. Liverani - Dispense del corso IN530 - Sistemi per l'elaborazione delle informazioni 7

8 Definizione dei requisi1 Requisi1 funzionali e sui da1 1. Requisi9 funzionali (cosa deve fare il sistema?) 2. Requisi9 grafico- funzionali (come deve presentarsi o deve reagire il sistema? Quale s9le deve adotare? Come viene garan9ta la coerenza dell interfaccia utente?) 3. Requisi9 sui da9 (un diagramma E/R, ma anche altri requisi9 rela9vi al ciclo di vita dei da9, alla loro persistenza, alla quan9tà, alla codifica, ecc.) Requisi1 sull usabilità 1. Requisi9 sulla facilità d uso 2. Requisi9 per l accesso di uten9 con disabilità o in condizioni logis9che disagevoli 3. Requisi9 per l internazionalizzazione del prodoto (prodoto mul9lingua) Requisi1 sulle performance 1. Requisi9 sulla rapidità di risposta e sulla latenza del sistema 2. Requisi9 di precisione e accuratezza (precisione numerica, precisione nelle conversioni di da9, ecc.) 3. Affidabilità e disponibilità del sistema (quali livelli di servizio deve reggere? Per quanto tempo il sistema può non essere disponibile?) 4. Fault- tolerance (condizioni di errore a cui il sistema deve poter resistere) 5. Requisi9 di capacità (capacità di memorizzazione, capacità di servire un elevato numero di client contemporanei, ecc.) 6. Requisi9 di scalabilità (capacità del sistema di crescere orizzontalmente o ver9calmente per venire incontro alla crescita delle esigenze del cliente) Definizione dei requisi1 Requisi1 sulla sicurezza 1. Requisi9 sul controllo degli accessi (chi è autorizzato ad accedere, a quali condizioni, con quali metodi di iden9ficazione, ecc.) 2. Requisi9 sull integrità dei da9 3. Requisi9 sulla privacy (quali da9 non devono essere memorizza9, chi può accedere a determina9 da9, ecc.) 4. Requisi9 di audi9ng (quali even9 devono essere traccia9 nei log del sistema, secondo quale modalità tecnica, ecc.) Requisi1 legali 1. Requisi9 sulle norma9ve a cui deve aderire il sistema (es.: ges9one delle utenze come stabilito dal DPR 196/2003) 2. Requisi9 sugli standard da adotare (formato dei da9, protocolli, ecc.) Requisi1 sulla documentazione e sulla formazione 1. Manuali e documen9 da produrre, lingua della documentazione, formato della documentazione 2. Requisi9 sui sistemi di aiuto on- line per l uso del sistema, requisi9 sul materiale didarco a supporto della formazione M. Liverani - Dispense del corso IN530 - Sistemi per l'elaborazione delle informazioni 8

9 Definizione dell architeaura La descrizione dell architeaura è un aspeto essenziale nella progetazione del somware, dal momento che ciò che viene prodoto è spesso un sistema, formato da diverse componen9 che interagiscono fra di loro I requisi9 che hanno un impato direto sull architetura del sistema e che quindi concorrono alla sua definizione, possono essere raggruppa9 sulla base della seguente classificazione FURPS : Funzionalità: il sistema deve essere capace di fornire determinate funzioni Usabilità: il sistema deve essere facilmente fruibile dall utente finale Affidabilità (Reliability): il sistema deve ges9re e possibilmente resistere ad errori e crash Prestazioni: il sistema deve avere performance adeguate Supportabilità: il sistema deve essere tale da consen9re una correta ges9one e manutenzione Definizione dell architeaura Per descrivere l architetura del sistema è necessario adotare viste diverse, fra loro complementari Vista logica organizzazione concetuale del somware in termini di stra9, sotosistemi, package, framework, classi e interfacce più importan9; in questa vista si riassumono anche le funzionalità offerte dalle componen9 somware e dai sotosistemi Può mostrare gli scenari d uso più importan9 o più cri9ci al fine di metere in evidenza il ruolo di ciascuna componente logica del somware Vista dei processi Descrive il modello del progeto e l organizzazione in processi Vista di deployment Descrive il livello fisico con cui sarà pubblicato in ambiente di produzione il sistema somware Vista sui da1 Descrive il modello di rappresentazione delle informazioni ges9te dal sistema ed i flussi di trasmissione Vista sulla sicurezza Auten9cazione degli uten9, single sign- on, modello autorizza9vo, cifratura, ecc. M. Liverani - Dispense del corso IN530 - Sistemi per l'elaborazione delle informazioni 9

10 UML: Unified Modeling Language UML è un formalismo grafico per descrivere e documentare l architeaura e le funzionalità di un sistema; è un linguaggio di modellazione e specifica basato sul paradigma object- oriented UML svolge una funzione di lingua franca nella comunità della progetazione e programmazione a ogger Il modello è struturato secondo un insieme di viste che rappresentano diversi asper del sistema modellato (funzionamento, strutura, comportamento, ecc.) UML consente di descrivere un sistema secondo tre asper principali: il modello funzionale (diagrammi dei casi d'uso) il modello a oggeq (diagrammi delle classi) il modello dinamico (diagrammi di sequenza) La documentazione del progeto è uno strumento che obbliga ad una atenta riflessione u9le per evitare di compiere errori nella successiva fase di realizzazione UML offre uno strumento di documentazione vicino e compa9bile con gli asper più tecnici di realizzazione del somware; adota inoltre un formalismo noto e comune; per ques9 due mo9vi principali ha avuto un successo notevole UML viene usato per descrivere e documentare asper assai complessi ed astrar, per cui non è di per sé sufficiente: va integrato con documentazione più descrirva o di maggiore detaglio su alcuni asper UML, modello funzionale: use case diagrams Il caso d uso (use case) è la descrizione di uno scenario elementare di u9lizzo del sistema La specifica di un caso d uso dovrebbe includere un nome, con cui iden9ficare il caso d uso gli aaori principali e secondari, ossia i sogger (umani o tecnologici) che partecipano allo scenario un obieqvo, il mo9vo per cui gli atori principali avviano il caso d uso la precondizione nella quale è eseguibile il caso d uso Lo use case diagram di UML fornisce una rappresentazione del caso d uso Sistema Sistema Autenticazione Utente <extends> chiede OTP ATore Use Case Autenticazione forte Amministratore M. Liverani - Dispense del corso IN530 - Sistemi per l'elaborazione delle informazioni 10

11 UML, modello a oggeq: class diagrams Nella programmazione object oriented la classe è il conceto fondamentale su cui si ar9cola l intero programma: descrivere corretamente le classi con i loro metodi e atribu9 e le relazioni esisten9 tra ogger di classi diverse è di cruciale importanza I class diagram forniscono una visione sta1ca delle classi presen9 in un progeto somware object oriented Il class diagram del linguaggio UML rappresenta le classi come box contenen9 gli atribu9 della classe e collegate fra loro da linee che rappresentano i diversi 9pi di relazione esisten9 tra le classi la molteplicità è un 9po di associazione in cui si mostra il numero di ogger appartenen9 ad una classe che interagisce con il numero di ogger della classe associata l ereditarietà mostra le proprietà che vengono condivise tra classe padre e classe figlio UML, modello dinamico: sequence diagram Un diagramma di sequenza (sequence diagram) descrive uno scenario, evidenziando la sequenza di azioni svolte dagli atori sul sistema (o messaggi scambia9 tra gli atori e il sistema) Uno scenario è una determinata sequenza di azioni in cui tute le scelte sono state già effetuate; in pra9ca nel diagramma non compaiono scelte, né flussi alterna9vi Normalmente da ogni ac6vity diagram sono deriva9 uno o più sequence diagram ad esempio se un ac9vity diagram descrive due flussi di azioni alterna9vi, se ne possono ricavare due scenari, e quindi due sequence diagram alterna9vi linea della vita Studente Sistema ESSE3 Docente Pubblica esame Iscrizione esame Invia notifica atore arvazione Consulta libretto esami Consulta iscrizioni Registra voti Firma verbale azioni o messaggi M. Liverani - Dispense del corso IN530 - Sistemi per l'elaborazione delle informazioni 11

12 UML, modello dinamico: ac1vity diagram Rappresenta i passi di un processo implementato da un sistema per realizzare le sue funzionalità; è un formalismo simile a quello dei diagrammi di flusso, ma può essere impiegato in contes9 di minor detaglio, più astrar In UML 2.x il formalismo degli ac-vity diagram è stato ridisegnato per seguire quello delle Re9 di Petri In un ac6vity diagram sono evidenzia9 i seguen9 elemen9: azioni decisioni (che portano a dividere il processo in più flussi dis9n9) pun9 di separazione del processo o pun9 di ricongiungimento pun9 di avvio e di conclusione del processo possono essere anche evidenzia9 gli atori responsabili di una determinata azione (creando una ibridazione con i sequence diagram) decisioni autenticaz. utente sì gestione ordine cerca prodotto gestisci carrello acquisto utente registrato? no arvità consultaz. ordine registraz. utente processi concorren9 consegna Altri diagrammi Business Process Model Nota6on (BPMN) rappresentazione e descrizione di un processo di business (workflow) Data Flow Diagram rappresentazione del flusso delle informazioni tra i diversi moduli di un sistema informa9co che si scambiano da9 atraverso aree di memoria comuni, archivi condivisi, protocolli di rete o meccanismi di interprocess communica9on State Diagram rappresenta gli sta9 in cui può trovarsi un sistema e le transizioni di stato lecite (o ges9te/ implementate dal sistema stesso) che consentono il passaggio da uno stato ad un altro M. Liverani - Dispense del corso IN530 - Sistemi per l'elaborazione delle informazioni 12

13 Ges1one della configurazione Il configura1on management supporta la ges9one ed il controllo degli elemen9 che compongono un sistema somware La ges9one di tali elemen9 (configura-on items) è affidata ad un database (repository di configurazione) in cui sono censi9 gli ogger sotopos9 a controllo di configurazione Nell'ambito del configura-on management vengono ges99 gli input/output diretamente o indiretamente lega9 alla costruzione di un prodoto somware Si archiviano in modo controllato le varie versioni del codice sorgente sviluppato, i documen9, i test, i da9 di configurazione, ecc. Una delle funzioni svolte da un sistema di controllo della configurazione (CMS, configura6on management system) è quella di correlare tra loro i vari ogger archivia9 rela9vamente alle diverse versioni o ai diversi branch di un prodoto somware Versione: è un sotoinsieme dei configura6on item che definisce completamente una release del prodoto somware; possono coesistere più versioni successive dello stesso prodoto (manutenzione correrva ed evolu9va di versioni preceden9 a quella corrente, con modifiche che sono recepite dalle versioni successive) uno stesso configura9on item può essere presente in una o più versioni del prodoto Branch: è una copia di una versione del prodoto, in modo da portare avan9 versioni diverse e indipenden9 del prodoto (le modifiche su un branch non impatano sugli altri) Ges1one della configurazione Un prodoto CMS è un somware che ges9sce un archivio di file e offre un protocollo di comunicazione per eseguire delle operazioni sul repository del prodoto somware check out: si estraggono dal repository i configura6on item e se ne produce una copia locale su cui l utente (programmatore) può lavorare update: si aggiorna il progeto locale con eventuali modifiche occorse sui configura6on item presen9 sul repository di progeto add, delete, move, copy: si aggiunge o si modifica la configurazione del progeto con elemen9 presen9 nella configurazione locale (nuovi file, eliminazione di file, ecc.) commit: si carica sul repository la copia locale del progeto (o di singoli configura6on item) lock: si blocca sul repository la modifica ad un configura6on item che è in lavorazione da parte di un utente (programmatore) sul proprio repository locale Il somware CMS rileva eventuali confliq (es.: aggiornamen9 diversi da parte di due uten9 allo stesso configura6on item) e aiuta gli uten9 del gruppo di lavoro a ges9rli Il somware CMS ad ogni aggiornamento di un configura6on item ne crea una nuova versione, mantenendo in archivio le vecchie versioni (versioning) Il somware CMS ges9sce il controllo degli accessi degli uten1 ai repository dei diversi prodor somware M. Liverani - Dispense del corso IN530 - Sistemi per l'elaborazione delle informazioni 13

14 Ges1one della configurazione Alcuni prodor somware di configura9on management CVS, concurrent version system (open source) SVN, subversions, nato come evoluzione di CVS (open source) GIT, realizzato da Linus Torvalds per il controllo di configurazione del kernel di Linux (open source) IBM Ra1onal ClearCase, componente della suite di tool di progetazione e sviluppo somware IBM Ra9onal (proprietario) Microso9 Visual SourceSafe, componente della suite di tool di sviluppo somware MicrosoM Visual Studio (proprietario) Sistemi di Ges1one per la Qualità Terminologia: ProdoAo: output di un processo di lavorazione Processo di lavorazione: un progeao per realizzare un sistema informa9co, un insieme di arvità per realizzare un prodoao, un insieme di arvità per erogare un servizio, ecc. Requisi1: caraaeris1che che ci si aspeta debba avere il prodoto ProdoAo di Qualità: ProdoAo che rispeta in pieno ai requisi1 Sistemi di Ges1one per la Qualità Complesso di procedure, regole e strumen1 (tecnici e documentali) di cui un organizzazione si dota per ges9re il processo produrvo in modo tale da realizzare prodor di qualità Si basano su alcuni principi fondamentali: DOCUMENTAZIONE: descrizione esplicita delle informazioni necessarie per la realizzazione del prodoto TRACCIABILITÀ: iden9ficare con certezza lo stato del processo, delle arvità e delle componen9 in lavorazione IDENTIFICAZIONE: possibilità di iden9ficare con certezza ogni elemento che entra a far parte del processo produrvo, rendendo eviden9 le modifiche e lo stato di aggiornamento di ciascun elemento RIPRODUCIBILITÀ: possibilità di ripetere un processo (è possibile se è documentato) MISURAZIONE: ogni arvità deve essere caraterizzata da un insieme di indicatori che consentano di misurare la qualità Norma9va internazionale che definisce i requisi9 di un buon sistema di ges9one per la qualità: UNI EN ISO 9001:2000 (ul9ma revisione: novembre 2008) M. Liverani - Dispense del corso IN530 - Sistemi per l'elaborazione delle informazioni 14

15 Sistemi di Ges1one per la Qualità Un Sistema di Ges9one per la Qualità cer9ficato secondo la norma ISO 9001 è caraterizzato da un insieme di documen9: Poli1ca per la qualità: documento con cui il top management dell azienda dichiara la mo9vazione ad adotare il sistema e le linee guida di alto livello per la definizione del sistema Organigramma funzionale e nominale: è il documento in cui si dichiara la strutura organizza9va e i ruoli Manuale della qualità: documento che descrive macroscopicamente i processi presen9 nell organizzazione e i workflow che determinano i contribu9 delle diverse figure professionali Procedure ges1onali: ogni processo macroscopico viene descrito in una procedura che evidenzia gli step e le responsabilità e indica in che modo il processo viene documentato (es.: processo selezione del personale, processo acquisto, processo progetazione e sviluppo somware, ecc.) Istruzioni opera1ve: servono per descrivere in detaglio specifiche operazioni svolte nell ambito di un processo (es.: ges9one della corrispondenza in entrata o in uscita, creazione di un nuovo ambiente di sviluppo per un progeto somware, ecc.) Modulis1ca: sono documen9 u9li per le registrazioni della qualità e per la rilevazione degli indicatori di performance Il sistema di ges9one per la Qualità si applica ad ogni progeto di sviluppo somware Per proger par9colarmente rilevan9 è possibile definire un Piano della Qualità specifico per un determinato progeto È importante definire una codifica univoca per iden1ficare i documen9 prodor nell ambito del progeto : alcune milestone degli ul6mi 50 anni di informa6ca Alcuni computer che negli ul6mi 50 anni hanno segnato dei passi in avan6 significa6vi nell evoluzione della tecnologia informa6ca M. Liverani - Dispense del corso IN530 - Sistemi per l'elaborazione delle informazioni 15

Product Overview. ITI Apps Enterprise apps for mobile devices

Product Overview. ITI Apps Enterprise apps for mobile devices Product Overview ITI Apps Enterprise apps for mobile devices ITI idea, proge2a e sviluppa apps per gli uten6 business/enterprise che nell ipad, e nelle altre pia2aforme mobili, possono trovare un device

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Presentazione Commerciale So1lab S.p.A.

Presentazione Commerciale So1lab S.p.A. Presentazione Commerciale So1lab S.p.A. Marzo 2013 So1lab Composta da circa 500 risorse, So#lab è da quasi 30 anni specializzata nella proge+azione, produzione e sviluppo evolu?vo di tecnologie, sistemi,

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future.

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Roma, 11.11.2014

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Grafi, alberi e re1: modelli su cui cercare soluzioni o;me

Grafi, alberi e re1: modelli su cui cercare soluzioni o;me Università degli Studi Roma Tre Dipar-mento di Scienze della Formazione Laboratorio di Matema-ca per la Formazione Primaria Grafi, alberi e re: modelli su cui cercare soluzioni o;me Mini corso Informa.ca

Dettagli

Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt PA Lextel

Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt PA Lextel Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt PA Lextel FATTURAZIONE ELETTRONICA Fa# PA è il servizio online di fa/urazione ele/ronica semplice e sicuro

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

1. Dal computer ad un sistema informa1vo

1. Dal computer ad un sistema informa1vo Corso di Laurea in Matema1ca Dipar9mento di Matema9ca e Fisica Sistemi per l elaborazione delle informazioni 1. Dal computer ad un sistema informa1vo Dispense del corso IN530 prof. Marco Liverani Computer

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali

15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali Informa(on and Communica(on Technology supply chain security 15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali Luca Lazzaretto Rosangela D'Affuso Padova, 29 aprile 2015 1 15

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD)

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Lecce, 19.02.2014 La

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Ing. Andrea Saccà. Stato civile: Celibe Nazionalità: Italiana Data di nascita: 9 Ottobre 1978 Luogo di nascita: Roma Residenza: Roma

Ing. Andrea Saccà. Stato civile: Celibe Nazionalità: Italiana Data di nascita: 9 Ottobre 1978 Luogo di nascita: Roma Residenza: Roma Indirizzo: Via dell'automobilismo, 109 00142 Roma (RM) Sito Web : http://www.andreasacca.com Telefono: 3776855061 Email : sacca.andrea@gmail.com PEC : andrea.sacca@pec.ording.roma.it Ing. Andrea Saccà

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Università degli Studi di Parma Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica DISPENSE INTRODUTTIVE INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Prof. Giulio Destri

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Business Process Modeling and Notation e WebML

Business Process Modeling and Notation e WebML Business Process Modeling and Notation e WebML 24 Introduzione I Web Service e BPMN sono standard de facto per l interoperabilità in rete a servizio delle imprese moderne I Web Service sono utilizzati

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Manuale di configurazione della Posta Ele6ronica Cer=ficata del gestore Register.it

Manuale di configurazione della Posta Ele6ronica Cer=ficata del gestore Register.it Manuale di configurazione della Posta Ele6ronica Cer=ficata del gestore Register.it Configurazione dei Client delle caselle PEC sulla la nuova pia6aforma v. 1.3 Manuale di configurazione dei seguen= client

Dettagli

I Professionisti della digitalizzazione documentale

I Professionisti della digitalizzazione documentale CON IL PATROCINIO DI PROGRAMMA MASTER COURSE ANORC MILANO, dal 3 al 26 NOVEMBRE 2015 Hotel degli Arcimboldi (Viale Sarca, n. 336) I Professionisti della digitalizzazione documentale Guida formativa per

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Elementi di UML (7): Diagrammi dei componenti e di deployment

Elementi di UML (7): Diagrammi dei componenti e di deployment Elementi di UML (7): Diagrammi dei componenti e di deployment Università degli Studi di Bologna Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Scienze di Internet Anno Accademico 2004-2005 Laboratorio

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

Manuale di configurazione della Posta Ele9ronica Cer:ficata di Register.it. Configurazione dei Client delle caselle PEC

Manuale di configurazione della Posta Ele9ronica Cer:ficata di Register.it. Configurazione dei Client delle caselle PEC Manuale di configurazione della Posta Ele9ronica Cer:ficata di Register.it Configurazione dei Client delle caselle PEC v. 1.6 Manuale di configurazione della casella PEC sui seguen: Client di Posta Ele9ronica

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com 2 Tecnoteca è nata nel 2000 con sede a Tavagnacco ha scelto da subito di lavorare

Dettagli

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT Executive Master in Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT OBIETTIVI Il Master ha l obiettivo di formare executive e professional nella governance dei progetti e dei servizi IT, integrando quelle

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL)

Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL) Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL) Corso di Sistemi Distribuiti Stefano

Dettagli

white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo

white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo white paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo White paper La Process Intelligence migliora le prestazioni operative del settore assicurativo Pagina 2 Sintesi

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

Stefano Perna. Informazioni Personali. Obiettivi Professionali. Posizione attuale. Healthcare Pre-Sales e Project Management.

Stefano Perna. Informazioni Personali. Obiettivi Professionali. Posizione attuale. Healthcare Pre-Sales e Project Management. Stefano Perna Informazioni Personali Residenza Viale Spartaco, 91 00174 Roma Telefono (+39) 320 6974861 (+39) 340 2267281 Email perna.stefano@gmail.com Sito http://www.stefanoperna.it Luogo e Data di nascita

Dettagli

Scheda descrittiva del programma. Open-DAI. ceduto in riuso. CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto

Scheda descrittiva del programma. Open-DAI. ceduto in riuso. CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto Scheda descrittiva del programma Open-DAI ceduto in riuso CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto Agenzia per l Italia Digitale - Via Liszt 21-00144 Roma Pagina 1 di 19 1 SEZIONE 1 CONTESTO

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it UML: Class Diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania Class Diagram Forniscono una vista strutturale

Dettagli

INDICE 1. DESCRIZIONE DEL CONTESTO ------------------------------------------------------------------- 4

INDICE 1. DESCRIZIONE DEL CONTESTO ------------------------------------------------------------------- 4 Appendice 1: Allegato Tecnico Servizio di consulenza specialistica e dei servizi di sviluppo, manutenzione ed evoluzione dei sistemi di Business Process Management (BPM) e di Business Intelligence (BI)

Dettagli

Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto anno tra contenuti e attività

Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto anno tra contenuti e attività XXXII CONVEGNO UMI-CIIM IL VALORE FORMATIVO DELLA MATEMATICA NELLA SCUOLA DI OGGI dedicato a Federigo Enriques Livorno, 16-18 ottobre 2014 Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto

Dettagli

La piattaforma IBM Cognos

La piattaforma IBM Cognos La piattaforma IBM Cognos Fornire informazioni complete, coerenti e puntuali a tutti gli utenti, con una soluzione economicamente scalabile Caratteristiche principali Accedere a tutte le informazioni in

Dettagli

Prof. Like you. Prof. Like you. Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01. Email info@zerounoinformatica.it / Web www.hottimo.

Prof. Like you. Prof. Like you. Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01. Email info@zerounoinformatica.it / Web www.hottimo. Pag. 1/7 Prof. Like you Tel. +39 075 801 23 18 / Fax +39 075 801 29 01 Email / Web / Social Pag. 2/7 hottimo.crm Con CRM (Customer Relationship Management) si indicano tutti gli aspetti di interazione

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Servizi di consulenza e soluzioni ICT

Servizi di consulenza e soluzioni ICT Servizi di consulenza e soluzioni ICT Juniortek S.r.l. Fondata nell'anno 2004, Juniortek offre consulenza e servizi nell ambito dell informatica ad imprese e professionisti. L'organizzazione dell'azienda

Dettagli

becomingossola.com Condizioni generali di utilizzo per utenti

becomingossola.com Condizioni generali di utilizzo per utenti becomingossola.com Condizioni generali di utilizzo per utenti Il presente documento defnisce le condizioni generali ( Condizioni ) per l utlizzo del sito internet www.becomingossola.com ( Sito web ) da

Dettagli

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Istituto sistemi informativi e networking Specialista ITIL Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

DALLA FORMAZIONE DEI DOCENTI ALL INNOVAZIONE DI SISTEMA

DALLA FORMAZIONE DEI DOCENTI ALL INNOVAZIONE DI SISTEMA ED Educare Digitale DALLA FORMAZIONE DEI DOCENTI ALL INNOVAZIONE DI SISTEMA p. 1 Testimonianze ore 15:20 15:30 Corso Pia7aforma Dida;ca (Learning Management System) M A in Direzione aziendale e Ges;one

Dettagli

Analisi della situazione iniziale

Analisi della situazione iniziale Linux in azienda Solitamente quando si ha un ufficio e si pensa all'acquisto dei computer la cosa che si guarda come priorità è la velocità della macchina, la potenza del comparto grafico, lo spazio di

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

La soluzione open source per l'it Asset Management: CMDB, workflow, interoperabilità www.cmdbuild.org

La soluzione open source per l'it Asset Management: CMDB, workflow, interoperabilità www.cmdbuild.org 1 La soluzione open source per l'it Asset Management: CMDB, workflow, interoperabilità www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com www.tecnoteca.com Il progetto CMDBuild CMDBuild è nato nel

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

Basi di Da( Presentazione del corso

Basi di Da( Presentazione del corso Basi di Da( Presentazione del corso Basi di Da( Prof. Riccardo Martoglia E- mail: riccardo.martoglia@unimo.it Home page del corso: h4p://www.isgroup.unimo.it/corsi/bda: 2 Basi di Dati - Presentazione del

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI ASPETTI: SCENARI DI ADOZIONE INDUSTRIALE

PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI ASPETTI: SCENARI DI ADOZIONE INDUSTRIALE PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI ASPETTI: SCENARI DI ADOZIONE INDUSTRIALE Il grande successo della programmazione orientata agli oggetti non ha limitato la ricerca di nuovi paradigmi e tecnologie che possano

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli