Capitolato. Speciale CAPITOLATO TECNICO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolato. Speciale CAPITOLATO TECNICO"

Transcript

1 CAPITOLATO TECNICO Procedura negoziata senza previa pubblicazione del bando ai sensi dell art. 57, comma 2 lettera c) del D. Lgs 163/2006 e s.m.i, per la fornitura di un sistema di telefonia IP e relativa manutenzione e assistenza tecnica CIG. n E97 1

2 1. INTRODUZIONE Oggetto della fornitura è una piattaforma di Unified Communication su protocollo IP comprensiva di soluzioni per: 1.1. Sistema telefonico 1.2. Predisposizione per videocomunicazione interna e esterna 1.3. Multiconferenza Audio interna e esterna 1.4. Gateways voce da/verso ISDN 1.5. Sistema di management; 1.6. comunicazione Audio da Pc per utenti esterni/interni 1.7. Sistema di rubrica integrato Si richiede inoltre la fornitura in opera di un sistema di copertura wireless per i dispositivi telefonici wireless richiesti. Nel seguito del documento verranno specificate le caratteristiche tecniche, che deve soddisfare la fornitura ed il dimensionamento sia della piattaforma di Unified Communication che della copertura wireless. Ai fini di consentire una migliore gestione dell infrastruttura del sistema telefonico e della copertura Wireless, tutti gli apparati proposti dovranno essere di unico costruttore, pena esclusione. 2. PREMESSA L analisi progettuale alla base di queste specifiche tecniche è relativa all individuazione dei requisiti tecnologici di massima di un impianto di fonia e tecnologicamente all avanguardia, con prestazioni e caratteristiche tecniche molto elevate, composto da apparati per la trasmissione e la commutazione di flussi di fonia over IP, per la distribuzione a livello di utente dei servizi di fonia che va a sostituire un infrastruttura di fonia legacy PABX- based. L impianto da realizzare deve essere in linea con le piu innovative soluzioni tecnologiche oggi disponibili sul mercato e deve essere basato su un infrastruttura in grado di garantire: la protezione degli investimenti già effettuati dall Ente sul network la stretta integrazione con l evoluzione della network la possibilita di espandere l impianto a costi contenuti in accordo con le esigenze che dovessero nascere successivamente alla realizzazione dell'impianto. L'impianto da realizzare deve soddisfare in pieno le caratteristiche funzionali e prestazionali presenti richieste dall Ente ; deve essere facilmente espandibile ed interfacciabile con qualsiasi altro sistema telefonico o dati; deve inoltre essere composto da tecnologia leader ed ampiamente diffusa nel mercato, garantendo l investimento in termini di facilita di espansione e mantenimento nel tempo del sistema; la modularita e l equipaggiamento dei nodi dell impianto consente di avere notevole flessibilità nella realizzazione dello stesso. La soluzione proposta deve consentire di introdurre, all interno della nuova infrastruttura, servizi e soluzioni in linea con le tecnologie VoIp utilizzate sulla rete nazionale dai principali operatori di telecomunicazione. 3. REQUISITI 2

3 Il sistema di telefonia proposto deve rispondere ai seguenti requisiti fondamentali concernenti: Affidabilita ; Modularita ; Sicurezza. In quest ottica, la soluzione proposta deve essere conforme ai seguenti criteri: utilizzo di protocolli standard o riconosciuti come tali dal mercato; compatibilita con i protocolli dell infrastruttura telefonica in essere; ridondanza geografica degli apparati al fine di eliminare la possibilita di guasti bloccanti; disponibilita di criteri di sicurezza implementabili a tutti i livelli (accesso, autenticazione e cifratura); disponibilita di servizi telefonici di base; disponibilita di servizi telefonici a valore aggiunto; disponibilita di un sottoinsieme di servizi QSIG unico sistema di gestione integrato e dotato di interfaccia grafica; espandibilita, modularita e flessibilita ; omogeneita dei servizi fruibili da tutti gli utenti e possibilita di profilare l utenza in base all accesso condizionato a particolari servizi. Il nuovo sistema deve utilizzare le infrastrutture di rete basate sulla pila protocollare TCP/IP sia per il trasporto della segnalazione sia per il trasporto dei pacchetti voce e deve essere distribuito geograficamente su almeno esiti fisici o macro-aree di aggregazione dell utenza (Roma - Via Nomentana e Roma Via Cornelio Celso), al fine di rendere il sistema in buona parte tollerante ad eventuali guasti bloccanti relativi a una delle sue componenti. I sopra citati siti sono gia tra loro interconnessi mediante collegamenti dedicati in fibra ottica, in tecnologia IP. 4. Dimensionamento Lo scopo di questa sezione è di presentare sinteticamente la consistenza attuale della centrale telefonica, in modo da fornire informazioni di dettaglio circa la numerosita di telefoni IP e la relativa distribuzione sulle sedi e classificazione per tipologia; L utenza telefonica da considerare come requisito di base è elencata di seguito: - Via Nomentana: 125 utenti - Via Cornelio Celso: 125 utenti Il numero di circuiti uscenti verso la rete telefonica pubblica e da dimensionare in accordo al seguente schema: - Via Nomentana: 1 circuito ISDN PRI verso PSTN; - Via Cornelio Celso: 1 circuito ISDN PRI verso PSTN; Deve essere implementato il collegamento a N. 20 terminali FAX analogici già in dotazione. Si prevede una suddivisione di massima dei terminali in accordo alla tabella che segue: Tipologia Telefono Hardware di fascia alta di tipo A con display a colori 10 Quantità 3

4 Telefono Hardware di fascia alta di tipo B 238 Telefono IP Wireless 2 Moduli di espansione per telefoni 10 Terminali softphone per audio/videocomunicazione comunicazione per PC Terminali Posto-operatore 2 Terminali di multi audioconferenza per sale riunioni 2 5. Servizi di comunicazione voce I servizi di comunicazione voce erogati devono essere distribuiti in maniera omogenea su tutto il sistema in modalita tale da permetterne l utilizzo a tutti gli utenti indipendentemente dalla loro dislocazione geografica. E richiesto un portafoglio di servizi evoluto adeguato ai massimi livelli dello stato dell arte Servizi e funzionalita richiesti Di seguito sono elencati i servizi che devono essere garantiti dal sistema di telefonia proposto: Gestione completa e flessibile delle chiamate in entrata e in uscita; Gestione chiamate multiple per linea e per telefono; Rubrica aziendale e personale con chiamata diretta dalla rubrica; Servizio deviazione chiamate a tempo/fisso/variabile; Servizio non disturbare; Servizio conferenza con almeno 6 partecipanti su linee interne/esterne; Servizio attesa; Servizio parcheggio linee; Servizio richiamata; Servizio risposta automatica; Servizio risposta per assente individuale/gruppo; Servizio ripetizione ultimo numero selezionato; Servizio di post-selezione; Chiamata diretta verso un numero alzando il microtelefono; Servizio di trasferta con offerta /automatica; Impegno diretto delle linee urbane libere; Segnalazione luminosa chiamate sul tasto specifico della linea; Telefono monolinea/multilinea con visualizzazione dello stato utenti/linee; Introduzione di sequenze libere sui tasti del telefono, con la possibilità di eseguire una sequenza di operazioni consecutive mediante la semplice digitazione di un tasto (attivazione di servizi particolari, numeri brevi ecc.); Possibilità di attivare una conversazione a tre su linee esterne con svincolo del chiamante senza caduta della conversazione stessa; Selezione passante su ISDN; Chiamata diretta a gruppi di N utenti intercomunicanti; Chiamata diretta a utenti privilegiati; Chiamata su interfonico con/senza risposta; 25 4

5 Selezione a cornetta abbassata hands free; Visualizzazione durata conversazione, numero interno, orario, ecc; Possibilità di assegnare diverse classi di servizio ad utente, attivabili tramite codice password; Possibilità di impegnare le linee uscenti attraverso codici specifici; Eseguire, trasferire e rilasciare una chiamata voce; Identificazione del nome chiamante; Identificazione del numero chiamante; Restrizione della chiamata in base al numero chiamato; Richiamata su occupato o su non risposta; Musica in Attesa differenziabile per gruppi di utenti; Hunt Group con segnalazione di chiamata in parallelo, circolare, lineare; Trasferimento diretto al sistema integrato di messaggistica integrata multicanale; Notifica luminosa sul telefono di presenza di messaggi vocali; Deviazione totale, su occupato e su non risposta; Direttore Segretaria/multi-segretaria con funzionalità avanzate; Indicatore di linea occupata (Busy Lamp Field) per tasto di chiamata rapida; Gestione suonerie differenziate per telefono; Lista delle chiamate perse, effettuate e ricevute; Servizio di mobilità di utente, su telefoni diversi, basato su username e password; Instradamento automatico sulla PSTN anche geograficamente distribuito basato su indisponibilità di risorse; Funzionalità di Call Admision Control (CAC); Blocco delle chiamate in uscita condizionato a classe di servizio e a numero chiamato soggetto a codice di sblocco; Avviso acustico configurabile su occupato; Chiamata intercomunicante; Visualizzazione di una ulteriore chiamata (configurabile); Gestione dei servizi attraverso protocolli standard (SIP, H323, MGCP e altri) o riconosciuti come tali dal mercato; Gestione dei servizi utilizzando i seguenti codec audio: o G.711 mu-law ed a-law o G.729a e G.729b Supporto di applicazioni di terze parti tramite interfacce standard tra le quali almeno: o TSP 2.1 o superiore o Interfaccia JTAPI 2.0 o superiore o Interfacce API per configurazione remota e automatica del sistema o Supporto protocollo di interfaccia TAPI o Supporto interfaccia API per applicazioni di Click to Dial o Supporto interfaccia API per applicazioni di Mobilità Profilo Telefonico 5

6 Il sistema deve supportare anche altre funzionalità come: Gestione del Posto Operatore (servizio di centralino). Trasporto su IP dei toni DTMF fuori banda; Il monitoraggio delle prestazioni dei servizi telefonici attraverso interrogazioni SNMP o mediante gli strumenti di analisi del sistema operativo; L interoperabilità con sistemi esterni Gatekeeper anche in modalità cluster; Supporto chiamate video Possibilità della gestione di terminali per videoconferenza, Multipoint Conferencing Unit (MCU), Video Gateway, integrandoli nel piano di numerazione generale Riconoscimento chiamate in black list; Service URL- Accesso ai servizi telefonici web, http, directory esterne, etc; Statistiche in tempo reale dei parametri della Qualità del Servizio (QoS) e della qualità della conversazione (MoS) visibili direttamente o sul sistema via interfaccia grafica Servizi richiesti per terminali di telefonia IP Si richiedono un insieme minimo di servizi fruibili attraverso i terminali IP che sono di seguito elencati: Servizio Direttore/Segretaria in modalità avanzata; Servizio deviazione chiamate a tempo/fisso/variabile; Servizio non disturbare; Servizio conferenza su linee interne/esterne; Servizio attesa; Servizio parcheggio; Servizio richiamata; Servizio risposta automatica; Servizio risposta per assente individuale/gruppo; Servizio ripetizione ultimo numero selezionato; Servizio di post-selezione Post-Dial DTMF; Servizio di Trasferta con offerta/automatica; Impegno diretto delle linee urbane libere; Impegno selettivo a tasto di una linea specifica; Avviso acustico configurabile su occupato; Chiamata intercomunicante; Chiamata Hot Line; Esclusione suoneria per linea; Visualizzazione di un ulteriore chiamata (configurabile); Segnalazione luminosa chiamate sul tasto specifico della linea; Gruppi di utenti intercomunicanti; Chiamata diretta a gruppi di N utenti intercomunicanti; Chiamata su interfonico con/senza risposta; Viva Voce; Cambio classe di servizio; 6

7 Visualizzazione durata conversazione, numero d interno, orario, ecc; Visualizzazione dello stato della linea condivisa. Il nuovo sistema di telefonia dovrà prevedere un insieme di servizi offribili all utenza, suddivisi in diversi livelli di servizio (ad esempio base, plus, advanced) 5.3. Servizi a valore aggiunto Il sistema telefonico di cui si richiede la realizzazione deve prevedere il supporto di una serie di servizi non opzionali a valore aggiunto che devono in ogni caso: Utilizzare protocolli IP; Interagire con la logica di controllo del sistema o IP PABX; Interagire con gli elementi di trasporto. In particolare, sono richiesti i seguenti servizi a valore aggiunto: Direttore-Segretaria; Mobilità; Rubrica telefonica aziendale; Audioconferenza; Politiche di ridondanza locale o geografica; I servizi telefonici devono essere installati su server dedicati, il servizio di rubrica telefonica aziendale deve essere installato sulla piattaforma WMWARE messa a disposizione dall ente. Il sistema deve inoltre essere predisposto ad interagire con: Applicazioni esterne di Instant Messaging e di presence; Applicazioni esterne di collaborative working; Sistemi per l erogazione di servizi di IVR; Sistemi per l erogazione di servizi di IP Contact Center Direttore/Segretaria Il sistema deve essere in grado di gestire il servizio di Direttore-Segretaria attraverso sistemi avanzati di routing, di trasferimento e deviazione delle chiamate. Il servizio deve prevedere almeno: La modalità di Direttore/Segretaria; La possibilità di comunicare fra Segretaria e Direttore tramite l'altoparlante del telefono, senza ascolto da parte della Segretaria della conversazione in corso fra il Direttore ed il suo interlocutore; La visualizzazione dello stato utenti/linee se occupato o libero; Creazione di gruppi di segretarie associate a un Direttore o a Multi Direttore (almeno 4 Direttori e 2 Segretarie); Gestione del Direttore in caso di assenza della segretaria principale attraverso una segretaria secondaria appartenente al gruppo di segretarie; La possibilità di creare filtri inclusivi/esclusivi da parte del Direttore; 7

8 Servizio non disturbare; Routing, trasferimento e deviazione delle chiamate da/verso il Direttore; Rubrica locale della Segretaria con la possibilità di creare numeri brevi personali Mobilita Il sistema deve essere in grado di supportare in maniera nativa la mobilità degli utenti, conformemente ai criteri di seguito elencati e dettagliati nelle successive sezioni riguardanti: Mobilità fisica dell utente; Mobilità logica dell utente Mobilita fisica Il sistema di comunicazioni su IP deve gestire la portabilità del telefono (hardware o software) all interno della rete a cui appartiene il sistema telefonico, mantenendo il numero/classe di servizio del telefono senza modifiche della stessa. La mobilità fisica deve essere gestita attraverso livelli di autenticazione e di registrazione del terminale che assicurino la corretta assegnazione del numero/classe di servizio del telefono Mobilita logica Il sistema di comunicazioni su IP deve gestire la portabilità del profilo utente tra diversi terminali del sistema telefonico mantenendo il numero/classe di servizio dell utente senza modifiche della stessa. La mobilità logica deve essere gestita attraverso livelli di autenticazione e di registrazione in modo che l utente possa ricevere ed effettuare telefonate con il proprio numero presso la propria sede oppure presso altre sedi. L utente deve avere la possibilità di utilizzare qualunque telefono IP e di autenticarsi al sistema attraverso codici univoci. Il servizio deve essere offerto in maniera selettiva a gruppi di utenti e deve essere attivabile/disattivabile da parte dell utente attraverso codici univoci Rubrica telefonica Il sistema deve consentire di gestire una rubrica telefonica generale a cui sia possibile accedere attraverso i terminali IP e tramite interfaccia web. La rubrica aziendale deve avere: un formato standard tipo CSV, SQL, ecc; il supporto del protocollo LDAP; la suddivisione per gruppi di utenti È apprezzata la possibilità di implementare un servizio di click-to-dial che permetta agli utenti di effettuare una telefonata dal proprio terminale IP, cliccando su una pagina web il nominativo/numero interno dell utente. Non deve essere necessario installare sul PC nessuna applicazione aggiuntiva (client o applet). Ogni utente deve avere la possibilità di avere una rubrica personale con numeri brevi accessibile attraverso il telefono o via browser attraverso autenticazione tramite username e PIN code. Il direttore e le sue segretarie (e comunque un ufficio) devono vedere la rubrica personale, la rubrica aziendale e la rubrica dell ufficio, che possono essere degli insiemi complementari Audioconferenza Il sistema di comunicazioni deve essere dotato di un servizio di audioconferenza in grado di 8

9 gestire almeno 6 utenti contemporanei sia interni che esterni. Tale servizio deve supportare diverse tipologie di codec (ad esempio G.711, G.729). Il servizio di audioconferenza deve essere attivabile: su invito; su appuntamento Audioconferenza su invito Con questa modalità di attivazione del servizio di audioconferenza, l utente che indìce la audioconferenza deve essere in grado attraverso il proprio terminale di: aggiungere un partecipante; abbandonare la conferenza lasciando che i restanti partecipanti continuino a fruire del servizio Audioconferenza su appuntamento. Il sistema definisce un codice che i partecipanti devono digitare per partecipare all audioconferenza Servizi di emergenza Deve essere possibile effettuare chiamate a tutti i numeri di emergenza interni ed esterni da qualunque telefono IP (hardware e/o software) anche senza autenticazione da parte dell utente Caratteristiche architetturali L architettura del sistema dovrà prevedere uno schema funzionale che garantisca il bilanciamento del carico e di conseguenza l alta affidabilità fra i nodi principali del sistema per garantire le comunicazioni anche in caso di riconfigurazione o guasto di uno dei nodi principali. L architettura del nuovo sistema di telefonia VoIP proposto deve prevedere una separazione funzionale tra gli elementi costituenti basata sui seguenti livelli logici. Livello di controllo: tutte le funzionalità deputate alla gestione delle chiamate (fase di attivazione, instradamento, controllo e rilascio) e dei servizi telefonici supplementari (trasferimento di chiamata ecc.); Livello di trasporto: tutte le funzionalità deputate al trasporto ed al trattamento dei pacchetti voce; Livello di servizio: tutte le piattaforme che ospitano la logica dei servizi a valore aggiunto e che hanno in carico le interazioni con le applicazioni aziendali Livello di controllo Il sistema deve fornire le funzionalità tipiche di un centralino tradizionale, deve avere meccanismi di ridondanza, deve garantire la scalabilità del sistema e deve essere integrabile con i sistemi esistenti mantenendo i servizi di base presenti sulla rete. Nella fase iniziale il servizio telefonico deve essere in grado di gestire almeno 300 utenze telefoniche, ma dovrà essere in grado di scalare fino a utenti. Il Fornitore dovrà dichiarare in fase di offerta il: Numero di server necessari; Numero massimo di telefoni gestibili per server; 9

10 Numero massimo di telefoni gestibili nella sua totalità; Il sistema proposto deve prevedere inoltre: La possibilità di aggiornamento del software senza interruzione di servizio; Politiche di recovery che non creino disservizi per le chiamate attive; Politiche di recovery automatico in caso di fault di un elemento singolo; Politiche di allineamento automatico del database su tutti i server; Politiche di backup automatico per i server deputati alla gestione dei terminali e della segnalazione degli stessi; Politiche di recovery della configurazione in caso di guasto di un elemento singolo; La gestione automatica della ridondanza e del failover in caso di guasto senza nessun in intervento umano e senza causare disservizi sulle chiamate attive; Possibilità di attivare un sistema automatico di survivability telefonico per sedi remote in caso di mancanza di connettività IP tra la sede remota ed la centrale telefonica. Si richiede opzionalmente la ridondanza fisica e logica dei dischi rigidi presenti nel sistema. È necessaria una ridondanza locale e geografica che deve prevedere il posizionamento degli apparati su 2 siti: Via Nomentana Via Cornelio Celso Livello di trasporto Sono tutti gli elementi necessari per codificare, decodificare, convertire e trasportare la voce in tecnologia VoIP. Gli elementi possono suddividersi in: Media Gateway; Media Conference Bridge; Terminali telefonici, fax ed adattatori analogici Media Gateway Il Media Gateway rappresenta l interfaccia tra la tecnologia VoIP e le reti in tecnologia a commutazione di circuito (Rete Telefonica Generale e rete di fonia privata in tecnologia legacy). Il suo ruolo principale è trasformare il traffico voce/segnalazione da un formato trasmissivo ad un altro, generalmente da un trasporto a pacchetto su rete IP ad un trasporto a circuito e viceversa Requisiti minimi In questa sezione vengono elencate le caratteristiche minimali che gli apparati con funzionalità di Media Gateway, proposti dal Fornitore devono soddisfare. In particolare, sono richiesti i seguenti requisiti minimi: Il posizionamento dei Media Gateway deve poter avvenire in qualsiasi punto della rete e deve essere garantita la raggiungibilità attraverso un indirizzo IP. Supporto interfacce voce tradizionali (analogiche, ISDN BRI/PRI); Supporto interfacce IP (LAN, WAN); Conversione voce da analogica/tdm a VoIP; 10

11 Dimensionamento I Media Gateway devono essere dimensionati secondo i seguenti requisiti: Devono essere in grado di mantenere attivi tutti i canali esistenti da/verso PSTN Devono supportare codec con massima complessità Devono supportare le funzionalità di crittografia sia per il flusso di segnalazione e sia per il flusso fonico, mantenendo inalterato il numero di canali esistenti da/verso PSTN Funzionalita Le funzionalità che i Media Gateway devono essere in grado di supportare sono le seguenti: Integrare nello stesso apparato funzionalità di routing Layer 3 e di conversione voce analogica/tdm a IP e viceversa Segnalare alla centrale telefonica disponibilità/indisponibilità ad accettare le chiamate richieste Supportare meccanismi di classificazione e di accodamento dei pacchetti VoIP che assicurino l accesso ad una coda con massima priorità. Le classi di traffico devono poter essere configurabili e definibili sia a livello 3 che a livello 4; Media Conference Bridge I Media Conference Bridge sono gli apparati che vengono utilizzati per la miscelazione dei flussi vocali per applicazioni di audioconferenza. Essi devono essere in grado di gestire flussi vocali che utilizzano codec differenti Requisiti minimi In questa sezione vengono elencati le caratteristiche minimali che gli apparati proposti dal Fornitore devono soddisfare. In particolare vanno soddisfatti i seguenti requisiti: Il posizionamento dei Media Conference Bridge deve poter avvenire in qualsiasi punto della rete e deve essere garantita la raggiungibilità attraverso indirizzo IP; Deve esservi supporto di interfacce IP (LAN, WAN); Gli apparati devono supportare contemporaneamente funzionalità di routing Layer 3 e di Media Conference Bridge Si devono poter offrire servizi di audioconferenza in modalità dedicata o condivisa; Dimensionamento I Media Conference Bridge devono essere dimensionati per: gestire almeno un numero di flussi quantificato in 12 sessioni contemporanee (es: 4 sessioni x 3 utenti) lavorare con codec con massima complessità; supportare H.235 Advanced Encryption Standard (AES) e Data Encryption Standard (DES) encryption fornire accesso protetto da password a più livelli (administrator, operator, user) Terminali utente Ogni terminale proposto deve essere conforme sia ad un insieme di requisiti minimi comuni a tutte le tipologie di utenza, sia ai requisiti specifici della tipologia di appartenenza, come dettagliato nelle seguenti sezioni. 11

12 Requisiti minimi I terminali utente devono essere pienamente integrati con il sistema di comunicazioni su IP proposto. Tutte le tipologie di terminali VoIP proposti, devono essere conformi alle seguenti specifiche di base: Stack TCP/IP nativo; Possibilità di acquisire un indirizzo IP in maniera dinamica attraverso un server DHCP oppure di definire un indirizzo IP in maniera statica; Switch Ethernet 10/100 o 10/100/1000 integrato che offra la possibilità di connettere a valle del terminale un Personal Computer (PC) senza quindi causare la perdita del punto di accesso alla rete; Assegnazione automatica del traffico dati/voce a VLAN distinte (Dati e Voce) senza intervento manuale, tramite l utilizzo di protocolli di comunicazione tra i terminali e gli switch Ethernet di accesso (CDP o protocollo equivalente) Colorazione automatica dei pacchetti voce/dati (QoS) appartenenti a ciascuna delle due VLAN senza intervento manuale, tramite l utilizzo di protocolli di comunicazione tra i terminali e gli switch Ethernet di accesso (CDP o protocollo equivalente) Supporto dei codec audio G.711 e G.729 a/b; Supporto dei meccanismi di Voice Activity Detection e Comfort Noise Generation Ricezione diretta dell alimentazione dallo switch attraverso la rete LAN secondo lo standard IEEE 802.3af Power over Ethernet (PoE); Possibilità di scaricare la configurazione, l upgrade del firmware o stack protocollari diversi, in modalità automatica e gestibile in maniera centralizzata; Display grafico; Supporto dello standard XML o equivalente per l implementazione di servizi a valore aggiunto su tutti i dispositivi telefonici; Supporto dei protocolli standard (SIP, H323, e altri) o riconosciuti come tali dal mercato; Suoneria differenziata per telefono; Possibilità di visualizzare il logo dell ente sul display del telefono Volume regolabile della suoneria; Visualizzazione dello stato dell utente, delle chiamate ricevute, effettuate e non risposte con la possibilità da parte dell utente della cancellazione dell informazione; Il supporto dei seguenti protocolli BootP, DHCP, TCP, IP, RTP, UDP Tipologie dei terminali telefonici IP I terminali d utente devono essere delle seguenti tipologie: Telefono Hardware di fascia alta tipo A con display a colori Telefono Hardware di fascia alta tipo B Requisiti minimi del telefono di fascia alta tipo A: I terminali d utente di fascia alta di tipo B devono supportare le seguenti caratteristiche: 12

13 Telefono IP in grado di gestire almeno sei linee Display grafico a colori Possibilità di espansione del numero di linee gestite mediante modulo esterno hardware Vivavoce bidirezionale (full-duplex) Almeno due porte Ethernet 10/100 switch Requisiti minimi del telefono di fascia alta tipo B I terminali d utente di fascia alta di tipo B devono supportare le seguenti caratteristiche: Telefono IP in grado di gestire almeno sei linee Display grafico a toni di grigio Possibilità di espansione del numero di linee gestite mediante modulo esterno hardware Vivavoce bidirezionale Almeno due porte Ethernet 10/100 switch Terminali softphone per audio comunicazione per PC Il terminale software deve poter essere installato su un PC equipaggiato con sistema operativo Microsoft Windows. I requisiti minimi che tale terminale deve supportare sono elencati di seguito: Integrazione videocamera per videocomunicazione Disponibilità di servizi di presence e instant messaging Possibilità di controllo del terminale telefonico da scrivania 5.5. Protocolli supportati Il nuovo sistema telefonico deve essere in grado di gestire differenti protocolli senza limitazioni garantendo alla soluzione il corretto livello di flessibilita ed interoperabilita con sistemi esistenti o che in futuro potranno essere integrati nella rete telefonica Sistema Di seguito sono elencati i protocolli che devono essere gestiti dalla totalita del sistema. Gestione contemporanea dei seguenti protocolli di segnalazione VoIP: MGCP; H.323; SIP Gestione contemporanea dei seguenti protocolli di segnalazione su interfacce telefoniche tradizionali: Q.931; ISDN; Q.SIG; CAS. Il sistema deve inoltre gestire tutti i terminali IP (telefoni e Media Gateway) che utilizzano protocolli standard (SIP, H323 e altri) o altri protocolli riconosciuti come standard dal mercato Media Gateway e Media Conference Bridge 13

14 I Media Gateway e Media Conference Bridge devono essere almeno in grado di garantire: Supporto Voice Over IP (VoIP); Supporto protocollo H.323; Servizi H.323: Supporto H450.2 e H450.3; Supporto protocollo E1 Channel Associated Signaling (E1-CAS); Supporto del protocollo Q.SIG; Supporto della funzionalita di Selezione Passante (ISDN, Q.SIG, E1-CAS); Supporto DTMF Relay per chiamate SIP (RFC2833); Supporto ISDN per interfacce PRI e BRI a standard internazionali; Supporto dell ISDN Network Side per ETSI Net5 PRI; Supporto protocollo MGCP - Media Gateway Control Protocol; Supporto MGCP Based Fax (T.38) and DTMF Relay; Supporto MGCP VoIP Call Admission Control; Supporto Modem PassThrough per VoIP; Supporto Modem Relay per VoIP; Capacità di compressione dell Header RTP; Supporto protocollo SIP (Session Initiation Protocol); Supporto protocollo SIP -Trasferimento di Chiamata tramite il messaggio SIP REFER ; Supporto RSVP per SIP (opzionale); Supporto SIP T.37 e T.38 Fax Relay; Supporto del Network Time Protocol (NTP); Supporto T.37 Store and Forward Fax; Supporto T.37/T.38 Fax Gateway:(Vedi RFC 2301, File Format for Internet Fax, and RFC 2302, Tagged Image File Format (TIFF) Image/TIFF MIME Sub-Type Registration; Supporto T.38 Fax Relay for VoIP H.323; Incapsulamento su IP di segnalazioni telefoniche CCS proprietarie; I codec supportati dovranno essere o G.711 a-law & u-law PCM (64 kbps); o G.726 ADPCM (32, 24,16 kbps); o G.728 LD-CELP (16 kbps); o G.729 CS-ACELP (8 kbps); o G.729a CS-ACELP (8 kbps); o G.729 Annex-B (8 kbps) [VAD]; o G.729a Annex-B (8 kbps); o G MP-MLQ (6.3 kbps); o G ACELP (5.3 kbps); o G Annex-A MP-MLQ (6.3 kbps); o G Annex-A ACELP (5.3 kbps). Supporto del Call Admission Control; Supporto SNMP V.2C e V Telefoni IP 14

15 I telefoni IP devono supportare: lo standard IEEE 802.1p per la gestione della Qualità del Servizio (QoS). Il telefono deve poter assegnare al traffico dati che arriva dal PC collegato ad esso un valore di IP Precedence (configurabile) in modo tale che venga gestito dall opportuna coda in priorità secondaria rispetto alla coda voce; lo standard IEEE 802.1Q per la configurazione automatica della VLAN di appartenenza; ricezione dell alimentazione direttamente dallo switch attraverso la rete LAN secondo lo standard IEEE 802.3af Power over Ethernet; i protocolli BootP, DHCP, TCP, IP, RTP, UDP. 6. Servizio di posto operatore Dovra essere consentita l erogazione del seguente set minimo di servizi: chiamata base; identificazione chiamante/chiamato; inclusione su chiamata attiva; recupero della chiamata. 7. Soluzioni di management (scheduling, monitoring, reporting) Il software di gestione della soluzione di Unified Communications facilita gli amministratori nello svolgimento dei compiti di gestione e manutenzione dell intera rete di telefonia su IP. Il sistema centralizzato consente di ridurre i costi e risparmiare tempo fornendo informazioni in tempo reale e robuste funzionalità di diagnostica. Il software di gestione deve soddisfare i seguenti criteri: Il sistema deve consentire l attribuzione di autorizzazioni a vari livelli e l attribuzione di autorizzazioni diverse sui sistemi registrati. L amministratore deve avere la possibilità di raggruppare sistemi e utenti e di assegnare i livelli di autorizzazione di conseguenza. Gli endpoint possono essere configurati automaticamente dal sistema di gestione. Il sistema di gestione deve creare rapporti dettagliati sullo stato delle chiamate che includano almeno informazioni su: durata, ora, data, ampiezza di banda, informazioni su inizio e termine 7.1. Il Software di Gestione Centralizzata deve supportare come minimo quanto segue: Gestione di eventi di: o Reboot o Registrazioni e de-registrazioni sul sistema di gestione delle chiamate o Terminale non raggiungibile Il sistema deve fornire informazioni complete su statistiche di traffico (inizio e fine chiamata,durata etc) nonchè Call Detail Record per reportistica e billing Il sistema di gestione deve disporre di una soluzione di una o più directory (phone book) centralizzate, che possono essere visualizzate ed utilizzate dagli endpoint La phone book del sistema di management può essere importata da sorgenti come: Active Directory, LDAP, ecc. 15

16 Viene supportato un backup della configurazione sistemi gestiti con funzionalità di ripristino automatico. Funzionalità di diagnostica Attraverso il software di gestione, l amministratore deve essere in grado di visualizzare l attività della rete per mezzo di un interfaccia grafica dinamica e di mappare i nodi della rete. Il motore di instradamento delle chiamate è basato sull instradamento a costo minimo. Il sistema deve essere upgradabile salvaguardando l investimento iniziale. 8. Sistema di copertura Wireless Si richiede la fornitura di access point da utilizzare nelle due sedi dell ente. Gli apparati e i componenti accessori che si richiedono per questo tipo di copertura sono i seguenti: Tipologia Access Point a/g/n-d /5 GHz 4 Antenna 2.4-GHz dbi Dipole 12 Wireless Lan Controller per la gestione di almeno 25 access point 1 Quantità 8.1. Requisiti tecnici Access Point Feature Data Rates of up to 300 Mbps per Radio, 600 Mbps per Access Point Enhanced Reliability and Predictability Powerful Platform Modular Field- Upgradeable Design with Easy-to-Install Modules Benefit The n draft 2.0 standard provides capabilities such as 40- MHz channels, packet aggregation, and block acknowledgement which significantly increase the amount of bandwidth available for user applications. With support for physical layer (PHY) data rates up to 300 Mbps per radio, this represents a greater than five-fold increase over the performance of a/g networks. MIMO technology, with its multiple antennas and advanced signal processing, improves coverage, reduces dead spots, and augments overall client throughput. MIMO also enables higher data rates by transmitting multiple spatial streams across the unique paths formed between devices. Enhanced reliability and throughput provides a better overall end-user experience for users relying on the wireless network for business functions. Engineered to support the power, thermal dissipation, memory, CPU, and Gigabit Ethernet transmission requirements of n and future wireless technologies. Investment protection through field-upgradeable radios. As technology evolves, radio modules can be replaced in the field with new radio modules, preserving the investment in the access 16

17 point chassis and avoiding the expense of installing a new access point. 2.4-GHz and 5-GHz Radio Modules Both Inline and Local Powering Options Dual radios allow simultaneous operation of 2.4-GHz and 5-GHz wireless networks, offering the greatest number of available channels and therefore the greatest system capacity and scalability. To realize optimal performance, the access point supports both inline power delivered over a single Ethernet cable and local power options. Extensive Interoperability Access Point has undergone extensive interoperability testing to ensure simple, secure interoperability with other devices. It is the first Wi-Fi CERTIFIED n draft 2.0 access point, has earned the Intel Connect with Centrino certification, and has undergone extensive testing in n plug fests. Backward Compatibility with Existing a/b/g Clients Integrated RF Management Capabilities Supports up to 24 non- Overlapping Channels 1 External RP-TNC Antenna Connectors for Both 2.4- GHz and 5-GHz Radios Protects existing a/b/g investments and provides an easy migration to n. Integrated RF management capabilities address the operational challenges of deploying business wireless networks. These capabilities include Radio Resource Management, MIMO, superior DFS support, SDR certification, and spectrum intelligence integration into WCS. Integrated RF management capabilities increase system capacity, improve system performance, perform automated self-healing to compensate for RF dead zones and access point failures, and provide a comprehensive way to manage one of your most precious assets, your corporate spectrum. Provides lower potential interference with neighboring access points, which simplifies deployment and reduces co-channel interference for fewer transmission errors and greater throughput. More channels also means that more of the highthroughput, 40-MHz channels introduced in the n draft 2.0 standard are supported. Antenna connectors support a variety of Cisco 2.4-GHz and 5-GHz antennas, providing range and coverage versatility. 17

18 Cisco Unified IDS/IPS An integral part of the Cisco Secure Wireless Solution, the industry's first integrated wired and wireless security solution, the access point can monitor the RF environment to detect and locate unauthorized wireless activity, including rogue access points and RF denial of service attacks. Management Protection Frame Management frame protection encrypts the management header of the packet and enables the access point to detect spoofed frames from malicious users impersonating infrastructure access points. If an access point detects a malicious attack, an alert will be generated and reported back to the network administrator. Rugged Metal Housing UL 2043 Plenum Rating and Extended Operating Temperature The access point is built with a metal case and sturdy features for deployment in rugged environments such as factories, warehouses, and other industrial environments. Supports installation in environmental air spaces, such as areas above suspended ceilings. Multipurpose Lockable Bracket and Mounting Provides flexibility during site survey and traditional installation as well as helping to deter theft Requisiti Wireless Controller La soluzione deve prevedere la fornitura di un Wireless Controller per la gestione degli access point tramite protocollo IETF CAPWAP (Control And Provisioning of Wireless Access Points). I wireless Controller devono supportare le seguenti funzionalità: Dynamic Channel Assignment: ottimizzazione dei canali e copertura automatica basata sulle condizioni radio esterne; Interference Detection and Avoidance: Il sistema deve rilevare le interferenze e ricalibrare la rete per evitare problemi di prestazioni; Load Balancing: Il sistema dovrà supportare il bilanciamento su più Access point per il traffico dei client; Coverage Hole Detection and Correction: Correzione automatica della copertura modificando la potenza degli Access Point in caso di guasto di uno di essi. 9. Durata dell appalto La fornitura oggetto del presente Capitolato dovrà avvenire entro e non oltre trenta giorni dalla formalizzazione del contratto. La manutenzione oggetto del presente Capitolato dovrà essere assicurata per complessivi 12 mesi a far data dalla stipula del contratto, con possibilità di rinnovo di anno in anno, per ulteriori 18

19 due anni ai medesimi prezzi, patti e condizioni. È prevista sin da ora la possibilità per la stazione appaltante di ampliare l incarico in conformità a quanto previsto all art. 57, comma 5 del DLgs 163/2006. Ismea si riserva la facoltà di perfezionare con l aggiudicatario intese necessarie ad una più completa e dettagliata articolazione delle modalità di esecuzione delle prestazioni. 10. Budget Il budget disponibile per tutte le attività previste del presente capitolato è pari ad Euro ,00, oltre IVA, comprensivi della per la manutenzione ed assistenza tecnica relativa ad una annualità. Oneri per la sicurezza pari a zero. La società aggiudicataria si impegna ad applicare il prezzo offerto in sede di gara, relativamente alla manutenzione del primo anno, anche per la manutenzione, di anno in anno, per ulteriori due anni successivi al primo, ai medesimi prezzi, patti e condizioni Modalità di presentazione delle offerte La documentazione di gara comprende: Lettera d invito; Capitolato e relativi allegati: (MOD 1, MOD 2, MOD 3) Ai fini della partecipazione alla gara, a pena d'esclusione, i partecipanti dovranno far pervenire tutti i giorni lavorativi (Orario uffici: lun. - ven. dalle 9:00 alle 17.00), alla Direzione Amministrazione dell'lsmea - Via Nomentana n ROMA, entro e non oltre le ore del giorno 17 gennaio 2011, la propria offerta in apposito plico sigillato e controfirmato sui lembi di chiusura, riportante all esterno oltre all indicazione della denominazione, indirizzo, numero di fax, posta elettronica del mittente (nel caso di RTI sul plico deve essere indicato il nominativo di tutti i soggetti facenti capo al Raggruppamento), anche la seguente dicitura: NON APRIRE CONTIENE DOCUMENTAZIONE DI GARA - Procedura negoziata senza previa pubblicazione del bando ai sensi dell art. 57, comma 2 lettera c) del D. Lgs 163/2006 e s.sm.i, per la fornitura di un sistema di telefonia IP e relativa manutenzione ed assistenza tecnica - CIG E97. Il plico potrà essere recapitato con una delle seguenti modalità: mediante raccomandata con avviso di ricevimento; mediante corrieri privati o agenzie di recapito; consegnato a mano presso l Ufficio sopra indicato il quale rilascerà apposita ricevuta con indicazione dell ora e del giorno della consegna. La consegna del plico rimane a totale rischio del mittente, restando esclusa ogni responsabilità della stazione appaltante per mancato o tardivo recapito del plico stesso o per eventuali disguidi postali comunque imputabili a fatto di terzi, caso fortuito o forza maggiore. Non saranno in alcun caso prese in considerazione le domande pervenute oltre tale termine, anche se spedite entro il termine di scadenza sopra indicato. All interno del plico, dovranno essere racchiuse n 2 (due) distinte buste sigillate e controfirmate sui lembi di chiusura dal legale rappresentante della Società offerente. Sulla prima busta dovrà risultare la seguente dicitura Busta n.1- Documentazione Amministrativa e Garanzia e dovrà contenere i documenti e le certificazioni richieste nel 19

20 presente capitolato e la cauzione richiesta secondo le modalità meglio rappresentate all art. 12 del presente capitolato. Sulla terza busta dovrà risultare la seguente dicitura Busta n. 2 - Offerta Economica e dovrà contenere l offerta economica. 11.1) La Busta n. 1 - DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA E GARANZIA deve contenere: 11.1.A) - a pena di esclusione, ISTANZA DI PARTECIPAZIONE ALLA GARA che dovrà essere redatta in lingua italiana in conformità allo schema MOD 1 allegato al presente capitolato di gara e sottoscritta dal legale rappresentante del concorrente. Nel caso di RTI non ancora costituito ciascun componente del raggruppamento dovrà presentare la suddetta domanda di partecipazione. Alla domanda, in alternativa all autenticazione della sottoscrizione, deve essere allegata, a pena di esclusione, copia fotostatica di un documento di identità in corso di validità del/i sottoscrittore/i; la domanda può essere sottoscritta anche da un procuratore del legale rappresentante ed in tal caso va allegata la relativa procura. A PENA DI ESCLUSIONE, all istanza deve essere allegato il certificato d iscrizione alla CCIAA di data non anteriore a sei mesi alla data della domanda di partecipazione ovvero dichiarazione sostitutiva resa ai sensi del DPR 445/2000, attestante indicazione del numero, sede, durata e oggetto e forma giuridica, nonché l indicazione del nominativo, luogo e data di nascita del titolare o del/i legale/i rappresentante/i legale/i o dei soggetti legittimati ad impegnare legalmente la ditta. In caso di RTI tale certificazione dovrà essere resa da ciascuna delle imprese partecipanti. Nel caso di organismo non tenuto all obbligo di iscrizione in CCIAA all istanza di partecipazione deve essere allegata dichiarazione del legale rappresentante resa ai sensi del DPR 445/2000 con la quale si dichiari insussistenza del suddetto obbligo di iscrizione alla CCIAA nonché copia dell atto costitutivo e dello statuto. Nel caso di RTI non ancora costituito all istanza di partecipazione della mandataria dovrà altresì essere allegata una dichiarazione sottoscritta da tutti i legali rappresentanti delle ditte raggruppande di volersi impegnare, in caso di aggiudicazione, a costituirsi giuridicamente in RTI e a conferire mandato speciale con rappresentanza all impresa qualificata come mandataria, la quale stipulerà il contratto in nome e per conto proprio e dei mandanti (art. 37 del D.Lgs. 163/06). La dichiarazione d impegno, deve anche specificare, A PENA DI ESCLUSIONE, le quote di partecipazione di ciascuna impresa al costituendo raggruppamento. In caso di CONSORZI: 1) i consorzi di cui all art. 34 comma 1 lettera e) del D.lgs. 163/2006 dovranno allegare all istanza di partecipazione anche l elenco completo ed aggiornato delle imprese consorziate, sottoscritto dal legale rappresentante del Consorzio, (indicazione necessaria ai fini dell applicazione dell art. 37, comma 7, del D.lgs. 163/2006); 2) i consorzi di cui all art. 34, comma 1, lettere b) e c) del D.lgs. 163/2006: dovranno indicare, in aggiunta a quanto sopra, per quali consorziati il consorzio concorre; 11.1.B) A pena d esclusione, Dichiarazione sostitutiva resa ai sensi del DPR 445/2000 in conformità allo schema MOD. 2 allegato al presente capitolato dai soggetti ivi indicati (nel caso di RTI ciascun componente del raggruppamento dovrà presentare la suddetta dichiarazione), dalla quale risulti: 20

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

AVVALIMENTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SOGGETTO AUSILIATO. ALL AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M. Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85

AVVALIMENTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SOGGETTO AUSILIATO. ALL AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M. Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 MOD. 2 - Busta A AVVALIMENTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SOGGETTO AUSILIATO ALL AUTORITA NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M. Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese.

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione Promelit ipecs MG. Descrizione del Sistema: L azienda di oggi deve saper anche essere estesa : non confinata in

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

Access point wireless Cisco Small Business serie 500

Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Scheda tecnica Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Connettività Wireless-N, prestazioni elevate, implementazione semplice e affidabilità di livello aziendale Caratteristiche principali

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE Mediatrix 2102 ATA Guida all installazione EUTELIAVOIP Rev1-0 pag.2 INDICE SERVIZIO EUTELIAVOIP...3 COMPONENTI PRESENTI NELLA SCATOLA DEL MEDIATRIX 2102...3 COLLEGAMENTO

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

Web Conferencing and Collaboration tool

Web Conferencing and Collaboration tool Web Conferencing and Collaboration tool La piattaforma Meetecho Piattaforma di Web Conferencing e Collaborazione on line in tempo reale Caratteristiche generali Soluzione client-server progettata per essere

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

minor costo delle chiamate, su nazionali e internazionali

minor costo delle chiamate, su nazionali e internazionali Il Voice Over IP è una tecnologia che permette di effettuare una conversazione telefonica sfruttando la connessione ad internet piuttosto che la rete telefonica tradizionale. Con le soluzioni VOIP potete

Dettagli

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Microsoft Innovation Center Roma Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Il MIC Roma Cos è Uno dei risultati dei protocolli di intesa tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

V11. Release 1. New Devices. New Features. More Flexibility.

V11. Release 1. New Devices. New Features. More Flexibility. V11 Release 1 New Devices. New Features. Highlights dell innovaphone PBX Versione 11 Release 1 (11r1) Con il software Versione 11 dell innovaphone PBX la soluzione di telefonia IP e Unified Communications

Dettagli

Funzioni nuove e modificate

Funzioni nuove e modificate Gigaset S675 IP, S685 IP, C470 IP, C475 IP: Funzioni nuove e modificate Questo documento integra il manuale di istruzioni dei telefoni VoIP Gigaset: Gigaset C470 IP, Gigaset C475 IP, Gigaset S675 IP e

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

Adattatore telefonico Cisco SPA 112 a due porte

Adattatore telefonico Cisco SPA 112 a due porte Data Sheet Adattatore telefonico Cisco SPA 112 a due porte VoIP (Voice over IP) conveniente e ricco di funzionalità Caratteristiche Qualità vocale e funzionalità telefoniche e fax associate al servizio

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra-

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra- . ROMA CAPITALE BANDO DI GARA D'APPALTO SEZIONE I) AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale - Dipartimento Risorse Economiche - Direzione per la

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SPORTELLO SOCIALE PER MINORI E GIOVANI ADULTI A RISCHIO PENALE CON PROBLEMI DI TOSSICODIPENDENZA

AVVISO PUBBLICO SPORTELLO SOCIALE PER MINORI E GIOVANI ADULTI A RISCHIO PENALE CON PROBLEMI DI TOSSICODIPENDENZA AVVISO PUBBLICO E DISCIPLINARE DI GARA D APPALTO Affidamento di servizio di cui all allegato II B Art. 20 D. Lgs. 163/2006 e ss.mm.ii. Affidamento di n. 1 azione progettuale denominata Sportello sociale

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

SOHO IP-PBX - ETERNITY GE IP-PBX per mobilità senza confini e connettività universale

SOHO IP-PBX - ETERNITY GE IP-PBX per mobilità senza confini e connettività universale SOHO IP-PBX - ETERNITY GE 1 ETERNITY GE è un sistema di comunicazione avanzato e flessibile, che offre servizi e funzionalità utili alle grandi imprese, in linea con le loro richieste. La sua affidabile

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Sistema VOIP ALL PARTNERS. Architettura di net working sviluppata da All Partners. Su piattaforma Asterix

Sistema VOIP ALL PARTNERS. Architettura di net working sviluppata da All Partners. Su piattaforma Asterix Sistema VOIP ALL PARTNERS Architettura di net working sviluppata da All Partners Su piattaforma Asterix PBX- SIP Compliant Piattaforma dedicata -No parti mobili -No sistema operativo terze parti -No PC

Dettagli

Cisco SPA 122 ATA con router

Cisco SPA 122 ATA con router Data Sheet Cisco SPA 122 ATA con router Servizio VoIP (Voice over IP) conveniente e ricco di funzionalità Caratteristiche Qualità vocale e funzionalità telefoniche e fax associate al servizio VoIP (Voice

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

SOHO IP-PBX - ETERNITY NE La nuova generazione di IP-PBX per le piccole imprese

SOHO IP-PBX - ETERNITY NE La nuova generazione di IP-PBX per le piccole imprese SOHO IP-PBX - NE 1 NE Oggi, per competere, anche le piccole imprese devono dotarsi di sistemi di telecomunicazione evoluti, che riducano i costi telefonici, accrescano produttività e qualità del servizio.

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Listino Gennaio 2001 pag. 1 Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Profilo aziendale Chi è il Gruppo Queen.it Pag. 2 Listino connettività Listino Connettività RTC Pag. 3 Listino Connettività

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

AVCP Generatore di XML

AVCP Generatore di XML AVCP Generatore di XML Perché è necessario... 2 Come Funziona... 3 Appalto... 3 Indice... 5 Anagrafiche... 6 Lotto... 7 Partecipanti... 9 Partecipante in Solitario (Partecipante)... 9 Partecipante in Raggruppamento...

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

DICHIARAZIONE REQUISITI DI AMMISSIONE IL SOTTOSCRITTO... NATO A... IL. IN QUALITA DI (carica sociale).

DICHIARAZIONE REQUISITI DI AMMISSIONE IL SOTTOSCRITTO... NATO A... IL. IN QUALITA DI (carica sociale). Allegato al MOD. PRES. Mod. DICH/14. DICHIARAZIONE REQUISITI DI AMMISSIONE IL SOTTOSCRITTO... NATO A... IL. IN QUALITA DI (carica sociale). DELLA IMPRESA (denominazione e ragione sociale). SEDE LEGALE

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente 1 Sommario 1 Introduzione... 3 1.1 Accesso al Self Care Web di Rete Unica... 4 2 Servizi Aziendali... 6 2.1 Centralino - Numero

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano.

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Prot. n. 5789 Bordano, 04.12.2014 POR FESR 2007 2013 Obiettivo

Dettagli

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione SEGNALAZIONE Segnalazione e sistemi di segnalazione Segnalazione Messaggi tra elementi di una rete a commutazione di circuito (apparecchi di utente e centrali o fra le varie centrali) che permettono la

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei secondo il produttore di Storage Qsan Milano, 9 Febbraio 2012 -Active Solution & Systems, società attiva sul mercato dal 1993, e da sempre alla

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE (BI) PER L AUTORITÀ PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI RIF. CIG 03506093B2

BUSINESS INTELLIGENCE (BI) PER L AUTORITÀ PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI RIF. CIG 03506093B2 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA SPECIALISTICA E DEI SERVIZI DI SVILUPPO, MANUTENZIONE ED EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI BUSINESS PROCESS MANAGEMENT (BPM) E DI BUSINESS

Dettagli

QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE

QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE Centro Nazionale per l informatica nella Pubblica Amministrazione Allegato 2a alla lettera d invito QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE GARA A LICITAZIONE PRIVATA PER L APPALTO DEI SERVIZI DI

Dettagli

ISTANZA DI PARTECIPAZIONE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA. All Università degli Studi di Bari ALDO MORO Piazza Umberto I n. 1 70121 Bari

ISTANZA DI PARTECIPAZIONE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA. All Università degli Studi di Bari ALDO MORO Piazza Umberto I n. 1 70121 Bari ISTANZA DI PARTECIPAZIONE E DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA All Università degli Studi di Bari ALDO MORO Piazza Umberto I n. 1 70121 Bari CIG: 55637729E4 Procedura aperta per l affidamento del servizio di raccolta,

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Servizio HP Hardware Support Exchange

Servizio HP Hardware Support Exchange Servizio HP Hardware Support Exchange Servizi HP Il servizio HP Hardware Support Exchange offre un supporto affidabile e rapido per la sostituzione dei prodotti HP. Studiato in modo specifico per i prodotti

Dettagli

Art. 1 - OGGETTO E RIFERIMENTI NORMATIVI

Art. 1 - OGGETTO E RIFERIMENTI NORMATIVI BANDO PER LA VENDITA DI TERRENI CON PATTO DI RISERVATO DOMINIO A FAVORE DI GIOVANI LAUREATI (Determinazione del Direttore Generale n. 642 del 06/12/2012) Art. 1 - OGGETTO E RIFERIMENTI NORMATIVI 1. L Istituto

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

Disciplinare di gara per l affidamento dei servizi di pulizia degli uffici e servizi annessi presso la sede di SACE S.p.A. in Roma, Piazza Poli 37/42

Disciplinare di gara per l affidamento dei servizi di pulizia degli uffici e servizi annessi presso la sede di SACE S.p.A. in Roma, Piazza Poli 37/42 Disciplinare di gara per l affidamento dei servizi di pulizia degli uffici e servizi annessi presso la sede di SACE S.p.A. in Roma, Piazza Poli 37/42 1 DISCIPLINARE DI GARA GARA EUROPEA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

ALBO FORNITORI GTT - DOMANDA DI AMMISSIONE

ALBO FORNITORI GTT - DOMANDA DI AMMISSIONE Allegato 1 - Domanda di ammissione ALBO FORNITORI GTT - DOMANDA DI AMMISSIONE DICHIARAZIONE (da rendere da parte dei soggetti a ciò tenuti e accompagnata dalla copia di un documento di identità personale

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

SERVIZIO PATRIMONIO E AFFARI GENERALI Ufficio Gestione Patrimonio e Acquisti

SERVIZIO PATRIMONIO E AFFARI GENERALI Ufficio Gestione Patrimonio e Acquisti SERVIZIO PATRIMONIO E AFFARI GENERALI Ufficio Gestione Patrimonio e Acquisti PROCEDURA APERTA n. 121/2009 Disciplinare di gara per l appalto, in quattro lotti, del servizio di pulizia, disinfezione ed

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per l Utente. Guida ai ai Servizi Voce per l Utente

Guida ai Servizi Voce per l Utente. Guida ai ai Servizi Voce per l Utente Guida ai Servizi Voce per l Utente Guida ai ai Servizi Voce per l Utente 1 Indice Introduzione... 3 1 Servizi Voce Base... 4 1.1 Gestione delle chiamate... 4 1.2 Gestione del Numero Fisso sul cellulare...

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm 2011 IBM Corporation Cosa si intende per Cloud Computing Cloud è un nuovo modo di utilizzare e di distribuire i servizi IT,

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

L Impresa Estesa come motore dell Innovazione

L Impresa Estesa come motore dell Innovazione L Impresa Estesa come motore dell Innovazione VOIP e RFID Andrea Costa Responsabile Marketing Clienti Enterprise 0 1. Innovazione: un circolo virtuoso per l Impresa Profondità e latitudine (l azienda approfondisce

Dettagli

ALLEGATO 6 CAPITOLATO TECNICO SERVIZI DI TELEFONIA MOBILE AI SENSI DELL ART. 26 LEGGE N. 488/1999 E DELL ART. 58 LEGGE N.

ALLEGATO 6 CAPITOLATO TECNICO SERVIZI DI TELEFONIA MOBILE AI SENSI DELL ART. 26 LEGGE N. 488/1999 E DELL ART. 58 LEGGE N. ALLEGATO 6 CAPITOLATO TECNICO SERVIZI DI TELEFONIA MOBILE AI SENSI DELL ART. 26 LEGGE N. 488/1999 E DELL ART. 58 LEGGE N. 388/2000 LOTTO 1 Allegato 6 Capitolato Tecnico Lotto 1 pag. 1 di 100 INDICE 1 PREMESSA...

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio Aprile 2011 INDICE 1. ACCESSO ALLA PROCEDURA... 1 2. INSERIMENTO DATI...

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

Telefono Sirio lassico

Telefono Sirio lassico GUIDA USO Telefono Sirio lassico 46755H Aprile 2013 3 Indice INTRODUZIONE...1 CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI...1 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE...1 INSTALLAZIONE...2 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO...3

Dettagli

Il portafoglio VidyoConferencing. Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi

Il portafoglio VidyoConferencing. Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi Il portafoglio VidyoConferencing Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi La qualità HD di Vidyo mi permette di vedere e ascoltare

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli