Project Management. Dalla introduzione a SUN TZU, L arte della guerra, Economici Newton. Una introduzione critica. di Pierfrancesco Ghedini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Project Management. Dalla introduzione a SUN TZU, L arte della guerra, Economici Newton. Una introduzione critica. di Pierfrancesco Ghedini"

Transcript

1 + Project Management Una introduzione critica di Pierfrancesco Ghedini + Tutto è finalizzato alla vittoria, perché è l unica cosa che conti in caso di guerra, e vince veramente solo chi sappia imporsi ottenendo il massimo profitto nel minor tempo possibile (possibilmente senza combattere) e col minimo delle perdite. Un tale obiettivo si può raggiungere con una meticolosa valutazione iniziale atta ad evitare le situazioni potenzialmente svantaggiose Dalla introduzione a SUN TZU, L arte della guerra, Economici Newton

2 + Lo spirito del Project Management! L essenza del Project Management nel seguito abbreviato in PM è portare a termine gli obiettivi assegnati nel rispetto dei tempi convenuti, del budget stabilito e nel rispetto dei criteri di qualità necessari! Un progetto, se accettato, deve essere portato a termine non è contemplata la possibilità di non raggiungere l obiettivo! Se esistono vincoli ostativi che precludano il raggiungimento dell obiettivo di progetto, questi devono essere messi in luce prima della accettazione! L accettazione di un progetto implica la sua realizzabilità, nei tempi, nei costi convenuti ed entro i limiti di qualità stabiliti + Che cosa è un progetto?! Un progetto è una attività che ha un inizio e una fine ed è svolta per conseguire obiettivi stabiliti e definiti, nel rispetto di vincoli di tempo, di costo e nel rispetto di regole qualitative! Un progetto per poter essere portato termine necessità di risorse: capacità, talenti, attrezzature, strumenti ed equipaggiamento, informazioni, sistemi e tecniche, denaro, ecc! La gestione di un progetto differisce dalle altre attività manageriali che normalmente hanno carattere ripetitivo essendo legate alla continuità dell attività aziendale

3 + Il ciclo di vita di un progetto! Schematicamente si delinea il ciclo di vita di un progetto nel seguente modo:! Concepimento e definizione del progetto;! Programmazione del progetto;! Realizzazione;! Completamento e valutazione! Trasversale ad ogni fase del progetto è l azione costante di informazione degli stakeholders e degli attori del progetto! Lo schema lineare che va dal concepimento al completamento è una schematizzazione ideale del percorso di progetto che in alcuni ambiti soprattutto la progettazione software appare troppo schematica e irrealistica. A modelli cosiddetti a cascata quale quello sopra delineato si associano modelli cosiddetti iterativi che prevedono più cicli di programmazione/ realizzazione/valutazione per giungere al risultato finale. + Le metriche di un progetto! Le metriche in base alle quali misurare i risultati ottenuti da un progetto sono essenzialmente tre:! Qualità;! Costo;! Tempo.! La qualità indica l insieme di caratteristiche minime che deve possedere quanto prodotto per soddisfare i bisogni del cliente;! Il costo indica la quantità di risorse impiegate per il raggiungimento degli obiettivi di progetto;! Il tempo è la misura del tempo intercorso fra l inizio del progetto e il suo completamento.

4 + La contrattazione iniziale dei tre parametri fondamentali, il controllo e la ricontrattazione! L essenza del PM consiste nel:! Definire un accordo di progetto con la committenza che stabilisca in maniera chiara i vincoli di qualità, costo e tempo;! Monitorare il progetto per verificare costantemente il rispetto dei vincoli di qualità, costo e tempo;! Eventualmente ricontrattare con la committenza vincoli di qualità, costo e tempo con la committenza.! L insieme iniziale di vincoli di progetto vengono cristallizzati nella cosiddetta baseline sulla quale vengono basate le azioni di monitoraggio! La baseline viene eventualmente ricontrattata in corso di progetto se essa si dimostra non rispettabile. + Il Project Manager Le principali abilità che il Project Manager deve esercitare sono:! Essere un leader: il PM deve catalizzare l impegno di tutti verso il raggiungimento degli obiettivi, coordinando, stimolando, trainando! Capacità di contribuire: il PM deve contribuire alla soluzione dei problemi e deve mettere in comune con tutto il team la propria esperienza e la propria competenza tecnica! Capacità di ascoltare: il PM deve ascoltare e cercare di capire il punto di vista di ognuno, il problema di qualcuno, può diventare un problema del progetto su cui il PM deve intervenire! Capacità di integrare i diversi punti di vista: il PM deve integrare il punto di vista puntuale dei singoli con la visione generale di progetto

5 + Esercitazione 1 1/2! A Mr. Smith, dirigente dell azienda ACME operante nel settore delle attrezzature per la trivellazione petrolifera, viene proposto di dirigere un nuovo progetto per lo sviluppo di una innovativa piattaforma offshore che dovrebbe proiettare la ditta nell empireo di questo settore se avrà successo! Mr. Smith accetta con entusiasmo e si trasferisce nella sede dove si sta sviluppando il progetto! Mr. Smith pochissimo tempo dopo aver preso le redini del progetto, capisce che si tratta di un progetto velleitario, privo di un reale fondamento scientifico e privo delle risorse necessarie per poter realmente riuscire + Esercitazione 1 2/2! Mr. Smith, come Pm del progetto, compila una dettagliata relazione nella quale descrive, con dovizia di particolari perché il progetto non ha speranze di riuscire! Al ricevimento della relazione i vertici della ditta ACME convocano Mr. Smith per discutere del rapporto! Al termine della concitata riunione i vertici della ditta ACME convengono che il progetto non ha speranze di riuscita, tagliano i finanziamenti, stoppano le attività e come ultimo atto licenziamo Mr. Smith! Per gruppi: discutere il caso proposto e mettere in luce eventuali problemi e limiti del comportamento di Mr. Smith e dei vertici della ditta ACME

6 Concepire e definire il progetto Sunzi Disse: Il meglio del meglio non è vincere cento battaglie su cento, ma bensì sottomettere il nemico senza combattere. Sun Tzu, L arte della guerra, Economici Newton

7 + L origine dei progetti! Le principali ragioni che portano al varo di un nuovo progetto sono da ricercarsi nella necessità di risolvere problemi o dall esigenza di cogliere opportunità! Un progetto nasce sempre dall entusiasmo e dalla voglia di fare di qualcuno, questa spinta propulsiva va incanalata in una rigorosa analisi che porti ad una valutazione dei vincoli di fattibilità del progetto e dei rischi insiti nella attuazione dello stesso! Le posizioni personali e le opinioni in merito al progetto vanno supportate da fatti ed analisi che tendano a confermare l opportunità di perseguire il progetto + Le fasi di avvio del progetto Schematicamente il percorso di formulazione di un progetto può essere così delineato:! Individuare gli stakeholders del progetto e con questi studiare, discutere e analizzare l idea iniziale di progetto! Scrivere una prima traccia del progetto! Delineare le principali finalità e i principali obiettivi! Elencare i vincoli e le principali possibili criticità! Valutare strategie alternative! Definire una modalità di azione

8 + Chi sono gli stakeholders del progetto! Gli stakeholders del progetto sono i portatori di interesse cioè coloro che trarranno beneficio dal fatto che il progetto riesca! Il concetto di portatore di interesse può essere più ampio del committente di progetto, infatti se da un lato il committente è certamente un portatore di interesse, un portatore di interesse può essere colui che può beneficiare dalla riuscita del progetto, ma non avere la possibilità di commissionare un progetto! In ogni caso tutti i portatori di interesse hanno un duplice ruolo: possono determinare vincoli e caratteristiche di qualità, ma possono anche essere i motori che spingono verso al riuscita del progetto + Gli strumenti a disposizione per l analisi iniziale! La fase iniziale di un progetto è una fase creativa in cui è necessario a fronte di obiettivi che si vanno definendo e a fronte di vincoli e rischi che cominciano ad emergere delineare un macro piano di azione! È indispensabile, in questa prima analisi, essere aperti a tutti i contributi ed analizzare ogni possibile alternativa, viene pertanto spesso consigliato lo strumento del BrainStorming come tecnica che il gruppo di lavoro potrà utilizzare per raccogliere una serie di spunti da vagliare per definire l ipotesi di strategia iniziale

9 + Il Brainstorming! Elencare tutte le idee proposte dai membri del gruppo! Non valutare, né giudicare le idee proposte, non preoccuparsi eccessivamente di eventuali doppioni! Incoraggiare la quantità, tante più idee vengono proposte quanto più sarà probabile che fra queste ve ne sia una buona! Non essere ansiosi di chiudere il processo di raccolta + Output della fase di ideazione del progetto L output della fase di ideazione del progetto è una proposta di progetto che deve avere le seguenti caratteristiche:! Deve avere un nome e una proposta di Project Manager! Deve elencare gli obiettivi del progetto e sinteticamente descrivere problemi, ostacoli, rischi e opportunità! Deve riportare una analisi costo beneficio (benefici tangibili, benefici intangibili, costi, ricavi)! Deve descrivere sinteticamente l ambito in cui si collocherà il progetto! Deve proporre una macro schedulazione delle tempestiche La proposta di progetto deve essere approvata dagli stakeholders

10 Programmazione del progetto + Programmazione del progetto La programmazione del progetto consiste nel pianificare ciò che è necessario a garantire il rispetto dei vincoli di tempo, di costo e di qualità. Per garantire ciò è necessario:! Dettagliare gli obiettivi di progetto;! Definire le strategie per giungere all obiettivo;! Scomporre il progetto in sub-unità e fasi;! Determinare la sequenza di sub unità e fasi, i vincoli, i tempi;! Determinare i costi di ogni sub unità e fase e indicarli nel budget di progetto;! Determinare le caratteristiche di qualità di ogni singola sub unità e fase e indicarli nel documento della qualità;! Progettare l allocazione delle risorse su ogni singola sub unità o fase;! Progettare l eventuale formazione del team;! Definire le politiche e le procedure da adottare.

11 + Struttura di analisi del lavoro! Una tipica tecnica per affrontare compiti complessi è quella che consiste nel dividere il problema in sub-unità o pacchetti di lavoro! Nel Project Management questa tecnica prende il nome di WBS Work Breakdown Structure! Al fine di mantenere il controllo del progetto è bene procedere a suddividere le unità di lavoro in sottounità via via più dettagliate procedendo per gradi e secondo necessità, un progetto con un numero minore di sotto unità è preferibile ad un progetto eccessivamente dettagliato in cui la suddivisione in sotto unità non risponda ad esigenze di propedeuticità di attività, ad una migliore mappatura delle risorse o di individuazione di costi o di vincoli di qualità + Il progetto Torta al cioccolato

12 + Perché strutturare il progetto in questo modo? 1/2! Si individuano due macro attività: la preparazione della pasta e la preparazione della glassa di copertura;! Perché? Perché nel nostro laboratorio di pasticceria si alternano due persone una delle quali si occupa della pasta e una delle glassature! La macro attività di preparazione della pasta è suddivisa nelle sotto attività di preparazione della base, di preparazione della farcia, di riposo della pasta in abbattitore di temperature e di assemblaggio del tutto per dare conto delle diverse propedeuticità fra le varie azioni! Viene definito un milestone che corrisponde alla produzione di un output della prima macro attività che corrisponde ad un input per la seconda macro attività + Perché strutturare il progetto in questo modo? 2/2! La seconda macro attività, la glassatura e decorazione viene strettamente subordinata al completamento della base! Ciò crea una diseconomia nell ottica del completamento tempestivo del progetto: sarebbe stato possibile suddividere l attività Preparare la glassa di copertura al cioccolato e glassare la base in due sotto unità del tipo Preparare la glassa di copertura al cioccolato e Glassare la base, di cui la prima avrebbe potuto essere anticipata rispetto al completamento della base

13 + Il pert! Il diagramma PERT permette di modellare i vincoli di propedeuticità fra le varie attività! Nella sua forma più semplice ogni nodo rappresenta una attività e ogni arco un vincolo di propedeuticità! In ogni nodo è indicato nome dell attività e durata Att.1 4 g. Att.2 3 g. Att.4 6 g. Att.3 1 g. + Un modello matematico per la valutazione della durata delle attività! Per valutare la durata di una attività si può usare uno strumento matematico distribuzione beta! Utilizzando il tempo più probabile Tm, il tempo più ottimistico To, il tempo pessimistico Tp, il tempo si può stimare con Tv = (To + 4Tm + Tp)/6! La deviazione standard si calcola con (Tp- To)/6! L attività sarà completata il 68,26% delle volte entro il range Tv + o la deviazione standard! L attività sarà completata il 95,44% delle volte entro il range Tv + o 2 volte la deviazione standard

14 + Diagramma di Gantt! Un diagramma di Gantt è un grafico a barre orizzontali che evidenzia le relazioni temporali delle fasi di un progetto! È lo strumento principe per la programmazione della dimensione tempo di un progetto! Un diagramma di Gantt addizionato di vincoli di propedeuticità fra le attività è lo strumento più espressivo che si possa usare per gestire il tempo di un progetto! Costruire un diagramma di Gantt significa determinare per ogni attività la durata, la data di inizio e/o i vincoli di propedeuticità che legano l attività alle altre + Costruire diagrammi di Gantt! Il diagramma di Gantt può essere costruito con un semplice foglio di calcolo! Se si vogliono gestire vincoli fra attività è comunque utile usare gli appositi edito grafici, alcuni dei quali disponibili gratuitamente

15 + I quattro tipi di legame fra le attività I cosiddetti vincoli di propedeuticità servono a rappresentare i vincoli che intercorrono fra una attività e l altra, sono essenzialmente di quattro tipi:! Fine/Inizio: di gran lunga quello più frequente ed utile serve ad indicare che una attività non può iniziare prima di un altra! Fine/Fine: che indica che due attività devono concludersi insieme! Inizio/inizio: che indica che due attività devono iniziare in contemporanea! Inizio/Fine: che riproduce il primo tipo di vincolo, ma permette la scrittura specificando in ordine inverso le attività (sostanzialmente inutile) + La definizione dei milestones! La fase di programmazione del progetto permette la progettazione dell insieme delle attività che andranno svolte per giungere al completo raggiungimento degli obiettivi previsti! Consiste anche nella progettazione dei presupposti per il controllo di progetto! Una delle tecniche di controllo di progetto è quella basata sulle pietre miliari o milestones! Così come le pietre miliari al bordo delle strade consolari romane identificavano quanta strada era stata compiuta, così le pietre miliari di un progetto devono aiutare o monitorare lo stato di avanzamento

16 + La natura dei milestones! Un progetto, per sua natura, è una sequenza continua di azioni che portano al raggiungimento di una serie di obiettivi! Stante ciò, può essere difficile in corsa misurare lo stato di avanzamento! Si definiscono quindi, già dalla fase di progettazione, dei punti fermi che consentano di misurare con maggiore facilità e oggettività i risultati effettivamente conseguiti! I milestones è auspicabile coincidano con la produzione di un qualche risultato concreto intermedio del progetto, ad esempio possono coincidere con la stesura finale di un documento la conclusione dell analisi di progetto validata dal committente, ecc -, o con la produzione di un semilavorato + La WBS e i milestones! I milestones pur non essendo attività del progetto, ma prodotti delle attività di progetto, vengono normalmente inseriti nella WBS! Ciò consente una loro agevole collocazione nel tempo e permette di specificarne le diverse propedeuticità! Nel nostro progetto di confezionamento di torta al cioccolato il milestone inizio attività di copertura prevede che la base della torta sia stata completata e raffreddata

17 + Altri usi dei Milestones! I vincoli esterni al progetto possono essere sintetizzati nei milestones che diventano quindi punti di verifica della compatibilità fra i vincoli esterni al progetto e lo stato di avanzamento delle attività interne. + Gestire la dimensione costo Al fine di determinare il costo del progetto è normalmente necessario definire:! Il costo del lavoro e gli oneri riflessi relativi! Il costo dei materiali impiegati e delle forniture necessarie! Il costo di affitto delle attrezzature, dei locali e in generale gli oneri relativi alle locazioni e ai noleggi! Le spese generali e amministrative! Il profitto d impresa

18 + Gestire le risorse! Per ogni sotto unità o fase di progetto è necessario definire le risorse necessarie! Attraverso l articolazione nel tempo delle attività è possibile verificare se vi siano problemi, ad esempio nell impiego massimo contemporaneo di risorse critiche, nell impiego eccessivo di risorse particolarmente costose durante tutta la durata del progetto! Alcuni strumenti informatizzati di gestione della WBS permettono anche la gestione delle risorse e facilitano le verifiche sopra accennate + La gestione della risorsa lavoro

19 + Assegnazione delle responsabilità! Una volta definite le attività e assegnate le risorse alle diverse attività, occorre assegnare le responsabilità delle varie componenti progettuali! Non necessariamente le risorse a cui è assegnata una subunità coincidono con le figure alle quali viene assegnata la responsabilità di una sub-unità o di una fase di progetto! Per questa ragione e anche per ragioni di chiarezza comunicativa, si è soliti definire le responsabilità di un progetto con una matrice di di responsabilità che è solitamente un documento distinto dal documento di assegnazione delle risorse alle diverse sub-unità + La matrice delle responsabilità Progetto Attività Budget Termini Responsabilità

20 + Esercitazione 2! Definire una WBS rappresentante le principali attività che è necessario mettere in campo, da parte di una grande catena di articoli per ferramenta, per allestire un sito per la vendita On Line degli articoli commercializzati! Ci si suddivida in due gruppi e in mezz ora di tempo si faccia una proposta di WBS. La definizione, il dimensionamento e la gestione del Team di progetto

21 Sunzi Disse: Reggere una moltitudine è come reggere un gruppo sparuto: una questione di suddivisioni. Sun Tzu, L arte della guerra, Economici Newton + La definizione del Team di progetto! Ogni progetto, si di dimensioni non minimali, per poter essere portato a termine, necessita di un gruppo articolato di persone che devono lavorare in gruppo! La definizione di un Team di progetto adeguato è spesso il primo e più importante compito affidato al progettista: senza un efficace gruppo a supporto nessun Project Manager, per quanto capace e dotato di esperienza, è in grado di portare a termine il lavoro! Il Team di progetto, quando le dimensioni della realizzazione siano rilevanti, varia nel tempo seguendo il ciclo di vita del progetto: quindi è plausibile che prima il team sia prevalentemente formato da progettisti, poi da tecnici preposti alla realizzazione, ecc

22 + Il dimensionamento del Team di progetto + La gestione del Team di progetto! Una corretta gestione del Team è un fattore chiave per la riuscita dell intero progetto! Occorre prevenire personalismi e occorre evitare che visioni eccessivamente personali confliggano con lo spirito del progetto! Il Project manager attraverso la relazione personale con tutti i componenti del Team deve fare prevalere le logiche del progetto sopra le logiche personalistiche

23 + Gestire la qualità! Uno dei tre pilastri del PM, assieme alla gestione dei tempi e dei costi è la gestione della qualità! Gestire la qualità significa, per ogni sotto unità o fase del progetto e per il progetto nella sua complessità, specificare requisiti minimi (e spesso anche massimi o opportuni) di qualità! La qualità del prodotto può essere ottenuta in diversi modi, attraverso la garanzia di qualità dei materiali componenti, attraverso la garanzia di corretta applicazioni di protocolli e procedure realizzative, attraverso la sistematica messa in atto della verifica dei parametri qualitativi, ecc + Il manuale della qualità del progetto come documento trasversale al progetto! La definizione delle caratteristiche di qualità di quanto prodotto dal progetto e la gestione delle pratiche tese a garantire la qualità durante tutte le fasi del progetto, prendono spesso la forma di un manuale della qualità! Il manuale della qualità è un documento prezioso anche per le fasi successive alla fine del progetto, quando i prodotti sono finiti, quando quanto si è prodotto è entrato in produzione, ecc! Il manuale della qualità dovrebbe essere sempre richiesto da un committente, nel caso di progetti di dimensioni considerevoli

24 + Analisi dei rischi! Se tutti i progetti andassero sempre secondo previsione non ci sarebbe la necessità di adottare tecniche di PM! Nella realtà ogni progetto, piccolo o grande che sia, è soggetto a rischi che se non correttamente gestiti possono farne aumentare i costi, dilatare i tempi di realizzazione, pregiudicare la qualità del risultato! L analisi dei rischi tende a mettere in relazione le diverse minacce alle quali è esposto il progetto con la probabilità di ciascuna di potersi verificare, tanto più sarà alto questo connubio quanto più il rischio sarà rilevante quindi meriterà di essere gestito in maniera appropriata + La gestione del rischio! Data la formula Rischio = Probabilità della minaccia * Entità della minaccia! Occorre ordinare i diversi rischi per entità e per ogni rischio che superi una certa soglia definita specificare la modalità di gestione! Esempio: in un progetto software è frequente (alta probabilità) che cambino le specifiche che inizialmente erano state date per lo sviluppo con esiti rilevanti per la produzione (grande entità degli effetti)! Modalità di gestione: 1) adottare momenti formali di approvazione delle specifiche di analisi; 2) adottare un approccio di sviluppo che prevede la costruzione di prototipi funzionanti; 3) ecc

25 + Qualche cautela rispetto ai progetti software! Quella che precedentemente è stata illustrata è la tipica programmazione di un progetto il cui ciclo di sviluppo è a cascata, procede cioè in maniera lineare da un punto di inizio fino al raggiungimento degli obiettivi prefissati! A seconda della dimensione del progetto, e spesso della natura del progetto, può essere indispensabile usare un altro modello di ciclo di vita, ad esempio a spirale! Molto si discute sui vari modelli di ciclo di vita del software:! Ciclo a cascata facile da concepire, sicuramente convergente, ma con minori prob. di rispetto dei requisiti qualitativi! Ciclo a spirale modello incrementale che può portare a sforamenti di tempi e costi se non ben governato + Cicli di vita a spirale nei progetti software! In un ciclo di vita a spirale si attraversano ciclicamente le fasi di! Determinazione obiettivi, alternative e vincoli! Valutazione alternative, identificazione e risoluzione dei rischi! Sviluppo e verifica del livello di prodotto studiato! Pianificazione della fase successiva 1! Occorre nella programmazione del progetto tenere conto delle diverse iterazioni necessarie (1) Ghezzi e altri, Ingegneria del software, Mondadori Informatica

26 + Output della fase di programmazione del progetto L output della fase di programmazione del progetto è la cosiddetta BASELINE, comprensiva di:! Elenco dettagliato delle fasi e delle attività progettuali collocate nel tempo e complete dei rispettivi vincoli di propedeuticità! Ogni attività deve essere comprensiva dei requisiti di qualità! Previsione delle risorse necessarie alla esecuzione del progetto relative alla diverse attività e fasi! Matrice delle responsabilità delle varie fasi! Dettaglio dei costi Attuazione del progetto

27 Sunzi Disse: Chi si attesta per primo sul campo di battaglia e ivi attende l avversario è più fresco; chi vi giunge per ultimo e si affretta all attacco è invece affaticato. L abile guerriero fa quindi in modo che gli altri vengano a lui ed evita il contrario. Sun Tzu, L arte della guerra, Economici Newton + Le fasi di attuazione del progetto! Controllare il lavoro in corso monitoraggio -! Dare un feedback e comunicare con gli stakeholders! Negoziare materiali forniture e servizi! Risolvere le divergenze! Gestire le variazioni di progetto

28 Il monitoraggio + Controllare il lavoro in corso! Controllare il lavoro in corso presuppone l aver determinato un riferimento in fase di programmazione del progetto vedremo che ciò consiste nell aver definito la baseline del progetto! Oltre al controllo, nel caso si evidenzino, differenze rispetto al programmato occorrerà attuare le necessarie misure correttive

29 + La baseline del progetto! La fase di monitoraggio del progetto prende l avvio dall output della precedente fase di progetto la programmazione! La programmazione di progetto produce una WBS completa di una pianificazione dei tempi, della pianificazione di impiego delle risorse e una definizione dei requisiti di qualità richiesti che vengono cristallizzati nella cosiddetta baseline! Il monitoraggio del progetto consiste nel rilevare e gestire opportunamente gli scostamenti dalla baseline + Il monitoraggio del progetto, le diverse metodologie! Verifica mediante pietre miliari! Verifica mediante stato d avanzamento! Verifica mediante monitoraggio del budget

30 + Verifiche mediante pietre miliari! La verifica mediante pietre miliari prevede di confrontare se, alle scadenze previste, sono stati raggiunti i rispettivi milestones! In altri termini occorre verificare se quanto era stato previsto come pietra miliare è stato ottenuto, nei tempi convenuti, ai costi convenuti e con le caratteristiche di qualità necessarie! L efficacia di queste verifiche sul progetto è strettamente dipendente dalla correttezza della progettazione dei milestones e dalla loro significatività! La verifica mediante milestones è infatti discontinua e solo su una parte di quanto prodotto dal progetto per cui viene solitamente integrata da altri tipi di verifiche + Verifica mediante stato d avanzamento! La verifica dello stato d avanzamento di un progetto è una tipica tecnica di verifica in continuo in quanto, almeno in teoria, è possibile monitorare istante dopo istante eventuali scostamenti dalla baseline progettuale! Nelle realtà questo, almeno per progetti di dimensione non banali, è impossibile e la verifica dello stato di avanzamento si attua attraverso momenti di verifica che possono prendere la forma di:! Ispezioni! Verifiche dello stato d avanzamento! Test! Audit

31 + L ispezione! L ispezione è normalmente effettuata da tecnici qualificati o dal project manager consente nel verificare di persona lo stato d avanzamento delle diverse attività! Le ispezioni non dovrebbero essere annunciate e dovrebbero essere programmate a caso, ma devono svolgersi in un clima sereno e con modalità orientate alla massima trasparenza e obiettività nella raccolta degli elementi! Gli ispettori porgono domande e rilevano fatti in maniera diretta e oggettiva senza formulare o proporre giudizi rispetto all operato dei vari attori dei processi esaminati + Verifiche periodiche dello stato di avanzamento! Le verifiche hanno un carattere di routinarietà, devono essere programmate in anticipo e sono i momenti in cui i responsabili delle varie fasi o sotto unità relazionano sullo stato di avanzamento del progetto! Le verifiche sono condotte dal Project Manager e/o da tecnici qualificati! Le verifiche possono essere svolte attraverso colloqui diretti o mediante analisi di relazioni scritte o mediante l analisi di materiali convenuti

32 + Test! Nell ambito della progettazione del progetto vengono spesso programmati test sui semilavorati, sui prototipi, sulle singole componenti finite! Se i test vengono fatti coincidere con determinate milestones i risultati dei test possono essere un utile strumento per monitorare lo stato di avanzamento del progetto + Gli audit! Gli audit, o revisioni, possono essere programmati nel corso del progetto o alla fine dello stesso! Sono tipicamente oggetto di revisione i rendiconti economici, le pratiche di acquisto, i sistemi di sicurezza, le procedure di manutenzione e le procedure di pagamento! L audit è tipicamente una verifica di terza parte ciò viene svolta da esperti che non fanno parte del team di progetto e viene richiesta dal committente come verifica sull operato del team di progetto! Il rapporto preparato dagli auditor viene utilizzato per progettare le azioni correttive da parte del team

33 Le azioni correttive + I diversi tipi di azioni correttive! Qualora i progressi effettivi non coincidano con il programmato può esservi necessità di un azione correttiva! È comunque bene dire che non tutti i disallineamenti fra programmato e realizzato necessitano di una correzione, una normale e fisiologica discrepanza per eccesso o per difetto fra quanto previsto e quanto realmente realizzato è nella natura delle cose che procedono per passi e solo nella teoria hanno un andamento continuo! In generale si richiedono azioni correttive quando le specifiche di qualità realizzate non sono sufficienti, quando si rischia di sforare i limiti di tempo o i limiti di budget

34 + Azione correttive sulla qualità! Quando la qualità non è conforme alle specifiche occorre intraprendere una azione correttiva:! Qualora la qualità si esuberante rispetto alle specifiche se questo comporta costi eccessivi! Qualora la qualità sia scadente rispetto alle specifiche se questo comporterà una non conformità del progetto complessivo! Agire sulla qualità delle singole sotto attività è comunque normalmente assai difficile in quanto comporta intervenire, spesso pesantemente, sui processi produttivi, oppure sulle competenze delle persone, sule attrezzature utilizzate, ecc + Azione correttive sui tempi! Quando un progetto comincia a rimanere indietro sui tempi programmati:! Occorre valutare se questo rientra comunque nei margini di progetto o se possa essere recuperato senza particolari azioni correttive nelle rimanenti fasi;! Se ciò non è fattibile è possibile offrire un incentivo per accelerare le attività, sicuramente questo aumenterà i costi, ma è da valutare in rapporto alle possibili penali per ritardo o comunque ai costi indotti da un eccessivo prolungamento delle attività! È poi possibile aumentare le risorse impiegate, tenendo comunque conto che il numero di risorse impiegate non è linearmente in relazione con il lavoro prodotto, anzi in taluni casi, l aumento di risorse in fasi critiche può non sortire effetti positivi

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

LAVORARE PER PROGETTI

LAVORARE PER PROGETTI LAVORARE PER PROGETTI Giampaolo Calori e Nicoletta Perego Eulogos Consulenti di Direzione 1. PREMESSA Ogni giorno le aziende devono confrontarsi con il mutamento continuo dell ambiente interno ed esterno

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 2 Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO Modulo 2 Dall Idea al Progetto 2

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

Che cos è la Qualità?

Che cos è la Qualità? Che cos è la Qualità? Politecnico di Milano Dipartimento di Elettrotecnica 1 La Qualità - Cos è - La qualità del prodotto e del servizio - L evoluzione del concetto di qualità - La misura della qualità

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona PRINCIPI PROJECT MANAGEMENT PRINCIPI DI PROJECT MANAGEMENT Elisabetta Simeoni 1), Giovanni Serpelloni 2) 1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

ANALISI DEI RISCHI IN UN PROGETTO DI SVILUPPO SOFTWARE

ANALISI DEI RISCHI IN UN PROGETTO DI SVILUPPO SOFTWARE ANALISI DEI RISCHI IN UN PROGETTO DI SVILUPPO SOFTWARE Roma, dicembre 1999 Analisi dei rischi in un progetto di sviluppo sw RISCHIO = potenziale difetto il cui verificarsi comporta dei danni Danno Non

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Ovvero: i sette comportamenti a rischio responsabili dei principali infortuni sul lavoro MANUTENZIONE & SICUREZZA Franceso Gittarelli,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO 1 INDICE LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO ---------------------------------------------------------------------------------------------1

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO Giovanni Serpelloni 1), Elisabetta Simeoni 2) 1. Centro

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Università degli Studi di Parma Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica DISPENSE INTRODUTTIVE INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Prof. Giulio Destri

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Earned Value e monitoring del progetto

Earned Value e monitoring del progetto IT Project Management Lezione 8 Earned Value Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Aspetti economico-finanziari (1) Costi C Fine progetto T Tempo La curva a S è chiamata baseline dei costi risultato dell aggregazione

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY THE FUTURE IS CLOSER Il primo motore di tutte le nostre attività è la piena consapevolezza che il colore è

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating articolo n. 3 giugno 2014 Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating MASSIMILIANO MARI Responsabile Acquisti, SCANDOLARA s.p.a. Realizzare un sistema di rating costituisce un attività

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

Cap.1 - L impresa come sistema

Cap.1 - L impresa come sistema Cap.1 - L impresa come sistema Indice: L impresa come sistema dinamico L impresa come sistema complesso e gerarchico La progettazione del sistema impresa Modelli organizzativi per la gestione Proprietà

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class L evoluzione della Qualità Dall ispezione alla world class Di cosa parleremo Cos è la Qualità? 1 Le origini della Qualità 2 Ispezione, Controllo statistico Affidabilità e Total Quality Control 3 Assicurazione

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/ Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive https://nonconf.unife.it/ Registrazione della Non Conformità (NC) Accesso di tipo 1 Addetto Registrazione della Non Conformità

Dettagli