ANALISI DEI MODELLI MATEMATICI DELLE ACQUE SOTTERRANEE E RACCOLTA DEI DATI PER UN SITO PILOTA MILESTONE DICEMBRE 2000

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANALISI DEI MODELLI MATEMATICI DELLE ACQUE SOTTERRANEE E RACCOLTA DEI DATI PER UN SITO PILOTA MILESTONE DICEMBRE 2000"

Transcript

1 Rapporto CESI A0/ Pag.1/3 Cliente: RICERCA DI SISTEMA Oggetto: ANALISI DEI MODELLI MATEMATICI DELLE ACQUE SOTTERRANEE E RACCOLTA DEI DATI PER UN SITO PILOTA MILESTONE DICEMBRE 2000 Ordine: CONTRATTO CESI 41/00060 Note: ESTERNA/AMB01/030 senza l'autorizzazione scritta del CESI questo documento può essere riprodotto solo integralmente N. pagine: 3 N. pagine fuori testo: 127 Data: 31 Dicembre 2000 Elaborato: ENEL.HYDRO-PIS A. Maffio, Verificato: CESI-AMB G. Pedroni, Approvato: CESI-AMB A. Pigini CESI Via R. Rubattino 54 Capitale sociale 17,1 miliardi Sezione Ordinaria Centro Elettrotecnico Milano - Italia interamente versato Tribunale Milano Sperimentale Italiano Telefono CCIAA di Milano n P.I. IT Giacinto Motta spa Fax Registro delle Imprese C.F di Milano n

2 Rapporto CESI A0/ Pag.2/3 Indice SOMMARIO... 3 ALLEGATO 1: ANALISI DEI MODELLI MATEMATICI DELLE ACQUE SOTTERRANEE E RACCOLTA DEI DATI PER UN SITO PILOTA Milestone Dicembre 2000 (Prot. CESI n. A0/043376) Autori: A. Maffio, ENEL Hydro Copyright 2001 by CESI. All rights reserved - Activity code 26153Q - ESTERNA Keywords: 12035F

3 Rapporto CESI A0/ Pag.3/3 STORIA DELLE REVISIONI Numero Data Protocollo Lista delle modifiche e/o dei paragrafi modificati revisione 0 31/12/00 A0/ Prima Emissione SOMMARIO L'attività presentata nel rapporto in allegato è stata svolta da ENEL Hydro. Tale attività si inserisce nell'ambito del progetto ESTERNA nell'ambito della Ricerca di Sistema. In particolare le attività svolte si inquadrano nell'attività 6 del Progetto ESTERNA: Previsione modellistica della qualità e quantità della risorsa idrica Tale attività comprende: la valutazione previsionale della qualità e della quantità della risorsa idrica a diverse scale, anche per ciò che riguarda le acque sotterranee, attraverso l applicazione di modelli matematici, la dove i dati disponibili e quelli ottenuti sperimentalmente si presenteranno incompleti e/o puntuali la valutazione, effettuata tramite l applicazione di modelli matematici, dell estensione delle aree interessate dal pennacchio termico di centrali termoelettriche, prendendo in considerazione una selezione mirata e significativa di casi studio costituiti da tipologie di centrali operanti in ambienti fluviali, marino costieri e estuariali. In tale contesto l'attività svolta da ENEL-Hydro e descritta in questo rapporto ha riguardato, da un lato, la raccolta e la analisi dei valori della piezometria e della concentrazione dei cloruri per il sito di La Spezia e, dall'altro lato, la analisi critica di modelli matematici disponibili per lo studio della quantità e qualità delle acque sotterranee.

4 ALLEGATO 1 ANALISI DEI MODELLI MATEMATICI DELLE ACQUE SOTTERRANEE E RACCOLTA DEI DATI PER UN SITO PILOTA Milestone Dicembre 2000 (Prot. CESI n. A0/043376) Autori: A. Maffio, ENEL Hydro

5 - Polo Idraulico e Strutturale Pag. 1 RICERCA DI SISTEMA ANALISI DEI MODELLI MATEMATICI DELLE ACQUE SOTTERRANEE Progetto MASO (Modellistica delle Acque SOtterranee) Attività A1 (Raccolta di informazioni e rilievo di dati) (Data collection and analysis) Attività B1 (Analisi dei modelli matematici) (Numerical Models review) MILESTONE DICEMBRE 2000 INDICE RINGRAZIAMENTI SOMMARIO INTRODUZIONE RACCOLTA ED ANALISI DEI DATI DEL SITO FONTI DI DOCUMENTAZIONE PER I DATI DATI DEL SITO DI LA SPEZIA Piezometria Concentrazione dei cloruri I MODELLI MATEMATICI DELLE ACQUE SOTTERRANEE FONTI DI DOCUMENTAZIONE PER MODELLI E SOFTWARE MODELLI E DIMENSIONI DEL SITO Scale spaziali Schematizzazioni 3D,2D,1D Criteri di scelta MODELLI DI FLUSSO SATURO/NON SATURO Modelli di flusso e idrogeologia del terreno MODELLI E NATURA DELL INQUINANTE Modelli per inquinanti in soluzione Modelli per inquinanti NAPL s Modelli per inquinanti in elevate concentrazioni ACCURATEZZA E FACILITA D USO DEI MODELLI Accuratezza dei modelli Facilità d uso ESEMPI DI MODELLI E DI SOFTWARE... 97

6 - Polo Idraulico e Strutturale Pag. 2 MOFAT BIOSCREEN BioSVE ITACA-GIS GMS v MODFLOW MODPATH MT3D-MS RT3D120 SEAM3D SEEP2D FEMWATER UTCHEM CONTINUAZIONE DEL PROGETTO Parole chiave: acque sotterranee, inquinamento Classifica: 061:61/J8 Circolazione: riservata CESI RINGRAZIAMENTI Si desidera ringraziare il dott. Giacomo Parati per la collaborazione prestata nello svolgimento dell attività.

7 - Polo Idraulico e Strutturale Pag SOMMARIO Nell ambito dell attività di Ricerca di Sistema svolta da Enel.Hydro-PIS per CESI, è in corso il progetto MASO che riguarda la previsione mediante modellistica numerica della quantità e qualità delle acque sotterranee. Il progetto MASO si inquadra nel tema della Compatibilità ambientale e le esternalità del sistema elettrico. Una prima parte del progetto ha riguardato l identificazione di siti pilota, il primo in provincia di La Spezia ed il secondo in provincia di Mantova rappresentativi, rispettivamente, di un applicazione a scala locale e di una a media scala. La presente relazione documenta le attività A1 e B1 previste dai milestone di dicembre 2000, i cui obiettivi sono: attività A1: Analisi e raccolta dei dati per un sito pilota. attività B1: Analisi critica dei modelli. Per l attività A1, sono stati raccolti ed analizzati i valori della piezometria e della concentrazione dei cloruri per il sito di La Spezia. I dati sono stati presentati sotto forma: di curve di isolivello, di isoconcetrazione e di time-history e georeferenziati rispetto alla mappa del sito. Per questa attività sono state utilizzate le misure raccolte nel corso di campagne di misura nel 1999 da Enel SRI-Area ambiente. Per l attività B1, sono stati analizzati criticamente i modelli matematici disponibili per lo studio della quantità e qualità delle acque sotterranee. I modelli sono stati valutati in base a differenti criteri come, la natura dell inquinante, le dimensioni del territorio in esame, la facilità di impiego, i software disponibili.

8 - Polo Idraulico e Strutturale Pag. 4 SUMMARY In the framework of the R&D activities promoted by the Italian Ministry of Industry and the Energy Authority, Enel.Hydro-PIS is being carrying out the project MASO to predict groundwater quantity and quality via mathematical modeling. The project MASO is related with the topic of Environmental compatibility and externality of the electric system. The first previous milestone of the project was to identify two sites, the first located in the province of La Spezia, the second site located in the province of Mantova the two sites representative, respectively, of a local scale and a medium scale application. Both sites are situated in the northern part of Italy. The goal of the second milestone and documented in this report, are the following: Activity A1: Data collection and analysis for a pilot test site Activity B1: Numerical models review In activity A1, measures of piezometric heads and pollutant concentration for the La Spezia site were collected and analyzed. Data are shown as contour line and timehistory. The available data would be then used in mathematical simulations. In activity B1, different mathematical models for the study of groundwater quantity and quality were assessed. Criteria for modeling evaluation were the nature of pollutant source, the site length scale, user-friendly features, software available.

9 - Polo Idraulico e Strutturale Pag INTRODUZIONE Enel.Hydro-PIS ha in corso di svolgimento una serie di progetti commissionati da CESI nel quadro delle attività di Ricerca di Sistema per il triennio L attività riguarda la Ricerca promossa dal Ministero dell Industria su disposizione dell Autorità dell Energia, e finanziata mediante apposita quota prevista per Legge sulla tariffazione dell energia elettrica venduta. Tra i temi affrontati dalla Ricerca di Sistema, è previsto quello della compatibilità ambientale e le esternalità del sistema elettrico. Relativamente ai corpi idrici, lo studio della compatibilità ambientale del sistema elettrico può essere condotto più efficacemente mediante una valutazione integrata della quantità e della qualità sia delle acque superficiali sia delle acque sotterranee presenti in un dato territorio. Tale approccio integrato risulta peraltro in sintonia con il recente D.Leg.vo 11 maggio 1999 n.152 che, ad esempio, prevede nell ambito del rilevamento dello stato di qualità dei corpi idrici la verifica dello stato qualitativo e quantitativo delle acque superficiali e sotterranee all interno di ciascun bacino idrografico (art.43,comma1). Nell ambito dello studio della compatibilità ambientale e dell esternalità del sistema elettrico della Ricerca di Sistema, CESI prevede lo sviluppo di uno strumento integrato di supporto per lo studio della quantità e qualità dei corpi idrici superficiali e sotterranei. Finalizzato alla realizzazione di tale strumento di supporto e alla messa a punto di una metodologia di impiego della modellistica numerica, Enel.Hydro-PIS ha in corso di svolgimento per CESI il progetto MASO (Modellistica delle Acque SOtterranee), che riguarda la previsione mediante modellistica numerica della quantità e qualità delle acque sotterranee. Una prima parte del progetto ha riguardato l identificazione di siti pilota, il primo in provincia di La Spezia ed il secondo in provincia di Mantova rappresentativi, rispettivamente, di un applicazione a scala locale e di una a media scala. L attività ha costituito il milestone giugno 2000 ed è stata documentata nella relazione Enel.Hydro-PIS n.5998.

10 - Polo Idraulico e Strutturale Pag. 6 La presente relazione documenta le attività svolte da Enel.Hydro-PIS e richieste dai milestone di dicembre 2000: attività A1: Analisi e raccolta dei dati per un sito pilota. attività B1: Analisi critica dei modelli. Per l attività A1, sono stati raccolti ed analizzati i valori della piezometria e della concentrazione dell inquinante per il sito di La Spezia. I dati sono stati presentati sotto forma: di curve di isolivello, di isoconcentrazione, di time-history, e georeferenziati rispetto alla mappa del sito. Per questa attività sono state utilizzate le misure raccolte da studi precedenti ed effettuate ex-novo da Enel SRI-Area ambiente nel corso del 1999 e documentate nella relazione Enel SRI-AMB-RF Per l attività B1, sono stati analizzati criticamente i modelli matematici disponibili per lo studio della quantità e qualità delle acque sotterranee. I modelli sono stati valutati sulla base di differenti criteri come, la modalità satura/non satura del flusso d acqua, la natura dell inquinante dell inquinante, le dimensioni del territorio in esame, la semplicità d impiego, i software disponibili. La relazione si articola nel seguente modo. Cap.3 Raccolta ed analisi dei dati Attività A1 Descrive quali sono i dati di interesse Cap.4 Fonti di documentazione per i dati Riporta le fonti da cui provengono i dati utilizzati Cap.5 Dati del sito di La Spezia Analisi dei dati del sito di La Spezia (piezometria e concentrazione cloruri) Attività B1 Cap.6 I modelli matematici delle acque sotterranee Introduce l impiego di modelli matematici per lo studio di quantità e qualità delle acque sotterranee Cap.7 Fonti di documentazione per i modelli Riporta i riferimenti bibliografici Cap.8 Modelli e dimensioni del sito Riporta la classificazione dei modelli in base al sito Cap.9 Modelli di flusso saturo/non saturo

11 - Polo Idraulico e Strutturale Pag. 7 Classificazione dei modelli in base alle caratteristiche di saturazione del terreno Cap.10 Modelli e natura dell inquinante Classificazione dei modelli in base alla natura dell inquinante Cap.11 Accuratezza e facilità d uso dei modelli Descrive alcune tematiche relative alla accuratezza e facilità d uso dei modelli Cap.12 Esempi di software Illustra alcuni esempi di implementazione di modelli numerici in software commerciali e non. Cap.13 Continuazione del progetto MASO Illustra gli step previsti per la continuazione del progetto

12 - Polo Idraulico e Strutturale Pag RACCOLTA ED ANALISI DEI DATI DEL SITO L impiego di modelli numerici per lo studio della quantità e qualità delle acque sotterranee, necessita di una base di dati misurati sul campo riguardanti il sito oggetto dello studio. I dati riguardano in particolare: 1) la litologia, l idrogeologia, l idrochimica del sito 2) la piezometria 3) la concentrazione degli inquinanti I dati del punto 1) comprendono un complesso di informazioni quali le caratteristiche dei terreni (tipo, permeabilità, eterogeneità), il tipo di acquifero (confinato o non), la natura della sorgente inquinante di interesse. Tali informazioni, sono state oggetto dell attività precedente svolta per il milestone giugno 2000 del progetto. Di fondamentale importanza, è la conoscenza della piezometria dell acquifero per quanto riguarda la quantità della risorsa idrica, e della concentrazione degli inquinanti per quanto riguarda la qualità. I dati di piezometria e di concentrazione sono rilevati in corrispondenza di pozzi, finestrati a differenti profondità, ubicati all interno e/o all esterno del sito da studiare. L impiego di tali dati consente di costruire un primo input di tentativo, consentendo di stimare un valore numerico per grandezze quali la permeabilità e la dispersività del terreno, le condizioni al contorno. Successivamente è possibile affrontare la fase della calibrazione, consistente nella modifica di alcuni parametri di input sino ad ottenere, entro un certo margine, valori simulati di piezometria e concentrazione degli inquinanti in accordo con le misure sperimentali. Una buona calibrazione costituisce un condizione necessaria per ottenere simulazioni affidabili per predire futuri scenari, per i quali non sono disponibili dati di confronto. La raccolta e l analisi della piezometria e della concentrazione dell inquinante per uno dei siti pilota già identificati, il sito di La Spezia, costituisce l oggetto dei successivi capitoli.

13 - Polo Idraulico e Strutturale Pag FONTI DI DOCUMENTAZIONE PER I DATI L origine dei dati di piezometria e di concentrazione degli inquinanti riportati nel presente rapporto è costituita dalla base di dati raccolta da Enel SRI-Area ambiente nel corso del In particolare, è stata utilizzata la seguente relazione tecnica. Sito di La Spezia Garavaglia R., Maran S., Stigliano G.P. (1999): Indagini ambientali relative al recupero dei bacini ceneri della centrale di La Spezia, Rapporto Finale ENEL-SRI-AMB

14 - Polo Idraulico e Strutturale Pag DATI DEL SITO DI LA SPEZIA 5.1 Piezometria Per il sito di La Spezia è disponibile la piezometria, espressa in m.s.m., misurata in 21 pozzi 1 caratterizzati da differenti profondità di finestratura (vedi tabella seguente). x y pozzo febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre A A n.d A n.d A A A6 n.d A7 n.d B n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d BP n.d E n.d E E n.d S S n.d. n.d. n.d S V V b b 5.71 n.d. n.d. n.d. n.d. n.d n.d. n.d. n.d b n.d T n.d. = non disponibile. Tabella 1 - Livelli di elevazione della tavola d acqua (m.s.l.m.) misurati durante il I dati si riferiscono a campagne fatte con cadenza mensile a partire dal febbraio 1999 al novembre 1999, per un totale quindi di n.10 set di dati. 1 In realtà le misure disponibili riguardano 35 pozzi. Tuttavia, sulla base di una serie di considerazioni sulla significatività delle misure (tipo falda intercettata, posizione del pozzo, ecc.), sono stati ritenuti validi solo i rilievi di 21 pozzi.

15 - Polo Idraulico e Strutturale Pag. 11 Interpolazione delle misure Per ricostruire una stima della piezometria a partire dalle misure disponibili ai pozzi, si utilizza un algoritmo di interpolazione. La scelta dell algoritmo deve tenere in conto che la grandezza in esame (livelli piezometrici) variano nello spazio, non in modo puramente casuale ma presentano un certo grado di correlazione. Esistono differenti tecniche per interpolare i dati: tra questi uno dei metodi più utilizzati è il kriging. Nel seguito si è utilizzato il kriging implementato nel software commerciale Surfer. Kriging, necessita in input la definizione di un variogramma. Tale compito richiede un analisi complessa dei dati e l assunzione di decisioni da cui dipendono fortemente il risultato finale dell interpolazione: per tale motivo, laddove non espressamente specificato, per la definizione della piezometria si è utilizzato il variogramma (e i relativi parametri) di default di Surfer, che in molte situazioni consentono di ottenere un interpolazione soddisfacente. Curve isopieze Utilizzando Surfer e il kriging, sono state costruite le curve isopieze (espresso in m.s.m.). Tali curve sono state sovrapposte sulla carta geografica del sito in modo da ottenere delle mappe georeferenziate, in modo da potere valutare l andamento delle isopieze rispetto alla posizione dei bacini ceneri e della centrale ENEL. Nelle figure che seguono sono illustrati gli andamenti della piezometria per ciascuno dei mesi analizzati. L estensione delle isopieze ottenute con l interpolazione copre anche parte delle zone montuose poste a contorno della valle pianeggiante in cui è presente la falda principale. In tali zone tuttavia, non esistono dati misurati, pertanto i valori delle isopieze ritenute significative sono quelle poste all interno delle due linee verdi inserite nelle mappe. Il gradiente idraulico medio della falda è orientato circa parallelamente a tali linee, da cui risulta che lo scorrimento della falda è prevalentemente orientato da sud-est verso nord-ovest, per poi piegare verso ovest (a valle della centrale ENEL) in direzione del mare. Rispetto alla direzione principale di scorrimento della falda, si possono notare due zone con un andamento particolare. La prima zona, posta a monte dei depositi ceneri, evidenzia dei valori relativamente più elevati della tavola d acqua, come rilevato dai piezometri A1 e A2. Tale fatto potrebbe essere causato da un lato dal flusso idrico sotterraneo proveniente dalla valle che si immette da sud (in corrispondenza dell abitato di Pomara) nel Piano di Pitelli, e dall altro lato per la presenza di un battente idraulico nei bacini ceneri (acqua confinata all interno degli argini dei bacini).

16 Figura 1 - Isopieze di Febbraio Polo Idraulico e Strutturale Pag. 12

17 Figura 2 - Isopieze di Marzo Polo Idraulico e Strutturale Pag. 13

18 Figura 3 - Isopieze di Aprile Polo Idraulico e Strutturale Pag. 14

19 Figura 4 - Isopieze di Maggio Polo Idraulico e Strutturale Pag. 15

20 Figura 5 - Isopieze di Giugno Polo Idraulico e Strutturale Pag. 16

21 Figura 6 - Isopieze di Luglio Polo Idraulico e Strutturale Pag. 17

22 Figura 7 - Isopieze di Agosto Polo Idraulico e Strutturale Pag. 18

23 Figura 8 - Isopieze di Settembre Polo Idraulico e Strutturale Pag. 19

24 Figura 9 - Isopieze di Ottobre Polo Idraulico e Strutturale Pag. 20

25 Figura 10 - Isopieze di Novembre Polo Idraulico e Strutturale Pag. 21

26 - Polo Idraulico e Strutturale Pag. 22 Una seconda zona, posta a sud della centrale ENEL, presenta la deformazione delle isopieze dando luogo ad un minore gradiente di livello passando dal pozzo A4 al pozzo V3. Questo comportamento potrebbe essere messo in relazione con la presenza dell effetto di maggiore drenaggio dovuto al terreno di riporto permeabile (sabbia) utilizzato dei riempimenti dello scavo del canale di adduzione acqua di raffreddamento della centrale, quest ultimo orientato proprio in direzione dei pozzi A4 e V3. Andamento stagionale dei livelli di falda Organizzando le misure di livello ai pozzi sotto forma di time-history, è possibile illustrare l andamento stagionale della falda. Per maggiore chiarezza d interpretazione, sono stati raggruppati i livelli relativi a pozzi adiacenti. L analisi dei grafici mostra un escursione del livello maggiore a monte dei bacini ceneri (fino a 4 metri) rispetto a valle dello stesso (anche inferiore al metro). E anche possibile mettere in luce la ricarica della falda, in modo più evidente a monte dei bacini, nei mesi di aprile e di ottobre. Analizzando gli andamenti dei livelli per ciascun gruppo di pozzi adiacenti, inoltre, si nota una certa omogeneità delle misure ( a parte quella rilevata nel pozzo S2 a febbraio). Riguardo agli andamenti meteorici, si evidenziano l aumento di intensità nel mese di ottobre come messo in luce dalla registrazione delle precipitazioni (rilevate giornalmente mediante pluviometro posto all interno della centrale ENEL) e dal cambio di pendenza della curva di tendenza della pioggia cumulata. Livelli piezometrici misurati (acquifero profondo) 12 m.s.m Jan-99 feb-99 mar-99 apr-99 mag-99 giu-99 lug-99 ago-99 set-99 ott-99 nov-99 dic-99 BP B5 E2 E4 Figura 11 - Andamento stagionale della piezometria.

27 - Polo Idraulico e Strutturale Pag. 23 Livelli piezometrici misurati (acquifero profondo) Jan-99 feb-99 mar-99 apr-99 mag-99 giu-99 lug-99 ago-99 set-99 ott-99 nov-99 dic-99 T2 A1 A2 E1 Livelli piezometrici misurati (acquifero profondo) jan-99 feb-99 mar-99 apr-99 mag- 99 giu-99 lug-99 ago-99 set-99 ott-99 nov-99 dic-99 A5 103b 101b 104b Livelli piezometrici misurati (acquifero profondo) jan-99 feb-99 mar-99 apr-99 mag-99 giu-99 lug-99 ago-99 set-99 ott-99 nov-99 dic-99 S1 S2 S3 A6 Figura 12 - Andamento stagionale della piezometria.

28 - Polo Idraulico e Strutturale Pag. 24 Livelli piezom etrici m isurati (acquifero profondo) m.s.m jan-99 feb-99 mar-99 apr-99 mag-99 giu-99 lug-99 ago-99 set-99 ott-99 nov-99 dic-99 A4 A3 V3 V4 A7 Figura 13 - Andamento stagionale della piezometria. Figura 14 - Andamento stagionale delle precipitazioni. 5.2 Concentrazione dei cloruri Lo stato di qualità della falda sotterranea, può essere ricostruito sulla base delle misure di concentrazioni degli inquinanti rilevate ai pozzi dell area in esame. In particolare, ai fini della presente attività sono stati prese in esame le concentrazioni dei cloruri espresse in mg/l.

29 - Polo Idraulico e Strutturale Pag. 25 Interpolazione delle misure Anche in questo caso, per produrre le mappe con le curve di isoconcentrazione è stato necessario utilizzare la tecnica del kriging quale strumento di interpolazione. Per la costruzione della mappe areali (piani orizzontali) è stato utilizzato il variogramma lineare senza anisotropia. Per l interpolazione dei dati, sono stati trattati separatamente i pozzi a monte ed a valle della sorgente inquinante. Per la costruzione dell andamento della concentrazione in una sezione verticale, invece, è stata attivata l anisotropia con slope=0 e anisotropy=5) in modo da essere più aderenti alla realtà fisica del fenomeno di trasporto di inquinante. Tutte le interpolazioni e le visualizzazioni sono state effettuate con il software commerciale Surfer. Curve di isoconcentrazione I dati disponibili riguardano sostanzialmente due aree poste rispettivamente a monte ed a valle della sorgente dei cloruri 2 (bacini ceneri, vedi figura successiva). La costruzione delle curve di isoconcentrazione (espressa in mg/l) nel piano orizzonatale mette in luce che a monte della sorgente lo stato di qualità dell acqua di falda (per quanto riguarda i cloruri) rientra nei parametri del DPR 236/88 che indica una CMA di 200 mg/l. In prossimità della sorgente sia a monte che a valle, invece, i valori misurati dei cloruri superano fino a due ordini di grandezza (11160 mg/l nel pozzo C2) il valore di CMA. Gli andamenti della concentrazione si presentano circa concentrici rispetto ai bacini ceneri. A monte, in cui la presenza di un gradiente di cloruri in senso contrario al moto medio della falda può essere dovuto al battente idraulico (di circa 10 metri) esistente nel bacino ceneri rispetto alla falda circostante, come già evidenziato con le isopieze. Sia a monte che a valle, l andamento dei cloruri appare essere correlato con l acqua di mare (concentrazione cloruri circa 20,000 mg/l) utilizzata per la movimentazione delle ceneri di carbone. L andamento dei cloruri nella sezione verticale passante per alcuni dei pozzi posti a valle dei bacini ceneri, mostra la presenza di due pennacchi uno superficiale ed uno più profondo separati da una zona di minore dispersione. Tale andamento si giustifica tenendo conto della probabile presenza nel terreno di un acquicludo 3 (orizzonte a bassa permeabilità, costituito da depositi fini in prevalenza limo) posto ad una distanza dal piano campagna variabile tra i 5 e i 20 metri. 2 Si osserva che lo ione cloruro può essere considerato come conservativo cioè non subisce trasformazioni chimiche in fase liquida e non viene significativamente adsorbito alla matrice solida del terreno. L unico effetto di diluizione è quindi dovuto alla dispersione a seguito della struttura porosa del terreno e delle eterogeneità.

30 - Polo Idraulico e Strutturale Pag. 26 L acquicludo, quindi, separa la falda superficiale freatica di minore importanza ed a carattere stagionale, dalla falda principale confinata sottostante, dando così origine ai due pennacchi. La distribuzione dei cloruri nella zona a valle adiacente ai depositi presenta le maggiori concentrazioni nei pozzi più profondi coerentemente con il fatto che l acqua con maggiore contento salino è più pesante dell acqua dolce e quindi tende a cadere nella parte inferiore della falda. Figura 15 - Sito di La Spezia (i depositi ceneri sono racchiusi nella linea gialla). 3 Dal punto di vista idrogeologico, l acquicludo è una formazione che contiene acqua (talvolta in quantità notevoli) ma non è in grado di trasportarne significative quantità. L acquitardo, è una formazione a carattere stratiforme, che presenta una permeabilità inferiore rispetto all acquifero in cui è inserita. Si può comportare come una membrana semi-impermeabile, che consente il trasporto dell acqua prevalentemente in direzione verticale.

31 - Polo Idraulico e Strutturale Pag. 27 Figura 16 - Distribuzione dei cloruri a valle del bacino ceneri. Figura 17 - Distribuzione dei cloruri a monte del bacino ceneri.

32 - Polo Idraulico e Strutturale Pag. 28 Figura 18 - Distribuzione dei cloruri nella sezione verticale passante per i pozzi evidenziati nel rettangolo rosso.

33 - Polo Idraulico e Strutturale Pag I MODELLI MATEMATICI DELLE ACQUE SOTTERRANEE La gestione e lo studio delle acque sotterranee in termini di quantità e qualità può avvalersi proficuamente dell impiego di uno strumento di supporto alle decisioni. Gli strumenti utilizzati possono riguardare differenti aspetti e problemi della tematica in esame, quali: analisi di rischio aspetti tossicologici e proprietà degli inquinanti GIS per l organizzazione e la visualizzazione di dati georeferenziati al terrirorio Previsione del destino e trasporto degli inquinanti in falda Si osserva che alcuni strumenti possono essere anche di tipo integrato, cioè in grado a trattare contemporaneamente più aspetti. Ad esempio, il destino e trasporto degli inquinanti può essere integrato con un GIS, oppure la destinazione d uso del territorio può essere integrata con la valutazione del trasporto di inquinanti in modo, da produrre mappe di rischio associate all area in esame. Il destino e il trasporto degli inquinanti, in particolare, è basato sull impiego di modelli matematici. Scopo di questo capitolo e di quelli successivi è di analizzare, classificare ed illustrare i modelli matematici utilizzati nello studio della quantità e qualità delle acque sotterranee. I modelli matematici, pure in presenza di misure sperimentali sul campo, offrono il vantaggio di fornire una previsione dell evoluzione dei fenomeni di inquinamento nel tempo, anche nelle zone di territorio non coperte dai sistemi di monitoraggio. L output di un modello è costituito, in generale, dalla previsione dell andamento spaziale e temporale del livello di falda e della concentrazione degli inquinanti 4. 4 Altre applicazioni della modellistica riguardante il sottosuolo possono riguardare, ad esempio, lo studio dei fenomeni di subsidenza del terreni, dei serbatoi geotermici (produzione di energia), dei giacimenti di gas e petrolio (attività estrattive). Tali modelli, tuttavia, non sono oggetto della presente attività.

34 - Polo Idraulico e Strutturale Pag. 30 Le caratteristiche dello specifico problema in esame possono, tuttavia, richiedere l indagine solamente di alcuni aspetti più significativi per il problema in esame, ad esempio dei soli livelli di falda (piezometria) qualora l interesse risieda in uno studio di quantità della risorsa idrica. A partire dagli anni 70, i modelli per le acque sotterranee sono stati modelli matematici, intendendo questi una rappresentazione in termini di equazioni ed algoritmi di una serie di fenomeni fisici e di ipotesi semplificative della realtà fisica 5. Le equazioni del modello possono essere di differente complessità, spaziando dalla semplice relazione analitica fino al sistema d equazioni differenziali alle derivate parziali (che non possiedono la soluzione analitica ma solo una soluzione numerica approssimata da ottenersi con opportuni algoritmi). L impiego di modelli matematici quale strumento per il supporto alle decisioni di problemi reali richiede l applicazione di una metodologia di lavoro, affinchè gli strumenti disponibili siano utilizzati in modo efficiente in termini di costi-benefici. Un esempio di tale metodologia è riportata in fig.19, in cui sono illustrati i differenti step da seguire in una applicazione reale di studio delle acque sotterranee mediante modello matematico. 5 Contrariamente ai problemi delle acque sotterranee, altre tematiche riguardanti la risorsa idrica, ad esempio i corsi d acqua superficiali, hanno visto l impiego anche di modelli sperimentali (modelli fisici), intendendo per questi una rappresentazione del problema reale mediante la costruzione in laboratorio di un modello in scala ridotta.

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale La risorsa idrica sotterranea tra pressione Marco Petitta Società Geologica Italiana Dipartimento di Scienze della Terra Università di Roma La Sapienza Compiti del geologo (idrogeologo) sul tema acqua

Dettagli

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Corso di Idrogeologia Applicata Dr Alessio Fileccia Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Le immagini ed i testi rappresentano una sintesi, non esaustiva, dell intero corso di Idrogeologia tenuto

Dettagli

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara La Qualità dell Aria stimata: applicazioni modellistiche ADMS per uno studio della diffusione degli inquinanti atmosferici nel comune di Ferrara e aree limitrofe Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema

Dettagli

Effetto di A.S.A.P. sul livello, qualità e vulnerabilità dell'acquifero. (Rev. 2c)

Effetto di A.S.A.P. sul livello, qualità e vulnerabilità dell'acquifero. (Rev. 2c) 1/43 LIFE06/ENV/IT/000255 A.S.A.P. Actions for Systemic Aquifer Protection The A.S.A.P. project is partially funded by the European Union LIFE Programme Effetto di A.S.A.P. sul livello, qualità e vulnerabilità

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Rapporto CESI. Cliente: Oggetto: Ordine: Contratto CESI n. 71/00056. Note: N. pagine: 13 N. pagine fuori testo: Data: 30.05.2000.

Rapporto CESI. Cliente: Oggetto: Ordine: Contratto CESI n. 71/00056. Note: N. pagine: 13 N. pagine fuori testo: Data: 30.05.2000. A0/010226 Pag.1/13 Cliente: Ricerca di Sistema Oggetto: Determinazione della tenacità di acciai eserciti - Correlazioni per stime di FATT da prove Small Punch Ordine: Contratto CESI n. 71/00056 Note: DEGRADO/GEN04/003

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino.

Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino. Il bacino può essere inteso come volume di controllo che appoggia sulla superficie del suolo oppure sullo strato impermeabile sottostante agli acquiferi. I fenomeni di trasporto di acqua attraverso il

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Assessorato Ambiente, Parchi e Aree Protette, Promozione del risparmio energetico Risorse Idriche, Acque Minerali e Termali LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PREMESSA Con l emanazione

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA 148 QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI La maggior parte dei grandi acquedotti attingono e distribuiscono acqua di elevata qualità (nitrati inferiori a 10 mg/l). Solo alcune

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

ENER-SUPPLY ENergy Efficiency and Renewables SUPporting Policies in Local level for EnergY

ENER-SUPPLY ENergy Efficiency and Renewables SUPporting Policies in Local level for EnergY Comune di Potenza ENER-SUPPLY ENergy Efficiency and Renewables SUPporting Policies in Local level for EnergY Task 3.3. Programma di formazione sullo sviluppo delle fonti energetiche rinnovabili 1 Indice

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 12 febbraio 2015, n. 31. Regolamento recante criteri sempli cati per la caratterizzazione, messa in

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA

VASCHE DI PRIMA PIOGGIA Criteri di progettazione, realizzazione e gestione VASCHE DI PRIMA PIOGGIA e VASCHE DI LAMINAZIONE nell ambito dei sistemi fognari GETTO FINALE gno - 1d disegno - 5d disegno - 4d GETTO FINALE ASPIRAZIONE

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO

PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ NELL AREA DEL CAVALLINO Studio di tecniche innovative per la razionalizzazione dell uso di fertilizzanti abbinato alla razionalizzazione della risorsa idrica PRODURRE BENE ANCHE SENZA CONCIMARE: I RISULTATI DEL PROGETTO FERTIRAZ

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE

INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE L art. 186 del d.lgs.152/06 indica le condizioni alle quali è consentito

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog.

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. MASSA) Davide Damato, Michele Morelli, Luca Lanteri, Daniele Bormioli, Rocco

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

VALUTAZIONE QUALITA ARIA

VALUTAZIONE QUALITA ARIA COMUNE di CASTELLARANO (loc. Roteglia) Provincia di REGGIO EMILIA VALUTAZIONE QUALITA ARIA STUDIO DI RICADUTA INQUINANTI riferito all attività svolta da COTTO PETRUS S.r.l. Roteglia Castellarano (RE) Luglio

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Indice INTRODUZIONE ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi Appendice III (articolo 5, comma 1 e art. 22 commi 5 e 7) Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi 1. Tecniche di modellizzazione 1.1 Introduzione. In generale,

Dettagli

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Alessandra Galosi - Stefano Lucci Luca Segazzi ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale 1.Premessa 2. L attività

Dettagli

General Linear Model. Esercizio

General Linear Model. Esercizio Esercizio General Linear Model Una delle molteplici applicazioni del General Linear Model è la Trend Surface Analysis. Questa tecnica cerca di individuare, in un modello di superficie, quale tendenza segue

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Via Fanin,, 48 40127 Bologna Tel. 051 4200324 luigi.petta petta@envis.itit

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

Le pompe di calore II

Le pompe di calore II Le pompe di calore II G.L. Morini Laboratorio di Termotecnica Dipartimento di Ingegneria Energetica, Nucleare e del Controllo Ambientale Viale Risorgimento 2, 40136 Bologna COP medio effettivo: SCOP COP

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Protocollo per la Definizione dei Valori di Fondo per le Sostanze Inorganiche nelle Acque Sotterranee

Protocollo per la Definizione dei Valori di Fondo per le Sostanze Inorganiche nelle Acque Sotterranee Servizio Interdipartimentale per le Emergenze Ambientali Settore Siti Contaminati * * * Protocollo per la Definizione dei Valori di Fondo per le Sostanze Inorganiche nelle Acque Sotterranee * * * Aprile

Dettagli

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali Il Divulgatore n.10/2002 Sicurezza alimentare PARTENDO DALLA DOP Tr@ce.pig è un progetto di tracciabilità della filiera del suino pesante utilizzato come materia prima per i Prosciutti di Parma a Denominazione

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Keywords: dighe a gravità in calcestruzzo, verifica sismica, metodi semplificati, programmi di calcolo. Autore: L. Furgoni, Relatore: Prof. C. Nuti,

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale.

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. L analisi modale è un approccio molto efficace al comportamento dinamico delle strutture, alla verifica di modelli di calcolo

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Ai Comuni Alle Province Alle Autorità d'ambito Ai gestori del servizio pubblico di fognatura e depurazione All'A.R.P.A.V.

Ai Comuni Alle Province Alle Autorità d'ambito Ai gestori del servizio pubblico di fognatura e depurazione All'A.R.P.A.V. Circolare del Presidente della Giunta Regionale n. 12 del 9/8/02, approvata con D.G.R.V. n. 2106 del 2/8/02, recante "Norme di Attuazione del Piano Regionale di Risanamento delle Acque. Testo coordinato

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli Prefazione Non è facile definire che cosa è un problema inverso anche se, ogni giorno, facciamo delle operazioni mentali che sono dei metodi inversi: riconoscere i luoghi che attraversiamo quando andiamo

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23)

Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23) Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23) Indicatori congiunturali di settore e previsioni Business Analysis Aprile 2015 Indicatori congiunturali Indice della

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

ANPA. Agenzia Nazionale per la Protezione dell'ambiente

ANPA. Agenzia Nazionale per la Protezione dell'ambiente ANPA Agenzia Nazionale per la Protezione dell'ambiente LINEE GUIDA PER LA SELEZIONE E L'APPLICAZIONE DEI MODELLI DI DISPERSIONE ATMOSFERICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA RTI CTN_ACE 4/2001

Dettagli

La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava

La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava Ordine dei Geologi della Toscana Commissione Terre e rocce da scavo Firenze 09/12/2008 ORIGINE impianti di lavaggio degli inerti di

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO Gli impianti idroelettrici Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

RELAZIONE DI FINE TIROCINIO

RELAZIONE DI FINE TIROCINIO Dipartimento di Ingegneria Civile Laura Magistrale in Ingegneria Civile per la Protezione dai Rischi Naturali A.A. 2014-2015 RELAZIONE DI FINE TIROCINIO INTRODUZIONE ALL'USO DEL SOFTWARE GIS UDIG Tirocinante:

Dettagli

Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura.

Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura. DELIBERAZIONE N. 32/71 DEL 15.9.2010 Oggetto: Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura. L Assessore della Difesa dell Ambiente riferisce

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E 2010 Redexe S.u.r.l., Tutti i diritti sono riservati REDEXE S.r.l., Società a Socio Unico Sede Legale: 36100 Vicenza, Viale Riviera Berica 31 ISCRITTA ALLA CCIAA

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici

di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici Alice Piva 1, Giacomo Gamberoni 1, Denis Ferraretti 1, Evelina Lamma 2 1 intelliware snc, via J.F.Kennedy 15, 44122 Ferrara,

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli