ANALISI DEI MODELLI MATEMATICI DELLE ACQUE SOTTERRANEE E RACCOLTA DEI DATI PER UN SITO PILOTA MILESTONE DICEMBRE 2000

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANALISI DEI MODELLI MATEMATICI DELLE ACQUE SOTTERRANEE E RACCOLTA DEI DATI PER UN SITO PILOTA MILESTONE DICEMBRE 2000"

Transcript

1 Rapporto CESI A0/ Pag.1/3 Cliente: RICERCA DI SISTEMA Oggetto: ANALISI DEI MODELLI MATEMATICI DELLE ACQUE SOTTERRANEE E RACCOLTA DEI DATI PER UN SITO PILOTA MILESTONE DICEMBRE 2000 Ordine: CONTRATTO CESI 41/00060 Note: ESTERNA/AMB01/030 senza l'autorizzazione scritta del CESI questo documento può essere riprodotto solo integralmente N. pagine: 3 N. pagine fuori testo: 127 Data: 31 Dicembre 2000 Elaborato: ENEL.HYDRO-PIS A. Maffio, Verificato: CESI-AMB G. Pedroni, Approvato: CESI-AMB A. Pigini CESI Via R. Rubattino 54 Capitale sociale 17,1 miliardi Sezione Ordinaria Centro Elettrotecnico Milano - Italia interamente versato Tribunale Milano Sperimentale Italiano Telefono CCIAA di Milano n P.I. IT Giacinto Motta spa Fax Registro delle Imprese C.F di Milano n

2 Rapporto CESI A0/ Pag.2/3 Indice SOMMARIO... 3 ALLEGATO 1: ANALISI DEI MODELLI MATEMATICI DELLE ACQUE SOTTERRANEE E RACCOLTA DEI DATI PER UN SITO PILOTA Milestone Dicembre 2000 (Prot. CESI n. A0/043376) Autori: A. Maffio, ENEL Hydro Copyright 2001 by CESI. All rights reserved - Activity code 26153Q - ESTERNA Keywords: 12035F

3 Rapporto CESI A0/ Pag.3/3 STORIA DELLE REVISIONI Numero Data Protocollo Lista delle modifiche e/o dei paragrafi modificati revisione 0 31/12/00 A0/ Prima Emissione SOMMARIO L'attività presentata nel rapporto in allegato è stata svolta da ENEL Hydro. Tale attività si inserisce nell'ambito del progetto ESTERNA nell'ambito della Ricerca di Sistema. In particolare le attività svolte si inquadrano nell'attività 6 del Progetto ESTERNA: Previsione modellistica della qualità e quantità della risorsa idrica Tale attività comprende: la valutazione previsionale della qualità e della quantità della risorsa idrica a diverse scale, anche per ciò che riguarda le acque sotterranee, attraverso l applicazione di modelli matematici, la dove i dati disponibili e quelli ottenuti sperimentalmente si presenteranno incompleti e/o puntuali la valutazione, effettuata tramite l applicazione di modelli matematici, dell estensione delle aree interessate dal pennacchio termico di centrali termoelettriche, prendendo in considerazione una selezione mirata e significativa di casi studio costituiti da tipologie di centrali operanti in ambienti fluviali, marino costieri e estuariali. In tale contesto l'attività svolta da ENEL-Hydro e descritta in questo rapporto ha riguardato, da un lato, la raccolta e la analisi dei valori della piezometria e della concentrazione dei cloruri per il sito di La Spezia e, dall'altro lato, la analisi critica di modelli matematici disponibili per lo studio della quantità e qualità delle acque sotterranee.

4 ALLEGATO 1 ANALISI DEI MODELLI MATEMATICI DELLE ACQUE SOTTERRANEE E RACCOLTA DEI DATI PER UN SITO PILOTA Milestone Dicembre 2000 (Prot. CESI n. A0/043376) Autori: A. Maffio, ENEL Hydro

5 - Polo Idraulico e Strutturale Pag. 1 RICERCA DI SISTEMA ANALISI DEI MODELLI MATEMATICI DELLE ACQUE SOTTERRANEE Progetto MASO (Modellistica delle Acque SOtterranee) Attività A1 (Raccolta di informazioni e rilievo di dati) (Data collection and analysis) Attività B1 (Analisi dei modelli matematici) (Numerical Models review) MILESTONE DICEMBRE 2000 INDICE RINGRAZIAMENTI SOMMARIO INTRODUZIONE RACCOLTA ED ANALISI DEI DATI DEL SITO FONTI DI DOCUMENTAZIONE PER I DATI DATI DEL SITO DI LA SPEZIA Piezometria Concentrazione dei cloruri I MODELLI MATEMATICI DELLE ACQUE SOTTERRANEE FONTI DI DOCUMENTAZIONE PER MODELLI E SOFTWARE MODELLI E DIMENSIONI DEL SITO Scale spaziali Schematizzazioni 3D,2D,1D Criteri di scelta MODELLI DI FLUSSO SATURO/NON SATURO Modelli di flusso e idrogeologia del terreno MODELLI E NATURA DELL INQUINANTE Modelli per inquinanti in soluzione Modelli per inquinanti NAPL s Modelli per inquinanti in elevate concentrazioni ACCURATEZZA E FACILITA D USO DEI MODELLI Accuratezza dei modelli Facilità d uso ESEMPI DI MODELLI E DI SOFTWARE... 97

6 - Polo Idraulico e Strutturale Pag. 2 MOFAT BIOSCREEN BioSVE ITACA-GIS GMS v MODFLOW MODPATH MT3D-MS RT3D120 SEAM3D SEEP2D FEMWATER UTCHEM CONTINUAZIONE DEL PROGETTO Parole chiave: acque sotterranee, inquinamento Classifica: 061:61/J8 Circolazione: riservata CESI RINGRAZIAMENTI Si desidera ringraziare il dott. Giacomo Parati per la collaborazione prestata nello svolgimento dell attività.

7 - Polo Idraulico e Strutturale Pag SOMMARIO Nell ambito dell attività di Ricerca di Sistema svolta da Enel.Hydro-PIS per CESI, è in corso il progetto MASO che riguarda la previsione mediante modellistica numerica della quantità e qualità delle acque sotterranee. Il progetto MASO si inquadra nel tema della Compatibilità ambientale e le esternalità del sistema elettrico. Una prima parte del progetto ha riguardato l identificazione di siti pilota, il primo in provincia di La Spezia ed il secondo in provincia di Mantova rappresentativi, rispettivamente, di un applicazione a scala locale e di una a media scala. La presente relazione documenta le attività A1 e B1 previste dai milestone di dicembre 2000, i cui obiettivi sono: attività A1: Analisi e raccolta dei dati per un sito pilota. attività B1: Analisi critica dei modelli. Per l attività A1, sono stati raccolti ed analizzati i valori della piezometria e della concentrazione dei cloruri per il sito di La Spezia. I dati sono stati presentati sotto forma: di curve di isolivello, di isoconcetrazione e di time-history e georeferenziati rispetto alla mappa del sito. Per questa attività sono state utilizzate le misure raccolte nel corso di campagne di misura nel 1999 da Enel SRI-Area ambiente. Per l attività B1, sono stati analizzati criticamente i modelli matematici disponibili per lo studio della quantità e qualità delle acque sotterranee. I modelli sono stati valutati in base a differenti criteri come, la natura dell inquinante, le dimensioni del territorio in esame, la facilità di impiego, i software disponibili.

8 - Polo Idraulico e Strutturale Pag. 4 SUMMARY In the framework of the R&D activities promoted by the Italian Ministry of Industry and the Energy Authority, Enel.Hydro-PIS is being carrying out the project MASO to predict groundwater quantity and quality via mathematical modeling. The project MASO is related with the topic of Environmental compatibility and externality of the electric system. The first previous milestone of the project was to identify two sites, the first located in the province of La Spezia, the second site located in the province of Mantova the two sites representative, respectively, of a local scale and a medium scale application. Both sites are situated in the northern part of Italy. The goal of the second milestone and documented in this report, are the following: Activity A1: Data collection and analysis for a pilot test site Activity B1: Numerical models review In activity A1, measures of piezometric heads and pollutant concentration for the La Spezia site were collected and analyzed. Data are shown as contour line and timehistory. The available data would be then used in mathematical simulations. In activity B1, different mathematical models for the study of groundwater quantity and quality were assessed. Criteria for modeling evaluation were the nature of pollutant source, the site length scale, user-friendly features, software available.

9 - Polo Idraulico e Strutturale Pag INTRODUZIONE Enel.Hydro-PIS ha in corso di svolgimento una serie di progetti commissionati da CESI nel quadro delle attività di Ricerca di Sistema per il triennio L attività riguarda la Ricerca promossa dal Ministero dell Industria su disposizione dell Autorità dell Energia, e finanziata mediante apposita quota prevista per Legge sulla tariffazione dell energia elettrica venduta. Tra i temi affrontati dalla Ricerca di Sistema, è previsto quello della compatibilità ambientale e le esternalità del sistema elettrico. Relativamente ai corpi idrici, lo studio della compatibilità ambientale del sistema elettrico può essere condotto più efficacemente mediante una valutazione integrata della quantità e della qualità sia delle acque superficiali sia delle acque sotterranee presenti in un dato territorio. Tale approccio integrato risulta peraltro in sintonia con il recente D.Leg.vo 11 maggio 1999 n.152 che, ad esempio, prevede nell ambito del rilevamento dello stato di qualità dei corpi idrici la verifica dello stato qualitativo e quantitativo delle acque superficiali e sotterranee all interno di ciascun bacino idrografico (art.43,comma1). Nell ambito dello studio della compatibilità ambientale e dell esternalità del sistema elettrico della Ricerca di Sistema, CESI prevede lo sviluppo di uno strumento integrato di supporto per lo studio della quantità e qualità dei corpi idrici superficiali e sotterranei. Finalizzato alla realizzazione di tale strumento di supporto e alla messa a punto di una metodologia di impiego della modellistica numerica, Enel.Hydro-PIS ha in corso di svolgimento per CESI il progetto MASO (Modellistica delle Acque SOtterranee), che riguarda la previsione mediante modellistica numerica della quantità e qualità delle acque sotterranee. Una prima parte del progetto ha riguardato l identificazione di siti pilota, il primo in provincia di La Spezia ed il secondo in provincia di Mantova rappresentativi, rispettivamente, di un applicazione a scala locale e di una a media scala. L attività ha costituito il milestone giugno 2000 ed è stata documentata nella relazione Enel.Hydro-PIS n.5998.

10 - Polo Idraulico e Strutturale Pag. 6 La presente relazione documenta le attività svolte da Enel.Hydro-PIS e richieste dai milestone di dicembre 2000: attività A1: Analisi e raccolta dei dati per un sito pilota. attività B1: Analisi critica dei modelli. Per l attività A1, sono stati raccolti ed analizzati i valori della piezometria e della concentrazione dell inquinante per il sito di La Spezia. I dati sono stati presentati sotto forma: di curve di isolivello, di isoconcentrazione, di time-history, e georeferenziati rispetto alla mappa del sito. Per questa attività sono state utilizzate le misure raccolte da studi precedenti ed effettuate ex-novo da Enel SRI-Area ambiente nel corso del 1999 e documentate nella relazione Enel SRI-AMB-RF Per l attività B1, sono stati analizzati criticamente i modelli matematici disponibili per lo studio della quantità e qualità delle acque sotterranee. I modelli sono stati valutati sulla base di differenti criteri come, la modalità satura/non satura del flusso d acqua, la natura dell inquinante dell inquinante, le dimensioni del territorio in esame, la semplicità d impiego, i software disponibili. La relazione si articola nel seguente modo. Cap.3 Raccolta ed analisi dei dati Attività A1 Descrive quali sono i dati di interesse Cap.4 Fonti di documentazione per i dati Riporta le fonti da cui provengono i dati utilizzati Cap.5 Dati del sito di La Spezia Analisi dei dati del sito di La Spezia (piezometria e concentrazione cloruri) Attività B1 Cap.6 I modelli matematici delle acque sotterranee Introduce l impiego di modelli matematici per lo studio di quantità e qualità delle acque sotterranee Cap.7 Fonti di documentazione per i modelli Riporta i riferimenti bibliografici Cap.8 Modelli e dimensioni del sito Riporta la classificazione dei modelli in base al sito Cap.9 Modelli di flusso saturo/non saturo

11 - Polo Idraulico e Strutturale Pag. 7 Classificazione dei modelli in base alle caratteristiche di saturazione del terreno Cap.10 Modelli e natura dell inquinante Classificazione dei modelli in base alla natura dell inquinante Cap.11 Accuratezza e facilità d uso dei modelli Descrive alcune tematiche relative alla accuratezza e facilità d uso dei modelli Cap.12 Esempi di software Illustra alcuni esempi di implementazione di modelli numerici in software commerciali e non. Cap.13 Continuazione del progetto MASO Illustra gli step previsti per la continuazione del progetto

12 - Polo Idraulico e Strutturale Pag RACCOLTA ED ANALISI DEI DATI DEL SITO L impiego di modelli numerici per lo studio della quantità e qualità delle acque sotterranee, necessita di una base di dati misurati sul campo riguardanti il sito oggetto dello studio. I dati riguardano in particolare: 1) la litologia, l idrogeologia, l idrochimica del sito 2) la piezometria 3) la concentrazione degli inquinanti I dati del punto 1) comprendono un complesso di informazioni quali le caratteristiche dei terreni (tipo, permeabilità, eterogeneità), il tipo di acquifero (confinato o non), la natura della sorgente inquinante di interesse. Tali informazioni, sono state oggetto dell attività precedente svolta per il milestone giugno 2000 del progetto. Di fondamentale importanza, è la conoscenza della piezometria dell acquifero per quanto riguarda la quantità della risorsa idrica, e della concentrazione degli inquinanti per quanto riguarda la qualità. I dati di piezometria e di concentrazione sono rilevati in corrispondenza di pozzi, finestrati a differenti profondità, ubicati all interno e/o all esterno del sito da studiare. L impiego di tali dati consente di costruire un primo input di tentativo, consentendo di stimare un valore numerico per grandezze quali la permeabilità e la dispersività del terreno, le condizioni al contorno. Successivamente è possibile affrontare la fase della calibrazione, consistente nella modifica di alcuni parametri di input sino ad ottenere, entro un certo margine, valori simulati di piezometria e concentrazione degli inquinanti in accordo con le misure sperimentali. Una buona calibrazione costituisce un condizione necessaria per ottenere simulazioni affidabili per predire futuri scenari, per i quali non sono disponibili dati di confronto. La raccolta e l analisi della piezometria e della concentrazione dell inquinante per uno dei siti pilota già identificati, il sito di La Spezia, costituisce l oggetto dei successivi capitoli.

13 - Polo Idraulico e Strutturale Pag FONTI DI DOCUMENTAZIONE PER I DATI L origine dei dati di piezometria e di concentrazione degli inquinanti riportati nel presente rapporto è costituita dalla base di dati raccolta da Enel SRI-Area ambiente nel corso del In particolare, è stata utilizzata la seguente relazione tecnica. Sito di La Spezia Garavaglia R., Maran S., Stigliano G.P. (1999): Indagini ambientali relative al recupero dei bacini ceneri della centrale di La Spezia, Rapporto Finale ENEL-SRI-AMB

14 - Polo Idraulico e Strutturale Pag DATI DEL SITO DI LA SPEZIA 5.1 Piezometria Per il sito di La Spezia è disponibile la piezometria, espressa in m.s.m., misurata in 21 pozzi 1 caratterizzati da differenti profondità di finestratura (vedi tabella seguente). x y pozzo febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre A A n.d A n.d A A A6 n.d A7 n.d B n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d BP n.d E n.d E E n.d S S n.d. n.d. n.d S V V b b 5.71 n.d. n.d. n.d. n.d. n.d n.d. n.d. n.d b n.d T n.d. = non disponibile. Tabella 1 - Livelli di elevazione della tavola d acqua (m.s.l.m.) misurati durante il I dati si riferiscono a campagne fatte con cadenza mensile a partire dal febbraio 1999 al novembre 1999, per un totale quindi di n.10 set di dati. 1 In realtà le misure disponibili riguardano 35 pozzi. Tuttavia, sulla base di una serie di considerazioni sulla significatività delle misure (tipo falda intercettata, posizione del pozzo, ecc.), sono stati ritenuti validi solo i rilievi di 21 pozzi.

15 - Polo Idraulico e Strutturale Pag. 11 Interpolazione delle misure Per ricostruire una stima della piezometria a partire dalle misure disponibili ai pozzi, si utilizza un algoritmo di interpolazione. La scelta dell algoritmo deve tenere in conto che la grandezza in esame (livelli piezometrici) variano nello spazio, non in modo puramente casuale ma presentano un certo grado di correlazione. Esistono differenti tecniche per interpolare i dati: tra questi uno dei metodi più utilizzati è il kriging. Nel seguito si è utilizzato il kriging implementato nel software commerciale Surfer. Kriging, necessita in input la definizione di un variogramma. Tale compito richiede un analisi complessa dei dati e l assunzione di decisioni da cui dipendono fortemente il risultato finale dell interpolazione: per tale motivo, laddove non espressamente specificato, per la definizione della piezometria si è utilizzato il variogramma (e i relativi parametri) di default di Surfer, che in molte situazioni consentono di ottenere un interpolazione soddisfacente. Curve isopieze Utilizzando Surfer e il kriging, sono state costruite le curve isopieze (espresso in m.s.m.). Tali curve sono state sovrapposte sulla carta geografica del sito in modo da ottenere delle mappe georeferenziate, in modo da potere valutare l andamento delle isopieze rispetto alla posizione dei bacini ceneri e della centrale ENEL. Nelle figure che seguono sono illustrati gli andamenti della piezometria per ciascuno dei mesi analizzati. L estensione delle isopieze ottenute con l interpolazione copre anche parte delle zone montuose poste a contorno della valle pianeggiante in cui è presente la falda principale. In tali zone tuttavia, non esistono dati misurati, pertanto i valori delle isopieze ritenute significative sono quelle poste all interno delle due linee verdi inserite nelle mappe. Il gradiente idraulico medio della falda è orientato circa parallelamente a tali linee, da cui risulta che lo scorrimento della falda è prevalentemente orientato da sud-est verso nord-ovest, per poi piegare verso ovest (a valle della centrale ENEL) in direzione del mare. Rispetto alla direzione principale di scorrimento della falda, si possono notare due zone con un andamento particolare. La prima zona, posta a monte dei depositi ceneri, evidenzia dei valori relativamente più elevati della tavola d acqua, come rilevato dai piezometri A1 e A2. Tale fatto potrebbe essere causato da un lato dal flusso idrico sotterraneo proveniente dalla valle che si immette da sud (in corrispondenza dell abitato di Pomara) nel Piano di Pitelli, e dall altro lato per la presenza di un battente idraulico nei bacini ceneri (acqua confinata all interno degli argini dei bacini).

16 Figura 1 - Isopieze di Febbraio Polo Idraulico e Strutturale Pag. 12

17 Figura 2 - Isopieze di Marzo Polo Idraulico e Strutturale Pag. 13

18 Figura 3 - Isopieze di Aprile Polo Idraulico e Strutturale Pag. 14

19 Figura 4 - Isopieze di Maggio Polo Idraulico e Strutturale Pag. 15

20 Figura 5 - Isopieze di Giugno Polo Idraulico e Strutturale Pag. 16

21 Figura 6 - Isopieze di Luglio Polo Idraulico e Strutturale Pag. 17

22 Figura 7 - Isopieze di Agosto Polo Idraulico e Strutturale Pag. 18

23 Figura 8 - Isopieze di Settembre Polo Idraulico e Strutturale Pag. 19

24 Figura 9 - Isopieze di Ottobre Polo Idraulico e Strutturale Pag. 20

25 Figura 10 - Isopieze di Novembre Polo Idraulico e Strutturale Pag. 21

26 - Polo Idraulico e Strutturale Pag. 22 Una seconda zona, posta a sud della centrale ENEL, presenta la deformazione delle isopieze dando luogo ad un minore gradiente di livello passando dal pozzo A4 al pozzo V3. Questo comportamento potrebbe essere messo in relazione con la presenza dell effetto di maggiore drenaggio dovuto al terreno di riporto permeabile (sabbia) utilizzato dei riempimenti dello scavo del canale di adduzione acqua di raffreddamento della centrale, quest ultimo orientato proprio in direzione dei pozzi A4 e V3. Andamento stagionale dei livelli di falda Organizzando le misure di livello ai pozzi sotto forma di time-history, è possibile illustrare l andamento stagionale della falda. Per maggiore chiarezza d interpretazione, sono stati raggruppati i livelli relativi a pozzi adiacenti. L analisi dei grafici mostra un escursione del livello maggiore a monte dei bacini ceneri (fino a 4 metri) rispetto a valle dello stesso (anche inferiore al metro). E anche possibile mettere in luce la ricarica della falda, in modo più evidente a monte dei bacini, nei mesi di aprile e di ottobre. Analizzando gli andamenti dei livelli per ciascun gruppo di pozzi adiacenti, inoltre, si nota una certa omogeneità delle misure ( a parte quella rilevata nel pozzo S2 a febbraio). Riguardo agli andamenti meteorici, si evidenziano l aumento di intensità nel mese di ottobre come messo in luce dalla registrazione delle precipitazioni (rilevate giornalmente mediante pluviometro posto all interno della centrale ENEL) e dal cambio di pendenza della curva di tendenza della pioggia cumulata. Livelli piezometrici misurati (acquifero profondo) 12 m.s.m Jan-99 feb-99 mar-99 apr-99 mag-99 giu-99 lug-99 ago-99 set-99 ott-99 nov-99 dic-99 BP B5 E2 E4 Figura 11 - Andamento stagionale della piezometria.

27 - Polo Idraulico e Strutturale Pag. 23 Livelli piezometrici misurati (acquifero profondo) Jan-99 feb-99 mar-99 apr-99 mag-99 giu-99 lug-99 ago-99 set-99 ott-99 nov-99 dic-99 T2 A1 A2 E1 Livelli piezometrici misurati (acquifero profondo) jan-99 feb-99 mar-99 apr-99 mag- 99 giu-99 lug-99 ago-99 set-99 ott-99 nov-99 dic-99 A5 103b 101b 104b Livelli piezometrici misurati (acquifero profondo) jan-99 feb-99 mar-99 apr-99 mag-99 giu-99 lug-99 ago-99 set-99 ott-99 nov-99 dic-99 S1 S2 S3 A6 Figura 12 - Andamento stagionale della piezometria.

28 - Polo Idraulico e Strutturale Pag. 24 Livelli piezom etrici m isurati (acquifero profondo) m.s.m jan-99 feb-99 mar-99 apr-99 mag-99 giu-99 lug-99 ago-99 set-99 ott-99 nov-99 dic-99 A4 A3 V3 V4 A7 Figura 13 - Andamento stagionale della piezometria. Figura 14 - Andamento stagionale delle precipitazioni. 5.2 Concentrazione dei cloruri Lo stato di qualità della falda sotterranea, può essere ricostruito sulla base delle misure di concentrazioni degli inquinanti rilevate ai pozzi dell area in esame. In particolare, ai fini della presente attività sono stati prese in esame le concentrazioni dei cloruri espresse in mg/l.

29 - Polo Idraulico e Strutturale Pag. 25 Interpolazione delle misure Anche in questo caso, per produrre le mappe con le curve di isoconcentrazione è stato necessario utilizzare la tecnica del kriging quale strumento di interpolazione. Per la costruzione della mappe areali (piani orizzontali) è stato utilizzato il variogramma lineare senza anisotropia. Per l interpolazione dei dati, sono stati trattati separatamente i pozzi a monte ed a valle della sorgente inquinante. Per la costruzione dell andamento della concentrazione in una sezione verticale, invece, è stata attivata l anisotropia con slope=0 e anisotropy=5) in modo da essere più aderenti alla realtà fisica del fenomeno di trasporto di inquinante. Tutte le interpolazioni e le visualizzazioni sono state effettuate con il software commerciale Surfer. Curve di isoconcentrazione I dati disponibili riguardano sostanzialmente due aree poste rispettivamente a monte ed a valle della sorgente dei cloruri 2 (bacini ceneri, vedi figura successiva). La costruzione delle curve di isoconcentrazione (espressa in mg/l) nel piano orizzonatale mette in luce che a monte della sorgente lo stato di qualità dell acqua di falda (per quanto riguarda i cloruri) rientra nei parametri del DPR 236/88 che indica una CMA di 200 mg/l. In prossimità della sorgente sia a monte che a valle, invece, i valori misurati dei cloruri superano fino a due ordini di grandezza (11160 mg/l nel pozzo C2) il valore di CMA. Gli andamenti della concentrazione si presentano circa concentrici rispetto ai bacini ceneri. A monte, in cui la presenza di un gradiente di cloruri in senso contrario al moto medio della falda può essere dovuto al battente idraulico (di circa 10 metri) esistente nel bacino ceneri rispetto alla falda circostante, come già evidenziato con le isopieze. Sia a monte che a valle, l andamento dei cloruri appare essere correlato con l acqua di mare (concentrazione cloruri circa 20,000 mg/l) utilizzata per la movimentazione delle ceneri di carbone. L andamento dei cloruri nella sezione verticale passante per alcuni dei pozzi posti a valle dei bacini ceneri, mostra la presenza di due pennacchi uno superficiale ed uno più profondo separati da una zona di minore dispersione. Tale andamento si giustifica tenendo conto della probabile presenza nel terreno di un acquicludo 3 (orizzonte a bassa permeabilità, costituito da depositi fini in prevalenza limo) posto ad una distanza dal piano campagna variabile tra i 5 e i 20 metri. 2 Si osserva che lo ione cloruro può essere considerato come conservativo cioè non subisce trasformazioni chimiche in fase liquida e non viene significativamente adsorbito alla matrice solida del terreno. L unico effetto di diluizione è quindi dovuto alla dispersione a seguito della struttura porosa del terreno e delle eterogeneità.

30 - Polo Idraulico e Strutturale Pag. 26 L acquicludo, quindi, separa la falda superficiale freatica di minore importanza ed a carattere stagionale, dalla falda principale confinata sottostante, dando così origine ai due pennacchi. La distribuzione dei cloruri nella zona a valle adiacente ai depositi presenta le maggiori concentrazioni nei pozzi più profondi coerentemente con il fatto che l acqua con maggiore contento salino è più pesante dell acqua dolce e quindi tende a cadere nella parte inferiore della falda. Figura 15 - Sito di La Spezia (i depositi ceneri sono racchiusi nella linea gialla). 3 Dal punto di vista idrogeologico, l acquicludo è una formazione che contiene acqua (talvolta in quantità notevoli) ma non è in grado di trasportarne significative quantità. L acquitardo, è una formazione a carattere stratiforme, che presenta una permeabilità inferiore rispetto all acquifero in cui è inserita. Si può comportare come una membrana semi-impermeabile, che consente il trasporto dell acqua prevalentemente in direzione verticale.

31 - Polo Idraulico e Strutturale Pag. 27 Figura 16 - Distribuzione dei cloruri a valle del bacino ceneri. Figura 17 - Distribuzione dei cloruri a monte del bacino ceneri.

32 - Polo Idraulico e Strutturale Pag. 28 Figura 18 - Distribuzione dei cloruri nella sezione verticale passante per i pozzi evidenziati nel rettangolo rosso.

33 - Polo Idraulico e Strutturale Pag I MODELLI MATEMATICI DELLE ACQUE SOTTERRANEE La gestione e lo studio delle acque sotterranee in termini di quantità e qualità può avvalersi proficuamente dell impiego di uno strumento di supporto alle decisioni. Gli strumenti utilizzati possono riguardare differenti aspetti e problemi della tematica in esame, quali: analisi di rischio aspetti tossicologici e proprietà degli inquinanti GIS per l organizzazione e la visualizzazione di dati georeferenziati al terrirorio Previsione del destino e trasporto degli inquinanti in falda Si osserva che alcuni strumenti possono essere anche di tipo integrato, cioè in grado a trattare contemporaneamente più aspetti. Ad esempio, il destino e trasporto degli inquinanti può essere integrato con un GIS, oppure la destinazione d uso del territorio può essere integrata con la valutazione del trasporto di inquinanti in modo, da produrre mappe di rischio associate all area in esame. Il destino e il trasporto degli inquinanti, in particolare, è basato sull impiego di modelli matematici. Scopo di questo capitolo e di quelli successivi è di analizzare, classificare ed illustrare i modelli matematici utilizzati nello studio della quantità e qualità delle acque sotterranee. I modelli matematici, pure in presenza di misure sperimentali sul campo, offrono il vantaggio di fornire una previsione dell evoluzione dei fenomeni di inquinamento nel tempo, anche nelle zone di territorio non coperte dai sistemi di monitoraggio. L output di un modello è costituito, in generale, dalla previsione dell andamento spaziale e temporale del livello di falda e della concentrazione degli inquinanti 4. 4 Altre applicazioni della modellistica riguardante il sottosuolo possono riguardare, ad esempio, lo studio dei fenomeni di subsidenza del terreni, dei serbatoi geotermici (produzione di energia), dei giacimenti di gas e petrolio (attività estrattive). Tali modelli, tuttavia, non sono oggetto della presente attività.

34 - Polo Idraulico e Strutturale Pag. 30 Le caratteristiche dello specifico problema in esame possono, tuttavia, richiedere l indagine solamente di alcuni aspetti più significativi per il problema in esame, ad esempio dei soli livelli di falda (piezometria) qualora l interesse risieda in uno studio di quantità della risorsa idrica. A partire dagli anni 70, i modelli per le acque sotterranee sono stati modelli matematici, intendendo questi una rappresentazione in termini di equazioni ed algoritmi di una serie di fenomeni fisici e di ipotesi semplificative della realtà fisica 5. Le equazioni del modello possono essere di differente complessità, spaziando dalla semplice relazione analitica fino al sistema d equazioni differenziali alle derivate parziali (che non possiedono la soluzione analitica ma solo una soluzione numerica approssimata da ottenersi con opportuni algoritmi). L impiego di modelli matematici quale strumento per il supporto alle decisioni di problemi reali richiede l applicazione di una metodologia di lavoro, affinchè gli strumenti disponibili siano utilizzati in modo efficiente in termini di costi-benefici. Un esempio di tale metodologia è riportata in fig.19, in cui sono illustrati i differenti step da seguire in una applicazione reale di studio delle acque sotterranee mediante modello matematico. 5 Contrariamente ai problemi delle acque sotterranee, altre tematiche riguardanti la risorsa idrica, ad esempio i corsi d acqua superficiali, hanno visto l impiego anche di modelli sperimentali (modelli fisici), intendendo per questi una rappresentazione del problema reale mediante la costruzione in laboratorio di un modello in scala ridotta.

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI PREMESSA La caratterizzazione ambientale di un sito è identificabile con l insieme delle attività che permettono di ricostruire

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA P. Trefiletti

CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA P. Trefiletti CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA P. Trefiletti CORSO DI GEOLOGIA APPLICATA-Cremona SISTEMA IDROLOGICO Un sistema idrologico è un sistema dinamico che rappresenta una frazione del ciclo globale dell acqua

Dettagli

VERIFICA E OTTIMIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI CONTENIMENTO IDRAULICO COMPLESSO (INIEZIONE PIÙ ESTRAZIONE) IN UN ACQUIFERO CARBONATICO

VERIFICA E OTTIMIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI CONTENIMENTO IDRAULICO COMPLESSO (INIEZIONE PIÙ ESTRAZIONE) IN UN ACQUIFERO CARBONATICO VERIFICA E OTTIMIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI CONTENIMENTO IDRAULICO COMPLESSO (INIEZIONE PIÙ ESTRAZIONE) IN UN ACQUIFERO CARBONATICO Elena Leale, Fabio Canova Ragione Sociale URS Italia S.p.A. Torino, 14-15

Dettagli

Modellazione numerica nell ambito idrogeologico

Modellazione numerica nell ambito idrogeologico Modellazione numerica nell ambito idrogeologico La modellazione numerica è un valido strumento per comprendere i fenomeni in atto e gli effetti sulle dinamiche della falda e sulla diffusione dei contaminanti

Dettagli

I principali codici di cui dispone M 3 E sono:

I principali codici di cui dispone M 3 E sono: M 3 E S.r.l. è una società all avanguardia nello studio e simulazione numerica della geomeccanica di giacimento in problemi di sfruttamento o stoccaggio di risorse sotterranee, come acqua, gas o petrolio.

Dettagli

Reticoli di flusso. Costruzione delle carte piezometriche (e loro interpretazione)

Reticoli di flusso. Costruzione delle carte piezometriche (e loro interpretazione) Corso di Idrogeologia Applicata Dr Alessio Fileccia Reticoli di flusso Costruzione delle carte piezometriche (e loro interpretazione) Le immagini ed i testi rappresentano una sintesi, non esaustiva, dell

Dettagli

Il monitoraggio delle acque sotterranee in siti contaminati

Il monitoraggio delle acque sotterranee in siti contaminati Geofluid,, 4 ottobre 2012 Il monitoraggio delle acque sotterranee in siti contaminati Dott. Geol. Giovanni Dondi (ECOVIVA S.a.s.) ECOVIVA S.a.s. Via Passo della Cisa,, 7 43123 Parma Tel. 0521 486372 338

Dettagli

IMPLEMETAZIONE DELLA RETE DI MONITORAGGIO DELLA DISCARICA DI SPIRITO SANTO IN OLBIA

IMPLEMETAZIONE DELLA RETE DI MONITORAGGIO DELLA DISCARICA DI SPIRITO SANTO IN OLBIA COMUNE DI OLBIA PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO IMPLEMETAZIONE DELLA RETE DI MONITORAGGIO DELLA DISCARICA DI SPIRITO SANTO IN OLBIA 2 COMUNE DI OLBIA IMPLEMETAZIONE DELLA RETE DI MONITORAGGIO DELLA DISCARICA

Dettagli

MODELLAZIONE NUMERICA 3D DI POZZI DRENANTI PER LA STABILIZZAZIONE DEI PENDII

MODELLAZIONE NUMERICA 3D DI POZZI DRENANTI PER LA STABILIZZAZIONE DEI PENDII MODELLAZIONE NUMERICA 3D DI POZZI DRENANTI PER LA STABILIZZAZIONE DEI PENDII F. Aloi Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale Università degli Studi di Napoli Federico II ferdinando.aloi@unina.it

Dettagli

Siti contaminati: rischi ambientali, tecniche e costi di risanamento

Siti contaminati: rischi ambientali, tecniche e costi di risanamento Consulta provinciale dei Geologi di Parma 22 Giugno 2011 Siti contaminati: rischi ambientali, tecniche e costi di risanamento Dott. Geol. Giovanni Dondi (ECOVIVA S.a.s.).) ECOVIVA S.a.s. Via Passo della

Dettagli

Jacopo De Sanctis, F. Marconi, M. Rosati, G. Mingrone Sogin SpA. Torino, 14-15 Ottobre 2015. Italian DHI Conference 2015

Jacopo De Sanctis, F. Marconi, M. Rosati, G. Mingrone Sogin SpA. Torino, 14-15 Ottobre 2015. Italian DHI Conference 2015 Modelli numerici finalizzati allo studio del rilascio e del trasporto dei contaminanti radioattivi nelle acque sotterranee. Caso studio: sito di Saluggia Jacopo De Sanctis, F. Marconi, M. Rosati, G. Mingrone

Dettagli

Indice 1 INTRODUZIONE... 2 2 INDAGINI GEOGNOSTICHE E RICOSTRUZIONE IDROGEOLOGICA... 3 3 RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ E DEWATERING...

Indice 1 INTRODUZIONE... 2 2 INDAGINI GEOGNOSTICHE E RICOSTRUZIONE IDROGEOLOGICA... 3 3 RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ E DEWATERING... DIMENSIONAMENTO DI UN INTERVENTO DI DEWATERING CON RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ A cura di Giovanni Formentin, Loris Colombo, Vincenzo Francani Giovanni.Formenti@tethys-geco.it, Loris.colombo@polimi.it,

Dettagli

Finalità delle indagini e del progetto

Finalità delle indagini e del progetto Caffaro e Brescia I nuovi dati Finalità delle indagini e del progetto Maria Luisa Pastore Brescia, 20 Ottobre 2015 Stato delle conoscenze prima del progetto 2002 2005 2003 2006 Le indagini condotte da

Dettagli

Cos è la Bonifica (1/2)

Cos è la Bonifica (1/2) Cos è la Bonifica (1/2) Con il DM 471/99, IL Ministero dell Ambiente ha fissato i limiti di concentrazione che alcune sostanze (soprattutto pericolose) possono avere nei terreni e nelle acque di falda.

Dettagli

L idrogeologia di Milano in una slide (!!!)

L idrogeologia di Milano in una slide (!!!) La Rete Civica di Controllo delle Acque di Falda Dott.ssa Annalisa Gussoni Dott. Alessandro Ummarino http://projectfoks.eu L idrogeologia di Milano in una slide (!!!) L idrogeologia di Milano in una slide

Dettagli

7 Ipotesi di formulazione del modello

7 Ipotesi di formulazione del modello 7 Ipotesi di formulazione del modello concettuale Il Modello Concettuale esplicita i legami tra le diverse componenti (sorgenti di contaminazione, percorsi di migrazione e vie di esposizione, bersagli),

Dettagli

Bilancio dei sedimenti nel fiume Adige a scala di bacino

Bilancio dei sedimenti nel fiume Adige a scala di bacino Bilancio dei sedimenti nel fiume Adige a scala di bacino Giampaolo Di Silvio^, Paolo Ronco^ e Michael Nones^, Luca Guarino* ^ Università di Padova - Dipartimento di Ingegneria Idraulica Marittima Ambientale

Dettagli

FIAT AVIO. federico.saporiti@comune.torino.it 1

FIAT AVIO. federico.saporiti@comune.torino.it 1 FIAT AVIO federico.saporiti@comune.torino.it 1 FIAT AVIO federico.saporiti@comune.torino.it 2 FIAT AVIO Settembre 2003 La Regione Piemonte avvia le trattative per l acquisizione dell Area ex Fiat Avio

Dettagli

RISULTATI DI UNO SCENARIO MODELLISTICO PER LO STUDIO DELL INTERAZIONE FRA FIUME E FALDA

RISULTATI DI UNO SCENARIO MODELLISTICO PER LO STUDIO DELL INTERAZIONE FRA FIUME E FALDA RISULTATI DI UNO SCENARIO MODELLISTICO PER LO STUDIO DELL INTERAZIONE FRA FIUME E FALDA A cura di D. Rigamonti & M. Consonni dario.rigamonti@tethys geco.it, mauro.consonni@tethys geco.it 1 INTRODUZIONE

Dettagli

Proposta metodologica per l ottimizzazione delle reti di monitoraggio ambientale. R.Bruno, A.Pistocchi DICMA Università di Bologna

Proposta metodologica per l ottimizzazione delle reti di monitoraggio ambientale. R.Bruno, A.Pistocchi DICMA Università di Bologna Proposta metodologica per l ottimizzazione delle reti di monitoraggio ambientale. R.Bruno, A.Pistocchi DICMA Università di Bologna In generale, la valutazione di una rete di monitoraggio ambientale deve

Dettagli

Bonifica in situ. matrice suolo.

Bonifica in situ. matrice suolo. Bonifica in situ Decontaminazione da VOC clorurati: la case history del porto di Rotterdam n di GiuseppeProsperieJaapdeRijk, MWH S.p.A. Per la bonifica dell area del porto di Rotterdam, contaminata principalmente

Dettagli

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI Indice 1. Introduzione... 2 2. Metodologia... 3 3. Temperatura... 3 4. Vento... 10 5. Installazione stazione portatile e campagna di misura... 11 6. Elaborazione dati

Dettagli

P.U.A. n 3 Via Leopardi

P.U.A. n 3 Via Leopardi P.U.A. n 3 Via Leopardi REGIONE VENETO provincia di Padova comune di Galliera Veneta Relazione idraulica Il committente Comune di Galliera Veneta Via Roma 174 Il progettista Arch. Sara Favotto STUDIO NOVE

Dettagli

Area di crisi idrica della Piana di Lucca: dinamica della falda e simulazioni previsionali

Area di crisi idrica della Piana di Lucca: dinamica della falda e simulazioni previsionali ORDINE DEI GEOLOGI DELLA TOSCANA Convegno: La geologia: Università ed Enti Pubblici Firenze, 14 settembre 2009 Area di crisi idrica della Piana di Lucca: dinamica della falda e simulazioni previsionali

Dettagli

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale

La risorsa idrica sotterranea tra pressione antropica e salvaguardia ambientale La risorsa idrica sotterranea tra pressione Marco Petitta Società Geologica Italiana Dipartimento di Scienze della Terra Università di Roma La Sapienza Compiti del geologo (idrogeologo) sul tema acqua

Dettagli

LA RETE DI MONITORAGGIO DELLE RISORSE IDRICHE SOTTERRANEE PUGLIESI

LA RETE DI MONITORAGGIO DELLE RISORSE IDRICHE SOTTERRANEE PUGLIESI GEOLOGI e TERRITORIO Periodico dell Ordine dei Geologi della Puglia - Supplemento al n. 1/2004 89 LA RETE DI MONITORAGGIO DELLE RISORSE IDRICHE SOTTERRANEE PUGLIESI Contenuti di un ipotetico Progetto Tiziano

Dettagli

MITTENTE: Soggetto obbligato DESTINATARI: Comune di Provincia di Struttura ARPAT di Azienda USL di

MITTENTE: Soggetto obbligato DESTINATARI: Comune di Provincia di Struttura ARPAT di Azienda USL di MODULO_E Trasmissione dati relativi all intervento di messa in sicurezza operativa (MISO) o all intervento di bonifica o messa in sicurezza permanente (MISP) effettuato. MITTENTE: Soggetto obbligato DESTINATARI:

Dettagli

La Geotermia in Italia

La Geotermia in Italia La geotermia: una nuova ricchezza per l Italia L Italia rappresenta una zona straordinaria dal punto geologico e vulcanologico, per la presenza della crosta terrestre più sottile e perché al di sotto di

Dettagli

Autorità di Bacino Bacino Pilota Fiume Serchio

Autorità di Bacino Bacino Pilota Fiume Serchio Autorità di Bacino Bacino Pilota Fiume Serchio Sonde di qualità delle acque nel bacino del lago di Massaciuccoli 1 Da marzo 20 sono state attivate tre sonde per l analisi della qualità dell acqua presso

Dettagli

ALIRHYS. Val Maira 17-18 ottobre 2014 San Damiano Macra Acceglio (CN)

ALIRHYS. Val Maira 17-18 ottobre 2014 San Damiano Macra Acceglio (CN) ALIRHYS Banzato C. 1, Bianco F. 1, Fiorucci A. 1, Governa M. 2, Marchionatti F. 1, Menegatti S. 1, Moitre B., Petricig M. 2, Vigna B. 1 1- DIATI Dipartimento di Ingegneria dell Ambiente, del Territorio

Dettagli

Software applicativi per l Analisi di Rischio Caratteristiche - Criticità

Software applicativi per l Analisi di Rischio Caratteristiche - Criticità Software applicativi per l Analisi di Rischio Caratteristiche - Criticità Servizio Tecnologie e Siti Contaminati APAT 1 Software - Modelli applicativi I software maggiormente utilizzati in Italia sono:

Dettagli

IL MODELLO MATEMATICO DEL FLUSSO IDRICO NEGLI ACQUIFERI

IL MODELLO MATEMATICO DEL FLUSSO IDRICO NEGLI ACQUIFERI Studio della conoide alluvionale del Fiume Taro per la realizzazione di un modello idrogeologico per la gestione sostenibile delle risorse idriche IL MODELLO MATEMATICO DEL FLUSSO IDRICO NEGLI ACQUIFERI

Dettagli

Il Dm 27 settembre 2010 definisce le

Il Dm 27 settembre 2010 definisce le La valutazione del rischio per le discariche di rifiuti Le richieste di deroga ai CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI RIFIUTI IN DISCARICA devono essere supportate dalla VALUTAZIONE DEL RISCHIO. L ESPERIENZA

Dettagli

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara La Qualità dell Aria stimata: applicazioni modellistiche ADMS per uno studio della diffusione degli inquinanti atmosferici nel comune di Ferrara e aree limitrofe Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema

Dettagli

LA NOSTRA STORIA DI SINERGIA CON TERRA, ACQUA E AMBIENTE

LA NOSTRA STORIA DI SINERGIA CON TERRA, ACQUA E AMBIENTE TERRACQUAMBIENTE LA NOSTRA STORIA DI SINERGIA CON TERRA, ACQUA E AMBIENTE Fondata nel 1992, Sinergeo è una struttura indipendente con sede a Vicenza. Essa riunisce figure professionali altamente qualificate,

Dettagli

MODELLISTICA NUMERICA APPLICATA ALLA GESTIONE IDRAULICA DEL TERRITORIO

MODELLISTICA NUMERICA APPLICATA ALLA GESTIONE IDRAULICA DEL TERRITORIO MODELLISTICA NUMERICA APPLICATA ALLA GESTIONE IDRAULICA DEL TERRITORIO Laura Calcagni, Mauro Nalesso SEMINARI H2.0: ACQUA IN RETE A ROMA3 FACOLTA DI INGEGNERIA DI ROMA3, 25/03/2013 IDRAN 2012. All rights

Dettagli

Marco Maglionico Università di Bologna Dipartimento DICAM

Marco Maglionico Università di Bologna Dipartimento DICAM La gestione delle acque meteoriche nelle aree urbane: aspetti idraulici e ambientali Marco Maglionico Dipartimento marco.maglionico@unibo.it Effetti dell urbanizzazione sul ciclo idrologico L urbanizzazione

Dettagli

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA TIPOLOGIA DI POLO LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA L area è ubicata a nord degli abitati di Porotto e Cassana, nel Comune di Ferrara, confina a nord

Dettagli

Gestione ed ottimizzazione dei sistemi di recupero e dei piezometri

Gestione ed ottimizzazione dei sistemi di recupero e dei piezometri Gestione ed ottimizzazione dei sistemi di recupero e dei piezometri ISPRA 1 Applicazioni del modello idrogeologico e argomenti trattati Le attività di monitoraggio della rete piezometrica e dei sistemi

Dettagli

Il bacino urbano sperimentale di Cascina Scala (Pavia)

Il bacino urbano sperimentale di Cascina Scala (Pavia) Il bacino urbano sperimentale di Cascina Scala (Pavia) Piogge, portate e qualità dei deflussi in fognatura nel periodo 1987-2006 Sergio Papiri Professore Associato di Costruzioni Idrauliche Dipartimento

Dettagli

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE

CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE CALCOLI IDRAULICI DRENAGGIO DELLA PIATTAFORMA STRADALE Premesse La rete per l evacuazione delle acque meteoriche dal corpo stradale, viene progettata in maniera da captare la totalità delle acque piovane

Dettagli

ATTIVITA 5 Modellistica

ATTIVITA 5 Modellistica ATTIVITA 5 Modellistica qualità dell aria Giuseppe Maffeis Giampiero Malvasi consulenti ARPAV-ORAR ATTIVITA' 1 Stima delle emissioni in atmosfera ATTIVITA' 5 Modellistica qualità dell'aria ATTIVITA' 4

Dettagli

Le falde acquifere di Martinsicuro

Le falde acquifere di Martinsicuro Le falde acquifere di Martinsicuro Fabio Manca Corso di Laurea Magistrale in Geologia del territorio e delle risorse Facoltà di SMFN Martina Micillo Corso di Laurea Magistrale in Italianistica Facoltà

Dettagli

Proposta di integrazione del Protocollo Operativo per il campionamento e l analisi dei siti contaminati Fondo scavo e Pareti

Proposta di integrazione del Protocollo Operativo per il campionamento e l analisi dei siti contaminati Fondo scavo e Pareti Sito di Interesse Nazionale di Porto Marghera Proposta di integrazione del Protocollo Operativo per il campionamento e l analisi dei siti contaminati Fondo scavo e Pareti Novembre 2006 Elaborato da: Ing.

Dettagli

Figura 1. Approccio sistemico per l applicazione modellistica. Inquadramento Socio-economico. Caratterizzazione orografica

Figura 1. Approccio sistemico per l applicazione modellistica. Inquadramento Socio-economico. Caratterizzazione orografica APPLICAZIONE DI UN MODELLO GAUSSIANO IBRIDO AD UN SITO INDUSTRIALE CARATTERIZZATO DA OROGRAFIA COMPLESSA. Bruno Bove, Anna Maria Crisci, Lucia Mangiamele, Mario Scarciolla, Lucilla Ticconi Italia Agenzia

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

Responsabilità A mbientale e soluzioni assicurative

Responsabilità A mbientale e soluzioni assicurative Responsabilità A mbientale e soluzioni assicurative Il rischio di danno ambientale coinvolge potenzialmente TUTTE le aziende manifatturiere, ANCHE LA VOSTRA. Vi invitiamo a scorrere le successive slides

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NEL BIENNIO DELL OBBLIGO DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S.

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NEL BIENNIO DELL OBBLIGO DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NEL BIENNIO DELL OBBLIGO DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015 ASSE DISCIPLINA DOCENTE SCIENTIFICO TECNOLOGICO SCIENZE INTEGRATE

Dettagli

1.3.8.3 Termogravimetro (TG)

1.3.8.3 Termogravimetro (TG) 1.3.8.3 Termogravimetro (TG) Il termogravimetro è un particolare strumento che tramite un'analisi termogravimetrica misura la variazione percentuale di peso di un materiale, quando esso viene riscaldato,

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO Allegato A2.11 ANALISI DELLE POTENZIALITA DI SVILUPPO DI PRODUZIONE EOLICA Riferimento al capitolo 3.3 della Relazione di sintesi PEAP GR A cura

Dettagli

PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI

PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI Presentiamo in questa sezione le caratteristiche costruttive e le modalità di funzionamento degli impianti che proponiamo per il trattamento

Dettagli

S.I.A. Società Italiana per l Ambiente STUDI, PROGETTAZIONE E MONITORAGGIO AMBIENTALE - GEOLOGIA APPLICATA AUDIT - SITI CONTAMINATI - WEB GIS

S.I.A. Società Italiana per l Ambiente STUDI, PROGETTAZIONE E MONITORAGGIO AMBIENTALE - GEOLOGIA APPLICATA AUDIT - SITI CONTAMINATI - WEB GIS S.I.A. Società Italiana per l Ambiente STUDI, PROGETTAZIONE E MONITORAGGIO AMBIENTALE - GEOLOGIA APPLICATA AUDIT - SITI CONTAMINATI - WEB GIS EXPERTISE STUDI, PROGETTAZIONE E MONITORAGGIO AMBIENTALE Progettazione

Dettagli

Best Management Practices per l invarianza idraulica e ambientale del territorio. Marco Maglionico

Best Management Practices per l invarianza idraulica e ambientale del territorio. Marco Maglionico Best Management Practices per l invarianza idraulica e ambientale del territorio Marco Maglionico Effetti dell urbanizzazione sul ciclo idrologico L urbanizzazione provoca alterazioni al regime delle acque

Dettagli

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici Quadro normativo: Legge 183/89, «Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo» Si intende: a) per suolo: il territorio, il suolo, il sottosuolo, gli abitati e le opere infrastrutturali;

Dettagli

Committente: Studio di Architettura Laurent

Committente: Studio di Architettura Laurent Committente: Studio di Architettura Laurent Nuova autorimessa dei vigili del fuoco volontari, ampliamento centrale termica con nuovo deposito pellet e rifacimento manto Comune di Oyace (AO) Indagine sismica

Dettagli

Sistema modellistico previsionale della qualità dell'aria

Sistema modellistico previsionale della qualità dell'aria Sistema modellistico previsionale della qualità dell'aria La qualità dell'aria nell'agglomerato Torinese, Situazione e Prospettive, Torino 30 novembre 2011 ARPA Piemonte, su incarico del competente Settore

Dettagli

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997)

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) R e g i o n e L o m b a r d i a Provincia di Milano COMUNE DI NERVIANO Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) Marzo 2003 PRESCRIZIONI GEOLOGICHE PER LE N.T.A. Studio Associato di

Dettagli

Modellistica di Qualità dell'aria a supporto del D. lgs 155/2010. Mauro M. Grosa

Modellistica di Qualità dell'aria a supporto del D. lgs 155/2010. Mauro M. Grosa Modellistica di Qualità dell'aria a supporto del D. lgs 155/2010 Mauro M. Grosa Responsabile del coordinamento delle attività di qualità dell aria di Arpa Piemonte Regione Piemonte nel 2000 ha avviato

Dettagli

FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile, PhD Direttore del Corpo Nazionale dei Vigili Del Fuoco

FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile, PhD Direttore del Corpo Nazionale dei Vigili Del Fuoco DIPARIMENTO DEI VIGLI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVULE Ordine degli Ingegneri Provincia di Latina FSE, l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Ing. Pierpaolo Gentile,

Dettagli

LE BONIFICHE AMBIENTALI rimedi ai danni generati dalla chimica

LE BONIFICHE AMBIENTALI rimedi ai danni generati dalla chimica Water & Soil Remediation Srl v. Donatori di Sangue, 13 Levata di Curtatone (MN) LE BONIFICHE AMBIENTALI rimedi ai danni generati dalla chimica Water & Soil Remediation Srl Relatore: Dott. Stefano Danini

Dettagli

3 FASCE FLUVIALI... 20 3.1 CONFRONTO TRA FASCE ATTUALMENTE IN VIGORE E FASCE AGGIORNATE... 21

3 FASCE FLUVIALI... 20 3.1 CONFRONTO TRA FASCE ATTUALMENTE IN VIGORE E FASCE AGGIORNATE... 21 Sommario 1 ANALISI IDRAULICA PER LA DEFINIZIONE DELLE AREE INONDABILI... 2 1.1 IL MODELLO IDRAULICO DI PROPAGAZIONE... 2 1.2 LA PROPAGAZIONE MONODIMENSIONALE (1D)... 4 1.3 LE STRUTTURE INTERFERENTI CON

Dettagli

Idrologia e rischi naturali Aurelia Sole Gruppo di Idrologia, Costruzioni Idrauliche e Costruzioni marittime

Idrologia e rischi naturali Aurelia Sole Gruppo di Idrologia, Costruzioni Idrauliche e Costruzioni marittime Dipartimento di Ingegneria e Fisica dell Ambiente Idrologia e rischi naturali Aurelia Sole Gruppo di Idrologia, Costruzioni Idrauliche e Costruzioni marittime Dipartimento di Ingegneria e Fisica dell Ambiente

Dettagli

ATLANTIS SYSTEM GESTIONE ACQUE METEORICHE

ATLANTIS SYSTEM GESTIONE ACQUE METEORICHE ATLANTIS SYSTEM GESTIONE ACQUE METEORICHE Atlantis produce una serie di prodotti geosintetici in polipropilene (PP) pressofuso ad alta resistenza, anche rivestiti con geotessile, che trovano applicazione

Dettagli

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007.

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007. PREMESSA L intervento previsto dal progetto consiste nella realizzazione di una cassa in derivazione in loc. Molino di Ripassaia nei comuni di Peccioli e Lajatico e rientra nell ambito di un accordo (Protocollo

Dettagli

permesso di ricerca Badile Pozzo esplorativo Moirago 1 dir Piano di Monitoraggio Ambientale

permesso di ricerca Badile Pozzo esplorativo Moirago 1 dir Piano di Monitoraggio Ambientale permesso di ricerca Badile Pozzo esplorativo Moirago 1 dir Dr. Stefano C. A. Rossi Geologo Professionista OGL 667 Milano Milano, ottobre 2014 Sommario Sommario 1. Obiettivi... 3 2. Definizioni... 3 3.

Dettagli

Lombardia in nomi e cifre

Lombardia in nomi e cifre Stato dell acqua Lombardia in nomi e cifre I grandi fiumi Po, Ticino, Adda, Oglio, Cherio,, Chiese, e Mincio Olona, Lambro, Brembo,, Serio e Mella Regime di deflusso stabile Regime di deflusso stabile

Dettagli

Problematiche emerse dall applicazione del Protocollo per la definizione dei valori di fondo nelle Acque Sotterranee

Problematiche emerse dall applicazione del Protocollo per la definizione dei valori di fondo nelle Acque Sotterranee Problematiche emerse dall applicazione del Protocollo per la definizione dei valori di fondo nelle Acque Sotterranee Maurizio Guerra ISPRA Dipartimento Difesa del Suolo/ Servizio Geologico d Italia 1 Premessa

Dettagli

2: SUOLO INTRODUZIONE

2: SUOLO INTRODUZIONE 2: SUOLO INTRODUZIONE Con la comunicazione della Commissione Europea dal titolo Verso una strategia tematica per la protezione del suolo adottata da parte del Consiglio nel giugno 2002 si è riconosciuto

Dettagli

COLATORE CIDELLARA-PIAVE

COLATORE CIDELLARA-PIAVE COLATORE CARATTERISTICHE ALORI Area omogenea (Bianchi, 199) 7 Bacino Idrografico Principale (Bassi,198) Oglio Bacino Idrografico Secondario (Bassi, 198) 13 Ente Gestore Cons. Bon. Dugali Comune inizio

Dettagli

2. IL SISTEMA DEI CANALI GESTITI DAL CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI

2. IL SISTEMA DEI CANALI GESTITI DAL CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI 2. IL SISTEMA DEI CANALI GESTITI DAL CONSORZIO DI BONIFICA EST TICINO VILLORESI Il Consorzio di Bonifica Est Ticino Villoresi, un tempo chiamato Consorzio di Bonifica Eugenio Villoresi, è nato nel 1918

Dettagli

PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DI UN POZZO E PROVE DI PORTATA

PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DI UN POZZO E PROVE DI PORTATA E dott. geol. Gianluigi Giannella IL RUOLO DEL GEOLOGO PROGETTISTA Qual è il ruolo del geologo nell esecuzione dei pozzi? Spesso è solo il tramite tra il committente e la ditta di perforazione. Altre volte

Dettagli

MODELLAZIONE GEOLOGICA E GEOTECNICA

MODELLAZIONE GEOLOGICA E GEOTECNICA Giulio Riga MODELLAZIONE GEOLOGICA E GEOTECNICA PROCEDURE AUTOMATICHE 1D - 2D - 3D Dario Flaccovio Editore Giulio Riga MODELLAZIONE GEOLOGICA E GEOTECNICA Procedure automatiche 1D - 2D - 3D ISBN 978-88-579-0051-3

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL MONITORAGGIO DELLE BARRIERE IDRAULICHE

LINEE GUIDA PER IL MONITORAGGIO DELLE BARRIERE IDRAULICHE LINEE GUIDA PER IL MONITORAGGIO DELLE BARRIERE IDRAULICHE Università degli Studi di Milano Dipartimento di Scienze della Terra A. Desio Direzione centrale ambiente Presidente: Assessore all Ambiente: A

Dettagli

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2012-2013 Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Architettura e funzionalità di una piattaforma GIS. Parte seconda:

Dettagli

L'utilizzo della modellistica idrologica ed idrodinamica da parte del sistema delle Agenzie Ambientali RISULTATI DELL'ATTIVITÀ DI RICOGNIZIONE

L'utilizzo della modellistica idrologica ed idrodinamica da parte del sistema delle Agenzie Ambientali RISULTATI DELL'ATTIVITÀ DI RICOGNIZIONE SIMULARE CONVIENE! I modelli ambientali strumento di previsione e pianificazione L'utilizzo della modellistica idrologica ed idrodinamica da parte del sistema delle Agenzie Ambientali RISULTATI DELL'ATTIVITÀ

Dettagli

Ottimizzazione delle caratteristiche dimensionali di una trincea drenante in un sito industriale costiero dismesso

Ottimizzazione delle caratteristiche dimensionali di una trincea drenante in un sito industriale costiero dismesso Ottimizzazione delle caratteristiche dimensionali di una trincea drenante in un sito industriale costiero dismesso A cura di Giovanni Formentin, Tethys s.r.l. Indice 1 Introduzione... 2 2 Caratteristiche

Dettagli

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Corso di Idrogeologia Applicata Dr Alessio Fileccia Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Le immagini ed i testi rappresentano una sintesi, non esaustiva, dell intero corso di Idrogeologia tenuto

Dettagli

D. Nicolini, A. Fontanella, E. Giovannini. Report RdS/PAR2013/173 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

D. Nicolini, A. Fontanella, E. Giovannini. Report RdS/PAR2013/173 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi fluidodinamica CFD su dispositivi a colonna d acqua oscillante OWC -

Dettagli

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE Premessa (I) Le carte geologiche danno evidenza alla geologia di un territorio, illustrando in estrema sintesi la sostanza di cui questo è fatto. Esse vengono

Dettagli

Regione Veneto Provincia di Verona

Regione Veneto Provincia di Verona Regione Veneto Provincia di Verona Comune di Villafranca di Verona CAMPAGNA MOBILE DI RECUPERO RIFIUTI NELL EX CAVA IN LOCALITÀ VALENE VERIFICA DI ASSOGGETTABILITÀ ALLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DI IMPATTO

Dettagli

Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE

Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE Claudio Boldori Responsabile Segreteria Tecnica A.ATO Provincia di Cremona NORMATIVA SULLE ACQUE Evoluzione della normativa sulle acque in Italia RIFERIMENTO NORMATIVO APPROCCIO ALLA TUTELA L. 319/76 Limiti

Dettagli

RILOCALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE

RILOCALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE REGIONE DEL VENETO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI CAMPAGNA LUPIA RILOCALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE Domanda di Verifica di Assoggettabilità alla VIA

Dettagli

Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D

Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D 2 Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D Introduzione Questo documento riporta un confronto tra i risultati di un analisi di risposta sismica locale condotta con il codice di calcolo LSR2D (Stacec

Dettagli

ArRISK RILASCIO E DISPERSIONE DI GAS TOSSICI, INFIAMMABILI, ODORIGENI

ArRISK RILASCIO E DISPERSIONE DI GAS TOSSICI, INFIAMMABILI, ODORIGENI OBIETTIVI. ArRISK È UN SISTEMA MODELLISTICO SVILUPPATO PER SIMULARE LA DISPERSIONE IN ATMOSFERA DI AERIFORMI, E PER LA VALUTAZIONE DEGLI EFFETTI IN TERMINI DI TOSSICITA, INFIAMMABILITA E IMPATTO ODORIGENO.

Dettagli

Appendice 18. Impatto paesaggistico delle strutture offshore

Appendice 18. Impatto paesaggistico delle strutture offshore Pagina 1 di 16 Impatto paesaggistico delle strutture offshore Pagina 2 di 16 Pagina 3 di 16 INDICE 1 CONSIDERAZIONI GENERALI 5 2 ANALISI DELLA VISIBILITÀ DELL OPERA 6 2.1 DETERMINAZIONE DELLA MASSIMA DISTANZA

Dettagli

IL SITO DELL AUTORITA DI BACINO DEL FIUME SERCHIO: CARTOGRAFIA E MONITORAGGIO

IL SITO DELL AUTORITA DI BACINO DEL FIUME SERCHIO: CARTOGRAFIA E MONITORAGGIO IL SITO DELL AUTORITA DI BACINO DEL FIUME SERCHIO: CARTOGRAFIA E MONITORAGGIO Dario TRICOLI (*), Nicola COSCINI (**), Nicola DEL SEPPIA (**), Enzo DI CARLO (**), Andrea MORELLI (**) (*) Autorità di Bacino

Dettagli

PROGETTO QUADRO DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE

PROGETTO QUADRO DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE PROGETTO QUADRO DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE RILEVAZIONE DEI FATTORI METEO-CLIMATICI E IDROLOGICI PER IL CALCOLO DEL BILANCIO IDRICO DEGLI ACQUIFERI PREMESSA Con riferimento a quanto indicato

Dettagli

PIER GINO MEGALE DISPENSE TRATTE DALLE LEZIONI DI IDRAULICA AGRARIA TENUTE PRESSO LA FACOLTÀ DI AGRARIA DELL UNIVERSITÀ DI PISA

PIER GINO MEGALE DISPENSE TRATTE DALLE LEZIONI DI IDRAULICA AGRARIA TENUTE PRESSO LA FACOLTÀ DI AGRARIA DELL UNIVERSITÀ DI PISA PIER GINO MEGALE UAERNI I IRAULICA AGRARIA ISPENSE TRATTE ALLE LEZIONI I IRAULICA AGRARIA TENUTE PRESSO LA FACOLTÀ I AGRARIA ELL UNIVERSITÀ I PISA ANNO ACCAEMICO 007-008 Le falde costituiscono i più importanti

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI DI TIPO RESIDENZIALE CON NUMERO DI ABITANTI FINO A 50 1

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI DI TIPO RESIDENZIALE CON NUMERO DI ABITANTI FINO A 50 1 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI DI TIPO RESIDENZIALE CON NUMERO DI ABITANTI FINO A 50 1 Contrassegno telematico Imposta di bollo pari ad 16,00

Dettagli

A.R.P.A.V. Via Dominutti 37135 Verona. MAIL: dapvr@pec.arpav.it

A.R.P.A.V. Via Dominutti 37135 Verona. MAIL: dapvr@pec.arpav.it D i s c a r i c a i n L o c a l i t à C à d i C a p r i PROVINCIA DI VERONA U.O. DISCARICHE E BONIFICHE Via delle Franceschine, 11-37121 Verona MAIL: provincia.verona@cert.ip-veneto.net A.R.P.A.V. Via

Dettagli

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ. tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ. tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ Radarmeteo srl a socio unico Via Mezzavia, 115/5 35020 Due Carrare (PD) Italia tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com

Dettagli

Stato di attuazione interventi di riqualificazione

Stato di attuazione interventi di riqualificazione Impianto di Scarpino Stato di attuazione interventi di riqualificazione Genova, 28 aprile 2015 I punti fondamentali Stabilità della discarica Scarpino 1 e Scarpino 2 Bilancio idrico dell area di Scarpino

Dettagli

Distretto Idrografico dell Appennino Meridionale

Distretto Idrografico dell Appennino Meridionale PIANO DI GESTIONE ACQUE (Direttiva Comunitaria 2000/60/CE, D.L.vo. 152/06, L. 13/09, D.L 194/09) Relazione Regionale Allegato 1 QUADRO NORMATIVO E DELLE COMPETENZE INERENTE LE RISORSE IDRICHE REGIONE MOLISE

Dettagli

Ecomondo Rimini Giovedì 6 novembre 2014. Relatore Valentina Zangrando StudioSMA Srl valentina@studiosma.it

Ecomondo Rimini Giovedì 6 novembre 2014. Relatore Valentina Zangrando StudioSMA Srl valentina@studiosma.it Mappatura delle emissioni odorigene: studio delle ricadute al suolo delle sostanze odorigene emesse presso lo stabilimento adibito alla produzione di Acetoncianidrina di Arkema Srl sito in Porto Marghera

Dettagli

Elementi di calcolo per lo smaltimento dei reflui nella pratica professionale

Elementi di calcolo per lo smaltimento dei reflui nella pratica professionale TECNICHE E NORMATIVE PER LO SMALTIMENTO DELLE ACQUE ASI BRINDISI - 23 Maggio 2013 Elementi di calcolo per lo smaltimento dei reflui nella pratica professionale dott. geol. Antonio Di Fazio 1 Oggetto della

Dettagli

ROTAMFER S.R.L. COMUNI DI SONA E VERONA PROVINCIA DI VERONA REGIONE VENETO DISCARICA IN CONTO PROPRIO PER RIFIUTI SPECIALI

ROTAMFER S.R.L. COMUNI DI SONA E VERONA PROVINCIA DI VERONA REGIONE VENETO DISCARICA IN CONTO PROPRIO PER RIFIUTI SPECIALI DISCARICA IN CONTO PROPRIO PER RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI SITA IN LOC. CÀ DI CAPRI COMUNI DI SONA E VERONA PROVINCIA DI VERONA REGIONE VENETO DITTA: ROTAMFER S.R.L. IMPIANTO: OGGETTO: DISCARICA IN

Dettagli

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Come previsto dalle norme tecniche del Piano stralcio (autorità Bacini Romagnoli) l area è soggetta al rispetto del principio di invarianza

Dettagli

ELEMENTI DI STATISTICA PER IDROLOGIA

ELEMENTI DI STATISTICA PER IDROLOGIA Carlo Gregoretti Corso di Idraulica ed Idrologia Elementi di statist. per Idrolog.-7//4 ELEMETI DI STATISTICA PER IDROLOGIA Introduzione Una variabile si dice casuale quando assume valori che dipendono

Dettagli

CRITERI GENERALI PER LA MESSA IN SICUREZZA, LA BONIFICA ED IL RIPRISTINO AMBIENTALE DEI SITI INQUINATI

CRITERI GENERALI PER LA MESSA IN SICUREZZA, LA BONIFICA ED IL RIPRISTINO AMBIENTALE DEI SITI INQUINATI CRITERI GENERALI PER LA MESSA IN SICUREZZA, LA BONIFICA ED IL RIPRISTINO AMBIENTALE DEI SITI INQUINATI Interventi di messa in sicurezza Gli interventi di messa in sicurezza sono interventi che non eliminano

Dettagli