PROGRAMMA OPERATIVO FESR ASSE I - LINEA D INTERVENTO 1.5 AZIONE 1.5.2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA OPERATIVO FESR 2007-2013 ASSE I - LINEA D INTERVENTO 1.5 AZIONE 1.5.2"

Transcript

1 20696 REGIONE PUGLIA. STRUTTURA DI GESTIONE PO FESR ASSE I - LINEA DI INTERVENTO 1.5 AZIONE CODICE OPERAZIONE ALLEGATO N.1 AL DISCIPLINARE PROGRAMMA OPERATIVO FESR ASSE I - LINEA D INTERVENTO 1.5 AZIONE PROGETTO PRELIMINARE DELL'INTERVENTO "Sviluppo del sistema di e-government regionale nell'area Vasta.."

2 20697 REGIONE PUGLIA. STRUTTURA DI GESTIONE PO FESR ASSE I - LINEA DI INTERVENTO 1.5 AZIONE CODICE OPERAZIONE ALLEGATO N.2 AL DISCIPLINARE PROGRAMMA OPERATIVO FESR ASSE I - LINEA D INTERVENTO 1.5 AZIONE INDICE DEL PROGETTO DEFINITIVO DELL'INTERVENTO "Sviluppo del sistema di e-government regionale nell'area Vasta.."

3 20698 PO FESR Asse I Linea di Intervento Azione PPA PROGETTO DEFINITIVO Titolo Progetto: Sviluppo del sistema di e-government regionale nell Area Vasta FIRMA DATA (Qualifica, Nome e Cognome) (Nota: Il progetto definitivo non deve superare 60 cartelle)

4 20699 INDICE DEI CONTENUTI 1. Dati salienti sul Progetto Titolo del progetto Obiettivi del progetto Area Vasta proponente Denominazione Comuni dell Area Vasta Soggetto Beneficiario Riferimenti del progetto Durata Quadro di sintesi dei servizi di e-government da realizzare Costo del Progetto Scenario di riferimento Stato di attuazione dei servizi nel territorio di riferimento Obiettivi, attività e tempistica Modello di gestione del progetto Obiettivi realizzativi Descrizione delle Attività Matrice OR / Attività / Prodotti Cronoprogramma del Progetto Cronoprogramma Milestone di progetto Piano di finanziamento Quadro complessivo del finanziamento Quadro analitico del finanziamento Quadro analitico per Attività Quadro analitico per voci di costo Modello di gestione Modello di gestione a regime Piano di sostenibilità finanziaria a regime... INDICE DELLE TABELLE Tabella 1 - Sintesi dei servizi da realizzare... Tabella 2 - Costo del Progetto... Tabella 3 - Riepilogo stato dell'arte dei servizi... Tabella 4 - Riepilogo stato dell'arte strumenti urbanistici... Tabella 5 - Matrice OR Attività - Prodotti... Tabella 6 - Milestone di progetto... Tabella 7 - Quadro complessivo di finanziamento... Tabella 8 - Quadro analitico di finanziamento per Attività... Tabella 9 - Quadro analitico di finanziamento per Voci di Costo...

5 Dati salienti sul Progetto 1.1. Titolo del progetto [Denominazione estesa del progetto] 1.2. Obiettivi del progetto [Descrizione di sintesi del progetto indicandone la sua localizzazione territoriale, le strategie e gli obiettivi che si intendono raggiungere e le soluzioni tecnologiche e architetturali minime che si adotteranno] 1.3. Area Vasta proponente Denominazione [Riportare la denominazione dell Area Vasta] Comuni dell Area Vasta [Riportare l elenco dei Comuni dell Area Vasta] Soggetto Beneficiario [Riportare i dati di riferimento del Soggetto Beneficiario: nome, Codice Fiscale, indirizzo postale, fax, indirizzo PEC] Riferimenti del progetto [Riportare i riferimenti del RUP di Progetto: Nome e Cognome, indirizzo postale, indirizzo mail, indirizzo PEC, telefono, fax] 1.4. Durata [Durata del progetto in mesi, calcolata a partire dall approvazione del progetto definitivo da parte della Regione Puglia.] 1.5. Quadro di sintesi dei servizi di e-government da realizzare [Riportare una tabella riepilogativa dei servizi che si intendono realizzare nel progetto suddivisi per Priorità, secondo lo schema seguente: Priorità Denominazione Servizio Tipologia Servizio 1 Protocollo Informatico Servizi per l efficienza interna SUAE Servizi per l interazione con cittadini, imprese ed altri utenti 2 Identificazione in rete del cittadino Servizi interni abilitanti Circolarità anagrafica Servizi interni abilitanti... Tabella 1 - Sintesi dei servizi da realizzare

6 Costo del Progetto [I costi riportati in questa sezione si riferiscono alla realizzazione dei servizi di e-government. I costi - espressi in Euro e con due cifre decimali - e la percentuale di incidenza di ogni voce di costo sul totale progetto, vanno riportati secondo la tabella che segue:] Voce di Costo Personale interno Hardware Software Consulenza Servizi sviluppo Software Diffusione e comunicazione Spese generali Altro (specificare): Totale Progetto Importo % Incidenza Tabella 2 - Costo del Progetto (Nota: Il Totale progetto deve corrispondere al Totale finanziamento di cui alla successiva Tabella 7) [Legenda voci di Costo:] Costi personale interno Costi Hardware Costi Software Costi di Consulenza Costi Servizi sviluppo Software Costi inerenti l'utilizzo di personale interno delle amministrazioni partecipanti con adeguato profilo professionale che svolgano attività in uffici direttamente coinvolti nella realizzazione del progetto. (I costi interni non possono superare il 20% del costo del progetto). Costi inerenti l'acquisto ed il noleggio di apparati ed attrezzature strettamente connessi alla realizzazione del progetto (hardware). Costi inerenti l'acquisto di software strettamente connessi alla realizzazione del progetto. Costi relativi alle prestazioni di fornitori esterni per consulenza e assistenza tecnica. Sono compresi nella presente voce anche i costi di progettazione (progettazione definitiva e attività ad essa direttamente funzionali, progettazione esecutiva), sino ad un importo massimo complessivo del 2% del costo del progetto. Costi relativi alle prestazioni di fornitori esterni per servizi connessi allo sviluppo di componenti software e di banche dati digitali strettamente connessi alla realizzazione del progetto. Costi di diffusione e comunicazione Costi relativi alle attività di diffusione, comunicazione e promozione dei servizi realizzati nel limite massimo del 2% del costo del progetto. Costi per spese generali Le spese generali saranno riconosciute nel limite del 5% del costo del progetto. Altro (specificare): Eventuali altri costi non previsti nella tabella precedente. Specificare la natura di tali costi. Totale Progetto Costo totale del Progetto.

7 Scenario di riferimento 2.1. Stato di attuazione dei servizi nel territorio di riferimento [Partendo da un analisi di quanto già in essere presso le singole amministrazioni locali dell Area Vasta, riportare - per ogni classe di servizi che si intende realizzare nel progetto - lo stato dell arte dei servizi sia in termini di servizi realizzati ed effettivamente erogati all utenza sia in termini di loro aderenza agli standard rilasciati dal CRIPAL. Corredare lo stato dell arte con le seguenti tabelle di sintesi:]

8 20703 A) Quadro di sintesi dello stato dell arte dei servizi per ogni Comune COMUNI AREA VASTA Prot. Inform. (A) PEC / IPA (B) Firma Digitale (C) PEC IPA DIR FUN PO RUPAR- SPC (D) Porta di Dominio (E) Gestione inform. atti ammin. (F) SUAE (G) SIT (H) Tabella 3 - Riepilogo stato dell'arte dei servizi Servizi anagr. On line ai cittadini (I) Circolarità Anagrafica (L)

9 20704 [Legenda Colonne Tabella 3:] Comuni Area Vasta Riportare il nome del Comune di Area Vasta a cui si riferiscono le colonne successive (A) Riportare: 0 = Nessuna applicazione di protocollo informatico in uso 1 = Applicazione installata ma non ancora in uso in tutte le strutture dell Ente 2 = Applicazione installata e in uso in tutte le strutture operative dell Ente (anche se diverse da AOO) Per una definizione di protocollo informatico si veda Linee Guida Tecniche standard e specifiche tecniche - Azione PO FESR , Versione del 23/10/2009 (B) Riportare, nelle rispettive sottocolonne, la lettera S per indicare: PEC = esiste almeno un indirizzo di PEC utilizzato dall Ente IPA = è stata registrata almeno una AOO nell Indice delle Pubbliche Amministrazioni (IPA) [verificare in In caso contrario riportare il simbolo N (C) Riportare, nelle rispettive sottocolonne, il numero di firme digitali disponibili per i ruoli: DIR = Dirigente e/o equivalente FUN = Funzionario e/o equivalente PO = Posizione organizzativa o dipendente (D) Riportare la lettera S se l Ente ha un contratto attivo di accesso alla rete Rupar/SPC con uno dei fornitori accreditati dal Centro Tecnico Rupar. Riportare la lettera N in caso contrario (E) Riportare la lettera S se l Ente ha una Porta di Dominio (PDD) attiva sulla rete Rupar/SPC utilizzata per uno o più servizi di cooperazione applicativa. Riportare la lettera N in caso contrario (F) Riportare: 0 = Nessuna applicazione di gestione informatizzata degli atti amministrativi in uso 1 = Applicazione di gestione informatizzata degli atti amministrativi installata ma non ancora in uso in tutte le strutture dell Ente 2 = Applicazione di gestione informatizzata degli atti amministrativi installata e in uso in tutte le strutture operative dell Ente Per una definizione di gestione informatizzata degli atti amministrativi si veda Linee Guida Tecniche standard e specifiche tecniche - Azione PO FESR , Versione del 23/10/2009 (G) Riportare: 0 = Nessuna applicazione di gestione SUAE in uso 1 = Applicazione di gestione SUAE installata ma non ancora in uso nell Ente 2 = Applicazione di gestione SUAE installata e in uso nell Ente Per una definizione di gestione SUAE si veda Linee Guida Tecniche standard e specifiche tecniche - Azione PO FESR , Versione del 23/10/2009 (H) Riportare: 0 = Nessuna applicazione di gestione SIT in uso 1 = Applicazione di gestione SIT installata ma non ancora in uso nell Ente 2 = Applicazione di gestione SIT installata e in uso nell Ente (I) Riportare: 0 = Nessuna applicazione di front end di erogazione on line di servizi anagrafici in uso 1 = Applicazione di front end di erogazione on line di servizi anagrafici installata ma non ancora in uso nell Ente 2 = Applicazione di front end di erogazione on line di servizi anagrafici installata e in uso nell Ente (L) Riportare: 0 = Nessuna applicazione XML-SAIA V2 (Sistema di gestione della Circolarità Anagrafica) in uso sulla rete Rupar/SPC 1 = Applicazione XML-SAIA V2 (Sistema di gestione della Circolarità

10 20705 Anagrafica) installata ma non ancora in uso nell Ente sulla rete Rupar/SPC 2 = Applicazione XML-SAIA V2 (Sistema di gestione della Circolarità Anagrafica) installata e in uso nell Ente sulla rete Rupar/SPC B) Quadro di sintesi dello stato dell arte degli Strumenti urbanistici vigenti COMUNI AREA VASTA Form. Cartaceo STRUMENTO URBANISTICO VIGENTE PRG/PDF PRG/PDF con PUG in itinere PUG Form. PUG digitalizzato Adottato PUG in fase di iniziale elaborazione PUG in fase di avanzata elaborazione Tabella 4 - Riepilogo stato dell'arte strumenti urbanistici

11 Obiettivi, attività e tempistica 3.1. Modello di gestione del progetto [Riportare una descrizione dettagliata dell organizzazione del progetto, delle responsabilità tecnicoorganizzative, delle modalità di relazionamento al interno dell Area Vasta e tra questa e gli eventuali soggetti fornitori di beni e servizi, delle metodologie e standard di project management e degli strumenti di reporting periodico adottati. Utilizzare eventualmente uno o più diagrammi per illustrare la governance del progetto.] 3.2. Obiettivi realizzativi [Riportare una descrizione dettagliata delle modalità realizzative con cui raggiungere gli obiettivi di progetto. In particolare, evidenziare la struttura del progetto (WBS: Work Breakdown Structure) in termini di Obiettivi Realizzativi (Workpackage) e Attività in cui sono strutturati gli Obiettivi Realizzativi, relazioni e dipendenze tra Obiettivi Realizzativi. Rappresentare la WBS completa del progetto con un diagramma che riporti tutti gli Obiettivi Realizzativi e, per ogni OR, tutte le attività che concorrono al raggiungimento dello specifico OR. ] La WBS è uno strumento per la scomposizione analitica del progetto. Attraverso un diagramma, o mediante elenchi strutturati e descrittivi, essa mostra tutte le parti di un progetto a diversi livelli di dettaglio, dai primi sotto-obiettivi fino ai compiti specifici. La rappresentazione gerarchica definisce sottosistemi sempre più piccoli fino all'individuazione di pacchetti di attività. Quest'ultima operazione è lo scopo fondamentale della WBS, ossia identificare chiaramente, all'ultimo livello gerarchico, compiti attribuibili alla responsabilità di un'unica risorsa, e definirli in modo tale che possano essere pianificati, disposti di budget e infine controllati. Si riportano a titolo di esempio le due tipologie di diagrammi per la rappresentazione della WBS del progetto. Struttura del progetto in OR:

12 20707 Struttura del OR.1 Per ogni Obiettivo Realizzativo riportare la descrizione utilizzando il seguente formato: Obiettivo Realizzativo Descrizione Attività Risultati attesi Durata OR.nn Nome obiettivo [riportare una descrizione dettagliata dell Obiettivo Realizzativo sia in termini qualitativi che quantitativi] [riportare l elenco delle attività principali svolte per l OR.nn. Le attività sono identificate da un codice A.nn.mm ed un nome attività, dove mm è un progressivo all interno dell OR.nn] [riportare un elenco di risultati conseguibili al completamento dell OR.nn. Anche i risultati devono essere identificati da un codice D.nn.pp ed un nome risultato, dove pp è un progressivo all interno dell Obiettivo Realizzativo OR.nn. Il risultato deve essere qualificato secondo una delle seguenti tipologie: D = Documento, S = Software, H = Hardware, M = Manuale, V = Verbali, A = Altro] [durata dell OR.nn in mesi o frazioni di mese espresse in settimane] Costo totale previsto per l OR (Nota: L attività di progettazione definitiva e le attività ad essa direttamente funzionali non vanno descritte né computate nel costo totale degli OR.) 3.3. Descrizione delle Attività [Riportare una descrizione dettagliata delle attività per ogni Obiettivo Realizzativo identificato nel paragrafo precedente. Le attività sono identificate come quelle componenti del progetto che abbiano una

13 20708 propria autonomia e quindi caratterizzate da: almeno un criterio di attivazione; almeno un criterio di completamento; almeno un prodotto. Utilizzare lo schema seguente, che va ripetuto n volte per quante sono le attività da descrivere:] (Nota: L attività di progettazione definitiva e le attività ad essa direttamente funzionali non vanno descritte) Obiettivo Realizzativo Nome dell Attività OR.nn Nome obiettivo A.nn.mm Nome attività Inizio (giorni solari dall inizio del progetto) ggg Fine (giorni solari dall inizio del progetto) ggg Obiettivo dell Attività Descrizione del lavoro previsto nell attività Descrizione esaustiva degli obiettivi dell attività all interno dell OR Descrivere le modalità di esecuzione dell attività Prodotti dell Attività D.nn.1 Nome prodotto-1 Tipo * [descrizione del prodotto]. Tipo * [descrizione del prodotto] D.nn.p Nome prodotto-p Tipo * [descrizione del prodotto] Costo dell Attività [Tipo * : D = Documento, S = Software, H = Hardware, M = Manuale, V = Verbali, A = Altro] 3.4. Matrice OR / Attività / Prodotti [Riportare la matrice Obiettivo Realizzativo Attività Prodotti che associa per ogni obiettivo realizzativo, e per ogni attività prevista nell obiettivo realizzativo, tutti prodotti che si prevede di realizzare. Utilizzare lo schema seguente.] OR ATTIVITÀ PRODOTTI TIPO * OR.1 A.1.1 D.1.1 [nome del prodotto] [tipo prodotto]. D.1.p [nome del prodotto] [tipo prodotto] OR.nn A.nn.mm D.nn.p [nome del prodotto] [tipo prodotto] [Tipo * : D = Documento, S = Software, H = Hardware, M = Manuale, V = Verbali, A = Altro] Tabella 5 - Matrice OR Attività - Prodotti

14 Cronoprogramma del Progetto 4.1. Cronoprogramma [Inserire un Cronoprogramma che indichi le relazioni temporali e di precedenza delle varie attività descritte nei paragrafi precedenti, nonché le Milestone (ad es. Gantt)] 4.2. Milestone di progetto [Il progetto può prevedere un qualsiasi numero di Milestone, anche se si consiglia di identificarne un numero limitato. Esse vengono definite dal responsabile di progetto allo scopo di rendere più agevole la gestione del progetto e corrispondono al raggiungimento di obiettivi di progetto fondamentali. Le Milestone devono essere identificate in funzione del particolare ciclo di vita del progetto (come ad esempio l avvio e la conclusione) ed essere significative rispetto ad esso ed al piano di progetto (es. rilascio di determinati servizi o raggiungimento di obiettivi di progetto fondamentali). Ogni Milestone deve essere sinteticamente descritta ed associata ad un insieme di attività di progetto propedeutiche che, una volta concluse, permettono di decretare la Milestone raggiunta. ID NOME DESCRIZIONE ATTIVITÀ PROPEDEUTICHE M.nn.1 [Nome identificativo e sufficientemente auto-descrittivo della Milestone stessa] [Descrizione sintetica della Milestone, ovvero una breve presentazione che ne evidenzi le caratteristiche salienti e la sua collocazione nel progetto] [Riportare i codici delle attività che concorrono al raggiungimento della Milestone] M.nn.2... M.nn.kk Tabella 6 - Milestone di progetto

15 Piano di finanziamento 5.1. Quadro complessivo del finanziamento [Inserire il quadro complessivo dei costi di progetto suddivisi in: Importo totale progettazione definitiva e Importo totale attività progettuali] Voce Importo totale progettazione definitiva e attività ad essa direttamente funzionali (ai sensi dell art. 9, comma 4 del Disciplinare regolante i rapporti tra Regione Puglia e il Soggetto beneficiario) Importo totale attività progettuali (deve coincidere con i totali riportati nelle successive Tabelle 8 e 9 del par. 5.2) Importo xxx.xxx,xx xxx.xxx.xxx,xx Totale finanziamento xxx.xxx.xxx,xx Tabella 7 - Quadro complessivo di finanziamento 5.2. Quadro analitico del finanziamento Quadro analitico per Attività [Riportare, per ogni Obiettivo realizzativo e Attività all interno dell OR, l importo totale previsto. Utilizzare lo schema seguente..] Obiettivo Realizzativo Attività Importo OR.1 Nome OR A.1.1 Nome attività A.1.2 Nome attività A.1.m Nome attività OR.2 Nome OR A.2.1 Nome attività A.2.2 Nome attività A.2.n Nome attività

16 20711 Obiettivo Realizzativo Attività Importo. OR.nn Nome OR A.nn.1 Nome attività A.nn.2 Nome attività A.nn.m Nome attività TOTALE Tabella 8 - Quadro analitico di finanziamento per Attività

17 Quadro analitico per voci di costo [Riportare, per ogni Obiettivo realizzativo e Attività all interno dell OR, l importo totale previsto suddiviso per le voci di costo. Utilizzare lo schema seguente..] Obiettivi/Attività P. Interno Hardware Software Cons. Servizi svil. software Diffusione e Comunic. Spese Generali Altro Totale OR.1 Nome OR A.1.1 Nome attività A.1.2 Nome attività A.1.m Nome attività OR.2 Nome OR A.2.1 Nome attività A.2.2 Nome attività A.2.m Nome attività. OR.nn Nome OR A.nn.1 Nome attività A.nn.2 Nome

18 20713 Obiettivi/Attività P. Interno Hardware Software Cons. Servizi svil. software Diffusione e Comunic. attività A.nn.m Nome attività TOTALI Tabella 9 - Quadro analitico di finanziamento per Voci di Costo Spese Generali Altro Totale

19 Modello di gestione 6.1. Modello di gestione a regime [Inserire il modello di gestione organizzativo che si intende adottare a conclusione del progetto.] Piano di sostenibilità finanziaria a regime [Inserire il modello di gestione economico-finanziario che si intende adottare a conclusione del progetto, per una durata di 60 mesi, in cui evidenziare le voci di Entrata e Uscita del piano di sostenibilità finanziaria]

Sviluppo del sistema di e-government regionale nell AREA VASTA VALLE D ITRIA

Sviluppo del sistema di e-government regionale nell AREA VASTA VALLE D ITRIA REGIONE PUGLIA STRUTTURA DI GESTIONE PO FESR 2007-2013 ASSE I LINEA DI INTERVENTO 1.5 AZIONE 1.5.2 PROGRAMMA OPERATIVO FESR 2007-2013 ASSE I LINEA DI INTERVENTO 1.5 AZIONE 1.5.2 INDICE DEL PROGETTO DEFINITIVO

Dettagli

Scopo della WBS. La regola del 100% Orientamento ai risultati

Scopo della WBS. La regola del 100% Orientamento ai risultati Le problematiche delle fasi del progetto CONCEZIONE ELABORAZIONE FINANZIAMENTO NEGOZIAZIONE ATTUAZIONE ATTUAZIONE - Definizione della successione delle attività esecutive - Allocare le risorse - Pianificare

Dettagli

BANDO ACQUISIZIONI Servizi Informatici. ALLEGATO 2 Offerta Tecnica. Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1

BANDO ACQUISIZIONI Servizi Informatici. ALLEGATO 2 Offerta Tecnica. Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 BANDO ACQUISIZIONI Servizi Informatici ALLEGATO 2 Offerta Tecnica Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA La busta B Gara per l affidamento di servizi informatici POR 2000/2006 misura

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE La Work Breakdown Structure La WBS è uno strumento di pianificazione delle attività progettuali che comporta un lavoro di: 1) suddivisione

Dettagli

FORMULARIO DI PROGETTO

FORMULARIO DI PROGETTO Prestito d Onore della Sardegna Impare FORMULARIO DI PROGETTO A-1 Indice A. DATI DI SINTESI DELL INIZIATIVA... A-3 2. TITOLO DEL PROGETTO... A-3 3. LOCALIZZAZIONE DELL INTERVENTO... A-3 4. Azione di riferimento

Dettagli

I finanziamenti erogati a valere sul Fondo sono destinati unicamente agli Enti locali.

I finanziamenti erogati a valere sul Fondo sono destinati unicamente agli Enti locali. Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Guida per la presentazione dei progetti Fondo per il sostegno agli investimenti per l innovazione negli enti locali - Art. 1, comma 893, della legge 27 dicembre

Dettagli

Tecnopolis CSATA s.c.r.l. -APQ in Materia di e-government e Società dell Informazione nella Regione Puglia- Rete dei Medici di Medicina Generale

Tecnopolis CSATA s.c.r.l. -APQ in Materia di e-government e Società dell Informazione nella Regione Puglia- Rete dei Medici di Medicina Generale BANDO ACQUISIZIONI Servizi Informatici ALLEGATO 2 Offerta Tecnica Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA La busta B Gara per l affidamento di servizi informatici -APQ in Materia

Dettagli

Unità Formativa 10.2: Strumenti per la programmazione delle attività.

Unità Formativa 10.2: Strumenti per la programmazione delle attività. Unità Formativa 10.2: Strumenti per la programmazione delle attività. Nella precedente Unità formativa si è fatto cenno ad alcuni strumenti molto diffusi per la programmazione delle attività e, in particolare,

Dettagli

REGIONE LAZIO. Assessorato Lavoro e Formazione Dipartimento Programmazione Economica e Sociale Direzione Regionale Formazione e Lavoro area DB/05/03

REGIONE LAZIO. Assessorato Lavoro e Formazione Dipartimento Programmazione Economica e Sociale Direzione Regionale Formazione e Lavoro area DB/05/03 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL FORMULARIO REGIONE LAZIO Assessorato Lavoro e Formazione Dipartimento Programmazione Economica e Sociale Direzione Regionale Formazione e Lavoro area DB/05/03 L.R. 24/96 L.R.

Dettagli

POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Competitività Linea di Attività 6.2.1.b Sostegno alla creazione e sviluppo di nuove imprese innovative.

POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Competitività Linea di Attività 6.2.1.b Sostegno alla creazione e sviluppo di nuove imprese innovative. POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Competitività Linea di Attività 6.2.1.b Sostegno alla creazione e sviluppo di nuove imprese innovative. Cognome e Nome Funzione Numero telefono Indirizzo e-mail Sintesi

Dettagli

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 LEZIONE LA GESTIONE DEI PROGETTI DOTT. GIUSEPPE IULIANO Indice 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 1.1 La prima fase di impostazione ---------------------------------------------------------------------7

Dettagli

Ai sensi del comma 3 bis dell art. 24 del D.L. 90/2014 convertito nella legge 11/08/2014 n. 114

Ai sensi del comma 3 bis dell art. 24 del D.L. 90/2014 convertito nella legge 11/08/2014 n. 114 Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni che permetta la compilazione on line con procedure guidate accessibili tramite autenticazione con

Dettagli

ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO

ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO Anno Accademico 2013 2014 PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DELLE IMPRESE TURISTICHE Lezione 4 Project Management PROJECT MANAGEMENT Il project management

Dettagli

Scope Management. IT Project Management. Lezione 3 Scope Management. Monitoring del progetto (Earned Value) Creazione diagrammi Pert/CPM/Gantt

Scope Management. IT Project Management. Lezione 3 Scope Management. Monitoring del progetto (Earned Value) Creazione diagrammi Pert/CPM/Gantt IT Project Management Lezione 3 Scope Management Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Check list del PM Identificare i requisiti del cliente Monitoring del progetto (Earned Value) Identificare i deliverable

Dettagli

BANDO ACQUISIZIONI Servizi Wireless. ALLEGATO 2 Offerta Tecnica. Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1

BANDO ACQUISIZIONI Servizi Wireless. ALLEGATO 2 Offerta Tecnica. Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 BANDO ACQUISIZIONI Servizi Wireless ALLEGATO 2 Offerta Tecnica Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA La busta B Gara per la fornitura di servizi WIRELESS - APQ in Materia di e-government

Dettagli

REGIONE PUGLIA 1.5 ASSESSORATO SVILUPPO ECONOMICO

REGIONE PUGLIA 1.5 ASSESSORATO SVILUPPO ECONOMICO UNIONE EUROPEA Fondo FESR 2007-2013 REGIONE PUGLIA ASSESSORATO SVILUPPO ECONOMICO Servizio Innovazione Sviluppo del sistema di e-government regionale nell Metropoli Terra di Bari, così come finanziato

Dettagli

PARTE SECONDA. VISTO il PO 2007 2013 FESR della Regione Puglia, come approvato dalla Commissione Europea con C(2007) 5726 del 20/11/2007;

PARTE SECONDA. VISTO il PO 2007 2013 FESR della Regione Puglia, come approvato dalla Commissione Europea con C(2007) 5726 del 20/11/2007; 50014 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 175 del 24 12 2014 PARTE SECONDA Atti regionali DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO ECONOMICO, IL LAVORO E L IN NOVAZIONE 18 dicembre

Dettagli

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL PIANO DI INTERVENTO Il piano di intervento è il documento attraverso il quale l impresa proponente e il suo fornitore di servizi descrivono in dettaglio il contenuto

Dettagli

La pianificazione finanziaria di progetto

La pianificazione finanziaria di progetto La pianificazione finanziaria di progetto Corso in LA GESTIONE FINANZIARIA DI UN PROGETTO AI FINI DELLA RENDICONTAZIONE A CURA DELL ASSOCIAZIONE PRONEXUS Reggio Calabria Passi per la pianificazione Passo

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI PROGETTO

SCHEDA TECNICA DI PROGETTO SCHEDA TECNICA DI PROGETTO Sezione 1: Anagrafica del progetto Titolo: Acronimo: Durata (Mesi): Data prevista per l'avvio (mm/aa) Sintesi del progetto (max 3000 caratteri) N.B.: Con la sottoscrizione del

Dettagli

ALLEGATO A1. Al modulo di domanda del bando pubblico per la presentazione di domande di finanziamento Informazione nel settore agricolo

ALLEGATO A1. Al modulo di domanda del bando pubblico per la presentazione di domande di finanziamento Informazione nel settore agricolo ALLEGATO A1 Al modulo di domanda del bando pubblico per la presentazione di domande di finanziamento Informazione nel settore agricolo Regione Piemonte Programma di Sviluppo Rurale 2007 2013 Asse IV Leader

Dettagli

La procedura di programmazione e gestione del progetto

La procedura di programmazione e gestione del progetto Università degli Studi di Trento Programmazione Costi e Contabilità lavori a.a. 2003-4 La procedura di programmazione e gestione del progetto Marco Masera, dott. arch., d.d.r. ing. marco.masera@ing.unitn

Dettagli

Aspetti amministrativi, contabili e fiscali relativi all attuazione dei progetti di cooperazione

Aspetti amministrativi, contabili e fiscali relativi all attuazione dei progetti di cooperazione Aspetti amministrativi, contabili e fiscali relativi all attuazione dei progetti di cooperazione Ottobre 2005 ASPETTI AMMINISTRATIVI, CONTABILI E FISCALI RELATIVI ALL ATTUAZIONE DEI PROGETTI DI COOPERAZIONE

Dettagli

Gestione dei Progetti (2005-2006)

Gestione dei Progetti (2005-2006) Gestione dei Progetti (2005-2006) Alessandro Agnetis DII Università di Siena (Alcune delle illustrazioni contenute nella presentazione sono tratte da PMBOK, a guide to the Project Management Body of Knowledge,

Dettagli

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni. Sommario

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni. Sommario Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni Ai sensi del comma 3 bis dell art. 24 del D.L. 90/2014 convertito nella legge 11/08/2014 n. 114

Dettagli

MEDEA SRL Piazza Puccini, 26 50144 Firenze Italia

MEDEA SRL Piazza Puccini, 26 50144 Firenze Italia Tecniche di Europrogettazione Francesca Abiuso Firenze, 28-29 29 Settembre 2011 Che cosa significa progettare Costruire una mappa strategica Affrontare un problema che va gestito Pianificare Le tre fasi

Dettagli

Il Progetto e il Project Management

Il Progetto e il Project Management Il Progetto e il Project Management Metodologie di Specifica del Software Per contattare il docente Dr. Anna Rita Laurenzi email: annarita.laurenzi@insiel.it cell.+39 3356368206 Agenda Progetto e Project

Dettagli

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IMPIANTI INDUSTRIALI. Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it. Andrea Chiarini 1

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IMPIANTI INDUSTRIALI. Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it. Andrea Chiarini 1 IMPIANTI INDUSTRIALI Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it Andrea Chiarini 1 PARTE 5 PIANIFICAZIONE DELLE FASI DI UN PROGETTO Andrea Chiarini 2 PROGETTAZIONE E SVILUPPO DEL PRODOTTO E DEL PROCESSO

Dettagli

I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione :

I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione : Il Project Management nelle Aziende Sanitarie Tipologie di progetti nelle ASL-AOAO I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione

Dettagli

COMUNICAZIONE PER IL MANAGEMENT D IMPRESA

COMUNICAZIONE PER IL MANAGEMENT D IMPRESA COMUNICAZIONE PER IL MANAGEMENT D IMPRESA Roma, aprile 2015 Project Management (Prof. A. Rocchi) A cosa si riferisce Diverse sono le problematiche relative alla gestione dei progetti all interno di ogni

Dettagli

1. Dati relativi ai soggetti proponenti

1. Dati relativi ai soggetti proponenti Modello di domanda Da trasmettere in duplice copia Al Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale - Segreteria tecnica del Comitato Nazionale Parità dei Lavoratori Lavoratrici ROMA - OGGETTO: Progetto

Dettagli

ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE

ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE Urbino: 3 e 4 ottobre 2008 A cura di: Stefano Santini sve@provincia.ps.it Definizione di progetto Opera complessa, unica e di durata limitata rivolta a produrre un risultato

Dettagli

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi aziendali concordati a valere sul Conto Formativo saldo 2008

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi aziendali concordati a valere sul Conto Formativo saldo 2008 LINEE GUIDA DEL 1 MARZO 2010 Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi aziendali concordati a valere sul Conto Formativo saldo 2008 DENOMINAZIONE DEL PIANO: EVENTUALE ACRONIMO:

Dettagli

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi concordati

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi concordati AVVISO N.11 del 6 MAGGIO 2009 PIANI PER INTERVENTI FORMATIVI DI SOSTEGNO A IMPRESE E LAVORATORI COLPITI DALLA CRISI ECONOMICA Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi concordati

Dettagli

Allegato 2 Modello offerta tecnica

Allegato 2 Modello offerta tecnica Allegato 2 Modello offerta tecnica Allegato 2 Pagina 1 Sommario 1 PREMESSA... 3 1.1 Scopo del documento... 3 2 Architettura del nuovo sistema (Paragrafo 5 del capitolato)... 3 2.1 Requisiti generali della

Dettagli

Il project management: tecniche e strumenti

Il project management: tecniche e strumenti 122109CFC1209_0982a0987.qxd 30-11-2009 8:47 Pagina 982 pianificazione, finanza Il project management: tecniche e strumenti Le fasi: tre momenti fondamentali Fabrizio Bencini Dottore commercialista, Partner

Dettagli

MODELLO SCHEDE INTERVENTO AMBITO DI INTERVENTO: AMBIENTE

MODELLO SCHEDE INTERVENTO AMBITO DI INTERVENTO: AMBIENTE Dipartimento Sviluppo economico, innovazione, istruzione, formazione e lavoro Regolamento regionale della Puglia per gli aiuti in esenzione n. 17 del 30/09/2014 (BURP n. 139 suppl. del 06/10/2014) TITOLO

Dettagli

SCHEDULAZIONI RIEPILOGATIVE E CONFRONTO DI: - FASI E ATTIVITA' DEL WBS; - PRODOTTI; - COMPITI; - RISORSE PROFESSIONALI; - EFFORT.

SCHEDULAZIONI RIEPILOGATIVE E CONFRONTO DI: - FASI E ATTIVITA' DEL WBS; - PRODOTTI; - COMPITI; - RISORSE PROFESSIONALI; - EFFORT. Cod. Figure professionali q.tà gg.uu. Riepilogo di Progetto 1.092 SCHEDULAZIONI RIEPILOGATIVE E CONFRONTO DI: - FASI E ATTIVITA' DEL WBS; - PRODOTTI; - COMPITI; - RISORSE PROFESSIONALI; - EFFORT. 001 Comitato

Dettagli

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi aziendali concordati a valere sul Conto Formativo saldo 2009

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi aziendali concordati a valere sul Conto Formativo saldo 2009 LINEE GUIDA DEL 18 GENNAIO 2011 Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi aziendali concordati a valere sul Conto Formativo saldo 2009 DENOMINAZIONE DEL PIANO: EVENTUALE ACRONIMO:

Dettagli

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni Ai sensi del comma 3 bis dell art. 24 del D.L. 90/2014 convertito nella legge 11/08/2014 n. 114

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Linee guida alla compilazione del Modello on line C Unione Europea Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Fondo Europeo per i Rifugiati Fondo Europeo per i Rimpatri

Dettagli

ALLEGATO 2 MODELLO DI OFFERTA TECNICA

ALLEGATO 2 MODELLO DI OFFERTA TECNICA ALLEGATO 2 MODELLO DI OFFERTA TECNICA Allegato 2 Modello di offerta tecnica Pagina 1 di 23 Premessa Nella redazione dell Offerta tecnica il concorrente deve seguire lo schema del modello proposto in questo

Dettagli

Comune di Sondalo. Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 19 del 12/02/2015 RIFERIMENTI NORMATIVI E DOCUMENTI CORRELATI

Comune di Sondalo. Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 19 del 12/02/2015 RIFERIMENTI NORMATIVI E DOCUMENTI CORRELATI Comune di Sondalo PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI CHE PERMETTA LA COMPILAZIONE ON LINE CON PROCEDURE GUIDATE ACCESSIBILI TRAMITE

Dettagli

1. Premessa 2. Obiettivi Generali

1. Premessa 2. Obiettivi Generali 1. Premessa Il Progetto riguarda la creazione di un Laboratorio ambientale da realizzare sul territorio della Comunità Montana Versante Tirrenico Meridionale diffuso sul territorio montano, a partire dalle

Dettagli

Il Bando Regionale di Ricerca e Sviluppo 2012

Il Bando Regionale di Ricerca e Sviluppo 2012 Il Bando Regionale di Ricerca e Sviluppo 2012 NANOXM - Polo Regionale per le Nanotecnologie Firenze, 8 Febbraio 2012 Il Bando unico di R&S In attuazione del POR CREO FESR 2007/2013 il Bando Unico 2012

Dettagli

C.E.D. Software house ia Aci 13 93100 CALTANISSETTA (CL) Tel Fax +39 0934553912 Cell.+39 3473337039 E mail: info@cedcl.it http://www.cedcl.

C.E.D. Software house ia Aci 13 93100 CALTANISSETTA (CL) Tel Fax +39 0934553912 Cell.+39 3473337039 E mail: info@cedcl.it http://www.cedcl. Pag.1 Pag.2 Codice Amministrazione Digitale Pubblicato nella GU del 29 aprile 2006, n. 99 SO n. 105 il Decreto legislativo 4 aprile 2006, n. 159 che integra il Codice dell'amministrazione Digitale, in

Dettagli

ALLEGATO 2 SCHEDA TECNICA DI PROGETTO

ALLEGATO 2 SCHEDA TECNICA DI PROGETTO BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI RICERCA FONDAMENTALE, RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO SPERIMENTALE REALIZZATI CONGIUNTAMENTE DA IMPRESE E ORGANISMI DI RICERCA IN MATERIA DI NUOVE TECNOLOGIE DEL

Dettagli

Al Sindaco del Comune di:

Al Sindaco del Comune di: Prot. n.1225 del 16/01/13 Al Sindaco del Comune di: 1. Caivano (NA) 2. Cesa (CE) 3. Ottaviano (NA) 4. Calvizzano (NA) Oggetto: LETTERA DI INVITO PER EROGAZIONE DI FINANZIAMENTI AI COMUNI CONSORZIATIPER

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 5 Anno Scolastico 2015/16 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina: GESTIONE PROGETTO, ORGANIZZAZIONE D IMPRESA Classe 5^ DATI IN EVIDENZA

Dettagli

P.I.D. School Contest

P.I.D. School Contest P.I.D. School Contest Bando di concorso per gli alunni delle classi V degli indirizzi Informatica e Telecomunicazioni degli Istituti Tecnici per la realizzazione di un Project Initial Document di un sistema

Dettagli

Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico

Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico wwwisipmorg Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico Arch Eugenio Rambaldi Presidente ISIPM Istituto Italiano di Project Management wwwisipmorg Intervento all interno del

Dettagli

ALLEGATO 2. Bando per la realizzazione di progetti di ricerca industriale strategica in ambito energetico Piano Energetico Regionale

ALLEGATO 2. Bando per la realizzazione di progetti di ricerca industriale strategica in ambito energetico Piano Energetico Regionale ALLEGATO 2 Bando per la realizzazione di progetti di ricerca industriale strategica in ambito energetico Piano Energetico Regionale Regione Emilia-Romagna Direzione Generale Attività Produttive, Commercio,

Dettagli

Dettaglio Fasi Progettuali

Dettaglio Fasi Progettuali Procedura volta alla realizzazione di un nuovo sistema informatico, denominato G.U.S.-N., finalizzato all automazione dei processi di raccolta, condivisione ed elaborazione dei dati nazionali concernenti

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 20 del 13 02 2014

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 20 del 13 02 2014 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 20 del 13 02 2014 6193 Azionista Unico Regione Puglia PO FESR 2007-2013 Asse VI Azione 6.1.5. Allegato 1 Spett.le Puglia Sviluppo S.p.A. Via delle Dalie, s.n.

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA DIPARTIMENTI SVILUPPO ECONOMICO, LAVORO, FORMAZIONE E POLITICHE SOCIALI PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007-2013

Dettagli

B1 LA PROGETTAZIONE. PROGRAMMA: gruppo di progetti con un obiettivo comune.

B1 LA PROGETTAZIONE. PROGRAMMA: gruppo di progetti con un obiettivo comune. ATTIVITÀ ORDINARIA : operazione svolta periodicamente con obiettivo implicito e tempi, risorse e costi standard (Es.di Attività Ordinaria: buste paga, pagamento fornitori) PROGETTO : ha un obiettivo esplicito

Dettagli

Opportunità dei Fondi strutturali: dall idea al progetto

Opportunità dei Fondi strutturali: dall idea al progetto Francesco Vicari 1 Opportunità dei Fondi strutturali: dall idea al progetto Francesco Vicari Ministero dello Sviluppo Economico Francesco Vicari 2 Dall idea al progetto Francesco Vicari 3 Motivazioni di

Dettagli

Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management. Work Breakdown Structure (WBS) (2) Work Breakdown Structure (WBS) (3)

Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management. Work Breakdown Structure (WBS) (2) Work Breakdown Structure (WBS) (3) Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management Work Breakdown Structure, Organizational Breakdown Structure, GANTT, Pert È una illustrazione (grafica) del progetto che articola il

Dettagli

La gestione dei progetti informatici

La gestione dei progetti informatici Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Ingegneria del Software La gestione dei progetti informatici Giulio Destri Ing. del Sw: Gestione - 1 Scopo

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza

Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza SICUREZZA PER LO SVILUPPO OBIETTIVO CONVERGENZA 2007-2013 LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Versione 02 del 14 gennaio 2009 INDICE

Dettagli

P.O. 2007-2013. Asse II - Linea di Intervento 2.4. Azione 2.4.1

P.O. 2007-2013. Asse II - Linea di Intervento 2.4. Azione 2.4.1 UNIONE EUROPEA FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPOIL LAVORO E L INNOVAZIONE P.O. 2007-2013 Asse II - Linea di Intervento 2.4 Azione 2.4.1 Promozione del risparmio

Dettagli

COMUNE DI TREZZANO ROSA Provincia di Milano

COMUNE DI TREZZANO ROSA Provincia di Milano COMUNE DI TREZZANO ROSA Provincia di Milano 20060 Trezzano Rosa Piazza XXV Aprile, 1 C.F. 83502090158 P.IVA 04670940156 info@comune.trezza norosa.mi.it www.comune.trezzanorosa.mi.it Tel. 02 920199 Tecnico

Dettagli

Numero di protocollo (a cura della Regione) Bollo 14,62

Numero di protocollo (a cura della Regione) Bollo 14,62 MODELLO 1 - MODULO DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA Numero di protocollo (a cura della Regione) Bollo 14,62 Domanda di ammissione al contributo previsto per la Misura 2.1 Azione B Progetti per reti di imprese,

Dettagli

SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME SISTEMA INFORMATIVO REGIONE PIEMONTE SUI VAR - 41

SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME SISTEMA INFORMATIVO REGIONE PIEMONTE SUI VAR - 41 Pag. 1 di 10 SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME agosto 2010 Pag. 2 di 10 SOMMARIO 1. SCOPO DEL DOCUMENTO...3 2. INQUADRAMENTO...3 3. LO USER GROUP SPORTELLO UNICO...4 4. IL SOFTWARE PER

Dettagli

FAC SIMILE STAMPA FORMULARIO COMPLESSO

FAC SIMILE STAMPA FORMULARIO COMPLESSO N.B. In celeste le note e le indicazioni del Fondo come supporto alla compilazione FAC SIMILE STAMPA FORMULARIO COMPLESSO Proposta Piano Formativo Avviso n. 32 del 13/10/2015 Piano Formativo: Legenda colori

Dettagli

IV. TEMPI E RISORSE: STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO

IV. TEMPI E RISORSE: STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO IV. TEMPI E RISORSE: STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Dopo aver affrontato la prima stesura del POP, si deve passare piano al vaglio del committente per avere il via definitivo. Se OK Si procede

Dettagli

FAC SIMILE STAMPA FORMULARIO SMART

FAC SIMILE STAMPA FORMULARIO SMART N.B. In celeste le note e le indicazioni del Fondo come supporto alla compilazione FAC SIMILE STAMPA FORMULARIO SMART Proposta Piano Formativo Avviso n. 29 del 17/03/2015 Piano Formativo: Legenda colori

Dettagli

1) ha definito i contenuti generali di una misura intervento da finanziarsi a valere sul P.O.R.:

1) ha definito i contenuti generali di una misura intervento da finanziarsi a valere sul P.O.R.: REGIONE PIEMONTE BU23 06/06/2013 Codice DB1612 D.D. 10 maggio 2013, n. 176 Programma operativo regionale 2007/2013 finanziato dal Fondo europeo di sviluppo regionale - Asse I - Attivita' I.1.3 "Innovazione

Dettagli

Introduzione alla Cooperazione applicativa in Campania

Introduzione alla Cooperazione applicativa in Campania Introduzione alla Cooperazione applicativa in Campania Cos è SPICCA è una infrastruttura costituita dall insieme di risorse hardware e componenti applicative, rappresenta la piattaforma per la realizzazione

Dettagli

SI-GTS Sistema Informativo per la Gestione dei Titoli di Spesa. Istruzioni tecniche per l avvio all Esercizio Sperimentale

SI-GTS Sistema Informativo per la Gestione dei Titoli di Spesa. Istruzioni tecniche per l avvio all Esercizio Sperimentale SI-GTS Sistema Informativo per la Gestione dei Titoli di Spesa Istruzioni tecniche per l avvio all Esercizio Sperimentale 1 Contesto di riferimento Il Sistema Informativo per la Gestione dei Titoli di

Dettagli

REGIONE TOSCANA POR FESR 2014 2020. Scheda tecnica di progetto BANDO 2: Aiuti a progetti di efficientamento energetico dei processi produttivi

REGIONE TOSCANA POR FESR 2014 2020. Scheda tecnica di progetto BANDO 2: Aiuti a progetti di efficientamento energetico dei processi produttivi REGIONE TOSCANA POR FESR 2014 2020 Scheda tecnica di progetto BANDO 2: Aiuti a progetti di efficientamento energetico dei processi produttivi Sezione 1: Anagrafica del progetto Titolo del progetto: Acronimo:

Dettagli

Il ciclo di progetto focus su. Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT

Il ciclo di progetto focus su. Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT Il ciclo di progetto focus su Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT analisi periodica e finale di: efficienza, efficacia, impatto atteso, sostenibilità

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Allegato 15 Modello offerta tecnica

Allegato 15 Modello offerta tecnica Allegato 15 Modello offerta tecnica Sommario 1 PREMESSA... 4 1.1 Scopo del documento... 4 2 La soluzione progettuale e la relativa architettura... 4 2.1 Requisiti generali della soluzione offerta... 4

Dettagli

Progetto regionale Abruzzo Scuola Digitale. Project Management. (cenni) Ing. Giovanni Pisano Conferenze di servizio, ottobre 2015

Progetto regionale Abruzzo Scuola Digitale. Project Management. (cenni) Ing. Giovanni Pisano Conferenze di servizio, ottobre 2015 Progetto regionale Abruzzo Scuola Digitale Project Management (cenni) Ing. Giovanni Pisano Conferenze di servizio, ottobre 2015 1 COSA INTENDIAMO PER PROGETTO? Un progetto è un complesso unico e coordinato

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE Modelli e regole 1 Indice 1 Note generali...4 1.1 Il servizio informatico delle comunicazioni obbligatorie...4 1.2 Obbligo di

Dettagli

AREA GIURIDICO LEGALE PAG. 3 MODULO 1 STRUMENTI GIURIDICI PER GESTIRE IL PASSAGGIO DELLA PROPRIETÀ PAG. 3 AREA ECONOMICA FINANZIARIA PAG.

AREA GIURIDICO LEGALE PAG. 3 MODULO 1 STRUMENTI GIURIDICI PER GESTIRE IL PASSAGGIO DELLA PROPRIETÀ PAG. 3 AREA ECONOMICA FINANZIARIA PAG. 1 AREA GIURIDICO LEGALE PAG. 3 MODULO 1 STRUMENTI GIURIDICI PER GESTIRE IL PASSAGGIO DELLA PROPRIETÀ PAG. 3 AREA ECONOMICA FINANZIARIA PAG. 4 MODULO 2 RATING AZIENDALE E BILANCIO D ESERCIZIO PAG. 4 MODULO

Dettagli

Linee guida per la Compilazione delle Piste di controllo da parte dei beneficiari del Programma per la Cooperazione Transfrontaliera Italia-Slovenia

Linee guida per la Compilazione delle Piste di controllo da parte dei beneficiari del Programma per la Cooperazione Transfrontaliera Italia-Slovenia Linee guida per la delle Piste di controllo da parte dei beneficiari del Programma per la Cooperazione Transfrontaliera Italia-Slovenia 2007-2013 Revisione 0/2010 Sommario 1. Introduzione... 2 2. Riferimenti

Dettagli

pugliasviluppo Azionista Unico Regione Puglia

pugliasviluppo Azionista Unico Regione Puglia 38599 pugliasviluppo Azionista Unico Regione Puglia PO PUGLIA FSE 2007-2013 Asse II - Occupabilità Fondo Microcredito d Impresa della Regione Puglia Allegato 2 Spett.le Puglia Sviluppo S.p.A. Via delle

Dettagli

DI ANALISI RELATIVO A CULTURA E CAPITALE UMANO: EFFETTI DEGLI INCENTIVI CULTURALI CIG

DI ANALISI RELATIVO A CULTURA E CAPITALE UMANO: EFFETTI DEGLI INCENTIVI CULTURALI CIG IRPET AFFIDAMENTO DIRETTO con richiesta di offerta SERVIZIO DI ANALISI RELATIVO A CULTURA E CAPITALE UMANO: EFFETTI DEGLI INCENTIVI CULTURALI CIG 5798541368 OFFERTA TECNICA 13 giugno 2014 1 INDICE 1. Presentazione

Dettagli

Fascicolo Sanitario Elettronico

Fascicolo Sanitario Elettronico Consiglio Nazionale delle Ricerche Fascicolo Sanitario Elettronico «La roadmap e l accelerazione in atto» Ing. Stefano van der Byl Ing. Mario Ciampi Fascicolo Sanitario Elettronico 1/2 «Il FSE è l insieme

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base)

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) ISIPM Base Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) Gruppo B Conoscenze Tecniche e Metodologiche Syllabus da 2.1.1 a 2.7.1 1 Tema: Gestione Ambito del Progetto e Deliverable

Dettagli

Settore Volontariato, Filantropia Beneficenza

Settore Volontariato, Filantropia Beneficenza Documento Programmatico Previsionale 2015 Settore Volontariato, Filantropia Beneficenza FATTORIE SOCIALI LINEA 3) L A L I N E A D I I N T E R V E N T O QUALE FINALITÀ Limitate (la Fondazione affiancherà

Dettagli

MINISTERO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA P.E.

MINISTERO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA P.E. MINISTERO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA P.E. Delibera CIPE n. 12 del 15/2/2000 MIP Codifica Investimenti Pubblici Gruppo di Lavoro Proposte per la definizione delle Modalità di attribuzione e di costruzione

Dettagli

LA SARDEGNA NELL EUROPA 2020

LA SARDEGNA NELL EUROPA 2020 LA SARDEGNA NELL EUROPA 2020 VERSO UN NUOVO MODELLO DI GOVERNANCE Enti Locali e politiche di coesione Project Management per gli EELL Ornella Cauli 8 maggio 2013 Centro Servizi Losa La logica del Project

Dettagli

CAPITOLO 5. Gestione dell'ambito del progetto

CAPITOLO 5. Gestione dell'ambito del progetto CAPITOLO 5 Gestione dell'ambito del progetto 5 La gestione dell ambito di progetto comprende i processi necessari ad assicurare che il progetto includa tutto il lavoro richiesto, e soltanto il lavoro richiesto,

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

Un caso concreto di dematerializzazione e semplificazione dei processi inter -amministrazioni: la gestione dei contratti dei docenti

Un caso concreto di dematerializzazione e semplificazione dei processi inter -amministrazioni: la gestione dei contratti dei docenti FORUMPA 2008 13 maggio 2008 Un caso concreto di dematerializzazione e semplificazione dei processi inter -amministrazioni: la gestione dei contratti dei docenti Modello applicativo e tecnologico dott.ssa

Dettagli

FORMULARIO DI PROGETTO

FORMULARIO DI PROGETTO ALLEGATO B AVVISO PUBBLICO PER L IDEAZIONE, PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DENOMINATO RIAPRE IL PECCI, RIPARTE IL CONTEMPORANEO IN TOSCANA FORMULARIO DI PROGETTO SEZIONE 1 - DATI GENERALI 1.1

Dettagli

LA GESTIONE DEI PROGETTI

LA GESTIONE DEI PROGETTI Mara Bergamaschi LA GESTIONE DEI PROGETTI Copyright SDA-Bocconi Nota didattica PA 2365 LA GESTIONE DEI PROGETTI Di Mara Bergamaschi SOMMARIO: La nozione di progetto; L importanza di un project management

Dettagli

Bando per lo sviluppo dei sistemi di bigliettazione elettronica interoperabili di trasporto pubblico locale in Regione Lombardia Sommario

Bando per lo sviluppo dei sistemi di bigliettazione elettronica interoperabili di trasporto pubblico locale in Regione Lombardia Sommario Bando per lo sviluppo dei sistemi di bigliettazione elettronica interoperabili di trasporto pubblico locale in Regione Lombardia Sommario 1. Obiettivi 2 2. Dotazione finanziaria 2 3. Soggetti beneficiari

Dettagli

GLI STRUMENTI FINANZIARI DELL'UNIONE EUROPEA I fondi comunitari e la loro utilizzazione per lacrescita economica e sociale delle P.A.

GLI STRUMENTI FINANZIARI DELL'UNIONE EUROPEA I fondi comunitari e la loro utilizzazione per lacrescita economica e sociale delle P.A. PROGRAMMA DETTAGLIATO Titolo del Corso GLI STRUMENTI FINANZIARI DELL'UNIONE EUROPEA I fondi comunitari e la loro utilizzazione per lacrescita economica e sociale delle P.A. Soggetti proponenti IMT Alti

Dettagli

72.4 GESTIONE BANCHE DATI E PORTALI WEB 72.21 REALIZZAZIONE SOFTWARE NON PERSONALIZZATO (EDIZIONI DI SOFTWARE)

72.4 GESTIONE BANCHE DATI E PORTALI WEB 72.21 REALIZZAZIONE SOFTWARE NON PERSONALIZZATO (EDIZIONI DI SOFTWARE) UNIONE EUROPE Fondo FESR 2007-2013 COMUNE DI BRINDISI Capofila del Piano Strategico Area Vasta Brindisina REGIONE PUGLIA Assessorato Sviluppo Economico Servizio Innovazione PO FESR 2007 2013 Asse I Linea

Dettagli

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto CST Area di Taranto Assemblea dei Sindaci 19.09.2008 Relazione Attività Di Progetto Uno degli obiettivi del progetto CST Area di TARANTO è stato quello di garantire la diffusione dei servizi innovativi

Dettagli

MANUALE DI SUPPORTO ALLA COMPILAZIONE ON-LINE DELLA DOMANDA

MANUALE DI SUPPORTO ALLA COMPILAZIONE ON-LINE DELLA DOMANDA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA POR CALABRIA FESR 2007-2013 Asse VII Sistemi produttivi Obiettivo Specifico 7.1 Obiettivo Operativo 7.1.3 Linea di Intervento 7.1.3.2 Migliorare le condizioni

Dettagli

La gestione delle informazioni per l accesso ai finanziamenti comunitari

La gestione delle informazioni per l accesso ai finanziamenti comunitari La gestione delle informazioni per l accesso ai finanziamenti comunitari Dall idea alla individuazione della proposta progettuale Germana Di Falco Expert Italia Parte prima L APPROCCIO STRATEGICO AI FINANZIAMENTI

Dettagli

Il Project Management. Dott.ssa Alessia Sozio

Il Project Management. Dott.ssa Alessia Sozio Il Project Management Dott.ssa Alessia Sozio PROJECT Un insieme di persone e di altre risorse temporaneamente riunite per raggiungere uno specifico obbiettivo, di solito con un budget determinato ed entro

Dettagli