Come presentare una proposta: una metodologia da seguire Verdiana Bandini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Come presentare una proposta: una metodologia da seguire Verdiana Bandini"

Transcript

1 Come presentare una proposta: una metodologia da seguire Verdiana Bandini 1

2 Contenuti della presentazione > Informazione sugli elementi più rilevanti per la progettazione nel VI PQ > Proposta di una metodologia: L informazione: analisi della documentazione L idea progettuale Verifica di ammissibilità Pianificazione della progettazione Progettazione La struttura della proposta nel VI PQ Focus su obiettivi, partnership, management, attività Il budget La verifica dei criteri di valutazione 2

3 Una premessa: il processo del VI PQ > Approvazione del programma e sotto-programma > Preparazione della documentazione di supporto > Pubblicazione dell invito a presentare proposte / bando > Progettazione > Valutazione > Negoziazione > Firma del contratto > Implementazione e gestione 3

4 > Call for proposal > Workprogramme > Guide for proposers Essere informati La documentazione disponibile Brochure FP6 in brief Financial guidelines Model Contracts Guidelines on Proposal Evaluation and Selection Procedures Materiale sugli strumenti Guidance Notes for Evaluators (per ciascun bando) Ethic Rules, materiale su IPR Negotiation guidelines 4

5 L invito a presentare proposte > Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale delle Comunità Europee (GUCE) > Testo Azioni previste Soggetti beneficiari Fonti di informazione Modalità di presentazione delle proposte > Allegato Tutti i riferimenti (programma, data di pubblicazione, scadenza, budget, strumenti previsti) che comunque rimandano alla ulteriore documentazione 5

6 Il programma di lavoro > Contenuti Introduzione Obiettivi, struttura e approccio Descrizione del contenuto tecnico del programma Coordinamento con altri programmi (orizzontali e tematici) Roadmap e criteri di valutazione Bandi > Aggiornato periodicamente 6

7 La guida ai proponenti > Raccomandazioni chiave > Istruzioni per la presentazione > Cenni su valutazione e negoziazione > Fonti di informazione > Moduli di presentazione e relative istruzioni 7

8 La brochure FP6 in brief > Riassunto di tutte le informazioni relative al VI PQ Obiettivi e approccio Strumenti Procedura 8

9 Linee guida finanziarie > Principi di base > Natura della sovvenzione > Costi ammissibili e non ammissibili > Tipologie di attività > Modelli di costo > Meccanismi del contributo finanziario > Calcolo del contributo finanziario > Modalità di pagamento > Controlli > Rimborso e sanzioni applicabili 9

10 Il modello di contratto > Un modello di base con opzioni diverse a seconda degli strumenti (es. IP, NOE ecc.) Allegato I Description of work Allegato II Condizioni generali [Allegato III Clausole relative allo strumento specifico] [Allegato IV - Form A Autorizzazione dei contraenti ad accedere al contratto] [Allegato V - Form B Accesso di nuove entità legali al contratto] [Allegato VI - Form C financial statement per tipo di strumento] 10

11 Linee guida sulla valutazione > Tutte le informazioni su: Processo Valutatori Valutazione Negoziazione e selezione delle proposte 11

12 Dove reperire le informazioni prima e durante > A livello europeo: CORDIS: FP6 infodesk della CE > A livello italiano National Contact Points (NCP) APRE Innovation Relay Centre (IRC) 12

13 L idea progettuale > Sembra banale, ma: Chiarire qual è il problema o i problemi che il progetto intende affrontare Su questa base definire gli obiettivi che si intendono raggiungere Ipotizzare una metodologia per raggiungere questi obiettivi e le relative attività Individuare le risorse necessarie per svolgere queste attività Risorse umane (interne e partner) Budget Identificare la tempistica di massima 13

14 La verifica di ammissibilità > Selezione del programma e della azione più adeguata > Verifica dello strumento e delle condizioni che vengono applicate > Verifica della scadenza dell invito a presentare proposte al fine della pianificazione > Possibilmente: Partecipare agli eventuali info-day Contattare la Commissione e/o i NCP (utile disporre di un abstract della proposta) Utilizzare la possibilità offerta dal pre-proposal check, se prevista, ma considerare che ci sono dei tempi da rispettare Questa fase è estremamente importante!!! Per non perdere tempo Per essere in grado di pianificare accuratamente le azioni successive 14

15 Pianificazione della progettazione > Sulla base dell analisi della documentazione richiesta (la modulistica) e della definizione delle attività da svolgere, definire: Risorse necessarie e attribuzione dei compiti Team di progettazione interno Referenti partner esterni Tempistiche (utile partire dalla scadenza del bando all indietro) Consegna cartacea o elettronica? Consegna elettronica: EPSS Richiesta di login e password 15

16 La struttura della proposta nel VI Programma Quadro > Le proposte progettuali del VI PQ sono composte da due parti: Parte A Moduli amministrativi Parte B Descrizione della proposta > Queste parti possono contenere sezioni leggermente differenti a seconda degli strumenti previsti 16

17 I moduli amministrativi - parte A > I moduli includono: Informazioni generali sulla proposta (A1) Un modulo, a cura del coordinatore Informazioni amministrative sui proponenti (A2) Un modulo per ciascun partner Informazioni finanziarie (A3) Un modulo, a cura del coordinatore > Linee guida e allegati contenenti i codici necessari alla compilazione > I moduli amministrativi debitamente compilati fanno parte integrante della proposta 17

18 La descrizione della proposta - parte B (1) > Vecchi moduli B + C del V PQ > No anonimato > Può essere strutturata in modi leggermente diversi a seconda del programma e tipo di azione, ma normalmente include gli stessi tipi di contenuto > Riferimento: IP 18

19 La descrizione della proposta - parte B (2) > Copertina Titolo, acronimo, data di preparazione, strumento, lista dei partecipanti, nome e riferimenti del coordinatore > Indice > Pagina di summary Titolo, acronimo, aree della ricerca affrontate in ordine di importanza, abstract del progetto (= form A) > B.1 Obiettivi scientifici e tecnologici e stato dell arte (3 pagine) Obiettivi raggiungibili nel progetto e non negli sviluppi successivi, quantificabili Stato dell arte e come il progetto lo supera 19

20 La descrizione della proposta - parte B (3) > B.2 Rilevanza degli obiettivi del progetto all area tematica prioritaria (2 pagine) Come il progetto contribuisce agli obiettivi scientifici, tecnici e sociali in senso ampio > B.3 Impatto potenziale Ad es. miglioramento competitività, soluzione di problemi sociali, supporto alle politiche comunitarie Descrizione delle attività di innovazione Descrizione dei piani di sfruttamento e disseminazione dei risultati del progetto Descrizione del valore aggiunto europeo Collegamento con attività di ricerca nazionale o internazionale > B3.1 Contributi a standard 20

21 La descrizione della proposta - parte B (4) > B.4 Piano di implementazione (25 pagine) Approccio di RST e come questo approccio intende raggiungere i risultati Piano di implementazione suddiviso per attività e sotto-attività e relative responsabilità Interrelazione tra le attività Innovazione: gestione della conoscenza, IPR, sfruttamento risultati, disseminazione > B.4.1 Attività di ricerca, sviluppo e innovazione >B.4.2 Dimostrazione >B.4.3 Training activities >B.4.4 Management activities 21

22 La descrizione della proposta - parte B (5) > B.5 Descrizione del consorzio (2 pagine + 1 per subcontraenti e paesi terzi) Partecipanti e loro ruolo (anche eventuali non ancora identificati) Appropriatezza e commitment Complementarietà Coinvolgimento industriali/commerciale per lo sfruttamento dei risultati Opportunità di coinvolgimento PMI Subcontraenti: perché e come Contributo di eventuali partner di paesi terzi 22

23 La descrizione della proposta - parte B (6) > B.6 Descrizione del project management (5 pagine) Struttura organizzativa e decision making appropriati alla complessità del progetto Piano di gestione della conoscenza, IPR e altre attività di innovazione Adattamento gestione a eventuali nuovi partecipanti 23

24 La descrizione della proposta - parte B (7) > B.7 Risorse del progetto (3 pagine + form) B.7.1 IP Project Effort Form person-months per partecipante per attività B.7.2. IP Project Budget Form Risorse necessarie per partecipante per attività B.7.3. IP management level Descrizione delle risorse (personale, equipment, ecc.) collegandole alle varie attività Dimostrare come il progetto mobilita la necessaria massa critica di risorse necessaria al successo 24

25 La descrizione della proposta - parte B (8) > B.8 Piano di implementazione dettagliato primi 18 mesi (15 pagine + form) Introduzione: struttura e metodologia Rischi e piani di emergenza Form A3 per i primi 18 mesi Workpackages (incluso management e valutazione risultati) e task (form) con deliverables e milestones GANTT e PERT Lista Workpackage (form) Lista Deliverables (form) 25

26 La descrizione della proposta - parte B (9) > B.9 Altre questioni (no limite di pagine) Problematiche etiche Problematiche connesse a politiche europee Implicazioni sociali e disponibilità a collaborare con soggetti terzi esperti Sinergie con istruzione > B.10 Questioni di genere B Gender Action plan (1 pagina) B Questioni di genere (1 pagina) 26

27 Focus sugli obiettivi > Devono essere chiari e coerenti con la missione dei partner e con il work programme > Devono essere omogenei e complementari > Possono essere suddivisi in: A lungo/medio/breve termine Generali/specifici > Utilizzate parole chiave che possano essere utilizzate anche nella descrizione delle attività 27

28 Focus sulla partnership Ruoli all interno del contratto > Punto di vista: il contratto Coordinatore Contraente principale che svolge compiti di coordinamento Contraente principale (main o principal contractor) Firma il contratto e condivide gli obblighi previsti Co-finanzia il progetto (se rilevante) Partecipa pienamente allo sfruttamento dei risultati Sub-contraente (Subcontractor) Fornitore pagato al 100% > Attenzione: Responsabilità tecnica e finanziaria condivisa 28

29 Focus sulla partnership Ruoli all interno del progetto > Punto di vista: il ruolo operativo nel progetto Coordinatore del progetto Coordinatore (tecnico, locale ecc.) Ricerca Fornitore di tecnologia Fornitore di test bed Utilizzatore pilota Utilizzatore finale Osservatore 29

30 Focus sulla partnership Quanti partner? > E consigliabile che tutti i ruoli operativi siano coperti = complementarietà all interno della partnership > Il numero ottimale di partner è quello sufficiente per realizzare le attività previste 30

31 Focus sulla partnership Cosa fare > Qualificare Di quale tipologia di partner il progetto ha bisogno > Identificare Ricerca partner, contatti diretti ecc. > Contattare e coinvolgere Condividere obiettivi e contenuti Raccogliere informazioni Ricevere contributi e revisionare il progresso 31

32 Focus sulla partnership Raccogliere le informazioni Moduli A A2 da preparare e verificare (non è più prevista la firma) Contributi al contenuto della proposta Parti tecniche Profilo dei partecipanti Coerenza tra profilo e attività proposte Capacità di sfruttamento e disseminazione Esperienza precedente (CV del personale chiave) (Riferimenti) Budget Base di costo Personale (costi, person-months, allocazione) Altri costi 32

33 Focus sulla partnership Descrizione > Introduzione sulla composizione generale (numero, paese, ruolo nel contratto e nel progetto) > Utilizzare diagrammi per mostrare graficamente l organizzazione e qualificazione della partnership > Per ogni partner: Breve profilo Coerenza della missione aziendale con gli obiettivi del progetto Competenza CV del personale chiave Progetti correlati già realizzati o in corso 33

34 Focus sul management I ruoli > Coordinatore del progetto Sempre: Comunicazione con CE Responsabilità ultima del progetto, sia tecnica che finanziaria Coordinamento e monitoraggio Comunicazione con i partner Disseminazione Altri ruoli a seconda del contenuto del progetto > Comitato di gestione (Executive Board) > Comitato di controllo (Steering committee o Advisory Board) > Work package leader e diagramma R/W > Altri ruoli a seconda del contenuto (e.g. geografico, tematico, ecc.) 34

35 Focus sul management Gli strumenti > Flusso di comunicazione > (Flusso finanziario) > Riunioni Kick off meeting Riunioni plenarie Riunioni dei vari board Riunioni di gruppi di lavoro > Report > Monitoraggio, qualità and indicatori di performance > Risoluzione dei conflitti e contingency plans > IPR - Consortium agreement Gestione della conoscenza > Gender? 35

36 Focus sulle attività WP e task > Partire dagli obiettivi che si vogliono raggiungere > Identificare un percorso logico > Identificare gruppi coerenti di attività (work package) > Identificare le task associate ai WP > Definire i WP leader (attenzione al bilanciamento tra i partner) > Prestare attenzione al percorso metodologico 36

37 Focus sulle attività Struttura dei work package > Indipendentemente dal contenuto del progetto, alcuni WP possono essere ricorrenti: Gestione e coordinamento Definizione della metodologia Es. per ricerche, studi, azioni innovative ecc.... Formazione Disseminazione Sfruttamento 37

38 Focus sulle attività Struttura di un work package (1) > Dati introduttivi Numero del WP Titolo del WP Inizio e durata Leader partner Partner partecipanti (Mesi/persona per partner) (Costi (generali or suddivisi per categoria) per partner) 38

39 Focus sulle attività Struttura di un work package (2) > Obiettivi Si riferiscono al singolo WP Si può fare riferimento agli obiettivi generali del progetto > Descrizione del lavoro Definizione delle task Numerazione delle task seguendo la numerazione dei WP Attenzione: indicare solo quelle necessarie per non rendere troppo pesante la gestione 39

40 Focus sulle attività Struttura di un work package (3) > Milestone Il risultato di una attività necessario per realizzare attività successive Punto identificabile nel tempo > Deliverable Il/i risultato/i di un WP che può essere consegnato alla Commissione o ai valutatori come dimostrazione del lavoro svolto Ad es. documentazione, prototipi, ecc. > Risultati attesi e indicatori di performance 40

41 Focus sulle attività Posizionare le attività nel tempo > Diagramma di GANTT (integrato con impegno delle risorse) WP and task Scala temporale (Allocazione delle risorse umane per partner) Interrelazione tra WP e/o task Milestone Deliverable 41

42 Focus sulle attività Percorso logico (PERT) WP1 Project coordination Start WP2 Users need analysis WP4 New Business model set-up WP6 System test WP7 New Bus. model assessment End WP3 Technology scouting WP5 Technolog. customisation WP8 Exploitation and dissemination 42

43 Focus sulle attività Informazioni riassuntive > Descrizione della metodologia o approccio > Descrizione della struttura del progetto > Diagramma di GANTT > Diagramma di PERT > Tabelle Lista dei WP Lista dei Deliverable (Lista delle Milestone) 43

44 Suggerimenti ulteriori > Seguire un percorso logico > Scrivere con stile semplice e chiaro > Essere coincisi > Documentare sempre ciò che si afferma > Utilizzare tabelle, grafici, figure > Utilizzare parole chiave, in quanto Migliorano la coerenza interna del progetto Creano una base di conoscenza comune tra i partner del progetto PENSARE AL VALUTATORE CHE LEGGERA IL PROGETTO 44

45 Il budget: primo passo > Verificare attentamente le regole applicabili al programma e strumento scelto Costi ammissibili e non ammissibili Categorie di costo Modelli di rendicontazione % di contributo e co-finanziamento Eventuali massimali consentiti Modalità dei pagamenti 45

46 Le regole: il contributo nel VI PQ > Attraverso public procurement (tender) > Attraverso GRANT (invito a presentare proposte) Lump sum (importo forfetario) Rimborso di costi ammissibili GRANT TO INTEGRATION (NOE) GRANT TO BUDGET (tutti gli altri strumenti escluso SSA, che può prevedere anche lump sum) 46

47 Le regole: i concetti di costi diretti, addizionali, indiretti > Costi diretti Costi ammissibili attribuibili direttamente al progetto, determinati dal contraente in accordo con le sue pratiche amministrative standard > Costi diretti addizionali Costi ammissibili, addizionali rispetto ai costi ricorrenti del contraente, attribuibili direttamente al progetto. Possono includere: Personale con contratto temporaneo che lavora al progetto, dottorandi, Personale il cui contratto dipende totalmente o parzialmente da finanziamenti esterni alla struttura. In quest ultimo caso i costi imputati al progetto devono escludere quelli coperti dal finanziamento ricorrente > Costi indiretti Costi ammissibili non attribuibili direttamente al progetto 47

48 Le regole: il concetto di modello di costo (1) > I modelli di costo sono applicabili a tutti gli strumenti che prevedono un grant per l integrazione o al budget (non si applica alle lump sums ) > Concetto di costi diretti e costi indiretti Full cost (FC) Valori reali per i costi ammissibili sia diretti, sia indiretti Full Cost Flat rate (FCF) Valori reali per i costi ammissibili diretti Importo forfetario per i costi indiretti = 20% dei costi ammissibili diretti esclusi i costi di subcontracting Additional cost (AC) Valori reali per i costi ammissibili ADDIZIONALI diretti Importo forfetario per i costi indiretti = 20% dei costi ammissibili ADDIZIONALI diretti esclusi i costi di subcontracting 48

49 Le regole: il concetto di modello di costo (2) 49

50 Le regole: l importo del contributo > Dipende da: Modello di costo (100% per AC, % variabile per FC e FCF) Tipo di attività prevista dallo strumento Ricerca (e innovazione): max 50% (100% per AC) Dimostrazione: max 35 % (100% per AC) Formazione: 100% Management: 100% fino a un max del 7% del contributo totale Importo delle receipts del progetto RECEIPTS: Trasferimenti finanziari al contraente da parte di terzi per il progetto Contributi in kind da terzi per il progetto Profitto generato dal progetto 50

51 Le regole: tabella riassuntiva del contributo previsto 51

52 Le regole: i costi ammissibili e non ammissibili > Novità: No categorie di costi ammissibili, ma elenco di costi non ammissibili Rispetto dei regolamenti contabili dei partecipanti Certificazione periodica dei costi da parte di auditor finanziari esterni: Audit Certificate! 52

53 I costi non ammissibili > Tasse o imposte, inclusa IVA > Interessi dovuti > Possibili perdite o spese future > Perdite nel cambio > Costi dichiarati, sostenuti o rimborsati in altro progetto comunitario > Costi connessi al capitale > Debiti o spese relative ai debiti > Spese eccessive o stravaganti 53

54 I costi ammissibili > In generale sono ammissibili tutti i costi che: Economici e necessari al progetto Determinati in accordo con le pratiche correnti del contraente Sostenuti durante lo svolgimento del progetto (escluse spese per preparazione dei report per cui si riconoscono ulteriori 45 giorni Siano stati registrati in contabilità nel rispetto delle regole nazionali entro la fine del progetto prima della produzione dell audit certificate Escludano la creazione di ogni margine di profitto Siano contributi al progetto di terzi sulla base di un accordo (es. associazioni di interesse europeo) si applicano le stesse regole che per il contraente 54

55 Esempi di costi ammissibili: le vecchie categorie di costo > Personnel > Durable equipment > Subcontracting > Travel and subsistence > Consumables 55

56 Categorie: personnel FC e FCF AC Costo del personale dipendente per le ore effettivamente lavorate sul progetto registrate e certificate (time cards) In ogni caso i costi del personale e il metodo per il loro calcolo devono essere verificabili Costo del personale addizionale rispetto al personale strutturato (ricercatori, dottorandi ecc.) 56

57 Categorie: durable equipment I beni durevoli sono imputabili solo per la quota di ammortamento e di reale utilizzo: C= costo T= periodo di ammortamento P= percentuale di uso per il progetto D= mesi di uso per il progetto Quota rendicontabile= (C/T)*D*P Per i soggetti a FC: la quota rendicontabile non può essere inserita anche nelle spese generali 57

58 Categorie: travel and subsistence > Rispetto delle regole del contraente: Per diem Costo reale del viaggio e soggiorno > Per la certificazione: Raccogliere e conservare tutta la documentazione di supporto: fatture note spese biglietti aerei con boarding card scontrini fiscali Solo le spese di cui esiste documentazione in originale possono essere rendicontate 58

59 Categorie: consumables > Beni di consumo Qualsiasi bene necessario all implementazione del progetto, es. acquisto, fabbricazione, riparazione o uso di materiali, beni, strumenti e software che: Non sia nell inventario dei beni del contraente Abbia vita breve, non oltre la durata del contratto Non sia considerato normalmente come costo indiretto 59

60 Grant all integrazione > Euro per dottorandi fino a un massimo del 10% del totale 60

61 Grant al budget 61

62 Verifica dei criteri di valutazione > Rilevanza > Impatto potenziale > Eccellenza scientifica e tecnologica > Qualità del consorzio > Qualità del management > Mobilitazione delle risorse Attenzione alle soglie!!! 62

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 2 Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO Modulo 2 Dall Idea al Progetto 2

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

PROGETTAZIONE EUROPEA:

PROGETTAZIONE EUROPEA: PROGETTAZIONE EUROPEA: SUGGERIMENTI PER LA STESURA DI PROGETTI DI RICERCA EUROPEI A cura di: Dott.ssa Federica Fasolato Divisione Ricerca Sezione Internazionale e Nazionale ricerca@unive.it Per ulteriori

Dettagli

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo VADEMECUM Finanziamenti diretti europei Come redigere un progetto di successo redazione: Petra Sevvi, Renata Tomi Info Point Europa della Provincia autonoma di Bolzano Alto Adige Ripartizione Europa Ufficio

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

IL BUDGET. Che cos è il budget.

IL BUDGET. Che cos è il budget. IL BUDGET Che cos è il budget. Ogni progetto deve possedere una sostenibilità economica che permette la realizzazione delle attività e il raggiungimento degli obiettivi. Questa sostenibilità economica

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

VII Programma Quadro L attività di Auditing nei finanziamenti europei Dott. Maurizio Santoro

VII Programma Quadro L attività di Auditing nei finanziamenti europei Dott. Maurizio Santoro VII Programma Quadro L attività di Auditing nei finanziamenti europei Dott. Maurizio Santoro Università degli Studi di Milano Divisione Servizi per la Ricerca 20 novembre 2013 L attività di audit nei progetti

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

Procedure di presentazione e di valutazione delle Proposte in FP7: cosa c é di nuovo?

Procedure di presentazione e di valutazione delle Proposte in FP7: cosa c é di nuovo? Procedure di presentazione e di valutazione delle Proposte in FP7: cosa c é di nuovo? Mario Catizzone RTD: I/1 Valutazione delle proposte di ricerca in FP7 il processo di valutazione ha raggiunto uno standard

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI BANDO SVILUPPO DI RETI LUNGHE PER LA RICERCA E L INNOVAZIONE DELLE FILIERE TECNOLOGICHE CAMPANE - FAQ Frequent Asked Question : Azioni di sistema per l internazionalizzazione della filiera tecnologica

Dettagli

Metodologie e strumenti per la presentazione, il monitoraggio e la valutazione di progetti secondo l'approccio comunitario.

Metodologie e strumenti per la presentazione, il monitoraggio e la valutazione di progetti secondo l'approccio comunitario. Metodologie e strumenti per la presentazione, il monitoraggio e la valutazione di progetti secondo l'approccio comunitario Nunzia Cito Le metodologie e gli strumenti per la presentazione ed il monitoraggio

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona PRINCIPI PROJECT MANAGEMENT PRINCIPI DI PROJECT MANAGEMENT Elisabetta Simeoni 1), Giovanni Serpelloni 2) 1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Percorsi di qualità e trasparenza nell organizzazione, la gestione e il controllo interno delle ONG

Percorsi di qualità e trasparenza nell organizzazione, la gestione e il controllo interno delle ONG Lotta alla povertà, cooperazione allo sviluppo e interventi umanitari Percorsi di qualità e trasparenza nell organizzazione, la gestione e il controllo interno delle ONG Con il contributo del Ministero

Dettagli

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola Europrogettista Il profilo è ricercato in particolare da ONG,

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Università di Camerino

Università di Camerino Università di Camerino FONDO DI ATENEO PER LA RICERCA Bando per il finanziamento di Progetti di Ricerca di Ateneo Anno 2014-2015 1. Oggetto del bando L Università di Camerino intende sostenere e sviluppare,

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/ Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive https://nonconf.unife.it/ Registrazione della Non Conformità (NC) Accesso di tipo 1 Addetto Registrazione della Non Conformità

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali

FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali Misura 124 del PSR 2007-2013 della Regione Toscana FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali ACRONIMO DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO SETTORE DI RIFERIMENTO PREVALENTE FLOROVIVAISMO AGRIENERGIE

Dettagli

Schema di decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri recante: Attuazione del principio della valutazione tra pari per la selezione dei

Schema di decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri recante: Attuazione del principio della valutazione tra pari per la selezione dei Schema di decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri recante: Attuazione del principio della valutazione tra pari per la selezione dei progetti di ricerca ai sensi dell articolo 20, comma 1, della

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 17 febbraio 1982, n. 46 che, all articolo 14, ha istituito il Fondo speciale rotativo per l innovazione tecnologica; Visto il decreto-legge 22 giugno

Dettagli

Guida alla compilazione

Guida alla compilazione Guida alla compilazione 1 Guida alla compilazione... 1 PARTE I REGISTRAZIONE ORGANIZZAZIONE... 5 LA PRIMA REGISTRAZIONE... 5 ACCESSO AREA RISERVATA (LOGIN)...11 ANAGRAFICA ORGANIZZAZIONE...12 ANAGRAFICA

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020 Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Simona De Luca, Anna Ceci UVAL DPS Roma 11 luglio 2013 Indice 1. Indicatori: un modo

Dettagli

BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0

BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0 BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0 Concorso di idee per iniziative imprenditoriali innovative Che cosa è Valore Assoluto è un iniziativa della Camera di Commercio di Bari, giunta al terzo anno di attività e finalizzata

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020)

LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020) LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020) PREMESSA Per l attuazione delle proprie politiche la Commissione europea finanzia un ampio numero di programmi/strumenti

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

un occhio al passato per il tuo business futuro

un occhio al passato per il tuo business futuro 2 3 5 7 11 13 17 19 23 29 31 37 41 43 47 53 59 61 un occhio al passato per il tuo business futuro BUSINESS DISCOVERY Processi ed analisi per aziende virtuose Che cos è La Business Discovery è un insieme

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO Direzione centrale lavoro, formazione, commercio e pari opportunità Servizio programmazione e gestione interventi formativi

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo I MATERIALI FORMATIVI costituiscono un supporto pratico alla rendicontazione dei progetti; la loro funzione principale è quella di mostrare l applicazione delle regole a casi concreti con l ausilio degli

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Nota introduttiva I percorsi formativi che prevedono in esito il rilascio di un certificato di qualifica professionale

Dettagli

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA Enel Produzione SpA Concorso nazionale Le buone pratiche sulla manutnzione sicura Campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2010-2011 Napoli, 27 Ottobre 2011 Villa Colonna Bandini Stefano Di Pietro Responsabile

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI

MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI FSE 2007-2013 A cura della Direzione Istruzione Formazione Professionale Lavoro Allegato a alla dd. n. 608 del

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Finanziamenti on line -

Finanziamenti on line - Finanziamenti on line - Manuale per la compilazione dei moduli di Gestione dei Progetti Finanziati del Sistema GEFO Rev. 02 Manuale GeFO Pagina 1 Indice 1. Introduzione... 4 1.1 Scopo e campo di applicazione...

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO Giovanni Serpelloni 1), Elisabetta Simeoni 2) 1. Centro

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

LA GESTIONE DEI PROGETTI DI RICERCA NEI PROGRAMMI QUADRO EUROPEI

LA GESTIONE DEI PROGETTI DI RICERCA NEI PROGRAMMI QUADRO EUROPEI LA GESTIONE DEI PROGETTI DI RICERCA NEI PROGRAMMI QUADRO EUROPEI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO LUGLIO 2012 Informazione in ordine alle raccomandazioni della Commissione Europea sui progetti finanziati

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Scheda informativa La gestione della PI in Horizon 2020: in fase di proposta

Scheda informativa La gestione della PI in Horizon 2020: in fase di proposta European IPR Helpdesk Scheda informativa La gestione della PI in Horizon 2020: in fase di proposta Lo European IPR Helpdesk è gestito dall Agenzia Esecutiva per le Piccole e Medie imprese della Commissione

Dettagli

QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE)

QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE) QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE) Sono pervenuti in merito al Bando riservato alle P.M.I. pubblicato sul sito dell ASI in data 11 agosto 2010

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

APPRENDERE DAI MIGLIORI

APPRENDERE DAI MIGLIORI APPRENDERE DAI MIGLIORI QUADERNI MANAGERIALI 2008 - NO. 2 Apprendere dai migliori QUADERNI MANAGERIALI 2008 - NO. 2 Indice AVETE PROGETTI PER IL FUTURO? BANDI 2007 Capitolo I pag. 6 Capitolo II pag.10

Dettagli

Balance GRC. Referenze di Progetto. Settembre 2013. Pag 1 di 18 Vers. 1.0. BALANCE GRC S.r.l.

Balance GRC. Referenze di Progetto. Settembre 2013. Pag 1 di 18 Vers. 1.0. BALANCE GRC S.r.l. Balance GRC Referenze di Progetto Settembre 2013 Pag 1 di 18 Vers. 1.0 Project Management Anno: 2012 Cliente: ACEA SpA Roma Durata: 1 anno Intervento: Gestione dei progetti riguardanti l implementazione

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

P.A.R. F.A.S. REGIONE TOSCANA Linea di Azione 1.1.a.3 SOSTEGNO A PROGETTI DI RICERCA IN MATERIA DI SCIENZE SOCIO ECONOMICHE E UMANE

P.A.R. F.A.S. REGIONE TOSCANA Linea di Azione 1.1.a.3 SOSTEGNO A PROGETTI DI RICERCA IN MATERIA DI SCIENZE SOCIO ECONOMICHE E UMANE P.A.R. F.A.S. REGIONE TOSCANA Linea di Azione 1.1.a.3 SOSTEGNO A PROGETTI DI RICERCA IN MATERIA DI SCIENZE SOCIO ECONOMICHE E UMANE LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE versione 3-24.01.2011 1 PREMESSA...

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

Earned Value e monitoring del progetto

Earned Value e monitoring del progetto IT Project Management Lezione 8 Earned Value Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Aspetti economico-finanziari (1) Costi C Fine progetto T Tempo La curva a S è chiamata baseline dei costi risultato dell aggregazione

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli