WP01.DOC.D03. 25/01/2010 SAL e valutazione in itinere

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "WP01.DOC.D03. 25/01/2010 SAL e valutazione in itinere"

Transcript

1 WP01.DOC.D03 25/01/2010 SAL e valutazione in itinere GIUNTA REGIONALE DELLA CAMPANIA Assessorato all'università e Ricerca Scientifica,Innovazione Tecnologica e Nuova Economia SETTORE ANALISI, PROGETTAZIONE E GESTIONE SISTEMI INFORMATIVI - Bando per la concessione degli aiuti alle PMI in attuazione della Misura 3.17 del POR Campania 2000/2006 nell'ambito dell'accordo di Programma Quadro in materia di E-Government e Società dell'informazione. Progetto Metadistretto del Settore ICT. - DECRETI DIRIGENZIALI N. 52 del 3/3/2006 e N. 440 del 21/09/2006 Progetto: PRI Chiuso In data: 20-nov Primeco srl Project X srl D.I.I.I.E. Autore: Primeco

2 2 WP01.DOC.D03 SAL E VALUTAZIONE IN ITINERE

3 3 SOMMARIO 1. Titolo, Acronimo del Progetto e Partecipanti Area Tematica e Tipologia di Output/Prodotti Attesi Obiettivo Generale ed Output finali del progetto Elenco Deliverables Introduzione Descrizione dei WorkPackages (Wp) e dei relativi task Elenco workpackages e relativi task (Tabella) Report Attività in itinere...26

4 4 1. TITOLO, ACRONIMO DEL PROGETTO E PARTECIPANTI Acronimo del PRI Progetto: Titolo del Progetto: Progetto Cerbero :Piattaforma multimodale e multicanale per il controllo degli accessi Partecipanti del progetto: Nome Breve Primeco Project X D.I.I.I.E. Ragione Sociale Primeco srl Project X srl Dip. di Ingegneria dell'informazione e Ingegneria Elettrica - Università di Salerno

5 5 2. AREA TEMATICA E TIPOLOGIA DI OUTPUT/PRODOTTI ATTESI Lo scopo del seguente progetto è lo studio, la progettazione e la realizzazione del prototipo di una piattaforma in grado di identificare in maniera automatica una persona tra le n persone i cui elementi caratteristici siano stati opportunamente inseriti in un data base. Il sistema che si vuole realizzare dovrà essere: dinamico, adattabile, sicuro e affidabile. Si vuole ottenere il prototipo di un sistema che integri le più sofisticate tecnologie di identificazione tra cui tecniche di biometria e che sia aperto all inserimento di nuove tecnologie. L intero sistema dovrà essere gestito da un innovativo algoritmo real time che sia in grado di: rilevare le tecnologie disponibili al sistema, scegliere in maniera intelligente le procedure di riconoscimento da eseguire, identificare una persona tra quelle presenti nel Data Base mediante una analisi combinata del livello di attendibilità risultato delle singole procedure di riconoscimento. I contenuti tecnologici del progetto afferiscono alle seguenti Aree Tematiche: Pervasive e Mobile Computing in quanto la realizzazione di una piattaforma di riconoscimento multimodale e multicanale apre nuovi sviluppi ad applicazioni di domotica in particolare per quanto concerne il controllo degli accessi. Un sistema di identificazione della persona integrato in un sistema demotico sarebbe in grado di predisporre l ambiente adattandolo alla persona che vi

6 6 accede Ma si pensi all innumerevole quantità di applicazioni che avrebbero un nuovo impulso da un innovativo sistema di controllo delle intrusioni in sistemi informatici, reso più flessibile e affidabile da tecniche di biometria. e-collaboration Non sono presenti, al momento, in Italia dispositivi che integrino l identificazione dell utente a run time con servizi di comunicazione a distanza, la realizzazione di una piattaforma di riconoscimento multimodale e multicanale apre nuovi sviluppi ad applicazioni, si immagini una web conference non supportata da webcam per trattare un argomento strategico, in un tale contesto potrebbe essere particolarmente utile la verifica delle persone che partecipano alla riunione. Tecnologie ICT per Digital Divide Computing applicazioni che consentono l accesso anche a persone che potrebbero non poter accedere a delle risorse solo perché la modalità standard di riconoscimento non è una modalità ad essa accessibile. Si pensi a persone diversamente abili che non potendo digitare login e pwd non riescono ad accedere a dei contenuti pur avendone diritto e che grazie ad un sistema intelligente che sceglie opportunamente le tecnologie per l identificazione consente loro l accesso che altrimenti gli sarebbe ingiustamente precluso. Tecnologia ICT per multimedia Dovendo progettare per la realizzazione del prototipo del sistema una interfaccia intelligente uomo/macchina per la procedura guidata al riconoscimento, sia di tipo video che audio (si pensi a soggetti diversamente abili).

7 7 3. OBIETTIVO GENERALE ED OUTPUT FINALI DEL PROGETTO Un sistema biometrico è un dispositivo automatico in grado di identificare un individuo a partire da una sua caratteristica fisiologica (impronta digitale, volto, mano, retina, iride, ecc.) o comportamentale (voce, calligrafia, stile di battitura, ecc.). Negli ultimi anni l'interesse nei sistemi biometrici è cresciuto notevolmente e, sia in ambito accademico che in ambito industriale, molti gruppi di ricerca hanno dedicato notevoli risorse allo studio di tecniche efficaci per l'identificazione di persone. Le applicazioni potenziali di queste tecnologie sono infatti molteplici e spaziano dal controllo accessi a quello delle presenze, dalla sorveglianza automatica alla protezione di risorse di valore, dalla sicurezza di reti di calcolatori alle transazioni sicure in Internet. La biometria fornisce una risposta efficace al requisito dell'autenticazione, provvedendo delle metodologie per riconoscere l'identità personale sulla base di caratteristiche fisiche dell'utente. I vantaggi sono numerosi: si evita l'uso del PIN e password che possono essere sottratti, ceduti, dimenticati o smarriti, si può variare la tolleranza del sistema verso falsi allarmi sulla base dei requisiti di sicurezza, è estremamente difficile contraffare i dati per l'accesso. Un sistema di riconoscimento biometrico si propone quindi di riconoscere (confronto di 1 a N) ovvero di autenticare (confronto di 1 a 1) l'identità di una persona per accedere a determinate risorse. Per effettuare il riconoscimento ovvero l'autenticazione è necessario definire: quali caratteristiche estrarre dai dati biometrici acquisiti (per esempio da un'impronta digitale), come elaborarle per estrarre uno o più parametri che

8 8 siano caratteristici della persona in esame. Negli ultimi anni si sono verificati i limiti di molti degli approcci più consolidati per il riconoscimento basati sulle singole modalità sensoriali (fingerprint, volti, iride e altri ancora). Tali limiti si sono spesso rivelati inadeguati per contesti applicativi reali, specialmente se non si dispone di un grado sufficiente di collaborazione da parte dell'utente. Per questo, gli attuali sviluppi della ricerca stanno cercando di individuare nuove soluzioni che permettano di ottenere livello di accuratezza e affidabilità superiori grazie alla fusione e integrazione di misure di somiglianza ottenute: dalle singole modalità sensoriali (fusione multimodale) ovvero da diversi algoritmi applicati agli stessi dati sensoriali (fusione multialgoritmica). Obiettivo del programma di ricerca è lo studio e la realizzazione di sistemi di riconoscimento biometrici multi-modali e multi-algoritmici efficaci in contesti applicativi reali. A questo scopo verranno studiate diverse modalita` sensoriali specifiche: le impronte digitali, le immagini di volti, l impronta vocale, ecc. Queste saranno verificate nell'ambito di due scenari applicativi di grande importanza: il controllo degli accessi e la verifica delle intrusioni in sistemi informatici.

9 9 4. ELENCO DELIVERABLES Deliverable Denominazione WP/Task WP01.DOC.D01 Piano di progetto WP1/Task1.1 WP01.SW.D01 Allestimento del sistema documentale WP1/Task1.1 WP01.SW.D02 Allestimento del portale web del progetto WP1/Task1.1 WP01.DOC.D02 Sistema Gestione Qualità e Standard di Progetto WP1/Task1.2 WP01.DOC.D03 SAL e Valutazione in itinere WP1/Task1.3 WP01.DOC.D04 Relazione finale WP 1/Task1.4 WP02.DOC.D01 Analisi del contesto di mercato WP2/Task2.1 WP02.DOC.D02 WP02.DOC.D03 Report con i risultati delle problematiche tecnologiche riscontrate per il dominio Report sui nuovi algoritmi per il matching di impronte digitali, di volti, dell impronta vocale, ed altre tecniche di riconoscimento. WP2/Task2.2 WP2/Task2.2 WP02.DOC.D04 Report con i risultati dello studio comparativo delle tecniche di riconoscimento mediante un confronto delle prestazioni degli algoritmi e delle tecniche di riconoscimento ritenute più interessanti WP2/Task2.3 WP02.DOC.D05 Report con i risultati dello studio della fusione multi-algoritmica e multi-modale e dei problemi di integrazione tra le varie tecnologie di riconoscimento. WP2/Task2.4 WP02.DOC.D06 Documento: Tecnologie: Stato dell arte WP2/Task2.5 WP02.DOC.D07 Redazione del documento: Mercato: Stato WP2/Task2.5

10 10 WP03.DOC.D01 WP03.DOC.D02 WP03.DOC.D03 dell arte e potenzialità di business Documento di specifica tecnico-architetturale del sistema Diagrammi di dettaglio dell architettura e delle componenti del sistema Documento di specifica tecnico-architetturale del data base multimodale WP3/Task3.5 WP3/Task3.5 WP3/Task3.5 WP03.DOC.D04 Piano dei test funzionali WP3/Task3.5 WP04.SW.D01 Laboratorio di sviluppo WP4/Task4.1 WP04.DOC.D02 Documento: Piano dei test del prototipo WP4/Task4.3 WP04.SW.D03 Prototipo del sistema di controllo degli accessi e verifica delle intrusioni in sistemi informatici WP4/Task4.5 WP04.SW.D04 Documentazione tecnica del Prototipo WP4/Task4.5 WP04.SW.D05 Esercizio del prototipo sul sito sperimentale WP4/Task4.8 WP05.DOC.D01 WP05.DOC.D02 Workshop pubblico per la presentazione dei risultati Risultati del progetto e della sperimentazione: Rapporto Tecnico contenente una descrizione dettagliata delle sperimentazioni effettuate per valutare le prestazioni delle tecniche di pattern recognition adottate nella realizzazione dei moduli software per l'intrusion detection, secondo gli obiettivi realizzativi del progetto. Tale rapporto tecnico riporterà inoltre l'integrazione del sistema di autenticazione biometrica per la sicurezza del sistema informatico. WP5/Task5.3 WP5/Task5.3

11 11 Prima versione del Business Plan WP WP05.DOC.D03 5/Task 5.4

12 12 5. INTRODUZIONE Coerentemente con i principi ispiratori che sono alla base dell attuazione della Misura 3.17 per l Innovazione, del POR Campania 2000/2006, le attività del progetto saranno raggruppate in due grandi macrofasi, dipendenti temporalmente l una dall altra: una prima riguardante la ricerca industriale a cui farà seguito quella dello sviluppo precompetitivo. La durata complessiva del progetto sarà di 15 (più ulteriori 6 mesi di proroga) solari che verranno ripartiti in questo modo: sia la fase di ricerca che quella di sviluppo avranno la durata di 8 mesi solari. Tuttavia le due fasi avranno un mese in comune (l ultimo della prima e il primo della seconda), durante il quale verranno concluse le attività di ricerca e verranno avviate le fasi di sviluppo. Nella ricerca industriale verranno affrontati lo studio e l approfondimento delle tematiche relative alla ricerca di soluzioni tecnologiche con caratteristiche di innovatività. I risultati della fase di ricerca potranno poi essere trasferiti, verso la fase di sviluppo dei prototipi, che poi verranno utilizzati durante la fase di messa a regime delle soluzioni. La strategia di attuazione del progetto terrà conto di molteplici fattori, tra quali: il dominio di applicazione, le tecnologie usate, le buone prassi ricavate da esperienze progettuali di settore. In particolare si analizzeranno gli aspetti riguardanti: L analisi di soluzioni finora realizzate su problematiche analoghe, avendo come riferimento sia progetti già realizzati in ambito nazionale, sia in un

13 13 contesto più ampio, come quelli europeo ed internazionale. Verranno effettuate una ricerca ed una analisi tecnologica dei prodotti, delle soluzioni, dei servizi e delle tecniche utilizzate. Lo studio del dominio applicativo, svolgendo una analisi sui nuovi algoritmi per il matching di impronte digitali, di volti, dell impronta vocale, e di tutte le tecniche di riconoscimento. Studio comparativo delle tecniche di riconoscimento in questa fase saranno confrontate le prestazioni degli algoritmi e delle tecniche di riconoscimento ritenute più interessanti. Studio della fusione multi-algoritmica e multi-modale. Lo studio dei problemi di integrazione tra le varie tecnologie di riconoscimento fornirà elementi fondamentali per la fase di progettazione della piattaforma. La verifica costante delle fattibilità tecnico/economica delle soluzioni, che servirà a garantire che le iniziative convergano verso un prototipo funzionante, coerente con le caratteristiche e gli obiettivi di progetto. Mentre la fase di ricerca industriale, verrà caratterizzata anche dalla progettazione dei sistemi software, la macrofase di sviluppo precompetitivo, vedrà lo svolgersi delle attività di: realizzazione e messa in opera delle soluzioni prototipali, la verifica delle

14 14 prestazioni del sistema, le fasi di raccolta, analisi e diffusione dei risultati. Si noti che durante lo sviluppo precompetitivo, si dovrà tener conto della fattibilità tecnico/economico della industrializzazione della soluzione sperimentale. Un elemento di particolare importanza sarà la definizione dei criteri di analisi analitica e statistica applicata alle prestazioni del prototipo, che sarà interpretata anche alla luce della valutazione soggettiva da parte di un set di potenziali utenti scelti come focus group. I risultati e le metodologie di analisi costituiranno gli elementi utilizzati per la valutazione della buona riuscita della fase di sperimentazione. In funzione dei significativi obiettivi prefissati, il progetto è stato strutturato in 4 workpackage (WP) operativi ed 1 workpackage per il controllo del progetto, che verranno assegnati alle due macrofasi previste: la ricerca e lo sviluppo. La fase di ricerca industriale sarà caratterizzata da una fase di studio e progettazione, che vedrà coinvolte le risorse appartenenti alla compagine di progetto, in un lavoro collaborativo di osservazione dei domini applicativi, delle tecnologie, dello stato dell arte ; inoltre esse saranno anche impegnate in una fase di formalizzazione del modello di sistema, disegnandone i casi d uso, la struttura delle componenti, sia hardware che software (WP02, WP03). I risultati ottenuti dalla fase di ricerca industriale costituiranno l input della fase di sviluppo. Questa sarà caratterizzata dalla implementazione del prototipo di sistema e dalla conseguente attività di sperimentazione (WP04). Il progetto verrà concluso da una serie di attività di pubblicizzazione dei risultati raggiunti (WP05). Lo scopo sarà soprattutto di avviare verso il mercato, individuato durante le fasi di studio, appropriate azioni informative e di promozione. L obiettivo strategico si

15 15 posiziona ben oltre la scadenza del progetto e sarà caratterizzato dal favorire ed avviare la domanda verso i prodotti/servizi che verranno realizzati durante le attività progettuali (piano di business). Si prevede di realizzare una attività di gestione (WP01) che temporalmente si svilupperà lungo tutto l arco temporale dei 15 mesi (più 6 mesi di proroga) di durata del progetto, coprendo sia la fase di ricerca che quella di sviluppo. La gestione del progetto comprenderà diverse attività, che normalmente vengono eseguite per interventi così complessi: la gestione del sistema di qualità (sia i partner, che le Aziende esterne alla compagine, hanno sistemi di gestione della qualità certificati), la gestione documentale, le riunioni di coordinamento, di misurazione e di verifica (SAL).

16 16 6. DESCRIZIONE DEI WORKPACKAGES (WP) E DEI RELATIVI TASK WP1: Il WP1 raccoglie le attività di gestione e valutazione in itinere del progetto. In esso sono incluse le attività organizzative, di allocazione delle risorse, di gestione del sistema di qualità, di misura delle prestazioni del progetto. In esso sono incluse l organizzazione di incontri periodici (circa 1 mese), la preparazione e la gestione dei rapporti di avanzamento lavori e controllo dei costi. Si identificheranno gli strumenti migliori per la collaborazione fra i partner. Inoltre verranno monitorati i processi, verificando il raggiungimento dei task di ogni altro WP e il rispetto dei tempi. Task 1.1 RI Start attività - Kick off meeting: Questa attività determina l inizio ufficiale del progetto e consiste nella presentazione pubblica degli obiettivi e nella organizzazione iniziale dei lavori. Durante questo task viene definito e presentato il Piano di Progetto. Durante questa attività viene realizzato il sistema documentale e viene allestito il portale web per il progetto. Task 1.2 RI Redazione e gestione del piano di Quality Assurance(QA): Quest attività inizia con la produzione di un documento che descrive la metodologia e le modalità con cui saranno assicurati gli standard procedurali e prestazionali prefissati dai SGQ dei partecipanti al progetto; essa si estende poi per tutta la durata del progetto al fine di sorvegliare il rispetto del documento prodotto. Task 1.3 RI Gestione progetto e valutazione periodica dei risultati: Questa attività, che si estende per tutta la durata del progetto, contiene tutte

17 17 le attività di natura organizzativa ed amministrativa tese ad assicurare il corretto andamento del progetto, secondo i tempi definiti nel presente documento. Essa di fatto rappresenta l azione di controllo del progetto e serve ad avviare eventuali azioni correttive o di miglioramento alle attività, nonché un eventuale azione di riallocazione delle risorse. In questa attività è compresa la pubblicazione dei risultati significativi che si deciderà di divulgare al fine di pubblicizzare l iniziativa progettuale. Task 1.4 SP Report finale di progetto e chiusura delle attività: Questa attività, localizzata alla fine del progetto, è indirizzata alla produzione di un documento finale che descrive il progetto nel suo complesso, mostra i risultati raggiunti e fornisce un indice ragionato di lettura per tutti i documenti ed i deliverable prodotti in itinere. WP2: Durante questo wp verranno realizzate le attività di indagine e di studio tipiche di un osservatorio tecnologico. Le attività saranno indirizzate verso un approfondimento sullo stato dell arte e sul livello di innovatività delle soluzioni esistenti. Si selezionano quelle che faranno da riferimento per il prototipo; si verificano le funzionalità dei prodotti commerciali e si determinano le specifiche per l interfacciamento e per la realizzazione dei moduli; si definisce l architettura di base in dettaglio. Vengono individuate le criticità da verificare. Inoltre si effettua una raccolta ragionata e formalizzata dei requisiti riscontrabili nel dominio applicativo, individuato per il progetto. Le esigenze industriali saranno quindi riferibili alla specifica tematica tecnologica, di cui l obiettivo realizzativo è parte integrante. Questa fase verrà

18 18 eseguita mediante il supporto di una attività di auditing, da svolgere presso le Organizzazioni, eventualmente raggruppate per filiere, che saranno poi successivamente coinvolte nelle fasi di sperimentazione. Task 2.1 RI Osservatorio del contesto di mercato nel quale si dovranno collocare gli output prodotti dal progetto. Esso sarà caratterizzato dall analisi delle esigenze di mercato e dei COTS. Task 2.2 RI Individuazione dei nuovi algoritmi per il matching di impronte digitali, di volti, dell impronta vocale, e di tutte le tecniche di riconoscimento. Task 2.3 RI Studio comparativo delle tecniche di riconoscimento mediante un confronto delle prestazioni degli algoritmi e delle tecniche di riconoscimento ritenute più interessanti. Task 2.4 RI Studio della fusione multi-algoritmica e multi-modale e dei problemi di integrazione tra le varie tecnologie di riconoscimento. 2.5 RI Redazione del documento: Tecnologie: Stato dell arte. WP3: Durante questa fase verranno analizzate le modalità di funzionamento ed applicazione ed i limiti dei metodi di integrazione e fusione. Verrà realizzato lo studio e progettazione degli algoritmi che costituiranno la parte elaborativa del prototipo e delle strutture dei dati necessari. Task 3.1 RI Analisi dei requisiti del sistema e dei servizi. Task 3.2 RI Analisi e scelta delle tecnologie più efficaci e degli algoritmi più efficaci ai fini del riconoscimento e per la realizzazione dell architettura del sistema. Task 3.3 RI Progettazione del sistema. Task 3.4 RI Progettazione del database multimodale. Task 3.5 RI Definizione delle specifiche funzionali, tecniche ed

19 19 architetturali del prototipo. Redazione dei diagrammi di dettaglio. Definizione delle fasi di test per la messa a punto del modello di sistema. WP4: In tale fase viene realizzato il prototipo del sistema, con l obiettivo di validare l insieme di funzionalità da realizzare e le interfacce utente. Durante questa fase viene effettuata una verifica dello sforzo necessario all industrializzazione del prototipo. Si provvederà all installazione delle apparecchiature necessarie alle fasi di sperimentazione e verranno condotti i test sul sistema prototipale finale, ai fini della verifica delle specifiche utente e funzionali; Un altro obiettivo del WP è di ottenere la validazione del sistema e di valutare il gap da colmare per produrre successivamente uno o più applicativi commerciali che sfruttino le conoscenze acquisite. La valutazione della validità del prototipo verrà condotta tenendo conto degli standard di benchmarking, pur considerando che l applicazione è solo prototipale. Task 4.1 SP Allestimento tecnologico del laboratorio di sviluppo Task 4.2 SP Realizzazione dei moduli che compongono il sistema. Sviluppo con logica incrementale e migliorativa dei moduli software, dei sistemi di gestione dati e dei servizi Task 4.3 SP Redazione del piano dei test del prototipo. Task 4.4 SP Integrazione tra sottosistemi sw. Task 4.5 SP Realizzazione dei test di integrazione in laboratorio con logica migliorativa incrementale, Task 4.6 SP Realizzazione delle procedure di gestione del sistema Task 4.7 SP Realizzazione del prototipo del sistema, messa a punto del prototipo del sistema presso i siti di sperimentazione. Task 4.8 SP Il test del sistema verrà effettuato

20 20 sulla base di un protocollo, sviluppato nella fase precedente della ricerca, che si fonda su una serie di misure statistiche da applicare alle stime di somiglianza calcolate dal sistema biometrico. La fase di assessment sarà anche effettuata tramite il confronto con un sistema di riconoscimento biometrico standard (eventualmente un sistema commerciale). Task 4.9 SP Collaudo e validazione del prototipo WP5: L attività mira ad effettuare una raccolta dei dati rilevati dall attività di sperimentazione, che integrati con quelli provenienti dallo sviluppo del prototipo, costituiranno l input per la realizzazione di un business plan. Inoltre per pubblicizzare al meglio l avvio della iniziativa di industrializzazione, che presumibilmente seguirà immediatamente dopo la fine del progetto, verranno avviate azioni di divulgazione sia tramite il web, sia attraverso l organizzazione di eventi pubblici (workshop). In sintesi la eterogeneità dei dati raccolti (quelli tecnici dalle fasi di sviluppo, quelli di performance dalla fase di sperimentazione e quelli di interesse, dagli eventi di pubblicizzazione) costituiranno un ulteriore elemento di valutazione per avviare la strutturazione del piano di business. Task 5.1 SP Raccolta dei risultati della sperimentazione. Task 5.2 SP Elaborazioni dei risultati e valutazione delle prestazioni del sistema. Task 5.3 SP Divulgazione dei risultati attraverso documenti e workshop. Task 5.4 SP Definizione di un piano di business

21 21 7. ELENCO WORKPACKAGES E RELATIVI TASK (TABELLA) WP1 WP/Task Task 1.1 Descrizione Il WP1 raccoglie le attività digestione e valutazione in itinere del progetto. In esso sono incluse le attività organizzative, di allocazione delle risorse, di gestione del sistema di qualità, di misura delle prestazioni del progetto. In esso sono incluse l organizzazione di incontri periodici (circa 1 mese), la preparazione e la gestione dei rapporti di avanzamento lavori e controllo dei costi. Si identificheranno gli strumenti migliori per la collaborazione fra i partner. Inoltre verranno monitorati i processi, verificando il raggiungimento dei task di ogni altro WP e il rispetto dei tempi. Task 1.1 RI Start attività - Kick off meeting: Questa attività determina l inizio ufficiale del progetto e consiste nella presentazione pubblica degli obiettivi e nella organizzazione iniziale dei lavori. Durante questo task viene definito e presentato il Piano di Progetto. Durante questa attività viene realizzato il sistema documentale e viene allestito il portale web per il progetto. Task 1.2 RI Redazione e gestione del piano di Quality Assurance(QA): Quest attività inizia con la produzione di un documento che descrive la metodologia e le modalità con cui saranno assicurati gli standard procedurali e prestazionali prefissati dai SGQ dei partecipanti al progetto; essa si estende poi per tutta la durata del progetto al fine di sorvegliare il rispetto del documento prodotto. Task 1.3 RI Gestione progetto e valutazione periodica dei risultati: Questa attività, che si estende per tutta la durata del progetto, contiene tutte le attività di natura organizzativa ed amministrativa tese ad assicurare il corretto andamento del progetto, secondo i tempi definiti nel presente documento. Essa di fatto rappresenta l azione di controllo del progetto e serve ad avviare eventuali azioni correttive o di miglioramento alle attività, nonché un eventuale azione di riallocazione delle risorse. In questa attività è compresa la pubblicazione dei risultati significativi che si deciderà di divulgare al fine di pubblicizzare l iniziativa progettuale Task 1.4 SP Report finale di progetto e chiusura delle attività: Questa attività, localizzata alla fine del progetto, è indirizzata alla produzione di un documento finale che descrive il progetto nel suo complesso, mostra i risultati raggiunti e fornisce un indice ragionato di lettura per tutti i documenti ed i deliverable prodotti in itinere doc WP01.DOC.D01 Piano di progetto sw WP01.SW.D01 Allestimento del sistema documentale sw WP01.SW.D02 Allestimento del portale web del progetto

22 22 Task 1.2 Task 1.3 Task 1.4 WP2 Task 2.1 Task 2.2 Task doc WP01.DOC.D02 Sistema Gestione Qualità e Standard di Progetto doc WP01.DOC.D03 SAL e Valutazione in itinere doc WP01.DOC.D04 Relazione finale Analisi dello stato dell arte e delle problematiche. Durante questo wp verranno realizzate le attività di indagine e di studio tipiche di un osservatorio tecnologico. Le attività saranno indirizzate verso un approfondimento sullo stato dell arte e sul livello di innovatività delle soluzioni esistenti. Si selezionano quelle che faranno da riferimento per il prototipo; si verificano le funzionalità dei prodotti commerciali e si determinano le specifiche per l interfacciamento e per la realizzazione dei moduli; si definisce l architettura di base in dettaglio. Vengono individuate le criticità da verificare. Inoltre si effettua una raccolta ragionata e formalizzata dei requisiti riscontrabili nel dominio applicativo, individuato per il progetto. Le esigenze industriali saranno quindi riferibili alla specifica tematica tecnologica, di cui l obiettivo realizzativo è parte integrante. Questa fase verrà eseguita mediante il supporto di una attività di auditing, da svolgere presso le Organizzazioni, eventualmente raggruppate per filiere, che saranno poi successivamente coinvolte nelle fasi di sperimentazione. Task 2.1 RI Osservatorio del contesto di merc to nel quale si dovranno collocare gli output prodotti dal progetto. Esso sarà caratterizzato dall analisi delle esigenze di mercato e dei COTS. Task 2.2 RI Individuazione dei nuovi algoritmi per il matching di impronte digitali, di volti, dell impronta vocale, e di tutte le tecniche di riconoscimento. Task 2.3 RI Studio comparativo delle tecniche di riconoscimento mediante un confronto delle prestazioni degli algoritmi e delle tecniche di riconoscimento ritenute più interessanti. Task 2.4 RI Studio della fusione multi-algoritmica e multi-modale e dei problemi di integrazione tra le varie tecnologie di riconoscimento. 2.5 RI Redazione del documento: Tecnologie: Stato dell arte doc WP02.DOC.D01 Analisi del contesto di mercato doc WP02.DOC.D02 Report con i risultati delle problematiche tecnologiche riscontrate per il dominio doc WP02.DOC.D03 Report sui nuovi algoritmi per il matching di impronte digitali, di volti, dell impronta vocale, ed altre tecniche di riconoscimento doc WP02.DOC.D04 Report con i risultati dello studio comparativo delle tecniche di riconoscimento mediante un confronto delle prestazioni degli algoritmi e delle tecniche di riconoscimento ritenute più interessanti.

23 23 Task 2.4 Task 2.5 WP3 Task 3.5 WP doc WP02.DOC.D05 Report con i risultati dello studio della fusione multi-algoritmica e multi-modale e dei problemi di integrazione tra le varie tecnologie di riconoscimento doc WP02.DOC.D06 Documento: Tecnologie: Stato dell arte doc WP02.DOC.D07 Redazione del documento: Mercato: Stato dell arte e potenzialità di business Analisi dei modelli di sistema e progettazione del prototipo Durante questa fase verranno analizzate le modalità di funzionamento ed applicazione ed i limiti dei metodi di integrazione e fusione. Verrà realizzato lo studio e progettazione degli algoritmi che costituiranno la parte elaborativa del prototipo e delle strutture dei dati necessari. Task 3.1 RI Analisi dei requisiti del sistema e dei servizi. Task 3.2 RI Analisi e scelta delle tecnologie più efficaci e degli algoritmi più efficaci ai fini del riconoscimento e per la realizzazione dell architettura del sistema. Task 3.3 RI Progettazione del sistema. Task 3.4 RI Progettazione del database multimodale. Task 3.5 RI Definizione delle specifiche funzionali, tecniche ed architetturali del prototipo. Redazione dei diagrammi di dettaglio. Definizione delle fasi di test per la messa a punto del modello di sistema doc WP03.DOC.D01 Documento di specifica tecnico-architetturale del sistema doc WP03.DOC.D02 Diagrammi di dettaglio dell architettura e delle componenti del sistema doc WP03.DOC.D03 Documento di specifica tecnico-architetturale del data base multimodale doc WP03.DOC.D04 Piano dei test funzionali Realizzazione e testing del prototipo In tale fase viene realizzato il prototipo del sistema, con l obiettivo di validare l insieme di funzionalità da realizzare e le interfacce utente. Durante questa fase viene effettuata una verifica dello sforzo necessario all industrializzazione del prototipo. Si provvederà all installazione delle apparecchiature necessarie alle fasi di sperimentazione e verranno condotti i test sul sistema prototipale finale, ai fini della verifica delle specifiche utente e funzionali; Un altro obiettivo del WP è di ottenere la validazione del sistema e di valutare il gap da colmare per produrre successivamente uno o più applicativi commerciali che sfruttino le conoscenze acquisite. La valutazione della validità del prototipo verrà condotta tenendo conto degli standard di benchmarking, pur considerando che l applicazione è solo prototipale. Task 4.1 SP Allestimento tecnologico del laboratorio di sviluppo Task 4.2 SP Realizzazione dei moduli che compongono il sistema. Sviluppo con logica incrementale e migliorativa dei moduli software, dei sistemi di gestione dati e dei servizi Task 4.3 SP Redazione del piano dei test del prototipo. Task 4.4 SP Integrazione tra sottosistemi sw Task 4.5 SP

WP05.DOC.D02. 09/02/2010 Risultati del progetto e della sperimentazione

WP05.DOC.D02. 09/02/2010 Risultati del progetto e della sperimentazione WP05.DOC.D02 09/02/2010 Risultati del progetto e della sperimentazione GIUNTA REGIONALE DELLA CAMPANIA Assessorato all'università e Ricerca Scientifica,Innovazione Tecnologica e Nuova Economia SETTORE

Dettagli

Università degli Studi di Salerno GPS: Gestione Progetti Software. Project Proposal Versione 1.1

Università degli Studi di Salerno GPS: Gestione Progetti Software. Project Proposal Versione 1.1 Università degli Studi di Salerno GPS: Gestione Progetti Software Project Proposal Versione 1.1 Data 27/03/2009 Project Manager: D Amato Angelo 0521000698 Partecipanti: Nome Andrea Cesaro Giuseppe Russo

Dettagli

UML e (R)UP (an overview)

UML e (R)UP (an overview) Lo sviluppo di sistemi OO UML e (R)UP (an overview) http://www.rational.com http://www.omg.org 1 Riassumento UML E un insieme di notazioni diagrammatiche che, utilizzate congiuntamente, consentono di descrivere/modellare

Dettagli

EPULIA - Enjoy Puglia using Ubiquitous technology in Landscape Interactive Adventures

EPULIA - Enjoy Puglia using Ubiquitous technology in Landscape Interactive Adventures UNIONE EUROPEA FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE. MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO IL LAVORO E L INNOVAZIONE PO FESR PUGLIA 2007-2013 Asse I Linea di Intervento

Dettagli

5 Gestione dei progetti software. 5.1 Attività gestionale. Sistemi Informativi I Lezioni di Ingegneria del Software

5 Gestione dei progetti software. 5.1 Attività gestionale. Sistemi Informativi I Lezioni di Ingegneria del Software 5 Gestione dei progetti software. Dopo aver completato lo studio del ciclo di vita del software, in questa parte vengono discussi gli aspetti gestionali della produzione del software. Vengono esaminate

Dettagli

Ciclo di Vita Evolutivo

Ciclo di Vita Evolutivo Ciclo di Vita Evolutivo Prof.ssa Enrica Gentile a.a. 2011-2012 Modello del ciclo di vita Stabiliti gli obiettivi ed i requisiti Si procede: All analisi del sistema nella sua interezza Alla progettazione

Dettagli

1. Premessa 2. Obiettivi Generali

1. Premessa 2. Obiettivi Generali 1. Premessa Il Progetto riguarda la creazione di un Laboratorio ambientale da realizzare sul territorio della Comunità Montana Versante Tirrenico Meridionale diffuso sul territorio montano, a partire dalle

Dettagli

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Progettazione OO E. TINELLI Punto di Partenza Il modello di analisi E una rappresentazione minima del

Dettagli

09/12/2013 Riconoscimento facciale 2

09/12/2013 Riconoscimento facciale 2 Lezione 10: Misure delle Prestazioni Sistemi Multibiometrici Docente: Michele Nappi mnappi@unisa.it biplab.unisa.it 089-963334963334 Verifica e Riconoscimento Verifica: Confronto Uno a Uno. Conferma l

Dettagli

MILESTONES E DELIVERABLES

MILESTONES E DELIVERABLES MILESTONES E DELIVERABLES Paolo Masoni Laboratorio LCA and Eco-Progettazione UTVALAMB LCA COME PARTECIPARE AD UN PROGETTO E COME SCRIVERE UNA PROPOSTA 11 o5obre 2013 Aula Magna C.R. Bologna MMS 1 Costruire

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

P.O.R. SARDEGNA 2000-2006 MISURA 3.13 ALLEGATO A. SCHEDA PROGETTO per la creazione di BIBLIOTECA SCIENTIFICA REGIONALE

P.O.R. SARDEGNA 2000-2006 MISURA 3.13 ALLEGATO A. SCHEDA PROGETTO per la creazione di BIBLIOTECA SCIENTIFICA REGIONALE REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE P.O.R. SARDEGNA 2000-2006 MISURA 3.13 RICERCA E SVILUPPO TECNOLOGICO NELLE IMPRESE E TERRITORIO ALLEGATO A SCHEDA PROGETTO per la creazione

Dettagli

Soluzioni di strong authentication per il controllo degli accessi

Soluzioni di strong authentication per il controllo degli accessi Abax Bank Soluzioni di strong authentication per il controllo degli accessi Allegato Tecnico Milano Hacking Team S.r.l. http://www.hackingteam.it Via della Moscova, 13 info@hackingteam.it 20121 MILANO

Dettagli

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida

Convegno di studio La biometria entra nell e-government. Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Convegno di studio La biometria entra nell e-government Le attività del CNIPA nel campo della biometria: le Linee guida Alessandro Alessandroni Cnipa alessandroni@cnipa.it Alessandro Alessandroni è Responsabile

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE I Cap.7 Cloud

Dettagli

SCHEDULAZIONI RIEPILOGATIVE E CONFRONTO DI: - FASI E ATTIVITA' DEL WBS; - PRODOTTI; - COMPITI; - RISORSE PROFESSIONALI; - EFFORT.

SCHEDULAZIONI RIEPILOGATIVE E CONFRONTO DI: - FASI E ATTIVITA' DEL WBS; - PRODOTTI; - COMPITI; - RISORSE PROFESSIONALI; - EFFORT. Cod. Figure professionali q.tà gg.uu. Riepilogo di Progetto 1.092 SCHEDULAZIONI RIEPILOGATIVE E CONFRONTO DI: - FASI E ATTIVITA' DEL WBS; - PRODOTTI; - COMPITI; - RISORSE PROFESSIONALI; - EFFORT. 001 Comitato

Dettagli

darts Software & Engineering Consulenza Progettazione System Integration ITS BSS New Media Company www.darts.it

darts Software & Engineering Consulenza Progettazione System Integration ITS BSS New Media Company www.darts.it Software & Engineering Consulenza Progettazione System Integration ITS BSS New Media Company www..it 1 Company Darts Engineering è pmi di consulenza, progettazione e system integration in ambito ICT, che

Dettagli

PROGETTO AMS Autonomic Maintenance System

PROGETTO AMS Autonomic Maintenance System PROGETTO AMS Autonomic Maintenance System Progettazione e Sviluppo di un PROTOTIPO di Piattaforma Informatica per la Gestione Autonomica, Integrata e Collaborativa della Manutenzione RELAZIONE TECNICO-SCIENTIFICA

Dettagli

Data di avvio Data di conclusione. Durata (in mesi) 31/1/2010

Data di avvio Data di conclusione. Durata (in mesi) 31/1/2010 WP n.1 Titolo: Analisi dei bisogni e fattibilità Obiettivi: - Collegare le diverse analisi dei bisogni del gruppo target per individuare, definire e condividere le principali criticità registrate nei diversi

Dettagli

LINEE GUIDA AL MONITORAGGIO

LINEE GUIDA AL MONITORAGGIO Direzione Innovazione Ricerca e Università e Sviluppo Energetico Sostenibile Settore Sistemi informativi e Tecnologie della comunicazione POR-FESR - Programma Operativo Regionale Asse I Innovazione e transizione

Dettagli

BOZZA DEL 06/09/2011

BOZZA DEL 06/09/2011 ARTICOLAZIONE: INFORMATICA Disciplina: COMPLEMENTI DI MATEMATICA (C4) Il docente di Complementi di matematica concorre a far conseguire allo studente, al termine del percorso quinquennale, i seguenti risultati

Dettagli

Deliverable DCL4 - (al 31.03.10 ) Sperimentazione di un pacchetto di Servizi per l emersione di uno o più Cluster potenziali

Deliverable DCL4 - (al 31.03.10 ) Sperimentazione di un pacchetto di Servizi per l emersione di uno o più Cluster potenziali Realizzazione Studi di Settore al fine di facilitare l'emersione di cluster di imprese operanti nel settore ICT Intervento SD07B) CLUOS Deliverable DCL4 - (al 31.03.10 ) Sperimentazione di un pacchetto

Dettagli

Gianluca Vannuccini, Ciro Annicchiarico, Roberto De Vivo, Marco Materassi, Nicoletta Vergari Comune di Firenze

Gianluca Vannuccini, Ciro Annicchiarico, Roberto De Vivo, Marco Materassi, Nicoletta Vergari Comune di Firenze Strumenti: una business intelligence per la P.A. Gianluca Vannuccini, Ciro Annicchiarico, Roberto De Vivo, Marco Materassi, Nicoletta Vergari Comune di Firenze LA Business Intelligence per la P.A. La Business

Dettagli

WP02.DOC.D01. 25/01/2010 Analisi del contesto di mercato

WP02.DOC.D01. 25/01/2010 Analisi del contesto di mercato WP02.DOC.D01 25/01/2010 Analisi del contesto di mercato GIUNTA REGIONALE DELLA CAMPANIA Assessorato all'università e Ricerca Scientifica,Innovazione Tecnologica e Nuova Economia SETTORE ANALISI, PROGETTAZIONE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA SETTORE ORIENTAMENTO - Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA SETTORE ORIENTAMENTO - Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio FACOLTÀ DI SCIENZE MM.FF.NN. COMO Scienze e Tecnologie dell Informazione Corso di laurea triennale - Classe n. 26 Scienze e tecnologie informatiche Caratteristiche e obiettivi del corso Il corso di Laurea

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Crea un Corso P R O G E T T O F L E M I N G W W W. B E S T C O M M U N I T Y. B I Z. Carica i file tramite il form

Crea un Corso P R O G E T T O F L E M I N G W W W. B E S T C O M M U N I T Y. B I Z. Carica i file tramite il form Crea un Corso P R O G E T T O F L E M I N G W W W. B E S T C O M M U N I T Y. B I Z Carica i file tramite il form Allestimento del corso Leggi le indicazioni Progetta il corso, produci i contenuti Ricevi

Dettagli

figure professionali software

figure professionali software Responsabilità del Program Manager Valuta la fattibilità tecnica delle opportunità di mercato connesse al programma; organizza la realizzazione del software in forma di progetti ed accorpa più progetti

Dettagli

INDIRIZZO Informatica e Telecomunicazioni

INDIRIZZO Informatica e Telecomunicazioni ISTRUZIONE TECNICA INDIRIZZO Informatica e Telecomunicazioni L indirizzo Informatica e Telecomunicazioni ha lo scopo di far acquisire allo studente, al termine del percorso quinquennale, specifiche competenze

Dettagli

Gestire un progetto di introduzione di sistemi informativi di SCM. 1 Marco Bettucci Gestione della produzione II - LIUC

Gestire un progetto di introduzione di sistemi informativi di SCM. 1 Marco Bettucci Gestione della produzione II - LIUC Gestire un progetto di introduzione di sistemi informativi di SCM 1 Che cos è un progetto? Una serie complessa di attività in un intervallo temporale definito... finalizzate al raggiungimento di obiettivi

Dettagli

TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE

TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE Materiale di supporto alla didattica Tecnologie dell informazione e della comunicazione per le aziende CAPITOLO 3: Progettazione e sviluppo

Dettagli

I NOSTRI SERVIZI. www.aakhon.it

I NOSTRI SERVIZI. www.aakhon.it I NOSTRI SERVIZI www.aakhon.it RESEARCH & DEVELOPMENT Ci dedichiamo al settore della ricerca e dello sviluppo, per gestire ogni progetto di innovazione in sinergia con diversi partner impegnati nella ricerca,

Dettagli

Sezione 2 SCHEDA PROGETTO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AGEVOLAZIONE

Sezione 2 SCHEDA PROGETTO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AGEVOLAZIONE Sezione 2 SCHEDA PROGETTO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AGEVOLAZIONE La Sezione 2 Scheda Progetto - va redatta in conformità a quanto riportato in questa sezione in formato PDF e caricata (upload)

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

Lesson learned esperienza di attivazione PMO. Il Modello e i Processi a supporto

Lesson learned esperienza di attivazione PMO. Il Modello e i Processi a supporto Lesson learned esperienza di attivazione PMO Il Modello e i Processi a supporto Indice Il contesto di riferimento Il modello PMO ISS L integrazione nei processi Aziendali Lessons Learned Contesto di riferimento

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Allegato 2: Prospetto informativo generale

Allegato 2: Prospetto informativo generale Gara a procedura ristretta accelerata per l affidamento, mediante l utilizzo dell Accordo Quadro di cui all art. 59 del D.Lgs. n. 163/2006, di Servizi di Supporto in ambito ICT a InnovaPuglia S.p.A. Allegato

Dettagli

Università degli Studi di Salerno Ingegneria del Software: Tecniche Avanzate

Università degli Studi di Salerno Ingegneria del Software: Tecniche Avanzate Università degli Studi di Salerno Ingegneria del Software: Tecniche Avanzate Mystic Pizza Gestione Pizzeria Scheda di Progetto Version 1.0 Data 19/03/2007 Indice degli argomenti 1. Introduzione 3 a. Scenario

Dettagli

Ingegneria dei Requisiti

Ingegneria dei Requisiti Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Ingegneria dei Requisiti E. TINELLI Contenuti I requisiti del software Documento dei requisiti I processi

Dettagli

Gara per la realizzazione del Sistema Informativo di Supporto alla Gestione degli Appalti Pubblici - SISGAP -

Gara per la realizzazione del Sistema Informativo di Supporto alla Gestione degli Appalti Pubblici - SISGAP - UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUPBLICA ITALIANA Via Cosenza 1/G - 88100 CATANZARO LIDO POR CALABRIA FESR 2007-2013 Linea di Intervento 1.2.2.2 Azioni per la realizzazione/potenziamento del sistema

Dettagli

Gestione Requisiti. Ingegneria dei Requisiti. Requisito. Tipi di Requisiti e Relativi Documenti. La gestione requisiti consiste in

Gestione Requisiti. Ingegneria dei Requisiti. Requisito. Tipi di Requisiti e Relativi Documenti. La gestione requisiti consiste in Ingegneria dei Requisiti Il processo che stabilisce i servizi che il cliente richiede I requisiti sono la descrizione dei servizi del sistema Funzionalità astratte che il sistema deve fornire Le proprietà

Dettagli

ICT Information &Communication Technology

ICT Information &Communication Technology ICT Information &Communication Technology www.tilak.it Profile Tilak Srl, azienda specializzata in soluzioni in ambito Communication Technology opera nell ambito dei servizi di consulenza, formazione e

Dettagli

Programma di Export Temporary Management

Programma di Export Temporary Management Programma di Export Temporary Management Aree di intervento Business Strategies, grazie ad una solida esperienza acquisita negli anni, eroga servizi nell ambito dell Export Temporary Management finalizzati

Dettagli

Project Planning. Politecnico di Milano. Progetto di Ingegneria del Software 2. 15 novembre 2011. Elisabetta Di Nitto Raffaela Mirandola

Project Planning. Politecnico di Milano. Progetto di Ingegneria del Software 2. 15 novembre 2011. Elisabetta Di Nitto Raffaela Mirandola Politecnico di Milano Progetto di Ingegneria del Software 2 Project Planning Autori: Claudia Foglieni Giovanni Matteo Fumarola Massimo Maggi Professori: Elisabetta Di Nitto Raffaela Mirandola 15 novembre

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca. Liceo Tecnologico. Indirizzo Informatico, Grafico e Comunicazione

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca. Liceo Tecnologico. Indirizzo Informatico, Grafico e Comunicazione Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Tecnologico Indirizzo Informatico, Grafico e Comunicazione Percorso Informatico e Comunicazione Indicazioni nazionali per i Piani di Studio

Dettagli

Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica. Ingegneria del Software.

Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica. Ingegneria del Software. Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Ingegneria del Software La fase di Test Giulio Destri Ing. del Software: Test - 1 Scopo del modulo Definire

Dettagli

Regolamento del Network ICT Life Sciences (NILS)

Regolamento del Network ICT Life Sciences (NILS) Regolamento del Network ICT Life Sciences (NILS) Art. 1 Costituzione del Network Viene costituito, su iniziativa del Gruppo di Lavoro ICT operante all interno del Distretto Toscano Scienze della Vita,

Dettagli

COME SI REALIZZANO GLI APPLICATIVI DI UN SISTEMA INFORMATIVO?

COME SI REALIZZANO GLI APPLICATIVI DI UN SISTEMA INFORMATIVO? COME SI REALIZZANO GLI APPLICATIVI DI UN SISTEMA INFORMATIVO? A Flusso di attività B - INPUT C Descrizione dell attività D RISULTATO E - SISTEMA PROFESSIONALE RICHIESTA DEL CLIENTE L input del processo

Dettagli

EGOVERNMENT ED EGOVERNANCE

EGOVERNMENT ED EGOVERNANCE Prot. 13/2011 del 25/01/2011 Pag. 0 di 11 ADMINISTRA COMUNE DI NAPOLI Il progetto Administra nasce dall esigenza del Comune di Napoli di disporre di un unica infrastruttura tecnologica permanente di servizi

Dettagli

Il ciclo di progetto focus su. Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT

Il ciclo di progetto focus su. Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT Il ciclo di progetto focus su Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT analisi periodica e finale di: efficienza, efficacia, impatto atteso, sostenibilità

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER: TECNICO DELLE ATTIVITA' DI PROGETTAZIONE, SVILUPPO E AGGIORNAMENTO DI SITI WEB

CORSO DI FORMAZIONE PER: TECNICO DELLE ATTIVITA' DI PROGETTAZIONE, SVILUPPO E AGGIORNAMENTO DI SITI WEB Avviso Pubblico PROV-BR 02/2013 PO FSE 2007/2013 ASSE II OCCUPABILITA' Formazione per Inserimento-Reinserimento Lavorativo Approvato con D.D. n.85 del 24/01/2014, pubblicata sul BURP n. 17 del 06/02/2014

Dettagli

Idea progetto La rete della Sicurezza come fattore di ben-essere

Idea progetto La rete della Sicurezza come fattore di ben-essere INAIL SARDEGNA Associazione Industriali Province della Sardegna Meridionale Cagliari, Carbonia Iglesias e Medio Campidano CONFINDUSTRIA CGIL Camera del Lavoro Metropolitana Cagliari Cagliari Cagliari Progetto

Dettagli

LA SUITE ARCHIMEDE PER LA GESTIONE E L IMPIEGO

LA SUITE ARCHIMEDE PER LA GESTIONE E L IMPIEGO LA SUITE ARCHIMEDE PER LA GESTIONE E L IMPIEGO DEL PERSONALE IN TURNAZIONE Di cosa si tratta? La Suite Archimede è uno strumento scalabile, pratico ed efficiente, per la pianificazione e la gestione strategica

Dettagli

Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile

Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile Osservatorio Cloud & ICT as a Service Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile Mariano Corso Stefano Mainetti 17 Dicembre 2013 Collaborative Business

Dettagli

OGGETTO DELLA FORNITURA...4

OGGETTO DELLA FORNITURA...4 Gara d appalto per la fornitura di licenze software e servizi per la realizzazione del progetto di Identity and Access Management in Cassa Depositi e Prestiti S.p.A. CAPITOLATO TECNICO Indice 1 GENERALITÀ...3

Dettagli

L'utilizzo di strumenti di Social Network & Community in banca. Romano Stasi Segretario Generale ABI Lab

L'utilizzo di strumenti di Social Network & Community in banca. Romano Stasi Segretario Generale ABI Lab L'utilizzo di strumenti di Social Network & Community in banca Romano Stasi Segretario Generale ABI Lab Milano, 16 marzo 2010 Priorità ICT di investimento e indagine per le banche Italiane canali Fonte:ABI

Dettagli

WP05.DOC.D01. Workshop pubblico per la presentazione dei risultati 10/02/2010

WP05.DOC.D01. Workshop pubblico per la presentazione dei risultati 10/02/2010 WP05.DOC.D01 10/02/2010 Workshop pubblico per la presentazione dei risultati GIUNTA REGIONALE DELLA CAMPANIA Assessorato all'università e Ricerca Scientifica,Innovazione Tecnologica e Nuova Economia SETTORE

Dettagli

Vulnerabilità dei sistemi informatici Modelli e tecniche per l'assessment e il management del rischio

Vulnerabilità dei sistemi informatici Modelli e tecniche per l'assessment e il management del rischio Tecnologie ICT per le Piccole e Medie Imprese Ciclo di Seminari sulle Tecnologie ICT per le Piccole e Medie Imprese Vulnerabilità dei sistemi informatici Modelli e tecniche per l'assessment e il management

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE

TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA

Dettagli

REPORT FINALE SUL PROGETTO CLUSTER OPEN SOURCE

REPORT FINALE SUL PROGETTO CLUSTER OPEN SOURCE REPORT FINALE SUL PROGETTO CLUSTER OPEN SOURCE Premessa Il presente report illustra il progetto Cluster Open Source, progetto che mira a sviluppare dinamiche distrettuali all interno del sistema produttivo

Dettagli

LISTA DI DISTRIBUZIONE: IT Telecom srl, Telecom Italia, Clienti Telecom Italia TI REGISTRO DELLE MODIFICHE REVISIONE DESCRIZIONE EMISSIONE

LISTA DI DISTRIBUZIONE: IT Telecom srl, Telecom Italia, Clienti Telecom Italia TI REGISTRO DELLE MODIFICHE REVISIONE DESCRIZIONE EMISSIONE CERTQUAL.IT.DPMU1257 TITOLO DOCUMENTO: TIPO DOCUMENTO: EMESSO DA: Manuale Utente IT Telecom s.r.l. DATA EMISSIONE: 2/12/21 N. ALLEGATI: STATO: REDATTO: F. Lappa ITT VERIFICATO: M. Donatone ITT APPROVATO:

Dettagli

Review Management. Introduzione. I progetti

Review Management. Introduzione. I progetti Review Management Introduzione Le review sono un argomento di particolare importanza nell ambito dei processi produttivi aziendali, siano essi produzione del software, industriali, edili, oppure legati

Dettagli

Project Management in oratorio CORSO PER DIRETTORI DI ORATORIO ARCIDIOCESI DI FERMO

Project Management in oratorio CORSO PER DIRETTORI DI ORATORIO ARCIDIOCESI DI FERMO Project Management in oratorio CORSO PER DIRETTORI DI ORATORIO ARCIDIOCESI DI FERMO DEFINIZIONE Il project management viene identificato come una combinazione di persone, risorse e fattori organizzativi,

Dettagli

Verifica e Validazione (V & V) Software e difetti. Processo di V & V. Test

Verifica e Validazione (V & V) Software e difetti. Processo di V & V. Test Software e difetti Il software con difetti è un grande problema I difetti nel software sono comuni Come sappiamo che il software ha qualche difetto? Conosciamo tramite qualcosa, che non è il codice, cosa

Dettagli

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI:

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI: IL PRESIDENTE VISTO il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni, in particolare l art. 8, comma 2, ai sensi del quale l Autorità stabilisce le norme sulla propria

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO. Pag 1 di 14

CAPITOLATO TECNICO. Pag 1 di 14 GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI MONITORAGGIO, VERIFICA E SUPPORTO TECNICO AI PROGETTI REALIZZATI DALLE SCUOLE AMMESSE AL FINANZIAMENTO NELL AMBITO DELL INIZIATIVA E-INCLUSION.

Dettagli

Le Tecnologie Biometriche ed il loro Utilizzo

Le Tecnologie Biometriche ed il loro Utilizzo Le Tecnologie Biometriche ed il loro Utilizzo di * Federico Fumagalli La tecnologia, i processi ed i campi di utilizzazione, Introduzione Biometria = caratteristiche fisiologiche o comportamentali misurabili

Dettagli

Finalità. Requisiti soggetto proponente. Attività oggetto di finanziamento

Finalità. Requisiti soggetto proponente. Attività oggetto di finanziamento Bando di concorso per la concessione di contributi alle pmi per favorire lo sviluppo di progetti, prodotti, servizi, processi e modelli organizzativi innovativi nonche l adozione di tecnologie e servizi

Dettagli

Glossario Project Cycle Management

Glossario Project Cycle Management Glossario Project Cycle Management Albero degli obiettivi Diagramma, utilizzato nell ambito dell Approccio del Quadro Logico, che permette di rappresentare, in un quadro unitario, ciò che si potrebbe osservare

Dettagli

MARKETING ORGANIZZAZIONE SVILUPPO COMMERCIALE SOFTWARE & WEB

MARKETING ORGANIZZAZIONE SVILUPPO COMMERCIALE SOFTWARE & WEB ORGANIZZAZIONE SVILUPPO COMMERCIALE MARKETING SOFTWARE & WEB Siamo un gruppo di professionisti qualificati con esperienze in aziende di produzione, servizi e multiutility; mettiamo in comune le nostre

Dettagli

Il Progetto e il Project Management

Il Progetto e il Project Management Il Progetto e il Project Management Metodologie di Specifica del Software Per contattare il docente Dr. Anna Rita Laurenzi email: annarita.laurenzi@insiel.it cell.+39 3356368206 Agenda Progetto e Project

Dettagli

Premessa... 3. Obiettivi del progetto... 3. Partecipanti... 4. Fasi del progetto... 4. Metodologia di lavoro e iter della partecipazione...

Premessa... 3. Obiettivi del progetto... 3. Partecipanti... 4. Fasi del progetto... 4. Metodologia di lavoro e iter della partecipazione... PROGETTO ESECUTIVO PER LA REALIZZAZIONE DI UN PROGETTO SPERIMENTALE VOLTO ALLA CREAZIONE E IMPLEMENTAZIONE DEL SISTEMA INFORMATIVO SULLA CURA E LAPROTEZIONE DEI BAMBINI E DELLA LORO FAMIGLIA PARTE DEL

Dettagli

Le competenze. Esplora S.r.l. persegue la propria mission integrando due macro aree di esperienze e professionalità:

Le competenze. Esplora S.r.l. persegue la propria mission integrando due macro aree di esperienze e professionalità: La società Esplora S.r.l. è una società di diritto italiano e sedi a Roma, Siena, Milano e Catania che opera nei settori del project management internazionale, per il governo di progetti complessi e in

Dettagli

Criteri fondamentali per un sistema CRM

Criteri fondamentali per un sistema CRM Criteri fondamentali per un sistema CRM Definizione di C.R.M. - Customer Relationship Management Le aziende di maggiore successo dimostrano abilità nell identificare, capire e soddisfare i bisogni e le

Dettagli

L'architettura di un blended e-learning efficace (parte 2)

L'architettura di un blended e-learning efficace (parte 2) L'architettura di un blended e-learning efficace (parte 2) Nel precedente approfondimento è stata evidenziata l'importanza di definire un'architettura per un percorso di blended e-learning (bl-el): questo

Dettagli

Osservatorio ICT nel NonProfit. Claudio Tancini Novembre 2009

Osservatorio ICT nel NonProfit. Claudio Tancini Novembre 2009 Osservatorio ICT nel NonProfit Claudio Tancini Novembre 2009 1 Premessa (1/2): Il mercato ICT non ha focalizzato il NonProfit come un segmento specifico, da seguire con le sue peculiarità. In alcuni casi

Dettagli

TITOLO. Risultati Work Package 2 e 3: Task di responsabilità Comune di Firenze. Parma, 8 Aprile 2009. Progetto IQuEL

TITOLO. Risultati Work Package 2 e 3: Task di responsabilità Comune di Firenze. Parma, 8 Aprile 2009. Progetto IQuEL Progetto IQuEL Risultati Work Package 2 e 3: Task di responsabilità Comune di Firenze TITOLO Parma, 8 Aprile 2009 Sommario WP2: Attività A2P3: strumenti e metodologia di rilevazione qualitativa e quantitativa

Dettagli

Giuseppe Santucci. Qualità nella Produzione del Software

Giuseppe Santucci. Qualità nella Produzione del Software Giuseppe Santucci Qualità nella Produzione del Software 03 Revisione del contratto (Contract review) & Piani di sviluppo e qualità (Development and quality plans) 03CR&DQP.1 Contract review? Una cattiva

Dettagli

Istituti Tecnici - Settore tecnologico Indirizzo Informatica e telecomunicazioni Articolazione Informatica

Istituti Tecnici - Settore tecnologico Indirizzo Informatica e telecomunicazioni Articolazione Informatica Linee guida Secondo ciclo di istruzione Istituti Tecnici - Settore tecnologico Indirizzo Informatica e telecomunicazioni Quadro orario generale 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Sistemi e reti**

Dettagli

ELICAT. Allegato E: Piano Di Lavoro CT Sportello Sportello Catastale Integrato

ELICAT. Allegato E: Piano Di Lavoro CT Sportello Sportello Catastale Integrato Deliverable 1.3 Allegato E: Piano Di Lavoro CT Sportello Sportello Catastale Integrato Preparato da: Comune di Padova (Alberto Corò) Membri: Firenze, Torino, Prato, CM Valle del Serchio, Abbadia San Salvatore,

Dettagli

1995 IMPRESE ITALIANE SOLUZIONI SOFTWARE leader in Italia nei software gestionali/erp

1995 IMPRESE ITALIANE SOLUZIONI SOFTWARE leader in Italia nei software gestionali/erp COMPANY PROFILE Dal 1995 supportiamo le IMPRESE ITALIANE nella gestione con SOLUZIONI SOFTWARE di ultima generazione dotate di un ampia COPERTURA FUNZIONALE per rispondere a tutte le esigenze dettate dalle

Dettagli

COMPETENZE IN ESITO (5 ANNO) ABILITA' CONOSCENZE

COMPETENZE IN ESITO (5 ANNO) ABILITA' CONOSCENZE MAPPA DELLE COMPETENZE a.s. 2014-2015 CODICE ASSE: tecnico-professionale QUINTO ANNO PT1 scegliere dispositivi e strumenti in base alle loro caratteristiche funzionali; Progettare e realizzare applicazioni

Dettagli

REFERENZIAZIONI 2001) NUP

REFERENZIAZIONI 2001) NUP Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - TECNICO INFORMATICO PROGRAMMATORE SOFTWARE E APPLICAZIONI

Dettagli

PROGETTO SIMOB STRUTTURA E OBIETTIVI 1. SCHEDA PROGETTO

PROGETTO SIMOB STRUTTURA E OBIETTIVI 1. SCHEDA PROGETTO PROGETTO SIMOB STRUTTURA E OBIETTIVI 1. SCHEDA PROGETTO Progetto: SIMOB - Sistema Integrato per l infomobilità Finanziatore: Regione Toscana Asse di finanziamento: APQ Competitività dei territori e delle

Dettagli

Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca

Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca Clément PERRIN / Daniela TAVERNA - Senior Project Manager Milano, 20 Aprile 2012 Con l acquisizione da parte di BNPP 6 anni

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 INFORMATICA Processo Sviluppo e gestione di prodotti e servizi informatici Sequenza di processo Analisi

Dettagli

PROCEDURA PR.07/03. Progettazione e sviluppo software STATO DI REVISIONE. Verificato da

PROCEDURA PR.07/03. Progettazione e sviluppo software STATO DI REVISIONE. Verificato da PROCEDURA PR.07/03 Progettazione e sviluppo software STATO DI REVISIONE NUMERO REVISIONE DATA Emesso da DT Fabio 0 15/07/03 Matteucci 1 22/12/03 Fabio Matteucci 2 Verificato da Rappresentante della Direzione

Dettagli

LOGICAL Con i dati tra le nuvole Presentazione della piattaforma informatica di servizi logistici Business Workshop

LOGICAL Con i dati tra le nuvole Presentazione della piattaforma informatica di servizi logistici Business Workshop LOGICAL Con i dati tra le nuvole Presentazione della piattaforma informatica di servizi logistici Business Workshop Marino Cavallo Provincia di Bologna PROGETTO LOGICAL Transnational LOGistics' Improvement

Dettagli

PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE

PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE Ricerca e Innovazione: leve prioritarie per la crescita La nuova politica di Europa 2020 richiama il ruolo delle imprese e la

Dettagli

Implementazione ed ottimizzazione di algoritmi di processamento radargrammetrico ed interferometrico per la produzione di DEM da immagini COSMO SkyMed

Implementazione ed ottimizzazione di algoritmi di processamento radargrammetrico ed interferometrico per la produzione di DEM da immagini COSMO SkyMed Implementazione ed ottimizzazione di algoritmi di processamento radargrammetrico ed interferometrico per la produzione di DEM da immagini COSMO SkyMed AGENZIA SPAZIALE ITALIANA BANDO PERIODICO RISERVATO

Dettagli

Durante la realizzazione di questo WP verranno anche effettuate delle sperimentazioni per verificare la bontà delle ipotesi in fase di studio.

Durante la realizzazione di questo WP verranno anche effettuate delle sperimentazioni per verificare la bontà delle ipotesi in fase di studio. Allegato WP2 Il pacchetto software implementerà le seguenti funzioni specifiche del progetto allegato, così come delineato nella descrizione del WP 2 che vale come specifica generale: 1. programmazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 SECONDO BIENNIO Disciplina: INFORMATICA La disciplina Informatica concorre a far conseguire allo

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

AVVISO PER LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER IL COFINANZIAMENTO A PROGETTI STRATEGICI DI R&S IN MATERIA DI ICT E MECCANICA AVANZATA RELAZIONE TECNICA

AVVISO PER LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER IL COFINANZIAMENTO A PROGETTI STRATEGICI DI R&S IN MATERIA DI ICT E MECCANICA AVANZATA RELAZIONE TECNICA AVVISO PER LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER IL COFINANZIAMENTO A PROGETTI STRATEGICI DI R&S IN MATERIA DI ICT E MECCANICA AVANZATA RELAZIONE TECNICA AVVERTENZA AI FINI DELLA COMPILAZIONE: La presente

Dettagli

DATAWAREHOUSE DEVELOPER / DATAMINER

DATAWAREHOUSE DEVELOPER / DATAMINER DATAWAREHOUSE DEVELOPER / DATAMINER 2.4 Finalità e motivazioni dell'intervento: Dopo i finanziamenti a sostegno del progetto e attraverso l integrazione e la diversificazione produttiva, il PIT Tavoliere

Dettagli

Politecnico di Bari Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica A.A. 2008-09. Casi di Studio. Traccia n 1

Politecnico di Bari Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica A.A. 2008-09. Casi di Studio. Traccia n 1 Politecnico di Bari Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica A.A. 2008-09 Casi di Studio Traccia n 1 Si vuole realizzare un portale web per la gestione della rete di vendita di un'azienda

Dettagli

USO SICURO S.r.l. SPIN-OFF UNIVERSITARIO

USO SICURO S.r.l. SPIN-OFF UNIVERSITARIO SPIN-OFF UNIVERSITARIO P. IVA 06062510489 Sede Legale e Segreteria: c/o CESPRO, Largo G.A. Brambilla 3 Edificio H3-50134 Firenze Prof. Sergio Boncinelli, Cell: + 39 3392667880 mail: info@usosicuro.com

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ E IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE

TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ E IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ E IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER

Dettagli

Linee guida in materia di formazione per la esociety

Linee guida in materia di formazione per la esociety Allegato parte integrante Linee guida formazione esociety ALLEGATO ALLA DELIBERA N. DEL 14 LUGLIO 2006 Linee guida in materia di formazione per la esociety La Società dell informazione deve garantire,

Dettagli