WP01.DOC.D03. 25/01/2010 SAL e valutazione in itinere

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "WP01.DOC.D03. 25/01/2010 SAL e valutazione in itinere"

Transcript

1 WP01.DOC.D03 25/01/2010 SAL e valutazione in itinere GIUNTA REGIONALE DELLA CAMPANIA Assessorato all'università e Ricerca Scientifica,Innovazione Tecnologica e Nuova Economia SETTORE ANALISI, PROGETTAZIONE E GESTIONE SISTEMI INFORMATIVI - Bando per la concessione degli aiuti alle PMI in attuazione della Misura 3.17 del POR Campania 2000/2006 nell'ambito dell'accordo di Programma Quadro in materia di E-Government e Società dell'informazione. Progetto Metadistretto del Settore ICT. - DECRETI DIRIGENZIALI N. 52 del 3/3/2006 e N. 440 del 21/09/2006 Progetto: PRI Chiuso In data: 20-nov Primeco srl Project X srl D.I.I.I.E. Autore: Primeco

2 2 WP01.DOC.D03 SAL E VALUTAZIONE IN ITINERE

3 3 SOMMARIO 1. Titolo, Acronimo del Progetto e Partecipanti Area Tematica e Tipologia di Output/Prodotti Attesi Obiettivo Generale ed Output finali del progetto Elenco Deliverables Introduzione Descrizione dei WorkPackages (Wp) e dei relativi task Elenco workpackages e relativi task (Tabella) Report Attività in itinere...26

4 4 1. TITOLO, ACRONIMO DEL PROGETTO E PARTECIPANTI Acronimo del PRI Progetto: Titolo del Progetto: Progetto Cerbero :Piattaforma multimodale e multicanale per il controllo degli accessi Partecipanti del progetto: Nome Breve Primeco Project X D.I.I.I.E. Ragione Sociale Primeco srl Project X srl Dip. di Ingegneria dell'informazione e Ingegneria Elettrica - Università di Salerno

5 5 2. AREA TEMATICA E TIPOLOGIA DI OUTPUT/PRODOTTI ATTESI Lo scopo del seguente progetto è lo studio, la progettazione e la realizzazione del prototipo di una piattaforma in grado di identificare in maniera automatica una persona tra le n persone i cui elementi caratteristici siano stati opportunamente inseriti in un data base. Il sistema che si vuole realizzare dovrà essere: dinamico, adattabile, sicuro e affidabile. Si vuole ottenere il prototipo di un sistema che integri le più sofisticate tecnologie di identificazione tra cui tecniche di biometria e che sia aperto all inserimento di nuove tecnologie. L intero sistema dovrà essere gestito da un innovativo algoritmo real time che sia in grado di: rilevare le tecnologie disponibili al sistema, scegliere in maniera intelligente le procedure di riconoscimento da eseguire, identificare una persona tra quelle presenti nel Data Base mediante una analisi combinata del livello di attendibilità risultato delle singole procedure di riconoscimento. I contenuti tecnologici del progetto afferiscono alle seguenti Aree Tematiche: Pervasive e Mobile Computing in quanto la realizzazione di una piattaforma di riconoscimento multimodale e multicanale apre nuovi sviluppi ad applicazioni di domotica in particolare per quanto concerne il controllo degli accessi. Un sistema di identificazione della persona integrato in un sistema demotico sarebbe in grado di predisporre l ambiente adattandolo alla persona che vi

6 6 accede Ma si pensi all innumerevole quantità di applicazioni che avrebbero un nuovo impulso da un innovativo sistema di controllo delle intrusioni in sistemi informatici, reso più flessibile e affidabile da tecniche di biometria. e-collaboration Non sono presenti, al momento, in Italia dispositivi che integrino l identificazione dell utente a run time con servizi di comunicazione a distanza, la realizzazione di una piattaforma di riconoscimento multimodale e multicanale apre nuovi sviluppi ad applicazioni, si immagini una web conference non supportata da webcam per trattare un argomento strategico, in un tale contesto potrebbe essere particolarmente utile la verifica delle persone che partecipano alla riunione. Tecnologie ICT per Digital Divide Computing applicazioni che consentono l accesso anche a persone che potrebbero non poter accedere a delle risorse solo perché la modalità standard di riconoscimento non è una modalità ad essa accessibile. Si pensi a persone diversamente abili che non potendo digitare login e pwd non riescono ad accedere a dei contenuti pur avendone diritto e che grazie ad un sistema intelligente che sceglie opportunamente le tecnologie per l identificazione consente loro l accesso che altrimenti gli sarebbe ingiustamente precluso. Tecnologia ICT per multimedia Dovendo progettare per la realizzazione del prototipo del sistema una interfaccia intelligente uomo/macchina per la procedura guidata al riconoscimento, sia di tipo video che audio (si pensi a soggetti diversamente abili).

7 7 3. OBIETTIVO GENERALE ED OUTPUT FINALI DEL PROGETTO Un sistema biometrico è un dispositivo automatico in grado di identificare un individuo a partire da una sua caratteristica fisiologica (impronta digitale, volto, mano, retina, iride, ecc.) o comportamentale (voce, calligrafia, stile di battitura, ecc.). Negli ultimi anni l'interesse nei sistemi biometrici è cresciuto notevolmente e, sia in ambito accademico che in ambito industriale, molti gruppi di ricerca hanno dedicato notevoli risorse allo studio di tecniche efficaci per l'identificazione di persone. Le applicazioni potenziali di queste tecnologie sono infatti molteplici e spaziano dal controllo accessi a quello delle presenze, dalla sorveglianza automatica alla protezione di risorse di valore, dalla sicurezza di reti di calcolatori alle transazioni sicure in Internet. La biometria fornisce una risposta efficace al requisito dell'autenticazione, provvedendo delle metodologie per riconoscere l'identità personale sulla base di caratteristiche fisiche dell'utente. I vantaggi sono numerosi: si evita l'uso del PIN e password che possono essere sottratti, ceduti, dimenticati o smarriti, si può variare la tolleranza del sistema verso falsi allarmi sulla base dei requisiti di sicurezza, è estremamente difficile contraffare i dati per l'accesso. Un sistema di riconoscimento biometrico si propone quindi di riconoscere (confronto di 1 a N) ovvero di autenticare (confronto di 1 a 1) l'identità di una persona per accedere a determinate risorse. Per effettuare il riconoscimento ovvero l'autenticazione è necessario definire: quali caratteristiche estrarre dai dati biometrici acquisiti (per esempio da un'impronta digitale), come elaborarle per estrarre uno o più parametri che

8 8 siano caratteristici della persona in esame. Negli ultimi anni si sono verificati i limiti di molti degli approcci più consolidati per il riconoscimento basati sulle singole modalità sensoriali (fingerprint, volti, iride e altri ancora). Tali limiti si sono spesso rivelati inadeguati per contesti applicativi reali, specialmente se non si dispone di un grado sufficiente di collaborazione da parte dell'utente. Per questo, gli attuali sviluppi della ricerca stanno cercando di individuare nuove soluzioni che permettano di ottenere livello di accuratezza e affidabilità superiori grazie alla fusione e integrazione di misure di somiglianza ottenute: dalle singole modalità sensoriali (fusione multimodale) ovvero da diversi algoritmi applicati agli stessi dati sensoriali (fusione multialgoritmica). Obiettivo del programma di ricerca è lo studio e la realizzazione di sistemi di riconoscimento biometrici multi-modali e multi-algoritmici efficaci in contesti applicativi reali. A questo scopo verranno studiate diverse modalita` sensoriali specifiche: le impronte digitali, le immagini di volti, l impronta vocale, ecc. Queste saranno verificate nell'ambito di due scenari applicativi di grande importanza: il controllo degli accessi e la verifica delle intrusioni in sistemi informatici.

9 9 4. ELENCO DELIVERABLES Deliverable Denominazione WP/Task WP01.DOC.D01 Piano di progetto WP1/Task1.1 WP01.SW.D01 Allestimento del sistema documentale WP1/Task1.1 WP01.SW.D02 Allestimento del portale web del progetto WP1/Task1.1 WP01.DOC.D02 Sistema Gestione Qualità e Standard di Progetto WP1/Task1.2 WP01.DOC.D03 SAL e Valutazione in itinere WP1/Task1.3 WP01.DOC.D04 Relazione finale WP 1/Task1.4 WP02.DOC.D01 Analisi del contesto di mercato WP2/Task2.1 WP02.DOC.D02 WP02.DOC.D03 Report con i risultati delle problematiche tecnologiche riscontrate per il dominio Report sui nuovi algoritmi per il matching di impronte digitali, di volti, dell impronta vocale, ed altre tecniche di riconoscimento. WP2/Task2.2 WP2/Task2.2 WP02.DOC.D04 Report con i risultati dello studio comparativo delle tecniche di riconoscimento mediante un confronto delle prestazioni degli algoritmi e delle tecniche di riconoscimento ritenute più interessanti WP2/Task2.3 WP02.DOC.D05 Report con i risultati dello studio della fusione multi-algoritmica e multi-modale e dei problemi di integrazione tra le varie tecnologie di riconoscimento. WP2/Task2.4 WP02.DOC.D06 Documento: Tecnologie: Stato dell arte WP2/Task2.5 WP02.DOC.D07 Redazione del documento: Mercato: Stato WP2/Task2.5

10 10 WP03.DOC.D01 WP03.DOC.D02 WP03.DOC.D03 dell arte e potenzialità di business Documento di specifica tecnico-architetturale del sistema Diagrammi di dettaglio dell architettura e delle componenti del sistema Documento di specifica tecnico-architetturale del data base multimodale WP3/Task3.5 WP3/Task3.5 WP3/Task3.5 WP03.DOC.D04 Piano dei test funzionali WP3/Task3.5 WP04.SW.D01 Laboratorio di sviluppo WP4/Task4.1 WP04.DOC.D02 Documento: Piano dei test del prototipo WP4/Task4.3 WP04.SW.D03 Prototipo del sistema di controllo degli accessi e verifica delle intrusioni in sistemi informatici WP4/Task4.5 WP04.SW.D04 Documentazione tecnica del Prototipo WP4/Task4.5 WP04.SW.D05 Esercizio del prototipo sul sito sperimentale WP4/Task4.8 WP05.DOC.D01 WP05.DOC.D02 Workshop pubblico per la presentazione dei risultati Risultati del progetto e della sperimentazione: Rapporto Tecnico contenente una descrizione dettagliata delle sperimentazioni effettuate per valutare le prestazioni delle tecniche di pattern recognition adottate nella realizzazione dei moduli software per l'intrusion detection, secondo gli obiettivi realizzativi del progetto. Tale rapporto tecnico riporterà inoltre l'integrazione del sistema di autenticazione biometrica per la sicurezza del sistema informatico. WP5/Task5.3 WP5/Task5.3

11 11 Prima versione del Business Plan WP WP05.DOC.D03 5/Task 5.4

12 12 5. INTRODUZIONE Coerentemente con i principi ispiratori che sono alla base dell attuazione della Misura 3.17 per l Innovazione, del POR Campania 2000/2006, le attività del progetto saranno raggruppate in due grandi macrofasi, dipendenti temporalmente l una dall altra: una prima riguardante la ricerca industriale a cui farà seguito quella dello sviluppo precompetitivo. La durata complessiva del progetto sarà di 15 (più ulteriori 6 mesi di proroga) solari che verranno ripartiti in questo modo: sia la fase di ricerca che quella di sviluppo avranno la durata di 8 mesi solari. Tuttavia le due fasi avranno un mese in comune (l ultimo della prima e il primo della seconda), durante il quale verranno concluse le attività di ricerca e verranno avviate le fasi di sviluppo. Nella ricerca industriale verranno affrontati lo studio e l approfondimento delle tematiche relative alla ricerca di soluzioni tecnologiche con caratteristiche di innovatività. I risultati della fase di ricerca potranno poi essere trasferiti, verso la fase di sviluppo dei prototipi, che poi verranno utilizzati durante la fase di messa a regime delle soluzioni. La strategia di attuazione del progetto terrà conto di molteplici fattori, tra quali: il dominio di applicazione, le tecnologie usate, le buone prassi ricavate da esperienze progettuali di settore. In particolare si analizzeranno gli aspetti riguardanti: L analisi di soluzioni finora realizzate su problematiche analoghe, avendo come riferimento sia progetti già realizzati in ambito nazionale, sia in un

13 13 contesto più ampio, come quelli europeo ed internazionale. Verranno effettuate una ricerca ed una analisi tecnologica dei prodotti, delle soluzioni, dei servizi e delle tecniche utilizzate. Lo studio del dominio applicativo, svolgendo una analisi sui nuovi algoritmi per il matching di impronte digitali, di volti, dell impronta vocale, e di tutte le tecniche di riconoscimento. Studio comparativo delle tecniche di riconoscimento in questa fase saranno confrontate le prestazioni degli algoritmi e delle tecniche di riconoscimento ritenute più interessanti. Studio della fusione multi-algoritmica e multi-modale. Lo studio dei problemi di integrazione tra le varie tecnologie di riconoscimento fornirà elementi fondamentali per la fase di progettazione della piattaforma. La verifica costante delle fattibilità tecnico/economica delle soluzioni, che servirà a garantire che le iniziative convergano verso un prototipo funzionante, coerente con le caratteristiche e gli obiettivi di progetto. Mentre la fase di ricerca industriale, verrà caratterizzata anche dalla progettazione dei sistemi software, la macrofase di sviluppo precompetitivo, vedrà lo svolgersi delle attività di: realizzazione e messa in opera delle soluzioni prototipali, la verifica delle

14 14 prestazioni del sistema, le fasi di raccolta, analisi e diffusione dei risultati. Si noti che durante lo sviluppo precompetitivo, si dovrà tener conto della fattibilità tecnico/economico della industrializzazione della soluzione sperimentale. Un elemento di particolare importanza sarà la definizione dei criteri di analisi analitica e statistica applicata alle prestazioni del prototipo, che sarà interpretata anche alla luce della valutazione soggettiva da parte di un set di potenziali utenti scelti come focus group. I risultati e le metodologie di analisi costituiranno gli elementi utilizzati per la valutazione della buona riuscita della fase di sperimentazione. In funzione dei significativi obiettivi prefissati, il progetto è stato strutturato in 4 workpackage (WP) operativi ed 1 workpackage per il controllo del progetto, che verranno assegnati alle due macrofasi previste: la ricerca e lo sviluppo. La fase di ricerca industriale sarà caratterizzata da una fase di studio e progettazione, che vedrà coinvolte le risorse appartenenti alla compagine di progetto, in un lavoro collaborativo di osservazione dei domini applicativi, delle tecnologie, dello stato dell arte ; inoltre esse saranno anche impegnate in una fase di formalizzazione del modello di sistema, disegnandone i casi d uso, la struttura delle componenti, sia hardware che software (WP02, WP03). I risultati ottenuti dalla fase di ricerca industriale costituiranno l input della fase di sviluppo. Questa sarà caratterizzata dalla implementazione del prototipo di sistema e dalla conseguente attività di sperimentazione (WP04). Il progetto verrà concluso da una serie di attività di pubblicizzazione dei risultati raggiunti (WP05). Lo scopo sarà soprattutto di avviare verso il mercato, individuato durante le fasi di studio, appropriate azioni informative e di promozione. L obiettivo strategico si

15 15 posiziona ben oltre la scadenza del progetto e sarà caratterizzato dal favorire ed avviare la domanda verso i prodotti/servizi che verranno realizzati durante le attività progettuali (piano di business). Si prevede di realizzare una attività di gestione (WP01) che temporalmente si svilupperà lungo tutto l arco temporale dei 15 mesi (più 6 mesi di proroga) di durata del progetto, coprendo sia la fase di ricerca che quella di sviluppo. La gestione del progetto comprenderà diverse attività, che normalmente vengono eseguite per interventi così complessi: la gestione del sistema di qualità (sia i partner, che le Aziende esterne alla compagine, hanno sistemi di gestione della qualità certificati), la gestione documentale, le riunioni di coordinamento, di misurazione e di verifica (SAL).

16 16 6. DESCRIZIONE DEI WORKPACKAGES (WP) E DEI RELATIVI TASK WP1: Il WP1 raccoglie le attività di gestione e valutazione in itinere del progetto. In esso sono incluse le attività organizzative, di allocazione delle risorse, di gestione del sistema di qualità, di misura delle prestazioni del progetto. In esso sono incluse l organizzazione di incontri periodici (circa 1 mese), la preparazione e la gestione dei rapporti di avanzamento lavori e controllo dei costi. Si identificheranno gli strumenti migliori per la collaborazione fra i partner. Inoltre verranno monitorati i processi, verificando il raggiungimento dei task di ogni altro WP e il rispetto dei tempi. Task 1.1 RI Start attività - Kick off meeting: Questa attività determina l inizio ufficiale del progetto e consiste nella presentazione pubblica degli obiettivi e nella organizzazione iniziale dei lavori. Durante questo task viene definito e presentato il Piano di Progetto. Durante questa attività viene realizzato il sistema documentale e viene allestito il portale web per il progetto. Task 1.2 RI Redazione e gestione del piano di Quality Assurance(QA): Quest attività inizia con la produzione di un documento che descrive la metodologia e le modalità con cui saranno assicurati gli standard procedurali e prestazionali prefissati dai SGQ dei partecipanti al progetto; essa si estende poi per tutta la durata del progetto al fine di sorvegliare il rispetto del documento prodotto. Task 1.3 RI Gestione progetto e valutazione periodica dei risultati: Questa attività, che si estende per tutta la durata del progetto, contiene tutte

17 17 le attività di natura organizzativa ed amministrativa tese ad assicurare il corretto andamento del progetto, secondo i tempi definiti nel presente documento. Essa di fatto rappresenta l azione di controllo del progetto e serve ad avviare eventuali azioni correttive o di miglioramento alle attività, nonché un eventuale azione di riallocazione delle risorse. In questa attività è compresa la pubblicazione dei risultati significativi che si deciderà di divulgare al fine di pubblicizzare l iniziativa progettuale. Task 1.4 SP Report finale di progetto e chiusura delle attività: Questa attività, localizzata alla fine del progetto, è indirizzata alla produzione di un documento finale che descrive il progetto nel suo complesso, mostra i risultati raggiunti e fornisce un indice ragionato di lettura per tutti i documenti ed i deliverable prodotti in itinere. WP2: Durante questo wp verranno realizzate le attività di indagine e di studio tipiche di un osservatorio tecnologico. Le attività saranno indirizzate verso un approfondimento sullo stato dell arte e sul livello di innovatività delle soluzioni esistenti. Si selezionano quelle che faranno da riferimento per il prototipo; si verificano le funzionalità dei prodotti commerciali e si determinano le specifiche per l interfacciamento e per la realizzazione dei moduli; si definisce l architettura di base in dettaglio. Vengono individuate le criticità da verificare. Inoltre si effettua una raccolta ragionata e formalizzata dei requisiti riscontrabili nel dominio applicativo, individuato per il progetto. Le esigenze industriali saranno quindi riferibili alla specifica tematica tecnologica, di cui l obiettivo realizzativo è parte integrante. Questa fase verrà

18 18 eseguita mediante il supporto di una attività di auditing, da svolgere presso le Organizzazioni, eventualmente raggruppate per filiere, che saranno poi successivamente coinvolte nelle fasi di sperimentazione. Task 2.1 RI Osservatorio del contesto di mercato nel quale si dovranno collocare gli output prodotti dal progetto. Esso sarà caratterizzato dall analisi delle esigenze di mercato e dei COTS. Task 2.2 RI Individuazione dei nuovi algoritmi per il matching di impronte digitali, di volti, dell impronta vocale, e di tutte le tecniche di riconoscimento. Task 2.3 RI Studio comparativo delle tecniche di riconoscimento mediante un confronto delle prestazioni degli algoritmi e delle tecniche di riconoscimento ritenute più interessanti. Task 2.4 RI Studio della fusione multi-algoritmica e multi-modale e dei problemi di integrazione tra le varie tecnologie di riconoscimento. 2.5 RI Redazione del documento: Tecnologie: Stato dell arte. WP3: Durante questa fase verranno analizzate le modalità di funzionamento ed applicazione ed i limiti dei metodi di integrazione e fusione. Verrà realizzato lo studio e progettazione degli algoritmi che costituiranno la parte elaborativa del prototipo e delle strutture dei dati necessari. Task 3.1 RI Analisi dei requisiti del sistema e dei servizi. Task 3.2 RI Analisi e scelta delle tecnologie più efficaci e degli algoritmi più efficaci ai fini del riconoscimento e per la realizzazione dell architettura del sistema. Task 3.3 RI Progettazione del sistema. Task 3.4 RI Progettazione del database multimodale. Task 3.5 RI Definizione delle specifiche funzionali, tecniche ed

19 19 architetturali del prototipo. Redazione dei diagrammi di dettaglio. Definizione delle fasi di test per la messa a punto del modello di sistema. WP4: In tale fase viene realizzato il prototipo del sistema, con l obiettivo di validare l insieme di funzionalità da realizzare e le interfacce utente. Durante questa fase viene effettuata una verifica dello sforzo necessario all industrializzazione del prototipo. Si provvederà all installazione delle apparecchiature necessarie alle fasi di sperimentazione e verranno condotti i test sul sistema prototipale finale, ai fini della verifica delle specifiche utente e funzionali; Un altro obiettivo del WP è di ottenere la validazione del sistema e di valutare il gap da colmare per produrre successivamente uno o più applicativi commerciali che sfruttino le conoscenze acquisite. La valutazione della validità del prototipo verrà condotta tenendo conto degli standard di benchmarking, pur considerando che l applicazione è solo prototipale. Task 4.1 SP Allestimento tecnologico del laboratorio di sviluppo Task 4.2 SP Realizzazione dei moduli che compongono il sistema. Sviluppo con logica incrementale e migliorativa dei moduli software, dei sistemi di gestione dati e dei servizi Task 4.3 SP Redazione del piano dei test del prototipo. Task 4.4 SP Integrazione tra sottosistemi sw. Task 4.5 SP Realizzazione dei test di integrazione in laboratorio con logica migliorativa incrementale, Task 4.6 SP Realizzazione delle procedure di gestione del sistema Task 4.7 SP Realizzazione del prototipo del sistema, messa a punto del prototipo del sistema presso i siti di sperimentazione. Task 4.8 SP Il test del sistema verrà effettuato

20 20 sulla base di un protocollo, sviluppato nella fase precedente della ricerca, che si fonda su una serie di misure statistiche da applicare alle stime di somiglianza calcolate dal sistema biometrico. La fase di assessment sarà anche effettuata tramite il confronto con un sistema di riconoscimento biometrico standard (eventualmente un sistema commerciale). Task 4.9 SP Collaudo e validazione del prototipo WP5: L attività mira ad effettuare una raccolta dei dati rilevati dall attività di sperimentazione, che integrati con quelli provenienti dallo sviluppo del prototipo, costituiranno l input per la realizzazione di un business plan. Inoltre per pubblicizzare al meglio l avvio della iniziativa di industrializzazione, che presumibilmente seguirà immediatamente dopo la fine del progetto, verranno avviate azioni di divulgazione sia tramite il web, sia attraverso l organizzazione di eventi pubblici (workshop). In sintesi la eterogeneità dei dati raccolti (quelli tecnici dalle fasi di sviluppo, quelli di performance dalla fase di sperimentazione e quelli di interesse, dagli eventi di pubblicizzazione) costituiranno un ulteriore elemento di valutazione per avviare la strutturazione del piano di business. Task 5.1 SP Raccolta dei risultati della sperimentazione. Task 5.2 SP Elaborazioni dei risultati e valutazione delle prestazioni del sistema. Task 5.3 SP Divulgazione dei risultati attraverso documenti e workshop. Task 5.4 SP Definizione di un piano di business

21 21 7. ELENCO WORKPACKAGES E RELATIVI TASK (TABELLA) WP1 WP/Task Task 1.1 Descrizione Il WP1 raccoglie le attività digestione e valutazione in itinere del progetto. In esso sono incluse le attività organizzative, di allocazione delle risorse, di gestione del sistema di qualità, di misura delle prestazioni del progetto. In esso sono incluse l organizzazione di incontri periodici (circa 1 mese), la preparazione e la gestione dei rapporti di avanzamento lavori e controllo dei costi. Si identificheranno gli strumenti migliori per la collaborazione fra i partner. Inoltre verranno monitorati i processi, verificando il raggiungimento dei task di ogni altro WP e il rispetto dei tempi. Task 1.1 RI Start attività - Kick off meeting: Questa attività determina l inizio ufficiale del progetto e consiste nella presentazione pubblica degli obiettivi e nella organizzazione iniziale dei lavori. Durante questo task viene definito e presentato il Piano di Progetto. Durante questa attività viene realizzato il sistema documentale e viene allestito il portale web per il progetto. Task 1.2 RI Redazione e gestione del piano di Quality Assurance(QA): Quest attività inizia con la produzione di un documento che descrive la metodologia e le modalità con cui saranno assicurati gli standard procedurali e prestazionali prefissati dai SGQ dei partecipanti al progetto; essa si estende poi per tutta la durata del progetto al fine di sorvegliare il rispetto del documento prodotto. Task 1.3 RI Gestione progetto e valutazione periodica dei risultati: Questa attività, che si estende per tutta la durata del progetto, contiene tutte le attività di natura organizzativa ed amministrativa tese ad assicurare il corretto andamento del progetto, secondo i tempi definiti nel presente documento. Essa di fatto rappresenta l azione di controllo del progetto e serve ad avviare eventuali azioni correttive o di miglioramento alle attività, nonché un eventuale azione di riallocazione delle risorse. In questa attività è compresa la pubblicazione dei risultati significativi che si deciderà di divulgare al fine di pubblicizzare l iniziativa progettuale Task 1.4 SP Report finale di progetto e chiusura delle attività: Questa attività, localizzata alla fine del progetto, è indirizzata alla produzione di un documento finale che descrive il progetto nel suo complesso, mostra i risultati raggiunti e fornisce un indice ragionato di lettura per tutti i documenti ed i deliverable prodotti in itinere doc WP01.DOC.D01 Piano di progetto sw WP01.SW.D01 Allestimento del sistema documentale sw WP01.SW.D02 Allestimento del portale web del progetto

22 22 Task 1.2 Task 1.3 Task 1.4 WP2 Task 2.1 Task 2.2 Task doc WP01.DOC.D02 Sistema Gestione Qualità e Standard di Progetto doc WP01.DOC.D03 SAL e Valutazione in itinere doc WP01.DOC.D04 Relazione finale Analisi dello stato dell arte e delle problematiche. Durante questo wp verranno realizzate le attività di indagine e di studio tipiche di un osservatorio tecnologico. Le attività saranno indirizzate verso un approfondimento sullo stato dell arte e sul livello di innovatività delle soluzioni esistenti. Si selezionano quelle che faranno da riferimento per il prototipo; si verificano le funzionalità dei prodotti commerciali e si determinano le specifiche per l interfacciamento e per la realizzazione dei moduli; si definisce l architettura di base in dettaglio. Vengono individuate le criticità da verificare. Inoltre si effettua una raccolta ragionata e formalizzata dei requisiti riscontrabili nel dominio applicativo, individuato per il progetto. Le esigenze industriali saranno quindi riferibili alla specifica tematica tecnologica, di cui l obiettivo realizzativo è parte integrante. Questa fase verrà eseguita mediante il supporto di una attività di auditing, da svolgere presso le Organizzazioni, eventualmente raggruppate per filiere, che saranno poi successivamente coinvolte nelle fasi di sperimentazione. Task 2.1 RI Osservatorio del contesto di merc to nel quale si dovranno collocare gli output prodotti dal progetto. Esso sarà caratterizzato dall analisi delle esigenze di mercato e dei COTS. Task 2.2 RI Individuazione dei nuovi algoritmi per il matching di impronte digitali, di volti, dell impronta vocale, e di tutte le tecniche di riconoscimento. Task 2.3 RI Studio comparativo delle tecniche di riconoscimento mediante un confronto delle prestazioni degli algoritmi e delle tecniche di riconoscimento ritenute più interessanti. Task 2.4 RI Studio della fusione multi-algoritmica e multi-modale e dei problemi di integrazione tra le varie tecnologie di riconoscimento. 2.5 RI Redazione del documento: Tecnologie: Stato dell arte doc WP02.DOC.D01 Analisi del contesto di mercato doc WP02.DOC.D02 Report con i risultati delle problematiche tecnologiche riscontrate per il dominio doc WP02.DOC.D03 Report sui nuovi algoritmi per il matching di impronte digitali, di volti, dell impronta vocale, ed altre tecniche di riconoscimento doc WP02.DOC.D04 Report con i risultati dello studio comparativo delle tecniche di riconoscimento mediante un confronto delle prestazioni degli algoritmi e delle tecniche di riconoscimento ritenute più interessanti.

23 23 Task 2.4 Task 2.5 WP3 Task 3.5 WP doc WP02.DOC.D05 Report con i risultati dello studio della fusione multi-algoritmica e multi-modale e dei problemi di integrazione tra le varie tecnologie di riconoscimento doc WP02.DOC.D06 Documento: Tecnologie: Stato dell arte doc WP02.DOC.D07 Redazione del documento: Mercato: Stato dell arte e potenzialità di business Analisi dei modelli di sistema e progettazione del prototipo Durante questa fase verranno analizzate le modalità di funzionamento ed applicazione ed i limiti dei metodi di integrazione e fusione. Verrà realizzato lo studio e progettazione degli algoritmi che costituiranno la parte elaborativa del prototipo e delle strutture dei dati necessari. Task 3.1 RI Analisi dei requisiti del sistema e dei servizi. Task 3.2 RI Analisi e scelta delle tecnologie più efficaci e degli algoritmi più efficaci ai fini del riconoscimento e per la realizzazione dell architettura del sistema. Task 3.3 RI Progettazione del sistema. Task 3.4 RI Progettazione del database multimodale. Task 3.5 RI Definizione delle specifiche funzionali, tecniche ed architetturali del prototipo. Redazione dei diagrammi di dettaglio. Definizione delle fasi di test per la messa a punto del modello di sistema doc WP03.DOC.D01 Documento di specifica tecnico-architetturale del sistema doc WP03.DOC.D02 Diagrammi di dettaglio dell architettura e delle componenti del sistema doc WP03.DOC.D03 Documento di specifica tecnico-architetturale del data base multimodale doc WP03.DOC.D04 Piano dei test funzionali Realizzazione e testing del prototipo In tale fase viene realizzato il prototipo del sistema, con l obiettivo di validare l insieme di funzionalità da realizzare e le interfacce utente. Durante questa fase viene effettuata una verifica dello sforzo necessario all industrializzazione del prototipo. Si provvederà all installazione delle apparecchiature necessarie alle fasi di sperimentazione e verranno condotti i test sul sistema prototipale finale, ai fini della verifica delle specifiche utente e funzionali; Un altro obiettivo del WP è di ottenere la validazione del sistema e di valutare il gap da colmare per produrre successivamente uno o più applicativi commerciali che sfruttino le conoscenze acquisite. La valutazione della validità del prototipo verrà condotta tenendo conto degli standard di benchmarking, pur considerando che l applicazione è solo prototipale. Task 4.1 SP Allestimento tecnologico del laboratorio di sviluppo Task 4.2 SP Realizzazione dei moduli che compongono il sistema. Sviluppo con logica incrementale e migliorativa dei moduli software, dei sistemi di gestione dati e dei servizi Task 4.3 SP Redazione del piano dei test del prototipo. Task 4.4 SP Integrazione tra sottosistemi sw Task 4.5 SP

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Guida alla compilazione

Guida alla compilazione Guida alla compilazione 1 Guida alla compilazione... 1 PARTE I REGISTRAZIONE ORGANIZZAZIONE... 5 LA PRIMA REGISTRAZIONE... 5 ACCESSO AREA RISERVATA (LOGIN)...11 ANAGRAFICA ORGANIZZAZIONE...12 ANAGRAFICA

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Il software per la gestione smart del Call Center

Il software per la gestione smart del Call Center Connecting Business with Technology Solutions. Il software per la gestione smart del Call Center Center Group srl 1 Comunica : per la gestione intelligente del tuo call center Comunica è una web application

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona PRINCIPI PROJECT MANAGEMENT PRINCIPI DI PROJECT MANAGEMENT Elisabetta Simeoni 1), Giovanni Serpelloni 2) 1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Figura 1 - Schermata principale di Login

Figura 1 - Schermata principale di Login MONITOR ON LINE Infracom Italia ha realizzato uno strumento a disposizione dei Clienti che permette a questi di avere sotto controllo in maniera semplice e veloce tutti i dati relativi alla spesa del traffico

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione Bando Fondazione Cariplo Promuovere la Formazione di Capitale Umano di Eccellenza 2012-2014 soggetti coinvolti Libera Università di

Dettagli

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY THE FUTURE IS CLOSER Il primo motore di tutte le nostre attività è la piena consapevolezza che il colore è

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult Terminologia Ci sono alcuni termini che, a vario titolo, hanno a che fare col tema dell intervento KM ECM BPM E20 Enterprise

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero

Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero 1 Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero sistema e sui servizi a disposizione sia in qualità

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Monitoraggio dei processi formativi. Genova, 2 dicembre 2011

Monitoraggio dei processi formativi. Genova, 2 dicembre 2011 Monitoraggio dei processi formativi Genova, 2 dicembre 2011 Premessa: un patto!!! Nel Protocollo d Intesa le organizzazioni formative garantiscono un progressivo miglioramento e innalzamento della qualità

Dettagli

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati.

2013 Skebby. Tutti i diritti riservati. Disclaimer: "# $%&'(&)'%# *("# +,(-(&'(# *%$).(&'%#,/++,(-(&'/# 0"#.(1"0%# *(""20&3%,./40%&(# /# &%-',/# disposizione. Abbiamo fatto del nostro meglio per assicurare accuratezza e correttezza delle informazioni

Dettagli

APPRENDERE DAI MIGLIORI

APPRENDERE DAI MIGLIORI APPRENDERE DAI MIGLIORI QUADERNI MANAGERIALI 2008 - NO. 2 Apprendere dai migliori QUADERNI MANAGERIALI 2008 - NO. 2 Indice AVETE PROGETTI PER IL FUTURO? BANDI 2007 Capitolo I pag. 6 Capitolo II pag.10

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate 6.1 Metodi per lo sviluppo di nuovi prodotti (MSNP) Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate Questo capitolo presenta alcune metodologie per gestire al meglio

Dettagli

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Gestisci. Organizza. Risparmia. Una lunga storia, uno sguardo sempre rivolto al futuro. InfoSvil è una società nata nel gennaio 1994 come

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

un occhio al passato per il tuo business futuro

un occhio al passato per il tuo business futuro 2 3 5 7 11 13 17 19 23 29 31 37 41 43 47 53 59 61 un occhio al passato per il tuo business futuro BUSINESS DISCOVERY Processi ed analisi per aziende virtuose Che cos è La Business Discovery è un insieme

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità Zucchetti Software Giuridico srl - Viale della Scienza 9/11 36100 Vicenza tel 0444 346211 info@fallco.it

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1 Tipo di documento: Progetto - Commissione Didattica 27 giugno 2011 Pag. 1 di 9 Premessa Il progetto nasce con l obiettivo di: a) informatizzare il processo di presentazione della domanda di laurea in analogia

Dettagli

DigitPA LINEE GUIDA. Centro di competenza del riuso. DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 140

DigitPA LINEE GUIDA. Centro di competenza del riuso. DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 140 LINEE GUIDA PER L INSERIMENTO ED IL RIUSO DI PROGRAMMI INFORMATICI O PARTI DI ESSI PUBBLICATI NELLA BANCA DATI DEI PROGRAMMI INFORMATICI RIUTILIZZABILI DI DIGITPA DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci

L Autovalutazione L Autovalutazione con il con il Modello CAF Massimo Tronci L Autovalutazione con il Modello CAF Questa presentazione L autovalutazione e il miglioramento Il processo di autovalutazione La scelta dell approccio all autovalutazione Alcuni approfondimenti sull autovalutazione

Dettagli

GoBus: Progettazione e Sviluppo di un App a Supporto della Mobilità

GoBus: Progettazione e Sviluppo di un App a Supporto della Mobilità GoBus: Progettazione e Sviluppo di un App a Supporto della Mobilità Gemma Catolino, Elisa D Eugenio, Davide De Chiara, Alessandro Longo Dipartimento di Studi e Ricerche Aziendali - Management & Information

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DI UN PREMESSO CHE: nell ambito delle rispettive competenze, hanno promosso la costituzione

PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DI UN PREMESSO CHE: nell ambito delle rispettive competenze, hanno promosso la costituzione PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DI UN OSSERVATORIO REGIONALE DEI PREZZI DEL MERCATO IMMOBILIARE E DEI COSTI DI MANUTENZIONE RISTRUTTURAZIONE E RESTAURO DELLE OPERE EDILI PREMESSO CHE: - La Camera

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

INTELLIGENT TRANSPORT SYSTEMS IN SOUTH EAST EUROPE

INTELLIGENT TRANSPORT SYSTEMS IN SOUTH EAST EUROPE Progetto SEE-ITS in breve SEE-ITS è un progetto transnazionale che mira a stimolare la cooperazione, l'armonizzazione e l'interoperabilità tra Sistemi di Trasporto Intelligenti (ITS) nel Sud-Est Europa.

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli