COMUNE DI CAPOLIVERI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI CAPOLIVERI"

Transcript

1 COMUNE DI CAPOLIVERI PROVINCIA DI LIVORNO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A Comunicata ai Capigruppo Consiliari il 28/01/2011Nr. Prot. APPROVAZIONE SCHEMA DI CONVENZIONE ACCREDITAMENTO SUAP (SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE) DEI COMUNI CON LA REGIONE TOSCANA AI SENSI DEL DPR 160 DEL 7 SETTEMBRE 2010 Nr. Progr. Data 7 20/01/2011 Seduta NR. 1 L'anno DUEMILAUNDICI questo giorno VENTI del mese di GENNAIO alle ore 15:00 convocata con le prescritte modalità, Solita sala delle Adunanze si è riunita la Giunta Comunale. Fatto l'appello nominale risultano: Cognome e Nome BARBETTI RUGGERO GELSI ANDREA CARDELLI LEONARDO DELLA LUCIA CLAUDIO GALEROTTI MARCELLO RIDI CARLO ALBERTO TALLINUCCI LIDO Carica SINDACO VICESINDACO ASSESSORE ASSESSORE ASSESSORE ASSESSORE ASSESSORE Presente S S S N S S S TOTALE Presenti: 6 TOTALE Assenti: 1 Assenti Giustificati i signori: DELLA LUCIA CLAUDIO Assenti Non Giustificati i signori: Nessun convocato risulta assente ingiustificato Partecipa il SEGRETARIO COMUNALE, DOTT.SSA ROSSI ANTONELLA. In qualità di SINDACO, il DOTT. BARBETTI RUGGERO assume la presidenza e, constatata la legalità della adunanza, dichiara aperta la seduta invitando la Giunta a deliberare sugli oggetti iscritti all'ordine del giorno.

2 Oggetto : Adesione al sistema regionale dei SUAP Determinazioni LA GIUNTA COMUNALE Visto il D.Lgs. 7 marzo 2005 Codice dell'amministrazione Digitale ed, in particolare, il capo VI sullo sviluppo, acquisizione e riuso dei sistemi informatici nelle pubbliche amministrazioni; Vista la Legge Regionale 26 gennaio 2004 n. 1 Promozione dell'amministrazione elettronica e della società dell'informazione e della conoscenza nel sistema regionale. Disciplina della Rete telematica regionale toscana, tra i cui principi e criteri guida l'art. 4, comma 1 lett. i) indica alla Regione di conformarsi a favorire la possibilità di riuso; Vista la delibera del consiglio Regionale n. 20/2003 con la quale sono stati fissati gli obiettivi e le linee di azione di E-Toscana, così come prorogata con la delibera del Consiglio Regionale n. 40/2005; Vista la Delibera n del 27 dicembre 2005, che, in materia di E-Toscana, ha individuato le linee di sviluppo in tema di riuso e di analisi e sperimentazione sulle nuove tecnologie; Visto il Decreto n del 15 marzo 2006 con il quale sono state dettate le istruzioni per le modalità del riuso di applicazioni e prodotti di amministrazione digitale e per la costituzione del Catalogo Regionale del Riuso; Visto il decreto del Presidente della Giunta Regionale n. 172 del 7 novembre 2006, avente per oggetto l'approvazione dell'accordo di programma Innovazione e semplificazione della PA - Diffusione e riuso dei progetti per lo sviluppo della Società dell'informazione in Toscana ; Visto l'avviso del CNIPA pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 30 del 06 febbraio 2007, avente per oggetto la realizzazione dei progetti di riuso Vista la Legge regionale 23 luglio 2009 n. 40 Legge di semplificazione e riordino normativo 2009, in particolare per quanto riguarda le misure l'utilizzo delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione nello svolgimento dei procedimenti di competenza degli sportelli unici per le attività produttive (SUAP) di cui la capo III; Visto il DPR n. 160/2010 (Regolamento per la semplificazione ed il riordino della disciplina sullo Sportello Unico per le Attività Produttive, ai sensi dell'art. 38, comma 3, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133) che ha riformato la disciplina dello Sportello Unico per le Attività Produttive (in sigla SUAP), individuandolo quale unico soggetto pubblico di riferimento territoriale, per tutti i procedimenti che abbiano ad oggetto l'esercizio di attività produttive e di prestazione di servizi, e quelli relativi alle azioni di localizzazione, realizzazione, trasformazione, ristrutturazione o riconversione, ampliamento o trasferimento, nonché cessazione o riattivazione delle suddette attività; Dato atto che lo Sportello Unico è tenuto ad assicurare al richiedente una risposta telematica unica e tempestiva, in luogo degli altri uffici comunali e di tutte le amministrazioni pubbliche comunque coinvolte nel procedimento; Dato atto, altresì, che entro il 28/01/2011, il Comune è tenuto ad attestare, l istituzione del Suap ed il possesso dei requisiti organizzativi ed informatici secondo le modalità indicate dall'art. 4, comma 2, dell'allegato tecnico al DPR 160/2010 e precisamente la possibilità di funzionamento attraverso apposite misure telematiche in modo da assicurare il collegamento tra le procedure che servono per costituire un'impresa di cui alla comunicazione unica disciplinata dall' art. 9 del D.L. n. 7/2007, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 40/2007; Rilevato ancora: Che al SUAP sono attribuite, salva diversa determinazione dei Comuni interessati, e ferma restando l'unicità del canale di comunicazione telematico con le imprese, anche le competenze dello sportello unico per l' edilizia produttiva; ( art. 4, c. 6, DPR 160) Che i Comuni possono esercitare le funzioni inerenti al SUAP, in forma singola o associata tra loro, oppure in convenzione con le camere di commercio; (art. 4, c. 5, DPR 160/2010) Che nel caso in cui, alla data del 29/03/2011, il Comune non abbia istituito il SUAP, o questo non abbia i requisiti di funzionalità sopra indicati, l'esercizio delle relative funzioni vengono delegate, anche in assenza di provvedimenti espressi, alla Camera di Commercio territorialmente competente;

3 - Che si è interrotta la coordinazione attribuita alla ex Comunità Montana dell Elba e Capraia per la Gestione Associata Sportello Unico Attività Produttive per tutti i Comuni dell Elba ; - Che con deliberazione di consiglio Comunale n. 72 del 12/10/2005 è stato istituito lo sportello unico per l edilizia ai sensi del DPR 6 giugno n. 380 e approvato il regolamento attuativo; - Che vi è la necessità di rendere operativo lo Sportello Unico per le Attività Produttive - SUAP, per le finalità di cui all'art. 2 del DPR 160/2010, che richiama espressamente quelle di cui all'art. 38, comma 3, del D.L. n. 112/2008, convertito dalla Legge n. 133/2008; Considerato: Che per assicurare al SUAP la funzionalità prevista dall'art. 4 del DPR n. 160/2010, entro il termine dallo stesso previsto e sopra precisato, si reputa opportuno aderire alla rete regionale dei SUAP ed utilizzare tecnologie telematiche in atto e già collaudate da altri Comuni; - Visto il decreto del Presidente della Giunta Regionale n. 764 del 22 Febbraio 2010, avente per oggetto la Ripartizione del cofinanziamento CNIPA e approvazione dello schema di convenzione che verrà sottoscritto con gli Enti coordinatori degli interventi e gli Enti riusatori ; - Considerato che è sempre possibile manifestare l'adesione ai progetti di riuso, in applicazione del predetto Accordo di Programma; Che nel catalogo regionale del riuso figura il Progetto AIDA Applicazioni interoperabili per la digitazione dell Amministrazione - con le seguenti caratteristiche: implementa, mantiene ed alimenta l'interfaccia del sistema informativo verso la Rete Regionale dei SUAP, garantendone l'adeguamento alle interfacce operative; risponde agli standard e alle specifiche tecniche e qualitative individuate come E.Toscana Compliance ; Che la Comunità Montana dell Arcipelago Toscano aveva aderito al suddetto progetto per conto degli otto Comuni Elbani e per i Comuni di Capraia e Giglio; Ravvisata l'opportunità di riconfermare l adesione a detto programma di riuso, mediante la sottoscrizione della convenzione allegata alla presente deliberazione sotto la lettera A, composta dallo schema di convenzione e n. 5 allegati ; Preso atto che il Soggetto Coordinatore del Progetto AIDA, è il comune di Livorno ; Ritenuto, di aderire al Sistema Regionale dei SUAP e rendere operativo il SUAP di questo comune aderendo al progetto AIDA ; Che il progetto AIDA, che rappresenta una soluzione tecnologica per la gestione del SUAP, necessita dell attivazione, del coordinamento con il SUAP del Comune di Livorno, la personalizzazione dei dati ai Regolamenti Comunali nonché di formazione al personale attribuito a tale servizio ; Che si ha la necessità di usufruire di un software di back office per la gestione delle pratiche cartacee e telematiche che perverranno all ente e pertanto il software VBG messo a disposizione a riuso da parte del Consorzio SIR Umbria rappresenta una soluzione tecnologicamente valida e già peraltro collegata al progetto AIDA in altri territori;; Che per tale utilizzo è necessario procedere alla richiesta di autorizzazione al riuso al Consorzio SIR Umbria, approvandone il disciplinare allegato alla presente sottola lettera B ; Visto il parere favorevole del Responsabile del Servizio espresso ai sensi dell art. 49 del TUEL; A voti unanimi legalmente espressi dagli aventi diritto; Per quanto espresso in premessa: 1) Di aderire al sistema regionale dei SUAP; DELIBERA 2) Di rendere operativo lo Sportello Unico per le Attività Produttive, istituito nell ambito dell area Turismo, Attività produttive, Sport spettacoli e cultura, scuola e Istruzione, decoro del centro abitato, secondo quanto disposto dal DPR n. 160 del 07/09/2010;

4 3) Di confermare l adesione al Progetto denominato AIDA, inserito nel catalogo regionale del riuso, dando atto che il riuso non comporta oneri finanziari a carico degli enti aderenti, approvando lo schema di convenzione composto da cinque allegati ( allegato A ) ; 4) di procedere richiesta di autorizzazione al riuso al Consorzio SIR Umbria, approvando il disciplinare allegato alla presente sottola lettera B, necessario alla gestione dei dati all interno del sistema operativo denominato AIDA ; 5) Di non attribuire al SUAP le competenze dello sportello unico per l edilizia produttiva di cui alla deliberazione di C.C. n. 72 del 12/10/2005; 6) Di demandare al Responsabile del Servizio gli atti gestionali necessari per l operatività dello Sportello Unico per le Attività Produttive: a) la sottoscrizione della convenzione per la conferma dell adesione al progetto denominato AIDA ; b) la sottoscrizione del disciplinare con il Consorzio SIR Umbria, per la richiesta i autorizzazione al riuso del Software VBG ; c) la formalizzazione di tutti gli atti, necessari per implementare tale progetto con l attivazione, del coordinamento al SUAP del Comune di Livorno, la personalizzazione dei dati ai Regolamenti Comunali nonché di formazione al personale attribuito a tale servizio per la gestione del sistema operativo denominato AIDA e del Software VBG, essenziali per dare avvio all ufficio; 7) Di demandare al Responsabile del Servizio di predisporre apposito Capitolo per le spese relative alla gestione del SUAP ; 8) Di demandare al Responsabile del Servizio di predisporre ogni atto necessario per il coordinamento dei programmi informatici comunali ai supporti informatici relativi alla gestione del SUAP ; 9) di trasmettere la presente deliberazione al Comune di Livorno, in quanto soggetto Coordinatore del progetto ed alla Regione Toscana; DELIBERA ALTRESI' Con voti parimenti unanimi e favorevoli, di dichiarare il presente atto, stante l'urgenza, immediatamente eseguibile ai sensi dell'art. 134, comma 4, del D.Lgs. 267/2000;

5 COMUNE DI CAPOLIVERI PROVINCIA DI LIVORNO DELIBERA DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 7 Del 20/01/2011 OGGETTO APPROVAZIONE SCHEMA DI CONVENZIONE ACCREDITAMENTO SUAP (SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE) DEI COMUNI CON LA REGIONE TOSCANA AI SENSI DEL DPR 160 DEL 7 SETTEMBRE 2010 PARERI DI CUI ALL' ART. 49 DEL D.Lgs N. 267 (T.U.E.L.) IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO INTERESSATO Per quanto concerne la REGOLARITA' TECNICA esprime parere : FAVOREVOLE Data 17/01/2011 L'ISTRUTTORE DIRETTIVO F.TO RIDI GIANCARLO Per quanto concerne la REGOLARITA' CONTABILE esprime parere : IL RESPONSABILE DI RAGIONERIA Data PROPOSTA N. 4 SEDUTA DEL 20/01/2011

6 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE NR. 7 DEL 20/01/2011 Letto, approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE F.to DOTT. BARBETTI RUGGERO Il Segretario Comunale F.to DOTT.SSA ROSSI ANTONELLA Attesto che la presente deliberazione verrà pubblicata all'albo comunale il 28/01/2011 e vi rimarrà per 15 giorni consecutivi. Data 28/01/2011 IL SEGRETARIO COMUNALE F.to DOTT.SSA ROSSI ANTONELLA Attesto che la presente deliberazione è conforme all'originale. Data 31/01/2011 IL SEGRETARIO COMUNALE DOTT.SSA ROSSI ANTONELLA La presente deliberazione è divenuta esecutiva ai sensi del D.LGS. n 267/2000 art. 134, il giorno dichiarata immediatamente eseguibile (Art. 134, comma 4, D.LGS. 267/2000) sono decorsi 10 giorni dalla pubblicazione (Art. 134, comma 3, D.LGS. 267/2000) Data IL SEGRETARIO COMUNALE F.to DOTT.SSA ROSSI ANTONELLA

7 Convenzione fra Regione Toscana, Comune di, coordinatore del Progetto di Riuso., ed i comuni riusatori di cui all Allegato 1 della presente convenzione, per la realizzazione del Progetto di riuso., contenuto in E-Toscana Riuso, ammesso a cofinanziamento da parte del CNIPA nell'ambito dell'avviso CNIPA avente per oggetto la realizzazione dei progetti di riuso, pubblicato sulla G.U. n. 30 del 6 febbraio * * * * * L'anno duemiladieci, addì... del mese di..., nella sede della Regione Toscana, fra la Regione Toscana, con sede in Firenze, Via Cavour n Firenze, codice fiscale, di seguito per brevità denominata Regione, rappresentata dall ing Laura Castellani la quale, nella sua qualità di dirigente del Settore Infrastrutture e Tecnologie per lo Sviluppo dell Amministrazione Elettronica competente per materia, nominata con decreto n.5823 del 28/10/2005 é autorizzata ad impegnare legalmente l'ente medesimo per il presente atto, il cui schema è stato approvato con proprio decreto n... del, esecutiva a norma

8 di legge; E l'ente..., di seguito per brevità denominato "Ente coordinatore/cedente del progetto..", con sede in..., via..., codice fiscale..., rappresentato da..., nato a... il..., che, nella sua qualità di..., può impegnare legalmente e formalmente l'ente che rappresenta, E gli enti riusatori, elencati nell'allegato 1 1 che fa parte integrante e sostanziale del presente atto PREMESSO CHE - Agli effetti della presente convenzione si utilizzano le definizioni di seguito elencate: Ente Coordinatore del progetto e-toscana Riuso: la Regione Toscana, in qualità di soggetto che, sulla base delle decisioni assunte in ambito di RTRT, ha presentato il progetto e-toscana Riuso e segue i rapporti con il CNIPA nel nome e per conto dell'ente cedente-coordinatore e degli enti riusatori della soluzione nome della soluzione, 2

9 con conseguente assunzione di tutti gli impegni derivanti dalla stipula del IV atto integrativo dell'apq in materia di Società dell'informazione con il CNIPA e della titolarità del cofinanziamento statale. Ente cedente-coordinatore: l ente che ha messo a riuso la soluzione nome della soluzione e svolge un ruolo di coordinamento nel riuso della stessa secondo quanto previsto dall'accordo di Programma Innovazione e semplificazione nella PA. Diffusione e riuso dei progetti per lo sviluppo della società dell informazione in Toscana di cui al Decreto del Presidente della Giunta Regionale n.172 del 7/11/2006 e alla Delibera della Giunta Regionale n.981 del 27/12/2006. Ente riusatore: l ente che ha aderito al riuso della soluzione nome della soluzione con la sottoscrizione dell'accordo di Programma Innovazione e semplificazione nella PA. Diffusione e riuso dei progetti per lo sviluppo della società dell informazione in Toscana in data 28/06/2006. Nuovo ente riusatore: l'ente che ha presentato la richiesta di partecipare al progetto di riuso successivamente alla firma dell'accordo di Programma Innovazione e semplificazione nella PA, 3

10 Diffusione e riuso dei progetti per lo sviluppo della società dell informazione in Toscana; E-Toscana Compliance: l interoperabilità dei prodotti/soluzioni con l infrastruttura CART e l adeguamento agli RFC del dominio applicativo di riferimento; il mantenimento nel tempo della compliance a fronte di nuovi RFC o di variazioni tecnologiche anche delle soluzioni. L utilizzo dell infrastruttura di RTRT e del CART anche per l interoperabilità con i sistemi del livello centrale (agenzie o strutture nazionali, ecc), tenendo conto del fatto che RTRT è articolazione regionale toscana di SPC Sistema Pubblico di Connettività, come da protocollo di intesa stipulato da RT/CNIPA nel 2008, DGR 497/2008. L utilizzo per le soluzioni dell infrastruttura ARPA per l autenticazione, l autorizzazione e l accesso ai servizi da parte degli utenti. PREMESSO CHE - il Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione, di seguito per brevità nominato come CNIPA, ha pubblicato sulla G.U. n. 30 del 6 febbraio 2007 l Avviso avente per oggetto la realizzazione dei progetti di riuso ; - la Regione Toscana e gli enti del territorio toscano hanno firmato, in data 28 giugno 2006, 4

11 l Accordo di Programma Innovazione e semplificazione nella PA. Diffusione e riuso dei progetti per lo sviluppo della società dell informazione in Toscana, reso esecutivo dal Decreto del Presidente della Giunta Regionale n. 172 del 7/11/2006 e dalla Delibera della Giunta Regionale n.981 del 27/12/2006, che prevede, all Art. 1 comma 3, che gli enti firmatari dell Accordo partecipino in forma congiunta e aggregata, in relazione ai singoli progetti di riuso di soluzioni di e-government, all avviso CNIPA annunciato in un primo momento per la data del 11/03/2006 e poi posticipato al febbraio 2007; - il Consiglio Regionale ha approvato con Delibera n. 68 del 11 luglio 2007, il Programma regionale per la promozione e lo sviluppo dell amministrazione elettronica e della società dell'informazione e della conoscenza nel sistema regionale , che riprende all azione 7.11 il tema del riuso delle migliori soluzioni di E-Government, anche per il tramite di quanto previsto nell Accordo di Programma Innovazione e semplificazione nella PA, Diffusione e riuso dei progetti per lo sviluppo della società dell informazione in Toscana, di cui al Decreto 5

12 del Presidente della Giunta Regionale n.172 del 7 novembre 2006; - vari enti della Toscana e la Regione, in qualità di coordinatore dell aggregazione delle amministrazioni proponenti, hanno partecipato in forma congiunta all avviso del CNIPA sopra citato, in forza di quanto previsto nel sopra citato Accordo di programma all Art. 1 comma 3b e sulla base delle decisioni della Rete Telematica Regionale Toscana, presentando un unico progetto denominato E-Toscana Riuso, che raccoglie il riuso di più soluzioni; - a seguito dell'esame da parte della Commissione di Valutazione istituita dal Ministro per l Innovazione e le Tecnologie, il progetto E- Toscana Riuso è stato approvato e, con Decreto del Ministro per la Pubblica Amministrazione e l'innovazione del 7 maggio 2009 e da Delibera del Collegio del CNIPA n.42 del 8 maggio 2009, è stato rimodulato con un costo complessivo di ,00 e con un cofinanziamento concesso di ,00; - Regione Toscana si è impegnata a cofinanziare il progetto di riuso nome della soluzione tramite l'erogazione di finanziamenti di competenza regionale per un importo complessivo 6

13 di. per la realizzazione delle attività previste nel riuso della soluzione ; - Regione Toscana, CNIPA e Ministero dello Sviluppo Economico (MISE) hanno approvato e sottoscritto il IV atto integrativo all'apq in materia di Società dell'informazione in data ; - dato atto che gli enti sottoscrittori della presente convenzione hanno già provveduto ad aderire alla Rete Telematica Regionale Toscana mediante la stipula della convenzione come da schema approvato dalla Delibera Giunta Regionale n.498 del 30/06/2008; - dato atto del disposto della legge regionale n.54/2009, in particolare per quanto riguarda le misure per l'amministrazione digitale di cui al capo II e per le disposizioni per l'accesso ai finanziamenti di cui all'art.42; - dato atto del disposto della legge regionale n.40/2009, in particolare per quanto riguarda le misure l utilizzo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione nello svolgimento dei procedimenti di competenza degli sportelli unici per le attività produttive (SUAP) di 7

14 cui la capo III; - sono allegati alla presente convenzione e ne fanno parte integrante: Elenco enti aderenti (Allegato 1) Progetto esecutivo della soluzione a riuso, come presentato al CNIPA (Allegato 2) Piano economico (Allegato 3) Piano di lavoro dettagliato nella scheda sintetica di azione (Allegato4) Definizione E.Toscana Compliance (Allegato5) TUTTO CIO PREMESSO SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE Art. 1 RECEPIMENTO DELLE PREMESSE 1 - Le premesse di cui sopra e gli allegati formano parte integrante e sostanziale della presente convenzione Art. 2 OGGETTO E OBIETTIVI 1 - La presente convenzione ha per oggetto i rapporti economici e giuridici fra la Regione, l'ente coordinatore/cedente e gli enti riusatori, finalizzati alla partecipazione dei singoli enti di cui all'allegato 1 al progetto di riuso denominato inserito nel progetto e.toscana Riuso. 8

15 La presente convenzione regola i rapporti fra la Regione, l'ente coordinatore/cedente e gli enti riusatori al fine del raggiungimento degli obiettivi di diffusione ed utilizzo del sistema quale strumento di semplificazione e miglioramento dei servizi per cittadini e imprese, nell ambito tematico e dei rapporti con la Pubblica Amministrazione. Art.2 IMPEGNI DELLE PARTI 1. La Regione Toscana si impegna a: a) coordinare lo sviluppo delle attività generali di progetto, nel rispetto di norme, obiettivi, contenuti di svolgimento e condizioni economiche previste nella presente convenzione e indicati negli allegati 2, 3, 4 e 5, tutto ciò nell ambito di RTRT ed al fine di garantire il migliore svolgimento dell attività e la migliore collaborazione tra gli enti partecipanti; b) garantire i rapporti di coordinamento generale e amministrativo con il CNIPA del progetto E-Toscana Riuso. c) rendere disponibili le infrastrutture regionali a supporto delle esigenze di connessione, interoperabilità, cooperazione applicativa e accesso autenticato garantendo la manutenzione delle stesse sulla base di elevati 9

16 livelli di sicurezza e affidabilità come definiti dal sistema Pubblico di Connettività, di cui la Rete Telematica Regionale Toscana costituisce l'articolazione regionale. d) in relazione al co-finanziamento concesso dal CNIPA al progetto E-Toscana Riuso, trasferire agli enti coordinatori/cedenti e agli enti riusatori quota parte del co-finanziamento concesso dal CNIPA nella misura di., secondo la ripartizione indicata nell'allegato 3, per la realizzazione ed il raggiungimento degli obiettivi del progetto di riuso nome della soluzione ; e) verificare le attività svolte dall'ente coordinatore/cedente sulla base degli impegni e degli indicatori indicati nel piano di lavoro di cui all'allegato 4, anche con riferimento alle modalità di cui al successivo art.5; f) Verificare il rispetto degli standard tecnologici e informativi certificati dal processo E-Toscana Compliance nell'ambito di RTRT la cui definizione è riportata in premessa; g) verificare le spese sostenute e dichiarate dall'ente cedente-coordinatore e riusatori in sede di rendicontazione. 2. l Ente coordinatore/cedente si impegna a: 10

17 a) qualora non avessero già proceduto, attivare il protocollo informatico interoperabile, ad aderire alla piattaforma regionale per l'eprocurement (progetto regionale START), ad attivare le azioni necessarie per aderire alla infrastruttura regionale per i pagamenti on line (infrastruttura IRIS), ad adeguarsi al disposto della L.R. 40/2009 in particolare al disposto riguardante i SUAP di cui al Capo III; b) rispettare gli standard definiti dal processo E.Toscana Compliance di cui in premessa nell'attivazione della soluzione riusata; c) assicurare, in accordo con Regione Toscana, il coordinamento del progetto nome della soluzione nei confronti degli enti riusatori e realizzare le attività progettuali a proprio carico (tramite il ricorso a proprie strutture tecnico organizzative e/o ad apporti consulenziali ed operativi esterni) nel rispetto degli obiettivi, dei tempi e delle modalità definite nel piano di lavoro di cui all'allegato 4; d) garantire la razionalizzazione degli 11

18 investimenti e dei cofinanziamenti in modo da ottimizzare e finalizzare le risorse assegnate specificate nell allegato 3 ed in relazione agli obiettivi di risultato/servizio definiti nel piano di lavoro e nel documento di progetto di cui all allegato 2, documentando la spesa complessiva sostenuta per la realizzazione del progetto nome della soluzione ; e) riconoscere e accettare il ruolo di coordinatore del progetto E-Toscana Riuso a Regione Toscana, così come previsto dall'accordo di Programma Innovazione e semplificazione nella PA. Diffusione e riuso dei progetti per lo sviluppo della società dell informazione in Toscana; f) collaborare con Regione Toscana e gli enti riusatori del progetto al fine del raggiungimento degli obiettivi previsti e del rispetto degli impegni specifici di progetto, come da allegato 4; g) provvedere a tutti gli adeguamenti software della soluzione messa a riuso in caso di evoluzione della stessa al fine di mantenere la soluzione conforme agli standard definiti nell'ambito del processo E-Toscana 12

19 Compliance; h) nominare entro 30 giorni dalla sottoscrizione del presente atto un Responsabile di Progetto, con il compito della conduzione del medesimo a cui si estende la competenza di tutte le attività e di tutti i rapporti che saranno necessari per il raggiungimento dei risultati definiti; i) contribuire alla verifica dello stato di avanzamento della realizzazione del progetto secondo modalità e tempi concordati con la Regione nell ambito di uno specifico sistema di monitoraggio che sarà attivato da Regione Toscana, nel rispetto degli impegni assunti con precedenti decreti di finanziamento di cui all'allegato 3, delle disposizioni relative ai programmi di sviluppo della società dell'informazione e della conoscenza contenute nei Decreti Dirigenziali.., delle indicazioni fornite dal CNIPA in relazione ai finanziamenti da esso erogati; 3. l Ente riusatore si impegna a: a) qualora non avessero già proceduto, attivare il protocollo informatico interoperabile, ad aderire alla piattaforma regionale per l'e- 13

20 procurement (progetto regionale START), ad attivare le azioni necessarie per aderire alla infrastruttura regionale per i pagamenti on line (infrastruttura IRIS) ), ad adeguarsi al disposto della L.R. 40/2009 in particolare al disposto riguardante i SUAP di cui al Capo III; b) rispettare gli standard definiti dal processo E.Toscana Compliance di cui in premessa nell'attivazione della soluzione riusata; c) collaborare con Regione Toscana e con l ente coordinatore del progetto al fine del raggiungimento degli obiettivi previsti e del rispetto degli impegni specifici di progetto, come da allegato 4; d) approvare e sottoscrivere il piano di lavoro di cui all'allegato 4 per l'attuazione del progetto di riuso; e) nominare entro 30 giorni dalla sottoscrizione del presente atto un Dirigente o Funzionario (Responsabile di Progetto) con il compito della conduzione del medesimo a cui si estende la competenza di tutte le attività e di tutti i rapporti che saranno necessari per il raggiungimento 14

21 dei risultati definiti; f) contribuire al raggiungimento degli obiettivi indicati nel progetto di riuso e degli indicatori di risultato e di servizio definiti nel piano di lavoro di cui all'allegato 4; g) rispettare gli impegni derivanti dall'attivazione del sistema di monitoraggio regionale dei progetti fornendo le informazioni e i dati richiesti. Art.3 PIANO DI LAVORO 1. Contestualmente alla sottoscrizione della presente convenzione viene firmato apposito Piano di Lavoro nel quale vengono definite nel dettaglio le fasi, i tempi della realizzazione, e gli obiettivi specifici prefissati con indicazione delle azioni di competenza della Regione, dell Ente cedentecoordinatore e degli enti riusatori. Art. 4 MODALITÀ E TEMPI DI EROGAZIONE DEL COFINANZIAMENTO 1. La Regione, tenuto conto dei finanziamenti regionali già erogati all'ente cedente-coordinatore e agli enti riusatori con i Decreti Dirigenziali, così come anche riportato nell'allegato 3, 15

22 corrisponderà all'ente cedente-coordinatore e agli enti riusatori quota del cofinanziamento concesso dal CNIPA e la restante quota dei finanziamenti regionali secondo gli importi indicati nell'allegato 3 previsti per la soluzione ; 2. Le quote di finanziamento proveniente dal CNIPA e da Regione Toscana, fatte salve le riduzioni determinate da inadempienze ed irregolarità che la Regione Toscana potrà rilevare in sede di rendicontazione delle spese e di verifica dell'attività svolta con le modalità di cui al successivo art. 5, saranno erogate con le seguenti modalità: il 50% del cofinanziamento concesso dal CNIPA a seguito della sottoscrizione della convenzione di riuso e alla contestuale verifica dell'accreditamento E-Toscana Compliance della soluzione messa a riuso; il saldo della quota di cofinanziamento regionale, al netto di quanto già erogato, sulla base delle disposizioni contenute nei decreti di riferimento, ad avvenuta verifica del raggiungimento dei parametri indicati nel piano di lavoro e a fronte della presentazione della rendicontazione 16

23 intermedia, verificate l'attivazione dei servizi e l'adesione delle infrastrutture previste all'art. 2, commi 2 e 3, lettera a della presente convenzione; il saldo del 50% del finanziamento concesso dal CNIPA a completamento di tutte le attività previste dal piano di lavoro, alla verifica del raggiungimento di tutti gli obiettivi e degli indicatori di risultato/servizio indicati nel piano di lavoro e alla verifica delle completezza della rendicontazione presentata; 3. Regione Toscana si riserva la facoltà di non procedere al trasferimento all'ente cedente e agli enti riusatori della quota del co-finanziamento del CNIPA destinato al progetto E-Toscana Riuso, qualora il CNIPA non dovesse erogare il co-finanziamento concesso a Regione Toscana. Art. 5 VERIFICA DELLE ATTIVITÀ E DEL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI - Regione Toscana opererà alla verifica delle attività progettuali e del raggiungimento degli obiettivi sulla base dell'analisi dei dati inseriti nel sistema di monitoraggio che la stessa metterà a disposizione e provvederà 17

COMUNE DI CAPOLIVERI

COMUNE DI CAPOLIVERI COMUNE DI CAPOLIVERI PROVINCIA DI LIVORNO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A Comunicata ai Capigruppo Consiliari il 15/09/2011Nr. Prot. 12907 ASSUNZIONE UNITA' DI PERSONALE CAT.B MEDIANTE CHIAMATA

Dettagli

COMUNE DI CAPOLIVERI

COMUNE DI CAPOLIVERI COMUNE DI CAPOLIVERI PROVINCIA DI LIVORNO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A Comunicata ai Capigruppo Consiliari il 30/07/2015Nr. Prot. 11869 SERVIZIO POSTALIZZAZIONE TARI 2015 - IMBUSTAMENTO,

Dettagli

- gli artt. 68, 69 e 70 del Decreto legislativo 07 marzo 2005, n. 82 e ss.mm.ii., recante Codice dell'amministrazione Digitale (CAD);

- gli artt. 68, 69 e 70 del Decreto legislativo 07 marzo 2005, n. 82 e ss.mm.ii., recante Codice dell'amministrazione Digitale (CAD); REGIONE PIEMONTE BU50 11/12/2014 Codice DB2101 D.D. 23 ottobre 2014, n. 242 Approvazione dello schema di Convenzione tra la Regione Piemonte e la Regione Lazio per il riuso del software gestionale della

Dettagli

COMUNE DI GAMBASCA PROV. DI CUNEO V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI GAMBASCA PROV. DI CUNEO V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA COMUNE DI GAMBASCA PROV. DI CUNEO V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E DELLA GIUNTA COMUNALE N. 54 OGGETTO: D.P.R. 7 SETTEMBRE 2010, N. 160 REGOLAMENTO PER LA SEMPLIFICAZIONE ED IL RIORDINO

Dettagli

Avviso per la realizzazione dei progetti di riuso

Avviso per la realizzazione dei progetti di riuso Avviso per la realizzazione dei progetti di riuso IL PRESIDENTE Premesso che: - per progetti cofinanziati dal primo avviso di e-government, si intendono i progetti riportati negli allegati A e B del decreto

Dettagli

COMUNE DI CAPOLIVERI

COMUNE DI CAPOLIVERI COMUNE DI CAPOLIVERI PROVINCIA DI LIVORNO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A Comunicata ai Capigruppo Consiliari il 15/06/2011Nr. Prot. 8473 PIANO TRIENNALE 2011-2013 DI RAZIONALIZZAZIONE DELL'UTILIZZO

Dettagli

COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO VERBALE N. 129 DEL 17.07.2012 COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: ADESIONE AL PROGETTO 'SPORTELLO ON LINE AL CITTADINO'. L anno duemiladodici

Dettagli

Consorzio S.I.R. Umbria (L.r. 31 luglio 1998, n.27)

Consorzio S.I.R. Umbria (L.r. 31 luglio 1998, n.27) CONVENZIONE TRA LA REGIONE DELL UMBRIA, LE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI DI PERUGIA E TERNI, I COMUNI DELL UMBRIA LE COMUNITÀ MONTANE DELL UMBRIA PREMESSO CHE: - La legge regionale 31 luglio 1998, n. 27

Dettagli

La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA

La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA Deliberazione della GIUNTA COMUNALE n 191 Seduta del 08/10/2012 All. 3 OGGETTO:

Dettagli

C O M U N E DI S E L L A N O (Provincia di Perugia)

C O M U N E DI S E L L A N O (Provincia di Perugia) C O M U N E DI S E L L A N O (Provincia di Perugia) COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 108 del 23-10-2014 COPIA Oggetto: APPROVAZIONE MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO L anno

Dettagli

CENTRO NAZIONALE PER L INFORMATICA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

CENTRO NAZIONALE PER L INFORMATICA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE CENTRO NAZIONALE PER L INFORMATICA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Avviso per la selezione di progetti di e-learning (Pubblicato in G.U. n. 160 del 12-7-2005 p. 58) - Visto il decreto legislativo 12 febbraio

Dettagli

CONVENZIONE. Progetto per la semplificazione amministrativa. ComUnica la tua attività commerciale COMUNE DI

CONVENZIONE. Progetto per la semplificazione amministrativa. ComUnica la tua attività commerciale COMUNE DI Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura Lecce COMUNE DI Progetto per la semplificazione amministrativa C O N V E N Z I O N E T R A - la Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

Le normative relative all avvio, trasformazione, trasferimento, gestione e cessazione dell attività d impresa sono state recentemente modificate.

Le normative relative all avvio, trasformazione, trasferimento, gestione e cessazione dell attività d impresa sono state recentemente modificate. Cos'è lo Sportello Unico Attività Produttive Lo Sportello Unico per le Attività Produttive, già nella sua definizione data dal D.P.R. n. 447/1998, ha per oggetto la localizzazione degli impianti produttivi

Dettagli

COMUNE di. L anno 2012, il giorno. del mese di.. in, presso.. alle ore. tra

COMUNE di. L anno 2012, il giorno. del mese di.. in, presso.. alle ore. tra Allegato A alla delibera avente per oggetto: Piano nazionale di edilizia abitativa. D.P.C.M. 16 luglio 2009. Accordo di Programma tra il Ministero delle Infrastrutture e i Trasporti e la Regione Piemonte

Dettagli

COMUNE DI FORMIGARA Provincia di Cremona

COMUNE DI FORMIGARA Provincia di Cremona COMUNE DI FORMIGARA Provincia di Cremona VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Originale N 48 del 27/08/2015 OGGETTO: ADESIONE ALL'INIZIATIVA DI REGIONE LOMBARDIA "DOTE SPORT" L'anno duemilaquindici,

Dettagli

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo IMMEDIATA ESECUZIONE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. Reg. 63 del 29.04.2014 OGGETTO: Approvazione schema di convenzione per l'utilizzo della

Dettagli

COMUNE DI GONARS Provincia di Udine

COMUNE DI GONARS Provincia di Udine COPIA N. 128 del Reg. Delib. COMUNE DI GONARS Provincia di Udine ------------- VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: Progetto INTERPRANA. Approvazione schema di accordo di servizio da

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE. Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ----------------------------------------------

DIREZIONE CENTRALE. Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ---------------------------------------------- DIREZIONE CENTRALE Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ---------------------------------------------- Protocollo d Intesa tra Il Comune di Milano e l Ordine dei Consulenti del

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA. Data 18/01/2011 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA. Data 18/01/2011 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A Comunicata ai Capigruppo Consiliari il 25/01/2011Nr. Prot. 1148 ART. 38 DEL REGOLAMENTO DI CONTABILITA' -

Dettagli

COMUNE DI CAPOLIVERI

COMUNE DI CAPOLIVERI COMUNE DI CAPOLIVERI PROVINCIA DI LIVORNO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A Comunicata ai Capigruppo Consiliari il 14/06/2011Nr. Prot. INCARICO ALL'ASSOCIAZIONE GENITORI DON MICHELE ALBERTOLLI

Dettagli

COMUNE DI NORMA PROVINCIA DI LATINA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE COPIA CONFORME ALL'ORIGINALE

COMUNE DI NORMA PROVINCIA DI LATINA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE COPIA CONFORME ALL'ORIGINALE Registrato Impegno N in data COMUNE DI NORMA PROVINCIA DI LATINA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE Il Responsabile COPIA CONFORME ALL'ORIGINALE N. 28 OGGETTO: APPROVAZIONE OBIETTIVI ACCESSIBILITA'

Dettagli

L'Istituto nazionale di statistica (di seguito denominato ISTAT) con sede in Roma, Via Cesare Balbo, n. 16, C.F. 80111810588, rappresentato da

L'Istituto nazionale di statistica (di seguito denominato ISTAT) con sede in Roma, Via Cesare Balbo, n. 16, C.F. 80111810588, rappresentato da PROTOCOLLO D'INTESA TRA L ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA E L ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO PER LA COLLABORAZIONE IN AMBITO STATISTICO L'Istituto nazionale di

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE ABITATIVE Divisione V Direzione Programmazione

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Premesso che:

LA GIUNTA COMUNALE. Premesso che: LA GIUNTA COMUNALE Premesso che: il D.M. n.13294 del 18 novembre 2009, registrato dall Ufficio Centrale di Bilancio Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti in data 21 dicembre 2009 n. 2945, nonché

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO

MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 17 dicembre 2008 Istituzione del sistema informativo per il monitoraggio dell'assistenza domiciliare (GU n. 6 del 9-1-2009 ) IL MINISTRO

Dettagli

P R O V I N C I A D I T O R I N O V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E N. 41

P R O V I N C I A D I T O R I N O V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E N. 41 Estratto web C O M U N E D I C A V A G N O L O P R O V I N C I A D I T O R I N O V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E N. 41 OGGETTO: APPROVAZIONE CONVENZIONE

Dettagli

Disposizioni in materia di rilascio e di uso della casella di posta elettronica certificata assegnata ai cittadini.

Disposizioni in materia di rilascio e di uso della casella di posta elettronica certificata assegnata ai cittadini. D.P.C.M. 6 maggio 2009 1 e 2 Disposizioni in materia di rilascio e di uso della casella di posta elettronica certificata assegnata ai cittadini. IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto il decreto

Dettagli

Comune di Marliana (Provincia di Pistoia)

Comune di Marliana (Provincia di Pistoia) Per copia conforme all'originale - Comune di Marliana (Provincia di Pistoia) COPIA DELLA DELIBERA DI GIUNTA COMUNALE NUMERO 14 DEL 04 marzo 2016 OGGETTO: FORNITURA SERVIZIO FONIA. ATTO DI INDIRIZZO. L'anno

Dettagli

COMUNE DI CARPEGNA. Montefeltro Provincia di Pesaro e Urbino. Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c.

COMUNE DI CARPEGNA. Montefeltro Provincia di Pesaro e Urbino. Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. COMUNE DI CARPEGNA Montefeltro Provincia di Pesaro e Urbino Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. 3bis Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 13 del 16/02/2015 Pag. 2 2.

Dettagli

COMUNE DI CAPOLIVERI

COMUNE DI CAPOLIVERI COMUNE DI CAPOLIVERI PROVINCIA DI LIVORNO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A Comunicata ai Capigruppo Consiliari il Nr. Prot. PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DI V.LE AUTRALIA: APPROVAZIONE PERIZIA

Dettagli

COMUNE DI CASTELL ARQUATO

COMUNE DI CASTELL ARQUATO COMUNE DI CASTELL ARQUATO - Provincia di Piacenza -.. N. 3 REGISTRO DELIBERAZIONI VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE.. OGGETTO: ADESIONE AL PROGETTO REGIONALE FEDERA PER L AUTENTICAZIONE DIGITALE

Dettagli

IL SEGRETARIO GENERALE ai sensi del D.lgs. 30/03/2001 n. 165 e successive modificazioni ed integrazioni

IL SEGRETARIO GENERALE ai sensi del D.lgs. 30/03/2001 n. 165 e successive modificazioni ed integrazioni Determinazione dirigenziale n. 1 del 07/01/2013 Oggetto : Servizio di supporto alle attività di digitalizzazione dei flussi documentali dell'albo Gestori Ambientali. Affidamento all'unioncamere Molise

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARIA A VICO

COMUNE DI SANTA MARIA A VICO ORIGINALE COMUNE DI SANTA MARIA A VICO PROVINCIA DI CASERTA Data Delibera: 25/06/2014 N Delibera: 70 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: ACCESSO AL FONDO DI LIQUIDITA' PER ASSICURARE

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA N. 102 del 04/08/2015 OGGETTO: CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI SASSUOLO E L'A.V.I.S. COMUNALE DI SASSUOLO - ASSOCIAZIONE VOLONTARI ITALIANI DEL SANGUE APPROVAZIONE

Dettagli

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA COPIA COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA DELIBERAZIONE N. 5 in data: 24.01.2012 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: ACCORDO QUADRO CN-ER. SOTTOSCRIZIONE ACCORDO ATTUATIVO

Dettagli

COMUNE DI CASTELPIZZUTO Provincia di Isernia

COMUNE DI CASTELPIZZUTO Provincia di Isernia Repubblica Italiana COMUNE DI CASTELPIZZUTO Provincia di Isernia DELIBERAZIONE di GIUNTA MUNICIPALE COPIA n. 49 del 08-10-2015 OGGETTO: INDIVIDUAZIONE DELL'AREA ORGANIZZATIVA OMOGENEA (AOO) E NOMINA DEL

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 febbraio

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 febbraio 9458 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 febbraio 2015, n. 229 PO FESR 2007 2013. Asse I Linea di Intervento: 6.1 Azione 6.1.1 Avviso D.D. n. 590 del 26.11.2008, pubblicato sul BURP n. 191 del 10.12.2008.

Dettagli

DETERMINAZIONE AFFARI GENERALI

DETERMINAZIONE AFFARI GENERALI COMUNE DI NOALE PROVINCIA DI VENEZIA 30033 Piazza Castello, 18 Sede Municipale Fax 041/5897242 Tel. 041/5897211 DETERMINAZIONE AFFARI GENERALI COPIA Ufficio:COMMERCIO Registro Generale Determinazioni N.718

Dettagli

GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO -----------------------

GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO ----------------------- GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO ----------------------- Verbale n. 15 Adunanza 30 aprile 2013 OGGETTO: PROPOSTA DI ACCORDO PER L ATTUAZIONE DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE APPROVAZIONE. Protocollo:

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Rocca San Giovanni PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI AMIATA VAL D ORCIA DELIBERAZIONE CONFERENZA SINDACI ORGANO ESECUTIVO

UNIONE DEI COMUNI AMIATA VAL D ORCIA DELIBERAZIONE CONFERENZA SINDACI ORGANO ESECUTIVO UNIONE DEI COMUNI AMIATA VAL D ORCIA DELIBERAZIONE CONFERENZA SINDACI ORGANO ESECUTIVO N. 52 del 05/04/2012 OGGETTO: Progetto Protocollo Informatico, Gestione Atti amministrativi e SUAP. Affidamento incarico

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Regione Veneto

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Regione Veneto giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/10 Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Regione Veneto CONVENZIONE TRA L Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali (C.F.

Dettagli

COMUNE DI CISLIANO DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI CISLIANO DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE COMUNE DI CISLIANO Codice Ente 10966 DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE Oggetto: Delibera numero 126 Adunanza del 17/12/2015 ADOZIONE DELLO SCHEMA DEL PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE 2016-2018

Dettagli

COMUNITA DELLA VALLAGARINA R o v e r e t o

COMUNITA DELLA VALLAGARINA R o v e r e t o Data lettura del presente verbale, viene approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE L ASSESSORE DESIGNATO f.to Stefano Bisoffi f.to Roberto Bettinazzi COMUNITA DELLA VALLAGARINA R o v e r e t o f.to IL RELATORE

Dettagli

COMUNE DI SAN POLO D ENZA Provincia di Reggio Emilia. tel.0522/241711 fax.0522/874867 - cod.fis. 00445450356 - c.a.p. 42020

COMUNE DI SAN POLO D ENZA Provincia di Reggio Emilia. tel.0522/241711 fax.0522/874867 - cod.fis. 00445450356 - c.a.p. 42020 COMUNE DI SAN POLO D ENZA Provincia di Reggio Emilia tel.0522/241711 fax.0522/874867 - cod.fis. 00445450356 - c.a.p. 42020 DELIBERA DI GIUNTA COMUNALE NR.73 DEL 12/10/2015 Oggetto: MANUALE DI GESTIONE

Dettagli

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA COPIA COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA DELIBERAZIONE N. 3 in data: 18.01.2011 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: ADESIONE AL PROGETTO REGIONALE FEDERA PER L'AUTENTICAZIONE

Dettagli

PROVINCIA DI VICENZA

PROVINCIA DI VICENZA PROVINCIA DI VICENZA Contrà Gazzolle n. 1 36100 VICENZA C. Fisc. P. IVA 00496080243 DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO nell'esercizio dei poteri della Giunta Provinciale N. 125 DEL 07/07/2014

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE AVVISO N.4/2014: AZIONI DI SISTEMA PER LO SVILUPPO DI IMPRESA SOCIALE E NUOVI RAMI DI IMPRESA Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97 che ha

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 6 maggio 2009 Disposizioni in materia di rilascio e di uso della casella di posta elettronica certificata assegnata ai cittadini. (09A05855) IL PRESIDENTE

Dettagli

VISTO il Piano strategico di attuazione del Sistema Telematico Molise approvato della Giunta Regionale con delibera n. 650 del 17/05/2004;

VISTO il Piano strategico di attuazione del Sistema Telematico Molise approvato della Giunta Regionale con delibera n. 650 del 17/05/2004; AVVISO di MANIFESTAZIONE D INTERESSE PER LA FORNITURA DI PROGRAMMI APPLICATIVI AD INTEGRAZIONE DI QUELLI DEL PROGETTO SIMEL (Riuso463 DigitPA) e CONNESSI SERVIZI DI MANUTENZIONE Il Dirigente del Servizio

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DELLA FUNZIONE DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI PREMESSO CHE

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DELLA FUNZIONE DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI PREMESSO CHE SCHEMA DI CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DELLA FUNZIONE DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI tra 1 Il comune di Cattolica (di seguito denominato Ente produttore), in persona della dr.ssa Claudia

Dettagli

Semplificazione e riordino della disciplina sullo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP)

Semplificazione e riordino della disciplina sullo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) Provincia di Forlì-Cesena Comune di Forlì Comune di Cesena Semplificazione e riordino della disciplina sullo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) Normativa di riferimento D.P.R. 20 ottobre

Dettagli

Addì, 6 marzo 2015 Il Responsabile dr. Francesca Furlan ATTESTATO DI PUBBLICAZIONE

Addì, 6 marzo 2015 Il Responsabile dr. Francesca Furlan ATTESTATO DI PUBBLICAZIONE Letto, confermato e sottoscritto Il Sindaco f.to dr.ssa Elisabetta Pian Il Segretario Comunale f.to dr.ssa Ivana Bianchi Copia conforme all originale ad uso amministrativo. Addì, 6 marzo 2015 Il Responsabile

Dettagli

Comune appartenente all Unione Terre di Castelli DETERMINAZIONE

Comune appartenente all Unione Terre di Castelli DETERMINAZIONE Direzione Pianificazione Territoriale Servizio Edilizia privata e gestione del territorio - Urbanistica Tel. 059 777512 e-mail: sportelloedilizia@comune.vignola.mo.it Comune appartenente all Unione Terre

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. IL MINISTERO dell ISTRUZIONE, dell UNIVERSITA e della RICERCA (di seguito denominato MIUR) SOCIETA KNOW K.

PROTOCOLLO D INTESA. IL MINISTERO dell ISTRUZIONE, dell UNIVERSITA e della RICERCA (di seguito denominato MIUR) SOCIETA KNOW K. 4-2014 PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTERO dell ISTRUZIONE, dell UNIVERSITA e della RICERCA (di seguito denominato MIUR) E SOCIETA KNOW K. Srl per la Promozione di azioni a supporto dell innovazione degli

Dettagli

Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale DELIBERAZIONE N 18 DEL 31/03/2016 Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale OGGETTO: forme di collaborazione tra la Provincia di Alessandria e il Comune di Villalvernia per avvalersi degli uffici

Dettagli

COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA

COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA CODICE ENTE 012022 COPIA ALBO ON LINE COMUNE DI BRISSAGO VALTRAVAGLIA PROVINCIA DI VARESE Via Bernardino Luini n. 6; C.A.P. 21030; TEL.: 0332 575103 -FAX: 0332576443 E-MAIL: ragioneria@comune.brissago-valtravaglia.va.it

Dettagli

Il giorno del mese di dell'anno 2009 in., presso la sede del, sito in. Via..., sono presenti:

Il giorno del mese di dell'anno 2009 in., presso la sede del, sito in. Via..., sono presenti: LOGO P.O.R.E. LOGO AFFIDATARIO Convenzione per il finanziamento del Progetto denominato. selezionato dal Dipartimento per gli Affari Regionali nell'ambito del piano di finanziamenti di cui al Fondo per

Dettagli

COMUNE DI VERBANIA PROVINCIA DEL V.C.O.

COMUNE DI VERBANIA PROVINCIA DEL V.C.O. COPIA DELL ORIGINALE Deliberazione n 247 in data 06/10/2015 COMUNE DI VERBANIA PROVINCIA DEL V.C.O. Verbale di Deliberazione di Giunta Comunale Oggetto: APPROVAZIONE DEL MANUALE DI GESTIONE DOCUMENTALE,

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 1594 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Aggiornamento delle direttive concernenti le comunicazioni con le pubbliche amministrazioni

Dettagli

CITTA' DI CALIMERA PROVINCIA DI LECCE

CITTA' DI CALIMERA PROVINCIA DI LECCE ORIGINALE Deliberazione della Giunta Comunale N. 118 del 26/11/2015 CITTA' DI CALIMERA PROVINCIA DI LECCE Atto n. 118 /GC del 26/11/2015 OGGETTO: SOTTOSCRIZIONE CONTRATTO DI ANTICIPAZIONE DI LIQUIDITA

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA IL MINISTERO

Dettagli

COMUNE DI SAN MARCO D ALUNZIO

COMUNE DI SAN MARCO D ALUNZIO COMUNE DI SAN MARCO D ALUNZIO PROVINCIA DI MESSINA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA N. 23 del 04.02.2014 OGGETTO APPROVAZIONE SCHEMA DI CONVENZIONE CON RISCOSSIONE SICILIA S.P.A. PER L'UTILIZZO

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA

COMUNE DI SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA COMUNE DI SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA PROVINCIA DI PORDENONE COPIA ANNO 2015 N. 22 del REGISTRO DELIBERE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: "ART. 9 COMMA 7 D.L. 18 OTTOBRE 2012,

Dettagli

COMUNE DI TOSCOLANO MADERNO Provincia di Brescia VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA CONSIGLIO COMUNALE N. 3 DEL 30-03-2015

COMUNE DI TOSCOLANO MADERNO Provincia di Brescia VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA CONSIGLIO COMUNALE N. 3 DEL 30-03-2015 CC n. 3 del 30-03-2015 - Pagina 1 di 6 COMUNE DI TOSCOLANO MADERNO Provincia di Brescia VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA CONSIGLIO COMUNALE N. 3 DEL 30-03-2015 L'anno Duemilaquindici il giorno Trenta del

Dettagli

COMUNE DI CASTELPIZZUTO Provincia di Isernia

COMUNE DI CASTELPIZZUTO Provincia di Isernia Repubblica Italiana COMUNE DI CASTELPIZZUTO Provincia di Isernia DELIBERAZIONE di GIUNTA MUNICIPALE COPIA n. 37 del 01-09-2014 OGGETTO: PROGRAMMAZIONE TRIENNALE D ANNUALE DEL FABBISOGNO DEL PERSONALE 2014/2016

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Premesso che:

LA GIUNTA COMUNALE. Premesso che: OGGETTO: Progetti di riuso delle soluzioni e-government. Approvazione convenzione con Regione Toscana per il riuso del portale CiTel - Frontoffice telematico del cittadino. Premesso che: LA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

COMUNITA DELLA VAL DI NON con sede in CLES. Verbale di deliberazione N. 13. del Comitato Esecutivo della Comunità della Val di Non

COMUNITA DELLA VAL DI NON con sede in CLES. Verbale di deliberazione N. 13. del Comitato Esecutivo della Comunità della Val di Non COMUNITA DELLA VAL DI NON con sede in CLES Verbale di deliberazione N. 13 del Comitato Esecutivo della Comunità della Val di Non OGGETTO: Adozione del Manuale di conservazione della Comunità della Val

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE. Con atto approvato dal Commissario Straordinario del Comune di Roma n.. del.. e dalla Deliberazione Consiliare

Dettagli

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce (ai sensi dell art. 8 della legge 150/2000) Approvato con Delibera di Giunta n. 273 del 6

Dettagli

COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA. Ufficio Segreteria. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Dichiarata immediatamente eseguibile COPIA

COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA. Ufficio Segreteria. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Dichiarata immediatamente eseguibile COPIA COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA Ufficio Segreteria Codice Ente 10332 ANNO 2015 DELIBERAZIONE N. 6 del 11/02/2015 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Dichiarata immediatamente eseguibile

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

DATI IDENTIFICATIVI DEL SUAP. Tipologia Il Comune esercita le funzioni inerenti il SUAP in associazione con altri Comuni e non e' capofila

DATI IDENTIFICATIVI DEL SUAP. Tipologia Il Comune esercita le funzioni inerenti il SUAP in associazione con altri Comuni e non e' capofila Il sottoscritto Davide Colloca, codice fiscale CLLDVD71C23I968S, in qualità di Responsabile SUAP del Comune di ZERBOLO' (PV) dichiara che il Comune ha instituito lo Sportello Unico per le Attività Produttive

Dettagli

COMUNE DI CODIGORO (PROVINCIA DI FERRARA)

COMUNE DI CODIGORO (PROVINCIA DI FERRARA) COMUNE DI CODIGORO (PROVINCIA DI FERRARA) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 101 DEL 21/07/2015 OGGETTO: SERVIZI SOCIALI - AGEVOLAZIONI TARIFFARIE ALLE UTENZE DEBOLI DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO -

Dettagli

CITTA DI FELTRE. Verbale di Deliberazione della Giunta

CITTA DI FELTRE. Verbale di Deliberazione della Giunta COPIA CITTA DI FELTRE Deliberazione n. 170 in data 17/09/2013 Verbale di Deliberazione della Giunta Prot. nr. Data Prot. 19/09/2013 Oggetto: Sperimentazione del Sistema dei pagamenti Informativi a favore

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 109 DEL 21 OTTOBRE 2015 O G G E T T O

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 109 DEL 21 OTTOBRE 2015 O G G E T T O DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 109 DEL 21 OTTOBRE 2015 O G G E T T O NOMINA DEL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO DI CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA (D.LGS. N.8272005). L anno duemilaquindici il giorno ventuno

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE DELLA FAMIGLIA Avviso di finanziamento relativo all anno 2011 per progetti a valere sull articolo 9 della legge 8 marzo 2000 n. 53, così

Dettagli

COMUNE DI BASTIA UMBRA PROVINCIA DI PERUGIA

COMUNE DI BASTIA UMBRA PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI BASTIA UMBRA PROVINCIA DI PERUGIA DELIBERA DELLA GIUNTA COMUNALE N. 249 DEL 08-10-2015 OGGETTO: REVISIONE ED APPROVAZIONE DEL MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DELL'ARCHIVIO COMUNALE.

Dettagli

interamente partecipata dalle Camere di Commercio italiane e dalle loro Unioni, e con il coordinamento di Unioncamere, hanno realizzato una soluzione

interamente partecipata dalle Camere di Commercio italiane e dalle loro Unioni, e con il coordinamento di Unioncamere, hanno realizzato una soluzione Convenzione per l utilizzo della soluzione informatica realizzata dalle Camere di Commercio per la gestione telematica delle pratiche dello Sportello Unico per le Attività Produttive tramite il portale

Dettagli

COMUNE DI CEPRANO. Provincia di Frosinone DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Numero 32 Del 01-04-15

COMUNE DI CEPRANO. Provincia di Frosinone DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Numero 32 Del 01-04-15 COMUNE DI CEPRANO Provincia di Frosinone DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 32 Del 01-04-15 COPIA Oggetto: BILANCIO PARTECIPATIVO ANNO 2015. DETERMINAZIONI L'anno duemilaquindici il giorno uno

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ***********************************************************************************************

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE *********************************************************************************************** Codice 11044 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE *********************************************************************************************** G. C. N. 46 DATA 12.3.2014 ***********************************************************************************************

Dettagli

Decreto 17 aprile 2003

Decreto 17 aprile 2003 Decreto 17 aprile 2003 Criteri e procedure di accreditamento dei corsi di studio a distanza delle università statali e non statali e delle istituzioni universitarie abilitate a rilasciare titoli accademici

Dettagli

di seguito indicate anche semplicemente come le Parti, PREMESSI

di seguito indicate anche semplicemente come le Parti, PREMESSI ACCORDO DI PROGRAMMA FRA GLI ENTI PARTECIPANTI ALLA COSTITUZIONE DI UN CENTRO SERVIZI TERRITORIALE NELLA PROVINCIA DI TORINO PER L INCLUSIONE DEI PICCOLI COMUNI NELL ATTUAZIONE DELL E-GOVERNMENT La Regione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE (art. 38 l. 133/2008 e DPR 160/2010)

PROTOCOLLO D INTESA PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE (art. 38 l. 133/2008 e DPR 160/2010) B O Z Z A (da adattare alla situazione specifica ) PROTOCOLLO D INTESA PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE (art. 38 l. 133/2008 e DPR 160/2010) L anno duemiladieci,

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE TECNOLOGICA Alle amministrazioni pubbliche di cui all art. 1, comma 2, del d.lgs.

Dettagli

Comune di Cattolica Provincia di Rimini

Comune di Cattolica Provincia di Rimini VERBALE APPROVATO E SOTTOSCRITTO Comune di Cattolica Provincia di Rimini IL SINDACO Piero Cecchini IL VICE SEGRETARIO COMUNALE Daniele Cristoforetti VERBALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE La presente

Dettagli

CITTÀ DI FIUMICINO (PROVINCIA DI ROMA)

CITTÀ DI FIUMICINO (PROVINCIA DI ROMA) CITTÀ DI FIUMICINO (PROVINCIA DI ROMA) COPIA DELLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 114 del reg. Oggetto: Approvazione protocollo d intesa Poste Italiane. data 27/09/2011 L anno duemilaundici, il

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 2219 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Approvazione dell'accordo di collaborazione per lo svolgimento di attività di interesse

Dettagli

CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DELLA FUNZIONE DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI

CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DELLA FUNZIONE DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI Pagina 1 di 11 CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DELLA FUNZIONE DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI tra 1 L'Azienda USL di Modena (di seguito denominato Ente produttore), in persona di DOTT. MARIELLA

Dettagli

COMUNE DI SALA CONSILINA Provincia di Salerno

COMUNE DI SALA CONSILINA Provincia di Salerno COMUNE DI SALA CONSILINA Provincia di Salerno GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE *** COPIA *** numero 38 del 31-03-2015 OGGETTO: DEFINIZIONE DELLE MISURE ORGANIZZATIVE FINALIZZATE ALL'OTTIMIZZAZIONE DELLA GESTIONE

Dettagli

Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015

Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015 Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015 Adozione del Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni on line. IL SEGRETARIO COMUNALE Visto

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Copia P.zza Municipio-- C.A.P. 10010 Provincia di Torino Tel. (0125) 750.150 Fax. (0125) 750.317 C.F. n. 02156820017 www.comune.quassolo.it e-mail Quassolo@ruparpiemonte.it VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA

Dettagli

I sottoscritti: a) (Impresa proponente) . nato a il.., in qualità di.. legale. rappresentante della società. con sede legale in - Via

I sottoscritti: a) (Impresa proponente) . nato a il.., in qualità di.. legale. rappresentante della società. con sede legale in - Via INTERVENTI A FAVORE DELLE PMI E DEGLI ORGANISMI DI RICERCA - SPORTELLO DELL'INNOVAZIONE ALLEGATO A - CONTENUTI RICHIESTI NELL'ATTO FORMALIZZAZIONE DEL PARTNERIATO I sottoscritti: a) (Impresa proponente).

Dettagli

Deliberazione della Giunta Comunitaria

Deliberazione della Giunta Comunitaria Deliberazione della Giunta Comunitaria N 48 Reg. Data 17/09/2012 OGGETTO: SERVIZIO PUBBLICO DI CONSULTAZIONE TELEMATICA CATASTALE PRESSO LO SPORTELLO CATASTALE DECENTRATO DI QUESTA COMUNITA MONTANA.APPROVAZIONE

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna

COMUNE DI FAENZA Provincia di Ravenna VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Deliberazione n. 348 del 02/12/2014 OGGETTO: ADEGUAMENTO DEL SISTEMA INFORMATIVO COMUNALE. ACQUISIZIONE DI LICENZE SOFTWARE PER L'ESTENSIONE DEL SISTEMA DI

Dettagli

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 85 del 21/07/2011 Oggetto: ADESIONE AL "PROGETTO SUAP" PROPOSTO DALLA ASSOCIAZIONE COMUNI DELLA MARCA TREVIGIANA E

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA Reg. Gen. n. 351 del 22/07/2015 DETERMINAZIONE N 123 DEL 22.7.2015 CODICE IDENTIFICATIVO GARA (C.I.G.): Z5D1560660 OGGETTO: SERVIZIO DI CONNETTIVITA E SICUREZZA

Dettagli

COMUNE DI MURA Codice Ente: 10365

COMUNE DI MURA Codice Ente: 10365 COMUNE DI MURA Codice Ente: 10365 Provincia di Brescia DELIBERAZIONE N 22/15 Soggetta invio Prefetto D OGGETTO: Approvazione dello schema di Convenzione per interventi di rimozione e smaltimento di materiali

Dettagli

COMUNE DI SAN VITO PROVINCIA DI CAGLIARI

COMUNE DI SAN VITO PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI SAN VITO PROVINCIA DI CAGLIARI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA N. 30 del 21.04.2015 OGGETTO: Sistema di misurazione e valutazione delle performance dei Responsabili di unità organizzativa

Dettagli