ELICAT. Allegato E: Piano Di Lavoro CT Sportello Sportello Catastale Integrato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ELICAT. Allegato E: Piano Di Lavoro CT Sportello Sportello Catastale Integrato"

Transcript

1 Deliverable 1.3 Allegato E: Piano Di Lavoro CT Sportello Sportello Catastale Integrato Preparato da: Comune di Padova (Alberto Corò) Membri: Firenze, Torino, Prato, CM Valle del Serchio, Abbadia San Salvatore, Reggio Emilia, Ancona Roma, 16 Marzo 2009 Rapporto bimestrale sullo stato di avanzamento Pag. 1

2 INDICE 1. Obiettivi Work Package Work Package 2..9 Rapporto bimestrale sullo stato di avanzamento Pag. 2

3 1.Obiettivi Obiettivo primario del Comitato Tematico è quello di attuare le azioni necessarie per giungere da un canto alla definizione del modello concettuale/tecnico-architetturale e dall altro alla successiva validazione finale a valle delle attività di sviluppo, in relazione a quei deliverable software del progetto ELI-CAT inerentemente legati all implementazione di strumenti di supporto per l erogazione di servizi di sportello evoluti in tema di fiscalità locale e catasto. E questo sia in un ottica di ampliamento delle funzionalità di portale già disponibili nell ambito di importanti progetti di egovernment già avviati People), che in relazione ad attività di frontoffice di natura più tradizionale nel contesto operativo di uno Sportello Catastale Decentrato. Il contesto dei partecipanti ai sottoprogetti di interesse e i relativi membri nell ambito del Comitato Tematico corrispondono a quanto di seguito indicato: COD ENTE RUOLO REFERENTE 7 Comune di Padova Responsabile CT/ Pilota Alberto Coro 106 Comune di Firenze Viceresponsabile CT/ Dispiegatore Massimo Cappuccini 10 Comune di Torino Dispiegatore Paola Mantovani 109 Comune di Prato Dispiegatore Alessandro Radaelli 122 C.M. Media Valle del Serchio Dispiegatore Alessandro Profetti 113 Comune di Monsummano Terme Dispiegatore Barbara Ammendola 101 Comune di Abbadia San Salvatore Dispiegatore Andrea Sabatini Comune di Reggio Emilia Dispiegatore Flavio Ferretti 3 Comune di Ancona Dispiegatore Stefano Pacchiarotti Il contesto di realizzazione dei diversi deliverables previsti evidenzia alcune importanti caratteristiche degne di nota: innanzitutto si pone l accento sulla necessità di coordinare strettamente le attività di analisi sia dello Sportello Catastale Integrato che del Portale Territoriale del Contribuente con quanto verrà prodotto in termini di definizione del modello di dominio, nonché di vero e proprio modello logico, in seno al Comitato Tematico Anagrafi SOR e ACI dovendo entrambi i moduli necessariamente interfacciarsi per loro stessa definizione all Anagrafe Comunale Soggetti/Oggetti/Relazioni e presumibilmente anche all Anagrafe Comunale degli Immobili (per tutte quelle informazioni specifiche di ACI non mappate anche in ACSOR, quali ad esempio le risultanze delle planimetrie catastali) i deliverable 8.A.5 e 8.A.6-versione People verranno effettivamente realizzati dalla ditta che risulterà aggiudicataria del bando di gara indetto dalla Regione Toscana, in delega del Comune di Fabbriche di Vallico; la versione del deliverable 8.A.6 prevede invece un affidamento indipendentemente da parte del Comune di Padova in continuità delle attività di riuso del progetto Rapporto bimestrale sullo stato di avanzamento Pag. 3

4 già attualmente in corso al momento della stesura del presente piano di dettaglio del Comitato. Indipendentemente dalla sussistenza di affidamenti distinti per la realizzazione dei singoli componenti previsti, il Comitato Tematico si adopererà per assicurare la definizione di un modello condiviso, individuando peraltro tutte le possibili sinergie in termini di riuso di componenti software appositamente realizzati nell uno o nell altro sottoprogetto (con particolare riferimento all eventuale riuso nel contesto del Progetto People dei web services di interfacciamento ad ACSOR e ACI sviluppati in in conformità a quanto evidenziato nel cap. 4 del Piano Esecutivo del Progetto ELI-CAT). Le principali scadenze da rispettare in base a quanto già definito in sede di pianificazione esecutiva del Progetto ELI-CAT corrispondono a quanto segue: Attività Scadenza Rif. Piano Esec. Definizione e validazione del Modello di Dominio e delle Specifiche di Dettaglio pertinenti i diversi deliverable oggetto di realizzazione Realizzazione in via definitiva dei Prototipi 28/02/2009 WP3, attività 4-5, deliverable DAR 3.1 WP3, attività 4-5, 31/07/2009 deliverable DAR 3.2 (seconda e terza parte) Collaudo interno dei deliverable realizzati 10/10/2009 WP3, attività 8 Nel prosieguo il piano di lavoro del Comitato Tematico verrà dettagliato in modo da definire tutti i passi necessari ad assicurare il rispetto delle scadenze appena menzionate. Rapporto bimestrale sullo stato di avanzamento Pag. 4

5 I lavori del Comitato Tematico Sportello Catastale Integrato e Portale Territoriale del Contribuente si porranno i seguenti obiettivi di carattere generale: in concerto con i fornitori individuati a seguito dell aggiudicazione dei bandi di gara e/o altra modalità di affidamento dei servizi, progettare, sviluppare e validare soluzioni innovative intese a raggiungere compiutamente gli obiettivi logico-funzionali specificatamente dichiarati nelle schede prodotto di cui al WP3 del Piano Esecutivo del Progetto ELI-CAT definire un modello organizzativo per la conduzione dei lavori che promuova la più stretta sinergia tra tutti gli attori in gioco, sia in relazione ai referenti interni del Comitato Tematico, che in relazione alle attività che necessariamente dovranno essere coordinate con altri Comitati Tematici dei progetti ELI- CAT ed ELI-FIS: il CT Anagrafi SOR e ACI in primis, ma senza escludere qualsiasi altro gruppo di lavoro come potrà eventualmente emergere in fase di approfondimento dell analisi dei singoli deliverable considerati, con particolare riferimento alle fasi iniziali di consolidamento dell analisi funzionale e definizione del modello di dominio concettuale dei progetti integrati ELI-CAT ed ELI-FIS. Sotto questo profilo giocherà un ruolo essenziale garantire la massima condivisione dei sottoprodotti di progetto via via realizzati, in concerto con la struttura centrale del Gruppo Tecnico di Progettazione fornendo il proprio contributo proattivo alla definizione di un modello di dominio condiviso per la realizzazione di tutti prodotti oggetto di sviluppo, e attraverso una stretta concertazione con i responsabili dei diversi Comitati Tematici interessati, assicurare il perseguimento della massima coerenza logico-funzionale per tutti i moduli software implementati, indipendentemente da quanto diversificata possa risultare l effettiva localizzazione delle attività di sviluppo vere e proprie (specie in considerazione della possibile concomitanza, in fase realizzativa, di più ditte fornitrici distinte) garantire i massimi risultati in termini di qualità del software prodotto mediante interventi specifici volti a o verificare puntualmente la validità dei deliverable documentali prodotti dai fornitori (documenti di analisi fuzionale, progettazione di dettaglio, piani dei test, ecc.) mano a mano che le attività di progettazione e sviluppo dei singoli deliverable progrediscono o supportare efficacemente i referenti tecnici degli Enti committenti nell esecuzione di tutte quelle attività di test/collaudo necessarie per garantire la completa validazione del software sviluppato massimizzare le potenzialità di riuso futuro delle soluzioni realizzate attraverso l implementazione di Rapporto bimestrale sullo stato di avanzamento Pag. 5

6 azioni specifiche volte a o verificare la validità/usabilità della documentazione prodotta in termini di manuali d uso od operativi o intervenire a supporto nella pre-definizione dei requisiti necessari all implementazione della piattaforma di elearning di cui al WP5 del Piano Esecutivo di ELI-CAT. Rapporto bimestrale sullo stato di avanzamento Pag. 6

7 Work-Packages del Comitato Tematico Numero Denominazione W.P. Leader DA A 1 MANAGEMENT 7,106 03/12/08 16/10/08 2 ATTIVITA 7,106 09/12/08 14/10/09 Elenco Deliverable del Comitato Tematico WP e Consegna interna Denominazione Numero per revisione 1.1 Management Plan del CT per il PMP T8 T8 1.2 Contributi ai report bimestrali del PMO T9, T11, T13, T15, T Report finale sull attività svolte T18 T Primo documento di requisiti per deliverable 8.A.6 T8 T8 2.2 Modello di Dominio dei deliverable 8.A.5 e 8.A.6 T9 T9 Consegna a ELICAT/FIS (*) T9, T11, T13, T15, T Specifiche di Dettaglio (con allegati anche i relativi piani dei testi) dei deliverable 8.A.5 e 8.A.6 T10 T Verbale di avvenuto rilascio per il deliverable 8.A.6-versione T12 T Verbale di avvenuto rilascio per i deliverable 8.A.5 e 8.A.6-versione People T15 T Verbale di collaudo (alfa e beta test) per il deliverable 8.A.6-versione T13 T Verbale di collaudo (alfa e beta test) per il deliverable 8.A.5 T14 T Verbale di collaudo (alfa e beta test) per il deliverable 8.A.6-versione People T16 T Verbale di «integration test» definitivo per i deliverable 8.A.5 e 8.A.6 T18 T Report di dispiegamento e verbale di collaudo finale per DAR deliverable DAR 6.3 T18 T18 (*) in linea con le consegne di progetto stabilite nei GANTT dei piani esecutivi di ELI_CAT e/o ELI_FIS Rapporto bimestrale sullo stato di avanzamento Pag. 7

8 Work Package 1 MANAGEMENT del CT WP leader : 7,106 Partecipanti: 3,7,106,101, Obiettivi specifici 1. assicurare il rispetto delle scadenze del Piano di Lavoro interno del Comitato Tematico, in coerenza con le scadenze più generali fissate in sede di pianificazione esecutiva ELI-CAT, attraverso apposite attività di coordinamento dei lavori del Comitato 2. promuovere e garantire l interscambio informativo e la condivisione dei risultati di progetto via via prodotti, sia tra tutti i referenti del Comitato Tematico e di conseguenza con tutti gli Enti partecipanti al Comitato stesso, che in relazione ad altri gruppi di lavoro facenti riferimento a Comitati Tematici inerentemente correlati al CT Sportello Catastale Integrato nonché alla struttura centrale del GTP 3. assicurare una corretta gestione dei rapporti con il Project Management Office (PMO) e con il suo Project Manager (PM) Attività a) Costituzione del Comitato Tematico e organizzazione delle sue attività anche in termini di schedulazione di appositi incontri pre-programmati, al fine di assicurare una stretta supervisione delle attività svolte sia a livello di WP leader che in sede di condivisione collegiale delle principali milestone di progetto raggiunte b) Preparazione e approvazione del Management Plan del Comitato Tematico (il presente documento) c) Elaborazione di apposite relazioni bimestrali indirizzate al PMO, utili a supportare il PM nella redazione dei rapporti bimestrali di avanzamento progetto per il DAR (di cui al WP1, attività 12 del Piano Esecutivo del Progetto ELI-CAT) d) Elaborazione della relazione finale indirizzata al PMO sulle attività svolte dal Comitato, utile a supportare il PM nella redazione del report finale di progetto (di cui al WP1, attività 16 del Piano Esecutivo del Progetto ELI-CAT) Deliverables al management (PMO ELICAT/FIS) 1.1. Management Plan del CT per il PMP (T8) 1.2. Contributi ai report bimestrali del PMO (T9, T11, T13, T15, T17) 1.3. Report finale sull attività svolte (T18) Rapporto bimestrale sullo stato di avanzamento Pag. 8

9 WP leader : 7,106 Partecipanti: 3,7,106,101, Work Package 2 ATTIVITA del CT Obiettivi specifici 1. garantire a tutti gli Enti Piloti/Dispiegatori interessati del progetto ELI-CAT l efficace e corretta realizzazione dei seguenti moduli software a. Prodotto 8.A.5: Modulo di Supporto alla Gestione Digitale Integrata delle Funzioni Catastali (Sportello Catastale Integrato) b. Prodotto 8.A.6-versione People: Portale Territoriale del Contribuente c. Prodotto 8.A.6-versione Portale Territoriale del Contribuente 2. contribuire fattivamente nella definizione dei presupposti per il riuso delle soluzioni realizzate, attraverso la validazione dei principali materiali formativi (manuali d uso/operativi) e il supporto alla pre-definizione dei requisiti necessari all implementazione della piattaforma di e-learning Attività a) attività di analisi preliminare al fine di condividere tra tutti gli Enti partecipanti al Comitato Tematico le effettive esperienze già eventualmente maturate in merito agli specifici dei deliverable da realizzare, al fine di approfondire ulteriormente le tematiche in esame (rispetto a quanto già fatto come da WP2 del Piano Esecutivo del progetto ELI-CAT) e individuare un sottoinsieme di requisiti di maggior dettaglio da fornire in input alle successive attività di analisi e progettazione dei fornitori individuati per l effettiva realizzazione dei prodotti b) supportare i fornitori nelle attività di analisi funzionale e progettazione di dettaglio dei moduli software al fine di giungere alla definizione del modello di dominio dei deliverable 8.A.5 e 8.A.6 (in stretta integrazione al modello di dominio generale del Progetto ELI-CAT) e delle conseguenti specifiche di dettaglio per le successive attività di sviluppo c) validazione dei documenti prodotti dai fornitori in termini di modello di dominio e specifiche di dettaglio per il deliverable 8.A.5 e 8.A.6 d) attività di supporto tematico nella pre-definizione dei requisiti necessari per l implementazione della piattaforma di e-learning, nonché validazione della piattaforma effettivamente realizzata e) supervisione e controllo delle attività di sviluppo fino al rilascio dei moduli software, corredati della necessaria manualistica (d uso/operativa) f) partecipazione alle attività di test e collaudo dei deliverable realizzati. Deliverables al GTP 2.1 Primo documento di requisiti per deliverable 8.A.6 (T8 ) 2.2 Modello di Dominio dei deliverable 8.A.5 e 8.A.6 (T9) 2.3 Specifiche di Dettaglio (con allegati anche i relativi piani dei testi) dei deliverable 8.A.5 e 8.A.6 (T10) Rapporto bimestrale sullo stato di avanzamento Pag. 9

10 2.4 Verbale di avvenuto rilascio per il deliverable 8.A.6-versione (T12) 2.5 Verbale di avvenuto rilascio per i deliverable 8.A.5 e 8.A.6-versione People (T15) 2.6 Verbale di collaudo (alfa e beta test) per il deliverable 8.A.6-versione (T13) 2.7 Verbale di collaudo (alfa e beta test) per il deliverable 8.A.5 (T14) 2.8 Verbale di collaudo (alfa e beta test) per il deliverable 8.A.6-versione People (T16) 2.9 Verbale di «integration test» definitivo per i deliverable 8.A.5 e 8.A.6 (T18) 2.10 Report di dispiegamento e verbale di collaudo finale per DAR deliverable DAR 6.3 (T18) Rapporto bimestrale sullo stato di avanzamento Pag. 10

11 GANTT WP 1 (Management ) Attività Da A Predecessori Enti Responsabili 1. Inizio/fine WP 03/12/08 16/10/09 7, Discussione ed Approvazione del 03/12/08 23/12/08 Piano di Lavoro Preparazione 03/12/08 05/12/08 7 Discussione interna 09/12/08 19/12/08 3,7,10,101, Approvazione e comunicazione al 22/12/08 12/01/09 7,106 PMO Consegna PM deliverable /01/09 16/01/ Costituzione del CT 10/12/08 10/12/ Conduzione dei lavori del Comitato Tematico 10/12/08 15/10/09 3 Supervisione generale delle attività svolte in relazione agli obiettivi del Comitato Tematico Prima riunione: avvio delle attività di analisi Seconda riunione: validazione finale modello di dominio e specifiche di dettaglio Terza riunione: avvio attività di collaudo Quarta riunione: conclusione e validazione finale delle attività di collaudo Quinta riunione: discussione della relazione finale sui lavori svolti dal CT 5. Relazioni bimestrali sull avanzamento dei lavori del Comitato Tematico 18/12/08 15/10/09 7,106 12/01/09 12/01/09 3,7,10,101, 27/02/09 27/02/09 3,7,10,101, 04/05/09 04/05/09 3,7,10,101, 09/10/09 09/10/09 3,7,10,101, 15/10/09 15/10/09 3,7,10,101, 3 Preparazione 1 relazione 15/01/09 19/01/09 7,106 Consegna PM deliverable /01/09 19/01/09 7 Rapporto bimestrale sullo stato di avanzamento Pag. 11

12 Preparazione 2 relazione 17/03/09 19/03/09 7,106 Consegna PM deliverable /03/09 19/03/09 7 Preparazione 3 relazione 12/05/09 14/05/09 7,106 Consegna PM deliverable /05/09 14/05/09 7 Preparazione 4 relazione 15/07/09 17/07/09 7,106 Consegna PM deliverable /07/09 17/07/09 7 Preparazione 5 relazione 16/09/09 18/09/09 7,106 Consegna PM deliverable /09/09 18/09/ Relazione finale sui risultati 5 conseguiti dal Comitato Tematico Preparazione relazione finale 12/10/09 14/10/09 7,106 Discussione ed approvazione della relazione finale 15/10/09 16/10/09 3,7,10,101, Consegna PM deliverable /10/09 16/10/09 7 Rapporto bimestrale sullo stato di avanzamento Pag. 12

13 GANTT WP 2 (Attività ) Attività Da A Predecessori Enti Responsabili 1. Inizio/fine WP 09/12/08 14/10/09 2. Condivisione con tutti gli Enti partecipanti al CT delle esperienze già maturate in relazione ai deliverable da realizzare Preparazione documento di requisiti per sulla scorta delle esperienze già maturate presso il Comune di Padova Preparazione documento di requisiti per 8.A.5 sulla scorta delle esperienza già maturate presso i Poli Catastali Condivisione dei requisiti con tutti i partecipanti al CT ed integrazione delle esperienze maturate anche in altri contesti diversi dal Comune di Padova 09/12/08 28/01/09 09/12/08 18/12/ /12/08 07/01/09 7, /12/08 26/01/09 3,7,10,101, Consegna GTP deliverable /12/08 28/01/ Partecipazione alla progettazione dei prodotti in concerto con i fornitori individuati per la realizzazione 12/01/09 27/02/09 2 Condivisione con il CT Anagrafi SOR e ACI dei requisiti per la definizione del modello di dominio SOR-ACI Definizione del modello di dominio specifico per i deliverable 8.A.5 e 8.A.6 In concerto con il GTP e altri Comitati Tematici di pertinenza (con particolare riferimento al CT Anagrafe SOR e ACI ) verifica della coerenza del modello di dominio e supporto 12/01/09 21/01/09 3,7,10,101, 19/01/09 28/01/09 3,7,10,101, 29/01/09 02/02/09 7,106 Rapporto bimestrale sullo stato di avanzamento Pag. 13

14 all integrazione nel modello di dominio generale dei progetti ELI- CAT/ELI-FIS Consegna GTP deliverable /02/09 02/02/09 7 Disponibilità del modello logico 02/02/09 02/02/09 1 Anagrafi SOR e ACI Discussione e validazione delle 03/02/09 13/02/09 7,106 specifiche di dettaglio per il deliverable 8.A.5 Discussione e validazione delle 03/02/09 13/02/09 7 specifiche di dettaglio per il deliverable 8.A.6-versione Discussione e validazione delle 16/02/09 25/02/09 7,106 specifiche di dettaglio per il deliverable 8.A.6-versione People In concerto con il GTP e altri 26/02/09 26/02/09 7,106 Comitati Tematici di pertinenza (con particolare riferimento al CT Anagrafe SOR e ACI ) verifica di coerenza delle specifiche di dettaglio con altri prodotti dei progetti ELI-CAT/ELI-FIS Consegna GTP deliverable /02/09 27/02/ Supporto specialistico del CT per la realizzazione della piattaforma di e- learning 02/03/09 31/07/09 3 Contributo alla pre-definizione dei requisiti necessari per l implementazione della piattaforma di e-learning Contributo alla validazione della piattaforma di e-learning realizzata per le aree di specifica competenza del CT 5. Supervisione dell avvenuto rilascio dei diversi deliverable realizzati Verifica di avvenuto completamento del deliverable 8.A.6-versione comprensiva della validazione dei manuali prodotti (d uso/operativi) 02/03/09 31/03/09 3,7,10,101, 15/07/09 31/07/09 3,7,10,101, 28/04/09 31/07/ /04/09 30/04/09 7 Rapporto bimestrale sullo stato di avanzamento Pag. 14

15 Consegna GTP deliverable /04/09 30/04/09 7 Verifica di avvenuto 27/05/09 29/05/09 7,106 completamento del deliverable 8.A.5, comprensiva della validazione dei manuali prodotti (d uso/operativi) Verifica di avvenuto 29/07/09 31/07/09 7,106 completamento del deliverable 8.A.6-versione People, comprensiva della validazione dei manuali prodotti (d uso/operativi) Consegna GTP deliverable /07/09 31/07/ Supporto agli Enti committenti nelle 04/05/09 09/10/09 5 attività di test/collaudo dei deliverable realizzati Esecuzione dei test (sia alfa che 04/05/09 15/05/09 7 beta) per il deliverable 8.A.6- versione presso l ambiente del Comune di Padova Messa a punto delle anomalie 18/05/09 29/05/09 riscontrate Consegna GTP deliverable /05/09 29/05/09 7 Esecuzione dei test (sia alfa che 01/06/09 15/06/09 7,106 beta) per il deliverable 8.A.5 presso ambiente da definirsi Messa a punto delle anomalie 16/06/09 30/06/09 riscontrate Consegna GTP deliverable /06/09 30/06/09 7 Esecuzione dei test (sia alfa che 03/08/09 17/08/09 7,106 beta) per il deliverable 8.A.6- versione People presso ambiente da definirsi Messa a punto delle anomalie 18/08/09 31/08/09 riscontrate Consegna GTP deliverable /08/09 31/08/09 7 Definizione del piano dei test finali 01/09/09 09/09/09 7,106 di integrazione per i deliverable 8.A.5 e 8.A.6 Esecuzione dei test finali di 10/09/09 24/09/09 7,106 integrazione per i deliverable 8.A.5 e 8.A.6 presso ambiente da definirsi Messa a punto delle anomalie 25/09/09 09/10/09 Rapporto bimestrale sullo stato di avanzamento Pag. 15

16 riscontrate Consegna GTP deliverable /10/09 09/10/ Test e collaudo finale per DAR 11/10/09 14/10/09 6 Collaudo finale per DAR dei 11/10/09 14/10/09 7,106 deliverable oggetto di realizzazione da parte del CT, presso ambiente da definirsi Consegna GTP deliverable /10/09 14/10/09 7 Rapporto bimestrale sullo stato di avanzamento Pag. 16

Roma, 4 novembre 2013. Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S.

Roma, 4 novembre 2013. Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S. Roma, 4 novembre 2013 Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S. Attori della governance del sistema ECM Commissione Nazionale per la Formazione Continua Supporto amministrativo regionale Osservatorio Consulta

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

Curriculum Vitae Paolo Degl Innocenti

Curriculum Vitae Paolo Degl Innocenti INFORMAZIONI PERSONALI Paolo Degl Innocenti POSIZIONE RICOPERTA Responsabile di U.O. Agenzia del Demanio ESPERIENZA PROFESSIONALE Dal 1/7/2012 7/2006-6/2012 11/2005-7/2006 4/2004-10/2005 Responsabile Servizi

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona PRINCIPI PROJECT MANAGEMENT PRINCIPI DI PROJECT MANAGEMENT Elisabetta Simeoni 1), Giovanni Serpelloni 2) 1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS

Dettagli

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane Comunicato stampa aprile 2015 DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV Ecco i prodotti e le applicazioni per innovare le imprese italiane Rubàno (PD). Core business di, nota sul mercato ECM per la piattaforma Archiflow,

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità Direzione Centrale Catasto e Cartografia Modalità di aggiornamento relative alle intestazioni catastali presenti nelle dichiarazioni di DOCFA e nelle Domande di Volture Prima iscrizione degli immobili

Dettagli

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Software da rilasciare con licenza GPL. Componente tecnologica: Drupal Premessa Obiettivi e Linee-Guida Mettere a disposizione

Dettagli

CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO

CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO 20.1 PREMESSA... 255 20.2 COMITATO DI CONSULTAZIONE... 255 20.3 SOGGETTI TITOLATI A PRESENTARE RICHIESTE DI MODIFICA... 255 20.4 REQUISITI DI RICEVIBILITA

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Indice Indice... 1 Oggetto... 1 Referenti regionali del progetto... 1 Scopo... 2 Il progetto Rete CUP regionale... 2 Premessa... 2 La situazione regionale... 2 Azienda Ospedaliera di Cosenza... 2 ASP di

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

Scheda descrittiva del progetto

Scheda descrittiva del progetto Scheda descrittiva del progetto 1. Anagrafica di progetto Titolo Banda ultralarga Acronimo (se esiste) UltraNet Data Inizio Data Fine 01/09/2011 31/12/2014 Budget totale (migliaia di euro) 60,50k Responsabile

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

Oggetto: Offerta per l'acquisto dell'immobile sito in

Oggetto: Offerta per l'acquisto dell'immobile sito in MODELLO PER PERSONE FISICHE ACI SERVIZIO PATRIMONIO E APPROVVIGIONAMENTI Coordinamento e Controllo Gestione Immobili Via Marsala 8 00185 - Roma OFFERTA A TRATTATIVA PRIVATA Oggetto: Offerta per l'acquisto

Dettagli

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO Giovanni Serpelloni 1), Elisabetta Simeoni 2) 1. Centro

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA ATTIVITÀ 74.90.21 CONSULENZA SULLA SICUREZZA ED IGIENE DEI POSTI DI LAVORO ATTIVITÀ 74.90.92 ATTIVITÀ RIGUARDANTI

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

CATASTO EDILIZIO URBANO

CATASTO EDILIZIO URBANO CATASTO, CARTOGRAFIA ED EDILIZIA collana a cura di Antonio Iovine catasto edilizio urbano AI5 MARIO IOVINE NICOLA CINO CATASTO EDILIZIO URBANO GUIDA PRATICA N.3 ESEMPI DI DICHIARAZIONI DI VARIAZIONI DI

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto FED-FIS

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto FED-FIS Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto FED-FIS Aprile 2012 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Dizionario delle Forniture ICT

Dizionario delle Forniture ICT Linee guida sulla qualità dei beni e dei servizi ICT per la definizione ed il governo dei contratti della Pubblica Amministrazione Manuale operativo Dizionario delle Forniture ICT Classe di Fornitura Gestione

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti Domanda 1 Si chiede di specificare il numero orientativo dei partecipanti ai corsi di formazione diviso per tipologia (dirigenti, utenti e personale informatico) (cfr. Capitolato capitolo 10). Risposta

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana Equivale a livello regionale al Parlamento nazionale E composto da 65 consiglieri Svolge il compito di valutare /

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 2 Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO Modulo 2 Dall Idea al Progetto 2

Dettagli

Regolamento tecnico interno

Regolamento tecnico interno Regolamento tecnico interno CAPO I Strumenti informatici e ambito legale Articolo 1. (Strumenti) 1. Ai sensi dell articolo 2, comma 5 e dell articolo 6, comma 1, l associazione si dota di una piattaforma

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Piazza Sant Eframo Vecchio, 130-80137 NAPOLITel. 0817519375FAX: 0817512716 C.M. NAIC8BT00NCodice fiscale 80022520631 e-mail: naic8bt00n@istruzione.it naic8bt00n@pec.istruzione.it

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE Esito monitoraggioal 30/09/2013 (ai sensi dell'art. 14, comma 4, lettera a ), del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.150) 1 30.09.2013 PREMESSA

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli