Introduzione L azione per lo sviluppo della cittadinanza digitale Giovanni Flore, Nicola Recchia, Miriam Tedeschi...pag. 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione L azione per lo sviluppo della cittadinanza digitale Giovanni Flore, Nicola Recchia, Miriam Tedeschi...pag. 1"

Transcript

1

2 Progetto grafico Studio Sismondo, Roma Tipografia Il Bandino, Firenze Firenze, settembre 2008

3

4 Questo volume è stato curato da FIORENZA MARTUFI Dirigente Servizio Pianificazione Strategica del Comune di Pesaro EMANUELA PRIMAVERA Referente Tecnico del progetto e_demps Comune di Pesaro Hanno collaborato GIOVANNI FLORE, NICOLA RECCHIA, MIRIAM TEDESCHI CNIPA - Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione BRUNO DENTE Consorzio Metis - Politecnico di Milano ELENA DONAGGIO Consorzio Metis Politecnico di Milano GIORGIO PAGANO ANCI e ReCS ANDREA ALEARDI Comune di Firenze FIORENZA MARTUFI, PIERO LUISI, EMANUELA PRIMAVERA Coordinamento progetto e_demps ANNA CAROLA FRESCHI Università di Bergamo ARNALDO CECCHINI, IVAN BLECIC, CLARA PUSCEDDU LAMP - Università di Sassari NICOLA SIMEONI, IGOR MAZZONE Cefriel Politecnico di Milano Hanno redatto i casi sulle sperimentazioni ANDREA ALEARDI Comune di Firenze GIORGIO PELLITTERI Comune della Spezia FIORENZA MARTUFI, EMANUELA PRIMAVERA Comune di Pesaro ELISABETTA GRILLONE Comune di Reggio Calabria STEFANO FARINA, ANNA MARIA TAGLIATI Associazione dei Comuni Copparesi

5 INDICE Premessa Introduzione L azione per lo sviluppo della cittadinanza digitale Giovanni Flore, Nicola Recchia, Miriam Tedeschi...pag. 1 PARTE PRIMA 1. Il futuro delle città tra tecnologie e partecipazione Bruno Dente, Elena Donaggio...pag Pianificazione strategica e politiche urbane Giorgio Pagano...pag La partecipazione innovata Andrea Aleardi...pag. 25 PARTE SECONDA 4. Il progetto e_demps Fiorenza Martufi, Piero Luisi, Emanuela Primavera...pag Il datawarehouse per la pianificazione strategica Elena Donaggio, Nicola Simeoni, Igor Mazzone...pag Il software ASA (Azioni Strategie Attori) Arnaldo Cecchini, Ivan Blecic, Clara Pusceddu...pag. 49 PARTE TERZA 7. Le sperimentazioni: presentazione Emanuela Primavera, Piero Luisi...pag Nuovi strumenti per la partecipazione alle scelte strategiche Andrea Aleardi...pag L ascolto e l informazione dei cittadini: questionari on line e newsletter Giorgio Pellitteri...pag Comunicare ai giovani il piano strategico: il gioco StraDe Elisabetta Grillone...pag. 69 Quaderno 2

6 11. Forme innovative di coinvolgimento e partecipazione dei cittadini Fiorenza Martufi, Emanuela Primavera...pag La partecipazione degli stakeholders al PSC Stefano Farina, Anna Maria Tagliati...pag. 83 PARTE QUARTA 13. Valutazione e conclusioni: il progetto e_demps Bruno Dente, Elena Donaggio...pag L e-democracy locale in Italia. Alcuni elementi qualitativi sulle difficoltà di attuazione della policy nazionale Anna Carola Freschi...pag. 93 PIANIFICAZIONE STRATEGICA ISTRUZIONI PER L USO

7 Premessa L e-democracy e l e-participation ovvero la partecipazione dei cittadini ai processi decisionali attraverso le nuove tecnologie è oggi un elemento di grande attenzione ai diversi livelli di governo, sia locale che nazionale che europeo. Ri-connettere, anche attraverso l uso della nuove tecnologie, cittadini e policy maker e rendere i processi decisionali più semplici e trasparenti agli occhi dei cittadini è uno degli obiettivi prioritari della politica di e-participation europea. La promozione della partecipazione dei cittadini alle attività delle pubbliche amministrazioni locali e ai loro processi decisionali, è stata al centro di un programma nazionale avviato nel Le realtà impegnate in processi di pianificazione strategica hanno inteso utilizzare questa opportunità per favorire attraverso la strumentazione ICT i processi di coinvolgimento della società civile. Il progetto E-democracy con il Piano strategico e_demps cofinanziato nel bando di e-democracy a cui hanno partecipato 21 città italiane 1 coinvolte in processi di pianificazione strategica si è quindi occupato dell individuazione, progettazione, realizzazione e utilizzo delle tecnologie di rete per favorire la partecipazione della popolazione all elaborazione e attuazione della policy. Un progetto complesso e articolato che ha visto al centro come tematiche principali, trainanti di tutto il processo, il tema delle tecnologie ICT, della partecipazione e della pianificazione strategica. Nel corso dei due anni di attività del progetto, attraverso l istituzione di appositi gruppi di lavoro, si è proceduto alla costruzione degli scenari ICT, ovvero alla definizione delle applicazioni tecnologiche, una sorta di cassetta degli attrezzi a disposizione degli Enti impegnati nell adozione di politiche di pia- 1. Hanno aderito al progetto e_demps il Comune di Pesaro (ente coordinatore), Comune di Asti, Comune di Barletta, Comune di Bolzano, Comune di Carbonia, Comune di Caserta, Comune di Catania, Comune di Cesena, Associazione dei Comuni del Copparese, Comune di Firenze, Comune di Jesi, Comune di La Spezia, Comune di Perugia, Comune di Reggio Calabria, Comune di Spoleto, Comune di Terni, Associazione Torino Internazionale, Comune di Trento, Comune di Venezia, Comune di Verona. Hanno partecipato al progetto, in qualità di istituti che garantiscono la direzione scientifica e tecnica del progetto due dipartimenti del Politecnico di Milano: Dipartimento di Architettura e Pianificazione - Consorzio Metis, che ha cooperato alla redazione di numerosi piani strategici a livello urbano e territoriale, e il Cefriel ICT (Center of excellence for research, innovation, education and industrial labs partnership), che si occupa di innovazione tecnologica anche in ambito pubblico. Alla realizzazione del progetto hanno aderito alcune importanti associazioni a livello nazionale: Cesiav, Cittadinanzattiva, Lega Autonomie Locali, SPI-CGIL. Quaderno 2 1

8 2 nificazione strategica. Il kit di tecnologie a disposizione degli Enti è stato integrato in una unica Piattaforma web denominata Piattaforma e_demps che è tutt ora a disposizione degli Enti che si sono impegnati a testarla e personalizzarla secondo le proprie specifiche esigenze. Una fase molto importante del progetto è stata quella dedicata alla sperimentazione e all utilizzo della piattaforma da parte di tutti gli Enti interessati che si sono impegnati a condividere i risultati delle singole sperimentazioni al fine di migliorare e perfezionare le soluzioni tecnologiche individuate. Un risultato significativo del progetto è stata la costituzione di una vera e propria Comunità di Pratica che, sostenuta dalla ReCS e coordinata dal Comune di Pesaro, utilizza la strumentazione informatica realizzata dal progetto (mlist e strumenti di groupware) per sostenere le attività connesse ai processi di pianificazione strategica. Questo secondo Quaderno della ReCS oltre a presentare le finalità del progetto e_demps e la sua funzionalità nei confronti delle decisioni strategiche fa il punto sugli esiti delle singole sperimentazioni dei prodotti ICT. Raccoglie anche importanti contributi sulle tematiche dell e-democracy, dell e-participation e pianificazione strategica. Nel dettaglio la prima parte evidenzia come la pianificazione strategica contribuisca a favorire lo sviluppo delle aree urbane e affronta il tema del modello di governance necessario. L intervento pone infine l accento su alcuni punti relativi all evoluzione delle forme di partecipazione in Italia. La seconda parte è dedicata al progetto e_demps: gli obiettivi, il percorso di progettazione individuato, le attività e gli strumenti realizzati. Questa parte documenta il coinvolgimento dei partner che hanno contribuito sia alla definizione dei bisogni che all individuazioni delle soluzioni. La terza parte è relativa alla sperimentazione della Piattaforma e_demps e raccoglie le esperienze dei singoli Enti che hanno avviato il percorso di personalizzazione e di utilizzo della strumentazione informatica. Infine la quarta parte contiene una valutazione conclusiva sul progetto evidenziandone i principali risultati e le possibilità di sviluppo, mettendo anche in evidenza come l evoluzione del processo si intrecci con lo stato della pianificazione strategica e con l effettiva volontà di utilizzare le tecnologie per favorire la partecipazione e lo sviluppo dell e-democracy. In questa parte vi è anche un contributo che, introducendo alcuni elementi qualitativi di valutazione, permette di collocare l esperienza di e_demps nel quadro dell attuazione della policy nazionale a sostegno della e-democracy locale. PIANIFICAZIONE STRATEGICA ISTRUZIONI PER L USO

9 Introduzione L azione per lo sviluppo della cittadinanza digitale Giovanni Flore, Nicola Recchia, Miriam Tedeschi Quaderno 2 Nell ambito della seconda fase del piano di e-government, la IV linea di azione Avviamento dei progetti per lo sviluppo della cittadinanza digitale è stata attuata mediante l emanazione di un Avviso pubblico su scala nazionale, destinato agli Enti locali (Regioni, Province, Comuni, Unioni di Comuni, Comunità Montane e Isolane). L Avviso aveva lo scopo specifico di individuare e co-finanziare progetti che, attraverso l utilizzo delle ICT, avessero come fine la promozione della partecipazione dei cittadini alle attività delle pubbliche amministrazioni locali e ai loro processi decisionali, con l obiettivo di migliorarne l efficacia, l efficienza e la condivisione da parte degli attori coinvolti. Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 86 del 13 aprile 2004, l Avviso si rivolgeva a progetti presentati da Enti locali individuali o in partenariato tra loro, finalizzati ad incidere sul ciclo di vita delle politiche locali attraverso il coinvolgimento di attori locali, interessati alle diverse fasi del suddetto ciclo, quali: associazioni di rappresentanza degli interessi produttivi e sociali, cittadini, nei loro ruoli di soggetti socio-culturali e produttivi, gruppi informali di cittadini. In tal senso, i progetti hanno fornito l analisi del contesto organizzativo, sociale e culturale nel quale si colloca l intervento, l utilizzo di tecnologie adeguate in termini di affidabilità e accessibilità, la promozione della partecipazione attiva dei cittadini, la garanzia del coinvolgimento effettivo dei decisori pubblici, la valutazione dei risultati del processo di partecipazione. Prevedendo un ammontare complessivo di ,00 di Euro, per progetti co-finanziati al massimo al 50 per cento del loro costo totale e aventi la durata massima di 24 mesi, sono stati approvati, con deliberazione del Collegio del CNIPA del 9 giugno 2005, 57 progetti ammessi al cofinanziamento (sui 129 presentati sull Avviso), dei quali solo uno, ad oggi, ha rinunciato. 3

10 E-democracy e pianificazione strategica: il progetto e_demps 4 La distribuzione dei 57 progetti ammessi per tipologia di Ente coordinatore è la seguente: la maggior parte dei progetti ammessi è dei Comuni (52%), seguiti dalle Regioni (23%), dalle Province (15%) e dalle Comunità montane (9%). Non solo: i Comuni sotto i abitanti rappresentano più della metà degli Enti ammessi al co-finanziamento. Un maggior coinvolgimento e protagonismo dei Comuni, anche di dimensioni minori, rispetto al primo avviso per la selezione di progetti di e-government (in cui la scelta più frequente è stata di aggregazioni di tipo verticale tra i diversi livelli dell amministrazione, cioè i Comuni si sono sistemati sotto il cappello di Province e Regioni), era sicuramente tra le finalità dell Avviso ed era strettamente connesso con la natura dell iniziativa. Infatti, il livello locale risulta essere particolarmente significativo per il sostegno dei processi di partecipazione, data la prossimità tra istituzioni locali e cittadini, e la possibilità di verificare direttamente i processi decisionali e i loro effetti. Ben l 85% dei progetti finanziati coinvolgono associazioni rappresentative della società civile. Sono coinvolte più di 450 fra: associazioni di categoria, associazioni di cittadini e consumatori, ONLUS, ONG, CRI, sindacati, circoli, ACLI, ARCI, Unione Industriali, UIC, ordini professionali, Pro loco, parrocchie, ecc. Un fenomeno probabilmente abbastanza scontato, ma sicuramente da sottolineare, è come i Comuni più piccoli abbiano coinvolto, per la maggior parte, associazioni del territorio non strutturate (piccole associazioni giovanili, sportive, parrocchiali, pro-loco, ambientali ecc.), mentre i Comuni di maggiori dimensioni, le Province e le Regioni, in linea generale, abbiano coinvolto associazioni e realtà più strutturate e istituzionali, in molti casi sedi locali di associazioni che operano su scala nazionale oppure organi già costituiti. Molti progetti hanno, inoltre, utilizzato l Avviso di e-democracy come occasione per valorizzare e consolidare rapporti di partenariato con attori locali e contesti di confronto già esistenti e funzionanti: è il caso delle Agende 21, che prevedono già al loro interno forum con associazioni, o delle consulte locali, oppure ancora dei comitati di quartiere. In questi casi, l e-democracy viene vista come opportunità per dare qualità tecnologica a dinamiche di partecipazione che già esistevano, con l obiettivo di valorizzarle e diffonderle. Negli ultimi anni sono cresciute, infatti, le occasioni di confronto diretto PIANIFICAZIONE STRATEGICA ISTRUZIONI PER L USO

11 INTRODUZIONE fra cittadini e istituzioni in molti ambiti delle politiche pubbliche locali, come i patti territoriali, l urbanistica partecipata, la programmazione strategica dello sviluppo, le Agende 21 e i bilanci partecipativi. Soprattutto nelle realtà più piccole, le relazioni fra cittadini e istituzioni sono in genere diffuse in ambiti decisionali direttamente legati ai problemi della qualità della vita e dell ambiente, alle prospettive di sviluppo del territorio, alla gestione dei servizi locali e agli interventi sociali. Per molte amministrazioni, l Avviso di e-democracy ha rappresentato l occasione per valorizzare queste esperienze già in atto. Questo è sicuramente uno dei motivi principali per cui ambiente e territorio, interventi sociali e urbanistica sono tra le politiche preferite dalle amministrazioni nella definizione dei 57 progetti di e-democracy. Da notare tuttavia come molti progetti si siano candidati ad attivare dinamiche di partecipazione su ambiti nuovi come tributi, tasse locali e sanità che precedentemente non erano ancora stati oggetto di sperimentazione della partecipazione dei cittadini, ma che rappresentano sicuramente nuove frontiere del confronto e del dibattito tra cittadini e Amministrazioni. Tabella 1 La distribuzione dei progetti per politiche POLITICHE TOTALE Ambiente e territorio 36 Attività economiche e produttive 23 Attività istituzionali 26 Cultura e beni culturali 25 Famiglia, interventi sociali, pari opportunità, fasce deboli 31 Lavoro e libere professioni 20 Sanità 13 Scuola, università e formazione professionale 20 Sport e tempo libero 21 Trasporti e mobilità 24 Tributi e tasse locali 11 Turismo 23 Urbanistica e lavori pubblici 30 Altro 12 Fonte: CNIPA I progetti di e-democracy hanno implementato le tecnologie per la partecipazione seguendo questa classificazione: tecnologie per l informazione, tra cui le newsletter e gli strumenti di 5 Quaderno 2

12 E-democracy e pianificazione strategica: il progetto e_demps 6 content management, attraverso i quali i cittadini hanno la possibilità di fornire informazioni alle pubbliche amministrazioni, invece che limitarsi a fruirne; tecnologie per il dialogo, tra cui i forum, le mailing list, i weblog e le chat, che sostengono sia il ruolo attivo-propositivo dei cittadini che la rilevazione qualitativa di opinioni ed esperienze. L interazione tra cittadini e istituzioni avviene attraverso le applicazioni di rete basate sullo scambio di messaggi di testo, sia che questo scambio avvenga in modo asincrono (via o compilazione di forum via Web) che sincrono (ad esempio via chat) o attraverso applicazioni che combinano vari messaggi in thread di discussione; tecnologie per la consultazione, tra cui si comprendono tutte quelle soluzioni ed esperienze secondo cui, su un insieme di opzioni pre-identificate (in diverso modo: via rete attraverso la discussione in un forum o in un ambito istituzionale quale un assemblea con i cittadini o una commissione consiliare), si pesa il consenso che tali opzioni hanno presso i cittadini. Partendo da questa classificazione, le scelte effettuate dai progetti di e- democracy restano in linea con la tradizione : la maggior parte dei progetti, infatti, non implementa soluzioni tecnologiche innovative, ma utilizza strumenti già in uso da tempo, come i forum e le mailing list. Questo risulta essere coerente con gli obiettivi dell Avviso, il cui focus non voleva essere tanto sulle ICT in quanto tali, ma sui processi partecipativi che esse abilitano. La preferenza che i progetti accordano alle tecnologie per l informazione, e in particolare alle newsletter e agli strumenti di content management che supportano lo scambio di informazioni bi-direzionale cittadini-istituzioni, è specchio della già ampia diffusione che tali soluzioni avevano nei diversi siti web delle pubbliche amministrazioni: si tratta dunque, nella maggior parte dei casi, di riuso di soluzioni tecnologiche di base già esistenti. Diverso il caso della preferenza accordata, tra le tecnologie per il dialogo proposte, ai forum: da tempo i forum di discussione erano divenuti una delle sezioni standard di molti siti web istituzionali (al pari di Chi siamo, Contatti ecc.), senza tuttavia che ci fosse un attenzione specifica alla promozione di questo strumento. I progetti di e-democracy costituiscono in questo caso l occasione per valorizzare soluzioni tecnologiche già esistenti ma, a differenza delle newsletter, utilizzate non sempre con successo ed efficacia. PIANIFICAZIONE STRATEGICA ISTRUZIONI PER L USO

13 PARTE PRIMA Già poco presenti nei siti delle pubbliche amministrazioni, weblog e chat risultano essere le tecnologie meno implementate dai progetti, in quanto richiedono una gestione più complessa, rispetto ai forum di discussione, e un maggior impegno in termini di risorse umane impiegate. I primi infatti risultano essere più impegnativi dal punto di vista della produzione di contenuti (chi li gestisce deve essere pro-attivo, cioè fornire costantemente contenuti interessanti e in grado di suscitare l interesse dei cittadini); le seconde non consentono di ponderare le risposte date ai cittadini, ma richiedono che la risposta venga fornita in un brevissimo lasso di tempo. Anche le tecnologie per la consultazione risultano essere poco implementate: si tratta infatti di un campo relativamente nuovo di sperimentazione, e le soluzioni che garantiscono l unicità e la segretezza del voto sono ancora le più costose. Tabella 2 La distribuzione dei progetti per tecnologie per la partecipazione TECNOLOGIE PER LA PARTECIPAZIONE TOTALE Tecnologie per l informazione: Newsletter 52 Cittadini come information e content provider 38 Altre tecnologie per l informazione 34 Tecnologie per il dialogo: Domande in mailbox private con risposte pubbliche 27 Forum 52 Mailing list 31 Weblog 32 Chat 18 Altre tecnologie per il dialogo 24 Tecnologie per la consultazione: Consultazioni certificate 22 Consultazioni non certificate 18 Altre tecnologie per la consultazione 28 Altre opzioni tecnologiche: CMS (Content Management System) 31 KMS (Knowledge Management System) 12 Terminali mobili e tecnologie multimediali 8 Trattamento del linguaggio naturale 4 Internet-base complex decision support 2 Altre opzioni tecnologiche 10 Fonte: CNIPA Quaderno 2 7

14 E-democracy e pianificazione strategica: il progetto e_demps A partire da ottobre 2006 è stato avviato, dal CNIPA, il processo di monitoraggio dei progetti di e-democracy. Tale processo prevede un attività specifica di pubblicazione periodica, da parte dell Area Monitoraggio e forniture ICT del CNIPA, di Rapporti di sintesi che raccolgano e commentino i dati delle attività di monitoraggio svolte. Alla data del 31 gennaio 2008, è stata effettuata una verifica dello stato di avanzamento di tutti i 56 progetti di e-democracy e, a valle di tale verifica, è stato pubblicato un Rapporto di sintesi. Riportiamo qui solo alcuni dei dati presenti nel documento. Un dato certamente significativo è che, al 31 gennaio 2008, 36 progetti di e-democracy hanno superato con successo la verifica intermedia di monitoraggio (milestone MD), 3 progetti hanno completato tutte le attività di progetto e hanno superato la verifica finale (milestone MF), e 14 progetti non hanno raggiunto la milestone MD, in quanto non hanno completato tutte le attività ad essa propedeutiche. A seguito delle verifiche effettuate, è anche possibile fornire un quadro delle politiche impattate da tutti i progetti attraverso appositi interventi e delle tecnologie effettivamente realizzate. La tabella seguente mostra quante politiche sono state impattate alla data del 31/01/2008. Tabella 3 La distribuzione dei progetti per politiche alla data del 31/01/2008 POLITICHE TOTALE Ambiente e territorio 25 Attività economiche e produttive 19 Attività istituzionali 18 Cultura e beni culturali 20 Famiglia, interventi sociali, pari opportunità, fasce deboli 23 Lavoro e libere professioni 14 Sanità 11 Scuola, università e formazione professionale 16 Sport e tempo libero 16 Trasporti e mobilità 17 Tributi e tasse locali 7 Turismo 17 Urbanistica e lavori pubblici 21 Altro 10 Fonte: CNIPA 8 PIANIFICAZIONE STRATEGICA ISTRUZIONI PER L USO

15 PARTE PRIMA Dalla tabella risulta evidente come il maggior numero di interventi siano stati effettuati negli ambiti dell urbanistica e dell ambiente e territorio da un lato, e della famiglia, interventi sociali, pari opportunità e fasce deboli dall altro. La tabella seguente mostra invece quante tecnologie per la partecipazione sono state effettivamente realizzate alla data del 31/01/2008. Tabella 4 La distribuzione dei progetti per tecnologie effettivamente realizzate alla data del 31/01/2008 TECNOLOGIE PER LA PARTECIPAZIONE TOTALE Tecnologie per l informazione: Newsletter 29 Cittadini come information e content provider 26 Altre tecnologie per l informazione 30 Tecnologie per il dialogo: Domande in mailbox private con risposte pubbliche 12 Forum 38 Mailing list 15 Weblog 18 Chat 10 Altre tecnologie per il dialogo 15 Tecnologie per la consultazione: Consultazioni certificate 9 Consultazioni non certificate 18 Altre tecnologie per la consultazione 12 Altre opzioni tecnologiche: CMS (Content Management System) 29 KMS (Knowledge Management System) 9 Terminali mobili e tecnologie multimediali 3 Trattamento del linguaggio naturale 3 Internet-base complex decision support 1 Altre opzioni tecnologiche 7 Fonte: CNIPA Quaderno 2 Le tecnologie maggiormente utilizzate sono, per l interazione, i forum e le tecnologie non certificate (tipicamente i sondaggi), e per il back-office i Content Management Systems: poco usate sono le chat e le consultazioni certificate. Per ulteriori e più dettagliate informazioni sullo stato di avanzamento dei progetti, si rimanda ai Rapporti di sintesi di monitoraggio pubblicati sul sito del CNIPA (Area governo e monitoraggio delle forniture ICT Monitoraggio PAL). 9

16 E-democracy e pianificazione strategica: il progetto e_demps Cenni bibliografici Avviso per la selezione di progetti per lo sviluppo della cittadinanza digitale (e-democracy), [on line], De Pietro L., De Cindio F., Freschi A.C., Linee guida per la promozione della cittadinanza digitale: e-democracy, Formez, Roma 2004, [on line], files/e-democracylg.pdf De Pietro L., De Cindio F., Freschi A.C., E- democracy: modelli e strumenti delle forme di partecipazione emergenti nel panorama italiano, Formez, Roma 2004, [on line], mentguid57069b689b29079e0f029d c365/2028.pdf De Pietro L., Tedeschi M., I progetti per la cittadinanza elettronica, nel III Rapporto sull Innovazione nelle regioni d Italia, Formez, Roma 2005 Flore G., Recchia N., Maio G., Tedeschi M., Monitoraggio dei progetti cofinanziati a seguito dell emissione dell avviso per la selezione di progetti per lo sviluppo della cittadinanza digitale (e-democracy), CNIPA, Roma, maggio 2007 Flore G., Recchia N., Tedeschi M., Monitoraggio dei progetti cofinanziati a seguito dell emissione dell avviso per la selezione di progetti per lo sviluppo della cittadinanza digitale (edemocracy), CNIPA, Roma, gennaio 2008 L e-government nelle Regioni e negli Enti locali: II fase di attuazione. Obiettivi, azioni e modalità di attuazione, documento approvato dalla Conferenza Unificata Stato, Regioni, Città e Autonomie Locali il 27/11/03, [on line], egov_fase2.pdf Tedeschi M., I progetti per la cittadinanza elettronica, nel IV Rapporto sull Innovazione L e-government per un federalismo efficiente. Una visione condivisa, una realizzazione cooperativa, documento elaborato dal Comitato Tecnico della Commissione Permanente per l Innovazione e le Tecnologie, pubblicato il 01/04/03, [on line], /allegati/visione_condivisa_ pdf 10 PIANIFICAZIONE STRATEGICA ISTRUZIONI PER L USO

17 PARTE PRIMA

18

19 PARTE PRIMA 1. Il futuro delle città tra tecnologie e partecipazione Bruno Dente, Elena Donaggio Il futuro delle città A partire dall inizio degli anni 90 si è assistito nel dibattito pubblico ad un importante ritorno di centralità delle aree urbane quali punti notevoli dei processi di sviluppo economico e sociale, dopo un periodo di pressoché totale assenza, convinti come si era che per favorire processi di cambiamento fosse necessario investire maggiormente nelle aree più marginali. Rispetto alle grandi città quello che si poteva immaginare era, tutt al più, che per alcune di esse fosse necessario attrezzarsi per rispondere a logiche competitive internazionali; rispetto al panorama nazionale il problema era quello di capire se alcune grandi città italiane come Roma, Milano e in parte anche Torino, sarebbero state in grado di reggere la concorrenza di Francoforte piuttosto che quella di nuove città emergenti quali Barcellona e Lione, che stavano facendo rapidi progressi. A parte quindi poche eccezioni, forse solo i programmi Urban, l idea che le politiche di sviluppo passassero per un rilancio delle politiche urbane non solo non era ovvia, ma sostanzialmente non veniva praticata. Da un decennio a questa parte invece è divenuto evidente come le politiche di sviluppo debbano confrontarsi con le problematiche proprie delle aree urbane, e cioè, ad esempio, con la forte concentrazione di lavoratori della conoscenza che esse racchiudono, ma anche con il fatto che al loro interno sono più gravi ed appariscenti i problemi della esclusione sociale, della domanda di sicurezza, eccetera. È qui allora che spesso è possibile rintracciare prassi e processi nuovi e interessanti. Da questo punto di vista i piani strategici delle città possono essere considerati a tutti gli effetti come uno degli strumenti che in questi ultimi anni ha favorito tale processo di rinascita di interesse. La pianificazione strategica L idea di dare avvio ad un processo di pianificazione strategica porta con sé la possibilità (se non la necessità) di rileggere il proprio territorio non Quaderno 2 13

20 E-democracy e pianificazione strategica: il progetto e_demps solo considerando, come è ovvio, i punti di forza ma anche ulteriori elementi che appaiono importanti. Già il solo fatto di aumentare la conoscenza delle principali caratteristiche dell area urbana rappresenta una risorsa di grande importanza per l avvio di azioni di sviluppo efficaci e innovative. Il punto che interessa mettere in luce in questa sede riguarda il ruolo, l utilità e le dimensioni su cui può incidere lo strumento del piano strategico, onde favorire processi di cambiamento e di innovazione. Le dimensioni rilevanti risultano essere tre, ed in particolare: a) la costruzione di una visione; b) l individuazione di un agenda di progetti; c) la modifica dei meccanismi di governance. 14 In primo luogo all interno di un processo di pianificazione strategica è utile a costruire quella che comunemente viene chiamata visione, ovvero un immagine, una proiezione al futuro della città. L idea sottostante è che la condivisione tra gli attori rilevanti di una immagine del futuro desiderabile dell area urbana, serva non solo a concentrare meglio gli sforzi evitando la dispersione tematica e territoriale degli investimenti in senso lato, ma anche a rendere più facile la cooperazione tra gli attori, spingendoli a superare gelosie e diffidenze sulla base della certezza di avere scopi comuni. Questa operazione rappresenta una delle tappe chiave dell intero processo e, per essere davvero efficace, deve avere alcune caratteristiche: la prima, e quella più importante, è legata al fatto che essa possa e debba essere, per quanto possibile, controintuitiva. Se la visione proposta è una visione rafforzativa dell immagine tradizionale della città essa non sembra particolarmente interessante, nella misura in cui il riaffermare ciò che è noto non permette di produrre uno scarto, rivelatosi nei casi di successo particolarmente fertile per dare avvio a percorsi di sviluppo innovativi. Se pensiamo al caso di Torino, che immagina di diventare una meta turistica, l interesse di una visione al futuro controintuitiva appare forse più chiaro. L enfasi qui è sulla necessità di un approccio fortemente innovativo, dato che non appare affatto ovvio che Torino, città da sempre legata a un immagine di città industriale e un po grigia, diventi una meta turistica. Occorre allora immaginare su quali elementi contare (ad esempio l ambiente), di quali specializzazioni dotarsi (ad esempio il Museo del PIANIFICAZIONE STRATEGICA ISTRUZIONI PER L USO

21 PARTE PRIMA Cinema o il rilancio del Museo Egizio), a quali eventi legare il lancio turistico (ad esempio le Olimpiadi Invernali del 2006 oppure le celebrazioni per i 150 anni dell Unità d Italia). Anche nel caso di Firenze la proiezione al futuro della città ha avuto questa caratteristica: Firenze non ha affermato la sua volontà di diventare una meta turistica, cosa ovvia agli occhi del mondo intero, ma ha puntato invece parte del suo sviluppo futuro sulla propria capacità di affermarsi e competere a livello nazionale ed internazionale nel campo della manifattura di qualità. La seconda dimensione rilevante è invece legata all agenda dei progetti che sostanziano e danno corpo ai piani strategici, articolati secondo la letteratura classica in linee strategiche, assi di interventi e azioni. L individuazione di azioni e progetti concreti in grado di tradurre nei fatti le linee di indirizzo per lo sviluppo del territorio può facilitare la costruzione di partnership e di coalizioni di attori e consente inoltre di monitorare e valutare l efficacia e il successo del piano stesso. È importante sottolineare la centralità di questa seconda dimensione. Senza un piano di azione, un set di azioni e progetti da avviare nel breve periodo e portare a compimento nel medio periodo, la costruzione di una visione condivisa e, come vedremo, la trasformazione dei meccanismo di governance rischiano di restare sulla carta. La capacità di identificare progetti non banali che per essere effettivamente realizzati hanno bisogno della cooperazione di attori differenti, costituisce lo snodo essenziale di qualsiasi processo di pianificazione strategica ed in ultima analisi la cartina di tornasole che consente di valutarne il successo. Senza un piano di azione efficace e soprattutto realizzato il piano strategico perde di credibilità nei confronti dei cittadini e la cooperazione tra attori differenti rischia di ricadere ai livelli precedenti se non addirittura di peggiorare. Quaderno 2 La terza dimensione, che probabilmente è la meno ovvia ma forse anche la più specialistica, è la dimensione della governance. Come tutti sappiamo all inizio degli anni 90 il sistema politico italiano, ed in particolare il sistema politico locale, ha vissuto una stagione di importanti cambiamenti: una delle innovazioni principali ha riguardato l elezione diretta del sindaco e tutto quello che ciò ha comportato in termini di mobilitazione della società civile che, approfittando di questa finestra di opportunità, è riuscita in parte a modificare una politica un 15

AN ReCS QM2 interno 100908:AN ReCS 10-09-2008 10:59 Pagina 1

AN ReCS QM2 interno 100908:AN ReCS 10-09-2008 10:59 Pagina 1 AN ReCS QM2 interno 100908:AN ReCS 10-09-2008 10:59 Pagina 1 AN ReCS QM2 interno 100908:AN ReCS 10-09-2008 10:59 Pagina 2 Progetto grafico Studio Sismondo, Roma Tipografia Il Bandino, Firenze Firenze,

Dettagli

Progetto e_demps E-democracy con il Piano Strategico

Progetto e_demps E-democracy con il Piano Strategico Progetto e_demps E-democracy con il Piano Strategico Ente Coordinatore Comune di Pesaro Dott.ssa Fiorenza Martufi Servizio Pianificazione strategica Comune di Pesaro e_demps@comune.pesaro.ps.it Fasi e

Dettagli

Progetto e_demps E-democracy con il Piano Strategico. Sintesi del processo e prodotti realizzati: la Piattaforma e_demps e le applicazioni istallate

Progetto e_demps E-democracy con il Piano Strategico. Sintesi del processo e prodotti realizzati: la Piattaforma e_demps e le applicazioni istallate Progetto e_demps E-democracy con il Piano Strategico Sintesi del processo e prodotti realizzati: la Piattaforma e_demps e le applicazioni istallate Il progetto Obiettivi: progettare, realizzare e utilizzare

Dettagli

La gestione del progetto struttura e organizzazione. Fiorenza Martufi Responsabile del progetto e-demps - Comune di Pesaro

La gestione del progetto struttura e organizzazione. Fiorenza Martufi Responsabile del progetto e-demps - Comune di Pesaro La gestione del progetto struttura e organizzazione Fiorenza Martufi Responsabile del progetto e-demps - Comune di Pesaro Parternariato e struttura organizzativa Gli enti locali - La rete Università Politecnico

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

I risultati del progetto E-democracy con il piano strategico

I risultati del progetto E-democracy con il piano strategico I risultati del progetto E-democracy con il piano strategico Da gennaio 2006 a febbraio 2008 Piero Luisi - luisi.piero@gmail.com 29 febbraio 2008 Sala W. Pierangeli - Provincia di Pesaro e Urbino Domanda:

Dettagli

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR)

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) UNA CULTURA, UNA TRADIZIONE, UN SISTEMA PRODUTTIVO LOCALE: IL CASO DI CASTELLI (TE) Indicazioni progettuali per un analisi territoriale, per un progetto di

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Città metropolitane e PON Metro

Città metropolitane e PON Metro Città metropolitane e PON Metro Corso di Pubblica Amministrazione e Sviluppo Locale Massimo La Nave 1 L area delle operazioni del PON Il pilastro del PON Metro è l identificazione dei Comuni capoluogo

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

PROGETTO TAVOLO GIOVANI

PROGETTO TAVOLO GIOVANI PROGETTO TAVOLO GIOVANI Costituzione di un Tavolo di coordinamento con le associazioni di giovani di Cinisello Balsamo e le organizzazioni sociali che compongono il mondo delle realtà giovanili locali

Dettagli

Corso di COMUNICAZIONE POLITICO-ISTITUZIONALE

Corso di COMUNICAZIONE POLITICO-ISTITUZIONALE Sapienza - Università di Roma Dipartimento di Scienze Sociali ed Economiche Corso di COMUNICAZIONE POLITICO-ISTITUZIONALE Parte 1 - Comunicazione pubblica online e partecipazione: esperienze di democrazia

Dettagli

Manifesto delle Città Metropolitane italiane

Manifesto delle Città Metropolitane italiane Manifesto delle Città Metropolitane italiane Le aree metropolitane sono il motore delle economie nazionali e hanno un ruolo sempre più rilevante negli scenari economici, sociali e istituzionali globali.

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione Forum P.A. - ROMA, 6 Maggio 2003 Vorrei utilizzare questo tempo a mia disposizione

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013 (CCI N 2007 IT 161 PO 008) Decisione della Commissione Europea C (2007) 6322 del 7 dicembre 2007

POR CALABRIA FESR 2007/2013 (CCI N 2007 IT 161 PO 008) Decisione della Commissione Europea C (2007) 6322 del 7 dicembre 2007 UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA POR CALABRIA FESR 2007/2013 (CCI N 2007 IT 161 PO 008) Decisione della Commissione Europea C (2007) 6322 del 7 dicembre 2007 ASSE I Ricerca Scientifica,

Dettagli

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO Progetto Qualità INTESA-CCA 2014-2016 Pagina 1 PROGETTO QUALITA 2014-2016 PREMESSA: Il progetto dopo il periodo di avvio e consolidamento, in base alle osservazioni poste

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. RAFFAELLA FLORIO Coordinatrice ReCS e Firenze 2010 12 maggio 2006 Buongiorno a tutti. Io sono chiamata

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

Comunicare una consultazione online

Comunicare una consultazione online Comunicare una consultazione online Questo materiale didattico è stato realizzato da Formez PA nel Progetto PerformancePA, Ambito A Linea 1, in convenzione con il Dipartimento della Funzione Pubblica,

Dettagli

La Pianificazione Strategica come strumento di governance territoriale

La Pianificazione Strategica come strumento di governance territoriale Contributo al Gruppo ASTRID su L istituzione della Città Metropolitana Gruppo di Lavoro Pianificazione Strategica urbana coordinato da Raffaella Florio, ReCS Rete delle Città Strategiche La città metropolitana

Dettagli

Auser: Sistemi di Welfare e Comunità

Auser: Sistemi di Welfare e Comunità Auser: Sistemi di Welfare e Comunità 1. Ricomporre i Bisogni della Persona Provando a declinare alcune problematiche dall'agenda sociale, sembra che il tema degli anziani, dei mutamenti demografici, delle

Dettagli

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO La vittoria della coalizione del centrosinistra alle elezioni Comunali di Milano di quest anno ha aperto uno scenario inedito che deve essere affrontato con lungimiranza e visione per riuscire a trovare

Dettagli

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE Nell'ambito dei lavori del 3 Forum "Territori in rete per lo sviluppo umano", che si è svolto a Sassari

Dettagli

Roma, 17 Giugno 2014. Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi

Roma, 17 Giugno 2014. Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi FONDI COMUNITARI 2014-2020 I FONDI EUROPEI ED IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE Roma, 17 Giugno 2014 Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi Giorgio Gemelli Resp. Funzione Progetti interterritoriali

Dettagli

Piano Strategico e Comunicazione: L esperienza di Verona. www.pianostrategico.verona.it

Piano Strategico e Comunicazione: L esperienza di Verona. www.pianostrategico.verona.it 1 Piano Strategico e Comunicazione: L esperienza di Verona L importanza della comunicazione Il Piano Strategico in quanto processo di democrazia partecipativa tende a: incrementare la partecipazione degli

Dettagli

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO COMMISSIONE 3: SERVIZI PER LO SVILUPPO LOCALE DEI TERRITORI Sintesi risultati incontro del 11 Marzo 2009 ASSISTENZA TECNICA A CURA DI: RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese

Capitolo 3. L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese Capitolo 3 L amministrazione verso i cittadini e le imprese 3.1 La comunicazione istituzionale Il Dipartimento della Funzione Pubblica si propone

Dettagli

La governance del territorio

La governance del territorio La governance del territorio Università di Pavia 2013/2014 Modulo di Sociologia Docente: Emanuele Polizzi Governo come governance Dal governo come autorità al governo come regia Non più governo dall alto,

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi Credo che intervenire per ultima, anche solo per l ordine alfabetico, in questa giornata di riflessione sul futuro della città di

Dettagli

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Armando De Crinito Direttore Generale Vicario DG Attività produttive, Ricerca e Innovazione Regione

Dettagli

Analisi del Primo Rapporto ASSINFORM sull ICT nella Pubblica Amministrazione Locale in Italia:

Analisi del Primo Rapporto ASSINFORM sull ICT nella Pubblica Amministrazione Locale in Italia: Analisi del Primo Rapporto ASSINFORM sull ICT nella Pubblica Amministrazione Locale in Italia: Le Province all avanguardia nell innovazione tecnologica! Premesse Lunedì 15 Novembre è stato presentato a

Dettagli

Strategie di Sviluppo Socio-economico Sostenibile

Strategie di Sviluppo Socio-economico Sostenibile Azioni a carattere innovativo finanziate nel quadro dell'art. 6 del regolamento relativo al Fondo Sociale Europeo, Linea di Bilancio B2-1630,"Strategie locali per l'occupazione e innovazione" Strategie

Dettagli

RIPARTIRE DALLA SOSTENIBILITA - per una nuova generazione dei Piani Territoriali di Coordinamento delle Province

RIPARTIRE DALLA SOSTENIBILITA - per una nuova generazione dei Piani Territoriali di Coordinamento delle Province Le tecniche operative solitamente applicate in questa fase sono l intervista diretta a testimoni privilegiati (telefonica e/o verbale), e la ricerca con l ausilio di internet. I testimoni privilegiati

Dettagli

CITTADINANZA ATTIVA. modo multiforme, di mobilitare risorse. modalità e strategie differenziate per. tutelare diritti, esercitando poteri e

CITTADINANZA ATTIVA. modo multiforme, di mobilitare risorse. modalità e strategie differenziate per. tutelare diritti, esercitando poteri e CITTADINANZA ATTIVA è la capacità dei cittadini di organizzarsi in modo multiforme, di mobilitare risorse umane tecniche e finanziarie, e di agire con modalità e strategie differenziate per tutelare diritti,

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà NEWSLETTER DICEMBRE 2009 IN QUESTO NUMERO... si parla di: EDITORIALE 01 La valutazione nel periodo di programmazione Fondi Strutturali 2007-2013 02 La valutazione del POR Competitività, 2007-2013 03 Il

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1. Sesso maschile femminile 2. Età anni 14-17 18-25 26-35 36-60 più di 60 3. In quale settore/i svolgi prioritariamente la tua attività? Ricerca Pubblica

Dettagli

MANUALE DI PROGETTAZIONE SOCIALE E MARKETING DELL'IMPRESA NONPROFIT

MANUALE DI PROGETTAZIONE SOCIALE E MARKETING DELL'IMPRESA NONPROFIT MANUALE DI PROGETTAZIONE SOCIALE E MARKETING DELL'IMPRESA NONPROFIT Ad uso degli operatori sociali, è ora disponibile il MANUALE DI PROGETTAZIONE SOCIALE E MARKETING DELL'IMPRESA NON PROFIT, Edizioni Ebook

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni

Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni La nostra aspettativa è creare le condizioni di una autonomia del nostro territorio riguardante il ciclo dei rifiuti, attraverso una azienda di chiaro

Dettagli

22 maggio 2013 INEA (sala Cinema, via nomentana 41, Roma

22 maggio 2013 INEA (sala Cinema, via nomentana 41, Roma 22 maggio 2013 INEA (sala Cinema, via nomentana 41, Roma Il contributo di Leader nel migliorare la governance locale: quale ruolo e quali compiti per i GAL Slide a cura di: Raffaella Di Napoli Rete Rurale

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

LA SPERIMENTAZIONE DEI PIANI LOCALI GIOVANI Sintesi e informazioni

LA SPERIMENTAZIONE DEI PIANI LOCALI GIOVANI Sintesi e informazioni LA SPERIMENTAZIONE DEI PIANI LOCALI GIOVANI Sintesi e informazioni PREMESSA La sperimentazione dei Piani Locali Giovani ha la finalità di sostenere l azione degli enti locali nel campo delle politiche

Dettagli

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia. Sintesi Rapporto finale

Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia. Sintesi Rapporto finale Dodicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia Sintesi Rapporto finale Dicembre 2010 EXECUTIVE SUMMARY Il dodicesimo rapporto della Conferenza degli Enti per il Servizio Civile si compone di due approfondimenti:

Dettagli

Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi,

Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi, Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi, nuovi presupposti di partenza che hanno portato già a

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità

ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità 9. ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità Un altra tipologia di strumentazioni di supporto alla concretizzazione di una pratica di sostenibilità, intesa prettamente

Dettagli

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.)

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Presentazione del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Roma, 18 luglio 2002 Il Forum delle imprese regolate, che oggi viene inaugurato, vuole essere un luogo permanente di consultazione e scambio

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

PRINCIPI ISPIRATORI DEL PROCESSO DI COSTRUZIONE DI UN NUOVO SISTEMA DI GOVERNANCE DELLE POLITICHE FORMATIVE IN CALABRIA

PRINCIPI ISPIRATORI DEL PROCESSO DI COSTRUZIONE DI UN NUOVO SISTEMA DI GOVERNANCE DELLE POLITICHE FORMATIVE IN CALABRIA PRINCIPI ISPIRATORI DEL PROCESSO DI COSTRUZIONE DI UN NUOVO SISTEMA DI GOVERNANCE DELLE POLITICHE FORMATIVE IN CALABRIA,QWURGX]LRQH Il processo di sussidiarietà dalla Regione alle Province in materia di

Dettagli

Il Consiglio comunale dei ragazzi.

Il Consiglio comunale dei ragazzi. Il Consiglio comunale dei ragazzi. Un Progetto per le bambine e i bambini, per i ragazzi e le ragazze tra intenzioni e scelte Premessa L Amministrazione comunale di Cento, con questo progetto, intende

Dettagli

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE Tabella A. sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Fenomeno nuove povertà e precarizzazioni sociali Precarizzazione mercato del lavoro INSICUREZZA SOCIALE E SCENARI SOCIO- ECONOMICI E DEMOGRAFICI

Dettagli

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*)

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) Claudio SCAJOLA È la prima volta che ho l occasione di incontrare tutti i Prefetti della Repubblica e ritengo

Dettagli

COMMISSIONE CONSILIARE III. Sanità e Assistenza. Seduta del 28 settembre 2011 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE MARGHERITA PERONI

COMMISSIONE CONSILIARE III. Sanità e Assistenza. Seduta del 28 settembre 2011 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE MARGHERITA PERONI COMMISSIONE CONSILIARE III Sanità e Assistenza Seduta del 28 settembre 2011 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE MARGHERITA PERONI Argomento n. 4 all ordine del giorno: ITR N. 3113 Bando per l'accesso alla "Dote

Dettagli

Le parole chiave: Per non svuotare la sussidiarietà

Le parole chiave: Per non svuotare la sussidiarietà LINEE GUIDA PER UN PATTO PER IL RICONOSCIMENTO E LA VALORIZZAZIONE DELL APPORTO DEL TERZO SETTORE ALLA RETE DI SOSTEGNO AL WELFARE DI BOLOGNA E PROVINCIA Le parole chiave: 1. SUSSIDIARIETA 2. STABILE REGIA

Dettagli

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio CoMoDo. Comunicare Moltiplica Doveri (art direction, grafica, fotografia Marco Tortoioli Ricci) Provincia di Terni in collaborazione con i Comuni della provincia Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21

Dettagli

Una piastra logistica verde per l Italia Centrale. Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Territorial Center Claudio Calvaresi

Una piastra logistica verde per l Italia Centrale. Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Territorial Center Claudio Calvaresi Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Territorial Center Claudio Calvaresi TAVOLO TECNICO ALLARGATO Jesi, 19 novembre 2009 Una immagine emergente, un futuro aperto Il territorio che abbiamo

Dettagli

RINNOVO DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI

RINNOVO DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI RINNOVO DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI OBIETTIVI E PROPOSTE dell Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bergamo Nello svolgimento dei compiti istituzionali di garanzia pubblica e di rappresentanza

Dettagli

Comune di Alzano Lombardo PROGETTO GIOVANI

Comune di Alzano Lombardo PROGETTO GIOVANI Ente titolare Comune di Alzano Lombardo Riferimenti: Ufficio Servizi alla Persona Via G.Mazzini, 69-24022 (BG) Tel. 035 4289000 Email servizi.sociali@comune.alzano.bg.it Comune di Alzano Lombardo PROGETTO

Dettagli

La costituzione degli Organismi della Partecipazione della SdS di Firenze

La costituzione degli Organismi della Partecipazione della SdS di Firenze SOCIETA DELLA SALUTE DI FIRENZE La costituzione degli Organismi della Partecipazione della SdS di Firenze Gruppo di lavoro: Andrea Aleardi Assessorato alla Partecipazione Comune di Firenze Roberto Bocchieri

Dettagli

Le fasi di un percorso di consultazione online

Le fasi di un percorso di consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Le fasi di un percorso di consultazione online Autore: Angela Creta, Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance

Dettagli

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI 1. Lavorare per progetti La parola, oltre ad avere il significato del lessico comune, significa anche approccio manageriale, soprattutto da quando

Dettagli

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE Riccardo Cappellin OS.E.L.R. - Osservatorio sulle Economie Locali e Regionali Dipartimento di Economia e Istituzioni Università di Roma "Tor Vergata"

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

INDICE. Che cosa vuol dire partecipazione. La relazione tra A21 e partecipazione dei cittadini. Lo strumento che garantisce la partecipazione in A21

INDICE. Che cosa vuol dire partecipazione. La relazione tra A21 e partecipazione dei cittadini. Lo strumento che garantisce la partecipazione in A21 INDICE CAPITOLI COSA SI RACCONTA PRESENTAZIONE DI ABCITTA PARTECIPAZIONE Che cosa vuol dire partecipazione AGENDA 21 La relazione tra A21 e partecipazione dei cittadini IL FORUM Lo strumento che garantisce

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

IL FORUM NAZIONALE DEI GIOVANI E IL SERVIZIO CIVILE

IL FORUM NAZIONALE DEI GIOVANI E IL SERVIZIO CIVILE IL E IL SERVIZIO CIVILE POSITION PAPER Approvato dall assemblea del 14-15 Dicembre 2013 INTRODUZIONE Il Forum Nazionale dei Giovani nella transizione italiana Il Forum Nazionale dei Giovani ha, in questi

Dettagli

Linee Guida Modello di gestione ambientale ECO-CLUSTER: elementi caratterizzanti il cluster

Linee Guida Modello di gestione ambientale ECO-CLUSTER: elementi caratterizzanti il cluster -EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER Linee Guida Modello di gestione ambientale ECO-CLUSTER: elementi caratterizzanti il cluster Comune di Collagna Responsabile dell azione

Dettagli

Relazione del Presidente della Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione, Professor Giovanni Tria

Relazione del Presidente della Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione, Professor Giovanni Tria DISPA Meeting of Directors of School and Institutes of Public Administration The role of Public management training in the current economic situation Madrid, 27 e 28 maggio 2010 Relazione del Presidente

Dettagli

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Autore: Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

Il Servizio Civile Nazionale: problemi e prospettive future

Il Servizio Civile Nazionale: problemi e prospettive future INTERGRUPPO PARLAMENTARE SUL TERZO SETTORE Roma, 31 luglio 2013 ore 10:00-13:00 Sala delle Colonne Via Poli, 19 Seminario Il Servizio Civile Nazionale: problemi e prospettive future Il contributo di ASC

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto".

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto. Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto". M. Fontana*, C. Felicioni** *Cultore della materia, Dip. di Psicologia

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Parma, Sala aurea C.C.I.A.A., Via Verdi 2 Gaetano Palombelli La riforma del lavoro pubblico nel contesto della riforma istituzionale

Dettagli

LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE

LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE Ricerca e innovazione in Italia. Le proposte della politica Italianieuropei intervista Maria Chiara Carrozza I ricercatori appartengono alla schiera dei potenziali innovatori.

Dettagli

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili Meeting nazionale sulle Politiche giovanili PATTO APERTO PER LA GIOVENTU Oltre la Strategia di Lisbona: la dimensione culturale nello sviluppo sostenibile Urbino 13-14-15-16 Luglio 2005 Investire nella

Dettagli

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Evoluzione del CST

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Evoluzione del CST CST Area di Taranto Assemblea dei Sindaci 19.09.2008 Evoluzione del CST 1. Introduzione Il prossimo 30 settembre 2008 termina il progetto di esercizio sperimentale dei servizi e, quindi, il Centro Servizi

Dettagli

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 ALL. A Accordo per l adesione alla fase applicativa degli Osservatori Turistici di Destinazione

Dettagli

ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- PREMESSO:

ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- PREMESSO: ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- RITORIALE DEL SISTEMA AMBIENTALE E CULTURALE DI [INSERIRE DENOMINAZIONE SAC] PREMESSO: che il Programma Operativo (PO)

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

INDICE: 1. Premessa 2. Caratteristiche generali del progetto 3. Risultati attesi 4. Finalità ed obiettivi.

INDICE: 1. Premessa 2. Caratteristiche generali del progetto 3. Risultati attesi 4. Finalità ed obiettivi. INDICE: 1. Premessa 2. Caratteristiche generali del progetto 3. Risultati attesi 4. Finalità ed obiettivi. Obiettivi generali Obiettivi specifici 5. Target: chi può partecipare 6. Progetto Pianifica T.U.:

Dettagli

Democrazia Rappresentanza e Innovazione Democratica

Democrazia Rappresentanza e Innovazione Democratica Lezioni sulla democrazia Democrazia Rappresentanza e Innovazione Democratica LUISS, Roma Lezioni sulla democrazia >> >> Livorno 28.11.2014 Livorno 28.11.2014 2 1 Di cosa parleremo 1. Che cos è la democrazia

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

Processi innovativi. (pp. 571-625 del volume) La numerazione delle tabelle riproduce quella del testo integrale

Processi innovativi. (pp. 571-625 del volume) La numerazione delle tabelle riproduce quella del testo integrale Processi innovativi (pp. 571-625 del volume) La numerazione delle tabelle riproduce quella del testo integrale Costruire i territori digitali Le analisi di Rur e Censis sulle città digitali, partendo dai

Dettagli

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020 Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione 1 Il contesto globale Accelerazione e intensificazione delle

Dettagli