Appalto a procedura aperta, ai sensi del d. lgs. 163/2006, per la realizzazione di un portale per il confronto dei preventivi relativi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Appalto a procedura aperta, ai sensi del d. lgs. 163/2006, per la realizzazione di un portale per il confronto dei preventivi relativi"

Transcript

1 Appalto a procedura aperta, ai sensi del d. lgs. 163/2006, all assicurazione obbligatoria per la responsabilità civile auto CAPITOLATO TECNICO Capitolato Tecnico Pagina 1 6 agosto 2007

2 INDICE 1. PREMESSA Quadro normativo e finalità del servizio richiesto Presentazione dell ISVAP Presentazione del Ministero dello Sviluppo Economico - Direzione Generale per l Armonizzazione del Mercato e la Tutela dei Consumatori Obiettivi del Progetto OGGETTO DELLA FORNITURA Composizione della fornitura La realizzazione del portale L architettura del sistema La realizzazione dell applicazione web La formazione La manutenzione Manutenzione tecnica - Garanzia Manutenzione applicativa Manutenzione evolutiva Ambienti Livelli di Servizio Esclusioni REQUISITI DELLA FORNITURA Requisiti funzionali generali del portale La struttura del portale A Area informativa: la home page del portale B Area di confronto dei preventivi C Area FAQ Aggiornamento dei parametri di personalizzazione MODALITÀ DI ESECUZIONE DELLA FORNITURA Durata del progetto e vincoli temporali Project Management Modalità di esecuzione dei servizi, deliverables di progetto, tempi di consegna e modalità di accettazione Gruppo di lavoro Luogo di lavoro Collaudo, fatturazione e pagamento...22 Capitolato Tecnico Pagina 2 6 agosto 2007

3 1. Premessa 1.1 Quadro normativo e finalità del servizio richiesto Le imprese di assicurazione esercenti in Italia l assicurazione obbligatoria per la r.c.auto sono già tenute, in base alla normativa vigente ed alle istruzioni di vigilanza, a disporre di un servizio gratuito di preventivazione personalizzata, reso disponibile per il consumatore sui siti internet aziendali e presso ogni punto vendita delle singole imprese. La legge 23 dicembre 2000, n. 388, concernente Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato e, in particolare, l art.148, comma 1, ha previsto che le entrate derivanti dalle sanzioni amministrative irrogate dall Autorità garante della concorrenza e del mercato siano destinate ad iniziative a vantaggio dei consumatori. Il decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 18 dicembre 2006 ha individuato le iniziative di cui al suddetto art.148, comma 1; in particolare, in relazione alle specifiche finalità di cui all art. 5, comma 3, viene prevista l assegnazione di risorse finanziarie pari a complessive ,00 (euro trecentomila) al fine di consentire al singolo consumatore di ottenere facilmente e direttamente, anche su sito web, la confrontabilità e la comparazione dei preventivi offerti dalle compagnie assicurative a parità di garanzie offerte. In data 28 dicembre 2006 è stata stipulata un apposita convenzione tra l Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo (nel seguito, ISVAP) ed Ministero dello Sviluppo Economico - Direzione Generale per l Armonizzazione Mercato e la Tutela dei Consumatori (nel seguito, MiSE), per la realizzazione di un software per l elaborazione dei dati relativi ai premi r.c.auto, al fine di accrescere il livello di informazione dell utenza consentendo al singolo consumatore di confrontare agevolmente ed in via diretta, mediante accesso ad un apposito portale web, i preventivi che, a parità di garanzie offerte, le diverse compagnie assicurative propongono in relazione al profilo di rischio considerato. In proposito, l art.5, comma 3, della legge 2 aprile 2007, n. 40, ha modificato l art.136 del Codice delle Assicurazioni, prevedendo che il Ministero dello Sviluppo Economico utilizzi il sistema tariffario completo organizzato dall ISVAP, sulla base dei dati forniti dalle imprese di assicurazione, per realizzare un servizio informativo, anche tramite il proprio sito internet, che consenta al consumatore di comparare le tariffe applicate dalle diverse imprese relativamente al proprio profilo individuale. 1.2 Presentazione dell ISVAP L'ISVAP - Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo (di seguito Autorità) - è un Ente dotato di personalità giuridica di diritto pubblico istituito con Legge 12 agosto 1982, n. 576 per l'esercizio di funzioni di vigilanza nei confronti delle imprese di assicurazione e riassicurazione nonché di tutti gli altri soggetti sottoposti alla disciplina sulle assicurazioni private, compresi gli agenti e i mediatori di assicurazione. L attività svolta dall Autorità si sostanzia principalmente in: vigilanza di tipo documentale ed ispettivo su tutti i soggetti vigilati; Capitolato Tecnico Pagina 3 6 agosto 2007

4 trattazione dei reclami presentati dall utenza e dalle associazioni dei consumatori; partecipazioni ad organismi internazionali; studi settoriali; organizzazione e tenuta della banca dati sinistri r.c. auto; repressione dell abusivismo. L unica sede dell Autorità è sita in Roma Via del Quirinale 21. L Autorità dispone di un sito internet istituzionale accessibile a tutti, che offre: un area informativa sull Autorità ed i suoi organi; un area dedicata al consumatore con alcune informazioni utili per comprendere meglio le caratteristiche delle polizze assicurative; un area dedicata alle imprese, accessibile attraverso userid e password, dalla quale gli operatori delle compagnie assicuratrici effettuano il download di file e/o modelli utilizzati per facilitare la raccolta di informazioni statistiche richieste dall ISVAP; una banca dati consultabile di tutte le imprese che operano nel territorio italiano, delle imprese in liquidazione, degli intermediari e dei periti; una sezione dedicata ai documenti in pubblica consultazione, alla normativa di riferimento, ai provvedimenti, alle circolari, alle lettere al mercato ed alla normativa europea; una sezione contenente le pubblicazioni ufficiali e le statistiche assicurative; una sezione contenente i comunicati stampa e i bandi di gara. 1.3 Presentazione del Ministero dello Sviluppo Economico - Direzione Generale per l Armonizzazione del Mercato e la Tutela dei Consumatori Il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, - via Molise, 2, dispone di un sito internet istituzionale che offre informazioni e servizi sull intera attività istituzionale di tutte le Direzioni Generali. In particolare, l'attività della Direzione Generale per l Armonizzazione del Mercato e la Tutela dei Consumatori è dedicata alla tutela degli interessi e dei diritti dei consumatori e degli utenti mediante proposte ed elaborazioni di politiche e normative in sede nazionale e comunitarie ed attraverso iniziative volte a garantire la sicurezza dei prodotti, la fede pubblica, la trasparenza dei mercati e la semplificazione delle norme che li regolano. La Direzione inoltre garantisce il funzionamento del Consiglio Nazionale dei Consumatori e degli Utenti e la tenuta dell'elenco delle associazioni dei consumatori maggiormente rappresentative. 1.4 Obiettivi del Progetto L obiettivo del progetto è realizzare un portale web che consenta agli utenti di ottenere e confrontare con un'unica sessione di collegamento ad internet, tutti i preventivi offerti dalle compagnie operanti nel mercato italiano della responsabilità civile auto in relazione al proprio profilo di rischio. Il portale dovrà esere raggiungibile attraverso un link denominato Preventivatore unico RCA da rendere disponibile sui siti istituzionali del MiSE e dell ISVAP. Capitolato Tecnico Pagina 4 6 agosto 2007

5 L utente, una volta inseriti i dati relativi al proprio profilo di rischio in relazione ai parametri tariffari richiesti, riceverà un report contenente tutti i preventivi di prezzo offerti dalle compagnie operanti in Italia, ordinati per convenienza economica. 2. Oggetto della fornitura Per la realizzazione degli obiettivi indicati, l ISVAP ha bandito una gara europea a procedura aperta per selezionare il fornitore al quale verrà affidata la realizzazione del portale e l erogazione dei servizi accessori come di seguito indicato. 2.1 Composizione della fornitura Oggetto della fornitura è l erogazione dei seguenti servizi: 1. Disegno, analisi, sviluppo, test e avvio del sistema. La realizzazione e la messa in esercizio del portale che costituisce la componente principale della fornitura prevede in dettaglio: la definizione della soluzione architetturale (logica e fisica) del sistema, utilizzando la piattaforma hardware e software dei prodotti di base e applicativi di riferimento adottate dal Ministero dello Sviluppo Economico; l installazione, la configurazione e l avvio del software di base necessario all attivazione del sistema secondo le funzionalità descritte nel successivo capitolo 3; l analisi, lo sviluppo, il test e il collaudo delle componenti software applicative del sistema e della base dati per la registrazione dei dati inseriti dall utente tramite form secondo le funzionalità descritte nel successivo capitolo 3; l installazione, la configurazione e l avvio delle componenti software applicative del sistema secondo le funzionalità descritte nel successivo capitolo 3; ogni altro intervento operativo e tecnico per l avvio del sistema. 2. Formazione, per una durata minima di 10 (dieci) giorni, tramite training on the job per il personale del MiSE, operativo e tecnico, che prenderà in carico il sistema e fornirà l assistenza agli utenti finali tramite un servizio di help desk; 3. Servizi di manutenzione. Una volta collaudato e messo in esercizio il portale, il fornitore dovrà garantire i seguenti servizi di manutenzione: manutenzione tecnica ovvero garanzia del software sviluppato per un periodo di 36 mesi; manutenzione applicativa per l aggiornamento dei parametri di personalizzazione utilizzati dalle imprese ai fini del preventivo (modifica dei form di acquisizione dati e relativa modifica dei tracciati XML di scambio dei flussi con le compagnie) e aggiornamento periodico dei contenuti dell area FAQ per un periodo di 12 mesi; manutenzione evolutiva per un minimo di 50 gg/u da utilizzare a consumo per richieste di sviluppo di nuove funzionalità sull applicazione. Capitolato Tecnico Pagina 5 6 agosto 2007

6 2.2 La realizzazione del portale L architettura del sistema Come indicato in precedenza, la realizzazione e la messa in esercizio del portale costituisce la componente principale della fornitura. Non fa parte del contratto la fornitura di alcuna componente hardware e il software di base in quanto l intera architettura tecnica e di sicurezza sarà messa a disposizione dal MiSE. Nell offerta, il fornitore dovrà comunque proporre il disegno di dettaglio dell architettura tecnica e applicativa del sistema indicando le soluzioni di configurazione ritenute necessarie al fine di realizzare la massima integrazione possibile dell applicazione che verrà sviluppata con l infrastruttura tecnica e di sicurezza messa a disposizione. Di seguito, sono riportate le caratteristiche tecniche dell hardware e del software che sarà messo a disposizione, di cui il fornitore dovrà tener conto nella progettazione del portale: Caratteristiche tecniche server N 2 server gemelli, configurati in high availability - HP ProLiant DL385R AMD Opteron 250 2,4 Ghz - Ram 2 Gb - HD 72.8 Gb Ultra 320 SCSI 10,000 rpm. Per ciascuna delle due macchine è previsto il seguente up-grade: un secondo processore, Ram fino a 16Gb e un HD di almeno 150 Gb. S.O. e software di base Red Hat Enterprise LINUX ES release 4 (Nahant) Apache 2.0 MYSQL 54.0 PHP 4.3 Sendmail 8.13 heartbeat heartbeat-pils heartbeat-stonith (software configurazione high availability) la configurazione prevede un IP Virtuale e due IP fisici delle due macchine (un server attivo e uno passivo) Servizi applicativi già presenti sui Server Le applicazioni in produzione sui server individuati dal MiSE sono: 1. Prezzi dei carburanti consigliati dalle compagnie (applicazione PHP); 2. Sito Cittadino Consumatore pagine html. Per quanto riguarda la situazione del server attivo (CABMON01) è la seguente: l utilizzo di CPU risulta essere al di sotto del 10%, non esiste paginazione e mediamente l utilizzo della memoria (2GB) è intorno al 90%; lo spazio disco risulta così ripartito: root 6%, boot 11%, 60Gb liberi Da statistiche fornite sugli accessi ai servizi sopra indicati, nell arco degli ultimi dieci mesi, sono state registrate circa visite. Capitolato Tecnico Pagina 6 6 agosto 2007

7 Configurazione rete Per quanto riguarda la configurazione della rete i server sono posizionati in una LAN interna protetti da un sistema di firewall interposto fra la RUPA ed il MiSE. La porta di rete utilizzata, rispondente agli standard della P.A. italiana, è attualmente raggiungibile attraverso la rete RUPA ed a breve attraverso il Sistema di Connettività Nazionale con una banda pari a 100 Mb/sec. Di seguito viene riportata una rappresentazione grafica dell infrastruttura di riferimento del sistema da realizzare: Figura 1 - infrastruttura di riferimento Il MiSE dispone delle strutture tecniche di supporto per gestire in via autonoma il sistema oggetto della fornitura e di un sistema di HelpDesk per la raccolta delle richieste di intervento. Il personale addetto all HelpDesk provvederà a ricevere, filtrare ed inoltrare al fornitore i problemi tecnici non risolti al primo livello. Capitolato Tecnico Pagina 7 6 agosto 2007

8 2.2.2 La realizzazione dell applicazione web Le principali attività che il fornitore dovrà garantire nella realizzazione dell applicazione, sono: - l analisi e lo sviluppo delle componenti software applicative secondo le funzionalità descritte nel successivo capitolo 3; - l analisi dei dati oggetto di scambio dei flussi XML tra compagnie e MiSE; - il disegno del modello logico e fisico dei dati; - lo sviluppo delle procedure di creazione, caricamento e gestione del Database sul quale verranno memorizzati i dati; - la configurazione in rete dei sistemi e delle postazioni di lavoro in collaborazione col personale del cliente; - l installazione e la configurazione delle componenti software (di base e applicativo) per il collaudo; - l installazione e l avvio in produzione; - la realizzazione di una guida operativa (comprensiva di help on line) e di un manuale di gestione del sistema per il personale, operativo e tecnico del MiSE che sarà dedicato al servizio di help desk per gli utenti finali. 2.3 La formazione La formazione al personale, operativo e tecnico, del MiSE si dovrà svolgere tramite la metodologia del Training on the job per un periodo minimo di 10 giorni. Durante tale periodo i tecnici del fornitore affiancheranno gli addetti del cliente per addestrarli all uso del sistema stesso. Tale personale sarà utilizzato come supporto HelpDesk per gli utenti finali. 2.4 La manutenzione In aggiunta alla realizzazione del portale, il fornitore dovrà erogare i servizi di manutenzione di seguito indicati Manutenzione tecnica - Garanzia Il servizio in oggetto ha lo scopo di ripristinare il corretto funzionamento dei componenti software forniti anche attraverso interventi on-site. Il servizio di manutenzione tecnica correttiva in garanzia è richiesto per un minimo di 36 mesi dalla data del collaudo con esito positivo. Il fornitore, nell offerta, potrà eventualmente proporre un prolungamento di tale servizio. Tutti i prodotti collaudati facenti parte della fornitura e precisamente: applicazione sviluppata e modificata in corso d opera; base dati; documentazione a corredo; dovranno rientrare nella suddetta garanzia per la correzione di eventuali difetti. Sono di seguito riportate in dettaglio le attività previste per il servizio di manutenzione tecnica correttiva: Capitolato Tecnico Pagina 8 6 agosto 2007

9 manutenzione correttiva di tutte le componenti software dell applicazione sviluppata; supporto per diagnosi ed eliminazione dei problemi relativi al software sviluppato, supporto on site in caso di reinstallazione del prodotto e/o di modifiche correttive; supporto telefonico al personale HelpDesk del MiSE in caso di malfunzionamenti riscontrati sull applicazione dall utente e non risolvibili direttamente dal personale del cliente; report periodici (mensili) sull utilizzo del servizio e dei problemi riscontrati, con registrazione dei tempi di intervento per la risoluzione degli stessi. Il servizio descritto sarà attivato esclusivamente dal personale HelpDesk del MiSE. L intervento on site dovrà esser garantito entro 8 ore lavorative e verrà certificato dal cliente firmando l apposito modulo di intervento. Il supporto e gli eventuali interventi di manutenzione on site si svolgeranno secondo il seguente orario di lavoro: Lun-Ven Sabato e prefestivi Domeniche e festivi 8:00-19:00 Su richiesta Su richiesta In sintesi il servizio sopra dettagliato prevede la seguente ripartizione delle responsabilità: HelpDesk di primo livello Attività Richiesta d intervento di supporto Supporto telefonico al personale HelpDesk del cliente Installazioni di aggiornamenti del software sviluppato Diagnosi ed eliminazione dei problemi software, comprensiva di installazione di eventuali patch; Report periodici sull utilizzo del servizio Responsabile MiSE MiSE fornitore fornitore fornitore fornitore Manutenzione applicativa Sull applicazione realizzata, il fornitore dovrà garantire un servizio di manutenzione applicativa volta principalmente a: aggiornare i parametri di personalizzazione utilizzati dalla singola impresa ai fini della preventivazione e richiesti in input dall applicazione; apportare eventuali modifiche all applicazione relative ai diversi parametri forniti che potrebbero avere impatto sui form definiti per l acquisizione dati da parte degli utenti; ridefinizione dei tracciati XML di scambio di informazioni con le imprese; alimentazione della sezione dell area FAQ. Capitolato Tecnico Pagina 9 6 agosto 2007

10 Il servizio di manutenzione applicativa è richiesta per un minimo di 12 mesi dalla data del collaudo con esito positivo. Il fornitore, nell offerta, potrà eventualmente proporre un prolungamento di tale servizio. Il servizio descritto sarà attivato esclusivamente dall ISVAP sia nei casi di modifica delle strutture tariffarie delle imprese, sia nei casi in cui si renderà necessario provvedere all alimentazione dell area FAQ. Il servizio dovrà essere erogato dal Fornitore entro 3 (tre) giorni lavorativi a partire dalla richiesta dell ISVAP. L avvenuta prestazione sarà certificata dall ISVAP con l apposito modulo di intervento Manutenzione evolutiva Per soddisfare le esigenze legate all implementazione di nuove funzionalità o alla modifica di funzionalità rilasciate dopo il collaudo dell applicazione è richiesto un plafond di 50 gg/u da utilizzare a consumo. Il fornitore, nell offerta, potrà eventualmente offrire un numero di giornate uomo superiore al quantitativo minimo indicato. In relazione agli interventi di manutenzione evolutiva che l ISVAP richiederà al fornitore, quest ultimo procederà ad un analisi preliminare volta a quantificare il numero di gg/u necessari; tale valutazione dovrà essere preventivamente approvata dall ISVAP Ambienti Il fornitore dovrà mettere a disposizione del MiSE un ambiente di sviluppo, test e collaudo separato dall ambiente di produzione. Per tutta la durata del contratto (36 mesi) l ambiente di sviluppo, test e collaudo potrà essere installato su hardware del fornitore; in tal caso dovrà comunque essere consentito l accesso ad ISVAP e MiSE per i collaudi necessari. Al termine del periodo di manutenzione correttiva l ambiente di test, sviluppo e collaudo dovrà comunque essere consegnato al MiSE Livelli di Servizio Nell erogazione dei servizi sopra elencati il fornitore dovrà garantire il rispetto dei livelli di servizio minimi di seguito descritti. INDICATORE Tempestività di ripristino delle funzionalità software per interventi di manutenzione tecnica correttiva Tempestività di aggiornamento dei parametri di personalizzazione (manutenzione applicativa) Tempestività di aggiornamento della sezione del portale FAQ SOGLIA Tempo dalla chiamata dell Help Desk alla soluzione inferiore a 8 ore lavorative nel 99% dei casi Tempo dalla trasmissione dei nuovi parametri alla modifica del software non superiore ai 3 giorni lavorativi nel 95% dei casi Tempo dalla trasmissione degli aggiornamenti alla modifica del portale non superiore ai 3 giorni lavorativi nel 95% Capitolato Tecnico Pagina 10 6 agosto 2007

11 Il periodo di osservazione, ai fini della verifica del rispetto dei livelli minimi, è trimestrale. Il tempo di intervento è calcolato a partire dalla chiamata del personale HelpDesk del MiSE al responsabile del fornitore che si occupa del supporto per la manutenzione tecnica e applicativa. 2.5 Esclusioni Sono espressamente escluse dalla fornitura i seguenti prodotti e servizi: fornitura di componenti hardware (salvo accordi specifici); sostituzione di componenti hardware rotte (salvo accordi specifici); licenze software necessari alla funzionalità descritta (salvo accordi specifici); costi per connettività telefonica o per trasporto dati; consumi elettrici; materiali di consumo. 3. Requisiti della fornitura 3.1 Requisiti funzionali generali del portale Il fornitore dovrà progettare e realizzare un applicazione web based in grado di assicurare il raggiungimento degli obiettivi generali indicati al precedente paragrafo 1.4. del presente Capitolato Tecnico. L applicazione dovrà connettersi in automatico con i singoli sistemi di preventivazione operanti sui siti internet di tutte le compagnie che all attualità esercitano il ramo r.c.auto attraverso un servizio web che rilevi i dati inseriti dall utente sul portale. In prospettiva il sistema dovrà garantire capacità di aggiornamento delle connessioni con i singoli sistemi di preventivazione e relativi parametri in funzione dell ingresso/uscita dal mercato delle imprese operanti nel ramo r.c.auto. L applicazione riceverà in risposta, da ciascuno dei siti chiamati, il preventivo di una polizza r.c.auto sulla base dei dati inseriti dall utente; l applicazione provvederà quindi a confrontare tra loro i diversi preventivi ed a fornire all utente un report nel quale tutti i preventivi saranno ordinati secondo criteri di convenienza economica e riporterà ulteriori informazioni riguardanti il numero identificativo del preventivo ed il relativo termine di validità. Lo scambio di informazioni tra il portale ed i sistemi di preventivazione in uso presso le compagnie dovrà essere implementato mediante l utilizzo di flussi XML. Tale scelta è stata già condivisa con le compagnie, che a loro volta dovranno adeguare i loro siti per ricevere ed inoltrare in risposta tali flussi. L applicazione non dovrà, pertanto, disporre di alcun motore o algoritmo di calcolo o tariffazione in quanto l effettivo calcolo del preventivo avverrà al di fuori del portale di cui si chiede la realizzazione e precisamente nell ambito di ciascun sistema delle compagnie. Capitolato Tecnico Pagina 11 6 agosto 2007

12 Nel realizzare l applicazione, che sarà raggiungibile attraverso il link Preventivatore Unico RCA disponibile sui siti istituzionali del MiSE e dell ISVAP, il fornitore dovrà tener conto anche delle attuali caratteristiche strutturali e di grafica dei citati siti. Anche se l esatta definizione dei requisiti funzionali dell applicazione e del portale nel suo complesso avverrà nel corso del progetto, di seguito si forniscono una serie di indicazioni di carattere minimale sulla struttura che dovrà caratterizzare il portale, sulle informazioni (parametri tariffari) che dovranno costituire le maschere di input dell applicazione nonché su alcune funzionalità più specifiche dell applicazione stessa. Il fornitore nell offerta potrà proporre e suggerire altre aree e/o sezioni del portale così come funzionalità aggiuntive dell applicazione nell ottica di rendere sempre più agevole il confronto dei preventivi offerti dalle compagnie operanti in Italia, in relazione ad uno specifico profilo di rischio. 3.2 La struttura del portale Il portale dovrà essere costituito da almeno 3 aree principali: A Area informativa: finalità, funzionalità e regole di accesso al sito B Area di confronto dei preventivi C Area FAQ A Area informativa: la home page del portale Nella home page dovranno essere sinteticamente descritti le finalità dell iniziativa, il ruolo di ISVAP e del MiSE, nonché il funzionamento del portale stesso. Nelle informazioni iniziali dovrà essere dato il dovuto risalto ai documenti dei quali è necessario disporre per utilizzare il sistema: attestato di rischio e libretto di circolazione del veicolo. Dovrà essere altresì evidenziato che i preventivi che saranno generati dal sistema dipendono strettamente dalla correttezza dei parametri immessi dall utente, in quanto un solo dato non corretto potrebbe determinare una variazione, anche sensibile, dell output prezzo. Inoltre, dovrà essere indicato che per avere conoscenza delle condizioni generali e della nota informativa dei prodotti delle singole imprese, l utente dovrà prenderne visione direttamente sui siti internet o presso i punti vendita delle stesse. Il contenuto informativo della home page sarà fornito dall ISVAP durante la fase di realizzazione del progetto. Le specifiche grafiche e la relativa progettazione delle immagini grafiche del sito (layout del sito) dovranno tener conto delle caratteristiche del format stabilito dall ISVAP e dal MiSE, nel pieno rispetto degli standard W3C e WAI 1. Dalla home page dovrà essere possibile accedere, in modo semplice ed intuitivo, alle altre aree del sito. 1 Standard W3C - WAI: Il codice deve essere sviluppato rendendo il portale usufruibile da parte di tutti gli utilizzatori (utenti finali) indipendentemente dal sistema operativo e browser utilizzato e rendendolo consultabile anche da parte di disabili. Capitolato Tecnico Pagina 12 6 agosto 2007

13 3.2.2 B Area di confronto dei preventivi L area di confronto dei preventivi è il cuore del portale. Tale sezione ospiterà tutta la parte dell applicazione che, attraverso un percorso guidato, condurrà l utente ad inserire tutti i dati richiesti al fine di ottenere i preventivi di tutte le imprese, che saranno poi ordinati in base a criteri di convenienza economica. Al fine impedire l utilizzo professionale del portale da parte di agenti, broker, ecc. e la diffusione di informazioni sensibili delle compagnie, il sistema dovrà disporre di un sistema di autenticazione mediante l uso di credenziali di accesso userid basate sull indirizzo dell utente. L applicazione dovrà prevedere una sequenza di form (schermate) che rendano il più semplice possibile il processo di acquisizione delle informazioni. L immissione delle informazioni relative al profilo dovrà comunque garantire l anonimato del singolo utente. L intero percorso di acquisizione dei dati dovrà essere supportato da una guida interattiva (help on line) che consenta la piena comprensione, anche ad utenti poco esperti, di tutti i parametri tariffari richiesti. Durante la fase di analisi dell applicazione il fornitore, in collaborazione con il gruppo di lavoro ISVAP/MiSE che seguirà il progetto, dovrà definire l esatta composizione dei form per l acquisizione dei dati, attraverso lo studio di tutte le strutture tariffarie utilizzate dalle compagnie operanti nel mercato r.c.auto. Il sistema dovrà tener conto dell universo dei parametri tariffari utilizzati dalle imprese presenti sul mercato, considerando che alcuni parametri sono comuni a tutte le imprese mentre altri sono utilizzati solo da alcune. La documentazione relativa alle strutture tariffarie sarà messa a disposizione del fornitore da parte dell ISVAP. Tuttavia, al fine di fornire una prima indicazione sui parametri tariffari più comunemente utilizzati dalle compagnie di assicurazione, e di come potrebbero essere organizzati i form per l acquisizione dei dati di seguito si riporta l elenco dei principali parametri oggettivi (relativi al veicolo) e soggettivi (relativi all assicurato): a. informazioni sull assicurato sesso età stato civile presenza di figli minorenni in famiglia provincia di residenza comune di residenza numero di veicoli posseduti dalla famiglia professione anzianità di patente b. informazioni su tutti i possibili conducenti diversi dall assicurato: sesso età anzianità di patente stato civile c. informazioni sul veicolo data di immatricolazione alimentazione Capitolato Tecnico Pagina 13 6 agosto 2007

14 cavalli fiscali potenza in KW massa in kg turbo carrozzeria gancio di traino ABS airbag guidatore airbag passeggero controllo trazione controllo stabilità in alternativa è possibile indicare marca, modello e allestimento del veicolo ed utilizzare a livello di software una banca dati pubblica con tutte le caratteristiche tecniche richieste; d. informazioni sulle abitudini di guida percorrenza annua punti sulla patente sospensione della patente uso del veicolo (privato; privato/lavoro) e. informazioni sul nuovo contratto data di decorrenza della polizza massimale. Inoltre, affinché l utente possa indirizzare correttamente la sua scelta, è necessario conoscere se il contratto prevede: limitazioni di guida in funzione del conducente (es. guida esclusiva, guida per conducenti maggiori di 25 anni, ) rivalse (es. guida con patente scaduta, guida in stato di ebbrezza, ). Tutte le informazioni inserite dall utente dovranno essere memorizzate in un DB in modo da evitarne la dispersione e consentirne il recupero nella successiva sessione di lavoro sia nel caso che l utente decida di interrompere volontariamente l immissione dei dati nei form sia nel caso che si verifichi un improvvisa indisponibilità del sistema. In ogni caso l applicazione dovrà consentire all utente di effettuare una nuova richiesta utilizzando, in modifica, le informazioni precedentemente inserite nell ultima sessione effettuata. La sessione di lavoro attivata da ciascun utente fino al completamento del processo di invio dei flussi e ricezione della risposte dovrà essere registrata memorizzando su DB oltre ai dati inseriti nei form anche le informazioni necessarie (ad esempio: userid, indirizzo e- mail, IP-address, sessione di richiesta: id, data, ora, sessione di risposta: id, data, ora, n. compagnie interessate, ecc.) per poter effettuare delle semplici analisi sull utilizzo del portale da parte degli utenti finali con produzione di report. Terminata l immissione dei dati da parte dell utente, l applicazione provvederà ad inviare ai preventivatori delle singole imprese, tramite un unico flusso XML, la richiesta di quotazione del preventivo. Ciascuna impresa, utilizzerà i dati di propria competenza, eventualmente dopo averli trasformati per renderli compatibili con le codifiche interne utilizzate. Capitolato Tecnico Pagina 14 6 agosto 2007

15 Una volta ricevuto l input le imprese provvederanno ad effettuare il calcolo e risponderanno con l invio del preventivo (flusso XML di risposta) strutturato in modo uniforme e contenente almeno le seguenti informazioni: Numero del riferimento del preventivo, Periodo di validità del preventivo e Premio calcolato. Il numero di riferimento del preventivo consentirà, infatti, all utente collegandosi al sito della compagnia prescelta, di richiamare il suo preventivo, evidenziare le caratteristiche salienti del prodotto ed eventualmente procedere all acquisto della polizza. L applicazione, prima di procedere al confronto dei preventivi e di formare la graduatoria dei prezzi in ordine di convenienza decrescente, dovrà pertanto attendere che tutte le imprese abbiano fornito una risposta. Le richieste effettuate dall utente e le relative risposte dovranno essere memorizzate su DB per poter effettuare analisi sull utilizzo del portale, nonché analisi sui dati relativi ai diversi parametri tariffari utilizzati dal mercato. Poichè i tempi di risposta del sistema (che dipendono dall infrastruttura di rete, dal numero di utenti finali che lo utilizzano e, non da ultimo, dai tempi di risposta dei singoli preventivatori) potrebbero essere elevati (indicativamente dell ordine di qualche minuto), è necessario prevedere le seguenti alternative: 1. risposta via , all indirizzo specificato al momento della registrazione al servizio, attraverso l invio di un report preformattato in formato PDF contenente le stesse informazioni sui preventivi; 2. risposta in tempo reale. In fase di avvio del sistema sarà adottata la prima soluzione, salvo verificare, nel corso della operatività, la possibilità di optare per la risposta in tempo reale dopo aver analizzato il numero delle richieste ricevute e i tempi di risposta dei singoli siti delle imprese e della rete. Tutte le informazioni riguardanti i preventivi delle singole compagnie potranno essere stampate dall utente C Area FAQ L area delle FAQ, ovvero le Frequently Asked Questions, dovrà presentare una serie di domande e risposte relative al tema specifico del preventivo RC Auto. In quest area dovrà essere prevista sia una sezione nella quale l utente potrà inserire le sue question sia una sezione dove potrà consultare le FAQ effettuando una ricerca o per data o per oggetto. Sarà cura dell ISVAP fornire periodicamente le risposte ai quesiti posti dagli utenti e l applicazione dovrà prevedere un interfaccia WEB facilmente utilizzabile attraverso una funzione semplice e immediata per aggiornare tali contenuti. 3.3 Aggiornamento dei parametri di personalizzazione Il portale realizzato dovrà essere sufficientemente flessibile da garantire l immediato aggiornamento in relazione alle eventuali modifiche nei parametri di personalizzazione utilizzati dalle imprese ai fini del preventivo. La frequenza e la numerosità di tali modifiche non è preventivabile a priori, essendo rimessa alla libera determinazione delle imprese Capitolato Tecnico Pagina 15 6 agosto 2007

16 stesse, ovvero alla variazione del numero delle imprese operanti nel ramo r.c.auto, come indicato al paragrafo 3.1 del presente Capitolato Tecnico. Al riguardo dovrà essere fornita un interfaccia WEB facilmente utilizzabile per configurare, consultare e modificare l universo dei parametri di personalizzazione utilizzati dalle compagnie per il calcolo del preventivo e delle informazioni ad esso collegate. L adeguamento dell applicazione a seguito di modifiche dei parametri di personalizzazione rientra nei servizi di manutenzione applicativa che come indicato al precedente capitolo 2 è richiesta per un minimo di 12 mesi. 4. Modalità di esecuzione della fornitura 4.1 Durata del progetto e vincoli temporali Il contratto, la cui efficacia decorre dalla data della sottoscrizione, avrà una durata così determinata: a) la durata massima prevista per la realizzazione e la messa in esercizio del portale è fissata in 8 mesi solari dalla data di stipula del contratto. Nell offerta, il fornitore potrà proporre un piano di lavoro che preveda la riduzione del tempo di realizzazione del portale; b) la durata minima prevista della garanzia su quanto realizzato è fissata in 36 mesi solari dal collaudo positivo. Nell offerta, il fornitore potrà proporre un estensione di tale periodo di garanzia oltre il termine indicato. c) la durata minima prevista della manutenzione applicativa è fissata in 12 mesi solari dal collaudo positivo. Nell offerta, il fornitore potrà proporre un estensione di tale servizio oltre il termine indicato. La data di stipula del contratto coincide con la Data Inizio Lavori (DIL). Di seguito si riporta l elenco delle macro attività (fasi) che dovranno costituire l articolazione minimale del Piano Generale di Lavoro (di seguito PGL) di cui viene richiesta la presentazione in sede di offerta tecnica. Per ciascuna fase il fornitore dovrà indicare il dettaglio delle attività e i tempi previsti di realizzazione, nel rispetto delle durate sopra indicate e dei milestone di progetto. NR. MACRO ATTIVITA 1 Data Inizio Lavori (milestone) 2 Pianificazione del progetto 3 Disegno della soluzione architetturale 4 Realizzazione del sistema 5 Installazione infrastruttura hw/sw di base 6 Interazione con le imprese di assicurazione 7 Collaudo dell applicazione realizzata 8 Formazione (training on the job) al personale del MiSE 9 Avvio in produzione dell'applicazione realizzata (milestone) 10 Manutenzione applicativa 11 Manutenzione tecnica 12 Manutenzione evolutiva Capitolato Tecnico Pagina 16 6 agosto 2007

17 Nella fase di pianificazione il fornitore dovrà provvedere, di concerto con l ISVAP, alla taratura del PGL presentato in sede di offerta tecnica; entro e non oltre 15 giorni lavorativi dalla data di inizio lavori dovrà essere consegnato il PGL definitivo. Nella fase di disegno, il MiSE renderà disponibile l infrastruttura tecnica individuata (piattaforma hardware, infrastruttura di rete, prodotti di base e applicativi necessari per la realizzazione del sistema) per permettere al fornitore di definire nel dettaglio la soluzione architetturale del sistema; al riguardo, il fornitore potrà formulare eventuali proposte in ordine alla corretta configurazione dell intero sistema. Nella fase di realizzazione del sistema il fornitore dovrà procedere all analisi dei dati delle compagnie per lo scambio dei flussi XML, al disegno logico e fisico del data base, all analisi ed allo sviluppo dell applicazione web sulla base del PGL. Durante l analisi e lo sviluppo potranno eventualmente essere concordati con ISVAP dei rilasci parziali dell applicazione, per la verifica puntuale dello stato avanzamento dei lavori e eventuali modifiche al PGL se motivate e giustificate. L ISVAP renderà disponibili le informazioni di dettaglio fornite dalle imprese di assicurazione in merito ai parametri da loro utilizzati nel calcolo delle tariffe; durante tale fase sarà necessaria un interazione con le compagnie per meglio definire il protocollo di scambio delle informazioni e tutti i prerequisiti tecnici che dovranno essere adottati sia da parte del fornitore nella fase di analisi e sviluppo sia da parte delle compagnie stesse per adattare i loro sistemi di preventivazione. Al fine di consentire alle imprese i necessari interventi ed adeguamenti sui loro siti/sistemi ed in modo tale che questi possano essere fasati, dal punto di vista temporale, con la messa in esercizio del portale, al termine della fase di analisi il fornitore dovrà produrre un documento riportante tutte le specifiche dei parametri tariffari che saranno gestiti dall applicazione (codifiche standardizzate, regole di naming etc.). Tale documento, che una volta approvato dall ISVAP sarà portato a conoscenza di tutte le imprese, dovrà essere realizzato non oltre 3 mesi solari dalla data di inizio lavori (DIL). Sarà poi cura del fornitore installare e configurare l infrastruttura tecnica definita nella fase di disegno che servirà per accogliere l applicazione web sviluppata, raggiungibile dai siti istituzionali del MiSE e dell ISVAP, al fine di eseguire sia i test applicativi sia i test di performance legati al dimensionamento dei sistemi HW/SW installati. Durante la fase di test dell applicazione e dell infrastruttura sarà necessario il coinvolgimento delle compagnie che sarà propedeutico al collaudo finale integrato di tutte le componenti software della fornitura. Successivamente sarà cura del fornitore effettuare il rilascio in produzione del sistema completo concordando con ISVAP e MiSE tempistica e modalità. Nel periodo di manutenzione (che decorre dalla data del collaudo con esito positivo), il fornitore dovrà erogare i seguenti servizi: servizio di manutenzione tecnica (garanzia), le cui caratteristiche sono descritte al paragrafo 2.4.1; servizio di manutenzione applicativa, le cui caratteristiche generali sono descritte al paragrafo ; Capitolato Tecnico Pagina 17 6 agosto 2007

18 servizio di manutenzione evolutiva, le cui caratteristiche sono descritte al paragrafo Project Management L esecuzione ed il controllo della fornitura deve avvenire utilizzando come strumento di riferimento il PGL, gestendo nel continuo la pianificazione e la rendicontazione delle attività e fornendo in allegato eventuali pianificazioni di dettaglio relative a specifici servizi della fornitura. La pianificazione di ogni attività (piano di lavoro con attività, tempi, stime di impegno) dovrà essere predisposta dal fornitore nei seguenti momenti: alla presentazione dell Offerta Tecnica per l intero progetto in formato preliminare; alla data T1 a 20 gg lavorativi dalla data di inizio lavori dell intero progetto; all inizio della realizzazione del sistema: attività di analisi e sviluppo, con dettaglio almeno mensile di tutte le attività; successivamente sarà cura del fornitore comunicare e concordare ogni eventuale ripianificazione delle attività, aggiornando il PGL. Il PGL ed ogni sua modifica o integrazione verranno sottoposti ad approvazione formale da parte dell ISVAP. Il PGL e le sue modifiche, come formalizzate nei verbali, rappresentano l impegno del fornitore, accettato da ISVAP, su stime, tempificazione delle attività e relative date di consegna dei prodotti. Il fornitore dovrà predisporre i documenti di Stato Avanzamento Lavori (SAL), con cadenza almeno mensile o secondo la diversa frequenza e modalità che verrà stabilita di concerto con l ISVAP in fase di start up del progetto. Nel documento di SAL il fornitore dovrà fornire indicazioni: sulle attività concluse ed in corso, sulle eventuali criticità/ritardi, sulle relative azioni di recupero e razionali dello scostamento. Se necessario il fornitore dovrà predisporre un piano di contenimento dei rischi volto ad individuare le azioni alternative da intraprendere nel caso le attività di sviluppo non dovessero svolgersi nei tempi e nei modi predefiniti; per ogni attività, anche quelle a corpo, dovrà essere predisposta la rendicontazione analitica delle figure professionali ovvero delle risorse impiegate; sulla consuntivazione delle attività, che dovrà essere predisposta per ciascun servizio erogato. Le eventuali osservazioni sui contenuti di tale documento e le conseguenti modifiche saranno formalizzate sotto forma di verbale o altra comunicazione scritta. I documenti di SAL sono soggetti ad approvazione formale da parte dell ISVAP. In ogni caso sarà cura del fornitore predisporre e aggiornare tempestivamente il PGL relativo alla fornitura, in funzione delle variazioni intervenute, in modo da riflettere il reale stato delle attività, a preventivo e a consuntivo. I prodotti previsti nell ambito del progetto dovranno essere consegnati secondo le date indicate nel piano di lavoro ed essere conformi ai requisiti concordati. Capitolato Tecnico Pagina 18 6 agosto 2007

19 4.3 Modalità di esecuzione dei servizi, deliverables di progetto, tempi di consegna e modalità di accettazione. Nel corso della fase di start up (pianificazione del progetto) l ISVAP provvederà a nominare il proprio responsabile del progetto che sarà il referente del capo progetto del fornitore indicato in fase di offerta. Il capo progetto del fornitore sarà il responsabile unico per gli aspetti connessi alla realizzazione del sistema, per ogni aspetto contrattuale riguardante la fornitura stessa e per i rapporti con ISVAP e MiSE. Tutto il materiale prodotto nel corso dell esecuzione della fornitura sarà di esclusiva proprietà del MiSE che ne potrà disporre liberamente. I prodotti di ciascun servizio dovranno essere consegnati secondo le date indicate nel PGL. La tabella seguente riporta la lista di prodotti da consegnare obbligatoriamente per ciascun servizio: ID DESCRIZIONE DELIVERABLES RICHIESTI n.a. 1 Governo e controllo della fornitura Progettazione e realizzazione del Portale Piano di lavoro generale Pianificazione attività di dettaglio SAL Requisiti utente Specifiche funzionali dei parametri tariffari Architettura applicativa di dettaglio Disegno logico-fisico della base dati Specifiche funzionali dell applicazione Piano di test Documentazione operativa per installazione/ esercizio Manuale di gestione amministrativa Codice Sorgente Documentazione Dati di Progetto (parametri, modelli dati, ecc.) APPROVAZIONE NECESSARIA SI SI Formazione del personale del MiSE Manutenzione tecnica Manutenzione applicativa Manutenzione evolutiva Manuale utente Procedure di governo della manutenzione tecnica Ripristino funzionalità Procedura di governo della manutenzione applicativa Procedura di governo della manutenzione evolutiva SI SI SI SI I prodotti previsti dovranno essere consegnati all ISVAP secondo la tempificazione definita nel piano di lavoro. Per quanto riguarda la documentazione, questa sarà consegnata in formato cartaceo e su CD (per i file sorgenti dei documenti), accompagnata da lettera descrittiva dei prodotti consegnati. Capitolato Tecnico Pagina 19 6 agosto 2007

20 Per ogni componente installato (non presente inizialmente sull infrastruttura HW/SW del MiSE) dovrà essere fornita tutta la documentazione ufficiale prevista dal produttore. La documentazione dovrà essere redatta in lingua italiana, o in subordine in lingua inglese, e dovrà essere fornita su supporto cartaceo (manuali) e elettronico (CD-ROM), anche nel formato sorgente dei singoli tool utilizzati. Tutta la documentazione dovrà essere consegnata a livello di aggiornamento di intero documento e non per le sole parti variate in conseguenza del singolo obiettivo, dando inoltre evidenza di come individuare le modifiche effettuate. Per ciascun prodotto oggetto di consegna il fornitore è tenuto a rispettare i vincoli temporali definiti a priori o nel PGL presentato. ISVAP approverà tutti i documenti secondo due modalità alternative: entro 15gg lavorativi per quelli più complessi, entro 10gg lavorativi per quelli più semplici o comunque ripetitivi. In linea generale l approvazione come pure gli eventuali rilievi dell ISVAP verranno formalizzati per iscritto, assegnando inoltre il termine per la consegna delle modifiche: salvo diversa pattuizione, le modifiche richieste ai prodotti ed ai documenti dovranno essere ripresentate entro 10gg lavorativi dalla formalizzazione da parte dell ISVAP. Non è prevista approvazione per tacito assenso. La presenza di anomalie che non consentano lo svolgimento delle attività di verifica interromperà il termine per l approvazione, che decorrerà ex novo dalla consegna della versione corretta dei prodotti. Nel caso in cui all interno di una fase siano previsti più prodotti, questi potranno essere approvati singolarmente, fermo restando che tutti i prodotti previsti dovranno essere approvati perché sia possibile dichiarare conclusa la fase. I documenti di pianificazione attività di dettaglio dovranno essere presentati entro 10gg lavorativi dalla richiesta di attivazione da parte dell ISVAP. I documenti di SAL e consuntivazione dovranno essere presentati entro 10gg lavorativi successivi al termine del mese di riferimento. Nella tabella seguente si riporta l elenco dei prodotti previsti con i relativi tempi di consegna e tempi di approvazione. PRODOTTI Piano di lavoro generale Pianificazione attività di dettaglio SAL TEMPI DI CONSEGNA DEL FORNITORE Entro 20gg lavorativi da stipula del contratto Entro 10gg lavorativi dalla richiesta Entro 10gg lavorativi dal termine del mese di riferimento TEMPI DI APPROVAZIONE DELL ISVAP 15gg lavorativi 10gg lavorativi 10gg lavorativi Capitolato Tecnico Pagina 20 6 agosto 2007

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

Profilo Commerciale Collabor@

Profilo Commerciale Collabor@ Profilo Commerciale Collabor@ 1. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO E REQUISITI Collabor@ è un servizio di web conferenza basato sulla piattaforma Cisco WebEx, che consente di organizzare e svolgere riunioni web,

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO CONVENZIONE POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO FOR INSURANCE BROKER SRL, Società di Brokeraggio con sede principale a Castelfranco V.to, Ha stipulato con i

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti Domanda 1 Si chiede di specificare il numero orientativo dei partecipanti ai corsi di formazione diviso per tipologia (dirigenti, utenti e personale informatico) (cfr. Capitolato capitolo 10). Risposta

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO CONSIP S.p.A. APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO Manuale d uso del programma Base Informativa di Gestione (BIG), utilizzato per la raccolta delle segnalazioni ed il monitoraggio delle attività di gestione

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Guida al primo accesso sul SIAN

Guida al primo accesso sul SIAN Guida al primo accesso sul SIAN Il presente documento illustra le modalità operative per il primo accesso al sian e l attivazione dell utenza per poter fruire dei servizi presenti nella parte privata del

Dettagli

L Azienda che comunica in tempo reale

L Azienda che comunica in tempo reale Il servizio gestionale SaaS INNOVATIVO per la gestione delle PMI Negli ultimi anni si sta verificando un insieme di cambiamenti nel panorama delle aziende L Azienda che comunica in tempo reale La competizione

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

Dizionario delle Forniture ICT

Dizionario delle Forniture ICT Linee guida sulla qualità dei beni e dei servizi ICT per la definizione ed il governo dei contratti della Pubblica Amministrazione Manuale operativo Dizionario delle Forniture ICT Classe di Fornitura Gestione

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

GESTIONE DELLA PROCEDURA

GESTIONE DELLA PROCEDURA Manuale di supporto all utilizzo di Sintel per Stazione Appaltante GESTIONE DELLA PROCEDURA Data pubblicazione: 17/06/2015 Pagina 1 di 41 INDICE 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo e campo di applicazione...

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it izticket Il programma izticket permette la gestione delle chiamate di intervento tecnico. E un applicazione web, basata su un potente application server java, testata con i più diffusi browser (quali Firefox,

Dettagli

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL SITAR RS - SISTEMA INFORMATIVO TELEMATICO DEGLI APPALTI REGIONALI. della Regione Siciliana -

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL SITAR RS - SISTEMA INFORMATIVO TELEMATICO DEGLI APPALTI REGIONALI. della Regione Siciliana - Assessorato Regionale delle Infrastrutture e della Mobilità OSSERVATORIO REGIONALE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via Camillo Camilliani, 87 90145 PALERMO LINEE GUIDA PER L UTILIZZO

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Simplex Gestione Hotel

Simplex Gestione Hotel Simplex Gestione Hotel Revisione documento 01-2012 Questo documento contiene le istruzioni per l'utilizzo del software Simplex Gestione Hotel. E' consentita la riproduzione e la distribuzione da parte

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Email Ras - CARROZZIERI Pag. 1 di 17 Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Notizie Generali Email Ras - CARROZZIERI Pag. 2 di 17 1.1 Protocollo Gruppo RAS Questo opuscolo e riferito al Protocollo

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

G e s t i o n e U t e n z e C N R

G e s t i o n e U t e n z e C N R u t e n t i. c n r. i t G e s t i o n e U t e n z e C N R G U I D A U T E N T E Versione 1.1 Aurelio D Amico (Marzo 2013) Consiglio Nazionale delle Ricerche - Sistemi informativi - Roma utenti.cnr.it -

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2011 Progetto Istanze On Line 21 febbraio 2011 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 PROGETTO ISTANZE ON LINE... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

Figura 1 - Schermata principale di Login

Figura 1 - Schermata principale di Login MONITOR ON LINE Infracom Italia ha realizzato uno strumento a disposizione dei Clienti che permette a questi di avere sotto controllo in maniera semplice e veloce tutti i dati relativi alla spesa del traffico

Dettagli

www.leasys.com Marketing & Comunicazione Servizio di infomobilità e telediagnosi - 23/01/2014

www.leasys.com Marketing & Comunicazione Servizio di infomobilità e telediagnosi - 23/01/2014 Servizio di Infomobilità e Telediagnosi Indice 3 Leasys I Care: i Vantaggi dell Infomobilità I Servizi Report di Crash Recupero del veicolo rubato Blocco di avviamento del motore Crash management Piattaforma

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa standard Valida dal: 17.09.2013 Distribuzione: pubblica Indice 1. Scopo... 4 2. Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

ECM SUITE: GESTIONE CREDITI ECM AL 100%

ECM SUITE: GESTIONE CREDITI ECM AL 100% ECM Suite ECM SUITE: GESTIONE CREDITI ECM AL 100% ECM Suite è una moderna piattaforma gestionale, web based (ovvero ad utenze gestionali illimitate, nessun acquisto di singole licenze client e/o server),

Dettagli

CIRCOLARE N.3. J't?UM?/.:ce

CIRCOLARE N.3. J't?UM?/.:ce ~ ~ ID: 292415 MEF - RGS - Prot. 2565 del 14/01/2015 - U ' J/tn~o ~//'g'cononu;a, e~~ w::- J't?UM?/.:ce DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO!SPETTO RATO GENERALE DEL BILANCIO UFFICIO II -

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2014 Progetto Istanze On Line 09 aprile 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 GESTIONE DELL UTENZA... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

le parti concordano e stipulano quanto segue

le parti concordano e stipulano quanto segue Logo Prefettura Logo Ufficio Scolastico Regionale BOZZA PROTOCOLLO DI INTESA tra Il Prefetto di.. nella persona del dott.. e il Direttore dell Ufficio Scolastico Regionale di.,. nella persona del dott....,

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO

CONTRATTO DI SERVIZIO Il presente contratto si basa su un accordo quadro stipulato fra l Associazione provinciale delle organizzazioni turistiche dell'alto Adige (LTS), le Associazioni e i Consorzi turistici dell Alto Adige

Dettagli

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Il presente documento applica il Regolamento sulla gestione delle segnalazioni e dei reclami

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND

MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND Progettisti dentro e oltre l impresa MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND Pag 1 di 31 INTRODUZIONE Questo documento ha lo scopo di illustrare le modalità di installazione e configurazione dell

Dettagli

Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1

Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1 Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1 Easy-TO è il software professionale per il Tour Operator moderno. Progettato e distribuito in Italia e all estero da Travel Software srl (Milano), un partner

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive 1 MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive Cos è un servizio di e-learning SaaS, multimediale, interattivo

Dettagli

Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali

Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali Art. 1 Definizioni 1.1 Ai fini del presente provvedimento si applicano le seguenti definizioni:

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA Roma 9 marzo 2015 Prot. n. 45-15 001407 All.ti n. Alle Imprese di assicurazione con sede legale in Italia che esercitano la r.c.

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2013 Progetto Istanze On Line ESAMI DI STATO ACQUISIZIONE MODELLO ES-1 ON-LINE 18 Febbraio 2013 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 COMPILAZIONE DEL MODULO

Dettagli

Web Solution 2011 EUR

Web Solution 2011 EUR Via Macaggi, 17 int.14 16121 Genova - Italy - Tel. +39 010 591926 /010 4074703 Fax +39 010 4206799 Cod. fisc. e Partita IVA 03365050107 Cap. soc. 10.400,00 C.C.I.A.A. 338455 Iscr. Trib. 58109 www.libertyline.com

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Listino Gennaio 2001 pag. 1 Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Profilo aziendale Chi è il Gruppo Queen.it Pag. 2 Listino connettività Listino Connettività RTC Pag. 3 Listino Connettività

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana 1. Definizioni 1.1 I termini con la lettera iniziale maiuscola impiegati nelle presenti Condizioni Generali Parte II si intendono usati salvo diversa

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli