AESAEC. La cornice concettuale di riferimento del programma formativo AESAEC

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AESAEC. La cornice concettuale di riferimento del programma formativo AESAEC"

Transcript

1 AESAEC Cittadini europei in età avanzata attivi per una cittadinanza attiva a livello europeo La cornice concettuale di riferimento del programma formativo AESAEC 2010

2

3

4

5 Il progetto AESAEC (Project No LLP-AT-GRUNDTVIG-GMP) è stato finanziato con il contributo della Commissione europea, rappresentata dalla DG Educazione e cultura. Questa pubblicazione riflette unicamente il punto di vista degli autori/del gruppo di progetto e, né la Commissione europea né la DG possono essere ritenute responsabili per l uso che può essere fatto delle informazioni in essa contenute.

6

7 Sommario Part A: Pedagogical Concept I. La cornice concettuale di riferimento del programma formativo AESAEC Dušana Findeisen (Slovenian 3 rd Age University, Ljubljana/SI) 11 9 I.1. Introduzione I.2. Verso la comprensione dell età avanzata, i bisogni e le necessità dei cittadini in età avanzata e il loro ruolo attivo nella comunità I.3. La società in via di trasformazione I.4. Conclusione II. Risultati del progetto IANUS e loro importanza per il progetto formativo AESAEC Patrizia Giorio (FormAzione CO&SO Network, Firenze/IT) III. Apprendimento in una sede autentica, apprendimento multi-sensoriale e apprendimento attraverso il fare come elementi pedagogici innovativi nel concetto formativo AESAEC Michael Schwaiger (Auxilium, Graz/AT) III.1. Introduzione III.2. Apprendimento in una sede autentica III.3. Apprendimento multi-sensoriale Part B: Learner's Manual III.4. Apprendimento attraverso il fare Modulo 1 L Unione Europea e la sua rilevanza per i cittadini più anziani Dušana Findeisen (Slovenian 3 rd Age University, Ljubljana/SI) 29 Modulo 2 - Il Concetto di Cittadinanza attiva europea e la sua importanza per i cittadini più anziani Steffen Hartje (Fritid&Samfund/DK) Perché la CAE è importante per i cittadini appartenenti al gruppo dei più anziani? Il ruolo della società civile nello sviluppo della CAE Sviluppo di nuove comunità nell EU Riflessioni sulle possibilità di coinvolgimento nella CAE nel futuro 49 Modulo 3 Il Programma Europa per i Cittadini (ECP) e la sua rilevanza per la CAE e per i Cittadini 52 5

8 Teresa Diaz Bello/Yolanda Mates (ASAEL/ES) 3.1. Il Programma Europa per i Cittadini L azione 1 del Programma Europa per i Cittadini e la sua rilevanza per la CAE e per i cittadini senior 3.3. L azione 2 del Programma Europa per i Cittadini e la sua rilevanza per la CAE e per i cittadini senior 3.4. L azione 3 del Programma Europa per i Cittadini e la sua rilevanza per la CAE e per i cittadini senior 3.5. L azione 4 del Programma Europa per i Cittadini e la sua rilevanza per la CAE e per i cittadini senior Serbatoi di pensiero (Think Tanks) 62 Modulo 4 - L iniziativa Grundtvig per Volontari senior in Europa (GIVE) e la sua rilevanza per la CAE e per i cittadini senior Csilla Lázár (Soros Educational Center Foundation/RO) Il Programma di Apprendimento permanente ed il sotto-programma Grundtvig Il volontariato come forma di cittadinanza attiva Programmi di scambio di volontariato dei senior GIVE - Iniziativa per il volontariato in Europa dei cittadini senior 78 Modulo 5 - L arte di scrivere un progetto di successo prima parte: contenuti linguistici Max Reisinger/ Katrin Meister (VHS Graz/AT) Michael Schwaiger (Auxilium/AT) Considerazioni generali sulla comunicazione Lavorare con i testi e scrivere un formulario La psicologia della pubblicità si incontra con la scrittura di un formulario 92 Modulo 6 - L arte di scrivere un progetto di successo seconda parte: contenuti tecnici Bettina Bussi/Patrizia Giorio (CO & SO Network/IT) Come costruire il gruppo di progetto Il project plan The evaluation plan 107 6

9 6.4. The dissemination plan The Project budget 112 Modulo 7 - Come gestire e rendicontare un progetto Michael Schwaiger (AUXILIUM/AT) Considerazioni prima di cominciare il lavoro relativo al progetto Incontri di progetto e visite internazionali Monitoraggio e valutazione Disseminazione e valorizzazione 135 AESAEC - Glossario 139 7

10 8

11 Sezione A: Pedagogico Concetto 9

12 10

13 La cornice concettuale di riferimento I. La cornice concettuale di riferimento del programma formativo AE- SAEC (Dušana Findeisen, Slovenian Università della Terza età, Ljubljana/SI) I.1. Introduzione Il progetto AESAEC è incentrato sull idea che le persone in età avanzata debbano essere considerate membri attivi delle comunità locali, nazionali e della comunità europea, a dispetto del fatto che spesso sono condizionate dagli stereotipi sociali che le riguardano e tendono a pensare che non sia compito loro intervenire nella vita della comunità. Noi crediamo fermamente che le persone in età avanzata dovrebbero essere coinvolte nei processi decisionali che riguardano loro e le altre generazioni; crediamo anche che la formazione continua sia importante in età avanzata, dal momento che ha un forte impatto sia sul discente che sulla comunità nel suo complesso. Inoltre, quando il processo di apprendimento e di formazione ha luogo nell ambito di progetti europei organizzati dagli stessi cittadini in età avanzata, l impatto è ancora maggiore. Il progetto AESAEC include lo sviluppo di un programma formativo per i cittadini in età avanzata che li obbliga: a cambiare l immagine sociale di loro stessi come parte poco attiva e partecipativa della comunità, liberandosi dagli stereotipi che riguardano la loro posizione nella società a capire meglio i loro bisogni ed esigenze e la necessità di legami intergenerazionali (solidarietà, convivenza e collaborazione tra generazioni) ad acquisire familiarità con le istituzioni e le politiche europee relative ai bisogni e alle esigenze delle persone in età avanzata come conseguenza della formazione, i cittadini in età avanzata dovrebbero essere in grado di pianificare un progetto europeo e di chiedere un finanziamento e - auspicabilmente - di metterlo poi in atto. Ogni tipo di progetto formativo per le persone in età avanzata ha, naturalmente, il suo argomento specifico. Ma ogni tipo di formazione in età avanzata è anche, allo stesso tempo, formazione alla responsabilizzazione. Pertanto formatori, mentori e discenti impegnati in progetti formativi sono interessati a capire meglio che cosa potrebbe e dovrebbe essere l età avanzata nell Europa contemporanea. Ci sono diversi modi per aumentare la consapevolezza relativa ai principali cambiamenti sociali e all impatto che essi hanno sulle relazioni intergenerazionali; la consapevolezza relativa alla posizione professionale dei lavoratori in età avanzata, alla loro flessibilità e sicurezza, alla lotta contro le barriere dovute all età sul lavoro, al diritto di lavorare e ricevere una pensione, all invecchiamento attivo nel senso più ampio del termine, al pensionamento facoltativo o obbligatorio, al tempo strutturato in età avanzata, all opportunità di collaborare con altre generazioni, alle attività di volontariato, alle politiche sull età avanzata, ai vari stili di vita durante la pensione e l età avanzata etc. 11

14 Pertanto abbiamo pensato che la cornice concettuale di riferimento del progetto formativo AESAEC dovrebbe includere non solo la conoscenza delle istituzioni e delle politiche europee relative alle persone in età avanzata e la conoscenza di come è costruito un progetto europeo. Abbiamo pensato che i discenti in età avanzata coinvolti nella preparazione di un formulario per un progetto europeo dovrebbero cominciare ad aumentare la consapevolezza di se stessi e della loro posizione nella società e anche imparare di più su come contribuire a un miglioramento della società nel suo complesso. I.2. Verso la comprensione dell età avanzata, i bisogni e le necessità dei cittadini in età avanzata e il loro ruolo attivo nella comunità In molti paesi europei l età avanzata non è emersa come una questione politica e sociale fino agli anni Cinquanta. Dopo la Seconda guerra mondiale, l Europa era interessata soprattutto a riparare ai danni del conflitto e guardava al futuro delle nuove generazioni, spesso dimenticando le vecchie. Le persone in età avanzata venivano rappresentate, in accordo con gli stereotipi sociali, come passive e non interessate ad alcun tipo di partecipazione sociale. Nel progetto AESAEC siamo interessati ai nuovi atteggiamenti europei verso le persone anziane e ai nuovi approcci europei alla partecipazione dei cittadini più anziani nella vita della comunità e alla formazione associata con essa. Inoltre, siamo interessati a esempi di buone pratiche in questo campo come una fonte di apprendimento. Un cittadino in età avanzata attivo, pronto a scrivere un progetto europeo, a preparare un formulario ed eventualmente a mettere in atto il progetto, qualora questo venga approvato, dovrebbe conoscere i progetti di riferimento esistenti e soprattutto dovrebbe conoscere i valori e i concetti che riguardano le persone in età avanzata, il loro stile di vita, gli schemi pensionistici, le politiche per un invecchiamento attivo e simili, il diritto alla pensione e al lavoro, il diritto alla sicurezza sociale, alla sicurezza flessibile ecc. Inoltre, dovrebbe essere informato anche sulle istituzioni e le politiche che riguardano le persone in età avanzata e la loro relazione con altre generazioni, nonché le più importanti organizzazioni non-governative che si occupano di questioni riguardanti le persone in età avanzata. Dovrebbe essere consapevole del fatto che le persone in età avanzata non sono tutte uguali, ma sono anzi tutte diverse, più diverse dei membri delle generazioni più giovani, e pertanto dovrebbe difendere il loro diritto a essere diverso, ad avere un proprio stile di vita, a essere trattato in modo differenziato dalle politiche ecc. Non tutte le persone in età avanzata sono malate e il loro invecchiamento non è necessariamente patologico, ma piuttosto normale; non tutte le persone in età avanzata sono povere, incapaci o analfabete. Un cittadino in età avanzata dovrebbe pertanto ribellarsi allo stereotipo della debolezza e della dipendenza delle persone anziane adottato da molte politiche, dai media, dai rapporti pubblici e da altri testi relativi alla vita in età avanzata. Inoltre, non tutte le persone in età avanzata sono nonni ma ricoprono diversi ruoli sociali. Possono essere lavoratori, volontari, discenti ecc. Differiscono a seconda del loro status sociale. Hanno bisogni 12

15 La cornice concettuale di riferimento diversi a seconda che abbiano un lavoro o no, che siano volontari o no, che vivano da soli o in famiglia, che abbiano un compagno/a o no, che siano riusciti o meno a creare una rete di rapporti sociali, grande o piccola che sia, e che in questa rete siano incluse anche persone più giovani, che sia una fonte di supporto emotivo e di informazione e che sia una rete aperta oppure costituita principalmente solo da familiari. Le persone in età avanzata sono diverse a seconda che abbiano o meno problemi di salute, che siano uomini o donne, che abbiano o meno un buon livello di istruzione. Sono diverse perché il corso della loro vita e i loro ruoli sociali sono stati diversi. Hanno un diverso stile di vita. Sono diverse secondo questi o altri criteri, ma le differenze dovute all età di per sé non li rendono così diversi. L età può essere un importante fattore per i giovani nella fase della crescita, ma non per gli adulti! È arrivato il momento di liberarci dai nostri stereotipi sulle persone in età avanzata. Anche le politiche relative alle persone anziane non sono libere da questi stereotipi e un cittadino in età avanzata che pianifica un progetto europeo dovrebbe esserne consapevole e non dovrebbe ripeterli a sua volta nello scrivere un progetto. Questo non è un compito facile dal momento che gli stereotipi sull età avanzata spesso sono consolidati proprio dai diretti interessati. Consolidare gli stereotipi non aiuta a creare una nuova immagine delle persone in età avanzata che sono impegnate nelle questioni riguardanti la comunità e che contribuiscono alla realizzazione di diverse politiche. Combattere gli stereotipi può essere un compito importante da affrontare da parte dei progetti europei che riguardano le persone in età avanzata. Tali progetti dovrebbero essere ambiziosi, accompagnati da intense campagne di disseminazione e dovrebbero essere, possibilmente, intergenerazionali. Le persone anziane non dovrebbero essere guardate con ammirazione solo perché hanno raggiunto gli 80 anni o perché usano i computer o perché cercano di vivere imitando i più giovani. Dovrebbero essere guardate con ammirazione per il loro contributo, per aver realizzato qualcosa di importante per se stessi e per la comunità. Le politiche governative relative all età avanzata e all invecchiamento in molti paesi europei si stanno attualmente sviluppando in tre direzioni: un dialogo permanente con quanti sono andati in pensione di recente e sono consapevoli che l età avanzata per loro è imminente, così come è già una realtà per quanti sono andati in pensione da qualche tempo lo sviluppo di servizi in stretta collaborazione con le famiglie nel quartiere in cui vivono la creazione di opportunità perché le persone più anziane siano parte della comunità al pari della generazioni più giovani. La maggior parte dei problemi riguarda questo terzo punto perché le persone in età avanzata sono viste soprattutto come dipendenti e bisognose di aiuto da parte degli altri. Inoltre le politiche europee spesso si sviluppano in modo simile, consultando molte organizzazioni non governative e singoli individui anziani in diversi stadi del periodo chiamato tra il pensionamento e l età avanzata. 13

16 I.3. La società in via di trasformazione I cittadini in età avanzata che progettano di impegnarsi nella realizzazione di progetti europei devono avere una visione approfondita dei principali cambiamenti sociali che riguardano tutte le generazioni e le relazioni tra di esse. Un adeguamento progressista a questi e ad altri cambiamenti all interno della società e delle comunità può essere un argomento e uno scopo dei progetti europei. Quali sono i principali cambiamenti sociali che riguardano tutte le generazioni? a) Lavoro retribuito: la crisi delle finanze pubbliche sta determinando la sparizione dalla società di un lavoro retribuito secondo uno stipendio mensile. Le attuali forme di lavoro, svolte dalle generazioni intermedie, sono diverse dai tempi keynesiani quando un lavoro a tempo indeterminato a tempo pieno era la norma; oggi predominano i lavori a tempo determinato, i part-time, il lavoro da casa, il tele-lavoro, il mercato grigio, in cui si alternano periodi di occupazione, formazione e tirocinio e una sicurezza flessibile. Stiamo assistendo al passaggio da una civiltà del lavoro e della stabilità a un periodo di instabilità, temporaneità e, per molti, di diminuzione della ricchezza e di crescita di un senso di precarietà. Le nuove forme occupazionali tendono a condizionare le vite nelle varie comunità, a livello locale, nazionale, europeo, ma anche a livello mondiale. Il lavoro occasionale retribuito o il volontariato svolto dalle persone in età avanzata può avere come conseguenza la creazione di nuovi posti di lavoro per i più giovani. Non tutti i tipi di lavoro possono trasformarsi in lavori a tempo pieno. Un attività, all inizio, si sviluppa in modo graduale. Un lavoro può allora essere svolto nella forma di attività occasionale. Questo tipo di lavoro è svolto più facilmente da persone in età avanzata, poiché hanno già un entrata regolare. Ma le attività occasionali possono poi diventare lavori a tempo pieno per le persone più giovani. Le persone in età a- vanzata non rubano il lavoro ai più giovani poiché intraprendono attività diverse rispetto a quelle delle persone più giovani. Avere un lavoro permanente per le persone in età avanzata non è una buona soluzione e, soprattutto, loro stessi non vogliono essere impegnati a tempo pieno. La terza età ha caratteristiche diverse rispetto alle altre. La posizione sociale di vari gruppi comprensivi dei membri delle generazioni più giovani sta diventando simile a quella delle persone in età avanzata. Questi gruppi contengono giovani in cerca di prima occupazione, disoccupati di mezza età, lavoratori in età avanzata stabilmente disoccupati, persone che non trovano lavoro a causa del loro scarso livello di istruzione e delle loro ridotte competenze e sono pertanto poste ai margini della società. Nelle società odierne, cercare soluzioni per le persone in età avanzata significa anche trovare delle soluzioni per i gruppi menzionati, anch essi presenti all interno delle comunità. 14

17 La cornice concettuale di riferimento b) Le nuove tecnologie non sono facilmente accessibili alle persone in età avanzata; se a qualche membro della comunità è negato l accesso alla tecnologia, tutte le generazioni e tutta la comunità ne sono condizionate. Se i membri della comunità non hanno accesso alle informazioni, non possono integrarsi nella società, non possono stare al passo con il progresso, non possono avere accesso a e- economy, e-government, e-education, e-communication, ecc. e, quindi, dipendono in misura sempre maggiore dalla popolazione lavorativa attiva. Se le persone in età avanzata non hanno accesso alla tecnologia, hanno minori possibilità di essere integrate nella società. Ci chiediamo se nella nostra società la dipendenza dall occupazione possa essere ridotta e se possa essere trovata una diversa base, più in linea con gli sviluppi attuali. c) L urgente bisogno di tutelare il capitale umano e sociale che al momento è trascurato: Le persone in età avanzata possiedono un eredità culturale intangibile e invisibile (esperienza, abilità, abitudini, convinzioni ecc.) che deve essere tutelata, conservata e trasmessa alle persone più giovani per assicurarne la sopravvivenza. Le abilità e la conoscenza delle persone in età avanzata, spesso trascurate, rappresentano una parte importante del capitale umano e sociale. Attivare e impiegare questo patrimonio di abilità e conoscenza potrebbe migliorare la posizione sociale delle persone in età avanzata e, inoltre, diminuire il carico che grava sulle generazioni più giovani. Al momento la società sta perdendo una parte considerevole del capitale umano che possiede e potrebbe potenziare, e questo è un disastro per la società dell informazione, basata com è sulla conoscenza. Gli stati e le comunità moderne possono conservare e rafforzare la loro vitalità soprattutto attraverso il capitale sociale e umano disponibile. Inoltre la società in via di invecchiamento è vista come una minaccia e un fallimento, ma potrebbe essere vista come un successo. Un successo per la nostra civiltà - cosa che in effetti è. Un numero considerevole di persone in età avanzata con una conoscenza accessibile e convalidata dall esperienza è ora a portata di mano per il bene della comunità. Inoltre, non dovremmo preoccuparci troppo del calo delle nascite. Al contrario, ciò di cui dovremmo preoccuparci è la qualità dei nostri figli e dei nostri nipoti; come sviluppare la loro sensibilità, tolleranza, resistenza allo stress, abilità a relazionarsi con gli altri, a rispettarli e a costruire con loro una comunità. Dovremmo concentrarci sui loro valori, sulle loro conoscenze e sulla loro consapevolezza culturale come indicatori della loro qualità! La qualità sembra essere presente in quantità debordante. Potremmo dire così. La qualità dei nostri figli aiuterà le comunità a sopravvivere, così come la qualità delle persone in età avanzata! Una comunità capace di integrare tutti i suoi membri dovrebbe prendersi cura e sfruttare a proprio vantaggio la conoscenza e le abilità di tutti, senza riguardo all età. La mancanza di infrastrutture che rendano le persone anziane capaci di re-integrarsi nella società porta alla loro esclusione e isolamento sociali. Come possono le persone in età avanzata creare e mantenere le loro reti sociali? Come possono ottenere supporto: materiali, sostegno emotivo, informazione e conoscenza? Come 15

18 possono cominciare a occuparsi delle questioni che riguardano la comunità e come possono partecipare alla società? Quali istituzioni pubbliche e strutture organizzate sono oggi a disposizione, in Europa, delle persone in età avanzata? Ci sono per loro opportunità effettive di socializzare, svolgere attività nel tempo libero tali da innescare veri cambiamenti individuali e sociali, opportunità per l apprendimento e la formazione, ci sono centri di lavoro specializzato per i cittadini in età avanzata, servizi medici specializzati, guardie mediche geriatriche, organizzazioni che offrono lavoro di volontariato e formazione alle persone più anziane, organizzazioni culturali per la terza età? Come possono le persone in età avanzata rientrare nella società, o, piuttosto, come possiamo evitare che siano escluse? Come possono assicurare a se stesse una posizione uguale a quella delle altre generazioni nella società così da vivere in modo pieno l ultima fase della vita, per un periodo di o più anni? d) Una società in via di invecchiamento richiede persone in età avanzata attive nuove vie all integrazione sociale: una società in via di invecchiamento attiva un sempre maggiore interesse verso le persone in età avanzata. Le persone in età avanzata, come tutte le altre, possono essere reintegrate nella società solo se si mantengono attive. L esperienza di molti pensionati ha rivelato che essi possono avere successo quando si uniscono a nuovi gruppi sociali, lasciandosi coinvolgere in nuove attività. E impossibile elencare tutte le attività a cui i cittadini in età avanzata possono prendere parte insieme ad altre persone. Previo un po di supporto e una formazione adeguata, ogni individuo può trovare qualcosa che gli piacerebbe fare. Scoprire di che cosa hanno bisogno gli altri, che cosa sono disposti ad accettare, identificare le cose che possono diventare una nuova sfida per loro. Le scelte e i gusti di questo periodo sono sempre personali. Finalmente è arrivato il momento in cui si è autorizzati a fare ciò a cui si è interessati. A titolo di esemplificazione, menzioniamo alcune possibilità: si può imparare a suonare uno strumento musicale, intraprendere l hobby della recitazione, della pittura, della ricerca, della traduzione; si può cominciare a lavorare in ambito museale, come assistenti custodi o guide turistiche, svolgere volontariato per organizzazioni di vario tipo, fondare club o società, costruire siti internet, scrivere storie per gli asili, darsi al giardinaggio, dare consigli, fornire aiuto psicologico, occuparsi dei giovani o delle persone della propria età, darsi alla politica, al lavoro con i media, scrivere e pubblicare libri, partecipare a varie attività all interno della società come rappresentanti dei propri pari o di altre generazioni. Tutte le attività dovrebbero, tuttavia, avere un obiettivo chiaramente definito e un progetto operativo. Perché le persone in età avanzata vedano cambiare la loro posizione all interno delle comunità e della società è necessario che intraprendano delle attività con scopi precisi, così che possano realizzare dei cambiamenti effettivi nella loro vita e nella società. I.4. Conclusione Le persone in età avanzata si rapportano alle altre generazioni e pertanto dovrebbero essere maggiormente coinvolte nella formazione della vita della comunità. La collaborazione e la solidarietà tra generazioni è possibile solo quando i cittadini più anziani possono e sono autorizzati a invecchia- 16

19 La cornice concettuale di riferimento re attivamente. Le politiche locali, nazionali ed europee dovrebbero pertanto rivolgersi alle persone in età avanzata come a persone attive, con un potenziale e con una varietà di esigenze sociopsicologiche. Le persone in età avanzata che sono pronte a intraprendere la progettazione di progetti europei per se stessi o per altre generazioni dovrebbero avere cura di contrastare gli stereotipi che sono contrari alla nuova immagine di cittadini in età avanzata partecipi e attivi. A questo fine, i cittadini in età avanzata che preparano un progetto europeo devono migliorare la loro comprensione delle istituzioni e delle politiche europee sull età avanzata, devono conoscere le attività delle associazioni non governative legate a questioni che riguardano le persone in età avanzata. Adattarsi ai cambiamenti sociali o prepararsi alle conseguenze di questi cambiamenti che hanno maggiori ripercussioni sulla vita delle persone in età avanzata può essere sia un argomento, sia un obiettivo dei progetti europei. Bibliografia: Durandal, J-Ph.V. (2003) : Le Pouvoir gris. Sociologie des groupes de pression de retraites. PUF. Paris. Guillemard, A.-M. (1986): Le declin du social. PUF. Paris. Erikson, E.H. et al (1989): Vital Involvement in old age. W.W. Norton & Company. New York. Findeisen, D.: Educating the 45+ to understand and change their social position. Kroehnert, S./Hosmann, I./Klimgholtz, R.(2008): Europe s Demographic Future. Berlin Institute for Population and Development. Rečnik, M.: Izobraževanje starejših odraslih, Education of the elderly. ACS, Ljubljana, 2000, str Roberts, K. (1981): Leisure. Longman. London. Rojek, C. (2000): Leisure and Culture. Palgrave Macmillan. New York. Shields, R. (1997): Flow, Space and Culture. No.1, Volume.1, pp

20 II. Risultati del progetto IANUS e loro importanza per il progetto formativo AESAEC (Patrizia Giorio, FormAzione CO&SO Network, Firenze/IT) Il progetto Grundtvig IANUS Standards for Intergenerational, Intercultural and IT-based Later Learning (N LLP AT-GRUNDTVIG-GMP) ha cercato, dal 2007 al 2009, di identificare e analizzare quei fattori che più probabilmente influenzano le attività di apprendimento in età avanzata in Europa sia in positivo che in negativo. E un dato di fatto che, a livello europeo, la crisi economica degli ultimi anni ha determinato una revisione e un rinnovamento della strategia di Lisbona per potenziare e supportare la crescita e la creazione di posti di lavoro attraverso una serie di riforme strutturali. In molti paesi c è una consapevolezza pubblica limitata del potenziale rappresentato dalle persone più anziane e della necessità di aumentare le loro attività sociali e la loro partecipazione alla vita nazionale per migliorare le loro condizioni di vita come membri di diritto di tutti i paesi UE. Di conseguenza, temi come la Cittadinanza attiva stanno diventando sempre più importanti nei nostri paesi. L apprendimento in età avanzata è un concetto relativamente recente sviluppato da istituzioni europee e nazionali, pedagoghi, esperti in psicologia e medicina, agenzie formative e organizzazioni non-profit. Non è tuttavia noto come approccio generale da adottare nelle diverse sfere pubbliche, così da accrescere l autorità e l influenza delle persone più anziane e allo stesso tempo diminuire gli stereotipi relativi alla loro caratterizzazione come individui con problemi di salute, decrescente attività sociale e minore interessamento alla vita in genere. Questa è la ragione per cui si consigliano delle linee-guida e dei programmi formativi relativi alle politiche formative UE e perché questi sono necessari per potenziare la disseminazione di esempi di buone pratiche. Per sviluppare ulteriormente il concetto di apprendimento in età avanzata a livello europeo riportiamo alcuni elementi chiave che sono importanti quando persone in età avanzata sono i beneficiari della formazione a diversi livelli: Fattori bio-genetici e psicologici: - il cervello umano in relazione all età - durata della vita del cervello umano e ri-nascita cerebrale - processi di memorizzazione e riproduzione/sistemi di memoria interattiva nel cervello u- mano - problemi fisici e psicologici - sviluppo emotivo - aspetti legati al genere Dimensione socio-psicologica: - motivazione intrinseca ed estrinseca ad apprendere all età di barriere interne ed esterne all apprendimento - capacità delle persone in età avanzata di guardare alla realtà da una prospettiva più ampia, come conseguenza della maturità 18

21 Risultati del progetto IANUS - stabilire un senso psicologico della comunità e un senso del noi - generare un processo sociale di inclusione Dimensione strutturale a livello nazionale / regionale / locale: - aspetti e responsabilità legali - tradizioni e approcci all apprendimento in età avanzata - reti e progetti eistenti Dimensione istituzionale: - progettazione e organizzazione dei corsi - metodi per mescolare gruppi di apprendimento intergenerazionale / interculturale - marketing - procedure di iscrizione - strategie di comunicazione - abilità dei formatori - luogo di svolgimento dei corsi - metodi di verifica e garanzia della qualità. Dimensione pedagogica: - consigli di qualità su metodi, didattica, materiali utilizzati per la formazione - soluzioni di blended learning - ambiente formativo basato sull ICT - relazioni formatore-allievo - relazioni allievo-allievo - vantaggi e rischi quando si lavora con gruppi eterogenei per età e cultura - imparare dalle persone più anziane - come incoraggiare un apprendimento collaborativo tra le persone in età avanzata - interazioni vivaci formatore-allievo e allievo-allievo basate sulla fiducia - Importanza dei mentori - sostenibilità dei contenuti formativi per l apprendimento in età avanzata - supposizioni sulle conoscenze pregresse dell allievo - adeguamento delle espressioni linguistiche al gruppo di persone in età avanzata - aspetti di genere da una prospettiva didattica - effetto e importanza nel processo di apprendimento del numero di persone del gruppo Dimensione delle politiche UE sulla formazione in età adulta: - metodi, strumenti e concetti delle politiche comunitarie relative alla formazione rilevanti/appropriati rispetto al gruppo di utenti che si è individuato - suggerimenti alla Commissione per modificare i metodi, gli strumenti e i concetti esistenti, ad esempio EUROPASS, progetti di mobilità ecc., e per aumentare la loro rilevanza per il gruppo di utenti - suggerimenti alla Commissione per sviluppare e introdurre nuovi metodi, strumenti e concetti per reagire in modo appropriato e tempestivo alle richieste e ai bisogni di coloro che 19

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

IGU UGI. Dichiarazione di Lucerna sull Educazione Geografica per lo Sviluppo Sostenibile

IGU UGI. Dichiarazione di Lucerna sull Educazione Geografica per lo Sviluppo Sostenibile Geographical Views On Education For Sustainable Development Simposio regionale dell Unione Geografica Internazionale- Commissione sull Educazione Geografica 29-31 luglio 2007. Lucerna, Svizzera 2007. IGU

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo capitolo Fattori Introduzione suggestopedici alla Suggestopedia La dessuggestione Moderna delle barriere di apprendimento pag. 7 Se vuoi costruire una nave, non raccogliere i tuoi uomini per preparare

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

5 %>"G: (JPWFOU} JO NPWJNFOUP * 08*/>0 Mµ&VSPQB TPTUJFOF J HJPWBOJ -67 6 D3"G: 63 & E"G& > 5J * * 5 6 1G:/ &G& "34 7 / "3*D 83: & in & U 3 OP "

5 %>G: (JPWFOU} JO NPWJNFOUP * 08*/>0 Mµ&VSPQB TPTUJFOF J HJPWBOJ -67 6 D3G: 63 & EG& > 5J * * 5 6 1G:/ &G& 34 7 / 3*D 83: & in & U 3 OP in U OP Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile dell uso che dovesse essere fatto delle informazioni contenute nella presente pubblicazione.

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante!

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport non solo stanno meglio in salute ma prendono anche voti migliori a scuola! Lo dimostra una ricerca svolta al dipartimento

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale?

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? HELPDESK PER LE AZIENDE AZIENDE OSPITANTI 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? E un tipo di formazione sul lavoro che si realizza in aziende di un Paese diverso da quello nel quale il giovane

Dettagli

Uno per tutti, tutti per uno.

Uno per tutti, tutti per uno. Uno per tutti, tutti per uno. Bologna, 09/02/2015 Dainese Roberto Educare attraverso il Cooperative Learning: stile attributivo e competenze metacognitive Chiara Trubini Marina Pinelli Psicologia - Università

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

Corsi di General English

Corsi di General English Corsi di General English 2015 A Londra e in altre città www.linglesealondra.com Cerchi un corso di inglese a Londra? Un soggiorno studio in Inghilterra o in Irlanda? I nostri corsi coprono ogni livello

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale)

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Premesso che A) IL CONTESTO POLITICO - CULTURALE 1. Col Quarto Programma d azione (1996-2000) la politica europea

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

CURSOS AVE CON TUTOR

CURSOS AVE CON TUTOR CURSOS AVE CON TUTOR DOMANDE PIÙ FREQUENTI (FAQ) A che ora ed in quali giorni sono fissate le lezioni? Dal momento in cui riceverai le password di accesso al corso sei libero di entrare quando (24/24)

Dettagli

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità.

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità. Gli effetti delle lesioni cerebrali Dato che il cervello è coinvolto in tutto ciò che facciamo, le lesioni cerebrali possono provocare una vasta serie di effetti. Questi effetti variano da una persona

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA DI ALBINO Viale Gasparini, Tel/Fax 035 754 420 SCUOLA DELL'INFANZIA DI DESENZANO Via Loverini, Tel/Fax. 035 751 436 SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli