COMUNE DI SALICE SALENTINO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI SALICE SALENTINO"

Transcript

1 COMUNE DI SALICE SALENTINO Provincia di Lecce ADEGUAMENTO DEGLI SCARICHI E DELLE IMMISSIONI NEL SOTTOSUOLO DELLE ACQUE METEORICHE - PROGETTO ESECUTIVO Aprile 2010 RCampa MBarbara PStasi Prima Emissione Em./Rev Data Red./Dis. Verificato Approvato Descrizione Redazione grafica: ETACONS S.r.l. P.tta S. G. dei Fiorentini n LECCE Tel(0832)331418/7 Fax(0832) Cod. N : E201-E Titolo dell allegato Allegato n. PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO Scala H Progettazione: -Ing. Primo Stasi Committente: COMUNE DI SALICE SALENTINO Arch. Angelo Colletta

2 PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (previsto dall'art 100 e redatto in base ai contenuti dell'all. XV del ) OGGETTO DEI LAVORI: Adeguamento degli scarichi e delle immissioni nel sottosuolo delle acque meteoriche COMMITTENTE: COMUNE DI SALICE SALENTINO RESPONSABILE LAVORI: Arch. A.Napoletano COORDINATORE PER LA PROGETTAZIONE: Ing. P.Stasi DIRETTORE DEI LAVORI: Ing. P.Stasi Documento Data Fase Note Nome e firma redattore Versione n. Revisione Data Fase Note Nome e firma redattore N. N. N.00 Aprile 2010 prima emissione

3 Premessa Il presente documento è stato redatto in conformità con quanto previsto dall'art 100 redatto in base ai contenuti dell'all. XV del D.lgs 81/08. Le imprese appaltatrici e subappaltatrici nonchè tutti i soggetti coinvolti all'esecuzione dell'opera dovranno valutare attentamente quanto riportato al suo interno. Ogni impresa esecutrice dovrà redigere il proprio Piano Operativo di Sicurezza che dovrà essere complementare e di dettaglio al presente documento. Per redigere il Piano di Sicurezza e Coordinamento sono stati adottati i seguenti criteri e principi generali. Data e Modalità di effettuazione della valutazione Aprile 2010; la valutazione è stata effettuata facendo riferimento al D.Lgs 81/08 modificato dal D.Lgs 106/09 Criteri adottati per la valutazione dei rischi. È opportuno far presente che ogni analisi del rischio è strettamente correlata, attraverso una funzione, a due parametri specifici: l ampiezza o magnitudo dell eventuale danno subito da parte dei lavoratori; la probabilità del verificarsi delle conseguenze. Per valutare la magnitudo del rischio si utilizza la seguente formula: R=f(PxM) dove: R = magnitudo del rischio; P = frequenza o probabilità del verificarsi dell evento; M = magnitudo delle conseguenze. Da quanto sopra emerge che, ai fini della valutazione del rischio, occorre stimare la probabilità che un determinato evento si verifichi e valutare l entità probabile delle relative conseguenze. La determinazione della funzione di rischio f presuppone di definire un modello di esposizione dei lavoratori tale da consentire di porre in relazione l entità del danno atteso con la probabilità del suo verificarsi. Di seguito si propone uno schema di classificazione dei parametri P (Tabella 1) e M (Tabella 2), una matrice per la classificazione del livello di rischio (Figura 1) nonché una classificazione della priorità delle misure correttive da attuare (Tabella 3). TABELLA 1 - SCALA DELLA PROBABILITA' P Valore Livello Definizioni/criteri Esiste una correlazione diretta tra la mancanza impiantistica ed il 4 Altamente verificarsi del danno ipotizzato per i lavoratori. Si ha notizia di danni già verificatisi per la stessa mancanza in situazioni operative simili. Il probabile verificarsi del danno non susciterebbe alcuno stupore in cantiere. 3 Probabile 2 Poco Probabile 1 Improbabile La mancanza impiantistica può provocare un danno, anche se non in modo automatico o diretto. E noto qualche episodio in cui alla mancanza ha fatto seguito il danno. Il verificarsi del danno ipotizzato susciterebbe una moderata sorpresa. La mancanza impiantistica può provocare un danno solo in circostanze sfortunate di eventi concorrenti. Sono noti solo rarissimi episodi già verificatisi. Il verificarsi del danno ipotizzato susciterebbe grande sorpresa. La mancanza impiantistica può provocare un danno per la concomitanza di più eventi poco probabili indipendenti. Non sono noti episodi già verificatisi. Il verificarsi del danno susciterebbe incredulità. TABELLA 2 - SCALA DELL ENTITÀ DEL DANNO M Valore Livello Definizioni/criteri 4 Gravissimo 3 Grave 2 Medio 1 Lieve Infortunio o episodio di esposizione acuta con effetti letali o di invalidità totale. Esposizione cronica con effetti letali e/o totalmente invalidanti. Infortunio o episodio di esposizione acuta con effetti di invalidità parziale. Esposizione cronica con effetti irreversibili e/o parzialmente invalidanti Infortunio o episodio di esposizione acuta con invalidità reversibile. Esposizione cronica con effetti reversibili. Infortunio o episodio di esposizione acuta con invalidità rapidamente reversibile. Esposizione cronica con effetti rapidamente reversibili. Figura 1: Esempio di Matrice di Valutazione del Rischio ( R = PxM ) P Pag. 1

4 M In relazione al valore del livello di rischio, calcolato come da figura 1, nella successiva Tabella 3 viene riportata la classificazione della priorità delle misure correttive da attuare. VALORE RISCHIO R > 9 4 < R < = 9 R < = 4 TABELLA 3 - VALORE DEL RISCHIO AZIONI Azioni correttive indilazionabili. Determina un controllo di peso ARRESTO Azioni correttive necessarie da programmare con urgenza. Determina un controllo di peso CRITICO Azioni correttive e/o migliorative da programmare nel breve o medio termine. Determina un controllo di peso NORMALE Pag. 2

5 1) RELAZIONE TECNICA 1.1) IDENTIFICAZIONE DELL'OPERA E DEI SOGGETTI (All. XV D.Lgs 81 /08) 1.1.1) DATI GENERALI COMMITTENTI: COMUNE DI SALICE SALENTINO Via V.Emanuele II, RESPONSABILI LAVORI: Arch. A.Napoletano Via V.Emanuele II, PROGETTISTI: ETACONS S.r.l. P.tta S.G.De Fiorentini, COORDINATORI SICUREZZA PROGETTAZIONE: Ing. P.Stasi P.tta S.G.De Fiorentini, DIREZIONE LAVORI: Ing. P.Stasi P.tta S.G.De Fiorentini, ASL di competenza: LECCE Via Lupiae, DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO: LECCE Via Lupiae, ) CARATTERISTICHE DELL'OPERA OGGETTO DEI LAVORI DATI DELL'OPERA Adeguamento degli scarichi e delle immissioni nel sottosuolo delle acque meteoriche - pag ) IDENTIFICAZIONE DELL'OPERA E DEI SOGGETTI (All. XV D.Lgs 81/08)

6 DESCRIZIONE DELL'OPERA Dismissione n.4 pozzi assorbenti esistenti Realizzazione nuovo recapito finale che sia in grado di accumulare le acque meteoriche: tale recapito viene ubicato in un area agricola incolta posta a sud -ovest dell abitato lungo la S.P Le caratteristiche geologiche e geotecniche dei vari strati del sottosuolo dell intera area, nonché la presenza di una falda superficiale rinvenibile già a ml dal piano campagna, costituiscono dei vincoli imprescindibili per la scelta della tipologia del nuovo recapito da realizzare. Si prevede infatti, la realizzazione di una trincea di forma cilindrica (raggio 20 ml) scavata nel terreno sino ad una profondità di 10 ml dall attuale piano campagna, rivestita mediante una palificata circolare costituita da pali in c.a. DN 600 affiancati aventi profondità di 18 ml (infissione nel terreno pari a 8.00 ml), collegati in testa da un cordolo in c.a. 125x50 cm. La fase di scavo della trincea verrà realizzata con l ausilio del sistema Well point, per l abbassamento del livello dell acqua di falda, in quattro fasi successive sino a raggiungere la quota di fondo scavo a ml dal piano campagna e prevedendo il rivestimento della palificata per ogni fase di scavo con una parete in c.a. di spessore variabile da 40 a 85 cm crescente con la profondità rendendo così impermeabili le pareti della trincea alle acque di falda. Le varie fasi della realizzazione della parete in c.a. prevedono l interposizione di giunto bentonitico lungo tutto lo sviluppo circolare per la ripresa di getto, e la connessione con la palificata mediante armatura aggiuntiva. Il fondo scavo sarà rivestito con una piastra in c.a. di spessore pari a 50 cm solidale con la parete verticale di rivestimento della palificata. Lo smaltimento verrà garantito da tre pozzi anidri alloggiati sul fondo in c.a. della trincea, aventi diametro di perforazione ø 600 e profondi 37 ml. In soccorso dei tre pozzi, si prevede la realizzazione di un impianto di sollevamento costituito da due pompe sommerse (una di riserva all altra) alloggiate sul fondo della trincea circolare, che solleveranno una portata di 20 l /sec sino alla camera di disconnessione esistente a margine della sede stradale della S.P. 255 collegata ai canali esistenti. Per il collettamento delle acque meteoriche verso la trincea prima descritta, è necessario prevedere dei nuovi tronchi che collegano i pozzetti in cui sono alloggiati i pozzi assorbenti da dismettere al nuovo recapito. Le tubazioni di progetto saranno interrate sotto sede stradale con previsione di pozzetti di ispezione prefabbricati e caditoie lungo la linea. Di seguito si riportano gli sviluppi, i diametri ed il materiale delle tubazioni da realizzare: Tratto T1 Via Togliatti S.P. 255 C.A ml Tratto T2 Via Neruda PVC ml Tratto T3 Via Roselli PVC ml Tratto T4 Via Roselli PVC ml Tratto T5 Via Petrarca PVC ml Per la realizzazione del tronco T1 è necessario realizzare un pozzetto in c.a. in prossimità dell area del recapito finale, per l interferenza con un tombino stradale esistente. Come detto precedentemente, la pratica di smaltimento con pozzi assorbenti in falda profonda non è più consentita, per cui è necessario dismettere i 4 pozzi realizzati in emergenza dall Amministrazione durante i fenomeni di allagamento accaduti in passato, collettando le acque pluviali verso recapiti per lo smaltimento rispondenti alla norma vigente. L intervento per ciascuno dei pozzi consiste nella realizzazione di una camicia in acciaio saldata per tutto lo sviluppo del pozzo emergente dal fondo del pozzetto di alloggiamento. - pag ) IDENTIFICAZIONE DELL'OPERA E DEI SOGGETTI (All. XV D.Lgs 81/08)

7 UBICAZIONE, SALICE SALENTINO, LECCE IMPORTO DELL'OPERA ,40 comprensivo degli oneri per la sicurezza INIZIO LAVORI FINE LAVORI DURATA DEI LAVORI 372 gg. naturali e consecutivi N. UOMINI GIORNO 3307 MASSIMO N. DI 17 LAVORATORI NUMERO DI IMPRESE ONERI SICUREZZA Il costo complessivo della sicurezza inteso come stima dei costi derivanti dall'adozione di procedure esecutive particolari e dall'impiego di apprestamenti ed attrezzature atti a garantire il rispetto delle norme per la prevenzione degli infortuni e la tutela della salute dei lavoratori è di ,10 (come da computo allegato) 1.1.3) REQUISITI TECNICO-AMMINISTRATIVI DELLE IMPRESE IMPRESA: IMPRESA 1 Attività: SCAVI E RINTERRI GRUPPI OPERATIVI RICHIESTI PER L'IMPRESA: IMPRESA 1 PERSONALE OPERATIVO O.01 - Mansioni Impianti, Mezzi Rischi Responsabile auto Cadute tecnico di dall'alto, cantiere seppellimento, sprofondamen to, scivolamenti, cadute a livello, rumore, investimento e caduta materiale dall'alto, inalazione di Capo squadra scavo e armatura automezzi, escavatore, pala meccanica, rullo compressore, rifinitrice, tagliasfalto, sega circolare, utensili e attrezzature manuali polveri, fibre Cadute dall'alto, seppellimento, sprofondamen to, urti, colpi, impatti, compressioni, scivolamenti, cadute a livello, rumore, investimento e caduta materiale dall'alto, movimentazio ne manuale dei carichi, inalazione di polveri, fibre Lep db Sorveglianza sanitaria 86 Preassuntiva, vaccinazione antitetanica, rumore 85 Preassuntiva, vaccinazione antitetanica, polveri, fibre Informazione Formazione DPI Organizzazio ne del gestione documentazio ni; tecniche della comunicazion e; rischi cantiere Rischi tipici della rischi) e cantiere Organizzazio ne del gestione documentazio ni; capacità comunicative; modalità operative specifiche in funzione dei rischi del cantiere Modalità operative dettagliate per l'eliminazione o riduzione dei rischi la rischi) e per i rischi cantiere Casco, calzature di sicurezza, protettore auricolare Casco, calzature di sicurezza, copricapo, guanti, maschera per la protezione delle vie respiratorie, protettore auricolare - pag ) IDENTIFICAZIONE DELL'OPERA E DEI SOGGETTI (All. XV D.Lgs 81/08)

8 Mansioni Escavatorista Autista autocarro Operatore autogru Palista Impianti, Mezzi automezzi, escavatore, utensili e attrezzature manuali automezzi, utensili e attrezzature manuali automezzi, autogru, utensili e attrezzature manuali automezzi, pala meccanica, utensili e attrezzature manuali Rischi Vibrazioni, rumore, cesoiamento, stritolamento, movimentazio ne manuale dei carichi, olii minerali e derivati Investimento, movimentazio ne manuale dei carichi, inalazione di polveri, fibre, olii minerali e derivati Urti, colpi, impatti, compressioni, punture, tagli, abrasioni, scivolamenti, cadute di livello, elettrocuzione, movimentazio ne manuale dei carichi, olii minerali e derivati Urti, colpi, impatti, compressioni, vibrazioni, rumore, movimentazio ne manuale dei carichi, inalazione di polveri, fibre, olii minerali e derivati Lep db Sorveglianza sanitaria 83 Preassuntiva, vaccinazione antitetanica, periodica, maschera per la protezione delle vie respiratorie, indumenti protettivi 77 Preassuntiva, vaccinazione antitetanica, periodica 79 Preassuntiva, vaccinazione antitetanica, periodica 83 Preassuntiva, vaccinazione antitetanica, periodica, polveri, fibre Informazione Formazione DPI Rischi tipici della rischi) e componenti, caratteristiche e modalità d'uso e manutenzione dell'escavator e Rischi tipici della rischi) e componenti, caratteristiche e modalità d'uso e manutenzione dell'autocarro Rischi tipici della rischi) e componenti, caratteristiche e modalità d'uso e manutenzione dell'autogru Rischi tipici della rischi) e componenti, caratteristiche e modalità d'uso e manutenzione Modalità operative dettagliate per l'eliminazione o riduzione dei rischi la rischi) e per i rischi modalità d'uso e manutenzione dell'escavator e Modalità operative dettagliate per l'eliminazione o riduzione dei rischi la rischi) e per i rischi modalità d'uso e manutenzione dell'autocarro Modalità operative dettagliate per l'eliminazione o riduzione dei rischi la rischi) e per i rischi modalità d'uso e manutenzione dell'autogru Modalità operative dettagliate per l'eliminazione o riduzione dei rischi la rischi) e per i rischi - pag ) IDENTIFICAZIONE DELL'OPERA E DEI SOGGETTI (All. XV D.Lgs 81/08) Casco, calzature di sicurezza, guanti, maschera per la protezione delle vie respiratorie, indumenti protettivi Casco, calzature di sicurezza, guanti, indumenti protettivi Casco, calzature di sicurezza, guanti, indumenti protettivi Casco, calzature di sicurezza, guanti, indumenti protettivi

9 Mansioni Operatore rullo Autista autobetoniera Carpentiere Impianti, Mezzi automezzi, rullo compressore, utensili e attrezzature manuali automezzi, autobetoniera, utensili e attrezzature manuali ponteggio, ponte su cavalletti, armatura scavi, sega circolare, trapano, utensili ed attrezzature manuali Rischi Vibrazioni, rumore, scivolamento, cadute di livello, inalazione di polveri, fibre, catrame, fumo, olii minerali e derivati Urti, colpi, impatti, compressioni, punture, tagli, abrasioni, vibrazioni, scivolamenti, cadute a livello, rumore, cesoiamento, stritolamento, movimentazio ne manuale dei carichi, inalazione di polveri, fibre, getti, schizzi, allergeni, olii minerali e derivati Seppelliment o, sprofondamen to, urti, colpi, impatti, compressioni, punture, tagli, abrasioni, scivolamenti, cadute a livello, rumore, investimento, cadute materiali dall'alto, movimentazio ne manuale dei carichi, Lep db Sorveglianza sanitaria 88 Preassuntiva, vaccinazione antitetanica, periodica, vibrazioni, rumore 83 Preassuntiva, vaccinazione antitetanica, periodica, rumore, allergeni 85 Preassuntiva, vaccinazione antitetanica Informazione Formazione DPI della pala meccanica Rischi tipici della rischi) e componenti, caratteristiche e modalità d'uso e manutenzione del rullo compressore Rischi tipici della rischi) e componenti, caratteristiche e modalità d'uso e manutenzione dell'autobeton iera Rischi tipici della rischi) e componenti, caratteristiche e modalità d'uso e manutenzione della sega circolare; componenti, caratteristiche, modalità di montaggio ed uso di ponti modalità d'uso e manutenzione della pala meccanica Modalità operative dettagliate per l'eliminazione o riduzione dei rischi la rischi) e per i rischi modalità d'uso e manutenzione del rullo compressore Modalità operative dettagliate per l'eliminazione o riduzione dei rischi la rischi) e per i rischi modalità d'uso e manutenzione dell'autobeton iera Modalità operative dettagliate per l'eliminazione o riduzione dei rischi la rischi) e per i rischi modalità d'uso e manutenzione della sega circolare; modalità di - pag ) IDENTIFICAZIONE DELL'OPERA E DEI SOGGETTI (All. XV D.Lgs 81/08) Calzature di sicurezza, copricapo, guanti, maschera per la protezione delle vie respiratorie, protettore auricolare, indumenti protettivi Casco, calzature di sicurezza, guanti, maschera per la protezione delle vie respiratorie, protettore auricolare, indumenti protettivi Casco, calzature di sicurezza, guanti

10 Mansioni Addetto tagliasfalto a disco Addetto martello pneumatico Assistente tecnico di cantiere Impianti, Mezzi automezzi, tagliasfalto a disco, utensili e attrezzature manuali compressore, martello pneumatico, utensili e attrezzature manuali auto Rischi getti, schizzi, allergeni Urti, colpi, impatti, compressioni, punture, tagli, abrasioni, vibrazioni, rumore, movimentazio ne manuale dei carichi, getti, schizzi Urti, colpi, impatti, compressioni, punture, tagli, abrasioni, vibrazioni, scivolamenti, cadute a livello, rumore, movimentazio ne manuale dei carichi, inalazione di polveri, fibre, olii minerali e derivati Caduta dall'alto, seppellimento, sprofondamen to, urti, colpi, impatti, compressioni, scivolamento, cadute a livello, investimento Lep db Sorveglianza sanitaria 100 Preassuntiva, vaccinazione antitetanica, movimentazio ne manuale dei carichi, vibrazioni, rumore 96 Preassuntiva, vaccinazione antitetanica, movimentazio ne manuale dei carichi, vibrazioni, rumore, polveri, fibre 82 Preassuntiva, vaccinazione antitetanica Informazione Formazione DPI su cavalletti, trabatelli, armatura scavi; componenti, caratteristiche, modalità d'uso dei ponti e dell'armatura scavi Rischi tipici della rischi) e componenti, caratteristiche e modalità d'uso e manutenzione della tagliasfalto a disco Rischi tipici della rischi) e componenti, caratteristiche e modalità d'uso e manutenzione del compressore, del martello pneumatico e dei loro componenti Organizzazio ne del gestione documentazio ni; tecniche della comunicazion e; rischi tipici delle attività rischi); rischi montaggio ed uso di ponti su cavalletti, trabatelli e armatura scavi; modalità d'uso dei ponti e dell'armatura scavi Modalità operative dettagliate per l'eliminazione o riduzione dei rischi la rischi) e per i rischi modalità d'uso e manutenzione della tagliasfalto a disco Modalità operative dettagliate per l'eliminazione o riduzione dei rischi la rischi) e per i rischi modalità d'uso e manutenzione del compressore, del martello pneumatico e dei loro componenti Organizzazio ne del gestione documentazio ni; capacità comunicative; modalità operative dettagliate in funzione dei rischi tipici - pag ) IDENTIFICAZIONE DELL'OPERA E DEI SOGGETTI (All. XV D.Lgs 81/08) Casco, calzature di sicurezza, copricapo, guanti, protettore auricolare, indumenti protettivi Casco, calzature di sicurezza, copricapo, occhiali, guanti, maschera per la protezione delle vie respiratorie, protettore auricolare, indumenti protettivi Casco, calzature di sicurezza, copricapo

11 Mansioni Assistente tecnico di cantiere (murature, impianti, intonaci, pavimenti, rivestimenti, opere esterne) Capo squadra (installazione cantiere, scavi di sbancamento, scavi di fondazione) Capo squadra (montaggio e smontaggio ponteggi) Capo squadra (murature) auto Impianti, Mezzi impianto elettrico, impianto di MAT, auto, automezzi, escavatore, pala meccanica, compressore, martello demolitore, utensili ed attrezzature manuali impianto elettrico, impianto di MAT, auto, automezzi, ponteggio, utensili ed attrezzature manuali impianto elettrico, impianto di MAT, trabatelli, ponti su cavalletti, ponteggio, auto, automezzi, betoniera, Rischi e caduta di materiale Cadute dall'alto, urti, colpi, impatti, compressioni, punture, tagli abrasioni, scivolamenti, cadute a livello, elettrocuzione, rumore, investimento e caduta materiale dall'alto, inalazione di polveri, fibre Seppelliment o, sprofondamen to, urti, colpi, impatti, compressioni, scivolamenti, cadute a livello, elettrocuzione, rumore, investimento, inalazione di polveri, fibre Cadute dall'alto, urti, colpi, impatti, compressioni, punture, tagli abrasioni, scivolamento, cadute a livello, investimento e caduta di materiale dall'alto, olii minerali e derivati Cadute dall'alto, urti, colpi, impatti, compressioni, punture, tagli, abrasioni, scivolamenti, cadute a livello, elettrocuzione, rumore, Lep db Sorveglianza sanitaria 82 Preassuntiva, vaccinazione antitetanica, rumore 80 Preassuntiva, vaccinazione antitetanica 78 Preassuntiva, vaccinazione antitetanica, periodica 80 Preassuntiva, vaccinazione antitetanica, polveri, fibre, allergeni Informazione Formazione DPI cantiere Organizzazio ne del gestione documentazio ni; tecniche della comunicazion e; rischi tipici delle opere rischi); rischi cantiere Rischi tipici della rischi) e cantiere Rischi tipici della rischi) e componenti, caratteristiche e modalità d'uso e manutenzione del ponteggio Rischi tipici della rischi) e cantiere delle lavorazioni rischi) e di quelli cantiere Organizzazio ne del gestione documentazio ni; capacità comunicative; modalità operative dettagliate in funzione dei rischi tipici rischi) e di quelli cantiere Modalità operative dettagliate per l'eliminazione o riduzione dei rischi la rischi) e per i rischi cantiere Modalità operative dettagliate per l'eliminazione o riduzione dei rischi la rischi) e per i rischi cantiere Modalità operative dettagliate per l'eliminazione o riduzione dei rischi la rischi) e per i rischi - pag ) IDENTIFICAZIONE DELL'OPERA E DEI SOGGETTI (All. XV D.Lgs 81/08) Casco, calzature di sicurezza, guanti, occhiali, maschera per la protezione delle vie respiratorie Casco, calzature di sicurezza, guanti Casco, calzature di sicurezza, guanti, attrezzatura anticaduta Casco, calzature di sicurezza, guanti, occhiali, maschera per la protezione delle vie respiratorie

12 Mansioni Capo squadra (impianti) Autogru Impianti, Mezzi utensili ed attrezzature manuali impianto elettrico, impianto di MAT, trabatelli, ponti su cavalletti, ponteggio, troncatrice, curvatubi, saldatore, elettrofusore, tester, auto, automezzi, scanalatore, utensili ed attrezzature manuali automezzi, autogru, imbracature, funi, catene, utensili e attrezzature manuali Ponteggiatore impianto elettrico, impianto di MAT, ponteggio, utensili ed attrezzature manuali Rischi cesoiamento, stritolamento, investimento e caduta materiale dall'alto, inalazioni di polveri e fibre, allergeni Cadute dall'alto, urti, colpi, compressioni, punture, tagli, abrasioni, scivolamenti, cadute a livello, calore, fiamme, elettrocuzione, radiazioni non ionizzanti, rumore, investimento e caduta materiale dall'alto, inalazioni di polveri e fibre Urti, colpi, impatti, compressioni, vibrazioni, scivolamenti, cadute a livello, rumore, cesoiamento, stritolamento, movimentazio ne manuale dei carichi Cadute dall'alto, urti, colpi, impatti, compressioni, punture, tagli, abrasioni, scivolamenti, cadute a livello, investimento e caduta di materiale dall'alto, movimentazio ne manuale dei carichi, Lep db Sorveglianza sanitaria 85 Preassuntiva, vaccinazione antitetanica, radizioni non ionizzanti, rumore 83 Preassuntiva, vaccinazione antitetanica, periodica, vibrazioni, rumore 78 Preassuntiva, vaccinazione antitetanica, periodica Informazione Formazione DPI Rischi tipici della rischi) e cantiere Rischi tipici della rischi) e componenti, caratteristiche e modalità d'uso e manutenzione dell'autogru Rischi tipici della rischi) e componenti, caratteristiche e modalità d'uso e manutenzione del ponteggio cantiere Modalità operative dettagliate per l'eliminazione o riduzione dei rischi la rischi) e per i rischi cantiere Modalità operative dettagliate per l'eliminazione o riduzione dei rischi la rischi) e per i rischi modalità d'uso e manutenzione dell'autogru Modalità operative dettagliate per l'eliminazione o riduzione dei rischi la rischi) e per i rischi modalità d'uso e manutenzione - pag ) IDENTIFICAZIONE DELL'OPERA E DEI SOGGETTI (All. XV D.Lgs 81/08) Casco, guanti, schermo, protettore auricolare, indumenti protettivi, calzature di sicurezza, occhiali, maschera per la protezione delle vie respiratorie Casco, guanti, calzature di sicurezza, protettore auricolare, indumenti protettivi Casco, guanti, calzature di sicurezza, attrezzatura anticaduta

13 Mansioni Muratore polivalente Pavimentista preparatore fondo Posatore pavimenti e rivestimenti Impianti, Mezzi impianto elettrico, impianto di MAT, ponte su cavalletti, trabatello, ponteggio, betoniera, utensili ed attrezzature manuali impianto elettrico, impianto di MAT, betoniera, livellatrice; utensili ed attrezzature manuali impianto elettrico, impianto di Rischi olii e derivati Cadute dall'alto, urti, colpi, impatti, compressioni, punture, tagli, abrasioni, scivolamenti, cadute a livello, elettrocuzione, rumore, cesoiamento, stritolamento, investimento e caduta materiale dall'alto, movimentazio ne manuale dei carichi, inalazione di polveri, fibre, allergeni Scivolamenti, cadute a livello, investimento e caduta materiale dall'alto, movimentazio ne manuale dei carichi, allergeni Punture, tagli, abrasioni, vibrazioni, Lep db Sorveglianza sanitaria 82 Preassuntiva, vaccinazione antitetanica, movimentazio ne manuale dei carichi 74 Preassuntiva, vaccinazione antitetanica, vibrazioni, rumore, allergeni 84 Preassuntiva, vaccinazione antitetanica, Informazione Formazione DPI Rischi tipici della rischi) e componenti, caratteristiche e modalità d'uso e manutenzione della betoniera; componenti, caratteristiche, modalità di montaggio ed uso di ponti su cavalletti e trabatelli; componenti, caratteristiche, modalità d'uso dei ponti; componenti, caratteristiche, modalità di montaggio ed uso di protezioni verso il vuoto Rischi tipici della rischi) e componenti, caratteristiche e modalità d'uso e manutenzione della betoniera; componenti, caratteristiche, modalità di montaggio ed uso di protezioni verso il vuoto Rischi tipici della del ponteggio Modalità operative dettagliate per l'eliminazione o riduzione dei rischi la rischi) e per i rischi modalità d'impiego e manutenzione della betoniera; modalità di montaggio ed uso di ponti su cavalletti e trabatelli; modalità d'uso dei ponti; modalità di montaggio ed uso di protezioni verso il vuoto Modalità operative dettagliate per l'eliminazione o riduzione dei rischi la rischi) e per i rischi modalità d'impiego e manutenzione della betoniera; modalità d'impiego dei prodotti chimici; modalità di montaggio ed uso di protezioni verso il vuoto Modalità operative dettagliate per - pag ) IDENTIFICAZIONE DELL'OPERA E DEI SOGGETTI (All. XV D.Lgs 81/08) Casco, guanti, calzature di sicurezza, protettore auricolare, occhiali, maschera per la protezione delle vie respiratorie Casco, guanti, calzature di sicurezza, protettore auricolare Casco, guanti, calzature di sicurezza,

14 Mansioni Impianti, Mezzi (a malta) MAT, trabatelli, ponti su cavalletti, ponteggio, betoniera, battipiastrelle, utensili ed attrezzature manuali Posatore pavimenti e rivestimenti (a colla) Operaio comune (ponteggiator e) Operaio comune impianto elettrico, impianto di MAT, trabatelli, ponti su cavalletti, ponteggio, battipiastrelle, utensili ed attrezzature manuali impianto elettrico, impianto di MAT, ponteggio, utensili ed attrezzature manuali impianto elettrico, Rischi scivolamenti, cadute a livello, elettrocuzione, rumore, investimento e caduta materiale dall'alto, movimentazio ne manuale dei carichi, inalazioni polveri, fibre, allergeni Punture, tagli, abrasioni, scivolamenti, cadute a livello, investimento e caduta materiale dall'alto, movimentazio ne manuale dei carichi, allergeni Cadute dall'alto, urti, colpi, impatti, compressioni, scivolamenti, cadute a livello, investimento e caduta materiale dall'alto, movimentazio ne manuale dei carichi, olii minerali e derivati Cadute dall'alto, Lep db Sorveglianza sanitaria vibrazioni, rumore, allergeni 75 Preassuntiva, vaccinazione antitetanica, gas, vapori, fumi, nebbie 77 Preassuntiva, vaccinazione antitetanica 85 Preassuntiva, vaccinazione Informazione Formazione DPI rischi) e componenti, caratteristiche e modalità d'uso e manutenzione della betoniera; componenti, caratteristiche, modalità di montaggio ed uso di ponti su cavalletti e trabatelli; componenti, caratteristiche, modalità d'uso dei ponti Rischi tipici della rischi) e componenti, caratteristiche, modalità di montaggio ed uso di ponti su cavalletti e trabatelli; componenti, caratteristiche, modalità d'uso dei ponti; scheda di sicurezza prodotti Rischi tipici della rischi) e componenti, caratteristiche e modalità d'uso e manutenzione del ponteggio Rischi tipici della l'eliminazione o riduzione dei rischi la rischi) e per i rischi modalità d'impiego della betoniera; modalità d'impiego dei prodotti chimici; modalità di montaggio ed uso di protezioni verso il vuoto Modalità operative dettagliate per l'eliminazione o riduzione dei rischi la rischi) e per i rischi modalità d'impiego dei prodotti chimici; modalità di montaggio ed uso di protezioni verso il vuoto Modalità operative dettagliate per l'eliminazione o riduzione dei rischi la rischi) e per i rischi modalità d'uso e manutenzione del ponteggio Modalità operative protettore auricolare - pag ) IDENTIFICAZIONE DELL'OPERA E DEI SOGGETTI (All. XV D.Lgs 81/08) Casco, guanti, calzature di sicurezza, maschera per la protezione delle vie di sicurezza Casco, guanti, calzature di sicurezza Casco, guanti, calzature di

15 Mansioni (carpentiere) Responsabile tecnico di cantiere Assistente tecnico di cantiere Addetto terna (pala - escavatore) Impianti, Mezzi impianto di MAT, ponteggio, ponte su cavalletti, trabatello, sega circolare, utensili ed attrezzature manuali auto auto automezzi, terna, utensili e attrezzature manuali Rischi seppellimento, sprofondamen to, punture, tagli, abrasioni, scivolamenti, cadute a livello, elettrocuzione, rumore, investimento e caduta materiale dall'alto, movimentazio ne manuale dei carichi, inalazione di polveri, fibre, getti, schizzi, allergeni Urti, colpi, impatti, compressioni, scivolamenti, cadute a livello, rumore, investimento, inalazione di polveri, fibre, catrame, fumo Urti, colpi, impatti, compressioni, scivolamenti, cadute a livello, rumore, investimento, inalazione di polveri, fibre, catrame, fumo Urti, colpi, impatti, compressioni, vibrazioni, rumore, movimentazio ne manuale dei carichi, inalazione di Lep db Sorveglianza sanitaria antitetanica, movimentazio ne manuale dei carichi, rumore, allergeni 88 Preassuntiva, vaccinazione antitetanica, rumore 88 Preassuntiva, vaccinazione antitetanica, rumore, catrame, fumo 83 Preassuntiva, vaccinazione antitetanica Informazione Formazione DPI rischi) e componenti, caratteristiche e modalità d'uso e manutenzione della sega circolare; componenti, caratteristiche, modalità di montaggio ed uso di ponti su cavalletti e trabatelli; componenti, caratteristiche, modalità d'uso dei ponti Organizzazio ne del gestione documentazio ni; tecniche della comunicazion e; rischi cantiere Organizzazio ne del gestione documentazio ni; tecniche della comunicazion e; rischi tipici delle attività rischi); rischi cantiere Rischi tipici della rischi) e componenti, caratteristiche dettagliate per l'eliminazione o riduzione dei rischi la rischi) e per i rischi modalità d'uso della sega circolare; modalità di montaggio ed uso di ponti su cavalletti e trabatelli; modalità d'uso dei ponti Organizzazio ne del gestione documentazio ni; tecniche della comunicazion e; rischi cantiere Organizzazio ne del gestione documentazio ni; capacità comunicative; modalità operative dettagliate in funzione dei rischi tipici delle lavorazioni rischi) e di quelli cantiere Modalità operative dettagliate per l'eliminazione o riduzione dei rischi la sicurezza, occhiali - pag ) IDENTIFICAZIONE DELL'OPERA E DEI SOGGETTI (All. XV D.Lgs 81/08) Casco, calzature di sicurezza, protettore auricolare Casco, calzature di sicurezza, protettore auricolare, indumenti ad alta visibilità Casco, calzature di sicurezza, guanti, maschera per la protezione delle vie respiratorie, protettore

16 Mansioni Addetto rifinitrice Addetto rullo compressore Muratore Operaio comune Impianti, Mezzi rifinitrice, utensili ed attrezzature manuali rullo compressore, utensili ed attrezzature manuali betoniera, autobetoniera, utensili ed attrezzature manuali betoniera, utensili ed Rischi polveri, fibre Vibrazioni, calore, fiamme, rumore, catrame e fumo, olii minerali e derivati Vibrazioni, scivolamenti, cadute a livello, calore, fiamme, rumore, gas, vapori, catrame, fumo, olii minerali e derivati Cadute dall'alto, punture, tagli, abrasioni, scivolamenti, cadute a livello, investimento, movimentazio ne manuale dei carichi, inalazione di polveri, fibre, allergeni Urti, colpi, impatti, Lep db Sorveglianza sanitaria 88 Preassuntiva, vaccinazione antitetanica, periodica, vibrazioni, rumore, catrame, fumo 88 Preassuntiva, vaccinazione antitetanica, periodica, rumore, catrame, fumo 64 Preassuntiva, vaccinazione antitetanica 89 Preassuntiva, vaccinazione Informazione Formazione DPI e modalità d'uso e manutenzione della terna Rischi tipici della rischi) e componenti, caratteristiche e modalità d'uso e manutenzione della rifinitrice Rischi tipici della rischi) e componenti, caratteristiche e modalità d'uso e manutenzione del rullo compressore Rischi tipici della rischi) e componenti, caratteristiche e modalità d'uso e manutenzione della betoniera Rischi tipici della rischi) e per i rischi modalità d'uso e manutenzione della terna Modalità operative dettagliate per l'eliminazione o riduzione dei rischi la rischi) e per i rischi modalità d'uso e manutenzione della rifinitrice Modalità operative dettagliate per l'eliminazione o riduzione dei rischi la rischi) e per i rischi modalità d'uso e manutenzione del rullo compressore Modalità operative dettagliate per l'eliminazione o riduzione dei rischi la rischi) e per i rischi modalità d'impiego e manutenzione della betoniera Modalità operative auricolare - pag ) IDENTIFICAZIONE DELL'OPERA E DEI SOGGETTI (All. XV D.Lgs 81/08) Casco, calzature di sicurezza, copricapo, occhiali, guanti, maschera per la protezione delle vie respiratorie, protettore auricolare, indumenti protettivi Casco, calzature di sicurezza, guanti, maschera per la protezione delle vie respiratorie, protettore auricolare, indumenti protettivi Casco, calzature di sicurezza, copricapo, guanti, indumenti ad alta visibilità Casco, calzature di

17 Mansioni polivalente Impianti, Mezzi attrezzature manuali Rischi compressioni, vibrazioni, scivolamenti, cadute a livello, calore, fiamme, rumore, cesoiamento, stritolamento, investimento, movimentazio ne manuale dei carichi, inalazione di polveri, fibre, getti, schizzi, catrame, fumo, allergeni Lep db Sorveglianza sanitaria antitetanica, movimentazio ne manuale dei carichi, rumore, polveri, fibre, catrame, fumo Informazione Formazione DPI rischi) e componenti, caratteristiche e modalità d'uso e manutenzione della betoniera dettagliate per l'eliminazione o riduzione dei rischi la rischi) e per i rischi modalità d'impiego e manutenzione della betoniera sicurezza, guanti, maschera per la protezione delle vie respiratorie, protettore auricolare, indumenti ad alta visibilità, indumenti protettivi FASI DI LAVORO PREVISTE PER L'IMPRESA: IMPRESA 1 ACCANTIERAMENTO F Pulizia dell'area dell'accantieramento e dello stoccaggio F (1) Stesa di materiale arido (ghiaia) con macchine operatrici a formazione del fondo dell'area di accantieramento, e sua compattazione F Collocazione in opera di cartellonistica di cantiere e per deviazioni; di eventuali semafori provvisori negli incroci F Rimozione di cartellonistica di cantiere e per deviazioni; di eventuali semafori provvisori negli incroci F Manutenzione opere di protezione e segnalazione F Collocazione e rimozione delle baracche e prefabbricati di cantiere e relativi allacciamenti F Realizzazione stoccaggi di materiali in cantiere F Carico e scarico materiali in cantiere F.02 Scavi area recapito finale di progetto F Tracciamento F Delimitazione e protezione degli scavi Controllo della quota di scavo F Esecuzione dello scavo di sbancamento e livellamento F Scavo a macchina fino alla profondità di m 4, anche in presenza d'acqua F Trasporto del materiale di risulta degli scavi F.03 Platee F Allestimento e posa dell'armatura F Getto con autobetoniera e autopompa F Vibrazione del getto F.04 Scavi a sezione ristretta F tratto T1 F Tracciamento F Delimitazione e protezione degli scavi F Controllo della quota di scavo F Esecuzione dello scavo in trincea con macchine operatrici F Trasporto del materiale di risulta degli scavi F Armatura degli scavi a sezione ristretta (laddove necessario) F tratto T5 F Tracciamento F Delimitazione e protezione degli scavi F Controllo della quota di scavo F Esecuzione dello scavo in trincea con macchine operatrici F Armatura degli scavi a sezione ristretta (laddove necessario) F Trasporto del materiale di risulta degli scavi F tratto T3 F Tracciamento F Delimitazione e protezione degli scavi F Controllo della quota di scavo - pag ) IDENTIFICAZIONE DELL'OPERA E DEI SOGGETTI (All. XV D.Lgs 81/08)

18 F Esecuzione dello scavo in trincea con macchine operatrici F Armatura degli scavi a sezione ristretta (laddove necessario) F Trasporto del materiale di risulta degli scavi F tratto T4 F Tracciamento F Delimitazione e protezione degli scavi F Controllo della quota di scavo F Esecuzione dello scavo in trincea con macchine operatrici F Armatura degli scavi a sezione ristretta (laddove necessario) F Trasporto del materiale di risulta degli scavi F.05 setti in elevazione F Collocazione e rimozione delle casserature in legno o pannelli in multistrato, anche presagomate F Allestimento e posa dell'armatura F Getto con autobetoniera e autopompa F Vibrazione del getto F.06 Dismissione pozzi assorbenti F Sollevamento carpenteria F Accoppiamento carpenterie e saldatura F.08 Posa tubazioni, pozzetti prefabbricati; posa di chiusini F Stoccaggio provvisorio materiali F Movimentazione e collocazione in opera tubazioni, raccordi e pozzetti_via Togliatti F.08.02(2) Movimentazione e collocazione in opera tubazioni, raccordi e pozzetti_via Petrarca F Movimentazione e collocazione in opera tubazioni, raccordi e pozzetti_via Roselli F Posa del letto di sabbia, getto di cls di rinfianco, sigillature F.09 Rinterri F Rinterro con macchine operatrici F Costipazione o compattazione F.10 Realizzazione opere d'arte in c.a F Posa casseratura, previa stesa di disarmante F Inserimento di armature metalliche preconfezionate F Esecuzione getti con autobetoniera e autopompa e vibrazione dei getti F Disarmo, pulizia e ricollocazione a deposito casseri F.11 Collegamento degli allacciamenti esistenti F Intercettazione e sezionamento degli allacciamenti esistenti F.12 Ripristini stradali F Consegna e carico materiali F Stesa manto con vibrofinitrice F Rullatura binder con rullo metallico F Pulizia mezzi, ricollocazione a deposito IMPRESA: IMPRESA 2 Attività: OPERE IN C.A. GRUPPI OPERATIVI RICHIESTI PER L'IMPRESA: IMPRESA 2 PERSONALE OPERATIVO O.01 - Mansioni Impianti, Mezzi Rischi Responsabile auto Cadute tecnico di dall'alto, cantiere seppellimento, sprofondamen to, scivolamenti, cadute a livello, rumore, investimento e caduta materiale dall'alto, Lep db Sorveglianza sanitaria 86 Preassuntiva, vaccinazione antitetanica, rumore Informazione Formazione DPI Organizzazio ne del gestione documentazio ni; tecniche della comunicazion e; rischi cantiere Organizzazio ne del gestione documentazio ni; capacità comunicative; modalità operative specifiche in funzione dei rischi del cantiere Casco, calzature di sicurezza, protettore auricolare - pag ) IDENTIFICAZIONE DELL'OPERA E DEI SOGGETTI (All. XV D.Lgs 81/08)

19 Mansioni Capo squadra scavo e armatura Escavatorista Autista autocarro Operatore autogru Impianti, Mezzi automezzi, escavatore, pala meccanica, rullo compressore, rifinitrice, tagliasfalto, sega circolare, utensili e attrezzature manuali automezzi, escavatore, utensili e attrezzature manuali automezzi, utensili e attrezzature manuali automezzi, autogru, utensili e attrezzature manuali Rischi inalazione di polveri, fibre Cadute dall'alto, seppellimento, sprofondamen to, urti, colpi, impatti, compressioni, scivolamenti, cadute a livello, rumore, investimento e caduta materiale dall'alto, movimentazio ne manuale dei carichi, inalazione di polveri, fibre Vibrazioni, rumore, cesoiamento, stritolamento, movimentazio ne manuale dei carichi, olii minerali e derivati Investimento, movimentazio ne manuale dei carichi, inalazione di polveri, fibre, olii minerali e derivati Urti, colpi, impatti, compressioni, punture, tagli, abrasioni, scivolamenti, Lep db Sorveglianza sanitaria 85 Preassuntiva, vaccinazione antitetanica, polveri, fibre 83 Preassuntiva, vaccinazione antitetanica, periodica, maschera per la protezione delle vie respiratorie, indumenti protettivi 77 Preassuntiva, vaccinazione antitetanica, periodica 79 Preassuntiva, vaccinazione antitetanica, periodica Informazione Formazione DPI Rischi tipici della rischi) e cantiere Rischi tipici della rischi) e componenti, caratteristiche e modalità d'uso e manutenzione dell'escavator e Rischi tipici della rischi) e componenti, caratteristiche e modalità d'uso e manutenzione dell'autocarro Rischi tipici della rischi) e Modalità operative dettagliate per l'eliminazione o riduzione dei rischi la rischi) e per i rischi cantiere Modalità operative dettagliate per l'eliminazione o riduzione dei rischi la rischi) e per i rischi modalità d'uso e manutenzione dell'escavator e Modalità operative dettagliate per l'eliminazione o riduzione dei rischi la rischi) e per i rischi modalità d'uso e manutenzione dell'autocarro Modalità operative dettagliate per l'eliminazione o riduzione dei rischi - pag ) IDENTIFICAZIONE DELL'OPERA E DEI SOGGETTI (All. XV D.Lgs 81/08) Casco, calzature di sicurezza, copricapo, guanti, maschera per la protezione delle vie respiratorie, protettore auricolare Casco, calzature di sicurezza, guanti, maschera per la protezione delle vie respiratorie, indumenti protettivi Casco, calzature di sicurezza, guanti, indumenti protettivi Casco, calzature di sicurezza, guanti, indumenti protettivi

20 Mansioni Palista Operatore rullo Autista autobetoniera Impianti, Mezzi automezzi, pala meccanica, utensili e attrezzature manuali automezzi, rullo compressore, utensili e attrezzature manuali automezzi, autobetoniera, utensili e attrezzature manuali Rischi cadute di livello, elettrocuzione, movimentazio ne manuale dei carichi, olii minerali e derivati Urti, colpi, impatti, compressioni, vibrazioni, rumore, movimentazio ne manuale dei carichi, inalazione di polveri, fibre, olii minerali e derivati Vibrazioni, rumore, scivolamento, cadute di livello, inalazione di polveri, fibre, catrame, fumo, olii minerali e derivati Urti, colpi, impatti, compressioni, punture, tagli, abrasioni, vibrazioni, scivolamenti, cadute a livello, rumore, cesoiamento, stritolamento, movimentazio ne manuale dei carichi, inalazione di polveri, fibre, Lep db Sorveglianza sanitaria 83 Preassuntiva, vaccinazione antitetanica, periodica, polveri, fibre 88 Preassuntiva, vaccinazione antitetanica, periodica, vibrazioni, rumore 83 Preassuntiva, vaccinazione antitetanica, periodica, rumore, allergeni Informazione Formazione DPI componenti, caratteristiche e modalità d'uso e manutenzione dell'autogru Rischi tipici della rischi) e componenti, caratteristiche e modalità d'uso e manutenzione della pala meccanica Rischi tipici della rischi) e componenti, caratteristiche e modalità d'uso e manutenzione del rullo compressore Rischi tipici della rischi) e componenti, caratteristiche e modalità d'uso e manutenzione dell'autobeton iera la rischi) e per i rischi modalità d'uso e manutenzione dell'autogru Modalità operative dettagliate per l'eliminazione o riduzione dei rischi la rischi) e per i rischi modalità d'uso e manutenzione della pala meccanica Modalità operative dettagliate per l'eliminazione o riduzione dei rischi la rischi) e per i rischi modalità d'uso e manutenzione del rullo compressore Modalità operative dettagliate per l'eliminazione o riduzione dei rischi la rischi) e per i rischi modalità d'uso e manutenzione dell'autobeton - pag ) IDENTIFICAZIONE DELL'OPERA E DEI SOGGETTI (All. XV D.Lgs 81/08) Casco, calzature di sicurezza, guanti, indumenti protettivi Calzature di sicurezza, copricapo, guanti, maschera per la protezione delle vie respiratorie, protettore auricolare, indumenti protettivi Casco, calzature di sicurezza, guanti, maschera per la protezione delle vie respiratorie, protettore auricolare, indumenti protettivi

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea..

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) Ai sensi del D.Lgs. 81/08 e successive modifiche ed integrazioni. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. Sottosistema di Impianti presso la stazione di.. Committente:.

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMUNE DI ROMBIOLO PROVINCIA DI VIBO VALENTIA PROGETTO ESECUTIVO: Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA Progettista: VISTO: Comune di Rombiolo Via

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

DEMOLIZIONE EDIFICI RAFFORZAMENTI E PUNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OPERE ADIACENTI

DEMOLIZIONE EDIFICI RAFFORZAMENTI E PUNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OPERE ADIACENTI DEMOLIZIONE EDIFICI 1. DEMOLIZIONI MANUALI E1 DEMOLIZIONI STRUTTURE RAFFORZAMENTI E UNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OERE ADIACENTI DEMOLIZIONE VOLTE; DEMOLIZIONE SOLAI IN LEGNO; DEMOLIZIONE SOLAI LATERO-

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

IMPRESA (denominazione ed eventuale logo) MODELLO POS. PIANO OPERATIVO di SICUREZZA (P.O.S.) (ai sensi del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.

IMPRESA (denominazione ed eventuale logo) MODELLO POS. PIANO OPERATIVO di SICUREZZA (P.O.S.) (ai sensi del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i. IMPRESA (denominazione ed eventuale logo) PIANO OPERATIVO di SICUREZZA (P.O.S.) (ai sensi del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) L Impresa: timbro e firma (Il Datore di Lavoro) Impresa Pagina 1 di 23

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E. SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E. SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMUNE DI ROMBIOLO PROVINCIA DI VIBO VALENTIA PROGETTO ESECUTIVO: Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E. SCALA Progettista: VISTO: Comune di Rombiolo Via

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE pag. 1 R I P O R T O LAVORI A CORPO 1 RIMOZIONE DI ARMATURA STRADALE P001 ESISTENTE Prezzo per rimozione a qualsiasi altezza di armatura stradale esistente, completa di accessori elettrici e lampada, previo

Dettagli

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Obiettivo I lavoratori e i loro superiori conoscono le otto regole vitali da rispettare sistematicamente nell edilizia Formatori Assistenti, capi

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

ing. Domenico ing. Domenico Mannelli Mannelli www mannelli info

ing. Domenico ing. Domenico Mannelli Mannelli www mannelli info ing. Domenico Mannelli www.mannelli.info info I contenuti ti minimi i i del PSC- PSS-POSPOS Decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 Titolo III - DISPOSIZIONI ULTERIORI PER I CONTRATTI RELATIVI AI LAVORI

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

1 PREMESSA pag. 1 2 CARATTERISTICHE DELL OPERA 2.1 ANAGRAFICA DELL OPERA 2 2.5 DESCRIZIONE DEL CONTESTO DELL AREA DI CANTIERE 6

1 PREMESSA pag. 1 2 CARATTERISTICHE DELL OPERA 2.1 ANAGRAFICA DELL OPERA 2 2.5 DESCRIZIONE DEL CONTESTO DELL AREA DI CANTIERE 6 INDICE 1 PREMESSA pag. 1 2 CARATTERISTICHE DELL OPERA 2.1 ANAGRAFICA DELL OPERA 2 2.2 SOGGETTI COINVOLTI 3 2.3 DATI IMPRESA 4 2.4 DATI SUB-APPALTATORI 5 2.5 DESCRIZIONE DEL CONTESTO DELL AREA DI CANTIERE

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI

ELENCO PREZZI UNITARI ELENCO PREZZI UNITARI PER COSTRUZIONE E MANUTENZIONE RETI ACQUA, RETI FOGNARIE E IMPIANTI DI ALLACCIAMENTO UTENZA Distretto Operativo OPER / COORD / SUP EDIZIONE 02 / 2012 SOCIETÀ ACQUE POTABILI p.a. C.so

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI CASERTA SETTORE TECNICO UFFICIO PROGETTAZIONE INTERVENTI E.R.S. E M.O. LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA EDILE ELENCO PREZZI UNITARI RESP. UFFICIO

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO 3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO FASE DI LAVORAZIONE : LAVAGGIO COD. INAIL : FATTORE DI RISCHIO : - Rischi per la salute e igienico ambientali: rumore prodotto dal motore delle

Dettagli

ALLEGATO A. DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) Comune di Napoli PROVINCIA DI NAPOLI

ALLEGATO A. DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 100 e Allegato XV) Comune di Napoli PROVINCIA DI NAPOLI ALLEGATO A Comune di Napoli PROVINCIA DI NAPOLI Provincia Area Edilizia di Scolastica Na Ufficio Specialistico Tecnico Edilizia Scolastica 1 DIAGRAMMA DI GANTT Cronoprogramma dei lavori (D.Lgs 9 aprile

Dettagli

SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800

SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800 SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800 n ordine codice descrizione un. mis. quantità pr. unit. importo 1 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

ELABORA IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

ELABORA IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI IL DATORE DI LAVORO DEVE VALUTARE TUTTI I RISCHI PRESENTI NEL LUOGO DI LAVORO con la collaborazione di: RSPP MEDICO COMPETENTE nei casi in cui c è obbligo di sorveglianza sanitaria PREVIA CONSULTAZIONE

Dettagli

COMUNE DI VALDAGNO PROVINCIA DI VICENZA SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE VIA 1 MAGGIO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. Cornedo Vic.no lì 08 aprile 2013

COMUNE DI VALDAGNO PROVINCIA DI VICENZA SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE VIA 1 MAGGIO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. Cornedo Vic.no lì 08 aprile 2013 S T U D I O D I P R O G E T T A Z I O N E C I V I L E E D I N D U S T R I A L E D O T T. I N G. P R E T T O F L A V I O COMUNE DI VALDAGNO PROVINCIA DI VICENZA Oggetto: SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE VIA 1 MAGGIO

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

Allestimento del cantiere, opere di recinzione, realizzazione degli accessi, montaggio baracche di cantiere, uffici, impianti di cantiere (elettrico,

Allestimento del cantiere, opere di recinzione, realizzazione degli accessi, montaggio baracche di cantiere, uffici, impianti di cantiere (elettrico, Allestimento del cantiere, opere di recinzione, realizzazione degli accessi, montaggio baracche di cantiere, uffici, impianti di cantiere (elettrico, terra, idrico, fogna), posizionamento macchinari (betoniera

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente

Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente sulla sicurezza nei cantieri Gli obblighi per le imprese e per il cittadino committente GLI ENTI BILATERALI DELLA PROVINCIA DI L AQUILA CASSA EDILE località san Vittorino - s.s. 80 km 9 n 61 l aquila tel.

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

BENVENUTI. Introduzione alla norma SIA 118/262. CFP-SSIC TI: martedì 30 maggio 2006

BENVENUTI. Introduzione alla norma SIA 118/262. CFP-SSIC TI: martedì 30 maggio 2006 BENVENUTI Introduzione alla norma SIA 118/262 CFP-SSIC TI: martedì 30 maggio 2006 PROGRAMMA INTRODUZIONE NORMA SIA 118/262 Introduzione generale 10 Ing. Anastasia Confronto diretto SIA 220 SIA 118/262

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

MANUALE DI IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI STRADALI DI MEDIE E DI PICCOLE DIMENSIONI

MANUALE DI IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI STRADALI DI MEDIE E DI PICCOLE DIMENSIONI COLLEGIO DEI COSTRUTTORI EDILI DELLA PROVINCIA DI VERONA Assessorato alle Politiche della Sicurezza Prevenzione Protezione Lavoro Polizia Municipale MANUALE DI IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI

Dettagli

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis)

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis) Deliberazione Comitato per la tutela delle acque dall'inquinamento 04.02.1977 Criteri, metodologie e norme tecniche generali di cui all'art. 2, lettere b), d) ed e), della legge 10 maggio 1976, n. 319,

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

Sistema per il Ripristino delle Strutture Interrate PRODOTTI PER IMPERMEABILIZZARE

Sistema per il Ripristino delle Strutture Interrate PRODOTTI PER IMPERMEABILIZZARE Sistema per il Ripristino delle Strutture Interrate PRODOTTI PER IMPERMEABILIZZARE Il Ripristino DELLE Strutture Interrate NIDI DI GHIAIA E DISTANZIATORI PLASTICI RIPRESE DI GETTO Strutture Interrate RIPRESE

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 22 E. P_ SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 22 E. P_ SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMUNE DI ROMBIOLO PROVINCIA DI VIBO VALENTIA PROGETTO ESECUTIVO: Lavori completamento opere urbanizzazione Primaria COMMITTENTE: EL.: n 22 E. P_ SCALA Progettista: VISTO: Comune Rombiolo Via Karl Marx

Dettagli

FASCICOLO DELL OPERA e PSC Relatore: Carmelo G. Catanoso

FASCICOLO DELL OPERA e PSC Relatore: Carmelo G. Catanoso ASSOCIAZIONE TAVOLO 494 IMOLA www.tavolo494imola.org info@ tavolo494imola.org Atti del convegno DAL D.LGS. 494/96 AL TESTO UNICO DI SICUREZZA: novità e criticità 19 novembre 2008 FASCICOLO DELL OPERA e

Dettagli

ALLEGATO R ELENCO PREZZI

ALLEGATO R ELENCO PREZZI A r c h i t e t t o R i n a l d i n i E t t o r e R a v e n n a, V i a l e d e l l a L i r i c a n. 4 3 T e l 0 5 4 4 405979 F a x 0 5 4 4 272644 comm. part. Emissione Spec foglio di Mar2014 COMMITTENTE:

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (PSC)

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (PSC) 1 giunta regionale PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (PSC) ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI Segreteria Regionale Ambiente e Lavori Pubblici Direzione Lavori Pubblici 1 IL PRESENTE PSC, PREDISPOSTO SECONDO

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

TUBI E MANUFATTI IN CEMENTO PREFABBRICATI PER STRADE - FOGNATURE - EDILIZIA

TUBI E MANUFATTI IN CEMENTO PREFABBRICATI PER STRADE - FOGNATURE - EDILIZIA TUBI E MANUFATTI IN CEMENTO PREFABBRICATI PER STRADE - FOGNATURE - EDILIZIA INDICE GENERALE PAG. 2 PAG. 3 PAG. 4 PAG. 5 NOVITÀ 2012 SISTEMA QUALITÀ MARCATURA CE MOVIMENTAZIONE E POSA PAG. 6 PAG. 7-8 TUBI

Dettagli

Nove regole vitali per chi lavora su tetti e facciate Vademecum

Nove regole vitali per chi lavora su tetti e facciate Vademecum Nove regole vitali per chi lavora su tetti e facciate Vademecum Obiettivo I lavoratori e i loro superiori conoscono le nove regole vitali per chi lavora su tetti e facciate e le rispettano sistematicamente.

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

SERBATOI A SINGOLA PARETE

SERBATOI A SINGOLA PARETE SERBATOIO DA INTERRO: serbatoi cilindrici ad asse orizzontale, a singola o doppia parete per il deposito nel sottosuolo di liquidi infiammabili e non. Costruiti con lamiere in acciaio al carbonio tipo

Dettagli

Guida tecnica alla progettazione dell IMPERMEABILIZZAZIONE

Guida tecnica alla progettazione dell IMPERMEABILIZZAZIONE Guida tecnica alla progettazione dell IMPERMEABILIZZAZIONE 8 1 4 6 7 8 7 1 4 2 Guida tecnica alla progettazione dell IMPERMEABILIZZAZIONE INTRODUZIONE MAPEI, azienda leader mondiale nella produzione di

Dettagli

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN PER SOLAI MONODIREZIONALI skyrail sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE w w w. g e o p l a s t. i t SOLAI 02 VISION Con la Sapienza di costruisce

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

LINEA GUIDA. Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le CADUTE DALL ALTO SISTEMI DI ARRESTO CADUTA

LINEA GUIDA. Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le CADUTE DALL ALTO SISTEMI DI ARRESTO CADUTA LINEA GUIDA Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le CADUTE DALL ALTO SISTEMI DI ARRESTO CADUTA LINEA GUIDA Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Misure di prevenzione e protezione. a seguito di eventi calamitosi

Misure di prevenzione e protezione. a seguito di eventi calamitosi ANCE GIOVANI L AQUILA ANCE GIOVANI L AQUILA Provincia di L Aquila Prevenzione e Sicurezza in Edilizia Misure di prevenzione e protezione per la manutenzione dei sistemi di sicurezza e delle opere provvisionali

Dettagli

PRIME PER. Edificio. Il Coordinatore progettazio. Aprile 2013. one. P.le T (+ +39) 06 49694150 www.uniroma1.it

PRIME PER. Edificio. Il Coordinatore progettazio. Aprile 2013. one. P.le T (+ +39) 06 49694150 www.uniroma1.it PRIME INDICAZIONI E MISURE SULLA SICUERZZA PER LA STESURA DEI PIANI DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art. 17 D.P.R. 207/2010 0) SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA Realizzazionee di nuovo Stabulario Edificio B, Piano

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net ........... COMUNITA' MONTANA MUGELLO Oggetto dei lavori: REALIZZAZIONE DI NUOVO LOCALE TECNICO - I DIACCI II LOTTO Progettista: Geom. Francesco Minniti COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 2 LOTTO - COMPUTO METRICO

Dettagli

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il Comune di Frascati Provincia di Roma pag. 1 RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il suo collegamento al collettore ACEA lungo Via Enrico Fermi.

Dettagli

La sicurezza sul lavoro nei cantieri stradali

La sicurezza sul lavoro nei cantieri stradali La sicurezza sul lavoro nei cantieri stradali RISCHI E PREVENZIONE Edizione 2010 La sicurezza sul lavoro nei cantieri stradali Manuale operativo Edizione 2010 Questa pubblicazione è stata realizzata da:

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo

Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo EDIZIONE 1 / Volume 1 Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo Sezione Blocchi e Pavimenti Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote Opere Provvisionali Linee guida per il montaggio e smontaggio di ANVVFC,, Presidenza Nazionale, dicembre 2008 pag 1 Il DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 (Pubblicato sulla G.U del 30 aprile 2008)

Dettagli

INDICE 2 SEDE STRADALE AD USO PUBBLICO 2 3 PARCHEGGI AD USO PUBBLICO 3 4 SEGNALETICA STRADALE 3 5 CONDOTTE DI FOGNATURA ACQUE PLUVIALI 5

INDICE 2 SEDE STRADALE AD USO PUBBLICO 2 3 PARCHEGGI AD USO PUBBLICO 3 4 SEGNALETICA STRADALE 3 5 CONDOTTE DI FOGNATURA ACQUE PLUVIALI 5 INDICE pag. Premessa 2 SEDE STRADALE AD USO PUBBLICO 2 3 PARCHEGGI AD USO PUBBLICO 3 4 SEGNALETICA STRADALE 3 5 CONDOTTE DI FOGNATURA ACQUE PLUVIALI 5 6 CONDOTTE DI FOGNATURA ACQUE NERE 6 7 RETE DI DISTRIBUZIONE

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

Tecnologia della fermentazione

Tecnologia della fermentazione Effettivo riscaldamento del fermentatore BIOFLEX - BRUGG: tubo flessibile inox per fermentazione dalla famiglia NIROFLEX. Il sistema a pacchetto per aumentare l efficienza dei fermentatori BIOFLEX- tubazione

Dettagli

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!!" "

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!! Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Procedure di sicurezza per l installazione e la manutenzione di pannelli fotovoltaici Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Realizzazione

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE N NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI elastico e resistenza a trazione, per il riempimento degli scavi effettuati nel

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Opere di urbanizzazione primaria e secondaria, standard equivalente: computo estimativo di massima

Opere di urbanizzazione primaria e secondaria, standard equivalente: computo estimativo di massima Ing. Andrea Roma Via Messina 3 20154 Milano Programma Integrato di Intervento Cascina Boffalora Aggiornamento Dicembre 2012 Opere di urbanizzazione primaria e secondaria, standard equivalente: computo

Dettagli

LINEE GUIDA SUL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

LINEE GUIDA SUL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO LINEE GUIDA SUL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Presentazione La sicurezza strutturale e l affidabilità dei materiali e dei relativi sistemi costruttivi investono direttamente la competenza istituzionale

Dettagli

SILESTONE. Scheda di Dati di Sicurezza 01 IDENTIFICAZIONE DEL ARTICOLI E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA

SILESTONE. Scheda di Dati di Sicurezza 01 IDENTIFICAZIONE DEL ARTICOLI E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA 9ª Versione, data revisione: Dicembre 2013, sostituisce la versione del por luglio 2010. Aggiornato con A.St.A. Europe (Agglomerated Stones Association of Europe) SILESTONE Scheda di Dati di Sicurezza

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF?

Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF? Seminario tecnico Monitoraggio degli scarichi civili non in pubblica fognatura: Protocollo di intesa per la realizzazione di trattamenti individuali di depurazione delle acque reflue domestiche Trattamenti

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI

ELENCO PREZZI UNITARI ELENCO PREZZI UNITARI - pag.1- N. Codice Descrizione U.M. Prezzo/Euro 1 A.01 Rimozione di pavimentazione di pietrini di cemento, compreso cordoli, malta sottostante, ponti di servizio, massetto cementizio

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO Pagina 1 di 14 PER LA SICUREZZA SUL LAVORO Via dell oreficeria, 16-36100 VICENZA SERVIZIO EMERGENZE tel. 0444 969 555 S.A.T.E. (Servizio Assistenza Tecnica Espositori) tel. 0444 969 333 Centralino Uffici

Dettagli