NORME DI ACCESSO AI DISTRETTI E ALLE GRADUATORIE PER LA CACCIA DI SELEZIONE AL CERVO APPENNINICO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NORME DI ACCESSO AI DISTRETTI E ALLE GRADUATORIE PER LA CACCIA DI SELEZIONE AL CERVO APPENNINICO"

Transcript

1 ATC FI 4 NORME DI ACCESSO AI DISTRETTI E ALLE GRADUATORIE PER LA CACCIA DI SELEZIONE AL CERVO APPENNINICO -DISTRETTO CERVO PRATO- Art. 1 Premessa Le presenti norme di accesso al distretto su applicano ai sensi e in attuazione del DGPR n. 50/R del e del regolamento per La gestione faunistico venatoria degli ungulati della Provincia di Prato nr. 39 del Art. 2 Requisiti per l iscrizione al distretto del cervo di Prato I cacciatori richiedenti l iscrizione devono essere in possesso di specifica abilitazione di caccia al Cervo Appenninico rilasciata dalle province di Firenze, Prato e Pistoia o di abilitazioni equipollenti di altre province toscane. Art.3 Iscrizioni al distretto e modalità di assegnazione dei capi 1. i nuovi iscritti vengono inseriti annualmente al distretto e alla graduatoria di assegnazione dei capi secondo i seguenti parametri: a. in base all opzione scelta, ai sensi dell art. 28 comma 3 lettera d) b. in base al punteggio dell esame di abilitazione al cervo appenninico c. in base all attività svolta nel distretto di iscrizione d. in base all anzianità anagrafica. 2. i cacciatori abilitati, opzionisti e non, possono essere iscritti in uno soltanto degli appositi elenchi tenuti da ciascuna provincia ed esercitare l attività venatoria in un solo distretto di gestione ricadente nella provincia stessa di iscrizione. 3. i cacciatori assegnatari del distretto sono suddivisi in numero omogeneo in 5 o più gruppi di gestione 4. i gruppi di gestione vengono formati a discrezione dei cacciatori e dei coordinatori di distretto, gli eventuali disaccordi vengono risolti con i sorteggi 5. per ogni gruppo viene nominato dall ATC un coordinatore, che svolge anche le funzioni di vice coordinatore di distretto. Annualmente l ATC conferma le nomine del coordinatore e vice coordinatori del distretto nel corso dell assemblea annuale del distretto. 6. il piano di prelievo annuale viene suddiviso equamente dall ATC tra i gruppi di gestione rispettando il più possibile la ripartizione tra i sessi e le classi di età, le eventuali differenze vengono assegnate al gruppo per sorteggio 7. ad ogni cacciatore, avente diritto sulla base della graduatoria, viene assegnato un capo. Le singole assegnazioni all interno del gruppo vengono decise dai componenti del gruppo stesso rispettando negli anni una rotazione dei sessi e delle classi di età, eventuali

2 disaccordi all interno del gruppo vengono decisi in base alla graduatoria del distretto. L ATC stabilisce le modalità di assegnazione degli eventuali capi in esubero. 8. ai fini di una sempre maggiore specializzazione, per i nuovi abilitati alla selezione al cervo dell Appennino, l iscrizione al distretto è subordinata all effettuazione di un praticantato obbligatorio della durata di due stagioni venatorie. I praticanti, accompagnati da un istruttore, hanno l obbligo di partecipare a tutte le attività di gestione per le prime due stagioni venatorie di praticantato senza assegnazione di capo. Gli accompagnatori e gli istruttori devono avere almeno tre anni di esperienza di caccia al cervo senza errori gravi di abbattimento nel distretto. 9. il primo anno di attività venatoria e di assegnazione del capo il nuovo iscritto al distretto ha l obbligo di accompagnamento per qualsiasi classe di età e sesso. 10. i cacciatori assegnatari sono tenuti a rispettare le assegnazioni di subunità in rotazione indicate dall ATC 11. su proposta dell ATC la provincia può autorizzare, per alcune zone/subunità di gestione ed in determinati periodi, la modalità di prelievo a scalare per le classi maschio giovane, femmina adulta, femmina giovane e piccolo, come da indicazioni presenti nel Piano Annuale Operativo 12. il gruppo di gestione attraverso anche il coordinatore del gruppo stabilisce le modalità di organizzazione, comunicazione e scambio di assegnazione all interno del gruppo dei capi effettuati con la modalità a scalare. 13. i cacciatori che attuano le uscite di caccia con la modalità di prelievo a scalare devono prontamente comunicare a prelievo effettuato l esito dello stesso a gli altri cacciatori del gruppo e al coordinatore del gruppo di gestione, allo scopo di escludere dalla quota di prelievo del gruppo la classe di età e sesso prelevata e provvedere all eventuale scambio del capo tra i cacciatori appartenenti allo stesso gruppo 14. i nuovi iscritti al distretto non posso esercitare la modalità di prelievo a scalare per i primi due anni di attività venatoria 15. se il cacciatore preleva nella modalità a scalare un capo appartenente alla classe femmina adulta, femmina giovane e maschio giovane al posto di piccolo, ricevuto in prima assegnazione, l anno successivo dovrà avere come assegnazione e prelievo obbligatorio la classe piccolo. 16. Le classi maschio adulto e subadulto possono esser assegnate solo a cacciatori che hanno effettuato e completato per almeno per due anni il piano di prelievo senza commettere errori. Non sono considerati errori il prelievo di classi diverse, dalla assegnazione originale, effettuato nella modalità a scalare. Art.4 Aggregazioni L ATC stabilisce annualmente, in base ai prelievi effettuati dai singoli gruppi, le aggregazioni di due o più gruppi nelle rotazioni settimanali delle zone. I coordinatori dei gruppi possono approvare, per una giornata venatoria, l aggregazione di cacciatori appartenenti ad un altri gruppi di gestione. La richiesta di aggregazione deve pervenire al coordinatore del gruppo entro le ore 18 del giorno precedente.

3 I coordinatori dei gruppi possono stabilire uno o più punti di ritrovo di tutti i cacciatori per coordinare la giornata di caccia prima dell inserimento della comunicazioni di uscita nella cassetta. Art.5 Saturazione delle zone di caccia Sono stabiliti i seguenti parametri espressi in numero di cacciatori e/o coppie di cacciatori armati presenti in contemporanea per zone di caccia sulla base della superficie e delle caratteristiche della zona stessa: La Foresta Montemurlo Migliana Gavigno La Rasa Cavarzano Sasseta Vernio Art.6 Censimenti Annualmente l ATC fissa, su indicazione della Commissione Tecnica, il numero dei censimenti al bramito e dei censimenti per la struttura della popolazione. Per poter accedere alle assegnazioni dei capi, della stagione venatoria successiva, tutti i cacciatori devono aver partecipato al numero minimo di censimenti indicati annualmente nel Piano Annuale Operativo. Tutti i cacciatori iscritti al distretto hanno l obbligo di informarsi sulle date di censimenti stabilite dall ATC o dalla Commissione Tecnica contattando i responsabili di distretto. Art.7 Aggiornamento delle graduatorie Le graduatorie degli iscritti al distretto sono aggiornate annualmente sulla base del punteggio iniziale del voto dell esame di abilitazione del cervo (corso di specializzazione) espresso in 40/40. Le graduatorie sono distinte tra i cacciatori opzionisti (ai sensi dell art. 28 comma 3 lettera d della L.R. 3/1994) e non opzionisti. I cacciatori opzionisti hanno la precedenza nella graduatoria del distretto. Il conteggio dei punti positivi e negativi accumulati da ogni singolo cacciatore vengono calcolati a partire dalla prima annata venatoria del distretto del cervo di Prato ( ) In caso di parità di punteggio ha precedenza in graduatoria il più anziano anagraficamente. - Punteggi positivi

4 1. Per anno di attività venatoria effettuato nel Distretto Cervo di Prato punti 4 2. Per anno di censimenti minimi effettuati nel Distretto Cervo di Prato senza assegnazione del capo punti 4 3. Per anno di censimenti minimi effettuati nel Distretto Cervo di Prato in aspettativa volontaria punti 4 4. Per anno di praticantato obbligatorio effettuato punti 4 - Punteggi negativi I seguenti casi comportano la detrazione di punti 4 dalla graduatoria: 1 - non completare il piano assegnato per due anni consecutivi del primo capo in assegnazione 2 - commettere più di due infrazioni formali per anno di attività venatoria al cervo, sanzionate dalla Polizia Provinciale, relative alla compilazione della schede di comunicazione delle uscite e dei rientri di caccia 3 - rinunciare per due anni l assegnazione del capo attraverso la richiesta di aspettativa 4- non completare il piano assegnato effettuando un numero di uscite inferiori a 20. Le uscite vengono conteggiate come massimo due al giorno, una prima delle ore 12 e una dopo le ore 12. I seguenti casi comportano la sospensione dell iscrizione al distretto da 1 a 5 anni, in base alla gravità, e la detrazione di 4 punti per anno di sospensione: 1 - mancata esecuzione delle procedure previste per il ferimento del capo assegnato 2 - omissioni, ritardi o comportamenti errati nel compimento delle procedure inerenti le uscite di caccia, escluse quelle indicate al precedente punto 2, ed il controllo del capo abbattuto 3 - ritardi o mancata consegna ai coordinatori di distretto, oltre 30 giorni dal termine della stagione venatoria, del materiale biologico, delle schede biometriche e del libretto delle uscite. Dovranno essere consegnati crani e mandibole per i maschi, solo mandibola per femmine e piccoli. I cacciatori praticanti e il primo anno di assegnazione dovrà essere consegnato per tutte le classi il cranio intero. 4 - mancato rispetto delle indicazioni fornite dal Tecnico incaricato dall ATC o dai Responsabili di Distretto nel corso dei censimenti e delle uscite di caccia 5 - non rispettare le assegnazioni di zona e di gruppo indicate dall ATC 6 mancata applicazione delle fascette al tendine d Achille immediatamente dopo l abbattimento 7 - non completare il piano assegnato effettuando un numero di uscite inferiore a 10. Le uscite vengono conteggiate come massimo due al giorno, una prima delle ore 12 e una dopo le ore 12.

5 8 - mancata collaborazione alle attività di accompagnamento ai cacciatori praticanti e nuovi iscritti al distretto 9 - mancato utilizzo da parte del cacciatore e/o del rilevatore biometrico del punto di controllo 10 - mancata o ritardata comunicazione non giustificata dell'avvenuto abbattimento al responsabile di distretto o vice 11 - effettuare errori di abbattimento quali: a- abbattimento di maschio adulto e sub adulto al posto di maschio giovane, femmina, sottile e piccolo b- abbattimento di maschio giovane, al posto di femmina adulta, femmina sottile, piccolo e maschio adulto e subadulto c- abbattimento di maschio subadulto al posto di adulto con trofeo netto inferiore a kg 2,5 d- abbattimento di maschio adulto al posto di subadulto con trofeo superiore a : da kg 4,5 a 4,99 kg 1 anno sospensione da kg 5 a 5,99 kg 2 anni di sospensione da kg 6 a 6,49 kg 3 anni di sospensione da 6,5 a 7 kg 4 anni di sospensione oltre 7 kg 5 anni di sospensione e- abbattimento di piccolo al posto di femmina adulta e viceversa f- comunque tutti gli errori considerati gravi dalla Commissione Tecnica ACATER I cacciatori sospesi non accreditano i punti previsti per i censimenti effettuati nel corso dell anno/i di sospensione. Il peso del trofeo è calcolato, in ogni caso, applicando una detrazione a forfait di 700 gr al peso del cranio con i due palchi interi. Per i seguenti errori di abbattimento l anno successivo viene assegnato al cacciatore un piccolo al posto di un capo adulto o subadulto maschio o femmina adulta: g) femmina adulta anziché femmina sottile e viceversa nessuna penalità se adulta inferiore 70 kg e sottile superiore 70 kg (peso eviscerato) h) piccolo anziché femmina sottile e viceversa nessuna penalità se il piccolo superiore a 50 kg e sottile inferiore a 50 kg (peso eviscerato) Per ottenere la cancellazione della penalità, di cui ai punti g) e h), il capo abbattuto per errore dovrà essere pesato e certificato alla presenza del tecnico incaricato dall ATC o del responsabile o vice del distretto

6 Art.8 Quote di prelievo destinate anche a cacciatori non iscritti al distretto Annualmente L ATC può riservare un numero di capi non superiore al 30 % del piano complessivo anche a cacciatori non iscritti al distretto e non abilitati al Cervo Appenninico. Per le assegnazioni dei capi si dovrà tenere conto del seguente ordine di priorità: 1- cacciatori residenti in altre regioni che non siano iscritti ai distretti del cervo appenninico del comprensorio ACATER (Bologna Pistoia Firenze- Prato); 2- cacciatori residenti nelle altre province diverse da Firenze e Prato della Regione Toscana che non siano iscritti ai distretti del cervo appenninico del comprensorio ACATER (Bologna Pistoia Firenze- Prato); 3- cacciatori non assegnatari iscritti ad altri distretti del cervo appenninico dell ATCFI4; 4- cacciatori non abilitati al Cervo Appenninico residenti nella provincie di Prato e Firenze; 5- cacciatori iscritti al distretto del cervo appenninico di Prato; 6- cacciatori iscritti ad altri distretti del cervo appenninico dei comprensori ACATER Tutti i cacciatori non abilitati alla caccia di selezione devono dimostrare di avere pratica all uso di carabine e ottiche di mira. Le modalità di assegnazione dei capi e le quote economiche verranno stabilite annualmente secondo criteri e valori di mercato. I cacciatori indicati nei precedenti punti dovranno essere accompagnati da cacciatori iscritti al distretto, i requisiti degli accompagnatori dovranno essere gli stessi indicati nell art.3 punto 8. Le modalità di richiesta e prenotazione dei capi verranno pubblicate sul sito web dell ATC FI4 ( L ATC stabilisce annualmente le quote economiche di rimborso spese da destinare agli accompagnatori e/o ricuperatori che hanno collaborato ai prelievi dei cacciatori non iscritti al distretto. La quota di rimborso spese dell accompagnatore che avrà fatto effettuare l abbattimento verrà riconosciuta dall ATC al momento dell iscrizione al distretto per la stagioni venatoria successiva a quella di esecuzione del servizio. I cacciatori indicati nei precedenti punti dovranno attenersi oltre alle presenti norme anche al disciplinare per l accesso al prelievo predisposto dall ATC FI 4 che sottoscriveranno al momento dell iscrizione al distretto come cacciatori ospiti e che forma parte integrante delle presenti norme. Art. 9 Quote di prelievo destinate a cacciatori praticanti Annualmente L ATC può riservare un numero di capi del piano complessivo, stabilendone il numero e le classi di età e sesso, anche a cacciatori neoabilitati particanti iscritti al distretto del Cervo Appenninico.

7 Le modalità di assegnazione dei capi e le quote economiche verranno stabilite annualmente secondo criteri e valori di mercato. I cacciatori neoabilitati praticanti dovranno essere accompagnati da cacciatori iscritti al distretto, i requisiti degli accompagnatori dovranno essere gli stessi indicati nell art.3 punto 8. Le modalità di richiesta e prenotazione dei capi verranno pubblicate sul sito web dell ATC FI4 ( L ATC stabilisce annualmente le quote economiche di rimborso spese da destinare agli accompagnatori e/o ricuperatori che hanno collaborato ai prelievi dei cacciatori praticanti iscritti al distretto. Tali quote potranno essere considerate come crediti maturati, a scalare, sulla quota annuale di iscrizione al distretto per la stagione venatoria successiva a quella in cui viene effettuato il servizio di accompagnamento. I cacciatori di cui al presente articolo dovranno attenersi oltre alle presenti norme anche al disciplinare per l accesso al prelievo predisposto dall ATC FI 4 che sottoscriveranno al momento dell iscrizione al distretto peri cacciatori ospiti e che forma parte integrante delle presenti norme. Art.10 Classi di età Sono stabilite le seguenti classi di età: Maschi Piccoli (classe 0) Giovani (classe I) Subadulti (classe II) Adulti (classe III e IV) Femmine Piccole (classe 0) Sottili (classe I) Adulte (classe II) età inferiore a 12 mesi mesi 2-3 anni compiuti 4 anni compiuti ed oltre età inferiore a 12 mesi mesi oltre 24 mesi I piccoli sono assegnati indeterminati per sesso.

NORME DI ACCESSO AI DISTRETTI E ALLE GRADUATORIE PER LA CACCIA DI SELEZIONE AL CERVO APPENNINICO

NORME DI ACCESSO AI DISTRETTI E ALLE GRADUATORIE PER LA CACCIA DI SELEZIONE AL CERVO APPENNINICO ATC LU 12 REVISIONE DEL 10/09/2013 NORME DI ACCESSO AI DISTRETTI E ALLE GRADUATORIE PER LA CACCIA DI SELEZIONE AL CERVO APPENNINICO -DISTRETTO CERVO LUCCA 12- Art. 1 Premessa Le presenti norme di accesso

Dettagli

COMITATO DI GESTIONE AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA N PISTOIA PROT. N. 308/15 DELIBERA N APRILE 2015

COMITATO DI GESTIONE AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA N PISTOIA PROT. N. 308/15 DELIBERA N APRILE 2015 COMITATO DI GESTIONE AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA N. 16 - PISTOIA PROT. N. 308/15 DELIBERA N. 40 16 APRILE 2015 OGGETTO: QUOTE DI ACCESSO ALLA CACCIA AL CINGHIALE IN BATTUTA, ALLA CACCIA DI SELEZIONE

Dettagli

COMITATO DI GESTIONE AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA - ATC PISTOIA 16

COMITATO DI GESTIONE AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA - ATC PISTOIA 16 MODULO DI RICHIESTA PER LA PARTECIPAZIONE AI PIANI DI PRELIEVO DEL CERVO IN QUALITA DI OSPITE Il sottoscritto nato il / / a residente a nel comune di (CAP ) via, n Codice Fiscale dichiara: di essere stato

Dettagli

ATC PR 4. Regolamento per la caccia al Cervo.

ATC PR 4. Regolamento per la caccia al Cervo. ATC PR 4 Regolamento per la caccia al Cervo. Art. 1 - Il presente regolamento disciplina l accesso alla caccia di selezione, l assegnazione dei punteggi e delle penalità e la conseguente classifica valida

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA VARZI OLTREPO SUD 5 REGOLAMENTO INTEGRATIVO PER IL PRELIEVO DEGLI UNGULATI

AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA VARZI OLTREPO SUD 5 REGOLAMENTO INTEGRATIVO PER IL PRELIEVO DEGLI UNGULATI AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA VARZI OLTREPO SUD 5 REGOLAMENTO INTEGRATIVO PER IL PRELIEVO DEGLI UNGULATI PREMESSA L ATCPV5 consegue le finalità espresse all art.1 del Regolamento Provinciale per il prelievo

Dettagli

ATC CN5 Cortemilia CACCIATORI TEMPORANEI - ANNATA VENATORIA 2013/2014 REGOLAMENTO PER LA CACCIA DI SELEZIONE AGLI UNGULATI

ATC CN5 Cortemilia CACCIATORI TEMPORANEI - ANNATA VENATORIA 2013/2014 REGOLAMENTO PER LA CACCIA DI SELEZIONE AGLI UNGULATI ATC CN5 Cortemilia CACCIATORI TEMPORANEI - ANNATA VENATORIA 2013/2014 REGOLAMENTO PER LA CACCIA DI SELEZIONE AGLI UNGULATI Delibera del Comitato di gestione dell ATC CN5 n.25 del 25/6/2013 ai sensi della

Dettagli

AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA. Approvato dal Consiglio Direttivo dell A.T.C.MO2 nella seduta del Con validità a partire dal

AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA. Approvato dal Consiglio Direttivo dell A.T.C.MO2 nella seduta del Con validità a partire dal REGOLAMENTO CACCIA DI SELEZIONE CAPRIOLO DAINO Approvato dal Consiglio Direttivo dell A.T.C.MO2 nella seduta del 12.02.2013 Con validità a partire dal 14.02.2013 1 Art. 1 Obiettivi e finalità Il presente

Dettagli

Regolamento per la caccia al cinghiale

Regolamento per la caccia al cinghiale Ambito territoriale di Caccia VV 2 Regolamento per la caccia al cinghiale Art. 1 1 Finalità Il presente regolamento, nel rispetto delle norme vigenti, disciplina e pianifica la caccia alla specie del cinghiale.

Dettagli

PROVINCIA DI SIENA Area POLITICHE DELL AMBIENTE SERVIZIO RISORSE FAUNISTICHE E RISERVE NATURALI

PROVINCIA DI SIENA Area POLITICHE DELL AMBIENTE SERVIZIO RISORSE FAUNISTICHE E RISERVE NATURALI PROVINCIA DI SIENA Area POLITICHE DELL AMBIENTE SERVIZIO RISORSE FAUNISTICHE E RISERVE NATURALI REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA GESTIONE FAUNISTICA E VENATORIA DI CERVIDI E BOVIDI TITOLO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

Allegato alla deliberazione del Commissario dell ATC16 Pistoia n. 42 del 5 maggio 2015

Allegato alla deliberazione del Commissario dell ATC16 Pistoia n. 42 del 5 maggio 2015 Allegato alla deliberazione del Commissario dell ATC16 Pistoia n. 42 del 5 maggio 2015 Regolamento per il prelievo venatorio degli ungulati nell ATC Pistoia TITOLO I PARTE GENERALE Art 1. Finalità 1. Il

Dettagli

Regolamento per il prelievo venatorio degli ungulati nell ATC Pistoia 16 TITOLO I PARTE GENERALE

Regolamento per il prelievo venatorio degli ungulati nell ATC Pistoia 16 TITOLO I PARTE GENERALE Delibera del Commissario dell ATC 16 Pistoia n. 46 del 05 giugno 2014 Regolamento per il prelievo venatorio degli ungulati nell ATC Pistoia 16 TITOLO I PARTE GENERALE Art 1. Finalità 1. Il presente regolamento

Dettagli

ESTRATTO DEL REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DEI CERVIDI NEL TERRITORIO DELL ATC PS1

ESTRATTO DEL REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DEI CERVIDI NEL TERRITORIO DELL ATC PS1 Ambito Territoriale di Caccia Pesaro 1 ESTRATTO DEL REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DEI CERVIDI NEL TERRITORIO DELL ATC PS1 (Reg. Reg. n. 3/12 e ss. mm. e ii.) gennaio 2013 TITOLO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CACCIA DI SELEZIONE AL CERVO APPENNINICO NELLA PROVINCIA DI MODENA

REGOLAMENTO PER LA CACCIA DI SELEZIONE AL CERVO APPENNINICO NELLA PROVINCIA DI MODENA REGOLAMENTO PER LA CACCIA DI SELEZIONE AL CERVO APPENNINICO NELLA PROVINCIA DI MODENA Art. 1 Ambito di applicazione del regolamento Il presente regolamento si applica a tutto il territorio incluso nei

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CACCIA AL CERVO APPENNINICO NELLA PROVINCIA DI LUCCA

REGOLAMENTO PER LA CACCIA AL CERVO APPENNINICO NELLA PROVINCIA DI LUCCA REGOLAMENTO PER LA CACCIA AL CERVO APPENNINICO NELLA PROVINCIA DI LUCCA Art. 1 Comprensorio geografico di applicazione del regolamento 1. Il presente regolamento è applicato su tutto il territorio occupato

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE CACCIA LA SPEZIA. Disposizioni di attuazione del Regolamento regionale per la caccia di selezione agli ungulati CAPRIOLO

AMBITO TERRITORIALE CACCIA LA SPEZIA. Disposizioni di attuazione del Regolamento regionale per la caccia di selezione agli ungulati CAPRIOLO AMBITO TERRITORIALE CACCIA LA SPEZIA Disposizioni di attuazione del Regolamento regionale per la caccia di selezione agli ungulati CAPRIOLO Art. Principi generali. Le presenti Disposizioni di attuazione

Dettagli

Vista la legge 11 febbraio 1992, n. 157 ed in particolare l art. 18 concernente le specie cacciabili e i periodi di attività venatoria;

Vista la legge 11 febbraio 1992, n. 157 ed in particolare l art. 18 concernente le specie cacciabili e i periodi di attività venatoria; REGIONE PIEMONTE BU17S1 24/04/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 15 aprile 2014, n. 30-7447 Art. 18, legge 11.2.1992, n. 157. Art. 40, comma 2, della l.r. 5/2012. D.G.R. n. 94-3804 del 27.4.2012

Dettagli

COMITATO DI GESTIONE AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA N PISTOIA. PROT. n. 473/17 DELIBERA N. 56 SEDUTA DEL 04 SETTEMBRE 2017

COMITATO DI GESTIONE AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA N PISTOIA. PROT. n. 473/17 DELIBERA N. 56 SEDUTA DEL 04 SETTEMBRE 2017 COMITATO DI GESTIONE AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA N. 16 - PISTOIA PROT. n. 473/17 DELIBERA N. 56 SEDUTA DEL 04 SETTEMBRE 2017 OGGETTO: CACCIA DI SELEZIONE AL CERVO, DAINO E MUFLONE. STAGIONE 2017/2018.

Dettagli

Comprensorio alpino n. 1

Comprensorio alpino n. 1 Comprensorio alpino n. 1 Recoaro Terme, Crespadoro, Tretto, Valli del Pasubio Facoltà assentite per la stagione venatoria 2014/2015 Addestramento cani (Punto 1 Calendario venatorio Z.A.). Le giornate consentite

Dettagli

PROVINCIA DI FIRENZE MODALITA TECNICHE PER LA CACCIA DI SELEZIONE A CERVIDI E BOVIDI NELLA PROVINCIA DI FIRENZE. Art. 1. Finalità

PROVINCIA DI FIRENZE MODALITA TECNICHE PER LA CACCIA DI SELEZIONE A CERVIDI E BOVIDI NELLA PROVINCIA DI FIRENZE. Art. 1. Finalità PROVINCIA DI FIRENZE MODALITA TECNICHE PER LA CACCIA DI SELEZIONE A CERVIDI E BOVIDI NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Art. 1 Finalità Il presente documento è relativo alle modalità tecniche ed operative della

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA - MS 13

AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA - MS 13 Provincia di Massa Carrara AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA MS 13 AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA - MS 13 NORME DI ATTUAZIONE del Regolamento per la Gestione Faunistico Venatoria del Capriolo in Provincia di

Dettagli

REGOLAMENTO ATTUATIVO PER L AMMISSIONE ALLA GESTIONE ED AL PRELIEVO DEL CINGHIALE E DEI CERVIDI NEL TERRITORIO DELL ATC PS1

REGOLAMENTO ATTUATIVO PER L AMMISSIONE ALLA GESTIONE ED AL PRELIEVO DEL CINGHIALE E DEI CERVIDI NEL TERRITORIO DELL ATC PS1 Ambito Territoriale di Caccia Pesaro 1 REGOLAMENTO ATTUATIVO PER L AMMISSIONE ALLA GESTIONE ED AL PRELIEVO DEL CINGHIALE E DEI CERVIDI NEL TERRITORIO DELL ATC PS1 (R.R. n. 3/12 e ss. mm. e ii., art 6 comma

Dettagli

Regolamento 15 novembre 2000, n. 8 Regolamento per la gestione faunistico venatoria della popolazione di cervo dell Appennino Tosco - Emiliano.

Regolamento 15 novembre 2000, n. 8 Regolamento per la gestione faunistico venatoria della popolazione di cervo dell Appennino Tosco - Emiliano. Regolamento 15 novembre 2000, n. 8 Regolamento per la gestione faunistico venatoria della popolazione di cervo dell Appennino Tosco - Emiliano. Bollettino Ufficiale n. 34, parte prima, del 24.11.2000 Art.

Dettagli

La Comunità delle Regole di Spinale e Manez, con sede a Ragoli, via Roma n 19, ha ottenuto in

La Comunità delle Regole di Spinale e Manez, con sede a Ragoli, via Roma n 19, ha ottenuto in AZIENDA FAUNISTICA VENATORIA DELLO SPINALE REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA VENATORIA E MODALITA DI ORGANIZZAZIONE PER IL PRELIEVO SELETTIVO DELLA SELVAGGINA Art. 1: Denominazione La Comunità

Dettagli

Comprensorio alpino n. 6 Bassano, Campolongo Valstagna, Conco, Lusiana e Marostica. Facoltà assentite per la stagione

Comprensorio alpino n. 6 Bassano, Campolongo Valstagna, Conco, Lusiana e Marostica. Facoltà assentite per la stagione Comprensorio alpino n. 6 Bassano, Campolongo Valstagna, Conco, Lusiana e Marostica. Facoltà assentite per la stagione 2014 2015 Addestramento cani. (Punto 1 Calendario venatorio Z.A.) Riserva di Camplongo

Dettagli

REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DEL CINGHIALE NEL TERRITORIO DELL ATC PS2

REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DEL CINGHIALE NEL TERRITORIO DELL ATC PS2 Ambito Territoriale di Caccia Pesaro 2 REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DEL CINGHIALE NEL TERRITORIO DELL ATC PS2 (Reg. Reg. n. 3/12 e ss. mm. e ii.) Stagione Venatoria 2013-2014 ART.

Dettagli

Comprensorio del cervo dell Appennino tosco-emiliano. A cura della Commissione Tecnica

Comprensorio del cervo dell Appennino tosco-emiliano. A cura della Commissione Tecnica Comprensorio del cervo dell Appennino tosco-emiliano AVVIO DELLA GESTIONE FAUNISTICO-VENATORIA DEL CERVO NEL COMPRENSORIO DELL APPENNINO TOSCO-EMILIANO Anno 2002-2003 RELAZIONE FINALE DEL TERZO ANNO DI

Dettagli

Comprensorio alpino n. 2

Comprensorio alpino n. 2 Comprensorio alpino n. 2 Arsiero, Laghi, Lastebasse, Pedemonte, Posina, Tonezza, Valdastico Facoltà assentite per la stagione 2014 2015 Caccia specialistica (Punto 2 calendario venatorio Z.A.). In tutte

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI UNGULATI NEL C.A. VAL BREMBANA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI UNGULATI NEL C.A. VAL BREMBANA PREMESSA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI UNGULATI NEL C.A. VAL BREMBANA Il presente regolamento, che integra, per le disposizioni delegate ai Comprensori, il Regolamento provinciale per l esercizio della

Dettagli

Ambito Territoriale di Caccia Macerata 2 "Val di Chienti" Contrada Valleverde, Piediripa di Macerata (MC)

Ambito Territoriale di Caccia Macerata 2 Val di Chienti Contrada Valleverde, Piediripa di Macerata (MC) Ambito Territoriale di Caccia Macerata 2 "Val di Chienti" Contrada Valleverde, 11 62100 - Piediripa di Macerata (MC) Regolamento per la gestione e il prelievo degli ungulati nell'ambito Territoriale di

Dettagli

REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA GESTIONE E PRELIEVO DEGLI UNGULATI

REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA GESTIONE E PRELIEVO DEGLI UNGULATI A.T.C. ASCOLI PICENO REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA GESTIONE E PRELIEVO DEGLI UNGULATI In attuazione del R.R. n. 3 del 23 marzo 2012 e succ. mod. e int. (art. 6 comma 2 lettera e) STAGIONE VENATORIA 2016/2017

Dettagli

REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DI UNGULATI NEL TERRITORIO DELL ATC PS2. ( Reg. Reg. n. 3/12 e ss. mm. e ii.)

REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DI UNGULATI NEL TERRITORIO DELL ATC PS2. ( Reg. Reg. n. 3/12 e ss. mm. e ii.) REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DI UNGULATI NEL TERRITORIO DELL ATC PS2 ( Reg. Reg. n. 3/12 e ss. mm. e ii.) marzo 2013 REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DI UNGULATI

Dettagli

REGOLAMENTO ATTUATIVO PER L AMMISSIONE ALLA GESTIONE ED AL PRELIEVO DEL CINGHIALE E DEI CERVIDI NEL TERRITORIO DELL ATC PS2

REGOLAMENTO ATTUATIVO PER L AMMISSIONE ALLA GESTIONE ED AL PRELIEVO DEL CINGHIALE E DEI CERVIDI NEL TERRITORIO DELL ATC PS2 Ambito Territoriale di Caccia Pesaro 2 REGOLAMENTO ATTUATIVO PER L AMMISSIONE ALLA GESTIONE ED AL PRELIEVO DEL CINGHIALE E DEI CERVIDI NEL TERRITORIO DELL ATC PS2 (R.R. n. 3/12 e ss. mm. e ii., art 6 comma

Dettagli

Comprensorio del cervo dell Appennino tosco-emiliano

Comprensorio del cervo dell Appennino tosco-emiliano Comprensorio del cervo dell Appennino tosco-emiliano AVVIO DELLA GESTIONE FAUNISTICO-VENATORIA DEL CERVO NEL COMPRENSORIO DELL APPENNINO TOSCO-EMILIANO Anno 2003-2004 RELAZIONE FINALE DEL QUARTO ANNO DI

Dettagli

PROVINCIA DI GROSSETO

PROVINCIA DI GROSSETO Disciplinare inerente le modalità tecniche per l allenamento e l utilizzo dei cani da traccia ed il recupero dei capi feriti Regolamento Provinciale per la gestione faunistica e venatoria dei Cervidi e

Dettagli

GESTIONE FAUNISTICO-VENATORIA DEL CAPRIOLO (Capreolus capreolus) RELAZIONE CONSUNTIVA STAGIONE VENATORIA 2013/2014

GESTIONE FAUNISTICO-VENATORIA DEL CAPRIOLO (Capreolus capreolus) RELAZIONE CONSUNTIVA STAGIONE VENATORIA 2013/2014 GESTIONE FAUNISTICO-VENATORIA DEL CAPRIOLO (Capreolus capreolus) RELAZIONE CONSUNTIVA STAGIONE VENATORIA 2013/2014 La presente relazione è stata redatta dal Dott. Filippo Savelli in veste di tecnico faunistico

Dettagli

CAPO I - Parte generale

CAPO I - Parte generale DISPOSIZIONI APPLICATIVE PER LA CACCIA DI SELEZIONE AL CAPRIOLO NELLA ZONA SPECIALE DI CACCIA IN PREPARCO DEL PARCO REGIONALE DELLE VALLI DEL CEDRA E DEL PARMA Stagioni venatorie 2010-2011 e 2011-2012

Dettagli

Regolamento per la caccia di selezione al cinghiale nell'atc Arezzo

Regolamento per la caccia di selezione al cinghiale nell'atc Arezzo Regolamento per la caccia di selezione al cinghiale nell'atc Arezzo 1- L'ATC Arezzo, laddove i Distretti di caccia di selezione ai Cervidi e Bovidi costituiti e operanti alla data del 15 giugno 2016 ricadano

Dettagli

GESTIONE FAUNISTICO-VENATORIA DEI CERVIDI

GESTIONE FAUNISTICO-VENATORIA DEI CERVIDI GESTIONE FAUNISTICO-VENATORIA DEI CERVIDI RELAZIONE CONSUNTIVA STAGIONE VENATORIA 2016/2017 MAGGIO 2017 La presente relazione è stata redatta dal Dott. Filippo Savelli in veste di tecnico faunistico incaricato

Dettagli

CAPO I - Parte generale

CAPO I - Parte generale ALLEGATO TECNICO ALLA DELIBERA DI COMITATO ESECUTIVO N. 58 del 09/06/2017 - DISPOSIZIONI APPLICATIVE PER LA CACCIA DI SELEZIONE AL CAPRIOLO NELLA ZONA SPECIALE DI CACCIA IN AREA CONTIGUA AL PARCO REGIONALE

Dettagli

RISULTATI DEI CENSIMENTI E FORMULAZIONE DEI PIANI DI PRELIEVO DEL CINGHIALE NELLE A.F.V. DELLA COLLINA RAVENNATE. STAGIONE VENATORIA 2010/2011.

RISULTATI DEI CENSIMENTI E FORMULAZIONE DEI PIANI DI PRELIEVO DEL CINGHIALE NELLE A.F.V. DELLA COLLINA RAVENNATE. STAGIONE VENATORIA 2010/2011. RISULTATI DEI CENSIMENTI E FORMULAZIONE DEI PIANI DI PRELIEVO DEL CINGHIALE NELLE A.F.V. DELLA COLLINA RAVENNATE. STAGIONE VENATORIA 2010/2011. Le A.F.V. GALLIANA, IL POGGIOLO, MONTE BATTAGLIA, NUOVA PUROCIELO,

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO PER LO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA VENATORIA DELLA CACCIA AL CINGHIALE E DELLA ISCRIZIONE DELLE SQUADRE CINGHIALISTE. Art.

REGOLAMENTO INTERNO PER LO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA VENATORIA DELLA CACCIA AL CINGHIALE E DELLA ISCRIZIONE DELLE SQUADRE CINGHIALISTE. Art. REGOLAMENTO INTERNO PER LO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA VENATORIA DELLA CACCIA AL CINGHIALE E DELLA ISCRIZIONE DELLE SQUADRE CINGHIALISTE. Art. 1 Consistenza della Specie Il Comitato di Gestione dell ATC

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA SERVIZIO RISORSE FAUNISTICHE

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA SERVIZIO RISORSE FAUNISTICHE AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA SERVIZIO RISORSE FAUNISTICHE REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA GESTIONE FAUNISTICA E VENATORIA DEL CAPRIOLO, DEL DAINO, DEL MUFLONE E DEL CERVO TITOLO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

Ambito Territoriale di Caccia Lucca. CACCIA DI SELEZIONE AL CERVO SISTEMA DI TELEPRENOTAZIONE ARTEMIDE Modalità TELEFONATA

Ambito Territoriale di Caccia Lucca. CACCIA DI SELEZIONE AL CERVO SISTEMA DI TELEPRENOTAZIONE ARTEMIDE Modalità TELEFONATA Ambito Territoriale di Caccia Lucca CACCIA DI SELEZIONE AL CERVO SISTEMA DI TELEPRENOTAZIONE ARTEMIDE Modalità TELEFONATA A partire dalla stagione venatoria 2016-2017 la comunicazione delle uscite di caccia

Dettagli

1) Caccia al cinghiale in area non vocata

1) Caccia al cinghiale in area non vocata Piano per la caccia di selezione al cinghiale nelle aree non vocate alla specie della Provincia di Firenze In attuazione del Piano Faunistico Venatorio Provinciale 2012-2015 1) Caccia al cinghiale in area

Dettagli

Ambito Territoriale di Caccia Macerata 2 "Val di Chienti" Contrada Valleverde, Piediripa di Macerata (MC)

Ambito Territoriale di Caccia Macerata 2 Val di Chienti Contrada Valleverde, Piediripa di Macerata (MC) Ambito Territoriale di Caccia Macerata 2 "Val di Chienti" Contrada Valleverde, 11 62100 - Piediripa di Macerata (MC) Regolamento per la gestione e il prelievo degli ungulati nell'ambito Territoriale di

Dettagli

REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DI UNGULATI NEL TERRITORIO DELL ATC PS1. (Reg. Reg. n. 3/12 e ss. mm. e ii.)

REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DI UNGULATI NEL TERRITORIO DELL ATC PS1. (Reg. Reg. n. 3/12 e ss. mm. e ii.) REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DI UNGULATI NEL TERRITORIO DELL ATC PS1 (Reg. Reg. n. 3/12 e ss. mm. e ii.) gennaio 2013 REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DI UNGULATI

Dettagli

Regione Umbria. Giunta Regionale

Regione Umbria. Giunta Regionale Regione Umbria Giunta Regionale DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA, AMBIENTE, ENERGIA, CULTURA, BENI CULTURALI E SPETTACOLO Servizio Foreste, montagna, sistemi naturalistici, faunistica DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Dettagli

REGOLAMENTO CACCIA DI SELEZIONE UNGULATI SELVATICI Stagione Venatoria 2013/2014

REGOLAMENTO CACCIA DI SELEZIONE UNGULATI SELVATICI Stagione Venatoria 2013/2014 REGOLAMENTO CACCIA DI SELEZIONE UNGULATI SELVATICI Stagione Venatoria 2013/2014 1) La caccia di selezione agli Ungulati selvatici (compreso il Cinghiale) è effettuata da singoli cacciatori, secondo piani

Dettagli

Pagina 4 di 11. MASSIMO ANNUALE 1 Partecipazione ai censimenti collettivi col metodo del mappaggio, 3 - PUNTEGGIO DESCRIZIONE PRESTAZIONE

Pagina 4 di 11. MASSIMO ANNUALE 1 Partecipazione ai censimenti collettivi col metodo del mappaggio, 3 - PUNTEGGIO DESCRIZIONE PRESTAZIONE A.T.C. PR6 REGOLAMENTO PER LA CACCIA AGLI UNGULATI CON METODI SELETTIVI ART.1 PREMESSA a) Il presente regolamento disciplina l accesso ai censimenti ed al prelievo con metodi selettivi relativi alla gestione

Dettagli

CAPO I - Parte generale

CAPO I - Parte generale c/o Comunità Montana-Unione dei Comuni Est Parco Regionale delle Valli del Cedra e del DISPOSIZIONI APPLICATIVE PER LA CACCIA DI SELEZIONE AL CAPRIOLO NELLA ZONA SPECIALE DI CACCIA IN AREA CONTIGUA AL

Dettagli

REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DI UNGULATI NEL TERRITORIO DELL AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA AN1 # ADEGUAMENTO #

REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DI UNGULATI NEL TERRITORIO DELL AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA AN1 # ADEGUAMENTO # REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DI UNGULATI NEL TERRITORIO DELL AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA AN1 # ADEGUAMENTO # (Rif. DGR n. 29 del 23/01/2017, art. 13, comma 2) (Reg. Reg. n. 3/12

Dettagli

Ambito Territoriale di Caccia Pistoia 16 CACCIA DI SELEZIONE AGLI UNGULATI SISTEMA DI TELEPRENOTAZIONE ARTEMIDE

Ambito Territoriale di Caccia Pistoia 16 CACCIA DI SELEZIONE AGLI UNGULATI SISTEMA DI TELEPRENOTAZIONE ARTEMIDE Ambito Territoriale di Caccia Pistoia 16 CACCIA DI SELEZIONE AGLI UNGULATI SISTEMA DI TELEPRENOTAZIONE ARTEMIDE A partire dalla stagione venatoria 2012-2013 la comunicazione delle uscite di caccia verrà

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE CACCIA RE 4 MONTAGNA. Regolamento per la Gestione degli Ungulati

AMBITO TERRITORIALE CACCIA RE 4 MONTAGNA. Regolamento per la Gestione degli Ungulati AMBITO TERRITORIALE CACCIA RE 4 MONTAGNA Regolamento per la Gestione degli Ungulati 2012 Approvato dall Assemblea dei soci dell ATC RE4 Montagna 20 aprile 2012 1 AMBITO TERRITORIALE CACCIA RE 4 MONTAGNA

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE SPECIE CAMOSCIO, CERVO E CAPRIOLO AI DETENTORI DI CARNET "A"

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE SPECIE CAMOSCIO, CERVO E CAPRIOLO AI DETENTORI DI CARNET A CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE SPECIE CAMOSCIO, CERVO E CAPRIOLO AI DETENTORI DI CARNET "A" ART. 1 (Compiti del Comitato Regionale per la Gestione Venatoria) Il Comitato Regionale per la Gestione Venatoria,

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA TO 2 BASSO CANAVESE

AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA TO 2 BASSO CANAVESE AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA TO 2 BASSO CANAVESE REGOLAMENTO PER LA CACCIA DI SELEZIONE ALLA SPECIE CAPRIOLO Art.1. Principi e finalità Al fine di garantire una popolazione ben strutturata nel rapporto

Dettagli

A.T.C. TO1 ZONA EPOREDIESE DISCIPLINA DEL PRELIEVO SULLA SPECIE CINGHIALE ZONA B A CACCIA REGOLAMENTATA

A.T.C. TO1 ZONA EPOREDIESE DISCIPLINA DEL PRELIEVO SULLA SPECIE CINGHIALE ZONA B A CACCIA REGOLAMENTATA A.T.C. TO1 ZONA EPOREDIESE DISCIPLINA DEL PRELIEVO SULLA SPECIE CINGHIALE ZONA B A CACCIA REGOLAMENTATA FINALITA 1. Razionalizzare il prelievo e ottimizzare gli abbattimenti; 2. Porre in atto una efficace

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO ALLA DELIBERAZIONE DEL C.P. N. 162 DEL 26/07/2007) AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA GESTIONE FAUNISTICA E VENATORIA DEL CAPRIOLO. DEL DAINO. E DEL MUFLONE ART.1 Finalità

Dettagli

DECRETO N Del 20/07/2016

DECRETO N Del 20/07/2016 DECRETO N. 7145 Del 20/07/2016 Identificativo Atto n. 3802 PRESIDENZA Oggetto AUTORIZZAZIONE DELLA CACCIA DI SELEZIONE AL CAPRIOLO, AL CERVO, AL MUFLONE E DEI RELATIVI PIANI DI PRELIEVO, NEI COMPRENSORI

Dettagli

Ambito Territoriale di Caccia Lucca. CACCIA DI SELEZIONE A CERVIDI, BOVIDI E CINGHIALE SISTEMA DI TELEPRENOTAZIONE ARTEMIDE Modalità TELEFONATA

Ambito Territoriale di Caccia Lucca. CACCIA DI SELEZIONE A CERVIDI, BOVIDI E CINGHIALE SISTEMA DI TELEPRENOTAZIONE ARTEMIDE Modalità TELEFONATA Ambito Territoriale di Caccia Lucca CACCIA DI SELEZIONE A CERVIDI, BOVIDI E CINGHIALE SISTEMA DI TELEPRENOTAZIONE ARTEMIDE Modalità TELEFONATA A partire dalla stagione venatoria 2016-2017 la comunicazione

Dettagli

A.T.C. RN2. Ambito Territoriale di Caccia RN2 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DI UNGULATI NELL ATC RN2

A.T.C. RN2. Ambito Territoriale di Caccia RN2 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DI UNGULATI NELL ATC RN2 A.T.C. RN2 Ambito Territoriale di Caccia RN2 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DI UNGULATI NELL ATC RN2 PROPOSTA DI MODIFICA approvata dal Consiglio dell ATC RN2 in data 19 gennaio 2017 TITOLO

Dettagli

Disciplinare inerente le modalità tecniche per l allenamento e l utilizzo dei cani da traccia ed il recupero dei capi feriti

Disciplinare inerente le modalità tecniche per l allenamento e l utilizzo dei cani da traccia ed il recupero dei capi feriti Disciplinare inerente le modalità tecniche per l allenamento e l utilizzo dei cani da traccia ed il recupero dei capi feriti Regolamento Provinciale per la gestione faunistica e venatoria dei Cervidi e

Dettagli

A.T.C. PR 7. Regolamento per la caccia agli ungulati in selezione Stagioni Venatorie 2012/ / /2015

A.T.C. PR 7. Regolamento per la caccia agli ungulati in selezione Stagioni Venatorie 2012/ / /2015 Art. 1 Adesione. Il presente regolamento disciplina le modalità della caccia di selezione agli ungulati nell ambito del territorio dell. Il selecontrollore che aderisca, iscrivendosi con il pagamento della

Dettagli

15 luglio 2014 A.T.C. AT1 NORD TANARO REGOLAMENTO PER IL PRELIEVO SELETTIVO DEGLI UNGULATI

15 luglio 2014 A.T.C. AT1 NORD TANARO REGOLAMENTO PER IL PRELIEVO SELETTIVO DEGLI UNGULATI 15 luglio 2014 A.T.C. AT1 NORD TANARO REGOLAMENTO PER IL PRELIEVO SELETTIVO DEGLI UNGULATI Deliberazione n. 38 del 15 luglio 2014 Art. 1 PRINCIPI E FINALITA L ATC AT1 Nord Tanaro riconosce l ambiente e

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CACCIA DI SELEZIONE ALLA SPECIE CAPRIOLO

REGOLAMENTO PER LA CACCIA DI SELEZIONE ALLA SPECIE CAPRIOLO REGOLAMENTO PER LA CACCIA DI SELEZIONE ALLA SPECIE CAPRIOLO (Delibera del CdG n. 138 del 06.03.2014) SOMMARIO ART. 1 PRINCIPI E FINALITA ART. 2 REGOLAMENTAZIONE IN ATTUAZIONE DELLA D.G.R. N. 94-3804 DEL

Dettagli

REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DI UNGULATI NEL TERRITORIO DELL AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA AN2

REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DI UNGULATI NEL TERRITORIO DELL AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA AN2 REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DI UNGULATI NEL TERRITORIO DELL AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA AN2 (Reg. Reg. n. 3/12 e ss. mm. e ii.) novembre 2014 TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1

Dettagli

A.T.C. N. 2 VICENZA SUD

A.T.C. N. 2 VICENZA SUD A.T.C. N. 2 VICENZA SUD Via IV Novembre 24/E 36021 BARBARANO VICENTINO Tel. 0444/776077 Fax 0444/776080 Cod. Fisc..95041160243 ATTIVITÀ DI SELEZIONE DEGLI UNGULATI nell ATC n. 2 VI SUD DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE

Dettagli

Ambito Territoriale di Caccia Lucca. CACCIA DI SELEZIONE A CERVIDI, BOVIDI E CINGHIALE SISTEMA DI TELEPRENOTAZIONE ARTEMIDE Modalità TELEFONATA

Ambito Territoriale di Caccia Lucca. CACCIA DI SELEZIONE A CERVIDI, BOVIDI E CINGHIALE SISTEMA DI TELEPRENOTAZIONE ARTEMIDE Modalità TELEFONATA Ambito Territoriale di Caccia Lucca CACCIA DI SELEZIONE A CERVIDI, BOVIDI E CINGHIALE SISTEMA DI TELEPRENOTAZIONE ARTEMIDE Modalità TELEFONATA A partire dalla stagione venatoria 2016-2017 la comunicazione

Dettagli

PROVINCIA DI MASSA-CARRARA SETTORE AGRICOLTURA E FORESTE SERVIZIO CACCIA E PESCA

PROVINCIA DI MASSA-CARRARA SETTORE AGRICOLTURA E FORESTE SERVIZIO CACCIA E PESCA Dec. di Medaglia d oro al V.M. PROVINCIA DI MASSA-CARRARA SETTORE AGRICOLTURA E FORESTE SERVIZIO CACCIA E PESCA DPGR n 13/R del 25/02/2004 modificato ex DPGR n 48/r del 29/07/2005 ed art. 28 comma 3 lett.

Dettagli

DISCIPLINARE ATTUATIVO PER IL CONTROLLO NUMERICO DELLA POPOLAZIONE DI CINGHIALE NELLA RISERVA NATURALE STATALE GOLA DEL FURLO GESTIONE 2015

DISCIPLINARE ATTUATIVO PER IL CONTROLLO NUMERICO DELLA POPOLAZIONE DI CINGHIALE NELLA RISERVA NATURALE STATALE GOLA DEL FURLO GESTIONE 2015 DISCIPLINARE ATTUATIVO PER IL CONTROLLO NUMERICO DELLA POPOLAZIONE DI CINGHIALE NELLA RISERVA NATURALE STATALE GOLA DEL FURLO GESTIONE 2015 Art. 1 Premessa 1) Il presente disciplinare, in ottemperanza

Dettagli

REGOLAMENTO CACCIA DI SELEZIONE CAPO PRIMO:CAMOSCIO-CAPRIOLO-CERVO-MUFLONE-CINGHIALE

REGOLAMENTO CACCIA DI SELEZIONE CAPO PRIMO:CAMOSCIO-CAPRIOLO-CERVO-MUFLONE-CINGHIALE REGOLAMENTO CACCIA DI SELEZIONE 2014-2018 CAPO PRIMO:CAMOSCIO-CAPRIOLO-CERVO-MUFLONE-CINGHIALE Art 1 MODALITA DI ATTUAZIONE Il prelievo selettivo è consentito nel CA a norma delle vigenti disposizioni

Dettagli

APPROVAZIONE PIANO DI PRELIEVO SELETTIVO E TRADIZIONALE DEI CAPRIOLI NELLE RISERVE ALPINE DI CAVASO DEL TOMBA, MIANE, FOLLINA REVINE LAGO E SARMEDE.

APPROVAZIONE PIANO DI PRELIEVO SELETTIVO E TRADIZIONALE DEI CAPRIOLI NELLE RISERVE ALPINE DI CAVASO DEL TOMBA, MIANE, FOLLINA REVINE LAGO E SARMEDE. Area: Funzioni non fondamentali Settore: Protez.Civile/Caccia/Pesca/Agricol/Pol.Provinciale C.d.R.: Caccia e Pesca Servizio: Caccia - Pesca Unità Operativa: Caccia e Pesca Ufficio: Uff. Caccia DETERMINAZIONE

Dettagli

FRONTESPIZIO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. n / 2014 del 30/05/2014

FRONTESPIZIO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. n / 2014 del 30/05/2014 FRONTESPIZIO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE n. 1134 / 2014 del 30/05/2014 Oggetto: SERVIZIO AGRICOLTURA E RISORSE NATURALI - R.R. 1/2008 - PIANI DI PRELIEVO DI SELEZIONE DEL CINGHIALE 2014/2015 - APPROVAZIONE.

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Durata e validità

Art. 1 Finalità. Art. 2 Durata e validità PROPOSTA DI REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ VENATORIA NELLE AREE CONTIGUE (ZONE DI PRE-PARCO) DEL PARCO DEI LAGHI DI SUVIANA E DEL BRASIMONE PER LE ANNATE VENATORIE 2017/2021 Art. 1 Finalità

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA AL1 VAL CERRINA - CASALESE. REGOLAMENTO PER LA CACCIA AL CINGHIALE Stagione venatoria 2014/2015

AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA AL1 VAL CERRINA - CASALESE. REGOLAMENTO PER LA CACCIA AL CINGHIALE Stagione venatoria 2014/2015 AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA AL1 VAL CERRINA - CASALESE REGOLAMENTO PER LA CACCIA AL CINGHIALE Stagione venatoria 2014/2015 1) CACCIA DI SELEZIONE AL CINGHIALE 1.1) Organizzazione del territorio La caccia

Dettagli

Treviso, 28/07/2017. copia informatica per consultazione

Treviso, 28/07/2017. copia informatica per consultazione Area: Funzioni non fondamentali Settore: Protez.Civile/Caccia/Pesca/Agricol/Pol.Provinciale C.d.R.: Caccia e Pesca Servizio: Caccia - Pesca Unità Operativa: Caccia e Pesca Ufficio: Uff. Caccia DETERMINAZIONE

Dettagli

Regolamento per la Gestione degli Ungulati

Regolamento per la Gestione degli Ungulati Regolamento per la Gestione degli Ungulati 1 - Parte generale 1.1 Obiettivi del Regolamento Il presente regolamento ha lo scopo di fissare i principi e le disposizioni applicative affinché i cacciatori

Dettagli

CAPO I - Parte generale

CAPO I - Parte generale c/o Comunità Montana-Unione dei Comuni Est Parco Regionale delle ALLEGATO TECNICO - DISPOSIZIONI APPLICATIVE PER LA CACCIA DI SELEZIONE AL CAPRIOLO NELLA ZONA SPECIALE DI CACCIA IN AREA CONTIGUA AL PARCO

Dettagli

CINGHIALE: RACCOLTA DATI BIOMETRICI

CINGHIALE: RACCOLTA DATI BIOMETRICI ASSESSORATO AGRICOLTURA, TUTELA DELLA FAUNA E DELLA FLORA Direzione Territorio Rurale Osservatorio Regionale sulla Fauna Selvatica CINGHIALE: RACCOLTA DATI BIOMETRICI a cura di Aurelio Perrone Copia per

Dettagli

Provincia di Benevento Regolamento Provinciale per la Gestione Faunistico Venatoria del Cinghiale - BOZZA -

Provincia di Benevento Regolamento Provinciale per la Gestione Faunistico Venatoria del Cinghiale - BOZZA - Provincia di Benevento Regolamento Provinciale per la Gestione Faunistico Venatoria del Cinghiale - BOZZA - Titolo I - Parte generale Art. 1 - Finalità Il presente regolamento disciplina la gestione faunistica

Dettagli

REGIONE PIEMONTE AMBITO TERRITORIALE CACCIA ATC CN1 P.zza Dompè, 13/A Fossano (CN) Tel e Fax 0172/488372

REGIONE PIEMONTE AMBITO TERRITORIALE CACCIA ATC CN1 P.zza Dompè, 13/A Fossano (CN) Tel e Fax 0172/488372 REGIONE PIEMONTE AMBITO TERRITORIALE CACCIA ATC CN1 P.zza Dompè, 13/A 12045 Fossano (CN) Tel e Fax 0172/488372 REGOLAMENTO PER LA CACCIA DI SELEZIONE ALLA SPECIE CAPRIOLO MODIFICATO IN DATA 21/03/2016

Dettagli

Il cacciatore produttore primario:

Il cacciatore produttore primario: Il cacciatore produttore primario: realtà bresciana e composizione del carniere 5 ottobre 2010 a cura di Michela Giacomelli PROVINCIA DI BRESCIA PREMESSA In provincia di Brescia si effettua la caccia agli

Dettagli

Indicare con O + numero i punti di appostamento, e con X + lettera i relativi posti auto

Indicare con O + numero i punti di appostamento, e con X + lettera i relativi posti auto DISTRETTO DI CACCIA DI SELEZIONE Stagione Venatoria ATC 15-7 Area Omogenea 8 Sottozona 1 ATC 15 - maggio 2015 1 2 4 ATC 15-7 Area Omogenea 8 Sottozona 2 1 2 1 3 4 ATC 15-7 Area Omogenea 8 Sottozona 3 2

Dettagli

Ambito Territoriale di Caccia Arezzo. CACCIA DI SELEZIONE AL CINGHIALE SISTEMA DI TELEPRENOTAZIONE ARTEMIDE Modalità TELEFONATA

Ambito Territoriale di Caccia Arezzo. CACCIA DI SELEZIONE AL CINGHIALE SISTEMA DI TELEPRENOTAZIONE ARTEMIDE Modalità TELEFONATA Ambito Territoriale di Caccia Arezzo CACCIA DI SELEZIONE AL CINGHIALE SISTEMA DI TELEPRENOTAZIONE ARTEMIDE Modalità TELEFONATA A partire dalla stagione venatoria 2016-2017 la comunicazione delle uscite

Dettagli

UFFICIO ATTIVITA PRODUTTIVE. Il Dirigente

UFFICIO ATTIVITA PRODUTTIVE. Il Dirigente . UFFICIO ATTIVITA PRODUTTIVE Il Dirigente Piazza delle Regioni, 52 85100 POTENZA Tel 0971.417272 Fax 0971.417272 luigia.pace@provinciapotenza.it AUTODISCIPLINA PER LA GESTIONE FAUNISTICO VENATORIA DEL

Dettagli

DECRETO N Del 29/09/2016

DECRETO N Del 29/09/2016 DECRETO N. 9541 Del 29/09/2016 Identificativo Atto n. 5334 PRESIDENZA Oggetto AUTORIZZAZIONE AL PRELIEVO DI AVIFAUNA TIPICA ALPINA NEI COMPRENSORI ALPINI DI BRESCIA BRESCIA CA1 PONTE DI LEGNO, CA2 EDOLO,

Dettagli

Ambito Territoriale di Caccia ASCOLI PICENO Via Salaria Inferiore, Ascoli Piceno

Ambito Territoriale di Caccia ASCOLI PICENO Via Salaria Inferiore, Ascoli Piceno Ambito Territoriale di Caccia ASCOLI PICENO Via Salaria Inferiore, 84 63100 Ascoli Piceno CORSO FORMATIVO per l abilitazione alla figura tecnica di CACCIATORE DI CINGHIALE IN FORMA COLLETTIVA (lett. e),

Dettagli

PROVINCIA DI VITERBO SETTORE AGRICOLTURA, CACCIA E PESCA

PROVINCIA DI VITERBO SETTORE AGRICOLTURA, CACCIA E PESCA PROVINCIA DI VITERBO SETTORE AGRICOLTURA, CACCIA E PESCA REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA GESTIONE FAUNISTICA E VENATORIA DEL CAPRIOLO, DAINO, MUFLONE E CERVO TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità 1.

Dettagli

Articolo 1. Articolo 2. In base alle caratteristiche specifiche le manifestazioni possono essere: Articolo 3

Articolo 1. Articolo 2. In base alle caratteristiche specifiche le manifestazioni possono essere: Articolo 3 NORME PER LE MOSTRE DELLE RAZZE DI CONIGLI ISCRITTE AL REGISTRO ANAGRAFICO (Secondo il disposto dell art. 28 del disciplinare del libro genealogico e del registro anagrafico della specie cunicola.) Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO CACCIA DI SELEZIONE UNGULATI SELVATICI Stagione Venatoria 2015/2016

REGOLAMENTO CACCIA DI SELEZIONE UNGULATI SELVATICI Stagione Venatoria 2015/2016 REGOLAMENTO CACCIA DI SELEZIONE UNGULATI SELVATICI Stagione Venatoria 2015/2016 1) La caccia di selezione agli Ungulati selvatici (compreso il Cinghiale) è effettuata da singoli cacciatori, secondo piani

Dettagli

REGOLAMENTO CACCIA DI SELEZIONE UNGULATI SELVATICI Stagione Venatoria 2014/2015

REGOLAMENTO CACCIA DI SELEZIONE UNGULATI SELVATICI Stagione Venatoria 2014/2015 REGOLAMENTO CACCIA DI SELEZIONE UNGULATI SELVATICI Stagione Venatoria 2014/2015 1) La caccia di selezione agli Ungulati selvatici (compreso il Cinghiale) è effettuata da singoli cacciatori, secondo piani

Dettagli

REGOLAMENTO CACCIA DI SELEZIONE CAPO PRIMO:CAMOSCIO-CAPRIOLO-CERVO-MUFLONE-CINGHIALE

REGOLAMENTO CACCIA DI SELEZIONE CAPO PRIMO:CAMOSCIO-CAPRIOLO-CERVO-MUFLONE-CINGHIALE REGOLAMENTO CACCIA DI SELEZIONE 2014-2018 CAPO PRIMO:CAMOSCIO-CAPRIOLO-CERVO-MUFLONE-CINGHIALE Art 1 MODALITA DI ATTUAZIONE Il prelievo selettivo è consentito nel CA a norma delle vigenti disposizioni

Dettagli

4.04. caccia e tutela della fauna regolamento 3/ Gli A.T.C./C.A., in particolare:

4.04. caccia e tutela della fauna regolamento 3/ Gli A.T.C./C.A., in particolare: 4.04. caccia e tutela della fauna regolamento 3/2016 1 4.1.62 - R.R. 12 aprile 2016, n. 3 Regolamento per la caccia di selezione agli ungulati, ai sensi dell articolo 35 della legge regionale 1 luglio

Dettagli

DECRETO N Del 05/07/2016

DECRETO N Del 05/07/2016 DECRETO N. 6379 Del 05/07/2016 Identificativo Atto n. 3287 PRESIDENZA Oggetto ATTIVAZIONE DELLA CACCIA DI SELEZIONE AL CAPRIOLO NEL COMPRENSORIO ALPINO DI CACCIA PENISOLA LARIANA, STAGIONE VENATORIA 2016-2017

Dettagli

ATC LUCCA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE FAUNISTICO VENATORIA DELLA CACCIA AL CINGHIALE IN BATTUTA

ATC LUCCA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE FAUNISTICO VENATORIA DELLA CACCIA AL CINGHIALE IN BATTUTA ATC LUCCA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE FAUNISTICO VENATORIA DELLA CACCIA AL CINGHIALE IN BATTUTA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE FAUNISTICO-VENATORIA DELLA CACCIA AL CINGHIALE IN BATTUTA Art.1 FINALITA Il presente

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE PR4 REGOLAMENTO INTERNO

AMBITO TERRITORIALE PR4 REGOLAMENTO INTERNO AMBITO TERRITORIALE PR4 REGOLAMENTO INTERNO Approvato dal Consiglio Direttivo in data 19/01/2015 e 23/02/2015 Approvato dall Assemblea dei Delegati in data 16/03/2015 Parere dell Amministrazione Provinciale

Dettagli

L.R. 6/2008, art. 39, c. 1, lett. g) B.U.R. 29/10/2008, n. 44. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 16 ottobre 2008, n. 0274/Pres.

L.R. 6/2008, art. 39, c. 1, lett. g) B.U.R. 29/10/2008, n. 44. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 16 ottobre 2008, n. 0274/Pres. L.R. 6/2008, art. 39, c. 1, lett. g) B.U.R. 29/10/2008, n. 44 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 16 ottobre 2008, n. 0274/Pres. Regolamento recante criteri per il rilascio dei permessi annuali di caccia

Dettagli

Allegato 2 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE E REALIZZAZIONE DEI PIANI DI PRELIEVO DEI BOVIDI E DEI CERVIDI SELVATICI NELLA REGIONE PIEMONTE

Allegato 2 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE E REALIZZAZIONE DEI PIANI DI PRELIEVO DEI BOVIDI E DEI CERVIDI SELVATICI NELLA REGIONE PIEMONTE Allegato 2 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE E REALIZZAZIONE DEI PIANI DI PRELIEVO DEI BOVIDI E DEI CERVIDI SELVATICI NELLA REGIONE PIEMONTE 2012 Linee guida per l organizzazione e realizzazione dei piani

Dettagli

CORSO PER ESPERTI ACCOMPAGNATORI NEL PRELIEVO DI SELEZIONE DEGLI UNGULATI (CERVIDI E BOVIDI) IN PROVINCIA DI VERONA Tregnago: Aprile-Maggio 2014

CORSO PER ESPERTI ACCOMPAGNATORI NEL PRELIEVO DI SELEZIONE DEGLI UNGULATI (CERVIDI E BOVIDI) IN PROVINCIA DI VERONA Tregnago: Aprile-Maggio 2014 CORSO PER ESPERTI ACCOMPAGNATORI NEL PRELIEVO DI SELEZIONE DEGLI UNGULATI (CERVIDI E BOVIDI) IN PROVINCIA DI VERONA Tregnago: Aprile-Maggio 2014 SEDE DEL CORSO: Sala Civica presso Nuovo Polo Scolastico

Dettagli

A.T.C. SV 2 - PONENTE

A.T.C. SV 2 - PONENTE A.T.C. SV 2 - PONENTE PROCEDURE PER LA CACCIA AL CINGHIALE IN FORMA COLLETTIVA STAGIONE VENATORIA 2016/2017 PREMESSA L'A.T.C. SV 2 in applicazione a quanto disposto dal Regolamento Regionale per la Caccia

Dettagli

ATC Vastese. - stagione venatoria 2017/2018 -

ATC Vastese. - stagione venatoria 2017/2018 - ATC Vastese REGOLAMENTO D ESERCIZIO DELLA CACCIA DI SELEZIONE AL CINGHIALE - stagione venatoria 2017/2018-1. L ATC Vastese, tramite il proprio tecnico faunistico, redige annualmente il Piano di assestamento.

Dettagli