Titolo della Tesi eventuale sottotitolo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Titolo della Tesi eventuale sottotitolo"

Transcript

1 Università degli Studi di Messina Dipartimento di Scienze economiche, aziendali, ambientali e metodologie quantitative Dipartimento di Patologia umana MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO IN MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELLE PROFESSIONI SANITARIE Direttore: Prof. Pietro Maria Navarra Titolo della Tesi eventuale sottotitolo Tesi di: Dott. Nome Cognome Relatore: Chiar.mo Prof. Nome Cognome Anno Accademico

2 La Tesi è l occasione istituzionale in cui lo studente può dimostrare la propria capacità di pensiero e di elaborazione delle esperienze teorico- professionali ricevute durante il Master. La Tesi consiste in una dissertazione scritta di natura teorico - applicativa - sperimentale, pertanto deve rappresentare un occasione formativa coerente con gli obiettivi didattici del corso e pertinente allo specifico profilo professionale. Essa, oltre a costituire un documento amministrativo necessario per conseguire il titolo di studio, ha anche una finalità scientifica ed è presentata ai membri di una comunità scientifica, che ne giudicheranno ogni aspetto, sia contenutistico che formale; per questo è importante che siano rispettati certi criteri di presentazione dei dati e che l'esposizione segua quelle tecniche di comunicazione, suscettibili di renderla più efficace e maggiormente fruibile. La scelta del Relatore è fatta dallo studente tra i docenti dei corsi offerti nel Master. La tesi di Master tratta un tema scelto di comune accordo con il Relatore; lo studente sarà guidato dal Relatore nello svolgimento della ricerca e della stesura della tesi. 2

3 SUGGERIMENTI PRATICI PER LA STESURA DELLA TESI Nella tesi cartacea tradizionale un primo strumento organizzativo è costituito dal frontespizio. Nelle tesi elettroniche esso è sostituito da un "template", compilato dall'autore della tesi al momento della sottomissione agli uffici amministrativi. Il Titolo deve essere chiaramente esplicativo del contenuto, senza riferimenti criptici, fuorvianti, dotti; esso, infatti, deve fornire informazioni di uso pratico "per facilitare l'elaborazione di elenchi di titoli, l'indicizzazione e il reperimento dell'informazione". I margini del testo potranno essere impostati: Il testo va stampato su fogli A4, con un carattere di dimensione punti, a interlinea doppia, rientro di 0,5 cm nella prima riga (comporre pagine di circa 23/25 righe); preferire i caratteri classici (Times New Roman, Garamond, Cambria, Verdana, Calibri o Arial), evitare caratteri meno leggibili. Il font scelto deve essere normale. I paragrafi di testo devono avere allineamento giustificato. I titoli possono essere evidenziati in grassetto, centrati, con carattere di dimensione 16 punti; mentre note e citazioni possono essere diminuiti a 10 punti. Le pagine devono essere numerate, i numeri di pagina devono essere verso l'"esterno" (ossia, a destra per le pagine dispari e a sinistra per le pagine pari). Nell'intestazione dovete mettere, oltre al numero di pagina, il titolo del capitolo e/o del paragrafo (verso l'interno della pagina). 3

4 La tesi va stampata fronte- retro. È obbligatorio che la prima pagina di ogni capitolo sia a pagina dispari, anche a costo di lasciare bianca la precedente pagina pari. La lunghezza di una tesi è valutabile caso per caso (da un minimo di pagine fino ad un massimo di pagine, appendici escluse). Seguire la seguente Struttura generale: Indice Abstract Introduzione Corpo della Tesi (suddiviso in capitoli) Conclusioni Note Bibliografia e Sitografia Allegati eventuali Il testo della tesi diventa molto più comprensivo se si fa uso di figure esplicative (grafici, tabelle, fotografie) da inserire tra il testo o in appendice. Porre prima del testo della tesi l INDICE degli argomenti trattati. Scopo dell'indice è di evidenziare l'organizzazione interna dell'elaborato. Per la numerazione delle parti e dei paragrafi si potranno utilizzare indifferentemente cifre romane, cifre arabe o lettere, purché venga seguita una sistematizzazione coerente. 1. Titolo della parte Titolo del paragrafo Titolo del paragrafo Titolo del sottoparagrafo I numeri di pagina si trovano tradizionalmente a destra e sono congiunti al titolo mediante un sistema di formattazione omogeneo (es. riga di punti, linea continua, ; è consigliabile l utilizzo della funzione Riferimenti - > Sommario o Inserisci - > indici o altra equivalente). La numerazione delle pagine non deve essere preceduta dalla sigla "p". Le pagine dell'indice devono avere una numerazione diversa dal resto della tesi, in numeri romani. L ABSTRACT (RIASSUNTO) va redatto in lingua italiana. Composto da righe, è strutturato secondo il metodo IMRAD (Introduzione e obiettivi, Materiali e Metodi, Risultati, Analisi e Discussione con le conclusioni). Il riassunto informa il lettore dei principali risultati che il lavoro si propone e obbliga l'autore a comunicarli in maniera sintetica, ma al tempo stesso rigorosa. Sotto l abstract devono essere inserite le parole chiave individuate in italiano. 4

5 TESTO La divisione in parti è facoltativa, e non dovrebbero in genere essercene più di tre o quattro. Essa serve a raggruppare sezioni omogenee per il contenuto ma che sono troppo lunghe per poter essere chiamate capitoli. Un capitolo dovrebbe essere lungo almeno una ventina di pagine; i capitoli dovrebbero avere lunghezze simili, a meno che la natura delle cose non renda inevitabili delle sproporzioni; ogni capitolo dovrebbe condurre un discorso sostanzialmente compiuto e parzialmente autonomo: un lettore dovrebbe essere in grado di capirlo nel suo complesso anche a prescindere dagli altri. La numerazione dei capitoli è continua attraverso tutto il lavoro e non ricomincia da 1 per ogni parte. La divisione in paragrafi è altamente consigliabile, si utilizzi per mettere in risalto le affermazioni fondamentali. Va da sé che un capitolo non può mai essere suddiviso in un unico paragrafo. Divisioni più analitiche (sottoparagrafo) vanno usate solo se sono imposte dalla natura delle cose o se rendono davvero più chiara l'articolazione del discorso. Riguardo alla spaziatura verticale, il titolo di paragrafo deve essere preceduto da due righe bianche e seguito da una sola. È buona regola, all interno dell elaboratore di testi, assegnare in modo coerente stili a tutte le parti del testo: stili diversi a parti del testo che hanno funzione diversa o che devono comportarsi in modo diverso; lo stesso stile alle parti che hanno la stessa funzione o che devono comportarsi allo stesso modo. Le citazioni riportano fedelmente le parole di un autore, quindi devono essere riportate nel testo della tesi tra virgolette doppie ; se nel corso di una citazione si omettono alcune parole, l'omissione viene segnalata con l'inserzione di tre puntini di sospensione al posto della parte tralasciata; talvolta vengono aggiunte le parentesi quadre [ ]. Si fa riferimento alle pubblicazioni citate nel corpo del testo fornendo il cognome dell autore e l anno di pubblicazione (Gorgone, 2010). Le note danno delle informazioni che non è opportuno presentare nell'area di testo. Si possono avere vari tipi di note: 1. Note di riferimento bibliografico: indicano la fonte della citazione. Le note di riferimento bibliografico, che vanno inserite direttamente nel testo, sostengono le argomentazioni esplicitate; 2. Note di rimando o rinvio: arricchiscono un argomento discusso nel testo con ulteriori indicazioni bibliografiche di rinforzo; 3. Note di contenuto o discussione: si utilizzano per ampliare le affermazioni fatte nel corso della trattazione, evitando di appesantire il corpo del testo. La gestione delle note a piè di pagina deve essere effettuata in modo automatico anche per la loro numerazione, che può essere impostata come unica per tutta la tesi. Le note devono essere impostate con un corpo più piccolo di quello del testo (10 punti) ed interlinea singola. 5

6 Iconografia (immagini, figure, grafici e tabelle) Le forme grafiche incluse nel corpo del testo vanno presentate nell elaborato utilizzando la numerazione in sequenza. Una tabella o un immagine va posizionata, centrata, normalmente a fine paragrafo. Le didascalie devono essere autonomamente esaustive, in corpo più piccolo rispetto a quello usato per il testo. Se le immagini vengono inserite alla fine del testo devono essere numerate e citate nel punto più opportuno del corpo del testo. Le tabelle devono essere numerate progressivamente con un numero romano (I, II, III), avere un titolo e non devono eccedere il profilo del corpo del testo. Non è necessario ripetere il contenuto delle tabelle nel testo. Usate il testo per condurre argomentazioni, spiegare e commentare, per il resto mettete un rimando alla tabella. Eventuali appendici possono essere usate o per allegare documenti o testi importanti e di difficile reperibilità (se non addirittura inediti), o per sviluppare approfondimenti collaterali, o anche per fornire argomentazioni tecniche che appesantirebbero il filo del discorso. Nel corso del testo bisogna tuttavia sempre citare o riassumere ciò che è indispensabile alla comprensione, e non accontentarsi di un rimando all'appendice. L ortografia delle parole scritte nella tesi è importante; la presenza di errori ortografici nella versione finale denota sciattezza e causa una penalizzazione nella valutazione: consultare il vocabolario quando si è in dubbio sulla forma (e sul significato!) delle parole che si vogliono usare. Il programma di elaborazione di testi è dotato di correttore ortografico e grammaticale. In italiano la punteggiatura è seguita (mai preceduta) da uno spazio: quindi dopo un punto, un punto e virgola, una virgola, i due punti, ecc. mettete uno spazio. Invece le parentesi e le virgolette non necessitano di spazi interni. Scrivete dunque: (questa è proprio una parentesi) e non ( forse anche questa ). In italiano esistono le vocali accentate (à è é ì ò ù). Ad eccezione della e, tutte le altre vocali accentate si scrivono con accento grave (libertà, così, però, di più), si usa la "è" (con accento grave) per la terza persona del verbo essere e per molte parole come "cioè, caffè, ahimè, etc., mentre si usa é (con accento acuto) per "perché", "affinché", né, ecc. La "è" maiuscola va accentata ("È"), non seguita dall'apostrofo ("E'"). L elisione di una parola è segnalata dall apostrofo, il troncamento invece non lo vuole. Qual è si scrive senza apostrofo. Un va scritto con l apostrofo solo se è seguito da un termine femminile (perché in tal caso è una contrazione di una ); dunque è un errore scrivere: un errore e un interfaccia, piuttosto che una interfaccia. La forma, nella stesura della tesi, non ha minore importanza dei contenuti. Occorre pertanto imporsi il massimo rispetto della grammatica e della sintassi della lingua italiana. 6

7 La tesi deve essere sempre completata con una BIBLIOGRAFIA aggiornata come nei seguenti esempi: Articolo di rivista Parte di articolo di rivista Libro Articolo di giornale Si può aggiungere un elenco dei siti WEB consultati (SITOGRAFIA) 7

8 Articolo di giornale CD- ROM, DVD, Disk La tesi, va rilegata a libro con copertina rigida in pelle o similpelle o altro materiale del colore che lo studente preferisce (rosso, blu, verde, ecc.); la copertina deve portare impresso il frontespizio; il dorso deve portare impressi, dall alto in basso: autore, titolo (anche in forma abbreviata), anno accademico. Si possono predisporre, se si desidera, più copie cartacee della tesi per il Relatore, il Correlatore, per uso personale, per presentarla alla Commissione in sede di discussione. Lo studente che consegna un lavoro non redatto di proprio pugno o in cui spaccia come propri i risultati di lavori o gli esiti di ricerche di terzi commette plagio. Ogni parte di testo tratta da altra fonte deve essere corredata con la citazione precisa di detta fonte. Utilizzare frasi brevi, semplici e chiare Utilizzare sovente il condizionale perché non sempre si è sicuri di quanto affermato Non utilizzare mai i superlativi Moderare l uso di aggettivi e avverbi Non utilizzare frasi di collegamento tra paragrafi o capitoli ( come si è detto nel capitolo o cercheremo di delineare in questo paragrafo ) Fare un buon uso dei sottotitoli Scrivere le parole straniere non in vigore sul vocabolario italiano in corsivo e al singolare (evitare le s finali per parole come test(s), sport(s), ecc.) Utilizzare le maiuscole con molta parsimonia 8

9 Nell uso del programma di videoscrittura evitare errori grossolani come: o inserire a mano le note a piè di pagina scrivendo i numeri, ma usare l'apposito comando delle note a piè di pagina del programma di videoscrittura o inserire manualmente l'interlinea andando a capo con invio, ma selezionare il testo in cui inserire l'interlinea (o selezionare tutto) e usare lo strumento per l'interlinea nella sezione "Paragrafo" o inserire a mano la numerazione delle pagine, ma usare l'apposito comando per inserire i numeri di pagina o andare a capo a fine riga premendo "invio", il computer va a capo da solo durante la digitazione e non è una macchina da scrivere. 9

10 Ogni studente che si appresta ad avviare la ricerca per redigere la tesi è tenuto a compilare il modulo per il deposito del titolo della tesi presente sul sito web; il modulo online va inviato al Tutor Scientifico di area medico- epidemiologica Prof. Salvatore Gorgone appena il Relatore ha dato la sua disponibilità a seguire il candidato nella stesura della tesi e deve riportare oltre ai dati dello studente il titolo concordato con il Relatore (anche se provvisorio). Il Relatore deve manifestare la propria disponibilità inviando un di conferma al Tutor Scientifico Se si è modificato il titolo o cambiato il Relatore, prima di depositare tramite la tesi, rinviare il modulo online con il titolo definitivo e/o il nuovo Relatore. Al Tutor Scientifico Prof. Salvatore Gorgone va consegnato, prima della discussione della tesi, il Libretto del Tirocinio, compilato in ogni sua parte e debitamente firmato e la Relazione scritta delle attività effettuate. Al Tutor Scientifico va inviata improrogabilmente entro la data comunicata sul sito web del Master una a lui indirizzata con un file PDF riproducente la versione definitiva della tesi, per la successiva pubblicazione nell archivio online: L oggetto dell deve essere Tesi Master Management Funzioni Coordinamento Professioni Sanitarie A.A Nel corpo dell vi deve essere soltanto Cognome Nome dello Studente, Titolo definitivo della Tesi (non scrivere il titolo tutto in lettere maiuscole!), Cognome Nome del Relatore (senza titoli accademici!) e la seguente dichiarazione: "Cognome Nome dello Studente dichiara che la tesi depositata è stata approvata del Relatore; dichiara la completa corrispondenza tra il file depositato e la copia cartacea della tesi che sarà presentata e discussa in sede di laurea; dichiara che il contenuto della tesi è opera originale personalmente realizzata e non compromette in alcun modo il diritto di autore né gli obblighi connessi alla salvaguardia di diritti morali o economici di altri autori o di altri aventi diritto, sia per testi, immagini, foto, tabelle o altre parti di cui la tesi è composta (L. 633/1941 e successive modifiche) e che il Master sarà in ogni caso lasciato esente da qualsiasi responsabilità di qualsivoglia natura, civile, amministrativa o penale e sarà tenuto indenne da qualsiasi richiesta o rivendicazione da parte di terzi" Il PDF allegato deve avere essere nominato con Cognome Nome dello Studente (non utilizzare vocali accentate) La tesi deve essere in un unico file in formato PDF e comprendere: frontespizio della tesi 10

11 testo della tesi, composto con le specifiche sopra menzionate e comprensivo d immagini, grafici, tabelle, allegati riassunto della tesi con esposti gli obiettivi del lavoro, le modalità di svolgimento e i risultati emersi Il file esclusivamente in formato PDF deve essere non protetto in modifica o in stampa e non protetto da password né crittografato. Lo studente, con l invio dell al Tutor Didattico autorizza la possibilità di presa visione del proprio elaborato di tesi in versione elettronica e il trattamento dei propri dati personali. Prima di inviare il PDF controllare che il file corrisponda a quando scritto, che abbia i font incorporati se sono stati adoperati caratteri particolari, che sia leggibile con il visualizzatore di PDF. Al momento della discussione lo studente deve presentare alla Commissione una copia cartacea rilegata della tesi che, dopo la valutazione, potrà ritirare. 11

12 Diapositive Tesi La tesi va discussa: il lavoro svolto e i risultati ottenuti vanno presentati in forma orale davanti a una commissione. Nella presentazione orale viene messa in luce la capacità di presentazione e di dibattito scientifico del candidato. L aspetto, il linguaggio del corpo, i vestiti, la voce, i movimenti, tutto è fondamentale. A supporto della presentazione conviene preparare delle diapositive (utilizzando PowerPoint, Keynote, Impress, ecc.). Si può utilizzare un ipad preparando le diapositive con Keynote o un libro multimediale con ibooks. La qualità delle diapositive è valutata nel voto finale. Struttura delle diapositive Scrivete poco sulle diapositive; evitate frasi complete e usate piuttosto espressioni schematiche. La prima diapositiva deve evidenziare il titolo della tesi, il vostro nome, quello del relatore e del correlatore. La seconda diapositiva deve presentare o la struttura della presentazione o gli obiettivi della tesi. Per la presentazione del lavoro di tesi, di solito avrete poco tempo (5-10 minuti) quindi cercate di sintetizzare ad alto livello di astrazione il lavoro svolto, ma cercate anche di fare qualche "carotaggio mirato" per far capire la complessità e la difficoltà di quello che avete fatto. Come nel testo della tesi sono importanti il riassunto e il capitolo introduttivo per dare un idea del lavoro svolto, così nella presentazione di queste due prime diapositive bisogna rendere chiara a tutti i presenti l idea del lavoro svolto e le ragioni del suo interesse. Le successive diapositive devono presentare alcuni dei punti sviluppati nella tesi e ritenuti significativi dallo studente, senza la pretesa di entrare nei dettagli, ma soffermandosi sulle idee e sul perché siano interessanti, difficili, utili ecc. Una o più diapositive è bene dedicarle alle conclusioni, con le quali si ricordano i punti principali del lavoro svolto, il tempo richiesto, l eventuale attività realizzativa e lo stato della realizzazione, gli aspetti meritevoli di approfondimenti e mostrare eventuali sviluppi futuri. Stile delle diapositive Scrivete poco sulle diapositive. Ogni parola che scrivete su una diapositiva potrebbe distrarre chi ascolta e impedirgli di cogliere un punto importante che dite solo a voce. Diapositive inutilmente lunghe/dense fanno sì che chi ascolta si distragga, cominci a leggerle, non vi ascolti, e magari non riesca neanche a leggerle del tutto perché troppo lunghe. Mai più di sette parole su una diapositiva. Niente clip art, soprattutto se animate. Usate immagini professionali. Non utilizzate i suoni in dotazione al programma ma, se necessario, musica vera dai vostri CD. Il layout delle diapositive deve essere molto semplice, senza animazioni inutili che rubano tempo all esposizione e non aggiungono nulla: meglio curare la qualità dell editing del testo della diapositiva e l organizzazione funzionale che, invece, aggiungono valore al lavoro. È opportuno scegliere un testo chiaro su sfondo scuro, risulterà più leggibile. Niente dissolvenze e transizioni strane. 12

13 Regole tipografiche Evitate la punteggiatura sulle diapositive. Numerate le diapositive (utile per chi deve farvi domande su punti specifici). Restate aderenti allo standard ("default") proposto. Il discorso Durante la presentazione guardate chi vi ascolta (o il muro dietro di loro se siete intimoriti). Evitate di indicare con il dito sul video del vostro PC, indicate gli oggetti sullo schermo su cui viene proiettata la presentazione utilizzando un puntatore e cercando di non voltarvi. Non leggete le diapositive. Non imparate a memoria il discorso, ma provatelo più volte: spesso non c'è un unico modo migliore di dire le cose, ma averli "provati" tutti prima vi aiuta a essere più sicuri durante la presentazione. Non tenete le mani in tasca o dietro la schiena, non giocate con gli oggetti in mano, non state appoggiati al muro, non dondolatevi, non state rigidi, non camminate troppo; se siete convinti di quello che state dicendo i gesti utili verranno da soli. Stile del discorso Siate precisi e andate dritti al punto. Evitate di perdere tempo con affermazioni inutili e senza contenuto informativo come "spesso", "sostanzialmente", "si vorrebbe"," si va a fare", Evitate le affermazioni vaghe: "in pratica", "non ho fatto questo", "non ho fatto quello"; dite piuttosto cosa avete fatto, anzi evidenziate per bene quello che avete fatto voi rispetto a quello che c'era già. Eliminate le non- parole (ehhhhhh, mmmmmm, ahhhhhh) e gli intercalari (allora, niente, così, comunque, eccetera). Iniziare un discorso con allora non significa niente, non passa alcun messaggio, fa perdere tempo e distrae. Quando si discute una tesi, dovete apparire autorevoli e una persona percepita come autorevole (cantanti, politici, autorità, celebrità, sportivi, scienziati ) non usa intercalari. E neanche frasi fatte. Controllate tonalità della voce, velocità, pause, scandite bene le lettere e le parole, adeguate il volume della voce all acustica della sala; la pronuncia deve essere corretta; variare il ritmo e la velocità migliora la comunicazione, evidenziate gli aspetti e i passaggi rilevanti. Ascoltatevi con un registratore e riascoltate le vostre pause. La pausa 13

14 consente di ripensare a quello che è stato detto e quindi valorizza il messaggio. Allevia la tensione. Consente di recuperare il respiro. Aggiunge atmosfera. La pausa giusta dura due- tre secondi, è un elemento importantissimo. I tempi Calibrate bene i tempi della presentazione, sotto vari aspetti. Se usate il vostro portatile, evitate di sprecare 5' per il boot: arrivate con il computer già acceso. Evitate di sforare i tempi consentiti: se avete 10', parlate per 10' (meglio 1' di meno che 1' di più). Se sforate i tempi, oltre a essere poco educati nei confronti della commissione e dei vostri colleghi che devono esporre dopo di voi, rischiate essere interrotti bruscamente allo scadere del tempo consentito, senza riuscire a concludere. Inoltre, dedicate il giusto tempo a ogni questione: evitate di parlare a lungo di questioni marginali e concentratevi sulle cose più importanti. Spesso i tempi della presentazione vengono decisi dalla commissione all'ultimo momento, quindi siate preparati a riconfigurare il discorso opportunamente. Nel tempo concesso lo studente dovrà far emergere la sua bravura, la sua capacità di sintesi, l efficacia comunicativa. 14

STRUTTURA DELLA TESI

STRUTTURA DELLA TESI FACOLTA DI MEDICINA E ODONTOIATRIA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA N Presidente: Prof. Adriano Redler Direttore Didattico: Dr.ssa Serenella Savini STRUTTURA DELLA TESI La tesi di ricerca, visti gli

Dettagli

GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA (a cura del Servizio Tutorato) La tesi di laurea è un momento importante nella carriera di tutti gli studenti perché rappresenta il momento finale del

Dettagli

Università della Basilicata Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia Aziendale

Università della Basilicata Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia Aziendale Università della Basilicata Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia Aziendale Standard editoriali per l impostazione della tesi di laurea (a cura di Carla Rossi) STRUTTURA DEL LAVORO FRONTESPIZIO

Dettagli

NORME E SUGGERIMENTI PER LA TESI DI LAUREA

NORME E SUGGERIMENTI PER LA TESI DI LAUREA Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia FACOLTÀ DI INGEGNERIA SEDE DI REGGIO EMILIA NORME E SUGGERIMENTI PER LA TESI DI LAUREA Sommario LAUREARSI: come?...2 PROCEDURE AMMINISTRATIVE...3 SUGGERIMENTI

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA

CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA OBIETTIVI E SIGNIFICATO La tesi di Laurea è parte integrante e conclusiva del percorso formativo dello studente.

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA OBIETTIVI E SIGNIFICATO La preparazione della tesi di Laurea è un importante opportunità attraverso cui lo studente può esprimere le proprie capacità

Dettagli

Facoltà di Scienze Corso di Laurea in Informatica ADEMPIMENTI PER LAUREANDI. Scadenze da rispettare per potersi laureare:

Facoltà di Scienze Corso di Laurea in Informatica ADEMPIMENTI PER LAUREANDI. Scadenze da rispettare per potersi laureare: ADEMPIMENTI PER LAUREANDI Scadenze da rispettare per potersi laureare: 1) Prima della consegna della domanda di laurea il laureando dovrà accedere al sito di AlmaLaurea (http://www.unica.it/almalaurea),

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI FRANCO VITTADINI PAVIA INDICAZIONI GENERALI E CRITERI REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI

ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI FRANCO VITTADINI PAVIA INDICAZIONI GENERALI E CRITERI REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI FRANCO VITTADINI PAVIA Via A. Volta, 31 27100 Pavia Tel. 0382 399206 Fax 0382 399205 e-mail: vittadini @ comune.pv.it BIENNIO INTERPRETATIVO INDICAZIONI GENERALI E

Dettagli

SUGGERIMENTI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

SUGGERIMENTI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA SUGGERIMENTI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA IL CONTENUTO Attraverso la tesi di laurea lo studente deve elaborare in modo approfondito ed originale l argomento di ricerca assegnato. Il lavoro di tesi

Dettagli

Vademecum del laureando

Vademecum del laureando Vademecum del laureando 1. Informazioni Generali per l'esame di Laurea 2. Procedura per richiedere la tesi 3. Come redigere la tesi 4. Modalità di consegna dell'elaborato 5. Modalità di svolgimento dell'esame

Dettagli

NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA PREMESSA La struttura di una tesi è generalmente formata da: 1) frontespizio; 2) indice; 3) introduzione; 4) capitoli; 5) conclusioni; 6)

Dettagli

FORMATO PROVA FINALE

FORMATO PROVA FINALE FORMATO PROVA FINALE Il Consiglio di Corso di Laurea in Scienze dell Amministrazione ha deliberato di adottare un nuovo format per le tesi cui occorre dunque attenersi. Quelle qui riportate sono le regole

Dettagli

ISTRUZIONI REDAZIONE TESI MASTER AMBITO SANITARIO

ISTRUZIONI REDAZIONE TESI MASTER AMBITO SANITARIO ISTRUZIONI REDAZIONE TESI MASTER AMBITO SANITARIO Management per il coordinamento delle professioni socio-sanitarie- 1 livello Gestione e coordinamento dell area socio-sanitaria- 1 livello Management per

Dettagli

GUIDA ALLO SVOLGIMENTO DELLA TESI

GUIDA ALLO SVOLGIMENTO DELLA TESI Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Medicina e Chirurgia A. Gemelli Largo Francesco Vito, 1 00168 ROMA PIA FONDAZIONE DI CULTO E RELIGIONE CARD. G. PANICO AZIENDA OSPEDALIERA TRICASE (LECCE)

Dettagli

SCUOLA ITALIANA DI SCIENZE NATUROPATICHE

SCUOLA ITALIANA DI SCIENZE NATUROPATICHE 1 CENTRO STUDI E RICERCHE DI MEDICINA NATURALE E TECNICHE NATUROPATICHE SCUOLA ITALIANA DI SCIENZE NATUROPATICHE INDICAZIONI E CRITERI FORMALI PER LA COMPOSIZIONE DELL ELABORATO TESI IN NATUROPATIA PREMESSA

Dettagli

NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA PREMESSA La struttura di una tesi è generalmente formata da: 1) frontespizio; 2) indice; 3) introduzione; 4) capitoli; 5) conclusioni; 6)

Dettagli

Brevi istruzioni su come fare una tesi. I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea

Brevi istruzioni su come fare una tesi. I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea Brevi istruzioni su come fare una tesi I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea L inizio e la fine Una delle prime cose da fare per cominciare

Dettagli

Guida all elaborazione della Tesi

Guida all elaborazione della Tesi Università degli Studi di Torino Scuola di Medicina Dipartimento di Scienze della Sanità Pubblica e Pediatriche Corso di Laurea in Infermieristica Sedi Torino (Città della Salute, TO2, TO4) Guida all elaborazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA GUIDA PRATICA FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE. Facoltà di Scienze Politiche Sapienza Università di Roma

UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA GUIDA PRATICA FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE. Facoltà di Scienze Politiche Sapienza Università di Roma UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE DIPARTIMENTO DI TEORIA ECONOMICA E METODI QUANTITATIVI PER LE SCELTE POLITICHE Facoltà di Scienze Politiche Sapienza Università di Roma GUIDA

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DELLA TESI DI LAUREA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI-CLINICHE-PEDIATRICHE (Prof. Loreto Lancia) LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DELLA TESI DI LAUREA CORSI DI LAUREA IN INFERMIERISTICA E

Dettagli

UN ESEMPIO. Osservate come è stato scritto:

UN ESEMPIO. Osservate come è stato scritto: UN ESEMPIO Il testo che troverete qui sotto è un esempio di testo regolativo. Esso è stato scritto per facilitare la realizzazione di un testo tecnico di tipo particolare, la relazione di stage. Osservate

Dettagli

Vademecum per la scrittura della tesi di laurea Prof.ssa Paola Panarese

Vademecum per la scrittura della tesi di laurea Prof.ssa Paola Panarese Vademecum per la scrittura della tesi di laurea Prof.ssa Paola Panarese Scrivere la tesi di laurea Una premessa Il lavoro di tesi, oltre ad essere un documento amministrativo ufficiale, è un opera dell

Dettagli

STRUTTURA DELLE TESI

STRUTTURA DELLE TESI Master in: Management per Funzioni di Coordinamento delle Professioni Sanitarie Tecniche A.A. 2010/2011 STRUTTURA DELLE TESI La modalità di svolgimento della prova finale consiste nella presentazione orale

Dettagli

Dipartimento di Lettere Lingue Arti. Italianistica e culture comparate

Dipartimento di Lettere Lingue Arti. Italianistica e culture comparate Dipartimento di Lettere Lingue Arti. Italianistica e culture comparate Regolamento per la prova finale dei corsi di studio in Culture delle Lingue moderne e del Turismo (L-11) e Comunicazione linguistica

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI RELATIVE ALLE MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DELLA PROVA FINALE

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI RELATIVE ALLE MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DELLA PROVA FINALE Regolamento della prova finale dei Corsi di Laurea di primo e di secondo livello della Facoltà di Agraria dell Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria - Visto l articolo 11 della Legge 19.11.1990,

Dettagli

INDICAZIONI PER I TESISTI. 1. Che cos è una tesi di laurea

INDICAZIONI PER I TESISTI. 1. Che cos è una tesi di laurea INDICAZIONI PER I TESISTI 1. Che cos è una tesi di laurea La tesi di laurea è una dissertazione scritta con lo scopo di dimostrare la compiuta conoscenza di un argomento (nello specifico di Diritto del

Dettagli

LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA

LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA LE REGOLE DELLA BUONA SCRITTURA Nella redazione degli elaborati di esame è di fondamentale importanza porre molta attenzione alla scrittura, sotto tutti i profili: grafico, ortografico, semantico e stilistico.

Dettagli

lo schema di partenza

lo schema di partenza COSTRUZIONE DELLA TESI DI LAUREA lo schema di partenza Inquadrare l argomento Individuare l oggetto della ricerca Argomentare ogni affermazione Documentare correttamente i supporti tecnologici e bibliografici

Dettagli

Il/La sottoscritto/a Nato/a il / / Domiciliato/a via Telefono cellulare e-mail Corso di Studi in. Materia: Relatore:Prof.

Il/La sottoscritto/a Nato/a il / / Domiciliato/a via Telefono cellulare e-mail Corso di Studi in. Materia: Relatore:Prof. BOLLO 16.00 RICHIESTA ASSEGNAZIONE TESI Al Preside della Facoltà di Economia Via Don Carlo Gnocchi 3 00166 Roma Matricola: Il/La sottoscritto/a Nato/a il / / Domiciliato/a via Telefono cellulare e-mail

Dettagli

Norme per la redazione del testo

Norme per la redazione del testo Norme per la redazione del testo Norme ortografiche e per la redazione dei segni di interpunzione Puntini di sospensione Sono sempre solo tre e si inseriscono con l apposito carattere unico. Come ogni

Dettagli

Politecnico di Milano CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA ENERGETICA. Regolamento Integrativo della Prova Finale di Laurea Magistrale

Politecnico di Milano CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA ENERGETICA. Regolamento Integrativo della Prova Finale di Laurea Magistrale Politecnico di Milano CORSO DI STUDI IN INGEGNERIA ENERGETICA Regolamento Integrativo della Prova Finale di Laurea Magistrale Premessa Il CCS Energetica recepisce il Regolamento della Prova Finale della

Dettagli

TESI DI LAUREA. 1. Questioni burocratiche. Quali sono le scadenze da rispettare? Bisogna pagare per laurearsi?

TESI DI LAUREA. 1. Questioni burocratiche. Quali sono le scadenze da rispettare? Bisogna pagare per laurearsi? TESI DI LAUREA 1. Questioni burocratiche... 1 2. Questioni contenutistiche... 3 3. Alcuni consigli... 5 1. Questioni burocratiche Quali sono le scadenze da rispettare? Tre mesi prima del giorno di discussione

Dettagli

INDICAZIONI E SUGGERIMENTI PER LA STESURA DI UNA TESINA. IIS V. Benini Prof. Marco Menna

INDICAZIONI E SUGGERIMENTI PER LA STESURA DI UNA TESINA. IIS V. Benini Prof. Marco Menna INDICAZIONI E SUGGERIMENTI PER LA STESURA DI UNA TESINA IIS V. Benini Prof. Marco Menna 1 NORME PER LO SVOLGIMENTO DEL COLLOQUIO D ESAME O.M. 37/2014, ART. 16 c. 2. Il colloquio ha inizio con un argomento

Dettagli

SCHEMA ORGANIZZATIVO DELLA TESI

SCHEMA ORGANIZZATIVO DELLA TESI SCHEMA ORGANIZZATIVO DELLA TESI 1) Copertina (dovranno comparire tutti i dati del frontespizio); 2) Prima pagina all'interno della tesi deve essere bianca; 3) Seconda pagina: Indice 4) Terza pagina: frontespizio;

Dettagli

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Indice Presentazione 4 Norme per il Corso di laurea specialistica in Disegno industriale del prodotto

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II

Università degli Studi di Napoli Federico II VADEMECUM DEL TESISTA PREMESSA Questo scritto costituisce un supporto alla stesura dell elaborato finale. Per questo motivo, ciascun candidato è tenuto a prenderne visione prima di procedere alla redazione

Dettagli

COME SI SVILUPPA LA PROVA FINALE DI LAUREA

COME SI SVILUPPA LA PROVA FINALE DI LAUREA FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI TURISTICI COME SI SVILUPPA LA PROVA FINALE DI LAUREA Per fare una tesi di laurea occorre un tempo non inferiore a sei mesi 1, anche

Dettagli

PIANIFICAZIONE / TEMPISTICA LAUREA

PIANIFICAZIONE / TEMPISTICA LAUREA PIANIFICAZIONE / TEMPISTICA LAUREA Economia aziendale classe 84/S Economia aziendale classe LM 77 Economia aziendale quadriennale Giurisprudenza classe LMG/01 Giurisprudenza classe 22/S -Giurisprudenza

Dettagli

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA. Regolamento della prova finale per il conseguimento della Laurea Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA. Regolamento della prova finale per il conseguimento della Laurea Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA Regolamento della prova finale per il conseguimento della Laurea Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza - Approvato dal Consiglio di Facoltà nella seduta del 22 luglio 2015

Dettagli

Guida per la stesura della tesi compilativa. Corso di Laurea in Infermieristica - sede di Aosta Anno Accademico 2012/2013

Guida per la stesura della tesi compilativa. Corso di Laurea in Infermieristica - sede di Aosta Anno Accademico 2012/2013 Guida per la stesura della tesi compilativa Corso di Laurea in Infermieristica - sede di Aosta Anno Accademico 2012/2013 Revisione gennaio 2013 1 Questa Guida alla Tesi è rivolta agli Studenti del Corso

Dettagli

PER LA COMPILAZIONE DELLA

PER LA COMPILAZIONE DELLA VADEMECUM PER LA COMPILAZIONE DELLA TESI DI LAUREA Unitelma Sapienza Università telematica Viale Regina Elena, 295-00161 Roma T (+39) 06 69924142 F (+39) 06 6990587 Cod. Fiscale e Partita IVA 08134851008

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI AGRARIA REGOLAMENTO ELABORATO FINALE LAUREA/TESI DI LAUREA MAGISTRALE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI AGRARIA REGOLAMENTO ELABORATO FINALE LAUREA/TESI DI LAUREA MAGISTRALE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI AGRARIA REGOLAMENTO ELABORATO FINALE LAUREA/TESI DI LAUREA MAGISTRALE Art. 1 Riferimenti Normativi L articolo 21 del Regolamento didattico dell Università degli

Dettagli

DIPARTIMENTO FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA REGOLAMENTO DELLA PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA. Laurea Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza

DIPARTIMENTO FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA REGOLAMENTO DELLA PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA. Laurea Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza DIPARTIMENTO FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA REGOLAMENTO DELLA PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA Laurea Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza INDICE Art. 1 Considerazioni generali... 3 Art. 2 La tesi

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

Tesi 3 Anno Linee Guida ISPACounseling

Tesi 3 Anno Linee Guida ISPACounseling Tesi 3 Anno Linee Guida ISPACounseling 1 INDICAZIONI DI BASE PER LA REALIZZAZIONE DELLA Tesi del 3 Anno Giunti alla conclusione del vostro percorso di Counseling, avete a vostra disposizione innumerevoli

Dettagli

Art. 4 - Relatore della tesi di laurea e assegnazione del correlatore Art. 5 Commissione di laurea e discussione dell elaborato

Art. 4 - Relatore della tesi di laurea e assegnazione del correlatore Art. 5 Commissione di laurea e discussione dell elaborato Indicazioni a cura del Consiglio di Corso di Studio di Scienze della Formazione Primaria concernente la tesi, le attività di tirocinio e l esame finale. Art. 1 Oggetto Il presente documento disciplina

Dettagli

WORD 97 SCRIVERE UNA TESI DI LAUREA

WORD 97 SCRIVERE UNA TESI DI LAUREA WORD 97 SCRIVERE UNA TESI DI LAUREA PASSO 1 Per prima cosa pensiamo al formato generale della pagina: i margini richiesti da una tesi sono quasi sempre più ampi di quelli di un testo normale. Apriamo ora

Dettagli

Informazioni utili ai miei (potenziali) laureandi. Per favore leggere prima di chiedermi la tesi.

Informazioni utili ai miei (potenziali) laureandi. Per favore leggere prima di chiedermi la tesi. Versione 2.0 Gennaio 2015 Informazioni utili ai miei (potenziali) laureandi M. Cristina Molinari Dipartimento di Economia Università Ca Foscari di Venezia. Per favore leggere prima di chiedermi la tesi.

Dettagli

- in ragione di convenzioni od accordi avvenuti con enti ed amministrazioni pubbliche o private,

- in ragione di convenzioni od accordi avvenuti con enti ed amministrazioni pubbliche o private, UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN ARCHITETTURA LABORATORI DI SINTESI FINALE E TESI DI LAUREA 1. Nel corso di laurea magistrale a ciclo unico in Architettura

Dettagli

Norme redazionali HB

Norme redazionali HB Norme redazionali HB 1. Impostazioni di pagina Per il LAYOUT PAGINA, impostare: Formato pagina: A5 Margini: superiore cm 2,5 inferiore cm 2 sinistro cm 2 destro cm 2 piè di pagina: cm 2 rilegatura: 0 Per

Dettagli

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN OPTOMETRIA ISTRUZIONE GENERALI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN OPTOMETRIA ISTRUZIONE GENERALI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI ISTITUTO SUPERIORE DI OTTICA E OPTOMETRIA BENIGNO ZACCAGNINI SEDE DI «indicare la sede in cui si è frequentato il corso» Anno formativo «indicare l'ultimo anno di frequenza» [Digitare qui il titolo della

Dettagli

Il/La sottoscritto/a Nato/a il / / Domiciliato/a via Telefono cellulare e-mail Corso di Studi in. Materia: Relatore:Prof.

Il/La sottoscritto/a Nato/a il / / Domiciliato/a via Telefono cellulare e-mail Corso di Studi in. Materia: Relatore:Prof. BOLLO 16.00 RICHIESTA ASSEGNAZIONE TESI Al Preside del corso di studi di Scienze dell educazione e della Formazione Via Don Carlo Gnocchi 3 00166 Roma Matricola: Il/La sottoscritto/a Nato/a il / / Domiciliato/a

Dettagli

Consigli utili per ottimizzare tempo e risorse per scrivere la tua tesi

Consigli utili per ottimizzare tempo e risorse per scrivere la tua tesi Consigli utili per ottimizzare tempo e risorse per scrivere la tua tesi Assegnazione Il primo passo è quello di riuscire a farsi assegnare la tesi, che non è sempre così facile! A parte gli eterni esitanti

Dettagli

Guida per la richiesta e l elaborazione della Tesi di Laurea

Guida per la richiesta e l elaborazione della Tesi di Laurea UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di Laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico Guida per la richiesta e l elaborazione della Tesi di Laurea 1 Indice 1- Premessa

Dettagli

Guida alla stesura della. Tesi di Laurea

Guida alla stesura della. Tesi di Laurea Guida alla stesura della Tesi di Laurea 1 Sommario 1 Introduzione... 3 2 La Tesi di Laurea... 3 2.1 Classificazione... 3 2.1.1 Le Tesi Triennali... 3 2.1.2 Le Tesi Magistrali... 3 2.2 La struttura... 4

Dettagli

NORME E SUGGERIMENTI PER LA TESI DI LAUREA

NORME E SUGGERIMENTI PER LA TESI DI LAUREA Documento approvato dal Consiglio di Dipartimento del 22 marzo 2013. http://www.dismi.unimore.it/site/home/didattica/prova-finale.html NORME E SUGGERIMENTI PER LA TESI DI LAUREA Sommario LAUREARSI: come?...

Dettagli

SCRIVERE LA TESI CON MICROSOFT WORD SENZA PROBLEMI

SCRIVERE LA TESI CON MICROSOFT WORD SENZA PROBLEMI SCRIVERE LA TESI CON MICROSOFT WORD SENZA PROBLEMI Centro Copia s.n.c. Via S. Francesco, 16/a 37129 Verona Tel. 045 8010753 - Fax 045 8021866 www.centrocopiavr.it e-mail: centrocopia.vr@tin.it Indice Premessa...

Dettagli

Foto di CoffeeGeek, Flickr. Slide e dintorni. materiale didattico sul corso di Impress a cura di Sonia Montegiove. 1 di 21

Foto di CoffeeGeek, Flickr. Slide e dintorni. materiale didattico sul corso di Impress a cura di Sonia Montegiove. 1 di 21 Foto di CoffeeGeek, Flickr Slide e dintorni materiale didattico sul corso di Impress a cura di Sonia Montegiove 1 di 21 10 regole da rispettare per fare una presentazione Non usare caratteri piccoli e

Dettagli

INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA Luglio, 2012 1 0. PREMESSA Le tesi di laurea essere di due tipi: Tesi di Ricerca Sperimentale: lavori che si caratterizzano per la raccolta e/o l'analisi

Dettagli

LAVORO AUTONOMO DI PRODUZIONE. Istruzione e documentazione

LAVORO AUTONOMO DI PRODUZIONE. Istruzione e documentazione LAVORO AUTONOMO DI PRODUZIONE Istruzione e documentazione Centro professionale commerciale di Chiasso Lavoro autonomo pag. 2 di 10 GENERALITÀ Ogni apprendista elabora, durante il terzo anno di tirocinio,

Dettagli

ISTRUZIONI REDAZIONE TESI MASTER

ISTRUZIONI REDAZIONE TESI MASTER ISTRUZIONI REDAZIONE TESI MASTER 1) COPERTINA E FRONTESPIZIO La copertina dovrà riportare i seguenti dati (vedi ALLEGATO A): Università Telematica e-campus, Master in Titolo della Tesi Nome e Cognome del

Dettagli

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti.

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti. CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA EUROPEA DI LEGITTIMAZIONE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 L alunno: SVILUPPO DELLE ASCOLTO L alunno ascolta: il lessico di

Dettagli

Linee guida per la proposta degli Abstract*

Linee guida per la proposta degli Abstract* 3 rd International Congress of Coaching Psychology, 2013 - Italy Rome, 16-17 May Linee guida per la proposta degli Abstract* Dopo aver preso visione del documento si prega di completare il modulo di proposta

Dettagli

&RUVRGLLQWURGX]LRQH DOO LQIRUPDWLFD. Microsoft Word. Tutorial

&RUVRGLLQWURGX]LRQH DOO LQIRUPDWLFD. Microsoft Word. Tutorial &RUVRGLLQWURGX]LRQH DOO LQIRUPDWLFD Microsoft Word Tutorial Sommario Introduzione Formattazione del documento Formattazione della pagina Layout di pagina particolari Personalizzazione del documento Integrazione

Dettagli

Che cos'è la tesina? un testo scritto di tipo saggistico (argomento, documenti, lunghezza a discrezione dello studente)

Che cos'è la tesina? un testo scritto di tipo saggistico (argomento, documenti, lunghezza a discrezione dello studente) OBIETTIVI Migliorare le capacitàdi svolgimento di un progetto autonomo di scrittura documentata. Consolidare le abilità di ricerca delle fonti. Rafforzare le abilitàdi organizzazione dei contenuti. Che

Dettagli

SCRIVERE LA TESI CON MICROSOFT WORD SENZA PROBLEMI

SCRIVERE LA TESI CON MICROSOFT WORD SENZA PROBLEMI SCRIVERE LA TESI CON MICROSOFT WORD SENZA PROBLEMI Centro Copia s.n.c. Via S. Francesco, 16/a 37129 Verona Tel. 045 8010753 - Fax 045 8021866 www.centrocopiavr.it e-mail: centrocopia.vr@tin.it Indice Premessa...

Dettagli

Guida allo Stile per traduzioni. (italiano)

Guida allo Stile per traduzioni. (italiano) Guida allo Stile per traduzioni (italiano) 1 1. INTRODUZIONE 2. PUNTEGGIATURA Punto Virgolette Virgola Punto e Virgola Due Punti Accento 3. ORTOGRAFIA Parole Straniere 4. GRAMMATICA Uso del Corsivo invece

Dettagli

Creare e formattare i documenti

Creare e formattare i documenti Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Elaborazione di testi Creare e formattare i documenti 1 IL WORD PROCESSOR I programmi per l elaborazione di testi ( detti anche di videoscrittura

Dettagli

Linee Guida Editoriali AIRInforma

Linee Guida Editoriali AIRInforma Linee Guida Editoriali AIRInforma Ogni articolo deve seguire le norme qui riportate. E molto importante che ogni autore controlli che il proprio articolo si adegui alle seguenti norme, prima di sottometterlo

Dettagli

Piano Didattico Personalizzato per alunni con Bisogni Educativi Speciali (BES)* 1. Dati dell alunno

Piano Didattico Personalizzato per alunni con Bisogni Educativi Speciali (BES)* 1. Dati dell alunno Piano Didattico Personalizzato per alunni con Bisogni Educativi Speciali (BES)* 1. Dati dell alunno Anno scolastico:.../... Nome e Cognome:... nato/a il.../ /... a... Residente a: in Via Tel:... e-mail...

Dettagli

Come fare un notiziario parrocchiale o una rivista di informazione

Come fare un notiziario parrocchiale o una rivista di informazione INSERTO DA STACCARE E CONSERVARE Patriarcato di Venezia, UFFICIO COMUNICAZIONI SOCIALI Dall esperienza di quest anno della Scuola di Comunicazione ecco una guida pratica per parrocchie, movimenti, gruppi,

Dettagli

PIANIFICAZIONE / TEMPISTICA LAUREA MAGISTRALE

PIANIFICAZIONE / TEMPISTICA LAUREA MAGISTRALE PIANIFICAZIONE / TEMPISTICA LAUREA MAGISTRALE Economia aziendale Classe 84/S, Economia aziendale e management Classe LM 77, Economia aziendale quadriennale Giurisprudenza Classe LMG/01, Giurisprudenza

Dettagli

Regolamento della prova finale

Regolamento della prova finale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL MOLISE FACOLTÀ DI SCIENZE UMANE E SOCIALI Corso di Studio in Scienze della Comunicazione Regolamento della prova finale 1. CONSIDERAZIONI GENERALI L esame finale rappresenta

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE Comunicazione, Formazione, Psicologia NORME GENERALI PROVA FINALE/ESAME DI LAUREA

DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE Comunicazione, Formazione, Psicologia NORME GENERALI PROVA FINALE/ESAME DI LAUREA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE Comunicazione, Formazione, Psicologia NORME GENERALI PROVA FINALE/ESAME DI LAUREA CARATTERISTICHE DELLA PROVA FINALE La prova finale dei corsi di laurea triennali è in forma

Dettagli

L interfaccia di P.P.07

L interfaccia di P.P.07 1 L interfaccia di P.P.07 Barra Multifunzione Anteprima delle slide Corpo della Slide Qui sotto vediamo la barra multifunzione della scheda Home. Ogni barra è divisa in sezioni: la barra Home ha le sezioni

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ESAME FINALE DI LAUREA

REGOLAMENTO DELL ESAME FINALE DI LAUREA REGOLAMENTO DELL ESAME FINALE DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Art. 1 Esame di Laurea Per essere ammesso a sostenere l'esame di laurea, lo studente dovrà aver regolarmente frequentato tutti i Corsi Integrati

Dettagli

CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE

CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE 1. Le parti di una tesi/tesina... 2 L indice-sommario... 2 L elenco delle abbreviazioni/sigle... 2 La introduzione... 3 L elaborato... 3 Gli indici bibliografici...

Dettagli

CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE

CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE... 1 1. Le parti di una tesi/tesina... 1 L indice-sommario... 1 L elenco delle abbreviazioni/sigle... 1 La introduzione...

Dettagli

DEPOSITO E APPROVAZIONE ONLINE DELLE TESI DI DOTTORATO - ANNO 2014

DEPOSITO E APPROVAZIONE ONLINE DELLE TESI DI DOTTORATO - ANNO 2014 DEPOSITO E APPROVAZIONE ONLINE DELLE TESI DI DOTTORATO - ANNO 2014 Ultimo aggiornamento: 16/01/2014 Ogni dottorando ha l obbligo di depositare la propria tesi di dottorato in formato elettronico (PDF)

Dettagli

Crea un ebook impaginato e animato

Crea un ebook impaginato e animato Crea un ebook impaginato e animato Con trucchi e funzioni di Pages e Keynote Alberto Pian CREA UN EBOOK IMPAGINATO E ANIMATO Con trucchi e funzioni di Pages e Keynote Alberto Pian Il libro e l autore...

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA 1) COPERTINA E FRONTESPIZIO Devono recare indicazione Università Telematica e-campus (senza logo), Facoltà di.., Titolo della tesi, Nome e Cognome del Relatore

Dettagli

I primi 15 minuti. Breve guida al colloquio orale.

I primi 15 minuti. Breve guida al colloquio orale. I primi 15 minuti Breve guida al colloquio orale. L esame di stato. Normativa di riferimento. il colloquio ha inizio con un argomento o con la presentazione di esperienze di ricerca e di progetto, anche

Dettagli

NOTE PER LA COMPILAZIONE DEI TESTI INDICE

NOTE PER LA COMPILAZIONE DEI TESTI INDICE NOTE PER LA COMPILAZIONE DEI TESTI CAROCCI EDITORE S.P.A. Via Sardegna N 50-00187 Roma Indirizzo Internet: http://www.carocci.it - E-mail: red@carocci.it Sede Redazione: via Santa Teresa, 23-00198 Roma

Dettagli

8 Word seconda lezione 1

8 Word seconda lezione 1 8 Word seconda lezione 1 Word incominciamo a digitare! È il momento di iniziare a scrivere, posizionandosi con il cursore all inizio o in mezzo al documento. Talvolta però può capitare di fare degli sbagli.

Dettagli

NORME REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA LINEE DI MASSIMA -

NORME REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA LINEE DI MASSIMA - N o r m e r e d a z i o n a l i p e r l a s t e s u r a d e l l a t e s i d i l a u r e a l i n e e d i m a s s i m a A m b i t o d i P s i c o l o g i a NORME REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI DI

Dettagli

Storia del giornalismo e Storia del giornalismo europeo Prof. Marina Milan

Storia del giornalismo e Storia del giornalismo europeo Prof. Marina Milan Storia del giornalismo e Storia del giornalismo europeo Prof. Marina Milan ISTRUZIONI GENERALI PER L'IMPAGINAZIONE E LA REDAZIONE DELLE NOTE Ogni testo redazionale richiede un editing adeguato che valorizzerà

Dettagli

Appunti su Microsoft Word 2000

Appunti su Microsoft Word 2000 Appunti su Microsoft Word 2000 Si ringrazia l ing. Giovanni Stea per la presente dispensa................ 1 1 Introduzione In questo documento vengono descritti alcune funzionalità avanzate del programma

Dettagli

TESI DI DIPLOMA SSML Versione aggiornata al 02/12/2015

TESI DI DIPLOMA SSML Versione aggiornata al 02/12/2015 TESI DI DIPLOMA SSML Versione aggiornata al 02/12/2015 Scuola Superiore per Mediatori Linguistici San Pellegrino Legalmente riconosciuta D.D. 31/07/2003 Misano Adriatico 1. Informazioni burocratiche...

Dettagli

SUGGERIMENTI PER PREPARARE CURRICULUM E LETTERA DI PRESENTAZIONE

SUGGERIMENTI PER PREPARARE CURRICULUM E LETTERA DI PRESENTAZIONE CURRICULUM Il curriculum vitae insieme alla lettera di presentazione, rappresenta il biglietto da visita con il quale presentarsi all azienda prima di un colloquio di selezione. Un "buon" curriculum deve

Dettagli

INFORMAZIONI IN PILLOLE per docenti neoassunti 2012/13

INFORMAZIONI IN PILLOLE per docenti neoassunti 2012/13 INFORMAZIONI IN PILLOLE per docenti neoassunti 2012/13 Sintesi dell attività formativa sulla piattaforma Indire PuntoEdu www.indire.it (clic su ForDocenti in basso a sinistra) Uffico Scolastico Territoriale

Dettagli

Istituto Comprensivo Roseto 1

Istituto Comprensivo Roseto 1 Istituto Comprensivo Roseto 1 Via D Annunzio - 64026 Roseto degli Abruzzi (TE) Tel. 0858990172 Fax 0858932601 Tel/Fax 0858990187 Cod. Fisc. 91043580678 sito web: www.primoroseto.gov.it email: teic842001@istruzione.it

Dettagli

P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO A.S.

P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO A.S. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE PACINOTTI ARCHIMEDE Via Montaione n. 15 00139 ROMA 06121123545 Fax. 068120054 DISTRETTO SCOLASTICO

Dettagli

IMPARIAMO WORD. Nella prima lezione abbiamo digitato un breve testo e abbiamo imparato i comandi base per formattarlo, salvarlo e stamparlo.

IMPARIAMO WORD. Nella prima lezione abbiamo digitato un breve testo e abbiamo imparato i comandi base per formattarlo, salvarlo e stamparlo. II^ lezione IMPARIAMO WORD Nella prima lezione abbiamo digitato un breve testo e abbiamo imparato i comandi base per formattarlo, salvarlo e stamparlo. Oggi prendiamo in esame, uno per uno, i comandi della

Dettagli

Linee guida per la preparazione di una TESI DI LAUREA in Educazione Professionale

Linee guida per la preparazione di una TESI DI LAUREA in Educazione Professionale Linee guida per la preparazione di una TESI DI LAUREA in Educazione Professionale Nell'intento di uniformare il metodo di stesura delle tesi di laurea vengono qui di seguito fornite a tutti gli studenti

Dettagli

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE SCUOLA DI ECONOMIA E STATISTICA CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER LA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE LAUREA TRIENNALE - LAUREA SPECIALISTICA - LAUREA MAGISTRALE La Scuola di Economia

Dettagli

NORME REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

NORME REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA NORME REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA PREMESSA Con la presente guida si forniscono le indicazioni e le regole, queste ultime vincolanti, che dovranno essere seguite per la redazione delle

Dettagli

INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA TESI CONCLUSIVA

INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA TESI CONCLUSIVA MASTER DI I LIVELLO A.C.D.S. LA FORMAZIONE PER L ASSISTENTE ALLA COMUNICAZIONE E PER L AUTONOMIA PERSONALE DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ SENSORIALE a.a. 2013-2014 INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA TESI CONCLUSIVA

Dettagli

La Tesi di laurea (corsi di laurea Magistrale, Specialistica e di Ordinamento Quinquennale): linee guida per la redazione 1

La Tesi di laurea (corsi di laurea Magistrale, Specialistica e di Ordinamento Quinquennale): linee guida per la redazione 1 La Tesi di laurea (corsi di laurea Magistrale, Specialistica e di Ordinamento Quinquennale): linee guida per la redazione 1 Obiettivi formativi Il percorso di studi magistrale si conclude con l elaborazione

Dettagli