Titolo della Tesi eventuale sottotitolo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Titolo della Tesi eventuale sottotitolo"

Transcript

1 Università degli Studi di Messina Dipartimento di Scienze economiche, aziendali, ambientali e metodologie quantitative Dipartimento di Patologia umana MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO IN MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELLE PROFESSIONI SANITARIE Direttore: Prof. Pietro Maria Navarra Titolo della Tesi eventuale sottotitolo Tesi di: Dott. Nome Cognome Relatore: Chiar.mo Prof. Nome Cognome Anno Accademico

2 La Tesi è l occasione istituzionale in cui lo studente può dimostrare la propria capacità di pensiero e di elaborazione delle esperienze teorico- professionali ricevute durante il Master. La Tesi consiste in una dissertazione scritta di natura teorico - applicativa - sperimentale, pertanto deve rappresentare un occasione formativa coerente con gli obiettivi didattici del corso e pertinente allo specifico profilo professionale. Essa, oltre a costituire un documento amministrativo necessario per conseguire il titolo di studio, ha anche una finalità scientifica ed è presentata ai membri di una comunità scientifica, che ne giudicheranno ogni aspetto, sia contenutistico che formale; per questo è importante che siano rispettati certi criteri di presentazione dei dati e che l'esposizione segua quelle tecniche di comunicazione, suscettibili di renderla più efficace e maggiormente fruibile. La scelta del Relatore è fatta dallo studente tra i docenti dei corsi offerti nel Master. La tesi di Master tratta un tema scelto di comune accordo con il Relatore; lo studente sarà guidato dal Relatore nello svolgimento della ricerca e della stesura della tesi. 2

3 SUGGERIMENTI PRATICI PER LA STESURA DELLA TESI Nella tesi cartacea tradizionale un primo strumento organizzativo è costituito dal frontespizio. Nelle tesi elettroniche esso è sostituito da un "template", compilato dall'autore della tesi al momento della sottomissione agli uffici amministrativi. Il Titolo deve essere chiaramente esplicativo del contenuto, senza riferimenti criptici, fuorvianti, dotti; esso, infatti, deve fornire informazioni di uso pratico "per facilitare l'elaborazione di elenchi di titoli, l'indicizzazione e il reperimento dell'informazione". I margini del testo potranno essere impostati: Il testo va stampato su fogli A4, con un carattere di dimensione punti, a interlinea doppia, rientro di 0,5 cm nella prima riga (comporre pagine di circa 23/25 righe); preferire i caratteri classici (Times New Roman, Garamond, Cambria, Verdana, Calibri o Arial), evitare caratteri meno leggibili. Il font scelto deve essere normale. I paragrafi di testo devono avere allineamento giustificato. I titoli possono essere evidenziati in grassetto, centrati, con carattere di dimensione 16 punti; mentre note e citazioni possono essere diminuiti a 10 punti. Le pagine devono essere numerate, i numeri di pagina devono essere verso l'"esterno" (ossia, a destra per le pagine dispari e a sinistra per le pagine pari). Nell'intestazione dovete mettere, oltre al numero di pagina, il titolo del capitolo e/o del paragrafo (verso l'interno della pagina). 3

4 La tesi va stampata fronte- retro. È obbligatorio che la prima pagina di ogni capitolo sia a pagina dispari, anche a costo di lasciare bianca la precedente pagina pari. La lunghezza di una tesi è valutabile caso per caso (da un minimo di pagine fino ad un massimo di pagine, appendici escluse). Seguire la seguente Struttura generale: Indice Abstract Introduzione Corpo della Tesi (suddiviso in capitoli) Conclusioni Note Bibliografia e Sitografia Allegati eventuali Il testo della tesi diventa molto più comprensivo se si fa uso di figure esplicative (grafici, tabelle, fotografie) da inserire tra il testo o in appendice. Porre prima del testo della tesi l INDICE degli argomenti trattati. Scopo dell'indice è di evidenziare l'organizzazione interna dell'elaborato. Per la numerazione delle parti e dei paragrafi si potranno utilizzare indifferentemente cifre romane, cifre arabe o lettere, purché venga seguita una sistematizzazione coerente. 1. Titolo della parte Titolo del paragrafo Titolo del paragrafo Titolo del sottoparagrafo I numeri di pagina si trovano tradizionalmente a destra e sono congiunti al titolo mediante un sistema di formattazione omogeneo (es. riga di punti, linea continua, ; è consigliabile l utilizzo della funzione Riferimenti - > Sommario o Inserisci - > indici o altra equivalente). La numerazione delle pagine non deve essere preceduta dalla sigla "p". Le pagine dell'indice devono avere una numerazione diversa dal resto della tesi, in numeri romani. L ABSTRACT (RIASSUNTO) va redatto in lingua italiana. Composto da righe, è strutturato secondo il metodo IMRAD (Introduzione e obiettivi, Materiali e Metodi, Risultati, Analisi e Discussione con le conclusioni). Il riassunto informa il lettore dei principali risultati che il lavoro si propone e obbliga l'autore a comunicarli in maniera sintetica, ma al tempo stesso rigorosa. Sotto l abstract devono essere inserite le parole chiave individuate in italiano. 4

5 TESTO La divisione in parti è facoltativa, e non dovrebbero in genere essercene più di tre o quattro. Essa serve a raggruppare sezioni omogenee per il contenuto ma che sono troppo lunghe per poter essere chiamate capitoli. Un capitolo dovrebbe essere lungo almeno una ventina di pagine; i capitoli dovrebbero avere lunghezze simili, a meno che la natura delle cose non renda inevitabili delle sproporzioni; ogni capitolo dovrebbe condurre un discorso sostanzialmente compiuto e parzialmente autonomo: un lettore dovrebbe essere in grado di capirlo nel suo complesso anche a prescindere dagli altri. La numerazione dei capitoli è continua attraverso tutto il lavoro e non ricomincia da 1 per ogni parte. La divisione in paragrafi è altamente consigliabile, si utilizzi per mettere in risalto le affermazioni fondamentali. Va da sé che un capitolo non può mai essere suddiviso in un unico paragrafo. Divisioni più analitiche (sottoparagrafo) vanno usate solo se sono imposte dalla natura delle cose o se rendono davvero più chiara l'articolazione del discorso. Riguardo alla spaziatura verticale, il titolo di paragrafo deve essere preceduto da due righe bianche e seguito da una sola. È buona regola, all interno dell elaboratore di testi, assegnare in modo coerente stili a tutte le parti del testo: stili diversi a parti del testo che hanno funzione diversa o che devono comportarsi in modo diverso; lo stesso stile alle parti che hanno la stessa funzione o che devono comportarsi allo stesso modo. Le citazioni riportano fedelmente le parole di un autore, quindi devono essere riportate nel testo della tesi tra virgolette doppie ; se nel corso di una citazione si omettono alcune parole, l'omissione viene segnalata con l'inserzione di tre puntini di sospensione al posto della parte tralasciata; talvolta vengono aggiunte le parentesi quadre [ ]. Si fa riferimento alle pubblicazioni citate nel corpo del testo fornendo il cognome dell autore e l anno di pubblicazione (Gorgone, 2010). Le note danno delle informazioni che non è opportuno presentare nell'area di testo. Si possono avere vari tipi di note: 1. Note di riferimento bibliografico: indicano la fonte della citazione. Le note di riferimento bibliografico, che vanno inserite direttamente nel testo, sostengono le argomentazioni esplicitate; 2. Note di rimando o rinvio: arricchiscono un argomento discusso nel testo con ulteriori indicazioni bibliografiche di rinforzo; 3. Note di contenuto o discussione: si utilizzano per ampliare le affermazioni fatte nel corso della trattazione, evitando di appesantire il corpo del testo. La gestione delle note a piè di pagina deve essere effettuata in modo automatico anche per la loro numerazione, che può essere impostata come unica per tutta la tesi. Le note devono essere impostate con un corpo più piccolo di quello del testo (10 punti) ed interlinea singola. 5

6 Iconografia (immagini, figure, grafici e tabelle) Le forme grafiche incluse nel corpo del testo vanno presentate nell elaborato utilizzando la numerazione in sequenza. Una tabella o un immagine va posizionata, centrata, normalmente a fine paragrafo. Le didascalie devono essere autonomamente esaustive, in corpo più piccolo rispetto a quello usato per il testo. Se le immagini vengono inserite alla fine del testo devono essere numerate e citate nel punto più opportuno del corpo del testo. Le tabelle devono essere numerate progressivamente con un numero romano (I, II, III), avere un titolo e non devono eccedere il profilo del corpo del testo. Non è necessario ripetere il contenuto delle tabelle nel testo. Usate il testo per condurre argomentazioni, spiegare e commentare, per il resto mettete un rimando alla tabella. Eventuali appendici possono essere usate o per allegare documenti o testi importanti e di difficile reperibilità (se non addirittura inediti), o per sviluppare approfondimenti collaterali, o anche per fornire argomentazioni tecniche che appesantirebbero il filo del discorso. Nel corso del testo bisogna tuttavia sempre citare o riassumere ciò che è indispensabile alla comprensione, e non accontentarsi di un rimando all'appendice. L ortografia delle parole scritte nella tesi è importante; la presenza di errori ortografici nella versione finale denota sciattezza e causa una penalizzazione nella valutazione: consultare il vocabolario quando si è in dubbio sulla forma (e sul significato!) delle parole che si vogliono usare. Il programma di elaborazione di testi è dotato di correttore ortografico e grammaticale. In italiano la punteggiatura è seguita (mai preceduta) da uno spazio: quindi dopo un punto, un punto e virgola, una virgola, i due punti, ecc. mettete uno spazio. Invece le parentesi e le virgolette non necessitano di spazi interni. Scrivete dunque: (questa è proprio una parentesi) e non ( forse anche questa ). In italiano esistono le vocali accentate (à è é ì ò ù). Ad eccezione della e, tutte le altre vocali accentate si scrivono con accento grave (libertà, così, però, di più), si usa la "è" (con accento grave) per la terza persona del verbo essere e per molte parole come "cioè, caffè, ahimè, etc., mentre si usa é (con accento acuto) per "perché", "affinché", né, ecc. La "è" maiuscola va accentata ("È"), non seguita dall'apostrofo ("E'"). L elisione di una parola è segnalata dall apostrofo, il troncamento invece non lo vuole. Qual è si scrive senza apostrofo. Un va scritto con l apostrofo solo se è seguito da un termine femminile (perché in tal caso è una contrazione di una ); dunque è un errore scrivere: un errore e un interfaccia, piuttosto che una interfaccia. La forma, nella stesura della tesi, non ha minore importanza dei contenuti. Occorre pertanto imporsi il massimo rispetto della grammatica e della sintassi della lingua italiana. 6

7 La tesi deve essere sempre completata con una BIBLIOGRAFIA aggiornata come nei seguenti esempi: Articolo di rivista Parte di articolo di rivista Libro Articolo di giornale Si può aggiungere un elenco dei siti WEB consultati (SITOGRAFIA) 7

8 Articolo di giornale CD- ROM, DVD, Disk La tesi, va rilegata a libro con copertina rigida in pelle o similpelle o altro materiale del colore che lo studente preferisce (rosso, blu, verde, ecc.); la copertina deve portare impresso il frontespizio; il dorso deve portare impressi, dall alto in basso: autore, titolo (anche in forma abbreviata), anno accademico. Si possono predisporre, se si desidera, più copie cartacee della tesi per il Relatore, il Correlatore, per uso personale, per presentarla alla Commissione in sede di discussione. Lo studente che consegna un lavoro non redatto di proprio pugno o in cui spaccia come propri i risultati di lavori o gli esiti di ricerche di terzi commette plagio. Ogni parte di testo tratta da altra fonte deve essere corredata con la citazione precisa di detta fonte. Utilizzare frasi brevi, semplici e chiare Utilizzare sovente il condizionale perché non sempre si è sicuri di quanto affermato Non utilizzare mai i superlativi Moderare l uso di aggettivi e avverbi Non utilizzare frasi di collegamento tra paragrafi o capitoli ( come si è detto nel capitolo o cercheremo di delineare in questo paragrafo ) Fare un buon uso dei sottotitoli Scrivere le parole straniere non in vigore sul vocabolario italiano in corsivo e al singolare (evitare le s finali per parole come test(s), sport(s), ecc.) Utilizzare le maiuscole con molta parsimonia 8

9 Nell uso del programma di videoscrittura evitare errori grossolani come: o inserire a mano le note a piè di pagina scrivendo i numeri, ma usare l'apposito comando delle note a piè di pagina del programma di videoscrittura o inserire manualmente l'interlinea andando a capo con invio, ma selezionare il testo in cui inserire l'interlinea (o selezionare tutto) e usare lo strumento per l'interlinea nella sezione "Paragrafo" o inserire a mano la numerazione delle pagine, ma usare l'apposito comando per inserire i numeri di pagina o andare a capo a fine riga premendo "invio", il computer va a capo da solo durante la digitazione e non è una macchina da scrivere. 9

10 Ogni studente che si appresta ad avviare la ricerca per redigere la tesi è tenuto a compilare il modulo per il deposito del titolo della tesi presente sul sito web; il modulo online va inviato al Tutor Scientifico di area medico- epidemiologica Prof. Salvatore Gorgone appena il Relatore ha dato la sua disponibilità a seguire il candidato nella stesura della tesi e deve riportare oltre ai dati dello studente il titolo concordato con il Relatore (anche se provvisorio). Il Relatore deve manifestare la propria disponibilità inviando un di conferma al Tutor Scientifico Se si è modificato il titolo o cambiato il Relatore, prima di depositare tramite la tesi, rinviare il modulo online con il titolo definitivo e/o il nuovo Relatore. Al Tutor Scientifico Prof. Salvatore Gorgone va consegnato, prima della discussione della tesi, il Libretto del Tirocinio, compilato in ogni sua parte e debitamente firmato e la Relazione scritta delle attività effettuate. Al Tutor Scientifico va inviata improrogabilmente entro la data comunicata sul sito web del Master una a lui indirizzata con un file PDF riproducente la versione definitiva della tesi, per la successiva pubblicazione nell archivio online: L oggetto dell deve essere Tesi Master Management Funzioni Coordinamento Professioni Sanitarie A.A Nel corpo dell vi deve essere soltanto Cognome Nome dello Studente, Titolo definitivo della Tesi (non scrivere il titolo tutto in lettere maiuscole!), Cognome Nome del Relatore (senza titoli accademici!) e la seguente dichiarazione: "Cognome Nome dello Studente dichiara che la tesi depositata è stata approvata del Relatore; dichiara la completa corrispondenza tra il file depositato e la copia cartacea della tesi che sarà presentata e discussa in sede di laurea; dichiara che il contenuto della tesi è opera originale personalmente realizzata e non compromette in alcun modo il diritto di autore né gli obblighi connessi alla salvaguardia di diritti morali o economici di altri autori o di altri aventi diritto, sia per testi, immagini, foto, tabelle o altre parti di cui la tesi è composta (L. 633/1941 e successive modifiche) e che il Master sarà in ogni caso lasciato esente da qualsiasi responsabilità di qualsivoglia natura, civile, amministrativa o penale e sarà tenuto indenne da qualsiasi richiesta o rivendicazione da parte di terzi" Il PDF allegato deve avere essere nominato con Cognome Nome dello Studente (non utilizzare vocali accentate) La tesi deve essere in un unico file in formato PDF e comprendere: frontespizio della tesi 10

11 testo della tesi, composto con le specifiche sopra menzionate e comprensivo d immagini, grafici, tabelle, allegati riassunto della tesi con esposti gli obiettivi del lavoro, le modalità di svolgimento e i risultati emersi Il file esclusivamente in formato PDF deve essere non protetto in modifica o in stampa e non protetto da password né crittografato. Lo studente, con l invio dell al Tutor Didattico autorizza la possibilità di presa visione del proprio elaborato di tesi in versione elettronica e il trattamento dei propri dati personali. Prima di inviare il PDF controllare che il file corrisponda a quando scritto, che abbia i font incorporati se sono stati adoperati caratteri particolari, che sia leggibile con il visualizzatore di PDF. Al momento della discussione lo studente deve presentare alla Commissione una copia cartacea rilegata della tesi che, dopo la valutazione, potrà ritirare. 11

12 Diapositive Tesi La tesi va discussa: il lavoro svolto e i risultati ottenuti vanno presentati in forma orale davanti a una commissione. Nella presentazione orale viene messa in luce la capacità di presentazione e di dibattito scientifico del candidato. L aspetto, il linguaggio del corpo, i vestiti, la voce, i movimenti, tutto è fondamentale. A supporto della presentazione conviene preparare delle diapositive (utilizzando PowerPoint, Keynote, Impress, ecc.). Si può utilizzare un ipad preparando le diapositive con Keynote o un libro multimediale con ibooks. La qualità delle diapositive è valutata nel voto finale. Struttura delle diapositive Scrivete poco sulle diapositive; evitate frasi complete e usate piuttosto espressioni schematiche. La prima diapositiva deve evidenziare il titolo della tesi, il vostro nome, quello del relatore e del correlatore. La seconda diapositiva deve presentare o la struttura della presentazione o gli obiettivi della tesi. Per la presentazione del lavoro di tesi, di solito avrete poco tempo (5-10 minuti) quindi cercate di sintetizzare ad alto livello di astrazione il lavoro svolto, ma cercate anche di fare qualche "carotaggio mirato" per far capire la complessità e la difficoltà di quello che avete fatto. Come nel testo della tesi sono importanti il riassunto e il capitolo introduttivo per dare un idea del lavoro svolto, così nella presentazione di queste due prime diapositive bisogna rendere chiara a tutti i presenti l idea del lavoro svolto e le ragioni del suo interesse. Le successive diapositive devono presentare alcuni dei punti sviluppati nella tesi e ritenuti significativi dallo studente, senza la pretesa di entrare nei dettagli, ma soffermandosi sulle idee e sul perché siano interessanti, difficili, utili ecc. Una o più diapositive è bene dedicarle alle conclusioni, con le quali si ricordano i punti principali del lavoro svolto, il tempo richiesto, l eventuale attività realizzativa e lo stato della realizzazione, gli aspetti meritevoli di approfondimenti e mostrare eventuali sviluppi futuri. Stile delle diapositive Scrivete poco sulle diapositive. Ogni parola che scrivete su una diapositiva potrebbe distrarre chi ascolta e impedirgli di cogliere un punto importante che dite solo a voce. Diapositive inutilmente lunghe/dense fanno sì che chi ascolta si distragga, cominci a leggerle, non vi ascolti, e magari non riesca neanche a leggerle del tutto perché troppo lunghe. Mai più di sette parole su una diapositiva. Niente clip art, soprattutto se animate. Usate immagini professionali. Non utilizzate i suoni in dotazione al programma ma, se necessario, musica vera dai vostri CD. Il layout delle diapositive deve essere molto semplice, senza animazioni inutili che rubano tempo all esposizione e non aggiungono nulla: meglio curare la qualità dell editing del testo della diapositiva e l organizzazione funzionale che, invece, aggiungono valore al lavoro. È opportuno scegliere un testo chiaro su sfondo scuro, risulterà più leggibile. Niente dissolvenze e transizioni strane. 12

13 Regole tipografiche Evitate la punteggiatura sulle diapositive. Numerate le diapositive (utile per chi deve farvi domande su punti specifici). Restate aderenti allo standard ("default") proposto. Il discorso Durante la presentazione guardate chi vi ascolta (o il muro dietro di loro se siete intimoriti). Evitate di indicare con il dito sul video del vostro PC, indicate gli oggetti sullo schermo su cui viene proiettata la presentazione utilizzando un puntatore e cercando di non voltarvi. Non leggete le diapositive. Non imparate a memoria il discorso, ma provatelo più volte: spesso non c'è un unico modo migliore di dire le cose, ma averli "provati" tutti prima vi aiuta a essere più sicuri durante la presentazione. Non tenete le mani in tasca o dietro la schiena, non giocate con gli oggetti in mano, non state appoggiati al muro, non dondolatevi, non state rigidi, non camminate troppo; se siete convinti di quello che state dicendo i gesti utili verranno da soli. Stile del discorso Siate precisi e andate dritti al punto. Evitate di perdere tempo con affermazioni inutili e senza contenuto informativo come "spesso", "sostanzialmente", "si vorrebbe"," si va a fare", Evitate le affermazioni vaghe: "in pratica", "non ho fatto questo", "non ho fatto quello"; dite piuttosto cosa avete fatto, anzi evidenziate per bene quello che avete fatto voi rispetto a quello che c'era già. Eliminate le non- parole (ehhhhhh, mmmmmm, ahhhhhh) e gli intercalari (allora, niente, così, comunque, eccetera). Iniziare un discorso con allora non significa niente, non passa alcun messaggio, fa perdere tempo e distrae. Quando si discute una tesi, dovete apparire autorevoli e una persona percepita come autorevole (cantanti, politici, autorità, celebrità, sportivi, scienziati ) non usa intercalari. E neanche frasi fatte. Controllate tonalità della voce, velocità, pause, scandite bene le lettere e le parole, adeguate il volume della voce all acustica della sala; la pronuncia deve essere corretta; variare il ritmo e la velocità migliora la comunicazione, evidenziate gli aspetti e i passaggi rilevanti. Ascoltatevi con un registratore e riascoltate le vostre pause. La pausa 13

14 consente di ripensare a quello che è stato detto e quindi valorizza il messaggio. Allevia la tensione. Consente di recuperare il respiro. Aggiunge atmosfera. La pausa giusta dura due- tre secondi, è un elemento importantissimo. I tempi Calibrate bene i tempi della presentazione, sotto vari aspetti. Se usate il vostro portatile, evitate di sprecare 5' per il boot: arrivate con il computer già acceso. Evitate di sforare i tempi consentiti: se avete 10', parlate per 10' (meglio 1' di meno che 1' di più). Se sforate i tempi, oltre a essere poco educati nei confronti della commissione e dei vostri colleghi che devono esporre dopo di voi, rischiate essere interrotti bruscamente allo scadere del tempo consentito, senza riuscire a concludere. Inoltre, dedicate il giusto tempo a ogni questione: evitate di parlare a lungo di questioni marginali e concentratevi sulle cose più importanti. Spesso i tempi della presentazione vengono decisi dalla commissione all'ultimo momento, quindi siate preparati a riconfigurare il discorso opportunamente. Nel tempo concesso lo studente dovrà far emergere la sua bravura, la sua capacità di sintesi, l efficacia comunicativa. 14

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale)

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale) NORME ESSENZIALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA 1 (per i corsi di laurea in Lingue e culture moderne e Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale) STRUTTURA DELL ELABORATO

Dettagli

GUIDA ALLA STESURA DEL LAVORO FINALE

GUIDA ALLA STESURA DEL LAVORO FINALE GUIDA ALLA STESURA DEL LAVORO FINALE STRUTTURA DELL ELABORATO Frontespizio In Appendice è riportato un facsimile di frontespizio. Indice La definizione dell INDICE costituisce il punto di partenza e non

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

GUIDA alla stesura finale della TESI

GUIDA alla stesura finale della TESI GUIDA alla stesura finale della TESI qualche consiglio utile Ascoltando da più di trent anni le Vostre domande relative all impaginazione della tesi, abbiamo pensato che la nostra professionalità acquisita

Dettagli

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso Parte 5 Adv WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso 1 di 30 Struttura di un Documento Complesso La realizzazione di un libro, di un documento tecnico o scientifico complesso, presenta

Dettagli

GUIDA ALL USO CORRETTO DI MICROSOFT OFFICE WORD 2007 PER LA REALIZZAZIONE E LA FORMATTAZIONE DI DOCUMENTI PROFESSIONALI

GUIDA ALL USO CORRETTO DI MICROSOFT OFFICE WORD 2007 PER LA REALIZZAZIONE E LA FORMATTAZIONE DI DOCUMENTI PROFESSIONALI GUIDA ALL USO CORRETTO DI MICROSOFT OFFICE WORD 2007 PER LA REALIZZAZIONE E LA FORMATTAZIONE DI DOCUMENTI PROFESSIONALI Francesca Plebani Settembre 2009 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. WORD E L ASPETTO

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005 Appunti sugli Elaboratori di Testo D. Gubiani Università degli Studi G.D Annunzio di Chieti-Pescara 19 Luglio 2005 1 Cos è un elaboratore di testo? 2 3 Cos è un elaboratore di testo? Cos è un elaboratore

Dettagli

Regole semplici per creare una buona presentazione

Regole semplici per creare una buona presentazione Regole semplici per creare una buona presentazione di Maria Rosa Mazzola Alla cl@sse 2.0 G.B. Piranesi Roma A.S. 2011-12 Le presentazioni offrono la possibilità di organizzare in modo sintetico i dati

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD WORD SOMMARIO 1. Muoversi nel testo... 1 2. Taglia, copia e incolla... 2 3. Aprire, salvare e chiudere... 3 4. Trovare e sostituire... 4 5. Visualizzare in modi diversi... 6 6. Formattare e incolonnare...

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni : criteri e indicazioni di Ilaria Moroni Ultimo aggiornamento: giugno 2010 A) Sistema classico (autore-titolo) nel corpo del testo: es. frase citata da un libro ¹ [N nota in apice] in nota a piè di pag.:

Dettagli

Commenti alle Direttive concernenti la tesi di Master of Science in formazione professionale

Commenti alle Direttive concernenti la tesi di Master of Science in formazione professionale Commenti alle Direttive concernenti la tesi di Master of Science in formazione professionale 1 Oggetto 2 2 Obiettivo 2 3 Requisiti 2 3.1 Contenuto 2 3.2 Forma 2 3.3 Volume 3 3.4 Lingua 3 3.5 Lavoro individuale

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli v 4.0 1. Requisiti software Lo studente deve essere dotato di connessione internet

Dettagli

Regolamento per la consegna e l archiviazione delle tesi

Regolamento per la consegna e l archiviazione delle tesi Regolamento per la consegna e l archiviazione delle tesi Approvato con delibera della Giunta esecutiva n. 21 del 04.06.2002 Modificato con delibera della Giunta esecutiva n. 28 del 25.10.2002 Modificato

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

Informazioni su CI/CD dei mezzi di comunicazione nel layout di RailAway FFS.

Informazioni su CI/CD dei mezzi di comunicazione nel layout di RailAway FFS. Informazioni su CI/CD dei mezzi di comunicazione nel layout di RailAway FFS. Ultimo aggiornamento: dicembre 2014 Inhalt. 1 Indicazioni generali sul CI/CD delle FFS.... 2 1.1 Principi relativi all immagine

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA La Tesi va suddivisa in capitoli numerati e titolati, i capitoli possono (ma non necessariamente) prevedere al loro interno paragrafi numerati e titolati

Dettagli

Linee guida per l autor*

Linee guida per l autor* Linee guida per l autor* Margini: superiore 3,5 cm; inferiore 3,5 cm; destro 3 cm; sinistro 3 cm. Carattere: Times New Roman Dimensione del carattere: 12 per il testo, i titoli come nell esempio che segue:

Dettagli

Cos è e come compilare la bibliografia di una tesi/tesina

Cos è e come compilare la bibliografia di una tesi/tesina Cos è e come compilare la bibliografia di una tesi/tesina (adattatto da: http://it.wikipedia.org/wiki/bibliografia, ultimo accesso: 16/9/2013) Caterina Ferrario, 16/9/2013 1. Definizione: Per bibliografia

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

ISTRUZIONI PRATICHE. relative ai ricorsi diretti e alle impugnazioni

ISTRUZIONI PRATICHE. relative ai ricorsi diretti e alle impugnazioni ISTRUZIONI PRATICHE relative ai ricorsi diretti e alle impugnazioni La presente edizione coordina le istruzioni pratiche relative ai ricorsi diretti e alle impugnazioni adottate il 15 ottobre 2004 (GU

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione

Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione Dipartimento di Elettrotecnica, Elettronica, Informatica Università di Trieste

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo I MATERIALI FORMATIVI costituiscono un supporto pratico alla rendicontazione dei progetti; la loro funzione principale è quella di mostrare l applicazione delle regole a casi concreti con l ausilio degli

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

SPECIFICHE DISEGNI TECNICI

SPECIFICHE DISEGNI TECNICI SPECIFICHE DISEGNI TECNICI ISTRUZIONI DI LAVORO IO_SUP02_R1 Cod. file: IO_02_R1-Specifiche tecniche.docx Pagina 1 di 9 INDICE 1. GENERALITA 2. DENOMINAZIONE DISEGNI TECNICI 3. LAYER, LINEE, COLORI E SPESSORI

Dettagli

Gestione crediti formativi Manuale di istruzioni per l utilizzo del sistema

Gestione crediti formativi Manuale di istruzioni per l utilizzo del sistema Guida pratica all utilizzo della gestione crediti formativi pag. 1 di 8 Gestione crediti formativi Manuale di istruzioni per l utilizzo del sistema Gentile avvocato, la presente guida è stata redatta per

Dettagli

SCUOLANET UTENTE DOCENTE

SCUOLANET UTENTE DOCENTE 1 ACCESSO A SCUOLANET Si accede al servizio Scuolanet della scuola mediante l'indirizzo www.xxx.scuolanet.info (dove a xxx corrisponde al codice meccanografico della scuola). ISTRUZIONI PER IL PRIMO ACCESSO

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Business Process Reengineering

Business Process Reengineering Business Process Reengineering AMMISSIONE ALL'ESAME DI LAUREA Barbagallo Valerio Da Lozzo Giordano Mellini Giampiero Introduzione L'oggetto di questo lavoro riguarda la procedura di iscrizione all'esame

Dettagli

Lucca. Project contest 2015. Premio Giovanni Martinelli. XI concorso nazionale per nuovi autori di fumetto

Lucca. Project contest 2015. Premio Giovanni Martinelli. XI concorso nazionale per nuovi autori di fumetto art.1 Per favorire l inserimento di nuovi talenti nel panorama editoriale italiano, comics & Games, in collaborazione con edizioni BD, organizza il contest Premio Giovanni Martinelli, concorso per progetti

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

Impiego Appropriato dei font

Impiego Appropriato dei font Impiego Appropriato dei font Quando si vuol comunicare applicando i principi della grafica bisogna prestare attenzione a un considerevole numero di particolari. Se si individuano i dettegli giusti s ottiene,

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA SEDE: ORDINE DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LECCE Via Nazario Sauro, n. 31 LECCE Presentazione Progetto: Dal 9 Novembre 2013

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Classe e ordinamento del Corso di studio (es. classe L24 ordinamento 270/04 oppure classe 15 ordinamento 509/99)

Classe e ordinamento del Corso di studio (es. classe L24 ordinamento 270/04 oppure classe 15 ordinamento 509/99) Mod. 6322/triennale Marca da bollo da 16.00 euro Domanda di laurea Valida per la prova finale dei corsi di studio di primo livello Questo modulo va consegnato alla Segreteria amministrativa del Corso a

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione

Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione 1 PREMESSA...3 PRIMA PARTE...4 1. Il Curriculum Vitae...4 Modello...5 Fac simile 1...6 2. Il Curriculum Europass...7

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

1.3c: Font BITMAP e Font SCALABILI

1.3c: Font BITMAP e Font SCALABILI Prof. Alberto Postiglione Dipartimento di Scienze della Comunicazione Facoltà di Lettere e Filosofia Università degli Studi di Salerno : Font BITMAP e Font SCALABILI Informatica Generale (Corso di Studio

Dettagli

Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic.

Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic. Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic.it è un sistema integrato completo di tutti i moduli per eseguire

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

COME SI SCRIVE UNA TESINA

COME SI SCRIVE UNA TESINA UNIVERSITÀ DI STOCCOLMA Dipartimento di francese, italiano e lingue classiche Luminiţa Beiu-Paladi COME SI SCRIVE UNA TESINA COMPENDIO AGOSTO 2012 0. INTRODUZIONE... 2 1. IL LAVORO SPECIALE PER KANDIDATEXAMEN...

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari Sistema Regionale ECM Pagina 1 di 7 1 Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari 1. Presentazione: L evento, destinato alle figure professionali di Tecnici

Dettagli

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT Web Meeting Quick Start Guide V4_IT Indice 1 INFORMAZIONI SUL PRODOTTO... 3 1.1 CONSIDERAZIONI GENERALI... 3 1.2 SISTEMI OPERATIVI SUPPORTATI E LINGUE... 3 1.3 CARATTERISTICHE... 3 2 PRENOTARE UNA CONFERENZA...

Dettagli

MANUALE DOS INTRODUZIONE

MANUALE DOS INTRODUZIONE MANUALE DOS INTRODUZIONE Il DOS è il vecchio sistema operativo, che fino a qualche anno fa era il più diffuso sui PC, prima dell avvento di Windows 95 e successori. Le caratteristiche principali di questo

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti. (testo in vigore al 1º luglio 2014)

Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti. (testo in vigore al 1º luglio 2014) Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti (testo in vigore al 1º luglio 2014) Nota dell editore: Per ottenere i dettagli delle modifiche del Regolamento d Esecuzione

Dettagli

Come si scrive una tesi di laurea?

Come si scrive una tesi di laurea? Come si scrive una tesi di laurea? 1. La tesi come progetto Nonostante il titolo possa trarre in inganno, questo documento non ha la velleità di insegnarvi come giungere a un prodotto di qualità: si limita

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

il software per la gestione del programma scientifico SEMTIFIC

il software per la gestione del programma scientifico SEMTIFIC il software per la gestione del programma scientifico SEMTIFIC le principali funzioni 1/2 CARATTERISTICHE DEL CONGRESSO SCIENTIFICO - Possibilità di predefinire le caratteristiche del congresso a supporto

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

Guida all uso del portale dello studente

Guida all uso del portale dello studente Guida all uso del portale dello studente www.studente.unicas.it Versione 1.0 del 10/04/2010 Pagina 1 Sommario PREMESSA... 3 PROFILO... 7 AMICI... 9 POSTA... 10 IMPOSTAZIONI... 11 APPUNTI DI STUDIO... 12

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

ACQUISTI DI BENI E SERVIZI IN MEPA E CONSIP

ACQUISTI DI BENI E SERVIZI IN MEPA E CONSIP ACQUISTI DI BENI E SERVIZI IN MEPA E CONSIP Vista la Legge N 228 del 24/12/2012 (entrata in vigore il 01/01/2013) e la circolare n 18/2013 Prot. N. 11054, nell ottica di procedere in modo uniforme all

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali Guida alle attività è un attività da usare con studenti dagli 11 ai 14 anni o con più di 16 anni. Consiste in un set di carte riguardanti le conoscenze basilari sulle cellule staminali e sulle loro applicazioni

Dettagli

Informatica Industriale Modello funzionale: Informazione Progettazione concettuale

Informatica Industriale Modello funzionale: Informazione Progettazione concettuale DIIGA - Università Politecnica delle Marche A.A. 2006/2007 Informatica Industriale Modello funzionale: Informazione Progettazione concettuale Luca Spalazzi spalazzi@diiga.univpm.it www.diiga.univpm.it/~spalazzi/

Dettagli

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Senato della Repubblica. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Vorrei una legge che... Anno scolastico 2014-2015 1. Oggetto e finalità Il Senato della Repubblica,

Dettagli

Guida introduttiva. Installazione di Rosetta Stone

Guida introduttiva. Installazione di Rosetta Stone A Installazione di Rosetta Stone Windows: Inserire il CD-ROM dell'applicazione Rosetta Stone. Selezionare la lingua dell'interfaccia utente. 4 5 Seguire i suggerimenti per continuare l'installazione. Selezionare

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv di Blindsight Project (Onlus per Disabili Sensoriali www.blindsight.eu) INTRODUZIONE Le Linee Guida per l audiodescrizione filmica di Blindsight Project,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli